Diritti e opportunità connessi allo status giuridico del cittadino straniero

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diritti e opportunità connessi allo status giuridico del cittadino straniero"

Transcript

1 Diritti e opportunità connessi allo status giuridico del cittadino straniero Corso di Assertiveness Training e servizi. Parte seconda: aggiornamenti normativi. Novembre-febbraio 2010

2 Diritti della persona e status giuridico. Possiamo distinguere, per capi sommari: A) il nucleo dei diritti fondamentali riconosciuti alla persona umana, garantiti dai trattati internazionali e dalle norme nazionali che ad essi debbono uniformarsi, ai sensi dell'art.10 della Costituzione italiana; B) i diritti connessi alla posizione giuridica del cittadino straniero, sulla base del possesso o del diritto ad un titolo valido per il soggiorno, nei casi previsti dalle leggi vigenti. Le caratteristiche dei diritti del tipo B sono essenzialmente: l'esigibilità diretta, quando la norma lo prevede in modo esplicito; la negoziabilità, quando il riconoscimento di un diritto, ovvero di un beneficio, non direttamente previsto da parte un ente, è ottenibile attraverso una trattativa ( per lo più di carattere legale), in ottemperanza ad altre norme di riferimento richiamate, ( es. Direttive europee antidiscriminazione )

3 Principali fonti normative ( elenco minimo, non esaustivo) Costituzione Italiana, art. 10 Testo Unico L. 286/98, come modificata dalla legge 189/2002 ( Bossi-Fini): artt. 2 e 5, e seguenti; Trattati internazionali, Dichiarazione Universale diritti umani; Convenzione sui Diritti del fanciullo;carta dei diritti fondamentali dell'unione Europea, C.E.D.U Direttive Europee (es: su libera circolazione comunitari; soggiornanti lungo periodo; antidiscriminazione, Direttiva Rimpatri, etc.)

4 Nucleo diritti fondamentali riconosciuti alla persona Art. 2, comma 1, T.U.L. 286/98: Allo straniero comunque presente alla frontiera o nel territorio dello Stato sono riconosciuti i diritti fondamentali della persona umana previsti dalle norme di diritto interno, dalle convenzioni internazionali in vigore e dai principi di diritto internazionale Esempi: Libertà e sicurezza personale (richiamo Direttiva Rimpatri) Salute e tutela della maternità (es. Cure urgenti; STP; diritto accesso Consultori familiari) Istruzione ( Minori: diritto scolarità minimo scuola obbligo) Proprietà dei beni personali

5 Diritti riconosciuti ai cittadini regolarmente presenti sul territorio Salute Istruzione ( ogni livello) Previdenza Lavoro Famiglia Diritti civili Assistenza sociale Casa ( Edilizia residenziale pubblica) Altre previdenze

6 Le categorie: inclusione /esclusione E' dunque chiaro che il cittadino straniero è al centro di un sistema di inclusione o esclusione in base alla sua posizione giuridica, che è possibile definire in: I Categoria: straniero non regolarmente soggiornante; sotto categoria: Madri e minori, soggetti non espellebibili ( art.19), familiari italiani entro 2 grado; II categoria: straniero regolarmente soggiornante per brevi periodi ( Turisti, Studenti corsi brevi, imprenditori, etc.) III categoria: stranieri regolarmente soggiornanti, titolari di permesso Lavoratori e familiari; studenti corsi lunghi, titolari protezione sussidiaria; IV Categoria: Titolari permesso CE lungo periodo, riconosciuti rifugiati V Categoria: Cittadini Comunitari

7 Stranieri regolarmente soggiornanti per brevi periodi ( tre mesi) La condizione di regolarità è attestata dalla dichiarazione di presenza o dal timbro uniforme Schengen sul passaporto. Libera circolazione e soggiorno: limitatamente al periodo indicato nel visto ( se richiesto per l'ingresso nell'area Schengen) Salute: devono disporre di un'assicurazione sanitaria privata, che copra le spese di eventuali ricoveri, prestazioni sanitarie, maternità. Non possono usufruire del medico di base, ma delle cure essenziali o urgenti ( in base alla polizza). Famiglia: possono contrarre matrimonio limitatamente al periodo di soggiorno; Possono esercitare il diritto alla coesione familiare, se se ne presentano i requisiti, al termine dei tre mesi, o entro un anno dalla scadenza della dichiarazione di presenza; Scuola: Possono seguire corsi brevi ( es. di lingua) o stages; Assistenza: non debbono gravare sull'assistenza pubblica; Previdenza: nessuna forma di previdenza; Lavoro: non possono lavorare;

8 Soggiornanti regolari e loro familiari Salute: iscrizione obbligatoria al SSN ( lavoratori e loro familiari) diritto alla tessera sanitaria e al medico di base, diritto a tutte le cure mediche al pari dei cittadini italiani; assicurazione sanitaria privata per gli over 65 ricongiunti; studenti e titolari di residenza elettiva: diritto all'iscrizione volontaria al SSN; Lavoro: diritto alla parità di trattamento; Previdenza: diritto a trattamenti pensionistici, disoccupazione, infortuni; limitazioni per alcuni benefici, ad es. assegno sociale minimo; Studio: accesso a tutti i livelli, compreso quello universitario, al pari dei cittadini italiani, salvo riserva quote ingresso a facoltà.

9 Soggiornanti in possesso di permesso CE lungo periodo e riconosciuti rifugiati Equiparati a cittadini comunitari, godono di tutti i diritti e i benefici riconosciuti ai cittadini italiani, in materia di salute, lavoro, studio e previdenza. Non è ancora riconosciuta l'equipollenza dei diplomi, fatto salvo il riconoscimento dei titoli dell'area sanitaria.

10 Cittadini comunitari Equiparati ai cittadini italiani, con alcune limitazioni se non lavoratori o non titolari del diritto di soggiorno permanente. Lavoro: accesso al pubblico impiego, tranne le carriere che comportano attività di controllo o l'ordine pubblico ( es. organi di polizia); obbligo di polizza sanitaria privata per non lavoratori; diritto all'equipollenza dei diplomi

11 Orientarsi tra le normative E' di fondamentale importanza non solo conoscere le norme che regolano il diritto della migrazione, almeno negli elementi fondamentali, ma sapere leggere con estrema attenzione gli articoli di legge, regolamenti e circolari, che possono tutelarci direttamente, o comunque prevenire errori che poi si rischia di pagare caramente. E' vero che si tratta di una materia complessa, ma chiunque impari a orientarsi può esigere direttamente il rispetto delle leggi e far valere i propri interessi legittimi. Da ricordare inoltre che non sono le singole Questure, le Prefetture, i Comuni che legiferano o emanano decreti legislativi in merito alla condizione giuridica dello straniero: quella è materia del legislatore, del Parlamento o del Governo, che a sua volta ha l'obbligo di applicare con propri decreti le direttive europee, nel campo di competenza della Commissione Europea.

12 Gli ambiti di pertinenza e applicazione delle normative in materia di immigrazione. Comunitario: Direttive europee ( leggi di rango superiore): solitamente implementate dagli Stati dell'unione con propri decreti entro il termine di recepimento. (Qualora gli stati non provvedano entro tale termine, le direttive possono essere applicate direttamente.) es.: Direttiva sui Permessi CE lungo periodo; Direttiva antidiscriminazione, etc. Nazionale Leggi, Decreti legislativi, Regolamenti di attuazione Circolari ministeriali

13 Principali norme nazionali Nel ricordare che, a parte la legge 40/98 ( Turco-Napolitano), non si è elaborata nel nostro paese una legge organica in materia di immigrazione, con un preciso iter parlamentare, ma piuttosto una serie di provvedimenti emergenziali, tramutati poi in decreti legge, che hanno hanno avuto come prevalente materia la tutela dell'ordine pubblico e la risposta a esigenze del momento ( sanatorie, regolarizzazioni, etc.). Il primo riferimento utile a chi si accosta alla materia è comunque il Testo Unico, L.286/98, un corpus di norme in materia, come modificato dalla Bossi-Fini, L. 189/2002, e i relativi Regolamenti attuativi. Dal 2009, è stata introdotta una serie di variazioni, con il cosiddetto Decreto Sicurezza, D.L. 733, che ha inasprito le sanzioni legate alla clandestinità ( e attualmente rivisitato in alcune parti per effetto della Direttiva Rimpatri).

14 Promemoria: Costituzione Italiana T.U. Legge 286/98 ( Turco Napolitano) Dlgs 189/2002 ( Bossi-Fini) Direttiva UE Soggiornanti lungo periodo Dlgs Terzi lungo periodo ( applica la Direttiva) Direttiva Eu Ricongiungimenti familiari Direttiva EU Libera circolazione e soggiorno comunitari Legge Cittadinanza 1991 Decreto sicurezza L. 94/2009 Direttiva Rimpatri es, circolari: circo 28/03/2008 ( Amato) sui minori alla maggiore età (diritto a un permesso per famiglia se a carico dei genitori)

15 Altri ambiti normativi e di applicazione Locale: es. Leggi regionali e delibere comunali. Per quanto la condizione giuridica dello straniero sia di pertinenza dello Stato, le questioni riguardanti la concessione di benefici o procedure specifiche a livello locale, da parte di Enti previdenziali o ASL possono intrecciarsi con altre norme specifiche ( es. regolamenti demografici). Resta comunque fermo il principio che lo straniero regolare deve godere degli stessi diritti del cittadino italiano nei rapporti con le amministrazioni, ai sensi degli artt. 2, comma 2 T.U. E 41 T.U. Immigrazione L.286/98 Accade spesso che tale principio venga disatteso, e che per godere di un beneficio si debba avviare un'azione legale o chiedere l'intervento del Difensore Civico

16 Principali siti utili, istituzionali e privati. (Associazione Studi giuridici per l'immigrazione) (collegamenti con gli altri enti di riferimento locale)

17 L'importanza dell'ordine. Come organizzare e razionalizzare le richieste presso gli enti di riferimento, ovvero cosa e a chi rivolgersi per ottenere realistiche risposte ai propri bisogni. Cremona, 17 febbraio incontro del corso di Assertiveness e Servizi

18 Essere realistici, ma determinati Lo status giuridico può determinare una condizione di reale ed effettivo disagio o difficoltà. Più obblighi e adempimenti rispetto al cittadino italiano, meno garanzie. Un numero maggiore di documentazione da esibire nei vari uffici, unito al periodico obbligo di rinnovo del titolo di soggiorno, se non se ne possiede uno senza scadenza; il tutto aggravato dagli adempimenti connessi al permesso ( rinnovo tessera sanitaria, dichiarazioni dimora abituale, etc.). Non scoraggiatevi e organizzate il vostro percorso ad ostacoli muniti della bussola della conoscenza del sistema.

19 Burocrazia: istruzioni per l'uso Cosa chiedere: inquadrare il problema A chi: individuare le competenze Ottimizzare la ricerca e il tempo Avere una visione realistica dei problemi. Non rinunciare senza aver tentato: al massimo la risposta può essere negativa. Informarsi, dopo aver controllato le fonti e confrontato le competenze. Molte norme cambiano e non tutti gli operatori sono aggiornati in tempo reale

20 Non è solo un problema di lingua. Se anche non sei un grande oratore, e del resto non serve la dialettica, puoi farti apprezzare se ordini le tue richieste in modo da non perdere tempo e non farlo perdere agli altri. ( es. ufficio immigrazione) Non improvvisare pensando che poi gli operatori penseranno a tutto, perchè questo difficilmente accade. Ogni cosa ha un ordine: trova quello che fa per te. Spesso succede che una mancata documentazione ti costringa a tornare più volte nello stesso ufficio e ripetere estenuanti code. Informati prima o fatti aiutare da chi è più esperto. Ascolta l'esperienza e non le dritte di alcuni connazionali che amplificano spesso false informazioni ( es. pds lungo periodo) Organizzati e impara a conoscere gli enti per sapere esattamente a chi rivolgerti o chi meglio tutela i tuoi diritti di persona.

21 Ricorda la regola d'oro Se sei certo dei tuoi diritti, correda le tue richieste di documenti scritti, e falli avere con calma, ma decisione agli operatori. Più di mille proteste, una chiara documentazione sottoforma di fotocopia di un articolo, o una circolare evidenziata e passata attraverso lo sportello ti potrà aiutare. Può andare bene anche un breve elenco o promemoria delle tue ragioni. Sii sintetico, ma preciso. Infine: Le richieste devono essere scritte e protocollate: hai sempre diritto ad una risposta formale.

22 Direttiva 2008/115/CE detta Rimpatri : linee guida. Una rivoluzione nel campo delle misure di controllo delle situazioni di irregolarità o clandestinità; procedure di espulsione e rimpatri di cittadini stranieri, la cui posizione sia risultata irregolare per mancata presentazione di richiesta di permesso nei termini previsti o per diniego di rilascio/rinnovo del titolo di soggiorno. Fonti: Relazione dell'avv. Guido Savio del Foro di Torino al seminario di aggiornamento svoltosi a Verona, il 15 gennaio 2011, organizzato dall'asgi. Testo originale Direttiva 2008/115/CE Circolare ministeriale a Questure e Prefetture.

23 Quando è entrata in vigore la Direttiva Rimpatri: conseguenze La Direttiva è entrata in vigore il , e cioè venti giorni dopo la sua pubblicazione nella GUUE. Il era semplicemente il termine massimo di recepimento da parte degli Stati membri. L'Italia non ha recepito la Direttiva con proprio decreto entro tale data, con la conseguenza che il giudice interno può comunque utilizzarla disapplicando ( o non applicando) le norme interne che risultino in contrasto con la Direttiva stessa. Nei casi dubbi il magistrato è tenuto a rivolgersi alla Corte di Giustizia Europea.

24 Per comprendere meglio: cos'è una Direttiva Nell'ambito del diritto dell'unione, si dice Direttiva uno degli atti che il Parlamento può adottare per l'assolvimento dei compiti previsti dai trattati e per armonizzare le normative degli stati membri. La direttiva vincola lo Stato membro cui è rivolta per quanto riguarda il risultato da raggiungere, salvo restando la competenza degli organi nazionali in merito alla forma e ai mezzi ( art. 288 TF UE, 3 comma) La direttiva dunque detta un obbligo di risultato. La Corte di Giustizia ha inoltre stabilito che in determinate circostanze (es. termine scaduto senza attuazione) le direttive possono avere effetti immediati. Principio dell' effetto utile, le direttive dettagliate, ovvero riservare agli atti dell'unione la maggiore efficacia possibile.

25 Scopi della Direttiva Rimpatri e principi generali Istituzione di una efficace politica in materia di allontanamento e rimpatrio basata su norme comuni affinchè le persone siano rimpatriate in maniera umana e nel pieno rispetto dei loro diritti fondamentali e nella loro dignità. Necessità di stabilire garanzie giuridiche minime comuni sulle decisioni connesse al rimpatrio per l'efficace protezione degli interessi delle persone interessate

26 Obblighi dello stato 1) stabilire una procedura equa e trasparente con decisioni adottate caso per caso, non limitandosi a prendere in considerazione il semplice fatto del soggiorno irregolare; 2) il ricorso al trattenimento deve essere subordinato al principio di proporzionalità con riguardo ai mezzi impiegati e agli obiettivi perseguiti

27 Articolazione della Direttiva: schema 1) decisione di rimpatrio 2) rimpatrio volontario 3) provvedimento di allontanamento coercitivo 4) trattenimento 5) divieto di reingresso

28 Decisione di rimpatrio: definizione e deroghe La decisione è l'atto con cui gli stati membri decidono il rimpatrio di qualunque cittadino di paese terzo il cui soggiorno sia irregolare; sono possibili deroghe, se lo stato intende rilasciare un permesso per ragioni umanitarie o se il cittadino ha iniziato una procedura di rinnovo, anche oltre il termine concesso dalla legge: lo stato deve astenersi dal rimpatrio fino al completamento della procedura.

29 La partenza volontaria La Direttiva privilegia la partenza volontaria, fissando un termine tra 7 e 30 gg. Tale termine può essere prorogato, tenendo conto delle esigenze specifiche del caso individuale. (Es. durata del soggiorno, bambini che frequentano la scuola, esistenza di altri legami familiari e sociali) Obblighi diretti a evitare il rischio di fuga: garanzia finanziaria, obbligo di dimora, etc.

30 Ragioni per non concedere un periodo per la partenza volontaria: Esiste il rischio di fuga ( argomento consigliato nella circolare del alle Questure e Prefetture) La domanda di soggiorno è stata respinta perchè manifestamente infondata e fraudolenta L'interessato costituisce un pericolo per l'ordine pubblico, la pubblica sicurezza o la sicurezza nazionale

31 Misure coercitive per il rimpatrio: l'allontanamento forzato Se è stato concesso un periodo per la partenza volontaria la decisione del rimpatrio può essere eseguita solo alla scadenza di tale termine e salvo che non insorga uno degli elementi che comporta una deroga Il ricorso a misure coercitive è ammesso in ultima istanza per eseguire l'allontanamento di chi oppone resistenza, ma tali misure devono essere proporzionate e non eccedere un uso ragionevole della forza Rinvio: Principio di non refoulement

32 Divieti di reingresso: durata e sospensione. Periodo massimo di divieto: 5 anni, a meno che non esista un provato pericolo per la sicurezza dello Stato o grave minaccia per l'ordine pubblico. ( prima la prassi era di 10 anni) Si può revocare il divieto di reingresso se lo straniero lascia volontariamente il territorio nazionale ( si premia un comportamento di ottemperanza alla decisione di rimpatrio, cosa non prevista in precedenza).

33 TRATTENIMENTO E' una misura residuale e non automatica; è soggetta a revisione periodica; non può superare i sei mesi, e solo eccezionalmente può essere prolungata fino ad un massimo di 18 mesi ( contrasto con i periodi previsti dal decreto sicurezza e con l'art. 14 T.U.)

Le ultime disposizioni in materia di cittadini comunitari ed extracomunitari

Le ultime disposizioni in materia di cittadini comunitari ed extracomunitari Le ultime disposizioni in materia di cittadini comunitari ed extracomunitari Le responsabilità degli ufficiali d'anagrafe in relazione alle nuove competenze del Sindaco Convegno nazionale Anusca 20 novembre

Dettagli

ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI

ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI SOMMARIO Presentazione... XIII PARTE PRIMA ACCOGLIMENTO ED ESPULSIONE DEI CITTADINI STRANIERI CAPITOLO 1 L INGRESSO DELLO STRANIERO NEL TERRITORIO DELLO STATO 1. Stranieri e apolidi... 3 2. Le condizioni

Dettagli

Il permesso di soggiorno per motivi familiari viene rilasciato, nel caso di soggiorno di durata superiore a tre mesi:

Il permesso di soggiorno per motivi familiari viene rilasciato, nel caso di soggiorno di durata superiore a tre mesi: PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI FAMILIARI Il permesso di soggiorno per motivi familiari viene rilasciato, nel caso di soggiorno di durata superiore a tre mesi: allo straniero in possesso del visto per

Dettagli

Residenza, ospitalità e permesso di soggiorno: questioni e casistiche sull'iscrizione anagrafica dei cittadini stranieri

Residenza, ospitalità e permesso di soggiorno: questioni e casistiche sull'iscrizione anagrafica dei cittadini stranieri LucaTavani Residenza, ospitalità e permesso di soggiorno: questioni e casistiche sull'iscrizione anagrafica dei cittadini stranieri Associazione Nazionale Ufficiali di Stato Civile e d Anagrafe SOGGETTI

Dettagli

Dalle Notizie in evidenza

Dalle Notizie in evidenza Dalle Notizie in evidenza Decreto legislativo 13 febbraio 2014 n. 12 Attuazione della direttiva 2011/51/UE che modifica la direttiva 2003/109/CE del Consiglio per estendere l ambito di applicazione ai

Dettagli

Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009. Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano

Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009. Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009 Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano Decreto legislativo 3 ottobre 2008, n. 159 Modifiche ed integrazioni al decreto

Dettagli

IL PERMESSO DI SOGGIORNO. a cura di Gianluca Cassuto

IL PERMESSO DI SOGGIORNO. a cura di Gianluca Cassuto IL PERMESSO DI SOGGIORNO CHE COSA È IL PERMESSO DI SOGGIORNO È l autorizzazione a soggiornare in Italia Viene rilasciato dalla Questura (Ministero dell Interno) Si differenziano in base alla durata tra

Dettagli

Treviso, 14 dicembre 2012. Avv. Elisa Chiaretto

Treviso, 14 dicembre 2012. Avv. Elisa Chiaretto Treviso, 14 dicembre 2012 Avv. Elisa Chiaretto La Carta dei Diritti fondamentali dell Unione europea (adottata a Nizza il 7 dicembre 2000) riconosce ai cittadini dell Unione il diritto di circolare e di

Dettagli

Indice. Presentazione... p. 15. CAPITOLO PRIMO Fonti e principi generali di Gianluca Maria Bella

Indice. Presentazione... p. 15. CAPITOLO PRIMO Fonti e principi generali di Gianluca Maria Bella Indice Presentazione................................................. p. 15 CAPITOLO PRIMO Fonti e principi generali di Gianluca Maria Bella 1.1. Principi comuni del diritto dell immigrazione.....................»

Dettagli

PERMESSO CE soggiornanti lungo periodo (art. 9 TU)

PERMESSO CE soggiornanti lungo periodo (art. 9 TU) PERMESSO CE soggiornanti lungo periodo (art. 9 TU) Lo straniero in possesso: - da almeno cinque anni, di un permesso di soggiorno valido - che ha reddito non inferiore all'assegno sociale annuo - di alloggio

Dettagli

1) Qual è la normativa di riferimento? 2) Chi può richiedere il ricongiungimento familiare? 3) Per quali familiari si può richiedere?

1) Qual è la normativa di riferimento? 2) Chi può richiedere il ricongiungimento familiare? 3) Per quali familiari si può richiedere? LA PROCEDURA DI RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE PER I CITTADINI STRANIERI RESIDENTI IN PROVINCIA DI VARESE - Risposte a domande frequenti - A cura del Coordinamento della Rete territoriale di sportelli per

Dettagli

PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO E SUO RINNOVO

PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO E SUO RINNOVO PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO E SUO RINNOVO - artt. 5, 5 bis, 6 D.lvo 286/98 - art. 8 bis, 13, 14, 35, 36, 30 bis, 36 bis D.p.r. 394/99 Le norme del TU e del Reg. sopra indicate prevedono che entro

Dettagli

IL SOGGIORNO DI CITTADINE E CITTADINI COMUNITARI IN ITALIA

IL SOGGIORNO DI CITTADINE E CITTADINI COMUNITARI IN ITALIA IL SOGGIORNO DI CITTADINE E CITTADINI COMUNITARI IN ITALIA La normativa di riferimento per il soggiorno dei comunitari in Italia è costituita dal D. Lgs. n. 30 del 6 febbraio 2007 (Attuazione della direttiva

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Prct.n 24 l 11006 / 2 Bari, Oggetto : Assistenza sanitaria agli stranieri extracomunitari in Italia.

REGIONE PUGLIA. Prct.n 24 l 11006 / 2 Bari, Oggetto : Assistenza sanitaria agli stranieri extracomunitari in Italia. REGIONE PUGLIA ASSESSORATO SANITA' - SERVIZI SOCIALI SETTORE SANITA' - UFFICIO n"2 Prct.n 24 l 11006 / 2 Bari, 22 MAG, 2003 All. N. 1 Direttori Generali delle Aziende UU.SS.LL. Direttori Generali dello

Dettagli

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. Profili generali

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. Profili generali CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI SEDE E DIREZIONE NAZIONALE 47900 RIMINI - VIALE TRIPOLI, 214 Tel. 0541.391850 Fax 0541.391594 Web: http://www.cesarimini.it E-mail: servizi@cesarimini.it

Dettagli

Programma di Formazione Integrata per l innovazione dei processi organizzativi di accoglienza ed integrazione dei cittadini stranieri III Edizione

Programma di Formazione Integrata per l innovazione dei processi organizzativi di accoglienza ed integrazione dei cittadini stranieri III Edizione Associazione Nazionale Comuni Italiani Programma di Formazione Integrata per l innovazione dei processi organizzativi di accoglienza ed integrazione dei cittadini stranieri III Edizione 1 Giornata - Modulo

Dettagli

PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI DI FAMIGLIA

PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI DI FAMIGLIA PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI DI FAMIGLIA RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE ART. 29 D.L.VO 286/1998 Lo straniero titolare di carta di soggiorno o permesso di soggiorno di durata superiore a un anno per motivi

Dettagli

La procedura per il riconoscimento della protezione internazionale

La procedura per il riconoscimento della protezione internazionale TELEFONO MONDO 800513340 Un servizio di Progetto Integrazione Cooperativa sociale - ONLUS. Ricerche, formazione, mediazione interculturale,interventi sulle problematiche dell'immigrazione. www.telefonomondo.it

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI

DISPOSIZIONI GENERALI SOMMARIO Capitolo Primo DISPOSIZIONI GENERALI 1 1.1. L ambito di applicazione della legge 1 1.2. Il quadro generale dei diritti 8 1.3. Diritti espressamente garantiti dalla Costituzione agli stranieri

Dettagli

Diritto alla salute. Christian Ciaralli 25/ 07/ 2006 6WUDQLHULLQ,WDOLD

Diritto alla salute. Christian Ciaralli 25/ 07/ 2006 6WUDQLHULLQ,WDOLD Diritto alla salute Christian Ciaralli Riferimenti norm ativi Testo Unico immigrazione (D.lgs. 286 del 1998) Art. 34 Art. 35 Iscrizione obbligatoria e volontaria al S.S.N. Assistenza sanitaria per gli

Dettagli

SOMMARIO n. 4, 2001. Interventi. Proud to be European. Orgoglio e pregiudizi dell identità europea. di Lucia Serena Rossi

SOMMARIO n. 4, 2001. Interventi. Proud to be European. Orgoglio e pregiudizi dell identità europea. di Lucia Serena Rossi SOMMARIO n. 4, 2001 Presentazione pag. 11 Interventi Proud to be European. Orgoglio e pregiudizi dell identità europea. di Lucia Serena Rossi Procedure di regolarizzazione in Europa e criteri di ammissione

Dettagli

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DI CITTADINI COMUNITARI ED EXTRACOMUNITARI

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DI CITTADINI COMUNITARI ED EXTRACOMUNITARI Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Viale F. Rodolfi n. 37 36100 VICENZA COD. REGIONE 050 COD. U.L.SS. 006 COD.FISC. E P.IVA 02441500242 ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO

Dettagli

Approfondimento: l assistenza sanitaria

Approfondimento: l assistenza sanitaria Approfondimento: l assistenza sanitaria 1) L'assistenza sanitaria per i cittadini extracomunitari I cittadini stranieri extracomunitari che soggiornano in Italia possono usufruire dell assistenza sanitaria

Dettagli

LIBERA CIRCOLAZIONE CITTADINI UE E FAMILIARI

LIBERA CIRCOLAZIONE CITTADINI UE E FAMILIARI LIBERA CIRCOLAZIONE CITTADINI UE E FAMILIARI Art. 20 TFUE (ex art. 17 TCE) Art. 21 TFUE (ex art. 18 TCE) Carta dei Diritti fondamentali dell Unione europea (adottata a Nizza il 7 dicembre 2000) riconosce

Dettagli

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA Perché si parla di libera circolazione dei lavoratori e delle persone? Sono due aspetti distinti? Al momento della sua nascita,

Dettagli

Edizione n. 7-10/01/2007

Edizione n. 7-10/01/2007 Edizione n. 7-10/01/2007 1. Flash Romania e Bulgaria nell Unione europea: liberalizzato di fatto l accesso al lavoro Finanziaria 2007: sanatoria bonus bebè 2. Edizione speciale Lungoresidenti Il permesso

Dettagli

per cittadini stranieri

per cittadini stranieri IN ITALIA IN REGOLA Assistenza sanitaria P per cittadini stranieri er i cittadini stranieri, comunitari e non, l iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) garantisce tutta l assistenza sanitaria

Dettagli

CITTADINI COMUNITARI

CITTADINI COMUNITARI CITTADINI COMUNITARI INFORMAZIONI PER RESIDENZA e RILASCIO ATTESTAZIONI 1. ISCRIZIONE DI CITTADINO COMUNITARIO (dall'estero dopo l'11/04/2007) PER LAVORATORE SUBORDINATO - documentazione attestante l'attività

Dettagli

IL VISTO D'INGRESSO. lavoro autonomo; lavoro subordinato; cure mediche; motivi religiosi; affari; diplomatico; adozione; familiare al seguito;

IL VISTO D'INGRESSO. lavoro autonomo; lavoro subordinato; cure mediche; motivi religiosi; affari; diplomatico; adozione; familiare al seguito; IL VISTO D'INGRESSO I cittadini che intendono soggiornare sul territorio italiano devono esibire alla frontiera la documentazione che giustifichi il loro ingresso e, nei casi previsti, la disponibilità

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

I permessi di soggiorno

I permessi di soggiorno Corso accogliere per integrare I permessi di soggiorno Normativa di riferimento dlgs 25 luglio 1998, n. 286 e successive modificazioni D.P.R. 179/2011 Principali tipologie di permessi di soggiorno nella

Dettagli

DONNE STRANIERE IMMIGRATE

DONNE STRANIERE IMMIGRATE DONNE STRANIERE IMMIGRATE Informazioni di base sui diritti e le opportunità per la donna immigrata in Italia Indice Tutela della maternità Pag. 4 Famiglia Pag. 6 Minori Pag. 6 Assistenza sanitaria Pag.

Dettagli

CAMBIO DI RESIDENZA ED INDIRIZZO

CAMBIO DI RESIDENZA ED INDIRIZZO CAMBIO DI RESIDENZA ED INDIRIZZO Iscrizione Anagrafica cittadini italiani La necessità di iscrizione anagrafica deriva dall'obbligo di dichiarare la propria residenza per chi porta la dimora abituale in

Dettagli

Immigrazione come fenomeno incompreso dal suo primo verificarsi nel nostro paese; Condizione giuridica dello straniero precaria e incerta;

Immigrazione come fenomeno incompreso dal suo primo verificarsi nel nostro paese; Condizione giuridica dello straniero precaria e incerta; Immigrazione come fenomeno incompreso dal suo primo verificarsi nel nostro paese; Evento disordinato, straordinario, temporaneo; Condizione giuridica dello straniero precaria e incerta; Tardività di un

Dettagli

I MINORI STRANIERI Introduzione. Divieti di espulsione e di respingimento. Diritto alla salute

I MINORI STRANIERI Introduzione. Divieti di espulsione e di respingimento. Diritto alla salute I MINORI STRANIERI Introduzione. I minori stranieri presenti in territorio italiano possono trovarsi in diverse condizioni giuridiche: alcuni di essi, infatti, sono entrati beneficiando delle disposizioni

Dettagli

Permesso di soggiorno per famiglia convertibile per motivi di lavoro Alberto Rozza Consulente aziendale in Lodi

Permesso di soggiorno per famiglia convertibile per motivi di lavoro Alberto Rozza Consulente aziendale in Lodi Permesso di soggiorno per famiglia convertibile per motivi di lavoro Alberto Rozza Consulente aziendale in Lodi Lo straniero coniuge di un cittadino italiano può chiedere la conversione del permesso di

Dettagli

LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DEGLI STRANIERI IN ITALIA

LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DEGLI STRANIERI IN ITALIA LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DEGLI STRANIERI IN ITALIA UNO STUDIO INTEGRATO SULL APPLICAZIONE DEI DECRETI DI RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE EUROPEE SULL ACCOGLIENZA, SULLE QUALIFICHE E SULLE PROCEDURE a cura

Dettagli

NUOVA PROCEDURA COMUNITARI

NUOVA PROCEDURA COMUNITARI NUOVA PROCEDURA COMUNITARI Dall 11 aprile 2007, in adempimento a quanto sancito dal decreto legislativo 6 febbraio 2007, nr.30, recante Attuazione della direttiva 2004/38/CE relativa al diritto dei cittadini

Dettagli

Corso Immigrazione Operatori Sindacali. La legislazione

Corso Immigrazione Operatori Sindacali. La legislazione Corso Immigrazione Operatori Sindacali La legislazione Ingresso in Italia Ingresso per brevi periodi Ingresso per soggiorno di lunga durata. Ingresso per Ricongiungimento familiare Ingresso per breve durata

Dettagli

la procedura italiana di ricongiungimento familiare e le relative criticità

la procedura italiana di ricongiungimento familiare e le relative criticità la procedura italiana di ricongiungimento familiare e le relative criticità Procedura ai sensi del Decreto Legislativo 8 gennaio 2007 n. 5 relativa al diritto al ricongiungimento familiare, come emendato

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI DEI CENTRI PER L IMPIEGO NEI CONFRONTI DEGLI UTENTI STRANIERI. a cura di Sonia Spazzini

GLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI DEI CENTRI PER L IMPIEGO NEI CONFRONTI DEGLI UTENTI STRANIERI. a cura di Sonia Spazzini GLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI DEI CENTRI PER L IMPIEGO NEI CONFRONTI DEGLI UTENTI STRANIERI a cura di Sonia Spazzini Premessa E necessario definire quali siano gli utenti stranieri rispetto ai Centri

Dettagli

DIRITTO ALL UNITÀ FAMILIARE PREMESSA: LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO

DIRITTO ALL UNITÀ FAMILIARE PREMESSA: LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO DIRITTO ALL UNITÀ FAMILIARE A cura di Massimo Pastore e Manuela Spadaro - Associazione per gli Studi Giuridici sull'immigrazione (ultimo aggiornamento: gennaio 2009) PREMESSA: LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Dettagli

Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale

Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale Roma 2010 Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni Nostre

Dettagli

SOGGETTI CHE POSSONO INOLTRARE LA RICHIESTA DI RICONGIUNGIMENTO

SOGGETTI CHE POSSONO INOLTRARE LA RICHIESTA DI RICONGIUNGIMENTO RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE L ingresso per ricongiungimento familiare è possibile previo rilascio del visto per ricongiungimento familiare che consente l ingresso in Italia, ai fini di un soggiorno di lunga

Dettagli

CONVEGNO MEDICINA DEL MIGRANTE. 29 novembre 2013. Auditorium casa dell economia - Lecco

CONVEGNO MEDICINA DEL MIGRANTE. 29 novembre 2013. Auditorium casa dell economia - Lecco CONVEGNO MEDICINA DEL MIGRANTE 29 novembre 2013 Auditorium casa dell economia - Lecco Intervento della dott.ssa Laura Maria Motolese sul tema Normativa concernente la disciplina dell immigrazione e il

Dettagli

Dalle Notizie in evidenza

Dalle Notizie in evidenza Dalle Notizie in evidenza COSA FARE PER Diritto di soggiorno: le regole per i cittadini comunitari e i loro familiari Il diritto di ingresso e soggiorno nel territorio italiano da parte dei cittadini dell'unione

Dettagli

I.N.P.S. Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

I.N.P.S. Istituto Nazionale della Previdenza Sociale I.N.P.S. Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Polo del welfare Unico interlocutore per i servizi di previdenza e assistenza dopo l integrazione di attività e funzioni dell Inpdap e dell Enpals MEDIATO

Dettagli

ISCRIZIONE ANAGRAFICA DEI CITTADINI COMUNITARI

ISCRIZIONE ANAGRAFICA DEI CITTADINI COMUNITARI ISCRIZIONE ANAGRAFICA DEI CITTADINI COMUNITARI INFORMAZIONI PER RICHIESTA DI RESIDENZA E RILASCIO ATTESTAZIONI (aggiornamento: marzo 2009) 1. ISCRIZIONE DI CITTADINO COMUNITARIO (dall'estero dopo l'11/04/2007)

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI ASSISTENZA SANITARIA AI CITTADINI STRANIERI

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI ASSISTENZA SANITARIA AI CITTADINI STRANIERI LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI ASSISTENZA SANITARIA AI CITTADINI STRANIERI Le presenti Linee Guida fanno riferimento alla normativa nazionale vigente in materia di assistenza

Dettagli

CIRCOLARE N^ 10/2008 Roma, 3 novembre 2008 Protocollo: n. 650/C.3.01/04

CIRCOLARE N^ 10/2008 Roma, 3 novembre 2008 Protocollo: n. 650/C.3.01/04 Ministero dell Interno - Dipartimento per le libertà ' civili e l'immigrazione - Ufficio II - Affari Legislativi e Parlamentari CIRCOLARE N^ 10/2008 Roma, 3 novembre 2008 Protocollo: n. 650/C.3.01/04 Al

Dettagli

DOCUMENTI OCCORRENTI PER L ISCRIZIONE IN ANAGRAFE DEI CITTADINI DELL UNIONE EUROPEA:

DOCUMENTI OCCORRENTI PER L ISCRIZIONE IN ANAGRAFE DEI CITTADINI DELL UNIONE EUROPEA: CITTA di Provincia di Torino Ufficio Anagrafe IVREA DOCUMENTI OCCORRENTI PER L ISCRIZIONE IN ANAGRAFE DEI CITTADINI DELL UNIONE EUROPEA: L iscrizione in anagrafe dei cittadini U.E. è obbligatoria per periodi

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA U.O.C. PROFESSIONISTI IN CONVENZIONE Via Murari Bra 35/B 37136 VERONA tel. 045/8075748 fax 045/8075759 SCHEDA OPERATIVA N. 2/2014 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSISTENZA SANITARIA AD EXTRACOMUNITARI REGOLARMENTE

Dettagli

STRANIERI E SERVIZI DEMOGRAFICI. Casistiche ricorrenti

STRANIERI E SERVIZI DEMOGRAFICI. Casistiche ricorrenti STRANIERI E SERVIZI DEMOGRAFICI Casistiche ricorrenti 2010 I PRESENTAZIONE Si ringraziano per la collaborazione e disponibilità nella stesura del manuale: Candida BRUTTI (Comune di Fucecchio) Luigi DANI

Dettagli

PREFETTURA e QUESTURA

PREFETTURA e QUESTURA PREFETTURA e QUESTURA Presentazione a cura di Donatella Giunti e Loredana Arena Assistente Sociale della Ispettore Capo della Prefettura di Torino Polizia di Stato Area IV Diritti Civili, Cittadinanza,

Dettagli

REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI. Art. 77 TFUE

REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI. Art. 77 TFUE REQUISITI PER INGRESSO E SOGGIORNO INFERIORE A TRE MESI Art. 77 TFUE 1. L'Unione sviluppa una politica volta a: b) garantire il controllo delle persone e la sorveglianza efficace dell'attraversamento delle

Dettagli

Allegato 6. SERVIZIO CIVILE REGIONALE per STRANIERI Schema Permessi/carte di soggiorno, modalità di rilascio o rinnovo

Allegato 6. SERVIZIO CIVILE REGIONALE per STRANIERI Schema Permessi/carte di soggiorno, modalità di rilascio o rinnovo Allegato 6 SERVIZIO CIVILE REGIONALE per STRANIERI Schema Permessi/carte di soggiorno, modalità di rilascio o rinnovo NO MOTIVI DI LAVORO SUBORDINATO (non stagionale) durata come prevista dal contratto

Dettagli

IL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE

IL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE IL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE IL RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE È LA PROCEDURA NECESSARIA PER FAR ARRIVARE IN ITALIA I FAMILIARI I FAMILIARI DA RICONGIUNGERE Coniuge, non legalmente separato maggiore di anni

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASPETTATIVA PER LIBERA PROFESSIONE IN STRUTTURA ACCREDITATA QUESITI (posti in data 23 giugno 2014) Sono un medico ospedaliero con più di 25 anni di servizio. Vorrei presentare domanda di aspettativa

Dettagli

RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE - SCHEDA

RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE - SCHEDA RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE - SCHEDA L ingresso per ricongiungimento familiare è possibile previo rilascio del visto per ricongiungimento familiare che consente l ingresso in Italia, ai fini di un soggiorno

Dettagli

Libro verde sul diritto al ricongiungimento familiare per i cittadini di paesi terzi che vivono nell Unione Europea

Libro verde sul diritto al ricongiungimento familiare per i cittadini di paesi terzi che vivono nell Unione Europea Libro verde sul diritto al ricongiungimento familiare per i cittadini di paesi terzi che vivono nell Unione Europea Contributo di Soleterre-Strategie di Pace, Milano 1/3/2012 A cura di Giuliana Savy, consulente

Dettagli

Il diritto del lavoratore straniero all unità familiare

Il diritto del lavoratore straniero all unità familiare Il diritto del lavoratore straniero all unità familiare Le fonti Art. 29 Cost.: La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. Art. 8 CEDU: Ogni persona

Dettagli

Irregolarità e diritti alla persona in Italia e in Europa Filippo Scuto Corso Elettivo La salute della popolazione immigrata

Irregolarità e diritti alla persona in Italia e in Europa Filippo Scuto Corso Elettivo La salute della popolazione immigrata Irregolarità e diritti alla persona in Italia e in Europa Filippo Scuto Corso Elettivo La salute della popolazione immigrata 18 giugno 2013 - Aula Magna Clinica del Lavoro Premessa La gestione e la regolamentazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE DI NATURA OCCASIONALE O COORDINATA E CONTINUATIVA

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE DI NATURA OCCASIONALE O COORDINATA E CONTINUATIVA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE DI NATURA OCCASIONALE O COORDINATA E CONTINUATIVA Art. 1 Oggetto, finalità e ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Oggetto: Accesso all assistenza sanitaria per i cittadini comunitari

Oggetto: Accesso all assistenza sanitaria per i cittadini comunitari 14 Gennaio 2008 Ministro della Salute Ministro dell Interno Ministro della Solidarietà sociale Ministro per i Diritti e le pari opportunità Ministro per le Politiche per la famiglia Ministro per gli Affari

Dettagli

Puoi chiedere informazioni e aiuto a questo numero gratuito: 800.290.290. (24 ore su 24) ti risponderanno nella tua lingua

Puoi chiedere informazioni e aiuto a questo numero gratuito: 800.290.290. (24 ore su 24) ti risponderanno nella tua lingua Se ti hanno condotta in Italia con un contratto di lavoro per motivi artistici e ti hanno fatto avere un permesso di soggiorno con questa dicitura: all art. 27, lett. n) del D. Lgs. 286/1998, sei vincolata

Dettagli

GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO

GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO IN QUESTA GUIDA TROVERAI INFORMAZIONI SUI DIVERSI TIPI DI PERMESSO DI SOGGIORNO, SU COME PRESENTARE DOMANDA E RINNOVARE, SUGLI ALTRI DOCUMENTI NECESSARI (RESIDENZA, CARTA

Dettagli

Cittadini dell Unione europea e loro familiari extracomunitari. Familiari extracomunitari di cittadini italiani.

Cittadini dell Unione europea e loro familiari extracomunitari. Familiari extracomunitari di cittadini italiani. Cittadini dell Unione europea e loro familiari extracomunitari. Familiari extracomunitari di cittadini italiani. Il Decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 30 che recepisce la direttiva 2004/38/CE stabilisce

Dettagli

nei confronti di: IMPUTATO tratteneva nel territorio dello Stato,in violazione delle disposizioni dello stesso

nei confronti di: IMPUTATO tratteneva nel territorio dello Stato,in violazione delle disposizioni dello stesso SENTENZA N. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI ROMA I SEZIONE PENALE DIBATTIMENTALE Il Giudice di Pace dott.ssa CHIASSAI Cristina Alla pubblica udienza del 16.06.2011 SENTENZA

Dettagli

La Condizione giuridica dei minori stranieri in Italia

La Condizione giuridica dei minori stranieri in Italia La Condizione giuridica dei minori stranieri in Italia Laura De Carlo La Laura De Carlo 22.04.2015 2.2015 Nozione di Minore Straniero Minore Straniero o Straniero Minorenne? Minore: accertamento dell et

Dettagli

P.A.S.S. - Porta di Accesso ai Servizi Sociali

P.A.S.S. - Porta di Accesso ai Servizi Sociali Documenti richiesti per il RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO SUBORDINATO Fotocopia dell ultimo CUD e delle ultime due busta paga; Per chi è stato assunto prima del 15/11/2011: fotocopia del

Dettagli

LAVORO, PRESTAZIONI SOCIALI E DISCRIMINAZIONE

LAVORO, PRESTAZIONI SOCIALI E DISCRIMINAZIONE LAVORO, PRESTAZIONI SOCIALI E DISCRIMINAZIONE Padova, marzo 2013 Avv. Alberto Guariso www.studiodirittielavoro.it Qualche premessa: Parliamo della discriminazione non in senso di stigma sociale, ma di

Dettagli

LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO

LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO ALLEGATO A LINEE-GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER IL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL'ASILO 1) I servizi finanziati I beneficiari dei servizi finanziati con il

Dettagli

http://www.poliziadistato.it/pds/ps/immigrazione/carta_soggiorno_cittadini_ue.htm Sito Polizia di Stato

http://www.poliziadistato.it/pds/ps/immigrazione/carta_soggiorno_cittadini_ue.htm Sito Polizia di Stato DIRITTO DI INGRESSO E SOGGIORNO DEI CITTADINI DELL'UNIONE E LORO FAMILIARI - RICHIESTA DI ISCRIZIONE ANAGRAFICA ED ATTESTAZIONE DI SOGGIORNO PERMANENTE http://www.comune.gonzaga.mn.it http://www.poliziadistato.it/pds/ps/immigrazione/carta_soggiorno_cittadini_ue.htm

Dettagli

L ASSISTENZA SANITARIA AI RICHIEDENTI ASILO E AI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014. Avv. Anna Brambilla - ASGI

L ASSISTENZA SANITARIA AI RICHIEDENTI ASILO E AI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014. Avv. Anna Brambilla - ASGI L ASSISTENZA SANITARIA AI RICHIEDENTI ASILO E AI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014 Avv. Anna Brambilla - ASGI ASSISTENZA SANITARIA E SOCIALE (art. 27 d.lgs 251/07) I

Dettagli

da esibire in fotocopia in aggiunta agli originali il giorno della convocazione presso l Ufficio Immigrazione della Questura

da esibire in fotocopia in aggiunta agli originali il giorno della convocazione presso l Ufficio Immigrazione della Questura DOCUMENTI PER IL RILASCIO/RINNOVO DEI PERMESSI DI SOGGIORNO IN FORMATO CARTACEO O ELETTRONICO LA CUI ISTANZA VA PRESENTATA PRESSO LA QUESTURA DI TREVISO UFFICIO IMMIGRAZIONE da esibire in fotocopia in

Dettagli

Art. 1 OGGETTO. Art. 2 SOGGETTI ISCRIVIBILI

Art. 1 OGGETTO. Art. 2 SOGGETTI ISCRIVIBILI REGISTRO PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE: MODALITA PER L ISCRIZIONE, LA CANCELLAZIONE E LA REVISIONE. REGOLAMENTO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO N. DEL Art. 1 Oggetto Art. 2 Soggetti

Dettagli

P.A.S.S. - Porta di Accesso ai Servizi Sociali

P.A.S.S. - Porta di Accesso ai Servizi Sociali Documenti richiesti per il RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO PER LAVORO SUBORDINATO Fotocopia dell ultimo CUD (oppure 730 o Mod. Unico) e delle ultime due busta paga; Per chi è stato assunto prima del

Dettagli

FAX URGENTE. c.a. Ministro della Salute On. Livia TURCO. c.a. Sottosegretario Ministero dell Interno On. Marcella LUCIDI

FAX URGENTE. c.a. Ministro della Salute On. Livia TURCO. c.a. Sottosegretario Ministero dell Interno On. Marcella LUCIDI Associazione On the Road onlus Martinsicuro, 3 luglio 2007 Prot. n. 256/07/OTR FAX URGENTE c.a. Ministro della Salute On. Livia TURCO c.a. Sottosegretario Ministero dell Interno On. Marcella LUCIDI p.c.

Dettagli

GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO

GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO GUIDA AL PERMESSO DI SOGGIORNO IN QUESTA GUIDA TROVERAI INFORMAZIONI SUI DIVERSI TIPI DI PERMESSO DI SOGGIORNO, SU COME PRESENTARE DOMANDA E RINNOVARE, SUGLI ALTRI DOCUMENTI NECESSARI (RESIDENZA, CARTA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna. (Sezione Prima)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna. (Sezione Prima) N. 00018/2016 REG.PROV.COLL. N. 00651/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna (Sezione Prima) ha pronunciato la presente

Dettagli

Regolare / Irregolare

Regolare / Irregolare Regolare / Irregolare Ingresso regolare (rispetto delle norme sui visti) Richiesta del permesso di soggiorno entro 8 giorni dall ingresso Rinnovo del permesso entro 60 giorni dalla scadenza Ingresso clandestino

Dettagli

SCHEDA SINTETICA "Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo" ART. 65, 66 LEGGE 448/1998

SCHEDA SINTETICA Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo ART. 65, 66 LEGGE 448/1998 SCHEDA SINTETICA "Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo" ART. 65, 66 LEGGE 448/1998 SCOPO E OBIETTIVO La legge in esame, in particolare l art. 65 e 66, concerne l erogazione di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI D INTEGRAZIONE AL REDDITO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI D INTEGRAZIONE AL REDDITO IV Settore Viale dell Università, 2/A - Tel. 0824772688 Fax 0824326211 E-Mail: ufficiodipianob1@libero.it REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI D INTEGRAZIONE AL REDDITO Approvato con Delibera

Dettagli

Novità in materia di permessi di soggiorno

Novità in materia di permessi di soggiorno CIRCOLARE A.F. N. 71 del 20 Maggio 2014 Novità in materia di permessi di soggiorno Ai gentili clienti Loro sedi Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che è stato pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

COME SI ENTRA COME SI ENTRA NELL AREA SCHENGEN COME SI ENTRA IN ITALIA IL VISTO CASO PER CASO LA DOMANDA DEL VISTO LA FRONTIERA

COME SI ENTRA COME SI ENTRA NELL AREA SCHENGEN COME SI ENTRA IN ITALIA IL VISTO CASO PER CASO LA DOMANDA DEL VISTO LA FRONTIERA COME SI ENTRA 1. COME SI ENTRA NELL AREA SCHENGEN 2. COME SI ENTRA IN ITALIA 3. IL VISTO 4. CASO PER CASO LA DOMANDA DEL VISTO 5. LA FRONTIERA COME SI ENTRA (1) Gli accordi puntano a realizzare uno spazio

Dettagli

Procedura per il ricongiungimento familiare

Procedura per il ricongiungimento familiare Associazione Amici della Casa di Accoglienza Casa di Betania ONLUS Via Carducci 4, 20089 Rozzano (MI) Tel. 02-30910226 www.casadibetania.org - accoglienza@casadibetania.org Procedura per il ricongiungimento

Dettagli

Comune di Avigliana. Provincia di Torino

Comune di Avigliana. Provincia di Torino Comune di Avigliana Provincia di Torino REGOLAMENTO Per le prestazioni sociali e per l applicazione dell I.S.E.E. (Indicatore Situazione Economica Equivalente) Approvato dal Consiglio Comunale in data

Dettagli

RESIDENTI DI LUNGO PERIODO

RESIDENTI DI LUNGO PERIODO RESIDENTI DI LUNGO PERIODO Direttiva 2003/109 sui c.d. residenti di lungo periodo # si occupa della condizione giuridica di un soggetto residente (in maniera continuativa e regolare) da almeno cinque anni

Dettagli

POLIZIA LOCALE CIRCOLARE n 11 Servizio Giuridico 26 luglio 2007. OGGETTO: Ingresso in Italia di cittadini Comunitari e loro familiari.

POLIZIA LOCALE CIRCOLARE n 11 Servizio Giuridico 26 luglio 2007. OGGETTO: Ingresso in Italia di cittadini Comunitari e loro familiari. POLIZIA LOCALE CIRCOLARE n 11 Servizio Giuridico 26 luglio 2007 BEZ/fl OGGETTO: Ingresso in Italia di cittadini Comunitari e loro familiari. Il decreto legislativo 6 febbraio 2007 n. 30 recante Attuazione

Dettagli

In tale ultimo caso, il Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali invierà, con successiva ci

In tale ultimo caso, il Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali invierà, con successiva ci Con il decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 30, di recepimento nell ordinamento nazionale della direttiva comunitaria n. 2004/38/CE, sono state disciplinate le modalità d esercizio del diritto di libera

Dettagli

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE [PIÙ BENEFICIARI] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione

Dettagli

CONVERSIONE PERMESSO DI SOGGIORNO QUADRO RIASSUNTIVO PRINCIPI GENERALI (*)

CONVERSIONE PERMESSO DI SOGGIORNO QUADRO RIASSUNTIVO PRINCIPI GENERALI (*) CONVERSIONE PERMESSO DI SOGGIORNO QUDRO RISSUNTIVO PRINCIPI GENERLI (*) )IL PERMESSO DI SOGGIORNO CE PER SOGGIORNNTI DI LUNGO PERIODO CONSENTE DI SVOLGERE NEL TERRITORIO DELLO STTO OGNI TTIVIT LVORTIV

Dettagli

Prof. Luigi Daniele e dott. Roberto Cisotta

Prof. Luigi Daniele e dott. Roberto Cisotta Prof. Luigi Daniele e dott. Roberto Cisotta Il caso Dano: il quadro giuridico (I) Assistenza sociale: bisogno come criterio essenziale di applicazione e per l erogazione delle relative prestazioni non

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

1. NUOVE MODALITA DI ACCERTAMENTO DEI PERIODI DI SOGGIORNO IN SEDE DEI FAMILIARI A CARICO DEL PERSONALE IN SERVIZIO ALL ESTERO

1. NUOVE MODALITA DI ACCERTAMENTO DEI PERIODI DI SOGGIORNO IN SEDE DEI FAMILIARI A CARICO DEL PERSONALE IN SERVIZIO ALL ESTERO C/X/63 DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI AMMINISTRATIVI, DI BILANCIO E IL PATRIMONIO UFFICIO IV Roma, 27 dicembre 2004 Circolare n. 8 ================================ OGGETTO Maggiorazione per situazione

Dettagli

Le domande più frequenti

Le domande più frequenti Le domande più frequenti ACQUISTO E RISCOSSIONE VOUCHER: 1. Che cosa si intende per prestazioni occasionali di tipo accessorio? Per qualificare le prestazioni occasionali di tipo accessorio si deve fare

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Le condizioni di salute degli immigrati irregolari, tra diritti esistenti e diritti negati

Le condizioni di salute degli immigrati irregolari, tra diritti esistenti e diritti negati Le condizioni di salute degli immigrati irregolari, tra diritti esistenti e diritti negati di Veronica Merotta Università degli Studi di Milano 16 giugno 2015 Una riflessione Una riflessione Quali sono

Dettagli

ISCRIZIONE CITTADINI COMUNITARI

ISCRIZIONE CITTADINI COMUNITARI ISCRIZIONE CITTADINI COMUNITARI Decreto legislativo n. 30, del 6 febbraio 2007 CIRCOLARE Attuazione della direttiva 2004/38/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 relativa al diritto

Dettagli