REPORT DI SOSTENIBILITÀ SINTESI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPORT DI SOSTENIBILITÀ SINTESI"

Transcript

1 REPORT DI SOSTENIBILITÀ SINTESI 2014

2 PERCHÉ PARLARE DI SOSTENIBILITÀ IN UNA BANCA CHE HA 150 ANNI DI STORIA? Il 2014 è stato un anno positivo per il Gruppo Banca Popolare di Milano, che ha raggiunto risultati economici e patrimoniali di rilievo. Nel corso dell anno abbiamo portato a termine con successo gli obiettivi di patrimonializzazione che ci eravamo prefissati nel Piano Industriale, abbiamo chiuso il bilancio con un utile superiore alle previsioni e il titolo azionario ha realizzato la miglior performance borsistica tra i principali titoli bancari. Tali risultati tangibili sono anche il riflesso di asset immateriali quali il coinvolgimento e l impegno del personale, la fiducia dei clienti e degli azionisti, la partecipazione dei Soci, i buoni rapporti con le comunità di riferimento. Abbiamo semplificato la struttura del Gruppo, adottato modelli più snelli ed efficienti, agito sui costi e investito sulla multicanalità; ma tutte queste azioni non avrebbero prodotto i risultati pianificati se non fossero state accompagnate dal coinvolgimento degli stakeholder interni ed esterni, una leva fondamentale per resistere alle crisi e affrontare i cambiamenti. Per far comprendere a pieno il valore del Gruppo BPM è sicuramente importante rendicontare le performance economiche e finanziarie, ma è necessario dare evidenza anche agli aspetti intangibili quali la nostra capacità di relazionarci con gli stakeholder e di renderli partecipi delle nostre attività e dei nostri obiettivi. una prospettiva che integri la visione economica, sociale e ambientale, mettendo al centro del nostro impegno gli sforzi per realizzare una Crescita Solida e Sostenibile. I continui cambiamenti sociali e tecnologici e una situazione economica ancora difficile ci hanno indotto a operare importanti trasformazioni. Per tale motivo, nel 2015, a 150 anni dalla nostra nascita, abbiamo deciso con questo Report di raccontare sinteticamente il Gruppo BPM da Dino Piero Giarda, Presidente Consiglio di Sorveglianza Mario Anolli, Presidente Consiglio di Gestione Giuseppe Castagna, Consigliere Delegato e Direttore Generale Per qualsiasi informazione o approfondimento sul presente documento scrivere all indirizzo mail Gruppo BPM Report di Sostenibilità 2

3 INDICE BANCA POPOLARE DI MILANO ANNI DI STORIA MISSION VALORI MAPPA DEGLI STAKEHOLDER I BRAND DEL GRUPPO BANCA POPOLARE DI MILANO GOVERNANCE PIANO INDUSTRIALE E ASPETTATIVE DEGLI STAKEHOLDER IL NOSTRO PIANO INDUSTRIALE: 13 UNA CRESCITA SOLIDA E SOSTENIBILE IMPATTI SUGLI STAKEHOLDER LE DIRETTRICI DELLA SOSTENIBILITÀ NEL PIANO INDUSTRIALE COSA CI CHIEDONO GLI STAKEHOLDER 16 TEMI RILEVANTI PER GLI STAKEHOLDER SOLIDI PER DARE CREDITO ALLE ATTIVITÀ REALI SITUAZIONE PATRIMONIALE DELLE BANCHE 19 A CONCLUSIONE DEL COMPREHENSIVE ASSESSMENT INTERVENTI REALIZZATI DAL GRUPPO BANCA POPOLARE 19 DI MILANO DOPO L AQR 2.4 FILIALI, MULTICANALITÀ INTEGRATA E ASCOLTO DEL CLIENTE PRODOTTI E SERVIZI PER UNA ECONOMIA IN RIPRESA 23 PRODOTTI DI INVESTIMENTO SOCIALMENTE RESPONSABILI 24 CONFRONTO SU IDEE E SCENARI STRUTTURA ORGANIZZATIVA SNELLA E FORTE CULTURA D IMPRESA NUOVI TALENTI, FORMAZIONE E MERITOCRAZIA IL NOSTRO WELFARE AZIENDALE INIZIATIVE A FAVORE DEL TERRITORIO I RISULTATI DEL PERFORMANCE ECONOMICA BUSINESS E REDDITIVITÀ QUALITÀ DEL CREDITO, SOFFERENZE E PATRIMONIALIZZAZIONE IL MERCATO HA CREDUTO NEL GRUPPO BPM LA DISTRIBUZIONE DEL VALORE PERFORMANCE SOCIALE PERSONALE CLIENTI TRASPARENZA, SICUREZZA, QUALITÀ DEL SERVIZIO MICROCREDITO E INCLUSIONE FINANZIARIA FORNITORI COMUNITÀ PERFORMANCE AMBIENTALE ENERGIA CARTA PRODOTTI ECOLOGIA OFFERTI DAL GRUPPO MOBILITÀ SOSTENIBILE DIFFUSIONE DELLA CULTURA AMBIENTALE I RICONOSCIMENTI OTTENUTI BANCA POPOLARE DI MILANO PROFAMILY WEBANK BANCA AKROS 52 Il documento completo predisposto secondo le Linee Guida GRI/G3.1, sottoposto alla Revisione limitata di una Società indipendente, sarà reso disponibile sul sito web. Gruppo BPM Report di Sostenibilità 3

4 Siamo consapevoli che mantenere la nostra identità e andare incontro a trasformazioni e innovazioni è la strada per coniugare redditività e valore sociale. In questa sezione ripercorriamo insieme una storia lunga 150 anni e i tratti salienti della nostra identità: la mission, i valori, la governance, i brand attraverso i quali operiamo, gli stakeholder con cui ci confrontiamo ogni giorno Concorso sul Risparmio BPM

5 1.1 BANCA POPOLARE DI MILANO 150 ANNI DI STORIA Nel 1865 un brillante economista di 24 anni, Luigi Luzzatti, fonda Banca Popolare di Milano ispirandosi ai principi del credito cooperativo. Anche oggi, fedeli al modello che ne ha ispirato la nascita, siamo un azienda a capitale diffuso con uno stretto legame con i clienti, prevalentemente famiglie e piccole e medie imprese, una forte partecipazione dei dipendenti alla vita sociale e contribuiamo al benessere dei territori in cui operiamo alle cui iniziative sociali destiniamo, per statuto, una quota dell utile. Il legame alla tradizione non ci ha impedito negli anni di essere un polo aggregante, aperto alle novità del mercato. In tutte le nostre azioni, come dimostrano i recenti piani industriali, vi è la volontà di innovarci, di andare incontro alle trasformazioni, consapevoli che creare valore sociale oltre che economico sia la strada per uno sviluppo di lungo periodo. Filiale di Porta Venezia (1935) Gruppo BPM Report di Sostenibilità 5

6 1.1 BANCA POPOLARE DI MILANO 1865 Un brillante economista di 24 anni, Luigi Luzzatti, fonda Banca Popolare di Milano 1911 BPM assume per la prima volta personale femminile 1990 BPM è una delle prime banche a dotarsi di una piattaforma per l operatività online 1994 BPM è una delle prime popolari, già quotata al mercato ristretto, ad accedere alla contrattazione ufficiale di Borsa 2001/04 vengono acquistate ed entrano a far parte del Gruppo Banca di Legnano e Cassa di Risparmio di Alessandria 2010 viene costituita ProFamily, società specializzata nel credito al consumo 2012/13 Rilancio del Gruppo con un piano di semplificazione societaria, organizzativa e della rete distributiva. Cassa di Risparmio di Alessandria e Banca di Legnano vengono incorporate. Viene introdotto un nuovo modello di articolazione commerciale che prevede la presenza di filiali Hub che erogano tutti i servizi e filiali Spoke che presidiano il territorio facendo riferimento alle capofila Hub per particolari servizi 1900 ANNI BPM partecipa all esposizione universale di Parigi e viene premiata nella sezione del credito popolare inizia una serie di acquisizioni e incorporazioni: Banca Popolare di Roma (1957), Banca Briantea (1960), Banca Popolare Cooperativa Vogherese (1979), Banca Agricola Milanese (1986), Banca Popolare di Bologna e Ferrara (1988), Banca popolare di Apricena (1989), INA Banca S.p.a. (1998) viene acquisita Banca Akros che entra a far parte del Gruppo viene acquisita Banca Popolare di Mantova che entra a far parte del Gruppo La Banca vive un periodo di forte crisi. Banca d Italia, alla luce delle irregolarità emerse nel corso di una ispezione, impone requisiti patrimoniali aggiuntivi (cd add on). L Assemblea dei Soci approva l introduzione del sistema di governo dualistico Marzo Approvazione e avvio di un Piano Industriale di lungo respiro BPM /2018: Una crescita solida e sostenibile Maggio BPM realizza un aumento di capitale da 500 milioni di euro Giugno Banca d Italia rimuove gli add on patrimoniali imposti nel BPM è una delle banche più patrimonializzate in Italia Ottobre BPM è fra le banche di rilevanza nazionale che passano sotto il controllo della Banca Centrale Europea e supera con successo il Comprehensive Assessment Banca Popolare di Milano Gruppo BPM Acquisizioni Novembre Con l incorporazione di WeBank viene realizzato il piano di sviluppo di una banca multicanale moderna ed efficiente previsto dal Piano Strategico

7 1.2 MISSION Essere la Banca di riferimento sul territorio per lo sviluppo di famiglie e imprese, dando pieno valore alla relazione di lungo termine con la clientela: Proseguire nel solco della tradizione BPM di centralità del cliente (famiglie e imprese) e forte orientamento ad una relazione trasparente migliorando significativamente il servizio con un offerta semplice e orientata ai bisogni Essere una cooperativa attenta allo sviluppo dei risultati economici e alla solidità patrimoniale nel rispetto degli impegni verso soci e azionisti Valorizzare il patrimonio umano e mantenere un sistema di relazioni con i dipendenti che alimenti la motivazione e il senso di appartenenza al fine di conseguire gli obiettivi aziendali Mantenere un atteggiamento attento alle tematiche di responsabilità sociale d impresa e alle iniziative di crescita sostenibile sul territorio Sede di Piazza Meda, Milano Gruppo BPM Report di Sostenibilità 7

8 1.3 VALORI Siamo consapevoli che il modo in cui conduciamo le attività ha rilevanza per tutti i nostri stakeholder e per questo motivo il nostro operato si ispira ai Valori definiti nella Carta dei Valori e degli Impegni. INTEGRITÀ correttezza e rispetto degli impegni TRASPARENZA informare bene per decidere consapevolmente ATTENZIONE AL DIALOGO conoscere per valorizzare RESPONSABILITÀ consapevolezza del proprio ruolo SPIRITO COOPERATIVO partecipazione e vicinanza Grande salone della sede di Piazza Meda con corbeille centrale (anni 50) 8

9 1.4 MAPPA DEGLI STAKEHOLDER STAKEHOLDER Definiti anche portatori di interessi, sono soggetti che influenzano e sono influenzati dall azienda. Presentano un interesse diretto o indiretto nei confronti dell impresa e, in ragione di tale interesse, sono in grado di condizionarne l attività, il conseguimento degli obiettivi o l organizzazione nel suo complesso, risultandone a loro volta condizionati. Dagli anni 80 si afferma la cosiddetta stakeholder view, ossia la necessità di prestare attenzione alle conseguenze sociali dell operato delle imprese, con riferimento alle attese tanto degli azionisti quanto degli altri portatori di interesse. Tale teoria si fonda sul fatto che solamente le aziende con modelli di business in grado di coinvolgere diversi stakeholder possono garantirsi l accesso alle risorse necessarie e conseguire una buona performance di lungo periodo. La nuova sfida delle imprese è quindi sviluppare modelli di business fondati su un adeguato equilibrio tra le attese dei diversi stakeholder e la creazione di valore. SOCI E AZIONISTI singoli soci e piccoli investitori, investitori istituzionali, associazioni di azionisti COMUNITÀ associazioni che rappresentano gli interessi della collettività, istituzioni pubbliche, media COLLABORATORI personale dipendente, collaboratori, stagisti AMBIENTE associazioni ambientaliste, generazioni future CLIENTI privati e famiglie, piccole e medie imprese, imprese sociali, grandi imprese, associazioni dei consumatori, associazioni di categoria, enti pubblici e pubblica amministrazione FORNITORI grandi e piccoli fornitori Gruppo BPM Report di Sostenibilità 9

10 1.5 I BRAND DEL GRUPPO BANCA POPOLARE DI MILANO COME VIENE PERCEPITO IL MARCHIO BANCA POPOLARE DI MILANO? Nel grafico i risultati di una indagine condotta nel 2014 fra clienti della Banca (privati e aziende) BPM è una Banca: Voti scala di grande tradizione aperta al contatto con i suoi clienti finanziariamente solida coinvolta e attiva a livello sociale e per il rispetto dell ambiente che applica condizioni generali adeguate e trasparenti che comprende e risponde ai bisogni individuali dei propri clienti che si distingue per l innovatività delle soluzioni proposte che offre prodotti e servizi con corretto rapporto qualità/prezzo Il brand Banca Popolare di Milano è espressione di una lunga storia di crescita e trasformazioni che ha comunque lasciato immutata una forte identità, i cui caratteri distintivi sono la vicinanza ai territori, la dedizione ai clienti e ai soci, la partecipazione dei dipendenti alla vita sociale. Investment bank del Gruppo, ha un marchio riconosciuto sul mercato dell intermediazione mobiliare e per l eccellenza nei servizo ad alto valore aggiunto verso Private e Corporate. Società specializzata nel credito al consumo e operativa dal 2011, si è affermata nel settore per l assistenza alla propria clientela orientata a scelte personalizzate, appropriate e responsabili. Banca territoriale per eccellenza, fondata e amministrata grazie al coinvolgimento di esponenti dell economia locale. Marchio diffuso nel territorio mantovano dove la Banca è presente con 17 sportelli e svolge un ruolo attivo nelle iniziative sociali e culturali. Brand del servizio ai clienti che utilizzano esclusivamente il canale online è sinonimo di eccellenza nel settore web e mobile, una reputazione conquistata nel tempo grazie a un servizio innovativo, veloce e di qualità. Gruppo BPM Report di Sostenibilità 10

11 1.6 GOVERNANCE Banca Popolare di Milano è una banca cooperativa che dal 2011 adotta il modello di Governance cosiddetto dualistico così organizzato: Assemblea dei Soci: elegge il Consiglio di Sorveglianza e viene convocata almeno una volta all anno. Consiglio di Sorveglianza: oltre a nominare i componenti del Consiglio di Gestione, esercita le funzioni di controllo sulla gestione operativa e approva il bilancio. Consiglio di Gestione: si occupa della gestione dell impresa e della definizione delle linee strategiche, nomina il Top Management e individua al suo interno un Consigliere Delegato, capo dell esecutivo aziendale. Assemblea dei Soci 2014, Milano SOCI E AZIONISTI Il capitale sociale, suddiviso in azioni, è detenuto da circa azionisti di cui il 49% iscritto a libro soci. Gli azionisti soci sono e possiedono il 12,8% delle azioni, gli azionisti non soci sono circa e detengono l 87,2% del capitale sociale. Ulteriori informazioni sugli Organi Societari e la loro composizione 11

12 2. PIANO INDUSTRIALE E ASPETTATIVE DEGLI STAKEHOLDER Vogliamo affermarci come Banca solida e aperta alle trasformazioni, in grado di soddisfare con equilibrio le istanze dei diversi stakeholder. Lo sviluppo di una cultura del risultato e la valorizzazione di tutti coloro che contribuiscono al suo raggiungimento rappresenta uno strumento fondamentale del nostro sviluppo futuro. In questa sezione illustriamo le linee guida e le principali azioni del nostro Piano Industriale e i temi rilevanti per gli stakeholder, cercando di affrontare con una prospettiva unitaria i temi che risultano prioritari sia nell ambito della nostra pianificazione sia per le persone con cui operiamo e ci relazioniamo ogni giorno. Gruppo BPM Report di Sostenibilità 12

13 2.1 IL NOSTRO PIANO INDUSTRIALE: UNA CRESCITA SOLIDA E SOSTENIBILE LINEE GUIDA AZIONI IN CORSO OBIETTIVI RAGGIUNTI SOLIDITÀ E RESILIENZA: BASE PATRIMONIALE SOLIDA MAGGIORE LIQUIDITÀ PROFILO DI RISCHIO CONTENUTO Costante presidio della qualità del credito grazie all adozione di specifiche politiche per settore, ottimizzazione del monitoraggio dei crediti, gestione attiva dei crediti problematici. Raggiunto l obiettivo di una base patrimoniale solida grazie all aumento di capitale e rimozione degli add-on. Liquidità rafforzata con una dotazione tale da far fronte, oltre agli impegni ordinari, anche a situazioni straordinarie. EFFICACIA COMMERCIALE: MULTICANALITÀ SERVIZI ALL AVANGUARDIA INNOVAZIONE NELLA RELAZIONE CON I CLIENTI Rete territoriale leggera con formati distributivi differenziati e rafforzamento della rete di promotori finanziari con lo scopo di soddisfare le esigenze di specifici segmenti di mercato e offrire un servizio personalizzato nel comparto retail. Offerta di servizi a valore aggiunto per la clientela Corporate grazie anche alle sinergie con Banca Akros e rafforzamento del servizio commerciale alle imprese. Creazione di un polo d eccellenza nel Private Banking. Avvenuta l integrazione di WeBank in Banca Popolare di Milano in ottica di creazione di un unica banca multicanale. EFFICIENZA E VALORIZZAZIONE ASSET IMMATERIALI E MATERIALI: VALORIZZAZIONE RISORSE DEL GRUPPO, ACQUISIZIONE NUOVE PROFESSIONALITÀ E GIOVANI TALENTI DIGITALIZZAZIONE ED EFFICIENZA RAZIONALIZZAZIONE E VALORIZZAZIONE IMMOBILI Significativi investimenti in IT. Restyling/efficientamento energetico del patrimonio immobiliare. Sviluppo della Formazione e di un sistema di valutazione basato sulle performance, coinvolgimento del personale nel raggiungimento degli obiettivi di Piano. Costante attenzione al contenimento dei costi grazie agli interventi di riduzione della spesa corrente, alla digitalizzazione dei processi commerciali e al ridisegno dei processi di back office. Gruppo BPM Report di Sostenibilità 13

14 2.1. IL NOSTRO PIANO INDUSTRIALE: UNA CRESCITA SOLIDA E SOSTENIBILE IMPATTI SUGLI STAKEHOLDER Il Piano Industriale, oltre a generare risultati economici e finanziari, ha rilevanza per tutti gli stakeholder che si relazionano con il Gruppo BPM. In questa pagina abbiamo declinato gli obiettivi di Piano in termini di impatto sui clienti, sui soci e azionisti, sul personale, sulla comunità e sull ambiente. CLIENTI Maggiore sostegno ai settori trainanti dell economia reale Nuovi strumenti di contatto a disposizione della clientela e attenzione alla customer satisfaction Riduzione dei tempi di risposta ai clienti SOCI E AZIONISTI Remunerazione dei soci e azionisti nel breve e nel medio-lungo periodo Aumento della fiducia da parte degli investitori IMPATTO DEL PIANO INDUSTRIALE SUGLI STAKEHOLDER RISORSE UMANE Valorizzazione del personale e cultura del risultato Costante condivisione della vision aziendale e rafforzamento della coesione interna Formazione per la riqualificazione professionale COMUNITÀ E AMBIENTE Maggiori risorse da destinare al territorio Attenzione ai materiali utilizzati nelle ristrutturazioni immobiliari, efficienza energetica e riduzione degli sprechi Sviluppo del welfare aziendale Gruppo BPM Report di Sostenibilità 14

15 2.1. IL NOSTRO PIANO INDUSTRIALE: UNA CRESCITA SOLIDA E SOSTENIBILE LE DIRETTRICI DELLA SOSTENIBILITÀ NEL PIANO INDUSTRIALE Il Piano Industriale viene declinato in una logica di Sostenibilità nelle tre direttrici: Sociale, Economica, Ambientale. Politica del credito prudente e rivolta a supportare i settori dell economia reale con prospettive di crescita SOCIALE Gestione responsabile delle Risorse Umane Maggiore utile da destinare al no profit* Gestione della riorganizzazione aziendale preservando l occupazione Equilibrio e soddisfazione dei diversi stakeholder Ricambio generazionale con nuove assunzioni e sviluppo professionalità presenti in azienda ECONOMICA Solidità patrimoniale e redditività di lungo periodo Coinvolgimento della comunità finanziaria Risparmio di costi AMBIENTALE Valorizzazione e riqualificazione del patrimonio immobiliare Efficienza energetica e riduzione dell impatto ambientale * L articolo 60 dello Statuto di BPM prevede la possibilità di destinare al Fondo di Beneficenza e di Pubblica Utilità un importo non superiore al 2% dell utile netto. Gruppo BPM Report di Sostenibilità 15

16 2.2 COSA CI CHIEDONO GLI STAKEHOLDER TEMI RILEVANTI PER GLI STAKEHOLDER Temi ambientali, sociali ed economici Di seguito sono elencati i temi che gli stakeholder della Banca, e più in generale la società, ritengono rilevanti per il Gruppo BPM. Questa matrice è stata realizzata coinvolgendo interlocutori esterni e strutture aziendali del Gruppo, considerando i temi maggiormente trattati sulla stampa e i risultati di una indagine su un panel di stakeholder esterni consultati dal gruppo di lavoro ABI Progetto Valore Condiviso. RILEVANZA PER GLI STAKEHOLDER ALTA MEDIA Lotta alla corruzione Gestione del rischio socioambientale nei finanziamenti Educazione finanziaria Valorizzazione diversità e pari opportunità Prodotti e servizi green Inclusione finanziaria e Microcredito Supporto al Terzo Settore Qualità, trasparenza e sicurezza del servizio Welfare Aziendale Sviluppo e coinvolgimento del personale Innovazione nei servizi alla clientela Riduzione impatto ambientale Solidità patrimoniale e redditività Credito, supporto e consulenza a famiglie ed imprese ATTENZIONE SVILUPPO APPROCCIO DEL GRUPPO BPM STRATEGIA Per la realizzazione di questa mappa, si ringrazia per la collaborazione l associazione di azionariato attivo Etica Dignità Valori Ambientali Sociali Economici Gruppo BPM Report di Sostenibilità 16

17 2.2 COSA CI CHIEDONO GLI STAKEHOLDER TEMI RILEVANTI PER GLI STAKEHOLDER Solidità patrimoniale e redditività Credito, supporto e consulenza a famiglie ed imprese REPORT SINTETICO DI SOSTENIBILITÀ 2.3 Solidi per dare credito alle attività reali 3.1 Performance economica 2.3 Solidi per dare credito alle attività reali 2.4 Filiali, multicanalità integrata e ascolto del cliente 2.5 Prodotti e servizi per una economia in ripresa PIANO INDUSTRIALE REPORT INTEGRALE DI SOSTENIBILITÀ Per rispondere alle aspettative degli stakeholder, in questa Sintesi abbiamo trattato alcuni dei temi considerati rilevanti, molti dei quali sono presenti anche nel Piano Industriale. Nello schema è possibile individuare dove tali temi vengono sviluppati nel presente documento e quali verranno invece affrontati nel Report Integrale di Sostenibilità. Sviluppo e coinvolgimento del personale 2.6 Struttura organizzativa snella e forte cultura d impresa 2.7 Nuovi talenti, formazione e meritocrazia Innovazione nei servizi alla clientela 2.4 Filiali, multicanalità integrata e ascolto del cliente Qualità, trasparenza e sicurezza del servizio Welfare Aziendale Educazione Finanziaria Supporto al Terzo Settore Valorizzazione diversità e pari opportunità Lotta alla corruzione Riduzione impatto ambientale 3.2 Performance sociale 2.8 Il nostro welfare aziendale 2.9 Iniziative a favore del territorio 2.9 Iniziative a favore del territorio 3.2 Performance sociale 3.3 Performance ambientale Dall analisi delle aspettative nei confronti delle Banche, emerge che le principali aspettative degli stakeholder riguardano la loro attività tradizionale e in particolare la capacità di innovare e rendere efficiente il business bancario, generare reddito e sostenere l economia, soprattutto attraverso azioni finalizzate al sostegno del sistema produttivo italiano. Prodotti e servizi green 3.3 Performance ambientale Gestione del rischio socio-ambientale nei finanziamenti L utilizzo di indicatori sociali e ambientali per la valutazione del credito è in fase di valutazione e di studio Ambientali Sociali Economici Gruppo BPM Report di Sostenibilità 17

18 2.3 SOLIDI PER DARE CREDITO ALLE ATTIVITÀ REALI Cosa cambia dopo l Asset Quality Review? Banca Popolare di Milano è una delle 15 banche italiane di rilevanza nazionale, passate a fine 2014 sotto il controllo della Banca Centrale Europea la quale ha assunto un ruolo determinante nella vigilanza bancaria, divenendo supervisore unico del sistema bancario. Con riferimento a tale attività di controllo la BCE ha avviato una serie di verifiche sulla solidità finanziaria delle banche nazionali (Comprehensive Assessment vedi box) con l obiettivo di garantire, in caso di crisi, la stabilità dei mercati finanziari europei. Banca Popolare di Milano ha superato con successo tutte le fasi dell analisi della BCE dimostrando di avere dotazioni patrimoniali in grado di assorbire gli shock derivanti da particolari condizioni di crisi. In particolare, nella fase di stress test la Banca ha evidenziato la capacità di far fronte nei prossimi anni a scenari avversi con un eccesso di capitale pari a euro 713 milioni. Le nuove metodologie di analisi del regolatore europeo, che rendono necessario disporre di informazioni approfondite e strutturate sui crediti, hanno indotto la Banca a evolvere i processi di valutazione, erogazione e monitoraggio del credito allo scopo di omogeneizzarlo agli standard utilizzati in sede di AQR e di rendere sostenibile nel tempo il rapporto con le imprese clienti presenti sul territorio. In particolare, sono stati implementati metodi di analisi che si fondano su indicatori finanziari e di rischio, basati su analisi di bilancio, business plan e previsioni sui flussi di cassa. Inoltre, Banca Popolare di Milano ha sviluppato politiche del credito che tengono conto sia delle prospettive settoriali sia del posizionamento della singola azienda. Infatti, oggi, in una economia sempre più interconnessa, associare correttamente il rischio a un impresa implica una conoscenza non solo della singola realtà aziendale, ma anche del settore e della filiera a cui essa appartiene. Attraverso questo approccio Banca Popolare di Milano intende consolidare il rapporto con le imprese clienti andando sempre più a fondo nell analisi di una azienda e delle sue prospettive, valorizzando l importanza di un rapporto continuo e trasparente. IL PROCESSO DI COMPREHENSIVE ASSESSMENT DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA 1 a FASE Supervisor Risk Assessment 2 a FASE Asset Quality Review 3 a FASE Test di resistenza (definito Stress Test) Analisi dei principali profili di rischio insiti nei bilanci degli istituti coinvolti nel Comprehensive Assessment (revisione della posizione di liquidità, del livello di indebitamento e della raccolta fondi). Analisi della qualità degli attivi delle banche, ivi compresa l adeguatezza sia della valutazione di attività e garanzie sia dei relativi accantonamenti. Verifica dell adeguatezza di dotazione patrimoniale delle banche in presenza di scenari avversi nell arco temporale Gruppo BPM Report di Sostenibilità 18

19 2.3 SOLIDI PER DARE CREDITO ALLE ATTIVITÀ REALI SITUAZIONE PATRIMONIALE DELLE BANCHE A CONCLUSIONE DEL COMPREHENSIVE ASSESSMENT INTERVENTI REALIZZATI DAL GRUPPO BANCA POPOLARE DI MILANO DOPO L AQR LE 15 BANCHE ITALIANE SOTTO LA LENTE Eccedenza/carenza di capitale al 2014 (mln di euro) Intesa Sanpaolo Unicredit Sviluppo della nuova Pratica Elettronica di Fido (PEF), con linee guida ai gestori aziende per l acquisizione di informazioni qualificate e industrializzazione del processo di acquisizione/ aggiornamento dei dati dalle imprese UBI Banca Banco Popolare Revisione dei criteri di riclassificazione dei bilanci e dei relativi ratio per omogeneizzarli agli standard utilizzati in sede di AQR Mediobanca Focus su analisi prospettica, sui flussi di cassa e capacità di rimborso del debito Popolare dell Emilia Romagna Credito Emiliano Semplificazione dei processi amministrativi del credito per consentire la focalizzazione sull analisi del rischio Iccrea Holding Credito Valtellinese Analisi della coerenza delle richieste con le policy di credito aziendali Popolare di Vicenza Popolare di Sondrio Implementazione di un sistema di monitoraggio sullo stato di salute delle imprese e sulle garanzie prestate Veneto Banca Carige Monte Paschi Valutazione delle competenze del personale di Rete e del Servizio Crediti (negli ambiti contabilità, analisi finanziarie, analisi degli scenari) e benchmark con i concorrenti a livello internazionale, successivo avvio di un programma di formazione ad hoc finalizzato a compensare i gap rilevati Fonte: Banca d Italia Gruppo BPM Report di Sostenibilità 19

20 2.4 FILIALI, MULTICANALITÀ INTEGRATA E ASCOLTO DEL CLIENTE Il nostro modello commerciale offre un servizio multicanale integrato grazie all attività sinergica di filiali, promotori finanziari, internet banking, call center e phone banking e garantisce un servizio personalizzato ad un ampia fascia di clientela. Si tratta del core business del Gruppo a cui sono dedicati, con diversi ruoli, oltre i due terzi del personale. La rete fisica comprende le filiali bancarie sul territorio, i centri corporate specializzati per le imprese di medie e grandi dimensioni, i centri private per la consulenza in materia finanziaria e gli sportelli ProFamily per il credito al consumo e la consulenza alle famiglie. LE FILIALI BANCARIE Sportello di Legnano Fino agli anni 2000 in Italia, la presenza di filiali sul territorio ha rappresentato sostanzialmente l unica leva per aumentare raccolta, impieghi e comunicazione del brand. Recentemente il calo di redditività del sistema bancario e i cambiamenti sociali, culturali e tecnologici hanno spinto le banche italiane a ripensare il proprio modello di contatto e tendere agli standard europei in termini di numero di filiali per abitante. Nel 2012 in Italia erano mediamente presenti 54 filiali ogni abitanti contro una media di 41 a livello europeo. Fonte: Studio PWC del 2013 Gruppo BPM Report di Sostenibilità 20

21 2.4 FILIALI, MULTICANALITÀ INTEGRATA E ASCOLTO DEL CLIENTE Negli ultimi anni la rete è stata oggetto di un processo di razionalizzazione e rinnovamento che ha tenuto conto da una parte della sostenibilità economica del tradizionale modello distributivo e dall altra della vicinanza al cliente. La razionalizzazione della presenza territoriale non è stata priva di considerazioni di carattere sociale: nei comuni di Accadia (FG) e Altamura (BA), ad esempio, si è rinunciato alla pianificata chiusura delle filiali accogliendo le istanze della popolazione locale per cui lo sportello BPM rappresentava l unica realtà bancaria. Alla rete tradizionale si affianca l attività di 43 promotori finanziari facenti capo a BPM a cui si aggiungono i 15 di Banca Akros. RETE DISTRIBUTIVA GRUPPO BPM 31/12/14 31/12/13 31/12/12 Nonostante i cambiamenti in atto, nel nostro modello commerciale la filiale è il luogo di relazione privilegiata tra banca e clientela. Anche per tale motivo abbiamo avviato un restyling delle filiali al fine di garantire un luogo accogliente per i clienti e un ambiente di lavoro moderno ed efficiente dal punto di vista energetico. Il passaggio alla multicanalità integrata, intrapreso dal Gruppo nel 2014 (con importanti sviluppi e investimenti previsti per i prossimi anni), è il motore di innovazione per offrire diverse soluzioni che consentano un contatto costante ma flessibile con la clientela. L incorporazione di WeBank in Banca Popolare di Milano è stata una tappa fondamentale della strategia multicanale ed ha consentito di integrare i servizi online di un brand all avanguardia nell offerta della rete BPM. Il marchio WeBank, riconosciuto e affermato tra la clientela digitale, continuerà ad operare attraverso una strategia basata sull innovazione continua. Totale sportelli Centri Corporate Centri Private Sportelli ProFamily TOTALE LE NUOVE ESIGENZE DELLA CLIENTELA Nel 2013 quasi 15 milioni di italiani hanno dichiarato di utilizzare l internet banking, di cui circa il 20% (cifra destinata ad esplodere nei prossimi anni) ha affermato di accedere ai servizi bancari via smartphone. L esigenza di maggiore flessibilità ha portato la clientela a privilegiare sempre più lo sportello per l assistenza e la consulenza riguardante le scelte finanziarie importanti e sempre meno per le operazioni ordinarie (bonifici, pagamenti, estratto conto, ecc.) per cui si preferisce il canale online. Indagine ABI e GfK-Eurisko Gruppo BPM Report di Sostenibilità 21

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 * * * * * * LINEE GUIDA DEL PIANO 1. Incremento dei ricavi 2. Miglioramento strutturale del rischio di credito 3. Aumento dell efficienza della macchina operativa 4. Azioni

Dettagli

PROMOTORI FINANZIARI PROMOTORI FINANZIARI CREDEM. PROTAGONISTI ASSOLUTI.

PROMOTORI FINANZIARI PROMOTORI FINANZIARI CREDEM. PROTAGONISTI ASSOLUTI. PROMOTORI FINANZIARI PROMOTORI FINANZIARI CREDEM. PROTAGONISTI ASSOLUTI. Cosa cercano i migliori promotori? Ampia gamma di prodotti Massima autonomia Accogliere i clienti in una banca Guadagno su tutti

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

LE RISORSE UMANE NEI BILANCI AZIENDALI OSSERVATORIO ANNUALE 2006

LE RISORSE UMANE NEI BILANCI AZIENDALI OSSERVATORIO ANNUALE 2006 LE RISORSE UMANE NEI BILANCI AZIENDALI OSSERVATORIO ANNUALE 2006 I BILANCI ECCELLENTI Estratto dal Bilancio GRUPPO MPS Lo stralcio che segue è estratto da Gruppo MPS Bilancio 2005 Pagine 91-97 euro (+44%

Dettagli

Codice europeo per la trasparenza degli investimenti sostenibili e responsabili - Eurosif

Codice europeo per la trasparenza degli investimenti sostenibili e responsabili - Eurosif Codice europeo per la trasparenza degli investimenti sostenibili e responsabili - Eurosif Prospetto di adesione dei fondi immobiliari Aristotele ed Erasmo gestiti da Fabrica Immobiliare SGR SpA Dati al

Dettagli

AGENTI: 1.375 (2005: 1.408) AGENTI: 469 (2005: 489) SUBAGENTI: 5.422 (2005: 6.799) SUBAGENTI: 1.178 (2005: 1.385) GERENZE ALLIANZ SUBALPINA

AGENTI: 1.375 (2005: 1.408) AGENTI: 469 (2005: 489) SUBAGENTI: 5.422 (2005: 6.799) SUBAGENTI: 1.178 (2005: 1.385) GERENZE ALLIANZ SUBALPINA RAS-Riunione Adriatica di Sicurtà - Bilancio Sociale 26 Canali distributivi Chi sono Agenti assicurativi La missione degli agenti (1.844 a fine 26) è aiutare i clienti a individuare le soluzioni assicurative

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

Catalogo Corsi 2015. Progetti formativi. Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228)

Catalogo Corsi 2015. Progetti formativi. Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228) Catalogo Corsi 2015 Progetti formativi Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 (certificato N IT02/228) AREA REGOLAMENTAZIONE (Rischi, Bilancio, Controlli e Legale) a) Normativa antiriciclaggio e terrorismo

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015

PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015 COMUNICATO STAMPA PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015 Qualità coniugata a redditività alla base del nuovo Piano Industriale di UBI UBI si pone come obiettivo un utile netto (escluso l effetto della PPA) pari

Dettagli

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Assemblea 29.4.15 BANCAMEDIOCREDITO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Dopo un 2013 difficile chiuso con una forte perdita che aveva significativamente inciso la solidità patrimoniale della Banca, pur in un contesto

Dettagli

Presentazione Prodotti Cessione del Quinto CRAL - Circolo Dipendenti Regione Marche

Presentazione Prodotti Cessione del Quinto CRAL - Circolo Dipendenti Regione Marche Benvenuto in ProFamily Presentazione Prodotti Cessione del Quinto CRAL - Circolo Dipendenti Regione Marche Ancona, Febbraio 2014 C.A. del Presidente Dott. Elio Tomassoni Documento sviluppato da: Direzione

Dettagli

SERVIRE IL CLIENTE NEL CICLO DI VITA DEL PATRIMONIO Competenze per la consulenza nelle nuove filiali

SERVIRE IL CLIENTE NEL CICLO DI VITA DEL PATRIMONIO Competenze per la consulenza nelle nuove filiali SERVIRE IL CLIENTE NEL CICLO DI VITA DEL PATRIMONIO Competenze per la consulenza nelle nuove filiali Aida Maisano Responsabile ABIFormazione FORUM HR 2015, 9 e 10 giugno 2015 Banche e Risorse Umane Le

Dettagli

LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO LA SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO Oggetto sociale, capitale e soci La SGR esercita, nell interesse dei sottoscrittori del Fondo (partecipanti) e nel rispetto delle vigenti disposizioni normative e regolamentari

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

UILCA GRUPPO MPS FOCUS A N N O I I I N U M E R O 3

UILCA GRUPPO MPS FOCUS A N N O I I I N U M E R O 3 UILCA GRUPPO MPS FOCUS A N N O I I I N U M E R O 3 G E N - M A R 2 0 1 3 In questo numero parliamo di... S O M M A R I O : Talent & Performance management... Carissime Iscritte, Carissimi Iscritti, in

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1

Sistema bancario. Angelo Baglioni. Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 15/4/2014 1 Sistema bancario Angelo Baglioni Ciclo di seminari: La congiuntura più lunga 1 Schema della presentazione Credit crunch Rischio di credito - sovrano Patrimonio Funding, liquidità Prospettive: vie d uscita?

Dettagli

100 Bilancio Sociale 2007 La Relazione Sociale Azionisti. Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Media

100 Bilancio Sociale 2007 La Relazione Sociale Azionisti. Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Media 100 Bilancio Sociale 2007 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Media 101 Bilancio Sociale 2007 La Relazione Sociale Azionisti Linee

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Milano 15 Novembre 2010 Le principali p tappe del progetto Il Progetto del Fondo Italiano di Investimento (FII) è nato nel mese di dicembre 2009, su iniziativa del Ministero

Dettagli

FORUM HR 2015. Roma, 9/10 giugno 2015. Le nuove professioni in Banca. La crisi economico-finanziaria, iniziata a partire dal 2008, ha avuto importanti

FORUM HR 2015. Roma, 9/10 giugno 2015. Le nuove professioni in Banca. La crisi economico-finanziaria, iniziata a partire dal 2008, ha avuto importanti 1 FORUM HR 2015 Roma, 9/10 giugno 2015 Le nuove professioni in Banca La crisi economico-finanziaria, iniziata a partire dal 2008, ha avuto importanti ripercussioni, oltreché a livello sociale, sulla redditività

Dettagli

POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI

POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI POLITICHE DI REMUNERAZIONE A FAVORE DEGLI ORGANI SOCIALI E DEL PERSONALE ai sensi del Regolamento ISVAP n. 39 del 9 giugno 2011 Definite nella seduta del Consiglio di Amministrazione del: 31 / 03 / 2015

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO

La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO La ristrutturazione dell impresa come opportunità di sviluppo e creazione di valore IL FONDO ITALIANO DI INVESTIMENTO TopLegal Roma, 23 settembre 2010 Il progetto Nel mese di dicembre 2009, su iniziativa

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

Assistiamo imprese e famiglie imprenditoriali nelle scelte di investimento, protezione del patrimonio e continuità d azienda.

Assistiamo imprese e famiglie imprenditoriali nelle scelte di investimento, protezione del patrimonio e continuità d azienda. Assistiamo imprese e famiglie imprenditoriali nelle scelte di investimento, protezione del patrimonio e continuità d azienda. Chi siamo Il progetto Amaranto Investment nasce nel 2003 con l obiettivo di

Dettagli

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società Cooperativa per Azioni

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società Cooperativa per Azioni Il nuovo Consiglio di amministrazione della Banca Popolare delle Province Calabre, eletto nell assemblea degli azionisti del 14 ottobre p.v., sarà impegnato nell immediato futuro a redigere il nuovo piano

Dettagli

Banca Fideuram in sintesi

Banca Fideuram in sintesi Banca in sintesi Principali indicatori di gestione 2012 2011 2010 2009 2008 ATTIVITÀ FINANZIARIE DELLA CLIENTELA Raccolta netta di risparmio gestito (milioni di euro) 2.749 (31) 4.234 2.928 (3.850) Raccolta

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Gabriele Cappellini Milano, 18 ottobre 2011 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita patrimoniale

Dettagli

NOME AZIENDA. UBI Banca Popolare Commercio e Industria COMPANY PROFILE CONTATTI

NOME AZIENDA. UBI Banca Popolare Commercio e Industria COMPANY PROFILE CONTATTI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA NOME AZIENDA PROFILO AZIENDA PORTE APERTE ALLE IMPRESE 2011 UBI Banca Popolare Commercio e Industria COMPANY PROFILE UBI Banca Popolare Commercio e Industria fa parte del

Dettagli

come il Marketing Territoriale, il CRM B2B ed la Customer Satisfaction possono aiutare a vincere le sfide nel 2015 temi per gli interventi

come il Marketing Territoriale, il CRM B2B ed la Customer Satisfaction possono aiutare a vincere le sfide nel 2015 temi per gli interventi Appunti in Bozza riservata per la discussione con i Relatori- Agenda in costruzione Appunti in prima bozza sul seminario autunnale incentrato sullo sviluppo degli affari con le piccole e medie imprese

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO

IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO Le ipotesi di miglioramento individuate lo scorso anno nel nostro primo Bilancio Sociale tracciano le linee di un percorso che abbiamo intrapreso nel 2002 e che intendiamo proseguire

Dettagli

Regione Lombardia. Direzione Generale Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione. Indicatori di Responsabilità sociale d Impresa per le aziende

Regione Lombardia. Direzione Generale Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione. Indicatori di Responsabilità sociale d Impresa per le aziende Regione Lombardia Direzione Generale Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione Indicatori di Responsabilità sociale d Impresa per le aziende 1 Premessa In un contesto che cambia a livello globale,

Dettagli

Fondo Italiano d'investimento - Criteri e modalità operative

Fondo Italiano d'investimento - Criteri e modalità operative Fondo Italiano d'investimento - Criteri e modalità operative Roma, 9 Novembre 2010 Circolare N.19354 Confindustria Fisco, Finanza e Welfare Il Direttore Elio Schettino Con l obiettivo di sostenere le piccole

Dettagli

Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti.

Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti. 13 1 2 Da sempre abbiamo creduto in un sogno, la nascita di una Società Finanziaria attenta ai desideri dei nostri clienti. Credion Società Finanziaria Spa nasce nel 2006 grazie alla grinta e alla determinazione

Dettagli

Il Mercato Alternativo del Capitale per le piccole e medie imprese

Il Mercato Alternativo del Capitale per le piccole e medie imprese Il Mercato Alternativo del Capitale per le piccole e medie imprese Per crescere con il sostegno di nuovi soci, in modo semplice, senza perdere flessibilità e indipendenza U N A N U O V A S O L U Z I O

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Roberto Del Giudice Firenze, 10 febbraio 2014 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita

Dettagli

Risultati 2012 e obiettivi futuri

Risultati 2012 e obiettivi futuri Strategia Risultati 2012 e obiettivi futuri Lo scenario economico mondiale vive ancora in un clima di incertezza. Ciò nonostante, nel 2012, il Gruppo Enel ha conseguito gli obiettivi indicati al mercato,

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO

EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO EFFICIENZA ENERGETICA D IMPRESA PER IL GRUPPO INTESA SANPAOLO Gianmarco Manzone Divisione Banca dei Territori Ufficio Finanziamenti e Confidi 1 Roma, 22 ottobre 2008 La storia di Intesa Sanpaolo 1998 2000

Dettagli

Il ruolo del credito per favorire l integrazione

Il ruolo del credito per favorire l integrazione Il ruolo del credito per favorire l integrazione Corrado Piazzalunga Direttore Regione Commerciale Ovest Forte di Bard, 26 settembre 2008 AGENDA Le caratteristiche delle imprese italiane: struttura finanziaria

Dettagli

CONSUMER-LAB Gruppo Montepaschi e Associazioni dei Consumatori insieme per le famiglie italiane

CONSUMER-LAB Gruppo Montepaschi e Associazioni dei Consumatori insieme per le famiglie italiane CONSUMER-LAB Gruppo Montepaschi e Associazioni dei Consumatori insieme per le famiglie italiane Ispirandosi alla convinzione che i temi consumeristici contengano delle significative opportunità di miglioramento

Dettagli

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014 COMUNICARE LA SOSTENIBILITÀ STRUMENTI, STANDARD E MODELLI PER RENDICONTARE E VALORIZZARE L IMPEGNO DI UN ORGANIZZAZIONE IN MATERIA DI RESPONSABILITÀ AMBIENTALE, SOCIALE ED ECONOMICA. GENOVA, 16 SETTEMBRE

Dettagli

WELFARE AZIENDALE. Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale

WELFARE AZIENDALE. Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale WELFARE AZIENDALE Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale L esperienza di Muoversi nella gestione di piani benefit e work life balance: il caso concreto di BPER Milano, 15 Aprile

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini

Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia. Roma, 21 maggio 2013. Giovanni Sabatini Rapporto ABI 2013 sul settore bancario in Italia Roma, 21 maggio 2013 Giovanni Sabatini Lo scenario di riferimento macro La dinamica del mercato del credito Risultati 2012 Primo trimestre 2013 Prospettive

Dettagli

PAYMENT RESEARCH PROGRAM 2009-2012

PAYMENT RESEARCH PROGRAM 2009-2012 DO YOU SEPA? 2010 PAYMENT RESEARCH PROGRAM 2009-2012 Chiara Frigerio CeTIF in collaborazione con 1 Dinamiche evolutive del business dei pagamenti Fattori Socio-culturali SEPA Evoluzione del mercato Sistemi

Dettagli

BNL per le Reti di imprese

BNL per le Reti di imprese per le Reti di imprese Reti di imprese: vantaggi per imprese e banche VANTAGGI PER LE IMPRESE VANTAGGI PER LE BANCHE Forma di collaborazione efficace tra aziende Maggiori economie di scala (efficienza

Dettagli

BANCA ETRURIA. Cartella Stampa

BANCA ETRURIA. Cartella Stampa BANCA ETRURIA Cartella Stampa Chi siamo La storia I nostri Valori Il Gruppo Banca Etruria nasce ad Arezzo e successivamente si consolida attraverso numerose fusioni e incorporazioni fra Banche Popolari

Dettagli

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità

6 Il Valore della Sostenibilità. Il valore della sostenibilità 6 Il Valore della Sostenibilità Il valore della sostenibilità Il Valore della Sostenibilità 7 Strategia e approccio GRI - G4: 1 In Snam sostenibilità e creazione di valore sono concetti fortemente legati.

Dettagli

RISULTATI COMPREHENSIVE ASSESSMENT

RISULTATI COMPREHENSIVE ASSESSMENT PRESS RELEASE COMUNICATO STAMPA RISULTATI COMPREHENSIVE ASSESSMENT Positivo risultato dell AQR considerando le misure di patrimonializzazione già realizzate, pari a complessivi 1.021,2 milioni (aumento

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca ABI HR 2008: Banche e Risorse Umane Competenze e merito per crescere nella banca che cambia Andrea Ghidoni Roma, 8 Maggio 2008 Gruppo

Dettagli

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004 Marzo Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. IL PATRIMONIO INTANGIBILE COSA SI INTENDE PER PATRIMONIO INTANGIBILE?

Dettagli

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Progettando2006 Approcci e metodologie di Project Management Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Agenda Il Gruppo BPVN SGS - BPVN Un esempio: Il progetto di integrazione tra BPV e BPN Conclusioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl

CRM Basilea 2 :: :: :: :: PMI Center. -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl PMI Center -CRM per Basilea 2 - Cedac Software Srl 1 La tecnologia ha rimodulato i rapporti fra PMI e sistema Bancario a) anno 1987 - scambio telematico flussi informativi e dispositivi monobanca b) anno

Dettagli

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati semestrali 2015 Deliberata la domanda di ammissione in quotazione e l adozione del nuovo

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

PRESENTAZIONE REALTA' AZIENDALE

PRESENTAZIONE REALTA' AZIENDALE PRESENTAZIONE REALTA' AZIENDALE INDICE MUTUI & FUTURO 1. La Società' pag. 06 2. Vision, Mission, Valori pag. 07 3. Organigramma pag. 08 4. Modello di Lavoro pag. 09 5. Struttura Distributiva pag. 1 1 6.

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

SCHEMA DELLE SESSIONI

SCHEMA DELLE SESSIONI SCHEMA DELLE SESSIONI I GIORNATA MERCOLEDÌ 24 NOVEMBRE MODULO PERSONE SESSIONE A1 MATTINA SESSIONE B1 MATTINA SESSIONE C1 MATTINA Le prospettive del Mercato del Credito Immobiliare Credito ai consumatori:

Dettagli

CONSULENZA AVANZATA Obiettivi e evoluzione del modello organizzativo. Convegno Sec - 22 ottobre 2010

CONSULENZA AVANZATA Obiettivi e evoluzione del modello organizzativo. Convegno Sec - 22 ottobre 2010 CONSULENZA AVANZATA Convegno Sec - 22 ottobre 2010 - Indice - - Premessa e benchmark di mercato - Come cambia il modello di relazione con il cliente - Come cambia il raccordo tra direzioni centrali e rete

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Verona 25 Novembre 2010 Le principali tappe del progetto Il Progetto del Fondo Italiano di Investimento (FII) è nato nel mese di dicembre 2009, su iniziativa del Ministero

Dettagli

PRESENTAZIONE IL PIANO INDUSTRIALE 2009-2011. Milano, 23 luglio 2009

PRESENTAZIONE IL PIANO INDUSTRIALE 2009-2011. Milano, 23 luglio 2009 PRESENTAZIONE IL PIANO INDUSTRIALE 2009- Milano, 23 luglio 2009 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator Agenda Obiettivi e direttive strategiche Principali interventi Proiezioni

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria

Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria Milano, 22 Settembre 2011 Riorganizzazione del servizio di consulenza finanziaria del Gruppo Banca Etruria Milano, 22 Settembre 2011 Paolo Manuelli Gruppo Banca Etruria Michele Tanzi Gruppo ObjectWay 1

Dettagli

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011 Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria Milano, 23.03.2011 Presentazione Banca Finnat Dinamica operativa Principali grandezze economiche 2010 Scenario, opportunità e sfide da affrontare

Dettagli

ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA. I princípi e i valori etici d impresa

ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA. I princípi e i valori etici d impresa ETICA, RESPONSABILITÀ E GOVERNO D IMPRESA Sentiamo la responsabilità di essere un player globale in un settore caratterizzato da elementi strategici di grande delicatezza. L attenzione alle regole e la

Dettagli

Giampietro Nattino PRESIDENTE DEL CDA

Giampietro Nattino PRESIDENTE DEL CDA Il nostro migliore investimento è il tempo dedicato a comprendere e soddisfare le esigenze della clientela, mettendo a disposizione della medesima servizi di consulenza e prodotti finanziari di alta qualità.

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI

DOCUMENTO INFORMATIVO IN MATERIA DI INCENTIVI E RECLAMI Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018, BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio 1 L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio L esperienza del Gruppo Cariparma FriulAdria Roma, 5 Maggio 2010 Carlo PIANA Responsabile Direzione Centrale

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI BANCARI

CONSORZIO SERVIZI BANCARI CONSORZIO SERVIZI BANCARI CSE Consorzio Servizi Bancari, nato nel 1970 come centro meccanografico, è divenuto nel corso degli anni leader nel campo dell outsourcing bancario. Nel tempo l attività primaria

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29%

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% Utile netto consolidato +28,1% a/a a 128,5 milioni di euro;

Dettagli

PREVIDENZA COMPLEMENTARE BANCA MPS. sintesi delle normative aziendali vigenti

PREVIDENZA COMPLEMENTARE BANCA MPS. sintesi delle normative aziendali vigenti PREVIDENZA COMPLEMENTARE BANCA MPS sintesi delle normative aziendali vigenti OTTOBRE 2014 COORDINAMENTO GRUPPO MONTE DEI PASCHI VIA BANCHI DI SOPRA, 48-53100 SIENA TEL. 0577.41544 0577.46954 - FAX 0577.226937

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Progetto Multicanalità Integrata. Contact Unit. Milano, 17 luglio 2014

Progetto Multicanalità Integrata. Contact Unit. Milano, 17 luglio 2014 Progetto Multicanalità Integrata Contact Unit Milano, 17 luglio 2014 La nostra formula per il successo Piano d Impresa 2014-2017 1 Solida e sostenibile creazione e distribuzione di valore Aumento della

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

Il mondo del Private Equity

Il mondo del Private Equity Pietro Busnardo Il mondo del Private Equity Obiettivi e modalità di intervento Reggio Emilia, 11 marzo 2014 Cosa si intende per Private Equity Finanza Debito Equity Mercati Corporate Il Private Equity

Dettagli

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre

Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre Profilo aziendale Ogni azienda vive la sua storia: unica, speciale, ricca di sfide. Lungo questo percorso Brogi & Pittalis vuole affiancarvi per arricchire le vostre competenze e aiutarvi ad ottenere di

Dettagli

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia PREMESSA L OSA (operatore/operatrice socioassistenziale) - Ha uno statuto di professionista qualificato con Attestato

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

FORUM HR 2014 BANCHE E RISORSE UMANE APPLICAZIONI DI MANAGEMENT POSITIVO COME INTEGRAZIONE DI OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI

FORUM HR 2014 BANCHE E RISORSE UMANE APPLICAZIONI DI MANAGEMENT POSITIVO COME INTEGRAZIONE DI OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI FORUM HR 2014 BANCHE E RISORSE UMANE APPLICAZIONI DI MANAGEMENT POSITIVO COME INTEGRAZIONE DI OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI Mario Giuseppe Napoli, Responsabile Risorse Umane, Gruppo UBI Banca Roma, Palazzo Altieri,19

Dettagli

L etica come investimento:

L etica come investimento: L etica come investimento: il coinvolgimento in cause sociali ragione sociale: Monti Ascensori S.p.a. provincia: Bologna addetti: 140 settore: installazione, manutenzione e riparazione di ascensori sito

Dettagli

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza.

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza. INSIEME PER L IMPRESA La forma e la sostanza. 2 La cultura d impresa è un patrimonio prezioso come i capitali e le buone consulenze. BANCA D IMPRESA SI NASCE ESPERIENZA, SPECIALIZZAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Clément PERRIN / Daniela TAVERNA - Senior Project Manager Milano, 20 Aprile 2012 Con l acquisizione da parte di BNPP 6 anni

Dettagli

BNL per le Reti d Impresa

BNL per le Reti d Impresa per le Reti d Impresa Reti d Impresa: vantaggi per imprese e banche VANTAGGI PER LE IMPRESE VANTAGGI PER LE BANCHE Forma di collaborazione efficace tra aziende Maggiori economie di scala (efficienza sui

Dettagli

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Renato Cavallari Consigliere di Amministrazione 21 novembre 2012 LUISS Business School - Roma Agenda Profilo

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1. Premessa INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

La consulenza Finanziaria

La consulenza Finanziaria Convegno AIPB/ODCEC La consulenza Finanziaria Dott. Federico Taddei 22/03/2012 - luogo S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Agenda Modello di servizio e analisi delle criticità Modelli di servizio

Dettagli

La gestione del credito in banca

La gestione del credito in banca FINANCE La gestione del credito in banca La valutazione del merito creditizio delle imprese nell attuale scenario di mercato Come leggere la strategia e il business dell impresa? Come analizzare i piani

Dettagli

Punto 2 all ordine del giorno dell Assemblea Ordinaria. Esame e delibere inerenti le politiche di remunerazione.

Punto 2 all ordine del giorno dell Assemblea Ordinaria. Esame e delibere inerenti le politiche di remunerazione. Punto 2 all ordine del giorno dell Assemblea Ordinaria Esame e delibere inerenti le politiche di remunerazione. 829 Relazione sulle politiche di remunerazione anno 2013 Redatta ai sensi delle Disposizioni

Dettagli

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità C he cosa si intende per Basilea 2006? Basilea 2006 o più precisamente Basilea 2 è un accordo internazionale volto a determinare i requisiti patrimoniali

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli