Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO"

Transcript

1 REGIONE TOSCANA REGIONE LAZIO Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO Legge 18 maggio 1989 n. 183 art. 17 comma 6 - ter, Legge 3 agosto 1998 n. 267 modificata con Legge 13 luglio 1999 n. 226 e Legge 11 dicembre 2000 n. 365 ALLEGATO 2.1 Studi relativi alla delimitazione delle aree a diversa probabilità di inondazione RELAZIONE Il Presidente del Comitato Istituzionale Assessore Angelo Bonelli Il Segretario Generale Dott. Ing. Francesco Pistone

2 Regione Toscana Regione Lazio AUTORITA DEL BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA Segretario Generale: Ing. M. D Alfonso Dr. Geol. S. Mirri e G. Montini Individuazione e perimetrazione delle aree a rischio idrogeologico ai sensi dell art.1 del D.L. 180/98 e successive modificazioni PERIMETRAZIONE delle AREE ESONDABILI Supporto Tecnico: Elaborazioni e verifiche idrauliche Autorità dei Bacini Regionali del Lazio Segretario Generale. Ing. R. Besson Resp. Uff. Studi e Docum.:Ing. P.Lupino Collab.: Ingg. M.R. Di Lorenzo e G. Falco, Arch. A.Bianchini, Geom. A. Graziani Supervisione modelli idraulici Roma, Ottobre 1999

3 Regione Toscana Regione Lazio AUTORITA DEL BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA Segretario Generale: Ing. M. D Alfonso Dr. Geol. S. Mirri e G. Montini Individuazione e perimetrazione delle aree a rischio idrogeologico ai sensi dell art.1 del D.L. 180/98 e successive modificazioni PERIMETRAZIONE delle AREE ESONDABILI RELAZIONE Supporto Tecnico: Elaborazioni e verifiche idrauliche Autorità dei Bacini Regionali del Lazio Segretario Generale. Ing. R. Besson Resp. Uff. Studi e Docum.:Ing. P.Lupino Collab.: Ingg. M.R. Di Lorenzo e G. Falco, Arch. A.Bianchini, Geom. A. Graziani Supervisione modelli idraulici

4 Indice Premessa Generalità Caratteristiche geomorfologiche del bacino Attività di indagine e studio eseguite in passato Riferimenti normativi Metodologia generale Generalità Analisi delle precipitazioni intense Analisi degli eventi di piena storici Modello idrologico utilizzato Conclusioni: risultati del modello e confronto con altri valori di portata Modello idraulico utilizzato Analisi degli idrogrammi di piena Confronto tra le portate determinate con il modello idrologico dello studio V.A.M.S. ed il modello idraulico del D.H.I Aree inondabili del Fiume Fiora Aree inondabili del Fosso Timone 22

5 Premessa L intesa stipulata tra la Regione Toscana e la Regione Lazio disciplina lo svolgimento delle funzioni amministrative relative alle opere idrauliche ed alle risorse idriche nell ambito del bacino idrografico del fiume Fiora, in virtù dell art. 15 della legge n 183 del recante Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo. L intesa è stata approvata rispettivamente dal Consiglio Regionale della Regione Toscana con delibera n 74 del e dalla Giunta Regionale della Regione Lazio con delibera n 2507 del In virtù del potere di tale intesa il Comitato Istituzionale dell Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora ha stabilito un Programma di lavoro per la formazione del piano stralcio di bacino per l assetto idrogeologico - art.1 D.L. 180/98 convertito in L. 267/98 con successive modifiche ed integrazioni (art. 9 del D.L. n 132 del ), ed approvato dalla stessa Autorità con delibera n 7 del Il programma di lavoro prevede la delimitazione delle aree a rischio idraulico e tra queste la delimitazione delle aree a diversa probabilità di inondazione, con l individuazione delle aree soggette ad inondazione secondo i termini stabiliti dall Atto di indirizzo con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 29 Settembre Inoltre prevede la delimitazione delle aree a rischio di inondazione ai sensi dell art.1 comma 1 del D.L.180/98 e lo schema di misure di salvaguardia ai sensi dell art. 17 comma 6 bis della legge 183/89, con l individuazione e la perimetrazione delle aree a rischio idrogeologico elevato R3 e molto elevato R4, e degli eventuali interventi necessari per la mitigazione o rimozione del rischio stesso. Il presente lavoro costituisce la presentazione della metodologia applicata per la delimitazione delle fasce idrauliche di esondazione del fiume Fiora, calcolate mediante l applicazione di modelli idrologici ed idraulici e redatte a cura dell ufficio Piani e Programmi dell Autorità dei Bacini Regionali del Lazio in base ad un accordo stabilito in seno al Comitato Istituzionale dell Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora e nell ambito delle attività previste nel sopra accennato programma. 3_Relazione_ultima_v2.doc 1

6 1. ASPETTI GENERALI DEL BACINO 1.1. Generalità Il bacino fiume Fiora si estende tra le Provincie di Grosseto e Siena in Toscana e la Provincia di Viterbo nel Lazio, interessando i territori indicati nella tabella 1. Il fiume nasce alle pendici del monte Amiata dalla confluenza di una serie di fossi e corsi d'acqua di non notevole importanza. Dopo il centro abitato di Santa Fiora, il fiume presenta un andamento medio per circa 80 km orientato in direzione Nord-Sud sino alla foce nel mar Tirreno nei pressi di Montalto di Castro (VT). Tabella 1 Bacino del fiume Fiora Ripartizione amministrativa (VAMS, 1992) Regione Provincia Comune S (kmq) % Abbadia S. 1,9 0,21 Salvatore Siena Piancantastagnio 6,8 0,81 Castel del Piano 0,6 - Arcidosso 3,7 0,51 Santa Fiora 62,9 7,61 Toscana Roccalbegna 5,3 0,71 Grosseto Samprugnano 38,5 4,71 Castell'Azzara 32,5 3,91 Sorano 109,6 13,31 Manciano 58,0 7,01 Pitigliano 102,9 12,51 422,7 51,21 Valentano 37,0 4,5 Latera 22,6 2,8 Ischia di Castro 104,7 12,7 Lazio Viterbo Farnese 53,0 6,4 Cellere 32,0 3,9 Canino 109,0 13,2 Montalto 44,0 5,3 402,3 48,8 Totale 825,0 100,0 3_Relazione_ultima_v2.doc 2

7 1.2. Caratteristiche geomorfologiche del bacino Il bacino ha un estensione di 825 kmq, e la sua caratteristica peculiare è la spiccata asimmetria fra i due versanti che, molto vistosa dall'abitato di Sorano in poi, mostra quello destro molto limitato e quello sinistro molto più esteso. Gli affluenti in destra sono costituiti quindi da brevi e scoscesi fossi o compluvi naturali aventi sottobacini di modesta superficie, mentre quelli in sinistra sono costituiti da corsi d'acqua di una certa rilevanza aventi un ben preciso reticolo idrografico e con bacini ben definiti. Tra questi ultimi, ricadono gli affluenti maggiori del fiume Fiora tra cui il fiume Lente, il fosso Olpeta e il fosso Timone, la cui estensione viene riportata in tabella 2. Dal punto di vista clivometrico, nel bacino si ha una preponderanza di terreni poco acclivi di cui il 45% della superficie ha pendenze non superiore al 10%. Tabella 2 Affluenti del Fiume Fiora Affluente Affluenti principali S (kmq) L (km) Fiume Lente F.sso Meleta F.sso Lorentino F.sso Puzzone F.sso Olpeta F.sso Ragaiano F.sso della Faggeta F.sso S. Paolo F.sso Timone F.sso Canestraccio Attività di indagine e studio eseguite in passato Numerose sono le indagini eseguite in passato come lo studio condotto dalla V.A.M.S. nel 1992 Piano di bacino del fiume Fiora, lo studio condotto dal Consorzio di Bonifica della Maremma Etrusca - Tarquinia nel 1991 Impianto di irrigazione di un comprensorio in destra del fiume Fiora a nord di Montalto di Castro (VT), lo studio condotto dall ENEL nel 1993 Calcolo delle onde di piena artificiali a valle della Diga del Vulci (GR), lo studio condotto dall E.R.S.A.L. nel 1992 Effetti delle piene artificiali, connesse a manovre degli organi di scarico verificatesi in passato, tendenti ad individuare il profilo dell onda di piena artificiale a valle dello sbarramento del fosso Timone. Fra tutti, lo studio eseguito dalla V.A.M.S. risulta il più completo, essendo stato articolato in due fasi, una conoscitiva ed una propositiva, quest ultima atta ad individuare le problematiche per definire le azioni di intervento. Nella fase conoscitiva si sono acquisiti dati geologici, geomorfologici, pedologici, sismici, climatologici, idrologici, di idraulica fluviale, di sistemazione idraulica, forestale ed agraria attuate o in atto, di insediamenti ed infrastrutture nonché sulla stabilità dei versanti e sull uso del suolo. In questa fase sono stati eseguiti lo studio e l analisi dei caratteri metereologici, idrologici e delle disponibilità idriche; gli studi ed i rilevamenti pedo-agronomici e geologici; lo studio dei versanti; il rilievo dell assetto della rete idrografica, con l analisi delle 3_Relazione_ultima_v2.doc 3

8 caratteristiche delle acque sotterranee, e l analisi dei problemi di tutela e conservazione dei corpi idrici; lo studio di definizione delle acque superficiali e di piena. Quest ultimo studio è stato necessario per valutare i provvedimenti idonei a proteggere i territori soggetti ad inondazioni, per conoscere le modalità con cui gli eventi di piena si propagano nello spazio e nel tempo. A tal fine è stato utilizzato un modello di tipo deterministico che considera i deflussi funzione degli afflussi, tenendo conto del comportamento fisico del bacino e mettendo in gioco parametri quali la permeabilità del terreno, l altimetria, la pendenza, e l uso del suolo. Il modello ha permesso di determinare il valore della portata in ogni istante e definendo quindi, l idrogramma dell onda di piena per ogni sezione di interesse. Lo studio è stato completato, analizzando i fenomeni di erosione, di trasporto e deposito e dei rapporti foce-costa, concludendo tale approccio con l evoluzione storica della linea di costa presso la foce del fiume. Oltre a ciò, è stato condotto uno studio sull interrimento del lago di Vulci. Nella fase propositiva sono stati individuati i problemi di riassetto del territorio, di conservazione del suolo e di analisi della valutazione e fattibilità degli interventi possibili. Gli interventi proposti sono suddivisibili in opere di regimazione e presidio idraulico e idrogeologico, volte alla salvaguardia e protezione del territorio dalle inondazioni e dai fenomeni erosivi e di instabilità, dovuti al ruscellamento delle acque superficiali, e in opere connesse all uso della risorsa nel territorio. A tal fine si sono elaborati progetti di regimazione e sistemazione del tratto vallivo del fiume Fiora; sistemazione idraulica dei fossi Timone, Olpeta e Meleta, e del fiume Lente; opere di consolidamento dei versanti; opere di invaso sul fosso Olpeta ed opere di invaso e di regolazione ad uso irriguo sul fiume Fiora. Attualmente sono in atto soltanto i lavori della sistemazione idraulica del tratto vallivo del fiume Fiora e sul fosso Timone. Non da escludere gli altri lavori, che pur nelle loro limitate dimensioni rispetto allo studio condotto dallo V.A.M.S. - danno dei significativi termini di confronto. Lo studio condotto dal Consorzio di Bonifica della Maremma Etrusca è stato concepito per stabilire le interferenze tra il corso d acqua del Fiora e l opera di presa dell impianto di irrigazione del comprensorio Cuccumelletta in destra idrografica a nord di Montalto di Castro. Lo studio condotto dall ENEL sulla traversa del Vulci, in virtù del decreto interministeriale n 466 del , tende ad individuare il profilo dell onda di piena artificiale lungo i corsi d acqua a valle degli sbarramenti esistenti, dovuto a manovre sugli organi di scarico; al fine di individuare le aree soggette a sommersione e le eventuali situazioni di particolare criticità conseguenti al deflusso delle piene. Tutto ciò nelle ipotesi di massima portata defluibile con livello del serbatoio alla quota massima di regolazione; di alveo di valle asciutto e per livello nel serbatoio costante nel tempo ed apertura istantanea delle paratoie. Tale studio, di importanza non trascurabile, non può essere messo in parallelo ad altri lavori, dato che è mirato a studiare le interferenze dell opera di presa sul corso d acqua stesso. Per lo studio condotto dall E.R.S.A.L. sull invaso di Musignano del Fosso Timone, è stato considerato un tronco di 10 km a valle della restituzione, sino all immissione sul fiume Fiora, eseguito in virtù della Circolare Min. LL.PP. del , che richiede la verifica dei livelli di piena a valle della traversa conseguenti alla manovra volontaria degli organi di scarico secondo la combinazione più sfavorevole ai fini del rilascio della massima portata scaricabile dagli organi di superficie o di fondo. L Ente ha provveduto anche allo studio 3_Relazione_ultima_v2.doc 4

9 dell onda di piena derivante dal collasso della diga ai sensi della circolare del Min. LL.PP. n.352 del 4/12/1987. Fra tracce bibliografiche di eventi alluvionali, è stata presa in considerazione anche la carta delle aree inondate durante l'alluvione dell'ottobre 1987, elaborata dal Ministero LL. PP Riferimenti normativi Per il presente studio si fa riferimento al D.L. 180/98, convertito in L. 267/98 con le successive modifiche ed integrazioni apportate dal D.L. 132/99, secondo quanto previsto dal Programma di lavoro per la formazione del piano stralcio di bacino per l assetto idrogeologico Metodologia generale Per il presente studio il bacino del fiume Fiora è stato suddiviso in otto sottobacini, a cui è stato applicato un modello di simulazione in moto vario del D.H.I. (in figura 1 si riporta lo schema adottato per i sottobacini). La modellistica per l individuazione delle fasce di esondazione è stata applicata alla sola asta principale del Fiume Fiora e solo per il Fosso Timone, considerata la presenza della diga di Musignano, si è provveduto ad una individuazione di fasce di esondazione su base bibliografica. Per il Fiora è stata utilizzata una modellizzazione idrologico-idraulica, con lo scopo di analizzare scenari teorici di afflusso meteorico in base a differenti ipotesi di intensità e di distribuzione spaziale e temporale degli stati climatici agenti sul bacino, al fine di calcolare gli idrogrammi di piena relativi a tempi di ritorno prefissati. Il modello idrologico, atto ad individuare le caratteristiche idrologiche dei singoli sottobacini, fornisce come output i deflussi superficiali, che a loro volta sono utilizzati come input al modello idraulico, il quale fornisce le portate che transitano per ogni sezione presa in esame, con il relativo livello idrico raggiunto, per fissato tempo di ritorno. In allegato 1 si riportano per alcune sezioni di interesse gli idrogrammi di piena per fissati tempi di ritorno, l inviluppo dei colmi di piena e dei massimi livelli di piena. L applicazione dei modelli idrologico ed idraulico sul corso d acqua permette, infine, di definire meglio il comportamento in condizioni di piena, specialmente per i tratti ove sono più evidenti gli effetti di laminazione dei picchi di piena. I tempi di ritorno cui far riferimento sono quelli indicati dal decreto del Min. LL.PP. del 14/2/97 1 ; ovvero di effettuare la regolarizzazione dei dati pluviometrici ed idrometrici secondo i tre tempi di ritorno, 30, 200 e 500 anni, per come previsto dal D.L. 180/98. 1 Direttive tecniche per l individuazione e perimetrazione da parte delle regioni, delle aree a rischio idrogeologico. 3_Relazione_ultima_v2.doc 5

10 FIO-002 Torrente Scabbia Fiume Fiora FIO-017s Fiume Lente FIO-030 FIO-040s Fosso Olpeta FIO-050 FIO-060s FIO-070 Fosso Timone FIO-080s Fig. 1 Schema dei sottobacini 3_Relazione_ultima_v2.doc 6

11 2. ASPETTI IDROLOGICI 2.1. Generalità L analisi idrologica si è articolata in quattro fasi: a) analisi dei dati idrologici disponibili dagli studi pregressi, aggiornati secodo i dati di pioggia rilevati dalle stazioni pluviometriche che presentano serie di dati sufficientemente estese ed omogenee sino al 1997, ultimo anno per il quale è disponibile la parte prima degli Annali Idrologici dei Servizi Idrografici e Mareografici Nazionali di Roma e Pisa; b) costruzione di un quadro di riferimento omogeneo di tutti i dati idrologici disponibili; c) caratterizzazione idrologica degli otto bacini idrografici individuati; d) calcolo delle portate di piena di assegnato tempo di ritorno attraverso l utilizzo di un modello idrologico. La prima parte di lavoro svolto riguarda l aggiornamento e l analisi dei dati idrologici di maggior importanza ai fini dello studio delle piene i dati di pioggia di massima intensità, le portate annue massime giornaliere e al colmo, le temperature e i valori stimati di evapotraspirazione potenziale. Una consistente parte delle serie storiche pluviometriche, scelte in modo tale da creare una griglia di stazioni il più possibile omogenea in termini di spazio e tempo, sono state ricavate dalla banca dati creata nell ambito del progetto VAPI (Valutazione Piene) 2, integrandole e aggiornandole direttamente con i dati degli Annali Idrologici del S.I.M.N.. Ai fini del modello di simulazione idrologica, il calcolo delle altezze di precipitazione di assegnato tempo di ritorno, è stato effettuato per mezzo del modello TCEV ( two component estreme value ), utilizzando le formule sviluppate nello studio relativo alla "Regionalizzazione delle piogge" nell ambito del progetto VAPI. L estensione delle serie storiche reperite è molto variabile, ma non si sono ritenute sufficientemente rappresentative le serie con meno di 15 anni. La seconda parte del lavoro svolto riguarda invece l implementazione e l utilizzo del modello di simulazione idrologica per il calcolo delle portate di piena, con particolare attenzione alla definizione dei parametri di calcolo necessari al modello e degli input idrologici Analisi delle precipitazioni intense La suddivisione del bacino in sottobacini, si è realizzata operando una distinzione tra bacini concentrati e distribuiti lungo l asta principale del fiume. I bacini concentrati sono rappresentati dai tre affluenti principali, il torrente Lente, il fosso Olpeta ed il fosso Timone, mentre gli altri si sono concepiti come bacini distribuiti lungo il corso d acqua, non intercettando, questi, l asta principale in modo puntuale. 2 Il Progetto VAPI è stato sviluppato dal Gruppo Nazionale per la Difesa dalle Catastrofi Idrogeologiche (GNDCI) del Consiglio Nazionale delle Ricerche [CNR,1994] 3_Relazione_ultima_v2.doc 7

12 Nel presente studio sono state scelte 160 stazioni (dedotte dallo studio V.A.M.S.), lungo l asta principale del corso d acqua, sulle quali sono state calcolate le portate per i tempi di ritorno fissati dal D.L. 180/98. Le precipitazioni analizzate nel seguente studio sono analoghe a quelle degli studi condotti dalla V.A.M.S. e dal Consorzio di Bonifica. Essendo il modello idrologico basato sulla simulazione di processi naturali, nelle zone di bonifica dove vi è una forte regimazione delle acque, dovrebbe essere applicato con un dettaglio maggiore, in modo da poter introdurre nel modello l intervento dell uomo (per esempio in corrispondenza delle stazioni di sollevamento o degli organi di regolazione dei canali), ma ciò esula dalla scala di lavoro di questo studio Analisi degli eventi di piena storici Gli eventi di piena eccezionali sono stati rilevati nelle stazioni di Pitigliano e Montalto di Castro, per come riportato negli Annali del S.I.M.N.. In particolare nella stazione di Pitigliano è stata rilevata una portata max di 970 mc/s nel 1937, e di 432 mc/s nel 1943 (dati S.I.M.N.). Nella stazione di Montalto di Castro sono stati rilevati 450 mc/s nel 1938 (dati Consorzio di Bonifica della Maremma Etrusca), e 393 mc/s tra gli anni e (dati S.I.M.N.) Modello idrologico utilizzato Nella schematizzazione idrologica si sono considerati i principali bacini individuati sulle sezioni di chiusura nell asta principale del fiume, ognuno dei quali è stato parametrizzato idrologicamente per l applicazione del modulo di trasformazione afflussideflussi NAM del codice di calcolo MIKE 11 del D.H.I.. Il NAM è un modello deterministico a parametri concentrati, costituito da un set di relazioni matematiche collegate tra loro in modo tale da descrivere quantitativamente la fase terrestre del ciclo dell'acqua, ed opera simulando in continuo la variazione del contenuto di acqua (in fase liquida o vapore) di quattro serbatoi distinti e reciprocamente collegati, i quali rappresentano gli elementi fisici principali di un qualsiasi bacino idrografico. I quattro serbatoi rappresentano i seguenti processi: - accumulo e scioglimento neve; - intercettazione; - infiltrazione; - immagazzinamento nella falda. Nel bacino in studio, i serbatoi in questione si riducono a tre, venendo meno quello di accumulo di neve, essendo tale fenomeno irrilevante all interno del bacino. I bacini su cui è stato applicato il modello idrologico sono quelli, le cui sezioni di chiusura si sono ottenute dalla sovrapposizione di precedenti studi idrologici 3 e dalle sezioni di chiusura fornite dal S.I.M.N., al fine di omogeneizzare i risultati e poter avere dei dati di confronto. Le sezioni di chiusura sono localizzate sull asta principale del fiume e sono date dalla chiusura dei sottobacini concentrati e distribuiti lungo la stessa. 3 Piano di bacino del fiume Fiora - V.A.M.S. Ingegneria _Relazione_ultima_v2.doc 8

13 Descrizione modello L ipotesi di base del modello è che le piene sintetiche con determinato tempo di ritorno siano costruite partendo da eventi pluviometrici aventi la stessa probabilità. Per la ricostruzione idrologica delle piene di assegnato tempo di ritorno è stata applicata ai singoli sottobacini una pioggia ad intensità costante, scelta in relazione alla regionalizzazione pluviometrica a disposizione: per ogni area pluviometrica, determinata la durata di pioggia critica che si desidera ed il tempo di ritorno, si calcola l altezza di pioggia caduta e di conseguenza ad ogni sottobacino si può associare un altezza di pioggia totale. L evento di pioggia così determinato è stato inserito nel modello, considerando però un coefficiente di riduzione alla superficie del singolo sottobacino in esame, calcolato in funzione delle curve di ragguaglio 4. Ogni sottobacino individuato è stato quindi caratterizzato sia da un evento pluviometrico diverso, legato al tempo di corrivazione, sia da ipotesi differenti di riduzione della superficie realmente contribuente al deflusso di piena e dei parametri modellistici che caratterizzano la superficie stessa. Per la valutazione della pioggia critica, cioè la pioggia la cui durata è tale da generare la massima portata al colmo, e lo ietogramma ad essa associato, sono stati ipotizzati ietogrammi costanti. Per la valutazione della durata della pioggia critica: per il sottobacino di monte (FIO- 002) si è fatto riferimento al tempo di corrivazione relativo allo stesso sottobacino, mentre per gli altri sottobacini, si è fatto riferimento al tempo di corrivazione dell intero bacino (τ c 16 ore), come in seguito meglio descritto. Il fenomeno dell evapotraspirazione è stato trascurato all interno del modello afflussideflussi, risultando poco importante nella formazione delle piene. I parametri del modello NAM utilizzato che hanno una maggiore importanza nella generazione dei deflussi superficiali, per quanto riguarda la ripartizione volumetrica tra deflusso superficiale e deflusso ipodermico e sotterraneo, sono la capacità di intercettazione dello strato insaturo superficiale (ConAcq) ed il coefficiente di deflusso superficiale (Cdef); e per quanto riguarda la forma temporale dell idrogramma di piena, ed il tempo di corrivazione, posto sotto forma di costante di tempo per lo svuotamento del serbatoio superficiale lineare Parametri di base: geologia e coefficienti di deflusso La caratterizzazione dei bacini è finalizzata ad una prima definizione dei parametri richiesti per il modello idrologico NAM-D.H.I.: capacità di immagazzinamento in superficie e del terreno non saturo, coefficiente di deflusso e costanti di tempo. La capacità di immagazzinamento del non saturo definisce il volume massimo di acqua contenuto nel terreno non saturo che risulta disponibile per l evapotraspirazione e corrisponde quindi alla differenza tra la capacità di campo (quantitativo massimo di acqua contenuta in un terreno non saturo) e il punto di appassimento (quantitativo massimo di acqua contenuto in un terreno non disponibile per la vegetazione). Essa corrisponde ad un volume specifico rispetto ad una determinata area e viene espresso sotto forma di un altezza in mm 4 indicate dal W.M.O. World Meteorologic Organization (riprese dal U.S.Weather Bureau e riportate da V.T.Chow in Applied Hydrology, 1988) 3_Relazione_ultima_v2.doc 9

14 (per passare al volume è sufficiente moltiplicare tale altezza per la superficie della zona considerata), e dipende quindi dal tipo di suolo e dalla profondità della fascia di terreno sfruttata dalla vegetazione o root zone. Sulla base delle carte uso suolo della Regione Lazio 5 e della carta uso suolo della Regione Toscana 6 sono state definite le classi di destinazione d uso del suolo del bacino, attraverso tecniche GIS. A ciascuna classe di uso suolo è stato assegnato 7 un determinato spessore della root zone (v. tabelle 4 e 4.1). Ad ogni tipo di suolo è stata quindi assegnato un certo quantitativo di acqua utilizzabile (v. tabelle 5 e 5.1). Poichè non è disponibile una carta pedologica, tale valore di contenuto d acqua utilizzabile è stato attribuito su ciascun bacino in relazione alle caratteristiche generali del substrato (dedotto dalla geologia), procedendo per macroaree. Le aree montane e collinari sono caratterizzate da litotipi con depositi prevalentemente calcari, arenacei e vulcanici, mentre le pianure e le piane costiere, caratterizzate da depositi alluvionali sono costituiti da suoli di tipo limoso. Dal prodotto del contenuto di acqua utilizzabile per lo spessore della root zone si è quindi ricavato ContAcq 8, il cui valore per ogni bacino è riportato in tabella 3. Il coefficiente di deflusso è stato desunto partendo dalla caratterizzazione dei sottobacini per quanto riguarda l uso del suolo e la permeabilità del substrato dalle carte tematiche regionali. In tabella 6 si riportano i valori assunti per le diverse classi di uso suolo considerando diversi gradi di permeabilità del terreno e i valori di coefficiente di deflusso calcolati insieme alla individuazione della classe di permeabilità per ciascun sottobacino. Le costanti di tempo infine sono state dedotte dal tempo di corrivazione (Tc espresso in ore) a sua volta calcolato con la formula di Giandotti, particolarmente adatta per bacini di dimensioni medio-grandi: S L Tc= ( Hmed Hmin ) (ore) in cui S corrisponde alla superficie in km 2, L alla lunghezza dell asta principale (km), Hmed all altezza media del sottobacino (m s.m.) e Hmin alla quota della sezione di chiusura (m s.m.). In funzione delle caratteristiche geomorfologiche e di copertura dei bacini sono stati fissati dei valori guida dei parametri in questione, e quindi utilizzati come grandezze di base per l inizio della taratura, nell ambito della caratterizzazione idrologica delle aree in esame. Nel corso della taratura si sono modificati tali parametri, entro i limiti della significatività idrologica, al fine di ottenere la migliore corrispondenza tra gli idrogrammi generati dal modello numerico e quelli rilevati nelle stazioni di monitoraggio. 5 uso suolo secondo CORINE-LAND COVER e secondo ISTAT-Telespazio. 6 uso suolo secondo ISTAT. 7 sulla base delle tabelle contenute in H. M. Raghunath (1987), Ground Water. 8 ContAcq: capacità massima del livello sotto il suolo. 3_Relazione_ultima_v2.doc 10

15 Tabella 3 Capacità max del livello sotto il suolo per ciascun sottobacino Bacini-HD AREA (mq) Qmax (mt) Qmin (mt) Qmed (mt) Lunmax Tcorr. (h) Cdef ConAcq FIO ,918,967 1, , FIO-017s 181,704, , FIO ,604, , FIO-040s 154,531, FIO ,293, , FIO-060s 120,865, , FIO ,077, , FIO-080s 37,562, , FOCE 825,559,424 1, , _Relazione_ultima_v2.doc 11

16 Tabella 4- Caratteristiche pedologiche dei bacini CARTA USO SUOLO DELLA REGIONE LAZIO LEGENDA CORINE LAND-COVER CLASSE USO SUOLO NOTE 111 TESSUTO URBANO CONTINUO non vi sono piante o spazi verdi 112 TESSUTO URBANO DISCONTINUO zone verdi limitate 20-50% 121 AREE INDUSTRIALI O COMMERCIALI ROOT ZONE (mm) 122 RETI STRADALI, FERROVIARIE, SPAZI ACCESSORI AREE PORTUALI AEREOPORTI limitati spazi verdi AREE ESTRATTIVE evaporazione solo 300 negli strati super- 132 DISCARICHE ficiali per mancanza 300 di 133 CANTIERI vegetazione AREE VERDI URBANE AREE SPORTIVE E RICREATIVE SEMINATIVI frumento SEMINATIVI IN AREE NON IRRIGUE frumento VIGNETI FRUTTETI E FRUTTI MINORI OLIVETI PRATI STABILI COLTURE ANNUALI ASSOCIATE A 900 COLTURE PERMANENTI 242 SISTEMI CULTURALI E PARTICELLARI 900 COMPLESSI 243 COLTURE AGRARIE CON PRESENZA 900 DI SPAZI NATURALI 244 AREE AGROFORESTALI BOSCHI DI LATIFOGLIE massima profondità BOSCHI DI CONIFERE massima profondità BOSCHI MISTI massima profondità AREE A PASCOLO NATURALE E PRATERIE D'ALTA 600 QUOTA 322 BRUGHIERE E CESPUGLIETI AREE A VEGETAZIONE 1200 SCLEROFILLA 324 VEGETAZIONE BOSCHIVA E ARBUSTIVA IN 1500 EVOLUZIONE 331 SPIAGGE DUNE SABBIE ROCCE NUDE FALESIE RUPI AFFIORAMENTI AREE CON VEGETAZIONE RADA AREE PERCIRSE DA INCENDI PALUDI INTERNE zona satura 0 3_Relazione_ultima_v2.doc

17 CARTA USO SUOLO DELLA REGIONE LAZIO Tabella Caratteristiche pedologiche dei bacini LEGENDA VAMS USO SUOLO Codice Corine ROOT ZONE (mm) 30 Bosco Seminativo Seminativo arbustivo Oliveto+Vigneto Vigneto Oliveto Pascolo prato Macchia arbusti Incolto Cave Alveo fluviale Corso d'acqua Urbano Industria Riserve naturali Tabella 5 Caratteristiche idrogeologiche dei bacini Capacità di campo (cm3/cm3) Punto di appassimento (cm3/cm3) Capacità di tenuta dell'acqua (cm3/cm3) Autore (Field capacity) (Wilting Point) (Water holding capacity) Rawls (1982) Cosby (1984) Rijtema (1969) Rawls (1982) Cosby (1984) Rijtema (1969) Rawls (1982) Cosby (1984) Rijtema (1969) da a da a da a Contenuto di acqua utilizzabile (cm3/cm3) Sabbie Sabbie limose Limi sabbiosi Silt Limi Limi siltosi Limi sabbiosoargillosi Limi argillosi Limi siltosoargillosi Sabbie argillose Argille e silt Argille _Relazione_ultima_v2.doc 13

18 Tabella 5.1 Caratteristiche idrogeologiche dei bacini Litotipo codice Tipologia suolo Contenuto di acqua utilizzabile (cm3/cm3) arenarie con intercalazioni di argille e marne am Sabbie limose arenarie marnose e marne argillose ma Sabbie limose calcareniti bm Sabbie argille e argille marnose mg Argille argille e marne grigio azzurre ag Argille calcari c Sabbie marne ed argille grigie ac Argille e silt detriti di falda dt Sabbie sabbie pl Sabbie puddinghe br Sabbie sabbie e ghiaie fluviali al Sabbie sabbioni argillosi qp Sabbie argillose tufi, pozzolane ed ignimbriti v Sabbie colate laviche l Sabbie materiali argillosi di riporto da Argille sabbie ed argille alluvionali a Sabbie argillose argille alterate e detriti calcarei tb Argille e silt sabbie e limi lacustri ls Sabbie limose argille e marne lacustri fl Argille e silt sabbie di spiaggia sd Sabbie CODICE VAMS USO SUOLO Tabella 6 Coefficiente di deflusso funzione della classe di uso del suolo e della permeabilità di substrato 9 CODICE LEGENDA Valori del coefficiente di deflusso in REGIONE LAZIO VAMS USO funzione della classe di permeabilità USO SUOLO SUOLO Root Zone A MA M SM S 1 30 Bosco Seminativo Seminativo arbustivo 4 22 Oliveto+Vignet o 5 23 Vigneto Oliveto Pascolo prato Macchia arbusti Incolto Cave Alveo fluviale Corso d'acqua Urbano Industria Riserve naturali Tratto e modificato da R.H. McCuen A Guide of HydrologicalAnalysis using SCSMethods 3_Relazione_ultima_v2.doc 14

19 2.5 Conclusioni: risultati del modello e confronto con altri valori di portata Il bacino totale è stato così caratterizzato solo idrologicamente, cioè considerando solo la trasformazione afflussi-deflussi sui versanti. Da ciò si comprende bene la necessità di considerare anche la dinamica di formazione della piena anche dal punto di vista idraulico, considerando la traslazione della piena lungo la rete idrografica principale, affinché si possa tener conto dei fenomeni di laminazione e di sfasamento dei picchi di piena alle confluenze principali. Avendo individuato i tronchi di interesse, questa fase sarà effettuata abbinando il modello idrologico ad un modello di simulazione idrodinamica. Alla luce di queste considerazioni si possono fare alcune osservazioni relativamente all applicazione del modello idrodinamico, alla sua taratura ed ai risultati ottenuti. L analisi delle piene storiche (dati S.I.M.N.) e l elaborazione statistica dei dati di portata di piena non ha permesso di avere a disposizione un campione significativo di valori attraverso i quali poter individuare legami, qualsiasi, fra i valori di picco e le caratteristiche fisio-morfo-climatiche dei bacini in esame. Valore di letteratura da non trascurare, per il fiume Fiora, è il q 100, parametro definito da Gherardelli-Marchetti (1953) rappresentante il contributo specifico di piena di un bacino di superficie pari a 100 kmq, e secondo le indicazioni fornite dagli Autori, è pari a 7 mc/s/kmq: i contributi specifici nelle stazioni di Pitigliano, Vulci e Montalto di Castro, per tale valore vengono riportati in tabella 7 10, insieme alle portate di massima piena raggiunte. Tabella 7 - Contributi unitari e relative portate di max piena secondo Gherardelli-Marchetti Stazione Contributi unitari (mc/s*kmq) Portate di max piena (mc/s) Pitigliano Vulci Montalto di Castro Alcuni lavori pregressi sul fiume Fiora 11, già precedentemente citati, hanno definito le portate di assegnato tempo di ritorno in numerose sezioni caratteristiche, attraverso metodologie empiriche di calcolo simili a quella descritta per il presente lavoro, ovvero l analisi afflussi-deflussi finalizzata alla valutazione delle portate di piena è stata effettuata con l ausilio della modellistica numerica. Nello studio VAMS sono stati assunti tempi di ritorno compresi tra 10 e 1000 anni e nello studio del Consorzio di Bonifica, tempi di ritorno compresi tra 2 e 1000 anni: non è risultato quindi fattibile un confronto diretto e globale dei valori allora stimati con i risultati ottenuti nella presente analisi. 10 nello studio eseguito dal Consorzio di Bonifica della Maremma Etrusca - Tarquinia 1991 su Impianto di irrigazione di un comprensorio in destra del fiume Fiora a nord di Montalto di Castro (VT). 11 VAMS Ingegneria, Roma 1994, Consorzio di Bonifica della Maremma Etrusca, Tarquinia _Relazione_ultima_v2.doc 15

20 Una ulteriore differenza sostanziale fra i precedenti studi ed il presente è legata alla definizione delle precipitazioni di assegnato tempo di ritorno, definite nei primi in relazione a curve di massima probabilità pluviometrica, nel secondo (il presente) in relazione alla regionalizzazione delle piogge intense del progetto VAPI. Le precipitazioni calcolate con il metodo TCEV del progetto VAPI sono indiscutibilmente maggiori di quelle derivanti dalla tradizionale regolarizzazione statistica, con le note leggi di distribuzione probabilistica dei dati rilevati nelle stazioni pluviometriche. Il metodo TCEV, essendo una curva a due componenti, presenta una crescita maggiore per tempi di ritorno elevati rispetto ai tempi di ritorno minori, contrariamente a come avviene utilizzando, per esempio, la nota legge di distribuzione di Gumbel. Entrambi questi fattori legati alle piogge di progetto rendono i risultati della presente analisi più cautelativi dei precedenti. E probabile che una certa sovrastima delle portate sia anche da collegarsi all assunzione, dovuta all utilizzo della regionalizzazione delle precipitazioni, dato che nell ambito di ciascun sottobacino la portata con un determinato tempo di ritorno sia provocata da una pioggia con analogo tempo di ritorno, come se essa si verificasse in contemporanea e con la stessa intensità su qualunque punto del bacino. Tale ipotesi non è veritiera, ma, per contro, risulta pressoché impossibile stabilire un coefficiente di riduzione delle piogge attendibile e sicuro. 3_Relazione_ultima_v2.doc 16

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti COMUNE DI MASSAFRA Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti II Parte Tratto di monte del Patemisco e Gravine Madonna della Scala, Colombato e San Marco

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO Direzione Regionale Protezione Civile Area Centro Funzionale Regionale DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

CONVENZIONE TRA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA - AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME MAGRA

CONVENZIONE TRA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA - AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME MAGRA AUTORIITA DII BACIINO IINTERREGIIONALE DEL F.. MAGRA UNIIVERSIITA' ' DEGLII STUDII DII SIIENA GRUPPO DII LAVORO DEL DIIPARTIIMENTO DII SCIIENZE DELLA TERRA Coooorrddi innaat toorri i: : PPrroof f.. PPi

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo Provincia di Torino Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria Servizio Pianificazione Risorse Idriche Regione Piemonte Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste Settore Pianificazione

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua 1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA 1.1 - L erosione dell acqua Gocce d acqua precipitano urtando con violenza il suolo coperto da detriti (foglie, rami, steli d erba,... fig. 1.1). A qualche centimetro

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 Oggetto Corso Docente PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 PROTEZIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO (2 MODULO) Ingegneria Civile Prof. Corrado Paolo Mancini Berti Andrea Campolese Mattia

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico T. Sanò e B. Quadrio Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico Roma, 3 dicembre 2010 Descrizione del fenomeno Impostazione del problema del calcolo dell amplificazione locale Codici

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Comune di Potenza ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Task 3.3. Programma di formazione sullo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili 1 Indice

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente.

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente. Direzione Ambiente Linee guida per la verifica dei fabbisogni irrigui, la revisione delle concessioni e il calcolo dei riparti in condizioni di magra Quant4 Software di calcolo dei fabbisogni irrigui comprensoriali

Dettagli

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE COMUNE DI: SAN GIACOMO FILIPPO Provincia di Sondrio ATTUAZIONE DELLA D.G.R n.- 7/7868 del 25 gennaio 2002 e successive integrazioni Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

DEGLI GAZIONE SASSI. Civile. - Numerical BARBARA. da: MARIN. Laureand. RELATORE Carniello Luca CORRELAC ATORE

DEGLI GAZIONE SASSI. Civile. - Numerical BARBARA. da: MARIN. Laureand. RELATORE Carniello Luca CORRELAC ATORE U UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Corsoo di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Tesi di Laurea MODELLAZIONE NUMERICA DELLA PROPAG GAZIONE DELL'

Dettagli