LA CITTADINANZA DELL'UNIONE EUROPEA E I DIRITTI DEI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA CITTADINANZA DELL'UNIONE EUROPEA E I DIRITTI DEI"

Transcript

1 LA CITTADINANZA DELL'UNIONE EUROPEA E I DIRITTI DEI CITTADINI L UNIONE EUROPEA AL SERVIZIO DEI CITTADINI Una delle caratteristiche dell Unione europea (UE) è data dall importanza che essa conferisce ai cittadini. Di norma, nell ambito delle organizzazioni internazionali, sono solo gli Stati membri a poter prendere parte alle decisioni. Nell ambito dell Unione europea, invece, i cittadini degli Stati membri possono partecipare all elaborazione delle norme adottate dalle istituzioni europee votando i loro deputati al Parlamento europeo. Essi sono inoltre i principali beneficiari delle politiche europee. La centralità del ruolo affidato agli uomini e alle donne degli Stati membri ha portato, nel corso del processo di integrazione europea, a riconoscere espressamente l esistenza di una comune cittadinanza europea. ISTITUZIONE DELLA CITTADINANZA DELL UNIONE Nel 2013 ricorre il ventesimo anniversario della cittadinanza europea, istituita dal Trattato di Maastricht, entrato in vigore il 1 novembre Questo Trattato comporta il superamento della carattere esclusivamente economico del processo di integrazione europea: la Comunità economica europea istituita con il Trattato di Roma del 1958 diviene Comunità europea (in seguito con il Trattato di Lisbona del 2009 si parla esclusivamente di Unione europea), la persona si sposta al centro del processo di integrazione europea con l istituzione della cittadinanza europea. La libera circolazione delle persone viene generalizzata e attribuita non solo per i lavoratori e per i soggetti economicamente attivi. In seguito i diritti connessi alla cittadinanza sono stati ulteriormente rafforzati dal Trattato di Amsterdam, del 1999 e dal Trattato di Lisbona, del La cittadinanza dell Unione è attualmente disciplinata dagli articoli del Trattato sul funzionamento dell Unione europea (TFUE). Inoltre, la Carta dei diritti fondamentali dell'unione dedica il Capo V alla cittadinanza. > 1

2 DEFINIZIONE DELLA CITTADINANZA DELL UNIONE L articolo 9 del Trattato sull Unione europea (TUE) e l articolo 20 del Trattato sul funzionamento dell Unione (TFUE), definiscono la nozione di cittadinanza europea. E' cittadino/a dell'unione chiunque abbia la cittadinanza di uno Stato membro. Si può affermare, infatti, che la cittadinanza europea discende automaticamente dalla cittadinanza nazionale di un Paese membro, in quanto non richiede un'autonoma attribuzione. Questo è il motivo per il quale essa si aggiunge alla cittadinanza nazionale degli Stati membri e non la sostituisce. L essere cittadino dell'unione comporta un insieme di diritti e doveri, previsti nei Trattati, che si aggiungono a quelli connessi allo status di cittadino di uno Stato membro. Al pari della cittadinanza nazionale, la cittadinanza dell Unione designa, dunque, un rapporto tra il cittadino e l Unione europea caratterizzato da diritti, da doveri e dalla partecipazione del cittadino alla vita politica. Finora la cittadinanza dell Unione non comporta, nonostante la formulazione in tal senso dell articolo 20, paragrafo 2, del TFUE, alcun dovere per i cittadini dell Unione, il che rappresenta una vistosa differenza con la cittadinanza nell ambito degli Stati membri. Ciononostante, la dottrina ha enucleato una serie di doveri che presumibilmente possono ritenersi collegati alla cittadinanza europea. Tra questi citiamo, in particolare, il dovere di : rispettare il diritto dell Unione; non discriminazione in base alla nazionalità; rispettare l espressione della cultura altrui; fedeltà nei confronti dell Unione. 2

3 I DIRITTI DELLA CITTADINANZA DELL UNIONE Lo status di cittadino dell'unione comporta: 1. Il diritto alla libera circolazione e il diritto di soggiorno sul territorio degli Stati membri; 2. Il diritto di voto attivo e passivo alle elezioni al Parlamento europeo e alle elezioni comunali nello Stato membro di residenza, alle stesse condizioni previste per i cittadini di questo Stato; 3. Il diritto di beneficiare sul territorio di uno Stato terzo (Stato non appartenente all'ue) della protezione diplomatica delle autorità diplomatiche o consolari di un altro Stato membro, qualora il suo Stato di origine non vi fosse rappresentato, nella stessa misura in cui viene concessa ai cittadini dello Stato membro in questione; 4. Il diritto di scrivere alle istituzioni o agli organi dell Unione in una delle lingue degli Stati membri e di ricevere una risposta nella medesima lingua; 5. Il diritto di presentare una petizione al Parlamento europeo; 6. Il diritto di sporgere denuncia al Mediatore europeo per segnalare casi di cattiva amministrazione da parte delle istituzioni e degli organi dell UE. L articolo 25 del TFUE prevede la possibilità di adottare disposizioni intese a completare i diritti elencati all articolo 20 del TFUE. Tali disposizioni entrano in vigore previa approvazione degli Stati membri, conformemente alle rispettive norme costituzionali. > 3

