2. Il diritto di soggiorno di cui al comma 1 e' esteso ai familiari non aventi la cittadinanza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. Il diritto di soggiorno di cui al comma 1 e' esteso ai familiari non aventi la cittadinanza"

Transcript

1 IL DIRITTO DI CIRCOLAZIONE E DI SOGGIORNO DEI CITTADINI DELL UNIONE E DEI LORO FAMILIARI DIRETTIVA EUROPEA E NORMATIVA INTERNA A CONFRONTO SOGGIORNO SUPERIORE A TRE MESI INATTIVI E STUDENTI DECRETO LEGISLATIVO DIRETTIVA Articolo 7 Diritto di soggiorno per un periodo superiore a tre mesi 1.Il cittadino dell'unione ha diritto di soggiornare nel territorio nazionale per un periodo superiore a tre mesi quando: omissis b) dispone per se' stesso e per i propri familiari di risorse economiche sufficienti, per non diventare un onere a carico dell'assistenza sociale dello Stato durante il periodo di soggiorno, e di un'assicurazione sanitaria o di altro titolo idoneo comunque denominato che copra tutti i rischi nel territorio nazionale; c) e' iscritto presso un istituto pubblico o privato riconosciuto per seguirvi come attività principale un corso di studi o di formazione professionale e dispone, per se' stesso e per i propri familiari, di risorse economiche sufficienti, per non diventare un onere a carico dell'assistenza sociale dello Stato durante il suo periodo di soggiorno, da attestare attraverso una dichiarazione o con altra idonea documentazione, e di un'assicurazione sanitaria o di altro titolo idoneo che copra tutti i rischi nel territorio nazionale; d) e' familiare, come definito dall'articolo 2, che accompagna o raggiunge un cittadino dell'unione che ha diritto di soggiornare ai sensi delle lettere a), b) o c). 2. Il diritto di soggiorno di cui al comma 1 e' esteso ai familiari non aventi la cittadinanza Articolo 7 Diritto di soggiorno per un periodo superiore a tre mesi 1. Ciascun cittadino dell'unione ha il diritto di soggiornare per un periodo superiore a tre mesi nel territorio di un altro Stato membro, a condizione: omissis b) di disporre, per se stesso e per i propri familiari, di risorse economiche sufficienti, affinché non divenga un onere a carico dell'assistenza sociale dello Stato membro ospitante durante il periodo di soggiorno, e di un'assicurazione malattia che copra tutti i rischi nello Stato membro ospitante; o c) di essere iscritto presso un istituto pubblico o privato, riconosciuto o finanziato dallo Stato membro ospitante in base alla sua legislazione o prassi amministrativa, per seguirvi a titolo principale un corso di studi inclusa una formazione professionale, di disporre di un'assicurazione malattia che copre tutti i rischi nello Stato membro ospitante e di assicurare all'autorità nazionale competente, con una dichiarazione o con altro mezzo di sua scelta equivalente, di disporre, per se stesso e per i propri familiari, di risorse economiche sufficienti, affinché non divenga un onere a carico dell'assistenza sociale dello Stato membro ospitante durante il suo periodo di soggiorno; o d) di essere un familiare che accompagna o raggiunge un cittadino dell'unione rispondente alle condizioni di cui alle lettere a), b) o c). 2. Il diritto di soggiorno di cui al paragrafo 1 è esteso ai familiari non aventi la cittadinanza

2 di uno Stato membro quando accompagnano o raggiungono nel territorio nazionale il cittadino dell'unione, purche' questi risponda alle condizioni di cui al comma 1, lettere a), b) o c). omissis di uno Stato membro quando accompagnino o raggiungano nello Stato membro ospitante il cittadino dell'unione, purché questi risponda alla condizioni di cui al paragrafo 1, lettere a), b) o c). omissis --- Articolo 9 Formalità amministrative per i cittadini dell'unione ed i loro familiari... omissis 3. Oltre a quanto previsto per i cittadini italiani dalla normativa di cui al comma 1, per l'iscrizione anagrafica di cui al comma 2, il cittadino dell'unione deve produrre la documentazione attestante: omissis b) la disponibilità di risorse economiche sufficienti per se' e per i propri familiari, secondo i criteri di cui all'articolo 29, comma 3, lettera b), del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, nonche' la titolarità di una assicurazione sanitaria ovvero di altro titolo comunque denominato idoneo a coprire tutti i rischi nel territorio nazionale, se l'iscrizione e' richiesta ai sensi dell'articolo 7, comma 1, lettera b); c) l'iscrizione presso un istituto pubblico o privato riconosciuto dalla vigente normativa e la titolarità di un'assicurazione sanitaria ovvero di altro titolo comunque denominato idoneo a coprire tutti i rischi, nonche' la disponibilità di risorse economiche sufficienti per se' e per i propri familiari, secondo i criteri di cui all'articolo 29, comma 3, lettera b), del citato decreto legislativo n. 286 del 1998, se l'iscrizione e' richiesta ai sensi dell'articolo 7, comma 1, lettera c). 4. Il cittadino dell'unione può dimostrare di disporre, per se' e per i propri familiari, di risorse economiche sufficienti a non gravare sul sistema di assistenza pubblica, anche attraverso la dichiarazione di cui agli articoli 46 e 47 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di --- Articolo 8 Formalità amministrative per i cittadini dell'unione omissis 3. Per il rilascio dell'attestato d'iscrizione, gli Stati membri possono unicamente prescrivere al cittadino dell'unione ( omissis ) una conferma di assunzione del datore di lavoro o un certificato di lavoro o una prova dell'attività autonoma esercitata, cittadino dell'unione cui si applica l'articolo 7, paragrafo 1, lettera b), di esibire una carta d'identità o un passaporto in corso di validità e di fornire la prova che le condizioni previste da tale norma sono soddisfatte, cittadino dell'unione cui si applica l'articolo 7, paragrafo 1, lettera c), di esibire una carta d'identità o un passaporto in corso di validità, di fornire la prova di essere iscritto presso un istituto riconosciuto e di disporre di un'assicurazione malattia che copre tutti i rischi e di esibire la dichiarazione o altro mezzo equivalente di cui all'articolo 7, paragrafo 1, lettera c). Gli Stati membri non possono esigere che detta dichiarazione indichi un importo specifico delle risorse. 4. Gli Stati membri si astengono dal fissare l'importo preciso delle risorse che considerano sufficienti, ma devono tener conto della situazione personale dell'interessato. In ogni caso, tale importo non può essere superiore al livello delle risorse al di sotto del quale i cittadini dello Stato membro ospitante beneficiano di prestazioni di assistenza sociale o, qualora non possa trovare applicazione tale criterio, alla pensione minima sociale erogata dallo Stato membro ospitante. 5. Ai fini del rilascio dell'attestato d'iscrizione

3 documentazione amministrativa di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n omissis ai familiari del cittadino dell'unione che siano essi stessi cittadini dell'unione gli Stati membri possono prescrivere di presentare i seguenti documenti: a) carta d'identità o passaporto in corso di validità; b) un documento che attesti la qualità di familiare o l'esistenza di un'unione registrata; c) se opportuno, l'attestato d'iscrizione del cittadino dell'unione che gli interessati accompagnano o raggiungono; d) nei casi di cui all'articolo 2, punto 2, lettere c) e d), la prova documentale che le condizioni di cui a tale disposizione sono soddisfatti; e) nei casi di cui all'articolo 3, paragrafo 2, lettera a), un documento rilasciato dall'autorità competente del paese di origine o di provenienza attestante che gli interessati sono a carico del cittadino dell'unione o sono membri del nucleo familiare di quest'ultimo, o la prova che gravi motivi di salute del familiare impongono la prestazione di un'assistenza personale da parte del cittadino dell'unione; f) nei casi di cui all'articolo 3, paragrafo 2, lettera c), la prova di una relazione stabile con il cittadino dell'unione. A)INATTIVI 1)il cittadino dell Unione deve produrre la documentazione attestante la disponibilità di risorse economiche sufficienti per se' e per i propri familiari, secondo i criteri di cui all'articolo 29, comma 3, lettera b), del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286 [art. 9, c. 3, lett. b), del Decreto Legislativo; sul disallineamento, rispetto all art. 8, par. 4, della Direttiva, si veda infra] e la titolarità di una assicurazione sanitaria ovvero di altro titolo comunque denominato idoneo a coprire tutti i rischi nel territorio nazionale [art. 9, c. 3, lett. b), del Decreto Legislativo; latamente la Direttiva art. 8, par. 3 che, tanto per questa posizione quanto per la situazione reddituale, pone a carico del cittadino dell Unione l onere di fornire la prova che le condizioni previste dalla norma sono soddisfatte ] 2)secondo l autorità amministrativa, il requisito economico deve essere soddisfatto personalmente dall interessato, il quale deve quindi disporre di risorse economiche proprie (corsivo nostro) (1); di diverso parere è la giurisprudenza comunitaria (2) e la dottrina prevalente (3)

4 3)per il familiare che raggiunge il cittadino dell Unione inattivo già iscritto in Apr, occorre a nostro parere una (ulteriore) autocertificazione concernente le risorse economiche, se quella già prodotta non ne garantisce il sostentamento (4) B)STUDENTI 1)il cittadino dell Unione deve produrre la documentazione attestante l'iscrizione presso un istituto pubblico o privato riconosciuto dalla vigente normativa e la titolarità di un'assicurazione sanitaria ovvero di altro titolo comunque denominato idoneo a coprire tutti i rischi, nonché la disponibilità di risorse economiche sufficienti per se' e per i propri familiari, secondo i criteri di cui all'articolo 29, comma 3, lettera b), del citato decreto legislativo n. 286 del 1998 [art. 9, c. 3, lett. c), del Decreto Legislativo; le risorse economiche sono, anche in questo caso, autocertificabili, ai sensi del comma 4; è appena il caso di ricordare che, secondo l art. 8, par. 3, della Direttiva, gli Stati membri non possono esigere che detta dichiarazione indichi un importo specifico delle risorse ] (5) 2)è lecito chiedersi perché sia stata prevista la differenziazione tra studente e inattivo, visto che le condizioni di soggiorno (risorse economiche e copertura sanitaria) sono identiche; una spiegazione potrebbe scaturire dall art. 7, par. 4, della Direttiva, che penalizza i familiari dello studente, restringendone il novero; la limitazione che, per inciso, si discosta dalla giurisprudenza della Corte di Giustizia CE (6) non risulta recepita dal Decreto Legislativo C)PROBLEMATICHE COMUNI AGLI INATTIVI E AGLI STUDENTI: LE RISORSE ECONOMICHE 1)già si è visto che il cittadino dell Unione, studente o inattivo, deve produrre la documentazione attestante la disponibilità di risorse economiche sufficienti per se' e per i propri familiari, secondo i criteri di cui all'articolo 29, comma 3, lettera b), del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286 [art. 9, c. 3, lett. b) e c), del Decreto Legislativo]; la condizione non sembra in linea con quanto previsto dall art. 8, par. 4, della Direttiva: se è vero che, in ogni caso, l importo da considerare non può essere superiore al livello delle risorse al di sotto del quale i cittadini dello Stato membro ospitante beneficiano di prestazioni di assistenza sociale o, qualora non possa trovare applicazione tale criterio, alla pensione minima sociale erogata dallo Stato membro ospitante, è anche vero che gli Stati membri si astengono dal fissare l'importo preciso delle risorse che considerano sufficienti, ma devono tener conto della situazione personale dell'interessato (7) 2)precedentemente al decreto legislativo 3 ottobre 2008, n. 160, osservavamo: il legislatore (italiano) rinvia ai criteri individuati dalla normativa sull immigrazione; sotto questo profilo, si potrebbero esporre a qualche critica le direttive ministeriali, quando individuano l importo annuo dell assegno sociale (anche) nel caso di unico richiedente (8), posto che la norma richiamata, proprio perché relativa al ricongiungimento familiare, collega la soglia minima, ovvero l importo annuo dell assegno sociale, a due persone; è anche vero, peraltro che, da un lato, l art. 9, c.1, del TU sull immigrazione, individua, per il rilascio del permesso di soggiorno CE ai soggiornanti di lungo periodo, per il solo richiedente (quindi per una sola persona), un reddito non inferiore all importo annuo dell assegno sociale, dall altro, la giurisprudenza amministrativa sembra orientata nella

5 direzione seguita dall autorità amministrativa (9). Il riferimento è ora all at. 29, c. 3, c. 3, lett. b), del TU sull immigrazione, come modificato dall art. 1, c. 1, lett. c), del d. lgs. 160/2008: lo straniero che richiede il ricongiungimento deve dimostrare la disponibilità di un reddito minimo annuo derivante da fonti lecite non inferiore all'importo annuo dell'assegno sociale aumentato della meta' dell'importo dell'assegno sociale per ogni familiare da ricongiungere. Per il ricongiungimento di due o piu' figli di eta' inferiore agli anni quattordici ovvero per il ricongiungimento di due o piu' familiari dei titolari dello status di protezione sussidiaria e' richiesto, in ogni caso, un reddito non inferiore al doppio dell'importo annuo dell'assegno sociale. Ai fini della determinazione del reddito si tiene conto anche del reddito annuo complessivo dei familiari conviventi con il richiedente (10) 3)l autocertificabilità delle risorse economiche, già prevista dall art. 5, c. 3, lett. d), del d.p.r. 54/2002, è confermata dall art. 9, c. 4, del Decreto Legislativo (11). L autodichiarazione dovrà attestare il possesso della disponibilità economica proveniente da fonte lecita e fornire dettagliate informazioni idonee ad agevolare lo svolgimento dei controlli, anche a campione, di cui all art. 71 del d.p.r. 445/2000 (12); il cittadino dell Unione deve, inoltre, autorizzare il funzionario responsabile del procedimento [ovvero: l ufficiale d anagrafe delegato dal Sindaco (13)] alla richiesta, visione ed acquisizione della documentazione necessaria ad eventuali controlli circa la veridicità delle dichiarazioni rese (14) 4)è dubbio se sia sufficiente l esibizione di denaro contante (15) D)PROBLEMATICHE COMUNI AGLI INATTIVI E AGLI STUDENTI: LA COPERTURA SANITARIA 1)già si è visto che il cittadino dell Unione, studente o inattivo, deve produrre la documentazione attestante la titolarità di una assicurazione sanitaria ovvero di altro titolo comunque denominato idoneo a coprire tutti i rischi nel territorio nazionale [art. 9, comma 3, lett. b) e c), Decreto Legislativo; latamente la Direttiva art. 8, par. 3 che, tanto per questa posizione quanto per la situazione economica, pone a carico del cittadino dell Unione l onere di fornire la prova che le condizioni previste dalla norma sono soddisfatte ] 2)la posizione non sembra (recte:sembrerebbe) autocertificabile, visto che l art. 9, c. 4, del Decreto Legislativo, ammette espressamente le dichiarazioni sostitutive per provare le risorse economiche (16); il condizionale è d obbligo, alla luce degli artt. 3, c. 1, e 77-bis del d.p.r. 445/2000 3)i formulari E106, E120, E121 (o E33), E109 (o E37), presentati dai cittadini dell Unione, soddisfano il requisito della copertura sanitaria al fine dell iscrizione anagrafica (17)

6 4)secondo l autorità amministrativa, la tessera sanitaria europea (TEAM) rilasciata dal Paese di provenienza non sostituisce la polizza sanitaria (18) 5)il possesso della tessera sanitaria italiana ma non di quella dello Stato di provenienza (19) è generalmente ritenuto idoneo a comprovare l iscrizione al S.S.N. (20) 6)riteniamo che non si possa considerare idonea la tessera sanitaria (con codice) STP (Straniero Temporaneamente Presente), rilasciata ai cittadini romeni e bulgari (già) irregolari (perché precedentemente extracomunitari); se è vero che è stata prevista, dapprima, la proroga di tale regime particolare, poi l istituzionalizzazione degli effetti (21) è anche vero che il (c.d.) codice STP non copre tutta la casistica sanitaria 7)dal combinato disposto delle lett. a), b) e c) dell art. 7, c. 1, del Decreto Legislativo, sembra corretto dedurre che sono tenuti alla polizza assicurativa (o al possesso di altro titolo idoneo che copra tutti i rischi nel territorio nazionale ) gli inattivi [recte: i cittadini dell Unione individuati dalla citata lett. b), con esclusione dei richiedenti la pensione di altro Stato UE (titolari del mod. E120) e dei pensionati europei (titolari del mod. E121)], i loro familiari (con l esclusione predetta) ed i familiari degli studenti (22) 8)la durata della polizza assicurativa deve essere almeno annua (23) 9)l autorità amministrativa ribadisce [art. 7, c. 1, lett. b) e c), del Decreto Legislativo] che l assicurazione privata deve coprire tutti i rischi sanitari (24) 10)la possibilità di iscriversi volontariamente, a fronte del pagamento di una quota (forfetaria o rapportata al reddito) al Servizio Sanitario dipende allo stato dalle singole direttive regionali (25) 11)per l individuazione dei familiari (26) si deve far riferimento all'art. 4 del decreto-legge 2 luglio 1982, n. 402, convertito nella legge 3 settembre 1982, n. 627, che prevede l applicabilità delle disposizioni di cui al testo unico sugli assegni familiari approvato con decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1955, n. 797, e successive modificazioni ed integrazioni (27); è da chiedersi se, per i cittadini dell Unione, il richiamo non sia, ora, all art. 2 (ed all art. 3, per coloro che lo ritengono immediatamente operativo) del Decreto Legislativo [ed alla giurisprudenza della Corte di Giustizia, per la nozione di ascendente e discendente (ultraventunenne) a carico]; nella negativa (28), il disallineamento è evidente [si pensi, ad es.: a) in relazione all art. 2 del Decreto Legislativo:

7 figlio diciannovenne disoccupato, non inabile; b) con riferimento alla giurisprudenza comunitaria: figlio ventiduenne disoccupato, non inabile], con altrettanto evidenti riflessi sulla stessa logica del sistema [per rimanere negli esempi precedenti, si consideri il figlio diciannovenne disoccupato, non inabile, del lavoratore cittadino dell Unione; per l Ufficiale d anagrafe ma soprattutto per la Direttiva non deve dimostrare la copertura sanitaria, proprio perché familiare del lavoratore ed in quanto tale automaticamente iscritto al S.S.N.; iscrizione impossibile, secondo l A.S.L., perché non si tratta di familiare a carico, secondo la normativa sugli assegni familiari] 12)è sorta questione sulla sequenza delle iscrizioni amministrative (all A.p.r. e al S.S.N.): mentre in ambito ministeriale l iscrizione in A.p.r. (recte: l esibizione dell attestazione di richiesta anagrafica rilasciata dal Comune) viene ritenuta ininfluente (recte: facoltativa) (29), a livello regionale si tende a considerarla vincolante (30); peraltro, anche l interpretazione restrittiva non impedisce di subordinare l iscrizione anagrafica all accertamento dell idoneità del modello sanitario in possesso dell interessato, qualora si consideri la seguente sequenza procedimentale: a) richiesta di iscrizione in A.p.r. con esibizione del modello sanitario in possesso dell interessato; b) iscrizione al S.S.N. esibendo la ricevuta della richiesta di iscrizione in A.p.r. e depositando il modello sanitario; c) perfezionamento dell iscrizione anagrafica dopo aver accertato l iscrizione al S.S.N.; questo percorso è appena il caso di sottolinearlo evita all Ufficiale d anagrafe di misurarsi con tematiche (sconosciute e completamente) estranee alla sua professionalità (31) NOTE (1)Min. Interno 18 luglio 2007, n /15100/14865 (39), in Stato civ., 2007, 685; in Serv. dem., 2007, n. 10, 70 (2)Cfr., con riferimento alla direttiva 90/364 del 28 giugno 1990, Corte Giust. CE 19 ottobre 2004, n. C-200/02, in Fam. dir., 2006, 15, con nota FADIGA, Genitori extracomunitari di cittadino dell U.E.: la Cina è vicina, secondo cui, in base allo stesso tenore letterale dell art. 1, n. 1, primo comma, della direttiva 90/364, è sufficiente che i cittadini degli Stati membri «dispongano» delle risorse necessarie, senza che tale disposizione contenga la minima esigenza in merito alla provenienza di queste ultime (e tale interpretazione si impone a maggior ragione in quanto le disposizioni che sanciscono un principio fondamentale come quello della libera circolazione delle persone devono essere interpretate estensivamente ), e Corte Giust. CE 23 marzo 2006, n. C- 408/03, che ha considerato idonei i redditi del partner residente nello Stato membro ospitante (3)Cfr. MINARDI, PALMIERI, La nuova disciplina dei cittadini comunitari, Rimini (Maggioli), 2007, 111, 256; PALMIERI, Circolazione e soggiorno dei cittadini comunitari e dei loro familiari.

8 Gli orientamenti della Corte di Giustizia delle Comunità europee e la loro incidenza sul piano normativo interno, relazione a Euro-P.A. 2008, in www. anusca.it; REDAZIONE, in www. anusca.it (quesito del 3 dicembre 2007); REDAZIONE, Proposte di interpretazione e soluzione di alcuni casi concreti in applicazione del D. lgs. 30/2007, in www. deaweb.org; REDAZIONE, in www. deaweb.org (quesito del 2 maggio 2007); REDAZIONE, in www. deaweb.org (quesito del 9 maggio 2007; REDAZIONE, in www. deaweb.org (quesito del 9 maggio 2007); REDAZIONE, in www. anusca.it (quesito del 19 maggio 2007); REDAZIONE, in www. anusca.it (quesito del 19 maggio 2007); REDAZIONE, in www. deaweb.org (quesito del 31 maggio 2007); REDAZIONE, in www. anusca.it (quesito del 21 giugno 2007); VERCELLI, L art. 14 del Regolamento anagrafico: una norma ormai superata e che va riscritta. In particolare, la documentazione attualmente richiesta per l iscrizione in anagrafe degli stranieri anche alla luce delle recenti circolari ministeriali, in Stato civ., 2007, 602 s.; REDAZIONE, in www. anusca.it (quesito del 5 agosto 2007); REDAZIONE, in www. anusca.it (quesito del 20 agosto 2007); REDAZIONE, in Serv. dem., 2007, n. 9, 42; REDAZIONE, in www. anusca.it (quesito del 28 ottobre 2007), secondo cui quanto previsto dalla circolare è facilmente aggirabile attraverso l apertura di un conto corrente della persona che si intende aiutare; MINARDI, Iscrizione anagrafica dei comunitari non lavoratori, in Stato civ., 2008, 429 ss. Contra, REDAZIONE, in www. anusca.it (quesito del 3 gennaio 2008) (4)Così anche MINARDI, PALMIERI, La nuova, cit., 110; REDAZIONE, Lettera al Ministero dell Interno, in www. deaweb.org; REDAZIONE, in www. anusca.it (quesito del 21 giugno 2007); in senso contrario sembra REDAZIONE, in www. deaweb.org (quesito del 11 ottobre 2007) (5)Sul punto si veda anche la dichiarazione del Vice Presidente della Commisione UE, Franco Frattini, in data 29 febbraio 2008, in www. angelilli.it: gli studenti possono dichiarare che dispongono di risorse sufficienti, senza che gli Stati membri abbiano la facoltà di esigere che tale dichiarazione citi un ammontare specifico di risorse (6)Si veda, in relazione all art. 12 del regolamento CE n. 1612/68, la sentenza 17 settembre 2002, n. C-413/99, dove si afferma che qualora i figli godano del diritto di soggiorno nello Stato membro ospitante al fine di seguirvi corsi di insegnamento generale, la predetta disposizione regolamentare dev essere interpretata nel senso che consente al genitore effettivamente affidatario di tali figli, indipendentemente dalla sua nazionalità, di soggiornare con i medesimi in modo da agevolare l esercizio di tale diritto, indipendentemente dal fatto che il matrimonio tra i genitori sia stato medio tempore sciolto o che il genitore cittadino dell Unione Europea non sia più lavoratore migrante nello Stato membro ospitante (7)Analogamente Trib. Napoli, Sez. Ischia, 23 luglio 2008, in Stato civ., 2008, 756; PERIN, I cittadini comunitari, (scheda aggiornata a marzo 2008), in www. comune.torino.it/stranieri-nomadi, evidenziando che la Corte di Giustizia prevede che la fissazione di un limite minimo di risorse non possa mai essere intesa come inderogabile, ma debba poter essere derogata in singoli casi concreti. In senso contrario Posizione, sub C), allorché, nell illustrare le modifiche al pdd (che, in origine, disconosceva in assoluto importi predeterminati: cfr. Relazione, sub art. 8: l entità delle risorse economiche che sono considerate sufficienti non può essere determinata dagli Stati membri, poiché tale determinazione non terrebbe conto della varietà delle situazioni possibili ), precisa la possibilità, per gli Stati membri, di fissare un importo per le risorse che considerano sufficienti, consentendo loro peraltro di tener conto della situazione personale dell interessato (corsivo nostro). Sotto un diverso profilo, PARDUCCI, Non è ancora finita! I comunitari alle prese con la

9 burocrazia, in Semplice, 2008, n. 4, 4, ritiene impropria la normativa di recepimento quando richiama la normativa sugli stranieri in quanto reddito annuo e risorse economiche disponibili sono concetti assolutamente diversi (8)Cfr. Min. Interno 6 aprile 2007, n. 19, in Stato civ., 2007, 367 (9)Cfr. Trga, Trento, 15 marzo 2005, n. 83; Tar Abruzzo, l Aquila, 2 marzo 2004, n. 190; Tar Emilia Romagna, Bologna, 21 marzo 2003, n Qualche perplessità la solleva(va) anche Trib. Napoli, Sez. Ischia, 23 luglio 2008, cit. (10)Sulla base della modifica (legislativa) predetta, la circolare del Ministero dell Interno 28 ottobre 2008, n. 13: A)aveva individuato i seguenti limiti di reddito: a) il solo dichiarante deve disporre di una somma pari all'importo annuo dell'assegno sociale ( 5.142,67 per l'anno 2008); b)per ogni familiare va aggiunta la metà dell'importo annuo dell'assegno sociale ( 2.571,33); c)per il dichiarante con due o più figli a carico di età inferiore a 14 anni si calcola il doppio dell'importo annuo della pensione sociale ( ,34); c)nel calcolo sono computate le eventuali risorse economiche dei familiari conviventi con il richiedente; B)aveva proposto i seguenti esempi:1) dichiarante + 1 familiare di età superiore ai 14 anni = 5.142, ,33 = 7.714,00; 2) dichiarante + 1 figlio di età inferiore ai 14 anni = 5.142, ,33 = 7.714,00; 3) dichiarante + 2 o più figli di età inferiore ai 14 anni = 5.142,67 x 2 = ,34; 4) dichiarante + 2 o più figli di età inferiore ai 14 anni + 1 familiare di età superiore ai 14 anni = 5.142, , ,33 = ,67. Per il 2009, l importo annuo dell assegno sociale è di euro 5.317, 65 (euro 409,05 mensili): cfr. Istituto Nazionale della Previdenza Sociale , n. 1 (11)Cfr. Min. Interno 6 aprile 2007, n. 19, cit.; Min. Interno 18 luglio 2007, n /15100/14865 (39), cit. Salvo che per gli studenti [cfr. art. 7, par. 1, lett. c), e par. 3], la Direttiva non prevede espressamente l autocertificazione; ciò non significa, a nostro parere, che la neghi, ma, piuttosto, che consenta ai singoli Stati membri l individuazione delle modalità di prova delle condizioni previste per il soggiorno; ne consegue che, qualora lo Stato membro ammetta l autocertificazione, vige la disciplina dettata in materia dallo stesso Stato membro, comprese le specifiche relative ai controlli [e non crediamo si possa opporre quanto previsto dall art. 14, par. 2, (della stessa Direttiva), applicabile, come chiarisce la titolazione dell articolo, al mantenimento del diritto di soggiorno (= agli accertamenti eventualmente esperibili dopo l iscrizione)] (12)Min. Interno 18 luglio 2007, n /15100/14865 (39), cit.; analogamente Min. Interno 26 aprile 2007 (parere). In senso contrario Trib. Napoli, Sez. Ischia, 23 luglio 2008, cit. Sull obbligatorietà dei controlli, ex art. 71 d.p.r. 445/2000, cfr. Min. Interno 8 agosto 2007, n. 45 (allegato 4), in Stato civ., 2007, 696; in Serv. dem., 2007, n. 10, 74; MINARDI, PALMIERI, La nuova, cit., 78; REDAZIONE, in www. anusca.it (quesito del 2 maggio 2007); REDAZIONE, in www. anusca.it (quesito del 19 maggio 2007) (secondo cui per eventuali controlli a campione si potrà richiedere la collaborazione della Guardia di Finanza ); FASANO (cur.), Guida alle nuove procedure che regolano il diritto di soggiorno dei cittadini comunitari e dei loro familiari, in www. meltingpot.it

10 (13)Nello stesso senso MINARDI, PALMIERI, La nuova, cit., 211 (14)Min. Interno 8 agosto 2007, n. 45, cit. Ritiene che la richiesta di autorizzazione ad effettuare controlli presso le banche o gli uffici postali sia al limite della liceità e, probabilmente, anche in contrasto con le disposizioni del Decreto Legislativo 196/2003, circa la pertinenza e l eccedenza dei dati da trattare rispetto ai fini istituzionali che deve perseguire l ufficiale d anagrafe in materia di applicazione del decreto 30, PARDUCCI, Non è ancora finita, cit. (15)Rispondono negativamente MINARDI, PALMIERI, op. cit., 256; in senso contrario sembra REDAZIONE, in www. deaweb.org (quesito del 9 maggio 2007); REDAZIONE, Dossier: i documenti per il regolare soggiorno UE, in Semplice, 2007, n. 4. Da notare che la valutazione della disponibilità di mezzi di sussistenza, basata sul possesso di contanti, è espressamente prevista dall art. 5, par. 3, c. 3, del Regolamento (CE) 15 marzo 2006, n. 562, in relazione all ingresso nel territorio dell Unione del cittadino di paese terzo; anche ai sensi della direttiva del Min. Interno 1 marzo 2000, emanata in attuazione dell art. 4, comma 3, del TU sull immigrazione, lo straniero poteva dimostrare la disponibilità di mezzi finanziari mediante l esibizione di denaro contante, di fideiussioni bancarie,di polizze fideiussorie, di equivalenti titoli di credito, di titoli di servizi prepagati o di atti comprovanti la disponibilità in Italia di fonti di reddito; la valutazione della disponibilità di mezzi di sussistenza, basata sul possesso di contanti (16)Cfr. MINARDI, PALMIERI, La nuova, cit., 69, 75; MINARDI, PALMIERI, Speciale comunitari. Il diritto di soggiorno e l iscrizione anagrafica degli altri familiari, in Serv. dem., 2008, n. 7-8, 44; nonché, implicitamente, Min. Interno 18 luglio 2007, n /15100/14865 (39), cit.; contra REDAZIONE, Comunitari Documenti Scheda sintetica, in www. deaweb.org (17)Min. Interno 18 luglio 2007, n /15100/14865 (39), cit.; analogamente Min. Interno 18 maggio 2007 (parere) (18)Min. Interno 18 luglio 2007, n /15100/14865 (39), cit.; analogamente Min. Interno 26 aprile 2007 (parere); PERIN, Le norme che regolano la condizione giuridica dei cittadini comunitari in Italia, in www. tuttostranieri.it; REDAZIONE, in www. anusca.it (quesito del 3 gennaio 2008); REDAZIONE, in www. permessidisoggiorno.anci.it (quesito dell 11 marzo 2008); MINARDI, Iscrizione anagrafica, cit., 432. Contra Commissione C.E., risposta di Jacques Barrot in data 23 luglio 2008 all interrogazione scritta di Roberta Angelilli, in www. angelilli.it ( conformemente all'articolo 34bis del regolamento 1408/71, la tessera europea di assicurazione malattia deve essere accettata come prova del rispetto, da parte degli studenti, della condizione che prevede l'obbligo di disporre di un'assicurazione malattia che copre tutti i rischi, stabilita dall'articolo 7, paragrafo 1, lettera c), della direttiva 2004/38/CE. La tessera copre tutti gli interventi medici eventualmente necessari durante l'intera durata del periodo di soggiorno dello studente ); VERCELLI, L art. 14, cit.,603;. Secondo il Ministero della Salute, TEAM Tessera europea assicurazione malattia, in www. ministerosalute.it, la TEAM: a) pemette di usufruire delle cure medicalmente necessarie (quindi non solo urgenti) coperte in precedenza dai modelli E110, E111, E119 ed E128 ; b) da diritto a ricevere le cure alle stesse condizioni dei residenti del Paese in cui si trova : c) non può essere utilizzata per il trasferimento all estero per cure di alta specializzazione (cure programmate)

11 (19)Cfr. REDAZIONE, in www. deaweb.org (quesito del 1 febbraio 2008); REDAZIONE, in www. anusca.it (quesito del 13 novembre 2008) (20)Cfr. REDAZIONE, in www. deaweb.org (quesito del 18 luglio 2007); REDAZIONE, in www. anusca.it (quesito del 30 settembre 2007) (402); implicitamente Trib. Napoli, Sez. Ischia, 23 luglio 2008, cit. Ovviamente, come sottolinea con chiarezza PAGGI, Cittadini comunitari I requisiti per l iscrizione anagrafica, in www. meltingpot.org, la tessera sanitaria non è un documento che crea o costituisce il diritto alle prestazioni sanitarie, ma è un documento che riconosce l esistenza o meglio la pre-esistenza di questo diritto (21)Cfr., rispettivamente, Min. Salute 3 agosto 2007, n. DG RUERI/II/ 12712/ I.3.b, in Stato civ., 2007, 760 [sul fatto che l autorità amministrativa si riferisca al rinnovo del tesserino STP a non al rilascio, si veda VRENNA, Assistenza sanitaria, in Le guide immigrazione.it, II semestre 2007]; Min. Salute 19 febbraio 2008, n. DG RUERI/II/ 3152-P/1.3 b/1, in www. deaweb.org, secondo cui i cittadini comunitari hanno ( comunque nda) diritto alle prestazioni indifferibili ed urgenti, ivi comprese le prestazioni sanitarie relative alla tutela della salute dei minori, alla tutela della maternità ( e ) all interruzione volontaria di gravidanza, nonché, anche per motivi di sanità pubblica nazionale, alle campagne di vaccinazione, (a)gli interventi di profilassi internazionale e (al)la profilassi, diagnosi e cura delle malattie infettive : estensione in via interpretativa, che ad avviso di PERIN, I cittadini comunitari, cit. produce un caso tipico, di eccezione alla prevalenza dell ordinamento comunitario sul diritto italiano [nel senso che il diritto comunitario vieta di disciplinare la condizione dei cittadini di altro Stato membro in modo peggiorativo, non migliorativo], in quanto i principi costituzionali italiani obbligano lo Stato ad assicurare il diritto alla salute a tutti coloro che si trovano, anche irregolarmente, in territorio italiano (22)Parzialmente difforme Min. Interno 26 aprile 2007 (parere), cit., che restringe l obbligo ai familiari a loro carico (23)Cfr. Min. Interno 18 luglio 2007, n /15100/14865 (39), cit.; Min. Salute 3 agosto 2007, n. DG RUERI/II/ 12712/ I.3.b, cit. Secondo REDAZIONE, in www. anusca.it (quesito del 12 giugno 2008), in caso di studenti o lavoratori stagionali, la polizza può durare anche per il solo periodo corrispondente agli studi o al lavoro stagionale (24)Cfr. Min. Interno 18 luglio 2007, n /15100/14865 (39), cit.; Min. Salute 3 agosto 2007, n. DG RUERI/II/ 12712/ I.3.b, cit. Analogamente REDAZIONE, in www. anusca.it (quesito del 19 maggio 2007). Ma, secondo REDAZIONE, in www. anusca.it (quesito del 10 settembre 2007), si tratta di una pretesa impossibile e quindi ci accontentiamo anche di polizze che non coprano tutti i rischi ; analogamente REDAZIONE, in www. anusca.it (quesito del 26 giugno 2008), secondo cui, non esistendo assicurazioni che coprano tutti i rischi sanitari, si dovrà accettare una polizza che abbia una copertura ritenuta congrua al fine di garantire lo Stato italiano da un eccessivo peso economico ; REDAZIONE, in Serv. dem., 2008, n. 10, 34, ( occorre buon senso e la valutazione dell ufficiale d anagrafe deve essere rivolta alla durata della polizza ed all assicurazione che siano garantite almeno le più ricorrenti cure ed i possibili interventi sanitari ); analogamente MINARDI, Iscrizione anagrafica, cit., 432; REDAZIONE, in www. anusca.it

12 (quesito del 5 ottobre 2008), secondo cui, premessa l impossibilità di accettare un assicurazione sanitaria che copra solamente eventuali rischi connessi alle possibili evenienze di chi si trovi in Italia per turismo, se i rischi che copre l assicurazione, della durata minima di un anno, sono indipendenti dai motivi e dalle condizioni di soggiorno in Italia del cittadino comunitario, allora sarà valida ai fini dell iscrizione anagrafica. Peraltro, di assicurazione sanitaria o di altro titolo idoneo, a garantire la copertura di tutti i rischi nel territorio nazionale parla anche la lett. b- bis del c. 3 dell art. 29 del TU sull immigrazione, come introdotta dall art. 1, c. 1, lett. d), del d. lgs. 3 ottobre 2008, n. 160 (25)La possibilità di iscrizione volontaria al Servizio Sanitario è espressamente prevista, ad es., dalla Regione Lazio: cfr. circ. 7 marzo 2008, n. P Secondo Reg. Toscana (s.d. e s.n.) (ma agosto 2007), in www. deaweb.org, invece, l assicurazione al SSN, mediante versamento di una quota forfetaria o rapportata al reddito prodotto, non è fra le forme previste dal Decreto Legislativo 30/2007 ai fini della richiesta di residenza anagrafica, e poiché la residenza non costituisce più titolo per l iscrizione al servizio sanitario, i cittadini di tutti i Paesi appartenenti allo Spazio Economico Europeo (SEE) che scelgono di fissare la propria residenza in Italia e non rientrano nei casi indicati a pag. 3 della circolare del Ministero della Salute, devono essere titolari di un assicurazione privata con i requisiti indicati a pagina 11 o di apposito formulario di collegamento dell istituzione estera competente. A nostro parere, tali conclusioni non sono condivisibili, in quanto: a) il Decreto Legislativo considera sia l assicurazione sanitaria che altro titolo idoneo che copra tutti i rischi nel territorio nazionale [art. 7, comma 1, lett. b) e c)]; b) la contribuzione volontaria, essendo tuttora prevista per i cittadini extracomunitari [esclusi soltanto i titolari di un permesso di soggiorno inferiore a 3 mesi, salvo che non si tratti di studenti o di lavoratori collocati alla pari: d.p.r. 31 agosto 1999, n. 394, art. 42, c. 6)], si deve estendere ai cittadini dell Unione, in quanto disciplina più favorevole [l assunto, per la verità, trovava maggiore conforto nella stesura originaria dell art. 1, c. 2, del d lgs. 286/1998 ( Il presente testo unico non si applica ai cittadini degli Stati membri dell'unione europea, se non in quanto si tratti di norme più favorevoli, e salvo il disposto dell'articolo 45 della legge 6 marzo 1998, n.40 ), rispetto a quella vigente, frutto dell art. 37 (rubricato, è il caso di sottolinearlo, Certificazioni e prestazioni sanitarie), c. 2, del d.l. 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, nella l. 6 agosto 2008, n. 133 ( Il presente testo unico non si applica ai cittadini degli Stati membri dell'unione europea, salvo quanto previsto dalle norme di attuazione dell'ordinamento comunitario ); non a caso, il parere favorevole della XIV Commissione del Senato (Politiche Unione Europea) al disegno di legge di conversione del decreto-legge n. 112 del 2008, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria (C. 1386) espresso nella seduta di mercoledì 9 luglio 2008 riportava la seguente osservazione: valutino le Commissioni di merito l'opportunità di modificare la disposizione di cui al comma 2 dell'articolo 37 che, così, come formulata, sembra poter determinare disparità di trattamento tra cittadini dell'unione e cittadini di altri Stati, a svantaggio dei primi e a favore dei secondi ; ma è da chiedersi, sotto questo profilo, se non violi i principi generali del diritto comunitario in particolare il divieto di discriminazione, sancito dall art. 49, c. 2, del Tratatto istitutivo (dell UE) la norma (interna) di uno Stato membro che tratti in modo deteriore i cittadini dell Unione, rispetto ai cittadini extraue [in merito a tale aspetto, si veda la risposta della Commissione datata 10 ottobre 2008 a firma Barrot all interrogazione scritta P-4722/08, firmata dal Parlamentare Donata Gottardi, in www. europa.eu: le disposizioni nazionali o un applicazione di disposizioni nazionali che costituiscano una discriminazione diretta o indiretta in base alla nazionalità violano la legislazione comunitaria, in particolare i regolamenti (CEE) 1612/68, (CEE) 1408/71 e (CEE) 574/72 e la direttiva 2004/38/CE, a meno che la discriminazione indiretta possa essere giustificata da considerazioni oggettive indipendenti dalla nazionalità della persona in questione e sia o venga considerata proporzionata agli obiettivi legittimamente perseguiti ]: cfr., sul

13 punto, PAGGI, Cittadini comunitari L applicazione della Direttiva 38 è deludente, in www. meltingpot.org ( ); analogamente BRIGUGLIO, Osservazioni sul conflitto tra art. 37, co. 2 decreto-legge 112/2008 (legge 133/2008) e diritto comunitario, in www. stranieriinitalia.it/briguglio (secondo cui, anche alla luce di quanto disposto dai trattati di adesione dei nuovi Stati membri, che impongono che la condizione di tali cittadini non peggiori rispetto a quella anteriore all adesione né risulti più restrittiva di quella riservata al cittadino straniero, sembra doversi trarre la conclusione che, quale che sia l'ordinamento interno di uno Stato membro in materia di stranieri, debba valere una clausola di salvaguardia (implicita o esplicita) analoga a quella configurata dalla vecchia formulazione di art. 1, co. 2 T.U. ; con la conseguenza che la modifica apportata a quella clausola da art. 37, co. 2 d.l. 112/2008, deve essere considerata illegittima alla luce del diritto comunitario, salvo che la si interpreti come del tutto ininfluente (dovendosi considerare implicitamente in vigore la vecchia clausola di salvaguardia) )]; sotto questo profilo, la stessa Direttiva specifica che le disposizioni ivi contenute non pregiudicano le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative di diritto interno che siano più favorevoli ai beneficiari della presente direttiva (art. 37) [in questa direzione anche ASGI, Accesso all assistenza sanitaria per i cittadini comunitari (lettera inviata ai ministri), in www. meltingpot.org; concordano sulla possibilità di iscrizione a pagamento al Servizio Sanitario, MINARDI, PALMIERI, La nuova, cit., 69, 101; REDAZIONE, in Serv. dem., 2007, n. 9, 42; REDAZIONE, in Serv. dem., 2007, n. 11, 44; da atto dell impossibilità di accedere, allo stato, alla predetta modalità, REDAZIONE, in www. anusca.it (quesito del 28 ottobre 2007) (26)A carico, come tali destinatari dell iscrizione obbligatoria al S.S.N.: cfr. Reg. Toscana (s.d. e s.n.) (ma agosto 2007), cit. ( si precisa che l iscrizione al SSN dei familiari di cittadini comunitari è dovuta se il familiare è a carico e non è titolare di assistenza da parte dell Istituzione estera competente ) (27)Min. Sanità 24 marzo 2000, n. 5, ricordando che le disposizioni di cui al suddetto art. 4 del decreto-legge n. 402/1982 sono definite norme per relationem e quindi i criteri del testo unico sopraindicato hanno la sola funzione di individuare i soggetti aventi diritto, a prescindere che vi sia o meno l'erogazione al titolare, da parte dell'inps, degli assegni familiari (28)In questa direzione Reg. Toscana (s.d. e s.n.) (ma agosto 2007), cit. (29)Cfr. Min. Salute 3 agosto 2007, n. DG RUERI/II/ 12712/ I.3.b, cit.; analogamente BERTUCCI, L iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale per i cittadini dell U.E., in www. aduc.it (30)Ad es. Reg. Toscana (s.d. e s.n.) (ma agosto 2007), cit.: considerato che l iscrizione anagrafica è comunque richiesta trascorsi tre mesi dall ingresso, si ritiene che la stessa costituisca titolo di soggiorno e debba essere documentata ai fini dell iscrizione al servizio sanitario pertanto nella casistica della circolare ministeriale, ove la richiesta di attestazione anagrafica viene indicata come facoltativa, deve invece intendersi come obbligatoria per l iscrizione al SSN (31)A mero titolo esemplificativo, si vedano i Regolamenti comunitari 14 giugno 1971, n. 1408/71, e 21 marzo 1972, n. 574/72, relativi all'applicazione dei regimi di sicurezza sociale ai lavoratori subordinati, ai lavoratori autonomi e ai loro familiari che si spostano all'interno della Comunità

14 Rober Panozzo autore di saggi in materia di cittadinanza, anagrafe della popolazione, diritto di famiglia e immigrazione 6/1/2009

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI A cura di Rossella Segurini Azienda Usl di Ravenna - U.O. Direzione Amministrativa dell Assistenza Distrettuale Procedimenti

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER L'APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULL'ASSISTENZA SANITARIA DEI CITTADINI NON ITALIANI PRESENTI IN TOSCANA

LINEE GUIDA REGIONALI PER L'APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULL'ASSISTENZA SANITARIA DEI CITTADINI NON ITALIANI PRESENTI IN TOSCANA Allegato A) ASSESSORATO ALLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE LINEE GUIDA REGIONALI PER L'APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA SULL'ASSISTENZA SANITARIA DEI CITTADINI NON ITALIANI

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 6 febbraio 2007, n. 30

DECRETO LEGISLATIVO 6 febbraio 2007, n. 30 DECRETO LEGISLATIVO 6 febbraio 2007, n. 30 Attuazione della direttiva 2004/38/CE relativa al diritto dei cittadini dell'unione e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo VA : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato ai sensi degli artt. 14 comma 6 e 39 comma 9 del DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni Informazioni

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa

ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa Luglio 2014 Azienda Sanitaria Locale di Brescia DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE Direttore: Dr. Fulvio Lonati

Dettagli

Linee guida sul diritto alla residenza dei richiedenti e benefi ciari di protezione internazionale

Linee guida sul diritto alla residenza dei richiedenti e benefi ciari di protezione internazionale Linee guida sul diritto alla residenza dei richiedenti e benefi ciari di protezione internazionale Il Quaderno è stato curato: per il Servizio Centrale dello SPRAR da Lucia Iuzzolini e Cristina Passacantando

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Pagina1 Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Per i figli e gli orfani dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione utenti

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

AGGIORNAMENTO MEDICO OBBLIGATORIO DEI

AGGIORNAMENTO MEDICO OBBLIGATORIO DEI REGIONE ABRUZZO AGGIORNAMENTO MEDICO OBBLIGATORIO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE ANNO 2013/2014 ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI A cura di: S. Di Marco, M. Di Paolantonio, G. Salvio 1 INDICE Obiettivi

Dettagli

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG LA CORTE DEI CONTI In Sezione delle Autonomie nell adunanza del 31 marzo 2010 Visto il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D. 12 luglio 1934,

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel SJ. '. :! I. l i,... ". ' ~i"ne 'Cumj'oniu f/$eddén&e Prot. D.3Wledel /.;j.,/!1f l.9-,ç; Ai Commissari Straordinari delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Ai Direttori

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli