PROGRAMMA AZIENDALE SALUTE MIGRANTI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA AZIENDALE SALUTE MIGRANTI"

Transcript

1 PROGRAMMA AZIENDALE SALUTE MIGRANTI A cura di UOS interdistrettuale Assistenza Immigrati Gruppo di coordinamento Tutela salute migranti Comitato Scientifico Centro Salute Migranti Forzati Equipe interdistrettuale Salute rom e sinta Gruppo di lavoro interdistrettuale Accessibilità ai servizi sanitari Distretti Sanitari I-II-III-IV Dipartimento di Salute Mentale Dipartimento di Prevenzione UOC Coordinamento attività amministrative distrettuali UOC Assistenza infermieristica e ostetrica UOSA Assistenza Sociale UOSA Tecnologie e sistemi informatici aziendali Centro Studi e Ricerche Area Legislativa e Documentale In collaborazione con Caritas di Roma - Area Sanitaria Associazione Focus Casa dei Diritti Sociali Associazione Centro Astalli Fondazione Centro Astalli CIES - Centro Informazione e Educazione allo Sviluppo INMP - Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni Migranti ed il contrasto delle malattie della Povertà

2 1. PRINCIPI DI RIFERIMENTO Sulla base della mission aziendale, dei principi costituzionali e normativi vigenti, l Azienda riconosce il diritto alla salute dell individuo e la piena parità di trattamento in tema di assistenza sanitaria tra cittadini italiani e stranieri, sia di stati dell Unione Europea sia di stati non comunitari, sia regolarmente soggiornanti, sia privi di regolarità di soggiorno nel territorio italiano. 2. ABC. ANALISI DEI BISOGNI E DEL CONTESTO 2.a Analisi del contesto territoriale. L Azienda ha nel proprio territorio una rilevante presenza di cittadini stranieri residenti ed iscritti all anagrafe ( pari al 23,23% dei residenti stranieri a Roma), con una particolare concentrazione nel territorio del Municipio I Roma Centro e con una elevata incidenza della popolazione femminile nel territorio dei Municipi II, III e IV. Comune di Roma. Residenti stranieri per municipio e caratteristiche demografiche (31 dicembre 2008) Municipio Stranieri Incidenza % Minori % Donne residenti su pop. tot ,4 6,8 39, ,1 10,0 64, ,9 8,9 60, ,1 14,5 59,1 Totale ,58 Comune di Roma ,33 Fonte: Caritas di Roma [2010] Nel territorio sono inoltre presenti un numero imprecisato di stranieri in condizione di irregolarità e due insediamenti di popolazione rom, rom khanjaria serbi in via del Foro Italico (Municipio II) e rom khorakhanè bosniaci e rom rumeni in via della Cesarina (Municipio IV).

3 Il territorio è sede di centri d ascolto, sportelli d informazione e orientamento, centri d accoglienza, centri diurni, mense e ambulatori per la popolazione migrante, gestiti da associazioni del volontariato e del privato sociale (Onlus e Ong). Consorzio Roma Solidarietà (Caritas Diocesana di Roma). Associazione e Fondazione Centro Astalli. Comunità di Sant Egidio. Centro Welcome. CIES Centro Informazione e Educazione allo Sviluppo. Associazione Focus Casa dei Diritti Sociali. Associazione Medici contro la tortura. Associazione di promozione e difesa dei diritti Erythros. ACSE Associazione Comboniana Servizio Emigranti e Profughi. Associazione Solidarietà Vincenziana. SRM Servizio Rifugiati e Migranti FCEI Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia. Save the Children Italia. Il territorio è inoltre sede dell INMP. Istituto nazionale per la salute delle popolazioni migranti e per il contrasto delle malattie della povertà (via di S.Gallicano n.25/a), e del Coordinamento nazionale GrIS. Gruppi locali Immigrazione e Salute (via Marsala n.103). 2.b Analisi dei bisogni di salute In Italia l immigrazione è un fenomeno ormai strutturale, ma eterogeneo e dinamico, pertanto la valutazione dei bisogni di salute è complicata a causa della multietnicità dell area metropolitana romana (180 comunità etniche), dell esaurimento dell effetto migrante sano dei migranti in cerca di lavoro [Colasanti, Geraci, Pittau 1991], dell emergere di nuove aree di criticità, gruppi di popolazione ad alto rischio caratterizzati da estrema vulnerabilità sanitaria e fragilità sociale: stranieri privi di regolarità di soggiorno, richiedenti asilo e vittime di violenza intenzionale, minori non accompagnati, donne vittime di tratta, detenuti, rom e sinti. I bisogni dei migranti sono bisogni complessi e l assistenza deve avere un approccio sistemico che possa guardare ai bisogni della persona nella sua complessità.

4 3. FINALITA E METODOLOGIA Sulla base della vision aziendale, l Azienda intende garantire l equità di accesso all assistenza e promuovere la reale fruibilità dei servizi, attraverso una mediazione di sistema dove l intera organizzazione sanitaria sia in grado di rispondere ai bisogni di salute della popolazione migrante, sia in grado di garantire livelli di comunicazione efficaci e percorsi assistenziali propri [Geraci 2004]. Il programma aziendale è lo strumento inteso come un complesso di attività che assicura l'unitarietà della programmazione, dell'organizzazione e della valutazione dei percorsi assistenziali e dei processi dell area promozione e tutela della salute dei migranti, attraverso team di operatori con conoscenze e competenze specifiche. Laboratorio multiculturale e multidisciplinare, rete dei servizi, aperta al territorio. 4. STRUTTURA ORGANIZZATIVA DI RIFERIMENTO 4.a Unità Operativa Semplice Assistenza Immigrati In applicazione del nuovo Atto aziendale 1, la Direzione strategica aziendale ha istituito l Unità Operativa Semplice Assistenza Immigrati (a valenza interdistrettuale), nell ambito della UOC Cure Primarie - Distretto I 2. Responsabile: Filippo Gnolfo. Dirigente Medico Distretto I Stefania Tonetti. Assistente Sociale Distretto II (a tempo parziale) Obiettivi specifici: 1) Coordinare i progetti aziendali di tutela e promozione della salute della popolazione migrante, assicurando l integrazione di tutte le articolazioni distrettuali interessate alla realizzazione; 2) Promuovere modelli assistenziali innovativi (multidisciplinari e intersettoriali) rinforzando e sviluppando intese e collaborazioni con privato sociale e istituzioni scientifiche; 1 Atto Aziendale dell Azienda Unità Sanitaria Locale Roma/A. Delibera n 108 del 21/2/ Del. n 880 del 15/07/08 relativa all individuazion e delle unità operative semplici e Del. n 226 del 10/ relativa all affidamento degli incarichi di responsabilità delle unità operative semplici individuate nell ambito del I Distretto

5 3) Promuovere percorsi formativi specifici di medicina transculturale; 4) Elaborare procedure omogenee di accesso al SSR per i cittadini stranieri (scelta medico, tessera STP e ENI), favorendo l accessibilità anche con interventi proattivi Gli Obiettivi di budget dell unità operativa condivisi con altre unità operative di distretto o di dipartimento o con i servizi delle professioni sanitarie o sociali. 4.b Gruppo di coordinamento Tutela salute migranti Il gruppo di coordinamento 3 è il punto di raccordo tra la UOS Assistenza Immigrati e i servizi territoriali, ha il compito di promuovere e sviluppare reti di collaborazione e integrazione a livello aziendale (distretti, dipartimenti e servizi) e a livello territoriale (associazioni, istituzioni sanitarie, municipi), elaborare progetti per riorientare i servizi : formazione e aggiornamento, orientamento sanitario, offerta attiva, mediazione culturale, lavoro multidisciplinare, lavoro di rete [CNEL, 200]. Il gruppo di coordinamento è formato da operatori con esperienze e competenze specifiche nel campo dell immigrazione e della medicina transculturale, referenti di aree tematiche specifiche. Coordinatore: Filippo Gnolfo Referenti di area. Area Prevenzione Stefano De Luca (Resp. UOS Igiene Ambientale) e Andreina Ercole (Resp. UOS Epidemiologia e profilassi) Area Dipendenze Laura Orazi (Resp. UOS Assistenza patologie da dipendenza Distretto I) Area Carcere Andrea Franceschini (Resp. UOC Medicina penitenziaria) Area Infermieristica transculturale Marinella Lombrici (P.O. Cure Primarie Distretto I) Area Psichiatria transculturale e delle migrazioni 3 Istituzione gruppo di coordinamento Tutela salute migranti. Delibera n 378 del 18 aprile 2006

6 Giancarlo Santone (DSM Modulo I) Area Salute Donna Migrante. Stefania Tonetti (UOS Assistenza consultoriale Distretto II/ UOS Assistenza Immigrati), Iolanda Rinaldi (Resp. Assistenza Ostetrica) Area Salute Rom e Sinta. Antonietta Spadea (Resp. UOS MPEE Distretto IV) Area Formazione. Paolo Tarantino (P.O. Formazione obbligatoria e abilitante) Referenti della rete GrIS Lazio Gris Lazio: Filippo Gnolfo e Stefania Tonetti Gris Rifugiati: Giancarlo Santone Gris Zingari: Antonietta Spadea Gris Sanità Pubblica: Filippo Gnolfo 4.c Rete dei referenti Attraverso percorsi formativi specifici sui temi dell immigrazione e della medicina transculturale, sviluppare una rete di referenti, operatori sociosanitari impegnati nei servizi territoriali, nei progetti aziendali, nelle reti sociosanitarie locali. La rete dei referenti ha il compito di mantenere il collegamento con la Unità Operativa interdistrettuale e il Gruppo di coordinamento aziendale, segnalando esigenze organizzative e formative, criticità e bisogni di salute emergenti sul territorio. 4.d Consulta per una salute multiculturale Favorire la partecipazione attiva dei referenti dei protocolli d intesa, di rappresentanti delle comunità straniere e degli enti locali, nella definizione dei bisogni di salute e nella pianificazione di azioni di comunità e di programmi di integrazione sociosanitaria. 5. OBIETTIVI DI SALUTE E AZIONI PROGRAMMATICHE Parlare di bisogni di salute significa parlare di obiettivi di salute e di azioni per raggiungere gli obiettivi [Wright J 2001]. Obiettivi e azioni sono in conformità

7 con gli indirizzi della programmazione sanitaria regionale contenuti nel Piano Sanitario Regionale a Monitorare i bisogni di salute e il ricorso ai servizi sanitari Obiettivo 1 Rilevare l andamento del rilascio dei codici STP e ENI a immigrati momentaneamente privi di regolarità di soggiorno Costruzione di un sistema di rilascio automatizzato e organizzazione di un archivio informatizzato dei codici STP e ENI. Gli operatori degli sportelli distrettuali utilizzano programmi informatizzati per il rilascio del codice STP e della TEAM (Agenzia delle Entrate. Sistema TS) e del codice ENI (ASL RM/A. UOSA Tecnologie e sistemi informatici aziendali. Resp. Dr. Vincenzo Smargiassi) Obiettivo 2 Sviluppare nuovi strumenti informativi, specificamente orientati al monitoraggio di ambiti particolari dell assistenza sanitaria, attualmente non coperti dai sistemi di rilevazione correnti. Implementazione di un nuovo flusso informativo sanitario sull assistenza di primo livello agli immigrati irregolari. I medici degli ambulatori STP di medicina generale e del Centro Salute migranti forzati utilizzano il Programma OSI 2 (in collaborazione con Laziosanità Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio, nell ambito del Progetto Migrazione e Salute del Ministero della Salute). 5.b Garantire l accesso ai servizi sociosanitari Obiettivo 1 4 Piano Sanitario Regionale Parte III. Linee d indirizzo per l offerta dei servizi e livelli assistenziali. 6. Aree d integrazione. 6a Salute e multietnicità.

8 Informare la popolazione immigrata sui diritti alla salute e all assistenza sanitaria, sull offerta dei servizi territoriali e sui percorsi assistenziali Predisposizione da parte delle aziende sanitarie, in collaborazione con il privato sociale e le associazioni degli immigrati, di materiale informativo da distribuire in occasione di contatti con le istituzioni e attraverso il coinvolgimento attivo delle comunità etniche. Sportello Interculturale InformaSalute (presidio di via Luzzatti 8), progetto della Caritas di Roma (Referente: Dr.ssa B. Maisano) 5, il servizio è gestito da migranti di diverse comunità straniere, da volontari della Caritas, rivolto a stranieri non comunitari e comunitari, regolarmente soggiornanti o privi di regolarità di soggiorno. Informazioni e orientamento sull accesso all assistenza sanitaria e ai servizi sociosanitari Linee guida per l assistenza agli stranieri 6 elaborate da un gruppo di lavoro interdistrettuale (Coordinatore: Dr.ssa A. S. Caponetto), garantiscono uniformità di accesso all assistenza sanitaria in ogni distretto. Le procedure dell iscrizione al SSR, del rilascio della tessera STP e ENI sono consultabili sul sito internet da parte degli utenti e sul sito intranet aziendale da parte degli operatori Obiettivo 2 Formare il personale operante nei servizi sociosanitari sui temi dell intercultura in sanità 5 Protocollo d intesa tra Azienda USL RM A e Consorzio Roma Solidarietà - Caritas di Roma per l assistenza sanitaria agli stranieri non appartenenti alla UE - Del. n 1444 del 24 dicembre Presa d'atto linee guida assistenza stranieri elaborate dal gruppo di lavoro interdistrettuale Del. n 1020 del 31/08/2009. Ridefinizione modulisti ca accesso SSR - Del. n 357 del 1 aprile 2010 Gruppo di lavoro interdistrettuale Salute migranti - Accessibilità ai servizi sanitari Anna Stefana Caponetto Serafino Giuliani Filippo Gnolfo Margherita Centurioni Daniela Leoncini Maria Carmela Mattoscio Daniela Sbressa

9 Organizzazione di corsi di formazione sui temi della salute globale e della medicina e infermieristica transculturale, sugli aspetti legislativi e amministrativi che regolano l accesso degli immigrati ai servizi, rivolti agli operatori sociosanitari e, soprattutto per gli aspetti normativi, agli operatori del front-office Dal 2006, nell ambito del Piano Formativo Aziendale è stato attivato il Percorso Salute Migranti (Coordinatore: Dr. F. Gnolfo). Organizzazione di corsi di formazione rivolti agli operatori sociosanitari, sulla base di raccomandazioni di società scientifiche [SIMM, 2004]: Corso di base medicina delle migrazioni, nursing transculturale, Il trauma dei migranti forzati. Organizzazione di corsi di formazione rivolti a operatori e volontari del terzo settore (Caritas, Centro Astalli), impegnati nei progetti InformaSalute e Samifo. Formazione sul campo congiunta di operatori e volontari del terzo settore (Caritas) e di operatori sociosanitari (Presidio Luzzatti ). Obiettivo 3 Promuovere la mediazione culturale in sanità Implementazione di programmi e di servizi di mediazione culturale, secondo le indicazioni regionali [Regione Lazio, 2004] 7 Progetto PASS, corso di formazione per mediatori culturali in collaborazione con l INMP 8 e Progetto di un servizio di mediazione linguistico-culturale nei consultori familiari in collaborazione con il CIES 9 Obiettivo 4 Riorientare i servizi territoriali in funzione di un utenza multietnica Organizzazione flessibile dell offerta, individuazione di eventuali percorsi facilitati e adeguata segnaletica interna 7 Nota Regione Lazio del 13 gennaio Convenzione tra INMP e ASL RM/A del 8 marzo Progetto per la promozione dell accesso della popolazione immigrata ai servizi sociosanitari e lo sviluppo delle attività di informazione ed orientamento socio-sanitario nelle ASL italiane. 9 Progetto di un servizio di mediazione linguistico-culturale per il rilancio dei consultori familiari

10 Nei distretti, sono attivi Ambulatori di medicina generale per STP che garantiscono l assistenza sanitaria di base agli stranieri privi di regolarità di soggiorno - ambulatorio Caritas via Marsala via Luzzatti. Distretto I - piazza Gentile da Fabriano. Distretto II - via dei Frentani. Distretto III - via Dina Galli. Distretto IV - Lampedusa. Distretto IV 5c. Implementare strategie di sanità pubblica per la promozione della salute Obiettivo 1 Promuovere, collegare e coordinare le attività sanitarie in favore degli immigrati mediante l adozione di modelli di sanità pubblica incentrati sulla sinergia pubblico-privato sociale e sulle esperienze di rete Sviluppo di reti multidisciplinari in cui trovino spazio e valorizzazione anche le esperienze del privato sociale, del volontariato e dell associazionismo degli immigrati Centro per la Salute dei Migranti Forzati. SAMIFO, modello esemplare di collaborazione tra pubblico e privato sociale, il servizio è gestito da operatori del Centro Astalli (Referente: P. Benedetti) e della ASL RMA (Referente: G. Santone) 11, tirocinanti di corsi di laurea 12, rivolto a richiedenti asilo e ai rifugiati. Percorsi multiculturali (mediatori culturali di lingua inglese, francese, farsi, tigrino, amharico) e multidisciplinari (medicina generale, psicologia, psichiatria transculturale, medicina legale, ginecologia, infettivologia) permettono un approccio sistemico al trauma multidimensionale lo sviluppo di reti di sostegno 10 Protocollo d intesa tra Azienda USL RM A e Consorzio Roma Solidarietà-Caritas di Roma per l assistenza sanitaria agli stranieri non appartenenti alla U.E.. Del. n 1444 del 24 dicembre Protocollo d intesa tra Azienda USL RM A e Associazione Centro Astalli Onlus per l assistenza sanitaria ai richiedenti asilo, ai rifugiati e alle vittime di tortura. Del. n 260 del 31 marzo Convenzione tra ASL RM/A e Facoltà di Scienze della Comunicazione La Sapienza Università di Roma. Del. n 452 del 20 aprile 2009

11 e/o cura alla sofferenza fisica, psichica e sociale dei migranti forzati e delle vittime di tortura 13. La pianificazione degli obiettivi, delle strategie e delle azioni, la definizione di un sistema valutativo e di una lista di indicatori di valutazione sono tra i compiti del Comitato Scientifico del SAMIFO 14. Presidente: Dr. M. Bacigalupi (Centro Astalli) Obiettivo 2 Adottare strategie di offerta attiva nella prevenzione e nell assistenza sanitaria, in riferimento a specifiche aree di criticità sanitaria Sviluppo di progetti di tutela e promozione della salute nei confronti di particolari condizioni critiche (salute della donna e del bambino, infortuni sul lavoro) o gruppi a rischio di esclusione sociale (comunità etniche particolarmente isolate, come quella cinese) Programma di screening cervicale delle donne immigrate prive di regolarità di soggiorno 15 (Coordinatore: Dr. A.Cirillo), ha permesso l orientamento ai servizi e l offerta attiva di pap test attraverso l intervento di assistenti sociali e ostetriche dei consultori familiari nei luoghi di aggregazione delle comunità straniere (Referenti: S.Tonetti e I.Rinaldi). In particolare, in collaborazione con la Caritas di Roma intervento di offerta attiva rivolto alle donne cinesi, unità di strada (camper) nel rione Esquilino Obiettivo 3 13 Progetto Efficacia della ricerca attiva e promozione dell accesso alle cure per la tubercolosi dei migranti (INMI L. Spallanzani ). Progetto Lontani dalla violenza 2. Servizi territoriali per la presa in carico integrata di situazioni vilnerabili 14 Istituzione del Comitato Scientifico del Centro salute migranti forzati. Del. n 997 del 12 agosto Comitato Scientifico: Giovanni Baglio (ISS CNESPS) Carlo Bracci (Centro Astalli) Salvatore Geraci (SIMM) Berardino Guarino (Centro Astalli) Giancarlo Santone (ASL RM/A) Pietro Benedetti (Centro Astalli) Andrea Gaddini (Laziosanità ASP) Filippo Gnolfo (ASL RM/A) Klaudia Jeger (Centro Astalli) Maurizio Marceca (DSSP La Sapienza di Roma) 15 Convenzione tra Laziosanità ASP e ASL RM/A del 18 dicembre Progetto Valutazione e sperimentazione di modelli organizzativi differenziali per il coinvolgimento al programma di screening cervicale dei soggetti ad alto rischio immigrate e donne in difficoltà

12 Promuovere campagne di orientamento ai servizi, educazione alla salute e accessibilità all assistenza sanitaria in favore della popolazione rom e sinta Organizzazione di interventi su scala di popolazione che prevedono l offerta attiva di misure preventive e di educazione alla salute e l orientamento alle strutture in base ai bisogni sanitari, da realizzarsi direttamente negli insediamenti zingari da parte del personale sociosanitario con la mediazione degli operatori del volontariato e del privato sociale Equipe interdistrettuale salute rom e sinta 16 (Coordinatore: Dr.ssa A. Spadea) operatori delle unità operative MPEE proseguono in modo continuo e sistematico gli interventi di offerta attiva e di orientamento ai servizi negli insediamenti di via del Foro Italico (II municipio) e di via della Cesarina (IV municipio), in collaborazione con municipi, NAE, associazioni. In particolare, interventi di offerta attiva di vaccinazioni per l infanzia (Copertura 90% vaccinazioni obbligatorie). 6. CONCLUSIONI L azienda si impegna nella analisi dei bisogni di salute, nella definizione delle priorità e degli obiettivi, nella pianificazione e implementazione delle azioni attraverso l organizzazione di servizi culturalmente competenti che garantiscano l equità e l efficacia, il collegamento e il coordinamento dei servizi aziendali, l adozione di modelli interculturali e interdisciplinari, incentrati sulle esperienze di rete (GrIS Lazio), sulle intese con associazioni (privato sociale, comunità 16 Campagna per l accessibilità dei servizi sociosanitari e l educazione alla salute in favore dei rom e dei sinti - Istituzione di una Equipe Aziendale Territoriale Interdistrettuale. Del. n 971 del 28 settembre 2007 Equipe interdistrettulae Salute rom e sinti Antonietta Spadea Mila Capoccia Miriam Cometto Paola Crivelli Lucia Donno Maria Antonietta Giuliani Stefania Pelo Olga Saccoccio

13 straniere) e istituzioni scientifiche (INMP) e sull integrazione sociosanitaria con gli enti locali (Municipi). In risposta all emergere di nuove aree di criticità sanitaria, l azienda si impegna a promuovere e sviluppare progetti di sanità pubblica (dipendenze, carcere, malattie infettive), reti sociosanitarie locali anche attraverso intese con Caritas di Roma (immigrati irregolari, comunità cinese), Centro Astalli (richiedenti protezione internazionale, vittime di tortura), Casa dei Diritti Sociali (minori non accompagnati, donne vittime di tratta, rom e sinti), INMP (detenuti, richiedenti protezione internazionale, vittime di tortura ), ad attuare una strategia della comunicazione orientata ad una informazione di tutti gli immigrati sull offerta dei servizi, a realizzare servizi di mediazione linguistico-culturale intregrati (CIES, INMP), a organizzare progetti formativi aziendali per tutti gli operatori sui temi emergenti della salute interculturale, a favorire la partecipazione attiva dei migranti attraverso un empowerment di comunità. Bibliografia Caritas di Roma [2010] Osservatorio Romano sulle Migrazioni VI Rapporto. Edizioni Idos, Roma CNEL [2000] Rapporto Immigrazione e accesso ai servizi sanitari nazionali. Documenti 5, 20 dicembre Colasanti R, Geraci S, Pittau F [1991] Immigrati e salute. Edizioni Lavoro, Roma Geraci S [2004] Considerazioni conclusive. In Atti della VIII Consensus Conference sull Immigrazione, Lampedusa maggio Consensus SIMM [2004] Raccomandazioni della Società italiana di medicina delle migrazioni sulla formazione, Documento finale VIII Consensus Conference sull Immigrazione, Lampedusa maggio Altri documenti Regione Lazio [2004] Indicazioni per la mediazione linguistico culturale nelle strutture sanitarie della Regione Lazio Norme Regionali_Regione Lazio Wright J [2001] Valutare i bisogni sanitari. In Pencheon D, Guest C, Melzer D, Muir Gray JA Manuale Oxford della pratica in Sanità Pubblica: 45-53, Centro Scientifico Editore, Torino

Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale

Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale Roma 2010 Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni Nostre

Dettagli

Percorso formativo in Area Vasta

Percorso formativo in Area Vasta L albero della salute Struttura di riferimento per la Mediazione culturale in Sanità Regione Toscana Responsabile dott.ssa Elisabetta Confaloni Percorso formativo in Area Vasta Alla luce di quanto previsto

Dettagli

ASL 1 ASL 1 PROTOCOLLO D'INTESA

ASL 1 ASL 1 PROTOCOLLO D'INTESA ASL 1 ASL 1 PROTOCOLLO D'INTESA QUALIFICAZIONE DELL INFORMAZIONE E DEI PERCORSI DI ORIENTAMENTO E ACCESSO AI SERVIZI SANITARI E SOCIO SANITARI PER LE PERSONE STRANIERE Premesso che il Piano Sanitario Nazionale

Dettagli

Una sanità cattolica nascosta. L impegno per gli invisibili!

Una sanità cattolica nascosta. L impegno per gli invisibili! Seminario di studio PER UNA SANITA DI VALORE Montesilvano, 1 dicembre 2009 Una sanità cattolica nascosta. L impegno per gli invisibili! Il caso degli immigrati, rifugiati e rom Salvatore Geraci Società

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

Politiche efficaci a contrastare la tubercolosi negli immigrati da paesi ad elevata endemia tubercolare

Politiche efficaci a contrastare la tubercolosi negli immigrati da paesi ad elevata endemia tubercolare I.N.M.I. "L. Spallanzani" AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE CONFERENZA DI CONSENSO Politiche efficaci a contrastare la tubercolosi negli immigrati da paesi ad elevata endemia tubercolare 5 E 6 GIUGNO

Dettagli

Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014

Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014 Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione Divisione II Registro delle associazioni e degli enti che operano a favore degli immigrati - Prima sezione Attività 2014 A cura della

Dettagli

Le iniziative del Ministero della Salute per i bisogni specifici di salute dei migranti sul territorio

Le iniziative del Ministero della Salute per i bisogni specifici di salute dei migranti sul territorio XIII CONVEGNO dell Italian National Focal Point Infectious Diseases and Migrant Salute e Migrazione: nuovi scenari internazionali e nazionali Le iniziative del Ministero della Salute per i bisogni specifici

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE DI MOHAMED ABDALLA TAILMOUN

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE DI MOHAMED ABDALLA TAILMOUN CURRICULUM VITAE DI MOHAMED ABDALLA TAILMOUN INFORMAZIONI PERSONALI Nome TAILMOUN, Mohamed Abdalla Indirizzo Telefono E-mail Nazionalità Libica Data di nascita 04.04.1973 ESPERIENZE LAVORATIVE Datore di

Dettagli

I dati statistici sono stati forniti dall equipe del Dossier Statistico Caritas/Migrantes

I dati statistici sono stati forniti dall equipe del Dossier Statistico Caritas/Migrantes schede delle regioni e province autonome TU = Testo Unico DPR = Decreto del Presidente della Repubblica Dlgs = Decreto Legislativo DL = Decreto Legge DGR = Delibera Giunta Regionale (Del. G.R.) DCR = Delibera

Dettagli

Una rete in costruzione per la salute dei migranti

Una rete in costruzione per la salute dei migranti GrIS Gruppi Immigrazione e Salute Una rete in costruzione per la salute dei migranti 23 marzo 2010 I Centri I.S.I. Piergiorgio Maggiorotti Un po di storia... 11febbraio 1992: avvio dell esperienza dell

Dettagli

Risultati. Capitolina dell 11 marzo 2013 che ridisegna la mappa dei Municipi.

Risultati. Capitolina dell 11 marzo 2013 che ridisegna la mappa dei Municipi. Progetto SITI - Servizi Integrati e Tecnologie dell'incontro Report di fine progetto Giugno 0 Capofila: Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute di Roma Capitale Partner: Programma integra

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Servizio di mediazione linguistico - culturale gestito dal Cies all interno del progetto: MEDIAZIONE

CURRICULUM VITAE. Servizio di mediazione linguistico - culturale gestito dal Cies all interno del progetto: MEDIAZIONE CURRICULUM VITAE Informazioni Personali Cognome Nome Indirizzo Telefono E mail Girgis Grace Beshara Safaa Luogo e Data di nascita Cairo (Egitto) 22/12/1971 Codice Fiscale Permesso di soggiorno In possesso

Dettagli

Prima conferenza transnazionale Progetto IRIS-Interventi contro la violenza di genere verso le donne: ricerca azione e sperimentazione di sportelli

Prima conferenza transnazionale Progetto IRIS-Interventi contro la violenza di genere verso le donne: ricerca azione e sperimentazione di sportelli Prima conferenza transnazionale Progetto IRIS-Interventi contro la violenza di genere verso le donne: ricerca azione e sperimentazione di sportelli specializzati L esperienza del Servizio Accoglienza extra

Dettagli

PROIETTI ANTONELLA CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE

PROIETTI ANTONELLA CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE PROIETTI ANTONELLA CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE Curriculum formativo ha conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Perugia in data 25/7/85 con voti 110/110 e

Dettagli

REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE

REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE FROSINONE PROMOZIONE DELL INTEGRAZIONE CULTURALE NELL AMBITO DEL DIRITTO ALLA SALUTE NELLA POPOLAZIONE IMMIGRATA Premessa il Servizio Multienico della ASL Frosinone mira ad avvicinare alla Sanità pubblica quella

Dettagli

Asp Poveri Vergognosi capitolato lotto 7. ASP Città di Bologna Via Marsala n. 7 40126 Bologna AFFIDAMENTO SERVIZI SOCIALI

Asp Poveri Vergognosi capitolato lotto 7. ASP Città di Bologna Via Marsala n. 7 40126 Bologna AFFIDAMENTO SERVIZI SOCIALI ASP Città di Bologna Via Marsala n. 7 40126 Bologna AFFIDAMENTO SERVIZI SOCIALI CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO sportello di intermediazione linguistico-culturale, di ascolto, orientamento e informazione

Dettagli

Pisa 26/11/2012. Contro la violenza di genere: L impegno del Consultorio. Dr.ssa Grazia Fazzino Responsabile UF Consultoriale Asl 5 Pisa

Pisa 26/11/2012. Contro la violenza di genere: L impegno del Consultorio. Dr.ssa Grazia Fazzino Responsabile UF Consultoriale Asl 5 Pisa Pisa 26/11/2012 Contro la violenza di genere: L impegno del Consultorio Dr.ssa Grazia Fazzino Responsabile UF Consultoriale Asl 5 Pisa Nel 2002 l OMS, nel suo rapporto mondiale su violenza e salute, considera

Dettagli

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA 14. CITTA MULTIETNICA SUPPORTARE INSERIMENTO IMMIGRATI Confermando il ruolo che il Centro Servizi per Stranieri ha assunto all interno delle politiche per l immigrazione,

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

SCHEDA PROGETTO SALUTE PROVINCIA DI CAGLIARI (21/04/2015)

SCHEDA PROGETTO SALUTE PROVINCIA DI CAGLIARI (21/04/2015) SCHEDA PROGETTO SALUTE PROVINCIA DI CAGLIARI (21/04/2015) Settore di intervento Area territoriale 1. Sistema dei servizi 2. Occupazione e formazione 3. Scuola e Istruzione 4. Casa/Alloggio 5. X Salute

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo NOEMI MONTANI Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) E-mail noemi.montani@virgilio.it Nazionalità Italiana di nascita 10 novembre 1960 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati)

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) PROVINCIA DI LATINA SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) Ai sensi della Deliberazione di Giunta Regionale n. 792 del 31

Dettagli

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati

Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze e dei ragazzi immigrati Ministero della Pubblica Istruzione Osservatorio nazionale per l integrazione degli alunni stranieri e per l educazione interculturale Progetto Non uno di meno per l integrazione positiva delle ragazze

Dettagli

Nuovi cittadini e diversa cultura della salute :

Nuovi cittadini e diversa cultura della salute : "Lo sviluppo inizia qui: assistenza, ricerca, didattica nelle professioni sanitarie" Reggio Emilia, 11 e 12 Dicembre 2008 Nuovi cittadini e diversa cultura della salute : L esperienza del Centro per la

Dettagli

Il Progetto G2. Seconda generazione protagonista, attivo nell annualità 2012, ha voluto riconoscere e rinforzare il protagonismo della

Il Progetto G2. Seconda generazione protagonista, attivo nell annualità 2012, ha voluto riconoscere e rinforzare il protagonismo della CORSO DI FORMAZIONE PER MEDIATORI DI SECONDA GENERAZIONE Il Progetto G2. Seconda generazione protagonista, attivo nell annualità 2012, ha voluto riconoscere e rinforzare il protagonismo della cosiddetta

Dettagli

IL Progetto Benessere Cittadini Immigrati nel Distretto 3 della ASL di Viterbo

IL Progetto Benessere Cittadini Immigrati nel Distretto 3 della ASL di Viterbo IL Progetto Benessere Cittadini Immigrati nel Distretto 3 della ASL di Viterbo STRUTTURA ASL TITOLARE DEL PROGETTO Distretto 3 Dipartimento ISS e TMI RESPONSABILE DEL PROGETTO: Antonella Proietti Direttore

Dettagli

ORE 16:45-18:15 I C.A.R.A.: prima accoglienza per richiedenti VENERDÌ 11 OTTOBRE 2013. ORE 14:30-16:00 Contesti

ORE 16:45-18:15 I C.A.R.A.: prima accoglienza per richiedenti VENERDÌ 11 OTTOBRE 2013. ORE 14:30-16:00 Contesti CORSO DI FORMAZIONE - II edizione OPERATORE SPECIALIZZATO in accoglienza per richiedenti e titolari di protezione internazionale 4 OTTOBRE 2013 / 14 FEBBRAIO 2014 ISTISSS, Via di Villa Pamphili 71/c -

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Ridurre la vulnerabilità alle malattie sessualmente trasmesse, con

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI MARANTO ROSA

INFORMAZIONI PERSONALI MARANTO ROSA INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARANTO ROSA Data di nascita 12/01/58 Qualifica Incarico attuale Medico I livello dirigenziale Attività Sanitarie di Comunità Responsabile f.f Zona Distretto Livornese Coordinatore

Dettagli

IOM- OIM I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste

IOM- OIM I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste Firenze, Villa La Quiete 4 Luglio 2014 Rossella Celmi - rcelmi@iom.int 1 Organizzazione Internazionale per le Migrazioni Fondata nel 1951,

Dettagli

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA 235 236 PROGETTO 16.1: CONTRASTO AL MALTRATTAMENTO ED ALLA VIOLENZA SULLE DONNE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2015-2017 Titolo obiettivo 1: Sostenere la legge contro

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Telefono 0667665321 Fax 0667665330 E-mail r.coglitore@provincia.roma.it

F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI. Nome. Telefono 0667665321 Fax 0667665330 E-mail r.coglitore@provincia.roma.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Telefono 0667665321 Fax 0667665330 E-mail r.coglitore@provincia.roma.it Data di nascita 09.01.1965 ESPERIENZA

Dettagli

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C.

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Data inizio: Novembre 2006 Durata: 2 anni Dove: Comune di Roma Soggetto proponente:

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Cuccurullo Annunziata Via E. De Filippis, 75 84013 Cava de Tirreni Telefono 089-4455031 cell. aziendale 349 5017638 Fax 089-4455034

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE E LA SALUTE GLOBALE PER LO SVILUPPO

I DIRITTI DELLE DONNE E LA SALUTE GLOBALE PER LO SVILUPPO Istituto Superiore di Sanità Laziosanità-ASP Istituto Nazionale salute popolazioni migranti e per il contrasto delle malattie della Povertà Azienda Ospedaliera San Camillo-Forlanini I DIRITTI DELLE DONNE

Dettagli

Dott.ssa Carmela Sesti

Dott.ssa Carmela Sesti Allegato C U R R I C U L U M V I T A E Dott.ssa Carmela Sesti INFORMAZIONI PERSONALI Nome Sesti Carmela Data di nascita 15/12/1957 Qualifica Dirigente Psicologo Amministrazione ASP Cosenza Responsabile

Dettagli

Le malattie emergenti nei migranti

Le malattie emergenti nei migranti CORSO DI PERFEZIONAMENTO Psicologia dei processi immigratori per operatori sociali e sanitari Giorno Ore 15 aprile 14.00 18.00 (tot. 4 ore) Giov. 22 aprile Tema Modulo Docenti Argomento dell intervento

Dettagli

L Italia, da metà degli anni 90, si è dotata nei confronti

L Italia, da metà degli anni 90, si è dotata nei confronti 139 Salvatore Geraci* Normativa e programmazione sanitaria della Regione Lazio P r e m e s s a L Italia, da metà degli anni 90, si è dotata nei confronti degli immigrati di una normativa sanitaria inclusiva

Dettagli

PROGRAMMA EVENTO FORMATIVO

PROGRAMMA EVENTO FORMATIVO PROGRAMMA EVENTO FORMATIVO Titolo_ Accoglienza, accompagnamento, integrazione sociale e lavorativa degli immigrati: consolidamento la Rete Professionale Immigrazione e Salute 3 annualità Date: 26 febbraio,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

Normativa, diritto alla tutela della salute e migrazione

Normativa, diritto alla tutela della salute e migrazione SItI Lombardia SALUTE E MIGRAZIONE 18 maggio 2012 Normativa, diritto alla tutela della salute e migrazione Manila Bonciani Istituto Superiore di Sanità Società Italiana di Medicina delle Migrazioni manila.bonciani@iss.it

Dettagli

FONDO EUROPEO PER I RIFUGIATI 2008-2013 PER UN ACCOGLIENZA E UNA RELAZIONE D AIUTO TRANSCULTURALI

FONDO EUROPEO PER I RIFUGIATI 2008-2013 PER UN ACCOGLIENZA E UNA RELAZIONE D AIUTO TRANSCULTURALI IL CONTESTO Ad oltre dieci anni dalla diffusione in tutto il territorio nazionale di numerose esperienze sull accoglienza materiale, l orientamento sociale e legale dei richiedenti/titolari di protezione

Dettagli

L assistenza agli immigrati irregolari ed ai cittadini europei non iscritti

L assistenza agli immigrati irregolari ed ai cittadini europei non iscritti L assistenza agli immigrati irregolari ed ai cittadini europei non iscritti Antonio Brambilla Reggio Emilia, 25 ottobre 2011 cosa prevede la norma nazionale per gli STP L assistenza sanitaria a favore

Dettagli

X CONGRESSO REGIONALE CARD PUGLIA

X CONGRESSO REGIONALE CARD PUGLIA X CONGRESSO REGIONALE CARD PUGLIA Le politiche immigratorie e il Distertto Socio Sanitario. La globalizzazione dell assistenza sanitaria : scenari ed interventi innovativi Rosa Guagliardo Asl Bari Polignano

Dettagli

La salute della persona immigrata: comunicazione della diagnosi e presa in carico nelle malattie infettive

La salute della persona immigrata: comunicazione della diagnosi e presa in carico nelle malattie infettive Rev. 3, 20/06/08 Pag 1 di 6 La salute della persona immigrata: comunicazione della diagnosi e presa in carico nelle malattie infettive N ID Corso: Seconda Edizione 26-28 gennaio 2010 organizzato da Istituto

Dettagli

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009.

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie  presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009. C U R R I C U L U M P R O F E S S I O N A L E Giorgi Federica nata a Velletri il 05.05.1950. Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

1. Il Ministro delegato per le pari opportunità,. elabora, con il contributo delle amministrazioni interessate, delle associazioni di donne impegnate

1. Il Ministro delegato per le pari opportunità,. elabora, con il contributo delle amministrazioni interessate, delle associazioni di donne impegnate WORKSHOP SORVEGLIANZA DELLA VIOLENZA E DEGLI INCIDENTI (TRAUMI, USTIONI, AVVELENAMENTI, SOFFOCAMENTO): RICONOSCIMENTO E INTERVENTO NEI CASI OSSERVATI IN AMBITO OSPEDALIERO E SANITARIO Roma, 20 febbraio

Dettagli

Piazzale della Pace, 1 43121 Parma C.F. 80015230347

Piazzale della Pace, 1 43121 Parma C.F. 80015230347 CORSO DI FORMAZIONE RIVOLTO AI SERVIZI SOCIO-SANITARI DEL TERRITORIO. Il progetto Salut-are, finanziato a valere sul Fondo Europeo Rifugiati 2008-2013, Programma annuale 2010, Azione 1.2.B è un progetto

Dettagli

LE DEMENZE Il nuovo quadro normativo, implementazione sul territorio della ASL RMf

LE DEMENZE Il nuovo quadro normativo, implementazione sul territorio della ASL RMf LE DEMENZE Il nuovo quadro normativo, implementazione sul territorio della ASL RMf MASSIMO GUIDO Psichiatra D.S.M. Coordinatore e responsabile scientifico della Struttura coordinamento Disturbi cognitivi/demenze

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: LE VOCI DI DENTRO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA Area di intervento: IMMIGRATI, PROFUGHI (codice A04) OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

1999 Laurea breve in Servizio Sociale conseguito presso università degli studi di Bologna votazione finale 70/70

1999 Laurea breve in Servizio Sociale conseguito presso università degli studi di Bologna votazione finale 70/70 Mariapia Resca Istruzione 1992/93 Diploma di maturità conseguito presso istituto tecnico scientifico Elisabetta Sirani votazione finale 48/60 1994/95 Diploma di Infermiera Professionale conseguito presso

Dettagli

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA L Amministrazione Provinciale di Cuneo,

Dettagli

Progetto Nemo Sostegno, educazione e aiuto per una vita piena del bambino con disabilità e dei suoi genitori

Progetto Nemo Sostegno, educazione e aiuto per una vita piena del bambino con disabilità e dei suoi genitori Sostegno, educazione e aiuto per una vita piena del bambino con disabilità e dei suoi genitori L abilità onlus L'Associazione si propone di: sostenere la famiglia del bambino con disabilità promuovendo

Dettagli

STATO DI AVANZAMENTO PREVENZIONE DELL OBESITÀ NELLA REGIONE LAZIO SINTESI ATTIVITA GENNAIO 2007 - DICEMBRE 2007

STATO DI AVANZAMENTO PREVENZIONE DELL OBESITÀ NELLA REGIONE LAZIO SINTESI ATTIVITA GENNAIO 2007 - DICEMBRE 2007 STATO DI AVANZAMENTO PREVENZIONE DELL OBESITÀ NELLA REGIONE LAZIO SINTESI ATTIVITA GENNAIO 2007 - DICEMBRE 2007 REGIONE: Lazio TITOLO: Interventi par la Prevenzione dell Obesità nella Regione Lazio Il

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

REGIONE LAZIO. OGGETTO: Piano regionale della prevenzione 2005 2007 Anno 2005 LA GIUNTA REGIONALE

REGIONE LAZIO. OGGETTO: Piano regionale della prevenzione 2005 2007 Anno 2005 LA GIUNTA REGIONALE DGR 729 del 4 agosto 2005-08-29 REGIONE LAZIO OGGETTO: Piano regionale della prevenzione 2005 2007 Anno 2005 LA GIUNTA REGIONALE SU PROPOSTA dell Assessore alla Sanità; VISTO lo Statuto della Regione Lazio;

Dettagli

12 Congresso nazionale ANSPI 1 Convegno ANSPI-SIT L innovazione tecnologica a sostegno dell universalità del diritto alla salute

12 Congresso nazionale ANSPI 1 Convegno ANSPI-SIT L innovazione tecnologica a sostegno dell universalità del diritto alla salute 12 Congresso nazionale ANSPI 1 Convegno ANSPI-SIT L innovazione tecnologica a sostegno dell universalità del diritto alla salute Innovazione e assistenza alle popolazioni migranti e svantaggiate Dott.ssa

Dettagli

Salute mentale, stili di vita e malattie infettive nella popolazione migrante

Salute mentale, stili di vita e malattie infettive nella popolazione migrante Su fondi di progetto-convenzione Rev. 2, 12/06/08 Pag 1 di 5 XI CONVEGNO DELL ITALIAN NATIONAL FOCAL POINT INFECTIOUS DISEASES AND MIGRANT Salute mentale, stili di vita e malattie infettive nella popolazione

Dettagli

Praticabilità: come intervenire in ambito penitenziario - la specificità del setting. Paolo Pandolfi

Praticabilità: come intervenire in ambito penitenziario - la specificità del setting. Paolo Pandolfi Disuguaglianze in Salute e Screening Oncologici: dal CCM ai Piani della Prevenzione Verona, 29 aprile 2015 Praticabilità: come intervenire in ambito penitenziario - la specificità del setting Paolo Pandolfi

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Azienda ASL RMB 2) Codice di accreditamento: NZ00156 3) Classe di iscrizione all

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Marina Latini Data di nascita 13/08/1954 Qualifica Amministrazione. Nome

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Marina Latini Data di nascita 13/08/1954 Qualifica Amministrazione. Nome CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Marina Latini Data di nascita 13/08/1954 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente sanitario Psicologo A.S.L. RM C

Dettagli

Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona. www.ulss.tv.it

Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona. www.ulss.tv.it Il sistema integrato di interventi e servizi sociali ed il piano di zona www.ulss.tv.it Principi costituzionali Art. 2. La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo

Dettagli

Piano Sociale di Zona

Piano Sociale di Zona Piano Sociale di Zona 2010-12 Molfetta-Giovinazzo Protocollo Operativo Istituzione dell équipe integrata, multidisciplinare e multiprofessionale, per l affido familiare e l adozione Organizzazione, Funzioni,

Dettagli

Il progetto Ponte linea dell Asl di Vallecamonica Sebino. Direttore Sanitario aziendale Dr. Fabio Besozzi Valentini

Il progetto Ponte linea dell Asl di Vallecamonica Sebino. Direttore Sanitario aziendale Dr. Fabio Besozzi Valentini Il progetto Ponte linea dell Asl di Vallecamonica Sebino Direttore Sanitario aziendale Dr. Fabio Besozzi Valentini Territorio di competenza dell Asl di Vallecamonica Sebino Il progetto complessivo: Ponte

Dettagli

Area Politiche per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità. Servizi Sistema Integrato Servizi Sociali

Area Politiche per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità. Servizi Sistema Integrato Servizi Sociali R E G I O N E P U G L I A ALL. C Area Politiche per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità Servizi Sistema Integrato Servizi Sociali Via Caduti di Tutte le Guerre, 15-70123

Dettagli

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO Allegato A Linee generali per la presentazione del progetto di gestione dei servizi di promozione e tutela della donna : CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Istituzione scolastica dotata di personalità giuridica Decreto del Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale del F.V.G. del 25 gennaio 2012 - prot. n.

Dettagli

Cittadini stranieri non appartenenti all Unione Europea

Cittadini stranieri non appartenenti all Unione Europea L immigrazione in Italia è ormai un fenomeno più che consolidato, il dossier caritas 2007 riporta 3.500000 presenze di stranieri regolari. Sempre dal DOSSIER CARITAS 2004, nella provincia di Latina, capofila

Dettagli

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Scheda informativa Università Classe Universita' degli Studi di PADOVA Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005

Dettagli

TRA PREMESSO CHE VISTO CHE

TRA PREMESSO CHE VISTO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA PROVINCIA DI ROMA -ASSESSORATO POLITICHE

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA

ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA ASSOCIAZIONE ONLUS CERCHI D ONDA PROGETTO FAMIGLIE SOLIDALI 2012 S ommario Premessa 1. Il contesto 2. Finalità 3. Obiettivi specifici 4. Attività 5. Destinatari 6. Durata del progetto 7. Cronogramma 8.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

Do#.ssa Andrea Laverde. Corso di formazione A,B,C D come diritti. Associazione Avvocato di strada Onlus

Do#.ssa Andrea Laverde. Corso di formazione A,B,C D come diritti. Associazione Avvocato di strada Onlus Do#.ssa Andrea Laverde Corso di formazione A,B,C D come diritti Associazione Avvocato di strada Onlus Che tipo di accoglienza offre l Italia? Sistema SPRAR CARA CIE (L. Bossi-Fini) Privati - Associazionismo

Dettagli

Piazzale della Pace, 1 43121 Parma C.F. 80015230347

Piazzale della Pace, 1 43121 Parma C.F. 80015230347 CORSO DI FORMAZIONE RIVOLTO AI SERVIZI SOCIO-SANITARI DEL TERRITORIO. Il progetto Salut-are, finanziato a valere sul Fondo Europeo Rifugiati 2008-2013, Programma annuale 2010, Azione 1.2.B è un progetto

Dettagli

25 novembre 2015 Auditorium Ospedale Santa Chiara Trento. Organizzato da Società Italiana di Medicina delle Migrazioni S.I.M.M.

25 novembre 2015 Auditorium Ospedale Santa Chiara Trento. Organizzato da Società Italiana di Medicina delle Migrazioni S.I.M.M. Il benessere psicologico dei rifugiati e l'importanza della mediazione culturale Esperienze esistenti e sfide per il futuro 25 novembre 2015 Auditorium Ospedale Santa Chiara Trento Organizzato da Società

Dettagli

Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp

Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp V.Corridori Regione Toscana - Azienda Ospedaliera Universitaria Senese A.Monti Direttore UOC NPI Empoli-Membro gruppo di lavoro Riferimenti nazionali Legge

Dettagli

Curriculum Vitae Europeo

Curriculum Vitae Europeo Curriculum Vitae Europeo Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) Taibi Laura Indirizzo(i) Caltanissetta Telefono(i) 0934 506221 Mobile: 3394972418 Fax 0934506225 E-mail ealess@tin.it Cittadinanza Italiana

Dettagli

Progetto regionale CONOSCERE PER PREVENIRE Prevenzione dell interruzione volontaria di gravidanza (IVG) e delle mutilazione genitali femminili (MGF) fra le donne immigrate. ATTIVITA 2009 ASSOCIAZIONE NOSOTRAS

Dettagli

SCHEDA PER LA PROGETTAZIONE DI DETTAGLIO DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI

SCHEDA PER LA PROGETTAZIONE DI DETTAGLIO DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI COMUNE DI SAGAMA PROVINCIA DI ORISTANO WEB: www.comune.sagama.or.it SEDE: Corso Vittorio Emanuele III, 46 08010 SAGAMA (OR) PEC: protocollo@pec.comune.sagama.or.it MAIL: servsociali@comune.sagama.or.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

UOS SPES - ULSS20 VR

UOS SPES - ULSS20 VR UOS SPES - ULSS20 VR Progetto CCM 2012 Individuazione delle disuguaglianze in salute e creazione di conseguenti modelli di azioni di sorveglianza e contrasto UOS SPES - ULSS20 VR Scenario sulle Disuguaglianze

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASSANTE MARIA DOLORES Data di nascita 3/07/1957 Qualifica Dirigente medico Unità operativa/ ufficio Cure Primarie Distretto di Serra San Bruno Incarico attuale

Dettagli

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Ufficio di Piano di Zona VT4 rif. L.328/00 SERVIZI ISTITUZIONALI DISTRETTO VT4

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Ufficio di Piano di Zona VT4 rif. L.328/00 SERVIZI ISTITUZIONALI DISTRETTO VT4 SERVIZI ISTITUZIONALI DISTRETTO VT4 REPORT SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE DISTRETTUALE UFFICIO DI PIANO VT4 Il Distretto dei Comuni VT4 ha progettato e realizzato un Servizio Sociale

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

Comune di Jesi. Protocollo d intesa

Comune di Jesi. Protocollo d intesa Comune di Jesi Protocollo d intesa TRA LA PREFETTURA DI ANCONA, IL COMUNE DI JESI, LE FORZE DELL ORDINE, L UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE, IL C.I.O.F., L ASUR ZONA TERRITORIALE 5, L AMBITO TERRITORIALE

Dettagli

Tab. 1 Servizi per macro aree di assistenza nella diocesi di Milano

Tab. 1 Servizi per macro aree di assistenza nella diocesi di Milano INTRODUZIONE Nel corso del 2010 si è svolto il Censimento nazionale dei servizi sanitari, socio-sanitari e socioassistenziali collegati con la Chiesa Cattolica, promosso congiuntamente dall Ufficio nazionale

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale Lecce. Dal 18/12/2013 al 30/01/2014. Dal 05/07/2012 al 10/03/2013. Istituto di Culture Mediterranee di Lecce

Azienda Sanitaria Locale Lecce. Dal 18/12/2013 al 30/01/2014. Dal 05/07/2012 al 10/03/2013. Istituto di Culture Mediterranee di Lecce Curriculum Vitae Europass INFORMAZIONI PERSONALI Cognome(i/)/Nome(i) ESPERIENZA PROFESSIONALE Datore di Datore di Lavoro Principali attività e responsabilità Nome e indirizzo del datore di Tipo di attività

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

Centro regionale contro le discriminazioni

Centro regionale contro le discriminazioni Centro regionale contro le discriminazioni LR 5/2004 Norme per l integrazione sociale dei cittadini stranieri immigrati. Modifiche alle leggi regionali 21 febbraio 1990, n. 14 e 12 marzo 200, n. 2 ; Articolo

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS CARTA SERVIZI. dei

ASSOCIAZIONE ONLUS CARTA SERVIZI. dei ASSOCIAZIONE ONLUS CARTA dei SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei servizi ha lo scopo di raccontare quali sono le nostre attività e come si può accedere ai nostri servizi. La Carta è una straordinaria

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome SIMONA CAVALLINI Indirizzo VIA QUIRINO DI MARZIO 64, BOLOGNA Telefono 338-9900758 Fax E-mail simona.cavallini@aspbologna.it

Dettagli

1) dal 27.6.80 al 31.10.94 : dirigente medico settore di medicina. 2) Componente della Commissione Invalidi Civili Aversa II, (medico del

1) dal 27.6.80 al 31.10.94 : dirigente medico settore di medicina. 2) Componente della Commissione Invalidi Civili Aversa II, (medico del REGIONE CAMPANIA AZIENSA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana n 28 Caserta Curriculum Formativo e Professionale del dott. Mariano Buniello Informazioni Personali Buniello Mariano Via Giuseppe Zanardelli

Dettagli

Percorsi di accoglienza in Casentino

Percorsi di accoglienza in Casentino Co.Mo. Casentino - Piano di sviluppo economico e sociale 2006-2009 Scheda sintetica di Progetto/Programma Percorsi di accoglienza in Casentino Tema programmatico [ ] A: competitività del territorio e dei

Dettagli

IL FUTURO COME VIAGGIO

IL FUTURO COME VIAGGIO IL FUTURO COME VIAGGIO Anno di realizzazione 2011 Finanziamento Cariverona Rete di progetto Coop. Kantara; Coop. Progetto Integrazione; Fondazione ISMU, Settore Formazione; Studio Res Corso di formazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 Giovanni XXIII 73043 COPERTINO - Via Mogadiscio, 45 - Tel. 0832.947164 Fax 0832.934582 e-mail: leic865009@istruzione.it Allegato al Regolamento d Istituto PROTOCOLLO per l ACCOGLIENZA

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

Alta Formazione e aggiornamento di Mediatori Interculturali per la prevenzione e il contrasto alle Mutilazioni Genitali Femminili

Alta Formazione e aggiornamento di Mediatori Interculturali per la prevenzione e il contrasto alle Mutilazioni Genitali Femminili Istituto Nazionale per la Salute, i Migranti e la Povertà Roma, Italia National Institute for Health, Migrants and Poverty Rome, Italy INMP Presentazione Progetto Macro-area C Formazione Alta Formazione

Dettagli