REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE"

Transcript

1 Titolo Corso di formazione degli operatori socio-sanitari ai cittadini stranieri Destinatari: Il corso è diretto a 60 operatori, suddivisi in due edizioni formative, di diversa tipologia professionale: medici n 10, psicologi n 10, assistenti sociali n 10, infermieri professionali n 10, Ostetriche n 10, Assistenti sanitari n 2, amministrativi n 8. I partecipanti al corso saranno scelti sulla base della motivazione personale, sulla disponibilità a ad assumere i compiti di referenti sull attività per e con gli stranieri. Priorità sarà data a chi non ha ancora frequentato corsi analoghi organizzati nella ASL Frosinone Il 10% dei posti sarà riservato ad operatori dei Comuni e delle Cooperative che già lavorano in rete. Premessa: Il Corso viene proposto per dare attuazione alla Determina della Regione Lazio DB5336 del La Determinazione prevede che, nell ambito di quanto previsto dalla legge 7 del (Disposizione concernenti la prevenzione e il divieto delle pratiche di Mutilazione Genitale Femminile), sia predisposto e realizzato un programma di formazione per gli operatori delle ASL sull Assistenza Sanitaria ai Cittadini e Cittadine Straniere, sia per gli aspetti medici e socio-culturali e sia per gli aspetti utili a migliorare la capacità degli operatori ad acquisire e/o migliorare la capacità di lavorare in una ottica transculturale. Ogni anno aumenta il numero delle persone straniere che si rivolgono sia ai servizi territoriali sia agli ospedalieri. Nella ASL di Frosinone abbiamo una media di stranieri all anno che necessitano di prestazioni sanitarie e che si rivolgono al Servizio Multietnico e ai Presidi sanitari. Di questi almeno il 50% necessitano di Mediazione Culturale. Il Corso rappresenta una valida occasione di confronto e di arricchimento sia professionale e culturale necessario anche per il superamento delle criticità che emergono nella pratica quotidiana. Obiettivi generali : Promuovere e potenziare la formazione rivolta al personale amministrativo, sanitario e sociale dell'azienda sul tema della salute e dell'assistenza alla popolazione immigrata al fine di migliorare l'offerta delle prestazioni a fronte di nuovi ed emergenti bisogni espressi dalla popolazione straniera presente in Italia. Obiettivi di apprendimento: Fare acquisire una conoscenza di base sugli aspetti socio-culturali e normativi e sulle differenze culturali insite nell attuale società globalmente intesa e composta da varie etnie. Essere in grado di saper riconoscere le difficoltà che si frappongono con utenti di differente cultura e saper elaborare i conflitti per una proposta di soluzioni assistenziali efficace, fruibile ed appropriata Essere in grado di ben orientare l'utenza nell'accesso e nell'utilizzo dei servizi nel luogo e tempi adeguati in funzione dei reali bisogni e indipendentemente dalle caratteristiche individuali, etniche, religiose. Acquisire le conoscenze utili sulle mutilazioni genitali femminili Acquisire gli strumenti di facilitazione della comunicazione con l'utenza straniera ivi compreso l'utilizzo della mediazione culturale Articolazione: Il corso sarà articolato in 5 giornate di 8 ore ciascuna per un totale di 40 ore da ripetere in almeno due edizioni. Metodologia didattica: è di tipo interattivo con lezioni toriche integrate da lavori di gruppo, esposizione dei lavori di gruppo, discussioni in plenaria. Ai partecipanti sarà fornito materiale didattico, indicazioni bibliografiche e letture.

2 Valutazione: con post test Agenzia Formativa: Docenti interni e docenti esterni come da programma allegato Responsabile del Progetto: Dott. Lucio Maciocia, Dott.sa Maria Grazia Baldanzi Direzione Scientifica: Dott. Ettore Cataldi, Dott. Fernando Ferrauti Segreteria organizzativa: Dott.sa Elide Pro, Dott.sa Rita Grandi, Inf. Prof. Francesca Masi, Inf. Prof. Gianna Spaziani Sede: Sala convegni ASL Frosinone Data : Settembre- Dicembre 2011 Delegata per gli aspetti normativi: Ass. Soc. Dott.sa Maria Grazia Baldanzi, tel Il Direttore Dipartimento 3D Dott. Fernando Ferrauti Il Direttore DIIS Dott. Ettore Cataldi Calendario 1 edizione 1 giornata: 16 settembre: Aspetti normativi dell immigrazione; Geraci, Ferrauti 2 giornata: 28 settembre: le immigrazioni, gli influssi sulla salute. Marceca, Baglio, Ferrauti, Cataldi 3 giornata: 30 settembre: Aspetti psicologici e sociali: Losi, Maciocia, Baldanzi, Coccia 4 giornata: 4 ottobre: Salute materno infantile; Trillò, Cataldi, Viola 5 giornata: 10 ottobre; Aspetti antropologici, stili comunicazionali, mediazione culturale: Ferrauti, Ciccodicola, Missuri, Gutierrez, Troie 2 edizione 1 giornata: 18 novembre; Aspetti normativi dell immigrazione; Geraci, Ferrauti 2 giornata: 24 novembre: le immigrazioni, gli influssi sulla salute. Marceca, Baglio, Ferrauti, Cataldi 3 giornata: 29 novembre: Salute materno infantile; Trillò, Cataldi, Viola 4 giornata: 6 dicembre: Aspetti psicologici e sociali: Losi, Maciocia, Baldanzi, Coccia 5 giornata: 12 dicembre; Aspetti antropologici, stili comunicazionali, mediazione culturale: Ferrauti, Ciccodicola, Missuri, Gutierrez, Troie Progetto regionale Corso Immigrazione

3 1^ giornata : Aspetti normativi dell immigrazione Obiettivo Educativo della giornata: Mettere in grado gli operatori di conoscere le politiche e le principali leggi europee, nazionali e regionali che regolano la presenza dei cittadini stranieri nello stato italiano. Obiettivi Specifici: 1) conoscere le politiche ed i principi di riferimento dell attuale normativa in tema d immigrazione a livello europeo e nazionale conoscere la normativa sanitaria nazionale e locale vigente con influenza sulla salute della popolazione immigrata e impatto sull accessibilità ai servizi Ore 8,30 9,30 Titolo relazione: Introduzione alla giornata in plenaria; Docente: S.Geraci Lavori di Gruppo e presentazione in plenaria Sostituto: Fernando Ferrauti Ore 9,30-11 Docente: S.Geraci Sostituto: Fernando Ferrauti Titolo relazione: Politiche europee, nazionali e locali sull immigrazione con particolare riferimento agli aspetti sanitari ed impatto sui servizi assistenziali Lezione Frontale Abstract: Per lungo tempo in Italia il tema dell'assistenza sanitaria agli stranieri è stato regolato da un numero impressionante di norme aventi diverso peso specifico: con l'emanazione, nel marzo del 1998, della legge 40, poi confluita nel D.Lgs. 286 del luglio 1998, dal titolo: «Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero» si è voluto ordinare e dare una impostazione stabile e chiara al tema del diritto all'assistenza sanitaria a favore degli immigrati nel nostro Paese. I principi e le disposizioni contenute in questo decreto hanno trovato poi maggiore concretezza applicativa con l'emanazione del Regolamento di attuazione previsto dallo stesso Testo Unico (D.P.R. n. 394 del 31 agosto 1999). Ulteriori chiarimenti sono stati infine forniti da una Circolare del Ministero della Sanità, la n. 5, datata 24 marzo Obiettivo dichiarato di questa impostazione politico-normativa è quello di includere a pieno titolo gli immigrati in condizione di regolarità giuridica nel sistema di diritti e doveri per quanto attiene all'assistenza sanitaria a parità di condizioni ed a pari opportunità con il cittadino italiano. Costituiscono un caso a parte i cittadini di Stati appartenenti all Unione Europea. Essi, a seguito dell entrata in vigore della direttiva 2004/38/CE, possono circolare liberamente nell Unione Europea (e non possono essere espulsi se non in casi eccezionali) e possono lavorare in Italia anche senza entrare nei decreti flussi. A livello sanitario i cittadini comunitari, come specificato dalla Circolare del Ministero della Salute DG RUER I/II/12712 del 3 agosto 2007 e dalla Comunicazione del Ministero della Salute del 19 febbraio 2008, nel caso di soggiorno di breve durata, hanno diritto ad accedere alle prestazioni in natura che si rendono necessarie dal punto di vista medico richieste dal proprio stato di salute per consentire di continuare il soggiorno in condizioni sicure sotto il profilo medico, dietro esibizione della Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM) rilasciato dal proprio stato di origine, o da stato europeo dove stabilmente

4 Ore Docente: S.Geraci Sostituto: Fernando Ferrauti Ore ,00 Docente: S.Geraci Sostituto: F. Ferrauti REGIONE LAZIO accedere alle prestazioni in natura che si rendono necessarie dal punto di vista medico richieste dal proprio stato di salute per consentire di continuare il soggiorno in condizioni sicure sotto il profilo medico, dietro esibizione della Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM) rilasciato dal proprio stato di origine, o da stato europeo dove stabilmente lavorano. Infine è da considerare che in alcuni casi i cittadini comunitari, provenienti in particolare da Romania e Bulgaria, soprattutto se in condizioni di fragilità sociale, non avendo lavorato negli ultimi tempi nel proprio paese e quindi non in possesso della TEAM, o non lavorando regolarmente in Italia o non formalmente residenti, si trovano in condizione di estrema debolezza nel diritto all accesso ai servizi sanitari. Alcune regioni hanno previsto percorsi di tutela diversificati più o meno inclusivi attraverso l attribuzione di un codice specifico (codice ENI: Europeo non iscritto o analogo) che li paragona agli Stp (ma con obbligo di rendicontazione separata). Titolo relazione: esercitazione specifica per far emergere criticità e possibili soluzioni. Lavori di Gruppo e presentazione in plenaria Titolo relazione Le norme nazionali e della regione Lazio sull assistenza sanitaria a stranieri e comunitari Abstract: continuazione dei temi presentati nella prima parte Ore 13,00 14,00 Pausa pranzo Ore ,00. Titolo relazione: Esercitazione sulla normativa sanitaria sui non comunitari Docente: S.Geraci Lavori di Gruppo e presentazione in plenaria Sostituto: F. Ferrauti Ore ,00. Docente: S.Geraci Sostituto: F. Ferrauti Ore ,30 Docente: S.Geraci Sostituto: F. Ferrauti Titolo relazione: Esercitazione sulla normativa sanitaria sui comunitari Lavori di Gruppo e presentazione in plenaria Titolo relazione: e verifica apprendimento

5 2^ giornata : le migrazioni. gli influssi sulla salute OBIETTIVO EDUCATIVO DELLA GIORNATA: METTERE IN GRADO GLI OPERATORI DI INQUADRARE IL FENOMENO MIGRATORIO SIA NEI VARI ASPETTI DELLA GLOBALIZZAZIONE SIA PER LE INFLUENZE SULL EPIDEMIOLOGIA E LA CLINICA DELLE PIÙ COMUNI PATOLOGIE. OBIETTIVI SPECIFICI: 1) CONOSCERE GLI ELEMENTI STORICI, DEMOGRAFICI, SOCIOLOGICI ED ECONOMICI CHE CARATTERIZZANO IL FENOMENO MIGRATORIO E CHE LO ALIMENTANO 2) CONOSCERE COME GLI EFFETTI DELLA GLOBALIZZAZIONE SI MANIFESTANO NELLA VITA QUOTIDIANA E COME INTERFERISCONO CON LA SALUTE DELLE PERSONE 3) AGGIORNARE SULL EPIDEMIOLOGIA DELLE PIÙ COMUNI PATOLOGIE DELLA POPOLAZIONE IMMIGRATA 4) CONOSCERE GLI INDICATORI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA DI RECENTE E MENO RECENTE IMMIGRAZIONE. Ore 8,00 9,15 Docente: Dott. Fernando Ferrauti Sostituto: Dott. E. Cataldi Titolo relazione: Introduzione alla giornata; Presentazione giornate di formazione in plenaria - Lavori di Gruppo Abstract: Presentazione dei formatori; Presentazione dei contenuti teorici e della metodologia del corso. Verifica delle aspettative dei partecipanti al corso Ore 9,15 9,45 Docente: Dott. S.Geraci Sostituto: Dott. E.Cataldi Titolo relazione: Presentazione dei lavori in plenaria Ricostruzione delle aspettative in plenaria Ore 9,45-11 Docente: Dott. S.Geraci Sostituto: Dott. E.Cataldi Ore 11 12,30 Docente: Maurizio.Marceca Sostituto: Dott. S. Geraci Titolo relazione: Inquadramento storico, politico, sociologico ed economico del fenomeno immigrazione. Abstract: cenni sull andamento e sulle caratteristiche del fenomeno migratorio in Italia Titolo relazione: Cenni di Salute Globale Abstract: Nel 2008 l'oms ha ribadito la volontà comune di riaffermare il diritto alla salute per tutti, espresso più di trent anni fa ad Alma Ata, nasce il concetto di Salute Globale (anche se non vi è ancora una sua definizione internazionale condivisa). Nella visione elaborata all interno della Rete Italiana per l Insegnamento della Salute Globale (RIISG), la salute globale è da intendersi come un nuovo paradigma per la salute e l'assistenza sanitaria, radicato nell'approccio teorico dei determinanti sociali di salute, basato sui principi enunciati nella Dichiarazione di Alma Ata e sostanziato da ampie evidenze scientifiche: esso può essere applicato al campo della prevenzione, della diagnosi e del trattamento delle malattie, così come a

6 Ore 12,30 13,00 Docente: Maurizio.Marceca Sostituto: Dott. S. Geraci Ore 14,00 15,00 Docente: Dott. Giovanni Baglio Sostituto: Dott. M. Marceca è da intendersi come un nuovo paradigma per la salute e l'assistenza sanitaria, radicato nell'approccio teorico dei determinanti sociali di salute, basato sui principi enunciati nella Dichiarazione di Alma Ata e sostanziato da ampie evidenze scientifiche: esso può essere applicato al campo della prevenzione, della diagnosi e del trattamento delle malattie, così come a quello della promozione della salute a livello individuale e/o di comunità. Titolo relazione:. con interventi dai discenti Ore 13 14,00 Pausa pranzo Titolo relazione: Aspetti epidemiologici dell immigrazione Lezione Frontale Abstract: analisi dei flussi migratori negli anni; situazione internazione, europea ed italiana, confronto tra atteggiamenti culturali, sostegno all immigrazione, servizi attivati; cenni sulla situazione migratoria nel Lazio e a Roma. Problematiche di salute nella popolazione immigrata Titolo relazione: Stato di salute della popolazione migrante Ore 15,00 16,30 Docente: Salvatore Geraci Sostituto: Dott. G. Baglio Ore 16,30 17,30 Docente: Salvatore Geraci Sostituto: Dott. Baglio Abstract: Analisi dei dati disponibili sullo stato di salute e sulle problematiche di salute della popolazione migrante; la situazione sanitaria al momento della partenza, le principali tematiche di salute in patria; le problematiche sanitarie emergenti durante il viaggio; le tematiche di salute in Italia e la connessione con le condizioni di vita in Italia. Titolo relazione:

7 3 giornata : Aspetti Psicologici e Sociali OBIETTIVO EDUCATIVO DELLA GIORNATA: METTERE IN GRADO GLI OPERATORI DI AVERE ELEMENTI DI CONOSCENZA SUGLI ASPETTI PSICOSOCIALI LEGATI AL PROGETTO MIGRATORIO E SULLE PATOLOGIE PSICOLOGICHE E PSICHIATRICHE PIÙ FREQUENTI NELLE PERSONE STRANIERE DI RECENTE O MENO RECENTE MIGRAZIONE. OBIETTIVI SPECIFICI: 1) MIGLIORARE LA CAPACITÀ DI INQUADRARE GLI ASPETTI PSICOLOGICI DELLE PERSONE STRANIERE NEL PROPRIO QUADRO DI RIFERIMENTO CULTURALE 2) CONOSCERE GLI ELEMENTI FONDANTI DELL'ETNOPSICHIATRIA 3) CONOSCERE LA NORMATIVA SULL IMMIGRAZIONE DI PERTINENZA DEI SERVIZI SOCIALI 4) MIGLIORARE LA CAPACITÀ DI ACCOGLIERE IL BISOGNO DI ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA ESPRESSO E/O LATENTE E DI COSTRUIRE UN PERCORSO ASSISTENZIALE PERSONALIZZATO, FRUIBILE, APPROPRIATO ED EFFICACE PER LE NECESSITÀ DELLA PERSONA STRANIERA. Titolo relazione: Introduzione alla giornata in plenaria; Ore 8,30 9,45 Docente: Lucio Maciocia Sostituto: Dott. N. Losi Ore 9, Docente: Lucio Maciocia Sostituto: Dott. N. Losi Ore ,30 Docente: Dott. Natale Losi Sostituto: L. Maciocia Lavori di Gruppo: presentazione guidata di casi per valutare le competenze degli operatori Stato di salute mentale della popolazione migrante Lezione Frontale Titolo relazione: Aspetti psicologici della migrazione Abstract: Rassegna dei contributi scientifici sulle problematiche psicologiche dell immigrazione; la rottura dell assetto familiare; Alto grado di resilienza nelle prime ondate di migrazioni; le difficoltà del reintegro familiare; lo spaesamento, da categoria psicodinamica legata allo stupore ed alla mancanza di punti di vista conosciuti, alla permanenza prolungata in uno stato di sospensione: dalle regole conosciute, dalla tensione anomica, dalla nostalgia del paese originario che nel frattempo fa a meno di te, dal contesto familiare, dalla rete amicale; clandestinità e diritto alla dignità. Lezione Frontale Titolo relazione: Cenni di etnopsichiatria Abstract: Il modello teorico e pratico dell'etnopsichiatria, così come l'ha proposto Tobie Nathan ha suscitato grande interesse e grandi controversie. Sarà cruciale contestualizzarlo e trarne motivo di approfondimento e riflessione per arrivare a capire dove il modello etno-sistemico-narrativo, proposto dalla mia scuola, esprime continuità e dove differenziazione.

8 Ore 12,30 13,00 Docente: Dott. Natale Losi Sostituto: L. Maciocia Ore Docente: Dott. Maria Grazia Baldanzi Sostituto: M. Coccia Ore Docente: Dott.ssa Marcella Coccia Sostituto: M. G. Baldanzi Ore Docente: Dott.ssa Maria Grazia Baldanzi Sostituto: M. Coccia REGIONE LAZIO Titolo relazione: Ore 13,00 14,00 Pausa pranzo Titolo relazione: Normativa sull immigrazione con riferimento ai servizi socio-sanitari Lezione Frontale Abstract: si parlerà della normativa sull'immigrazione con riferimento ai servizi socio-sanitari, si prenderà in esame quella più recente riguardante le informazioni su quello che facciamo nella nostra ASL D3D Servizio Multietnico Frosinone, sul rilascio dei tesserini STP ed ENI ed assistenza sanitaria in genere Titolo relazione: Accoglienza e incontro con l operatore La rete e le risorse a sostegno dell utenza straniera Lezione Frontale Abstract: si parlerà dell'accoglienza e incontro con l'operatore, si mostrerà l'importanza dell'accoglienza e della messa in rete tra i servizi sociali, sanitari pubblici e del privato sociale del nostro territorio.(gris, Regione, Provincia, Comune, Questura, Prefettura, Caritas, Associazioni del privato sociale, e di Immigrati,ecc.) a sostegno dell'utenza straniera. Titolo relazione:

9 4 GIORNATA : SALUTE MATERNO INFANTILE OBIETTIVO EDUCATIVO DELLA GIORNATA: METTERE IN GRADO GLI OPERATORI DI AVERE ELEMENTI DI CONOSCENZA SU LA DONNA E LA FAMIGLIA DI REALTÀ SOCIO- CULTURALI DIVERSE CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA NASCITA, ALLA CRESCITA DEI FIGLI, ALLA RIPRODUZIONE, ALLE MUTILAZIONI GENITALI FEMMINILI. OBIETTIVI SPECIFICI: 1) ACQUISIRE LA CAPACITÀ DI INQUADRARE LA DONNA STRANIERA NEL SUO QUADRO DI RIFERIMENTO CULTURALE 2) ACQUISIRE LA CAPACITÀ DI ELABORARE UN PERCORSO ASSISTENZIALE FRUIBILE, APPROPRIATO ED EFFICACE PER LE NECESSITÀ DELLE DONNE STRANIERE. 3) ACQUISIRE LE CONOSCENZE UTILI SULLE MGF Titolo relazione: Introduzione alla giornata in plenaria; Ore 8,30 9,30 Docente: M.E.Trillò Sostituto: Dott. E.Cataldi Lavori di Gruppo: presentazione guidata di casi per valutare le competenze degli operatori sullo Stato di salute della popolazione migrante Titolo relazione: La donna e la famiglia: nascere e crescere in realtà socioculturali diverse Ore 9,30 10,30 Docente: Ettore Cataldi Sostituto: Dott.sa Trillò Ore Docente: M.E.Trillò Sostituto: Dott. E.Cataldi Abstract: Ormai da diverso tempo si è preso coscienza della donna immigrata e della famiglia immigrata. L interesse per la tematica in oggetto, che si è consolidato nel tempo, è legato all aumento dei fenomeni migratori, soprattutto d espressione femminile, a cui è legato l impatto delle nascite nei Paesi ospitanti. Importanti gli aspetti indagati, legati alla fruibilità o meno delle prestazioni sanitarie, accesso ai servizi sanitari. Particolare attenzione è stata posta alla diversa visione della maternità nelle culture altre in quanto la cultura fondamentalmente rappresenta quella modalità in base alla quale viene espresso un bisogno, quindi si risveglia l interesse per l altro inteso come protagonista degno di rispetto nel suo agire a protezione della diversità. Problematiche, ovvero deficit, incomprensioni culturali da operatore sanitario a donna straniera. Individuazione dei bisogni, centralità della donna in un ottica speciale in quanto madre o futura madre nel tessuto sociale, con spazio alla contrattualità assistenziale per un obiettivo condiviso. Quale accoglienza per la creazione di un tessuto sociale con variabili fragili, l importanza dei gruppi d origine, fenomeni d integrazione. Titolo relazione:

10 Sostituto: Dott. E.Cataldi Titolo relazione: Mutilazioni Genitali Femminili Ore Docente: Elena Viola Sostituto: Dott. E.Cataldi Ore Docente: M.E.Trillò Sostituto: Dott. Etttore Cataldi Lezione Frontale Abstract: La maggior parte degli studiosi/e si trovano d'accordo nel classificare la MGF, popolarmente chiamata circoncisione femminile, in quattro tipi base, una tipologia che riflette vari gradi di gravità: L'infibulazione, è la forma più severa di questa pratica. L'infibulazione è conosciuta anche come "circoncisione faraonica", perché si crede che venisse praticata in Egitto durante il periodo delle dinastie dei Faraoni ( A.C.). L'infibulazione comporta il taglio del clitoride, delle piccole labbra e delle grandi labbra. Le rimanenti estremità delle grandi labbra sono quindi cucite insieme in modo tale che l'orifizio vaginale venga chiuso. Durante il processo di guarigione viene inserita nella vagina una scheggia di legno per poter permettere il passaggio dell'urina e del sangue mestruale In seguito all'operazione, le gambe della ragazza vengono legate e viene così immobilizzata per diverse settimane finché la ferita della vulva non guarisce. La prima notte di nozze la cicatrice dei genitali deve essere defibulata per consentire la penetrazione. Generalmente in seguito ad ogni nascita la reinfibulazione viene praticata per restituire al corpo della donna la sua "condizione prematrimoniale". Tradizionalmente, l'operazione è eseguita dalle donne più anziane, di solito levatrici locali, conosciute come Gedda in Somalia o Daya in Egitto e in Sudan. Per le levatrici, queste operazioni costituiscono una fonte redditizia di guadagno. Nel Mali e nel Senegal questa pratica viene condotta da donne appartenenti alla casta dei "fabbri", dotate della conoscenza dell'occulto. Nelle aree urbane di questi paesi, le operazioni vengono frequentemente eseguite negli ospedali da medici professionisti. Le forme più blande della MGF, che sono probabilmente legate al processo d'islamizzazione, sono eseguite in Asia dalle popolazioni musulmane della Malesia e dell'indonesia. Titolo relazione: Accoglienza della donna straniera nei servizi sanitari territoriali Abstract: Gli obiettivi sono di mettere in grado gli operatori di avere elementi di conoscenza sulla donna e la famiglia che giungono da realtà socioculturali diverse con particolare attenzione alla crescita dei figli, alla riproduzione e alle MGF. La donna straniera sarà inquadrata nel suo quadro

11 Ore 13, Docente: M.E.Trillò Sostituto: Dott. E.Cataldi Ore 14,30 15,30 Docente: Ettore Cataldi Sostituto: Dott.sa M.E. Trillò Ore 15,30 17,00 Docente: M.E.Trillò Sostituto: Dott. F. Ferrauti di riferimento culturale al fine di poter avere la capacità di elaborare un percorso assistenziale fruibile, appropriato ed efficace. Titolo relazione: Ore 13,30 14,30 Pausa pranzo Titolo relazione: La seconda generazione: nati in Italia, bambini italiani ad adolescenti italiani ma con nazionalità diverse Abstract: Succinta descrizione dei dati epidemiologici con particolare riferimento alla situazione locale; evidenze di problematicità legate alla seconda generazione; emergenze di disagio in adolescenza; accenni sul concetto di resilienza; accentuazione delle difficoltà di integrazione in contesti in cui predomina ignoranza e pregiudizio; migliore rendimento scolastico; anomia e identità culturali in gioco. Titolo relazione: e Cosa ci portiamo a casa

12 5^ giornata : Aspetti Antropologici, stili comunicazionali, mediazione culturale OBIETTIVO EDUCATIVO DELLA GIORNATA: METTERE IN GRADO GLI OPERATORI DI CONOSCERE COME GLI ASPETTI ANTROPOLOGICI, I VARI STILI COMUNICATIVI INFLUISCONO SULLA RELAZIONE OPERATORE SANITARIO E UTENTE STRANIERO E COME LA MEDIAZIONE CULTURALE SIA ELEMENTO FACILITANTE LA RELAZIONE. OBIETTIVI SPECIFICI: 1) CONOSCERE I PRINCIPALI ASPETTI ANTROPOLOGICI DELLA MIGRAZIONE 2) CONOSCERE I PRINCIPI DELLA COMUNICAZIONE E COME GLI STILI COMUNICATIVI DIFFERENTI INFLUISCANO SULLA COMPRENSIONE E SULLA RELAZIONE MEDICO-PAZIENTE, OPERATORE-UTENTE 3) MIGLIORARE LA PROPRIA CONOSCENZA DEI PRINCIPI E DELLE TECNICHE DELLA MEDIAZIONE CULTURALE. Titolo relazione: Introduzione alla giornata in plenaria; Ore 8,30 9,45 Docente: Fernando Ferrauti Sostituto: Dott. L. Maciocia Ore 9, Docente: Dott.sa Floriana Ciccodicola Sostituto: Dott. L. Maciocia Lavori di Gruppo: presentazione guidata di casi per valutare le competenze degli operatori sul programma della giornata Titolo relazione: Aspetti antropologici della migrazione Abstract: L'antropologia non è più da tempo solo la scienza delle società extraeuropee, ma è anche interpretazione della modernità, della contemporaneità, poiché è quella disciplina capace di interpretare lo svolgimento, le rotture, i cambiamenti e le crisi della società moderna. Si tratta di una disciplina che da tempo rivolge lo sguardo all interno della società occidentale moderna, sempre più dibattuta tra le priorità e chiusure affermate dalla creazione di comunità immaginarie, costituite da piccole patrie dai confini rigidi e dai valori che escludono i gruppi sociali. Piccole patrie di cui pochi sono ritenuti cittadini a pieno titolo. Le problematiche relative alla necessità dell accoglienza e all affermazione dei diritti per tutti sono diventate, all interno della società moderna, una priorità. Molti studiosi propongono di non chiedere più se i diritti dell'uomo sono fondamentali e universali, poiché è ormai acclarato che lo siano. Si tratta ora di considerare un elemento importante relativo ai diritti dell'uomo ed è quello di affermarli entro le diverse società. E' necessario proteggerli all'interno dei confini della società occidentale, dove sempre più spesso si perpetrano misfatti contro la dignità dell'uomo, la sua libertà; nei attraverso il sistema di norme si negano l'accoglienza e le legittime aspettative agli esseri umani. L'espressione proteggere i diritti umani sollecita, tuttavia, a più di una riflessone a chi è abituato a ripensare i concetti, di umanità, libertà, alterità, diversità culturale, nozione di persona, benessere/malessere, rapporti fra culture e dinamiche legate all'esercizio del potere all'interno dei gruppi sociali. La questione della protezione dei diritti umani trascina con sé anche il problema dei fini e dei mezzi utilizzati per la loro attuazione, tema che non

13 Ore ,30 Docente: Dott.sa Immacolata Missuri Sostituto: F. Ciccodicola Ore ,00 Docente: Dott.sa Immacolata Missuri Sostituto: F. Ciccodicola Ore ,00 Docente: A.Gutierrez Cristina Troie riflessone a chi è abituato a ripensare i concetti, di umanità, libertà, alterità, diversità culturale, nozione di persona, benessere/malessere, rapporti fra culture e dinamiche legate all'esercizio del potere all'interno dei gruppi sociali. La questione della protezione dei diritti umani trascina con sé anche il problema dei fini e dei mezzi utilizzati per la loro attuazione, tema che non può essere sottaciuto o sottovalutato per la realizzazione di una cultura dei diritti umani e per salvaguardare la dignità e libertà di ciascun uomo. Titolo relazione: Stili Comunicazionali Abstract: Informare e formare riguardo l architettura della comunicazione, anche e soprattutto riguardo le cattive notizie. Apprendere la modalità comunicativa come fattore fondamentale dell aspetto relazionale in considerazione del fattore empatico, culturale, sociale e religioso specifico. Apprendere e delineare le strategie comunicative di ascolto in quanto professionisti della salute. Titolo relazione: Ore 13,00 14,00 Pausa pranzo Titolo relazione: Presentazione di casi e narrazione di storie con l intervento del Mediatore Culturale Abstract: Il tema della mediazione è entrato del dibattito culturale negli anni 80 in Europa e un decennio più tardi in Italia, a partire dalle riflessioni e dalle prassi di chi, nelle istituzioni o nel volontariato sociale, aveva iniziato a farsi carico della salute dei migranti. Per lungo tempo il discorso si è concentrato quasi esclusivamente sul ruolo di figure emergenti - all inizio solo interpreti e traduttori, poi mediatori e sulle loro competenze e funzioni in un ottica di facilitazione del rapporto reciproco tra migranti e servizi. Successivamente, il processo di strutturazione del fenomeno migratorio e lo svilupparsi di studi di settore che hanno messo in evidenza l esistenza di barriere socio-economiche nella fruizione dei servizi e nella concretizzazione dei diritti degli stranieri (determinanti di salute), hanno allargato il concetto di mediazione culturale verso una rimodulazione dei servizi sanitari in grado

14 di mettere al centro l individuo e basata su una sensibilità complessiva dei servizi stessi alle specificità culturali, insieme a una strategia integrata tra sociale e sanitario. Si tratta cioè di assegnare all intero sistema sociosanitario la funzione di mediazione, declinando i servizi rispetto ai bisogni degli utenti-persone.per intervenire operativamente, si possono individuare almeno due livelli di intervento: - strutture e procedure - competenze degli operatori Ore ,30 Docente: A.Gutierrez Cristina Troie Ore Docente: A.Gutierrez Cristina Troie Titolo relazione: La Mediazione Culturale: principi e tecniche Abstract: La mediazione culturale é un processo che mira a evolvere dinamicamente una situazione d incomprensione attraverso la decodifica dei diversi codici culturali. Nel senso più ampio significa: avvicinare, facilitare il contatto, includere, favorire l interazione e lo scambio, promuovendo delle opportunità equivalenti nel rispetto delle diversità. Gli ambiti dove attualmente é inserita la figura del mediatore culturale sono: Educativo Scolastica Socio sanitaria Della sicurezza e della giustizia Della emergenza e della prima accoglienza Lavoro Si potrebbe affermare che il motivo per cui la mediazione culturale in Italia si è sviluppata primariamente nell Ambito Sanitario è dovuto proprio alla sua caratteristica di bisogno estremo. All interno di questa area si possono differenziare diverse modalità di lavorare a secondo delle caratteristiche di strutturazione del servizio e del tipo di prestazione. Il lavoro in Ospedale è caratterizzato più dalla situazione di emergenzialità, mentre il lavoro sul territorio permette una maggiore programmazione. A livello legislativo la mediazione culturale viene nominata per la prima volta nella legge 40/98 successivamente diventata Testo unico per l immigrazione. Tuttora la figura del mediatore culturale non ha trovato una definizione e un riconoscimento legale specifico. Titolo relazione:, Verifica apprendimento

PROGRAMMA EVENTO FORMATIVO

PROGRAMMA EVENTO FORMATIVO PROGRAMMA EVENTO FORMATIVO Titolo_ Accoglienza, accompagnamento, integrazione sociale e lavorativa degli immigrati: consolidamento la Rete Professionale Immigrazione e Salute 3 annualità Date: 26 febbraio,

Dettagli

Percorso formativo in Area Vasta

Percorso formativo in Area Vasta L albero della salute Struttura di riferimento per la Mediazione culturale in Sanità Regione Toscana Responsabile dott.ssa Elisabetta Confaloni Percorso formativo in Area Vasta Alla luce di quanto previsto

Dettagli

Il Centro di Salute Globale della Regione Toscana

Il Centro di Salute Globale della Regione Toscana Il Centro di Salute Globale della Regione Toscana Maria José Caldés Pinilla Siena 09 dicembre 2013 Perché parlare di salute globale? Salute Globale è una chiave di lettura dei temi sanitari legati all

Dettagli

RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO. Programma di dettaglio

RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO. Programma di dettaglio Fondo Europeo per l integrazione di cittadini di Paesi terzi CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO Programma di dettaglio

Dettagli

PROGETTO ALBA. Territorio/i di attuazione del progetto formativo

PROGETTO ALBA. Territorio/i di attuazione del progetto formativo PROGETTO ALBA FINANZIATO DAL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITÀ FORMAZIONE DEGLI OPERATORI SANITARI SULLA PRIMA ASSISTENZA ALLE VITTIME DI VIOLENZA DI GENERE E STALKING MATERA - POLICORO Progetto ALBA

Dettagli

Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale

Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale Roma 2010 Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni Nostre

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

IL Progetto Benessere Cittadini Immigrati nel Distretto 3 della ASL di Viterbo

IL Progetto Benessere Cittadini Immigrati nel Distretto 3 della ASL di Viterbo IL Progetto Benessere Cittadini Immigrati nel Distretto 3 della ASL di Viterbo STRUTTURA ASL TITOLARE DEL PROGETTO Distretto 3 Dipartimento ISS e TMI RESPONSABILE DEL PROGETTO: Antonella Proietti Direttore

Dettagli

5 DICEMBRE 2014 Sede del Corso: Tatì Hotel Via Provinciale Cotignola, 22/5-48022 Lugo (Ra)

5 DICEMBRE 2014 Sede del Corso: Tatì Hotel Via Provinciale Cotignola, 22/5-48022 Lugo (Ra) 5 DICEMBRE 2014 Sede del Corso: Tatì Hotel Via Provinciale Cotignola, 22/5-48022 Lugo (Ra) OBIETTIVI: Il corso in oggetto vuole affrontare il tema della transculturalità sia come concetti generali che

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Ridurre la vulnerabilità alle malattie sessualmente trasmesse, con

Dettagli

Metodologie e modelli di assistenza sanitaria territoriale

Metodologie e modelli di assistenza sanitaria territoriale Metodologie e modelli di assistenza sanitaria territoriale e prevenzione e promozione della salute Corso 60 ore I sistemi sanitari di tutti i Paesi Occidentali sono sotto pressione, a causa del contestuale

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

PROGETTO INTEGRATO Conosciamoci meglio. Premessa

PROGETTO INTEGRATO Conosciamoci meglio. Premessa PROGETTO INTEGRATO Conosciamoci meglio Premessa Il Consiglio Territoriale per l immigrazione di Enna, ponendosi come faro rivolto ad individuare i bisogni locali, nell intendimento di promuovere nuovi

Dettagli

REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE

REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE PROMOZIONE DELL INTEGRAZIONE CULTURALE NELL AMBITO DEL DIRITTO ALLA SALUTE NELLA POPOLAZIONE IMMIGRATA Premessa il Servizio Multienico della ASL Frosinone mira ad avvicinare alla Sanità pubblica quella

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA Intrecci per una rete di associazioni di donne migranti e italiane ALCUNI DATI DI CONTESTO L immigrazione straniera in Emilia-Romagna raggiunge al

Dettagli

DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere.

DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere. Titolo DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere. Servizi di riferimento Dalla primavera del 2005 è stato attivato nella fabbrica

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA

IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA Abstract dell elaborato di tesi in Storia e Filosofia dei Diritti Umani di Beatrice Gabrielli: IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA Corso di laurea in Culture e Diritti

Dettagli

A N N A L O M B A R D O - U F F I C I O V A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I B O L O G N A

A N N A L O M B A R D O - U F F I C I O V A M B I T O T E R R I T O R I A L E D I B O L O G N A IL PERCORSO NORMATIVO IN MATERIA DI ADOZIONI A SCUOLA Linee di indirizzo per favorire il diritto allo studio degli alunni adottati MIUR 18 dicembre 2014 Due punti: Cosa ci dicono le Linee di indirizzo

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO

LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO I N D I C E LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO Capitolo 1: La dimensione sociale nell infanzia 1. Quadro teorico

Dettagli

Normativa, diritto alla tutela della salute e migrazione

Normativa, diritto alla tutela della salute e migrazione SItI Lombardia SALUTE E MIGRAZIONE 18 maggio 2012 Normativa, diritto alla tutela della salute e migrazione Manila Bonciani Istituto Superiore di Sanità Società Italiana di Medicina delle Migrazioni manila.bonciani@iss.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 Giovanni XXIII 73043 COPERTINO - Via Mogadiscio, 45 - Tel. 0832.947164 Fax 0832.934582 e-mail: leic865009@istruzione.it Allegato al Regolamento d Istituto PROTOCOLLO per l ACCOGLIENZA

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

MEDIATORE INTERCULTURALE

MEDIATORE INTERCULTURALE Allegato 1 REGIONE LAZIO MEDIATORE INTERCULTURALE Il Mediatore Inter svolge attività di mediazione tra cittadini immigrati e la società locale, promuovendo, sostenendo e accompagnando entrambe le parti:

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI SOMMARIO 1. Premessa 2. Finalità 3. Valutazione 4. Strumenti e risorse 5. Fasi e modalità di lavoro 6. Commissione Accoglienza- Intercultura 7. Piano organico

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON PIERO POINTINGER ROVAGNATE (LC) PROGETTO AREA A FORTE PROCESSO IMMIGRATORIO Anno scolastico 2010/11 1 PROGETTO PER IL QUALE SI RICHIEDE IL FINANZIAMENTO PER L ANNO SCOLASTICO

Dettagli

La salute della persona immigrata: comunicazione della diagnosi e presa in carico nelle malattie infettive

La salute della persona immigrata: comunicazione della diagnosi e presa in carico nelle malattie infettive Rev. 3, 20/06/08 Pag 1 di 6 La salute della persona immigrata: comunicazione della diagnosi e presa in carico nelle malattie infettive N ID Corso: Seconda Edizione 26-28 gennaio 2010 organizzato da Istituto

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

IOM- OIM I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste

IOM- OIM I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste Firenze, Villa La Quiete 4 Luglio 2014 Rossella Celmi - rcelmi@iom.int 1 Organizzazione Internazionale per le Migrazioni Fondata nel 1951,

Dettagli

Diritto alla salute per i nuovi cittadini. Approfondimento normativo e analisi della realtà provinciale.

Diritto alla salute per i nuovi cittadini. Approfondimento normativo e analisi della realtà provinciale. Diritto alla salute per i nuovi cittadini. Approfondimento normativo e analisi della realtà provinciale. Data e sede 28/11/2014 Auditorium Ospedale S. Chiara Trento Organizzato da Società Italiana di Medicina

Dettagli

Relplus: relazioni interpersonali positive II Edizione

Relplus: relazioni interpersonali positive II Edizione Relplus: relazioni interpersonali positive II Edizione Indice Introduzione... 1 Descrizione... 2 Obiettivi generali... 2 Destinatari... 3 Durata... 3 Calendario e temi... 3 Formatori /Formatrici... 7 Sede...

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

Progetto regionale CONOSCERE PER PREVENIRE Prevenzione dell interruzione volontaria di gravidanza (IVG) e delle mutilazione genitali femminili (MGF) fra le donne immigrate. ATTIVITA 2009 ASSOCIAZIONE NOSOTRAS

Dettagli

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO Allegato A Linee generali per la presentazione del progetto di gestione dei servizi di promozione e tutela della donna : CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

Dettagli

Una rete in costruzione per la salute dei migranti

Una rete in costruzione per la salute dei migranti GrIS Gruppi Immigrazione e Salute Una rete in costruzione per la salute dei migranti 23 marzo 2010 I Centri I.S.I. Piergiorgio Maggiorotti Un po di storia... 11febbraio 1992: avvio dell esperienza dell

Dettagli

Centro Servizi Stranieri

Centro Servizi Stranieri Centro Servizi Stranieri Cittadini stranieri e italiani Servizi, enti, istituzioni, associazioni, gruppi che operano nell ambito dell immigrazione Informazione sulla normativa in tema di immigrazione Supporto

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Istituzione scolastica dotata di personalità giuridica Decreto del Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale del F.V.G. del 25 gennaio 2012 - prot. n.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Azienda USL RM B 2) Codice di accreditamento: NZ00156 3) Classe di iscrizione all

Dettagli

Istituto Scientifico Universitario H. san Raffaele Seminario: Impossibilità materna, la tutela della donna e del neonato

Istituto Scientifico Universitario H. san Raffaele Seminario: Impossibilità materna, la tutela della donna e del neonato Istituto Scientifico Universitario H. san Raffaele Seminario: Impossibilità materna, la tutela della donna e del neonato Ogni anno circa 400 neonati non riconosciuti testimoniano un impossibilità materna,

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Azienda ASL RMB 2) Codice di accreditamento: NZ00156 3) Classe di iscrizione all

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE CENTRO DI ALFABETIZZAZIONE IN ITALIANO L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria di II grado Scuola Secondaria di I grado Scuola

Dettagli

LE METODOLOGIE DIDATTICHE UTILIZZABILI NELL E.C.M. REGIONALE METODOLOGIE

LE METODOLOGIE DIDATTICHE UTILIZZABILI NELL E.C.M. REGIONALE METODOLOGIE LE METODOLOGIE DIDATTICHE UTILIZZABILI NELL E.C.M. REGIONALE METODOLOGIE ANDRAGOGIA (scienza che studia l apprendimento nell adulto) E il corpo delle conoscenze riguardante i discenti adulti in modo parallelo

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

Caratteristiche del percorso formativo

Caratteristiche del percorso formativo Caratteristiche del percorso formativo La Negoziazione per la gestione dei conflitti e delle divergenze e la mediazione in ambito familiare Descrizione sintetica del programma formativo La Mediazione Familiare,

Dettagli

Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni, via Castellino da Castello, 10, Milano

Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni, via Castellino da Castello, 10, Milano Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni, via Castellino da Castello, 10, Milano Scuole primarie Rinnovata Pizzigoni, Dante Alighieri, scuola secondaria di primo grado Puecher PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE CLASSE DELLE LAUREE IN SERVIZIO SOCIALE L-39 Ai sensi del D.M. 270/2004 (Social Service) A.A. 2014/2015 TITOLO

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014

RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 Allegato al Prot. n. 78357 del 14.3.2014 RELAZIONE ILLUSTRATIVA CORSO PROGETTO 2014 RAGAZZI IN COMUNITA Comprendere l adolescente per aiutarlo a crescere 5 incontri di formazione e aggiornamento per Educatori

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale A conclusione dei percorsi degli istituti professionali,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 2015 Dipartimento (1) : DIRITTO ED ECONOMIA Coordinatore (1) : Prof.ssa ALESSANDRA CALDARA Classe: 2 Indirizzo: SERVIZI SOCIO- SANITARI Ore di insegnamento

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE PROFILI PROFESSIONALI ITAS Tecnico per le Attività Sociali Durata degli studi: 5 anni. Titolo di studio rilasciato: Diploma di Maturità Tecnica per Attività Sociali Indirizzo: a) Dirigenti di Comunità

Dettagli

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E.

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. SPERIMENTAZIONE IN MATERIA DI ORIENTAMENTO AL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ISTRUZIONE IN AMBITO EUROPEO

Dettagli

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida Via Brogeda, 21 22100 Como Tel. 031.541180/Fax 031.532927 comprensivocomonord@tiscali.it MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida A cura del Gruppo di Lavoro per l integrazione degli alunni diversamente

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 NOME PROGETTO: PER UNA SCUOLA DELL INCLUSIONE 2014 AMBITO D INTERVENTO: Assistenza scolastica agli alunni diversamente abili AMBITO TERRITORIALE: I volontari svolgeranno

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata B1/9 I.R.R.E. Basilicata e Consiglio Nazionale Ordine Psicologi QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata Docente referente: Prof.ssa Maria Donata La Rocca L I.R.R.E.

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA PROTOCOLLO D'INTESA RELATIVO AL SERVIZIO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO- CULTURALE NEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI E DIREZIONI DIDATTICHE DELL UNIONE TERRE D ARGINE tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO,

Dettagli

Progetto delle attività del II anno di tirocinio, III anno di corso

Progetto delle attività del II anno di tirocinio, III anno di corso S C U O L A D E L L E S C I E N Z E U M A N E E D E L P A T R I M O N I O C U L T U R A L E CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Ufficio Coordinamento e Supervisione Tirocinio c/o Albergo

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo NORD 2 - Brescia Via Costalunga, 15-25123 BRESCIA Cod. Min. BSIC88400D - Cod.Fisc. 80049710173 Tel.030307858-0308379448-9

Dettagli

Formazione Immigrazione

Formazione Immigrazione Formazione Immigrazione Programma di Formazione Integrata per l innovazione dei processi organizzativi di accoglienza e integrazione dei cittadini stranieri e comunitari I edizione Workshop conclusivo

Dettagli

Operatori sanitari formati Insegnanti coinvolti. Formazione Torino Formazione Locale. zero 10. zero 20. Interventi nelle classi.

Operatori sanitari formati Insegnanti coinvolti. Formazione Torino Formazione Locale. zero 10. zero 20. Interventi nelle classi. 1) Regione: Regione Liguria 2) Titolo del progetto: 2.9.6.4 UNPLUGGED - Realizzazione di un Programma scolastico di potenziamento di conoscenze e abilità personali e sociali per la prevenzione dell uso

Dettagli

DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA

DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA Un percorso di professionalizzazione dei Dirigenti sportivi Modenesi Bando di Indizione Programma Scheda di iscrizione Il Contesto di riferimento Il movimento

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA D.R. n. 3 del 30/06/2009 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi Guglielmo Marconi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 127 del 31 maggio 2008; VISTO il Regolamento Didattico

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE E LA SALUTE GLOBALE PER LO SVILUPPO

I DIRITTI DELLE DONNE E LA SALUTE GLOBALE PER LO SVILUPPO Istituto Superiore di Sanità Laziosanità-ASP Istituto Nazionale salute popolazioni migranti e per il contrasto delle malattie della Povertà Azienda Ospedaliera San Camillo-Forlanini I DIRITTI DELLE DONNE

Dettagli

ASSOCIAZIONE VERONESE DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA. Centro per lo studio e la ricerca in psicoanalisi

ASSOCIAZIONE VERONESE DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA. Centro per lo studio e la ricerca in psicoanalisi ASSOCIAZIONE VERONESE DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA Centro per lo studio e la ricerca in psicoanalisi L Associazione Veronese di Psicoterapia Psicoloanalitica è un associazione senza fini di lucro, che

Dettagli

Provincia di Alessandria Assessorato alla Protezione Civile

Provincia di Alessandria Assessorato alla Protezione Civile Assessorato alla Protezione Civile La Protezione Civile nella scuola secondaria di secondo grado della Provincia di Alessandria La Protezione Civile nella scuola secondaria di secondo grado della Sempre

Dettagli

Progetto Take Easy I partner del progetto CITTÀ DI TORINO ASL TO2 ASL TO4 UNIVERSITA DI TORINO CIPES PIEMONTE Gli aderenti al progetto COMUNE DI CHIVASSO COMUNE DI SETTIMO ASGI (Associazione per gli Studi

Dettagli

[ MEDIAZIONE E GESTIONE DEI CONFLITTI ]

[ MEDIAZIONE E GESTIONE DEI CONFLITTI ] Anno Accademico 2008/2009 [ MEDIAZIONE E GESTIONE DEI CONFLITTI ] Master di secondo livello [ Mediazione e gestione dei conflitti ] Master di secondo livello in Mediazione e gestione dei conflitti Coordinatori:

Dettagli

PROGRAMMA SESSIONI APPROFONDIMENTO PER GLI AMMINISTRATORI E DIRIGENTI DEL LAZIO

PROGRAMMA SESSIONI APPROFONDIMENTO PER GLI AMMINISTRATORI E DIRIGENTI DEL LAZIO BENEFICIARIO CAPOFILA REGIONE LAZIO DIREZIONE POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIA, SICUREZZA E SPORT PROGRAMMA ANNUALE FEI 2013 AZIONE 9 PROG. N. 105682 - C.U.P. F83E13000070007 PROGRAMMA SESSIONI APPROFONDIMENTO

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari.

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. H A N D I C A P E S C U O L A Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. L INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP L art. 3 della

Dettagli

Codice etico del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS

Codice etico del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Codice etico del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Via Milano, 5/c 26100 Cremona Tel. 0372 20751/34402 Fax 0372-1960388 Codice fiscale 80011480193 Partita Iva 01273220192 mail: segreteria@ucipemcremona.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico Capitolo 14 - Sostegno Scolastico 14.1 Il diritto all istruzione Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa nazionale vigente, attraverso l integrazione scolastica,

Dettagli

La valutazione della genitorialità alla luce della teoria dell attaccamento

La valutazione della genitorialità alla luce della teoria dell attaccamento La valutazione della genitorialità alla luce della teoria dell attaccamento Corso di formazione per operatori psico-sociali del Comune di Como Premessa e obiettivi del percorso formativo Valutare la genitorialità

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

PROGETTO RE.CA. - RETI CAPACI

PROGETTO RE.CA. - RETI CAPACI PROGETTO RE.CA. - RETI CAPACI "Sistema di Giustizia Minorile Child Friendly" CUP J89B14000720007 CIG 57813221D7 Fondo Europeo per l'integrazione dei cittadini di Paesi terzi 2007-2013 Annualità 2013 Azione

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 ASL Frosinone Dipartimento Disagio, Devianza, Dipendenza - U.O. Extracomunitari e Minoranze Etniche Consultorio Multietnico Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Consultorio

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli

PROGETTO PETRARCA 2 CODICE PROGETTO: PROG-101927

PROGETTO PETRARCA 2 CODICE PROGETTO: PROG-101927 PROGETTO PETRARCA 2 CODICE PROGETTO: PROG-101927 FINANZIATO SUL FONDO EUROPEO PER L INTEGRAZIONE DEI CITTADINI DI PAESI TERZI AVVISI REGIONALI 2007-2013 INFORMAZIONI GENERALI Soggetto capofila: Regione

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI INDICE: PREMESSA 1. FINALITA 2. CONTENUTI 3. LA COMMISSIONE ACCOGLIENZA 4. PRIMA FASE DI ACCOGLIENZA

Dettagli

SEMINARIO ACP VERSO. LE BUONE PRATICHE

SEMINARIO ACP VERSO. LE BUONE PRATICHE SEMINARIO ACP VERSO. LE BUONE PRATICHE SALERNO 27 GIUGNO 2006. PRESENTAZIONE DI UNA ESPERIENZA IN EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PROGETTO ASMA: PERCORSI EDUCATIVI IN ETA PEDIATRICA SVOLTO NEL TRIENNIO SCOLASTICO

Dettagli

Le malattie emergenti nei migranti

Le malattie emergenti nei migranti CORSO DI PERFEZIONAMENTO Psicologia dei processi immigratori per operatori sociali e sanitari Giorno Ore 15 aprile 14.00 18.00 (tot. 4 ore) Giov. 22 aprile Tema Modulo Docenti Argomento dell intervento

Dettagli

PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011

PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011 PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011 promosso dalle Associazioni di volontariato E pas e temp, Unasam (Unione Nazionale delle Associazioni per la Salute Mentale) e Associazione Club degli alcolisti in

Dettagli

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE Prof. Federico VILARDO La Funzione Strumentale Area 6 si pone come OBIETTIVO GENERALE quello di migliorare

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3427 del 07/10/2015 Firmatari: De Vivo Arturo IL RETTORE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3427 del 07/10/2015 Firmatari: De Vivo Arturo IL RETTORE U.S.R. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DR/2015/3427 del 07/10/2015 Firmatari: De Vivo Arturo IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo e in particolare gli artt. 17, c. 2 lett. d); 19 c. 2 lett.

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli