giornale studentesco del liceo scientifico einstein NUMERO 3 ANNO VIII GIUGNO 2011 lse.te.it

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "giornale studentesco del liceo scientifico einstein NUMERO 3 ANNO VIII GIUGNO 2011 lse.te.it"

Transcript

1 giornale studentesco del liceo scientifico einstein NUMERO 3 ANNO VIII GIUGNO 2011 lse.te.it

2 NUMERO 3 ANNO VIII GIUGNO 2011 SOMMARIO REDAZIONE Editoriali 150 o dell Unità d Italia 3 Intervista a Giuseppe Devincenzi fede 4 Sotto i cieli di Rino ben Dai meandri dell Einstein 5 Estate... siamo arrivando maurizio profeta Uno sguardo sul mondo 5 La rivoluzione araba ceccho b.s. 6 Sarà ancora un... Sol levante? erni Oltre noi stessi 7 Perversione o onnipotenza? fiore 7 Carne umana che passione! carolí 9 La meta bellezza elliot & marjane Intervista quadrupla 9 Rappresentanti d Istituto clari & mrm Fortissimamente sport 12 Il Giro d Italia a Teramo Forza Albert 13 Il segreto Di Nikola Tesla marz 14 Complottisti per caso nevermore e marz 15 A proposito di Scientology fiamma 15 A proposito di Oroscopi bas^^ I colori della letteratura 16 Poesia danyck 16 Pioggia d estate daph 17 Difendiamo le utopie! gaia =p Appendice ai giochi Enigmistica 19 Parole crociate e altri giochi I nostri sponsor 20 Un sentito ringraziamento Coordinatore Prof. Nando (Igor ["aigo:*]) Cozzi Caporedattore Marco (Marz) Di Marcantonio Copertina Gaia Babbicola Codifica LATEX Igor ["aigo:*] Vignettista Lorenza (Lolò) Del Cane Giochi Francesca Di Marco, Nicolò (Danyck) Chiacchiararelli Fotografi Marco (Marz) Di Marcantonio, Gloria Plebani Redattori Alessandra (Marjane) Pierantoni, Alice Francioni, Andrea (Ben) Bonomo, Angela (Dandi) Di Michele, Antonella (Elliot) Troiani, Antonio (Mr Everything) Sposetti, Carol (Carolí) Delli Compagni, Clarissa (Clari) Fonti, Danila (Fiore) Migliozzi, Diana (Daph) Petrescu, Edoardo (Nevermore) Pompeo, Edoardo (Fiamma) Topitti, Ernesto (Erni) Consorti, Fabiana (Amaranth) Di Mattia, Federica (Fede) Goderecci, Flavia (Bas^^) Cantoro, Francesca (Fan :) )Angelozzi, Gaia (Gaia =p) Di Timoteo, Giovanni Rossi, Gloria Plebani, Lorenza (Lolò) Del Cane, Luca Termini, Marco Petrella, Maria Clara (Nous) Baldassarre, Marta (Miss Nothing) Cozzi, Massimo (Ceccho B.S.) Cecchini, Mattia (Dtt. Johann Faustus) Brizzi, Miriam (Mrm) Pistocchi, Nicolò (Danyck) Chiacchiararelli, Sabrina (Sabba) Vallarola, Sara Paolucci, Sara Santarelli, Simone (Hank Moody) Stranieri, Stefania (Kyra) Standoli, Stefano Ciaffoni, Valentina Sichetti Collaboratori Francesca (Frikky) Consorti, Gianluca Di Marcantonio Colophon Interamente realizzato all interno del Liceo Scientifico Albert Einstein, Via Luigi Sturzo 5, Teramo. Composto in LATEX con la famiglia di font Palatino di Hermann Zapf. Questa rivista è disponibile on-line nel sito web del liceo. Sito web del liceo lse.te.it CC Liceo Scientifico Albert Einstein Teramo 2

3 150 o dell Unità d Italia Numero 3 Anno viii Giugno 2011 Editoriali la storia infinita di MARZ bene... se state leggendo queste righe vuol dire che finalmente il giornale scolastico è stato stampato. L incredibile, tortuoso e infinito percorso affrontato quest anno per arrivare alla pubblicazione non ha Termini di paragone; proprio per questo la nostra brillante copertinista, Gaia, ha avuto l originale idea di rappresentare al meglio tutto il nostro infinito cammino citando il famoso film. L ostacolo piú grande è stato indubbiamente la mancanza di fondi scolastici che ci ha obbligati a chiedere a vari sponsor esterni di farsi pubblicità su la voce, risultato ottenuto con non poche difficoltà. A questo proposito non posso evitare di ringraziare, oltre a loro, tutte le persone che hanno reso possibile la stampa, dal Prof. Nando Cozzi alla Prof.ssa Beniamina Paesani, dalla Preside, Prof.ssa Marilena Cannella alla segretaria, Sig.ra Giovanna Troiani. Ad ogni modo, essendo questo il mio ultimo anno qui, volevo fare un grande in bocca al lupo a tutti voi, augurandovi di poter trascorrere momenti davvero felici tra queste quattro mura. Ricordate che non esistono solo interrogazioni e compiti in classe, la vita è ben altro e va vissuta al meglio! Divertitevi e fatelo con tutta la gioia possibile. Vi saluto ragazzi e in bocca al lupo per tutto! P.S. Un grande abbraccio anche al 5 C, seppur dovremo dividerci resteremo sempre uniti! Ciao ragazzi... vi voglio bene. :) Intervista a Giuseppe Devincenzi 150 o dell Unità d Italia di Fede Noi siamo da secoli Calpesti, derisi, Perché non siam popolo, Perché siam divisi. Raccolgaci un unica Bandiera, una speme: Di fonderci insieme Già l ora suonò. Stringiamoci a coorte Siam pronti alla morte L Italia chiamò. Mameli L Unità d Italia è finalmente stata raggiunta. È il 25 marzo Note figure abruzzesi hanno celebrato tale avvenimento con parole e musica. Dopo l Unità la penisola è stata rinnovata anche a livello economico; parlamentare e rappresentante di questo sviluppo è il notareschino Giuseppe Devincenzi ( ). Studente: Sig. Devicenzi, dal punto di vista politico lei è sicuramente stato il nostro concittadino piú autorevole, l unico ad aver rivestito la carica di ministro nella provincia di Teramo nel corso di questi 150 anni. Vuole farci un breve excursus della sua vita e raccontarci come è arrivato ad avere una cosí grande importanza? Devincenzi: Nacqui a Notaresco da una famiglia della buona borghesia agraria e portai avanti studi di economia e agricoltura. Il mio profondo interesse per la Pubblica Amministrazione mi portò a rappresentare la Provincia al Parlamento Napoletano ma quando questo si sciolse divenni un ricercato della polizia borbonica, cosí decisi di esiliare. Mi trasferii a Ginevra, Parigi, Londra e conobbi moltissimi scienziati. Tornato in Italia mi dedicai ancora una volta alla politica per poi trascorrere gli ultimi anni nel mio paese natio dedito all azienda di famiglia. Studente: Ci parli di piú della sua carriera politica, qual era la sua posizione e cosa riuscí a modificare in veste di parlamentare? 3 Devincenzi: Quando nel 1861 lasciai l Inghilterra raggiunsi a Torino gli altri esuli partenopei. Assieme ai gruppi liberali del meridione accolsi con entusiasmo l impresa di Garibaldi nel Mezzogiorno ma quando fui eletto deputato del gruppo dei moderati votai l ordine del giorno Ricasoli sullo scioglimento dell esercito garibaldino. Mi interessai sempre attivamente per i problemi dello sviluppo agrario italiano ma senza stancarmi mai di difendere i patti colonici e le esenzionu fiscali di cui godeva la proprietà latifondista. Il mio primo intervento da parlamentare fu il completamento della linea ferroviaria Firenze- Arezzo-Perugia. Sotto la mia proposta e guida fu realizzato il Regio Museo Industriale di Torino. Fu un grande successo. Studente: L Unità le permise di realizzare importanti progetti per la nostra penisola. Vuole ricordarci qualche altro importante avvenimento? Devincenzi: Appoggiato dai settori parlamentari del centro destra e da importanti gruppi economici, primi fra tutti gli agrari toscani, fui per due volte Ministro dei Lavori Pubblici. Organizzai il trasferimento della capitale dello Stato sabaudo da Firenze a Roma e promossi la bonifica

4 la voce Numero 3 Anno viii Giugno 2011 Sotto i cieli di Rino di zone paludose nel napoletano, riformando la struttura del ministero separando la gestione delle acque da quella dei ponti e impegnandomi nel tentativo di imporre ai comuni la manutenzione stradale. Mi ritirai a vita privata quando nel 1873, in seguito ad un voto di sfiducia della Camera riguardo alla costruzione della linea diretta Roma-Gaeta-Napoli. Studente: Si può quindi reputare un personaggio chiave per la formazione dell Italia Unita. Un altro abruzzese è riuscito a dare uno stampo fondamentale alla società, è soddisfatto del suo lavoro? Devincenzi: Certamente! All alba di questi 150 anni spero che altre personalità possano preservare questo clima di sviluppo tecnologico e pace sociale. Viva l Unità. di Ben Il 29 Ottobre del 1950 nasce a Crotone uno dei piú grandi cantautori della storia della musica italiana: il suo nome è Rino Gaetano, pseudonimo di Salvatore Antonio Gaetano e le sue canzoni sono caratterizzate da ironia e da attacchi verso la società, le mode, gli scandali, i poteri economici e politici, la TV e i falsi moralismi. Nel 1974 il suo primo album Ingresso libero non ebbe grande successo ma già mostrò il suo stile innovativo che avrebbe caratterizzato tutta la sua carriera, il successo arrivò l anno dopo con il 45 giri Ma il cielo è sempre piú blu e l evento che definitivamente lanciò la sua carriera fu il festival di Sanremo dove con la canzone Gianna arrivò terzo. Dietro a questa canzone c è un importante retroscena, Rino, che all inizio non voleva neanche presentarsi a Sanremo, poiché non si riconosceva nello spirito della manifestazione, voleva andare al festival con la canzone Nuntereggae piú, ma fu costretto dai suoi discografici a presentarsi con Gianna e non con l altra canzone, poiché ritenuta troppo scandalosa, infatti nel testo elencava nomi, cognomi e scandali dell Italia della fine degli anni 70. Alla fine, come rivelò al suo amico Bruno Franceschelli, Rino, decise di presentarsi al festival a modo suo. Cantò Gianna in camicia a righe rosse, frac, cilindro e scarpe da ginnastica. Già questa prima parte potrebbe far capire che personaggio era Rino: geniale, fuori dagli schemi, unico, per molti scomodo a causa dei testi delle sue canzoni, ribelle contro il sistema e sempre attento alla situazione che si 4 viveva in Italia alla fine degli anni 70. Importante fu anche un discorso in un concerto nel 1979 quando, prima di cantare Nuntereggae piú, disse: C è qualcuno che vuole mettermi il bavaglio. Io non li temo. Non ci riusciranno. Sento che in futuro le mie canzoni saranno cantate dalle prossime generazioni. E che grazie alla comunicazione di massa, capiranno cosa voglio dire questa sera! Apriranno gli occhi e si chiederanno cosa succedeva sulla spiaggia di Capocotta. Questo fece capire ai fan che Rimo stava cominciando ad essere un personaggio scomodo anche perché sulla spiaggia di Capocotta, ci fu l omicidio di Wilma Montesi che coinvolse il musicista Piero Piccioni, figlio del vicepresidente del consiglio della DC, e altri noti esponenti della nobiltà, politici e personaggi famosi. Al centro dell attenzione, comunque c è sempre la canzone Nuntereggae piú e forse non tutti sanno che che la canzone che nomina molti personaggi della politica, dello spettacolo, dello sport, della televisione fu censurata. Inizialmente infatti l elenco conteneva, tra gli altri, i nomi del finanziere Nino Rovelli, del banchiere Ferdinando Ventriglia, di Camillo Crociani (scandalo Lockheed e loggia P2), di Amintore Fanfani, di Guido Carli, e persino di Aldo Moro e Michele Sindona. Questi nomi furono cancellati e a Rino fu imposto di non presentarsi con questa canzone a Sanremo. Altro tema scomodo affrontato da Rino è quello della Rosa Rossa, loggia massonica, di cui parla implicitamente in Rosita, Cogli la mia Rosa d amore, e Al compleanno della zia Rosina, nella prima infatti ci dice che la Rosa Rossa, quanto te la presentano, sembra bellissima... onori, gloria, soldi, potere... poi però un giorno scopri la verità e la tua vita cambia completamente perché sei in trappola, nella seconda dice cogli la mia rosa d amore, regala il suo profumo alla gente; cogli la mia rosa di niente. Nella terza ci spiega che nel linguaggio criptato della Rosa Rossa, Santa Rita è in realtà la Rosa Rossa, e sostiene che un giorno capiranno che sta svelando questi messaggi, e quindi lo uccideranno e bestemmieranno perché in realtà una caratteristica della massoneria della Rosa Rossa è di stravolgere i simboli e i riti Cristiani per interpretarli al contrario ( Rita s è sposata / al compleanno della zia Rosina /... / vedo già la mia salma portata a spalle / da gente che bestemmia che ce l ha con me ). Rino si rese conto di essere diventato scomodo per molti e infatti scrisse La ballata di Renzo, dove immaginava che un tale Renzo morisse e venisse rifiutato da tre ospedali che stranamente sono tre dei cinque che hanno rifiutato Rino, i giornali hanno definito la canzone una profezia fatta dal cantautore altri, tra i quali anche io, sostengono, che la canzone sia stata presa d esempio dalla p2 o dai potenti per mettere in atto la morte di Rino, avvenuta il 2 Giugno 1981 sulla Nomentana a Roma. Rino fu rifiutato da cinque ospedali e fu sepolto al cimitero del Verano come Renzo ne La ballata di Renzo ( la strada era buia si andò al S.Camillo / e lí non l accettarono forse per l orario / si pregò tutti i Santi ma s andò al S.Giovanni / e li non lo vollero per lo sciopero. / Quando Renzo morí io ero al bar / era ormai l alba e andarono al Policlinico / ma lo si mandò via

5 Uno sguardo sul mondo Numero 3 Anno viii Giugno 2011 perchè mancava il vicecapo / c era in alto il sole, si disse che Renzo era morto / ma neanche al Verano c era posto. Quando Renzo morí io ero al bar, / al bar con gli amici bevevo un caffè. ). Il suo essere un ribelle contro il sistema costò a Rino la vita, ma forse è stato proprio quel suo modo di essere che ancora oggi lo rendono un idolo e un personaggio unico nel suo genere: semplicemente Rino Gaetano. Dai meandri dell Einstein Estate... siamo arrivando Qualche consiglio per questa estate di Maurizio Profeta Ciao a tutti ragazzi. Mancano pochi giorni alla fine della scuola, eppure già si pensa a come sarà la nostra estate, a cosa faremo, ma soprattutto alla meta delle vacanze. Beh, quale è posto migliore per riposarsi se non un isola, l isola di Capri, ad esempio. È facilmente raggiungibile in traghetto da Roma o da Napoli, in meno di due ore, e poi vale proprio la pena vederla, con le sue meraviglie naturali, con il suo mare dall acqua cristallina, e con le sue gustosissime granite al limone. È un isola abbastanza tranquilla, dove il relax è messo al primo posto. Questo tipo di vacanza però è piú adatta trascorrerla con i propri genitori che con i compagni. Ma per chi gradisce una vacanza all insegna del divertimento, non può mancare che una semplice vacanza al mare con gli amici: la spiaggia è un luogo molto ampio dove è possibile fare diverse attività, come lo sport, i giochi d acqua, perché no prendere la tintarella, e tante altre cose. La sera invece la spiaggia cambia volto: si trasforma in discoteca e in ristorante all aperto, dove fino a tarda notte ci si può divertire ancora. Per coloro invece che vogliono fare una vacanza culturale, ci sono moltissimi posti che sono possibili da visitare, come la Grecia e le sue isole, ricche di storia, o come l Inghilterra e la Francia dove si vuole perfezionare la lingua. In alternativa i paesi del Medio Oriente e gli USA, dove non solo si possono visitare monumenti e quant altro che riguardano la storia del paese, ma si può anche vivere una nuova esperienza confrontando il nostro stile di vita a quello loro. Non tutti però sono d accordo a spostarsi di casa per una vacanza, sia per l impossibilità sia per la voglia che manca; pertanto basta una sdraio all ombra di un albero nel giardino e godersi l assoluto riposo, oppure prendere il telefono e organizzare un party a casa con tutti gli amici che vogliamo. Insomma in questi tre mesi concedetevi il riposo piú assoluto, fate tutto quello che volete: non preoccupatevi, tanto non ci sarà nessun professore ad importunarci! La rivoluzione araba: Facebook contro Gheddafi (e Al Quaeda) di Ceccho B.S. Tutti conosciamo da mesi la verità: gli arabi hanno scoperto la formula magica della Democrazia. Come il signore che non deve far sapere al contadino quant è buono il formaggio con le pere, anche noi, per garantirci regimi a noi fedeli, abbiamo per anni nascosto la formula, in ogni modo, e con ogni mezzo. Invece è bastato che un povero fruttivendolo tunisino si desse fuoco (il 17 Dicembre 2010) e morisse (il 4 Gennaio 2011) affinché, assieme al suo corpo, bruciassero di indignazione e di speranza tutti i giovani e meno giovani cuori del mondo islamico. Il suo gesto non era mitomane, ma un atto a dir poco coraggioso: Mohammed, questo il suo Uno sguardo sul mondo 5 nome, si è ucciso perché provava vergogna per il regime vigente nel suo paese e per la corruzione degli agenti che lo avevano derubato e picchiato il giorno prcedente, con la connivenza delle autorità locali. Questo, unito al precedente aumento stratosferico del prezzo del pane, ha scatenato un passaparola via Facebook che ha portato, dopo mesi di proteste e guerriglie urbane, alla dissoluzione del regime di Ben Alí, osteggiato da Mohammed. L esempio della Tunisia, ora libera per un po, si spera, dalla minaccia della dittatura, ha fatto scuola: L Egitto di Mubarak ha capitolato poche settimane dopo, sotto i colpi di quella parte del popolo egiziano che aveva come base operativa Piazza Tahrir, famosa ormai come Piazza Tienamen; la determinazione degli oppositori di Mubarak ha scongiurato un fallimento, e ora anche l Egitto può eleggere da solo i propri rappresentanti. Poi è arrivato il turno della Libia: la Cirenaica, da sempre ostile a Gheddafi, si è sollevata, anche qui a causa del prezzo del pane e del prezzo che i libici pagavano e pagano per la libertà. Ma la determinazione di Gheddafi e il tardato soccorso al popolo libico da parte dei potenti vicini europei ha tardato la fine, nel bene o nel male, della guerra in Libia. Lí si combatte tuttora per la libertà attorno a città come Misurata, città martire della Resistenza libica e che molti definiscono La Nuova Stalingrado, sperando

6 la voce Numero 3 Anno viii Giugno 2011 Sarà ancora un... Sol levante? che, come l attuale Volgograd annientò le speranze di vittoria di Hitler e la sua preziosa 6a Armata nel 1943, cosí il martirio di Misurata serva a seppellire il regime di Gheddafi per sempre. Ma la rivolta non si ferma in Nordafrica e varca i confini continentali: rivolte a causa del prezzo del pane e contro i propri dittatori scoppiano in Siria, in Bahrain e in tutto il Medio Oriente. Persino la Striscia di Gaza governata dai noti radicali islamici di Hamas teme le rivolte per questi motivi. Le reazioni dei governi arabi, coinvolti o meno dagli eventi, è duplice: cosí come nel 700 in Europa ci furono sovrani assoluti, restii al cambiamento portato dall Illuminismo e sovrani Illuminati che, vuoi per il pragmatismo politico vuoi per vera convinzione, aprirono i salotti aristocratici ai philosophes francesi, cosí i governanti di Algeria, Marocco e Giordania stanno lentamente facendo sempre piú concessioni ai loro popoli affinché lo stile di vita migliori e cessino temporaneamente le rivolte. E l Occidente? Come al solito, il nostro atteggiamento si è dimostrato a dir poco diplomatico,ambiguo e poco deciso. C è voluto il convinto interventismo francese (quando si parla di rivoluzioni, lei, la Francia, c entra sempre) affinché la NATO attaccasse e disperdesse in parte le forze di Gheddafi, laddove la Primavera Dei Popoli made in Islam ha subito la battuta d arresto piú forte. Dopotutto, i grandi sconfitti di questa situazione sono tre: l estremismo islamico, perché in fondo, nonostante le ipocrite cautele dell Occidente, queste rivoluzioni hanno segnato la prima, vera sconfitta del fanatismo e la vittoria dei giovani speranzosi con le parole d ordine Pane, Libertà, Lavoro, vittoria che ha ucciso prima il sogno di Bin Laden, poi Bin Laden stesso; gli autocrati arabi al soldo degli USA e dell UE, che credevano di morire da leader e non da prigionieri; infine l Occidente stesso, che credeva razzisticamente e ipocritamente di essere l unico a possedere il seme della Libertà e della Democrazia e che l unico modo di poterlo esportare fosse col denaro e con i cannoni. Fortunatamente per gli arabi non è stato cosí, dando a noi prova della loro maturità e, diciamolo, dandoci un vero schiaffo morale. Io consiglierei di guardare, e con attenzione, invidia, ammirazione, ai nostri vicini: loro difatti lottano per La Causa, quella per la Libertà, con un coraggio e una temerarietà che noi ci sognamo. Causa che noi, a parole, sosteniamo, ma che in realtà abbiamo smesso di difendere con unghie e denti da tempo, preferendo annegare nell Inutile e nel Superfluo. di Erni Tutti sicuramente hanno sentito e visto le vicende che ultimamente sono accadute in Giappone: infatti l 11 marzo 2011 uno dei piú violenti terremoti della storia ha colpito la popolazione e in seguito anche il temutissimo tsunami, portando ovunque morte e distruzione, attivando addirittura un allarme nucleare per gli ingenti danni causati alla centrale nucleare di Fukushima. Cosí ora il popolo giapponese si trova costretto a riparare i danni che questo evento ha portato: danni a piccola scadenza (come per esempio strade da riparare) a danni a lunga scadenza. E sono proprio questi i piú gravi, sopratutto quelli economici. Il Giappone è da sempre una delle piú grandi potenze economiche mondiali, e, prima del terremoto, si stava preparando per superare gli Stati Uniti nella graduatoria delle potenze economiche. Ora invece si trova ad affrontare un crisi che sarà molto dura da sanare: infatti le grandi aziende del Sol levante, in particolare quelle dell industria tecnologica, che prima si trovavano in un momento favorevole ora si trovano a dover affrontare gravi problemi: aziende come Nissan e Toyota si sono viste costrette a chiudere tutti gli stabilimenti a tempo indeterminato, in particolare la prima ha visto perdere un enorme carico di auto già pronte per essere spedite, causando cosí ingenti perdite per uno dei colossi delle auto, mentre la seconda ha dovuto sospendere la produzione delle piccole utilitarie, che erano il prodotto piú richiesto sul mercato. Se da una parte le auto non se la passano bene, dall altra anche i colossi tecnologici sono in una situazione tutt altro che rosea: infatti sia Sony sia Hitachi sia altre aziende, come per le altre, hanno dovuto chiudere le fabbriche, inoltre hanno da subito bloccato anche le componenti online, causando cosí ripercussioni su tutto il mondo; infatti pare essere questo il dato piú allarmante, poiché il Giappone è sempre stato il leader della tecnologia, sopratutto per quanto riguarda la produzione di microchip, e ora che sono state sospese le produzioni, anche le grandi fabbriche, che acquistavano tali componenti, si trovano adesso in difficoltà; inoltre c è da dire che anche le piccole imprese affiliate a quelle giapponesi, si ritrovano pressoché ferme in attesa di istruzioni, e i pratica rovinate, ne è un esempio un industria di Milano, che produceva finestrini per la Toyota. Un altro dato scottante è sicuramente quello dei costi della ricostruzione: infatti, secondo una prima stima dovrebbero essere 198 miliardi i soldi necessari per l operazione di ricostruzione, cifra che corrisponde circa all 1% della ricchezza mondiale. Dunque, il Giappone si ritrova da essere di corsa per superare gli USA a rimanere in ginocchio per colpa di un qualcosa impossibile da prevenire, e ora dovranno essere bravi gli abitanti a non mollare, ma a riprendere i vari lavori con quella operosità instancabile che, a pari con i cugini cinesi, ha sempre stupito gli occidentali. Certo è che qui in Italia per riparare un autostrada, dopo il terremoto dell Aquila ci son voluti mesi, in Giappone solo una settimana, sono dunque questi i dati che fanno ben sperare perché il sole sorga di nuovo su questo Sol levante. 6

7 Oltre noi stessi Numero 3 Anno viii Giugno 2011 Perversione o onnipotenza? Oltre noi stessi di Fiore Dominique Strauss-Kahn, accusato di stupro ai danni di una giovane cameriera di colore, è solo uno dei potenti del mondo stritolato dalla bramosia e dal delirio di onnipotenza. Colpevole o innocente che sia, il caso di Strauss-Kahn è emblematico per quanto riguarda il binomio sesso-potere. A Cadere nella trappola del sesso, oltre a lui, sono state personalità come: Katsav, ottavo presidente di Israele, John Edwards, candidato alle primarie USA, Spitzer, governatore dello stato di New York, Bill Clinton, ex presidente degli Stati Uniti D America e, per finire, non poteva mancare, il nostro presidente del consiglio Silvio Berlusconi. Ebbene sono molti a commettere lo stesso errore, a interpretare il ruolo del Doctor Jekyll che si trasforma in Mr. Hyde. Ma cosa li spinge a comportarsi cosí? A sentirsi autorizzati a fare tutto ciò che vogliono? A non vivere piú secondo le normali leggi della convivenza civile ma solo secondo le proprie regole? Beh, forse bisognerebbe intraprendere uno studio specifico, che si occupi esclusivamente la casta dei potenti; si potrebbero ottenere risultati strabilianti! La gravità di quello che accade è indiscutibile. Disgustoso e riprovevole è il fatto che i cosiddetti potenti credano di poter trattare le persone (non solo le donne) come pedine, assolutamente certi della loro influenza e della posizione che ricoprono. L essere uomini di successo, ricchi e famosi, li autorizza a comportarsi come se gli altri non abbiano valore alcuno; la perversione li porta a percepire come opzionale la presenza altrui, accecati, come sono, dalle loro pulsioni. Perversione o onnipotenza? La risposta è una: ENTRAMBE, l una è conseguenza dell altra. Assistiamo al rise and fall di uomini apparentemente perfetti ma di fatto irrispettosi della dignità degli altri e in fondo forse anche profondamente irrispettosi di loro stessi. Carne umana che passione! di Carolí L antropofagia designa l atto di mangiare carne umana mentre il cannibalismo è un atto rituale all interno di culture primitive. È una pratica che va oltre la nostra morale, la nostra religione e ancora oggi è uno dei piú grandi tabú del pensiero umano occidentale. L antropologo William Arens ha negato l esistenza del cannibalismo, definendolo mito, del quale mancano prove materiali concrete oppure le presunte prove sono frutto di cattiva e frettolosa interpretazione. Essendo un accusa infamante, venne usato come mezzo di propaganda per screditare nemici ed avversari, ad esempio furono accusati di cannibalismo gli ebrei. Tuttavia nel mondo animale il cannibalismo non è raro e le ragioni risiedono nella sovrappopolazione, nella scarsità di risorse o dalla necessità di eliminare i propri cuccioli nati imperfetti, come alcuni mammiferi, i criceti ad esempio. Addirittura, alcuni insetti hanno sviluppato un sistema di autodifesa dal cannibalismo della femmina, come nel caso della mantide religiosa, consistente nel portarle una piccola preda da divorare durante l accoppiamento, in modo da avere il tempo di fuggire. Nella nostra società è impossibile praticare l antropofagia, infatti risulta difficile immaginare di mangiare i propri familiari anche perché il sistema alimentare mondiale produce tutto ciò di cui abbiamo bisogno. Dal punto di vista medico l usanza cannibalistica di mangiare i cervelli dei defunti è legata a una malattia definita Kuru, riscontrata negli aborigeni della Nuova Guinea ed è una variante, insieme alla malattia della cosiddetta mucca pazza, del morbo di Creutzfeldt-Jacob, causata da un alterazione di una proteina di una membrana. Nel 1955 il medico Vincent Zigas prese in esame la tribú dei Fore della Papuasia, vittime del Kuru, parola che nella lingua locale significa brivido. Questa malattia porta inevitabilmente alla morte del malato, è caratterizzata da perdita di equilibrio, movimenti oculari innaturali e tremori vari; si manifesta in prevalenza nelle donne e nei bambini, a cui viene dato da mangiare il cervello dei defunti mentre gli uomini adulti, in quanto cacciatori, mangiano il cuore e i muscoli, essendo cosí risparmiati dalla malattia. Comunque, se in un futuro apocalittico il mondo sarà devastato e saremo costretti al cannibalismo, potremo seguire o la modesta proposta di Jonathan Swift, di mangiare i bambini o le ricette degli Aztechi: gli arti vengono cucinati e mangiati nel corso di un banchetto e la ricetta preferita è lo stufato insaporito con pepe, pomodori e gigli triturati. 7

8 la voce Numero 3 Anno viii Giugno 2011 lolò La famigerata terza prova. 8

9 Intervista doppia Numero 3 Anno viii Giugno 2011 La meta bellezza Una taglia sull anoressia di Elliot & Marjane Da Venere, sino a Marilyn Monroe l ideale di bellezza è stato incarnato da donne con forme sinuose; bastava, infatti, una taglia 42 a fare invidia a molte e far sognare gli uomini. Ciò avvenne fino al giorno in cui gli abiti si sono ristretti e hanno iniziato a prender piede ragazze sempre piú magre, frutto di un imitazione malata. Da condannare è una società che, pur di far danaro, lancia pubblicità o sfilate con corpi scheletrici, donne che sembrano fluttuare nell aria. Inoltre, in un momento difficile come l adolescenza, l aderenza a un modello sociale è considerata una via per il raggiungimento di un benessere con se stessi. Spesso, però, senza accorgersene si giunge a cadere nella trappola dell anoressia, che può scaturire anche da fattori di natura biologica, genetica o psicologica. Tutti coloro affetti da questa mancanza di appetito, tendono a nascondersi da occhi indiscreti a causa del loro aspet- Rappresentanti d Istituto to quasi ripugnante; ma, Isabelle Caro è uscita allo scoperto rendendosi portavoce della sua battaglia contro l anoressia. Iniziò a dimagrire a soli 12 anni per compiacere il giudizio altrui; poi la mancanza di amici, le costrizioni di una madre severa e la mancanza perenne di un padre la portarono a pesare, a soli 25 anni, 25 kg. Il suo corpo era mutato, il viso scavato, sulle mani il segno di Russel, dovuto allo sfregamento sui denti e sul palato per provocarsi vomito, era inconfondibile. Di lí a poco cadde in coma, e solo dopo aver sfiorato la morte, ha deciso di riprendere il controllo sulla sua vita. Cosí, nel 2007, in collaborazione con il fotografo Oliviero Toscani, realizza una campagna pubblicitaria contro l anoressia. Sul cartellone c è la foto di una donna. O almeno, di una creatura di sesso femminile, a giudicare dalle due piccole sacche di pelle rugosa che pendono al posto dei seni scrive la Caro nel suo libro. Sebbene si vergognasse della sua immagine, si sentiva utile ad Intervista quadrupla altre ragazze nella sua stessa situazione. Negli anni successivi riacquistò peso, perché per i malati di anoressia, alla fine del bivio, ci sono solo due vie: o si recupera peso o si muore. E lei aveva scelto di vivere scrivendo, pagina dopo pagina, la storia della sua vita, ignara che la morte la stava aspettando a braccia aperte. Isabelle, però, era consapevole che per uscire da questo tunnel bisognava avere autostima di sé, non ascoltare piú il giudizio altrui, non nutrire l esigenza di corrispondere a un canone estetico imposto dalla società che porta a un ossessiva sopravvalutazione dell importanza della forma fisica, non stabilire un controllo sul peso e sulla bilancia e non vergognarsi di chiedere aiuto, perché farlo, è il primo passo per guarire. La sua vittoria era proprio questa sua consapevolezza; e, ora, ciò che resta della ragazza che non voleva crescere sono parole e immagini di una sofferenza silenziosa; la stessa che affligge, ogni giorno, chi lotta contro l anoressia. di Clari & Mrm 1: Nome: N: Nicola. G: Giammarco, con due m! E: Edoardo. S: Sabrina. 2: Soprannome? N: Buh, non ho soprannomi... Nick? G: Giambo! E: Doc Dodo... S: Sabba! [Suggeriscono Sabrinda] Ok Ok, Sabrinda! 3: Classe? N: 5 L G: 5 I E: 5 H S: 5 B 4: Un pregio? N: Gli occhi azzurri! G: L altezza è un pregio? E: Testardo. S: La fantasia? 5: Un difetto invece? N: Silvista! G: Svogliato... E: Testardo. 9 S: Parlo troppo! 6: Schieramento politico: N: Centro destra. G: Non ho uno schieramento politico. E: Idem! S: Scheda nulla! 7: Professore preferito? N: Bonatti. G: La Di Loreto... E: Ho conosciuto piú di un professore simpatico fortunatamente! S: Cozzi! 8: Materia preferita?

10 la voce Numero 3 Anno viii Giugno 2011 N: Storia. G: Matematica... E: Italiano. S: Italiano. 9: Cose che hai promesso e non hai fatto in questa scuola: N: Il wi-fi! G: Gli specchi nei bagni! E: Non sono riuscito a insegnare a tutti che l assemblea è un momento di collettività. S: Beh, lo spettacolo di raccolta fondi... ma ci avevo creduto! 10: Per quale motivo pensi di essere stato votato? N: Perché avevo le maglie! G: Per il motto! Ah, e ringrazio la lista! E: Perché ho fatto un bel discorso... S: Perché altrimenti se ne sarebbero pentiti! 11: Il ricordo piú bello che hai di questo liceo: N: Quando finirò gli esami! G: Tutti gli ultimi giorni di scuola... E: La vittoria del torneo di calcetto di quest anno. S: Le gite! 12: Mentre il piú brutto? N: La gita del secondo, povera Patty... G: Il debito a latino in seconda... E: Tutti i momenti brutti sono diventati belli con il passare del tempo! S: La Di Paolo! 13: Progetti per la notte prima degli esami? N: Dormire. G: Panico totale! E: Ricordarmi di non ascoltare Notte prima degli esami che dicono porti male! S: Guardarmi il film? 14: Cosa ti mancherà di piú di questa scuola? N: I bidelli piú Antonella! G: L ambiente. E: La spensieratezza. S: I corridoi! 15: Cosa al contrario, sei felice di lasciare? N: Svegliarmi presto la mattina (alle 8.00). G: L arroganza di alcuni professori. E: Il confronto giornaliero con alcuni professori. S: Il sistema scolastico in sé. 16: Progetti futuri? N: Viaggiare. G: Il ca***ne a Bologna. E: L università! S: Seguo Giammarco! 17: Cosa sogni di fare da grande? N: L uomo di successo. G: I soldi! E: Poeta vate della nazione. S: La scrittrice. 18: Canzone o autore preferito? N: Just feel better di Santana e Steven Tyler. G: Obladi oblada dei Beatles. E: Lucio Battisti. S: Don t stop me now dei Queen e tutto De Andrè. 19: Film? N: La serie de Il Padrino. G: Forrest Gump. E: Taxi Driver. 10 S: L attimo fuggente e The Nightmare before Christmas. 20: Una citazione: N: Siate affamati, siate folli! di Steve Jobs. G: [6 ore dopo] Stupido è chi lo stupido fa! da Forrest Gump. E: Io so io e voi nun siete un c***o! di Alberto Sordi ne Il marchese del Grillo. S: Gli occhi inchiodati su quelle righe per non farsi rubare lo sguardo dal bruciore del mondo di Baricco in Castelli di rabbia. 21: Rispondi istantaneamente: un animale, un colore e una nazione! N: Cane, blu, America. G: Cane, verde, Italia. E: Nessun animale, rosso, Italia. S: Farfalla, viola, Francia. 22: Cosa non ti piace del tuo corpo? N: La panza! G: La pancia! E: La carnagione troppo chiara! S: Le ginocchia! 23: Dove e quando la prima volta? N: Giulianova, casa mia, l anno scorso. G: A casa di lei, l anno scorso. E: No comment. S: In futuro, chissà! 24: Hai la possibilità di scegliere il presidente del consiglio: chi eleggeresti? N: Gianfranco Fini. G: In questo momento, io. E: Roberto Benigni. S: Clarissa Fonti!

11 Intervista quadrupla Numero 3 Anno viii Giugno : L oggetto di cui non puoi fare proprio a meno: N: Il computer. G: Il cellulare! E: Gli occhiali. S: I libri. 26: La parolaccia che dici piú spesso: N: Porca tromba! G: C***o. E: Frase blasfema censurata. S: Fan***o. 27: Dove te ne andrai quest estate con i soldi della festa di fine anno? N: In Australia. G: A Corfú. E: Vorrei andare in una capitale europea, ma ripiegherò a Corfú con Giammarco. S: L hanno già detto Corfú? 28: Cosa ne pensi della religione: N: Non mi interessa. G: Un metodo per monopolizzare le persone. E: Non credo e non mi preoccupa. S: Dio è morto! 29: Dell Amore: N: Importante. G: Non ci credo piú di tanto... E: La piú grossa fandonia che abbia inventato l uomo. S: È il motore del mondo! 30: Della commissione d esame: N: Che Silvio ce la mandi buona! G: Male, male... male! E: Speriamo indulgente. S: Per fortuna che compensano gli interni! 31: Della Preside Cannella: N: Simpatica. G: È matta! :) E: Una vecchia volpe che ha imparato a fare il suo mestiere. S: Una chiacchierona! 32: Adesso fatele voi le elezioni: Il/la piú bello/a: N: Le mie risposte potrebbero incriminarmi. G: Sono fidanzato! E: Il 5F. S: Il DIIIIIIDO! 33: Il/la piú simpatico/a: N: Mario e Dario! G: Matteo Della Noce! E: Io? S: Andrea Narcisi! 34: Il/la piú strano/a: N: Matteo Della Noce. G: Il bidello della succursale. E: Un tizio che non so come si chiama. S: Il calcolatore! 35: Il miglior fondo schiena: N: Il 5F! G: Tanti, forse troppi! E: No comment. S: Purtroppo non mi vengono in mente... 36: Il/la piú elegante: N: La prof. Potenza. E: Ilaria Tamburi. G e S: La prof. Di Francesco! 37: La 2 legge di Ohm (R = pl/a): N: È la legge delle maglie! G: Ogni quattro Ohm, na Ohm de scort! E: Non me la ricordo. S:... io prenderò Lettere. 38: Potevano scegliere tra il disonore e la guerra, hanno scelto il disonore e avranno la guerra. (Winston Chuchill, 1938): N: Churchill. G: I nazisti all Italia! E: Non ne ho la piú pallida idea... S:... Mulan? 39: Lancia un appello agli studenti del futuro! N: Fate delle assemblee serie! No anzi, questa è di Edoardo, non gliela rubo. Votate Rampa! G: Studiate perché dopo ve ne pentirete. E: Contribuite a rendere migliore la vostra scuola! S: Impegnatevi piú di noi, per favore! 11

12 la voce Numero 3 Anno viii Giugno 2011 Il Giro d Italia a Teramo Fortissimamente sport marz marz 12

13 Forza Albert Numero 3 Anno viii Giugno 2011 Il segreto Di Nikola Tesla Forza Albert di Marz Come si può parlare di una delle piú grandi menti della storia facendo comprendere la sua importanza per il genere umano? Non è facile. Stiamo parlando di Nikola Tesla, da molti considerato l uomo che ha inventato il XX secolo, lo scienziato venuto dal futuro per illuminare l uomo primitivo con il dono dell elettricità. Alcuni pensano che con il suo genio avrebbe potuto cambiare le sorti dell intera umanità; tuttavia la sua storia, sconosciuta ai piú, resta da troppo tempo relegata nell oscurità. Tesla era un uomo colto e parlava perfettamente 9 lingue; durante la sua vita elaborò un elevatissimo numero di invenzioni e scoperte (circa 700), tra cui: l energia elettrica a corrente alternata, quella che usiamo tutt oggi; la prima centrale idroelettrica al mondo; la radio; il primo aereo a decollo verticale; l illuminazione a fluorescenza; l auto elettrica; i raggi X e tanto altro ancora. Ad ogni modo, uno degli aspetti piú incredibili e, se vogliamo, sconvolgenti di quest uomo riguardava la stessa struttura della sua mente e il modo in cui egli concepiva le proprie invenzioni. Ogni proposito, ogni idea che egli aveva realizzato veniva preceduta da intensi lampi di luce che disturbavano la sua visione degli oggetti reali, creando confusione nei suoi pensieri e nelle sue azioni. Poi tutto si faceva chiaro, e nella sua mente poteva creare progetti già completi, definiti e funzionanti. La realizzazione pratica era solo un particolare. Ma perché la sua storia è finita nell anonimato da quasi un secolo? Perché tutto rimane coperto da un velo opaco che offusca ciò che dovremmo vedere? Per comprendere il caso Tesla e il perché del suo oblio c è bisogno dunque di fare un quadro generale della sua vita. Siamo nella seconda metà dell 800, in Croazia, dove lo scienziato, ancora ragazzo, frequentava la facoltà di matematica e fisica all università di Graz. Durante questo periodo si interessa alla corrente alternata, cominciando ad analizzarla nel particolare. Abbandona però gli studi accademici al terzo anno per lavorare, è un promettente tecnico cosí arriva a Parigi dove viene assunto dalla Continental Edison Company. Nel 1884 emigra negli Stati Uniti; qui, con una lettera di presentazione, si reca da Thomas Alva Edison. La lettera del manager della compagnia europea di Edison recitava cosí: Dear Mr. Edison, I know only two great men in this world, you re one of them and the young Nikola Tesla is the other. Edison a quel tempo, grazie al suo sistema di distribuzione di energia a corrente continua, era già uno scienziato affermato nonché uno scaltro imprenditore di se stesso e quando Tesla si presenta da lui con il proprio progetto di corrente alternata, visibilmente superiore e piú efficiente, capisce che non può permettersi di appoggiarlo. Se il lavoro di Tesla fosse stato realizzato, avrebbe corso il rischio di chiudere tutte le sue centrali a corrente continua. L americano comunque riconosce le potenzialità del suo collega, e, pur rifiutando di sostituire i propri generatori, vuole che Tesla lavori per lui. Inizia cosí una sorta di collaborazione tra i due: i compiti assegnati a Tesla sono dapprima semplici ma rapidamente si occupa anche dei problemi piú complessi all interno dell azienda; gli viene quindi proposto di riprogettare il già esistente generatore di corrente continua in cambio dell esorbitante cifra di 50 mila dollari ($ attuale circa). Dopo un anno di lavoro e dopo aver incrementato in maniera evidente i profitti della società, lo scienziato chiede il suo compenso ma a quel punto Edison, sbalordito dal lavoro compiuto, rispose: Tesla, lei non ha capito il 13 senso dell umorismo di noi americani! negandogli cosí i 50 mila dollari. Fu a questo punto che Tesla, in seguito anche a vari contrasti ideologici, lasciò il suo posto di lavoro. Trascorre circa un anno, quando l imprenditore George Westinghouse, convinto della validità delle sue idee, decide di stanziare i fondi per finanziare il suo lavoro. La vera attività di Tesla cominciò in questo momento, grazie al sostegno monetario ricevuto poté mettere in pratica tutti i suoi progetti. Iniziò inoltre la cosiddetta guerra delle correnti, Edison contestò fortemente i sistemi di Tesla dando il via ad una vera e propria campagna denigratoria nei confronti della corrente alternata. Questa guerra, conclusasi comunque vittoriosamente per Tesla, portò lui e Westinghouse quasi alla bancarotta e per tale motivo egli decise di sciogliere il contratto che lo legava all azienda debitrice (1897). Due anni piú tardi si trasferisce a Colorado Springs per portare avanti le sue ricerche sulla trasmissione di onde radio senza fili, questa volta finanziato dal potente industriale J.P. Morgan, il quale fu attratto dal possibile profitto ricavabile; qui, all interno del proprio laboratorio, Tesla lavorò per circa 7 mesi producendo anche dei fulmini artificiali e osservando come la terra fosse un ottimo conduttore di elettricità. Durante il suo lavoro lo scienziato notò come, curiosamente, a Colorado Springs e nelle zone limitrofe, si verificassero dei cambiamenti climatici evidenti causati dai suoi esperimenti sui campi magnetici generati dai fulmini. Finita l avventura in Colorado, Tesla continua i suoi lavori in altre parti d America fino a quando l arrivo di un giovane fisico ed inventore italiano rovinerà tutti i suoi progetti. Il suo nome era Guglielmo Marconi. Il giovane andò a lavorare per qualche tempo da Tesla come suo ammiratore ed allievo e, tornato in Europa, nel dicembre del 1901 riuscí ad effettuare la prima comunicazione senza fili

14 la voce Numero 3 Anno viii Giugno 2011 transoceanica grazie all utilizzo dei brevetti di Tesla. Questo avvenimento segnò l inizio della fine dello scienziato. J.P. Morgan gli tagliò i fondi dicendogli: Era questo quello che volevo che tu realizzassi e non quello che stai cercando di realizzare e che probabilmente riuscirai a mettere in pratica chissà quando. Già, ma a cosa stava lavorando Tesla di tanto importante da fargli trascurare tutti i suoi altri lavori? Tesla aveva trovato forse un metodo per inviare energia gratuita verso ogni angolo della terra, energia gratuita e pulita: dai mari, dal vento, dal sole. Probabilmente anche per questo il ricco magnate decise di smettere di finanziarlo; intravedendo il rischio di dover rinunciare alle sue fonti di guadagno per via dell energia illimitata e senza costo di cui parlava Tesla. Ad ogni modo, con grande probabilità, non verremo mai a conoscenza del metodo di funzionamento di tale scoperta poiché Tesla non potette attuarlo (per mancanza di denaro) e perché il giorno seguente la sua morte (7 Gennaio 1943) tutti gli scritti, gli appunti e le apparecchiature di sua proprietà furono confiscati e dichiarati Top Secret dall FBI e dalla marina militare. Curiosamente, anni piú tardi, circa mezzo secolo dopo la sua scomparsa, in America e piú precisamente in Alaska, nasce il progetto H.A.A.R.P. Un complesso sistema di antenne atto a modificare il clima a distanza per scopi bellici. Un progetto che ha dell incredibile; un progetto che ricorda, non a caso, quegli stessi esperimenti che Tesla effettuò a Colorado Springs nell estate del Nikola Tesla era forse un uomo troppo avanti rispetto al suo tempo, con la mente già proiettata nel futuro. Un uomo che meriterebbe una riconoscenza maggiore da parte delle persone che ha tanto cercato di aiutare. Un uomo, anzi no, L uomo che con le sue invenzioni ci permette di vivere nel mondo che conosciamo oggi. Una mente senza confini, che ha offerto al mondo la possibilità di cambiare. Lasciamo al futuro dire la verità e valutare ogni invenzione in base alla sua reale efficacia; il presente è in mano loro, ma il futuro, che è ciò per cui io davvero lavoro, appartiene a me! Complottisti per caso di Nevermore e Marz una nuova era. Quella telecamera vicino alla banca mi stava osservando? Possibile che droghino l acqua che bevo? Qualcuno ascolta le mie telefonate? Paranoia. Ma è giustificata? La paura dei complotti è presente da secoli nella società e negli schemi mentali dell uomo ma è difficile poter dire quando una teoria è fondata e quando invece si rivela un castello di sabbia. Dalle congiure di palazzo durante l impero romano alla rivoluzione francese abbiamo esempi di come a volte si fa bene ad aver paura di trame oscure e segrete ma, se analizziamo la situazione odierna vediamo come il numero di teorie del complotto cresca ogni giorno di piú. Ma com è possibile questo nell era di internet, del progresso della scienza, della conoscenza a portata di ognuno? Magari è proprio la possibilità che hanno tutti di condividere pensieri, commenti e supposizioni senza alcun limite che ha permesso il proliferare di ogni tipo di diceria e ciarlataneria, basti ricordare la paura suscitata a suo tempo dalla certezza che dagli esperimenti del cern scaturisse un buco nero o ad oggi dall imminente arrivo della data profetizzata dai maya per l inizio di In un suo saggio Teorie del complotto Zeffiro Ciuffoletti si chiede il perché, da sempre, l uomo veda cospirazioni dappertutto. Dopo aver fatto un attenta analisi della storia dell umanità formula la tesi che le teorie del complotto altro non sono che una visione semplicistica della realtà, divisa tra un bene ed un male, che naturalmente dipendono dai punti di vista. Fa l esempio, per sostenere il suo pensiero, del periodo ante rivoluzione francese: da una parte l aristocrazia era terrorizzata da un possibile complotto delle classi piú basse per rovesciarli dal potere, mentre dall altra la borghesia era convinta che i nobili ordissero per mantenerli nella situazione di inferiorità in cui essi versavano. Questo fenomeno è denominato dissonanza cognitiva, cioè il ridurre alcuni eventi spiacevoli o considerati negativamente all opera di poche malvagie persone che si prodigano per annullare il benessere di tutta la società. Inoltre il pericolo che presenta l avvicinarsi a delle teorie di questo tipo è che si rischia di diventarne schiavi. Infatti leggendo articoli, saggi o semplicemente guardando video pro 14 questi argomenti si pensa inizialmente di non avere nulla da perdere; ma in seguito si viene pervasi da una sorta di delirio d onnipotenza: ci si sente parte dei pochi che conoscono la realtà dietro le cose e, a questo punto, qualsiasi tentativo di controbattere l idea che si appoggia verrebbe respinto proprio per paura di perdere la posizione privilegiata che si ritiene di occupare. Un complottista tipo si può anche descrivere come una persona disinformata o che comunque ha assorbito informazioni non veritiere, ed è questo il motivo per cui resta difficile instaurare un dialogo costruttivo con i piú radicali tra essi. Risulta essere proprio su questo tipo di individui che molti altri lucrano: tra la vendita di gadget, video, dvd, programmi TV il giro di incassi è piú alto di quel che si potrebbe credere. Inoltre molto spesso i creatori di complotti si appoggiano proprio sulla scarsa preparazione e sulla pigrizia dei loro bersagli, che difficilmente andranno a verificare se ciò che si dice loro è plausibile o totalmente campato in aria. La demolizione delle precedenti certezze della vittima viene espressa dalla sigla fud (fear, uncertainty, doubt) che sarebbe: suscitare ansia e panico,

15 Forza Albert Numero 3 Anno viii Giugno 2011 A proposito di Scientology creare incertezza, insinuare il dubbio. Un altro aspetto importante delle teorie cospiratorie è che assorbono al proprio interno e, anzi, si rafforzano attraverso le critiche: queste ultime infatti vengono interpretate come la risposta difensiva del sistema attaccato che tenta di sminuire e ridicolizzare quelle persone che minano le basi della sua stessa esistenza. I cospiratori cosí si sentono ancor di piú come degli scogli nella tempesta, gli unici al mondo che hanno il coraggio di opporsi alla corrente generale. Naturalmente non si deve fare di tutta l erba un fascio: non si devono bocciare idee che ad una prima occhiata potrebbero apparire balzane, ma si deve verificare le veridicità delle prove a sostegno di queste tesi, ricordando che il mondo non è né bianco né nero ma grigio. Dovremmo anche stare attenti a ciò contro cui ci ha messo in guardia Umberto Eco nel Pendolo di Foucault: le teorie complottistiche delle masse potrebbero anche essere sabbia buttata sopra i veri complotti per celarli ai nostri occhi distogliendoli su degli specchietti per allodole. A proposito di Oroscopi di Fiamma uomo è un essere perfetto, un essere spirituale perfetto capace di L contrastare qualsiasi malattia con la sola forza del pensiero e con la facoltà di viaggiare nello spazio in forma incorporea. Ogni persona potrebbe essere capace di fare questo, se solo utilizzasse le sue reali potenzialità. Questa è la dottrina fondamentale di Scientology, una organizzazione (per molti una religione) nata nella prima metà degli anni cinquanta. La storia di Scientology inizia quando, nel 1950, lo scrittore Ron Hubbard pubblica il libro Dianetica, nel quale veniva descritto un sistema per l analisi, il controllo e lo sviluppo della mente umana. Solo due anni dopo Hubbard fondò la Hubbard Association of Scientologist da cui, nel 1954, nacque Scientology. Ma di cosa tratta Scientology? Come abbiamo già detto, gli adepti di questa organizzazione credono che l uomo abbia capacità che superano di gran lunga quelle che normalmente usa. Gli esseri umani infatti, non avrebbero accesso a queste facoltà a causa di atti overt (crimini commessi in passato) o a causa di traumi mentali e fisici subiti sia nella vita attuale che nelle vite precedenti. Tutti questi traumi andrebbero ad immagazzinarsi nella mente reattiva. Tale mente reattiva, in situazioni di dolore o stress, immagazzinerebbe l emozione provata insieme a una immagine del luogo in cui ci si trova, creando un ricordo inconscio chiamato engram. Secondo Scientology è possibile raggiungere lo stato di Clear, ovvero lo stato in cui si è liberi da traumi, attraverso delle sedute che avvengono tra un praticante (auditor) e un paziente. Lo scopo di questa organizzazione è quindi quello di rendere Clear gli uomini, risvegliando tutte le loro capacità intellettive. Una volta raggiunto lo stato di Clear è possibile innalzarsi attraverso gli 8 stadi Thetan Operante (in Scientology il thetan rappresenta la fonte di vita). Non sappiamo molto su tali stadi poiché Scientology rifiuta di divulgare il contenuto di tali livelli, considerato mortale per chi non è adeguatamente preparato. Secondo fonti interne, Scientology conta circa gli otto milioni di praticanti ma le fonti esterne riducono le fila a circa cinquecento mila. Questa setta conta tra i suoi adepti moltissime celebrità tra esponenti del cinema e della musica. Fra i piú celebri sono Tom Cruise, John Travolta e Katie Holmes che hanno persino utilizzato il rito scientologico per sposarsi. Moltissime altre star, come Christopher Reeve, dopo un iniziale avvicinamento, hanno lasciato l organizzazione criticandola. Anche se Scientology conta moltissimi seguaci e possiede riti comuni alla maggior parte delle religioni (battesimo, matrimonio e funerale), non è considerata una religione nella maggior parte degli stati. di Bas^^ Gli oroscopi, che noi tutti conosciamo, nascono durante l epoca Mesopotamica con la scoperta delle tavole di Mulapin nelle quali si comincia a parlare dello Zodiaco e delle costellazioni. In questo periodo si studia l effetto dello spostamento dei corpi celesti in relazione al momento della nascita delle singole persone e i filosofi Mesopotamici, affascinati da questa nuova materia, decisero di insegnarne i fondamenti per espandere tale forma di cultura, sconosciuta a tutte le altre civiltà del mondo. Anche durante il periodo dell Impero Romano l astrologia ebbe un gran successo tant è che Cesare scrisse un libro sull argomento e Adriano la studiò cercando di formulare qualche previsione, ovvero l oroscopo. Sotto l influsso degli Arabi, durante il Medioevo, l astrologia si sviluppò in Italia piú che in tutto il resto del mondo. C è da dire però che l Astrologia e l Oroscopo non sono la stessa cosa, poiché quest ultimo ha origine 15 dal primo che è assai piú complesso. Tornando all oroscopo è interessante sapere che alcuni antichi re, alcuni imprenditori e anche l ex presidente Ronald Reagan hanno organizzato la loro vita, i loro regni, le loro imprese e i propri appuntamenti per affari di Stato in base a ciò che diceva, o che dice, il proprio oroscopo. Molti lo leggono, ma non tutti credono ad esso. Coloro che lo appoggiano pensano che ci sia un vero fondamento scientifico alla base di ciò che dicono gli astrologi. La maggior parte delle per-

16 la voce Numero 3 Anno viii Giugno 2011 sone che crede agli oroscopi probabilmente lo fa per bisogno di fiducia in qualcosa o perché magari, ogni tanto, è successo che l astrologo abbia indovinato qualcosa, che in realtà è solo frutto della sua fantasia. Una prova di questa affermazione si può avere confrontando due oroscopi di diversi astrologi; alla fine il concetto espresso è sempre lo stesso, con qualche variazione da segno a segno. I colori della letteratura Poesia di Danyck L illusione del treno dei risvegli Cinguettano i cardellini tra le fronde degli alberi, mentre i primi raggi all alba danzano tra le pieghe dei miei risvegli, sento il tuo respiro. Mi alzo inerme, ancora intrappolato nelle fauci d un sogno enigmatico mio sovrano nei pensieri notturni, ma tu non sei lí, meravigliosa irrealtà di tutti i miei sogni, attonito, con gli occhi lacerati dal pianto d un cuor illuso, inchiodo il ricordo già svanito d un attimo che mi nutre l anima e riprendo il treno dei pensieri notturno a me tanto caro. di Danyck Pioggia d estate (3) di Daph Avevano trascorso insieme un estate piena di fantastiche emozioni che avevano dimenticato, tanto, ma davvero tanto tempo fa. Gioia e serenità sarebbero probabilmente le parole piú adatte per descrivere quei due mesi che non sembravano un eternità come Emma aveva pensato. O forse sí. Sembrava proprio che il tempo si fosse fermato nel momento in cui si erano lasciati, che i loro sentimenti fossero rimasti gli stessi nonostante il trascorrere del tempo e la distanza. Lui l amava ancora. L aveva capito nell istante in cui l aveva rivista per la prima volta. Fino a quell attimo la sua esistenza era stata vuota, priva di calore e di colore. Insieme a lei aveva ricominciato a vivere. Lei... beh, anche lei continuava ad amarlo e provava tanta rabbia verso sé stessa visto che i suoi tentativi di dimenticarlo e ricominciare si erano rivelati completamente inutili. Ma ciò che superava ancor di piú questi sentimenti era il desiderio di vendetta. Non aveva ancora smesso di considerarlo colpevole di quel maledetto incidente in macchina che aveva tolto la vita a Clara, l unica che le era sempre stata accanto incondizionatamente e che le aveva voluto veramente bene. Non capiva perché lui era sopravvissuto e lei no; perché lui era stato piú forte di lei. Non poteva perdonarlo, non ancora. Voleva che anche lui sapesse come ci si sente a perdere qualcuno davvero importante, non potergli dire un ultima parola o un semplice ti voglio bene. Forse era egoismo o semplicemente troppo amore. Perciò se ne era andata senza salutarlo o dirgli quanto le sarebbe mancato. Aveva pensato che cosí sarebbe stato meglio per lei. Adesso cammina da sola sotto la pioggia che di sicuro non porterà via 16 un bel niente: né le lacrime, né i sentimenti, né tantomeno gli errori. Si siede su una panchina e inizia a pensare. Le piacerebbe tanto sapere dove siano finiti i suoi sogni; quelli in cui era lei la stella che brillava di piú, quelli in cui era lei l unica che contava, quelli in cui era felice veramente. Non li aveva rinchiusi in un cassetto perché pensava che avessero paura del buio. Come tutti noi d altronde. Pensava che si sarebbero sentiti soffocare, che non ce l avrebbero fatta. Perciò li aveva lasciati liberi; liberi di girovagare per il mondo intero. Ed è proprio ciò che avevano fatto. Ora però non riesce piú a ritrovarli. Si saranno persi per strada o semplicemente avranno capito che è inutile tornare da me? È una domanda che aveva cominciato a tormentarla da un bel po di tempo. Non aveva saputo prendersi cura di loro e adesso le tocca aspettare. Perché? Non lo sa. È

17 I colori della letteratura Numero 3 Anno viii Giugno 2011 l unica cosa ragionevole che le viene in mente invece di reagire. Forse è stata la sua indecisione a farli allontanare. Ed ora è giusto che sia cosí. Perciò aspetta. Sí, ha deciso di aspettare finché non si stancherà di farlo. Forse lo è già, ma non vuole ammetterlo. Non ancora. Non può accettare Difendiamo le utopie! il fatto di essere diventata un caso perso. Un altro ancora in questo mondo. Sí, la verità è che lo siamo un po tutti; smettendo di credere in noi stessi, nei nostri sogni, anche in quelli che alla fine non sembrano tanto impossibili; persino ritenendo le cose piú semplici banali, come un sorriso, un abbraccio; eppure tutti ne abbiamo bisogno per sopravvivere. Quante esitazioni, quante battaglie perse senza nemmeno essere combattute. Dobbiamo ritornare con i piedi per terra e reagire. Bisogna che qualcosa finisca, bisogna che qualcosa cominci. di Gaia =P topia si intitola una celebre U opera di Thomas More, nella quale l umanista inglese procede ad una descrizione della città perfetta: un isola, molto simile alla gran Bretagna, repubblicana, in cui vige la comunione dei beni e sono diffusi tolleranza religiosa, seppur con l obbligo della fede nella Provvidenza e nell immortalità dell anima, e lo studio delle scienze e della filosofia. Di qui Utopia è diventato sinonimo di una città perfetta il cui fine ultimo è la garanzia di benessere per tutti i cittadini. Fin qui pare che non ci siano intoppi... se non fosse che, per definizione, Utopia è un luogo inesistente, irrealizzabile, irraggiungibile. Detto questo, i piú si abbandoneranno a sogni di società piú o meno complesse, basate sui piú disparati sistemi economici e sociali e sui piú stravaganti princípi, alcuni, invece, si metteranno con impegno all opera per lo snaturamento della loro utopia in vista della sua realizzazione! Ebbene sí, non tutti gli uomini sono nati per rimanere sognatori e a dimostrarlo sono quelle che, nate come utopie, oggi sono società funzionanti a tutti gli effetti! Non ci credete? Allora diamo uno sguardo al mondo! Un paese senza guerra? Bene: il Costa Rica ha rinunciato da piú di cinquant anni al suo esercito! Un posto a misura di artista in grado di isolare le menti creative dal trambusto del mondo? È sufficiente trasferirsi a Yaddo, nello stato di New York! Una città ecologica sviluppata in verticale? Era l utopia di Paolo Soleri che ha preso vita in Arizzona! Una comunità vegetariana? Basta andare ad Ascona, sul Monte Verità! Insomma, se ne potrebbero citare altre, ma il concetto rimane uno: a quanto pare se si vuole e le condizioni sono favorevoli, si può. Ora, però, sorge un interrogativo: posto che si voglia, che le condizioni siano favorevoli e che quindi si possa, è giusto fare delle utopie realtà? Ma certo! Come potrebbe non esserlo? Non sono altro che il tentativo di mettere in piedi una società che funzioni e che faccia star bene tutti, in fin dei conti! Ok, nessun problema allora: via libera a qualsiasi Utopia! Ma... un momento: chi decide cosa fa star bene tutti? Ma come chi decide!? L utopista decide! Chi altri? Giusto! L utopista... e se l utopista dovesse essere un dittatore con il pallino della razza ariana come la mettiamo? Beh... in quel caso le cose si complicherebbero non poco e allora l utopia del dittatore potrebbe scontrarsi con quella dell ebreo che vuole un mondo senza pallino della razza o dell omosessuale con il sogno di una società che non lo pregiudichi per chi gli capita di amare oppure del diversamente abile che non ha proprio scelto di non essere ariano. Questo esempio serva a considerare che ogni utopia può facilmente tramutarsi in distopia e che non necessariamente, anzi, l utopia di uno può rendersi universale. E cosí le vecchie classi militari invocano la costituzione di un nuovo esercito, sia pure da usare solo in caso di emergenza, la città ecologica dispera l industria dell energia non rinnovabile, le città verticali sono l incubo di chi soffre di vertigini e le verdure, salutari, è vero, ma oltre a non essere sufficienti per una corretta alimentazione, non sono la passione di molti! Ancora una volta il relativismo impera sulle vicende umane. La verità è che tentare di realizzare un utopia, sfidare l impalpabilità è spesso molto pericoloso e lo è perché se i sogni sono sogni, forse è il caso che rimangano nella dimensione fatata in cui dimorano tutti i sogni. La realtà sarebbe letale per qualsiasi utopia e la strazierebbe a tal punto, da farne emergere ogni difetto, ogni pecca, di quelle che in linea teorica non erano state considerate e di colpo sembrano eclatanti. Con questo non si vuole incoraggiare a chiudere ogni possibilità di miglioramento della società in un cassetto blindato e di fonderne la chiave, ma semplicemente far notare che quelle utopie che muoiono per rinascere città reali, il piú delle volte perdono di perfezione e lo fanno perché, facciamocene una ragione, la realtà stessa è imperfetta e anche dovesse esserci un sistema perfetto, è in dubbio che sia perfetto per tutti. Mentre l umanità intera si muove lentamente verso proposte di società piú giuste e felici, perché il fine dell uomo non può che essere la felicità, adoperiamoci pure per la ricerca del nostro angolo di forse-il-paradiso (ammesso che il paradiso sia un utopia), ma facciamolo con la cauta coscienza del forse e con l ormai profonda sicurezza che nella metamorfosi del sogno in realtà può accadere l imprevedibile. Detto questo, rimane un ultima grande domanda: cosa ne è di un utopista senza la sua utopia? 17

18 la voce Numero 3 Anno viii Giugno 2011 Appendice ai giochi igor ["aigo:*] igor ["aigo:*] 7. Sudoku 8. Sudoku igor ["aigo:*] igor ["aigo:*] 9. Sudoku 10. Sudoku Soluzioni dei giochi 1. fa, ra, ri , al doppio di ogni numero si somma o si sottrae alternatamente 1. 63, si aggiunge a ogni termine 2, 4, 8, 16, , la somma è sempre ore e 1 minuto, ogni minuto il volume raddoppia. 18

19 Enigmistica Numero 3 Anno viii Giugno danyck & gianluca ORIZZONTALI: 2. Instradatore - 7. Magmatico, sedimentario o metamorfico Genere delle orchidee Commissione Europea in inglese In francese Che non rispettano la coerenza tra le parti di una frase Colei che ha commesso la colpa Pane in Kazaco In Grecia era maestro di virtú che si faceva pagare per i propri insegnamenti Babe famoso giocatore di baseball statunitense Protagonista di una tragedia di Vittorio Alfieri Riproduzioni sessuali determinate dall unione di un gamete maschile con uno femminile morfologicamente differenziati FRASE DA SCOPRIRE Un generico corpo nello spazio possiede un numero di gradi di vicolo pari al numero dei suoi gradi di libertà Ultima Online Somma che si paga, per il vitto e l alloggio in collegi Aspetto formale di un testo Di quella retorica si conosce la risposta Istituto di ricerche esplosivistiche Parte finale dell intestino tenue Titolo di un dipinto di Degas Cavalierato inglese Elemento HTML che crea una lista numerata Il luogo del tuo martirio Targa automobilistica di Landau in der Pfalz Il vero nome di Szyslak nei Simpsons Quello Volante è un veliero fantasma che viaggia senza meta Quello di titanio si usa nelle vernici VERTICALI: 1. Lo sterminio di una razza - 2. D musicale in italiano - 3. Sinonimo di acceso - 4. Il Principio di tutto nella filosofia taoista - 5. Parola che deriva dal greco esibisco mostro - 6. Quando nacque era la URI - 7. I... Connection sono un gruppo musicale - 8. Dotate di ali - 9. Up Le sue uova sono pregiate Metà dei suoi Non sono quelle giuste Arriva con l età Aperture delle figure retoriche Dopo di lui tutti a dormire Dispari in casa Giulio, l imperatore romano d Occidente predecessore di Romolo Augusto Serata incompiuta L elio sulla tavola Nel 1881 era un arnese per strizzare i limoni Famosa fabbrica di auto indiane Un famoso De Filippo in mezzo alle uova Voltarsi Nell antica retorica, descrizioni del carattere e delle qualità morali di personaggi, effettuate con particolare vividezza Tomografica computerizzata Ne è ricca l aria di mare Lo erano gli Occhi di Gatto Era famoso l Albatross Famosa serie televisiva con Marissa e Seth Mezzi di trasporto per l artiglieria Reflex Canon En Italien Prima degli Mp3 1. Trova le lettere che, unite a quelle fuori dalle parentesi, completano sei parole da due sillabe Completa le serie. a (... ) ta (... ) pa (... ) sa ? ? 3. Qual è il numero mancante? ? 4. Qual è il numero minimo di colori per dipingere un cubo in modo che due facce adiacenti non siano mai dello stesso colore? 5. Un ameba si divide in due esattamente ogni minuto. Due amebe in una provetta possono riempirla esattamente in due ore. Quanto tempo impiegherebbe un ameba da sola per riempire esattamente la stessa provetta? A cura di Francesca Di Marco Sudoku Le soluzioni sono a pag. 18. igor ["aigo:*] 19

20 I nostri sponsor Ottovolante, Coop. Sociale Via Cona 97, Teramo Ciprietti Vending S.r.l. Via degli Arcioni 4/6, Teramo New Galadhrim Via Madonna del Riparo 1, Teramo Mida Gioielli Via Costantini 13, Teramo Azienda Agricola Cantoro Contrada Paduna 19/A Carige Assicurazione di Angelo Crucioli Piazza Martiri della Libertà, Teramo Bienergy Contrada Scalepicchio, S.P. Castagneto (TE) 20

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

1 Completate il cruciverba.

1 Completate il cruciverba. Esercizi 1 Completate il cruciverba. Orizzontali 1. Giulia scrive messaggini a tutti con il... 2. Che bello... gli amici! 3. Amo... lezione d italiano. 4. Il primo giorno di scuola conosco nuovi... Verticali

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

cantare in un concorso fare il gemellaggio con un altra scuola

cantare in un concorso fare il gemellaggio con un altra scuola Unità Per cominciare... Osservate le seguenti attività e iniziative. Di solito, quali di queste è possibile svolgere a scuola? fare lezioni di guida cantare in un concorso organizzare una mostra proteggere

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR

PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR PRESENTAZIONE DEL LIBRO Siria MON AMOUR Reading del libro a cura dei ragazzi della IIIA della scuola media n. 2 "S. Farina" Con la collaborazione della libreria Il Labirinto di Alghero Un matrimonio combinato,

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ ::

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ :: GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it Data: ven 17 gennaio 2014 Tema MGS: Verso la Conquista Titolo: La Mia Anima Rimane

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

Giornalismo investigativo strumento di verità

Giornalismo investigativo strumento di verità colophon editore delos store Ordinaria Follia a cura di ARIANNA E SELENA MANNELLA Giornalismo investigativo strumento di verità di ARIANNA E SELENA MANNELLA Oggi il problema non è la mancanza di informazione

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio.

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio. 1 LA FAMIGLIA 1.1 Lettura primo testo Il prossimo anno l austriaca Alexandra partirà per l Italia. Per quattro mesi frequenterà il liceo a Ravenna. Stamattina ha ricevuto una lettera dalla sua famiglia

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo adolescenti

Livello CILS A1 Modulo adolescenti Livello CILS A1 Modulo adolescenti MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012 Colori e pensieri per i Colori e pensieri per i bambini emiliani bambini emiliani 04/06/2012 04/06/2012 Ass. Culturale B-Side in Spazio Luce, Milano. Da una idea di: Dott.ssa Anna La Guzza, Psicologa Noi

Dettagli

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA Mar iap ia Veladiano parole di scuola indice Albus Silente 9 Ogni parola 13 Da dove cominciare. Integrazione 19 Da dove cominciare. Armonia 21 Tante paure 27 Paura (ancora) 33 Dell identità 35 Nomi di

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Numero del Questionario Completato Attenzione! Ogni questionario completato deve riportare il numero progressivo

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

1 Completate con i verbi dati. 2 Completate le frasi. 3 Completate la domanda o la risposta.

1 Completate con i verbi dati. 2 Completate le frasi. 3 Completate la domanda o la risposta. 1 Completate con i verbi dati. parlate partono preferiamo abitano pulisce lavora sono vivo aspetto 1. Stefania... tanto. 2. Io... una lettera molto importante. 3. Tu e Giacomo... bene l inglese. 4. Noi...

Dettagli