I determinanti della salute

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I determinanti della salute"

Transcript

1 Scenari socio-sanitari dell immigrazione: demografia, salute, diritti Venezia, 21 gennaio 2014 Accessibilità e fruibilità dei servizi Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni I determinanti della salute Dahlgren G and Whitehead M (1991) 1

2 Gli immigrati in Italia QUANTI SONO GLI IMMIGRATI REGOLARMENTE PRESENTI IN ITALIA? ALMENO CIRCA QUASI OLTRE Gli immigrati in Italia QUANTI SONO GLI IMMIGRATI SENZA PDS IN ITALIA? meno di quelli regolari più o meno come i regolari più di quelli regolari 2

3 Il diritto a essere cittadini UN BAMBINO NATO IN ITALIA DA GENITORI STRANIERI (IN REGOLA) È ITALIANO? Appena nato Dopo 5 anni di residenza Dopo aver frequentato la scuola d obbligo Al compimento del 18esimo anno a determinate condizioni Mai Il profilo di salute dell immigrato QUALI SONO LE MALATTIE PIÙ FREQUENTI TRA GLI IMMIGRATI IN ITALIA? tb, hiv/aids, mst, m. da importazione nevrosi, psicosi, disagio psicologico gastrite, bronchite, traumi 3

4 Il diritto all assistenza GLI IMMIGRATI HANNO DIRITTO ALL ASSISTENZA SANITARIA IN ITALIA? Solo quelli in regola Solo quelli che lavorano Tutti i residenti: italiani e stranieri Solo chi paga le tasse Tutti i presenti più o meno temporaneamente Equità e diseguaglianze Ogni persona dovrebbe avere l opportunità di raggiungere il suo pieno potenziale di salute. dare a tutti pari opportunità Un sistema di salute equo non mira ad eliminare le differenze, ma a ridurre le diseguaglianze. Il termine diseguaglianza si riferisce a differenze evitabili e non necessarie, quindi ingiuste il termine disuguaglianza ha una dimensione morale ed etica e politica soprattutto se parliamo di accesso ai servizi socio assistenziali e sanitari 4

5 Popolazione nel mondo - oggi 5

6 Popolazione nel mondo Over 65 6

7 nascite Spesa sanitaria pubblica 7

8 Presenza medici Povertà 8

9 Donne analfabete Diabete 9

10 Tubercolosi Prevalenza Hiv/Aids 10

11 Casi di malaria Mortalità materna 11

12 Morti prevenibili Mortalità neonatale 12

13 SCENARI Immigrazione in Italia: numero totale e trend all inizio 2013 (x 1.000) 1973: primo saldo migratorio positivo 1970: (ec 39%) 1980: (ec 66%) 1990: (ec 81%) 2002: (ec 89%) 2004: (ec 90%) 2006: (ec 79%) 2009: (ec 71%) 2010: stima 2011: stima 2012: stima 2013: stima Società Italiana di Medicina delle Migrazioni In rosso anni delle sanatorie-regolarizzazioni ; in verde decreti flussi Barre rosse Leggi sull immigrazione Nostra elaborazione su dati Istat SIMM 13

14 Parole chiave dell immigrazione è un fenomeno eterogeneo dinamico in evoluzione strutturale necessario Ripartizione territoriale per regioni Nord 61,8% Centro 24,2% Meridione 14,0% (stima Dossier) Immigrati regolari stimati Totale: circa l 8,6% della popolazione Altri Campania Marche Sicilia Liguria Friuli Venezia Giulia Umbria Puglia Abruzzo Calabria Trento Bolzano Sardegna Basilicata Valle d'aosta Molise Immigrazione Dossier Statistico UNAR/IDOS,

15 Continenti di provenienza (stima Dossier) Immigrazione Dossier Statistico UNAR/IDOS, 2013 Crescente tendenza alla stabilità (2012) Soggiornanti di lungo periodo: 54,3% 62,7% del totale Acquisizioni di cittadinanza: 65mila nel 2012 e nel periodo il 12,8% del totale 10% popolazione residente Minori: oltre 1 milione, di cui non comunitari e almeno 250mila comunitari (Stima Dossier) Nuovi nati in Italia: (14,9% di tutti nati nell anno) 22% dei nuovi nati 26,6% di minori stranieri Iscritti a scuola: (8,8% del totale), il 47,2% dei quali nato in Italia Matrimoni misti: (8,8% del totale) Immigrazione Dossier Statistico UNAR/IDOS,

16 Motivi della presenza stranieri inizio 2013 Iscrizione volontaria Motivi nuovi ingressi Lavoro Famiglia Altro Totale Circa 93% SSN Salvatore Geraci, Roma

17 Immigrazione in Italia I migranti sono un importante risorsa per l Europa e l Unione Europea ha bisogno di loro. Loro contribuiscono allo sviluppo demografico ed economico. Dal Documento conclusivo della Conferenza di Lisbona HEALTH AND MIGRATION IN THE UE Better Health for all in an inclusive society Presidenza del Consiglio d Europa, 2007 Tasso di fecondità in Italia dal 1991 al 2012 (indice sostituzione: 2,1) Tasso italiane: 1,29 (1,24/2008) Tasso immigrate 2,37 (2,65/2008) 1,42 1,19 Età media al parto: italiane 32,0 aa straniere 28,4 aa Nostra elaborazione su dati Istat, Roma

18 Nascite in Italia Nel 2004 : nati ( decessi) SALDO NATURALE +: Nel 2007 : nati ( decessi) SALDO NATURALE -: Nel 2008 : nati ( decessi) SALDO NATURALE -: Nel 2009 : nati ( decessi) SALDO NATURALE -: - Nel : nati ( decessi) SALDO NATURALE -: dato arrotondato Nostra elaborazione su dati Istat, Roma 2013 Piramidi dell età Istat,

19 In Italia: costi e benefici dell immigrazione (2011) Entrate pubbliche* 13,3 miliardi di euro Spesa pubblica** 11,9 miliardi di euro SALDO: +1,4 miliardi di euro * contributi previdenziali, gettito Irpef, imposte su consumi e oli, altre tasse, costo dei permessi di soggiorno. ** sanità, scuola, servizi sociali, casa, integrazione, giustizia, contrasto all irregolarità, sicurezza sociale. Immigrazione Dossier Statistico UNAR/IDOS, 2013 Gli effetti sull economa e l effetto delle politiche Pur contribuendo allo sviluppo economico e sociale (> 10% del Pil), sono spesso discriminati, non hanno pari opportunità, sono visti con diffidenza sempre a rischio di precarietà Effetto entrata dall irregolarità alla regolarità Effetto uscita dalla regolarità all irregolarità Migrazione Circolare saldi stabili ma persone diverse 19

20 Italia, paese d asilo (Ministero dell Interno e UNHCR) Oltre mezzo milione di domande dal 1950 ad oggi Oggi in Italia circa rifugiati riconosciuti Gli Sbarchi Anno persone sbarcate domande d asilo Anno 2013 (gennaio 30 novembre) circa 700 morti persone sbarcate 35% a Lampedusa (la maggior parte necessitano di protezione internazionale) Soprattutto siriani, eritrei e somali 21% donne minori di cui il 62,5% non accompagnati Soprattutto siriani, egiziani, somali e eritrei In Italia i rifugiati sono circa lo 0,1% sulla popolazione. Tra gli altri Paesi europei la Germania ha lo 0,7% di rifugiati, la Francia il 0,3%, il Regno Unito lo 0,2%, la Svezia l 1% e Malta il 2%. 20

21 Migrazioni La clandestinità Percezione sovrastimata Semplificazioni ideologiche Soluzioni grossolane e pericolose 21

22 Stima percentuale degli stranieri illegalmente presenti in Italia secondo diverse valutazioni e incidenza percentuale delle regolarizzazioni avviate negli anni 1990, 1995 e 1998 e 2009 e con altri modelli messi a punto dall Università di Milano Si può indicare dal 10% al 18% dei regolari 60 s.g. 50 per 100 presenti %illegali %regolarizz Fonte: Strozza, 2003; Blangiardo, 2005 e 2010 La pressione dai Paesi a forte pressione migratoria risulta in fase di diminuzione,anche per effetto dei provvedimenti di regolarizzazione del 2002 (704 mila domande) e del 2009 (295 mila domande) e, indirettamente, della programmazione delle quote. Vedi in Documenti, area Dossier: immigrazione Espulsi Respinti Oggi presenza di circa il 10% 22

23 Circa regolarizzati in 26 anni nei flussi in 3 anni Immigrati irregolari e regolari: le stesse persone! 23

24 Accessibilità e fruibilità SSN Determinanti di salute relativi al fenomeno migratorio in Italia Situazione prima della partenza selezione - esposizione Accoglienza, Integrazione ostilità, discriminazione Profilo Consapevolezza di salute dell immigrato di un proprio in Progetto Italia migratorio Percorso Migratorio in alcuni casi degrado acuto Dal 1988 ad oggi: circa morti Durante il 2011: circa Durante il 2013: circa 700 Salvatore Geraci, Roma 2013 La Medicina delle Migrazioni oggi AUMENTO ACCESSIBILITA Riduzione differenza indicatori salute materno infantili Aumento ricoveri in DH Riduzione tassi AIDS, riduzione ricoveri tb e stabilizzazione tassi... AUMENTO FRAGILITA SOCIALE Forte incidenza incidenti sul lavoro (anche mortali) 16,7% Tassi IVG 3-5 volte maggiori delle italiane Alta percentuale di ricoveri impropri... TRANSIZIONE EPIDEMIOLOGICA da malattie acute a cronico-degenerative Alto rischio di disuguaglianze Salvatore Geraci, Roma

25 Società Italiana di Medicina delle Migrazioni Diritto di I generazione Diritto di II generazione Diritto alla assistenza sanitaria Organizzazione Diritto alla tutela dell assistenza della salute Costituzione Legge 833 del Italiana 1978 Istituzione del SSN Il passaggio dal Diritto enunciato alla quotidianità è condizionato da vari fattori: situazioni socio-economiche, scelte politicheprogrammatiche, capacità di organizzazione dei cittadini per dar voce ai propri diritti, Capita che le società sotto shock si rassegnino a perdere cose che altrimenti avrebbero protetto con le unghie e con i denti Naomi Klein 25

26 Sull immigrazione non comunitaria, in Italia politiche sanitarie inclusive Per gli Stranieri dal 1995 l Italia ha scelto politiche sanitarie inclusive in un ottica di tutela sanitaria senza esclusioni. Ciò ha avuto l espressione più alta nelle normative, tuttora in vigore, emanate con la legge 286 del 1998 e documenti collegati. Quasi la totalità di coloro che sono regolarmente presenti, iscritti obbligatoriamente (circa 95%) o volontariamente (circa 4%) al SSN L impianto normativo attuale per Stranieri Legge 6 marzo 1998, n. 40 (Legge Turco-Napolitano) Disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero Articoli sanitari: 32, 33 e 34 D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286 Testo Unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero Articoli sanitari: 34, 35 e 36 D.P.R. 31 agosto 1999 Regolamento recante le norme d attuazione del Testo Unico... Articoli sanitari: 42, 43 e 44 Circolare Ministro Sanità n 5 del 24 marzo 2000 Indicazioni applicative del Decreto Legislativo 25 luglio 1998, n. 286 Società Italiana di Medicina delle Migrazioni 26

27 L impianto normativo attuale: cittadini non comunitari Stranieri È stato costruito un corpo giuridico coerente e moderno con una chiara volontà di inclusione ordinaria degli stranieri nel sistema di tutela della salute di tutti i cittadini e di intercettare il bisogno e la domanda di salute anche dei soggetti ai margini del sistema. Salvatore Geraci, Roma 2000 Sulla presenza comunitaria, in Italia politiche sanitarie incerte Per i Comunitari il riferimento è ai Trattati, dal 2007 applicazione in ambito sanitario con il recepimento di una Direttiva del 2004 Libertà di circolazione in Unione Europea e tutela sanitaria per non condizionare i viaggi (TEAM). Indicazioni europee univoche per sistemi sanitari diversi. Diversità di trattamento tra migranti fragili STP e ENI Ratifica direttiva per assistenza sanitaria transfrontaliera 27

28 L impianto normativo attuale per Comunitari D.lgs n 30/07 Attuazione della direttiva 2004/38/CE relativa al diritto dei cittadini dell Unione e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri Nota del Ministero dell Interno 18 luglio 2007 Decreto legislativo 6 febbraio 2007 n. 30. Diritto di libera circolazione e di soggiorno dei cittadini dell Unione e dei loro familiari Circolare del Ministero della Salute 3 agosto 2007 Diritto di soggiorno per i cittadini comunitari- direttiva e Dlgs n. 30 del 2007 Circolare del Ministero della Salute 19 febbraio 2008 Precisazioni concernenti l assistenza sanitaria ai cittadini comunitari dimoranti in Italia Nota del Ministero della Salute 29 aprile 2010 Nuovi regolamenti comunitari di sicurezza sociale Principi generali e principali innovazioni Società Italiana di Medicina delle Migrazioni Accordo tra Governo, Regioni e Province autonome sul Documento: Indicazioni per la corretta applicazione della normativa per l assistenza sanitaria alla popolazione straniera da parte delle Regioni e province autonome (Atti n. 255/CSR ) 28

29 Oltre 700 documenti caricati. Circa 500 link verso rapporti, articoli, materiale documentativo vario e verso altri siti utili. Link con i vari GrIS Da una idea dell Osservatorio Italiano sulla Salute Globale e con la collaborazione della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni 29

30 Le fonti di documenti & dati Parte dedicata agli immigrati: Sezione Rapporti (salute immigrati) Non pensavo mai di ammalarmi così, eppure la tubercolosi nel mio paese è conosciuta, di questa malattia si pensa molto male, è per gente povera ; quando mi sono accorto di avere questa malattia mi sono sentito una persona la più disgraziata ; questa malattia si prende pure per la preoccupazione, si perde l appetito, è una È la mancanza del permesso di soggiorno, La polizia ti trova e ti manda via (un ragazzo peruviano di 25, da tre anni in Italia) Salvatore Geraci, Roma

31 Grazie Salvatore Geraci Via Marsala, Roma Tel fax e mail: Scenari socio-sanitari dell immigrazione: demografia, salute, diritti Venezia, 21 gennaio 2014 Accessibilità e fruibilità dei servizi Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni 31

32 32

33 Presentazione 28 gennaio a Roma Principali nodi per l utilizzo del SSN Variabili che condizionano l accesso Barriere nell accesso Barriere nella fruibilità S. Geraci,

34 Principali nodi per l utilizzo del SSN Garanzia del diritto alla salute Sussistenza del diritto all assistenza sanitaria Consapevolezza di questi diritti Effettivo esercizio del diritto S. Geraci, 1997 Barriere nell accesso ai servizi Barriere giuridico - legali Barriere economiche Burocratico - amministrative Barriere organizzative Barriere comportamentali S. Geraci,

35 Barriere nella fruibilità delle prestazioni Difficoltà comprensione linguistica Difficoltà comunicative Difficoltà interpretative Atteggiamenti e comportamenti S. Geraci, 1997 Il modello una rete Nazionale di condivisione e di proposte 35

36 Riorientamento dei servizi sanitari (in ordine di priorità come definito lavori O.N.P.I. del CNEL - anno 2000) Formazione del personale Lettura dei bisogni Lettura della domanda Organizzazione dei servizi Flessibilità dell'offerta Lavoro multidisciplinare Lavoro di rete Ri-letto e re-interpretato SIMM-ISS-Regioni 2010 S. Geraci, 2011 COMPETENZE STATO O REGIONI: UN PENDOLO DI POSSIBILE AMBIGUITÀ Politica sull immigrazione e l asilo Competenza esclusiva dello Stato Competenza concorrente tra Stato e Regioni Politica sull assistenza sanitaria Si costruiscono competenze, percorsi e norme differenti tra le varie realtà territoriali Lo Stato guarda indifferente o interviene pesantemente Bonciani M., Geraci S., Martinelli B.,

37 Il modello una rete di reti Progetto MIGRAZIONE E SALUTE Promosso e finanziato dal Ministero della Salute Coordinato dall Istituto Superiore di Sanità Unità Operativa 3 Area sanitaria Caritas di Roma Obiettivo specifico: Analizzare in modo comparativo le politiche regionali (attraverso atti formali) circa la salute degli immigrati ed individuare le politiche più adeguate Costruzione Indici confrontabili nel tempo e nello spazio 37

38 Progetto MIGRAZIONE E SALUTE Unità Operativa 3 Analisi politiche locali Linee guida (variabile 1) Se presenti direttive ufficiali volte a fornire chiarimenti sulla normativa nazionale e locale per uniformarne l applicazione all interno dei servizi sanitari Assente Cenni Approfondita Progetto MIGRAZIONE E SALUTE Unità Operativa 3 Analisi politiche locali Se legge e piano immigrazione non fossero stati abrogati, sarebbe approfondita Analisi del bisogno (variabile 2) Assenti Presenti alcuni strumenti Se previsti strumenti per monitorare in maniera sistematica il bisogno di salute degli immigrati, inclusa la presenza di un osservatorio regionale per l analisi complessiva del fenomeno migratorio sul proprio territorio Presente anche osservatorio 38

39 Progetto MIGRAZIONE E SALUTE Unità Operativa 3 Analisi politiche locali Prevenzione e promozione della salute (variabile 3) Se previste azioni di prevenzione rivolte agli immigrati o interventi di promozione della salute che possano incidere sui determinanti di salute Due settori chiave: salute materno-infantile e salute nei luoghi di lavoro Non prevista Cenni Approfondita Se legge e piano immigrazione non fossero stati abrogati, sarebbe approfondita Progetto MIGRAZIONE E SALUTE Unità Operativa 3 Analisi politiche locali Se legge e piano immigrazione non fossero stati abrogati, sarebbe approfondita Formazione (variabile 4) Non prevista Cenni Se previste attività di formazione per il personale sanitario sui temi della salute degli stranieri, della medicina delle migrazioni e dell approccio transculturale e se presenti indicazioni per realizzarle in maniera efficace Approfondita 39

40 Mediazione in sanità (variabile 5) Progetto MIGRAZIONE E SALUTE Unità Operativa 3 Analisi politiche locali Se previsti meccanismi per facilitare l accesso e la fruizione dell assistenza sanitaria agli immigrati, dall utilizzo di materiale informativo multilingue, all introduzione dei mediatori culturali nei servizi, al riorientamento o adeguamento organizzativo e procedurale dei servizi Non prevista Cenni Approfondita Se legge e piano immigrazione non fossero stati abrogati, sarebbe approfondita Bassa Media Alta Progetto MIGRAZIONE E SALUTE Unità Operativa 3 Analisi politiche locali Assistenza irregolari (variabile 6) Modalità con cui viene garantita l assistenza agli immigrati non in regola con le norme relative al soggiorno 40

41 Progetto MIGRAZIONE E SALUTE Unità Operativa 3 Analisi politiche locali Atto più restrittivo delle indicazioni ministeriali del 2008 Assistenza ai comunitari (variabile 7) Solo trasmissione delle indicazioni ministeriali del 2007 Direttive specifiche per garantire l assistenza ai comunitari sprovvisti di copertura sanitaria Assente Presente di trasmissione Presente specifica Variabili per la valutazione politiche locali e calcolo indici sintetici V1 V2 V3 V4 V5 V6 V7 linee guida analisi del bisogno prevenzione e promozione della salute formazione mediazione in sanità assistenza agli irregolari assistenza ai comunitari Metodo riduzione spazio attributi/combinazione delle variabili V1 V4 V5 V2 V3 V6 V7 A B C D Indice sintetico 41

42 Indice di impatto delle politiche sanitarie locali Se legge e piano immigrazione non fossero stati abrogati, sarebbe ottimo Eccellente Ottimo Buono Sufficiente Scarso Minimo Geraci S., Bonciani M., Martinelli B., 2011 Progetto MIGRAZIONE E SALUTE Unità Operativa 3 Analisi politiche locali Impatto delle politiche Un limite da tenere presente Analisi fatta sugli atti formali Ambiti locali con atti significativi nella realtà possono avere significative criticità Realtà locali con scarsa e poco significativa produzione formale, possono avere nella prassi una attenzione ed una organizzazione adeguata Unità territoriali della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni 42

43 I GrIS Gruppi locali (regionali o provinciali) 2009 Immigrazione e Salute gennaio Società Italiana di Medicina delle Migrazioni Il modello una rete delle reti di reti Anche istituzionale 43

44 Documento Indicazioni Lavoro del tavolo Tecnico delle Regioni e P.A. promosso da Regione Marche con partecipazione SIMM Da novembre 2009 a maggio 2011 Approvato il 21 settembre 2011 dalla Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e, successivamente, inviato al Ministero della Salute per la trasmissione in Conferenza Stato Regioni La SIMM ne sollecita approvazione in un incontro con Ministro della salute l 8 maggio 2012 e il Ministro conferma l approvazione del Ministero ed il passaggio in Conferenza Stato Regioni il 12 ottobre 2012 durante il Congresso SIMM 20 dicembre 2012 Accordo tra Stato e Regioni e Province Autonome L accordo è pubblicato in Gazzetta Ufficiale S.O. n. 32 del 7 febbraio 2013 S. Geraci, SIMM Coordinamento nazionale GrIS, dicembre 2012 Accordo tra Stato e Regioni e Province Autonome è innovativo: - Non per i contenuti. Sono interpretazioni condivise (di tipo per lo più estensivo) delle normative in essere. - Per la forma giuridica: un Accordo ai sensi dell art. 4 D.lgs. 28 agosto 1997, n E il primo nella specifica materia. - Perché sposta la discussione da un piano politico (più o meno tecnico) a un piano tecnico chiarendo la logica inclusiva delle norme. S. Geraci, SIMM Coordinamento nazionale GrIS,

45 Accordo tra Stato e Regioni e Province Autonome è cogente (è implicito nell Accordo che un atto unanime) - In genere le Regioni lo recepiscono ma ciò, giuridicamente, non è necessario per essere valido Interpretazione autentica - Per ambiti che necessitano specifici percorsi amministrativi, la Regione deve dare indicazioni Ad esempio la procedura per l iscrizione al SSR dei minori senza pds - Per le Regioni con Piani di rientro deve essere esplicita la copertura di eventuali spese aggiuntive In realtà c è un dare-avere spostando, ad esempio, i costi dalle prestazioni urgenti in PS al pls/mmg per minori senza pds S. Geraci, SIMM Coordinamento nazionale GrIS, 2013 Recepimento Accordo Gennaio 2014 Marzo 2013 Giugno 2013 Maggio 2013 Marzo 2013 Maggio 2013 Maggio 2013 Recepimento formale Maggio 2013 Qualche atto di allineamento Settembre 2013 Consiglio Regionale si esprime contro Iscrizione minori STP al SSR S. Geraci, SIMM Coordinamento nazionale GrIS,

46 24/01/2014 Proposta di MONITORAGGIO Regionale (in ambiti non GrIS) Aziendale (in ambito locale) MONITORAGGIO Adeguamento e applicazione S. Geraci, SIMM Coordinamento nazionale GrIS,

47 I indicatore Iscrizione al SSR dei minori con genitori senza pds 1 gennaio 2014 Atti formali presenti prima Accordo Atti formali di allineamento Accordo Atti formali prima dell Accordo da perfezionare Assenza di atti formali di allineamento Accordo Presenza di atti formali di allineamento Accordo non operativi SIMM Coordinamento nazionale GrIS, 2014 II indicatore iscrizione obbligatoria al SSN dei regolarizzandi 30 Ottobre 2013 Atti formali presenti prima Accordo Atti formali di allineamento Accordo Atti formali prima dell Accordo da perfezionare Assenza di atti formali di allineamento Accordo Presenza di atti formali di allineamento Accordo non operativi Nessuna risposta -Non censito SIMM Coordinamento nazionale GrIS,

48 III indicatore Iscrizione obbligatoria al SSN anche in fase di rilascio (attesa) del primo pds per uno dei motivi che danno diritto all iscrizione obbligatoria al SSN 30 Ottobre 2013 Atti formali presenti prima Accordo Atti formali di allineamento Accordo Atti formali prima dell Accordo da perfezionare Assenza di atti formali di allineamento Accordo Nessuna risposta -Non censito SIMM Coordinamento nazionale GrIS, 2013 IV indicatore iscrizione volontaria al SSR per gli over 65enni con tariffe attuali 30 Ottobre 2013 Atti formali presenti prima Accordo Atti formali di allineamento Accordo Atti formali prima dell Accordo da perfezionare Assenza di atti formali di allineamento Accordo Presenza di atti formali di allineamento Accordo non operativi Nessuna risposta -Non censito SIMM Coordinamento nazionale GrIS,

49 V indicatore garanzia agli STP delle cure essenziali atte ad assicurare il ciclo terapeutico e riabilitativo completo alla possibile risoluzione dell evento morboso, compresi anche eventuali trapianti 30 Ottobre 2013 Atti formali presenti prima Accordo Atti formali di allineamento Accordo Atti formali prima dell Accordo da perfezionare Assenza di atti formali di allineamento Accordo Nessuna risposta -Non censito SIMM Coordinamento nazionale GrIS, 2013 VI indicatore rilascio preventivo del codice STP per facilitare l accesso alle cure 30 Ottobre 2013 Atti formali presenti prima Accordo Atti formali di allineamento Accordo Atti formali prima dell Accordo da perfezionare Assenza di atti formali di allineamento Accordo Presenza di atti formali di allineamento Accordo non operativi Nessuna risposta -Non censito SIMM Coordinamento nazionale GrIS,

50 VII indicatore definizione del codice di esenzione X01 per gli STP 30 Ottobre 2013 Atti formali presenti prima Accordo Atti formali di allineamento Accordo Atti formali prima dell Accordo da perfezionare Assenza di atti formali di allineamento Accordo Presenza di atti formali di allineamento Accordo non operativi Nessuna risposta -Non censito SIMM Coordinamento nazionale GrIS, 2013 VIII indicatore iscrizione obbligatoria di genitore comunitario di minori italiani 30 Ottobre 2013 Atti formali presenti prima Accordo Atti formali di allineamento Accordo Atti formali prima dell Accordo da perfezionare Assenza di atti formali di allineamento Accordo Presenza di atti formali di allineamento Accordo non operativi Nessuna risposta -Non censito SIMM Coordinamento nazionale GrIS,

51 IX indicatore iscrizione volontaria per i comunitari residenti 1 Gennaio 2014 Atti formali presenti prima Accordo Atti formali di allineamento Accordo Atti formali prima dell Accordo da perfezionare Assenza di atti formali di allineamento Accordo Presenza di atti formali di allineamento Accordo non operativi Nessuna risposta - Non censito SIMM Coordinamento nazionale GrIS, 2014 X indicatore Equiparazione dei livelli assistenziali ed organizzativi del codice STP al codice ENI 30 Ottobre 2013 Atti formali presenti prima Accordo Atti formali di allineamento Accordo Atti formali prima dell Accordo da perfezionare Assenza di atti formali di allineamento Accordo Presenza di atti formali di allineamento Accordo non operativi Nessuna risposta - Non censito SIMM Coordinamento nazionale GrIS,

52 Monitoraggio Applicazione Accordo tra Governo, Regioni e Province autonome sul Documento: Indicazioni per la corretta applicazione della normativa per l assistenza sanitaria alla popolazione straniera da parte delle Regioni e province autonome (Atti n. 255/CSR ) Continuerà su base regionale e si avvierà su base di Azienda sanitaria Progetto MIGRAZIONE E SALUTE A 10 anni del documento CNEL Riorientare i servizi Documento ISS SIMM - Regioni Per un sistema sociosanitario culturalmente competente, equo e di qualità Condivisoil9giugno2010conlealtreUOdelProgettoeconleRegioni: Calabria, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia, Umbria e Veneto 52

53 Per un sistema sociosanitario culturalmente competente, equo e di qualità Metodologia costruzione indici di sintesi per valutazione impatto/avanzamento delle politiche Proposta di coordinamento e collegamento stabile da parte del Ministero della Salute e Commissione Salute del Coordinamento delle Regioni Per un sistema sociosanitario culturalmente competente, equo e di qualità Elaborare Linee guida locali Potenziare monitoraggio/osservatorio (OSI) Rafforzare attenzione su determinanti salute (donne, lavoratori, bambini, seconde generazioni, ) Indicazioni per la formazione Fornire indicazioni per una mediazione di sistema (riorientamento servizi, aumento delle competenze culturali, ruolo dei mediatori, ) Promuovere azioni dirette condizioni di fragilità (STP, comunitari scoperti assistenza, rom, ) 53

54 Migranti e accessibilità ai servizi sanitari luci e ombre Salvatore Geraci, Issa El Hamed Year 9, Volume 8, Number 3, Fall 2011, Suppl.3: s14-s20 Accessibilità ai servizi per lo sviluppo sociale Le barriere per l accesso e la fruibilità Sussidiarietà e partecipazione per una salute senza esclusioni 10 punti per servizi dedicati STP inseriti in una pianificazione istituzionale garantire la medicina essenziale accessibili e di bassa soglia osservatorio epidemiologico centro di una rete territoriale di servizi filtro e orientamento socio-sanitario favorire conoscenza contenuti della normativa alto impatto relazionale corsi di formazione a diversi livelli motore di integrazione socio-sanitaria Impegnarsi per il superamento di tali servizi I. El Hamad,

55 Il futuro per la tutela la formazione le reti Una risposta è un tratto di strada che ti sei lasciato alle spalle. Solo una domanda può puntare oltre. Jostein Gaarder 55

56 Grazie Salvatore Geraci Via Marsala, Roma Tel fax e mail: 56

Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni

Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni Bologna 21 settembre 2011 Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni I migranti sono un importante risorsa

Dettagli

Normativa, diritto alla tutela della salute e migrazione

Normativa, diritto alla tutela della salute e migrazione SItI Lombardia SALUTE E MIGRAZIONE 18 maggio 2012 Normativa, diritto alla tutela della salute e migrazione Manila Bonciani Istituto Superiore di Sanità Società Italiana di Medicina delle Migrazioni manila.bonciani@iss.it

Dettagli

Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale

Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale Roma 2010 Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni Nostre

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

Migrazioni La clandestinità

Migrazioni La clandestinità Migrazioni La clandestinità Percezione sovrastimata Semplificazioni ideologiche Soluzioni grossolane e pericolose Stima percentuale degli stranieri illegalmente presenti in Italia secondo diverse valutazioni

Dettagli

Immigrati: accesso alle cure

Immigrati: accesso alle cure VIII Congresso Nazionale AICM PENSIERI E IMMAGINI DI CURA (Milano, 16 ottobre 2015) Immigrati: accesso alle cure Daniela Panizzut DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO Art. 25 Tutte le persone

Dettagli

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes Migranti nel mondo, in Sardegna,nel Medio Campidano ASSESSORATO AL LAVORO - IMMIGRAZIONE ED EMIGRAZIONE Osservatorio provinciale sui flussi migratori Presentazione del Dossier Statistico Immigrazione 2007

Dettagli

Rapporto sull accoglienza di migranti e rifugiati in Italia.

Rapporto sull accoglienza di migranti e rifugiati in Italia. Abstract Il dominante profilo umanitario, la assoluta grandezza dei numeri del fenomeno migratorio ed il considerevole impatto socio economico del sistema accoglienza dei richiedenti asilo giunti in Italia,

Dettagli

Una sanità cattolica nascosta. L impegno per gli invisibili!

Una sanità cattolica nascosta. L impegno per gli invisibili! Seminario di studio PER UNA SANITA DI VALORE Montesilvano, 1 dicembre 2009 Una sanità cattolica nascosta. L impegno per gli invisibili! Il caso degli immigrati, rifugiati e rom Salvatore Geraci Società

Dettagli

Caritas: l esperienza degli ambulatori a bassa soglia d accesso e ad alto impatto relazionale

Caritas: l esperienza degli ambulatori a bassa soglia d accesso e ad alto impatto relazionale Roma, 17 luglio 2014 Salute e migranti. Le possibili sinergie tra servizi sanitari e organizzazioni umanitarie. Padova, 18 dicembre 2014 Caritas: l esperienza degli ambulatori a bassa soglia d accesso

Dettagli

Sanità: leggi, protocolli, ostracismo istituzionale

Sanità: leggi, protocolli, ostracismo istituzionale Laboratorio Interdisciplinare sul Diritto d Asilo Corsi di laurea Magistrale in Antropologia e Sociologia Coordinamento Non Solo Asilo Anno 2012 Sanità: leggi, protocolli, ostracismo istituzionale 20 novembre

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

Immigrazione e salute

Immigrazione e salute Immigrazione e salute Rivolgersi alla salute dei migranti non è solo una giusta causa umanitaria, ma è anche un bisogno per il raggiungimento di un miglior livello di salute e benessere di tutti coloro

Dettagli

Sassari, 4 e 5 settembre 2015

Sassari, 4 e 5 settembre 2015 Sassari, 4 e 5 settembre 2015 La Medicina delle Migrazioni ovvero elementi di base sulla salute dei migranti: scenari, profili di salute e malattie, aspetti politici e normativi, relazione e organizzazione

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

L Italia, da metà degli anni 90, si è dotata nei confronti

L Italia, da metà degli anni 90, si è dotata nei confronti 139 Salvatore Geraci* Normativa e programmazione sanitaria della Regione Lazio P r e m e s s a L Italia, da metà degli anni 90, si è dotata nei confronti degli immigrati di una normativa sanitaria inclusiva

Dettagli

Le iniziative del Ministero della Salute per i bisogni specifici di salute dei migranti sul territorio

Le iniziative del Ministero della Salute per i bisogni specifici di salute dei migranti sul territorio XIII CONVEGNO dell Italian National Focal Point Infectious Diseases and Migrant Salute e Migrazione: nuovi scenari internazionali e nazionali Le iniziative del Ministero della Salute per i bisogni specifici

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

Caratteristiche epidemiologiche dei neonati e dei bambini stranieri presenti in Piemonte. Luisa Mondo 24/3/2012

Caratteristiche epidemiologiche dei neonati e dei bambini stranieri presenti in Piemonte. Luisa Mondo 24/3/2012 Caratteristiche epidemiologiche dei neonati e dei bambini stranieri presenti in Piemonte Luisa Mondo 24/3/2012 Un po di storia. In cento anni di storia dell emigrazione sono usciti dall Italia più di 27

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015. Preambolo. [Preambolo]

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015. Preambolo. [Preambolo] MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015 RIPARTO DELLE RISORSE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE NELL'ESERCIZIO DELL'APPRENDISTATO

Dettagli

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza:

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Ruolo e prospettive degli operatori del settore socio-sanitario 30 Marzo 2011 A cura di Chiara Bartolini DATI NAZIONALI E CONFRONTI REGIONALI SULLA NON

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA

IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA Consiglio Regionale del Molise IMMIGRAZIONE E ACCOGLIENZA BREVE ANALISI DELLA SITUAZIONE IN ITALIA GRUPPO DI LAVORO IMMIGRAZIONE, POLITICHE SOCIALI E DIRITTI UMANI Le migrazioni forzate provocate da guerre,

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

I dati statistici sono stati forniti dall equipe del Dossier Statistico Caritas/Migrantes

I dati statistici sono stati forniti dall equipe del Dossier Statistico Caritas/Migrantes schede delle regioni e province autonome TU = Testo Unico DPR = Decreto del Presidente della Repubblica Dlgs = Decreto Legislativo DL = Decreto Legge DGR = Delibera Giunta Regionale (Del. G.R.) DCR = Delibera

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future 8 maggio 2008 I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future Il volume I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti presentato oggi,

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

Reddito e diseguaglianza in Piemonte Santino Piazza Ires Piemonte 11 aprile 2013 Scaletta Reddito e diseguaglianza: prime, e incerte, verifiche sull impatto della crisi? Diseguaglianza dei redditi nelle

Dettagli

Accesso e diritto alla salute per la popolazione migrante in Italia

Accesso e diritto alla salute per la popolazione migrante in Italia Accesso e diritto alla salute per la popolazione migrante in Italia ALESSANDRA DIODATI Croce Rossa Italiana Direttore Sanitario monitoraggio progetti assistenza migranti COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

valutazione comparativa dei costi dei sistemi regionali italiani riferiti all area delle dipendenze (Progetto Ancos.ben2 del Ministero Della Salute)

valutazione comparativa dei costi dei sistemi regionali italiani riferiti all area delle dipendenze (Progetto Ancos.ben2 del Ministero Della Salute) valutazione comparativa dei costi dei sistemi regionali italiani riferiti all area delle dipendenze (Progetto Ancos.ben2 del Ministero Della Salute) 2 Giovanni Serpelloni Introduzione L analisi qui presentata

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE

CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE CAPITOLO VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1. del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO) VI.1 PIANO DI AZIONE VI.1.1 del Piano d Azione Nazionale Antidroga 2010-2013 (a cura di ITC ILO)

Dettagli

Diritto alla salute per i nuovi cittadini. Approfondimento normativo e analisi della realtà provinciale.

Diritto alla salute per i nuovi cittadini. Approfondimento normativo e analisi della realtà provinciale. Diritto alla salute per i nuovi cittadini. Approfondimento normativo e analisi della realtà provinciale. Data e sede 28/11/2014 Auditorium Ospedale S. Chiara Trento Organizzato da Società Italiana di Medicina

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

Una rete in costruzione per la salute dei migranti

Una rete in costruzione per la salute dei migranti GrIS Gruppi Immigrazione e Salute Una rete in costruzione per la salute dei migranti 23 marzo 2010 I Centri I.S.I. Piergiorgio Maggiorotti Un po di storia... 11febbraio 1992: avvio dell esperienza dell

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze la legge 31 dicembre 2009, n. 196 Legge di contabilità e finanza pubblica ; il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, con particolare riguardo all articolo 3-septies

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN?

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? Evidenze dal Eventuale Rapporto OASI sottotitolo 2013 Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Milano, 20.01.2014 I principali trend evolutivi

Dettagli

Area Politiche per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità. Servizi Sistema Integrato Servizi Sociali

Area Politiche per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità. Servizi Sistema Integrato Servizi Sociali R E G I O N E P U G L I A ALL. C Area Politiche per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità Servizi Sistema Integrato Servizi Sociali Via Caduti di Tutte le Guerre, 15-70123

Dettagli

Oltre la crisi, insieme

Oltre la crisi, insieme Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 21 Rapporto 2011 Edizioni Idos, Roma Oltre la crisi, insieme Stranieri residenti a 150 anni dall Unità d Italia 1861 2010 incidenza 0,4% incidenza 7,5%

Dettagli

IL Progetto Benessere Cittadini Immigrati nel Distretto 3 della ASL di Viterbo

IL Progetto Benessere Cittadini Immigrati nel Distretto 3 della ASL di Viterbo IL Progetto Benessere Cittadini Immigrati nel Distretto 3 della ASL di Viterbo STRUTTURA ASL TITOLARE DEL PROGETTO Distretto 3 Dipartimento ISS e TMI RESPONSABILE DEL PROGETTO: Antonella Proietti Direttore

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

1. NORMATIVA NAZIONALE

1. NORMATIVA NAZIONALE 1. NORMATIVA NAZIONALE La Repubblica tutela la salute come diritto fondamentale dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti Grazie all art. 32 della Costituzione,

Dettagli

Il Telefono Verde contro il Fumo

Il Telefono Verde contro il Fumo Il Telefono Verde contro il Fumo Dott.ssa Luisa Mastrobattista Osservatorio Fumo Alcol e Droga OSSFAD Istituto Superiore di Sanità XVII Convegno Tabagismo e Servizio Sanitario Nazionale AGGIORNAMENTO DEI

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI Il ruolo dei farmaci come strumento per il controllo della spesa sanitaria RAPPORTO DI SINTESI Febbraio 2010 Da anni il sistema sanitario pubblico italiano

Dettagli

Immigrazione e salute in Italia e. Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT)

Immigrazione e salute in Italia e. Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT) Immigrazione e salute in Italia e Trentino Serena Piovesan CINFORMI Centro informativo per l immigrazione (PAT) Migranti, salute e accesso ai servizi sanitari: alcune considerazioni di partenza (I) Parliamo

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009 Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni Rapporto di sintesi Ottobre 2009 1 La rilevazione è stata realizzata dal Formez. Il questionario è stato predisposto con la collaborazione

Dettagli

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della

In un periodo in cui spesso le regioni sono messe in discussione ha ricordato la prof.ssa Sabina Nuti presentando i risultati della valutazione della COMUNICATO STAMPA I risultati presentati oggi a Roma al Ministero della Salute; Sabina Nuti: Nessuna pagella o graduatoria, ma il contributo per indicare soluzioni che possono fare la differenza nei servizi

Dettagli

IOM- OIM I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste

IOM- OIM I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste Firenze, Villa La Quiete 4 Luglio 2014 Rossella Celmi - rcelmi@iom.int 1 Organizzazione Internazionale per le Migrazioni Fondata nel 1951,

Dettagli

I dati del 2 Rapporto FAVO -Censis - AIOM -INPS Ministero della Salute

I dati del 2 Rapporto FAVO -Censis - AIOM -INPS Ministero della Salute ACCESSO ALLE TERAPIE ONCOLOGICHE SUL TERRITORIO NAZIONALE: I dati del 2 Rapporto FAVO -Censis - AIOM -INPS Ministero della Salute F. De Lorenzo Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in

Dettagli

È possibile usare i dati PASSI per monitorare la sicurezza dei bambini in automobile?

È possibile usare i dati PASSI per monitorare la sicurezza dei bambini in automobile? È possibile usare i dati PASSI per monitorare la sicurezza dei bambini in automobile? IV Workshop 2013 Coordinamento Nazionale PASSI Dati PASSI a supporto delle politiche per la sicurezza stradale Gianluigi

Dettagli

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011

APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 APPENDICE STATISTICA - VII RAPPORTO ANNUALE La Cultura serve al presente - 24 marzo 2011 I consumi culturali: La spesa delle famiglie italiane per la cultura e lo spettacolo rappresenta il 7% della loro

Dettagli

ASL 1 ASL 1 PROTOCOLLO D'INTESA

ASL 1 ASL 1 PROTOCOLLO D'INTESA ASL 1 ASL 1 PROTOCOLLO D'INTESA QUALIFICAZIONE DELL INFORMAZIONE E DEI PERCORSI DI ORIENTAMENTO E ACCESSO AI SERVIZI SANITARI E SOCIO SANITARI PER LE PERSONE STRANIERE Premesso che il Piano Sanitario Nazionale

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 30 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 29 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA Fabio Voller Dirigente Settore Servizi Sociali Integrati Osservatorio di Epidemiologia Agenzia Regionale di Sanità Toscana Incidenti stradali

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

LE FONTI DI FINANZIAMENTO PER LE ATTIVITÀ DEI CPO E DEGLI ALTRI ORGANISMI DI PARITÀ. Comitato per le Pari Opportunità di ARPAV.

LE FONTI DI FINANZIAMENTO PER LE ATTIVITÀ DEI CPO E DEGLI ALTRI ORGANISMI DI PARITÀ. Comitato per le Pari Opportunità di ARPAV. Arpa Toscana Arpa Veneto Arpa Piemonte LE FONTI DI FINANZIAMENTO PER LE ATTIVITÀ DEI CPO E DEGLI ALTRI ORGANISMI DI PARITÀ Arpa Emilia-Romagna Comitato Pari Opportunità Arpa Campania Arpa Lombardia Comitato

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Ridurre la vulnerabilità alle malattie sessualmente trasmesse, con

Dettagli

Struttura e attività degli istituti di cura

Struttura e attività degli istituti di cura SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 6 Settore Sanità e previdenza Struttura e attività degli istituti di cura Anno 2003 Contiene cd-rom Informazioni n. 10-2006 I settori

Dettagli

INDICATORI DEMOGRAFICI

INDICATORI DEMOGRAFICI 27 gennaio 2012 INDICATORI DEMOGRAFICI Stime per l anno 2011 Sono 556 mila i bambini nati nel 2011, seimila in meno rispetto al 2010. Il numero di persone morte nell anno è pari a 592 mila, quattromila

Dettagli

Obiettivi dello studio

Obiettivi dello studio La riforma della finanza decentrata in Italia: prospettive attuali e future. L IRAP. Maria Pia Monteduro Se.C.I.T. Obiettivi dello studio Analisi della situazione attuale Osservazioni sul disegno di legge

Dettagli

Francesca Santomauro. Dipartimento di Scienze della Salute - Università degli Studi di Firenze francesca.santomauro@unifi.it

Francesca Santomauro. Dipartimento di Scienze della Salute - Università degli Studi di Firenze francesca.santomauro@unifi.it Francesca Santomauro Dipartimento di Scienze della Salute - Università degli Studi di Firenze francesca.santomauro@unifi.it Padova, 18 dicembre 2014 Contesto internazionale Oltre 232 milioni di persone

Dettagli

Il nuovo Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018: Vision e Principi

Il nuovo Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018: Vision e Principi Il nuovo Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018: Vision e Principi Ranieri Guerra Direttore Generale Prevenzione sanitaria Ministero della salute Piano demenze Piano prev. epatiti Piano vaccinazioni

Dettagli

LE VERIFICHE ISPETTIVE SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME STRUMENTO DI PREVENZIONE DEI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE

LE VERIFICHE ISPETTIVE SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME STRUMENTO DI PREVENZIONE DEI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE LE VERIFICHE ISPETTIVE SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME STRUMENTO DI PREVENZIONE DEI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE Alberto Ricchiuti Italia Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO Il medico di medicina generale nelle cure a casa: quale ruolo? Antonio Calicchia, Responsabile Nazionale FIMMG per

Dettagli

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 9 dicembre 2008 Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat raccoglie informazioni

Dettagli

Percorso formativo in Area Vasta

Percorso formativo in Area Vasta L albero della salute Struttura di riferimento per la Mediazione culturale in Sanità Regione Toscana Responsabile dott.ssa Elisabetta Confaloni Percorso formativo in Area Vasta Alla luce di quanto previsto

Dettagli

Presidente. Past President. Senato della Repubblica Commissione Igiene e Sanità

Presidente. Past President. Senato della Repubblica Commissione Igiene e Sanità Società Italiana Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza SINPIA Bernardo Dalla Bernardina Presidente Franco Nardocci Past President Senato della Repubblica Commissione Igiene e Sanità Roma, 13

Dettagli

Il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca

Il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca di concerto con Il Ministro dell economia e delle Finanze e con il Il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione VISTO il testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia

Dettagli

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi Psicologia psicoterapia Piano Socio Sanitario Regionale (PSSR) 2002-2004 Psicologia Psichiatria

Dettagli

L ASSISTENZA SANITARIA AI RICHIEDENTI ASILO E AI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014. Avv. Anna Brambilla - ASGI

L ASSISTENZA SANITARIA AI RICHIEDENTI ASILO E AI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014. Avv. Anna Brambilla - ASGI L ASSISTENZA SANITARIA AI RICHIEDENTI ASILO E AI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014 Avv. Anna Brambilla - ASGI ASSISTENZA SANITARIA E SOCIALE (art. 27 d.lgs 251/07) I

Dettagli

ANAGRAFE EDILIZIA SCOLASTICA

ANAGRAFE EDILIZIA SCOLASTICA ANAGRAFE EDILIZIA SCOLASTICA Roma, 7 agosto 2015 #MutuiBei Anagrafe Nazionale Per la prima volta una fotografia completa degli edifici scolastici È prevista dall art. 7 della legge n. 23 del 1996, ma non

Dettagli

Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014

Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014 Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione Divisione II Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014 A cura della

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

NON-AUTOSUFFICIENZA E ALZHEIMER IN ITALIA E LOMBARDIA

NON-AUTOSUFFICIENZA E ALZHEIMER IN ITALIA E LOMBARDIA CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale NON-AUTOSUFFICIENZA E ALZHEIMER IN ITALIA E LOMBARDIA FOTOGRAFIA DEI LIVELLI DI BISOGNO E DEI GAP DI OFFERTA: QUALI POSSIBILI

Dettagli

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE Direzione Affari Economici e Centro Studi PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE La regionalizzazione, principale strumento a disposizione delle Regioni per liberare i pagamenti bloccati

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Dr.ssa Patrizia Carletti Osservatorio Epidemiologico Diseguaglianze/ARS Marche. Ancona, 9 giugno 2009

Dr.ssa Patrizia Carletti Osservatorio Epidemiologico Diseguaglianze/ARS Marche. Ancona, 9 giugno 2009 Ancona, 9 giugno 2009 Alla ricerca di un linguaggio comune per capire i problemi di salute e le riposte dei servizi: il progetto Tutela della salute della popolazione immigrata in Italia Dr.ssa Patrizia

Dettagli

I nuovi scenari della medicina

I nuovi scenari della medicina Dove sta andando la medicina? L appropriatezza terapeutica e la ricerca di nuove evidenze I nuovi scenari della medicina Sergio Dompé Presidente Farmindustria Milano, 12 dicembre 2009 Dalle nuove tecnologie

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan VENETO: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO ALLA

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit Newsletter dell Anno 5, N 64 novembre 2007 - SPECIALE I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA

Dettagli