Paolo Zanderigo GUSTARE SASSUOLO NOVEMBRE 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Paolo Zanderigo GUSTARE SASSUOLO NOVEMBRE 2014"

Transcript

1

2 Paolo Zanderigo GUSTARE SASSUOLO NOVEMBRE 2014

3 NOTA Le informazioni relative le proposte culinarie possono variare ed avere profondi cambiamenti a causa della disponibilità degli ingredienti, della stagionalità e delle occasioni. Consigliamo di verificare le informazioni tramite i siti internet, il telefono e l . L opera è stata chiusa il 2 maggio del 2014 e le informazioni sono aggiornate a quella data, tuttavia essendo soggette a variazioni non possono far reputare l editore e l'autore responsabili per eventuali inconvenienti o danni subiti dal lettore. La redazione sarà grata per qualsiasi suggerimento che possa contribuire al miglioramento dell opera.

4 A Chiara e Anna Lisa Che mi hanno portato a Sassuolo

5 SASSUOLO «Ma dove lascio di Sassol la gente che suol de l'uve far nettare a Giove, là dove è il dì più bello e più lucente, là dove il ciel tutte le grazie piove? quella terra d'amor, di gloria ardente, madre di ciò ch'è più pregiato altrove, mandò cento cavalli, e intorno a mille fanti raccolti da sue amene ville.» (Alessandro Tassoni, La secchia rapita, III, 47.) Qualche settimana prima di Sassuolo Fiorentina, partita del campionato di calcio di serie A che si è svolta il 22 dicembre del 2013, sono stato contattato da alcuni amici e persone che seguono il mio blog di recensioni gastronomiche, perché volevano che gli indicassi un posto dove andare a mangiare prima di vedere la gara che si svolgeva a Reggio Emilia. Un amico mi ha anche suggerito di fare una piccola guida dei ristoranti di Reggio Emilia così l'anno seguente avrebbero già avuto le indicazioni, ma per fare una guida simile occorre avere passione per un luogo. Qualche anno fa avevo realizzato un e-book sulle trattorie e osterie di Firenze ed è stata un'impresa che ha richiesto più di un paio d'anni, ma non mi è pesata in quanto, da fiorentino, amo profondamente la mia città natale. E' dal 1996 che frequento Sassuolo, e ci abito dal E' tanto tempo, e dopo tutto questo tempo si riesce a capire se vuoi bene ad una città, oppure no. Sassuolo, per chi non la conosce, può apparire come una piccola cittadina della provincia italiana, esclusa dal resto del mondo, che viaggia ad

6 un ritmo diverso, con un clima impossibile perché d'estate è talmente calda ed afosa da rimpiangere il freddo invernale che ti gela le ossa, mentre d'inverno è umida e fredda da rimpiangere le serate boccheggianti e le zanzare. Senza contare la nebbia. In realtà son tutte "balle", perché Sassuolo non è solo il mondo della nebbia e delle ceramiche, ma soprattutto cultura, grazie al festival di filosofia e alle fiere d'ottobre, domeniche dedicate al sapere: mostre, esposizioni, conferenze che danno lustro alla città che si popola di tanta e tanta gente che diventa difficoltoso spostarsi anche a piedi, c è il Palazzo Ducale che lentamente si sta aprendo al pubblico. Di culturale c è molto, ma forse l attrazione maggiore è vedere se c è in giro qualche amico con cui scambiare quattro chiacchiere, perché in una piccola cittadina come Sassuolo c'è la provincia sana che ti permette di fermarti a riflettere sul mondo ed allo stesso tempo anche la voglia di emergere, tipica di una grande città, e ti può dare molto, soprattutto se la sai ascoltare. Girando per buona parte dell'italia per motivi di lavoro, spesso mangio fuori, e ho constatato che la qualità di attività di ristorazione e di botteghe del gusto sassolesi è nettamente sopra la media rispetto ad altre città, anche importanti. Da questa riflessione è nata l'idea di realizzare un e-book, da poter distribuire gratuitamente, che permettesse a chiunque di avere qualcosa per far conoscere i tanti professionisti della ristorazione, dal piccolo bar, alla pasticceria, dall'osteria al ristorante, passando per forni, enoteche e botteghe del gusto, perché il cibo è un'arte, quindi cultura da proteggere con le unghie e con i denti, così come si protegge un quadro od un monumento. Prima di descrivere la cucina, occorre capire chi è un emiliano. Spesso vengono confusi con i romagnoli, ma credetemi sono due caratteri diversi, due lingue diverse. Gli emiliani sono più pacati, amano la regolarità e la costanza, sono sicuri e non hanno paura della passione. Un carattere influenzato dalla fertile terra scura, pastosa ed insieme dura che ha bisogno di essere lavorata, dal clima umido, il ristagno dell aria che d inverno diventa nebbia. Amano la polemica, ma in modo civile. Un esempio è dato dai film di Beppone e Don Camillo, nati dalla penna di Giovannino Guareschi, i quali sono dalla mattina alla sera a litigare su tutto, ma uniti nel momento del bisogno. E non è perché questo è un film, l ho verificato di persona durante il terremoto del maggio del In quel momento non c erano destra o sinistra, ricchi o poveri, pipponi o sfigati, Nord, Sud. In quei terribili momenti c erano donne e uomini che lottavano contro il destino portando aiuti

7 ed affetto a chi aveva perso tutto, senza chiedere in cambio niente. In quei giorni anch io che sono orgogliosamente fiorentino mi sono sentito emiliano. In quei giorni Sassuolo è stata in prima fila. Persone di tutte le età si resero concretamente disponibili per gli aiuti, donando tempo, denaro, cibo, acqua, coperte e tutto quello che era necessario per aiutare i terremotati. La storia si è ripetuta anche per l alluvione di quest anno, e silenziosamente continua tutt ora. La storia della città di Sassuolo non è antica come Modena, ma ha molto da raccontare, soprattutto nella storia recente, sia di arte, di industria, di personalità. Qui sono nati Pierangelo Bertoli, il pittore Luigi Tagliavini, il cardinale Camillo Ruini, l'inventore Leo Morandi, lo scrittore e storico Vittorio Messori, il giornalista Leo Turrini, Caterina Caselli, Filippo Neviani (NEK), solo per citarne alcuni. L'industria ceramica ha avuto un ruolo centrale nello sviluppo della città e di tutta la regione; ha portato benessere, ricchezza, espansione. Da lavorare la terra siamo passati alla fabbrica, e la prima in assoluto è stata la Marca Corona nata nel Ha portato anche popoli e tradizioni da tutto il mondo tra cui la cucina etnica, asiatica in primis, ma anche africana. Pur amando altri gusti, però il sassolese in ambito culinario è un tradizionalista e mi auguro che lo resti a lungo dato che c'è una tendenza verso un appiattimento culturale, perché la cucina è cultura, spero che questo amore per i propri prodotti non venga in alcun modo scalfito. Mi ripeto, così come si protegge un monumento andrebbero protetti anche i ristoratori, ma anche i produttori, che si occupano della cucina tipica modenese. Ma tutto dove ebbe inizio? Segnatevi questa data 187 AC! Che cosa significa? E' semplice è l'inizio di tutto, anzi la fine dei lavori durati più di due anni (al giorno d oggi si farebbero forse un paio di chilometri) in cui i romani terminarono la via Emilia. Prima di questo periodo la pianura a sud del Po contava principalmente solo due città importanti: Piacenza e Rimini. La pianura Padana era famosa per essere una terra fertile da sempre, con ampie foreste e ricchi corsi di acqua, ma era anche la terra dei Galli che erano in conflitto con l'emergente forza romana, la quale, conquistando il Nord Italia avrebbe accresciuto ancor di più la sua forza. Ci furono una serie di campagne militari che sottomisero i Galli verso la fine del III secolo AC, ma con la seconda

8 Guerra Punica, e l'invasione di Annibale ( AC), molte popolazioni galle si ribellarono e Roma perse il controllo di quest'area strategica. Solo nel 189 AC i romani ebbero la meglio con la conquista di Bona (l'attuale Bologna). Nello stesso anno fu deciso di collegare Rimini con Piacenza attraverso la realizzazione di una strada e di fondare o di rifondare delle città ad una distanza di circa 25 chilometri l'una dall'altra (basandosi sulla marcia giornaliera dell'esercito). Nacquero così Cesena (Caesena), Forlimpopoli (Forum Popilii), Forlì (Forum Livii), Faenza (Faventia), Imola (Forum Cornelii), Claterna (distrutta dai barbari e scomparsa con la fine dell'impero Romano), Bologna (Bononia), Modena (Mutina), Reggio Emilia (Regium Lepidi), Sant'Ilario d'enza (Tannetum), Parma, Fidenza (Fidentia), e per ultima Piacenza (Placentia). Infine la strada raggiunse Milano (Mediolanum). La strada fu progettata e realizzata da Marco Emilio Lepido, politico, Pontefice Massimo, ovvero il capo dei sacerdoti e generale della Repubblica Romana, ed oltre a dare il nome alla strada lo diede anche alla regione, anzi a parte della regione (altrimenti i romagnoli si arrabbiano). Questa strada è senza dubbio una delle più importanti realizzate dai romani e ha permesso lo sviluppo dell'area e la creazione di nuove città, fra cui la nostra Sassuolo, la cui origine però è incerta e da varie documentazioni si trova Sassuolo solo nell'alto medio evo (subito dopo la caduta dell'impero romano, dal 476 DC al 1000 DC). SIC EX MURICE GEMMAE (dalla roccia sono nate gemme) questo è il motto che appare nello stemma cittadino, formato da tre colli che emergono dalle acque. La ricchezza di acqua ha forse favorito la presenza umana già nel Eneolitico (età del rame), mentre nell epoca romana c era nella zona una città chiamata Sechiena, che fu distrutta da Annibale e ricostruita dai romani anche se è fonte di discussione sull esatta posizione. Dopo la dominazione di Matilde di Canossa ed imperiale, regnarono alcune potenti famiglie, fra le quali gli Estensi, e fu sotto il dominio di questa famiglia che la città conobbe il suo massimo sviluppo grazie ai mercati e alle prime attività manifatturiere. Terra generosa quella dell Emilia, quindi raccolti abbondanti sia di sementa che di frutta e verdura, allevamenti di animali; quindi tanto cibo, quindi mangiare. E inutile affermare che mangiare è tra le cose più belle che una persona può fare, ma farlo in compagnia diventa ancora più bella. La cucina modenese, come quella emiliana, è di antichissima tradizione, figlia di una terra generosa, lavorata da chi è abituato a non mollare mai e che si basa principalmente su 5 ingredienti:

9 1) Pasta fatta in casa: Credo che non esista al mondo una regione che abbia così tanti tipi di pasta, da quelle ripiene, alle tagliatelle, condite con burro e salvia, ragù o come preferite. Il segreto è nella sfoglia, grazie a ingredienti di qualità ed alla sua lavorazione. Senza scordare le tigelle o crescentine, dei dischi di pasta tipici delle montagne e la stria, una tipica focaccia emiliana. 2) Maiale: Spesso si afferma che di questo generoso animale non si butta via niente ed i modenesi hanno fatto tesoro di questa massima, non solo con i salumi, ma con piatti che sono conosciuti in tutto il mondo come lo zampone. 3) Parmigiano reggiano: E uno tra i formaggi più buoni al mondo, e se permettete per me è il migliore, sia per il gusto, che per proprietà nutritive. 4) Vino: Il lambrusco, vivace, quasi ribelle alla bottiglia, nervoso ad essere rinchiuso a lungo, con un buon profumo che richiama note fruttate e che può essere sia secco che dolce. 5) Aceto balsamico: La prima documentazione di questo aceto è intorno all anno 1000, e che continua a stupire per il suo gusto che si abbina a numerosi piatti dalla pasta, al riso, alla carne e sulle verdure. Assolutamente divino! L'origine di questo prodotto è la città Spilamberto, però la produzione è anche nelle altre zone del modenese e del reggiano. Se sentiamo la parola tortellino, zampone, tagliatelle, lambrusco, sappiamo che fanno parte della tradizione emiliana, ma altri piatti non sono molto famosi ed è un peccato non conoscerli. Vi suggerisco di leggere la seguente breve descrizione di alcuni piatti in modo da arrivare pronti per ordinare al cameriere.

10 I PIATTI MODENESI Diceva Enzo Ferrari "Una volta a Modena, in ogni strada, c'era un osteria, tutte allegre e piene ed un solo ricovero per tutta la città e sempre semivuoto. Oggi non ci sono più osterie, ma in ogni strada c'è un ricovero, pardon "residence per anziani". "c'lè tot un'etra cosa" (che è tutta un altra cosa). Bel progres! ANTIPASTI E SALUMI Ciccioli: Per la serie che del maiale non si butta via niente, ecco i ciccioli, ovvero quello che resta della lavorazione del grasso per ottenere lo strutto. Sono croccanti, ed anche se non sono belli da vedere, vi consiglio di assaggiarli almeno una volta.

11 Ciccioli montanari: E' un salume particolare e sfizioso ideale da gustare accompagnato con vino rosso frizzante. In particolare i ciccioli montanari danno il loro meglio gustati con tigelle, gnocco fritto e piadine. Coppa di Testa: E' un insaccato cotto di origini marchigiane, ma che si è diffuso in tutto il Nord Italia. Si ricava dalla testa del maiale cotto con verdure per molte ore. Delizioso! Prosciutto di Modena: E' uno tra i prosciutti più buoni, ma che purtroppo è oscurato in altre regioni dal Parma. E' anch'esso un prodotto di qualità e non ha niente da invidiare al Parma, con un profumo delicato ed un gusto dolce e morbido. Spalla Cotta di San Secondo: Apprezzato già in epoca romana, questo salume parmense viene prodotto in quantitativi limitati. La spalla viene disossata e lasciata riposare per circa 15 giorni, poi legata con dello spago per darle la forma arrotondata ed infine viene cotta per molte ore in acqua a bassa temperatura insieme a verdure e vino. Tagliata rigorosamente a mano. Salame Felino: No, non è fatto con il gatto, come alcuni credono, ma prende il nome dal paese Felino in provincia di Parma. E' uno tra i salami più buoni d'italia. Culatello: La prima documentazione risale intorno al E un salume che ha come base la coscia del maiale, e dopo una lunga e complessa lavorazione solo ed esclusivamente in inverno, raggiunge la tipica forma a pera. Solitamente viene servito con del burro crudo. Salame Rosa: Può sembrare una mortadella, ma questo insaccato dal caratteristico colore rosa, nato da un antica ricetta dei salumai bolognesi e quasi scomparso, ha il sapore ed il gusto di un arrosto. La carne magra di maiale, lavorata e tagliata a mano con l'aggiunta di guanciale e viene amalgamata con il muscolo tritato finemente. Una volta insaccato, il prodotto viene cotto in un forno per un periodo che può variare dalle ore. Parmigiano delle Vacche Rosse: L invasione dei Longobardi, oltre alla distruzione e alla morte dell Impero Romano, ha portato una razza antichissima di bovini denominati vacche rosse che con il tempo erano quasi scomparse in quanto producevano poco latte(circa un terzo in meno della razza Frisona). Fu all inizi degli anni 90 che un gruppo di allevatori reggiani decise di valorizzare questa razza e di produrre un parmigiano di altissima proprietà nutrizionali e da un gusto straordinario. Per approfondimenti:

12 PRIMI Bomba di riso: Non allarmatevi troppo, niente esplosioni, o meglio un'esplosione di gusto. Ci sono varie versioni di questo piatto di riso: con carne (piccione, prosciutto cotto, maiale) oppure con funghi. E' un piatto tipicamente invernale, lo definirei anche unico ed estremamente gustoso. Tortellini: Di solito si usa mangiarli in brodo, ma alcuni ristoranti li propongono con prosciutto e panna. Comunque li mangiate questo è uno dei piatti più buoni al mondo. Il ripieno è composto di solito da prosciutto e parmigiano, ma ci sono varie interpretazioni di questo piatto.. Tagliatelle: Servite con il ragù, sono uno dei simboli dell'emilia nel mondo. In montagna si usa condirle con funghi e/o cacciagione Passatelli: E' una delle classiche minestre regionali. E' un impasto di uova, farina, parmigiano, pepe e noce moscata (qualcuno sostituisce quest'ultima con la scorza di limone), il tutto poi passato in uno schiacciapatate con fori grandi e servito con il brodo. Molto amato dai bambini. Tortelloni: Altro piatto classico della cucina emiliana. Se dovessimo spiegarlo ad un bambino il paragone calzante sarebbe quello del "tortellino più grande", ma qui cambia il ripieno: zucca, ricotta e spinaci, o a seconda dell'ispirazione del cuoco. Lasagne: Piatto antichissimo che compare per la prima volta in forma scritta nel De Re Coquinaria di Apicio, una raccolta di 10 volumi riportante le ricette dei secoli III e IV DC. E una pasta all uovo tagliata in grossi quadrati o rettangoli, condita generalmente con ragù di carne, besciamella, Parmigiano Reggiano e passate al forno. SECONDI Cappello del Prete: E' una variante dello zampone o del cotechino. E' un insaccato a forma triangolare che ricorda un cappello di un prete dei tempi antichi. E' composto da carne di maiale macinata finemente alla quale si aggiunge del vino. Viene bollito e accompagnato solitamente da purè o da fagioli. Gnocco fritto: Si tratta di un impasto di farina, latte e strutto, tirato fino ad uno spessore di circa 3mm e tagliato a losanghe che vengono, quindi, fritte nello strutto fino a che si gonfiano creando una bolla d'aria al loro interno. Di solito si mangiano con del salume, specialmente prosciutto crudo.

13 Tigelle: In realtà il loro vero nome sarebbe Crescentine. Sono delle focaccine tonde di diametro di circa 8 cm e alte più o meno 2 cm. L'impasto è composto da farina, strutto, acqua e lievito di birra. Vengono servite calde accompagnate prevalentemente da salumi, formaggi, verdure ed il tipico pesto modenese (lardo, aglio e rosmarino). Erbazzone: E' una torta salata tipica del reggiano, che ha come ingredienti, la pasta sfoglia, la ricotta, bietole o spinaci, uova, parmigiano e cipolla. La ricetta può variare a seconda del cuoco, resta comunque un piatto gustoso e sostanzioso. Esiste anche una versione dolce che ha origine a Pavullo, in cui viene aggiunto lo zucchero. Borlenghi: I primi documenti di questo piatto risalgono al 1266, è un cibo povero, una specie di crepe molto sottile e croccante preparata a partire da un impasto liquido estremamente semplice a base di acqua, sale e farina, raramente con uova e ha, come ripieno tradizionale, un battuto di lardo, aglio e rosmarino, oltre al Parmigiano Reggiano. Viene servito molto caldo e ripiegato in quattro parti. Zampone: Nasce a Mirandola nel 1511 durante l assedio delle truppe papaline guidate da Papa Giulio II, noto come il Papa guerriero. E un impasto di carni suine macinate ed avvolto da un involucro formato dalla zampa del maiale. Cotechino: Piatto della tradizione natalizia, deve il suo nome alla cotenna del maiale ed è un insaccato di carne di maiale macinata. Di solito viene accompagnato da lenticchie o fagioli. Coniglio alla cacciatora: Ogni regione ha la sua versione di questo piatto di origine ligure. Il coniglio viene tagliato a pezzi e cotto in padella con verdure, pancetta e vino. Bollito misto: Cotechino, lingua, gallina, polpa di manzo, sono alcune delle carni bollite assieme a verdure, erbe aromatiche, spezie e servite insieme alla sala verde ed alla mostarda. Calzagatti: piatto antico, molto sostanzioso, nato dalla povertà, a base di polenta e fagioli con l aggiunta di pancetta, olio e burro, dalla preparazione semplice e molto gustoso. Esiste anche una versione fritta. DOLCI E AMARI Amaretti di San Gemignano: Dedicati al santo Patrono di Modena, questi amaretti hanno come ingredienti sia le mandorle dolci che quelle amare, oltre agli albumi montati a neve. Sono più morbidi rispetto agli amaretti di altre regioni del Nord.

14 Bensone: Dolce semplice, forse il più antico, e prevede un impasto di farina, latte, uova, burro e miele, ed un ripieno di marmellata. Torta Barozzi: Eugenio Gollini, pasticcere di Vignola, realizzò questa torta verso la fine del All'inizio il nome era "Torta Nera". Dopo qualche hanno fu deciso di chiamarla con questo nome in onore dell'architetto vignolese Jacopo Barozzi. La torta ha varie versioni, ma di base ha come ingredienti, il cioccolato fondente, uova, mandorle e qualche cucchiaio di caffè in polvere. Tortelli: Sono dei dolci a pasta frolla, chiusi a mezzaluna e ripieni di marmellata, crema e raramente cioccolata. Esiste anche una versione fritta. Torta di Frumentone: rara, rarissima da trovare, forse in qualche osteria storica della pianura padana. Nata dalla povertà, in quanto la farina bianca era difficile da avere, gli ingredienti principali sono la farina gialla ed il burro. Una delizia. Sassolino: liquore tipico di Sassuolo dal sapore di anice speziato, usato prevalentemente per la realizzazione di dolci. Il Sassolino nacque nel 1804, quando il signor Bozingher, con alcuni speziali e droghieri svizzeri provenienti dal Cantone dei Grigioni, si trasferirono a Sassuolo. Lì iniziarono la distillazione della suddetta spezia. L'azienda passò poi nelle mani della famiglia Stampa, che è ancora oggi l'unica depositaria della ricetta originaria. Nocino: E' un liquore molto diffuso nel Nord Italia, ma è nato proprio a Sassuolo, non a Modena, a Sassuolo. E' fatto con alcool, mallo di noci, zucchero ed aromi naturali. Ce ne sono molti in commercio, ma il vero nocino lo si può trovare solo in una storica drogheria di Sassuolo: Roteglia, inserita in questa guida. Analizziamo ora il vino: per molti il Lambrusco è semplicemente un vino emiliano frizzante, in realtà il termine Lambrusco significa molte cose. Dipende dalla zona, dalla vite, dal terreno, dal clima, che possono variarne il gusto ed il colore. A Modena esistono 3 tipi di Lambrusco: secco, semi secco e amabile, delle zone di Sorbara, il Grasparossa di Castelvetro, ed il Salamino di Santa Croce. Il Lambrusco deriva dal vitigno "labrusca", già noto agli Etruschi ed ai Romani. E' un vino vivace, frizzate, irrequieto, tanto che viene imbottigliato con tappo con tanto di gabbia e va servito fresco. Esistono anche altri vini della provincia, tra i quali il bianco di Modena, il rosato di Modena ed il Pignoletto. Adesso andiamo al dunque. Nel descrivere i vari locali, ho cercato di spiegare la storia, i gestori, le loro idee, la cucina che propongono, perché dietro quello che viene definito "un semplice piatto di pasta od un caffè" ci sono sacrifici, orari impossibili, un duro lavoro che dura anni e che a volte coinvolge più generazioni. Ovviamente non ci sono tutti i locali di Sassuolo, ma solo quelli che ho visitato e sperimentato direttamente nel corso degli anni, senza stilare odiose ed inutili classifiche, aggiungendo anche alcuni locali che non hanno niente a che vedere

15 con la ristorazione vera e propria, ma sono delle eccellenze e che secondo me meritano una visita. Potrà esserci qualcuno che si sentirà escluso, oppure chi mi vuole segnalare dei locali di Sassuolo non inseriti in questa guida, oppure segnalarmi delle inesattezze. In ogni modo vi chiedo di inviarmi una al seguente indirizzo:

16 All'Osteria dei GIRASOLI Via Circonvallazione Nord-Est 217/219 Contatti: Tel Fax Sito internet: La zona dove ha la sede l'osteria è quella delle concessionarie d'auto, dei supermercati ed è principalmente di passaggio. Ci sono però anche due alberghi a 4 stelle: il Michelangelo ed il Leon d'oro, ma è soprattutto il regno di uno tra gli chef che apprezzo più di tutti: Franco "Frank" Cerrato. La sua storia parte da un film, proprio così, da "l'attimo fuggente" con Robin Williams nella parte del professor Keating, un insegnante di lettere che incoraggia i propri allievi a vivere il presente, a scrollarsi le paure e ad affrontare il futuro con responsabilità esprimendo al massimo le proprie peculiarità, il proprio potenziale. Fu una scossa per un'intera generazione e forse anche di più. Quella scossa colpì anche Franco che fu spinto a perfezionare e concretizzare un sogno: un locale tutto suo ed in onore del film lo chiamò CARPE DIEM (cogli l'attimo in latino), un pub che diventò un punto di riferimento per molti giovani di Sassuolo e non solo. Franco iniziò così a servire birra, ma anche a studiare i vini, i distillati, il lavoro di cucina, gli abbinamenti, a crescere professionalmente tanto che decide di fare un passo avanti e ad aprire l'osteria dei Girasoli. L'inizio è semplice: arredato con casse di vino, una cucina semplice e una carta di vini che cresce col tempo. Ma Franco non si accontenta, inizia a frequentare corsi con chef, formazione, ricerca. Nel 2005 nasce così la decisione di trasferirsi nell'attuale sede, una struttura, moderna, elegante. Il successo non si è fatto attendere, ma è stata una naturale conseguenza di un lavoro e di uno studio senza sosta, senza tentennamenti, con l'obiettivo di creare qualcosa di unico. Il locale è molto bello, studiato nei minimi particolari con la cantina protagonista al momento dell'ingresso, con vini provenienti da tutte le regioni d'italia e anche dall'estero, con una interessante proposta di bollicine. Il menù propone piatti sia di mare che di terra, con piatti presentati benissimo e di ottimo gusto come le linguine aglio, olio, peperoncino, seppia croccante e vongole, tortelloni di ricotta con spinaci pancettati, ravioli girasoli con patate, pecorino e tartufo nero. Tra i secondi ecco il filetto di maiale con guanciale stagionato e aceto balsamico, cotechino fritto con zabaione. Tra i dolci segnalo la zuppa inglese ed il millefoglie con crema nocciole e cioccolato fondente.

17 Nel suo libro "La cucina e la passione", Frank spiega il perché del suo successo:... "alla fine ad insegnarmi le cose più belle del mio mestiere sono stati i clienti. E' bastato ascoltarli, riconoscere il loro vissuto, i gusti e le abitudini, la voglia di essere accolti; alle volte di essere stupiti, altre volte di essere consigliati". Un grande!

18 Ristorante da ERNESTO Via Fabio Filzi, 11 Telefono: Sito internet: Era il lontano 1984 quando i fratelli Michele e Salvatore Consiglio, con le rispettive mogli Maria e Anna, anch'esse sorelle, da Gallarate, nel varesotto, si trasferiscono a Sassuolo. Si deve agli amalfitani la creazione della bussola che permise di navigare senza perdersi nel mare, mentre si deve alla famiglia Consiglio, originari di Amalfi, di aver portato la cucina del pesce in città, conquistando presto i sassolesi grazie ai loro appetitosi piatti. La cultura del pesce è da sempre nella tradizione familiare, grazie anche ai nonni che hanno fatto i pescatori fin da giovani nel golfo di Salerno, e Michele e Salvatore hanno creduto fin dall'inizio alla promozione delle tradizioni campane, presentando e proponendo gusti nuovi per Sassuolo, ma estremamente gustosi. Orgogliosi del proprio lavoro, Michele e Salvatore ricordano le difficoltà iniziali, soprattutto il primo anno. Qualcuno avrebbe rinunciato, ma loro hanno insistito e presto i frutti di un duro lavoro sono arrivati, grazie alla loro gentilezza, alla preparazione dei piatti ed alla qualità dei prodotti Il locale è nel quartiere popolare di Rometta, vicino allo stadio Enzo Ricci dove si allena il Sassuolo Calcio, in una zona tranquilla fuori dal traffico, ricca di parcheggi e vicinissima al Centro, raggiungibile a piedi in 5 minuti. Il menù è ricco, generoso ed esclusivamente di pesce con piatti tradizionali come il polipo con patate, la zuppetta di frutti di mare, gli spaghetti alle vongole veraci, bavette all'astice, il risotto alla pescatora, i tagliolini al salmone, il fritto misto, la grigliata di pesce, l'orata al forno, gli spiedini di calamari e gamberi, tanto per citarne alcuni. Di sicuro interesse la carta dei vini.

19 Osteria del GALLO AZZURRO Via Rometta, 242 Telefono: Esistono dei luoghi che andrebbero tutelati come dei monumenti. I monumenti fanno parte della nostra storia e la nostra storia sono le radici che ci permettono di crescere, sviluppare, nutrire la nostra società per creare adesso un futuro migliore per i nostri figli. Lasciamo perdere la situazione economica attuale, altrimenti si finirebbe il discorso con delle lamentele che non portano a niente se non ad essersi sfogati ed in pace per qualche minuto. L'osteria del Gallo Azzurro è un monumento cittadino, così come lo è il Palazzo Ducale. Il locale non è in un luogo di passaggio, anzi non è facile da trovare casualmente, ma occorre avere passione per le cose buone. Il nostro mondo si sta abituando ai gusti di plastica, praticamente l'uomo moderno oltre all'olfatto sta perdendo il gusto, segue diete assurde e poi si concede un fast food tanto per premiarsi, ma Enzo Ferrari, il creatore della rossa di Maranello, una volta affermò che quando lui era giovane, Modena era piena di osterie e praticamente nessun ospizio, mentre ora sta accadendo l'incontrario. Invecchiamo male perché mangiamo male, non ci nutriamo, assumiamo qualcosa simile al cibo, con un bel colore, un bell'aspetto, ma che non sa di niente. Per questo io amo le osterie e le trattorie, perché ci sono persone che ci mettono la loro fatica, il loro ingegno, la voglia di non mollare e soprattutto la loro faccia. Ecco a voi il signor Leo un uomo la cui cortesia e l'ospitalità sincera ti mette subito a proprio agio, mentre in cucina c'è la moglie, la signora Paola. La loro attività è praticamente solo a mezzogiorno, mentre per la sera occorre prenotare se si è almeno un bel gruppo, ma per i dettagli è meglio telefonare direttamente al signor Leo. Il locale non è grande, avrà circa 40 posti, ma molto accogliente, luci soffuse, tavoli alla giusta distanza, pareti addobbate con quadri, ricordi e vari oggetti, un camino ed una stufa a mattoni. La cucina proposta è la tipica modenese, con piatti semplici, ma gustosi, sapori veri come quelli di una volta. Il menù è corto, con piatti che variano di giorno in giorno, dovuto alla stagionalità dei prodotti e da quello che offre il mercato. Non mancano però mai le crescentine come antipasto, accompagnate da affettati e il famoso lardo o pesto modenese. Tra i primi difficilmente mancano le tagliatelle, spesso con il ragù, mentre per i secondi è ancora la tradizione a farla da padrona con cotechino, stinco di maiale, roastbeef e carne alla griglia, accompagnate da pinzimonio, patate arrosto, verdure lessate o alla griglia e fagioli in umido. Non mancano i dolci, tutti rigorosamente fatti in casa: zuppa inglese, crostata, mascarpone e panna cotta.

20 Tenuta VANDELLI Circonvallazione San Michele, 6, Loc. San Michele dei Mucchietti Telefono: Sito Internet: San Michele dei Mucchietti, è conosciuta in città semplicemente San Michele, ed è una frazione di Sassuolo. Ci sono varie teorie sul perché del nome Mucchietti (mucchi di paglia per l'inverno, ricchezza degli abitanti, divisione in borgate), ma nessuna di queste convince pienamente. Il paese è molto antico (888 DC la prima documentazione) che si chiamava Mocleto ed era sotto la reggenza di Castellarano (RE) e passò definitivamente sotto Sassuolo nel 1816 e per chi dovesse passare da queste parti consiglio di visitare la chiesa dove c'è il dipinto di San Michele Arcangelo, patrono del paese. Andate ora sul vostro computer ed aprite il programma Google Earth e cercate le seguenti coordinate: ' 39" Nord 10 44' 43" Est. Ora cliccate e vi apparirà un triangolo di terra chiuso tra il fiume Secchia, la strada Provinciale 19 ed una piccola strada di campagna, area che un tempo apparteneva alla nobile famiglia Estense, Signori di Modena e Ferrara. E' una terra fertile, generosa, anche perché nel , c'era un bacino fluviale per la raccolta del legno che veniva tagliato in montagna, proveniente dai ricchi boschi dell Abetina Reale, e fatto scendere a valle grazie al fiume Secchia. Con l'avvento del carbone, il legno passò in secondo piano e quindi il bacino andò lentamente in disuso. Fu deciso di riempirlo di terra, e grazie al limo depositato sul fondo in anni, il terreno era molto fertile. Nasce così la Tenuta Vandelli. Fu Faustino Vandelli che iniziò a curare il terreno ed a coltivarlo con la vite, trasferendo tutta la sua passione al figlio Valter, che insieme alla moglie Lidia fondò nel 1960 l Azienda Agricola Vandelli e che oggi ha raggiunto circa dieci ettari di vigneti coltivati a vitigni tipici del Modenese: Lambrusco Grasparossa di Castelvetro, Salamino di Santa Croce, Ancelotta, Malbo Gentile, Spergola e Pignoletto. Adesso sono i figli William, Massimo ed Ermanna che hanno deciso di commercializzare I Vini del Bacino : Lambrusco Grasparossa di Castelvetro DOP, Spumante Rosè Extra Dry di Lambrusco Grasparossa di Castelvetro DOP, Spergola Colli di Scandiano e Canossa DOC. Sono ottimi vini, grazie alla cura ed attenzione per la vigna, ai sistemi di potatura finalizzati a basse rese, alla vendemmia manuale per la raccolta delle uve, ai sistemi di vinificazione e spumantizazione all attualità della tecnica enologica.

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie!

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! Family Trancio di Prosciutto 2 kg Trancio di Pancetta Arrotolata 600 gr Zampone 1 kg Lenticchie 500 gr Trentingrana 500 gr Mortadella 500 gr Pasta

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

Al Roccolo. Fattoria Piolanti. A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà.

Al Roccolo. Fattoria Piolanti. A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà. Al Roccolo Fattoria Piolanti A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà. Ragiungèl, l è facil tè po minga sbaglià. Ocio, sculta che tè spieghi mi Ciapa la strada che la và de là.

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

o ami la carne o te ne innamorerai Menù

o ami la carne o te ne innamorerai Menù o ami la carne o te ne innamorerai Menù Hanno inventato il matrimonio perché non si può cucinare per una persona sola. Anche per questa ragione amiamo cucinare gli stessi piatti per più persone. Nel caso,

Dettagli

Il ristorante. Marco Mazzanti

Il ristorante. Marco Mazzanti Il ristorante I colori del mare, i sapori della tradizione la calda accoglienza e la cantina generosa sono le note caratteristiche della Tartana. Benvenuti nel nostro ristorante. Marco Mazzanti Il mare

Dettagli

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno 2014 Hai chiesto qual è il piatto del giorno? { } (Il maresciallo Carotenuto Vittorio De Sica Che

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Vincenzo Antonina e tutto lo Staff

Vincenzo Antonina e tutto lo Staff Tutti i prodotti che potete assaporare, pane, pasta fresca,dolci e quant'altro sono tutti confezionati dalla nostra cucina. Poniamo particolare attenzione ai prodotti tipici locali e alle materie prime

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA

QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA QUALITà IN LOMBARDIA: DOP IGP E PRODOTTI DI MONTAGNA I T A L I A N O EXPO 2015 I marchi DOP e IGP sono marchi di qualità che vengono assegnati dalla Commissione Europea. I requisiti per il riconoscimento

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~ Dr Schàr Foodservice ri Chi è affetto da celiachia non deve assolutamente rinunciare a mangiare al ristorante; attenendosi ad alcune regole e suggerimenti è possibile consumare i propri pasti al ristorante,

Dettagli

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro!

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro! 1. A parte questo, possedevo un paio di altre caratteristiche che non facevano propriamente pensare a un cuoco in carriera. Ero soprattutto lento. Ero lento a muovermi, lento a pensare, lento di comprendonio,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

60,99 cad. Monet. Da soli

60,99 cad. Monet. Da soli Monet Da soli 60,99 cad. Cesto in vimini intrecciato bicolore con manici: Panettone classico Milanese, incartato a mano Tre Marie, 750 g Bottiglia legatura Mionetto frizzante Mionetto, 750 ml Bottiglia

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5

L INDICE LA PREMESSA. Testo: Agostino Macrì Disegni: Arianna Buzzi LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 LA PREMESSA L INDICE LA PREMESSA 1 AMBIENTE E PRODUZIONI ALIMENTARI 3 LA TRASFORMAZIONE DEGLI ALIMENTI 5 INIZIATIVE DELL UNIONE EUROPEA 6 TUTELA DELLE PRODUZIONI ALIMENTARI TRADIZIONALI 7 SITUAZIONE ITALIANA

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso

PINOT GRIGIO FRIULI COLLI ORIENTALI D.O.C. : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% FORMA DI ALLEVAMENTO : cordone speronato basso PINOT GRIGIO : marnoso argilloso UVE : Pinot Grigio 100% : in bianco, solo acciaio NOTE GUSTATIVE : colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo elegante di frutta matura, fiori di campo e fieno

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» Art. 1. La indicazione geografica tipica «Emilia» o «dell'emilia» accompagnata o meno dalle specificazioni

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit.

DIDATTICA ALLA PIOPPA. Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. DIDATTICA ALLA PIOPPA Non insegnate ai bambini quello che possono imparare da soli facendo. Cit. La nostra proposta dida,ca nasce dalla voglia di infondere passione e rispe3o verso la natura e gli animali,

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO.

Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO. La linea Bollicine Una selezione delle migliori bollicine: la linea IL ROGGIO. Una linea composta da sei Bottiglie dal packaging elegante e piacevole che ne esalta appieno lo stile. Prosecchi a denominazione

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

La Leggenda degli Spaghetti alla Carbonara

La Leggenda degli Spaghetti alla Carbonara La Leggenda degli Spaghetti alla Carbonara Prologo Se vi domandate il perchè di questo mio curioso documento è presto detto: il 17 Gennaio è stato festeggiato il Carbonara Day. Quel giorno tutti i ristoranti

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Appendice I - Prodotti tipici da somministrare tal quali o come ingredienti di ricette tipiche

Appendice I - Prodotti tipici da somministrare tal quali o come ingredienti di ricette tipiche I RISTORANTI DEL BUON VINO Marchio OSPITALITA ITALIANA della Ristorazione Tipica Astigiana Appendici I, II, III al Disciplinare per la qualificazione dei ristoranti tipici della provincia di Asti Appendice

Dettagli

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA COME DEFINISCE LA QUALITÀ DI UNA BEVANDA CALDA? Esigenze per la macchina da caffè del futuro. Il piacere di una deliziosa bevanda aggiunge qualità in

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Indice. Ecco alcune idee per gustare i nostri prodotti non solo come antipasto o contorno ma anche come gustosissimi primi piatti!

Indice. Ecco alcune idee per gustare i nostri prodotti non solo come antipasto o contorno ma anche come gustosissimi primi piatti! Ricette ci trovi anche su www.tuttocalabria.com Ecco alcune idee per gustare i nostri prodotti non solo come antipasto o contorno ma anche come gustosissimi primi piatti! Indice Promi Piatti Penne Stuzzicanti....

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile 90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium Essere uno chef non è mai stato così facile Congratulazioni per aver acquistato il forno a microonde con tecnologia 6 SENSO Whirlpool Jet Chef Premium! Da oggi

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1 Food Cost e gestione informatizzata della cucina 1 Determinazione e controllo dei costi La locuzione economie di scala è usata in economia per indicare la relazione esistente tra aumento della scala di

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata

DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO. Denominazione di Origine Controllata. Denominazione di Origine Controllata Piemonte Piemonte Piemonte DOLCETTO D ACQUI PIEMONTE GRIGNOLINO BARBERA MONFERRATO ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, province di Alessandria e Asti ZONA DI PRODUZIONE Colline del Monferrato, nelle

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

Cuocere al forno con il

Cuocere al forno con il Cuocere al forno con il Un assortimento fresco come dal fornaio. L unico sistema di cottura intelligente al mondo che sa anche cuocere al forno. Perché sente, riconosce, pensa, pianifica, impara e comunica

Dettagli