Esame di stato DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^I. INDIRIZZO: naturalistico. Anno scolastico :

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esame di stato DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^I. INDIRIZZO: naturalistico. Anno scolastico :2013-14"

Transcript

1 LICEO SCIENTIFICO F. Lussana Bergamo via A. Maj, 1 Tel: Fax: c.f sito int.: mail: Esame di stato 2014 (L. 425/1997 art. 3 - DPR 323/1998 art. 5) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5^I INDIRIZZO: naturalistico Anno scolastico :

2 INDICE 1. Il Consiglio di Classe p.3 2. La classe p.4 3. La programmazione del C.d.C. p.5 4. Simulazione prove d esame p.9 5. Testi delle simulazioni di terza prova p Griglia di valutazione terza prova p Percorsi interdisciplinari del colloquio (tesine) p.14 Foglio firme p.15 Allegati Programmazioni disciplinari Italiano Latino Matematica Fisica Filosofia Storia Inglese Scienze Storia dell arte Tedesco / Francese /Spagnolo Religione Educazione fisica maschile e femminile N.B. i contenuti disciplinari che si prevede di trattare dopo il 15 maggio sono segnalati da asterisco 2

3 1. IL CONSIGLIO DI CLASSE Il Consiglio di classe è composto da un gruppo di docenti sostanzialmente stabile nel triennio, come evidenziato nella seguente tabella Discipline Docenti 3 I 4I 5I matematica Maffeis Daniela (coordinatrice) Maffeis Daniela (coordinatrice) Maffeis Daniela (coordinatrice) Fisica Maffeis Daniela Maffeis Daniela Maffeis Daniela Latino Fabbriciani Giovanna Fabbriciani Giovanna Fabbriciani Giovanna Italiano Baccanelli Cristina Forte Antonio Fabbriciani Giovanna Storia Parimbelli Giovanni Indovino Filippo Indovino Filippo Filosofia Antonini Lucia Parimbelli Giovanni Parimbelli Giovanni Inglese Biffi Claudia Biffi Claudia Biffi Claudia Scienze Delfino Rosaria Delfino Rosaria Delfino Rosaria (segretaria) Storia dell Arte Magliocca Simonetti Maria Bandini Emanuela Antonia Ed. fisica Scarpellini Marco Scarpellini Marco Scarpellini Marco maschile Ed. fisica Scotti Alessandra Scotti Alessandra Scotti Alessandra femminile Religione Morosini Enrico Morosini Enrico Morosini Enrico Rappresentanti dei genitori: Signora SEMERARO RITA Rappresentanti degli studenti: PARIS CHIARA DANELLI RICCARDO Il Consiglio di classe, durante l'anno scolastico, e' stato coordinato dal prof. ssa MAFFEIS DANIELA coadiuvato, con compiti di segretario, dal prof. ssa DELFINO ROSARIA 3

4 2. LA CLASSE COMPOSIZIONE Studenti n. 21 maschi n. 11 femmine n. 10 AGOSTINELLI MATTEO BONAPACE IRENE BRUNIALTI MARIKA CESARENI STEFANO CONTI MATTEO DANELLI RICCARDO DE MARTIIS SEBASTIAN FARRUGGIA ALICE FINCO TOMMASO LEGGERI ALICE LORENZI ROBERTA MARZUPIO GABRIELE PARIS CHIARA PASINETTI ANDRES PULEO VITTORIO REDOLFI ANDREA RIVA GIULIA ROSSI LUDOVICA SCANSANI SABRINA VALLI CARLO VITALI ALICE PROVENIENZA Anno Classe Iscritti Alunni provenienti dalla classe precedente Alunni provenienti Da altre classi Alunni ritirati durante l anno Alunni non promossi Alunni promossi Alunni ritirati dopo la promozione Alunni iscritti alla classe successiva 3I I (5 dalla 3 P -1 dalla 4 ) 5I

5 3. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 2. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI I docenti, consapevoli del ruolo educativo della scuola e al tempo stesso dello stretto legame che intercorre fra crescita culturale, formazione e definizione dell identità personale, si propongono di attivare processi educativi che gli consentano di approfondire le proprie capacità di interpretazione e di giudizio promovendo la scelta di atteggiamenti, di comportamenti e di stili di vita più consapevoli e responsabili AMBITO ABILITÀ / INDICATORI COMPETENZE - partecipare all attività didattica in classe e alla vita della scuola in modo ordinato e consapevole - intervenire in modo pertinente e propositivo, motivando le proprie opinioni e rispettando quelle altrui COLLABORARE/PARTECIPA RE lavorare, interagire con gli altri in precise e specifiche attività collettive AREA COMPORTAMENTALE - lavorare in gruppo interagendo positivamente con i compagni - aiutare i compagni in difficoltà, non deridendo errori e comportamenti altrui - rispettare le diversità - frequentare le lezioni con continuità e puntualità - acquisire, nei successi come negli insuccessi, atteggiamenti di sereno autocontrollo ed autovalutazione, nella consapevolezza dei propri limiti e nella valorizzazione delle proprie potenzialità - portare sempre gli strumenti di lavoro AGIRE IN MODO AUTONOMO E RESPONSABILE saper riconoscere il valore delle regole e della responsabilità personale - mantenere pulite, ordinate ed efficienti le strutture comuni in dotazione 5

6 - rispettare gli impegni anche in assenza del controllo quotidiano - non sottrarsi alle verifiche facendo assenze strategiche ARE - conoscere contenuti, concetti, termini, regole, teorie secondo quanto programmato per ogni materia - comprendere le consegne - saper analizzare testi orali e scritti comprendendone senso ACQUISIRE/INTERPRETARE L INFORMAZIONE RICEVUTA acquisire e interpretare criticamente l informazione ricevuta, valutandone l attendibilità e l utilità, distinguendo fatti e opinioni AREA COGNITIVA - acquisire strategie per la selezione delle informazioni - dare valutazioni motivate e convincenti - padroneggiare l uso dei linguaggi specifici nelle diverse discipline - esporre le conoscenze in modo organico e coerente COMUNICARE comprendere e rappresentare testi e messaggi di genere e di complessità diversi, formulati con linguaggi e supporti diversi - sviluppare capacità di analisi e sintesi attraverso confronti e collegamenti - sviluppare la capacità di rielaborazione personale INDIVIDUARE COLLEGAMENTI E RELAZIONI costruire conoscenze significative e dotate di senso 6

7 - organizzare il lavoro a scuola e a casa, pianificandolo rispetto a scadenze e tempi - prendere appunti durante le lezioni - utilizzare correttamente gli strumenti IMPARARE A IMPARARE acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro AUTONOMIA E METODO - individuare strategie per l apprendimento e l esposizione orale - procurare e utilizzare in modo adeguato materiali di lavoro (documenti, immagini, fonti, dati) - utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare - scegliere le strategie più efficaci per risolvere problemi ed eseguire esercizi - utilizzare gli strumenti e le abilità acquisite in situazioni nuove - comprendere aspetti di una situazione nuova e problematica e formulare ipotesi di risoluzione RISOLVERE PROBLEMI saper affrontare situazioni problematiche e saper contribuire a risolverle - utilizzare le conoscenze apprese per la realizzazione di un progetto / lavoro di approfondimento personale - definire strategie di azione, reperire e selezionare materiale - rielaborare i contenuti, avvalendosi anche di strumenti informatici - verificare i risultati PROGETTARE elaborare e realizzare attività seguendo la logica della progettazione 7

8 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE : Le relazioni interne alla classe, sia tra gli studenti che tra questi e gli insegnanti, sono sempre state complessivamente corrette; il clima dello scambio educativo è risultato sereno. Le lezioni sono state seguite con attenzione dalla maggior parte degli studenti, anche se in forma per lo più ricettiva. È stato adeguato nella maggior parte delle discipline anche il lavoro di rielaborazione ed assimilazione personale, anche se qualche studente ha incontrato difficoltà non solo nell acquisizione dei contenuti di studio ma anche sul piano delle competenze e della gestione dei carichi di lavoro. Nel corso del triennio la regolarità nella progressione degli apprendimenti è stata condizionata dalle difficoltà incontrate da parte della classe soprattutto nello studio delle discipline scientifiche, in particolare matematica e fisica. Fin dalla terza, nell acquisizione dei contenuti e delle competenze di queste discipline, diversi studenti hanno evidenziato limiti che nel corso degli studi sono stati risolti solo in parte. In un quadro complessivamente positivo, anche per le materie letterarie si rileva la mancata maturazione delle significative potenzialità espresse da alcuni studenti all inizio del percorso triennale. Rispetto alla disposizione culturale complessiva, alcuni studenti hanno maturato un interesse ed una motivazione personale e critica per l approfondimento; solo in pochi casi questa disposizione è stata però valorizzata nello scambio educativo in classe. In merito agli obiettivi disciplinari specifici, al livello del loro conseguimento ed alle attività di recupero effettuate si rinvia all introduzione dei programmi svolti, riportati in allegato. VERIFICA E VALUTAZIONE Per le tipologie di verifica e i criteri di valutazione si rinvia alle singole programmazioni disciplinari allegate al documento ATTIVITA INTEGRATIVE EFFETTIVAMENTE SVOLTE : Visita mostra arte moderna a Venezia Visita istruzione Berlino Madrelingua inglese Mostra Klimt a Milano Conferenza su temi ecologici Escursione geologica Monte di Nese Progetto sul genocidio degli Armeni Conferenza sulla politica internazionale La torre d avorio spettacolo prosa del teatro Donizetti Spettacolo teatrale: Wegener La cura e il buon uso del farmaco Alcuni studenti hanno partecipato Piccolo Teatro Milano Olimpiadi di matematica Approfondimenti di matematica 8

9 4. SIMULAZIONE PROVE D ESAME PRIMA E SECONDA PROVA DATA TIPOLOGIA E DURATA ARGOMENTO 22 maggio 2014 Tutti i tipi previsti dalla Italiano normativa (5 ore) 23 maggio 2014 Due problemi e dieci quesiti sul programma del triennio (5 ore) Matematica Si tratta di prove parallele per tutte le classi quinte dell istituto preparate dai rispettivi dipartimenti Dopo l effettuazione della prova, copia delle tracce sarà reperibile in segreteria TERZA PROVA DATA TIPOLOGIA E DURATA MATERIE 12 dicembre 2013 A 3 ore Fisica- Filosofia- Scienze- Arte 15 aprile 2014 A 3 ore Inglese- Latino- Scienze- Storia 9

10 5. TESTI DELLE SIMULAZIONI DI TERZA PROVA 12 dicembre 2013 Filosofia La trattazione deve essere contenuta orientativamente entro le righe. In riferimento al sistema filosofico hegeliano, ricostruisci l articolazione dialettica dell eticità e illustrane il significato filosofico complessivo (spiega cioè come se ne possa ricavare l impostazione di fondo dell idealismo). Fisica 1)Illustra il percorso che dal lavoro di un campo elettrico uniforme si arriva al potenziale 2). Se poniamo una carica in una regione sede di un campo elettrico, e se questa carica è così piccola da non disturbare la configurazione esistente, essa si muoverà per effetto delle forze elettriche che agiscono su di essa. Si può dire, in generale, che la sua traiettoria seguirà le linee di campo? La risposta è sì solo nel caso in cui le linee di campo siano rettilinee, altrimenti, se sono curve, come nel caso del campo generato da due cariche posta ad una certa distanza, questo non è vero. Perché? Argomenta in modo esauriente 3) Determina il campo elettrostatico e il potenziale elettrico nel centro di un quadrato il cui lato è cm 75 e ai cui vertici sono presenti quattro cariche positive uguali Q=0,2 C ; determina, inoltre, l energia potenziale elettrica del sistema. Scienze La trattazione deve essere contenuta orientativamente entro le righe. Niels Eldredge e Stephen Jay Gould pubblicarono nel 1972 una teoria sulla comparsa di nuove specie che va sotto il nome di teoria degli equilibri intermittenti. Spiega in cosa consiste, quali dati e osservazioni li fecero pervenire alle conclusioni e in che relazione si pone con le altre teorie che cercano di interpretare lo stesso fenomeno. Arte La trattazione deve essere contenuta complessivamente entro le righe. 1- Illustra sinteticamente le analogie e le differenze tra La zattera della Medusa di T. Géricault e La libertà guida il popolo di E. Delacroix, attraverso gli elementi che evidenziano le ragioni per le quali la seconda è più coerente allo spirito romantico rispetto alla prima. 2- Spiega sinteticamente le ragioni che hanno favorito la penetrazione delle tendenze romantiche in Italia e la loro declinazione in chiave civile e politica. 10

11 3- Un pittore dovrebbe dipingere ciò che vede innanzi a sé, ma anche ciò che vede dentro di sé : a quale artista romantico potrebbe essere attribuita questa affermazione? Motiva la tua scelta commentando una sua opera. 15 aprile 2014 Inglese following passage (30 lines) Was it really true that one could never change? He felt a wild longing for the unstained purity of his boyhood-- his rose-white boyhood, as Lord Henry had once called it. He knew that he had tarnished himself, filled his mind with corruption and given horror to his fancy; that he had been an evil influence to others, and had experienced a terrible joy in being so; and that of the lives that had crossed his own, it had been the fairest and the most full of promise that he had brought to shame. But was it all irretrievable? Was there no hope for him? Ah! in what a monstrous moment of pride and passion he had prayed that the portrait should bear the burden of his days, and he keep the unsullied splendour of eternal youth! All his failure had been due to that. ( ) A new life! That was what he wanted. That was what he was waiting for. Surely he had begun it already. He had spared one innocent thing, at any rate. He would never again tempt innocence. He would be good. ( ) he began to wonder if the portrait in the locked room had changed. Surely it was not still so horrible as it had been? Perhaps if his life became pure, he would be able to expel every sign of evil passion from the face. Perhaps the signs of evil had already gone away. He would go and look.he took the lamp from the table and crept upstairs. As he unbarred the door, a smile of joy flitted across his strangely young-looking face and lingered for a moment about his lips. Yes, he would be good, and the hideous thing that he had hidden away would no longer be a terror to him. He felt as if the load had been lifted from him already. He went in quietly, locking the door behind him, as was his custom, and dragged the purple hanging from the portrait. A cry of pain and indignation broke from him. He could see no change, save that in the eyes there was a look of cunning and in the mouth the curved wrinkle of the hypocrite. The thing was still loathsome--more loathsome, if possible, than before- Latino La trattazione deve essere contenuta orientativamente entro le righe. L età di Nerone si caratterizza in letteratura come un periodo di grandi novità: dimostra, con opportuni riferimenti ai testi a te noti, come le opere di Seneca, Lucano e Petronio documentino, in modi diversi, una società percorsa da incertezze e inquietudine. 11

12 Scienze La trattazione deve essere contenuta orientativamente entro le righe. L analisi della natura chimica, della giacitura e la datazione delle rocce di molte isole vulcaniche come le Hawai ci ha permesso di formulare l ipotesi che esse siano emerse dai fondali oceanici in tempi relativamente brevi. L aspetto primitivo e inospitale delle isole doveva essere molto diverso da quello attuale in cui le stesse isole sono popolate da diverse comunità di esseri viventi. Il candidato descriva i processi che hanno consentito la formazione delle strutture geologiche delle Hawai considerando il tipo e la genesi delle rocce e spieghi poi come si è modificata nel tempo la comunità di viventi che le abita. Storia La trattazione deve essere contenuta orientativamente entro le righe. Esprimi le cause che determinarono la presa del potere da parte del fascismo con particolare riferimento al quadriennio

13 6. GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA candidato Tipologia della prova: Durata della prova: _ORE Discipline: 1) 2) 3) 4) CONOSCENZE DEI CONTENUTI DISCIPLINARI Conosce gli argomenti molto approfonditamente 15 Conosce gli argomenti in modo approfondito Conosce gli argomenti in modo articolato Conosce gli argomenti in modo essenziale 10 Conosce gli argomenti con lacune 9 Conosce gli argomenti con lacune rilevanti 7 8 Non conosce gli argomenti 1-6 COMPETENZE NELL UTILIZZO DI LINGUAGGI E STRUMENTI SPECIFICI Si esprime in modo efficace utilizzando la terminologia 15 specifica Si esprime in modo corretto e funzionale Si esprime in modo corretto Si esprime in modo corretto, con imprecisioni non gravi 10 Si esprime in modo talvolta poco corretto o poco rigoroso 9 Si esprime con improprietà rilevanti 7 8 Si esprime con improprietà molto gravi 1-6 CAPACITA DI RIELABORAZIONE E DI CORRELAZIONE Propone analisi rigorose/sviluppa criticamente gli 15 argomenti Chiarisce in modo approfondito l articolazione degli argomenti Presenta l articolazione degli argomenti Esamina in modo essenziale gli argomenti 10 Esamina in modo parziale/ superficiale gli argomenti 9 Esamina gli argomenti con errori rilevanti di analisi 7 8 Non è in grado di esaminare gli argomenti 1-6 TOTALE PUNTEGGIO PROPOSTO PUNTEGGIO DEFINITIVO 13

14 IL PUNTEGGIO PROPOSTO è calcolato dividendo per 3 il TOTALE e approssimando per difetto se la prima cifra decimale è minore di 5, per eccesso se la prima cifra decimale è maggiore o uguale a 5. 14

15 7. PERCORSI INTERDISCIPLINARI DEL COLLOQUIO (TESINE) NOME CANDIDATO TITOLO / ARGOMENTO Sherlock Holmes: la razionalità in letteratura e AGOSTINELLI MATTEO cultura di fine ottocento BONAPACE IRENE Flatlandia BRUNIALTI MARIKA My Fair Lady : il musical legge il mito CESARENI STEFANO Stream of consciousness Mente sana in corpo sano: l uomo come corpo e CONTI MATTEO non solo mente Rifugiati politici: esili storici e dissidenti DANELLI RICCARDO moderni DE MARTIIS SEBASTIANO La città ecosostenibile FARRUGGIA ALICE Le frequenze del visibile FINCO TOMMASO Dileguossi. Un libro per tutti e per nessuno TALE E NON QUALE: il caso dei gemelli; come da un identico DNA possono manifestarsi LEGGERI ALICE fenotipi diversi LORENZI ROBERTA La fisica e i quanti MARZUPIO GABRIELE Illusione nella vita e nella natura PARIS CHIARA Expo 2015: nutrire il pianeta, energia per la vita PASINETTI ANDRES Fortuna, un concetto da riformulare La sezione aurea: linguaggio matematico della PULEO VITTORIO bellezza Nelson Mandela: un sognatore che non si è mai arreso REDOLFI ANDREA RIVA GIULIA ROSSI LUDOVICA SCANSANI SABRINA VALLI CARLO VITALI ALICE Le massime conversazionali La tragedia del Vajont Encomio dell astronauta, la figura di Ulisse alla conquista dello spazio La figura del criminologo Gli studenti hanno lavorato secondo le seguenti indicazioni date dal Consiglio di classe: Trattazione di un argomento da un punto di vista pluridisciplinare (2-4 discipline) Consegna del lavoro sotto forma di mappa concettuale con indicazioni bibliografiche allegate da presentare il giorno della prima prova Al colloquio esposizione orale o attraverso l ausilio di Power Point 15

16 Il presente documento è condiviso e sottoscritto in tutte le sue parti dai docenti del Consiglio di Classe Nome Maffeis Daniela (coordinatrice) Fabbriciani Giovanna Indovino Filippo Parimbelli Giovanni Biffi Claudia Delfino Rosaria (segretaria) Bandini Emanuela Scarpellini Marco Scotti Alessandra Morosini Enrico Firma 15 maggio 2014 Il Coordinatore di classe Il Preside Prof. Cesare Quarenghi 16

17 17

18 ITALIANO DOCENTE: Giovanna Fabbriciani Libri di testo: PANEBIANCO, PISONI, REGGIANI, Testi e scenari vol. 3, 4, 5, 6 Zanichelli Ore di lezione effettuate alla data del 15 maggio: 120 Obiettivi realizzati Nel corso dell anno la partecipazione alle attività proposte e la qualità dell impegno sono state diversificate: alcuni studenti hanno lavorato con continuità, manifestando interesse e curiosità per gli argomenti trattati, altri hanno partecipato alle attività in modo discontinuo, mostrando qualche difficoltà a gestire in modo efficace i diversi impegni e non rispondendo sempre in modo adeguato alle richieste. Nonostante questa disomogeneità di atteggiamenti, complessivamente tutti gli studenti hanno acquisito gli strumenti di base per l analisi dei testi letterari e le conoscenze fondamentali relative agli autori e ai generi trattati; maggiormente diversificato è il livello raggiunto nella capacità di rielaborazione dei contenuti appresi e nella elaborazione di testi argomentativi coerenti e coesi: circa un terzo degli studenti è in grado di dare valutazioni motivate o di dimostrare in modo convincente la propria tesi, la maggioranza ha raggiunto tali competenze in modo accettabile, pochi evidenziano qualche incertezza nella rielaborazione dei contenuti. L'esiguo numero di studenti che hanno manifestato difficoltà dovute essenzialmente ad uno studio discontinuo e poco efficace non ha reso necessari particolari interventi di recupero, salvo restando che è stata sempre particolarmente curata l'attività di correzione delle verifiche, considerata come momento fondamentale di riflessione sugli errori più comuni. Obiettivi prefissati Conoscenze - conosce le caratteristiche di vari tipi di testo (narrativo, poetico, espositivo, argomentativo) - conosce le caratteristiche del contesto storico sociale dei periodi presi in esame - conosce i dati biografici degli autori affrontati - conosce le caratteristiche delle opere (contenuto, caratteri formali ecc.) - conosce i termini specifici del linguaggio letterario Abilità Capacità - sa produrre testi argomentativi e/o espositivi coerenti e coesi - rielabora le informazioni, utilizzando i dati forniti e integrandoli con altre informazioni - sviluppa in modo critico e personale il testo - comprende il significato letterale dei testi - colloca i testi nel contesto della tradizione letteraria e nella determinata situazione storica - analizza in modo completo e corretto testi poetici e narrativi - rielabora le informazioni - confronta testi letterari dello stesso autore e/o di autori diversi - coglie elementi di continuità o differenze in testi appartenenti allo stesso genere letterario - è in grado di operare collegamenti interdisciplinari Competenze - utilizza il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana adeguandolo a diversi ambiti comunicativi: sociale, culturale, artistico letterario - applica diverse strategie di lettura per scopi diversi e in particolare strategie di lettura analitica per la comprensione di testi complessi 1

19 - comprende e interpreta in modo corretto e convincente testi scritti di vario tipo (testi letterari, saggi, articoli) - produce testi di vario tipo efficaci, coerenti e coesi in relazione ai differenti scopi comunicativi - utilizza gli strumenti fondamentali per una fruizione consapevole del patrimonio artistico e letterario Metodi e strumenti Oltre alla lezione frontale e dialogata, spesso con l'utilizzo di strumenti informatici (presentazioni in Power Point), è stata data particolare attenzione alla lettura e all'analisi dei testi degli autori studiati, sia per consolidare le competenze di analisi e la capacità di rielaborazione e di valutazione, sia per permettere una più diretta conoscenza delle caratteristiche contenutistiche e formali delle opere studiate. Sono state individuate nel corso dell anno delle tematiche che hanno dato la possibilità di proporre agli studenti attività volte a favorire la capacità di operare confronti tra periodi e autori diversi (anche della letteratura latina), l abitudine di affrontare gli argomenti di studio in modo critico e problematico e la possibilità di cogliere la vicinanza tra il proprio vissuto e la tradizione letteraria. Verifiche Primo periodo: 2 prove scritte (una di tipologia A, una di tipologia B); 1 prova orale, 1 prova scritta valida per l orale Secondo periodo: 3 prove scritte (una di tipologia A, una di tipologia B, una simulazione della prima prova con tutte le tipologie); 2 prove orali, 1 prova scritta valida per l orale Valutazione Per la valutazione delle prove orali sono stati seguiti i seguenti parametri: OBIETTIVI PIENAMENTE RAGGIUNTI (8 10): conosce gli argomenti in modo completo e approfondito; analizza i testi in modo sicuro e corretto; rielabora in modo critico le conoscenze con valutazioni convincenti e ben argomentate; ottimi i collegamenti anche con apporti personali (per l eccellenza); comunica in modo funzionale, corretto e con padronanza del lessico specifico OBIETTIVI RAGGIUNTI (7 7.5): conosce gli argomenti in modo sicuro; analizza i testi in modo corretto; rielabora le conoscenze in modo completo con valutazioni adeguatamente argomentate; comunica in modo chiaro con utilizzo di termini specifici OBIETTIVI MEDIAMENTE RAGGIUNTI (6 6.5) conosce gli argomenti nei vari aspetti ma non in modo approfondito; analizza i testi individuandone gli elementi essenziali; rielabora le conoscenze in modo adeguato con qualche imprecisione nelle valutazioni ma senza errori; comunica in modo complessivamente chiaro e sufficientemente corretto OBIETTIVI PARZIALMENTE RAGGIUNTI (5 5.5) conosce parzialmente gli argomenti; analizza i testi in modo non sempre corretto; rielabora le conoscenze in modo parziale con valutazioni poco motivate; comunica in modo non sempre chiaro con qualche imprecisione lessicale OBIETTIVI NON RAGGIUNTI (2 4.5) non conosce gli argomenti o conosce gli argomenti in modo frammentario; ha difficoltà sia nell analisi dei testi che nella rielaborazione delle conoscenze; comunica con difficoltà e con imprecisioni terminologiche. 2

20 Per la valutazione delle prove scritte vengono allegate le griglie adottate. Contenuti La necessità di trattare argomenti e autori non svolti nella classe precedente e l utilizzo di alcune ore per altre iniziative programmate, non hanno reso possibile trattare autori del Novecento previsti in fase di programmazione di inizio d anno. N.B. gli argomenti programmati ma non ancora trattati alla data del presente documento sono contrassegnati da asterisco; le eventuali variazioni verranno indicate in una dichiarazione che sarà allegata al termine delle lezioni. Dante: Paradiso canti I, III, VI, XI, XV, XVII, XXXIII Ritratto d autore: UGO FOSCOLO La vita e le opere; ideologia e poetica; approfondimenti: Neoclassicismo e bello ideale Ultime lettere di Jacopo Ortis: T33 Il sacrificio della patria;t34 Teresa e le illusioni; lettera del 1 novembre 1797 (in fotocopia);t35 lettera da Ventimiglia Sonetti e Odi: T36 Alla sera; T37 In morte del fratello Giovanni; T38 A Zacinto; T39All amica risanata Dal carme Dei sepolcri alle Grazie; Incontro con l opera:dei sepolcri Composizione e vicende editoriali;la struttura e il contenuto;i temi Dei sepolcri L ETA DEL ROMANTICISMO Classicismo e Romanticismo Definizione e caratteri del Romanticismo La situazione economica La situazione politica in Europa dopo il Congresso di Vienna Il pensiero La poetica del Romanticismo La polemica classico romantica in Italia T3 Classici e romantici a confronto Ritratto d autore: GIACOMO LEOPARDI La vita e le opere; ideologia e poetica; il pessimismo e la teoria del piacere; evoluzione del pensiero leopardiano: natura, società, ragione Lo Zibaldone di pensieri. Un diario del pensiero T33 Un giardino di sofferenza Parole poetiche ( );Teoria del suono ( ); Indefinito e vago ( ); teoria della visione (4293) (testi in fotocopia) Le Operette morali. Elaborazione e contenuto T47 Dialogo della Natura e di un Islandese T49 Il suicidio e la solidarietà (dal Dialogo di Plotino e Porfirio) T50 Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggero Dialogo di un folletto e di uno gnomo; Cantico del gallo silvestre (testi in fotocopia) CANTI La prima fase della poesia leopardiana ( ) T35 Ultimo canto di Saffo Gli "idilli" 3

21 T36 L'infinito T38 La sera del dì di festa La seconda fase della poesia leopardiana ( ). I canti pisano-recanatesi T39 A Silvia T41 Il passero solitario T42 Il sabato del villaggio T43 Canto notturno di un pastore errante dell'asia Il ciclo di "Aspasia" (caratteri generali) T44 A se stesso Ideologia e società: il messaggio conclusivo della Ginestra T46 La ginestra, o il fiore del deserto vv 1 201; Ritratto d autore: ALESSANDRO MANZONI Vita e opere La formazione culturale e la poetica I primi Inni sacri T55 La Pentecoste vv Le odi civili T57 Il cinque maggio Le tragedie Approfondimenti: Il giansenismo e l atteggiamento pessimistico di Manzoni T59 Adelchi ad Anfrido (Adelchi atto III, scena 1 ) T60 Il coro dell'atto III T61 La morte di Ermengarda (coro dell'atto IV) Incontro con l opera:i PROMESSI SPOSI La datazione, il titolo, l'opera T64 L anonimo manoscritto T65 Quel ramo del lago di Como La struttura narrativa e i personaggi; il tempo della storia e il tempo del racconto T66 Don Abbondio e i bravi; T67 Padre Cristoforo e don Rodrigo; Il castellaccio dell'innominato(cap. XX); la descrizione del palazzotto di don Rodrigo (cap. V) in fotocopia;t68 L addio ai monti; T69 L Innominato; T70 il rapimento di Lucia La Provvidenza e il tema del male T71 La notte di Renzo presso l Adda; T72 La notte di Lucia e dell Innominato; T73 Il sugo della storia La storia: i tumulti, la peste: T74 L assalto ai forni; T75 La peste Il progetto manzoniano di società e i temi principali del romanzo: la storia, gli umili, la politica, l'economia, la giustizia Caratteri generali della letteratura risorgimentale (in fotocopia). NATURALISMO E DECADENTISMO Storia e società I mutamenti culturali: Il Positivismo (evoluzionismo e darwinismo); Realismo e Naturalismo T4 E. Zola Il romanziere naturalista: osservatore e sperimentatore Scapigliatura e Verismo Emilio Praga: T22 Preludio ; "Vendetta postuma"; La morta del villaggio (in fotocopia) Arrigo Boito: T23 Lezione di anatomia 4

22 Ritratto d autore: GIOVANNI VERGA La vita e le opere: la formazione giovanile catanese, il periodo fiorentino, quello milanese e il ritorno a Catania I romanzi fiorentini e del primo periodo milanese: la fase tardoromantica e scapigliata T20 Nedda "bozzetto siciliano" L'adesione al Verismo e il ciclo dei "Vinti": la poetica e il problema della "conversione" T21 Lettera a Salvatore Farina Le novelle di Vita dei campi T22 Rosso Malpelo Approfondimenti: Lo straniamento e l'artificio della regressione T23 La lupa Novelle rusticane T24 La roba MASTRO-DON GESUALDO: il titolo, la genesi, la struttura e la trama T27 Un padrone T28 L incontro tra Gesualdo e Diodata La prima notte di nozze (parte prima cap.7) in fotocopia T29 La morte di Gesualdo Il Mastro don Gesualdo: la poetica, i personaggi, i temi, l ideologia, lo stile Incontro con l opera: I MALAVOGLIA Il progetto dei Vinti T31 La prefazione ai "Malavoglia" La struttura e la genesi del romanzo: il narratore popolare T32 I Malavoglia e il paese Approfondimenti: la novella Fantasticheria: anticipazione dei Malavoglia Il tempo e lo spazio: il cronotopo dell'idillio familiare; Il sistema dei personaggi; unità del codice espressivo e duplicità di toni T33 Le stelle ammiccavano T34 I due Ntoni T35 Mena e Alfio: la rinuncia Ntoni e il tema dell escluso: il pessimismo di Verga T36 L'addio di 'Ntoni L ETÀ DEL DECADENTISMO Storia e società Ideologia e cultura: le filosofie della crisi Le poetiche del Decadentismo C. Baudelaire: T4 L albatro Ritratto d autore: GIOVANNI PASCOLI La vita e le opere; le idee socialiste di Giovannino La poetica e l ideologia del Fanciullino T37 Il poeta decadente: come un fanciullo Da Myricae ai Canti di Castelvecchio: frammentismo e impressionismo in Myricae; i temi dei Canti di Castelvecchio T39 Il gelsomino notturno I Poemetti:lo sperimentalismo narrativo T40 Digitale purpurea T41 da "Italy" I Poemi conviviali 5

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

All roads are long that lead toward one s heart s desire. Convegno interdisciplinare. Firenze, 18 marzo 2016

All roads are long that lead toward one s heart s desire. Convegno interdisciplinare. Firenze, 18 marzo 2016 decima edizione In collaborazione con Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Dipartimento di Scienze linguistiche e letterature straniere

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Sintesi primo incontro preparazione Colloqui Fiorentini Poco noto ad altrui, poco a me stesso. Conoscere Manzoni attraverso i testi 2 novembre 2010

Sintesi primo incontro preparazione Colloqui Fiorentini Poco noto ad altrui, poco a me stesso. Conoscere Manzoni attraverso i testi 2 novembre 2010 Sintesi primo incontro preparazione Colloqui Fiorentini Poco noto ad altrui, poco a me stesso. Conoscere Manzoni attraverso i testi 2 novembre 2010 Scopo di questo primo incontro è assumere l ipotesi interpretativa

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli