Esame di stato DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^I. INDIRIZZO: naturalistico. Anno scolastico :

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esame di stato DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^I. INDIRIZZO: naturalistico. Anno scolastico :2013-14"

Transcript

1 LICEO SCIENTIFICO F. Lussana Bergamo via A. Maj, 1 Tel: Fax: c.f sito int.: mail: Esame di stato 2014 (L. 425/1997 art. 3 - DPR 323/1998 art. 5) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^I INDIRIZZO: naturalistico Anno scolastico :

2 INDICE 1. Il Consiglio di Classe p.3 2. La classe p.4 3. La programmazione del C.d.C. p.5 4. Simulazione prove d esame p.9 5. Testi delle simulazioni di terza prova p Griglia di valutazione terza prova p Percorsi interdisciplinari del colloquio (tesine) p.14 Foglio firme p.15 Allegati Programmazioni disciplinari Italiano Latino Matematica Fisica Filosofia Storia Inglese Scienze Storia dell arte Tedesco / Francese /Spagnolo Religione Educazione fisica maschile e femminile N.B. i contenuti disciplinari che si prevede di trattare dopo il 15 maggio sono segnalati da asterisco 2

3 1. IL CONSIGLIO DI CLASSE Il Consiglio di classe è composto da un gruppo di docenti sostanzialmente stabile nel triennio, come evidenziato nella seguente tabella Discipline Docenti 3 I 4I 5I matematica Maffeis Daniela (coordinatrice) Maffeis Daniela (coordinatrice) Maffeis Daniela (coordinatrice) Fisica Maffeis Daniela Maffeis Daniela Maffeis Daniela Latino Fabbriciani Giovanna Fabbriciani Giovanna Fabbriciani Giovanna Italiano Baccanelli Cristina Forte Antonio Fabbriciani Giovanna Storia Parimbelli Giovanni Indovino Filippo Indovino Filippo Filosofia Antonini Lucia Parimbelli Giovanni Parimbelli Giovanni Inglese Biffi Claudia Biffi Claudia Biffi Claudia Scienze Delfino Rosaria Delfino Rosaria Delfino Rosaria (segretaria) Storia dell Arte Magliocca Simonetti Maria Bandini Emanuela Antonia Ed. fisica Scarpellini Marco Scarpellini Marco Scarpellini Marco maschile Ed. fisica Scotti Alessandra Scotti Alessandra Scotti Alessandra femminile Religione Morosini Enrico Morosini Enrico Morosini Enrico Rappresentanti dei genitori: Signora SEMERARO RITA Rappresentanti degli studenti: PARIS CHIARA DANELLI RICCARDO Il Consiglio di classe, durante l'anno scolastico, e' stato coordinato dal prof. ssa MAFFEIS DANIELA coadiuvato, con compiti di segretario, dal prof. ssa DELFINO ROSARIA 3

4 2. LA CLASSE COMPOSIZIONE Studenti n. 21 maschi n. 11 femmine n. 10 AGOSTINELLI MATTEO BONAPACE IRENE BRUNIALTI MARIKA CESARENI STEFANO CONTI MATTEO DANELLI RICCARDO DE MARTIIS SEBASTIAN FARRUGGIA ALICE FINCO TOMMASO LEGGERI ALICE LORENZI ROBERTA MARZUPIO GABRIELE PARIS CHIARA PASINETTI ANDRES PULEO VITTORIO REDOLFI ANDREA RIVA GIULIA ROSSI LUDOVICA SCANSANI SABRINA VALLI CARLO VITALI ALICE PROVENIENZA Anno Classe Iscritti Alunni provenienti dalla classe precedente Alunni provenienti Da altre classi Alunni ritirati durante l anno Alunni non promossi Alunni promossi Alunni ritirati dopo la promozione Alunni iscritti alla classe successiva 3I I (5 dalla 3 P -1 dalla 4 ) 5I

5 3. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 2. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI I docenti, consapevoli del ruolo educativo della scuola e al tempo stesso dello stretto legame che intercorre fra crescita culturale, formazione e definizione dell identità personale, si propongono di attivare processi educativi che gli consentano di approfondire le proprie capacità di interpretazione e di giudizio promovendo la scelta di atteggiamenti, di comportamenti e di stili di vita più consapevoli e responsabili AMBITO ABILITÀ / INDICATORI COMPETENZE - partecipare all attività didattica in classe e alla vita della scuola in modo ordinato e consapevole - intervenire in modo pertinente e propositivo, motivando le proprie opinioni e rispettando quelle altrui COLLABORARE/PARTECIPA RE lavorare, interagire con gli altri in precise e specifiche attività collettive AREA COMPORTAMENTALE - lavorare in gruppo interagendo positivamente con i compagni - aiutare i compagni in difficoltà, non deridendo errori e comportamenti altrui - rispettare le diversità - frequentare le lezioni con continuità e puntualità - acquisire, nei successi come negli insuccessi, atteggiamenti di sereno autocontrollo ed autovalutazione, nella consapevolezza dei propri limiti e nella valorizzazione delle proprie potenzialità - portare sempre gli strumenti di lavoro AGIRE IN MODO AUTONOMO E RESPONSABILE saper riconoscere il valore delle regole e della responsabilità personale - mantenere pulite, ordinate ed efficienti le strutture comuni in dotazione 5

6 - rispettare gli impegni anche in assenza del controllo quotidiano - non sottrarsi alle verifiche facendo assenze strategiche ARE - conoscere contenuti, concetti, termini, regole, teorie secondo quanto programmato per ogni materia - comprendere le consegne - saper analizzare testi orali e scritti comprendendone senso ACQUISIRE/INTERPRETARE L INFORMAZIONE RICEVUTA acquisire e interpretare criticamente l informazione ricevuta, valutandone l attendibilità e l utilità, distinguendo fatti e opinioni AREA COGNITIVA - acquisire strategie per la selezione delle informazioni - dare valutazioni motivate e convincenti - padroneggiare l uso dei linguaggi specifici nelle diverse discipline - esporre le conoscenze in modo organico e coerente COMUNICARE comprendere e rappresentare testi e messaggi di genere e di complessità diversi, formulati con linguaggi e supporti diversi - sviluppare capacità di analisi e sintesi attraverso confronti e collegamenti - sviluppare la capacità di rielaborazione personale INDIVIDUARE COLLEGAMENTI E RELAZIONI costruire conoscenze significative e dotate di senso 6

7 - organizzare il lavoro a scuola e a casa, pianificandolo rispetto a scadenze e tempi - prendere appunti durante le lezioni - utilizzare correttamente gli strumenti IMPARARE A IMPARARE acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro AUTONOMIA E METODO - individuare strategie per l apprendimento e l esposizione orale - procurare e utilizzare in modo adeguato materiali di lavoro (documenti, immagini, fonti, dati) - utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare - scegliere le strategie più efficaci per risolvere problemi ed eseguire esercizi - utilizzare gli strumenti e le abilità acquisite in situazioni nuove - comprendere aspetti di una situazione nuova e problematica e formulare ipotesi di risoluzione RISOLVERE PROBLEMI saper affrontare situazioni problematiche e saper contribuire a risolverle - utilizzare le conoscenze apprese per la realizzazione di un progetto / lavoro di approfondimento personale - definire strategie di azione, reperire e selezionare materiale - rielaborare i contenuti, avvalendosi anche di strumenti informatici - verificare i risultati PROGETTARE elaborare e realizzare attività seguendo la logica della progettazione 7

8 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE : Le relazioni interne alla classe, sia tra gli studenti che tra questi e gli insegnanti, sono sempre state complessivamente corrette; il clima dello scambio educativo è risultato sereno. Le lezioni sono state seguite con attenzione dalla maggior parte degli studenti, anche se in forma per lo più ricettiva. È stato adeguato nella maggior parte delle discipline anche il lavoro di rielaborazione ed assimilazione personale, anche se qualche studente ha incontrato difficoltà non solo nell acquisizione dei contenuti di studio ma anche sul piano delle competenze e della gestione dei carichi di lavoro. Nel corso del triennio la regolarità nella progressione degli apprendimenti è stata condizionata dalle difficoltà incontrate da parte della classe soprattutto nello studio delle discipline scientifiche, in particolare matematica e fisica. Fin dalla terza, nell acquisizione dei contenuti e delle competenze di queste discipline, diversi studenti hanno evidenziato limiti che nel corso degli studi sono stati risolti solo in parte. In un quadro complessivamente positivo, anche per le materie letterarie si rileva la mancata maturazione delle significative potenzialità espresse da alcuni studenti all inizio del percorso triennale. Rispetto alla disposizione culturale complessiva, alcuni studenti hanno maturato un interesse ed una motivazione personale e critica per l approfondimento; solo in pochi casi questa disposizione è stata però valorizzata nello scambio educativo in classe. In merito agli obiettivi disciplinari specifici, al livello del loro conseguimento ed alle attività di recupero effettuate si rinvia all introduzione dei programmi svolti, riportati in allegato. VERIFICA E VALUTAZIONE Per le tipologie di verifica e i criteri di valutazione si rinvia alle singole programmazioni disciplinari allegate al documento ATTIVITA INTEGRATIVE EFFETTIVAMENTE SVOLTE : Visita mostra arte moderna a Venezia Visita istruzione Berlino Madrelingua inglese Mostra Klimt a Milano Conferenza su temi ecologici Escursione geologica Monte di Nese Progetto sul genocidio degli Armeni Conferenza sulla politica internazionale La torre d avorio spettacolo prosa del teatro Donizetti Spettacolo teatrale: Wegener La cura e il buon uso del farmaco Alcuni studenti hanno partecipato Piccolo Teatro Milano Olimpiadi di matematica Approfondimenti di matematica 8

9 4. SIMULAZIONE PROVE D ESAME PRIMA E SECONDA PROVA DATA TIPOLOGIA E DURATA ARGOMENTO 22 maggio 2014 Tutti i tipi previsti dalla Italiano normativa (5 ore) 23 maggio 2014 Due problemi e dieci quesiti sul programma del triennio (5 ore) Matematica Si tratta di prove parallele per tutte le classi quinte dell istituto preparate dai rispettivi dipartimenti Dopo l effettuazione della prova, copia delle tracce sarà reperibile in segreteria TERZA PROVA DATA TIPOLOGIA E DURATA MATERIE 12 dicembre 2013 A 3 ore Fisica- Filosofia- Scienze- Arte 15 aprile 2014 A 3 ore Inglese- Latino- Scienze- Storia 9

10 5. TESTI DELLE SIMULAZIONI DI TERZA PROVA 12 dicembre 2013 Filosofia La trattazione deve essere contenuta orientativamente entro le righe. In riferimento al sistema filosofico hegeliano, ricostruisci l articolazione dialettica dell eticità e illustrane il significato filosofico complessivo (spiega cioè come se ne possa ricavare l impostazione di fondo dell idealismo). Fisica 1)Illustra il percorso che dal lavoro di un campo elettrico uniforme si arriva al potenziale 2). Se poniamo una carica in una regione sede di un campo elettrico, e se questa carica è così piccola da non disturbare la configurazione esistente, essa si muoverà per effetto delle forze elettriche che agiscono su di essa. Si può dire, in generale, che la sua traiettoria seguirà le linee di campo? La risposta è sì solo nel caso in cui le linee di campo siano rettilinee, altrimenti, se sono curve, come nel caso del campo generato da due cariche posta ad una certa distanza, questo non è vero. Perché? Argomenta in modo esauriente 3) Determina il campo elettrostatico e il potenziale elettrico nel centro di un quadrato il cui lato è cm 75 e ai cui vertici sono presenti quattro cariche positive uguali Q=0,2 C ; determina, inoltre, l energia potenziale elettrica del sistema. Scienze La trattazione deve essere contenuta orientativamente entro le righe. Niels Eldredge e Stephen Jay Gould pubblicarono nel 1972 una teoria sulla comparsa di nuove specie che va sotto il nome di teoria degli equilibri intermittenti. Spiega in cosa consiste, quali dati e osservazioni li fecero pervenire alle conclusioni e in che relazione si pone con le altre teorie che cercano di interpretare lo stesso fenomeno. Arte La trattazione deve essere contenuta complessivamente entro le righe. 1- Illustra sinteticamente le analogie e le differenze tra La zattera della Medusa di T. Géricault e La libertà guida il popolo di E. Delacroix, attraverso gli elementi che evidenziano le ragioni per le quali la seconda è più coerente allo spirito romantico rispetto alla prima. 2- Spiega sinteticamente le ragioni che hanno favorito la penetrazione delle tendenze romantiche in Italia e la loro declinazione in chiave civile e politica. 10

11 3- Un pittore dovrebbe dipingere ciò che vede innanzi a sé, ma anche ciò che vede dentro di sé : a quale artista romantico potrebbe essere attribuita questa affermazione? Motiva la tua scelta commentando una sua opera. 15 aprile 2014 Inglese following passage (30 lines) Was it really true that one could never change? He felt a wild longing for the unstained purity of his boyhood-- his rose-white boyhood, as Lord Henry had once called it. He knew that he had tarnished himself, filled his mind with corruption and given horror to his fancy; that he had been an evil influence to others, and had experienced a terrible joy in being so; and that of the lives that had crossed his own, it had been the fairest and the most full of promise that he had brought to shame. But was it all irretrievable? Was there no hope for him? Ah! in what a monstrous moment of pride and passion he had prayed that the portrait should bear the burden of his days, and he keep the unsullied splendour of eternal youth! All his failure had been due to that. ( ) A new life! That was what he wanted. That was what he was waiting for. Surely he had begun it already. He had spared one innocent thing, at any rate. He would never again tempt innocence. He would be good. ( ) he began to wonder if the portrait in the locked room had changed. Surely it was not still so horrible as it had been? Perhaps if his life became pure, he would be able to expel every sign of evil passion from the face. Perhaps the signs of evil had already gone away. He would go and look.he took the lamp from the table and crept upstairs. As he unbarred the door, a smile of joy flitted across his strangely young-looking face and lingered for a moment about his lips. Yes, he would be good, and the hideous thing that he had hidden away would no longer be a terror to him. He felt as if the load had been lifted from him already. He went in quietly, locking the door behind him, as was his custom, and dragged the purple hanging from the portrait. A cry of pain and indignation broke from him. He could see no change, save that in the eyes there was a look of cunning and in the mouth the curved wrinkle of the hypocrite. The thing was still loathsome--more loathsome, if possible, than before- Latino La trattazione deve essere contenuta orientativamente entro le righe. L età di Nerone si caratterizza in letteratura come un periodo di grandi novità: dimostra, con opportuni riferimenti ai testi a te noti, come le opere di Seneca, Lucano e Petronio documentino, in modi diversi, una società percorsa da incertezze e inquietudine. 11

12 Scienze La trattazione deve essere contenuta orientativamente entro le righe. L analisi della natura chimica, della giacitura e la datazione delle rocce di molte isole vulcaniche come le Hawai ci ha permesso di formulare l ipotesi che esse siano emerse dai fondali oceanici in tempi relativamente brevi. L aspetto primitivo e inospitale delle isole doveva essere molto diverso da quello attuale in cui le stesse isole sono popolate da diverse comunità di esseri viventi. Il candidato descriva i processi che hanno consentito la formazione delle strutture geologiche delle Hawai considerando il tipo e la genesi delle rocce e spieghi poi come si è modificata nel tempo la comunità di viventi che le abita. Storia La trattazione deve essere contenuta orientativamente entro le righe. Esprimi le cause che determinarono la presa del potere da parte del fascismo con particolare riferimento al quadriennio

13 6. GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA candidato Tipologia della prova: Durata della prova: _ORE Discipline: 1) 2) 3) 4) CONOSCENZE DEI CONTENUTI DISCIPLINARI Conosce gli argomenti molto approfonditamente 15 Conosce gli argomenti in modo approfondito Conosce gli argomenti in modo articolato Conosce gli argomenti in modo essenziale 10 Conosce gli argomenti con lacune 9 Conosce gli argomenti con lacune rilevanti 7 8 Non conosce gli argomenti 1-6 COMPETENZE NELL UTILIZZO DI LINGUAGGI E STRUMENTI SPECIFICI Si esprime in modo efficace utilizzando la terminologia 15 specifica Si esprime in modo corretto e funzionale Si esprime in modo corretto Si esprime in modo corretto, con imprecisioni non gravi 10 Si esprime in modo talvolta poco corretto o poco rigoroso 9 Si esprime con improprietà rilevanti 7 8 Si esprime con improprietà molto gravi 1-6 CAPACITA DI RIELABORAZIONE E DI CORRELAZIONE Propone analisi rigorose/sviluppa criticamente gli 15 argomenti Chiarisce in modo approfondito l articolazione degli argomenti Presenta l articolazione degli argomenti Esamina in modo essenziale gli argomenti 10 Esamina in modo parziale/ superficiale gli argomenti 9 Esamina gli argomenti con errori rilevanti di analisi 7 8 Non è in grado di esaminare gli argomenti 1-6 TOTALE PUNTEGGIO PROPOSTO PUNTEGGIO DEFINITIVO 13

14 IL PUNTEGGIO PROPOSTO è calcolato dividendo per 3 il TOTALE e approssimando per difetto se la prima cifra decimale è minore di 5, per eccesso se la prima cifra decimale è maggiore o uguale a 5. 14

15 7. PERCORSI INTERDISCIPLINARI DEL COLLOQUIO (TESINE) NOME CANDIDATO TITOLO / ARGOMENTO Sherlock Holmes: la razionalità in letteratura e AGOSTINELLI MATTEO cultura di fine ottocento BONAPACE IRENE Flatlandia BRUNIALTI MARIKA My Fair Lady : il musical legge il mito CESARENI STEFANO Stream of consciousness Mente sana in corpo sano: l uomo come corpo e CONTI MATTEO non solo mente Rifugiati politici: esili storici e dissidenti DANELLI RICCARDO moderni DE MARTIIS SEBASTIANO La città ecosostenibile FARRUGGIA ALICE Le frequenze del visibile FINCO TOMMASO Dileguossi. Un libro per tutti e per nessuno TALE E NON QUALE: il caso dei gemelli; come da un identico DNA possono manifestarsi LEGGERI ALICE fenotipi diversi LORENZI ROBERTA La fisica e i quanti MARZUPIO GABRIELE Illusione nella vita e nella natura PARIS CHIARA Expo 2015: nutrire il pianeta, energia per la vita PASINETTI ANDRES Fortuna, un concetto da riformulare La sezione aurea: linguaggio matematico della PULEO VITTORIO bellezza Nelson Mandela: un sognatore che non si è mai arreso REDOLFI ANDREA RIVA GIULIA ROSSI LUDOVICA SCANSANI SABRINA VALLI CARLO VITALI ALICE Le massime conversazionali La tragedia del Vajont Encomio dell astronauta, la figura di Ulisse alla conquista dello spazio La figura del criminologo Gli studenti hanno lavorato secondo le seguenti indicazioni date dal Consiglio di classe: Trattazione di un argomento da un punto di vista pluridisciplinare (2-4 discipline) Consegna del lavoro sotto forma di mappa concettuale con indicazioni bibliografiche allegate da presentare il giorno della prima prova Al colloquio esposizione orale o attraverso l ausilio di Power Point 15

16 Il presente documento è condiviso e sottoscritto in tutte le sue parti dai docenti del Consiglio di Classe Nome Maffeis Daniela (coordinatrice) Fabbriciani Giovanna Indovino Filippo Parimbelli Giovanni Biffi Claudia Delfino Rosaria (segretaria) Bandini Emanuela Scarpellini Marco Scotti Alessandra Morosini Enrico Firma 15 maggio 2014 Il Coordinatore di classe Il Preside Prof. Cesare Quarenghi 16

17 17

18 ITALIANO DOCENTE: Giovanna Fabbriciani Libri di testo: PANEBIANCO, PISONI, REGGIANI, Testi e scenari vol. 3, 4, 5, 6 Zanichelli Ore di lezione effettuate alla data del 15 maggio: 120 Obiettivi realizzati Nel corso dell anno la partecipazione alle attività proposte e la qualità dell impegno sono state diversificate: alcuni studenti hanno lavorato con continuità, manifestando interesse e curiosità per gli argomenti trattati, altri hanno partecipato alle attività in modo discontinuo, mostrando qualche difficoltà a gestire in modo efficace i diversi impegni e non rispondendo sempre in modo adeguato alle richieste. Nonostante questa disomogeneità di atteggiamenti, complessivamente tutti gli studenti hanno acquisito gli strumenti di base per l analisi dei testi letterari e le conoscenze fondamentali relative agli autori e ai generi trattati; maggiormente diversificato è il livello raggiunto nella capacità di rielaborazione dei contenuti appresi e nella elaborazione di testi argomentativi coerenti e coesi: circa un terzo degli studenti è in grado di dare valutazioni motivate o di dimostrare in modo convincente la propria tesi, la maggioranza ha raggiunto tali competenze in modo accettabile, pochi evidenziano qualche incertezza nella rielaborazione dei contenuti. L'esiguo numero di studenti che hanno manifestato difficoltà dovute essenzialmente ad uno studio discontinuo e poco efficace non ha reso necessari particolari interventi di recupero, salvo restando che è stata sempre particolarmente curata l'attività di correzione delle verifiche, considerata come momento fondamentale di riflessione sugli errori più comuni. Obiettivi prefissati Conoscenze - conosce le caratteristiche di vari tipi di testo (narrativo, poetico, espositivo, argomentativo) - conosce le caratteristiche del contesto storico sociale dei periodi presi in esame - conosce i dati biografici degli autori affrontati - conosce le caratteristiche delle opere (contenuto, caratteri formali ecc.) - conosce i termini specifici del linguaggio letterario Abilità Capacità - sa produrre testi argomentativi e/o espositivi coerenti e coesi - rielabora le informazioni, utilizzando i dati forniti e integrandoli con altre informazioni - sviluppa in modo critico e personale il testo - comprende il significato letterale dei testi - colloca i testi nel contesto della tradizione letteraria e nella determinata situazione storica - analizza in modo completo e corretto testi poetici e narrativi - rielabora le informazioni - confronta testi letterari dello stesso autore e/o di autori diversi - coglie elementi di continuità o differenze in testi appartenenti allo stesso genere letterario - è in grado di operare collegamenti interdisciplinari Competenze - utilizza il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana adeguandolo a diversi ambiti comunicativi: sociale, culturale, artistico letterario - applica diverse strategie di lettura per scopi diversi e in particolare strategie di lettura analitica per la comprensione di testi complessi 1

19 - comprende e interpreta in modo corretto e convincente testi scritti di vario tipo (testi letterari, saggi, articoli) - produce testi di vario tipo efficaci, coerenti e coesi in relazione ai differenti scopi comunicativi - utilizza gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico e letterario Metodi e strumenti Oltre alla lezione frontale e dialogata, spesso con l'utilizzo di strumenti informatici (presentazioni in Power Point), è stata data particolare attenzione alla lettura e all'analisi dei testi degli autori studiati, sia per consolidare le competenze di analisi e la capacità di rielaborazione e di valutazione, sia per permettere una più diretta conoscenza delle caratteristiche contenutistiche e formali delle opere studiate. Sono state individuate nel corso dell anno delle tematiche che hanno dato la possibilità di proporre agli studenti attività volte a favorire la capacità di operare confronti tra periodi e autori diversi (anche della letteratura latina), l abitudine di affrontare gli argomenti di studio in modo critico e problematico e la possibilità di cogliere la vicinanza tra il proprio vissuto e la tradizione letteraria. Verifiche Primo periodo: 2 prove scritte (una di tipologia A, una di tipologia B); 1 prova orale, 1 prova scritta valida per l orale Secondo periodo: 3 prove scritte (una di tipologia A, una di tipologia B, una simulazione della prima prova con tutte le tipologie); 2 prove orali, 1 prova scritta valida per l orale Valutazione Per la valutazione delle prove orali sono stati seguiti i seguenti parametri: OBIETTIVI PIENAMENTE RAGGIUNTI (8 10): conosce gli argomenti in modo completo e approfondito; analizza i testi in modo sicuro e corretto; rielabora in modo critico le conoscenze con valutazioni convincenti e ben argomentate; ottimi i collegamenti anche con apporti personali (per l eccellenza); comunica in modo funzionale, corretto e con padronanza del lessico specifico OBIETTIVI RAGGIUNTI (7 7.5): conosce gli argomenti in modo sicuro; analizza i testi in modo corretto; rielabora le conoscenze in modo completo con valutazioni adeguatamente argomentate; comunica in modo chiaro con utilizzo di termini specifici OBIETTIVI MEDIAMENTE RAGGIUNTI (6 6.5) conosce gli argomenti nei vari aspetti ma non in modo approfondito; analizza i testi individuandone gli elementi essenziali; rielabora le conoscenze in modo adeguato con qualche imprecisione nelle valutazioni ma senza errori; comunica in modo complessivamente chiaro e sufficientemente corretto OBIETTIVI PARZIALMENTE RAGGIUNTI (5 5.5) conosce parzialmente gli argomenti; analizza i testi in modo non sempre corretto; rielabora le conoscenze in modo parziale con valutazioni poco motivate; comunica in modo non sempre chiaro con qualche imprecisione lessicale OBIETTIVI NON RAGGIUNTI (2 4.5) non conosce gli argomenti o conosce gli argomenti in modo frammentario; ha difficoltà sia nell analisi dei testi che nella rielaborazione delle conoscenze; comunica con difficoltà e con imprecisioni terminologiche. 2

20 Per la valutazione delle prove scritte vengono allegate le griglie adottate. Contenuti La necessità di trattare argomenti e autori non svolti nella classe precedente e l utilizzo di alcune ore per altre iniziative programmate, non hanno reso possibile trattare autori del Novecento previsti in fase di programmazione di inizio d anno. N.B. gli argomenti programmati ma non ancora trattati alla data del presente documento sono contrassegnati da asterisco; le eventuali variazioni verranno indicate in una dichiarazione che sarà allegata al termine delle lezioni. Dante: Paradiso canti I, III, VI, XI, XV, XVII, XXXIII Ritratto d autore: UGO FOSCOLO La vita e le opere; ideologia e poetica; approfondimenti: Neoclassicismo e bello ideale Ultime lettere di Jacopo Ortis: T33 Il sacrificio della patria;t34 Teresa e le illusioni; lettera del 1 novembre 1797 (in fotocopia);t35 lettera da Ventimiglia Sonetti e Odi: T36 Alla sera; T37 In morte del fratello Giovanni; T38 A Zacinto; T39All amica risanata Dal carme Dei sepolcri alle Grazie; Incontro con l opera:dei sepolcri Composizione e vicende editoriali;la struttura e il contenuto;i temi Dei sepolcri L ETA DEL ROMANTICISMO Classicismo e Romanticismo Definizione e caratteri del Romanticismo La situazione economica La situazione politica in Europa dopo il Congresso di Vienna Il pensiero La poetica del Romanticismo La polemica classico romantica in Italia T3 Classici e romantici a confronto Ritratto d autore: GIACOMO LEOPARDI La vita e le opere; ideologia e poetica; il pessimismo e la teoria del piacere; evoluzione del pensiero leopardiano: natura, società, ragione Lo Zibaldone di pensieri. Un diario del pensiero T33 Un giardino di sofferenza Parole poetiche ( );Teoria del suono ( ); Indefinito e vago ( ); teoria della visione (4293) (testi in fotocopia) Le Operette morali. Elaborazione e contenuto T47 Dialogo della Natura e di un Islandese T49 Il suicidio e la solidarietà (dal Dialogo di Plotino e Porfirio) T50 Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggero Dialogo di un folletto e di uno gnomo; Cantico del gallo silvestre (testi in fotocopia) CANTI La prima fase della poesia leopardiana ( ) T35 Ultimo canto di Saffo Gli "idilli" 3

21 T36 L'infinito T38 La sera del dì di festa La seconda fase della poesia leopardiana ( ). I canti pisano-recanatesi T39 A Silvia T41 Il passero solitario T42 Il sabato del villaggio T43 Canto notturno di un pastore errante dell'asia Il ciclo di "Aspasia" (caratteri generali) T44 A se stesso Ideologia e società: il messaggio conclusivo della Ginestra T46 La ginestra, o il fiore del deserto vv 1 201; Ritratto d autore: ALESSANDRO MANZONI Vita e opere La formazione culturale e la poetica I primi Inni sacri T55 La Pentecoste vv Le odi civili T57 Il cinque maggio Le tragedie Approfondimenti: Il giansenismo e l atteggiamento pessimistico di Manzoni T59 Adelchi ad Anfrido (Adelchi atto III, scena 1 ) T60 Il coro dell'atto III T61 La morte di Ermengarda (coro dell'atto IV) Incontro con l opera:i PROMESSI SPOSI La datazione, il titolo, l'opera T64 L anonimo manoscritto T65 Quel ramo del lago di Como La struttura narrativa e i personaggi; il tempo della storia e il tempo del racconto T66 Don Abbondio e i bravi; T67 Padre Cristoforo e don Rodrigo; Il castellaccio dell'innominato(cap. XX); la descrizione del palazzotto di don Rodrigo (cap. V) in fotocopia;t68 L addio ai monti; T69 L Innominato; T70 il rapimento di Lucia La Provvidenza e il tema del male T71 La notte di Renzo presso l Adda; T72 La notte di Lucia e dell Innominato; T73 Il sugo della storia La storia: i tumulti, la peste: T74 L assalto ai forni; T75 La peste Il progetto manzoniano di società e i temi principali del romanzo: la storia, gli umili, la politica, l'economia, la giustizia Caratteri generali della letteratura risorgimentale (in fotocopia). NATURALISMO E DECADENTISMO Storia e società I mutamenti culturali: Il Positivismo (evoluzionismo e darwinismo); Realismo e Naturalismo T4 E. Zola Il romanziere naturalista: osservatore e sperimentatore Scapigliatura e Verismo Emilio Praga: T22 Preludio ; "Vendetta postuma"; La morta del villaggio (in fotocopia) Arrigo Boito: T23 Lezione di anatomia 4

22 Ritratto d autore: GIOVANNI VERGA La vita e le opere: la formazione giovanile catanese, il periodo fiorentino, quello milanese e il ritorno a Catania I romanzi fiorentini e del primo periodo milanese: la fase tardoromantica e scapigliata T20 Nedda "bozzetto siciliano" L'adesione al Verismo e il ciclo dei "Vinti": la poetica e il problema della "conversione" T21 Lettera a Salvatore Farina Le novelle di Vita dei campi T22 Rosso Malpelo Approfondimenti: Lo straniamento e l'artificio della regressione T23 La lupa Novelle rusticane T24 La roba MASTRO-DON GESUALDO: il titolo, la genesi, la struttura e la trama T27 Un padrone T28 L incontro tra Gesualdo e Diodata La prima notte di nozze (parte prima cap.7) in fotocopia T29 La morte di Gesualdo Il Mastro don Gesualdo: la poetica, i personaggi, i temi, l ideologia, lo stile Incontro con l opera: I MALAVOGLIA Il progetto dei Vinti T31 La prefazione ai "Malavoglia" La struttura e la genesi del romanzo: il narratore popolare T32 I Malavoglia e il paese Approfondimenti: la novella Fantasticheria: anticipazione dei Malavoglia Il tempo e lo spazio: il cronotopo dell'idillio familiare; Il sistema dei personaggi; unità del codice espressivo e duplicità di toni T33 Le stelle ammiccavano T34 I due Ntoni T35 Mena e Alfio: la rinuncia Ntoni e il tema dell escluso: il pessimismo di Verga T36 L'addio di 'Ntoni L ETÀ DEL DECADENTISMO Storia e società Ideologia e cultura: le filosofie della crisi Le poetiche del Decadentismo C. Baudelaire: T4 L albatro Ritratto d autore: GIOVANNI PASCOLI La vita e le opere; le idee socialiste di Giovannino La poetica e l ideologia del Fanciullino T37 Il poeta decadente: come un fanciullo Da Myricae ai Canti di Castelvecchio: frammentismo e impressionismo in Myricae; i temi dei Canti di Castelvecchio T39 Il gelsomino notturno I Poemetti:lo sperimentalismo narrativo T40 Digitale purpurea T41 da "Italy" I Poemi conviviali 5

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B LICEO SCIENTIFICO STATALE PIETRO SETTE SANTERAMO IN COLLE A.S. 2011/12 PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B Libri di testo adottati: R. Luperini - P. Cataldi - L. Marchiani - F. Marchese, La

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5CSC Indirizzo:

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s. 2014 2015 MATERIA : ITALIANO CLASSE IV E Prof.ssa Gigliotti Ginestra ARGOMENTO I: IL SECOLO DEL BAROCCO: G.B. MARINO P. Calderon de La BARCA TOMMASO CAMPANELLA

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof.ssa Giuseppina Gambin Anno Scolastico 2008/2009 PERCORSI FORMATIVI

Dettagli

Secondo biennio: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2015/16

Secondo biennio: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2015/16 1 Secondo biennio: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2015/16 Premessa: di seguito vengono presentate le competenze e i contenuti di riferimento per Lingua e letteratura italiana. Le competenze e i contenuti

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico FINALITÀ FORMATIVE GENERALI Riconoscendo che la cultura classica costituisce una delle radici più significative della cultura europea,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS Via Sorrisole, 6-21100 - VARESE Esami di stato conclusivi del corso di studi (Legge 425/97 - DPR 323/98 art. 5.2) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Documento predisposto dal

Dettagli

PROGRAMMA A.S. 2012/2013

PROGRAMMA A.S. 2012/2013 Istituto Tecnico Commerciale Statale Giuseppe Ginanni Via Carducci, 11, 48121 Ravenna Percorsi di studio: - Amministrazione Finanza e Marketing - Sistemi informativi aziendali - Turismo - Relazioni internazionali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re COMPETENZE E INSEGNAMENTO Dott.ssa Franca Da Re UN TENTATIVO DI DEFINIZIONE INTEGRATO INTEGRAZIONE DI CONOSCENZE E ABILITA DI TIPO COGNITIVO, PERSONALE, SOCIALE, RELAZIONALE PER SVOLGERE UN ATTIVITA E

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

PROGRAMMA di Storia dell Arte. Prof. Carlo Bianchi

PROGRAMMA di Storia dell Arte. Prof. Carlo Bianchi ESAMI DI STATO SESSIONE ORDINARIA 2012/2013 CLASSE V SEZIONE B. PROGRAMMA di Storia dell Arte Prof. Carlo Bianchi Libro/i di testo in adozione: Itinerario nell Arte. Autori: Cricco-Di Teodoro Editore:

Dettagli

Testo in uso:b. Panebianco-C. Pisoni- L.Reggiani, TESTI E SCENARI, ed. Zanichelli

Testo in uso:b. Panebianco-C. Pisoni- L.Reggiani, TESTI E SCENARI, ed. Zanichelli Docente Materia Classe Taietta Paola Marina Italiano 5B Programmazione Consuntiva Anno Scolastico 2011/2012 Data 9/06/2012 Obiettivi Cognitivi Obiettivi Minimi Cognitivi Conoscere adeguatamente le regole

Dettagli

Sezione Scientifica COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE

Sezione Scientifica COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale Via Gallo Pecca n.4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE Tel. 0124/45.45.11 - Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato PREMESSA Anche quest anno la programmazione risulterà aderente ai

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore Italiano prima lingua 1. Dotazione ore 4 H 5H 6H Materia fondamentale 4 4 4 2. Considerazioni didattiche e obiettivi di formazione generali secondo il PQ MP 12 L insegnamento della prima lingua nazionale

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S 2013/14 CLASSE 5^ SEZ. C Indirizzo Liceo Linguistico Coordinatore

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO Finalità generali La consapevolezza della propria identità culturale attraverso il recupero di radici e archetipi che trovano nel mondo greco e romano le loro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DANTE ALIGHIERI Opera GRAMMATICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DANTE ALIGHIERI Opera GRAMMATICA Anno Scolastico 2014 / 2015 GRAMMATICA SINTASSI DELLA FRASE - Completamento della classificazione dei complementi indiretti: complemento di limitazione, di paragone, di età, vantaggio e svantaggio, colpa,

Dettagli

LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO - CLASSICO LINGUISTICO

LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO - CLASSICO LINGUISTICO LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO - CLASSICO LINGUISTICO Via M. Montessori n. 2-10023 C H I E R I (TO) Tel. 011.942.20.04-011.941.48.16 Fax 011.941.31.24 e-mail: TOPS18000P@istruzione.it - TOPS18000P@pec.istruzione.it

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Programmazione Italiano, storia e geografia. Classe IV Costruzioni, ambiente e territorio Anno 2014/2015 Professoressa Pili Francesca Situazione di

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA Lo sviluppo

Dettagli

Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015

Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015 Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015 Premessa metodologica L insegnamento della Storia dell Arte mira a fare conoscere le diverse forme espressive dell arte, la cui fruizione

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2011/2012 CLASSE 2^ SEZ. C Indirizzo Linguistico Coordinatore

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO CLASSICO - LINGUISTICO Via Montessori n. 2-10023 CHIERI (To) Tel. 011.942.20.04 011.941.48.16 Fax 011.941.31.24 e- mail: TOPS18000P@istruzione.it - TOPS18000P@pec.istruzione.it

Dettagli

TEORIE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE

TEORIE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE a.s.2013/2014 TEORIE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE indirizzo: Tecnico della Grafica e della comunicazione TEORIE DELLA COMUNICAZIONE: Classi terze tecnico grafico TEORIE DELLA COMUNICAZIONE: Non ancora

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

-Riconoscere la persistenza di temi culturali nel tempo e la loro presenza nella cultura attuale.

-Riconoscere la persistenza di temi culturali nel tempo e la loro presenza nella cultura attuale. EDUCAZIONE LETTERARIA MODULO 1 - GALILEO E LA NASCITA DELLA SCIENZA MODERNA Riconoscere i modelli culturali che caratterizzano un'epoca storica (valori sociali, concezione dell'uomo, dello spazio, del

Dettagli

LICEO LINGUISTICO STATALE

LICEO LINGUISTICO STATALE LICEO STATALE SCIENTIFICO - LINGUISTICO - CLASSICO GALILEO GALILEI - LEGNANO PdQ - 7.06 Ediz.: 1 Rev.: 0 Data 02/09/05 Alleg.: D01 PROG. M2 PROCEDURA della QUALITA' Programma Didattico Annuale Anno Scolastico

Dettagli

DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL/DEI DOCENTI M 04 D. Rev. 00

DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL/DEI DOCENTI M 04 D. Rev. 00 DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 x Si No Gli obiettivi disciplinari dell anno precedente (con particolare

Dettagli

Liceo Classico E. Cairoli Varese

Liceo Classico E. Cairoli Varese ESA BAC Esame di Stato = Baccalauréat Liceo Classico E. Cairoli Varese Accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica francese relativo al doppio rilascio del diploma d

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione B Data di approvazione 19/10/2012 Doc.:

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Liceo Scientifico

FONDAZIONE MALAVASI. Liceo Scientifico FONDAZIONE MALAVASI Liceo Scientifico PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Storia DOCENTE: Prof.ssa Manuela Maccà CLASSE III SEZ. Tradizionale A.S.2014 /2015 2. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative Italiano Inglese Storia Geografia Arte e immagine Scienze motorie e sportive Matematica Tecnologia e Informatica Musica Scienze Religione cattolica Attività didattiche alternative Convivenza civile: -Ed.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

I.T.S. Sallustio Bandini Via Cesare Battisti, 11 53100 Siena (SI) Classe V sezione A Indirizzo SIRIO - GEOMETRI

I.T.S. Sallustio Bandini Via Cesare Battisti, 11 53100 Siena (SI) Classe V sezione A Indirizzo SIRIO - GEOMETRI I.T.S. Sallustio Bandini Via Cesare Battisti, 11 53100 Siena (SI) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Anno Scolastico 2015/2016 Classe V sezione A Indirizzo SIRIO - GEOMETRI IL COORDINATORE DELLA CLASSE

Dettagli

Programmazione di classe delle attività educative e didattiche

Programmazione di classe delle attività educative e didattiche ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Francesco De Sarlo Via Sant Antuono 192-0973/21034 - C.F. 83000510764 PZIS001007 85042 - LAGONEGRO PZ PZPM00101P IST. MAG. LAGONEGRO - PZPS00101N LIC. SC. LAGONEGRO

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5' D Indirizzo:

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO PROGRAMMA DI ITALIANO Istituto: LICEO SCIENTIFICO STATALE IPPOLITO NIEVO Anno scolastico: 2011-2012 Classe: V F Docente: Prof.ssa EMANUELA VIGNAGA Testi adottati: H. GROSSER, Il canone letterario - Il

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PREMESSA Il presente documento illustra la programmazione del complesso delle attività educative e didattiche che il consiglio della classe II A della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Classe III D Prof. Claudio Mordenti

PROGRAMMA SVOLTO LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Classe III D Prof. Claudio Mordenti PROGRAMMA SVOLTO LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Classe III D Prof. Claudio Mordenti Il medioevo L evoluzione delle strutture politiche, sociali ed economiche Mentalità e visione del mondo La nascita delle

Dettagli

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico.

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

a.s. 2015/2016 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI

a.s. 2015/2016 ITALIANO INGLESE MATEMATICA ABILITA TRASVERSALI a.s. 2015/2016 Riportiamo alcune delle domande che spesso vengono rivolte ai docenti durante gli incontri di orientamento con gli alunni della scuola secondaria di primo grado e con i loro genitori: 1.

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli