ANNO I NUMERO 1 PRATILE 2015 MENSILE DI LETTERATURA E ALTRO LICHT GIAMMANGIATO PROTTI NUTI DE MATTEIS MAZZANTI BARGELLINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNO I NUMERO 1 PRATILE 2015 MENSILE DI LETTERATURA E ALTRO LICHT GIAMMANGIATO PROTTI NUTI DE MATTEIS MAZZANTI BARGELLINI"

Transcript

1 ANNO I NUMERO 1 PRATILE 2015 MENSILE DI LETTERATURA E ALTRO LICHT GIAMMANGIATO PROTTI NUTI DE MATTEIS MAZZANTI BARGELLINI

2 Tutti i diritti dei brani sono di proprietà esclusiva degli autori. Finito di stampare presso Stamperia COLORADO Via F. Ferrucci 95/h Prato (PO) Maggio 2015

3 MENSILE DI LETTERATURA E ALTRO Editoriale Qualcuno ha sostenuto che abbiamo le teste invase dai tarli, se davvero speriamo di cavare qualcosa di buono da tutto questo. Ci definiscono donchisciotteschi, eppure nessuno di noi ha origini o lontane parentele spagnole, né tantomeno la predisposizione a infilzare mulini a vento cavalcando ronzini. Nemmeno quella a salvare dame, a dir la verità. Muri di granito nei denti ne abbiamo presi tutti, chi spesso, chi più di rado, e in tutta sincerità la prospettiva di prenderne un altro paio ci fa ben poca impressione. Saremo derisi, ma sappiamo bene che il gioco lo prevede; anche noi derideremo. Ci riempiranno di pacche sulle spalle, utili quanto un chilo di sale grosso nel deserto, ci faranno un sacco di complimenti, ci sproneranno a non mollare e noi ringrazieremo sorridendo, ma sappiamo bene che il giorno in cui ci volteremo, quando il cammino si sarà fatto insidioso e nubi nere sorvoleranno le nostre nuche, nessuno ci avrà seguito per regalarci un pò di conforto. Dicono che non c è mercato per cose di questo genere. Anche se non vogliamo vendere nulla. Qualcuno addirittura ci ha detto che perderemo ogni cosa, che ci indebiteremo, che butteremo via un sacco di soldi (come se ci facessimo il bagno), che non dureremo tre mesi, che ci pignoreranno le scarpe e, perché no, anche le mutande. Beh, il carcere ci pare un compromesso accettabile. Almeno lì partiremmo tutti a pari punti. Ma la realtà è un altra, e non useremo citazioni ad effetto di filosofi greci, saggi tibetani, eremiti eschimesi o il solito Oscar Wilde del cazzo, no. Preferiamo Michael Jordan: è proprio perchè non abbiamo niente, che finiremo per prenderci tutto.

4 O DOL CE NA NO La metropolitana è un mondo a parte. Nessun turista ci farebbe un giro per capire la geografia della città a cui appartiene, o per farsi un idea della sua anima, anche se forse sarebbe un idea più autentica. Ma non è male scendere in metrò quando piove e fa freddo là fuori nel mondo della luce. Ehi deve pagare il biglietto, signore. Deve pagare. Ah ah ah vieni a prendermi, se osi uscire dalla tua gabbia protettiva. Chiama pure gli sbirri. Buona fortuna e addio, fesso. I graffiti erano in via d estinzione. Gli sghiribizzi sui treni mi sembravano sempre scritti col sangue. Sempre meno lerciume, meno criminalità, meno facce incazzate, meno paura, e la grande cattiva metropoli perdeva la sua magia nera. La stregoneria delle strade si cangiava in nenie da Broadway. Al posto degli orrendi teatri porno hardcore 24 ore apparivano locali dove comici professionisti si sforzavano di far ridere. Restano solo fantasmi sui marciapiedi dove prima lavoravano i lustrascarpe più terrificanti del pianeta. Quel mondo non esiste più. Assurdo avere nostalgia dell inferno perduto, eppure. Il treno era quasi arrivato a Times Square quando scorsi un pupo biondiccio vestito di frak, con tanto di sciarpina di seta bianca e scarpe di vernice nera. Gli mancava solo il cilindro, e parecchi centimetri. Il figuro elegante aveva una faccia da poppante avvizzito. Nessuno degli altri passeggeri era così scortese da fissarlo. I loro giornali facevano da sipario. Solo io vedevo il nano armonioso agghindato per una festa alla quale non ero invitato. Magari lavorava al circo-cabaret di stato. Se esiste, faranno spettacolo per VIP, politici, mafiosi e i loro ospiti arrivati dall estero. Ora vi facciamo vedere com è la vera New York. Guarda che arnese che ha la Marilyn Monroe-trans puertoricana. Ed ecco che arriva il suo amante nano...eh? Certo che abbiamo le iene, a New York. Il South Bronx è tutto un pullulare di iene, quelle dalla faccia di demonio e le altre che sembrano figli di cani che hanno trombato con procioni. Il nano elegante notò che l avevo notato. Occhi celesti da neonato infossati, iniettati: troppo rum, sigari troppo forti, troppe puttane poco schizzinose. I nani ostentano un esagerato libertinaggio. Musica pop? Fumetti? Roba da mocciosi. A me piacevano i fumetti, specialmente Braccio di Ferro e Blondie, ma i fumetti nei giornali sono un arte perduta. Non fanno più ridere. Lavoro come vignettista professionista, ma vorrei fare il fumettista underground. Non ditelo ai miei datori di lavoro. Contratto o niente contratto, diritto costituzionale alla libertà di espressione o meno, troverebbero il modo di licenziarmi. Poca gente ormai si interessa ai fumetti underground. Legioni di hippie morti, là fuori. Un ultimo sopravvissuto capellone in via di calvizie gestisce una galleria di arte psichedelica e sovversiva, nel vecchio ghetto hippie. Mi avvicinai cauto, e gli mostrai le tavole illustrate. Si tolse gli occhiali da sole a forma di stella dal naso a prugna. Si grattò il mento malrasato, scaturendo una nevicata di forfora. quattro

5 O dolce nano Pazzesco, disse. Puro rock n roll. Ma non comprò nulla, e nemmeno si offrì di pubblicarmi niente. Questa roba qui non vende. Ma non importa vendere. Potremmo regalare a tutti il fumetto, con pace e amore. I ragazzi verranno apposta. Compreranno tanti manifesti Day-Glo, te lo giuro. Non voglio giovani teppisti in galleria. Attirano gli sbirri. Non riuscii a convincere il vecchio guru figlio dei fiori. Sulla metrò, con sottobraccio le stesse tavole rifiutate, fissavo un personaggio della corte di Caligola, o del baraccone dei fenomeni del Circo Dracula. La sua espressione trasmise, per favore smettila. Essere guardato è il mio lavoro, purtroppo, ma ora non sto lavorando. Feci finta di non fissarlo più. Fremevo dalla voglia di tirare fuori il quaderno e la matita. La vista di una personcina da fiaba sperduta tra i culi dei normaloni adulti mi fece sentire di non essere più nel solito mondo. Il nostro treno in arrivo fece tremare la stazione di Times Square. Qualche percezione extrasensoriale da nano fece capire al pischello in frak che ero giunto a casa. Forse captò anche le mie brame di pedinarlo, ovunque andasse. Non voleva che un civile lo studiasse come un ornitologo o entomologo. Mi trattenni dallo scendere. Filtrò tra le porte della carrozza all ultimo possibile secondo. Per qualche ragione il treno non ripartì. Mi infilai tra le carrozze e saltai sulla piattaforma. Niente sbirri in vista. Il piccoletto era sicuro di avermi seminato. Credeva di avere tutto il tempo per giungere alla sua onirica destinazione, dove è di rigore lo smoking XXXS e le nane fumano spinelli con bocchini d avorio. Volevo entrare in quel mondo, anche se non c entravo nulla, anche se era solo un postumo di allucinazioni LSD. Montò le scale e svoltò a sinistra. Fluttuai di sopra. Non avevo imballato troppo bene le tavole, non volevo danneggiarle o perderle, per quanto fossero datate e poco commerciali. Il nano prese l uscita che porta al posto di polizia di Times Square, accanto al centro di reclutamento dell esercito, e si diresse verso est sulla 42ma Strada. Nessuno lo degnò di uno sguardo. Ma che tipo di mondo è, se nessuno guarda un nano in frak? Nord. Di nuovo a ovest. Scattava, su quelle gambine. Fece un salto al lato da danzatore, dentro un viottolo coperto, del tipo che una volta permetteva a gigioni, comici, coriste, spogliarelliste e ballerini tip-tap di viaggiare velocemente e asciutti tra palchiscenici kitsch. Da imbecille, lo seguii. Poi solo lamiera arrugginita. Mi sembrò di avere la testa spaccata. Una faccia mi apparve sopra, come la luna. s.d.i. Non aveva nulla di fanciullesco, dalla nuova prospettiva. Barba di due-tre giorni sotto un velo di cipria, un palinsesto di vene, una cicatrice che forse era risultato da un calcio in faccia somministrato da una stangona con le scarpe a tacchi alti. Ti ho detto di baciarle, non sbavarle sopra, piccolo sgorbio piagnucoloso. Non sarà mica tutto giochi e divertimenti, essere nani. Era dal liceo che non sentivo il rumore secco di un coltello a scatto. Il nano mi mise la lama vicino agli occhi. Perché mi stai pedinando, fesso? Ero solo curioso non sembrava la risposta giusta, quindi dissi, È da anni che non vado a una festa decente. E come sarebbe una festa decente, secondo te? Una dove ci sono nani? Dove c è gente vestita bene, dissi, anche se intendevo, una festa dove ci sono nani. Sei uno sciattone, disse, e fece sparire il coltello con un gesto da prestigiatore. Non ti farebbero entrare. Cosa c è dentro quell involucro? Un mitra. Anziché alzarmi, mi sdraiai contro i mattoni di Broadway. Così era più alto lui. Posso darci un occhiata? Fai pure. Accesi uno spinello. Guardò. Aveva già ispezionato tavole da fumetto, oppure aveva un innato rispetto per il lavoro artistico altrui. Stava diventando il mio nano prediletto. Ma ci guadagni da vivere? Mi prese di mano lo spinello e fece un lungo tiro. Roba demenziale. Grazie. Allora è vero che sei diretto a una festa. Ho detto forse così? Aveva nella manina una tavola particolarmente truce. Fischiettò una terzina calante. Ma è basata su una poliziotta in carne e ossa che conosci? Ciò era possibile, nella sua testolina. Ti racconto di lei alla festa, se la musica non è troppo forte. Ma chi ha parlato di musica? Stai fantasticando un orchestra di nani? Ah no. Per nulla. Ma era la verità. cinque

6 O dolce nano Confessa che sei a caccia di materiale per i tuoi fumetti lunatici. Ero sicuro che avrebbe rifatto scattare il coltello, oppure avrebbe tirato di tasca una pistola, e il buco nero in fondo alla canna mi avrebbe trascinato dentro la sua gravità oscura. Vorrei solo trovarmi in un altro mondo. A chi lo dici. I nani sogneranno di essere alti. Ma forse è solo l idea che una persona di statura normale si fa dei sogni dei nani. Un mondo di culi all altezza dei tuoi occhi, di scoregge all altezza del tuo naso. Un mondo in cui tutti ti parlano dall alto, anche se tu sei più elegante. In testa, vagavo per il Paese delle Giraffe. Quelle bestiole pacifiche potevano calpestarmi a morte in qualsiasi momento. Riderebbero forte mentre agonizzavo, anche se le giraffe sarebbero incapaci di emettere suoni. Guarda, posso cambiarmi, dissi, come se potessi sventolare una bacchetta magica e trasformarmi in nano. Voglio dire, dovrei ancora avere lo smoking in fondo all armadio, da qualche parte. L ho preso all Esercito della salvezza, ma l ho portato in tintoria...ehm, non troppo tempo fa. Dai, vieni da me. Sono solo pochi isolati. Ma non ci penso nemmeno di venire a casa con te, carogna. Non sono quel tipo di nano. Potresti aspettare nella hall. Ah certo adoro sedere su brutti mobili unti e pataccosi mentre i viandanti mi guardano incuriositi, straniti e impietositi. Forse ai tuoi amici non importa se arrivo alla festa conciato come sono. Scordatelo. Dammi l indirizzo. Mi diede delle coordinate vicine al fiume Hudson. Bussa tre volte, disse, chiedi di Joe e dì a Joe che il cane è rosso. Sembrava l inizio di una barzelletta nata male. Da ri-perfetto imbecille ci andai, vestito di tutto punto. Potevo essere il direttore di un orchestra di pigmei. L indirizzo esisteva davvero. Bussai una terzina. La porta aveva l oblò. L aprì un tizio alto il normale, o forse era un nano che stava su una scala, o sulle spalle di un altro nano. Che cazzo vuoi? Cercavo Joe. Nessun Joe qui, fesso. Da dentro non provenivano rumori di festa, piuttosto suoni di studio odontoiatrico, oppure di un officina dove vengono fabbricati ingranaggi per orologi, da elfi, o nani. Secondo me dovresti sparire, fesso. Di a Joe che il cane è rosso. Che cazzo dici, mister? Non costringermi a venire là fuori. Sarò sincero: sono un artista. Lavoro per un giornale, ma veramente disegno fumetti, e non sto parlando di quelli per ragazzi. Ho visto un nano elegante sulla metropolitana, e l ho inseguito. Avrebbe potuto tagliarmi la gola, ma invece ha detto che qui c era una festa, e che potevo venire. Beh eccomi qua. Bene, ora che ci sei, puoi girare i tacchi e tornartene a quel cesso di posto da dove sei venuto. Impossibile. Eh? Mia madre è morta. Ah, fai anche il comico. Ora ascolta, buffone: questa non è una barzelletta, né una festa. Vattene. Ma cosa succede, là dentro? Sembrano rumori di... Chiuse energicamente l oblò. Matthew Licht è considerato un gigante letterario nella Zona del Tramonto. sei

7 NON BAS TA UN PUN TO C è più vita nella sconsolata ricerca del vagabondo d un mozzicone di sigaretta in un pacchetto semichiuso caduto a terra nella fredda notte di piazza Salvemini, che nella ricerca d un lavoro attraverso l invio di tutti i curriculum del pianeta dalle ancor più fredde e annoiate scrivanie della mia generazione. Come recitava la scritta nella stessa piazza: "la lucidità è sempre in agguato". Hanno le guance vive, i vagabondi, e con le loro labbra sussurrano il silenzioso canto degli sconfitti. Linee scavate d amarezza si fan strada lentamente dall occhio ai muscoli del collo. Con le spalle torte dal peso del resto del mondo e la bocca sopra un pezzo di pane unto del Conad, ogni volta che dicono io gli manca un po il respiro e arrossiscono. Non interessano alle bandiere di partito, ne agli attivisti 2.0 impegnati con i diritti umani in Antartide. Gli è nemico l impiegato collocato, ma anche lo studente previdente che conta gli esami alla fine della laurea. Qui nessuno ha tempo da perdere. Sono fuori moda, i vagabondi. Questi son tempi per i trasandati. Indossano stracci che non gli appartengono, eppure divengono abiti più intimi col vagabondo, più di quanto saranno mai una cravatta e una camicia per l impiegato che li ha cestinati con un indifferenza di cui solo la modernità è capace. Li guardo viver di vecchiaia, abbassare la voce e allontanare lo spingersi fra loro delle parole, lotta oramai consueta per il resto del mondo che necessita di rassicurazioni da imporsi. Fili d'argento per una esigenza in qualche modo dissoluta, mani scavate perché uno scalino di legno senza le sue curve è fredda noia d'acciaio. Godono dell'inizio della fine, sequenziano istanze inascoltate di quell'antico tempo che ora dura un respiro di questo vecchio tabacco. Queste son solo righe di fortuna, condite a solitudine e lentezza. Assenza di un pubblico troppo rumoroso. Una storia stantia per un tempo che scorre al ritmo dei cingoli di un carrarmato, lento e potente, chiamato Futuro. Il mio silenzio mentre li ammiro è un rumore assordante, prima della risposta ad una domanda di chi ancora arde di quel fuoco ingenuo, in un luglio amico. Caos fatiscente, disteso sull'odore di tarlo negli armadi dove nascondo il tempo del mio luglio di fuoco. Candore di debolezza, parole nell'anima di chi si stringe ad un baratro lungo una vita. Vi abbraccio forte. Tutti. Federico Giammangiato Del maiale non si butta via niente, figuratevi del niente cosa si può buttare via. sette

8 GRANO DURO Lungo e grosso, relativamente. L infima sensazione di quando, viscido, ti lambisce le labbra e ti trafigge la gola. Ti sporca, il bastardo. Diabolicamente forato come il Pantheon romano, nasconde grande gloria o delusione infinita. De gustibus non est disputandum. Difatti lo trovo e l ho sempre trovato fugace e poco affidabile. Come quando al fantacalcio scommetti sul capocannoniere dell ultimo campionato boliviano che puntualmente non ripaga la tua fiducia. Mia nonna invece lo apprezza tantissimo. D altronde l esperienza è un fattore determinante e non voglio sottovalutare il fatto che, nel crescere, anche io potrei cominciare a rivalutarne le peculiarità. E sì che mi sento sperimentatore, dedito alla ricerca della novità, qualcosa che stimoli i miei svariati interessi. Il classico inserimento nella cavità orale è quel che va per la maggiore, è ciò che può ripagare gli sforzi della giornata in un momento di arditezza. Ma cosa c è di artistico? Cos è che ancora può riuscire a stupire? Non discuto le capacità dei professionisti che, abituati a maneggiarlo, riusciranno sicuramente a estrarre il cosiddetto coniglio dal cilindro, la prodezza che fa strabuzzare gli occhi dalla meraviglia. Dove, il comune mortale, può dare il suo taglio? Dove apportare il suo indelebile marchio? Conobbi Franca nei primi giorni di primavera quando, dai miei occhi fiammeggianti, cadevano in continuazione rotonde lacrime perlate. L odio per il polline è sempre stato vivissimo. Sorseggiavamo rispettivamente una bionda media ed un succo al mango. Non era la prima birra della serata e i miei freni sempre ben saldi erano stavolta allentati sufficientemente. Impetuosamente cercai nelle tasche un fazzoletto. Lo trovai subito e il mio naso, consumato dall attrito della soffice carta, parve liberarsi. Mi avvicinai claudicante alla ragazza. Sedetti accanto a lei e conversammo lungamente. Gli argomenti che trattammo furono i più disparati, dalle pitture rupestri al concerto al quale avevamo senza saperlo partecipato entrambi. Le mie frasi sconnesse dovevano averla mossa a compassione, ma allo stesso tempo attratta. Tornai a casa tardi col suo numero scritto in blu sul retro di un biglietto dell autobus. Non fu immediata la nostra complicità. I primi tempi furono candidamente timidi come suggeriva l indole di entrambi. La spavalderia del primo incontro era chiaramente frutto dell alcol che, come in passato, aveva svolto un ruolo fondamentale nell approccio. In un periodo di confidenze aprii il mio animo disagiato con quella che era infine diventata la mia compagna. L argomento si rivelò spinoso e la felicità che provai nel riscontrare in lei la medesima mia opinione, mi fece ancora una volta ringraziare le innumerevoli bionde medie. Mi sentivo appagato. Nonostante il suo essere donna, il nostro pensiero collimava. Nonostante i suoi capelli corti, eravamo delle stessa opinione. Uomo o donna, vecchio o della nuova guardia, fondente o al latte. La complementarietà intellettuale è fondamentale, si snoda oltre le differenze di statura, colore della pelle ed anche provenienze geografica. La passione per il congiuntivo, il piacere di condividere una ciaspolata notturna per la foto agognata, il leggersi vicendevolmente novelle del Boccaccio e carpirne lo stile. Due menti affini mi affascinano. Poi, il bucatino fa schifo. Niccolò Protti Convive con fisime. otto

9 NOVECENTO Ho lasciato la croce del Sud le strade che portano in piazza dove ho visto e amato la meraviglia possibile i fianchi delle donne le tempie scolpite di ragazzi in agguato d amore teorie geometrie proporzioni nella dialettica ostinata delle botteghe invidiose Ho lasciato Lazzaro e Cristo grazia degli accattoni sono andato a Nord ho cercato la felicità immutabile incorruttibile degli Iperborei Non più strade calcinate dal sole ma trincee fangose putrefatte di morte dove il poeta mi ha detto anche il cielo stellato finirà Ancora più a Nord avanti nel vento nel tempo ho visto la forma rompersi come vetro senza riflessi velocità sfacciare lo sguardo che non c era più tempo di guardarsi negli occhi vergogna che potesse tenere né bene né male solo ballo dissennato nella notte di Parigi nove

10 Novecento Ancora più a Nord ho trovato mio padre buttato nel vagone scoperto delle bestie o dei vinti nel campo a marcire rubare le bucce che si danno ai maiali Accanto il principe dell indeterminazione camminava come un alba con le scarpe imbrattate di fosforo acceso piovuto con le bombe sopra Berlino né bene né male né onda né punto destino minuscolo l ho visto salvarsi barattando la vita con un pacchetto di fumo Ancora più a Nord più a Nord al confine del mondo ho sostato quasi in preghiera atterrito e immobile ho ascoltato due colpi di mazza il senso di quei suoni giganti orribili suoni di guerra e ho visto luce bruciare per sempre la polvere luce cadere in polvere né pace né guerra compassione sconfitta nel nulla dieci

11 Novecento La terra degli Iperborei era il nulla tra pallore di ghiaccio e violetto denso di cielo Dov è la vostra felicità immutabile? Non abita più qui rispose sono scesi a valle geni della finanza camminano in alto sospesi sul filo di nylon Giovanni Nuti Necessariamente clandestino. (da Lumen, Ibiskos Editrice Risolo, 2008) undici

12 ZAP PA SUI PIE DI dodici Ero invecchiato, con un bastone di legno di quercia secolare che mi faceva da sostegno e mi distraeva con i suoi nodi circolari a testimonianza degli anni e le intemperie sopportate dal tronco dal quale era stato ricavato. Camminavo per un sentiero pieno di nidi di ragni giganteschi, ma stranamente non ne avevo paura, e li seguivo perché così dovevo fare, quella era la strada giusta. Giunsi in riva al mare e un pesce orribile mi parlò: È tanto tempo che ti cerco e tu fai di tutto per non notarmi, non per dispetto, ma per disattenzione" "Cosa vuoi da me?" "Voglio regalarti una perla" "Grazie...". Non mi regalò niente, solo una stupida frase: "Scappa scappa che di guai non ne avrai, scappa scappa che un uomo non sarai" "Ma io sto solo seguendo...". Scomparve nelle onde della corrente lieve come l'alito di un febbricitante addormentatosi fra coperte e sudore. Proseguii lasciando orme sulla sabbia, che rapidamente scomparivano col passaggio dell'acqua che mi accarezzava i piedi. La strada salì improvvisamente, irta, faticosa e poco ospitale per le numerose rocce che intralciavano il cammino. Fra una pietra e l'altra sbucavano magnifiche ginestre e il loro profumo mi ricordò la malinconia, e il deserto intorno una solitudine lunga centinaia di anni. Accelerai il passo e finalmente raggiunsi la vetta dalla quale si poteva ammirare il paese che stavo cercando, dove, una volta raggiunto, le persone mi accolsero con un'ospitalità da favole arabe, riempiendomi di attenzioni, gioielli di benvenuto, cibo e bevande deliziose. Le abitazioni erano d'oro massiccio, fresche all'interno, con cascate d'acqua pura che proveniva direttamente dalle montagne attraverso tubature d'argento. Tutti, poiché pochi, vivevano nel lusso più idilliaco, ma allo stesso tempo la loro umiltà era di uno splendore accecante e commovente. Per gli abitanti, tutto quello che avevano era cosa normale, erano nati in quel posto e non lo avevano mai lasciato. Non esisteva né povertà, né ricchezza, non ne conoscevano il concetto. Entrai in una casa sospinto da una mano e al centro del vasto salotto vidi un organo con le canne ancora calde, la musica era finita, ma era rimasta nell'aria per un tempo surreale, non ben definito, e io l'avevo ascoltata ipnotizzato fino a poco prima del mio ingresso. Mi voltai verso l'uomo che mi aveva accompagnato per mostrarmi la camera dove avrei dovuto dormire e gli chiesi: "Ma nel vostro paese nessuno muore di fame?". Rise a lungo poi, con le lacrime agli occhi, mi rispose: "Come è possibile che una persona possa farsi una cosa del genere?! Non c'è nessun buon motivo per smettere di mangiare, sarebbe da stupidi!" Davide De Matteis Brano estratto dal suo secondo romanzo La zappa sui piedi, in corso di pubblicazione.

13 GLI AMICI SONO UN LETTO DI SPINE La professoressa Mannelli è sempre stata molto severa con me. Mi faceva le interrogazioni più difficili. Io navigavo con molte difficoltà sul 6, 6-, 6+. Non sono mai stato uno studente particolarmente costante. La professoressa Mannelli era una piccola donna coi capelli tinti di biondo, uno di quei biondi che sembrano naturali, biondo castano, un po' di moro sottostante. La professoressa Mannelli si è sempre vestita con tailleur grigi e camicie democristiane. La professoressa Mannelli mi aspettava sempre al varco, macchinava continuamente per smascherare davanti a tutti quello che definiva come il pozzo nero dell'ignoranza giovanile. A sentir lei il mio pozzo aveva delle incrostazioni marroni che neanche a raschiare con tutte le energie si poteva ottenere un po' di pulizia. La professoressa Mannelli quando doveva scegliere chi interrogare faceva scendere dall'alto verso il basso l'indice sul registro: Brilli, diceva, Merlo, diceva, poi c'era questo silenzio vagamente prolungato. Ed io mi alzavo in piedi, perché tanto lo sapevo che il suo sadismo mirava a farmi soffrire. La professoressa Mannelli aveva come un sesto senso: sapeva esattamente quando avevo studiato e quando no. La professoressa Mannelli mi scuccava sempre. La professoressa Mannelli non me la faceva passare mai liscia. La professoressa Mannelli mi rimproverava anche quando era fuori luogo: la professoressa Mannelli una volta ad un funerale di una nostra compagna di classe, purtroppo morta a 14 anni per un tumore, mi ha detto che lei, la compagna di classe morta, era una persona molto migliore di me proprio mentre cercavo di consolare quella gran fica della Canepale, che piangeva sulla mia spalla. La professoressa Mannelli era anche capace di deridere in pubblico i suoi studenti. Se per caso facevi il grosso per un qualsiasi motivo, la professoressa Mannelli ti smontava con una certa ammaliante velocità. Non avevi scampo. La professoressa Mannelli era intelligente. La professoressa Mannelli era anche vicepreside. La professoressa Mannelli chiamava mia madre a casa o a lavoro per dirle quando facevo forca. La professoressa Mannelli sputava per terra se mi vedeva fumare una sigaretta nel cortile durante la ricreazione. La professoressa Mannelli durante tutte le ricreazioni faceva almeno una capatina per controllare i suoi studenti, ma non si rendeva visibile: nascosta su nella loggia o dietro un mantello magico c'erano delle vere e proprie pozze di catarro ai suoi piedi. La professoressa Mannelli non aveva bisogno di un quadernino dove appuntarsi tutte le cazzate che gli adolescenti dicevano, se le ricordava a memoria, per poi ritirartele fuori anche anni dopo con una precisione che ti lasciava senza fiato. La professoressa Mannelli ti permetteva di uscire per andare in bagno durante le sue ore, ma poi non si sa come sapeva esattamente quello che avevi fatto, non so, tredici

14 Gli amici sono un letto di spine m.n. forse aveva nascosto delle telecamere, forse lo sentiva dall'odore, ma era a conoscenza che in realtà non eri andato in bagno per espletare. La professoressa Mannelli ti obbligava a leggere un sacco di libri per l'estate. La professoressa Mannelli mi disse che lo sapeva che il Satyricon mi sarebbe piaciuto tantissimo. La professoressa Mannelli sosteneva di conoscermi alla perfezione. Era chiaramente vero. La professoressa Mannelli voleva quasi accarezzarmi, ma tutta una lotta interore l'ha fermata. La professoressa Mannelli voleva bene ai suoi studenti, ma era pronta ad ucciderli. La professoressa Mannelli è l'unica professoressa che mi ha fatto scoppiare a piangere più di una volta in classe perché voleva ferirmi a tutti i costi. La professoressa Mannelli insisteva perché il nerd di classe mia fosse il mio compagno di banco. La professoressa Mannelli era contenta di vederci giocare, io e il nerd, a forza quattro durante le ore di latino. La professoressa Mannelli mi ripeteva sempre che non sarei mai stato capace di avere un rapporto prolungato con una donna. La professoressa Mannelli ostacolava i miei tentativi di imbroccare le ragazze che non riteneva giuste per me e in un qualche misterioso modo ci riusciva. La professoressa Mannelli mi ha anche detto che ero tutto fumo e niente arrosto. La professoressa Mannelli era disposta ad ascoltarmi nel post lavoro. La professoressa Mannelli più di una volta mi ha detto che voleva bocciarmi. La professoressa Mannelli, mi è stato riferito qualche anno dopo, mi ha difeso a spada tratta durante alcuni sanguinosi consigli di classe. La professoressa Mannelli mi ha chiesto cosa volessi fare nella vita e dato che non sapevo risponderle, lei mi ha detto, poco prima che entrassi in commissione d'esame di maturità, che qualsiasi cosa avessi fatto sarei stato bravissimo: puoi fare qualsiasi cosa nella vita, andrà tutto bene. Cara professoressa Mannelli, tutto va male, e va ancora più male il fatto che un paio di settimane fa lei sia morta per un tumore, anche lei per un tumore. Lo so che tutto questo è penoso, cara professoressa Mannelli, e lei sa perfettamente che non sarei mai venuto a salutarla durante un sabato pomeriggio tra i tanti e di certo non mi sarei presentato al suo funerale, ma vorrei dirle che gli amici sono un letto di spine ed io su di lei mi sono disteso con grande sofferenza. Ferruccio Mazzanti Una notte eravamo a casa di amici e, ragazzi, lei disse qualcosa di me ed io <<bam>>. È stato il più bel pugno della mia vita. Voleva chiamare la polizia dal mio stesso telefono per dire chi fossi, ma al secondo pugno rinunciò all'idea. quattordici

15 FORSE TE L HO GIÀ CHIESTO 1. Metamorfosi di un impiegato Quando eravamo ancora sufficientemente piccoli da non poter esercitare il diritto di replica mio padre ci portava alla Mazzanta. Una zona al limite del paludoso, approdo estivo per foltissime comunità di coatti e tedeschi coi sandali di gomma. Lui pensava che ci facesse piacere e forse per un po' è stato davvero così. La Mazzanta era il compromesso tra un villaggio e un luna park, un teatro che sapeva accogliere tutti noi tra le luci iridescenti del calcinculo e la voce ammiccante di uno zingaro senza denti: " Bimbo piangi che mamma te lo compra. In quell'orizzonte becero si imponevano i giganti dell'intrattenimento, macchine da un paio di mila lire al giro che parevano animarsi solo grazie alla peggiore musica in circolazione. Quella, nello specifico, era la stagione di un infelice motivo che saturava ogni ambiente con poche ed enigmatiche parole: "This is the rhythm of the night, the night, oh yeah" Mi facevo violentare da tutto. Oscillavo sul barcone, vibravo sul tagadá (strano congegno dove era apprezzato rischiare i propri incisivi esibendosi saltando), facevo frontali sulle auto a scontro. All epoca non capivo l esigenza di mio padre di concludere le nostre serate d'agosto in un trascurato bar della zona. Nessun video game dove imbucare monete o distributore obeso di schifezze da svaligiare, in quel luogo assopito c erano solo vecchi, un flipper riportante l'eterna scritta Guasto e, nascosto nelle tenebre, un qualcosa chiamato biliardo. "Signorina, gentilmente, ci accenderebbe il tavolo? Il mio sogno era quello di vedere la signorina, come la interpretava il babbo, estrarre un lanciafiamme dal bancone e dare fuoco, prima a quel vetusto mobile, poi alle cariatidi che gli gravitavano attorno e infine, in un rogo purificatore, al locale tutto. Invece, quella signorina che senza dubbio oltrepassava il quintale di peso, si imitava a voltarsi e alzare svogliata un interruttore. CLIK Quello era il suono che annunciava la sua rivelazione, dal buio, come il Leviatano dagli abissi, emergeva la creatura più pericolosa: ferma, misteriosa, dalla pelle tutta verde. Pur non comprendendo perché un uomo e suo figlio dovessero impegnarsi tanto nel far rotolare delle biglie su di un tavolo, percepivo la distanza orgogliosa di quel gioco da tutti gli altri svaghi e mi ci avvicinavo con il rispetto che si dovrebbe ad un nobile decaduto. Giocare infatti pretendeva un certo numero di riverenze e rituali, codici per la maggior parte insostenibili da un bambino in salute, figurarsi da un soggetto ipercinetico come me. La questione che mi pesava di più era quella del silenzio. Perché qualunque risultato ottenessi doveva realizzarsi nella più rigorosa assenza di reazioni umane? Quale forza ci tratteneva dall'imprecare se sbagliavamo o dall' esultare tronfi se abbattevamo i birilli? Insomma, se un compagno falliva un rigore era socialmente legittimato a maledire sé stesso, a inveire contro le tante forme animali che le divinità ostili sanno assumere per punirti. In qualsiasi altro prato, strada, palestra nessuno avrebbe potuto obiettare se dopo aver segnato un goal avessi ostentato superiorità e dileggio per l'avversario. Quel gioco invece era muto, seppur circondati dal caos della Mazzanta, attorno a noi c'erano solo ombre e i suoni sbiaditi delle sfere sul panno. Il mio maestro poi, aderiva a quel comandamento con fede assoluta: uno sguardo compiaciuto per un rinterzo ben eseguito e una critica sussurrata per le centinaia di colpi sbagliati, bevuti, fuori misura, sbracciati, troppo carichi di giro, scarichi di giro o col giro promesso", quindici

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

FIABE CINESI E TIBETANE

FIABE CINESI E TIBETANE http://web.tiscali.it FIABE CINESI E L'uccello a nove teste La pantera I geni dei fiori TIBETANE Le montagne innevate e l'uccello della felicità. L'UCCELLO A NOVE TESTE C'erano una volta un re e una regina

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

ADOLESCENZA (DIARI) io mentre mangio di nascosto un panino con salame ungherese, durante l'ora di fisica

ADOLESCENZA (DIARI) io mentre mangio di nascosto un panino con salame ungherese, durante l'ora di fisica ADOLESCENZA (DIARI) io mentre mangio di nascosto un panino con salame ungherese, durante l'ora di fisica Io penso a quando non ero ancora io, e volevo essere io, e mi manca tanto. Il cigno era solo. Mi

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

VIAGGI NELLE STORIE. Frammenti di cinema. per narrare. L incontro. Percorso di italiano L2 per donne straniere

VIAGGI NELLE STORIE. Frammenti di cinema. per narrare. L incontro. Percorso di italiano L2 per donne straniere VIAGGI NELLE STORIE Frammenti di cinema per narrare L incontro Percorso di italiano L2 per donne straniere Claudia Barlassina e Marilena Del Vecchio Aprile Maggio 2009 VIAGGI NELLE STORIE I PARTE GUARDA

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO La frase: IL SOGGETTO Leggi le seguenti frasi e sottolinea il soggetto: 1. Marco va a trovare la nonna. 2. Il cane ha morso il postino. 3. E caduta la bottiglia del latte. 4. Sono solito fare i compiti

Dettagli

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio.

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio. 1 LA FAMIGLIA 1.1 Lettura primo testo Il prossimo anno l austriaca Alexandra partirà per l Italia. Per quattro mesi frequenterà il liceo a Ravenna. Stamattina ha ricevuto una lettera dalla sua famiglia

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri.

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri. Testi di Joanna Bellati, Anna Lucatello, Annachiara Moretti Illustazioni di Alice Dittura, Giorgia Rizzo Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Destinazione 22. Sigla

Destinazione 22. Sigla Destinazione 22 Buongiorno Maria! Mar. Ciao Luca! È un secolo che non ci si vede, no? Mar. È un secolo? Dai esagerato! Son stata una settimana in ferie, dai! Già, in vacanza, beata te! E come è andata?

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Promo - I ragazzi geisha

Promo - I ragazzi geisha 1 Promo - I ragazzi geisha Valerio la Martire Davide Sono a Testaccio, questo è certo. Devo prendere un mezzo per rientrare e non ho tempo. Dietro gli occhiali che si appannano vedo facce sfocate e indistinte.

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

A dire la verità è molto simpatica, ha tanta intelligenza e una pazienza così lunga da superare perfino il Nilo!

A dire la verità è molto simpatica, ha tanta intelligenza e una pazienza così lunga da superare perfino il Nilo! Lo scorso aprile la nostra scuola ha ospitato Maria Luisa Mesiano, un egittologa che ha partecipato agli scavi. Ci ha parlato di questa sua esperienza in Egitto e dei ritrovamenti effettuati. L egittologa

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO

RIASSUNTO DELLO SPETTACOLO Voci Narrazione di Claudio Milani Con Claudio Milani Testo Francesca Marchegiano Illustrazioni e Scene Elisabetta Viganò, Armando Milani Musiche e canzoni Sulutumana, Andrea Bernasconi Cantante lirica

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

NOTIZIARIO EVANGELICO Maggio 2011 Numero 9 Anno 2 VERSETTI BIBLICI. sono diventate nuove. 2 Corinzi 5:17

NOTIZIARIO EVANGELICO Maggio 2011 Numero 9 Anno 2 VERSETTI BIBLICI. sono diventate nuove. 2 Corinzi 5:17 NOTIZIARIO EVANGELICO Maggio 2011 Numero 9 Anno 2 VERSETTI BIBLICI "Se dunque uno è in Cristo, egli è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate: ecco, sono diventate nuove. 2 Corinzi 5:17 Testimonianze

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT Aldo, Giovanni e Giacomo Sketch del controllore (da 'Tel chi el telun) Aldo: Non c è bisogno che tira perché non è che scappo. Giovanni: Intanto ha allungato il passo. Aldo: Ho allungato il passo perché

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

2 Scegli otto colori diversi e colora allo stesso modo le coppie di aggettivi contrari.

2 Scegli otto colori diversi e colora allo stesso modo le coppie di aggettivi contrari. Scheda 1 Nome:... Cognome:... Classe:... Gli aggettivi qualificativi 1 Completa le frasi con l aggettivo appropriato, come nell esempio. pigra bugiarda curiosa generosa fortunata coraggiosa tranquilla

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015

DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Anno scolastico 2015/2016 anno II DI TUTTI I COLORI Dicembre 2015 Siamo finalmente ritornati, non ci credevate più eh!!!, Invece ci siamo. Siamo pronti per ricominciare, per raccontarvi i primi giorni

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore 13 Maggio Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore Raffaella Nassisi 13 MAGGIO Romanzo Milano,Giugno 2011 Settembre 2011 Per te, Alberto Prefazione 13 Maggio è

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola

La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola La commovente storia di Fabiola a C è Posta per te : rivediamola La splendida storia d amore di Ferruccio e Fabiola, due coniugi brindisini, ha fatto commuovere tutta l Italia. Ieri sera, i due sono stati

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan Le FIABE di LYN Le FIABE di LYN C era una volta una scrofa, molto allegra, intelligente, le avevano dato anche un nome: Rosa. Tutte le volte che la chiamavano lei accorreva, trotterellando, con la sua

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli