Gaetano Grillea. il Cafè degli Amanti. Un delicato poeta in vernacolo di cui Rosarno si gloria e ne porta vanto. fromor

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gaetano Grillea. il Cafè degli Amanti. Un delicato poeta in vernacolo di cui Rosarno si gloria e ne porta vanto. fromor"

Transcript

1 Voci dal Sud 35 Anno II nr. 11 Novembre 2006 il Cafè degli Amanti Gaetano Grillea Un delicato poeta in vernacolo di cui Rosarno si gloria e ne porta vanto fromor Per volontà dei figli Antonio, Francesco ed Enzo ha visto la luce postumo, per i tipi di Jonica-Trebisacce, una raccolta di poesie in vernacolo scritte dal Poeta rosarnese, Gaetano Grillea. Una raccolta toccante di spaccati di vita quotidiana ingentilito dalla prefazione del prof. Pino Lacquaniti. Ma chi era il Poeta di cui ci onoriamo essere compaesani? Gaetano Grillea nasce a Rosarno il 26 aprile 1917, da Vincenzo e Concetta De Salvo. In tenerissima età perde il padre, morto nella prima guerra mondiale. Gli anni difficili della sua infanzia gli consentono di completare solo la scuola elementare, ma la sua grandissima voglia di sapere, lo stimola a frequentare famiglie in possesso di prestigiose biblioteche, dove arricchisce la sua cultura. Durante il secondo conflitto mondiale, richiamato alle armi, viene catturato e deportato dai Tedeschi in vari campi di prigionia nei Balcani. Impiegato comunale dal 1947, dirige l Ufficio Elettorale rosarnese per 26 anni. in occasione degli eventi politici locali e nazionali del 1946 pubblica i poemetti Votamu pe Giordanu, P e votazzioni cumunali i Rosarni, Repubblica o Monarchia? Di seguito pubblica numerosi componimenti in vernacolo ed in lingua su diversi giornali e prestigiose riviste, tra le quali in particolare la storica e colta Calabria Letteraria. Partecipa a varie rassegne di poesie dialettali, ottenendo prestigiosi riconoscimenti e premi. Muore a Trebisacce (CS) il 6 agosto 1993, all età di 76 anni. MI NSONNAI A MMAMA E mi parìa ca a mamma i Filaricu a mmama ( nt a putigha ) nci spiava: Donna Cuncetta avìstiu lìttara i vostru figghiu? E chi! Non sacciu nenti Donna Rosa, non sacciu cchiù com àju pemm a pigghiu: Avi tridici misi chi aspettu ncarchi cosa, jornu pe jornu spiu a Vrigoruzzu, ma idhu guarda, jiza i pinnolara e carmu mi rispundi: No, non c è nenti onna Cuncetta cara. Cu sa com ora comu è chi s a passà, cu sapi se moriu e comu u tempu passa, o Donna Rosa, di cchiù jeu mi picciu. A testa mila sbattu mura mura, penzu ca i l àutra guerra pàisa non tornau e mo stu figghiu pe sta guerra mpama cu sapi undi minau. O Donna Rosa, su malata e vecchia, mi resta pocu tempu di campari e mi pari ca moru senza m u vìu tornari. Vu chi diciti Donna Cuncettuzza? Quali penseri strani vi frùscianu la testa? Speramu a la Divina Providenza, pregamu a Santantoni, tenimu fidi, ànimu e pacenza e vu viditi ca Gaitanu torna. M u dici u cori, sentu la prisenza! E ngià! Mi ncoraggiati Donna Rosa, ma nta stu cori i mamma chi nc è? Disperazzioni! E mannaja li guerri e cu li voli! Mannaja cu ndi faci mu campamu affritti e scunsulati. Jeu paci cchiù no nd àju, jeu cchiù non mi cunortu, i soru soi non pàrranu ca puru idhi pènsanu ca se no scrivi è mortu. Gesù! Fammi la grazzia: na vota sula ancora vidiri lu vorrìa e poi, se mi fai mòriri, cuntenta morarrìa. da Esseg-Delic (Ungheria), ottobre 1944

2 Voci dal Sud 36 Anno II nr. 11 Novembre 2006 il Cafè degli Amanti Laboratorio Teatrale 76 Mimmo Cannizzaro mette nel carniere dei suoi successi anche un Premio Europeo Francesco Condoluci (Il Quotidiano) ROSARNO - E un trentennale davvero indimenticabile quello del Laboratorio Teatrale 76, la compagnia di teatro amatoriale di Rosarno che nell anno in cui ricorrono i suoi primi 30 anni di attività, sta facendo letteralmente incetta di premi e riconoscirnenti in tutta Italia. Per gli attori provenienti dal gruppo teatrale nato nel 1976 all interno dello storico Centro di Promozione Culturale di Rosarno (dove si sono formati anche i promotori dell altra compagnia locale (La Nuova Compagnia di Teatro Popolare), questo è davvero un anno costellato di successi che non sembrano conoscere confini: da Bolzano alla Toscana, da Caltanissetta alla Calabria, l apprezzamento per l arte recitativa e la verve comica del Laboratorio Thatrale 76, non. smette infatti di mietere consensi. Mattatore di questa stagione dorata, passata in tournèe su e giù per lo Stivale, è senza dubbio Mimmo Cannizzaro, uno degli attori del nucleo fondatore del Laboratoriò Thatrale 76, uno che, come affenna il presidente della compagnia, Carlo Capria, «ha rappresentato e rappresenta degnamente la piu genuina realtà artistica rosarnese». Il suo talento naturale per la commedia brillante, la sua punica espressiva da vero istrione del palcoscenico, ne hanno fatto negli anni un caratterista di razza capace di mettere d accordo aficionados del teatro amatoriale e giurie di ogni parte d Italia. Nella recente rassegna europea di Montagnana, inprovincia di Arezzo (promossa dall Unione Italiana Libero Teatro), nella quale il Laboratorio Teatrale 76 ha partecipato rappresentando brilllantemente la commedia Confetti, champagne e... becchini, Cannizzaro, con il suo personaggio di Razio Fuicapuzza, si è superato, esibendo una performance comica che alla fine gli è valsa l attribuzione del prestiposo Premio Europeo di Teatro Popolare Il Giogo come miglior attore non protagonista. Per Cannizzaro un successo personale, che Impreziosisce quelli già ottenuti In passato dalla sua compagnia a Laives (Bolzano) e in numerose altre kermesse calabresi e siciliane e che è stato bissato, proprio nel mese di settembre, dalla conquista di un altro premio come migliore attore carattenista, questa volta a Caltanissetta, nell ambito della rassegna teatrale Michele Abbate. La compagnia si infine presenata a Rosarno, dove il Laboratorio Teatrale 76 ha riproposto in piazza Confetti, champagne e;..becchini. Cannizzaro e la sua compagnia hanno suggellato il trentennale davanti al pubblico di casa loro, presentando anche i premi conquistati in questa irripetibile stagione.

3 Voci dal Sud 37 Anno II nr. 11 Novembre 2006 il Cafè degli Amanti Il giorno della mia morte mi vestiranno bene, quasi come una sposa o come uno di quelle squallide donnine altolocate che sporcano le giornate di sole con la loro inutile presenza. Qualcuno pettinerà i miei capelli, coprendoli d un velo di pizzo nero, come odiosamente s usa dalle mie parti, a dare al mio volto pallido e inerme le sembianze di un manichino da vetrina, di quelli orribili, mutilati dei loro arti superflui, che tanto mi spaventavano da bambina e che spesso mi apparivano in sogno a rubarmi la quiete della mia giovane età. Attorno me solo gente annoiata, quasi assente. Un funerale è sempre una bella seccatura, bisogna vestirsi sobri, portare con disinvoltura una faccia di rito, facendo attenzione a che non sembri tale, salutare quell odioso parente che ti sta proprio lì, appeso come una zecca ad un testicolo e vorresti tanto che ci fosse lui dentro la cassa al posto mio. Grazie del pensiero! Poi c è la Messa, altra rottura di scatole, con tanto di panegirici letti da qualche amica retorica. Lo so stai sperando che sia breve, senza tanti fronzoli, tanto si sa io ero una senza Dio, niente affatto comunista, piuttosto una sorta di anarchica perenne, che viveva il suo tempo a rincorrere sogni, a fumare senza ritegno e poi avevo quel vizietto da invertebrati di scrivere poesie e storie strampalate. Siamo seri: il momento lo impone. Certo che è comodo stare distesi, quando tutti sono in piedi; è un altra prospettiva, si possono cogliere frammenti di espressioni che viceversa sfuggirebbero. Per esempio quella lì con il naso rosso che si sistema la gonna stropicciata è la mia vecchia zia zitella, non troppo acida per la verità, ma rompiscatole proprio fino all inverosimile. Non ha fatto mai mistero di tenermi in gran Sono morta di Carmen Cafaro conto, peccato che, durante la mia pur breve vita, non sia mai riuscita a dimostramelo appieno, specie quando, in tempi non sospetti, a me serviva solo una parola buona, ma tant è.! Laggiù, seminascosto da una colonna della navata laterale c è un uomo: mi stupisce vederlo qui in questo frangente. E Stefano, una di quelle persone per cui sia valsa la pena vivere una relazione, non fosse altro per i bei momenti che mi ha regalato, ed è l unico che piange veramente con sentimento. Toh c è anche Elena, elegantissima come non mai, ma sempre tremendamente sexy, in quel fasciante tubino nero che ha indossato per l occ a s i o n e. Mi spiace che abbia fatto tanto chilometri, per assistere a questa sceneggiata, così come mi spiace vederla affranta, dal momento che non serve assolutamente a nulla struggersi per una donna di poco conto come me. C è un nugolo di colleghe, venute apposta con un permesso orario concesso loro da quell imbecille di Preside che dirige la mia scuola; la più provata è Francesca, non ne avevo dubbi. Pensate che lei scoppiava in lacrime, quando, nei nostri viaggi per andare a scuola, la tediavo con i miei racconti di vita e finanche quando le concessi di leggere i miei scritti, in un freddo pomeriggio d aprile. Che volete, la sensibilità umana, specie quella femminile, non ha confini, né giustificazioni di sorta,... ma tant è! E che non riesco a muovermi diamine, altrimenti salterei su e me la stringerei forte forte al petto, asciugando le sue lacrime, con questo velo orribile che mi hanno poggiato sulla testa. Ho sempre odiato i foulards, i cappelli e qualsiasi forma di copricapo, come pure i perizoma, che sicuramente ti fanno tanto sexy in talune circostanze, ma che danno una noia del diavolo, quando si ficcano nell incavatura dei glutei, impedendoti di ravanare alla meno peggio, in cerca d un attimo di requie. Le mie figlie son lì, composte e tristi, quasi adombrate nei loro pensieri; certo non sono stata una gran madre, perlomeno nell accezione più

4 Voci dal Sud 38 Anno II nr. 11 Novembre 2006 classica del termine, ma credo d aver trasmesso loro, almeno alle ultime due, la mia voglia di libertà, la mia indipendenza da tutte le dipendenze di questo schifo di mondo; ho sempre cercato di essere per loro un amica più che una madre rompiscatole, anche se a volte, ma non credo proprio di esserci riuscita. Vivete, figliole mie e portate avanti le mie idee, la mia voglia di cavalcare il mondo, la mia fantasia latente che mi ha sempre messo nei casini, perché vivere di sogni è il peggiore dei delitti, ma è l unica libertà che ci è concesso avere, l unico rifugio dove potersi nascondere al lordume della realtà. Però che bel pezzo di giovanotto ha Loredana accanto, certo non poteva smentirsi, anche in un momento, sempre impeccabile ed al centro dell attenzione; che dolce che è! C è anche il mio ex marito, assieme a quell ammasso di lardo che è sua sorella: sembra davvero affranto, poverino, peccato che non sia mai riuscito a farmi capire quanto m amasse. Ieri sera un manigoldo in camice bianco mi ha sparato delle sorte di tappi, affinché non iniziassi a perdere dei liquidi indesiderati e maleodoranti: è stato l ultimo affronto di una vita vissuta nel tentativo di schivare le cattiverie di un umanità disumana che vive solo per la gioia di dare dolore, di ferire, di colpire a piene mani nelle parti più basse, lasciando solchi nell anima che mai potranno essere ricoperti e nascosti. Io volevo essere cremata, così da non marcire inutilmente, invece sono tutti qui che mi guardano curiosi, che mi scrutano fin dentro l anima e già sento nei loro silenti pensieri, la solita stupida frase di circostanza: Era tanto giovane, che peccato!. Vi piace la morte? Non importa le sembianze che ha! Potrei essere io o un altra disgraziata la cosa non cambierebbe! Quello che mi da più fastidio è quel sorrisetto da idiota che mi hanno stampato sul volto, mi sembra rassomigli ad una di quelle maschere tristi che si vedono nei negozi di Venezia, così bianche, così inutili, così disperatamente tristi. Forse volevano darmi un illusione di serenità, o forse crearsi un alibi per le loro coscienze di peccatori, fatto sta che mi hanno trasformato in un burattino da esposizione. Per fortuna è arrivato il prete, si vede che ha premura di chiudere questa pratica il più velocemente possibile, non gli sono mai andata a genio, per via delle mie scelte discutibili, ma almeno la cosa era reciproca. Non lo ascolto mentre parla, non me ne frega niente di quello che dice, delle sue farneticazioni sul Paradiso, sulla redenzione, sulla remissione dei miei peccati, non vedo l ora che finisca e che se ne vada ad diavolo anche lui. Ecco ora due beccamorti hanno preso il pesante coperchio di legno e tra poco mi chiuderanno dentro questa prigione eterna, dove lentamente mi dissolverò nel nulla, ben nascosta dal mondo traslucido e patinato, nel quale il resto dell umanità continuerà a vivere indisturbata la sua misera vita, nell illusione che mai toccherà loro subire quest ultima umiliazione terrena. Da dove sono vedo i miei monti, vedo i grandi prati soleggiati della mia infanzia, percepisco ancora gli odori di pane casereccio che il vecchio forno al centro storico sforna in quantità industriali, odo le voci amiche delle campane che suonano al mio passaggio e riempire di musica e poesia la mia mente. Un ultimo sguardo e poi tutto si fa nero e silenzioso, ora sì che sono morta davvero.

5 Voci dal Sud 39 Anno II nr. 11 Novembre 2006 il Cafè degli Amanti Come...quando... fuori...piove... di Carmen Cafaro - Lucabalducci - Ceci Cleo - Fedro - Ishtar - Mitla - Odrey - Parsifal Un racconto scritto a più mani ed in via telematica per ViviCentro, ordinato da Carmen Cafaro e Lucabalducci Camminavo sotto la pioggia, lentamente, lasciando che le gocce mi entrassero addirittura nelle orecchie, infastidendomi ovattando il suono delle auto...dov è la saggezza oggi? La serenità?... Le orecchie mi fischiavano come quel treno che partiva. Non passerà mai più quel treno. Era la mia vita senza quel treno che vedevo allontanarsi. Nessun passeggero. Neanche una tinta. Solo odore di ferro, di falce, di unto, che si allontanavano per sempre. Non era nostalgia che sentivo, né rimpianto. Era qualcosa di più crudele, secco. Camminavo in quella stazione come su alti trampoli e il viso bianco da clown. Guardavo beffandomi con un sorriso disperato. La testa: un ape che ronza. La carcassa metallica si staccava con lentezza. Vedevo e riconoscevo una parte di me sui sedili. Mi guardava senza sguardo, espressione, vita. Volteggiava, toccando tutt intorno, spingendo per uscire. Cercava di esistere, sopravvivere, tornare da me. Ho sempre amato quel ritaglio di me: è inebriante, un mio talento autentico. Ma il treno si allontanava e non sapevo correre con quei trampoli e non sapevo camminare senza. Potevo solo ridere con un ghigno da pagliaccio orrendo, sprezzando le mie lacrime che non potevano lavare il trucco sgraziato, ma lo cementavano. Lacrime che corrodono la pelle. Donna rettile, scorticata. Con la mia pelle, ho rivestito quel vagone di treno che si allontanava lentamente. Lo guardavo sparire. Esso, evaporando nella pioggia, si colorava. Ogni volta che mi trovo in una stazione, quel treno, quelle stesse sensazioni, come oggi qui, stessi pensieri di allora, stesse emozioni. E piove odio la pioggia! Quella sensazione di umido che ti si appiccica alla pelle, d estate dopo solo un ora di pioggia, o il freddo che ti penetra nelle ossa, d inverno quando fa troppo freddo per nevicare. La malinconia che ti prende, quando guardi fuori dalla finestra e vedi gocce e fumo rimbalzare sull asfalto; solo gli idioti e i poeti traggono ispirazione da gocce d acqua. D acqua poi, tutta la porcheria che liberiamo nell aria si racchiude in quelle particelle di H2O. Mi sento particolarmente cinica stamattina, seduta in questo bar, in questa piccola stazione, ad attendere che quella nuvola fantozziana si levi dai piedi. Devo per forza andare in quello studio legale, in una città che nemmeno conosco, lo devo a me stessa. E non accenna a smettere. Osservo la strada: tutti che corrono verso i taxi e le fermate degli autobus. Aiutooo, la pioggia mormoro, con ironia. E quella chi è? Che strana donna! Rimane immobile, ferma, in mezzo alla strada. Ma che è stordita? La osservo bene, almeno cerco, la mia miopia m impedisce di focalizzare i volti. Accidenti, ma è giovanissima, avrà al massimo dodici anni. E tutta bagnata poverina. Che avrà da fissarmi? Non sono fatti miei, e poi piove non ho voglia di uscire da questo buco-riparo. Eppure c è qualcosa in lei, mi pare quasi di conoscerla. Non è possibile, assomiglia tanto a mia mamma da giovane, in una di quelle fotografie in bianco e nero che ogni tanto guarda con malinconia. E incredibile. Se solo smettesse di fissarmi. E poi Accidenti a me, perché sento questo bisogno di raggiungerla? Meglio andare a vedere, magari sta male, ha bisogno d aiuto. Uscirò, nonostante la pioggia pago il cappuccino ed esco dal bar. La ragazza non c è più; ecco, lo sapevo!

6 Voci dal Sud 40 Anno II nr. 11 Novembre 2006 Raggiungo il marciapiede, mi guardo intorno maledetta pioggia! Dove sono? In ospedale? Che succede? Non ricordo nulla. O forse si ricordo che camminavo sotto la pioggia, lentamente, lasciando che le gocce mi entrassero addirittura nelle orecchie, infastidendomi, ovattando il suono delle auto...! Capelli appiattiti sulle guance, senza più traccia della massa dei miei ricci, il trucco sciolto su tutto il viso, lo sguardo fisso davanti a me. Avanzavo a fatica, come un automa, ogni passo più pesante del precedente, sembrava che il mio impermeabile bagnato mi ancorasse al marciapiede. Avvertivo vagamente, oltre la nebbia che avvolgeva i miei pensieri, i passanti che mi sfioravano, che mi urtavano con i loro ombrelli, tutti diretti verso le loro mete, le loro case, le loro famiglie, ma non li vedevo. Un ragazzo che passava al mio fianco mi urtò con il suo zaino, distogliendomi dal mio torpore. Adesso ero lì, ferma su quel marciapiede, bagnata all inverosimile, senza né la voglia, né la forza di muovermi. Sola, negli occhi l immagine di un documento legale vecchio e sgualcito che l inserviente della casa di riposo, dove mio padre era morto aveva provveduto a spedirmi, insieme alle sue poche cose. In testa una sola parola, che mi martellava dentro, tanto da farmi male: ADOTTATA! Adesso comincio a ricordare... Poco prima ero seduta al tavolino del bar della stazione aspettando che smettesse di piovere e cercando, per un poco, di concentrare la mia attenzione su qualcosa d altro che non fosse l appuntamento con il notaio, che da sempre aveva curato gli affari di mio padre e, vista l amicizia che li legava, avrebbe saputo darmi spiegazioni. Piano piano, i ricordi diventano più nitidi, mi era sembrato di vedere una ragazzina sotto la pioggia che mi fissava, sembrava avesse bisogno d aiuto, ricordo di avere pensato che assomigliasse a mia mamma da adolescente. Mia mamma, no la donna che mi ha cresciuto, che sicuramente mi ha voluto bene come una madre... ma adesso lo so, non era la mia vera madre. No, non assomigliava a mia madre, ma allora perché mi sembrava di conoscerla, di averla già vista? Dove l ho vista? Che fosse un ricordo legato al periodo prima della mia adozione? Dovevo essere piccola, quando mi hanno adottato, ma quanti anni avevo? Si dice che una madre sia colei che ti cresce, principio fondamentale dell educazione, ma dell etica? Scoprire così tardi che mamma ha un senso piuttosto che un altro? Vedo ovunque donne incinte, mi reca quasi fastidio vederle, perché mi rendo conto che la donna che ho guardato per anni negli occhi, a cui ho affidato la mia vita non mi ha mai portato dentro di è, ma solo con sé. La differenza, a parte linguistica è certamente di concetto e pragmatica. Già come lessi da qualche parte mamma di pancia e mamma di cuore. L avevo sentito una sera, quando i miei genitori adottivi stavano litigando, per l ennesima volta, dopo ch ero andata di là a dormire. Non avevo resistito oltre e m ero messa ad origliare così, scoprii la verità! Sapere d avere un qualche parte nel mondo una mamma di pancia non serviva, a questo punto, a placare la strana sensazione d irrequietezza che mi portavo addosso da una vita, perciò fu facile addentrarmi in un guazzabuglio di strade contorte, sudice, fors anche scomode, in cui il mio inconscio s avventurava ogni giorno. Fu così che la stazione diventò il punto strategico d osservazione: donne bianche, d ogni colore e d ogni foggia abbigliate, donne in carriera, donne smunte, donne isteriche, donne Un rumore forte, metallico, inaspettato si trasforma in un bagliore che poi lentamente si attenua ed appaiono i contorni di ciò che mi circonda: un giardino, il mio giardino, le piante, un tavolino in rattan, il mio cuore batte forte per lo spavento e, disorientata, capisco che stavo dormendo e sognando. Un altro colpo, come il precedente, ma ora mi è più familiare, è Lapo, il figlio dei vicini che uccide la noia, calciando la palla sulla porta del garage; accidenti a lui, però, è cosi dolce e così solo, e poi così simpatico, quando passa sotto la siepe e viene a giocare con me, facendomi dimenticare gli acciacchi delle mie stanche ossa. Una figura in controluce, seduta su una poltroncina è parzialmente nascosta da un gran foglio di carta, un giornale, ma la riconosco facilmente dalla solita gonna plissettata, mia madre, o meglio, per precisione, colei che nella mia vita si è proposta come tale. Espiro lentamente, tranquillizzando il battito del cuore, e cerco di recuperare le immagini del sogno che stanno evaporando, ma non mi è difficile, poiché il sogno è spesso quello: la stazione, il treno, la bimba, le madri, il rutilare delle sensazioni. Ma, come sempre, qualcosa stona: non è il mio linguaggio, non sono i miei colori e le figure non mi assomigliano, io mi sento diversa ed, inoltre, c è una sorta di ricordo confuso che sfocato mi appare, come un indecifrabile sensazione, in cui mi pare che colei che mi allattava non desiderasse separarsi da me. Bah! tanti anni in questa famiglia devono aver confuso i miei riferimenti istintivi. Mi stiro con un rumoroso sbadiglio, allungandomi sino a toccare entrambi i braccioli del divanetto in midollino su cui stavo dormendo ed il mio movimento attrae l attenzione della figura leggente, che esordisce con un ampio sorriso ed un tono cantilenante ed acuto: Finalmente ti sei svegliata bambolina. Hai sete? Ti ho versato poco fa dell acqua fresca, dai vieni dalla mamma a farti fare le coccole. Terminato il lungo sbadiglio, torno a rannicchiarmi, e lei: Dai pigrona, levati da lì, che stanno arrivando alcuni amici. So che insisterà, perciò mi muovo e, con un goffo balzo, atterro sul prato e mi avvio verso la mia piccola dependance.

7 Voci dal Sud 41 Anno II nr. 11 Novembre 2006 Lungo il percorso, tengo il naso basso, per meglio cogliere il fresco piacere dell erba tagliata di fresco, ma con gli occhi fisso, come sempre, quegli strani segni vergati sopra l entrata della mia casetta, che non so leggere, ma di cui, negli anni, ho imparato il significato. Prima di entrare, risollevo la testa e le mie lunghe orecchie dal pelo fulvo smettono di trascinarsi nell erba umida e penso alla scritta sulla porta: Dolly, ma che cazzo di nome. Dolly, Dolly > La voce della mia bambina è allegra e tintinnante, mentre chiama la sua fedele compagna, non più cucciola. Anche lei non è più esattamente una bambina, e piano piano sta uscendo dal goffo bozzolo dell infanzia, per trasformarsi in una giovane creatura che, scommetto, farà battere forte il cuore di tanti suoi coetanei. Cerco di non pensare al giorno, in cui mi porterà a casa il primo morosino, o addirittura il fidanzato ufficiale. Dio, che rabbia! Non tanto per freudiane compensazioni, secondo le quali per un maschio è impossibile diventare davvero amico di uno che va a letto con tua figlia, quanto per una realtà ben più fredda e crudele: se mia figlia sta diventando grande, io, per contro, sto invecchiando! Me ne accorgo quasi in ogni momento, in ogni movimento. Praticare il Tai-Chi mi dà qualche sollievo, ma mi rendo benissimo conto del leggero sforzo che mi costa restare in equilibrio su una gamba, durante certi esercizi o del mimimo tremito della mano che regge la spada in altri. Solo due anni fa non lo percepivo, al contrario di adesso. Guarda il filo della lama, come trema. Impercettibilmente, dirai tu. A me pare il tremito d un ubriaco, invece. Tutti sintomi tipici, di un unica diagnosi, che già mi fece il barbiere del mio paesino, quando mi trovò il primo capello bianco, qualche anno fa. Ragazzo, non sei fatto di ferro nemmeno tu, mi aveva detto, con un sorriso ingenuo, ignaro di come sarebbe cambiata la mia vita nell arco di due anni e delle tragedie che avrei dovuto affrontare. La spada si muove decisa e sibila fendendo l aria e, mentre le mie gambe cercano di adeguarsi alla velocità delle mie braccia, rivedo il carabiniere che mi suona alla porta e che mi dà la notizia che lui non avrebbe mai voluto dare e che io non avrei mai voluto sentire. Sono desolato, ma c è stato un incidente sulla A21. Sua moglie. Un ringhio mi esce dalla bocca, mentre la spada disegna arabeschi, destinati a tenere a bada i fantasmi che già si affollano alla mia mente. Dolly, Dolly! : la voce di mia figlia, spezza l incantesimo. La mia bambina, leggera e fresca, come la schiuma del mare o le nuvole del cielo, l unica che mi ha dato e continua a darmi la forza. Vorrei che ci fosse ancora mia moglie, al mio fianco, per aiutarmi nel difficile compito di educarla, in questo mondo che sembra trasudare odio e violenza da tutti i pori. Per dirmi che sì, un mondo nuovo è ancora possibile; che possiamo fregare il tempo. Affondo la spada in un nemico invisibile, poi la ritraggo e, secondo uno schema vecchio ormai di secoli, inverto la presa e l affondo alle mie spalle. Mia figlia ha Dolly in braccio e mi guarda divertita e anche un po perplessa, come fa sempre, quando mi vede praticare questi esercizi. Le sorrido e lei mi sorride di rimando. Cristo, quanto mi ricorda mia moglie penso Mi asciugo il sudore dalla fronte e interrompo l esercizio. Aveva ragione mia moglie, eh si più guardo mia figlia, più penso: Sì, insieme possiamo fregarlo, quel bastardo di tempo!. Lapo irrompe, correndo; quasi inciampa nel tubo di gomma che utilizzo per innaffiare le rose bianche, così tanto amate da mia moglie. Ciao Anna. Ti va di venire con me a pescare? Ti ho procurato la canna di bambù identica a quella che hai visto ieri nel negozio. Mia figlia si gira lanciandomi uno sguardo dipinto: irresistibile fregio. Impossibile resisterle. Camminano vicini, ridono e chiacchierano ed io sento che già mi hanno precluso il loro mondo barocco e sospeso. Per loro è facile vivere con entusiasmo. Trasudano gioia per un insetto insolito o un esca dal piumino arancio. Il loro rumore si attutisce, man mano si allontanano, fin quando il colore intenso del prato si gonfia e li inghiotte. La mia mente torbida fino a quel momento, si fa più leggera. Anna abita nella mia pelle, ogni giorno sceglie in quale poro. Mi ha salvato! Ero diventato come una bottiglia di plastica, imprigionata in un gorgo naturale a lato di un torrente impetuoso, imbrigliato da lunghe dita scheletriche che mi tiravano sotto, mi liberavano, poi, ancora giù. Anna, mia figlia la bimba che, con occhi tramortiti, mi dice sorridendo Fortuna che ho te, mi ha resuscitato. Dolly abbaia... Tesoro, eccomi mi precipito Tutto bene?. Papà, papà, abbracciami, ho fatto un sogno terribile Mio miele sono qui accanto a te, non avere paura. L uomo con un gesto morbido spostò i capelli grigi e capricciosi che lasciavano trasparire la dolorosa incontrollabilità del tempo, liberando la bella fronte alta, inequivocabile segno di un DNA profondo e complesso e con voce rassicurante le parlò come solo un padre può fare: Ti ho mai parlato di Dolly? Per un attimo ho creduto... piccola, io sono accorso perché tu... non so come dirtelo... Tu stavi abbaiando. Da quando sei nata registro ogni tuo movimento, ogni tuo gemito, ogni tuo risolino perché tu sei la mia musica,

8 Voci dal Sud 42 Anno II nr. 11 Novembre 2006 la mia letteratura, la mia arte...poco fa, sentendoti abbaiare dotta chissà dove se la voce di un giovane uomo non si però ho capito! Tu sei molto di più e del tuo bau bau fosse frapposta, un po inopportuna: m illumino. Tu figlia adorata sei Dolly, la mia cagnolina morta sotto le rotaie di un treno ad alta velocità. Oh mia amata, persa e ritrovata. Adesso è tutto chiaro, eccetto... sono assalito da un pensiero intruso: se tu sei un cane, io chi sono? Dal corridoio arrivano i rumori di gente che corre, che coordina e che ordina. Il rumore si avvicina, una chiave gira, una volta, due, tre e la porta si spalanca. Tre uomini vestiti di bianco irrompono senza chiedere permesso e da lì a poco comincia un nuovo sogno. Elettroshock... Ancora i muscoli infuriati per l affronto, l abuso terapeutico: elettroshock... Camici bianchi mi afferrano, mi legano sghignazzo, temporali nelle vene la carne si arriccia, i pensieri cuociono, mulinellano. Rivedo la macchina accartocciata in autostrada... l inutilità del risveglio all interno del mio oscuro e fetido pozzo... la carrozza del treno, dentro la ragione, la passione la voglia di vivere che lievitando si allontanano... mia madre che mi accarezza e mi abbandona regalandomi per sempre la paura di essere amato fiumi di persone estranee mi sorridono. Tutto gira, turbinante tornado dissonante. Mi sento ardere, non oppongo resistenza nebbia, poi alba. Qualcosa si rifugia nella mia mano: ciniglia soffice, delicata, fresca, ma calda limpida, dissetante. Spalanca la sua fronte al mio sguardo. Ciao Anna tutto torna a scorrere. Squilla il telefono; il sussulto notturno anticipa di pochi secondi la corsa affannata verso la cornetta: Pronto Anna avanza goffamente lungo il corridoio dell ospedale. Non è la prima volta che un emergenza la rovescia giù dal letto, ma la pancia informe si è ingrossata a dismisura dall ultima volta. Un mese, manca soltanto un mese alla nascita della loro bambina e non era così che aveva immaginato l attesa. A dire il vero aveva immaginato tutto diversamente o forse non aveva immaginato abbastanza, altrimenti si sarebbe fermata prima. Quanto prima? La risposta appena abbozzata si ferma bruscamente davanti al piccolo specchio accanto alla porta di servizio antistante le scale di sicurezza. I solchi scuri sotto gli occhi lasciano intravedere le tracce inequivocabili di una bellezza che non si lascerà sopraffare facilmente. Non aveva mai preso troppo sul serio il suo aspetto fisico. Aveva giocato di tanto in tanto godendo, divertita e sorpresa, dell effetto che provocavano sugli uomini quelle fattezze imperfette ma abilmente assemblate. Nulla di più: non era mai stata disposta a puntare su qualcosa che non poteva controllare. La mente disegna un sorriso ironico e l avrebbe con- Venga signora, da questa parte, quando nascerà, maschio o femmina? chiese l infermiere, facendole segno di entrare nella seconda stanza sulla sinistra. Non aveva voluto vederla, nemmeno quando quel piccolo capino riccioluto era uscito dal suo ventre..., così l avevano portata via in tutta fretta, alla nursery, dove un addetta del Tribunale dei minori, già allertata da giorni, compilava una serie di moduli, per l affido. Perché quella strana sensazione di ansia, nel raggiungere lo studio legale? Tutto sommato si trattava di sbrigare una pratica burocratica, almeno così le aveva detto al telefono il notaio, il Dottor De Magistris. Lapo De Magistris, brillante cinquantenne romano, sedeva dietro la sua scrivania di ciliegio, immerso nella lettura d un atto di compravendita, quando il cicalino dell interfono lo interruppe: La signorina che stava aspettando, è in sala d attesa, la faccio accomodare? gli disse la sua segretaria. Certo, due minuti e la faccia entrare, rispose lui, quasi seccato. Quando la ragazza entrò nello studio, lui era girato di spalle, intento a rimettere a posto alcune carte nel mobile dietro la scrivania. Impallidì improvvisamente: stessi lineamenti, d una intensità sconcertante. Lei dovette accorgersene, dal momento che rimase in piedi sulla porta, senza osare avvicinarsi alle due morbide poltroncine in pelle scura. Lapo si ricompose, sebbene, quello che le si parava dinanzi agli occhi sembrava il fotogramma d una pellicola in bianco e nero, come un film già visto. Rivedeva con la mente Anna, le sue corse al fiume, suo padre, i versi di Dolly quanti anni erano passati? Venti no, forse venticinque Che stupido, ho la data di nascita dinanzi, sul testamento, pensò, cercando di dare il giusto tono alla voce, frammezzata d una emozione vibrante ed inequivocabile. Le lesse il testamento, spiegandole i passi da fare, per entrare in possesso dell eredità, nonché tutti gli adempimenti da assolvere, in caso di accettazione. La ragazza sembrava non ascoltarlo affatto, presa com era a guardare il suo sguardo e i suoi capelli e, in verità, il notaio pareva anche averlo notato. Sa, signorina, che conoscevo la sua famiglia? disse lui, tentando di sviare il discorso, che pareva non interessarla affatto. Non aveva bisogno d ascoltare altro aveva detto al De Magistris, che intendeva rinunciare all eredità che sciocca eh? Eppure quella cifra le avrebbe garantito un futuro dignitoso per il resto della vita e, di fronte alla sequela di leggi e norme che lui le aveva sciorinato, aveva frettolosamente liquidato la situazione, manifestando la sua volontà di devolvere l intera somma, in beneficenza. Uscii fuori e pioveva camminavo sotto la pioggia, lentamente, lasciando che le gocce mi entrassero addirittura nelle orecchie, infastidendomi ovattando il suono delle auto

9 Voci dal Sud 43 Anno II nr. 11 Novembre 2006 il Cafè degli Amanti white_sharck71 su Vivicentro riporta la delicata poesia di Vincenzo Giandomanico che noi ospitiamo con vivo piacere O NONNO Avisse arapì ll uocchie, oj mamma mia! Vita passata mia... pare nu suonno! Aiere cu e guagliune nmiez a via, oggie nu viecchio e otto vote nonno Io quanno parlo e Te mamma mia cara ritorno n ata vota piccerillo e dint o suonno quanno Tu m appareveco ca Tu faie a nonna all angiulille Io quanno stongo nmiez a sti nepu te oj mamma t e vulesso fà vedè so accussì belle e nu ll he cunusciute, comme vurrio ca stisse nziem a mmè P a casa songhe otto palummielle! Pe n attimo nun trovene arricietto ll urdimo nato me fà o cianciusiello quann o pàzzeo ruciulea p o lietto Pe mmè so comm a tante pazzielle e spisso tutte nzieme pazziamme m ha ditto aiere o chiù strappuliatielle: O no, ma pure tu tenive a mamma? Io nun l aggiu risposto, m ha guardato e tale e quale comm a dduje cumpagne cu e ddoje braccelle forte m abbracciato e pò m ha ditto: O no, ma pecchè chiagne!?

10 Voci dal Sud 44 Anno II nr. 11 Novembre 2006 Queste pagine fanno parte del gemellaggio fra la Fromo Editore di Rosarno e le Edizioni Damiano di Villa Verucchio (Rimini). Articoli, firme e foto appartengono alla rivista Vignettopoli edita dalla Editrice Damiano Si è spenta la voce della nostra coscienza : Oriana Nicoletta Damiano Firenze - Una voce critica forte, la voce della coscienza del mondo, spesso scomoda, si è spenta! Al di là del dispiacere di averla persa, come scrittrice e giornalista, non posso non riconoscerle il merito di aver messo in ombra gli uomini tutti, ed andare controcorrente con i suoi scritti, dimostrando una volta di più la capacità innata che è propria di tutte donne, che quando vogliono sono capaci di affrontare gli ostacoli peggiori che la vita dissemina sul loro cammino. Non poteva che essere una donna a tracciare questo significativo percorso. Nonostante non fossi d accordo sul fatto che la volevano Senatrice a vita, perchè ho sempre sentito la cosa strumentale e non lo trovassi giusto nei confronti di una bella persona, profonda e al contempo con una mente analitica e attenta ai fatti della vita e del mondo. Devo confessare che la sua vivacità intellettuale, il sapere ogni cosa su tutto, il non aver paura di niente... continua ad affascinarmi. La paura Lei sapeva bene cos era, non parlava mai per sentito dire, ma raccontava e urlava di quelle paure che gli uomini avrebbero dovuto sopportare e che si sarebbero fatte avanti, un giorno dopo l altro, senza che nessuno ne arginasse la piena del terrore. Purtroppo, mi sono resa conto che la gente, prende sempre fischi per fiaschi e non capisce mai! Leg- ge, ma pensa ad altro, guarda, ma vede ciò che gli altri ti vogliono far vedere. Tu uomo, tu che di Lei hai dato un lapidale giudizio nel riceverne la notizia del suo decesso, non hai capito un tubo... ma non ti preoccupare, siamo in molti in tua compagnia, a nuotare in questa magnifica ignoranza. Un giorno, anche se troppo tardi, ci sveglieremo, ma come dico... sarà troppo tardi!... perchè quando cominceremo a ragionare con la nostra testa e finalmente a capire cosa ci voleva dire Oriana Fallaci, a leggere i suoi scritti con la mente scevra da padroni indotti, quando finalmente avremo ripulito il cervello di tutte quelle scorie che appesantiscono di stupidità la testa, ed insudiciano occhi e cuore... non sapremo più a chi dirlo!... ma non ci saremo più nemmeno noi a sparare parole. Oggi perdiamo una figura esemplare nel mondo del giornalismo, ma anche una grande donna, e le Donne, Noi donne, perdono molto con la sua scomparsa; gli uomini invece, dovrebbero riflettere su di L e i, in questa società che si sono impacchettati ad immagine e somiglianza, dove vince chi corre di più: da una responsabilità, da una sfida, da una scopata, da un amore. La società degli uomini in fuga che fino ad arrivare ai più alti vertici, giocano ancora con le vite di tutti e se ne fregano della nostra. Cara Oriana, come giornalista perdo personalmente un punto interessante di riferimento ed una voce vera, limpida, chiara. Oggi la nostra categoria dovrebbe essere a lutto stretto, perchè di giornalisti così, com eri tu, mi spiace dirlo, ma non ne sono più. Si faranno in quattro per esprimere i loro dolore davanti alle telecamere, mentre dietro la schiena ti combattevano e disapprovavano. Ci sarà la corsa alla lacrima, a chi le spara più grosse, ed ancora una volta, dovrai da lassù assistere all ennesima rappresentazione teatrale di ipocriti con l abito scuro e occhiali neri. Hai fatto bene a lasciarci in silenzio, ti eri già sgolata anche troppo, ma sai non c è peggior sordo di chi non vuol sentire!. Che la tua nuova strada sia meno pesante di quella che hai dovuto sopportare in vita. Buon viaggio cittadina del mondo e grande donna da me, una piccola ignorante che sopravvive facendo la scribacchina.

11 Voci dal Sud 45 Anno II nr. 11 Novembre 2006 dal mondo di Vignettopoli Edizioni Damiano - Villa Verucchio (RN) Italy Scaduti i termini per partecipare al concorso letterario nazionale di scrittura femminile MA ADESSO IO COMPIE DIECI ANNI MARILY Faenza - Scaduti i termini per partecipare al concorso letterario nazionale di scrittura femminile MA ADESSO IO COMPIE DIECI ANNI Presidente della giuria è la scrittrice e giornalista Lisa Bellocchi. Le opere vanno presentate entro il 31 ottobre 2006 Il concorso letterario nazionale di scrittura femminile Ma adesso io compie dieci anni. La manifestazione è promossa dall assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Faenza, d intesa con gli assessorati alle Pari Opportunità dei Comuni dell area faentina (Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Riolo Terme e Solarolo), in collaborazione con l associazione Nuovi Materiali, la società editrice Il Ponte Vecchio di Cesena, il settimanale faentino Sette Sere e con il contributo dell Ufficio provinciale della Consigliera di Parità, della Provincia di Ravenna, della Regione Emilia Romagna, di Legacoop, di Casacooptre e della Cooperativa Zerocento. La macchina organizzativa della decima edizione di Ma adesso io è partita proprio in questi giorni. Al concorso possono partecipare tutte le donne che hanno compiuto il sedicesimo anno d età, ovunque residenti. Tre le sezioni previste: Poesia, Narrativa (racconti, romanzi brevi) e Memorialistica (testimonianze e diari). La partecipazione al concorso è gratuita. Le partecipanti dovranno inviare le loro opere (testi inediti, a tema libero e in lingua italiana), in quattro copie per la sezione Poesia, in sette per le sezioni Narrativa e Memorialistica, entro il 31 ottobre 2006 alla segreteria del Concorso di scrittura femminile - assessorato Pari Opportunità del Comune di Faenza (piazza del Popolo, 31). E consentita la partecipazione a una sola sezione. Non sono inoltre ammesse al concorso le vincitrici dell edizione precedente. Per la sezione Poesia si possono inviare da un minimo di tre a un massimo di cinque poesie; per la sezione Narrativa i testi dovranno essere al massimo di 100 cartelle; 50 cartelle, infine, per la sezione Memorialistica. Le cartelle devono essere contenute nei limiti di trenta righe per sessanta battute l una. Gli elaborati saranno valutati da una giuria nominata dall Amministrazione comunale e presieduta que- st anno dalla scrittrice e giornalista Lisa Bellocchi, di cui faranno parte esponenti qualificati del mondo della cultura. Per ciascuna sezione la giuria sceglierà un opera vincitrice e una rosa di opere segnalate. Alle opere vincitrici andrà un premio di mille euro. E inoltre previsto un premio speciale per ogni sezione il premio Migliore Opera del valore di 500 euro, riservato alle scrittrici residenti nel territorio faentino (Faenza e comuni del comprensorio). Le opere vincitrici e quelle segnalate di ciascuna sezione saranno presentate pubblicamente domenica 11 marzo 2007, in occasione delle manifestazioni dell 8 marzo, Giornata Internazionale della Donna. Per ulteriori informazioni sul concorso rivolgersi all assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Faenza (tel ; fax ; dal lunedì al venerdì, dalle ore alle 14.00; il martedì e giovedì anche il pomeriggio, dalle alle

12 Voci dal Sud 46 Anno II nr. 11 Novembre 2006 dal mondo di Vignettopoli Edizioni Damiano - Villa Verucchio (RN) Italy Appello al Governo italiano perché la Convenzione ONU sui diritti del fanciullo venga rispettata in tutti i Paesi membri dell Unione Pedofilia? no grazie! L Istituto degli Innocenti manifesta la propria preoccupazione per quanto sta avvenendo in Olanda dove un gruppo filo pedofilo potrà partecipare alle prossime elezioni. In forza del proprio impegno plurisecolare a fianco dell infanzia e dell adolescenza l Istituto degli Innocenti sollecita il Governo italiano a farsi promotore in sede europea di un iniziativa di denuncia di questa vicenda, richiamando i membri dell Unione all applicazione e al rispetto delle norme e dei principi della convenzione ONU del A tutte le associazioni, alle realtà e ai cittadini che si battono per promuovere una cultura favorevole all infanzia, l Istituto chiede di aderire per sostenere questo appello. Nonostante l opinione pubblica olandese ed europea, almeno in alcuni suoi settori, abbia condannato fortemente le gravi posizioni filo pedofile del neo costituito partito NVD ( Carità, Libertà e Diversità), il Tribunale dell Aja ne ha stabilito l ammissibilità alle elezioni di novembre. Fra le proposte del NVD ci sono l abbassamento dell età del consenso sessuale da 16 a 12 anni, con conseguente possibilità per i minori di partecipare a film pornografici e anche prostituirsi, la depenalizzazione del possesso di pornografia infantile, la libera trasmissione di film pornografici, anche di giorno, sui canali televisivi, tranne quelli violenti, comunque proiettabili nelle ore notturne. Questi sono alcuni dei capisaldi di un programma che intende far diventare comportamenti normali e leciti una insieme di atti che, solo grazie a decenni di impegno e di mobilitazione civile, sono stati finalmente riconosciuti quali crimini contro la persona, da perseguire a livello nazionale e internazionale. Il fondatore e i sostenitori di NVD utilizzano argomentazioni tipiche di chi commette abusi sessuali su bambini e bambine per giustificare la loro scelta: le nostre proposte vogliono ampliare i diritti dei minori all amore e alla sessualità; vogliamo lacerare il velo dell ipocrisia, vogliamo favorire l educazione sessuale dei minori. Dietro pretese democratiche e progressiste si vuole invece legittimare lo sfruttamento sessuale di bambini e bambine, negando i gravi e drammatici effetti a breve e lungo termine che gli abusi sessuali producono sui piccoli, e il fatto che tra un adulto e un bambino che ne subisce gli atti sessuali non potrà mai esserci un rapporto di parità. Il Tribunale dell Aja ha motivato la propria decisione di ammettere alle elezioni il NVD anche per non ledere il diritto alla libertà di espressione. Ma come viene garantita quella di bambini e bambine? Sono stati ascoltati? Quale attuazione reale ha in tutta Europa il loro diritto all ascolto e alla partecipazione? Il mondo degli adulti deve impegnarsi, oggi, a garantire la libertà e la possibilità di espressione dei bambini e delle bambine, non di chi si approfitta della loro posizione di dipendenza e di mancanza di parola per rivendicare la libertà di abusare di loro. Ciò che è avvenuto è particolarmente inquietante perché viola i principi normativi contenuti in convenzioni, protocolli e dichiarazioni sui diritti dell infanzia e contro l abuso e lo sfruttamento sessuale di bambini e bambine, che sono stati sottoscritti e ratificati anche dall Olanda, in primis tra tutti la Convenzione Onu dei sui diritti del fanciullo. In questo atto, promulgato a New York nel 1989, gli Stati si impegnano ad adottare misure legislative, amministrative, sociali ed educative per tutelare i soggetti minorenni contro ogni forma di violenza, di oltraggio o di brutalità fisiche, compresa la violenza sessuale (art.19), e ad assumere a livello nazionale, bilaterale e multilaterale ogni iniziativa utile a impedire che i bambini siano incitati o costretti a dedicarsi a una attività sessuale illegale, sfruttati a fini di prostituzione, di altre pratiche sessuali illegali o della produzione di spettacoli o di materiale a carattere pornografico (art.34). Poiché per il diritto italiano gli atti sessuali con minorenni, la pedopornografia e la prostituzione minorile costituiscono reato le proposte del Ndv potrebbero essere considerate come istigazione a delinquere (art. 414 c.p.). La propaganda fatta dal nuovo partito olandese potrebbe integrare tale fattispecie di reato perché chi istiga a commettere uno o più reati viene condannato con pene detentive e/o pecuniarie a seconda dei casi e le richieste del NDV integrano comportamenti idonei a provocare la commissione di reati ai danni di bambini e bambine. da l Istituto Degli Innoncenti girato a voi tutti dall editore Nicoletta Damiano Per aderire inviare una mail a: Tel , 324, 220

13 Voci dal Sud 47 Anno II nr. 11 Novembre 2006 dal mondo di Vignettopoli Edizioni Damiano - Villa Verucchio (RN) Italy QUESTI NOSTRI FANTASMI Virtuali, remoti, sociali, storici - Edizioni Damiano di Nicoletta Damiano Ci credete ai fantasmi?... In questa raccolta della scrittrice milanese ne potete trovare di ogni tipo e per ogni gusto. Fantasmi dell entroterra romagnolo: ricco di storia e di castelli, ognuno con la sua presenza...ma i fantasmi non sono solo di tipo storico o legati a leggende popolari, infatti, Nicoletta Damiano, ne ha trovati alcuni, che vivono perennemente con noi... I fantasmi sociali, meccanismi in grado di convincerci che non siamo chi siamo e che riceviamo nel momento in cui si lancia il primo vagito. I fantasmi virtuali, i miti o gli idoli cui vorremmo assomigliare per un ansia di piacere, che non ci appartiene ma che viene alimentata, giorno dopo giorno dai media. I fantasmi remoti, quelli che appartengono solo a noi e che incarnano le nostre paure più profonde e che talvolta emergono, producendo risultati, devastanti...credeteci ai fantasmi. Ogni giorno, senza saperlo conviviamo con lo spettro di qualcuno ed in questa intrigante e variegata sequela di personaggi, da Azzurrina a Marilyn Monroe, da Cagliostro a Berlusconi... Un investigazione tra i Misteri dentro e fuori di noi e che appartengono da sempre ad ogni popolo, antico e moderno. Questi nostri fantasmi e l approfondimento dei fantasmi storici che aleggiano sulla nostra vita li potete approfondire nel volume edito dall editrice Damiano nel volume ACQUISTA CON CARTA DI CREDITO oppure telefona A QUESTO NUMERO CONTINUA LA PROMOZIONE : 1 LIBRO UN CONSULTO GRATUITO DI TAROCCHI JUNGHIANI IN VOCE

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo «La crisi adolescenziale non lo è più di quanto non lo sia il parto; è

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri.

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri. Testi di Joanna Bellati, Anna Lucatello, Annachiara Moretti Illustazioni di Alice Dittura, Giorgia Rizzo Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri.

sa donare ciò che ha ricevuto e il suo talento non diviene proprietà, ma regalo per gli altri. Presentazione Questa estate ci siamo regalati un corso di Esercizi spirituali al Mericianum di Desenzano tenuti dall Autore che ha l età di uno dei nostri figli. Ora ci arriva un suo libro. È un libro

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Promo - I ragazzi geisha

Promo - I ragazzi geisha 1 Promo - I ragazzi geisha Valerio la Martire Davide Sono a Testaccio, questo è certo. Devo prendere un mezzo per rientrare e non ho tempo. Dietro gli occhiali che si appannano vedo facce sfocate e indistinte.

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

«Non so se è pazzia o genialità. Impressionante quanto spesso questi due tratti coincidano.» (Will Turner ne La maledizione della prima luna)

«Non so se è pazzia o genialità. Impressionante quanto spesso questi due tratti coincidano.» (Will Turner ne La maledizione della prima luna) «Non so se è pazzia o genialità. Impressionante quanto spesso questi due tratti coincidano.» (Will Turner ne La maledizione della prima luna) Caro Johnny Depp, eccomi di nuovo da te. Anche se da te e con

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO Un amore nascosto Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO racconto A Mario, per ringraziarlo di avermi fatto scoprire cos'è l'amore. s ei e trenta in punto: lo squillo della sveglia non poteva essere che

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Poesie di Marianna Porzio

Poesie di Marianna Porzio Poesie di Marianna Porzio Geometria di un quasi giorno, arabeschi e frammenti di un quasi futuro disegnano confondono, gli uccellini concertano la radio trasmette mentre il profumo del caffè si confonde

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

Chiara Pinarello. Ciao, io

Chiara Pinarello. Ciao, io Chiara Pinarello Ciao, io Chiara Pinarello Ciao, io Domenica 13 ottobre 1996 si dice così, vero? Non ne sono sicuro, ma a me piace l idea di scrivere a un diario. Insomma, un diario non parla, ma se ci

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Ciao a tutti! Volevo come scritto sul gruppo con questo file spiegarvi cosa è successo perché se non ho scelto la cucciola senza pedigree e controlli (e come sto per spiegare non solo) è anche grazie ai

Dettagli