Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corte di Cassazione - copia non ufficiale"

Transcript

1 Civile Sent. Sez. 1 Num Anno 2014 Presidente: Relatore: GIANCOLA MARIA CRISTINA Data pubblicazione: 07/11/2014 SENTENZA sul ricorso proposto da: RUGGHIA ETTORE, nella qualità di procuratore speciale di ANTONIO RUGGHIA, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA A. RIBOTY 23, presso l'avvocato CECCHI CARLO, rappresentato e difeso dall'avvocato CESIDIO GUALTIERI, giusta procura a margine del ricorso; contro - ricorrente AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI L'AQUILA, in persona 1

2 - del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA R. GRAZIOLI LANTE 70, presso l'avvocato PICCIRILLO CARLO, rappresentata e difesa dall'avvocato ROBERTO VERDECCHIA, giusta procura in calce al controricorso; - controricorxente - avverso la sentenza n. 683/2006 della CORTE D'APPELLO di L'AQUILA, depositata il 29/09/2006; udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 23/09/2014 dal Consigliere Dott. MARIA CRISTINA GIANCOLA; udito, per il ricorrente, l'avvocato GUALTIERI CESIDIO che si riporta; udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. ROSARIO GIOVANNI RUSSO che ha concluso per il rigetto del primo motivo e accoglimento del secondo motivo (.C. Cost. n.348/2007 e S.U. n /2008), nonchè degli altri due motivi del ricorso. 2

3 a SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con atto di citazione del Ettore Rugghia, in qualità di procuratore speciale di Antonio Rugghia, conveniva in giudizio, dinanzi al Tribunale dell'aquila, il Comune di San Vincenzo Valle Roveto, la Provincia dell'aquila e l'agenzia per la Promozione e dello Sviluppo nel Mezzogiorno (già Cassa per il Mezzogiorno). L'attore deduceva che: con atto pubblico del aveva acquistato da Lucia Babusci tre appezzamenti di terreno situati nel territorio del Comune di San Vincenzo Valle Roveto (in catasto al f. 18, particelle 616, 617 e 618), per la edificazione dei quali il il predetto Comune aveva rilasciato una licenza edilizia che dalla venditrice Babusci era stata a lui ceduta; dopo che egli aveva iniziato su tali terreni la costruzione di un fabbricato abitativo, il Comune di San Vincenzo Valle Roveto con provvedimento del aveva disposto la sospensione dei lavori, per il fatto che i medesimi terreni erano interessati dalla costruzione di uno svincolo della strada a scorrimento veloce Avezzano-Sora; con delibera n V del (1977) la Cassa per il Mezzogiorno aveva approvato, anche ai fini della dichiarazione di pubblica utilità, il progetto di costruzione della predetta strada, affidandone l'esecuzione, in concessione, alla Provincia dell'aquila, ed autorizzando quest'ultima all'occupazione, in via d'urgenza, dei terreni 1,P dell'attore per una durata di cinque anni; il la Provincia dell'aquila si era immessa nel possesso dei terreni, redigendo il relativo stato di consistenza; nonostante la scadenza del periodo per il quale era stata autorizzata l'occupazione, la Provincia dell'aquila non aveva eseguito alcuna opera sui terreni appresi né aveva dato corso all'espropriazione. e 3

4 Tanto premesso il Rugghia chiedeva che la Provincia dell'aquila e l'agenzia per la promozione dello sviluppo nel Mezzogiorno fossero condannate alla restituzione dei suoi terreni, al pagamento dell'indennità relativa all'occupazione legittima ed al risarcimento dei danni causati dall'occupazione illegittima, e che il Comune di San Vincenzo Valle Roveto fosse condannato al risarcimento dei danni causati dall'illegittimo provvedimento di sospensione dei lavori. L'adito Tribunale dell'aquila, con sentenza parziale del , nel contraddittorio delle parti, rigettava le domande formulate dal Rugghia nei confronti del Comune di San Vincenzo Valle Roveto e della soppressa Agenzia per la promozione dello sviluppo nel Mezzogiorno e disponeva invece l'ulteriore istruzione della causa con riguardo alla domanda formulata nei confronti della Provincia dell'aquila. Esperita una nuova consulenza tecnica, con successiva sentenza del il medesimo Tribunale dell'aquila condannava la Provincia dell'aquila a pagare al Rugghia le somme di E 5.374,28 "per l'occupazione legittima", di E ,41 "per l'occupazione illegittima", di e ,25 "per maggiore costo della costruzione" e di ,41 "per mancato godimento dell'immobile", oltre alla rivalutazione monetaria fino alla data della sentenza ed agli interessi legali fino al soddisfo. Avverso la sentenza definitiva di primo grado e nei confronti del Comune di San Vincenzo Valle Roveto, del Ministero dell'industria, Commercio e Artigianato e del Ministero dei Lavori Pubblici e del Bilancio, che rimanevano contumaci, nonché del Rugghia, che resisteva al gravame, la Provincia interponeva appello addebitando al Tribunale di avere: attribuito al Rugghia un risarcimento in relazione al maggior costo di produzione dell'immobile ed al suo mancato godimento, nonostante che l'attore non avesse dimostrato né che sarebbe stato in grado di ultimare il fabbricato nel termine triennale 4

5 di validità della licenza edilizia, né che avesse perduto reali, effettive e concrete possibilità di utilizzazione locativa del medesimo fabbricato (primo motivo); recepito acriticamente le conclusioni del consulente tecnico, nonostante che questi, nel determinare l'indennità per l'occupazione illegittima, per un verso avesse tenuto conto anche di un periodo (quello di sospensione della licenza edilizia: 26 ottobre marzo 1980) in cui nessuna occupazione dei terreni dell'attore era stata operata dalla Provincia, e per altro verso avesse eseguito una stima di tali terreni priva di giustificazione tecnico-scientifica, e che, inoltre, nel determinare il danno da mancato godimento dell'immobile, avesse fatto riferimento a canoni di locazione del tutto ipotetici ed arbitrari (secondo motivo); esaminato la domanda di liquidazione dell'indennità per l'occupazione legittima nonostante che tale domanda fosse riservata alla competenza funzionale, in unico grado, della Corte d'appello (terzo motivo); omesso di considerare che avendo, il 21 dicembre 1990, il Prefetto dell'aquila decretato l'espropriazione dei terreni del Rugghia, e non essendo stato il provvedimento prefettizio impugnato, l'attore aveva diritto alla sola indennità liquidata in via amministrativa (quarto motivo); omesso di applicare sia all'indennità di occupazione legittima che a quella di occupazione illegittima i criteri stabiliti dall'art. 5 bis del D.L. n. 333 del 1992, ed in particolare l'abbattimento del 40% stabilito da tale articolo (quinto motivo); attribuito all'attore la rivalutazione monetaria, nonostante che questa non fosse dovuta per i crediti di valuta, ed erroneamente cumulato la medesima rivalutazione con gli interessi. Con sentenza del la Corte di appello dell'aquila, in parziale accoglimento del gravame della Provincia: 5

6 1- pronunciando in unico grado sulla relativa domanda, determinava in 573,17 per ciascuno dei cinque anni di occupazione (e quindi in C 2.865,85 complessivamente), oltre agli interessi nella misura legale dalla scadenza di ciascuna annualità alla data dell'effettivo deposito presso la Cassa Depositi e Prestiti, l'indennità spettante al Rugghia per l'occupazione legittima, protrattasi dal 4 marzo 1980 al 4 marzo 1985; 1- ordinava alla Provincia dell' Aquila di provvedere al deposito presso la Cassa Depositi e Prestiti della somma come determinata al punto 1; 2- in parziale riforma della sentenza di primo grado, determinava in 7.233,97 il risarcimento spettante al Rugghia per la perdita di disponibilità dei fondi nel periodo di occupazione illegittima protrattosi dal 5 marzo 1985 al 21 dicembre 1990; 3- condannava la Provincia dell'aquila a pagare al Rugghia la somma di cui al punto 3, da rivalutare annualmente secondo gli indici ISTAT sul costo della vita dal 21 dicembre 1990 alla data di pubblicazione della sentenza, e da accrescere degli interessi in misura legale, da calcolare sulle somme via via rivalutate, dalla stessa data del 21 dicembre 1990 a quella del saldo. La Corte territoriale riteneva che: i motivi d'impugnazione fossero solo parzialmente fondati; come era incontroverso tra le parti e come aveva comunque accertato il consulente tecnico nominato dal Tribunale, l'opera pubblica viaria realizzata dalla Provincia dell'aquila (lo svincolo della strada a scorrimento veloce Avezzano-Sora) non aveva affatto interessato i terreni dell'attore, per cui non ricorreva alcuna acquisizione in proprietà per c.d. accessione invertita da parte della P.A.; pertanto al Rugghia potevano essere riconosciuti esclusivamente un'indennità per la subita occupazione legittima quinquennale (4 marzo marzo 1985 ex art. 20 della legge n. 865 del 1971) dei suoi terreni, nonché un risarcimento per le perdite di 6

7 natura patrimoniale determinate dalla mancata disponibilità dei medesimi terreni durante il periodo dell'occupazione illegittima (art c.c.), ma non, anche, un risarcimento per la perdita (nella specie non verificatasi) del diritto di proprietà su quei terreni; relativamente all'indennità per l'occupazione legittima, in effetti la decisione era riservata alla esclusiva competenza della Corte d'appello in unico grado, per cui doveva essere dichiarato il difetto di competenza per materia del Tribunale adito in primo grado, ma ben poteva procedersi in appello alla relativa determinazione avendo il Rugghia riproposto tale domanda in sede di gravame; l'indennità per l'occupazione legittima doveva essere determinata in misura corrispondente ad una percentuale dell'indennizzo espropriativo; avendo l'occupazione temporanea riguardato aree estese complessivamente mq 840, solo parzialmente edificate e per la parte inedificata urbanisticamente edificabili (esse erano state inserite, nell'allora vigente Programma di Fabbricazione del Comune di San Vincenzo Valle Roveto, parte in zona C, residenziale, e parte in zona D, residenziale estensiva: v. le relazioni redatte dal consulente tecnico dell'ufficio), l'indennità di occupazione legittima doveva essere determinata in misura corrispondente ad una percentuale che, in difetto di altri elementi di giudizio, doveva essere riferita al saggio legale degli interessi (art c.c.) sul pieno valore di mercato del fabbricato e della relativa area di sedime ed invece sull'importo (virtuale) dell'indennità di espropriazione, calcolata secondo i criteri forniti dall'art. 5 bis della legge n. 359 del 1992, quanto alla restante area (mq 565); sulla liquidata indennità, vertendosi in materia di debito di valuta, soggetto al principio nominalistico, competevano all'attore gli interessi legali (art. 1224, primo comma, c.c.), i quali, in quanto diretti a compensare la mancata disponibilità dei frutti 7

8 che l'attore avrebbe periodicamente percepito, decorrevano dalla scadenza di ciascuna annualità, quale momento di maturazione del relativo diritto. Al Rugghia non poteva invece essere attribuito anche il chiesto maggiore danno da svalutazione della moneta, non avendo egli allegato né provato di avere subito effetti economici depauperativi da inflazione; relativamente inoltre alla domanda risarcitoria per il protarsi dell'occupazione pur oltre la scadenza del termine entro cui essa si configurava come legittima, doveva essere preliminarmente osservato che, come era incontroverso tra le parti, e come risultava dalla documentazione esibita dall'appellante, con decreto del 21 dicembre 1990 il Prefetto della Provincia dell'aquila aveva pronunciato la definitiva espropriazione dei terreni appartenenti all'attore; l'occupazione illegittima dei medesimi terreni da parte della Provincia dell'aquila si era dunque protratta, a partire dal 5 marzo 1985 (giorno successivo a quello di scadenza dell'occupazione legittima) fino al 21 dicembre 1990; a ristoro dei danni sofferti dall'attore per il titolo in esame il Tribunale aveva a questi attribuito le somme (da accrescere tutte di rivalutazione ed interessi) di C ,41 per "occupazione illegittima", di C ,25 per "maggiore costo della costruzione", e di ,41 per "mancato godimento dell'immobile" (fabbricato); un risarcimento per "maggiore costo della costruzione", tuttavia, non poteva essere riconosciuto al Rugghia, atteso che, in conseguenza dell'espropriazione disposta dal Prefetto, il completamento del fabbricato non era più possibile; allo stesso modo al Rugghia neppure poteva essere riconosciuto un risarcimento per il mancato godimento del fabbricato, posto che l'attribuzione di un risarcimento del genere avrebbe presupposto che quel fabbricato fosse concretamente venuto ad esistenza (il che, come si era appena detto, non poteva più avvenire). Vero era che, 8

9 qualora, una volta scaduto (il 4 marzo 1985) il periodo di occupazione legittima, la Provincia dell'aquila avesse restituito i terreni. il Rugghia avrebbe potuto completare (nell'arco presumibile di circa due anni) il suo fabbricato, e di tale fabbricato avrebbe potuto godere fmo al momento (21 dicembre 1990) in cui era stata decretata 1' espropriazione. In tal caso, tuttavia, per poter determinare il danno eventualmente subito non si sarebbe potuto far semplicemente riferimento al presumibile valore locativo dell'immobile, ma si sarebbe dovuto anche tener conto del costo che, per il completamento di esso, l'attore avrebbe dovuto sostenere.tale costo, nel 1985, sarebbe ammontato complessivamente, secondo la ricostruzione operata dal consulente tecnico, a I canoni che nel periodo decorso dal 10 gennaio 1987 (data di presumibile ultimazione del fabbricato) al 21 dicembre 1990 (data di pronuncia dell'espropriazione) il Rugghia avrebbe potuto percepire sarebbero invece ammontati, secondo quanto accertato dal consulente tecnico, a complessive Poiché l'ammontare dei canoni eventualmente percepibili dal Rugghia non avrebbe coperto il costo necessario per il completamento del fabbricato, nessun danno poteva ritenersi che il medesimo Rugghia (il quale quel costo aveva evitato di sostenere) avrebbe potuto subire sotto il profilo di cui si discute; in definitiva, mancando la prova di un pregiudizio maggiore, il risarcimento dovuto al Rugghia per la perdita della disponibilità dei suoi terreni nel periodo (5 marzo dicembre 1990) in cui si era protratta l'occupazione illegittima non poteva che essere liquidato facendo ricorso al criterio sussidiario costituito, anche in tal caso, dal tasso legale di interesse, per ogni anno di occupazione, sulla somma corrispondente all'indennità (virtuale) di espropriazione dei fondi, posto che tale indennità, rispecchiando le caratteristiche oggettive degli immobili, era idonea a fungere in via 9

10 presuntiva da parametro pienamente reintegrativo del pregiudizio subito dal patrimonio del danneggiato; il valore di mercato del fabbricato (comprensivo dell'area di sedirne) era stato stimato dal consulente tecnico, con riferimento all'epoca di scadenza dell'occupazione legittima (4 marzo 1985), in , mentre il valore della (residua) area occupata, estesa mq 565 (mq mq 275), era stato dal medesimo consulente tecnico determinato, sempre con riferimento all'epoca di scadenza dell'occupazione (4 marzo 1985), in al mq., e, quindi, complessivamente in ; l'indennità di espropriazione (ragguagliata all'intero valore di mercato quanto al fabbricato, e calcolata invece secondo i criteri forniti dall'art. 5 bis della legge n. 359 del 1992, con esclusione della riduzione del 40%, quanto al terreno edificabile, sarebbe dunque ammontata a per il fabbricato, ed a ( : 2) per il latistante terreno, per complessive ; il risarcimento spettante al Rugghia per il titolo in esame ammontava pertanto a , pari ad E 7.233,97 (indennità di espropriazione ; tasso di interesse del 5% annuo per giorni dal 5 marzo 1985 al 15 dicembre 1990 e del 10% annuo per giorni 6 dal 16 dicembre 1990 al 21 dicembre 1990: x 0,05 x 2.216/ x 0,10 x 6/365); tale importo, costituendo l'oggetto di un debito di valore, doveva essere annualmente rivalutato secondo gli indici ISTAT sui prezzi al consumo a decorrere dal 21 dicembre 1990 (data di cessazione dell'illecito permanente costituito dalla occupazione senza titolo) fino alla data di pubblicazione della presente sentenza; al Rugghia spettava pure il risarcimento per il ritardato pagamento della somma predetta da parte della Provincia dell'aquila, che poteva essere liquidato mediante l'utilizzo di criteri equitativi (art. 2056, secondo comma, c.c.), quale quello degli 10

11 .. interessi legali, da computare annualmente sui singoli incrementi nominali della somma originariamente dovuta e da commisurare ad un tasso non necessariamente corrispondente a quello legale, che, invece, nella specie appariva congruo assumere. Avverso questa sentenza il Rugghia nella spiegata qualità ha proposto ricorso per cassazione affidato a quattro motivi illustrati da memoria, e notificato il all'amministrazione provinciale dell'aquila, che il ha resistito con controricorso. MOTIVI DELLA DECISIONE A sostegno del ricorso il Rugghia denunzia: 1. "Omesso esame di un punto decisivo della controversia e comunque motivazione erronea e fuorviante al riguardo: conseguente violazione degli arti. 71 legge n. 2359/1865 e 20 legge n. 865/71 (art. 360 nn. 3 e 5 c.p.c.).". Formula conclusivamente il seguente quesito di diritto, ai sensi dell'art. 366 bis c.p.c., applicabile ratione temporis << Stabilisca la Corte se, in caso di occupazione temporanea quinquennale non seguita da tempestivo decreto di espropriazione, la P.A. versi in ipotesi di occupazione illegittima non sanata né sanabile da adozione di decreto ablatorio successiva alla scadenza del termine di occupazione temporanea». Il motivo non ha pregio, in parte anche risolvendosi in generiche critiche e non condivisibili prospettazioni giuridiche, pure ancorate a dati di fatto non emersi in sede di merito o smentiti con puntuali argomentazioni dal tenore della pronuncia e non diversamente apprezzabili in questa sede. I giudici d'appello, infatti, hanno irreprensibilmente scisso i due periodi dell'intervenuta occupazione temporanea dell'intero compendio in discussione e compiutamente chiarito che occorreva accordare per il periodo autorizzato il dovuto indennizzo e per il successivo periodo invece il dovuto risarcimento; ciò una volta accertato sia che l'intera area, solo in parte edificata, li

12 , i, era stata legittimamente assoggettata ad occupazione quinquennale autorizzata e che, dopo la scadenza del previsto quinquennio e sino alla data di emissione del decreto di espropriazione, di cui non era stata dal Rugghia dedotta l'illegittimità (sia pure per mancato rispetto dei termini di relativa adozione - pag 15 della sentenza impugnata), l'amministrazione, nonostante l'assenza di titolo che legittimasse il protrarsi dell'occupazione in questione, aveva omesso di restituire il bene al proprietario, e sia il fatto, peraltro pure incontroverso, che durante l'intero arco temporale di protrazione dell'occupazione legittima ed illegittima, sul terreno occupato non era stata realizzata la prevista opera viaria e comunque esso non aveva subito alcuna materiale, irreversibile trasformazione atta a produrre l'effetto acquisitivo della proprietà in capo alla PA e, quindi, a precluderne la restituzione al privato (in tema, tra le altre, cfr cass SU n del 2003) nonché a rendere "inutiliter datum" il successivo provvedimento ablativo. 2. " Motivazione erronea e contraddittoria su altro punto decisivo della controversia, violazione dell' art c.c., falsa applicazione degli artt. 20 legge n. 865/71 e dell'art c.c.; gradatamente comunque mancata applicazione dell' art secondo comma c.c. (art. 360, nn. 3 e 5, cod. proc. civ.). Si duole che l'indennità per l'occupazione legittima ed il risarcimento da occupazione illegittima del terreno inedificato (ma urbanisticamente edificabile) siano stati commisurati in rapporto ad indennità di espropriazione calcolata ai sensi dell'art. 5 bis della Legge n 359/92. Assume che. tenuto conto delle vicende amministrative (decreto di occupazione dell'intero, scadenza del decreto, emissione tardiva e non sanante di un decreto di espropriazione), si verteva in ambito di illecito civile, con conseguente applicabilità non già delle nonne specifiche in tema di espropriazione, ma dell'ari 2043 c.c., sicché da un canto l'indennità di occupazione non poteva che essere determinata in base al pregiudizio realmente e concretamente subito dalla mancata 12

13 S! Per disponibilità dell'area, e, dall'altro avrebbe dovuto essere implementata, così come il Tribunale aveva fatto, della rivalutazione monetaria e degli interessi sulle somme anno per anno rivalutate. Formula il seguente quesito di diritto «Stabilisca la Corte se, in caso di occupazione temporanea quinquennale non seguita da tempestivo decreto di espropriazione, la P. A, versi in ipotesi di illecito civile ex art c.c., si che il ristoro del pregiudizio debba essere adeguato al mutato valore del denaro nel momento in cui è emanata la pronunzia giudiziale finale, almeno competendo il maggior danno ex art secondo comma c.c. dovendo il Giudice tenere conto della svalutazione monetaria senza che occorra, al riguardo, dimostrazione, da parte del danneggiato, che la svalutazione sia stata, per lui, cagione di pregiudizio.>>. quanto anche già detto sub 1) l'occupazione d'urgenza autorizzata non integrava alcun illecito civile, dato pure che, come noto, nel caso di occupazione d'urgenza di un suolo per l'esecuzione di opera pubblica, il mero fatto che durante il suo corso non sia stato emesso il decreto di esproprio non vale a far considerare illegittima ab origine l'occupazione, trattandosi di procedimenti, quello di espropriazione e quello di occupazione legittima, distinti ed autonomi, quand'anche coordinati e finalizzati alla realizzazione del medesimo, dichiarato scopo di pubblica utilità. L'indennità dovuta per il periodo di occupazione autorizzata, il quale ha, per definizione, carattere di legittimità ed è improduttivo di danni, è diretta a compensare, per tutta la durata dello stato di temporanea indisponibilità del bene, il detrimento dato dal suo mancato godimento, cioè una perdita reddituale che, essendo diversa dalla perdita della proprietà del cespite, postula un compenso separato (in tema, tra le numerose altre, cfr cass n del 2009); l'indennità in questione, inoltre, integra debito di valuta e, quindi non. 13

14 3 è suscettibile di automatica rivalutazione, come ineccepibilmente ritenuto dai giudici d'appello (cfr anche cass. n. 719 del 2011). Peraltro, poiché le dedotte censure involgono questioni inerenti sia alla quantificazione dell'indennità e del risarcimento spettanti per l'intero periodo di protrazione dell'occupazione temporanea sulla sola porzione di terreno inedificata e sia l'attuata parametrazione del dovuto all'indennità virtuale di espropriazione calcolata in base al criterio riduttivo già prescritto per le aree edificabili (quale ritenuta quella di specie) dall'art. 5 bis della legge n 359 del 1992, criterio ormai venuto meno a seguito della pronuncia d'incostituzionalità n. 348 del 2007, s'impone sul punto la cassazione dell'impugnata sentenza onde procedersi alla rideterminazione dell'indennità virtuale di espropriazione secondo il diverso criterio del valore pieno di mercato del bene occupato (art. 39 della legge n del 1865), mantenendo invece ferme le adottate determinazioni accessorie. 3. "Errore di fatto e motivazione contraddittoria su un altro punto decisivo della controversia, conseguente violazione dell'art c.c. (art. 360 nn 3 e 5 c.p.c.). Formula il seguente quesito di diritto «Stabilisca la Corte se il maggior costo di costruzione, determinato da un fermo dei lavori determinato da un decreto di occupazione temporanea divenuto inefficace costituisca danno risarcibile ex art c.c>>. 4. "Motivazione errata, illogica e contraddittoria su un ultimo punto decisivo della controversia, conseguente violazione per latro verso dell' art c.c. (art. 360 n. 3 e 5 c.p.c.)." Formula il seguente quesito di diritto «Stabilisca la Corte se, in ipotesi di provocato ritardo nella realizzazione di un bene immobile da parte della P.A., il maggior costo di 14

15 1.3ANII C costruzione derivante dal decorso del tempo sia inquadrabile nella fattispecie di cui all'art c.c..». Il terzo ed il quarto motivo del ricorso, suscettibili di esame unitario, non meritano favorevole apprezzamento. Con essi per un verso si prospettano inammissibili censure ancorate ad illeciti e relativi pregiudizi non rapportabili e casualmente correlabili, per quanto già detto, all'occupazione autorizzata; per altro verso invece, se riferiti all'occupazione abusiva, si sostanziano del pari inammissibilmente o di nuovo ed in parte M non pertinenti critiche involgenti effetti pregiudizievoli in tesi conseguenti alla non controversa perdita definitiva della proprietà del fondo, o per il residuo in indeducibili rilievi avverso le valutazioni di merito, puntualmente argomentate, espresse dai giudici d'appello a sostegno del negato ristoro e, come noto, non rinnovabili in questa sede. Conclusivamente si deve accogliere per le evidenziate ragioni e nei chiariti limiti il secondo motivo del ricorso, disattendere le ulteriori censure e respingere gli altri motivi del ricorso, cassare in parte qua l'impugnata sentenza con rinvio alla Corte di appello dell'aquila, in diversa composizione, cui si demanda anche la pronuncia sulle spese del giudizio di cassazione. P.Q.M. La Corte accoglie il ricorso nei limitati sensi di cui in motivazione, cassa l'impugnata sentenza e rinvia, anche per le spese del giudizio di cassazione, alla Corte di appello dell'aquila, in diversa composizione. Così deciso in Roma, il 23 settembre 2014 Il Cons.est.

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO).

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CASS. CIV., SEZ. II, 8 NOVEMBRE 2010, N. 22653. Le parti che firmano un contratto preliminare possono stabilire che entro il termine fissato dallo stesso il promittente

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 1 Num. 22580 Anno 2014 Presidente: SALVAGO SALVATORE Relatore: GENOVESE FRANCESCO ANTONIO Data pubblicazione: 23/10/2014 Cron.225;20 SENTENZA Rep. 39(4 sul ricorso 24811-2007 proposto

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 Integrale Sanzioni disciplinari - trasferimento del lavoratore per giustificato motivo tecnico,

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

RESPONSABILITÀ CIVILE - PADRONI E COMMITTENTI IN GENERE.

RESPONSABILITÀ CIVILE - PADRONI E COMMITTENTI IN GENERE. RESPONSABILITÀ CIVILE - PADRONI E COMMITTENTI IN GENERE. CASS. CIV., SEZ. III, 13 LUGLIO 2011, N. 15394. Gli enti sportivi sono tenuti a tutelare la salute degli atleti anche attraverso la prevenzione

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279

S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279 R E P U B B L I C A I T A L I A N A In nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE D APPELLO PER LA REGIONE SICILIANA composta dai magistrati: dott. Salvatore CILIA dott. Salvatore

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013 MASSIMA nell appalto integrato, il concorrente alla gara è l appaltatore, il quale deve dimostrare il possesso dei requisiti professionali previsti nel bando per la redazione del progetto esecutivo in

Dettagli

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON

FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO? Riccardo MAZZON FONDI FINITIMI: LO SONO SOLO QUELLI CONFINANTI O ANCHE QUELLI SEPARATI DA ALTRO FONDO?" Riccardo MAZZON P&D.IT In relazione al compiuto significato della locuzione fondi finitimi, ci si è chiesti se quest

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

L INFORMAZIONE GIURIDICA

L INFORMAZIONE GIURIDICA L INFORMAZIONE GIURIDICA note di giurisprudenze sulla responsabilità professionale medica nota II/2009 a cura di Alessandro Riccioni e Nicola Mazzera, avvocati in Roma LA CLINICA (DI REGOLA) RISPONDE DELL

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...Al riguardo, infatti, non si ravvisa alcun deficit motivazionale a carico della valutazione della Commissione di gara, che ha precisato l impossibilità di tenere conto delle indicazioni fornite

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

L Utilizzazione senza titolo di un bene per scopo di interesse pubblico torna davanti alla Corte Costituzionale.

L Utilizzazione senza titolo di un bene per scopo di interesse pubblico torna davanti alla Corte Costituzionale. L Utilizzazione senza titolo di un bene per scopo di interesse pubblico torna davanti alla Corte Costituzionale. di Giuseppe Arrabito SOMMARIO: 1. Il caso. 2. La normativa di riferimento e il procedimento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. IV, 22 agosto 2013, n. 2073 Edilizia e urbanistica - Edificabilità dei suoli - Fasce di rispetto - La disciplina derivante dai vincoli imposti sulle aree in fasce di rispetto

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Contra non valentem agere non currit praescriptio

Contra non valentem agere non currit praescriptio PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 TERMINI DI PRESCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE MALATTIE PROFESSIONALI E TERMINE DI REVISIONE DELLE RENDITE UNIFICATE DA EVENTI POLICRONI LIMITE INTERNO ED ESTERNO

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia.

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Commento di B. Bosetti In seguito a ricorso straordinario al Capo dello Stato, è annullato il Piano di Governo del territorio (PGT)

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI

LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI Art. 1. (trasformazione urbanistica del territorio e concessione di edificare) Ogni attività comportante

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali.

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE TITOLO I Giudicato Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. 1. Sono irrevocabili le sentenze pronunciate in giudizio

Dettagli

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli,

Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, 1) OPERE EDILI MAL ESEGUITE Il codice civile dedica gli articoli dal 1655-1677 agli appalti e, in particolare, sette articoli, dal 1667 al 1673 (vedi di seguito), proprio al problema della "difformità

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli