Sergio Bocchini 175 SCHEDE. TEMATICHE per l insegnamento della Religione nella scuola superiore VOLUME UNICO. EDB Edizione Dehoniane Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sergio Bocchini 175 SCHEDE. TEMATICHE per l insegnamento della Religione nella scuola superiore VOLUME UNICO. EDB Edizione Dehoniane Bologna"

Transcript

1 Sergio Bocchini 175 SCHEDE TEMATICHE per l insegnamento della Religione nella scuola superiore VOLUME UNICO

2 Sergio Bocchini 175 SCHEDE TEMATICHE per l insegnamento della Religione nella scuola superiore VOLUME UNICO EDIZIONI DEHONIANE BOLOGNA

3 Questo volume fa parte del PROGETTO EDB SCUOLA. Coordinamento editoriale: PIERLUIGI CABRI Redazione: PIERLUIGI CABRI E GIORGIA MONTANARI Ricerca iconografica: GIORGIA MONTANARI Illustrazioni interne al volume e copertina: MIGUEL HERRANZ Per i testi biblici: 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco D Assisi e Caterina da Siena. L editore è a disposizione degli aventi diritto che non è stato possibile contattare, nonché per eventuali involontarie inesattezze nella citazione delle fonti iconografiche riprodotte nel seguente volume. Le riproduzioni per uso differente da quello personale potranno avvenire, per un numero di pagine non superiore al 15% del presente volume, solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, via delle Erbe Milano, telefax , Proprietà artistica e letteraria riservata nell impostazione, nel testo e nell impaginazione Centro editoriale dehoniano via Nosadella, Bologna EDB Progetto grafico e impaginazione: PH5, CENTO (FE) Collaborazione edizione 2009: SAETTI, BOLOGNA Coordinamento tecnico: TONINO COMMISSARI Fotolito: SAETTI, BOLOGNA

4 175 schede tematiche «Nella nostra famiglia non siamo credenti, ma desidero che mia figlia riceva una corretta informazione religiosa. Ne abbiamo discusso e sono contenta che abbia deciso di avvalersi dell insegnamento della religione a scuola. Per scegliere bisogna pur conoscere; e poi la religione nelle sue varie forme e manifestazioni ha molto da dire e da insegnare sull umanità. Momenti di riflessione e di confronto sui grandi temi esistenziali, etici e spirituali aiutano certamente i ragazzi a crescere dentro. Trovo che non sia per niente educativo chiedere a una/un ragazza/o se vuol fare un ora di scuola in più o se preferisce andare a spasso. Si dovrebbe almeno metterla/o di fronte a delle alternative serie; così si favoriscono solo il disimpegno e l ignoranza». Presentazione Penso che il ragionamento di questa mamma esprima, meglio di tanti discorsi e polemiche fatti in questi anni, le finalità e il senso dell ora di religione nella scuola italiana. Certo le modalità e le forme potranno essere riviste; si può pensare a un insegnamento che risponda maggiormente alle esigenze sempre più pluraliste della società italiana, ma è bene prendere atto che quest ora pur con tutti i limiti e le difficoltà è uno spazio significativo di confronto culturale e di crescita, in una scuola sempre più arida nel proporre valori educativi e povera in umanità. Il volume che avete in mano vuol essere, in un momento di transizione della scuola superiore, una proposta di educazione religiosa aperta a tutti. Le singole schede sono state pensate per un ora di lezione settimanale (circa 35 ore annuali), puntando su contenuti sintetici ed essenziali, con numerosi stimoli, tracce di lavoro, sussidid finalizzati a educare persone attente anche alle cose che non si vedono e a formare cittadini responsabili. Nella sua struttura generale il sussidio ripropone le 70 e 105 Schede tematiche pubblicate nel 2007, ora riunite insieme e suddivise in due parti: la prima presenta gli elementi essenziali della cultura religiosa, la seconda delle tematiche di approfondimento. Le Schede partono sempre dal vissuto del ragazzo, dalle sue domande più profonde, dai suoi sogni, paure e speranze... invitandolo a confrontarsi con la dimensione spirituale e religiosa. Ampio spazio viene dato alla conoscenza diretta delle principali religioni dell umanità, in particolare del cristianesimo, in quanto patrimonio condiviso della nostra storia e cultura. Didatticamente le schede si presentano come un testo-laboratorio: prevedono la partecipazione attiva degli alunni, ma lasciando molto spazio alla libertà dell insegnante e alla creatività dei ragazzi. Per questo ogni scheda propone un ampia scelta di spunti per la riflessione e la discussione, suggerimenti didattici, indicazioni per l approfondimento tradizionale e multimediale. Tutto il materiale offerto viene dal mondo della scuola, in cui è stato elaborato e sperimentato in molti anni di insegnamento; ma ogni scheda, perché possa lasciare un segno, dovrà essere calata nella realtà delle classi, personalizzata e in qualche modo riscritta dagli alunni, insieme al loro insegnante. Solo così l ora di religione potrà essere sempre più significativa nella scuola, perché avrà il coraggio di camminare seppur in punta di piedi sui sogni e le speranze più profonde dei ragazzi. Come è bello e logico che sia, anche dietro queste pagine ci sono la creatività, l amicizia, la collaborazione e l affetto di tante persone. Il mio grazie va a tutti, a p. Pierluigi Cabri delle EDB che fin dalle prime Schede ha creduto al valore di questo lavoro, ma soprattutto ai miei alunni, di ieri e di oggi; in particolare all attuale IIB del Liceo Classico «Newton» di Chivasso (TO), che ha rivisto e corretto parte di queste schede. 3

5 PRIMA PARTE Elementi di cultura religiosa di base 1. TRA PAURE E SPERANZE Accoglienza SCHEDE 1-5 Controcorrente SCHEDE 6-14 I valori dell uomo SCHEDE TU CI CREDI IN DIO? La dimensione spirituale SCHEDE Cosa vuol dire credere? SCHEDE Religione e religioni SCHEDE GESÙ E IL CRISTIANESIMO Conosci Gesù? SCHEDE Il messaggio evangelico SCHEDE La fede cristiana SCHEDE ZOOM SUL CRISTIANESIMO 2 Schede di approfondimento 16 Schede artistiche SECONDA PARTE Approfondimenti di tematiche religiose 1. GIOVANI IN RICERCA Accoglienza SCHEDE I «perché?» dei giovani SCHEDE Dio, dove sei? SCHEDE 86-90

6 2. LA RISPOSTA DELLE RELIGIONI Vivere secondo le religioni SCHEDE La sapienza cristiana SCHEDE UN TESORO CHE APPARTIENE A TUTTI Conoscere la Bibbia SCHEDE Vista da vicino SCHEDE COME VIVERE? Quale etica? SCHEDE I Comandamenti SCHEDE Approfondimenti etici SCHEDE CITTADINI DEL MONDO La terra è di tutti SCHEDE Una sola razza: l umanità SCHEDE LE RELIGIONI S INCONTRANO A dialogare s impara SCHEDE APPENDICE ZOOM SUL CRISTIANESIMO 13 Schede di approfondimento c BREVE DIZIONARIO RELIGIOSO FORMULE TRADIZIONALI DELLA DOTTRINA CATTOLICA

7

8 Prima Parte Elementi di cultura religiosa di base

9 1 8 «Mi chiedi cos è l ora di religione? Ti rispondo dicendo quello che è per me: un momento di riflessione, di confronto e di crescita. Ma la riuscita dell ora dipende anche da te». (il tuo prof.) TRA PAURE E SPERANZE/Accoglienza perché la religione a scuola? 1 PER EDUCARCI (da educere = tirar fuori) a essere uomini e donne responsabili (di se stessi, degli altri, dell ambiente). «Una scuola senza amore della verità distrugge la persona. Studiano per il registro, per la pagella, per il diploma. E intanto si distraggono dalle cose belle che studiano. Tutto diventa voto e null altro. Considerano il gioco e le vacanze come un diritto. La scuola come un sacrificio. Non hanno mai sentito dire che a scuola si va per imparare e che andarci è un privilegio. Il maestro è per loro dall altra parte della barricata e conviene ingannarlo». (don Milani) 4 CHE TU POSSA... Questo brano è una preghiera attribuita a san Bernardo ( ). Indipendentemente dal tuo essere credente o meno, cerca di far tesoro di questa saggezza. 2 PER CONFRONTARCI con la dimensione più profonda dell uomo e delle culture: quella spirituale e religiosa. «Nessuno può pretendere di conoscere l umanità senza conoscere le sue fedi». (N. Smart) 8 «Possa ognuno di noi avere la serenità di accettare le cose che non si possono cambiare, il coraggio di cambiare le cose che si possono cambiare, e la saggezza di riconoscere le une dalle altre». Buon anno scolastico! 3 «Non si vede bene che con il cuore. L essenziale è invisibile agli occhi». (A. de Saint-Exupéry) PER COMUNICARCI le nostre paure, i sogni, le speranze (e scoprire che sono le paure, i sogni e le speranze anche degli altri). «È proprio la possibilità di realizzare un sogno che rende la vita interessante». (P. Coelho) «Si cresce e si diventa uomini con i progetti, con le aspirazioni e con gli ideali: la scuola deve inventare, distribuire ideali, come pane per il futuro». (V. Andreoli)

10 TRA PAURE E SPERANZE/Accoglienza «Basta con la laicità degli incompetenti; si rischia che i ragazzi escano dalla scuola totalmente indifferenti al fatto religioso, incapaci di capire la cattedrale di Chartres o il Don Giovanni di Mozart. La conoscenza del fatto religioso è perfettamente nel quadro della scuola laica e repubblicana». (Jack Lang, ex ministro dell educazione in Francia, in La Stampa, 18 maggio 2002, p. 28) NO ALL IGNORANZA! «Se di fatto la Bibbia ha inciso nella nostra civiltà più dell Iliade e dell Odissea, perché studiare queste ultime e non il libro della tradizione ebraico-cristiana? Se il cristianesimo, in particolare il cattolicesimo, fa parte del patrimonio storico e culturale del nostro Paese, perché non approfondire a scuola anche questi aspetti? Si può essere credenti o non credenti ma, prima di tutto, non si deve essere ignoranti». (Un gruppo di laici che sostengono la cultura religiosa a scuola) a che «serve?» Prof.? «Prof., non se la prenda, ma ogni tanto ci chiediamo a che serve l ora di religione. L italiano è fondamentale perché è la nostra lingua; la matematica anche se ne faremmo volentieri a meno la dobbiamo studiare per forza, ma l ora di religione... a che serve?». (Studenti diretti e poco diplomatici) Se la questione la mettete su questo piano, vi dico subito che l ora di religione non «serve», almeno nel senso che intendete voi. Non «serve» a migliorare le vostre conoscenze di matematica o di lingua, né concorre a migliorare la vostra media in pagella. Se per voi sono importanti solo le cose che «servono», ho paura che non solo non ci capiremo, ma che non apprezzerete nemmeno un mucchio di cose belle e fondamentali nella vita. In fondo a che serve la musica? Certamente campa (e magari meglio di altri) anche chi non sa niente di musica e non conosce nemmeno una nota. Ma gli manca tutto un mondo! Allo stesso modo, che utilità c è nel leggere una poesia, parlare un ora con un amico o fermarsi a contemplare un tramonto? Quanta gente muore senza aver mai apprezzato tutto questo? Ma ha «vissuto» o si è limitata a «sopravvivere»? Credo di non essere affatto l unico a pensare che nella vita si può «sopravvivere» senza tante cose, ma non senza avere un perché. La religione sostiene di avere qualcosa di importante da dire sul senso e sul significato della vita. Non è un motivo sufficiente per darle un po di spazio e ascoltare le sue proposte? È ovvio che si tratta di «proposte», non di «imposizioni»... ^ Per la riflessione e l approfondimento «Si può essere credenti o non credenti ma, prima di tutto, non si deve essere ignoranti!». Che ne pensi? Può diventare la nostra frase di riferimento, la base di partenza comune a tutta la classe? C è un antico proverbio semitico* che dice: «Chi sa tace, chi non sa parla, chi vuol sapere domanda». Può essere un atteggiamento da tenere in classe? 9

11 TRA PAURE E SPERANZE/Accoglienza 3 8 «Il più grande esploratore non compie viaggi così lunghi come chi discende nel profondo del proprio cuore». ( Julien Green) aperti al mistero Un poeta persiano ha paragonato l universo a un antico manoscritto, del quale la prima e l ultima pagina sono andate perdute. Nessuno sa dire con certezza come il libro incominciasse, né sappiamo come presumibilmente finirà; ma da quando l uomo ha raggiunto la consapevolezza di se stesso, ha sempre tentato di scoprire quelle pagine perdute. Questa ricerca ha assunto molteplici forme e nomi: filosofia, astronomia, poesia, letteratura, arte, musica, religione... tanti modi diversi per trovare una risposta a quelle pagine mancanti. Una delle esperienze più profonde che hanno fatto gli esseri umani fin dall alba della loro presenza sulla terra è stata quella di osservare il cielo stellato, cogliendone la bellezza e la maestosità. Proprio sollevando la testa e scrutando le profondità del proprio cuore gli uomini hanno intuito che doveva esserci qualcosa «al di là» di quello che vedevano con gli occhi o che sperimentavano con i loro sensi. Un qualcosa o qualcuno intuito come «oltre», diverso, misterioso. Questo mistero (che riguarda l universo, la vita, l uomo, le cose) è così grande da essere indicibile, ineffabile, cioè non descrivibile con le parole. Ecco perché la storia degli uomini di tutti i tempi e di tutte le culture ci documenta questa costante preoccupazione dell uomo di andare al di là dei propri bisogni immediati e di sollevare il capo in contemplazione (dimenticando la clava e abbracciando l altro). Le religioni non sono nient altro che la testimonianza di questo «mistero»: intuito in modi e forme diverse, chiamato con una multiforme varietà di nomi e di concetti, caratterizzato da momenti di grande fraternità ma anche da odi e da incomprensioni... Sempre però recepito come un «qualcosa» o «qualcuno» che è oltre, come un «legame» re-ligio, in latino che unisce l essere umano e la creazione alla stessa fonte della vita. cc Tracce di lavoro Lavoro di gruppo: Osservate la vignetta con attenzione: quali sono gli elementi che si ricollegano al mistero? Provate a elencarli: Lavoro in classe: Dopo aver scritto alla lavagna la parola «religione» andate a segnare tutto ciò che secondo voi si ricollega a questo termine (tecnica del brainstorming). 10

12 TRA PAURE E SPERANZE/Accoglienza 4 8 scuola di vita Tracce di lavoro Le schede 4 e 5 fanno parte dell Accoglienza: per vivere bene la scuola. Si consiglia di integrarle con iniziative e attività didattiche che hanno lo scopo di favorire la reciproca conoscenza all interno del gruppo-classe. Queste alcune delle attività possibili: ccc l autobiografia (una breve presentazione di se stessi, senza nome e cognome, che poi i compagni dovranno indovinare); esprimere la propria personalità con un disegno; videoforum. Chi sè Milani don Lorenzo ( ): grande figura di sacerdote e maestro, profeta scomodo per molti, anche per la Chiesa, a cui però fu sempre fedele. Dedicò gran parte del suo tempo alla scuola (prima a San Donato e poi a Barbiana), per dare agli operai e ai figli dei contadini una cultura e una dignità. Tra i suoi scritti: Lettera a una professoressa; L obbedienza non è più una virtù, sull obiezione di coscienza al servizio militare; Esperienze pastorali. di religione è prima di tutto un ora di scuola che, come tutti gli altri insegnamenti, ha la finalità di «formare» e «informare» delle persone e dei L ora cittadini. «L importanza della scuola si può capire solo quando non c è», diceva un vecchio missionario che continuava a investire soldi ed energie per impiantare scuole nei villaggi più sperduti nella foresta birmana. Aveva fatto suo il proverbio: «Meglio insegnare a pescare che regalare un pesce». Quel prete credeva nell uomo, creato «a immagine di Dio»; per questo lo voleva vedere libero. Non così l «estraneo come scrive il poeta africano Ndjock Ngana Yogo era senza scrupoli/ quando faceva lavorare i figli della capanna come muli,/ con la forza della frusta,/ la promessa del paradiso,/ o per soddisfare la propria cupidigia./ Ma peggio di tutto/ non iniziava mai al sapere:/ il sapere è mio, diceva l estraneo». Lo scopo della scuola è proprio quello di iniziarti al «sapere»; ma sappi che non ci vuole molto per sciupare certe opportunità. La gran parte del lavoro da fare dipende soprattutto da te. Ecco allora alcuni punti su cui riflettere con calma: La scuola più che un dovere è un diritto. Altro che: «Uffa, mi tocca andare a scuola!» o roba simile. È la tua grande occasione per crescere di testa e di cuore; e poi, di fronte ai milioni di analfabeti che ancora ci sono nel mondo, è anche un privilegio. Cerca di non dimenticartelo! Non si studia solo per il voto. Scriveva don Lorenzo Milani, riportando le testimonianze dei suoi ragazzi di Barbiana: «Dopo un mese della vostra scuola, l infezione aveva preso anche me. A scuola durante le interrogazioni sentivo il cuore fermarsi. Auguravo agli altri quello che per me non volevo. Durante la lezione non ascoltavo più. Pensavo già all interrogazione dell ora seguente. Le materie più belle e diverse tutte finalizzate lì. Come se non appartenessero a un mondo più vasto che non quel metro quadro tra la lavagna e la cattedra... I vostri ragazzi giorno per giorno studiano per il registro, per la pagella, per il diploma. E intanto si distraggono dalle cose belle che studiano» (Lettera a una professoressa). Il problema degli altri è uguale al mio. «Poi insegnando ai più piccoli è sempre una citazione di don Milani ho imparato tante cose. Per esempio che il problema degli altri è uguale al mio. Sortirne tutti insieme è la politica. Sortirne da soli è l avarizia». Anche questo fa parte dell insegnamento della scuola: educarti a essere e sentirti cittadino del mondo. La realtà è complessa e non bisogna fermarsi solo a quello che vediamo o sperimentiamo. Molte volte avremo modo di osservare quanto è importante nella vita imparare ad andare oltre o al di là delle cose che ci circondano. Anche questa educazione spetta alla scuola; non si può essere così miopi da pensare che ciò che è importante nella vita è solo ciò che possiamo sperimentare o vedere con i nostri occhi. 11

13 TRA PAURE E SPERANZE/Accoglienza 5 8 star bene a scuola 4Il decalogo di classe 1. Nel gruppo nessuno può dare o portare quello che devi dare o portare tu. 2. Non devi mai aspettare che parlino gli altri al tuo posto. 3. Rifletti prima di parlare; è vietato pensare a voce alta. 4. Accorgiti, con la tua sensibilità, se c è qualcuno che si trova male o non riesce a esprimere se stesso nel migliore dei modi... puoi aiutarlo. 5. Ogni essere umano non ha solo bisogno di amare, ma anche che lo si ami, che si creda in lui, nelle sue possibilità, che non lo si metta da parte, in solitudine... Non dire mai: «Con quello/a non c è più nulla da fare! Ho tentato tutto...». 6. Poiché anche tu puoi sbagliare, non si deve ridere o scherzare su quello che dicono gli altri. 7. Sappi ascoltare. Non etichettare i tuoi compagni in base ai loro successi o insuccessi. Tutti, ma proprio tutti, hanno qualcosa da insegnarti. 8. Nessuno è perfetto; ma devi volere che l altro si perfezioni e, soprattutto, aiutarlo a farlo. 9. Non potrai far vincere la tua squadra se tieni il pallone per te. Così non potrai migliorare la tua classe se pensi solo a te stesso, anzi, la renderai peggiore. 10. Ci vuole più di un giorno per conoscere un compagno di classe, e una buona amicizia non si costruisce in un momento. Va vissuta ogni giorno e dura solo se è vera. 12 La classe, a differenza del gruppo di amici, non si sceglie quasi mai, ma viene semplicemente estratta a sorte o imposta dall alto. Per questo è importante lavorare bene, fin dai primi giorni di scuola, perché la «classe» si trasformi in un gruppo di «buoni compagni di classe», se non di amici veri e propri. Ma tutto questo non si improvvisa e bisogna impegnarsi Per la riflessione e l approfondimento ^ «L altro non deve mai essere considerato un antagonista, un nemico, ma un compagno di squadra. Per stare bene a scuola bisogna saper giocare insieme, imparare a essere buoni compagni di classe». Sei d accordo con quanto afferma questo prof.? Perché, invece, a volte non è così? Quali sono le cause? Tra i vari punti del Decalogo di classe quali sono quelli che giudichi più difficili da mettere in pratica? seriamente, con l aiuto dei professori. Qui accanto troverete una proposta di «Decalogo di classe»: si tratta di un punto di partenza, di una traccia da modificare e da adattare alle esigenze del vostro gruppo-classe. Non posso studiare a stomaco vuoto «Ogni mattina, prima di andare a scuola devo andare ad attingere acqua a vari chilometri di distanza e spessissimo arrivo tardi a scuola. Quando ritorno a casa, ci sono sempre tanti lavori ad aspettarmi. Sono la più grande di cinque fratelli e mia madre ha sempre tanto da fare. Non ho mai abbastanza tempo per i compiti. I miei insegnanti mi puniscono, mi sgridano. Sembra che non capiscano il mio destino. Alla fine dell anno scolastico sono l ultima della classe. Mia madre dice che le dispiace molto continuare a pagare le tasse scolastiche, dal momento che non riesco mai a superare gli esami. Ma lei non sa che non riesco a concentrarmi a stomaco vuoto. Ho tanta fame e sono talmente stanca che non riesco a seguire ciò che l insegnante spiega...». (Una studentessa del Kenya)

14 TRA PAURE E SPERANZE/Accoglienza Laboratorio Nome Cognome per conoscerci Prova a presentarti. Scrivi tutto ciò che ritieni opportuno per farti conoscere. sez. Perché hai scelto di frequentare l'ora di religione? (indica al massimo due risposte) Mi è stato imposto Penso che la religione sia Sono credente una componente importante Ho avuto una buona esperienza della nostra cultura nella scuola precedente Mi piacerebbe conoscere meglio La frequentano la maggior parte la Bibbia dei miei amici Altro Vorrei conoscere meglio il cristianesimo e anche le altre religioni Che ricordo hai dell ora di religione, così come l hai vissuta fino a oggi? ottimo buono discreto pessimo Perché? Quali sono stati gli argomenti di religione che ti hanno coinvolto/a di più nei precedenti anni scolastici? Si garantisce un uso strettamente personale e riservato delle informazioni raccolte in questa scheda secondo le normative vigenti sulla privacy. Hai qualche tema che ti sta particolarmente a cuore e che vorresti fosse trattato in classe? Quale? 13

15 TRA PAURE E SPERANZE/Accoglienza Laboratorio «Se cerchi un confronto ai tuoi perché scegli l ora di religione». per riflettere Alla luce di quanto abbiamo detto nelle schede precedenti, commenta brevemente la vignetta qui sotto. Sei d accordo con quanto afferma Ball? Su quali «perché» vorresti confrontarti durante l ora di religione? Mettili in ordine di importanza Vi aiuterà «Una preparazione religiosa è importante, anche se dovesse avviare a una concezione della vita non religiosa. È importante perché: stabilisce l esistenza di problemi centrali, metafisici e morali; esige una sistematica introspezione, una continua resa dei conti delle proprie idee e delle proprie azioni; richiede un concetto sociale della propria vita, un intuizione organica di essa e del mondo. Una religione così intesa, potrà fare di vostro figlio un credente oppure no, indubbiamente vi aiuterà a farne un uomo». (Bruno Ball, Il mestiere di padre, La Nuova Italia) 14

16 6 8 TRA PAURE E SPERANZE/Controcorrente ragazzi allo specchio Dicono gli esperti «È finita l epoca delle mammeamiche: il tentativo di superare le generazioni si è rivelato un errore. Che affinità ci può essere tra una mamma di 40 anni e una figlia di 15? Gli adulti hanno perso autorevolezza, la stima dei genitori è in caduta libera. Perché i ragazzini oggi sono straordinariamente diversi: più liberi, meno ideologici, sessualmente più tranquilli, più intelligenti. Il risultato? Un grande silenzio reciproco. Restano solo i coetanei. Ma il gruppo, l amico del cuore, non sempre funzionano: l autarchia giovanile, il fai-da-te del tutti insieme alla fine si trasforma nel faccio da solo. Perché la comunicazione tra adolescenti è carente, hanno i nostri stessi difetti: gli abbiamo insegnato che non si deve essere solidali. E loro hanno imparato prestissimo a essere egoisti. In discoteca c è una vicinanza solo fisica, poi, quando si passa all aiuto concreto, i mille amici del sabato sera spariscono». (Paolo Crepet, psicologo dell età evolutiva) «Anche se un ragazzo stima i genitori e magari li ammira, fa fatica a rivolgersi a loro per avere rassicurazione e appoggio: può sembrargli un cedimento, una regressione alla dipendenza infantile, oppure l infrangersi della propria sfera di privacy e autonomia, tanto faticosamente conquistate. E così, spesso anche il più aperto e illuminato dei genitori rimane nell angolo». (Irene Bernardini, psicoterapeuta) BACIO «Si dice che il primo bacio non si scorda mai. Il mio risale a 14 mesi e sei giorni fa: è successo nelle ultime file del Ritz, durante un film dell orrore che faceva una paura blu. È stato con Simon, alto, bruno e bello, un tipo che mi ispirava una libidine senza fine. Ma poi ha detto a tutti i suoi compari che io sono una che ci sta e che saremmo arrivati al dunque all uscita successiva. Invece, io sono arrivata alla fermata dell autobus e l ho salutato. Tié». GENITORI «Fonte di costanti preoccupazioni e paure per qualunque adolescente, che in genere non ha abbastanza genitori (vedi orfani, famiglie con un solo genitore ecc.) o ne ha troppi (vedi secondi o terzi matrimoni, patrigni cattivi, ecc.)». IDOLI «I miei sono Marilyn Monroe e James Dean. Trattasi, pare, di un esempio classico di necrofilia culturale. In parole povere, noi amiamo tutti gente morta. Una cosa molto, molto preoccupante». LLLOOOVVVEEE «(Amore all ennesima potenza): Io passo la maggior parte delle mie giornate altalenando tra gioia (aaahh) e terrore (aaarrgg), specialmente se rileggo la lettera di Daniel. Sto scoprendo che la combinazione looove e scuola non è delle più felici. Non combino quasi un tubo». FEDE «Credo in Dio. Penso che ci deve essere qualcuno che ha creato il mondo, anche se sono molto confusa e non so». ^Per la riflessione e l approfondimento Ti riconosci nelle frasi prese dal diario di Letty, Come sopravvivere agli anni migliori della nostra vita? Cosa ne pensi di ciò che affermano gli esperti? C è qualcosa che vorresti dire ai tuoi genitori (o insegnanti)? Prova a scriverlo su un bigliettino. 15

17 7 8 «Affrontare la realtà, ma non accettare le cose come stanno; sognare come dovrebbero essere». 4 (J. Jackson, leader statunitense nero) REALIZZARE LA PROPRIA LEGGENDA PERSONALE tra sogni e speranze Anche se non sempre è facile intuirlo, nella vita di ognuno di noi c è un «progetto» divino che occorre portare a compimento, contribuendo a realizzarlo con la nostra piena partecipazione, con gioia e senza paura dei rischi che potrà comportare (vedi sotto il brano di P. Coelho). Sempre nel romanzo citato c è questo dialogo tra il ragazzo protagonista e l Alchimista: «Ma il mio cuore ha paura di soffrire, disse il ragazzo mentre guardavano il cielo senza luna. Digli che la paura di soffrire è assai peggiore della stessa sofferenza. E che nessun cuore ha mai provato sofferenza quando ha inseguito i propri sogni, perché ogni momento di ricerca è un momento di incontro con Dio e con l eternità. (...) È proprio la possibilità di realizzare un sogno che rende la vita interessante, ripeté il ragazzo al proprio cuore». Sì, i sogni si possono e si devono realizzare, anche se è ovvio che non basta volerlo. Crescere significa anche comprendere che non tutto è nelle nostre mani e sono molte le componenti (spesso anche fortuite) che concorrono al nostro successo. ^ Per la riflessione e l approfondimento «Devi realizzare la tua Leggenda personale disse il vecchio re cioè tutto quello che hai sempre desiderato fare. Tutti, all inizio della gioventù, sanno qual è la propria Leggenda personale. In quel periodo della vita tutto è chiaro, tutto è possibile, e gli uomini non hanno paura di sognare e di desiderare tutto quello che vorrebbero fare nella vita. Ma poi, a mano a mano che il tempo passa, una misteriosa forza comincia a tentare di dimostrare come sia impossibile realizzare la Leggenda personale. Le parole del vecchio non avevano molto senso per il ragazzo, che tuttavia voleva sapere quali fossero quelle forze misteriose : la figlia del commerciante sarebbe rimasta a bocca aperta. Sono le forze che sembrano negative, ma che in realtà ti insegnano a realizzare la tua Leggenda personale. Perché esiste una grande verità su questo pianeta: chiunque tu sia o qualunque cosa tu faccia, quando desideri una cosa con volontà, è perché questo desiderio è nato nell anima dell Universo. Quella cosa rappresenta la tua missione sulla terra (...). Realizzare la propria Leggenda personale continua il vecchio è il solo dovere degli uomini. Tutto è una cosa sola. E quando tu desideri qualcosa, tutto l universo cospira affinché tu realizzi il tuo desiderio». (P. Coelho, L Alchimista, Bompiani, Milano 1995) Cosa pensi della metafora della Leggenda personale? Esiste una missione per ognuno di noi? Qual è la tua opinione? Basta veramente desiderare una cosa perché si realizzi? «Tutti, all inizio della gioventù, sanno qual è la propria Leggenda personale». Condividi? SCHEDA TRA PAURE E SPERANZE/Controcorrente 16

18 TRA PAURE E SPERANZE/Controcorrente 8 8 quale vita? L aquila che si credeva un pollo «Un uomo trovò un uovo d aquila e lo mise nel nido di una gallina. L aquilotto nacque insieme alla covata di pulcini e crebbe con loro. Per tutta la sua vita l aquila fece ciò che facevano i polli, credendo di essere un pollo. Razzolava in cerca di vermi e insetti. Chiocciava e faceva coccodè. E agitava le ali alzandosi di poco da terra come i polli. Dopo tutto è così che vola una gallina, no? Gli anni passarono e l aquila divenne molto vecchia. Un giorno vide molto alto sopra di lei nel cielo limpido un magnifico uccello, che fluttuava maestoso e pieno di grazia, tra le forti correnti dei venti, e che batteva solo di tanto in tanto le sue possenti ali dorate. La vecchia aquila lo osservò piena di reverenziale timore. Chi è quello?, chiese al suo vicino. È l aquila, la regina degli uccelli, rispose il vicino. Ma non ci pensare. Tu ed io siamo diversi da lei. Così l aquila non ci pensò più. Morì pensando di essere una gallina». (A. De Mello, Il canto degli uccelli, Paoline, Milano 1986) Può capitare che la favola rispecchi, più di quanto si pensi, la vita di molti di noi. Ci si abitua talmente tanto a vivere come polli che ci si dimentica dell aquila che c è in ognuno. A forza di nascondersi nel gruppo, di essere gregge, di far quello che fanno tutti, si finisce per soffocare la nostra parte migliore, adattandoci a razzolare per terra come tanti polli, invece che volare alti. Ma c è anche il rovescio della medaglia. Può capitare che dei polli si credano aquile, sopravvalutando se stessi e il proprio operato, dando così ugualmente il peggio di sé. Sono entrambi atteggiamenti molto deleteri, che non ci fanno crescere. Tra le cose più difficili da imparare nella vita c è infatti proprio quella di essere semplicemente se stessi, dando il meglio di ciò che si è capaci, senza sottovalutarsi o sopravvalutarsi. ^Per la riflessione e l approfondimento Qual è la morale della favola dell aquila e del pollo? Cosa s intende con la frase «liberare l aquila che c è in ognuno di noi»? 17

19 TRA PAURE E SPERANZE/Controcorrente Laboratorio Nome Cognome riuscire o fallire? Presenta a grandi linee secondo la tua opinione il ritratto della donna o dell uomo «riuscita/o»: sez. Quali sono le qualità più importanti della persona riuscita? Riuscire o fallire nella vita da che cosa dipende? Qualcuno ha detto che per «riuscire» nella vita bisogna credere in almeno tre cose. Quali? Secondo te quali sono gli ostacoli più grandi da affrontare? 18

20 TRA PAURE E SPERANZE/Controcorrente 9 8 la favola di Plato Questa favola l ha scritta Marina, una ragazza di 16 anni, che si considerava ed era considerata «diversa». «C era una volta... una talpa. Sì, esatto: una talpa. Si chiamava Plato, perché in realtà era un talpo e sua madre, che non aveva molta fantasia, si era limitata a un semplice anagramma per dargli un nome. Plato non era un talpo come tutti gli altri: quando gli altri talpini, che erano nati insieme a lui, divennero abbastanza grandi, i genitori insegnarono loro a scavare le tane. Invece Plato, con molto dispiacere dei suoi genitori, non volle imparare a scavare buche : lui, diceva, era nato per pensare, e trascorreva le sue intere giornate accovacciato sul suo giaciglio di foglie secche. E quando gli altri talpini gli domandavano che cosa facesse tutto il giorno dentro quella tana buia da solo, Plato rispondeva che inventava. Il guaio di Plato era che nessuno aveva mai visto le sue invenzioni, e così tutti lo prendevano in giro credendo che fosse matto. In effetti le invenzioni di Plato non si potevano toccare con mano, perché non esistevano concretamente. Plato aveva inventato un luogo in cui prendevano posto tutte le sue invenzioni: l aveva chiamato nuvola della felicità. Naturalmente quando Plato parlava agli altri talpini della nuvola della felicità essi ridevano a più non posso. Ma Plato non si offendeva per questo: egli riteneva che gli altri fossero stupidi e anche lui rideva alle loro spalle. La nuvola della felicità era un luogo straordinariamente bello: una nuvola candida, soffice soffice, sulla quale Plato andava ogni volta che ne aveva voglia. Lassù Plato poteva fare ciò che voleva perché rimaneva solo con le sue invenzioni, le quali non erano macchinari stranissimi, come qualcuno potrebbe pensare, ma due piccoli buffissimi personaggi che lui animava per mezzo della sua fantasia. Plato li aveva battezzati Knighi. E con gli Knighi lui trascorreva moltissimo tempo a giocare; non litigava mai con loro perché essi erano fatti a suo piacimento e quindi sarebbe stato come litigare con se stesso, il che era praticamente impossibile. Insieme agli Knighi, Plato creava i giochi più divertenti, e siccome aveva molta fantasia trovava sempre qualcosa di nuovo da fare. Così la sera, quando tutti i talpini tornavano a casa dopo il lavoro e si riunivano per giocare, c era sempre qualcuno di loro che proponeva di chiamare anche Plato, ma lui puntualmente ripeteva che preferiva andare sulla nuvola della felicità, e così gli altri si allontanavano parlottando e 19

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Dov è finita la voglia di studiare?

Dov è finita la voglia di studiare? Dov è finita la voglia di studiare? Demo5vazione, insicurezza, paura di me:ersi alla prova, difficoltà a ges5re gli insuccessi: vissu5 frequen5 del percorso scolas5co di oggi CERCASI VOGLIA DI STUDIARE!!!

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare Nell antica Grecia, Socrate era stimato avere una somma conoscenza. Un giorno, un conoscente incontrò il grande filosofo e disse: "Socrate, sapete

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Traduzione di Marco Zappella Nota dell Editore: Il 22 agosto 1998 la Congregazione per la Dottrina della Fede ha emanato una Notificazione, qui pubblicata

Dettagli

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo

COREA. Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo COREA Il Mazzarello Center: una comunità terapeutica che vive lo spirito del Sistema preventivo Breve presentazione del contesto sociale in cui si lavora Il contesto socio-culturale della Corea sperimenta

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio 4 Minuti Cosa Uno studio biblico di sei settimane ci riserva il Futuro Precept Ministry International Kay Arthur George Huber Distribuito da : Precept Minstry Italia Traduzione a cura di Luigi Incarnato

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli