n. 29 MENSILE DI CULTURA DELL UNIVERSITÀ DEL SALENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "n. 29 MENSILE DI CULTURA DELL UNIVERSITÀ DEL SALENTO"

Transcript

1 MENSILE DI CULTURA DELL UNIVERSITÀ DEL SALENTO ESOF 2010 IL FASCINO DEI PAPIRI UNISALENTOPRESS MPS SPIDER ONDE ANOMALE: I GIGANTI DEL MARE D.R.e.A.M. SOLARINO, IL ROBOTTINO PULISCI-SPIAGGIA n. 29

2 ESOF 2010 IL FASCINO DEI PAPIRI pagg. 3-4 pag luglio 2010 UNISALENTOPRESS MPS SPIDER: LA CARTA PER PAGARE LE TASSE ON-LINE SENZA SPESE ONDE ANOMALE: I GIGANTI DEL MARE D.R.e.A.M. di Loredana De Vi s SOLARINO, IL ROBOTTINO PULISCI-SPIAGGIA I NOSTRI RICERCATORI: GIANLUCA QUARTA Rubrica a cura di Fernando Greco. pagg. 6-8 pagg.9-10 pagg pagg pagg pagg n. 29

3 ESOF 2010 Al Mee ng europeo biennale mul disciplinare dedicato alla Ricerca e all Innovazione scien fica hanno partecipato due studen di Fisica dell Università del Salento, Annalisa De Lorenzis e Luigi Longo Cosa vi ha colpito di questa quarta edizione di ESOF torinese? Luigi: Questa è stata la mia prima partecipazione all EuroScience Open Forum e di per sé ogni aspe o del mee ng ha rappresentato per me una novità. A sorprendermi posi vamente è stata l internazionalità dell evento, non mi aspe avo ben più di 4000 persone partecipan al Scien st Programme con giovani provenien da ogni parte del mondo. È stato entusiasmante ritrovarsi insieme a loro, nonostante provenissimo da luoghi differen per usi e costumi, eravamo tu insieme al Lingo o a condividere un interesse comune: la passione per la Scienza. Annalisa: Ciò che mi ha colpito di più è stato ritrovare, tra gli oltre 500 relatori provenien da più di 40 Paesi che hanno aderito ad ESOF 2010, alcuni premi Nobel come Ada Yonath, Peter Agre, Sir Harold Kroto, George Smoot, Gerard t Hoo e Kurt Wuetrich. Forse sembrerà banale, ma per una studentessa come me che ha la passione per la Fisica, ritrovarsi a parlare faccia a faccia in par colar modo con Gerard t Hoo, un nome che ha sempre ritrovato negli ar coli o nei libri che ha le o, colui che ha vinto il Nobel per la Fisica, è stata una grande emozione. Come è stato il conta o con gli altri studen, stranieri e non? Annalisa: ESOF 2010 si è rivelata un occasione d incontro unica per scambiare esperienze e conoscenze Annalisa De Lorenzis e Luigi Longo laurea della triennale in Fisica con tesi in Fisica delle Par celle Sperimentale svolte nell ambito del gruppo ATLAS, guidato dal Prof. E.Gorini del Dipar mento di Fisica di UniSalento. sopra u o per noi giovani partecipan dei Bus della Scienza. Infa io e Luigi eravamo sul Bus organizzato dall Is tuto Nazionale di Fisica Nucleare insieme a circa altri 30 giovani tra ricercatori, studen e do orandi, provenien da ogni parte d Italia. Grazie ad esso abbiamo avuto modo di conoscerci meglio, di scambiarci informazioni e anche i nostri conta, c è stato un vero e proprio scambio culturale tra i giovani delle diverse Università d Italia. In par colar modo abbiamo avuto il piacere di conoscere due ragazzi di Roma che come noi erano interessa all esperimento ATLAS e magari anche se ESOF è finito avremo modo di approfondire la nostra conoscenza e scambiare considerazioni e riflessioni su tale proge o in futuro. Luigi: Aver conosciuto e condiviso questa esperienza con tan giovani stranieri è stato bello, ma sopra u o mi è servito a capire meglio quanto sia importante la lingua per riuscire a comunicare nel miglior modo possibile. Mo vo per cui intendo curare e migliorare il mio inglese, perché non voglio perdere l occasione di conoscere e di sapere. In che cosa vi ha fa o crescere ESOF e la rifareste come esperienza? Annalisa: ESOF mi ha fa o crescere con sfacce ature differen. Ho assis to a diverse conferenze, arricchendo e consolidando le mie conoscenze sopra u o sulla meccanica quan s ca. Ho visitato la Research & Innova on Exhibi on, con oltre 50 espositori tra is tu di ricerca, fondazioni e aziende da tu o il mondo tra 3

4 cui anche il simpa co e innova vo EEC per le onde dei neuroni. Ma occasione di crescita più grande è stata per me quella personale, in cui per la prima volta ho superato anche un po di midezza parlando e interagendo con gli speakers all ESOF Party sopra uto con alcuni della Germania e del Portogallo e con gli altri giovani ricercatori nel Bus. Per tu o questo alla domanda: rifares ESOF? Cioè coglieres un altra occasione di crescita professionale e personale? La mia risposta è senza dubbio, ESOF 2012 a Dublino ci aspe a! Luigi: Grazie ad ESOF ho avuto la possibilità sia di toccare con mano i reali problemi che affliggono la ricerca italiana che di discutere di ciò che più mi piace, la fisica delle alte energie. Mi son diver to a vedere i talk più svaria, dalla neuroscienze alla probabilità applicata ai giochi d azzardo, e, grazie agli stand presen al Lingo o, ad informarmi, anche, su come poter fare un PhD all estero. Si è tra ata, quindi, di un o ma esperienza che vorrei rifare con Dublino 2012 e che consiglio a tu gli appassiona della Scienza. 4

5 IL FASCINO DEI PAPIRI Dal 30 giugno al 9 luglio la mostra fotografica Storia... di restauri sulle campagne di restauro degli studiosi di UniSalento Storia... di restauri. Le campagne di restauro del Centro di studi papirologici tra Università e Musei è il tolo della mostra fotografica che si è tenuta dal 30 giugno al 9 luglio 2010 nelle sale del Museo Papirologico dell Università del Salento. La mostra è stata patrocinata dalla neonata delegazione brindisina dell Associazione italiana di cultura classica (Aicc), dedicata al poeta la no Publio Virgilio Marone, nella quale operano giovani studiosi e collaboratori del dire ore del Centro di studi papirologici dell Ateneo, il professor Mario Capasso. L a vità del Centro e la mostra Da anni il Centro di Studi papirologici dell Università del Salento è impegnato in campagne di restauro di collezioni papiracee di proprietà di is tuzioni italiane e straniere. L équipe leccese, guidata da Capasso, ha lavorato sui papiri egiziani e greci del Museo civico archeologico di Bologna, su quelli geroglifici, iera ci, greci e la ni del Museo egizio de Il Cairo, su quelli greci e cop dell Università di Liegi, su quelli La collezione di papiri di UniSalento conta oltre 350 papiri documentari di varia provenienza arabi e greci della Ain Shams University de Il Cairo, ma anche sulla celeberrima Charta Borgiana, custodita nel Museo archeologico nazionale di Napoli. La mostra raccoglie le immagini di queste campagne di restauro e le colloca nel Museo Papirologico dell Ateneo, nato nel 2007 per dare adeguata sistemazione alla collezione dei papiri l Università del Salento. Questa collezione conta oltre 350 papiri documentari di varia provenienza, acquista tra il 1990 e il 2006 sul mercato an quario, la maggior parte dei quali è stata restaurata e studiata dal professor Capasso e dai suoi collaboratori. All interno del Museo si trova poi la Biblioteca di Egittologia e di Papirologia che il cav. Luca Trombi, sponsor della Missione archeologica del Centro di studi papirologici in Egi o, ha donato al Centro. Il Museo è inoltre sede dell Associazione culturale Soknopaiou Nesos project, che riunisce quan sostengono tale Missione archeologica, dire a dai professori Mario Capasso e Paola Davoli. Campagna di restauro presso il Museo de Il Cairo 5

6 Sono disponibili i primi volumi di UniSalentoPress, la casa editrice dell Università del Salento, nata con l obiettivo di pubblicare manuali didattici per i suoi studenti. UniSalentoPress è strutturata in tre collane: quella umanistica, quella economico-giuridica e quella scientificotecnologica, ognuna delle quali è contrassegnata da un colore diverso. Leonardo Mariella - Marco Tarantino Cenni di statistica descrittiva e statistica inferenziale Un approccio didattico multimediale Cosimo De Mitri Schede di matema ca Il libro è rivolto agli studen che hanno intenzione di iscriversi ad una facoltà scien fica o economica. Alcuni argomen sono introdo a raverso la presentazione di semplici problemi, che vengono poi risol nel corso della tra azione. Molte schede sono corredate di schemi esplica vi e di illustrazioni. Nell ul ma parte sono propos un ques onario di matema ca di base e un ques onario di matema ca avanzata, cos tui da numerosi quiz a risposta mul pla, simili per forma, contenu e livello di difficoltà a quelli assegna in molte sedi universitarie. Cosimo De Mitri Schede di Matematica per le prove di ingresso e per i precorsi Leonardo Mariella -Marco Tarantino Cenni di statistica descrittica e statistica inferenziale. Un approccio didattico multimediale Il presente volume affronta alcuni concetti fondamentali di Statistica attraverso un parallelismo tra i principali strumenti di Statistica Descrittiva e quelli di Statistica Inferenziale. Il testo inoltre è corredato da un compact disk che permette un approccio multimediale alla disciplina attraverso una serie di mappe concettuali ed esercizi interattivi utili a fornire un quadro di sintesi degli argomenti trattati. 6

7 Patrizia Guida -Anna Luperto Italiano per elementari. Livello A2 Italiano per elementari è stru urato, secondo gli obie vi dida ci del Quadro comune di riferimento per le lingue del Consiglio d Europa, sulle quattro abilità (ascoltare, parlare, leggere e scrivere) e sull apprendimento delle stru ure morfosinta che della lingua italiana. Italiano per elementari Livello A2 comprende 9 unità i cui temi riguardano la vita quo diana e alcuni aspe della cultura italiana. Essendo dedicato a studen di livello A2 si è preferito dare maggiore spazio agli aspe morfosinta ci della lingua e al lessico, opportunamente contestualizza per facilitare il processo di memorizzazione. Ogni unità inizia e termina con un testo di le ura in forma di dialogo o di testo descri vo, a cui seguono esercizi di verifica delle comprensione del testo. Si tra a di esercizi a scelta mul pla, vero/falso e esercizi a risposta aperta. Tali esercizi possono essere sia orali che scri. Cosimo De Mitri Esercizi di Analisi II/III n 1 1 (n+1)x n (x+2) n+1 Cosimo De Mitri Esercizi di Analisi II/III Questo libro è rivolto agli studenti del secondo anno di Matematica, Fisica, Ingegneria e Informatica. In esso sono raccolti gli esercizi assegnati alle prove scritte degli esami di Analisi Matematica III del Corso di Laurea in Fisica dell Università di Lecce negli anni dal 2006 al Gli argomenti sono: Successioni e serie di funzioni Funzioni definite mediante integrali Equazioni differenziali Integrali doppi e tripli Superfici e integrali di superficie Funzioni implicite Massimi e minimi vincolati Tutti gli esercizi sono completi di svolgimento. Nelle pagine iniziali del libro sono elencati i quesiti, divisi per argomento, e subito dopo sono presentate le soluzioni, molte delle quali sono corredate di figure. 7

8 Donatella Perrini Poli che economiche, dei merca e dell ambiente Il libro è stato concepito per fornire un analisi degli strumen della poli ca economica con riferimento al diba to in a o circa la loro applicazione. I capitoli della prima parte sulla teoria delle poli che economiche presentano un approfondimento dei temi tradizionali : il PIL; la crescita economica; la distribuzione del reddito; il diba to tra poli che classiche e poli che keynesiane; l inflazione e le poli che monetarie; il mercato del lavoro; la curva di Phillips; le poli che internazionali; la globalizzazione. La seconda parte riguarda le poli che economiche dei merca con una tra azione di argomen fondamentali per la comprensione di molte peculiarità del sistema economico nazionale. Vengono affronta i temi della concorrenza dei merca e del ruolo dell an trust; della teoria e dell applicazione pra ca di priva zzazioni e liberalizzazioni; delle public u li es con un par colare approfondimento sul mercato dell energia ele rica. A questa parte, segue una parte specificatamente dedicata ai merca finanziari: la tutela del risparmiatore e il sovraindebitamento delle famiglie, nonché le cara eris che dei merca bancario e assicura vo. Infine, la terza parte del libro è dedicata alle poli che economiche ambientali: in par colare, viene approfondito il conce o di sviluppo sostenibile, gli strumen della poli ca ambientale come tasse e permessi vendibili, la responsabilità delle imprese e la sindrome nimby collegata al problema dei rifiu Donatella Porrini Politiche economiche, dei mercati e dell ambiente ACCORDO TRA UNIVERSITÀ DEL SALENTO E UNIVERSITÀ DELL IDROGENO È stato sottoscritto un accordo di collaborazione tra l Università del Salento e la Fondazione H2U The Hydrogen University (l Università dell Idrogeno di Monopoli), alla presenza del Rettore dell Università del Salento Domenico Laforgia, del Presidente della Provincia di Brindisi Massimo Ferrarese e il Presidente della Fondazione H2U Nicola Conenna. La convenzione ha come oggetto l idrogeno prodotto da fonti rinnovabili di energia e l efficienza energetica, nei campi della mobilità e dell edilizia. La collaborazione avverrà nell ambito della formazione e della ricerca. Gli aspetti relativi alla formazione saranno particolarmente orientati verso l organizzazione della Scuola Euromediterranea delle energie rinnovabili che sarà allocata presso il Ciasu (Centro internazionale alti studi universitari) in provincia di Brindisi. Quest accordo si aggiunge a quelli già firmati dalla Fondazione H2U con l Università degli Studi di Bari e il Ciasu e va a completare un disegno complesso orientato all implementazione dell economia dell idrogeno in Puglia secondo il protocollo d intesa già siglato con il Presidente della Regione per realizzare qui, al centro del Mediterraneo, il motore dell innovazione tecnologica sui temi delle energie pulite. L idrogeno - sostiene il Rettore Laforgia - non è una fonte energetica bensì un vettore e bisogna consumare energia per produrlo, ma i più recenti sistemi di produzione dell idrogeno hanno superato la soglia critica del 70% di rendimento e le celle a combustibile raggiungono già il 60% di rendimento sonsentendo di prevedere facimente una progressiva trasformazione dei trasporti verso la società dell idrogeno. Tale combustibile, infatti, nelle realtà urbane è il migliore compromesso per il rispetto dell ambiente e la tutela dei cittadini. Con la fondazione stiamo, pertanto, avviando percorsi comuni di studi e di ricerca che favoriscano l adozione dell idrogeno per la sostenibilità sociale ed ambientale anche nella nosra regione. 8

9 MPS Spider: la carta per pagare le tasse on line senza spese Accordo tra Università del Salento e Monte dei Paschi di Siena L Università del Salento e la Banca Monte dei Paschi di Siena spa consolidano i rappor di collaborazione con l avvio di un nuovo servizio dedicato agli studen : la carta prepagata MPS Spider che consen rà, tra l altro, il pagamento delle tasse universitarie on line senza spese aggiun- ve. Un altro passo nella direzione dell informa zzazione dei servizi, grazie a una convenzione firmata nei giorni scorsi dal Re ore dell Ateneo salen no Domenico Laforgia e dal do or Carlo Desiderio, tolare dell area territoriale Sud Est per la Banca Monte dei Paschi di Siena. I rappor di collaborazione I rappor di collaborazione tra l Università del Salento e la Banca Monte dei Paschi di Siena spa prendono il via nel 2003, quando l is tuto di credito si è aggiudicato il servizio di cassa dell Ateneo. In seguito a procedura di gara, tale servizio è stato nuovamente a ribuito a Monte dei Paschi di Siena nel 2007 con una convenzione di durata quadriennale (fino al 31 dicembre 2011). Proprio nell ambito di quest ul ma convenzione, si prevedeva la possibilità di elaborazione di prodo e servizi bancari a favore degli studen dell Università. Nel 2009, con il coordinamento del professor Luca Maine, delegato del Re ore per l Implementazione dei sistemi informa ci, un apposito gruppo di lavoro ha analizzato possibilità e modalità del pagamento on line delle tasse universitarie a raverso l u lizzo delle carte di credito. Il pagamento delle tasse online La nuova convenzione è stata so oscri a il 29 giugno scorso e, a par re dal 1 agosto 2010 e fino al 31 dicembre 2011, consen rà agli studen di pagare le tasse universitarie in modo sicuro on line grazie al servizio MpShop, che potrà essere u lizzato dai tolari di carte operan- sui circui Visa e Mastercard con una commissione dell 1,10%. Un ulteriore possibilità è proprio il servizio di mul canalità integrata rappresentato da MPS Spider, che consen rà invece il pagamento tramite home banking a costo zero in via esclusiva agli studen dell Università. L Università potrà inoltre accreditare sulle carte le competenze da riconoscere agli studen a qualsiasi tolo. Nessun compenso sarà dovuto dall Ateneo all is tuto di credito per l a vità di produzione, emissione e ges one delle carte e dei servizi collega. MPS Spider è un servizio bancario completo, che consente di effettuare tu e le principali operazioni bancarie senza necessità di conto corrente perché opera tramite 9

10 carta prepagata u lizzabile in tu o il mondo e ricaricabile anche a distanza. La carta consente inoltre di operare tramite internet banking e mobile banking a raverso l u lizzo di un disposi vo di chiave ele ronica semplice. I de agli del servizio Spider La Banca Monte dei Paschi di Siena offre agli studen dell Università del Salento la possibilità di effe uare il versamento delle tasse universitarie senza aggravio di commissioni, dunque, u lizzando MPS Spider. Questo servizio, più rapido e più comodo rispe o ai tradizionali sistemi di pagamento da sportello, sarà fruibile tramite il portale h p://studen. unisalento.it, già u lizzato dagli studen per la procedura telema ca di immatricolazione/iscrizione e raggiungibile a par re dalla home page dal sito is tuzionale www. unisalento.it alla voce Iscrizioni e immatricolazioni 2010/2011. Il servizio può essere richiesto dagli studen dire amente dal sito o presso gli sportelli delle filiali della Banca Monte dei Paschi e non prevede alcuna quota di adesione. Ulteriori servizi della carta sono: circuito nazionale Bancomat/PagoBancomat e circuito internazionale Visa Electron; prelievi di contante da sportelli automa ci in Italia e all estero; operazioni sugli Atm (per esempio ricariche telefoniche); pagamen su Pos in Italia e all estero; trasferimento fondi interno e verso altre banche; pagamento bolle ni (RAV, MAV, freccia e postali convenziona ). Sono tra l altro gratui : ricarica tramite servizio internet/ mobile banking, richiesta ul mi movimen tramite servizio internet/ mobile banking, blocco/rimborso della carta, commissioni per pagamen bancomat, commissioni per pagamen Visa- Electron, ricarica da terzi. Un codice a barre sulla carta consen rà inoltre agli studen il riconoscimento e l accesso ai servizi d Ateneo come biblioteche, aule dida che, impian spor vi e altro. 10

11 Il 22 giugno a Lecce la Conferenza del Prof. Al Osborne Dromione: due onde in acque basse che si intersecano in un punto generando un evidente rilievo localizzato Si è aperta con una conferenza per il grande pubblico del professor Al Osborne il workshop Nonlinear Physics. Theory and experiment. VI, in programma dal 23 giugno al 3 luglio 2010 a Gallipoli, presso l hotel ecoresort Le Sirene. Il professor Osborne ha parlato di Onde anomale: i gigan del mare il 22 giugno presso l hotel Tiziano di Lecce, in una conferenza che egli stesso ha definito, con espressione di gergo picamente americana, loaded for bear, le eralmente preparata per l orso, ossia comprensibile al grande pubblico, che nulla conosce dei sofis ca strumen matema ci u lizza per studiare i fenomeni ondosi. Gli organizzatori - i professori del Dipar mento di Fisica dell Università del Salento Marco Boi, Flora Pempinelli e Boris Konopelchenko - hanno voluto far precedere il workshop da questa conferenza aperta al grande pubblico per dare l opportunità a tu di conoscere, a raverso la viva voce di uno dei partecipan più qualifica, un se ore di grande interesse non solo dal punto di vista teorico ma anche dal punto di vista economico, ambientale ed industriale. Il professor Al Osborne Al Osborne divide a ualmente il suo tempo fra il Dipar mento di Fisica dell Università di Torino, ove dirige un gruppo di ricerca teoricosperimentale, e l Office of Naval Research di Arlington, in Virginia. Dopo un esperienza alla NASA durante il proge o Apollo, ha iniziato lo studio sperimentale delle grandi onde per conto della compagnia petrolifera Exxon, preoccupata per il loro effe o sulle proprie pia aforme nel mare delle Andamane (il mare di Sandokan). Il mare delle Andamane è un mare equatoriale con uno strato superficiale caldo 11

12 dello spessore di circa duecento metri. Alla superficie di separazione di questo strato con quello freddo più profondo, Al Osborne scoperse potersi propagare, per grandi distanze senza subire modifiche nella velocità di propagazione e nella forma, delle grandi onde lunghe sino a chilometri e alte una sessan na di metri. Siamo negli anni Se anta, quando veniva sviluppato un nuovo strumento matema co chiamato trasformata di sca ering inversa, che perme eva lo studio di ques fenomeni che, al contrario dei fenomeni ondosi normali, sono stre amente non lineari e quindi inspiegabili coll uso delle vecchie teorie lineari. Queste onde assai stabili sono state chiamate solitoni. Fenomeni simili spiegabili nell ambito della medesima teoria e delle sue generalizzazioni sono sta scoper negli ambi più diversi: non solo in idrodinamica ma anche in fisica dei plasmi, in o ca non lineare, in rela vità generale e in fisica delle par celle (solo per elencare alcuni se ori della fisica par colarmente significa vi). La teoria della trasformata di sca ering inversa ha messo in evidenza la natura universale di queste strutture fisiche, a cara ere solitonico, localizzate ed assai stabili. Le onde anomale Sebbene gli studi di Al Guascogna 1993 Osborne si rivolgano in generale ai fenomeni non lineari, buona parte del suo lavoro è dedicato allo studio delle onde oceaniche di superficie, chiamate onde anomale o onde scellerate. Queste onde di supericie possono essere più alte di un onda normale di un fa ore due o anche ben maggiore, raggiungendo l altezza di un edificio di dieci piani ed inghio re una nave. Il loro fronte è più ripido di una normale onda, cos tuendo una sorta di muro d acqua che può spezzare una petroliera, far saltare le para e di una nave o spazzarne via il ponte. Nel 1980, nei pressi della costa del Sud Africa, la petroliera Esso Languedoc s è trovata ad affrontare un onda alta 26 metri. Nella foto in basso si può vedere il muro d acqua che si è trovata ad affrontare una nave mercan le nel Golfo di Guascogna nel Altre navi sono semplicemente scomparse senza lasciare traccia, come, ad Est di Okinawa nel 1980, la super-petroliera inglese Derbyshire (294 metri per 169 tonnellate). Fortunatamente per i marinai, queste onde gigan sono rare, ma Osborne ha scoperto che onde anomale di dimensioni significa- ve sono più comuni di quanto si pensasse, e gli ingegneri navali e i costru ori di pia aforme petrolifere marine debbono ora tenerne conto. Queste onde anomale sono possibili anche in mari chiusi come il Mediterraneo, ove un onda ha recentemente colpito nei pressi di Marsiglia una nave da crociera causando due mor e sei feri. Nell ambito della medesima teoria può essere studiato anche lo tsunami ed even del tu o inaspe a, anche se meno spe acolari. Nella foto (in prima pagina) si possono vedere due onde in acque basse che si intersecano in un punto generando un evidente rilievo localizzato, che è stato chiamato dromione e che è stato prede o e descri o per la prima volta dai ricercatori leccesi Marco Boi, Flora Pempinelli e Luigi Mar na in uno studio in collabora- 12

13 Petrolliera Esso Languedoc zione con Jérôme Léon dell Università di Montpellier. Il workshop Durante il workshop Nonlinear Physics. Theory an experiment. VI si è parlato delle teorie scien fiche che descrivono ques fenomeni, e più in generale dei complessi fenomeni fisici non lineari che si ritrovano nei campi più dispara : dalla microfisica alla astrofisica e cosmologia, dall idrodinamica alla fisica dei plasmi e all o ca, dallo stato solido alla fisica dei materiali ele ronici innova vi, dalla biofisica alle scienze biomediche. La sua rilevanza nazionale e internazionale è tes moniata dal fa o che sono previs più di 80 partecipan provenien da 20 paesi diversi: Italia, Russia, UK, Francia, USA, Sud Africa, Bulgaria, Ukraina, Polonia, Spagna, Israele, India, Australia, Grecia, Canada, Finlandia, Olanda, Hong Kong, Germania, Svizzera. Questo workshop si inserisce in un a vità ormai più che trentennale di ricerca, ben nota ed apprezzata a livello internazionale, del gruppo di Fisica nonlineare di Lecce nel se ore della Scienza nonlineare. Lecce è diventata un centro di riferimento internazionale nel se ore dal 1979, quando, precorrendo i tempi e scommettendo sulla futura rilevanza di questo se ore emergente, ha organizzato il primo di una lunga serie di workshop, successivamente organizza anche da altre is tuzioni e in altri luoghi (Creta, Balaruc-Les Bains, Dubna, Los Alamos, Leeds, Cadice, L Ametlla de Mar, Isola Rossa) con cadenza biennale o triennale. Di questa serie, quello di Lecce è l undicesimo che il gruppo di Fisica nonlineare dell Università organizza nel Salento (il primo fu a Lecce, i successivi a Gallipoli). La formula organizza va messa a punto è stata uno dei fa ori importan per il successo di questo e degli altri workshop: non si tra a di semplici conferenze, ma di convegni di lavoro che si svolgono per un periodo di tempo considerevole (a orno ai 10 giorni), in modo che i partecipan possano non solo esporre il risultato delle loro ricerche, ma anche interagire scien ficamente fra di loro, iniziando eventualmente nuove a vità di collaborazione. Ciò è facilitato dal fa o che tu i partecipan sono raccol in un medesimo albergo per l intera durata del workshop, costrizione allietata dalla bellezza dei luoghi e dalle specialità della cucina salen na. Durante il workshop sono sta anche riporta i risulta raggiun dai team italo-russi partecipan ai proge finanzia nell ambito di un accordo quadro fra la Fondazione russa per la ricerca di base, agenzia governa va russa che finanzia l a vità di ricerca di base, e il Consorzio inter-universitario internazionale Einstein, che ha sede a Lecce e di cui fondatori sono l Università del Salento, l Università di Roma La Sapienza e l Università di Montpellier. 13

14 D.R.e.A.M. Il Laboratorio diffuso di ricerca interdisciplinare applicata alla medicina è una realtà grazie all accordo UniSalento e ASL di Lecce D.R.e.A.M. We have a dream. O meglio: we have a DReAM. Il sogno di un Laboratorio diffuso di ricerca interdisciplinare applicata alla medicina (D.R.e.A.M., appunto), che dopo mesi di impegno proge uale è un po meno sogno e un po più realtà grazie alla firma della convenzione che lo is tuisce ufficialmente tra l Università del Salento e l Asl Lecce. «Un approccio bo om up all eventuale is tuzione della Facoltà di Medicina», ha commentato il Re ore Domenico Laforgia al momento della so oscrizione, il 28 luglio, assieme al Dire ore generale della Asl Lecce Guido Scodi. Si tra a insomma di dare solide fondamenta a un proge o che, prima della dida ca, scomme e sulla ricerca applicata alla medicina e, a questo scopo, con un ar colata convenzione assorbe ogni possibile accordo passato e futuro. È dal 2006, infa, che l Università del Salento e l Azienda sanitaria collaborano a specifici proge di ricerca, sulla base di svariate convenzioni con singoli Dipar men tu e derivan da una più generica Dichiarazione d inten. Si poneva, allora, l esigenza di una cornice che potesse dare sistema cità a questo lavoro e me ere a sistema tu e le inizia ve. Proprio a questa esigenza risponde il Laboratorio diffuso, la cui organizzazione si è resa necessaria per a uare come si legge nella convenzione - «un reale trasferimento tecnologico dall Università alla Asl Lecce, in grado di generare un innovazione dei processi di governo e dei servizi sanitari, in un o ca anche di riduzione e controllo del risk management e di o mizzazione della spesa sanitaria». Al momento della so oscrizione il professor Carlo Storelli, delegato del Re ore, ha voluto so olineare l entusiasmo dei ricercatori e dei dirigen della Asl coinvol nel proge o: una variegata gamma di competenze che, con approccio interdisciplinare, potranno dare vita a un ente di ricerca e formazione con autonomia amministra va e di spesa. È già un fa o, invece, la messa in comune di strumentazioni tecnologiche per un valore di più di 586mila euro. Sede principale del DReAM sarà il Presidio ospedaliero Vito Fazzi di Lecce, dove verranno centralizzate le a vità di po tecnologico, e i nodi della rete saranno in Dipar men universitari e altri ospedali. L ar colazione del Laboratorio nelle aree di ricerca Diagnos ca bio-clinica e Tecnologica - dà idea immediata della sua interdisciplinarietà. Dell area Diagnos ca bio-clinica fanno parte i gruppi di lavoro: Proteomica (responsabile professor Michele Maffia, Università del Salento), Imid - Immune 14

15 mediated inflammatory disorders (do or Mauro Minelli, Ospedale San Pio di Campi Salen na), Gene ca umana (prof. Maria Pia Bozze, Università), Anatomia umana e neuroscienze (prof. Giuseppe Nicolardi, Università), Igiene (prof. Antonella De Donno, Università), Chimica Biologica (prof. Vincenzo Zara, Università), Pedagogia della salute (prof. Salvatore Colazzo, Università). Dell area Tecnologica fanno parte i gruppi di lavoro: Fisica computazionale applicata alla diagnosi per immagini (responsabile prof. Ivan De Mitri, Università del Salento), Neuroscienze cogni ve del linguaggio e scienze della voce (prof. Mirko Grimaldi, Università), Ingegneria informa ca (prof. Giovanni Aloisio, Università), Endoscopia sperimentale, imaging, tecnologie e terapie miniinvasive (do or Andrea Tinelli, Ospedale Vito Fazzi di Lecce), e-government e bioe ca per le nuove tecnologie (prof. Donato Antonio Limone, Università), Disturbi del linguaggio (do or Michele De Benede o, Ospedale Vito Fazzi di Lecce), Diagnos ca avanzata per immagini (do or Massimo Torsello, Ospedale Vito Fazzi di Lecce). Ricadute immediate si potranno avere sia in termini di eccellenza clinica che di miglioramento dei processi assistenziali e di prevenzione, visto che con l a vità del Laboratorio si vuole avviare la sperimentazione ges onale di un nuovo modello organizza vo, nel quale il trasferimento tecnologico e la ricerca perme eranno innovazioni di processo e di prodo o delle quali tu noi, uten delle stru ure sanitarie, potremo beneficiare. Ques gli obie vi principali del DReAM: sviluppo e applicazione di nuove metodiche, strumen e tecnologie nel campo medico-chirurgico; o mizzazione delle risorse umane e strumentali aziendali; creazione di nuovi so ware, disposi vi e strumen per l u lizzo quo diano in ambito sanitario; contributo per l o mizzazione della ges one del rischio clinico (risk management). Grandi le aspe a ve della Asl Lecce, che punta a: incremento della qualità della diagnos ca, del follow up e dei tra amen medico-chirurgici; riduzione dei tempi di a esa per le risposte agli esami clinici esegui e implementazione dello scambio intra e inter ospedaliero della documentazione clinica in formato digitale; incremento dell efficacia e dell applicazione di planning clinici mul disciplinari e strumentali; miglioramento della diagnosi e cura precoce in patologie come alzheimer, ictus, stroke, ipoacusia profonda, dislessia, balbuzie, depressione maggiore farmaco resistente; miglioramento ed implementazione dello screening delle patologie oncologiche, eredofamiliari e benigne più diffuse; riduzione dei ricoveri ordinari e aumento dei day hospital e dei day surgery. Il DReAM insomma è più di un sogno, è un esempio di integrazione tra i saperi, di spendibilità della ricerca e di virtuosa sinergia tra Università e territorio. Loredana De Vi s Ufficio Comunicazione e Relazioni con la Stampa I GRUPPI DI LAVORO Gruppo di lavoro IMID Responsabile: dottor Mauro Minelli - Ospedale San Pio di Campi Salentina Il progetto di collaborazione nasce dall assunto che recenti studi di farmacogenetica hanno dimostrato che è possibile identificare i soggetti che, predisposti geneticamente, sviluppano in seguito all esposizione ai farmaci quadri clinici di Ipersensibilità Severa ai Farmaci (DHR) o di Reazione Avversa ai Farmaci (ADR). Tali test farmacogenetici possono dare numerose indicazioni prognostiche offrendo un reale supporto per la clinica e la pianificazione terapeutica. Poiché presso l Unità Operativa Semplice IMID del Presidio Ospedaliero di Campi Salentina affluiscono pazienti che presentano quadri clinici di Ipersensibilità Severa ai Farmaci (DHR) o di Reazione Avversa ai Farmaci (ADR) che necessitano di test di farmaco genetica e poiché i Laboratori di Genetica Medica dell ASL si è individuata una possibile soluzione a tale carenza diagnostica nella stipula di una convenzione con il Dipartimento Di.S.Te.B.A per l esecuzione di protocolli molecolari di farmacogenetica, e relative attività di consulenza e prestazioni di diagnostica della professoressa Maria Giuseppina Bozzetti, ad ulteriore supporto e completamento delle indagini cliniche ordinariamente eseguite dai laboratori clinici della ASL Lecce. La prestazione riguarda: l esecuzione di test molecolari, necessari alla valutazione della condizione genotipo/fenotipo alla risposta ai farmaci in pazienti con un quadro di Ipersensibilità Severa ai Farmaci (DHR) o di Reazione Avversa ai Farmaci (ADR), con l obbiettivo finale di individuare i percorsi farmacologici più idonei per ciascun paziente con grande risparmio in termini di energie e risorse finanziarie; la formazione, mediante incontri e/o seminari, del personale della ASL. 15

16 Gruppo di Lavoro in Proteomica Responsabile: professor Michele Maffia Università del Salento Il laboratorio di Proteomica Clinica svolge attività di ricerca, assistenza alla diagnostica e formazione nel settore delle biotecnologie biomediche. Nello specifico, l attività del laboratorio di Proteomica Clinica consiste nella ricerca e nell individuazione di marcatori specifici per la diagnosi precoce delle patologie oncologiche, degenerative e di origine autoimmune e microbiologica e nel monitoraggio delle terapie finalizzato alla predisposizione e realizzazione di trattamenti farmacologici personalizzati. La collaborazione diretta tra il Laboratorio di Proteomica Clinica e i reparti e i laboratori della ASL, favorita dalla condivisione o dalla prossimità dei gruppi coinvolti nella ricerca, permette una sinergia altrimenti impossibile che ha già prodotto importanti risultati scientifici con ricadute applicative in campo clinico testimoniati da pubblicazioni internazionali su riviste di primo piano. Il servizio di supporto alla diagnostica ha permesso di effettuare in casa esami diagnostici prima affidati all esterno o addirittura mai effettuati, con un sensibile risparmio di spesa e un incremento della qualità del servizio ospedaliero. Gruppo di lavoro di Genetica Umana Responsabile: professoressa Maria Pia Bozzetti, Università del Salento La convenzione per analisi farmacogenetiche è in atto tra L Azienda Sanitaria Locale Lecce, in persona del Direttore Generale dr. Guido Scoditti, e il Dipartimento di Scienze Biologiche e Tecnologie per l Ambiente (DiSteBa) in persona del Direttore Prof. Genuario Belmonte. La ASL ha necessità di stipulare convenzione con il Dipartimento per l esecuzione di protocolli molecolari di farmacogenetica, e relativa consulenza tecnico-scientifica della professoressa Maria Giuseppina Bozzetti, ad ulteriore supporto e completamento delle indagini cliniche ordinariamente eseguite dai laboratori clinici dell Azienda sanitaria. È dimostrato che un farmaco somministrato alla stessa dose produce una risposta che varia da soggetto a soggetto. Nell ambito di una stessa popolazione ci saranno individui che rispondono bene alla terapia con un dato farmaco, individui che rispondono poco o affatto alla terapia e in alcuni casi potrebbero verificarsi risposte avverse con conseguenze anche molto gravi. Le cosiddette risposte avverse al farmaco costituiscono la IV causa di morte nel mondo dopo malattie cardiovascolari, tumori e ictus. Le differenze di risposta ad un farmaco dipendono dalla funzionalità di un gran numero di enzimi, ciascuno dei quali è prodotto da uno specifico gene. Alcuni soggetti presentano varianti genetiche che producono enzimi con diversi livelli di attività o privi di attività con potenzialità tali da determinare l efficacia o la tossicità di un certo farmaco. Si tratta dunque di trovare i farmaci giusti per ciascun paziente. Le analisi si effettuano sui geni codificanti per gli enzimi principali coinvolti nel metabolismo di fase I di un farmaco e cioè i citocromi. Con questi profili genetici a disposizione (marker farmacogenetici), è possibile personalizzare i trattamenti terapeutici soprattutto in quei soggetti con intolleranza polimedicamentosa e, dunque, ritenuti allergici ad un gran numero di farmaci. In questi casi può, in realtà, non esserci alcuna reattività allergica, ma solo un alterazione della complessa base genetica che influenza lo sviluppo della patologia e condiziona la sua risposta alla terapia. Il settore è in significativa evoluzione, e già importanti traguardi sono stati raggiunti. Nell intento di dare seguito concreto alle attività di ricerca e training scientifico connaturati alla sua propria operatività nell ambito ampio delle malattie immunoallergiche, il Centro IMID dell Ospedale di Campi Salentina, attiva, d intesa con il laboratorio di Genetica del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche ed Ambientali dell Università del Salento la prima stazione farmacogenetica integrata e dedicata alle malattie immunomediate, dotata di un sistema specificatamente dedicato a testare il DNA dei pazienti per meglio indirizzare i trattamenti. Gruppo di Lavoro di Igiene Responsabile Unità di Ricerca: dottoressa Antonella De Donno, Università del Salento Il laboratorio di Igiene del DiSTeBA ha sviluppato nel corso degli anni le proprie linee di ricerca nell ambito della promozione della salute umana e prevenzione delle malattie. Le aree tematiche per le quali risulta strategica e indispensabile l interazione con l Azienda Sanitaria Locale (ASL) riguardano il consolidamento della rete di sorveglianza Influnet attivata nel 2000, la sorveglianza delle virosi respiratorie e l implementazione di procedure epidemiologiche per l analisi di rischio legate all esposizione di contaminanti ambientali. 16

17 Gruppo di Lavoro di Anatomia Umana e Neuroscienze Responsabile professor Giuseppe Nicolardi, Università del Salento Le attività del gruppo riguardano applicazioni di morfologia avanzata quali lo studio immunocitochimico di marker cellulari completato dall analisi di immagine delle sezioni immunoreattive con possibilità di archiviazione digitale, morfometria avanzata, ricostruzioni 3D, valutazioni microdensitometriche. Le attività in convenzione riguardano uno studio osservazionale dal titolo: Nichel e meccanismi immunologici di danno mucosale in corso di enteropatie in favore di pazienti ricoverati presso il Centro IMID dell Ospedale San Pio da Pietrelcina di Campi Salentina. Le valutazioni immunocitochimiche saranno effettuate nel Laboratorio di Anatomia Umana e Neuroscienze, di cui il professor Nicolardi è responsabile. Tutti i pazienti saranno sottoposti ad esofagogastroduodenoscopia con prelievo bioptico a livello D2 e successivo esame istologico. Su ogni campione così ottenuto verrà effettuata mediante metodica immunoistochimica, una valutazione del pattern citochinico. Le attività descritte permetteranno un miglioramento dell inquadramento diagnostico dei pazienti affetti da danno intestinale in corso di sindrome sistemica da allergia al Nichel, con evidenziazione del pattern lesionale mucosale e submucosale anche in relazione con le alterazioni del sistema nervoso enterico, fornendo dati utili all ottimizzazione e alla personalizzazione della terapia. Gruppo di Lavoro in Chimica Biologica Responsabile: professor Vincenzo Zara, Università del Salento Le attività riguardano il programma di ricerca applicata dal titolo: Determinazione della funzionalità mitocondriale in campioni di spermatozoi, in favore di pazienti afferenti presso la U.O. di Fisiopatologia della Riproduzione-Centro P.M.A. del P.O. di Nardò. Tale determinazione sarà eseguita utilizzando un metodo semplice e rapido (Ferramosca et al., Int. J. Androl. 2008). Esso si basa sulla determinazione del consumo di ossigeno in campioni di spermatozoi permeabilizzati in mezzo ipotonico e sul calcolo di un indice, l indice di controllo respiratorio, in grado di dare indicazioni sulla funzionalità dei mitocondri e sulla loro capacità di sintetizzare ATP. Il metodo presenta un elevata sensibilità ed è altamente riproducibile. Lo studio sarà condotto su campioni di spermatozoi di soggetti affetti da varie patologie andrologiche e/o con problemi di ipofertilità o infertilità, sotto la responsabilità scientifica del Prof. Vincenzo Zara. Le analisi biochimiche saranno effettuate nel Laboratorio di Biochimica, di cui il Prof. Zara è responsabile e che dispone delle seguenti attrezzature: Centrifughe da banco e da pavimento; ossigrafo; spettrofotometro, apparati per elettroforesi e Western-Blot; PC dotati di software per la gestione e analisi dei dati; omogenizzatore di Potter-Elvehjem; agitatori; ph-metro; agitatori magnetici riscaldanti; thermomixer; incubatore; congelatore -80 C e 20 C; stufa; autoclave; termiciclatore. Gruppo di Lavoro in Pedagogia della Salute - PdS Responsabile: professor Salvatore Colazzo, Università del Salento Nell ambito del Dipartimento di Scienze Pedagogiche Psicologiche e Didattiche dell Università del Salento è stato costituito, attorno alla cattedra di Pedagogia Sperimentale del prof. Salvatore Colazzo, un gruppo di ricerca in Pedagogia della Salute per lo sviluppo e l approfondimento di questioni pedagogiche o più propriamente di antropologia pedagogica. È stato già avviato un proficuo rapporto di collaborazione con l Unità Ospedaliera Centro IMID dell Ospedale di Campi Salentina, all interno del quale ha promosso è ha realizzato le seguenti attività di ricerca: studio e ricerca sul Modello IMID sotto il profilo dell impatto in ordine al management dell organizzazione sanitaria e alla ridefinizione dei parametri di costo per la valutazione dell efficacia e dell efficienza; ricerca di customer satisfation sul servizio fruito nel Centro IMID di Campi Salentina da parte dei pazienti in cura; ricerca per la mappatura dei bisogni di salute dei pazienti IMID mediante raccolta, analisi e interpretazione delle loro Illness Narrative (narrative di malattia). La ASL, dalle ricerche svolte, può avere dei parametri per valutare comparativamente il profilo economico delle cure secondo il modello IMID, gli indici di soddisfazione degli utenti nella fruizione dei servizi erogati dal Centro IMID dell Ospedale di Campi; entrare in possesso di un modello di lettura dei bisogni di salute ai fini di individuare dei percorsi specifici di sostegno nei percorsi di cura. 17

18 Gruppo di Lavoro in Fisica Computazionale applicata alla Diagnostica per Immagini Responsabile: professor Ivan De Mitri, Università del Salento Il gruppo di lavoro FDI è costituito da fisici operanti anche nei settori della fisica nucleare e subnucleare, della fisica della materia e della fisica teorica. Le competenze e le metodologie proprie di tali ambiti hanno trovato applicazione anche nel campo dell analisi delle immagini biomediche, attraverso progetti finanziati dall Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e dal Ministero dell Istruzione Università e Ricerca (MIUR) all interno dei Programmi di Rilevante Interesse Nazionale (PRIN). Tali progetti hanno riguardato lo sviluppo di sistemi CAD per l analisi di immagini mammografiche, polmonari o di neuroimmagini. Il gruppo in questione, inoltre, già collabora proficuamente da tempo con il team coordinato dal Dott. Torsello, Direttore dell U.O. di Radiologia dell Ospedale V.Fazzi, anche all interno di una specifica convenzione tra Università del Salento e ASL-Lecce. A partire dalle competenze acquisite nel settore dell elaborazione delle immagini per la diagnostica medica e dei relativi sistemi CAD, si propone di sviluppare e ottimizzare sistemi automatici per la diagnosi assistita. Nel seguito, ci si sofferma in particolare su due campi di interesse dei proponenti, per ciò che concerne le attività del costituendo DReAM: sistemi CAD per il polmone in immagini TAC (Tomografia Assiale Computerizzata); sistemi CAD per il cervello in immagini RMN (Risonanza Magnetica Nucleare) Gruppo di Lavoro in Neuroscienze Cognitive del Linguaggio e Scienze della Voce Responsabile: professor Mirko Grimaldi, Università del Salento Le neuroscienze cognitive si occupano dello studio dei meccanismi biologici che sottostanno alla cognizione, cioè all interpretazione, all utilizzo, all immagazzinamento e all elaborazione delle informazioni, ponendo particolare attenzione ai sostrati neurali dei processi mentali e alle loro manifestazioni comportamentali. In particolare, all interno di tale disciplina ci si chiede quali siano le relazioni tra le diverse funzioni psicologiche/cognitive osservate e i circuiti neurali coinvolti e come le strutture neurali sottendano il comportamento. Si tratta di un campo di ricerca a vocazione fortemente multidisciplinare, che tende ad esplorare settori di frontiera per giungere a una teoria unificata delle basi neurali su cui si fondano le abilità cognitive. Questo percorso potrà ovviamente produrre ricadute significative nella cura e nella prevenzione dell ampio spettro di patologie dei processi cognitivi.il Gruppo di Lavoro in Neuroscienze cognitive del Linguaggio e Scienze della Voce è in grado di utilizzare strumentazione diversificata e altamente sofisticata, raramente concentrata e disponibile in un unico laboratorio. All interno del CRIL (Centro di ricerca interdisciplinare sul linguaggio), da dove proviene il suddetto Gruppo di Lavoro, è possibile monitorare in modo integrato la complessa attività della laringe, della lingua, delle labbra e dei muscoli orofacciali, così come i movimenti oculari durante compiti audio-visivi in differenti contesti comunicativi, e nello stesso tempo analizzarne le risposte neurofisiologiche a livello della corteccia cerebrale. Sfruttando competenze scientifiche interdisciplinari, si possono così far interagire strumenti diversi col fine di raccogliere dati osservabili da prospettive differenti per una più forte integrazione fra dati clinici, teorie, e protocolli di cura. In collaborazione con l unità Operativa di Otorinolaringoiatria dell Ospedale Vito Fazzi diretta dal Dott. Michele De Benedetto, il CRIL sta elaborando uno studio follow-up dello sviluppo fonetico-fonologico in bambini affetti da ipoacusia grave/profonda protesizzati precocemente con impianto cocleare. Questo protocollo sperimentale ricorrerà all analisi fonetico-acustica, percettiva, articolatoria e neurofisiologica per monitorare l emergere delle abilità di percezione e produzione, lo sviluppo dell inventario fonologico e l acquisizione del lessico nei bambini ipoacusici. Ipotizziamo che i risultati di questo protocollo offriranno delle basi solide per sviluppare nuovi protocolli di cura logopedici nella riabilitazione dei bambini ipoacusici precocemente impiantati Gruppo di Lavoro Ingegneria Informatica - Responsabile: professor Giovanni Aloisio, Università del Salento Area High Performance Computing - Responsabile: dottor Osvaldo Marra, Università del Salento L attività del gruppo può essere schematizzata in tre sotto aree: system management dei sistemi di supercalcolo: monitoraggio, aggiornamento sw, supporto agli utenti dei sistemi messi a disposizione; sviluppo di applicazioni per l HPC a supporto dei gruppi interessati, sia nella fase di realizzazione di nuovi software che nella fase di porting e parallelizzazione di software già esistenti e normalmente usati su risorse di calcolo non parallele; analisi delle nuove tecnologie offerte dal mercato, aggiornamento hardware e supporto all innovazione per i gruppi interessati 18

19 Gruppo di Lavoro Ingegneria Informatica - Responsabile: professor Giovanni Aloisio Area Data Base e Sistemi Informativi - Responsabile: professor Mario Bochicchio, Università del Salento I temi di ricerca trattati dal Gruppo di Lavoro Database e Sistemi Informativi riguardano la modellazione concettuale dei dati e la misura delle prestazioni, dei livelli di servizio e degli indicatori end-to-end dei sistemi informativi transazionali e direzionali. Il gruppo è anche attivo nella ricerca sull annotazione in tempo reale di flussi multimediali, sullo streaming video, sui motori di ricerca full-text e sulla progettazione e realizzazione di sistemi web per l uso remoto collaborativo di strumentazione di laboratorio. Nella fase iniziale della collaborazione il gruppo di lavoro propone lo sviluppo di tre temi di ricerca: creazione di un reference database per la raccolta di dati rinvenienti da attività di refertazione, orientato alla pubblicazione di dati di carattere epidemiologico e basato su tecniche innovative per la tutela della privacy e della riservatezza. Il database è già in fase di perfezionamento ed adattamento alle esigenze del settore oncologico e pediatrico, ma è immediatamente disponibile per ulteriori sviluppi ed applicazioni; sperimentazione di tecniche avanzate di annotazione e pubblicazione su Web di flussi multimediali (es. audio e video relativi all uso di specifici strumenti o tecniche, o video proveniente dal campo operatorio) per la formazione e l addestramento del personale paramedico, dei pazienti e dei loro familiari; sperimentazione ed uso remoto collaborativo di strumenti di laboratorio (es. microscopio elettronico Zeiss, disponibile presso il Dipartimento di Ingegneria dell Innovazione dell Università del Salento) ed eventuale remotizzazione di apparecchiature e sistemi disponibili presso la ASL per finalità didattiche, addestrative e diagnostiche. Le competenze del gruppo di ricerca in merito alla progettazione e gestione di database, sistemi informativi, sistemi di monitoraggio dei flussi informativi e dei livelli di servizio erogati, sistemi client-server e web per l accesso alle risorse informative, sono comunque a disposizione della ASL per tutti i temi di ricerca che dovessero emergere dalla collaborazione. Gruppo di Lavoro Ingegneria Informatica - Responsabile: professor Giovanni Aloisio Area Tecniche Avanzate di Realtà Virtuale per la Medicina - Responsabile: professor Lucio Tommaso De Paolis, Università del Salento Con i dispositivi già disponibili e con le competenze acquisite in questi anni nel settore dell elaborazione di immagini mediche e dello sviluppo di applicazioni a supporto delle chirurgia tramite la tecnologia della Realtà Virtuale e della Realtà Aumentata, il Gruppo di Lavoro ARM è già in grado di fornire una serie di servizi che permettono di migliorare ed incrementare la capacità diagnostica, mettere a disposizione strumenti per una più accurata pianificazione pre-operatoria, fornire assistenza e supporto durante la fase operatoria tramite opportuni sistemi di navigazione virtuale ed applicazioni della tecnologia della Realtà Aumentata e predisporre una realistica area per l addestramento chirurgico. In particolare il Gruppo di Lavoro ARM è in grado di: realizzare modelli 3D degli organi a partire da immagini mediche (CT e RMI); incrementare la capacità diagnostica tramite strumenti avanzati di visualizzazione di tali modelli; fornire supporto alla pianificazione chirurgica pre-operatoria tramite opportune interfacce per l interazione con tali modelli; fornire supporto all interventistica tramite opportune applicazioni di Realtà Aumentata per la chirurgia mini-invasiva; rendere più agevoli le procedure chirurgiche tramite opportuni sistemi di navigazione virtuale; realizzare modelli virtuali degli organi da immagini mediche quali CT e RMI per lo sviluppo di realistici simulatori per il training chirurgico; sviluppare specifici simulatori per il training chirurgico. Gruppo di Lavoro in Endoscopia Sperimentale, Imaging, Tecnologie e Terapie Mini-Invasive Responsabile: dottor Andrea Tinelli, Ospedale Vito Fazzi di Lecce La costituzione di tale Laboratorio Medico-Chirurgico all interno dell Ospedale Vito Fazzi permetterà di coordinare le sperimentazioni e le ricerche nel campo endoscopico, nell imaging e nelle tecnologie e terapia mini-invasive, per tutte le diverse discipline medico-chirurgiche al momento presenti nell Ospedale Vito Fazzi e nel Padiglione Oncologico Giovanni XXIII, in maniera tale da costituire un nucleo di progettazione e sperimentazione clinico-chirurgica di tutte le attività coinvolte nel DREAM. 19

20 Gruppo di Lavoro Ingegneria Informatica - Responsabile: professor Giovanni Aloisio Area Sistemi di Tracciabilità e Teleassistenza - Responsabile: professor Luca Mainetti, Università del Salento I temi di ricerca trattati dalla divisione Sistemi di Tracciabilità e Teleassistenza riguardano le problematiche di: identificazione, tracciabilità e rintracciabilità di cose e persone in ambito medico; strumenti e strategie di collaborazione in mondi virtuali tridimensionali. Nella fase iniziale della collaborazione la divisione propone lo sviluppo dei seguenti temi di ricerca: Tracciabilità trasfusionale con RFID, che ha come obiettivo di partenza una maggiore efficienza ed affidabilità nella tracciabilità della filiera trasfusionale, dalla selezione della sacca di sangue fino alla conclusione della trasfusione stessa, contribuendo così a migliorare la sicurezza clinica del paziente. La soluzione proposta consentirebbe di identificare in modo univoco sia il paziente, tramite l adozione di un braccialetto RFId, sia ogni sacca di sangue grazie all applicazione di etichette RFId. L utilizzo di palmari permetterebbe, inoltre, di verificare i dati anagrafici e accedere a informazioni dettagliate di supporto alle decisioni del personale medico, garantendo maggiore tempestività di intervento e congruenza con i dati rilevati. Particolare rilevanza rivestirà lo studio delle interazioni delle tecnologie di auto identificazione a radio frequenza sia con gli altri apparati elettromedicali presenti nelle aree tracciate che con il materiale biologico (siero, sangue, organi, etc.) sottoposti a controllo; Sistema di collaborazione remota, ha come obiettivo lo studio delle modalità, strategie, metafore e tecniche di collaborazione più efficienti per abilitare la multi-utenza e la cooperazione durante le fasi di training operatorio, preparazione intervento, attività che possono essere supportate con tecniche di realtà aumentata. Questa linea di ricerca nel concreto si propone di progettare e sviluppare un dimostratore di un infrastruttura di collaborazione remota che permetta a due o più medici di visualizzare concorrentemente le immagini medicali (elaborate dai gruppi ARM e FDI), le eventuali ricostruzioni tridimensionali delle parti anatomiche, organi e tessuti da operare e di manipolare tali modelli 3D in maniera cooperativa in modo da decidere congiuntamente la strategia operatoria più adeguata o di eseguire sessioni di training guidate da esperti remoti. Gruppo di Lavoro Ingegneria Informatica - Responsabile: professor Giovanni Aloisio Area Reti e Formazione a Distanza - Responsabile: professor Franco Tommasi, Università del Salento Il Progetto Formazione a Distanza mira a rendere disponibile in ambito sanitario il patrimonio di esperienze e di tecnologie per la formazione a distanza sviluppate dal LIIS (Laboratorio per l Internetworking e l Interoperabilità tra i Sistemi) con l esperienza del Campus Satellitare del Salento. Nei mesi trascorsi sono già stati compiuti alcuni passi congiunti nella direzione dell attuazione del progetto. In particolare il LIIS ha prestato assistenza all ASL nell istallazione di 4 aule di ricezione satellitare in altrettante sedi dell Azienda. Oltre 40 unità di personale ASL hanno inoltre partecipato a giornate di formazione sugli argomenti del distance learning e dell utilizzo delle reti in ambito sanitario svolte all interno del LIIS. Il progetto ha come obiettivi prossimi l allestimento di nuove aule e l estensione della sperimentazione precedentemente condotta in laboratorio con sistemi di formazione misti (satellitari e terrestri) con uno o più docenti ovunque posizionati, nonché il suo adattamento alle esigenze specifiche dell Azienda sanitaria. Il gruppo RFD è in grado di rendere disponibile all ASL Lecce la consolidata esperienza del LIIS (Laboratorio per l Internetworking e l Interoperabilità tra i Sistemi) e del Laboratorio Reti nel campo delle reti di computer. Le attività di ricerca che sarà in futuro possibile estendere all interno del D.R.e.A.M., riguardano diversi settori del networking. In particolare: la sicurezza, la progettazione e il dimensionamento, la gestione e il monitoraggio di reti locali, geografiche e mobili, sia wired che wireless. Gruppo di Lavoro in Diagnostica avanzata per immagini Responsabile: dottor Massimo Torsello, Ospedale Vito Fazzi di Lecce Da tempo la ricerca sulle malattie oncologiche oltreché sulla terapia è rivolta anche sulla possibilità di prevenire le stesse attraverso la prevenzione primaria e la diagnosi precoce. In alcune patologie, come il cancro mammario o quello del collo dell utero, gli screening della popolazione sono già una realtà. Per altre patologia come il tumore del polmone è in corso una vasta ricerca a livello mondiale volta a stabilire se la diagnosi precoce negli individui a rischio sia in grado di ridurre la mortalità per questa patologia. Parallelamente all utilizzo della diagnostica per immagini nella diagnosi precoce la ricerca nel campo delle tecnologie informatiche si è impegnata nello sviluppo di software, i cosiddetti CAD, acronimo di computer aided diagnosis, capaci di incrementare la sensibilità e la specificità delle tecniche utilizzate. 20

Corsi di Biofeedback e Neurofeedback

Corsi di Biofeedback e Neurofeedback Corsi 2015 Corsi di Biofeedback e Neurofeedback stru ura in diversi livelli per favorire l apprendimento a gruppi omogeni di partecipan. L a vità prevede teoria ed esercitazioni pra che a gruppi con un

Dettagli

Università degli Studi di Pavia C.so Strada Nuova, 65 - Pavia www.unipv.eu FULLPRINT

Università degli Studi di Pavia C.so Strada Nuova, 65 - Pavia www.unipv.eu FULLPRINT Università degli Studi di Pavia C.so Strada Nuova, 65 - Pavia www.unipv.eu FULLPRINT Odontoiatria e protesi dentaria Medicine and Surgery Medicina e chirurgia MEDICINA E CHIRURGIA MEDICINA E CHIRURGIA

Dettagli

il Proge o Lumière di ENEA

il Proge o Lumière di ENEA il Proge o Lumière di ENEA IL PROGETTO LUMIERE Accordo di Programma MSE/ENEA ATTIVITÀ DI RICERCA E SVILUPPO DI INTERESSE GENERALE PER IL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE Proge o di ricerca 3.2 Tecnologie per

Dettagli

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria E. Veneselli U.O. e Cattedra di Neuropsichiatria Infantile Istituto G. Gaslini Università di

Dettagli

Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica

Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica I Corsi di Studio in Fisica comprendono quattro percorsi didattici. Al termine di ciascun percorso si consegue uno dei seguenti

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

BLUE ASSISTANCE. UN MONDO DI SERVIZI A PORTATA DI MANO.

BLUE ASSISTANCE. UN MONDO DI SERVIZI A PORTATA DI MANO. BLUE ASSISTANCE. UN MONDO DI SERVIZI A PORTATA DI MANO. Contatti Stampa Scarica pdf Avanti BLUE ASSISTANCE. UN MONDO DI SERVIZI A PORTATA DI MANO. BLUE ASSISTANCE. L ESPERIENZA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Medicina e Chirurgia LAUREA MAGISTRALE IN Biotecnologie mediche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Il Corso di Laurea Magistrale

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO.

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. Padova, 25 maggio 2010 La logistica e la sicurezza dei

Dettagli

Master Universitario. in Energy Management. di I livello

Master Universitario. in Energy Management. di I livello Master Universitario Facoltà di Ingegneria di I livello in Energy Management A.A. 2010/2011 II Edizione Direttore Scientifico del Master Prof. Mario Belli Università della Calabria Con il patrocinio In

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

Obiettivi del progetto:

Obiettivi del progetto: BIBLIOTECA PER PAZIENTI Descrizione del contesto territoriale L idea di dare vita a una biblioteca per i pazienti nasce, nel nostro ospedale, da alcune iniziative pilota avviate in questi anni su tre versanti:

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità»

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» PROGRAMMA Obiettivi dell incontro: Conoscenza reciproca e condivisione di obiettivi e strategie Aspetti normativi ed implicazioni

Dettagli

Università del Salento Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche e Ambientali

Università del Salento Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche e Ambientali Università del Salento Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche e Ambientali Ordine Nazionale dei Biologi Master di II livello in BIOMEDICINA MOLECOLARE

Dettagli

Capitolo 7 ATTIVITÀ ARPAC

Capitolo 7 ATTIVITÀ ARPAC Capitolo 7 ATTIVITÀ ARPAC QUADRO SINOTTICO INDICATORI DPSIR Nome indicatore Finalità Stato Valutazione Trend Risposte A vità di controllo per matrice ambientale A vità anali ca per matrice ambientale Fornire

Dettagli

La GRID nella Medicina

La GRID nella Medicina La GRID nella Medicina Paola Di Giacomo Paola.Digiacomo@uniroma1.it Principali sfide della medicina Aumento Aumento popolazione anziana Malattie Malattie croniche (neurologiche, ecc.) Malattie Malattie

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. B al bando di ammissione pubblicato in data 16/11/2015 ART. 1 - TIPOLOGIA L Università degli Studi di Pavia attiva, per l a.a. 2015/2016, il Master Universitario di II livello in Genetica Oncologica,

Dettagli

LA FORMAZIONE DELL ASSISTENTE SANITARIO

LA FORMAZIONE DELL ASSISTENTE SANITARIO BRESCIA 6 OTTOBRE 2006 LA FORMAZIONE DELL ASSISTENTE SANITARIO PROF. FRANCESCO DONATO Sezione di Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Brescia

Dettagli

I CONVEGNO REGIONALE A.I.D.A.I. PUGLIA sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività

I CONVEGNO REGIONALE A.I.D.A.I. PUGLIA sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività A.I.D.A.I. - sez. Puglia Associazione Italiana Attenzione/Iperattività Regione Puglia Sede Legale Via Ugo La Malfa 1-73012 Campi Salentina (LE) Codice Fiscale n 93076250757 - Partita IVA n 03891920757

Dettagli

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA.

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. La Scuola di specializzazione in Genetica medica afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi clinici diagnostici e terapeutici, Classe dei Servizi

Dettagli

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA A cura del Nucleo di coordinamento per la rete regionale dei servizi di genetica medica dell Emilia-Romagna Con il contributo di Laura Biagetti (Azienda Ospedaliera-Universitaria

Dettagli

Università e ricerca, Profumo e Barca presentano i risultati del bando Messaggeri della Conoscenza

Università e ricerca, Profumo e Barca presentano i risultati del bando Messaggeri della Conoscenza Università e ricerca, Profumo e Barca presentano i risultati del bando Messaggeri della Conoscenza Oltre 5 milioni di euro per portare nelle università del Mezzogiorno le eccellenze della didattica internazionale

Dettagli

IL PROGETTO NIGUARDAONLINE

IL PROGETTO NIGUARDAONLINE IL PROGETTO NIGUARDAONLINE A CURA DI : Luciana Bevilacqua Responsabile Ufficio M.C.Q. Gianni Origgi Responsabile Sistemi Informativi Aziendali Azienda Ospedaliera Niguarda Cà Granda di Milano Da oggi i

Dettagli

Indirizzo Grafica e Comunicazione

Indirizzo Grafica e Comunicazione Istituti tecnici Settore tecnologico Indirizzo Grafica e Comunicazione L indirizzo Grafica e Comunicazione ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, le competenze

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca 1 di 6 17/02/2015 16:58 Ogge o: Istruzioni per la predisposizione del Programma Annuale per l'e.f. 2015 Mi ente: noreply@istruzione.it Data: 16/12/2014 16:29 A: impm01000a@istruzione.it Ministero dell

Dettagli

Area Medico Chirurgica e delle Professioni Sanitarie

Area Medico Chirurgica e delle Professioni Sanitarie Area Medico Chirurgica e delle Professioni Sanitarie FORUM DELL ORIENTAMENTO 2015 per Studenti delle Scuole Superiori 3 e 4 Febbraio 2015 Area Medico Chirurgica e delle Professioni Sanitarie Formazione

Dettagli

NUOVAMENTE -CENTRO DIAGNOSTICO E RIABILITATIVO- WORKSHOPS DI APPROFONDIMENTO PER INSEGNANTI, EDUCATORI E TECNICI DELL APPRENDIMENTO.

NUOVAMENTE -CENTRO DIAGNOSTICO E RIABILITATIVO- WORKSHOPS DI APPROFONDIMENTO PER INSEGNANTI, EDUCATORI E TECNICI DELL APPRENDIMENTO. NUOVAMENTE -CENTRO DIAGNOSTICO E RIABILITATIVO- WORKSHOPS DI APPROFONDIMENTO PER INSEGNANTI, EDUCATORI E TECNICI DELL APPRENDIMENTO Indice 1. Nuovamente 2. La formazione di Nuovamente 3. Che formazione

Dettagli

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM)

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM) F. Paolo Gentile Canale Monterano (RM) FISICA MEDICA Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina 1 Chi è il Fisico medico? Il Fisico medico è una figura professionale che applica

Dettagli

FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO

FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO DENOMINAZIONE del Dipartimento SCIENZE DELLA VITA PROGETTO SCIENTIFICO E DIDATTICO che abbia una sostenibilità al 31.12.2016 Il Dipartimento di Scienze della Vita

Dettagli

Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR

Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR Prof. Paolo Randaccio Dott.ssa Antonella Fais Dott. Giovanni Angelo Porcu Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica,

Dettagli

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE Descrizione dell iniziativa/progetto ed ambiti operativi di intervento L idea Nel nostro paese la partecipazione alla vita scolastica e sociale in

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO 2016

PROGRAMMA FORMATIVO 2016 PROGRAMMA FORMATIVO 2016 SEGRETERIA ORGANIZZATIVA U.O. POLITICHE PER IL PERSONALE E FORMAZIONE COMUNICAZIONE - URP e-mail: ecm@ospedaliriunitipalermo.it urp@ospedaliriunitipalermo.it U.O. POLITICHE PER

Dettagli

Curriculum vitae et studiorum (versione sintetica)

Curriculum vitae et studiorum (versione sintetica) Curriculum vitae et studiorum (versione sintetica) Dott. Gian Domenico SEBASTIANI Luogo di nascita: Ascoli Piceno (AP) Data di nascita: 22 marzo 1958 Residenza: Via Eutropio, 24 00136 Roma Posizione lavorativa

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE

CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (Appartenente alla classe di laurea L-2 Biotecnologie) Titolo di ammissione Diploma di maturità. Durata 3 anni Modalità di accesso Il numero massimo di studenti iscrivibili

Dettagli

PROGETTO PILOTA SPORTELLO DI ASCOLTO RIVOLTO A PERSONE CON DIAGNOSI DI LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO

PROGETTO PILOTA SPORTELLO DI ASCOLTO RIVOLTO A PERSONE CON DIAGNOSI DI LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO PROGETTO PILOTA SPORTELLO DI ASCOLTO RIVOLTO A PERSONE CON DIAGNOSI DI LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO Il CMID, Centro di Ricerche di Immunopatologia e Documentazione su Malattie Rare Struttura Complessa a

Dettagli

Workshop RISULTATI DEL PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO Torino 27 Maggio 2009 FIM

Workshop RISULTATI DEL PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO Torino 27 Maggio 2009 FIM Workshop RISULTATI DEL PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO Torino 27 Maggio 2009 FIM Francesca Pietribiasi a.s.l. to 5 Anatomia Patologica Ospedale Santa Croce Moncalieri FIM: FORMAZIONE INTERATTIVA

Dettagli

GTTFPP66E28B157P. Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia

GTTFPP66E28B157P. Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Filippo Gitti Indirizzo Via Boccacci 83 Brescia Telefono 0302090625 Fax 0303704436 E-mail filippo.gitti@spedalicivili.brescia.it Nazionalità

Dettagli

NICOLETTA LOCURATOLO

NICOLETTA LOCURATOLO C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail Nazionalità Data di nascita NICOLETTA LOCURATOLO ESPERIENZA LAVORATIVA ATTIVITÀ CLINICO-ASSISTENZIALE Dal 1998 a tutt

Dettagli

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Fisica

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Fisica Scuola di Scienze e Tecnologie corso di laurea (I livello) Fisica L-30 3 anni sede: Camerino via Madonna delle Carceri 9 crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.it www.sst.unicam.it/sst Presentazione

Dettagli

Hotel Covo dei Saraceni Via Conversano 1/A - Polignano a Mare (BA)

Hotel Covo dei Saraceni Via Conversano 1/A - Polignano a Mare (BA) Corso di aggiornamento Rif. 10-1922 Ed.1 Provider n. 10 IL LABORATORIO NELLE MALATTIE INFIAMMATORIE INTESTINALI Resp. Scientifico Prof. Dott. Antonio Moschetta Crediti formativi 13 Partecipanti 50 Martedì

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA MASTER II LIVELLO IN IMMUNOLOGIA E ALLERGOLOGIA PEDIATRICA BANDO DI CONCORSO Anno accademico 2007-2008 (codice del corso di studio da inserire nel bollettino di pagamento:

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO Autori: Renato Frezzotti, Mauro Barni Approvata dalla Società Oftalmologica Italiana - 2006 CODICE DELLO STUDIO: TITOLO DELLO STUDIO: {{ Genetica

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree in Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9)

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree in Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9) La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 202-203. Per ulteriori informazioni si rimanda al numero telefonico : 032 660 63 Sig.ra Stefania Perasso. Corso

Dettagli

Domande e Risposte. Domande e Risposte

Domande e Risposte. Domande e Risposte Premessa Domande e Risposte Funzionamento delle deducibilità delle spese effettuate in territorio (L.166/2013) La finalità di Domande e Risposte è quella contribuire ad informare i cittadini e di agevolare

Dettagli

DISCIPLINE CORSI DI LAUREA A.A. 2008-2009 PERSONALE DIRIGENTE CLASSE N 3 lauree in professioni sanitarie tecniche

DISCIPLINE CORSI DI LAUREA A.A. 2008-2009 PERSONALE DIRIGENTE CLASSE N 3 lauree in professioni sanitarie tecniche DISCIPLINE CORSI DI LAUREA A.A. 2008-2009 PERSONALE DIRIGENTE CLASSE N 3 lauree in professioni sanitarie tecniche CORSO INTEGRATO INSEGNAMENTO NOTE TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (SEDE TORINO) STATISTICA

Dettagli

Fondazione per l Università a Brindisi

Fondazione per l Università a Brindisi Fondazione per l Università a Brindisi Una Fondazione gestita dagli Enti pubblici e privati del territorio brindisino per il coordinamento e la promozione dell offerta formativa universitaria che altre

Dettagli

Esperto Valutatore Immobiliare

Esperto Valutatore Immobiliare Per informazioni Contenuti didattici Segreteria Dida ca del Corso: Ma eo Pedre TeMA - Territori, Merca e Ambiente Società della Camera di Commercio di Milano Via Meravigli 7-20123 Milano Tel. 02 8515 4322

Dettagli

CORSO INTEGRATO INSEGNAMENTO NOTE TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (SEDE TORINO)

CORSO INTEGRATO INSEGNAMENTO NOTE TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (SEDE TORINO) FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA TORINO INSEGNAMENTI CORSI DI LAUREA A.A. 2010-2011 PERSONALE DIRIGENTE CLASSE N 3 lauree in professioni sanitarie tecniche CORSO INTEGRATO INSEGNAMENTO NOTE TECNICHE DI

Dettagli

ESPERIENZA REGIONE PIEMONTE ( formazione)

ESPERIENZA REGIONE PIEMONTE ( formazione) Convegno Nazionale GISMa 2009 Workshop multidisciplinare dell equipe diagnosticoterapeutica Monitoraggio degli indicatori di qualità ESPERIENZA REGIONE PIEMONTE ( formazione) Rita Bordon CPO Piemonte Francesca

Dettagli

Capitolo 8 INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE AMBIENTALE

Capitolo 8 INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE AMBIENTALE Capitolo 8 INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE AMBIENTALE QUADRO SINOTTICO INDICATORI DPSIR Nome indicatore Finalità Valutazione Stato Trend Numero di prodo editoriali di informazione ambientale Rilevare l andamento

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FISICA MEDICA

LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FISICA MEDICA LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FISICA MEDICA ANNI 60 70 Colloqui sui rapporti tra Fisica e Medicina Promossi dal Ministero della Sanità della Repubblica Italiana Levico-Roncegno Terme - 14-16 novembre

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

Matricola 30637 Dirigente U.O.S. Accoglienza Oncologica e Follow-up Num. Tel. e Fax ufficio 0817472295-0817472293

Matricola 30637 Dirigente U.O.S. Accoglienza Oncologica e Follow-up Num. Tel. e Fax ufficio 0817472295-0817472293 CURRICULUM VITAE Informazioni personali Nome Maria Biglietto Data di nascita 12/04/1953 Qualifica Dirigente di I livello Disciplina Oncologia Matricola 30637 Incarico attuale Dirigente U.O.S. Accoglienza

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 360. Istituzione del diploma di specializzazione in neuroradiologia

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 360. Istituzione del diploma di specializzazione in neuroradiologia Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 360 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BIANCHI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 6 MAGGIO 2008 Istituzione del diploma di specializzazione in neuroradiologia

Dettagli

POLO DI BOLOGNA/EMILIA ROMAGNA I LINCEI PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA: UNA RETE NAZIONALE

POLO DI BOLOGNA/EMILIA ROMAGNA I LINCEI PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA: UNA RETE NAZIONALE Polo di /Emilia Romagna I Lincei per una nuova didattica nella scuola: Una rete nazionale POLO DI BOLOGNA/EMILIA ROMAGNA I LINCEI PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA: UNA RETE NAZIONALE 1. OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

ISTITUTO POTITO DI RICERCA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI

ISTITUTO POTITO DI RICERCA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI ISTITUTO POTITO DI RICERCA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Istituto senza fini di lucro che ha come scopo di svolgere, promuovere e coordinare la ricerca scientifica e formazione nel campo sanitario. svolgere

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa Realizzazione di un full adder a due bit 08/11/2010 Premessa A causa di un mancato

Dettagli

Analisi della legge sui disturbi specifici di apprendimento (DSA)

Analisi della legge sui disturbi specifici di apprendimento (DSA) Analisi della legge sui disturbi specifici di apprendimento (DSA) Enrico Ghidoni 1 La nuova legge sui disturbi specifici di apprendimento (legge n. 170 del 8/10/2010) è indubbiamente un elemento nuovo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. H al bando di ammissione in data 27 settembre 2011 - II GRUPPO Art. 1 Tipologia L Università degli studi di Pavia attiva, per l a.a. 2011/2012, presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia, Dipartimento

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA

CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA (Classe delle Lauree Magistrale LM41 Medicina e Chirurgia) art. 4 del decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270 DURATA CREDITI ACCESSO 6 ANNI 360 di cui 283

Dettagli

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag.

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag. Rif. P 01 Pag. 1 Sommario 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso REVISIONI N REV. DATA STESURA DESCRIZIONE Rif. PARAGR. Rif. PAGINA 00 20/10/2009 Prima emissione

Dettagli

http:www.e-oncology.it

http:www.e-oncology.it http:www.e-oncology.it Il prototipo e-oncology strumento operativo di Rete di interconnessione tra gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Oncologici costituita per iniziativa del Ministero

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Nel piano annuale per l inclusività sono riassunti i principali dati inerenti

Dettagli

Con il patrocinio della FNOMCeO

Con il patrocinio della FNOMCeO SPERIMENTAZIONE PURA NAZIONALE Il rimedio omeopatico ultramolecolare: il medico che sperimenta su se stesso. Aspetti legali, metodologici ed etici della sperimentazione pura sull uomo sano. Con il patrocinio

Dettagli

Quadrex I segreti del cervello

Quadrex I segreti del cervello Quadrex I segreti del cervello Press kit 12/03/2013 COMUNICATO Alcuni movimenti del corpo potenzierebbero le capacità cerebrali dell uomo, aumentando la creatività e la capacità di problem solving, indipendentemente

Dettagli

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza organigramma aziendale dipartimento emergenza accettazione Denominazione Strutture Complesse 1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza 2. chirurgia di

Dettagli

Corso di Counseling Motivazionale in ambito sanitario

Corso di Counseling Motivazionale in ambito sanitario Secondo dati dell Organizzazione Mondiale della Sanità con 9 milioni di decessi ogni anno, le malattie croniche sono la principale causa di morte tra la popolazione sotto i 60 anni di età e, più in generale,

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

UNA RISORSA PER LA RICERCA SCIENTIFICA E PER LA SALUTE DELLA COMUNITA

UNA RISORSA PER LA RICERCA SCIENTIFICA E PER LA SALUTE DELLA COMUNITA UNA RISORSA PER LA RICERCA SCIENTIFICA E PER LA SALUTE DELLA COMUNITA Progetto realizzato con il contributo di Cos è Trentino Biobank? Trentino Biobank è una struttura della Azienda Provinciale per i Servizi

Dettagli

Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA.

Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA. Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA. La Scuola di specializzazione in Anatomia Patologica afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi clinici diagnostici e terapeutici, Classe della

Dettagli

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica Milano, 20 novembre 2015 Dott. Massimo Castoldi Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Medicina di precisione La transizione verso l'era della

Dettagli

SPERIMENTAZIONE CLINICA

SPERIMENTAZIONE CLINICA SPERIMENTAZIONE CLINICA E RUOLO DELL INFERMIERE 12 CREDITI ECM - ID: 1585-23178 DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO COSTO: 48,80 (40,00 + 22% IVA) OBIETTIVI FORMATIVI Apprendere i concetti di

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

PUNTI FONDAMENTALI DEL NOSTRO PROGRAMMA. LABORATORI : Monitorare la ges one dei laboratori e verificare che venga garan to l accesso ad ogni studente.

PUNTI FONDAMENTALI DEL NOSTRO PROGRAMMA. LABORATORI : Monitorare la ges one dei laboratori e verificare che venga garan to l accesso ad ogni studente. LIBERTÀ È PARTECIPAZIONE PUNTI FONDAMENTALI DEL NOSTRO PROGRAMMA NO AL NUMERO CHIUSO : Con nuare la lo a contro la priva zzazione dell Università tentando di eliminare le barriere che limitano l accesso

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

Modifica di Fisioterapista. Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico

Modifica di Fisioterapista. Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di PADOVA Modifica di Fisioterapista Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico Data del DR di emanazione

Dettagli

AUSL 6 Palermo. in relazione a quanto previsto dal comma 1 dell art.21 della Legge 18 giugno 2009 n. 69 INFORMAZIONI PERSONALI.

AUSL 6 Palermo. in relazione a quanto previsto dal comma 1 dell art.21 della Legge 18 giugno 2009 n. 69 INFORMAZIONI PERSONALI. in relazione a quanto previsto dal comma 1 dell art.21 della Legge 18 giugno 2009 n. 69 AUSL 6 Palermo INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome Russo Salvatore Data di nascita 1 gennaio 1954 Posto di lavoro

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Università degli Studi di Trieste Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Trieste Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Regolamento didattico del Corso di Laurea interclasse ed interfacoltà in Scienze e Tecnologie

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM FORMATIVO PROFESSIONALE INFORMAZIONI PERSONALI MUSCOLO GIUSEPPE NATO A LOCRI IL 3.08.1954 C/DA CULTURA LOCRI (R.C) 89044 TEL 0964 29490 CELL.3381418067 E-MAIL:pemus@libero.it TITOLI DI STUDIO

Dettagli

ULTIMA REVISIONE 4 ottobre 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN BIOMEDICINA MOLECOLARE

ULTIMA REVISIONE 4 ottobre 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN BIOMEDICINA MOLECOLARE ULTIMA REVISIONE 4 ottobre 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN BIOMEDICINA MOLECOLARE Avviso: questa scheda contiene solo delle informazioni parziali. Le modalità di iscrizione al concorso di ammissione e tutte

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

INGEGNERIA dell INFORMAZIONE

INGEGNERIA dell INFORMAZIONE INGEGNERIA dell INFORMAZIONE 1 L ingegneria dell Informazione è ovunque!!! o Comunicazione: o Internet: o Intrattenimento: o Elettromedicale: o Automotive: ABS, EPS, Dov`è l ingegneria dell informazione?

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Scienze riabilitative delle professioni sanitarie

Corso di Laurea Magistrale in Scienze riabilitative delle professioni sanitarie Corso di Laurea Magistrale in Scienz delle professioni sanitarie Il corso di Laurea Magistrale in Scienze della Riabilitazione comprende unità didattiche in numero non inferiore a 0 crediti. Sono ammessi

Dettagli

Struttura Semplice Dipartimentale di Neuropsichiatria Infantile 4

Struttura Semplice Dipartimentale di Neuropsichiatria Infantile 4 PROGETTO/EVENTO FORMATIVO AZIENDALE LE NUOVE FRONTIERE DEL TRATTAMENTO LOGOPEDICO IN ETÀ EVOLUTIVA: DALL APPROCCIO PREVERBALE ALLO SVILUPPO DELLE PRASSIE ORALI E VERBALI 1. INDICARE LA TIPOLOGIA DI CORSO

Dettagli

Registro Italiano Mastocitosi:

Registro Italiano Mastocitosi: Divisione di Ematologia Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo Pavia Serena Merante Registro Italiano Mastocitosi: malattia rara e "orfana" di farmaci Outline Perchè la mastocitosi? Perché un registro

Dettagli

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ANNA MARIA SAIEVA Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana DICHIARA QUANTO

Dettagli

IL POLO DI BOLOGNA EMILIA ROMAGNA Progetto I lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale

IL POLO DI BOLOGNA EMILIA ROMAGNA Progetto I lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale IL POLO DI BOLOGNA EMILIA ROMAGNA Progetto I lincei per una nuova didattica nella scuola: una rete nazionale RISULTATI E PROSPETTIVE Antonio Danieli Direttore Generale Fondazione Golinelli GLI ATTORI Promotori

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CARRATURO ANTONIO. Data di nascita 13/09/1966

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CARRATURO ANTONIO. Data di nascita 13/09/1966 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 13/09/1966 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CARRATURO ANTONIO Dirigente Biologo con Incarico di Alta Specializzazione

Dettagli

UNIVERSITÀ del SALENTO Facoltà di Scienze della Formazione

UNIVERSITÀ del SALENTO Facoltà di Scienze della Formazione UNIVERSITÀ del SALENTO Facoltà di Scienze della Formazione Master universitario di II Livello di durata annuale PEDAGOGIA DELLA SALUTE APPROCCIO SISTEMICO SCHEDA DESCRITTIVA FACOLTA PROPONENTE OBIETTIVI:

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL MASTER IN BIOMEDICINA MOLECOLARE. Di.S.Te.B.A.

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL MASTER IN BIOMEDICINA MOLECOLARE. Di.S.Te.B.A. SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL MASTER IN BIOMEDICINA MOLECOLARE DIPARTIMENTO PROPONENTE RIFERIMENTI DELLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI DIPARTIMENTO DI APPROVAZIONE DELL INIZIATIVA FORMATIVA (indicare, eventualmente,

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli

Seconda Università degli Studi di Napoli Seconda Università degli Studi di Napoli Nucleo di Valutazione Relazione annuale 2000 Relatori: Presidente: Thomas Schael Professori: Pasquale Belfiore Francesco Cammina Camillo Del Vecchio Blanco Michele

Dettagli

DOSSIER. Laurea Magistrale in

DOSSIER. Laurea Magistrale in DOSSIER Laurea Magistrale in Biologia e Tecnologie Cellulari Siti attuali: http://elearning2.uniroma1.it/course/index.p hp?categoryid=640 http://corsidilaurea.uniroma1.it/biologia-etecnologie-cellulari/il-corso

Dettagli