4 LA CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL UNIONE L 11 dicembre 2000 a Nizza il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione hanno proclamato solennemente la Carta dei diritti fondamentali dell Unione europea. La Carta è stata nuovamente proclamata il 12 dicembre 2007 dai presidenti della Commissione, del Parlamento e del Consiglio, a Strasburgo nell aula del Parlamento europeo, nella versione approvata dalla Conferenza intergovernativa del Il Trattato di Lisbona ha, infatti, conferito valore giuridico vincolante alla Carta. Quest ultima copre l'insieme dei diritti politici, sociali, civili ed economici garantiti dall'unione Europea ai suoi cittadini. Per quanto riguarda più propriamente i diritti della cittadinanza europea la Carta riprende i diritti menzionati nell articolo 20 del TFUE e vi aggiunge: 1. Il diritto ad una buona amministrazione 2. Il diritto d accesso ai documenti delle istituzioni e degli organi dell Unione. > 4

5 1. Il diritto alla libera circolazione ed il diritto di soggiorno sul territorio degli Stati membri La libertà di circolazione dei cittadini europei si sostanzia nel diritto alla libera circolazione e nel diritto di soggiorno. Il diritto di libera circolazione consiste nella libertà di lasciare lo Stato membro di origine e di entrare in un altro Stato membro. Il diritto di soggiorno, invece, consiste nel diritto di stabilirsi nel territorio di un altro Stato membro. Le formalità che possono essere richieste al cittadino dell Unione per la regolarizzazione del suo soggiorno in uno Stato membro possono essere diverse a seconda del periodo in questione. Se si tratta di un soggiorno inferiore a tre mesi, la sola formalità richiesta consiste nel possesso di una carta d identità o di un passaporto in corso di validità (tra l altro non richiesti in Paesi Schengen 1 ). Nel caso, invece, di un soggiorno superiore ai tre mesi, al cittadino è richiesto di esercitare un attività lavorativa nello Stato membro ospitante oppure deve provare di disporre di un assicurazione malattia e di risorse economiche sufficienti per non diventare un onere a carico dell assistenza sociale di detto Stato. E possibile, inoltre, che tali diritti siano estesi ai familiari del cittadino europeo indipendentemente dalla loro nazionalità. In alcuni casi, tuttavia, il diritto alla libera circolazione può essere limitato e l ingresso in un altro Stato membro può essere rifiutato anche se solo per motivi di ordine pubblico, di pubblica sicurezza o di sanità pubblica. Tali restrizioni, come ad esempio l allontanamento, devono essere giustificate. 1 Con questa normativa sono stati eliminati tutti i controlli alle frontiere interne, ma sono stati introdotti controlli efficaci alle frontiere esterne dell'ue ed è stata stabilita una politica comune in materia di visti. Tutti i paesi dell'ue aderiscono pienamente a Schengen, tranne la Bulgaria, Cipro, l'irlanda, la Romania e il Regno Unito. Viceversa, Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera appartengono allo spazio Schengen pur non facendo parte dell'ue. 5

6 Corollari del diritto del diritto di circolare e di soggiornare liberamente nell Unione sono poi una serie di diritti senza dei quali i cittadini non potrebbero esplicare in pieno la propria libertà di movimento. E pertanto opportuno che i cittadini dell Unione che valutano l opportunità di esercitare il proprio diritto di circolare e di soggiornare liberamente siano informati dei loro diritti in materia di : riconoscimento delle proprie qualifiche professionali. Il diritto europeo garantisce che le qualifiche e l esperienza acquisite in uno Stato siano ugualmente riconosciute in tutta l Unione Europea. Il cittadino può svolgere il proprio lavoro in qualsiasi Stato membro tenendo presente che, nel Paese d accoglienza, diplomi e qualifiche potrebbero in parte differire da quelli ottenuti nello Stato di origine. acquisizione o di conservazione dei diritti previdenziali in virtù delle norme dell Unione sul coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale. Tali norme garantiscono ai lavoratori che i diritti previdenziali da essi acquisiti non vadano perduti se scelgono di circolare nell Unione; dei loro diritti relativi all assistenza sanitaria transfrontaliera, in modo da poter beneficiare pienamente di cure mediche sicure e di buona qualità al di fuori dei confini nazionali degli Stati membri; diritti di cui godono in qualità di passeggeri che si spostano nell Unione utilizzando un qualunque modo di trasporto; dei loro diritti di consumatori transfrontalieri. > 6

7 2. Il diritto di voto e di eleggibilità alle elezioni del Parlamento europeo e comunali nello Stato di residenza Il diritto di voto e di eleggibilità per il cittadino europeo consiste nel diritto di concorrere attivamente e passivamente, alle elezioni del Parlamento europeo e alle elezioni comunali dello Stato membro di residenza. Per ottenere il diritto di voto e di eleggibilità nello Stato membro di residenza sono richiesti i seguenti requisiti: la cittadinanza dell Unione, l a residenza nello Stato membro del luogo di voto o di candidatura, la conformità alle disposizioni dello Stato di residenza relative al diritto di voto e di eleggibilità ed applicabili ai propri cittadini. Il cittadino europeo può scegliere di esercitare il diritto di voto o di candidarsi per le elezioni del Parlamento europeo, nello Stato membro di residenza o in quello di origine, ma non può votare più di una volta né essere candidato in più di uno Stato membro nel corso delle stesse elezioni. > 3. Il diritto di petizione al Parlamento europeo Aventi diritto, campo di applicazione e ricevibilità Il diritto di presentare petizioni al Parlamento europeo è attribuito a qualsiasi cittadino dell UE e ad ogni persona fisica o giuridica che risieda o abbia la sede sociale in uno Stato membro. Le petizioni possono essere presentate individualmente o in associazione con altri cittadini. La materia oggetto della petizione deve rientrare nel campo di attività dell Unione e deve riguardare direttamente chi la scrive. I privati che vogliono presentare le loro petizioni al Parlamento europeo, possono indirizzarle direttamente, senza particolari formalità, al Parlamento europeo, al suo Presidente o ad uno dei suoi membri. Devono, comunque, menzionare il nome e cognome, la cittadinanza e il domicilio di ciascuno dei firmatari e devono essere redatte in una delle lingue ufficiali dell Unione europea. Le petizioni che soddisfano queste condizioni sono deferite alla Commissione per le petizioni che decide innanzi tutto se la petizione è ricevibile. 7

8 Istruzione della petizione La Commissione per le petizioni invita la Commissione europea a fornirle informazioni pertinenti o il suo parere sui quesiti sollevati dal firmatario. La Commissione per le petizioni può altresì tenere udienze conoscitive o inviare propri membri in loco per l'accertamento dei fatti. Una volta raccolte tutte le informazioni disponibili, la petizione viene iscritta all'ordine del giorno di una riunione della Commissione per le petizioni, alla quale è invitata la Commissione. Quest'ultima prende posizione oralmente durante la riunione ed illustra la risposta scritta ai quesiti sollevati nella petizione. Nel corso della stessa, i membri della commissione per le petizioni hanno l'occasione di porre dei quesiti al rappresentante della Commissione. Conclusione Se la petizione riguarda un caso particolare che richiede un approccio individuale, la Commissione può mettersi in contatto con le autorità competenti, iniziativa che può permettere la soluzione del caso specifico. Se la petizione riguarda un caso di interesse generale - se, ad esempio, la Commissione constata una violazione della legislazione europea - essa può avviare una procedura d'infrazione che può concludersi con una sentenza della Corte di giustizia, della quale potrà avvalersi il firmatario. La petizione può dar luogo a un'iniziativa politica del Parlamento o della Commissione. > 4. Il diritto di sporgere denuncia al Mediatore europeo Il Mediatore europeo é abilitato a ricevere ed esaminare le denunce riguardanti casi di cattiva amministrazione nell'azione delle Istituzioni o degli organi dell Unione, ad esclusione della Corte di Giustizia e del Tribunale di primo grado nell'esercizio delle loro funzioni giurisdizionali. Possono sporgere denuncia al Mediatore europeo: i cittadini di uno Stato membro dell'unione europea e le persone residenti in uno Stato membro 8

9 le imprese, le associazioni e altri soggetti che abbiano sede nell'unione europea. Per cattiva amministrazione si intendono quei casi nei quali un istituzione o un organismo dell Unione non opera secondo la legge o non rispetta i principi di buona amministrazione, o viola i diritti umani (es: discriminazioni, abuso di potere, mancanza di risposta, rifiuto d informazione, ritardi ingiustificati). Esito della denuncia Nel caso in cui accerti un caso di cattiva amministrazione, il Mediatore ne investe l istituzione interessata, che dispone di tre mesi per rispondere alle contestazioni. All esito della procedura, il Mediatore trasmette una relazione al Parlamento europeo e all istituzione interessata, informando il denunciante del risultato dell indagine. > L INIZIATIVA LEGISLATIVA DEI CITTADINI Il Trattato di Lisbona ha introdotto l iniziativa dei cittadini che consente ad almeno un milione di cittadini, di un numero significativo di Stati membri, di invitare la Commissione a presentare una proposta legislativa in una qualsiasi materia di competenza dell Unione, permettendo in tal modo ai cittadini di impegnarsi attivamente nella vita politica dell Unione. La prima proposta d'iniziativa dei cittadini europei ad aver raggiunto il milione di firme, la soglia minima necessaria, è L acqua è un bene comune, non una merce!. La proposta mira a far si che l acqua e i servizi igienico-sanitari siano un riconosciuti diritto fondamentale nell UE. > 9

10 Appendice Oltre ai diritti strettamente connessi alla cittadinanza europea si forniscono degli esempi su cosa significhi e implichi, nei vari settori della vita quotidiana, ESSERE CITTADINI EUROPEI - FAMIGLIA E SOCIALE I diritti e i doveri di una coppia e dei genitori verso i figli, esistono programmi e reti per le pari opportunità e una previdenza sociale a livello europeo. La Carta dei diritti fondamentali dell'unione Europea riconosce il diritto di costituire una famiglia secondo le leggi nazionali che ne disciplinano l'esercizio e garantisce la protezione della famiglia sul piano giuridico, economico e sociale. - SALUTE E BENESSERE La salute è una priorità per i cittadini europei. Le azioni dell Ue sono rivolte a rispondere in modo efficace alle minacce sanitarie, contribuire alla prevenzione delle malattie e promuovere la cooperazione tra i sistemi sanitari. Esistono portali e programmi dedicati a salute e benessere, alla sicurezza dei giocattoli, alle cure sanitarie. - GIUSTIZIA E SICUREZZA L'Unione Europea è uno spazio libero dove viaggiare, lavorare e vivere secondo regole comuni che riguardano i diritti fondamentali, la cittadinanza dell'unione, la libertà di circolazione delle persone, l'asilo e l'immigrazione, la politica dei visti, la gestione delle frontiere esterne, la cooperazione fra autorità di polizia, giudiziarie e doganali degli Stati membri. - STUDIARE ISTRUZIONE E FORMAZIONE CONTINUA Un istruzione e formazione professionale di elevata qualità sono fondamentali per consentire all Europa di affermarsi come società della conoscenza e competere in maniera efficace nell economia globalizzata. La politica in materia di istruzione è decisa dai singoli paesi dell Ue, ma insieme essi fissano gli obiettivi comuni e condividono le migliori pratiche. 10

11 FORMAZIONE PROFESSIONALE La formazione professionale riveste un ruolo chiave per permettere ai cittadini di acquisire le capacità, le conoscenze e le competenze necessarie in una economia basata sulla conoscenza. L Unione finanzia numerosi programmi che consentono ai cittadini europei di migliorare il proprio grado di preparazione effettuando studi o seguendo una formazione professionale in un altro Paese. UNIVERSITÀ E RICERCA I tre poli del triangolo della conoscenza sono rappresentati da istruzione, ricerca e innovazione. Modernizzare e favorire la crescita qualitativa delle università e delle attività di ricerca vuol dire investire nel futuro dell'europa. L Ue contribuisce alla realizzazione di questi obiettivi con iniziative come il programma Erasmus, i programmi per la ricerca e lo sviluppo tecnologico. STAGE E TIROCINI L Unione europea è formata da organi, istituzioni e agenzie dislocati negli Stati membri. I cittadini europei hanno la possibilità di conoscere da vicino il funzionamento di tali strutture grazie alle opportunità di stage messe a disposizione durante l anno. Potranno così intraprendere esperienze per completare i percorsi di studio e per avviare in ottica multiculturale le proprie carriere professionali. MULTILINGUISMO L Ue incoraggia il multilinguismo che rappresenta uno dei principi fondamentali sin dall inizio del processo di integrazione. La coesistenza armoniosa di molte lingue in Europa è un simbolo forte dell aspirazione dell Unione a essere unita nella diversità, uno dei fondamenti del progetto europeo. L Unione europea ha 23 lingue ufficiali e di lavoro. - LAVORARE E FARE IMPRESA OPPORTUNITÀ PER IL LAVORO L'Europa deve creare i posti di lavoro necessari per un economia dinamica e basata sulla conoscenza. Gli orientamenti pluriennali per l occupazione, adottati di comune accordo dagli Stati membri, definiscono obiettivi comuni e individuali delle politiche occupazionali di ogni Paese e gli investimenti necessari per aiutare l Unione a stare al passo con i cambiamenti. 11

12 OPPORTUNITÀ PER LE IMPRESE Le piccole e medie imprese (Pmi) sono una componente essenziale dell economia e dell industria europee e l Unione fornisce loro assistenza sotto forma di sovvenzioni, prestiti e garanzie. Sono 23 milioni le Pmi sul territorio dell Unione europea, costituendo pertanto una fonte essenziale di crescita, competenze, innovazione, coesione economica e sociale. RICERCA INNOVAZIONE E SVILUPPO La crescita economica e la creazione di posti di lavoro non possono prescindere dalle politiche e dalle strategie in termini di ricerca e sviluppo. Per fare dell Unione europea un economia della conoscenza di livello mondiale, è necessario investire sempre di più in ricerca e sviluppo e rimanere all avanguardia nel settore della tecnologia e dell innovazione. - VIAGGIARE TURISMO Il turismo è un settore chiave dell economia europea capace di generare più del 5% del prodotto interno lordo Ue, con circa 1,8 milioni di imprese che impiegano oltre il 5% della forza lavoro europea (approssimativamente 9,7 milioni di posti di lavoro). Il Trattato di Lisbona riconosce l importanza del turismo e delinea specifiche competenze dell Unione in questo settore. TRASFERIRSI Trasferirsi in un altro Paese dell Unione per studiare o lavorare non è un problema. Molteplici gli aspetti che possono interessare chi compie questa scelta: dalle politiche dell Ue in materia di libera circolazione di persone, merci servizi e capitali, alle opportunità offerte negli Stati membri, dal diritto di voto da parte di chi risiede all estero alle procedure da seguire per trasferire un veicolo. - AMBIENTE E NATURA Tutela della qualità dell aria e dell acqua, conservazione delle risorse e della biodiversità, riduzione dei problemi sanitari causati dall inquinamento e gestione più responsabile delle 12

13 risorse naturali. L Europa difende l ambiente e così facendo aiuta la crescita economica promuovendo l innovazione e l'imprenditorialità. - ARTE E CULTURA L Europa è espressione della diversità culturale. Ma le industrie culturali sono anche importanti fonti di reddito e di posti di lavoro. L Ue sostiene le iniziative a protezione del comune patrimonio culturale europeo, promuove programmi a favore delle industrie culturali, incoraggiandole a cogliere le opportunità offerte dal Mercato unico e dalle tecnologie digitali. > Per avere più informazioni sull Unione europea si invita a consultare la Agenda per gli insegnanti - A scuola d'europa, una pubblicazione realizzata dal Dipartimento Politiche Europee ed indirizzata ad alunni ed insegnanti. > 13

20 anni di cittadinanza europea

20 anni di cittadinanza europea 20 anni di cittadinanza europea Nel 2013 ricorre il ventesimo anniversario della cittadinanza dell Unione, istituita dal Trattato di Maastricht, entrato in vigore il 1 novembre 1993. I diritti connessi

Dettagli

Anno Europeo dei. Rita Sassu Europe for Citizens Point

Anno Europeo dei. Rita Sassu Europe for Citizens Point Anno Europeo dei Cittadini 2013 Rita Sassu Europe for Citizens Point Base giuridica Decisione n. 1093/2012/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 21 novembre 2012 Basata sulla Proposta della Commissione

Dettagli

Trattato di Maastricht.

Trattato di Maastricht. Trattato di Maastricht. Il trattato sull'unione segna una nuova tappa nell'integrazione europea poiché consente di avviare l'integrazione politica. L'Unione europea da esso creata comporta tre pilastri:

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

Prof. Luigi Daniele e dott. Roberto Cisotta

Prof. Luigi Daniele e dott. Roberto Cisotta Prof. Luigi Daniele e dott. Roberto Cisotta Il caso Dano: il quadro giuridico (I) Assistenza sociale: bisogno come criterio essenziale di applicazione e per l erogazione delle relative prestazioni non

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le politiche europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le politiche europee Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le politiche europee Cittadinanza europea: riferimenti normativi 1950 - Convenzione di Roma Richiamandosi espressamente ai principi supremi enunciati

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

LA REVISIONE DEI TRATTATI. Articolo 48 TUE

LA REVISIONE DEI TRATTATI. Articolo 48 TUE LA REVISIONE DEI TRATTATI Articolo 48 TUE 1. I trattati possono essere modificati conformemente a una procedura di revisione ordinaria. Possono inoltre essere modificati conformemente a procedure di revisione

Dettagli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli

Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Convenzione europea sull esercizio dei diritti dei fanciulli Approvata dal Consiglio d Europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 e ratificata dall Italia con la legge 20 marzo 2003 n. 77 Preambolo Gli Stati

Dettagli

Politiche europee per i giovani

Politiche europee per i giovani Politiche europee per i giovani Roma, 25 maggio 2011 Natalja Montefusco della Commissione europea Base giuridica: Trattato di Lisbona Articolo 165 (ex articolo 149 del TCE) L'azione dell'unione è intesa

Dettagli

I diritti di cittadinanza europea:

I diritti di cittadinanza europea: I diritti di cittadinanza europea: quadro delle opportunità Milano, 8 aprile 2014 Massimo Persotti Ufficio stampa e comunicazione Dipartimento Politiche Europee m.persotti@palazzochigi.it Cosa fa il Dipartimento

Dettagli

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a presentare proposte EACEA 29/2015 : Sostegno a favore di progetti di cooperazione europei Attuazione del regime del sottoprogramma Cultura Europa

Dettagli

Roma, 8 novembre 2010. Silvia Vaccaro Centro Nazionale Europass Italia

Roma, 8 novembre 2010. Silvia Vaccaro Centro Nazionale Europass Italia La mobilità europea dei giovani per motivi di studio e di lavoro: risorsa per lo sviluppo delle competenze, l'inserimento nel mercato del lavoro e l'integrazione sociale Roma, 8 novembre 2010 Silvia Vaccaro

Dettagli

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004 Il diritto comunitario del lavoro 27 gennaio 2004 Di Seri 1 Nozione Con il termine diritto comunitario si fa riferimento al complesso normativo costituito dai trattati istitutivi delle tre Comunità Europee

Dettagli

TESSERA PROFESSIONALE EUROPEA. Articoli da 4 bis a 4 sexies

TESSERA PROFESSIONALE EUROPEA. Articoli da 4 bis a 4 sexies Dipartimento per le Politiche Europee Ufficio per la Cittadinanza Europea, il Mercato Interno e gli Affari Generali Servizio mercato interno I TESSERA PROFESSIONALE EUROPEA Articoli da 4 bis a 4 sexies

Dettagli

AVVISO DI POSTO VACANTE ECA/2015/JUR. 2 posti di giurista Gradi AD 8 - AD 9 Servizio giuridico Presidenza

AVVISO DI POSTO VACANTE ECA/2015/JUR. 2 posti di giurista Gradi AD 8 - AD 9 Servizio giuridico Presidenza Risorse umane Assunzioni e sviluppo della carriera AVVISO DI POSTO VACANTE ECA/2015/JUR 2 posti di giurista Gradi AD 8 - AD 9 Servizio giuridico Presidenza CHI SIAMO La Corte dei conti europea è l istituzione

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME)

Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Programma volto a migliorare la competitività delle imprese e in particolare delle PMI (2014-2020) (COSME) Obiettivo Il passaggio dalla programmazione 2007-13 a quella 2014-2020 porterà molti cambiamenti

Dettagli

Il lavoro e la mobilità nello spazio europeo. Percorso formativo 2011 Provincia di Bergamo

Il lavoro e la mobilità nello spazio europeo. Percorso formativo 2011 Provincia di Bergamo Il lavoro e la mobilità nello spazio europeo Percorso formativo 2011 Provincia di Bergamo LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CITTADINI UE NELL UNIONE EUROPEA Art. 45 Tfue La libera circolazione dei lavoratori

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA

PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Ambito 1 Linea 3 Azioni a supporto della partecipazione ai programmi comunitari a gestione diretta e al lavoro in rete Erasmus

Dettagli

L'Europa alla portata di tutti: informazioni e consigli per vivere, lavorare e viaggiare nell'unione europea

L'Europa alla portata di tutti: informazioni e consigli per vivere, lavorare e viaggiare nell'unione europea L'Europa alla portata di tutti: informazioni e consigli per vivere, lavorare e viaggiare nell'unione europea Avv. Ernesto Razzano L.L.M. European Law College of Europe Esperto legale per l Italia La Tua

Dettagli

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE [PIÙ BENEFICIARI] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione

Dettagli

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA Perché si parla di libera circolazione dei lavoratori e delle persone? Sono due aspetti distinti? Al momento della sua nascita,

Dettagli

Anno europeo dei cittadini (2013) La cittadinanza europea a livello locale e regionale

Anno europeo dei cittadini (2013) La cittadinanza europea a livello locale e regionale Nota informativa Anno europeo dei cittadini (2013) La cittadinanza europea a livello locale e regionale Il presente documento offre una prima introduzione all'anno europeo dei cittadini 2013, di cui esamina

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI. Art. 77 TFUE

REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI. Art. 77 TFUE REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI Art. 77 TFUE 1. L'Unione sviluppa una politica volta a: b) garantire il controllo delle persone e la sorveglianza efficace dell'attraversamento delle

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 Il Background del Programma LLP Dichiarazione di Bologna (1999): costruzione di uno spazio europeo dell istruzione superiore Consiglio di Lisbona (2000):

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! I programmi comunitari 2014-2020 Modalità Strumenti Programmi UE Gestione diretta a finanziamento diretto 4 Strumenti geografici IPA ENI PI DCI Assistenza

Dettagli

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Milano, 18 gennaio 2013 1 NORMATIVA RELATIVA ALLA SOLIDARIETA, AL BENESSERE DEGLI STUDENTI E ALL AUTONOMIA DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI L. 285/97 relativa

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo)

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Art. 1 L iscrizione 1. Tutti possono chiedere l iscrizione all ANPI, alle condizioni previste dallo Statuto

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica 2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica L educazione alla cittadinanza democratica (EDC) è il risultato di un dibattito che nasce da diverse problematiche: il basso livello di partecipazione alle

Dettagli

Oggetto: Istanza d interpello. Fondazione X. Acquisizione della qualifica di ONLUS. Partecipazione di enti pubblici e società commerciali.

Oggetto: Istanza d interpello. Fondazione X. Acquisizione della qualifica di ONLUS. Partecipazione di enti pubblici e società commerciali. RISOLUZIONE N.164/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 dicembre 2004 Oggetto: Istanza d interpello. Fondazione X. Acquisizione della qualifica di ONLUS. Partecipazione di enti pubblici

Dettagli

Le istituzioni politiche dell Unione europea. Le funzioni delle istituzioni politiche CONSIGLIO EUROPEO

Le istituzioni politiche dell Unione europea. Le funzioni delle istituzioni politiche CONSIGLIO EUROPEO Le istituzioni politiche dell Unione europea Le funzioni delle istituzioni politiche Riflettono il loro carattere rappresentativo delle istanze che coesistono nell UE Il centro nevralgico dell Unione europea

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca Piazza Roma, 1 55031 CAMPORGIANO (Lucca) Telefono (0583) 618888/9 Fax n. (0583) 618433 Questa guida vuole essere d aiuto ai tanti cittadini comunitari che, alle

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

RESIDENTI DI LUNGO PERIODO

RESIDENTI DI LUNGO PERIODO RESIDENTI DI LUNGO PERIODO Direttiva 2003/109 sui c.d. residenti di lungo periodo # si occupa della condizione giuridica di un soggetto residente (in maniera continuativa e regolare) da almeno cinque anni

Dettagli

Newsletter: Maggio Luglio 2014

Newsletter: Maggio Luglio 2014 Newsletter: Maggio Luglio 2014 ORDINE EUROPEO DI INDAGINE PENALE Direttiva 2014/41/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 aprile 2014 relativa all ordine europeo di indagine penale, pubblicata

Dettagli

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015 POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Linea 3 - Ambito 1 Azioni a supporto della partecipazione ai programmi comunitari a gestione diretta e al lavoro in

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche europee Ufficio per la Cittadinanza europea, il Mercato interno e gli Affari generali Servizio II Mercato interno I REGIME GENERALE DI

Dettagli

2.6. Organizzazioni non governative

2.6. Organizzazioni non governative 2.6. Organizzazioni non governative L espressione ONG è stata introdotta per la prima volta in un trattato internazionale dall articolo 71 della Carta delle Nazioni Unite, che prevede la possibilità del

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

IL NUOVO TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA (TUE)

IL NUOVO TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA (TUE) LE MODIFICHE DEL TRATTATO DI LISBONA AL SISTEMA UE PROF.SSA MARIA TERESA STILE Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda.

La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. Ambienti di lavoro sani e sicuri Lavoriamo insieme per la prevenzione dei rischi www.healthy-workplaces.eu INVITO

Dettagli

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a formulare proposte

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a formulare proposte EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a formulare proposte EACEA 46/2014: Progetti di traduzione letteraria Attuazione dei progetti del sottoprogramma Cultura: progetti di traduzione

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013 CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Roma, 23 dicembre 2013 OGGETTO: Le nuove disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. Adempimenti

Dettagli

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Programma UE LIFE 2014-2020 Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Regolamento UE n. 1293/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 dicembre 2013 istituisce il Programma per l ambiente

Dettagli

CAPO I BENI, FONDI, AVERI E OPERAZIONI DELL UNIONE EUROPEA

CAPO I BENI, FONDI, AVERI E OPERAZIONI DELL UNIONE EUROPEA f) Il Comitato economico e sociale ha sede a Bruxelles. g) Il Comitato delle regioni ha sede a Bruxelles. h) La Banca europea per gli investimenti ha sede a Lussemburgo. i) la Banca centrale europea ha

Dettagli

L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 *

L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 * L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 * di Sabino Cassese (Professore ordinario, Facoltà di Giurisprudenza, Università La Sapienza, Roma) 1 luglio 2002 Sommario 1. Premessa 2. Il nuovo

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

(Atti legislativi) DECISIONI

(Atti legislativi) DECISIONI 23.11.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 325/1 I (Atti legislativi) DECISIONI DECISIONE N. 1093/2012/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 novembre 2012 relativa all anno europeo

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Iscritta presso il Ministero della Giustizia al n. 234 del Registro degli Organismi di Mediazione Programma CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN DIRITTO COMUNITARIO EUROPEO Direzione scientifica: Avv. Andrea Sirotti

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

Comunicazioni e informazioni

Comunicazioni e informazioni Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 433 A Edizione in lingua italiana Comunicazioni e informazioni 58 o anno 23 dicembre 2015 Sommario V Avvisi PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Corte dei conti 2015/C 433

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE NELL UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA ALIMENTARE NELL UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA ALIMENTARE NELL UNIONE EUROPEA Che cosa si intende per sicurezza alimentare? Con questo termine si intendono tutte quelle politiche e quelle strategie messe in atto dall'unione al fine di

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

Ingresso e soggiorno in Europa

Ingresso e soggiorno in Europa Ingresso e soggiorno in Europa CH-4501 Soletta Dornacherstrasse 28A Casella postale 246 Telefono 032 346 18 18 Telefax 032 346 18 02 info@ch-go.ch www.ch-go.ch Indice Introduzione... 3 1. Entrata in Europa...

Dettagli

Persone fisiche e giuridiche aventi sede: - negli Stati Membri dell'u.e., - negli Stati associati al programma e il Centro Comune di Ricerca.

Persone fisiche e giuridiche aventi sede: - negli Stati Membri dell'u.e., - negli Stati associati al programma e il Centro Comune di Ricerca. 5FP - 5 Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico OGGETTO Decisione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 22 dicembre 1998 relativa al 5 Programma Quadro comunitario di finanziamento a favore

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997 Camera dei Deputati 1 Senato della Repubblica CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XII N. 76 RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO APPROVATA NELLA SEDUTA DI VENERDÌ 13 DICEMBRE 1996 Risoluzione sui diritti delle persone

Dettagli

Diritto all informazione e accesso ai documenti delle Istituzioni, degli organi e agenzie dell UE

Diritto all informazione e accesso ai documenti delle Istituzioni, degli organi e agenzie dell UE Diritto all informazione e accesso ai documenti delle Istituzioni, degli organi e agenzie dell UE Isolde Quadranti Università degli Studi di Verona Centro di documentazione europea Diritto all informazione

Dettagli

LIBERA CIRCOLAZIONE CITTADINI UE E FAMILIARI

LIBERA CIRCOLAZIONE CITTADINI UE E FAMILIARI LIBERA CIRCOLAZIONE CITTADINI UE E FAMILIARI Art. 20 TFUE (ex art. 17 TCE) Art. 21 TFUE (ex art. 18 TCE) Carta dei Diritti fondamentali dell Unione europea (adottata a Nizza il 7 dicembre 2000) riconosce

Dettagli

Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale

Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 319 22.11.2013 Ritenute su royalties corrisposte a non residenti Sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale Categoria: Imposte dirette

Dettagli

LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE

LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE NELL UNIONE EUROPEA Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse

Dettagli

L'Europa della mobilità per studio e lavoro. Digital Agenda La Guida WIKI

L'Europa della mobilità per studio e lavoro. Digital Agenda La Guida WIKI L'Europa della mobilità per studio e lavoro Digital Agenda La Guida WIKI Firenze, 7 maggio 2011 Francesco Garza (CDE Università degli Studi di Milano) partendo da WikiCDE il Wiki dei CDE italiani http://www.wikicde.it/mediawiki/index.php/pagina_principale

Dettagli

COMUNICAZIONE AI MEMBRI

COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per le petizioni 27.05.2014 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 436/2012, presentata da Mark Walker, cittadino britannico, sulla consulenza legale transfrontaliera

Dettagli

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI

LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI LA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI La Banca europea per gli investimenti (BEI) promuove gli obiettivi dell'unione europea fornendo finanziamenti, garanzie e consulenza a lungo termine in relazione a

Dettagli

Glossario ANG. Apprendimento non formale: Youthpass:

Glossario ANG. Apprendimento non formale: Youthpass: Glossario ANG Apprendimento non formale: è l'apprendimento connesso ad attività pianificate ma non esplicitamente progettate come apprendimento (quello che non è erogato da una istituzione formativa e

Dettagli

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE AUSTRIA BELGIO CIPRO DANIMARCA ESTONIA FINLANDIA FRANCIA La pensione ordinaria è erogata al compimento del 60 anno di età

Dettagli

Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro

Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Prot. 40/26120 del 25/07/2013 Agli indirizzi in allegato OGGETTO: Applicazione delle agevolazioni contributive e assicurative riconoscibili

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA L UE è uno Stato, una confederazione, una federazione, un organizzazione internazionale? È un organizzazione internazionale dotata di ampi poteri che configurano cessioni

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

RELAZIONE MODIFICHE REGOLAMENTO PER

RELAZIONE MODIFICHE REGOLAMENTO PER COMUNE DI RIETI RELAZIONE MODIFICHE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLA CITTADINANZA ONORARIA E BENEMERITA - DISPOSIZIONE SPECIALE: CITTADINANZA ONORARIA IUS SOLI (dott.sa Stefania Mariantoni) 1 RELAZIONE

Dettagli

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA III REPARTO OPERAZIONI 2 Ufficio Operazioni

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA III REPARTO OPERAZIONI 2 Ufficio Operazioni COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA III REPARTO OPERAZIONI 2 Ufficio Operazioni N. 244771 di prot. Roma, 21 luglio 1998 OGGETTO: Protocollo d'intesa relativo ai rapporti di collaborazione tra Autorità

Dettagli

CONCORSO TANTE LINGUE, UNA SOLA EUROPA - Anno 2013 -

CONCORSO TANTE LINGUE, UNA SOLA EUROPA - Anno 2013 - CONCORSO TANTE LINGUE, UNA SOLA EUROPA - Anno 2013 - Europe Direct Frosinone, centro di informazione e comunicazione europea ospitato dalla Provincia di Frosinone ed appartenente alla rete Europe Direct,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani INNOVARE Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani STUDIARE TIROCINIO LAVORARE PARTECIPARE I TUOI DIRITTI APPRENDERE SPOSTARSI VOLONTARIO CREARE in EUROPA Né la Commissione europea né alcuna persona

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

La prestazione di servizi nell Unione europea

La prestazione di servizi nell Unione europea La prestazione di servizi nell Unione europea I servizi rappresentano il 70 per cento dell occupazione in Europa È necessario disciplinare questo importante e complesso settore con una normativa comune

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo

EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo EURES: strumento per favorire e migliorare la mobilità del lavoro europeo Puntare sul futuro Vivere e lavorare in un altro paese è un opportunità molto interessante per i cittadini europei di tutte le

Dettagli

MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007

MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007 Ass.N.A.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE ASSISTENTI SOCIALI MANIFESTO GIORNATA MONDIALE sul SERVIZIO SOCIALE Action Day 2007 L Ass.N.A.S.- Associazione Nazionale Assistenti Sociali intende dare, con questo documento,

Dettagli

Diritti umani ed etica professionale. Alarico Mariani Marini. Il Trattato di Lisbona ha posto l'avvocatura dinanzi a nuove e precise

Diritti umani ed etica professionale. Alarico Mariani Marini. Il Trattato di Lisbona ha posto l'avvocatura dinanzi a nuove e precise Diritti umani ed etica professionale Alarico Mariani Marini Il Trattato di Lisbona ha posto l'avvocatura dinanzi a nuove e precise responsabilità. Avere attribuito efficacia giuridica nel diritto europeo,

Dettagli

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Laura Baldadassarre Responsabile Advocacy Istituzionale Roma, 13 febbraio 2012 La Convenzione sui diritti dell infanzia Il Comitato ONU sui diritti

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Roma, 26/07/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Roma, 26/07/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 26/07/2013 Circolare n. 114 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli