Sergio Bocchini 175 SCHEDE. TEMATICHE per l insegnamento della Religione nella scuola superiore VOLUME UNICO. EDB Edizione Dehoniane Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sergio Bocchini 175 SCHEDE. TEMATICHE per l insegnamento della Religione nella scuola superiore VOLUME UNICO. EDB Edizione Dehoniane Bologna"

Transcript

1 Sergio Bocchini 175 SCHEDE TEMATICHE per l insegnamento della Religione nella scuola superiore VOLUME UNICO

2 Sergio Bocchini 175 SCHEDE TEMATICHE per l insegnamento della Religione nella scuola superiore VOLUME UNICO EDIZIONI DEHONIANE BOLOGNA

3 Questo volume fa parte del PROGETTO EDB SCUOLA. Coordinamento editoriale: PIERLUIGI CABRI Redazione: PIERLUIGI CABRI E GIORGIA MONTANARI Ricerca iconografica: GIORGIA MONTANARI Illustrazioni interne al volume e copertina: MIGUEL HERRANZ Per i testi biblici: 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco D Assisi e Caterina da Siena. L editore è a disposizione degli aventi diritto che non è stato possibile contattare, nonché per eventuali involontarie inesattezze nella citazione delle fonti iconografiche riprodotte nel seguente volume. Le riproduzioni per uso differente da quello personale potranno avvenire, per un numero di pagine non superiore al 15% del presente volume, solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, via delle Erbe Milano, telefax , Proprietà artistica e letteraria riservata nell impostazione, nel testo e nell impaginazione Centro editoriale dehoniano via Nosadella, Bologna EDB Progetto grafico e impaginazione: PH5, CENTO (FE) Collaborazione edizione 2009: SAETTI, BOLOGNA Coordinamento tecnico: TONINO COMMISSARI Fotolito: SAETTI, BOLOGNA

4 175 schede tematiche «Nella nostra famiglia non siamo credenti, ma desidero che mia figlia riceva una corretta informazione religiosa. Ne abbiamo discusso e sono contenta che abbia deciso di avvalersi dell insegnamento della religione a scuola. Per scegliere bisogna pur conoscere; e poi la religione nelle sue varie forme e manifestazioni ha molto da dire e da insegnare sull umanità. Momenti di riflessione e di confronto sui grandi temi esistenziali, etici e spirituali aiutano certamente i ragazzi a crescere dentro. Trovo che non sia per niente educativo chiedere a una/un ragazza/o se vuol fare un ora di scuola in più o se preferisce andare a spasso. Si dovrebbe almeno metterla/o di fronte a delle alternative serie; così si favoriscono solo il disimpegno e l ignoranza». Presentazione Penso che il ragionamento di questa mamma esprima, meglio di tanti discorsi e polemiche fatti in questi anni, le finalità e il senso dell ora di religione nella scuola italiana. Certo le modalità e le forme potranno essere riviste; si può pensare a un insegnamento che risponda maggiormente alle esigenze sempre più pluraliste della società italiana, ma è bene prendere atto che quest ora pur con tutti i limiti e le difficoltà è uno spazio significativo di confronto culturale e di crescita, in una scuola sempre più arida nel proporre valori educativi e povera in umanità. Il volume che avete in mano vuol essere, in un momento di transizione della scuola superiore, una proposta di educazione religiosa aperta a tutti. Le singole schede sono state pensate per un ora di lezione settimanale (circa 35 ore annuali), puntando su contenuti sintetici ed essenziali, con numerosi stimoli, tracce di lavoro, sussidid finalizzati a educare persone attente anche alle cose che non si vedono e a formare cittadini responsabili. Nella sua struttura generale il sussidio ripropone le 70 e 105 Schede tematiche pubblicate nel 2007, ora riunite insieme e suddivise in due parti: la prima presenta gli elementi essenziali della cultura religiosa, la seconda delle tematiche di approfondimento. Le Schede partono sempre dal vissuto del ragazzo, dalle sue domande più profonde, dai suoi sogni, paure e speranze... invitandolo a confrontarsi con la dimensione spirituale e religiosa. Ampio spazio viene dato alla conoscenza diretta delle principali religioni dell umanità, in particolare del cristianesimo, in quanto patrimonio condiviso della nostra storia e cultura. Didatticamente le schede si presentano come un testo-laboratorio: prevedono la partecipazione attiva degli alunni, ma lasciando molto spazio alla libertà dell insegnante e alla creatività dei ragazzi. Per questo ogni scheda propone un ampia scelta di spunti per la riflessione e la discussione, suggerimenti didattici, indicazioni per l approfondimento tradizionale e multimediale. Tutto il materiale offerto viene dal mondo della scuola, in cui è stato elaborato e sperimentato in molti anni di insegnamento; ma ogni scheda, perché possa lasciare un segno, dovrà essere calata nella realtà delle classi, personalizzata e in qualche modo riscritta dagli alunni, insieme al loro insegnante. Solo così l ora di religione potrà essere sempre più significativa nella scuola, perché avrà il coraggio di camminare seppur in punta di piedi sui sogni e le speranze più profonde dei ragazzi. Come è bello e logico che sia, anche dietro queste pagine ci sono la creatività, l amicizia, la collaborazione e l affetto di tante persone. Il mio grazie va a tutti, a p. Pierluigi Cabri delle EDB che fin dalle prime Schede ha creduto al valore di questo lavoro, ma soprattutto ai miei alunni, di ieri e di oggi; in particolare all attuale IIB del Liceo Classico «Newton» di Chivasso (TO), che ha rivisto e corretto parte di queste schede. 3

5 PRIMA PARTE Elementi di cultura religiosa di base 1. TRA PAURE E SPERANZE Accoglienza SCHEDE 1-5 Controcorrente SCHEDE 6-14 I valori dell uomo SCHEDE TU CI CREDI IN DIO? La dimensione spirituale SCHEDE Cosa vuol dire credere? SCHEDE Religione e religioni SCHEDE GESÙ E IL CRISTIANESIMO Conosci Gesù? SCHEDE Il messaggio evangelico SCHEDE La fede cristiana SCHEDE ZOOM SUL CRISTIANESIMO 2 Schede di approfondimento 16 Schede artistiche SECONDA PARTE Approfondimenti di tematiche religiose 1. GIOVANI IN RICERCA Accoglienza SCHEDE I «perché?» dei giovani SCHEDE Dio, dove sei? SCHEDE 86-90

6 2. LA RISPOSTA DELLE RELIGIONI Vivere secondo le religioni SCHEDE La sapienza cristiana SCHEDE UN TESORO CHE APPARTIENE A TUTTI Conoscere la Bibbia SCHEDE Vista da vicino SCHEDE COME VIVERE? Quale etica? SCHEDE I Comandamenti SCHEDE Approfondimenti etici SCHEDE CITTADINI DEL MONDO La terra è di tutti SCHEDE Una sola razza: l umanità SCHEDE LE RELIGIONI S INCONTRANO A dialogare s impara SCHEDE APPENDICE ZOOM SUL CRISTIANESIMO 13 Schede di approfondimento c BREVE DIZIONARIO RELIGIOSO FORMULE TRADIZIONALI DELLA DOTTRINA CATTOLICA

7

8 Prima Parte Elementi di cultura religiosa di base

9 1 8 «Mi chiedi cos è l ora di religione? Ti rispondo dicendo quello che è per me: un momento di riflessione, di confronto e di crescita. Ma la riuscita dell ora dipende anche da te». (il tuo prof.) TRA PAURE E SPERANZE/Accoglienza perché la religione a scuola? 1 PER EDUCARCI (da educere = tirar fuori) a essere uomini e donne responsabili (di se stessi, degli altri, dell ambiente). «Una scuola senza amore della verità distrugge la persona. Studiano per il registro, per la pagella, per il diploma. E intanto si distraggono dalle cose belle che studiano. Tutto diventa voto e null altro. Considerano il gioco e le vacanze come un diritto. La scuola come un sacrificio. Non hanno mai sentito dire che a scuola si va per imparare e che andarci è un privilegio. Il maestro è per loro dall altra parte della barricata e conviene ingannarlo». (don Milani) 4 CHE TU POSSA... Questo brano è una preghiera attribuita a san Bernardo ( ). Indipendentemente dal tuo essere credente o meno, cerca di far tesoro di questa saggezza. 2 PER CONFRONTARCI con la dimensione più profonda dell uomo e delle culture: quella spirituale e religiosa. «Nessuno può pretendere di conoscere l umanità senza conoscere le sue fedi». (N. Smart) 8 «Possa ognuno di noi avere la serenità di accettare le cose che non si possono cambiare, il coraggio di cambiare le cose che si possono cambiare, e la saggezza di riconoscere le une dalle altre». Buon anno scolastico! 3 «Non si vede bene che con il cuore. L essenziale è invisibile agli occhi». (A. de Saint-Exupéry) PER COMUNICARCI le nostre paure, i sogni, le speranze (e scoprire che sono le paure, i sogni e le speranze anche degli altri). «È proprio la possibilità di realizzare un sogno che rende la vita interessante». (P. Coelho) «Si cresce e si diventa uomini con i progetti, con le aspirazioni e con gli ideali: la scuola deve inventare, distribuire ideali, come pane per il futuro». (V. Andreoli)

10 TRA PAURE E SPERANZE/Accoglienza «Basta con la laicità degli incompetenti; si rischia che i ragazzi escano dalla scuola totalmente indifferenti al fatto religioso, incapaci di capire la cattedrale di Chartres o il Don Giovanni di Mozart. La conoscenza del fatto religioso è perfettamente nel quadro della scuola laica e repubblicana». (Jack Lang, ex ministro dell educazione in Francia, in La Stampa, 18 maggio 2002, p. 28) NO ALL IGNORANZA! «Se di fatto la Bibbia ha inciso nella nostra civiltà più dell Iliade e dell Odissea, perché studiare queste ultime e non il libro della tradizione ebraico-cristiana? Se il cristianesimo, in particolare il cattolicesimo, fa parte del patrimonio storico e culturale del nostro Paese, perché non approfondire a scuola anche questi aspetti? Si può essere credenti o non credenti ma, prima di tutto, non si deve essere ignoranti». (Un gruppo di laici che sostengono la cultura religiosa a scuola) a che «serve?» Prof.? «Prof., non se la prenda, ma ogni tanto ci chiediamo a che serve l ora di religione. L italiano è fondamentale perché è la nostra lingua; la matematica anche se ne faremmo volentieri a meno la dobbiamo studiare per forza, ma l ora di religione... a che serve?». (Studenti diretti e poco diplomatici) Se la questione la mettete su questo piano, vi dico subito che l ora di religione non «serve», almeno nel senso che intendete voi. Non «serve» a migliorare le vostre conoscenze di matematica o di lingua, né concorre a migliorare la vostra media in pagella. Se per voi sono importanti solo le cose che «servono», ho paura che non solo non ci capiremo, ma che non apprezzerete nemmeno un mucchio di cose belle e fondamentali nella vita. In fondo a che serve la musica? Certamente campa (e magari meglio di altri) anche chi non sa niente di musica e non conosce nemmeno una nota. Ma gli manca tutto un mondo! Allo stesso modo, che utilità c è nel leggere una poesia, parlare un ora con un amico o fermarsi a contemplare un tramonto? Quanta gente muore senza aver mai apprezzato tutto questo? Ma ha «vissuto» o si è limitata a «sopravvivere»? Credo di non essere affatto l unico a pensare che nella vita si può «sopravvivere» senza tante cose, ma non senza avere un perché. La religione sostiene di avere qualcosa di importante da dire sul senso e sul significato della vita. Non è un motivo sufficiente per darle un po di spazio e ascoltare le sue proposte? È ovvio che si tratta di «proposte», non di «imposizioni»... ^ Per la riflessione e l approfondimento «Si può essere credenti o non credenti ma, prima di tutto, non si deve essere ignoranti!». Che ne pensi? Può diventare la nostra frase di riferimento, la base di partenza comune a tutta la classe? C è un antico proverbio semitico* che dice: «Chi sa tace, chi non sa parla, chi vuol sapere domanda». Può essere un atteggiamento da tenere in classe? 9

11 TRA PAURE E SPERANZE/Accoglienza 3 8 «Il più grande esploratore non compie viaggi così lunghi come chi discende nel profondo del proprio cuore». ( Julien Green) aperti al mistero Un poeta persiano ha paragonato l universo a un antico manoscritto, del quale la prima e l ultima pagina sono andate perdute. Nessuno sa dire con certezza come il libro incominciasse, né sappiamo come presumibilmente finirà; ma da quando l uomo ha raggiunto la consapevolezza di se stesso, ha sempre tentato di scoprire quelle pagine perdute. Questa ricerca ha assunto molteplici forme e nomi: filosofia, astronomia, poesia, letteratura, arte, musica, religione... tanti modi diversi per trovare una risposta a quelle pagine mancanti. Una delle esperienze più profonde che hanno fatto gli esseri umani fin dall alba della loro presenza sulla terra è stata quella di osservare il cielo stellato, cogliendone la bellezza e la maestosità. Proprio sollevando la testa e scrutando le profondità del proprio cuore gli uomini hanno intuito che doveva esserci qualcosa «al di là» di quello che vedevano con gli occhi o che sperimentavano con i loro sensi. Un qualcosa o qualcuno intuito come «oltre», diverso, misterioso. Questo mistero (che riguarda l universo, la vita, l uomo, le cose) è così grande da essere indicibile, ineffabile, cioè non descrivibile con le parole. Ecco perché la storia degli uomini di tutti i tempi e di tutte le culture ci documenta questa costante preoccupazione dell uomo di andare al di là dei propri bisogni immediati e di sollevare il capo in contemplazione (dimenticando la clava e abbracciando l altro). Le religioni non sono nient altro che la testimonianza di questo «mistero»: intuito in modi e forme diverse, chiamato con una multiforme varietà di nomi e di concetti, caratterizzato da momenti di grande fraternità ma anche da odi e da incomprensioni... Sempre però recepito come un «qualcosa» o «qualcuno» che è oltre, come un «legame» re-ligio, in latino che unisce l essere umano e la creazione alla stessa fonte della vita. cc Tracce di lavoro Lavoro di gruppo: Osservate la vignetta con attenzione: quali sono gli elementi che si ricollegano al mistero? Provate a elencarli: Lavoro in classe: Dopo aver scritto alla lavagna la parola «religione» andate a segnare tutto ciò che secondo voi si ricollega a questo termine (tecnica del brainstorming). 10

12 TRA PAURE E SPERANZE/Accoglienza 4 8 scuola di vita Tracce di lavoro Le schede 4 e 5 fanno parte dell Accoglienza: per vivere bene la scuola. Si consiglia di integrarle con iniziative e attività didattiche che hanno lo scopo di favorire la reciproca conoscenza all interno del gruppo-classe. Queste alcune delle attività possibili: ccc l autobiografia (una breve presentazione di se stessi, senza nome e cognome, che poi i compagni dovranno indovinare); esprimere la propria personalità con un disegno; videoforum. Chi sè Milani don Lorenzo ( ): grande figura di sacerdote e maestro, profeta scomodo per molti, anche per la Chiesa, a cui però fu sempre fedele. Dedicò gran parte del suo tempo alla scuola (prima a San Donato e poi a Barbiana), per dare agli operai e ai figli dei contadini una cultura e una dignità. Tra i suoi scritti: Lettera a una professoressa; L obbedienza non è più una virtù, sull obiezione di coscienza al servizio militare; Esperienze pastorali. di religione è prima di tutto un ora di scuola che, come tutti gli altri insegnamenti, ha la finalità di «formare» e «informare» delle persone e dei L ora cittadini. «L importanza della scuola si può capire solo quando non c è», diceva un vecchio missionario che continuava a investire soldi ed energie per impiantare scuole nei villaggi più sperduti nella foresta birmana. Aveva fatto suo il proverbio: «Meglio insegnare a pescare che regalare un pesce». Quel prete credeva nell uomo, creato «a immagine di Dio»; per questo lo voleva vedere libero. Non così l «estraneo come scrive il poeta africano Ndjock Ngana Yogo era senza scrupoli/ quando faceva lavorare i figli della capanna come muli,/ con la forza della frusta,/ la promessa del paradiso,/ o per soddisfare la propria cupidigia./ Ma peggio di tutto/ non iniziava mai al sapere:/ il sapere è mio, diceva l estraneo». Lo scopo della scuola è proprio quello di iniziarti al «sapere»; ma sappi che non ci vuole molto per sciupare certe opportunità. La gran parte del lavoro da fare dipende soprattutto da te. Ecco allora alcuni punti su cui riflettere con calma: La scuola più che un dovere è un diritto. Altro che: «Uffa, mi tocca andare a scuola!» o roba simile. È la tua grande occasione per crescere di testa e di cuore; e poi, di fronte ai milioni di analfabeti che ancora ci sono nel mondo, è anche un privilegio. Cerca di non dimenticartelo! Non si studia solo per il voto. Scriveva don Lorenzo Milani, riportando le testimonianze dei suoi ragazzi di Barbiana: «Dopo un mese della vostra scuola, l infezione aveva preso anche me. A scuola durante le interrogazioni sentivo il cuore fermarsi. Auguravo agli altri quello che per me non volevo. Durante la lezione non ascoltavo più. Pensavo già all interrogazione dell ora seguente. Le materie più belle e diverse tutte finalizzate lì. Come se non appartenessero a un mondo più vasto che non quel metro quadro tra la lavagna e la cattedra... I vostri ragazzi giorno per giorno studiano per il registro, per la pagella, per il diploma. E intanto si distraggono dalle cose belle che studiano» (Lettera a una professoressa). Il problema degli altri è uguale al mio. «Poi insegnando ai più piccoli è sempre una citazione di don Milani ho imparato tante cose. Per esempio che il problema degli altri è uguale al mio. Sortirne tutti insieme è la politica. Sortirne da soli è l avarizia». Anche questo fa parte dell insegnamento della scuola: educarti a essere e sentirti cittadino del mondo. La realtà è complessa e non bisogna fermarsi solo a quello che vediamo o sperimentiamo. Molte volte avremo modo di osservare quanto è importante nella vita imparare ad andare oltre o al di là delle cose che ci circondano. Anche questa educazione spetta alla scuola; non si può essere così miopi da pensare che ciò che è importante nella vita è solo ciò che possiamo sperimentare o vedere con i nostri occhi. 11

13 TRA PAURE E SPERANZE/Accoglienza 5 8 star bene a scuola 4Il decalogo di classe 1. Nel gruppo nessuno può dare o portare quello che devi dare o portare tu. 2. Non devi mai aspettare che parlino gli altri al tuo posto. 3. Rifletti prima di parlare; è vietato pensare a voce alta. 4. Accorgiti, con la tua sensibilità, se c è qualcuno che si trova male o non riesce a esprimere se stesso nel migliore dei modi... puoi aiutarlo. 5. Ogni essere umano non ha solo bisogno di amare, ma anche che lo si ami, che si creda in lui, nelle sue possibilità, che non lo si metta da parte, in solitudine... Non dire mai: «Con quello/a non c è più nulla da fare! Ho tentato tutto...». 6. Poiché anche tu puoi sbagliare, non si deve ridere o scherzare su quello che dicono gli altri. 7. Sappi ascoltare. Non etichettare i tuoi compagni in base ai loro successi o insuccessi. Tutti, ma proprio tutti, hanno qualcosa da insegnarti. 8. Nessuno è perfetto; ma devi volere che l altro si perfezioni e, soprattutto, aiutarlo a farlo. 9. Non potrai far vincere la tua squadra se tieni il pallone per te. Così non potrai migliorare la tua classe se pensi solo a te stesso, anzi, la renderai peggiore. 10. Ci vuole più di un giorno per conoscere un compagno di classe, e una buona amicizia non si costruisce in un momento. Va vissuta ogni giorno e dura solo se è vera. 12 La classe, a differenza del gruppo di amici, non si sceglie quasi mai, ma viene semplicemente estratta a sorte o imposta dall alto. Per questo è importante lavorare bene, fin dai primi giorni di scuola, perché la «classe» si trasformi in un gruppo di «buoni compagni di classe», se non di amici veri e propri. Ma tutto questo non si improvvisa e bisogna impegnarsi Per la riflessione e l approfondimento ^ «L altro non deve mai essere considerato un antagonista, un nemico, ma un compagno di squadra. Per stare bene a scuola bisogna saper giocare insieme, imparare a essere buoni compagni di classe». Sei d accordo con quanto afferma questo prof.? Perché, invece, a volte non è così? Quali sono le cause? Tra i vari punti del Decalogo di classe quali sono quelli che giudichi più difficili da mettere in pratica? seriamente, con l aiuto dei professori. Qui accanto troverete una proposta di «Decalogo di classe»: si tratta di un punto di partenza, di una traccia da modificare e da adattare alle esigenze del vostro gruppo-classe. Non posso studiare a stomaco vuoto «Ogni mattina, prima di andare a scuola devo andare ad attingere acqua a vari chilometri di distanza e spessissimo arrivo tardi a scuola. Quando ritorno a casa, ci sono sempre tanti lavori ad aspettarmi. Sono la più grande di cinque fratelli e mia madre ha sempre tanto da fare. Non ho mai abbastanza tempo per i compiti. I miei insegnanti mi puniscono, mi sgridano. Sembra che non capiscano il mio destino. Alla fine dell anno scolastico sono l ultima della classe. Mia madre dice che le dispiace molto continuare a pagare le tasse scolastiche, dal momento che non riesco mai a superare gli esami. Ma lei non sa che non riesco a concentrarmi a stomaco vuoto. Ho tanta fame e sono talmente stanca che non riesco a seguire ciò che l insegnante spiega...». (Una studentessa del Kenya)

14 TRA PAURE E SPERANZE/Accoglienza Laboratorio Nome Cognome per conoscerci Prova a presentarti. Scrivi tutto ciò che ritieni opportuno per farti conoscere. sez. Perché hai scelto di frequentare l'ora di religione? (indica al massimo due risposte) Mi è stato imposto Penso che la religione sia Sono credente una componente importante Ho avuto una buona esperienza della nostra cultura nella scuola precedente Mi piacerebbe conoscere meglio La frequentano la maggior parte la Bibbia dei miei amici Altro Vorrei conoscere meglio il cristianesimo e anche le altre religioni Che ricordo hai dell ora di religione, così come l hai vissuta fino a oggi? ottimo buono discreto pessimo Perché? Quali sono stati gli argomenti di religione che ti hanno coinvolto/a di più nei precedenti anni scolastici? Si garantisce un uso strettamente personale e riservato delle informazioni raccolte in questa scheda secondo le normative vigenti sulla privacy. Hai qualche tema che ti sta particolarmente a cuore e che vorresti fosse trattato in classe? Quale? 13

15 TRA PAURE E SPERANZE/Accoglienza Laboratorio «Se cerchi un confronto ai tuoi perché scegli l ora di religione». per riflettere Alla luce di quanto abbiamo detto nelle schede precedenti, commenta brevemente la vignetta qui sotto. Sei d accordo con quanto afferma Ball? Su quali «perché» vorresti confrontarti durante l ora di religione? Mettili in ordine di importanza Vi aiuterà «Una preparazione religiosa è importante, anche se dovesse avviare a una concezione della vita non religiosa. È importante perché: stabilisce l esistenza di problemi centrali, metafisici e morali; esige una sistematica introspezione, una continua resa dei conti delle proprie idee e delle proprie azioni; richiede un concetto sociale della propria vita, un intuizione organica di essa e del mondo. Una religione così intesa, potrà fare di vostro figlio un credente oppure no, indubbiamente vi aiuterà a farne un uomo». (Bruno Ball, Il mestiere di padre, La Nuova Italia) 14

16 6 8 TRA PAURE E SPERANZE/Controcorrente ragazzi allo specchio Dicono gli esperti «È finita l epoca delle mammeamiche: il tentativo di superare le generazioni si è rivelato un errore. Che affinità ci può essere tra una mamma di 40 anni e una figlia di 15? Gli adulti hanno perso autorevolezza, la stima dei genitori è in caduta libera. Perché i ragazzini oggi sono straordinariamente diversi: più liberi, meno ideologici, sessualmente più tranquilli, più intelligenti. Il risultato? Un grande silenzio reciproco. Restano solo i coetanei. Ma il gruppo, l amico del cuore, non sempre funzionano: l autarchia giovanile, il fai-da-te del tutti insieme alla fine si trasforma nel faccio da solo. Perché la comunicazione tra adolescenti è carente, hanno i nostri stessi difetti: gli abbiamo insegnato che non si deve essere solidali. E loro hanno imparato prestissimo a essere egoisti. In discoteca c è una vicinanza solo fisica, poi, quando si passa all aiuto concreto, i mille amici del sabato sera spariscono». (Paolo Crepet, psicologo dell età evolutiva) «Anche se un ragazzo stima i genitori e magari li ammira, fa fatica a rivolgersi a loro per avere rassicurazione e appoggio: può sembrargli un cedimento, una regressione alla dipendenza infantile, oppure l infrangersi della propria sfera di privacy e autonomia, tanto faticosamente conquistate. E così, spesso anche il più aperto e illuminato dei genitori rimane nell angolo». (Irene Bernardini, psicoterapeuta) BACIO «Si dice che il primo bacio non si scorda mai. Il mio risale a 14 mesi e sei giorni fa: è successo nelle ultime file del Ritz, durante un film dell orrore che faceva una paura blu. È stato con Simon, alto, bruno e bello, un tipo che mi ispirava una libidine senza fine. Ma poi ha detto a tutti i suoi compari che io sono una che ci sta e che saremmo arrivati al dunque all uscita successiva. Invece, io sono arrivata alla fermata dell autobus e l ho salutato. Tié». GENITORI «Fonte di costanti preoccupazioni e paure per qualunque adolescente, che in genere non ha abbastanza genitori (vedi orfani, famiglie con un solo genitore ecc.) o ne ha troppi (vedi secondi o terzi matrimoni, patrigni cattivi, ecc.)». IDOLI «I miei sono Marilyn Monroe e James Dean. Trattasi, pare, di un esempio classico di necrofilia culturale. In parole povere, noi amiamo tutti gente morta. Una cosa molto, molto preoccupante». LLLOOOVVVEEE «(Amore all ennesima potenza): Io passo la maggior parte delle mie giornate altalenando tra gioia (aaahh) e terrore (aaarrgg), specialmente se rileggo la lettera di Daniel. Sto scoprendo che la combinazione looove e scuola non è delle più felici. Non combino quasi un tubo». FEDE «Credo in Dio. Penso che ci deve essere qualcuno che ha creato il mondo, anche se sono molto confusa e non so». ^Per la riflessione e l approfondimento Ti riconosci nelle frasi prese dal diario di Letty, Come sopravvivere agli anni migliori della nostra vita? Cosa ne pensi di ciò che affermano gli esperti? C è qualcosa che vorresti dire ai tuoi genitori (o insegnanti)? Prova a scriverlo su un bigliettino. 15

17 7 8 «Affrontare la realtà, ma non accettare le cose come stanno; sognare come dovrebbero essere». 4 (J. Jackson, leader statunitense nero) REALIZZARE LA PROPRIA LEGGENDA PERSONALE tra sogni e speranze Anche se non sempre è facile intuirlo, nella vita di ognuno di noi c è un «progetto» divino che occorre portare a compimento, contribuendo a realizzarlo con la nostra piena partecipazione, con gioia e senza paura dei rischi che potrà comportare (vedi sotto il brano di P. Coelho). Sempre nel romanzo citato c è questo dialogo tra il ragazzo protagonista e l Alchimista: «Ma il mio cuore ha paura di soffrire, disse il ragazzo mentre guardavano il cielo senza luna. Digli che la paura di soffrire è assai peggiore della stessa sofferenza. E che nessun cuore ha mai provato sofferenza quando ha inseguito i propri sogni, perché ogni momento di ricerca è un momento di incontro con Dio e con l eternità. (...) È proprio la possibilità di realizzare un sogno che rende la vita interessante, ripeté il ragazzo al proprio cuore». Sì, i sogni si possono e si devono realizzare, anche se è ovvio che non basta volerlo. Crescere significa anche comprendere che non tutto è nelle nostre mani e sono molte le componenti (spesso anche fortuite) che concorrono al nostro successo. ^ Per la riflessione e l approfondimento «Devi realizzare la tua Leggenda personale disse il vecchio re cioè tutto quello che hai sempre desiderato fare. Tutti, all inizio della gioventù, sanno qual è la propria Leggenda personale. In quel periodo della vita tutto è chiaro, tutto è possibile, e gli uomini non hanno paura di sognare e di desiderare tutto quello che vorrebbero fare nella vita. Ma poi, a mano a mano che il tempo passa, una misteriosa forza comincia a tentare di dimostrare come sia impossibile realizzare la Leggenda personale. Le parole del vecchio non avevano molto senso per il ragazzo, che tuttavia voleva sapere quali fossero quelle forze misteriose : la figlia del commerciante sarebbe rimasta a bocca aperta. Sono le forze che sembrano negative, ma che in realtà ti insegnano a realizzare la tua Leggenda personale. Perché esiste una grande verità su questo pianeta: chiunque tu sia o qualunque cosa tu faccia, quando desideri una cosa con volontà, è perché questo desiderio è nato nell anima dell Universo. Quella cosa rappresenta la tua missione sulla terra (...). Realizzare la propria Leggenda personale continua il vecchio è il solo dovere degli uomini. Tutto è una cosa sola. E quando tu desideri qualcosa, tutto l universo cospira affinché tu realizzi il tuo desiderio». (P. Coelho, L Alchimista, Bompiani, Milano 1995) Cosa pensi della metafora della Leggenda personale? Esiste una missione per ognuno di noi? Qual è la tua opinione? Basta veramente desiderare una cosa perché si realizzi? «Tutti, all inizio della gioventù, sanno qual è la propria Leggenda personale». Condividi? SCHEDA TRA PAURE E SPERANZE/Controcorrente 16

18 TRA PAURE E SPERANZE/Controcorrente 8 8 quale vita? L aquila che si credeva un pollo «Un uomo trovò un uovo d aquila e lo mise nel nido di una gallina. L aquilotto nacque insieme alla covata di pulcini e crebbe con loro. Per tutta la sua vita l aquila fece ciò che facevano i polli, credendo di essere un pollo. Razzolava in cerca di vermi e insetti. Chiocciava e faceva coccodè. E agitava le ali alzandosi di poco da terra come i polli. Dopo tutto è così che vola una gallina, no? Gli anni passarono e l aquila divenne molto vecchia. Un giorno vide molto alto sopra di lei nel cielo limpido un magnifico uccello, che fluttuava maestoso e pieno di grazia, tra le forti correnti dei venti, e che batteva solo di tanto in tanto le sue possenti ali dorate. La vecchia aquila lo osservò piena di reverenziale timore. Chi è quello?, chiese al suo vicino. È l aquila, la regina degli uccelli, rispose il vicino. Ma non ci pensare. Tu ed io siamo diversi da lei. Così l aquila non ci pensò più. Morì pensando di essere una gallina». (A. De Mello, Il canto degli uccelli, Paoline, Milano 1986) Può capitare che la favola rispecchi, più di quanto si pensi, la vita di molti di noi. Ci si abitua talmente tanto a vivere come polli che ci si dimentica dell aquila che c è in ognuno. A forza di nascondersi nel gruppo, di essere gregge, di far quello che fanno tutti, si finisce per soffocare la nostra parte migliore, adattandoci a razzolare per terra come tanti polli, invece che volare alti. Ma c è anche il rovescio della medaglia. Può capitare che dei polli si credano aquile, sopravvalutando se stessi e il proprio operato, dando così ugualmente il peggio di sé. Sono entrambi atteggiamenti molto deleteri, che non ci fanno crescere. Tra le cose più difficili da imparare nella vita c è infatti proprio quella di essere semplicemente se stessi, dando il meglio di ciò che si è capaci, senza sottovalutarsi o sopravvalutarsi. ^Per la riflessione e l approfondimento Qual è la morale della favola dell aquila e del pollo? Cosa s intende con la frase «liberare l aquila che c è in ognuno di noi»? 17

19 TRA PAURE E SPERANZE/Controcorrente Laboratorio Nome Cognome riuscire o fallire? Presenta a grandi linee secondo la tua opinione il ritratto della donna o dell uomo «riuscita/o»: sez. Quali sono le qualità più importanti della persona riuscita? Riuscire o fallire nella vita da che cosa dipende? Qualcuno ha detto che per «riuscire» nella vita bisogna credere in almeno tre cose. Quali? Secondo te quali sono gli ostacoli più grandi da affrontare? 18

20 TRA PAURE E SPERANZE/Controcorrente 9 8 la favola di Plato Questa favola l ha scritta Marina, una ragazza di 16 anni, che si considerava ed era considerata «diversa». «C era una volta... una talpa. Sì, esatto: una talpa. Si chiamava Plato, perché in realtà era un talpo e sua madre, che non aveva molta fantasia, si era limitata a un semplice anagramma per dargli un nome. Plato non era un talpo come tutti gli altri: quando gli altri talpini, che erano nati insieme a lui, divennero abbastanza grandi, i genitori insegnarono loro a scavare le tane. Invece Plato, con molto dispiacere dei suoi genitori, non volle imparare a scavare buche : lui, diceva, era nato per pensare, e trascorreva le sue intere giornate accovacciato sul suo giaciglio di foglie secche. E quando gli altri talpini gli domandavano che cosa facesse tutto il giorno dentro quella tana buia da solo, Plato rispondeva che inventava. Il guaio di Plato era che nessuno aveva mai visto le sue invenzioni, e così tutti lo prendevano in giro credendo che fosse matto. In effetti le invenzioni di Plato non si potevano toccare con mano, perché non esistevano concretamente. Plato aveva inventato un luogo in cui prendevano posto tutte le sue invenzioni: l aveva chiamato nuvola della felicità. Naturalmente quando Plato parlava agli altri talpini della nuvola della felicità essi ridevano a più non posso. Ma Plato non si offendeva per questo: egli riteneva che gli altri fossero stupidi e anche lui rideva alle loro spalle. La nuvola della felicità era un luogo straordinariamente bello: una nuvola candida, soffice soffice, sulla quale Plato andava ogni volta che ne aveva voglia. Lassù Plato poteva fare ciò che voleva perché rimaneva solo con le sue invenzioni, le quali non erano macchinari stranissimi, come qualcuno potrebbe pensare, ma due piccoli buffissimi personaggi che lui animava per mezzo della sua fantasia. Plato li aveva battezzati Knighi. E con gli Knighi lui trascorreva moltissimo tempo a giocare; non litigava mai con loro perché essi erano fatti a suo piacimento e quindi sarebbe stato come litigare con se stesso, il che era praticamente impossibile. Insieme agli Knighi, Plato creava i giochi più divertenti, e siccome aveva molta fantasia trovava sempre qualcosa di nuovo da fare. Così la sera, quando tutti i talpini tornavano a casa dopo il lavoro e si riunivano per giocare, c era sempre qualcuno di loro che proponeva di chiamare anche Plato, ma lui puntualmente ripeteva che preferiva andare sulla nuvola della felicità, e così gli altri si allontanavano parlottando e 19

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Titolo documento: IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Relatore/Autore: DON. DIEGO SEMENZIN Luogo e data: S. FLORIANO, 22 APR. 2001 Categoria Documento: Classificazione: Sintesi/Trasposizione di

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri.

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri. Presentazione Questa estate ci siamo regalati un corso di Esercizi spirituali al Mericianum di Desenzano tenuti dall Autore che ha l età di uno dei nostri figli. Ora ci arriva un suo libro. È un libro

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch

L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch Una delle persone più straordinarie che ho conosciuto in questi ultimi anni è sicuramente Claudia Koll. Attrice di successo, affianca attualmente

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

SETTIMANA VOCAZIONALE PARROCCHIA M. V. ASSUNTA CERVERE ANNO 2012

SETTIMANA VOCAZIONALE PARROCCHIA M. V. ASSUNTA CERVERE ANNO 2012 SETTIMANA VOCAZIONALE PARROCCHIA M. V. ASSUNTA CERVERE ANNO 2012 2 INCONTRI PER I RAGAZZI DEL CATECHISMO + VEGLIA IN CHIESA IL SABATO SERA CON I GENITORI PRIMO INCONTRO L incontro si svolge in due tempi.

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Pretendi il tuo raccolto

Pretendi il tuo raccolto Domenica, 11 marzo 2012 Pretendi il tuo raccolto Galati 6:7-10- Non vi ingannate, non ci si può beffare di Dio; perchè quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà. Perchè chi semina per la sua

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Indice. Presentazione 7 Introduzione 9 Il metodo 11. FAVOLA 1 Il bruco Matteo 17 (L autostima)

Indice. Presentazione 7 Introduzione 9 Il metodo 11. FAVOLA 1 Il bruco Matteo 17 (L autostima) Indice Presentazione 7 Introduzione 9 Il metodo 11 FAVOLA 1 Il bruco Matteo 17 (L autostima) FAVOLA 2 La rana Susanna 29 (La paura del giudizio degli altri) FAVOLA 3 Il cavallo Riccardo 41 (Il dover essere

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI MESTRE CONSIGLI PER IL VOLONTARIO INDICE Cosa fare pag. 4 Consigli pag. 7 Cosa non fare pag. 8 Codice deontologico del volontario pag. 10 Caro Amico,

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

LE AVVENTURE DI PINOCCHIO

LE AVVENTURE DI PINOCCHIO LE AVVENTURE DI PINOCCHIO Esercizi UNITà IV www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 La storia di Pinocchio col Grillo-Parlante, dove si vede come i ragazzi cattivi hanno a noia di sentirsi correggere

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO L entrata alla scuola dell infanzia rappresenta per il bambino una tappa fondamentale di crescita. La scuola è il luogo dove il bambino prende coscienza della sua abilità

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

IVAN E PADRE LIVIO TESTIMONIANZA SU GIOVANI E FAMIGLIE

IVAN E PADRE LIVIO TESTIMONIANZA SU GIOVANI E FAMIGLIE IVAN E PADRE LIVIO TESTIMONIANZA SU GIOVANI E FAMIGLIE Padre Livio: Vediamo ora tre incontri di Ivan con tre gruppi di pellegrini. Sono in gran parte dei giovani. E possiamo ben dire che gli incontri con

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

XXI Ciclo di incontri 2007-2008

XXI Ciclo di incontri 2007-2008 XXI Ciclo di incontri 2007-2008 LA PERSONA UMANA CUORE DELLA PACE X INCONTRO - DOMENICA 9-3-2008 ORE 15,00 Educazione: rispondere al bisogno di crescere.educare è possibile e si deve Relatore: Prof. Don

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO Io racconto, tu mi ascolti. Noi ci conosciamo Istituto comprensivo n.8 ( Fe ) SCUOLA PRIMARIA DI BAURA Classe seconda Ins: Anna Maria Faggioli, Marcello Gumina, Stefania Guiducci.

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^ FRASI DI NATALE - BELLE FRASI DI AUGURI DI NATALE Scegli le migliori Frasi di Natale per fare tanti Auguri di Buon Natale Prepara il tuo sorriso migliore, a Natale tutti vogliono essere felici. Regala

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo.

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. Preghiere a Maria - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. - Santa Maria intercedi per noi, tu sai grazie! Cuore immacolato di Maria rifugio delle anime. - Cara Mamma aiutami

Dettagli

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015)

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) INCONTRO CON I GIOVANI DISCORSO DEL SANTO PADRE Stadio Kasarani, Nairobi

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

LA GRANDE AVVENTURA SPIEGAZIONE

LA GRANDE AVVENTURA SPIEGAZIONE LA GRANDE AVVENTURA SPIEGAZIONE Milioni di persone in tutto il mondo sono religiose anche nel nome di Dio. Ma il desiderio di Dio è quello di avere un rapporto di amore con ognuno di noi. Gesù disse in

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli