ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E L AMBIENTE. Serie Ambiente

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E L AMBIENTE. Serie Ambiente"

Transcript

1

2 ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E L AMBIENTE Serie Ambiente IL PROGETTO BANK-EMAS UN PROGETTO PILOTA PER L'APPLICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE AGLI ISTITUTI BANCARI IL CASO DI STUDIO DI "MPS Banca Verde (Gruppo Monte dei Paschi di Siena) Luca ANDRIOLA Raffaella CECCACCI ENEA Centro Ricerche Casaccia, Roma 1

3 Luca Andriola Viale Gorizia 52, Roma Telefono 06/ Telefax 06/ I contenuti tecnico-scientifici dei rapporti tecnici dell ENEA rispecchiano l opinione degli autori e non necessariamente quelli dell Ente. 2

4 3

5 IL PROGETTO BANK-EMAS UN PROGETTO PILOTA PER L'APPLICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE AGLI ISTITUTI BANCARI IL CASO DI STUDIO DI "MPS Banca Verde (Gruppo Monte dei Paschi di Siena) Riassunto Lo scopo del presente lavoro è quello di illustrare le prime fasi del percorso di adesione dell Istituto bancario MPS BancaVerde al Regolamento n. 761/2001 EMAS, attraverso l applicazione della norma ISO 14001/96. La motivazione del progetto risiede nel riconosciumento del ruolo delle istituzioni finanziarie nel perseguire uno sviluppo sostenibile ossia un processo di sviluppo che lasci alle generazioni future lo stesso capitale, naturale e creato dall uomo, di cui dispone l attuale generazione. Da tale affermazione risulta evidente che lo sviluppo sostenibile è relazionato alle scelte di investimento e dovrebbe dunque essere il core-business dei mercati finanziari. Esistono varie forme attraverso le quali una banca può esercitare un influenza sull ambiente: Come investitori sostenendo gli investimenti con finalità ambientali Come finanziatori sviluppando nuovi prodotti finanziari che incoraggino lo sviluppo sostenibile Come valutatori stimando rischi e opportunità ambientali nel project financing Come potenti stakeholders come investitori e finanziatori esse possono esercitare una considerevole influenza sulle aziende Come soggetti inquinanti sebbene non paragonabili alle industrie pesanti, gli istituti finanziari consumano risorse naturali. Dallo studio di tali aspetti ambientali è emerso che attraverso l implementazione di un Sistema di Gestione Ambientale e l adesione al Regolamento n.761/2001, la banca sarà in grado di ridurre i propri impatti ambientali attraverso una corretta gestione interna ma, soprattutto, potrà esercitare una grossa influenza sull ambiente considerando e valutando gli aspetti ambientali indiretti tra cui la concessione di crediti, lo sviluppo di nuovi prodotti finanziari finalizzati ad incentivare le aziende ad investire in tecnologie a basso impatto ambientale e adottare sistemi di gestione ambientale (EMAS, ISO14001), assistere i piccoli risparmiatori nelle scelte di investimento, ad esempio consigliando Fondi verdi. 4

6 5

7 BANK EMAS PILOT PROJECT ENVIRONMENTAL MANAGEMENT SYSTEMS APPLIED TO BANKS "Case-study MPS Banca Verde " Abstract The purpose of this work is to illustrate the process of MPS Banca Verde for applying the EMAS Regulation n. 761/2001 trougut the ISO The mean of this project is the role of the financial institutions in achieving sustainable development meaning a process of development which leaves at least the same amount of capital, natural and man-made, to future generations as current generations have access to. This makes it clear that sustainable development is about capital allocation and thus should be at the core of financial markets activity. There are different ways for the banks to affect enviroment: As investors supplying the investments with enviromental perspective As lenders developing new financial products to encourage sustainable development As valuers estimating risks and opportunities in project-financing As powerful stakeholders as shareholders and lenders they can exercise considerable influence over companies As polluters while not dirty industries, financial institutions do consume natural resorces. By the study of these enviromental aspects it comes out that through the implementation of an Environmental Management System banks can reduce their own impacts though a correct internal environmental management and, above all, banks can influence environment considering the indirect environment aspects as credit assesment, the development of new financial products to encourage businesses to invest in duty technologies, adopting enviromental management systems (EMAS, ISO14001), and in helping small shareholders in deciding how to invest their own money, for example advising Green funds. Key Word: Sustainable Development, Environmental Management Systems, Environmental Resources, Banks 6

8 7

9 INDICE "Case-study MPS Banca Verde " INTRODUZIONE LE BANCHE, LA DICHIARAZIONE UNEP E LO SCENARIO INTERNAZIONALE Premessa...18 COMPARTI...26 AMBIENTE...26 AGRICOLTURA...26 AGROINDUSTRIA...26 O CAPITOLO 1: INTRODUZIONE O CAPITOLO 2: CARATTERISTICHE GENERALI DELLE SEDI DELLA BANCA O CAPITOLO 3: DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ E ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI MPS BANCAVERDE O CAPITOLO 6: I DIPENDENTI O CAPITOLO 7: IDENTIFICAZIONE E ANALISI DEGLI ASPETTI AMBIENTALI DIRETTI ED INDIRETTI DEL SITO DI FIRENZE E DI QUELLO DI SIENA o Capitolo 8: Formazione e comunicazione ambientale...27 O CAPITOLO 11: BILANCIO DI MASSA E DI ENERGIA O CAPITOLO 14: BIBLIOGRAFIA SETTORE ECONOMICO AZIENDA IDENTIFICAZIONE ED ANALISI DEGLI ASPETTI AMBIENTALI DIRETTI E INDIRETTI...32 Aspetti Diretti...33 Aspetti Indiretti...34 Analisi dei principali aspetti ambientali indiretti e individuazione di possibili indicatori di prestazione ambientale di MPS Banca Verde...36 NEL CORPO DELLA RELAZIONE ISTRUTTORIA È PRESENTE UNA PAGINA NELLA QUALE SI RIPORTA SE L IMPRESA RICHIEDENTE SIA CERTIFICATA SECONDO UN SISTEMA DI QUALITÀ (ISO 9001, 9002 O 9003) O DI GESTIONE AMBIENTALE (ISO O EMAS), SE (NEL CASO DI AZIENDA AGRICOLA) ADOTTI FORME DI LOTTA ANTIPARASSITARIA AMBIENTALMENTE COMPATIBILI (LOTTA BIOLOGICA, LOTTA GUIDATA O LOTTA INTEGRATA), SE (NEL CASO DI IMPRESA PRODUTTIVA) L INVESTIMENTO DA FINANZIARE ABBIA UN IMPATTO VISIVO E SULLA NATURA CIRCOSTANTE E SE SIANO STATE ADOTTATE TUTTE LE MISURE PREVISTE DALLA NORMATIVA IN MERITO A EMISSIONI E SCARICHI. QUESTE NOTIZIE VENGONO ASSUNTE IN AZIENDA, IN CONTRADDITTORIO CON GLI 8

10 ESPONENTI AZIENDALI. INOLTRE, NEL CORSO DELL ISTRUTTORIA SU IMPRESE DI PARTICOLARI SETTORI, COME IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI, SONO ACQUISITE COPIE DELLE AUTORIZZAZIONI E CONCESSIONI DI CUI L AZIENDA È IN POSSESSO PER ESERCITARE LA PROPRIA ATTIVITÀ Indicatore...38 Indicatore...39 Indicatore Il PROGRAMMA DI MIGLIORAMENTO AMBIENTALE...41 SENSIBILIZZAZIONE DEI DIPENDENTI E DELLA CLIENTELA IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE CONCLUSIONI ALLEGATI...47 Che cosa è EMAS? LA POLITICA AMBIENTALE 7. IL PROGRAMMA DI MIGLIORAMENTO AMBIENTALE 8. IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE 9. CONCLUSIONI ALLEGATO I: POLITICA AMBIENTALE DI MPS BANCAVERDE ALLEGATO II: PROTOCOLLO DI INTESA MINISTERO AMBIENTE- MPS BANCA VERDE ALLEGATO III: OPUSCOLO INFORMATIVO SU EMAS ALLEGATO IV: DICHIARAZIONE UNEP 9

11 1. INTRODUZIONE Le questioni ambientali ed economiche hanno legami strettissimi e c è oggi una reale consapevolezza che lo sviluppo sostenibile non può essere raggiunto soltanto attraverso l azione delle autorità pubbliche, ma mediante le risorse e le capacità del settore privato, non per motivi di filantropia, bensì per interessi economici essendo evidente ormai la relazione positiva tra performance ambientale e finanziaria. Per dare una giustificazione a questa affermazione si può partire dalla considerazione che i costi connaturati alle tematiche ambientali pesano direttamente sul sistema economico-produttivo e che, dunque, la competitività del sistema imprenditoriale dipende dalla sostenibilità delle scelte strategiche. L ambiente visto come variabile ha delle evidenti ripercussioni economiche poiché i costi dovuti alle catastrofi naturali determinate da fattori ambientali e lo sfruttamento intensivo delle risorse ritornano indirettamente sul sistema produttivo. La tematica ambientale può aprire alle banche interessanti opportunità legate all'attivazione di rapporti con imprese particolarmente attive sul fronte ambientale. Quindi, nella misura in cui l'ambiente diventa elemento di selezione nel mercato, le imprese che riescono a interpretarlo come elemento di opportunità hanno maggiori probabilità di successo e quindi diventano partner più affidabili e finanziariamente interessanti. Oltre ciò che è stato finora affermato, comincia a diffondersi tra i risparmiatori, soprattutto quelli appartenenti a particolari categorie, la sensibilità ad investimenti etico-ambientali: le banche sono quindi incentivate a cogliere tale opportunità di sviluppo del mercato. Le banche e l industria dei servizi finanziari hanno riconosciuto nella Dichiarazione UNEP (United Nations Enviromental Programme) sull ambiente e sullo sviluppo sostenibile che l interazione positiva tra sviluppo economico e sociale deve soppesare, negli interessi di questa e delle future generazioni, la protezione dell ambiente. Gli Istituti finanziari, firmatari dell accordo, hanno dichiarato di impegnarsi a collaborare attivamente nell ambito di meccanismi di mercato volti a raggiungere obiettivi comuni nel settore ambientale, considerando lo sviluppo sostenibile una componente indispensabile per condurre le aziende con successo, nonché un elemento essenziale della responsabilità socio-politica di soggetto economico-produttivo. 10

12 1.1 LE BANCHE, LA DICHIARAZIONE UNEP E LO SCENARIO INTERNAZIONALE Il concetto di sviluppo sostenibile è stato utilizzato per la prima volta a metà degli anni 70 per indicare la necessità di integrare le considerazioni ambientali nelle decisioni economiche. Nel 1980 l Unione Internazionale per la Conservazione della Natura e delle Risorse Naturali (IUCN), l UNEP, il WWF, e altre organizzazioni, hanno pubblicato la World Conservation Strategy che considera la protezione e la conservazione dell ambiente come priorità da integrare nelle strategie di sviluppo a livello internazionale e nazionale, sottolineando la necessità di mantenere i processi ecologici essenziali, di preservare la diversità genetica e biologica, e di assicurare un uso responsabile delle risorse naturali, garantendo l equilibrio dell ecosistema. Nella Conferenza di Rio de Janeiro del 1992 è stato riconosciuto che lo sviluppo economico è strettamente legato all ambiente e che la protezione ecologica è una responsabilità collettiva e deve posizionarsi tra le priorità più importanti per tutte le attività imprenditoriali, comprese le banche. Gli istituti di credito più attivi si stanno muovendo verso l integrazione delle considerazioni ambientali nelle operazioni bancarie e nelle decisioni d affari per favorire lo sviluppo sostenibile e la preservazione dell ambiente. Essi intendono aggiornare le prassi gestionali, compresa la contabilità, il marketing, le relazioni pubbliche, la comunicazione e la formazione del personale. Il programma ambientale delle nazioni unite (UNEP), approvato nell ottobre 1993, ha stabilito un accordo che più di 200 banche hanno sottoscritto, in cui vengono sanciti i principi per indirizzare il settore verso una più accurata attenzione verso le problematiche ambientali. Dalla Dichiarazione UNEP è emerso il riconoscimento da parte delle banche che la protezione dell ambiente e lo sviluppo sostenibile sono responsabilità collettive che devono avere la priorità più elevata nelle attività di business. Il programma di politica e di azioni in relazione all ambiente e allo sviluppo sostenibile della comunità europea riconosce l importanza degli istituti finanziari che, mediante l influenza esercitata sulle decisioni manageriali delle imprese, potrebbero condurre ad effetti benefici sull ambiente. Gli istituti finanziari, infatti, possono innescare meccanismi volti alla salvaguardia dell ambiente: sostenendo lo sviluppo degli investimenti mirati ad una efficace gestione ambientale delle organizzazioni; sviluppando nuovi prodotti finanziari che incoraggino lo sviluppo sostenibile; valutando i rischi connaturati ad una gestione ambientale non controllata; 11

13 considerando l influenza degli investitori e degli azionisti sulle scelte del management aziendale; adottando strumenti e metodologie di gestione che abbiano un impatto ambientale ridotto. I membri dell industria dei servizi finanziari (Dichiarazione UNEP) hanno riconosciuto che lo sviluppo sostenibile dipende dall interazione positiva tra lo sviluppo economico e quello sociale nonché dalla protezione dell ambiente, e si impegnano ad una collaborazione attiva volta a raggiungere obiettivi comuni nel settore ambientale. Il settore dei servizi finanziari può fornire assieme ad altre figure economiche un importante contributo allo sviluppo sostenibile. Gli istituti finanziari sono favorevoli ad un management ambientale previdente per accertare con tempestività e prevenire potenziali danni ambientali e si impegnano ad adempiere tutti gli oneri ambientali di carattere nazionale e internazionale che riguardano le attività finanziarie e i servizi forniti. Essi mirano a tenere conto delle esigenze ambientali nelle attività patrimoniali e nelle decisioni d affari su tutti i mercati in cui operano. Gli istituti riconoscono che l identificazione e la quantificazione dei rischi ambientali devono costituire parte dei consueti procedimenti per la valutazione e il management dei rischi negli affari all interno del paese e all estero. Nei confronti dei clienti considerano l adempimento degli oneri ambientali in vigore e il trattamento responsabile dell ambiente fattori essenziali dell efficiente conduzione aziendale. Gli istituti finanziari si propongono di utilizzare nelle pratiche interne di gestione i metodi migliori del management ambientale quale l utilizzo efficiente dell energia, il riciclaggio e la riduzione dei rifiuti sviluppando relazioni d affari con partner, fornitori e aziende contraenti sulle basi di parametri ambientali altrettanto elevati. Si evince, da parte degli istituti aderenti alla Dichiarazione UNEP, la volontà di aggiornare e regolamentare i metodi utilizzati per tenere conto degli sviluppi di rilievo del management ambientale sostenendo attivamente la ricerca in tali campi. Gli istituti riconoscono la necessità di sottoporre le loro attività a regolare sorveglianza interna e controllo tenendo conto degli obiettivi individuati nel settore ambientale incoraggiando l industria dei servizi finanziari a sviluppare prodotti e servizi che incentivino i soggetti economici alla protezione dell ambiente e a condividere le conoscenze e le esperienze comuni per la diffusine delle metodologie più adeguate. 12

14 Nel prossimo futuro la variabile ambientale assumerà sempre più importanza per le banche. La tendenza dell'unione Europea è quella di superare un approccio settoriale e di giungere ad una crescente integrazione della protezione ambientale, trasversalmente rispetto alle politiche perseguite dai diversi Paesi. Infatti strumenti normativi ideati per il settore industriale sono stati estesi anche ad altri settori (come ad esempio il Nuovo Regolamento comunitario EMAS di Ecogestione ed Audit dell aprile 2001). La stessa estensione ha riguardato anche il Regolamento comunitario sull'ecolabel, sistema che in partenza (Regolamento U.E. n 880/1992) certificava la qualità ambientale di un prodotto fisico e che oggi si adatta molto bene anche ai servizi (es. turistici), inclusi quelli finanziari ( Nuovo Regolamento U.E. n 1980/2000). Il sistema economico e industriale nel suo complesso, quindi, sarà chiamato ad un continuo sforzo di miglioramento, che indurrà inevitabilmente una dura selezione. Al contempo, richiederà anche cospicui investimenti. La stessa Unione Europea ha da tempo messo a punto una gamma di strumenti di aiuto finanziario per agevolare la ricerca e l'innovazione. La capacità delle imprese italiane di sfruttare queste opportunità è notoriamente modesta. Mettendo a disposizione le proprie capacità professionali, le banche possono facilitare questo passaggio, veicolando fondi pubblici verso investimenti anticipatori e lungimiranti o impegnando propri capitali nel (ri)lancio di business eco-compatibili. Così facendo, svilupperanno una propria area di attività e contribuiranno alla riqualificazione del tessuto industriale. Anche l'ultimo Piano d'azione dell'unione Europea ("Towards Sustainability", 1993) enfatizza in modo particolare l'importanza di iniziative sinergiche da parte dei soggetti operanti nel mondo dell'economia e della finanza, della politica, della società civile in senso ampio, sottolineando come, quanto più articolata appare la questione da risolvere, tanto maggiore debba essere la ricerca del contributo di tutti. Da questo punto di vista, il ruolo delle banche, ad oggi considerato dai più come estraneo rispetto alle dinamiche di sviluppo economico ed imprenditoriale che hanno causato l'attuale livello di degrado ambientale, appare invece particolarmente ricco di potenzialità positive. Proprio per la propria funzione di intermediario, la banca è il soggetto maggiormente in grado di raccogliere le istanze provenienti da un lato dal mondo dei risparmiatori e delle parti portatrici di interessi ( stakeholders ) nei conflitti ambientali, per veicolarle verso il mondo dell'impresa. Particolare attenzione, sul fronte dei prodotti finanziari, meritano i fondi d'investimento verdi. Essi sono molto diffusi nel nord Europa (30 solo in Gran Bretagna) e riescono a garantire performances elevate. 13

15 Indagini svolte da grandi banche dimostrano che ci sono ampi spazi di miglioramento nel raggiungimento dell efficienza ambientale: la Westminster Bank pratica audit ambientali periodici, che l hanno portata a risparmiare circa dieci milioni di sterline l anno; alla Swiss Bank Corporation, è stato possibile ridurre senza eccessive difficoltà la percentuale di carta non trattata con cloro per moduli e buste dall 87,5% al 12%. Ma questi sono solo alcuni esempi. In questa direzione si sono mosse alcune banche che hanno deciso di implementare dei sistemi di gestione riconosciuti a livello internazionale: i primi Istituti bancari ad ottenere la certificazione di qualità ambientale UNI EN ISO sono stati la Raiffeisen Bank in Austria e il Credit Suisse Group in Svizzera. In conclusione la banca è chiamata a sviluppare una specifica expertise al proprio interno in modo da essere in grado di comprendere appieno le strategie e i piani dei propri clienti. L analisi non può essere limitata ai dati strettamente finanziari, che non tengono conto degli aspetti ambientali. Il passaggio chiave è la capacità della banca di stabilire con il proprio cliente una relazione tendenzialmente esclusiva. Si tratta di passare da una strategia che tende a minimizzare in senso statistico (nel senso che è condiviso da più istituti bancari che seguono la stessa impresa) a una che si fonda su una seria analisi dei flussi informativi. Tutto questo rappresenta una vera rivoluzione. 14

16 2. IL REGOLAMENTO UE n 761/2001 EMAS II Se è vero che con la Dichiarazione UNEP i membri dell industria dei servizi finanziari hanno riconosciuto che lo sviluppo sostenibile dipende dall interazione positiva tra lo sviluppo economico e quello sociale nonché dalla protezione dell ambiente, attraverso l implementazione di un Sistema di Gestione Ambientale e l adesione ad EMAS, essi si impegnano ad una collaborazione attiva volta a raggiungere obiettivi comuni nel settore ambientale. I Sistemi di Gestione Ambientale possono dimostrarsi infatti un riferimento concreto per il conseguimento dei principi dello sviluppo sostenibile ed individuare conseguenti obiettivi di qualità ambientale. La norma ISO e anche il Regolamento EMAS (Environmental Management and Audit Scheme), puntano al miglioramento delle proprie prestazioni ambientali. Il nuovo Regolamento EMAS n 761/2001, introduce infatti alcune interessanti novità rispetto al primo regolamento, tra cui forse quella di maggiore portata è rappresentata dalle possibilità applicative aperte a tutti i settori, anche non industriali, e in particolare ai servizi. Tale estensione consentirà la partecipazione ufficiale di una grande varietà di soggetti pubblici e privati tra cui il settore bancario. Il sistema europeo EMAS (Environmental Management and Audit Scheme), che trova il suo fondamento nel Regolamento CE n 1836/93, rappresenta l espressione più evidente di un nuovo indirizzo di politica ambientale assunto dalla Unione Europea. La nuova politica ambientale focalizza l attenzione sulla capacità delle imprese di sviluppare su base volontaria una propria responsabilità nei confronti della tutela dell ambiente. In data 24/4/01 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee (L 114) il testo ufficiale del nuovo Regolamento EMAS n 761/01 sull adesione volontaria delle organizzazioni a un sistema comunitario di Ecogestione e Audit denominato EMAS II. Le organizzazioni che aderiscono ad EMAS debbono infatti dotarsi di una politica ambientale rivolta non solo al rispetto dei limiti e dei vincoli che sono imposti dalle numerose leggi di settore, ma anche alla diretta creazione di un nuovo rapporto tra impresa, Pubblica Amministrazione e cittadini. Con EMAS, le organizzazioni si impegnano a realizzare un progetto di miglioramento continuo delle performance ambientali, ed una trasparenza dei comportamenti nei confronti del pubblico. 15

17 Per aderire al Regolamento EMAS le organizzazioni debbono assolvere ai seguenti specifici compiti: 1) effettuare un analisi ambientale iniziale. Si tratta dello strumento mediante il quale l organizzazione individua la sua posizione iniziale rispetto alle condizioni ambientali connesse alla propria attività 2) definire ed attuare un programma ambientale. Esso discende direttamente dalla politica ambientale dell organizzazione in cui è individuata la strategia complessiva in riferimento alla gestione ambientale. Il programma ambientale contiene gli obiettivi e i principi di azione che l organizzazione si dà sul miglioramento delle prestazioni ambientali relative al sito interessato 3) definire ed attuare un Sistema di Gestione Ambientale. Esso consiste nella gestione dell organizzazione finalizzata ad ottenere gli obiettivi individuati dal programma ambientale. Il sistema deve includere la struttura organizzativa dell organizzazione, le responsabilità, le prassi, le procedure, i processi e le risorse per attuare il programma ambientale. Questo perché il Regolamento n 1836/93 non prevede solo l ottimizzazione ambientale del ciclo tecnologico, ma richiede che il parametro ambientale sia incorporato nel sistema organizzativo gestionale dell organizzazione affinché diventi patrimonio di tutto il personale, a prescindere dal livello gerarchico 4) effettuare attività di auditing. Si tratta dell attività espletata dall impresa mediante un auditor di sua fiducia al fine di verificare che il sistema di gestione ambientale sia correttamente funzionante 5) elaborare una dichiarazione ambientale. Essa comprende la descrizione al pubblico delle attività produttive dell organizzazione, i riflessi che tale attività hanno sull ambiente, i risultati ottenuti dall organizzazione per un minor impatto ambientale, l individuazione degli obiettivi di miglioramento da conseguire in prospettiva futura. Il Regolamento EMAS prevede che la dichiarazione ambientale sia poi esaminata e convalidata da un Verificatore Ambientale, indipendente dall organizzazione, accreditato dal Comitato Ecolabel- Ecoaudit Sezione EMAS Italia e quindi su richiesta di quest ultimo iscritta nel registro europeo EMAS. In Italia il Comitato rappresenta l Autorità pubblica competente sia per l accreditamento e i controlli dei verificatori ambientali, sia per la registrazione del sito che sancisce il diritto dell organizzazione ad essere riconosciuta per la sua qualità ambientale nei confronti dell esterno. La struttura del Regolamento EMAS, sulla base dell esperienza maturata dopo i primi cinque anni di vigenza, è stata recentemente rivista e sono state apportate numerose innovazioni. 16

18 Senza dubbio la novità di maggior portata contenuta in EMAS II è costituita dall allargamento della registrazione a tutti i settori anche non industriali ed in particolare ai servizi (alberghi e settore turistico, banche, scuole, Pubblica Amministrazione, etc). Già l EMAS prevedeva questa possibilità, sia pure a titolo sperimentale. Un altro punto di novità risiede nell enfasi che è stata data alla promozione dell adesione ad EMAS delle piccole imprese. A tal fine l EMAS II non solo invita gli Stati Membri ad adottare misure di sostegno e di incentivazione a favore delle piccole imprese e di quelle artigiane, ma la Commissione UE ha assunto l iniziativa di predisporre una linea guida che contiene esplicite semplificazioni possibili a favore delle piccole imprese nell applicazione di EMAS II. E stato poi introdotto nell EMAS II l invito esplicito rivolto agli Stati Membri affinché essi tengano conto della registrazione EMAS nell elaborazione della legislazione ambientale e nei relativi controlli. Il nuovo Regolamento ha deciso di incorporare al suo interno in maniera integrale la norma ISO 14001; attualmente quindi, i due sistemi coincidono per quanto riguarda la parte a carico delle imprese che si dotano di un programma di miglioramento ambientale e del relativo sistema di gestione ambientale interna. Rimangono invece le differenze rappresentate dall impegno pubblico che l impresa assume nei confronti dell esterno attraverso la dichiarazione ambientale e dal sistema di verifica che nell EMAS è garantito dall accreditamento pubblico a livello europeo. Altra novità fondamentale introdotta dall EMAS II, anche in relazione alla sua estensione ai settori non industriali, è data dall obbligo posto a carico delle organizzazioni di considerare non solo gli effetti ambientali diretti associati alla loro attività, ma anche gli effetti ambientali indiretti, quelli che si svolgono cioè al di fuori della sua responsabilità diretta. Infine, l EMAS II prevede che la cadenza della verifica della dichiarazione ambientale, fino ad oggi triennale, diventi annuale. Il significato di questo cambiamento risiede nella volontà di voler considerare la dichiarazione ambientale assimilabile al bilancio economico che tutte le organizzazioni adottano annualmente e che sottopongono alla certificazione da parte di adeguati soggetti terzi. 17

19 3. L ANALISI AMBIENTALE INIZIALE (A.A.I.) Premessa Il nuovo Regolamento n 761/2001 EMAS, nell Allegato VII al punto 7.1 Osservazioni generali, chiede che l organizzazione deve determinare la sua posizione attuale rispetto all ambiente mediante un analisi che consideri tutti gli aspetti ambientali dell organizzazione quale base su cui predisporre il sistema di gestione ambientale. In particolare vengono evidenziati al punto 7.2 dell Allegato VII i cinque requisiti che l analisi ambientale deve coprire: - prescrizioni legislative, regolamentari e di altro tipo cui l organizzazione si conforma - identificazione di tutti gli aspetti ambientali che hanno un impatto ambientale significativo e compilazione di un registro per quelli individuati come importanti - descrizione dei criteri secondo cui valutare l importanza dell impatto ambientale in conformità all Allegato VI, punto esame di tutte le pratiche e procedure gestionali esistenti in materia di ambiente - valutazione dell insegnamento tratto dall analisi di incidenti precedenti L Analisi Ambientale Iniziale è il punto di partenza per la realizzazione di un Sistema di Gestione Ambientale. Costituisce la base conoscitiva indispensabile per individuare le aree critiche, definire gli obiettivi di miglioramento e pianificare gli interventi in base al contesto territoriale in cui si opera, ai vincoli normativi, alle disponibilità economiche e alle aspettative dei principali interlocutori. Sulla base delle informazioni ottenute attraverso l A.A.I., MPS BancaVerde ha potuto stabilire la propria politica ambientale e definire gli obiettivi e il programma di miglioramento ambientale che intendeva realizzare. Lo sforzo che è stato richiesto alla banca è stato quello di: esaminare tutte le attività che hanno influenza sull ambiente, sia quelle il cui impatto è determinato dallo svolgimento del lavoro proprio della banca (ad es. consumi di acqua, energia, materiali di pulizia, materiali per l igiene personale), sia quelle sulle quali l Istituto bancario esercitava un potere gestionale diretto o di controllo. Maggiori specificazioni sull argomento sono presenti nella Raccomandazione della Commissione Europea pubblicata in GUCE n 247 del 07/09/01 serie L, relativa agli orientamenti per l attuazione del Regolamento EMAS II. In particolare nell Allegato III della suddetta Raccomandazione è riportata la procedura per fasi tesa ad individuare gli aspetti ambientali significativi. 18

20 L esame ha riguardato anche quelle attività su cui l istituto bancario non aveva potere di gestione e controllo, ma sulle quali poteva esercitare un influenza determinante attraverso le proprie decisioni, raccogliendo i dati che riguardavano l inquinamento dell aria, dell acqua, suolo, inquinamento acustico, produzione di rifiuti, traffico, etc, e individuando gli aspetti ambientali significativi su cui orientare le azioni destinate a migliorare la situazione dei relativi impatti. Operativamente la fase di analisi ambientale iniziale si è articolata su: 1) Raccolta dati, analisi della documentazione disponibile e di ogni altro elemento rilevante dal punto di vista ambientale esistente nell Istituto 2) Sopralluoghi nell Istituto bancario e nelle aree esterne 3) Interviste con i responsabili delle funzioni interessate alla gestione delle tematiche ambientali 4) Analisi dei servizi offerti In conclusione si è pervenuti al documento finale denominato: Report di Analisi Ambientale Iniziale che è una sintesi delle attività di indagine precedente e che fornisce il quadro completo e al tempo stesso dettagliato della situazione di partenza dell Istituto bancario dal punto di vista ambientale. 19

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

BROCHURE INFORMATIVA SU EMAS E I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE

BROCHURE INFORMATIVA SU EMAS E I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE L INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA CONOSCENZA E DELLA PREVENZIONE Dai sistemi di monitoraggio alla diffusione della cultura ambientale Milano, 24 25 26 Novembre 2003 Teatro Dal Verme - Palazzo delle Stelline

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

Questionario sul Manuale per la sostenibilità

Questionario sul Manuale per la sostenibilità Questionario sul Manuale per la sostenibilità Deliverable 4.1 Deliverable Progetto I.M.A.G.I.N.E. MAde Green IN Europe Il progetto IMAGINE Il progetto IMAGINE è finalizzato alla sperimentazione e diffusione

Dettagli

GLI INDICATORI AMBIENTALI

GLI INDICATORI AMBIENTALI GLI INDICATORI AMBIENTALI L identificazione e l utilizzo di adeguati indicatori ambientali si dimostra indispensabile per misurare e tenere sotto controllo il miglioramento delle prestazioni ambientali

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

D.Lgs n. 102 del 04/07/2014 Art. 8: Diagnosi Energetiche. Obbligo normativo

D.Lgs n. 102 del 04/07/2014 Art. 8: Diagnosi Energetiche. Obbligo normativo D.Lgs n. 102 del 04/07/2014 : Diagnosi Energetiche Obbligo normativo D.Lgs. 102/2014 Art. 3 SCOPO: Il decreto si inserisce nel piano di misure volte al raggiungimento dell obiettivo nazionale, da perseguire

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) COMUNE DI GREVE IN CHIANTI Provincia di Firenze Servizio nr. 6 Ambiente e Patrimonio GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1.

Dettagli

Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale. I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria

Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale. I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria Relatore: Roberto Luciani Sistemi di gestione ambientale:

Dettagli

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi:

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi: Analisi di Prodotto Scheda 1/10 Analisi i inizialei i dei processi Aziendali ambientale secondo operativa 15033 Introduzione: L Analisi (AAI) è una dettagliata e metodica indagine dello stato dell Organizzazione

Dettagli

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Le certificazioni ambientali Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Evoluzione storica L attenzione alle questioni ambientali

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare

La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA REGOLAMENTAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DEGLI OBBLIGHI EMAS TRIESTE 10 DICEMBRE 2014 DOTT. ROBERTO CARIANI Presentazione

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE E UN LUSSO PER IL NOSTRO COMUNE

LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE E UN LUSSO PER IL NOSTRO COMUNE LA CERTIFICAZIONE AMBIENTALE E UN LUSSO PER IL NOSTRO COMUNE O E UNA REALE ESIGENZA DI TUTELA DEI CITTADINI? La salvaguardia dell'ambiente ha visto in questi ultimi anni una costante crescita di sensibilità

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

Il Verificatore ambientale EMAS: accreditamento e funzioni Capra Bertrand, Soraci Mariangela, Parrini Vincenzo

Il Verificatore ambientale EMAS: accreditamento e funzioni Capra Bertrand, Soraci Mariangela, Parrini Vincenzo Il Verificatore ambientale EMAS: accreditamento e funzioni Capra Bertrand, Soraci Mariangela, Parrini Vincenzo Premessa L attuazione di uno schema di certificazione prevede, al fine della sua credibilità,

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001. Cuneo, 14 gennaio 2011

Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001. Cuneo, 14 gennaio 2011 Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001 Cuneo, 14 gennaio 2011 Gli Strumenti di Gestione Ambientale Norma UNI EN ISO 14001: Norma internazionale emanata nella

Dettagli

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Nadia Geranio, Leonardo Merlini, Olga Moretti Il primo obiettivo di

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO Un partner per crescere API LECCO Dal 1949 l Associazione Piccole e Medie Industrie della Provincia di Lecco è stata voluta dagli imprenditori

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE VALTELLINA VALCHIAVENNA Un partner per crescere API SONDRIO L Associazione Piccole e Medie Industrie di Valtellina e Valchiavenna è una realtà fortemente voluta dagli

Dettagli

QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE

QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE La Direzione della PAPPASOLE S.p.A. (di seguito denominata "Struttura turistica") dichiara la sua ferma volontà di rendere operante il Sistema di Gestione Integrata

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico L Associazione Bancaria Italiana (ABI) Il Presidente dell ABI La CONFINDUSTRIA Il Presidente di CONFINDUSTRIA La Conferenza dei

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

studi & ricerche Le banche e gli strumenti volontari di gestione ambientale Banks and voluntary environmental management tools Abstract

studi & ricerche Le banche e gli strumenti volontari di gestione ambientale Banks and voluntary environmental management tools Abstract Le banche e gli strumenti volontari di gestione ambientale LUCA ANDRIOLA* FRANCO FABBRINI** ENEA *UTS Protezione e Sviluppo dell Ambiente e del Territorio, Tecnologie Ambientali, BANK-EMAS Project Manager

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011 Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Linea di Intervento B Azione B2 Studi di Fattibilità Area Pianvallico Data: Giugno 2011 File rif.:.doc Tecnico: David Giraldi INDICE PREMESSA... 1 1. GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

Università degli studi di Perugia ing. Andrea Nicolini RISORSE ENERGETICHE ED ENERGIE ALTERNATIVE. AUDIT e Diagnosi Energetica

Università degli studi di Perugia ing. Andrea Nicolini RISORSE ENERGETICHE ED ENERGIE ALTERNATIVE. AUDIT e Diagnosi Energetica Università degli studi di Perugia ing. Andrea Nicolini RISORSE ENERGETICHE ED ENERGIE ALTERNATIVE AUDIT e Diagnosi Energetica 1 AUDIT ENERGETICO DEFINIZIONE NELLA DIRETTIVA 2012/27/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE)

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) Procedura Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: MSG HSE 1 Questo pro hse documento 009 eniservizi

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ MANUALE DELLA QUALITÀ RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE EDUCATORI CINOFILI iscritta nell'elenco delle associazioni rappresentative a livello nazionale delle professioni

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: programma ambientale di cluster Comune di Collagna Responsabile dell azione Istituto

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Maintenance & Energy Efficiency

Maintenance & Energy Efficiency Industrial Management School Maintenance & Conoscenze, metodi e strumenti per operare nel campo della gestione dell energia - Integrare le politiche di manutenzione con quelle legate all energia - Ottimizzare

Dettagli

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

IL RUOLO DELL ENTE DI CERTIFICAZIONE NELLE COSTRUZIONI SOSTENIBILI

IL RUOLO DELL ENTE DI CERTIFICAZIONE NELLE COSTRUZIONI SOSTENIBILI FORUM DELLE TECNOLOGIE III SESSIONE IL RUOLO DELL ENTE DI CERTIFICAZIONE Ing. Massimo De Vincentiis La normativa di riferimento: il quadro normativo nazionale ed europeo Il Regolamento (UE) n. 305/2011

Dettagli

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008 ertificazione Ambientale ISO14001 Ottobre 2008 La certificazione ISO 14001 La certificazione ISO 14001 di un Sistema di gestione ambientale è la dichiarazione di un ente certificatore, accreditato dal

Dettagli

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone Introduzione La politica integrata dei prodotti (IPP), secondo quanto riportato nel Libro Verde della Commissione

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE DELLE IMPRESE CORPORATE SOCIAL RESPONSABILITY

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE DELLE IMPRESE CORPORATE SOCIAL RESPONSABILITY Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 10/10/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Evoluzione della definizione di Internal Auditing 1941 V.Z. Brink 1957 Statement sull Internal Auditing

Evoluzione della definizione di Internal Auditing 1941 V.Z. Brink 1957 Statement sull Internal Auditing Evoluzione della definizione di Internal Auditing Nel 1941 V.Z. Brink, Presidente del Dipartimento di Ricerca dell Institute of Internal Auditors statunitense l Internal Auditing come attività organizzata

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Regolamento per il servizio di Diagnosi Energetica

Regolamento per il servizio di Diagnosi Energetica Regolamento per il servizio di Diagnosi Energetica In vigore dal 27.10.2014 RINA SERVICES S.p.A. Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010 5351000 web site : www.rina.org Regolamenti

Dettagli

Task n. 5. Progetto formativo e presentazione piattaforma elearning T 5.1

Task n. 5. Progetto formativo e presentazione piattaforma elearning T 5.1 Task n. 5 Progetto formativo e presentazione piattaforma elearning T 5.1 Vers. N. 02 del 07/11/05 Progetto Life Ambiente ETICA PREMESSA...3 1. LA PIATTAFORMA ELEARNING MOODLE...3 2. STRUTTURA DEL PIANO

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica

Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 Il provvedimento stabilisce un quadro di misure per la promozione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Energy Management DI PRIMO LIVELLO

Energy Management DI PRIMO LIVELLO Energy Management MASTER MIP POLITECNICO DI MILANO DI PRIMO LIVELLO A PORDENONE Energy Management MASTER MIP POLITECNICO DI MILANO DI PRIMO LIVELLO Il Master si propone nel territorio in risposta alla

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE

STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE Allegato alla Delib.G.R. n. 50/38 del 5.12.2006 STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE 0. PREMESSE Come evidenziato nei documenti guida del nuovo periodo di programmazione dei fondi

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

INGEGNERIA PER L AMBIENTE

INGEGNERIA PER L AMBIENTE Studio associato di ingegneria per l ambiente INGEGNERIA PER L AMBIENTE E PER IL RISPARMIO ENERGETICO professionisti per l impresa e per i suoi obiettivi sostenibilità ambientale risparmio ed efficienza

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

Qualità - Privacy - Sicurezza - Ambiente e Mobility Management Soluzioni ICT - Assessment e Formazione - Marketing e Comunicazione

Qualità - Privacy - Sicurezza - Ambiente e Mobility Management Soluzioni ICT - Assessment e Formazione - Marketing e Comunicazione Qualità - Privacy - Sicurezza - Ambiente e Mobility Management Soluzioni ICT - Assessment e Formazione - Marketing e Comunicazione RATE SERVIZI Srl Via Santa Rita da Cascia, 3-20143 Milano Tel 0287382838

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007 Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza e formazione M&IT Consulting s.r.l. Via Longhi 14/a 40128 Bologna tel. 051 6313773 - fax. 051 4154298 www.mitconsulting.it info@mitconsulting.it SVILUPPO,

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI 2. PRESENTAZIONE 3. SERVIZI FORNITI E AREE DI INTERVENTO 4. I PRINCIPI FONDAMENTALI 5. TUTELA E VERIFICA 6. DATI DELLA SEDE 1. CHE COS È LA CARTA DEI

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO

GUIDA DI APPROFONDIMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COSA È UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 OBIETTIVI DI UN SISTEMA

Dettagli

Independent Market Energy Saving Consulting

Independent Market Energy Saving Consulting Independent Market ALENS è ESCo certificata UNI CEI 11352 da TÜV SUD Una nuova realtà nel settore della consulenza in campo energetico, nata dall esperienza pluriennale dei soci. Independent Market Chi

Dettagli

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti CODICE ETICO e di CONDOTTA Della Monica & Partners Srl Società tra Professionisti Giugno 2014 INDICE... 2 ARTICOLO 1 PREMESSA... 3 ARTICOLO 2 OBIETTIVI E VALORI... 3 ARTICOLO 3 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO...

Dettagli