I.I.S. V. FLORIANI Sezione di via Adda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.I.S. V. FLORIANI Sezione di via Adda"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca I.I.S. V. FLORIANI Via B. Cremagnani, 18 Vimercate (MI) SEZIONI ASSOCIATE: I.P.I.A. VIMERCATE Via B. Cremagnani, Vimercate (MI) tel fax istituto: I.P.C.T. A. OLIVETTI Via Adda, Vimercate (MI) tel fax I.I.S. V. FLORIANI Sezione di via Adda ESAME DI STATO Documento del Consiglio di Classe 5 B Tecnico dei Servizi Turistici Anno scolastico 2011/2012 AFFISSO ALL ALBO DAL 15/05/2012 Protocollo

2 INDICE PROFILO DELL INDIRIZZO PRESENTAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PROFILO DELLA CLASSE, INTERVENTI E STRATEGIE DI RECUPERO LAVORI DI RICERCA PRESENTATI DAGLI ALLIEVI INIZIATIVE COMPLEMENTARI INTEGRATIVE (PEC) ATTIVITA ORIENTAMENTO PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE MODALITA DI LAVORO, MEZZI E STRUMENTI, SPAZI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI: TIPOLOGIA E STRUMENTI DI VERIFICA CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO TERZA AREA PROFESSIONALIZZANTE VALUTAZIONE STAGE FOGLIO FIRME ALLEGATI CONSUNTIVO DELLE ATTIVITA DISCIPLINARI PRIMA SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA SECONDA SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA SIMULAZIONE DELLA PRIMA PROVA PRIMA SIMULAZIONE DELLA SECONDA PROVA SECONDA SIMULAZIONE DELLA SECONDA PROVA

3 ISTITUTO STATALE d ISTRUZIONE SUPERIORE V. FLORIANI ISTITUTO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI SOCIALI A. OLIVETTI Vista la legge 425/97; Visto il regolamento all art. 5 (Esami di Stato) Il Consiglio di classe redige il seguente DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 T.S.T. SEDE DI VIA ADDA I.P.S.C.T. ADRIANO OLIVETTI

4 PROFILO DELL INDIRIZZO TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI Il TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI possiede un ampia cultura di base, di spirito di iniziativa, di senso critico, di capacità di reperire il cambiamento e di adattarsi ad esso, di doti di disponibilità e di interesse a comprendere le richieste e le esigenze che provengono dal mondo esterno e conosce in modo approfondito le caratteristiche del fenomeno turistico nelle sue molteplici articolazioni. In particolare possiede: a) in termini di conoscenze: Un ampia ed essenziale cultura di base storica geografica, giuridico-economica, politica, artistica, ecc.; La conoscenza scritta e parlata di due lingue scritte; La consapevolezza del ruolo delle articolazioni, delle implicazioni economiche del settore turistico; La conoscenza approfondita dei prodotti turistici, delle fasce di possibile utenza, dei modi per accrescere l interesse e la fruibilità del prodotto senza snaturarlo; La conoscenza degli elementi fondamentali della struttura organizzativa delle varie imprese turistiche; La conoscenza dei canali di commercializzazione e del marketing La padronanza delle tecniche operative di base, con particolare attenzione all utilizzo degli strumenti informatici b) in termini di capacità e di comportamenti: La capacità di leggere e di interpretare autonomamente eventi, problematiche, tendenze del mondo circostante; La padronanza dei mezzi espressivi e di comunicazione, parlati, scritti, telematici; Buone capacità comunicative, non solo in termini di espressione linguistica (in italiano o nelle lingue straniere), ma anche di comunicazione non verbale; La flessibilità e la disponibilità al cambiamento; La capacità di impegnarsi a fondo per raggiungere un obiettivo; Adeguate doti di precisione, attenzione, concentrazione; Un comportamento improntato alla tolleranza, all autocontrollo ed al senso della misura; La consapevolezza del proprio ruolo unita a doti di affidabilità

5 1. CONSIGLIO DI CLASSE 1.1 Elenco Docenti Materia Docente Continuità didattica nel biennio post-qual SI NO Supplente temporaneo Italiano Curatoli Rosa X Storia Curatoli Rosa X Matematica e informatica. Burgisano Saverio X Francese Consonni Antonella X Inglese Mancini Maria Cristina X X Ec. tecnica az. turistica e Tecnica dei servizi e pratica operativa Tecn.Comunicaz/relaz Ricevimento Valentino Vincenza Miceli Valentina Marullo Antonio Miceli Valentina X X X X X X X X Geografia turistica Capuano Sabina X X Storia dell Arte Randazzo Cono Aurelio X X Educazione fisica Grittini Enrico X Religione La Rosa Carmela X

6 1.2 Elenco alunni Cognome e Nome Dalla 4 B T.S.T. 1 Andreotti Monica X 2 Angelino Giuseppina X 3 Atzeni Desirèè X 4 Biffi Giulia X 5 Borsellino Valeria X 6 Brevi Isabella X 7 Brigatti Daniela X 8 Brioschi Veronica X Allievi ripetenti 9 Celestre Jessica X 10 Cervone Gianfranco X 11 Citterio Elisa X 12 Colombo Chiara X 13 Crippa Susanna X 14 D'Onofrio Federica X 15 Foli Valentina X 16 Gobetti Alessia X 17 Grimaldi Eleonora X 18 Kabil Suzan X 19 Kaou Dalila X 20 Lucutar Narcisa X 21 Maldonado Shirley X 22 Maniezzi Alessandra X 23 Melnyk Oksana X 24 Modica Marco X 25 Pezzuolo Erika X 26 Riva Jasmine X 27 Snani Sihan X 28 Spotti Martina X 29 Villella Claudia X

7 2. PROFILO DELLA CLASSE 2.1 Risultati dello scrutinio finale della classe 5 B T.S.T. n. studenti classe 4 B T.S.T n. promossi a giugno n. promossi con sospensione giudizio non promossi della classe 5^ Sospensione giudizio Materia n. alunni al termine della classe 4^ Italiano Storia 1 Matematica e informatica. Francese 5 Inglese Ec. tecnica az. turistica e Tecnica dei servizi e pratica operativa Tecn.Comunicaz/relaz Ricevimento Geografia turistica Storia dell Arte Educazione fisica Religione Relazione a cura del coordinatore La classe è composta da 29 alunni. Non vi sono casi di alunni diversamente abili o con disturbi specifici dell apprendimento. Un alunna (E.P.) per motivi di salute non frequenta più da prima della fine del primo quadrimestre anche se non si è mai ritirata ufficialmente. Non si può affermare che vi sia stata una stabilità del corpo docente durante l ultimo biennio del corso di studi, dal momento che il turn over ha riguardato 7 docenti su 11. Gli insegnanti che hanno condiviso con la 5B un percorso almeno biennale sono stati quelli di italiano e storia, francese, educazione fisica e religione. Un ricambio annuale invece si è verificato nelle materie di matematica, inglese, economia e tecnica aziendale turistica, tecniche della comunicazione e relazione, tecnica dei

8 servizi e pratica operativa, ricevimento, geografia turistica, storia dell arte. Per quanto riguarda la partecipazione al dialogo educativo e l impegno nello studio il gruppo classe si presenta piuttosto suddiviso al suo interno e in alcuni casi anche conflittuale per bisogni e stili relazionali diversi. Tale conflittualità a volte è stata manifestata anche nei confronti dei docenti sebbene non sia mai sfociata in atteggiamenti irrispettosi della persona. Infatti, durante il corso dell anno non si sono mai evidenziati problemi gravi relativi ai singoli comportamenti, come risulta anche dai voti di condotta del primo quadrimestre e di metà secondo quadrimestre. Dall eterogeneo approccio del gruppo classe con le varie discipline deriva un quadro diversificato del livello di preparazione degli studenti, che in alcuni casi appare più soddisfacente, in altri scarso. Sempre parlando in generale, e fatte le opportune distinzioni, si può affermare che il gruppo classe non è stato continuativo nell impegno scolastico richiesto dalle diverse discipline, ed in alcuni ambiti disciplinari si evidenziano alcune lacune. Qualche studente si è mostrato comunque disponibile e motivato al dialogo scolastico anche se l attenzione durante le lezioni e l approfondimento personale sono state le costanti solo di pochi. I risultati conseguiti non sono comunque stati sempre soddisfacenti per la maggior parte degli alunni, in qualche caso permangono difficoltà di rielaborazione personale, di autonomia nella gestione dello studio personale e nella costanza dell impegno. In particolare, all interno della classe, solo un gruppo di otto alunni ha partecipato in modo propositivo ed interessato, relazionandosi positivamente con i diversi docenti e riportando buone valutazioni in tutte le discipline; altri sette alunni hanno evidenziato qualche lieve difficoltà mentre per tutti gli altri si sono registrate diffuse valutazioni negative di cui sono regolarmente state informate le famiglie. La motivazione di tali insufficienze, pur nelle differenze individuali, è riscontrabile nella discontinuità dell impegno e nell incapacità di organizzare il proprio tempo di studio in modo proficuo. 2.4 Interventi di recupero effettuati durante l anno Materia Corso di recupero pomeridiano Recupero in itinere Sportello Help Italiano X Storia X Matematica e informatica. X X Francese X Inglese X X Ec. tecnica az. turistica X X Tecn.Comunicaz/relaz Geografia turistica Storia dell Arte Educazione Fisica X X X X

9 2.5 Strategie per il recupero in itinere Italiano Obiettivi potenziare il metodo di studio acquisire padronanza del linguaggio specifico e delle tecniche di analisi testuale Metodi e strumenti lavoro guidato parallelo a quello di classe testi letterari libro di testo Storia potenziare il metodo di studio acquisire padronanza del linguaggio specifico lavoro guidato parallelo a quello di classe libro di testo schemi e mappe concettuali Storia dell arte saper utilizzare strumenti di lavoro e di studio acquisizione e perfezionamento di un linguaggio tecnico adeguato lezioni frontali esercitazioni Economia e tecnica dell azienda turistica saper utilizzare strumenti di lavoro e di studio acquisizione e perfezionamento di un linguaggio tecnico adeguato lezioni frontali esercitazioni di gruppo Geografia turistica saper utilizzare strumenti di lavoro e di studio esercizi di approfondimento, riproposizione di argomenti lettura della carta e dei dati Matematica consolidare costruzioni concettuali e abilità di calcolo esercizi guidati, spiegazioni individuali Inglese Francese Tecnica di comunica zione e relazione Ed. Fisica relazionare con scioltezza su argomenti in ambito turistico e potenziare le abilità nella produzione scritta consolidare costruzioni concettuali e abilità conoscenza delle problematiche di base legate all argomento trattato uso corretto della terminologia motivazione all attività motoria e comprensione dei vantaggi lavoro guidato, spiegazioni individuali, revisione orale degli argomenti trattati, esercitazioni scritte esercizi guidati, spiegazioni individuali lavoro guidato di recupero di termini e concetti precedentemente trattati esercitazioni lavoro guidato di recupero esercitazioni individuali

10 2.6 Lavori di ricerca presentati dagli allievi Cognome e Nome Titolo Andreotti Monica Femme fatale Angelino Giuseppina La maschera dell uomo Atzeni Desirèè Romanticismo Biffi Giulia La trasformazione di Parigi Borsellino Valeria Shopping tourism Brevi Isabella The Doors Brigatti Daniela Anni 60 Brioschi Veronica L amore Celestre Jessica Marilyn Monroe Cervone Gianfranco Simbolismo Citterio Elisa La libertà Colombo Chiara I musei Crippa Susanna La fotografia D'Onofrio Federica L umorismo Foli Valentina La memoria Gobetti Alessia Il treno e le sue interpretazioni Grimaldi Eleonora Danza del ventre Kabil Suzan Psicoanalisi Kaou Dalila Il mondo d occidente e d oriente a confronto Lucutar Narcisa La follia Maldonado Shirley Lo sfruttamento minorile Maniezzi Alessandra Donne e moda Melnyk Oksana La spiritualità Modica Marco Il termalismo Riva Jasmine Formula uno Snani Sihan Cinema Spotti Martina Libro Memorie di un Geisha Il Giappone Villella Claudia La musica 3. INIZIATIVE COMPLEMENTARI INTEGRATIVE (PEC) Uscite didattiche - Visita alla Borsa internazionale del turismo (BIT) presso la Fiera di Milano (febbraio 2012) - Spettacolo teatrale Sei personaggi in cerca d autore c/o Teatro Carcano di Milano, il 20 aprile 2012, in orario extra-scolastico, con partecipazione libera degli alunni - Visita presso la struttura ricettiva Hotel Terminus di Como il 07/05/2012 Stage - Visita al Centro trasfusionale AVIS Formentano di Limbiate il 30/05/ Dal 27/02/2012 al 11/03/2012 presso strutture pubbliche e private

11 Progetti d istituto - Seminario con la G. I. Group, ente di formazione per la fornitura di lavoro temporaneo, e con " Confindustria di Monza e Brianza all interno del Progetto Giovani e lavoro con rilascio di attestati agli studenti partecipanti. - Nel corso del primo e secondo quadrimestre la classe ha partecipato ad alcune giornate di orientamento al lavoro presso l autodromo di Monza all interno del progetto Monza e Brianza e presso l Università Bicocca. Inoltre, la classe ha partecipato ad un seminario tenuto da un responsabile dell Università IULM. - Partecipazione all iniziativa A scuola di azienda con relativa uscita didattica il giorno 07/05/2012 presso l Hotel Terminus di Como ATTIVITA DI ORIENTAMENTO SVOLTE DALLA CLASSE DURANTE L ANNO SCOLASTICO Gli alunni della classe hanno frequentato durante l anno scolastico un corso di comunicazione e marketing tenuto da esperti dell agenzia di comunicazione e pubbliche relazioni Astralys. Tale corso è indirizzato ai giovani che al termine degli studi si avvicinano al mondo del lavoro. Il nostro Istituto è riuscito a offrire ai nostri alunni delle classe quinta nell indirizzo turistico, la possibilità di partecipare ai tredici incontri di formazione, dal 24 novembre 2011 al 26 maggio 2012, al fine di fornire un orientamento, utile per il loro futuro inserimento nel mondo del lavoro. Attraverso questa nuova esperienza gli studenti hanno avuto la possibilità di analizzare e realizzare strumenti di marketing e comunicazione e adattarli ad un albergo con ospiti leisure. Lo scopo del corso è stato quello di applicare le funzioni e i principali strumenti delle tre discipline del settore comunicazione (Relazioni Esterne, Ufficio Stampa e Marketing). Gli studenti, nella loro totalità, hanno apprezzato il modo piacevole e interessante con cui sono stati coinvolti nel percorso di crescita, l entusiasmo trasmesso nello svolgimento del lavoro, nonché le conoscenze ed esperienze trasmesse in campo lavorativo. Le esercitazioni e le attività di laboratorio hanno fatto emergere la centralità della persona, migliorando la comunicazione interpersonale. Sempre all interno delle attività di orientamento si è svolto il progetto Giovani e lavoro, percorso formativo per favorire un approccio ai temi del lavoro e dell imprenditorialità e un confronto con la realtà economica del territorio. Il progetto è stato realizzato in collaborazione con GI Group, e la Confindustria di Monza e Brianza. 4. PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE OBIETTIVI 4.1 Obiettivi trasversali Formativi-comportamentali capacità di autocontrollo, ascolto e di affrontare situazioni parzialmente note capacità di approcciarsi alle problematiche sociali e al mondo del lavoro capacità di programmare il proprio impegno su un arco di tempo ampio, rispettando le scadenze sviluppo della capacità di comunicare

12 Cognitivi sviluppo delle capacità deduttive consolidamento delle capacità di assumere informazioni, collegare i dati in base a criteri definiti capacità di riattivare nozioni precedentemente apprese consolidamento delle capacità di collegare le informazioni e operare confronti tra contenuti e aree disciplinari capacità di utilizzare dati e procedure per la soluzione dei problemi capacità di approfondire e riorganizzare in modo personale alcuni dei contenuti appresi uso pertinente e padronanza dei codici capacità di leggere, redigere e interpretare testi e documenti capacità di documentare il proprio lavoro capacità di individuare in un prodotto gli elementi da valorizzare in relazione ad un target definito 4.2 Obiettivi comuni dell Area Linguistico-Storico-Letteraria Discipline: Italiano, Storia, Inglese, Francese, Storia dell arte, Educazione fisica Saper comprendere (decodificare) ed esprimere (codificare) linguaggi corporei, grafico iconici, verbali Saper produrre testi scritti e orali corretti, diversificati secondo gli scopi, le situazioni, i destinatari, organizzando logicamente le informazioni assunte e seguendo procedure codificate Saper contestualizzare testi letterari e professionali Saper riconoscere nell ambito della conoscenza storica dei secoli XIX e XX permanenze e mutamenti relativi ai contesti socio-culturali di riferimento Saper utilizzare lessico specifico e tecnico 4.3 Obiettivi comuni dell area tecnologico d indirizzo Discipline: Ec.e tecnica az. turistica e ric.d alb.,tecn.comunicaz/relaz., Matematica, Geografia tur. Saper comprendere (decodificare) ed esprimere (codificare) linguaggi grafico iconici, verbali Saper produrre testi scritti e orali corretti, diversificati secondo gli scopi, le situazioni, i destinatari, organizzando logicamente le informazioni assunte e seguendo procedure codificate Saper utilizzare testi tecnici e professionali Saper applicare le conoscenze tecniche con riferimento allo specifico profilo professionale di riferimento Saper utilizzare lessico specifico e tecnico Saper effettuare scelte e prendere decisioni per risolvere semplici casi pratici utilizzando le informazioni opportune

13 Italiano Storia Matematica Inglese Francese Economia e tecnica tur. Tecniche di comunic./rel Geografia turistica Storia dell arte Educazione fisica Religione 5. MODALITA DI LAVORO 5.1 Metodi lezione frontale X X X X X X X X X X X lezione partecipata X X X X X X X X X X problem solving X Discussione guidata X X X X X X Simulazioni X X X Esercitaz. pratica X X X X

14 Italiano Storia Matematica Inglese Francese Economia e tecnica tur. Geografia turistica Tecniche di comunic./rel. Storia dell arte Educazione fisica Religione Italiano Storia Matematica Inglese Francese Economia e tecnica tur. Geografia turistica Tecniche di comunic./rel. Storia dell arte Educazione fisica Religione 5.2 Mezzi e strumenti libri di testo X X X X X X X X X X fotocopie e appunti, monografie computer e cd-rom Videoregistratore X X X X X X X X X X X X X X X X X Registratore X X X X 5.3 Spazi Palestra X Laboratorio Informatica X X

15 6. VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI 6.1 Criteri di valutazione a. Livello della partecipazione: capacità dello studente di relazionarsi con la vita della classe e di contribuire al dialogo educativo Indicatori: attenzione precisione nel mantenere gli impegni puntualità richieste di chiarimenti e proposte costruttive disponibilità alla collaborazione con il docente e i compagni b. Livello dell impegno: linea di tendenza prevalente nel comportamento dello studente rispetto ai requisiti del suo ruolo Indicatori: adempimento dei doveri di studio esercizio della volontà adesione e partecipazione alle attività complementari ed integrative c. Metodo di studio: capacità dello studente di organizzare il proprio lavoro Indicatori: organizzazione dell apprendimento di una disciplina, di un argomento criteri delle scelte selettive operate dallo studente organizzazione dello studio d. Profitto: valutazione degli obiettivi cognitivi raggiunti Indicatori: conoscenza comprensione applicazione analisi sintesi autonomia di giudizio uso del linguaggio

16 Italiano Storia Matematica Inglese Francese Economia e tecnica tur. Geografia turistica Tecniche di comunic./rel. Storia dell arte Educazione fisica Religione 6.2 Strumenti di verifica: tipologia Interrogazione X X X X X X X X X X Prova di laboratorio Relazione X X X Componimento e/o esercitazione scritta X X X X Prova strutturata e semistrutturata X X X X X X Soluzione di casi Prova pratica X X

17 Italiano Storia Matematica Inglese Francese Economia e tecnica tur. Geografia turistica Tecniche di comunic./rel. Storia dell arte Educazione fisica Religione 6.3 Prove strutturate: varie tipologie di esercizi test V/F X X X X esercizi di correlazione X X X Relazione X X Componimento e/o esercitazione scritta X X X X X esercizi di completamento X X X Tabelle X modelli grafici X Mappe X Trattazione sintetica di argomenti domande a risposta singola domande a risposta multipla problemi a soluzione rapida X X X X X X X X X X X X X X X X X X X

18 6.4 Esplicitazione dei livelli di sufficienza a. Partecipazione sostanzialmente positiva, ma da sollecitare b. Impegno sostanzialmente positivo, pur con qualche riserva in ordine all esercizio della volontà e alla continuità nell adempimento dei doveri di studio: accettabile c. Metodo di studio sostanzialmente positivo, anche se non sempre organizzato d. Profitto Conoscenza: Comprensione: Applicazione: analisi: sintesi: Autonomia di giudizio: uso del linguaggio: completa, ma non approfondita ha compreso il significato e le relazioni semplici ed essenziali, che spiegano concetti, meccanismi, fatti utilizza correttamente gli elementi basilari (conoscenza e comprensione) in situazioni non molto diverse da quelle note è in grado di scomporre un contenuto, concetto, fenomeno nei suoi costituenti fondamentali e individua le relazioni più semplici tra i singoli elementi riconduce ad un unità organica gli elementi più semplici e fondamentali di un contenuto, concetto, fenomeno se guidato, valuta in modo oggettivo situazioni anche complesse semplice, non sempre appropriato, ma senza gravi errori che compromettano la comprensione del pensiero e la specificità del contenuto, concetto, fenomeno 6.5 Predeterminazione delle corrispondenze tra voti e livelli di conoscenza e abilità Voto conoscenza competenza capacità 1-2 Non verificabile Non verificabile Non verificabile Scarsa: Scarsa: Scarsa : l'alunno non l'alunno commette gravi 3 l'alunno non sa applicare semplici regole a conosce gli errori casi noti. argomenti

19 Lacunosa : l'alunno conosce in modo frammentario alcuni semplici argomenti Mediocre: l'alunno conosce gli argomenti in modo frammentario e superficiale Sufficiente: l'alunno conosce gli argomenti in modo completo se pur non approfondito Discreta: l alunno conosce gli argomenti in modo completo ed approfondito Ottima: la conoscenza è coordinata ed ampliata Eccellente: la conoscenza è coordinata ed ampliata Lacunosa: l'alunno commette gravi errori Mediocre: l'alunno commette errori nell' esecuzione di compiti semplici Sufficiente: l'alunno non commette errori nell'esecuzione di compiti semplici Discreta: l alunno commette errori nell esecuzione di compiti complessi ma incorre in imprecisioni Ottima: l alunno non commette errori né imprecisioni nella risoluzione dei problemi Eccellente: in quanto l alunno risolve in modo autonomo e preciso le problematiche Lacunosa: l'alunno: - non riesce ad applicare le conoscenze a situazioni nuove; - non e' in grado di effettuare alcuna analisi; - non sa sintetizzare le limitate conoscenze acquisite. Mediocre: l'alunno: - sa applicare la conoscenza in compiti semplici ma commette errori; - è in grado di effettuare analisi parziali; - è in grado di effettuare una sintesi parziale ed imprecisa. Sufficiente: l'alunno: - sa applicare la conoscenza in compiti semplici senza errori; - è in grado di effettuare analisi complete ma non approfondite; - è in grado di effettuare sintesi se guidato. Discreta: l alunno: - sa applicare i contenuti e le procedure acquisite anche in compiti complessi ma con imprecisioni; - è in grado di effettuare analisi complete ed approfondite se pur con aiuto; - ha acquisito autonomia nella sintesi ma restano incertezze. Ottima: l alunno: - applica le procedure e le conoscenze in problemi nuovi senza errori ed imprecisioni; - ha padronanza nel cogliere gli elementi di un insieme e nello stabilire nessi e relazioni; - comincia ad organizzare in modo autonomo e completo le conoscenze e le procedure acquisite. Eccellente: in quanto l alunno evidenzia completa autonomia nella capacità di analisi, sintesi ed applicazione, arricchendola anche con apporti personali

20 6.6 Griglia di corrispondenza tra voto e punteggio per le prove strutturate % % 1 ½ % 1/ % % % 2 ½ % 2/ % % % 3 ½ % 3/ % % % 4 ½ % 4/ % % % 5 ½ % 5/ % % % 6 ½ % 6/ % % % 7 ½ % 7/ % % % 8 ½ % 8/ % % % 9 ½ % 9/ % % PERCENTUALE=PUNTEGGIO STUDENTE x 100 PUNTEGGIO TOTALE 6.2 Criteri per l attribuzione del credito scolastico Per l'attribuzione del credito scolastico si è stabilito di suddividere il punto secondo la tabella sotto indicata: CREDITO SCOLASTICO PUNTI 0,5 Partecipazione all'attività didattica Partecipazione alla vita scolastica e ad attività complementari Partecipazione attiva alla terza area con giudizio buono CREDITO FORMATIVO PUNTI 0,5 Attività culturali Attività sportive Attività lavorative Attività artistiche stage volontariato conseguimento della patente europea NOTA BENE Per quanto riguarda il credito formativo, si fa presente che nello stesso anno scolastico il punteggio assegnato ad ogni certificazione sarà di 0,5 ; questo punteggio andrà ad incrementare il credito scolastico ma, comunque, non potrà modificare la fascia del credito scolastico (prevista per legge) in cui si colloca la media dei voti riportata. Se dopo l attribuzione del credito formativo, i decimi della media dei voti del credito scolastico saranno superiori allo 0,5 (es. 6,51-7,8-8,99) verrà attribuito il punteggio massimo previsto dalla fascia d appartenenza; invece se i decimi della media dei voti sarà inferiore o uguale allo 0,5 (es.6,50 7,3 8,1 ), verrà attribuito il punteggio minimo previsto dalla fascia d appartenenza.

21 7. TERZA AREA PROFESSIONALIZZANTE Nell ambito dell alternanza scuola-lavoro la classe ha partecipato ad un progetto realizzato dall agenzia di comunicazione e pubbliche relazioni Astralys per il nostro istituto ed indirizzato alla figura del Tecnico dei Servizi Turistici. Corso di comunicazione e marketing 7.1 Il corso in sintesi - Obiettivo didattico: applicare gli strumenti di marketing e comunicazione studiati nell anno accademico 2010/2011 a un albergo con ospiti leisure - Obiettivo finale: simulare una conferenza di presentazione dell albergo durante la quale saranno distribuiti i materiali realizzati nel corso dell anno - Obiettivo di ogni lezione: gli studenti dovranno analizzare e realizzare gli strumenti di comunicazione/marketing presentati durante la teoria e adattarli all albergo in fase di costruzione simulata 7.2 Il corso in dettaglio Il corso si prefigge di applicare le funzioni e i principali strumenti delle 3 discipline del settore comunicazione (Relazioni Esterne, Ufficio Stampa e Marketing) analizzate lo scorso anno a un possibile caso reale. Agli studenti sarà sottoposto un bando regionale simulato per la concessione dei permessi per l apertura di un nuovo albergo a 4 stelle con centro SPA sito in Toscana. Gli studenti divisi in due gruppi dovranno portare a compimento tutti i punti del bando, che prevederà quanto segue: 1. Ideazione del nome e del logotipo del nuovo albergo 2. Ricerca di mercato per valutare l efficacia del nome e del logotipo 3. Sviluppo degli strumenti marketing tra i quali - brochure - volantino - pagina pubblicitaria - gadget - 4. Sviluppo delle linee guida del sito 5. Sviluppo degli accordi commerciali con motori di ricerca quali ad es. tripadvisor 6. Sviluppo delle linee guida per le attività di socialnetworking 7. Sviluppo di un codice etico per i dipendenti 8. Sviluppo delle linee guida per l evento di inaugurazione dell albergo 9. Sviluppo di materiale per i giornalisti - press kit - comunicato stampa - Il corso terminerà con la presentazione di quanto preparato per rispondere al bando. Tutti i materiali saranno realizzati in italiano e in inglese.

22 VALUTAZIONE STAGE Abbinamento e Valutazione Alunni/Aziende classe 5^A T.S.T. ALUNNO 1 Andreotti Monica 2 Angelino Giuseppina 3 Atzeni Desirèè 4 Biffi Giulia 5 Borsellino Valeria 6 Brevi Isabella 7 Brigatti Daniela 8 Brioschi Veronica 9 Celestre Jessica 10 Cervone Gianfranco 11 Citterio Elisa 12 Colombo Chiara 13 Crippa Susanna 14 D'Onofrio Federica 15 Foli Valentina AZIENDA FASHION GROUP MILANO SRL Piazza Risorgimento 4 Carate Brianza (MB) CO.VI.MI. S.R.L. GRAND HOTEL VANVITELLI Loc. Cantone San Marco Evangelista Caserta HOTEL RISTORANTE LA BERGAMINA Via Bergamina, Arcore FARMACIA AMBROSIANA SNC Via Marconi 29 Lesmo (MB) VELO EUROPE S.R.L. Via dei chiosi 11 Cavenago B.za (MI) STUDIO ASSOCIATO STUCCHI E BITTO COMMERCIALISTI Via Ponchielli,10 Bellusco HOTEL RISTORANTE LA BERGAMINA Via Bergamina, Arcore AZIENDA OSPEDALIERA DI DESIO E VIMERCATE Via Santi Cosma e Damiani, 10 Vimercate AGENZIA VIAGGI BANJO SWING via Biffi 14/a COLNAGO ANIMATION TOURISM SERVICE SOC COOP Via Vittorio Emanuele, 40 Vimercate OTOCENTER SRL Via cavallotti 11 Monza CISALPINA TOURS SPA Via Manzoni 31 Arcore ATHENA CONTROTELAI SRL Via Primo Stucchi 54, Cornate d Adda BLUVACANZE BELLUSCO Via del borgo 8, Bellusco - Cascina Camuzzago CISALPINA TOURS SPA Via Manzoni 31 Arcore VALUTAZIONE E SUGGERIMENTI OTTIMO BUONO SUFFICIENTE ECCELLENTE OTTIMO OTTIMO DISCRETO OTTIMO (per migliorare l offerta formativa ritiene sia necessario una durata dello stage leggermente più ampia) BUONO (manca competenze tecniche, da apprendersi con l esperienza) DISCRETO/ BUONO OTTIMO OTTIMO OTTIMO OTTIMO (conoscenze molto teoriche poco pratica)

23 16 Gobetti Alessia 17 Grimaldi Eleonora 18 Kabil Suzan 19 Kaou Dalila 20 Lucutar Narcisa 21 Maldonado Shirley 22 Maniezzi Alessandra 23 Melnyk Oksana 24 Modica Marco 25 Riva Jasmine 26 Snani Sihan 27 Spotti Martina 28 Villella Claudia CLASS OFFICINA DELLE IDEE SRL Via Monza 7 Vimercate (MB) HOTEL SANT EUSTORGIO Via Gilera, Arcore (MB) AS HOTEL CAMBIAGO Viale delle Industrie Cambiago Premiumre agenzia immobiliare Piazza Libertà Trezzo sull'adda (MI) BLUVACANZE BELLUSCO Via del borgo 8, Bellusco - Cascina Camuzzago ANIMATION TOURISM SERVICE SOC COOP Via Vittorio Emanuele, 40 VELO EUROPE S.R.L. Via dei chiosi 11 Cavenago B.za (MI) AGRITURISMO LA CAMILLA Via Dante 267 AGENZIA GENERALE VITTORIA ASSICURAZIONI Via Casati 163 Arcore SKYMOON Via F. Gilera 52 Arcore IMAGO MUNDI VIAGGI SRL Via Bice Cremagnani 9/b Vimercate FASHION GROUP MILANO SRL Piazza Risorgimento 4 Carate Brianza (MB) AMBULATORIO VETERINARIO DELL'ISOLA Via della croce 7/9 Madone (BG) OTTIMO (buone capacità intuitive e buone basi scolastiche, dedizione e volontà) OTTIMO MOLTO BUONO (ritiene che le conoscenze dell alunna non sono ancora adeguate per l inserimento nel mondo del lavoro, vanno approfonditi i principi di base e le basi dei comportamenti da adottare per essere professionali) OTTIMO SUFFICIENTE BUONO OTTIMO OTTIMO OTTIMO BUONO OTTIMO BUONO Vimercate, 15 maggio 2012 Il docente (Saverio Burgisano).

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE : QUINTA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

PIANO DI LAVORO 2015-2016

PIANO DI LAVORO 2015-2016 Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (PI) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO 2015-2016

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA Questa programmazione didattica vuole semplicemente fornire uno strumento d aiuto e riflessione per i docenti di questa disciplina, in quanto non

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 OBIETTIVI GENERALI Educare al rispetto di sé e degli altri, delle cose, delle norme che regolano la comunità scolastica e la convivenza

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LINGUA E CIVILTA FRANCESE CLASSE SECONDA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LINGUA E CIVILTA FRANCESE CLASSE SECONDA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PARITARIO ANTONIO GRAMSCI Piazza A.Gramsci, 15 00041 Albano Laz. (RM) Tel./Fax 06.9307310 Distretto Scolastico 42 - Cod.Ist.: RMTD00500C SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione B Data di approvazione 19/10/2012 Doc.:

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Amministrazione finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali Nodi concettuali essenziali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2013/2014 CLASSE: 5 a I.T.A.S.

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI INDIRIZZO :AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

E S A M E D I S T A T O

E S A M E D I S T A T O 96012 AVOLA (SR) Via Labriola, 1 Tel Fax 0931831970 // Tel Fax 0931832231 C.F. 92021320897 E_mail istituzionale: sris02300a@istruzione.it Posta certificata: sris02300a@pec.istruzione.it E S A M E D I S

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL/DEI DOCENTI M 04 D. Rev. 00

DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL/DEI DOCENTI M 04 D. Rev. 00 DOCENTE : Arini Liliana MATERIA: Storia A.S.: 2014-15 CLASSE: 2^C Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 x Si No Gli obiettivi disciplinari dell anno precedente (con particolare

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

LA VALUTAZIONE SCOLASTICA

LA VALUTAZIONE SCOLASTICA LA VALUTAZIONE SCOLASTICA Si attua sistematicamente durante l anno scolastico e alla fine dei Quadrimestri, attraverso prove di verifica strutturate e/o semi-strutturate, elaborati, osservazioni sistematiche,

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI a.s. 2014/2015 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. La

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2013/2014 CLASSE 1^ SEZ. G Indirizzo Liceo SCIENTIFICO Coordinatore

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ANNALISA

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2012/2013 CLASSE 2^ SEZ. G Indirizzo LICEO SCIENTIFICO Coordinatore

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Unione Europea Fondi strutturali 2007-2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Regione Sicilia ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE GAETANO CURCIO ISPICA Liceo Classico -

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. STEFANO

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO la classe 3 A indirizzo

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

2. QUADRO ORARIO 1. PROFILO PROFESSIONALE

2. QUADRO ORARIO 1. PROFILO PROFESSIONALE 1. PROFILO PROFESSIONALE Tenuto conto del profilo professionale quale risulta dalla Gazzetta Ufficiale (Suppl. ordinario 01/07/94 Serie Generale n.152) il Consiglio di Classe ritiene di dovere rilevare

Dettagli

Istituto tecnico Luigi Sturzo

Istituto tecnico Luigi Sturzo Istituto tecnico Luigi Sturzo Settore Tecnologico Biotecnologie Ambientali e Biotecnologie Sanitarie Anno Scolastico 2012/ 2013 Programmazione dipartimentale Area scientifica (Matematica, Disegno, Informatica)

Dettagli

DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI DOCENTE : MADEO NATALE MASSIMO

DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI DOCENTE : MADEO NATALE MASSIMO DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI DOCENTE : MADEO NATALE MASSIMO 1. ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA Ho conosciuto la classe nell anno scolastico 2011-2012 quando frequentavano la classe 2bt per poi

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE e GEO - POLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della

Dettagli