Dispense di IDRAULICA (2007)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dispense di IDRAULICA (2007)"

Transcript

1 Gorgo Qerzol Dspense d IDRAULICA (7) Unverstà degl Std d Caglar Facoltà d Ingegnera Dpartmento d Ingegnera del Terrtoro

2 ... Infne c'è n problema fsco comne a molt camp, molto antco e non ancora rsolto. Non è l problema d trovare nove partcelle fondamental, ma qalcosa d lascato n sospeso molto tempo fa, pù d cento ann. Nessno è ma rscto ad analzzarlo matematcamente n modo soddsfacente, nonostante la sa mportanza nelle scenze affn alla fsca: è l'anals de flss vortcos o flss trbolent. Osservando l'evolzone d na stella s arrva n pnto n c s capsce che sta per nzare la convezone, e po non s resce a prevedere pù nente. Qalche mlone d ann pù tard la stella esplode, ma non s resce a darne na ragone. Non rscamo ad analzzare fenomen meteorologc. Non conoscamo meccansm de mot che avvengono all'nterno della Terra. La forma pù semplce del problema è: s prende n tbo lngo e s pompa dentro d esso ad alta veloctà. C chedamo: per spngere na data qanttà d'acqa lngo l tbo qanta pressone c vole? È mpossble stablrlo a partre da prncp elementar e dalle propretà dell'acqa. Se l'acqa scorre lentamente oppre se s sa n lqdo vscoso come l mele, allora s resce a fare benno, lo troverete s qalsas lbro d testo. Qello che propro non s resce a fare è analzzare l'acqa vera, qella bagnata, che scorre n n tbo. Ecco l problema centrale che n gorno o l'altro dovremo rscre a rsolvere.... Rchard P. Feynman (Nobel per la fsca nel 965) da: Se pezz facl, Ed. Adelph, Nella stesra d qeste dspense, che voglono solo essere n aslo ed n rfermento per ch prepara l esame e non n testo completo sll argomento, sono stat tratt spnt dalle lezon d Meccanca de Fld tente dal professor Antono Cenedese presso la Facoltà d Ingegnera dell Unverstà degl Std d Roma La Sapenza, e da qelle d Idralca tente dal professor Bernardo de Bernardns presso la Facoltà d Ingegnera dell Unverstà degl Std d Roma Tor Vergata. - -

3 G. Qerzol Dspense d Idralca. RICHIAMI DI ANALISI TENSORIALE.. Introdzone I fenomen fsc sono rappresentabl n no spazo vettorale trdmensonale nel qale s sppone valda la geometra ecldea. Le qanttà fsche che caratterzzano fenomen sono dnqe fnzone delle coordnate d n generco pnto (,, ) e del tempo, t. In qesto spazo le grandezze fsche sono rappresentate attraverso enttà matematche dverse a seconda delle propretà geometrche attraverso le qal sono defnte: gl scalar sono assocat ad n pnto dello spazo e s defnscono attraverso n nmero reale; vettor sono assocat ad n pnto e ad na drezone orentata, e s defnscono attraverso nmer real, le component del vettore, organzzat n na matrce ; v v v ; v tensor sono assocat ad n pnto dello spazo e a drezon orentate, e sono defnt per mezzo d 9 nmer real, le component del tensore, organzzat n na matrce : a a a a a a a. a a a In modo pù generale s pò dre che la descrzone de fenomen è effettata attraverso tensor d dfferente ordne, d, che, nello spazo a tre dmenson, sono defnt medante d nmer real (le component). Pertanto no scalare pò essere consderato n tensore d ordne zero; n vettore, n tensore d ordne, mentre tensor d ordne sono spesso chamat semplcemente tensor. Per poter tlzzare qeste enttà è necessaro defnre le operazon che possono essere effettate e le legg secondo le qal s trasformano le loro component n n cambamento d sstema d rfermento... Operazon tra tensor Rchamamo brevemente le prncpal operazon che possono essere effettate con tensor. - -

4 G. Qerzol Dspense d Idralca... Somma La somma pò essere effettata solo tra tensor dello stesso ordne e fornsce ancora n tensore dello stesso ordne degl addend e che ha per component la somma delle component omologhe degl addend: c a b c a b (vettor) oppre c a b c a b (tensor)... Moltplcazone per no scalare Moltplcare n tensore per no scalare corrsponde a moltplcare cascna componente del tensore per lo scalare: c a b c a b (vettor) oppre c a b c a b (tensor)... Prodotto Il prodotto tra tensor s effetta effettando l conseto prodotto rghe per colonne tra le matrc delle component. Se ndchamo con A, B e C, rspettvamente, le matrc delle component del tensore a, b e c, s ha: o, segendo la notazone d Ensten: c a b C A B c a k b k c a k k, secondo la qale s sottntende la sommatora sgl ndc rpett allo stesso membro d na eqazone, se tale ndce non compare anche nell altro membro dell eqazone. Secondo le stesse regole s moltplca n vettore per n tensore: b k c a b c a b, a b...4. Prodotto scalare Il prodotto scalare tra de tensor è dato dalla somma de prodott delle component omologhe: c a b c, a b a b (vettor) c a : b c a b a,, b (tensor) - 4 -

5 G. Qerzol Dspense d Idralca..5. Prodotto esterno Permette d ottenere n tensore a partre da de vettor: c a b c a b.. Operator d Kronecker e d Rcc Il delta d Kronecker, δ, che s pò rconoscere essere n tensore del secondo ordne, è defnto n modo che, n qalsas sstema d rfermento, rslt: δ se ; () δ se. La matrce delle se component non è altro che la matrce denttà: I. Pertanto, se s moltplca δ per n tensore caratterzzato dall'avere no de pedc concdente con no de pedc del delta d Kronecker, s prodce na varazone del pedce del tensore stesso: a k δ a k () L operatore d Rcc, ε k, è defnto n modo che, n qalsas sstema d rfermento, rslt: ε k ε k - ε k se ; ; k se ; ; k se ; ; k se ; ; kse no de pedc è rpetto () se ; ; k se ; ; k.4. Sstem d rfermento ortonormal In no spazo trdmensonale ttt vettor possono essere espress come combnazone lneare d na terna d vettor, lnearmente ndpendent tra loro, che costtscono na base. Qnd, se c, c e c sono tal che l determnante: det(c C C ) (avendo ndcato con C la matrce colonna delle coordnate del vettore c ), allora, per ogn ogn vettore, v: v v c (4) ed coeffcent v costtscono le component del vettore v nel sstema d rfermento {c }. Se vettor della base sono ortogonal tra loro: - 5 -

6 G. Qerzol Dspense d Idralca c c per (5) c c per l sstema s dce ortogonale. Se noltre vettor della base hanno modlo ntaro (sono qnd de versor): c c δ (6) allora la base vene detta ortonormale, ed l sstema d rfermento cartesano. Ne captol sccessv, tranne dversa ndcazone, tlzzeremo sstem d rfermento cartesan..5. Cambamento d sstema d rfermento Consderamo de sstem d rfermento {c } e {d } e cerchamo la trasformazone che lega le component d n generco vettore, v, nella base d partenza {c } a qelle nella nova base {d }: Stamo cercando dnqe la trasformazone: ovvero: v v c (7) v v d. v T v (8) v R v (9) essendo R la trasformazone nversa d T. Per ndvdare la forma che assme T è sffcente applcare la trasformazone ad n vettore della base c. Innanzttto notamo che la matrce delle se component nel sstema d rfermento d c fa parte sono ttte nlle, tranne la -esma che è ntara. Qnd, se ndchamo con c la -esma componente dell -esmo vettore della base, avremo che c δ. Se trasformamo dnqe le component dell -esmo vettore d base ottenamo: c T k δ k T. () Qnd la matrce T ha per colonne le component de vettor c rspetto alla base {d }. Con n ragonamento analogo è possble concldere che la matrce d trasformazone nversa, R, ha come colonne le component de vettor, d, del novo sstema d rfermento, espresse rspetto al veccho sstema d rfermento {c }. Se c lmtamo a cambament tra sstem d rfermento ortonormal è possble dmostrare che le matrc d trasformazone devono essere ortogonal: T t T - () coè la matrce trasposta deve concdere con la matrce della trasformazone nversa. Inoltre l determnante, det(t), deve essere ntaro con l segno postvo per trasformazon che passano da sstem d rfermento destrors ad altr sstem d rfermento destrors e da sstem d rfermento snstrors ad altr sstem d rfermento snstrors, mentre l segno negatvo è propro delle trasformazon che passano da sstem destrors a sstem snstrors e vceversa

7 G. Qerzol Dspense d Idralca Per determnare come s trasformano le component d n tensore è sffcente mporre che so effett sll applcazone ad n vettore non dpendano dal sstema d rfermento: v a b () Se, come d conseto, ndchamo con lettere mascole le matrc delle component nel sstema d rfermento {c }, e con n apce qelle nel sstema {d }, l eqazone precedente dventa: nel sstema d rfermento {c }, e nel sstema d rfermento {d }. Sosttendo l eqazone (9) nella (): e moltplcando a snstra per R - s ottene: V A B () V A B (4) R V A R B V (R - A R) B, (5) poché R R - I. Confrontando, nfne, la (5) con la (4) è facle verfcare che l termne tra parentes rappresenta propro l espressone cercata delle component d a: A R - A R. (6) Se la trasformazone è ortogonale s ha R - R t e la relazone precedente dventa, scrtta per component: a R - k a km R m R k a km R m. (7).6. Propretà d smmetra d n tensore Ogn tensore pò essere decomposto n tensor che godono d partcolar propretà d smmetra. Come vedremo nel segto, alle propretà d smmetra de tensor corrspondono propretà delle grandezze fsche che ess rappresentano. Innanzttto consderamo la decomposzone d n tensore nella sa parte smmetrca ed antsmmetrca. Se a è n generco tensore d component a, possamo sempre scrvere: a ½(a a ) ½(a - a ) (8) nella qale: ½(a a ) sym(a) è la parte smmetrca d a: sym(a) sym(a), mentre ½(a - a ) skew(a) è la parte antsmmetrca: skew(a) - skew(a). Analogamente è possble scomporre n tensore n na parte sferca ed na devatora: a / tr(a) δ (a / tr(a) δ ) (9) - 7 -

8 G. Qerzol Dspense d Idralca avendo ndcato con tr(a) a la tracca d a. Il prmo termne a secondo membro ndca la parte sferca d a, ed ha la propretà che le se component non varano al varare del sstema d rfermento, mentre l secondo termne, racchso tra parentes, rappresenta la sa parte devatora..7. Prodotto vettorale Slla base delle precedent defnzon è possble ntrodrre altr de tp d prodotto: l prodotto tensorale: ed l prodotto vettorale: tra de sssste la relazone: c a b skew(a b) () d (a b) ε k a b k ε k (a b) k. () c (a b) ε k (a b) k () In pratca, poché n tensore antsmmetrco ha solo component ndpendent, è possble rappresentarle n n vettore. Con rfermento a smbol delle eqazon precedent abbamo qnd: c d d d d d d. () Bsogna però osservare che, non essendo l operatore d Rcc n tensore, l rsltato d n prodotto vettorale non è n vettore ma no psedo-vettore n qanto non è nvarante per ttt cambament d sstema d rfermento. In partcolare, l prodotto vettorale camba verso passando da n sstema d rfermento destrorso ad no snstrorso e vceversa..8. Atovalor ed atovettor Dato n tensore del secondo ordne a, s vole trovare l vettore b per c rslt: a b λ b (4) b è detto atovettore, λ è detto atovalore. La relazone precedente pò anche essere scrtta per component: a b λ b (5) Per determnare le component d b, s deve rsolvere n sstema lneare omogeneo: ( a λ) b ab a ab ( a λ) b a a b a b ( a λ) b b b Il sstema ha na solzone non banale se l determnante ad esso assocato è gale a zero: (6) det(a - λ δ ) (7) - 8 -

9 G. Qerzol Dspense d Idralca I valor d λ per c è verfcata la precedente relazone, s ottengono rsolvendo la eqazone caratterstca: essendo: λ - I λ I λ - I (8) I tr(a) a a a a (9) I a a a a det det det a a a a a a a a I det(a) I, I e I sono qanttà scalar che non cambano al varare del sstema d rfermento: gl nvarant del tensore. Gl atovalor λ che s ottengono dalla solzone dell'eqazone caratterstca, possono essere, n generale, nmer real o compless; nel caso d tensor smmetrc s pò dmostrare che: gl atovalor sono real; gl atovettor sono fra d loro ortogonal; poché gl atovettor sono defnt a meno d na costante moltplcatva, ess defnscono n sstema d rfermento cartesano detto sstema d rfermento prncpale per qel tensore; nel sstema d rfermento prncpale, le nche component dfferent da zero, sono qelle della dagonale prncpale e concdono con gl atovalor: a λ λ λ ().9. Camp tensoral S parlerà d campo tensorale se n ogn pnto d n domno D è defnto l tensore; qando coè sono assegnate ttte le component del tensore n fnzone della poszone D. S defnsce l'operatore vettorale dfferenzale (legg: nabla): pò operare: s n campo scalare ϕ, ottenendo l vettore gradente: ϕ ϕ, ϕ ϕ ϕ, ϕ ϕ, () ; () avendo tlzzato la notazone compatta per le dervate parzal, secondo la qale a / a,.

10 G. Qerzol Dspense d Idralca s n vettore a medante prodotto scalare, ottenendo no scalare che è la dvergenza d a: dv(a) a a / a, () se n campo ha dvergenza nlla, è detto solenodale; n vettore a medante prodotto vettore, ottenendo l vettore rotore d a: rot(a) a (4) se n campo vettorale ha rotore nllo, è detto rrotazonale; s n vettore a medante prodotto esterno, ottenendo n tensore del secondo ordne o gradente del vettore: a a (5) o, per component: ( a) a / a, Il vettore gradente ottento da na fnzone potenzale è dretto lngo la normale, dentfcata dal versore n, delle sperfc eqpotenzal; nfatt, ndcato con s l versore che dentfca na generca drezone, la componente d a ϕ lngo s è data da: ϕ ϕ a s s d ds d a ds a cosα s a s (6) se s è contenta nel pano tangente, rslta: ϕ a s (7) s qnd l vettore a è dretto secondo la normale n. Dmostramo che n campo potenzale è rrotazonale: ϕ (8) nfatt: scambando pedc e k s ha: ε k ϕ ε k k ϕ k ε k ϕ k (9) ε k ϕ k ε k ϕ k ε k ϕ k (4) ottenendo de qanttà gal ma d segno opposto, qnd nlle. Segendo a rtroso la dmostrazone, s dmostra anche che n campo rrotazonale è potenzale. Per n campo rrotazonale e solenodale l laplacano, del potenzale: è gale a zero. ϕ ϕ (4) - -

11 .. Teorem d Green e Stokes G. Qerzol Dspense d Idralca Se F è na fnzone defnta n ttt pnt d n domno lmtato V racchso dalla sperfce chsa S, rslta (teorema d Green): F dv V S Fn ds (4) essendo, così come nel segto, n la normale esterna alla sperfce. Se sono defnte n ttto l domno le component d n vettore a, applcando l teorema d Green per le tre component d a s ottene l teorema della dvergenza: V adv V a dv S a n ds S a nds l'ntegrale d sperfce è l flsso d a attraverso la sperfce S. In defntva, n na sa forma pù generale, l teorema d Green pò essere applcato consderando F n tensore d ordne arbtraro, le c component rsltano comnqe defnte n V. Assegnata na lnea chsa L, con versore tangente s, n n campo D n ttt pnt del qale rslt defnto l vettore a ed na sperfce aperta S n D avente come contorno L, rslta (teorema d Stokes): ( a) s L S (4) a dl nds (44) la crctazone d a (l prmo membro della precedente espressone) è gale al flsso del rotore d a attraverso na qalsas sperfce delmtata da L... Coordnate crvlnee Sano le coordnate d n generco pnto n na terna cartesana ortogonale, ndvdata da versor c, ed y le coordnate del medesmo pnto n na terna crvlnea ortogonale ndvdata da versor b. S sppone che l determnante Jacobano della trasformazone J det(, ) non s annll e che sano d classe C n le fnzon che stablscono la corrspondenza bnvoca tra le de terne: (y ) ; y y ( ). (45) Le sperfc ove y cost. sono dette sperfc coordnate, l ntersezone d cascna coppa d sperfc coordnate defnsce na crva coordnata. Nel caso d sstem ortogonal, che sono gl nc che n segto consdereremo, le ntersezon delle crve coordnate formano tra loro n angolo retto. Il vettore è tangente alla crva coordnata e qnd : y b (46) y y (s rcorda che, comparendo l ndce anche a prmo membro, n qesto caso non s sottntende la sommatora sll ndce rpetto, secondo la notazone d Ensten). Posto: - -

12 G. Qerzol Dspense d Idralca h y (47) rslta: h b y (48) Le qanttà h sono dett fattor d scala ed l verso d b è qello n c rslta crescente y. Poché anche l gradente d y è ortogonale alle sperfc n c y è costante, rslta (nel caso d coordnate crvlnee ortogonal): b y y (49) L'arco d crva d è dato da: pertanto la lnghezza dell'arco s ottene dalla relazone: d dy h b dy (5) y d d h dy (5) L'elemento d volme dv (essendo b b b ) è dato da: dv d d d h b dy h b dy h b dy h h h dy dy dy (5) S voglono ora valtare le component f del gradente d no scalare ψ nel sstema d coordnate crvlnee: poché: l dfferenzale d ψ è dato anche da: egaglando rslta: qnd: ψ f b (5) dψ ψ d f h dy (54) ψ dψ dy (55) y f ψ (56) h y h y - - b. (57)

13 G. Qerzol Dspense d Idralca - - Applcando la relazone precedente prendendo come fnzone potenzale y, s ha: h y b (58) Poché: b b b h h y y (59) y y (6) la dvergenza del vettore a b rslta: ( ) ( ) ( ) [ ] ( ) [ ] ( ) [ ] ( ) y h h a h h h h h h h a y y h h a h h h h a y y h h a a b b b b (6) Qnd la dvergenza d n vettore è data da: ( ) ( ) ( ) h h a y h h a y h h a y h h h a (6) In modo analogo s dmostra che l rotore ed l laplacano sono dat da: a h a h a h y y y h h h h h h b b b a (6) ψ ψ ψ ψ y h h h y y h h h y y h h h y h h h (64)... Coordnate clndrche Sano ρ, φ e z le coordnate clndrche (fg. ); rslta: z ρ φ ρ φ cos ; sen ; (65) con: < < π φ < ρ z ; ; (66)

14 G. Qerzol Dspense d Idralca c b z bφ P( ρ, φ, z) z b ρ φ ρ c c FIGURA Pertanto: h cos φ sen φ ρ ρ ρ (67) h ρ cos φ ρ sen φ ρ (68) φ φ φ h (69) z z z Qnd: ψ ψ ψ ψ bρ bφ bz (7) ρ ρ φ z a φ a ( ρaρ ) ( ρa z ) ρ (7) ρ φ z a z a ρ φ z a φ ρ a z ρ ( ρa ) b ρ ρ b ( ρa ) b φ ρ a z ρ φ ρ φ z (7) ψ ρ ρ ψ ρ ρ ρ ψ ψ φ z... Coordnate sferche Sano ρ,θ e φ le coordnate sferche defnte come rportato n Fgra. Rslta: ρ senθ cosφ; ρ senθ senφ; ρ cosθ (7) con: ρ, θ π, φ π. Pertanto: h ;h ρsen θ; h ρ (74) ρ φ θ - 4 -

15 G. Qerzol Dspense d Idralca qnd: ψ ψ ρ b ρ ρ ψ θ b φ ρsen θ ψ φ b θ (75) a ρ sen θ θ ρ ( ρsen θa ) ( ρa ) e ( ρsen θa ) ρ φ ( ρa ) θ φ a ρ θ θ ρ ρ sen θe a φ φ ρ φ ρ e θ (76) ψ ρ ρ ρ ψ ρ ρ sen θ θ ψ sen θ θ ρ sen ψ θ ϕ (77) c b ρ θ ρ P( ρ, θ, φ) b θ b φ O φ c c FIGURA - 5 -

16 G. Qerzol Dspense d Idralca. CINEMATICA DEI FLUIDI.. Defnzone d fldo Per mettere n evdenza qal sano le caratterstche peclar de fld mmagnamo d fare n espermento: consderamo na sferetta rgda ed n sempano elastco (ovvero l modlo E d Yong della sferetta è molto maggore d qello del sempano). Sa, po, z l asse vertcale. Immagnamo d lascar cadere la sfera sotto l azone della forza peso W. Dopo n certo ntervallo d tempo Δt fnto, qando la sferetta sarà ferma, potremo valtare la deformazone ε z da essa prodotta sl sempano. Sappamo che qesta è drettamente proporzonale alla forza peso ed nversamente proporzonale al modlo d Yong del sempano; noltre, dopo n certo tempo, essa rmane costante. Spponamo ora d avere a dsposzone non n sempano elastco, ma no fldo. Se rpetamo l esperenza precedente osserveremo che ad n stante t la sferetta rslterà tangente al sempano, ad n stante sccessvo t msreremo na certa deformazone ε, ad n stante t msreremo na deformazone ε > ε e così va. La sferetta contnerà a scendere ndefntamente: ε z per t. S osserva nvece che, dopo n tempo sffcentemente lngo, la veloctà della sferetta, e qnd la veloctà d deformazone del fldo, s mantene costante. Da cò s dedce come la deformazone non sa n bon parametro per caratterzzare l fldo, a dfferenza della veloctà d deformazone. Possamo pertanto defnre fldo qel mezzo contno per c, n consegenza d na sollectazone costante, ad n tempo nfnto corrsponde na veloctà d deformazone fnta e qnd msrable. z sferetta z sferetta t o t o sempano elastco sempano fldo ε z t ε FIGURA t v ε - 6 -

17 .. Mezzo contno G. Qerzol Dspense d Idralca La matera che, come è noto è costtta da partcelle elementar, sarà trattata n segto come n mezzo contno; s spporrà coè che la massa sa dstrbta con contntà nello spazo. In effett le caratterstche del fldo, nteso come mezzo contno saranno ottente attraverso delle mede effettate s d n volmetto, detto partcella flda. Qesto volmetto, che corrsponde anche alla mnma scala alla qale possamo descrvere l comportamento d n fldo come mezzo contno, deve essere sffcentemente pccolo rspetto alle scale de fenomen, affnché le grandezze mede s d esso possano essere approssmate con no svlppo d Taylor al prmo ordne, ma grande abbastanza da contenere n nmero d partcelle elementar così elevato che le mede sano statstcamente sgnfcatve. L'potes del contno porta dnqe ad gnorare la strttra ntma della matera a lvello atomco e la descrzone del moto a tale lvello. Per tenere conto d qest mot vengono ntrodotte nvece varabl termodnamche qal la temperatra che è legata all energa meda de mot a lvello atomco e sbatomco. S consder n pnto P, ndvdato dalla sa poszone, all'nterno del mezzo n esame, ed n volme ΔV che lo racchde, ndcato con ΔM la massa contenta n ΔV, l lmte: lm ΔV ΔM ΔV (78) non è na fnzone contna delle varabl spazal e dpende dal modo con c s fa tendere l volme a zero (possono essere consderate sfere, cb con centro n P o altre fgre geometrche), essendo fnzone del nmero d partcelle elementar che sono present nel volme nell stante consderato. In effett esste ed è nco solo l lmte per ΔV ΔV p, con ΔV p volme della partcella flda. In qesto caso nfatt l nmero d partcelle elementar contente nel volme è così grande da fare sì che la massa medamente contenta n esso sa ndpendente dal comportamento delle sngole partcelle elementar e dal modo n c l volme vene fatto tendere a ΔV p. L'potes del contno permette d consderare concdent de lmt, spponendo noltre che sano na fnzone contna d classe C n. Tale fnzone, la denstà, verrà ndcata con ρ(): ΔM ΔM ρ( ) lm lm. (79) ΔV ΔVp ΔV ΔV ΔV C P P' Δt G G Δt G' C C FIGURA 4-7 -

18 G. Qerzol Dspense d Idralca Tensore gradente d veloctà Per la descrzone del comportamento cnematco nell ntorno d n pnto consderamo n volmetto nfntesmo, tale che la veloctà al so nterno possa essere approssmata con no svlppo d Taylor al prm ordne. Segendo la consetdne chameremo tale volmetto partcella flda, anche se essa non è da confonders con la defnzone data n precedenza che, nella schematzzazone d mezzo contno, concde con n pnto geometrco. Sceglamo na terna d ass d rfermento che, ad n certo stante, ha orgne nel barcentro della partcella stessa. Il barcentro G, drante l'ntervallo d tempo Δt, s sposta nel pnto G' con veloctà () G : GG () G Δt (8) Un generco pnto P della partcella flda, ndvdato dalla sa poszone, s sposta nello stesso ntervallo d tempo n P' con veloctà (Fgra 4): PP Δt (8) La veloctà, generalmente dversa da () G, s ottene come svlppo n sere nell'ntorno dell'orgne (che concde con l barcentro della partcella): ( )...! G G G (8) Tenendo conto della defnzone d partcella, termn d ordne sperore al prmo vengono trascrat, pertanto: ( ) ( ) t G G G (8) Lo spostamento d n generco pnto d na partcella flda è dnqe descrtto dal tensore gradente d veloctà valtato nel barcentro (sarà n segto omesso l pedce G): e r t (84) Il tensore gradente d veloctà pò essere decomposto nella somma d de tensor, no antsmmetrco r skew( t ) ed no smmetrco e sym( t ): e r (85) Qnd la veloctà del generco pnto d na partcella è data da: ( ) G e r (86) Il moto pò essere consderato, come sarà vsto n segto, come la somma d: na traslazone con la veloctà del barcentro della partcella;

19 G. Qerzol Dspense d Idralca na rotazone rgda descrtta dal tensore r ; na veloctà d deformazone descrtta dal tensore e. Sl prmo addendo non c sono lteror comment da fare, mentre l sgnfcato del secondo e del terzo saranno dscss nel segto.... Rotazone rgda S consder n moto d rotazone rgda nfntesma attorno a G, l teorema d Elero mostra che la rotazone rgda, oltre al pnto G, mantene fss ttt pnt d na retta passante per G: l'asse d rotazone. C G C P C Ωt P' d FIGURA 5 Senza perdere d generaltà, s pò assmere come asse l'asse d na rotazone che avvene con veloctà angolare Ω (Fgra 5). Indcato con d la dstanza dall'asse d rotazone d n generco pnto P nzalmente posto sll'asse c, le relazon che descrvono l so moto, sono: qnd: d cos Ωt; d sen Ωt; cost; (87) -Ω ; Ω ; ; (88) Il tensore smmetrco e ha ttte le component nlle. Il tensore antsmmetrco, r, rslta: Ω r Ω (89) È qnd stablto che qesta forma del tensore gradente d veloctà comporta na rotazone rgda; d altra parte, s pò dmostrare che n qalsas tensore antsmmetrco conserva tale propretà nel cambamento d n sstema d rfermento e pò essere rcondotto nella forma precedentemente rportata: se ne dedce che l moto descrtto da n tensore antsmmetrco è qello d na rotazone rgda. Le propretà d rotazone locale d n fldo sono descrtte spesso attraverso la vortctà del campo, che è data da: - 9 -

20 G. Qerzol Dspense d Idralca ω rot ( ) c c c (9) Essa è n stretta relazone con l tensore r, nfatt: skew( ) r t - r (9) e la corrspondenza bnvoca tra prodotto tensore e prodotto vettorale () dà: r ω ω ω ω ω ω. (9) Nell'esempo fatto n precedenza, d rotazone rgda ntorno all'asse, solo la componente ω sarebbe dversa da zero: ω c c Ωc Ω Ω c... Veloctà d deformazone Nel caso n c l moto sa descrtto dal solo tensore smmetrco, t e, r, s ha: e e e e e e e e e (9) l moto rslta rrotazonale. Essendo e smmetrca, esste n sstema d rfermento, detto prncpale, n c rsltano non nlle solo le component della dagonale prncpale. Indcate con l soprassegno ^ le grandezze relatve a tale terna possamo scrvere: û ˆ û ˆ (94) qnd la û rslta solo fnzone della ˆ e, pù n generale, û è fnzone solo d ˆ. Se l sstema d rfermento prncpale trasla con la veloctà del barcentro della partcella rslta: ( ˆ ) êˆ û f. (95) Pertanto pnt che s trovano sgl ass coordnat s movono rmanendo sgl ass. In n sstema d rfermento non prncpale, pnt che nzalmente s trovano lngo gl ass coordnat s movono non mantenendos sgl ass stess. Con rfermento alla Fgra 6, rslta che la veloctà d n pnto P che s trova all'stante nzale sll'asse c è data da: (P) e ; (P) e ; (P) e (96) - -

21 G. Qerzol Dspense d Idralca analogamente per l pnto Q che s trova sll'asse c : (Q) e ; (Q) e ; (Q) e (97) Se faccamo rfermento agl spostament che avvengono n n ntervallo d tempo Δt, avremo: (Δ ) P e Δt; (Δ ) Q e Δt; pertanto termn della dagonale prncpale: e Δ Δ ; e t (98) Δ Δt rsltano essere le veloctà d allngamento relatvo lngo gl ass coordnat. Per termn che non s trovano slla dagonale prncpale s ha: P Q Δ tgδθ Δθ Δ tgδθ Δθ e ; e t t t Δ Δ Δ Δt Δt Δt P Q (99) avendo confso la tangente con l angolo. L angolo, α, formato da de segment materal che, all stante nzale, concdono con c e c, è nzalmente retto. Dopo n tempo Δt, de segment formeranno n angolo α π/ - Δθ - Δθ π/ - e Δt, poché e e e qnd Δθ Δθ. La veloctà d varazone dell angolo tra de segment è dnqe: Δα Δt ( α α) Δt e. () Pù n generale s pò concldere che le component del tensore e, con, rappresentano ½ della varazone nell'ntà d tempo dell'angolo, nzalmente retto, formato da pnt che s trovano lngo gl ass c e c. C Q' C απ/ ( Δ ) Q ( Δ ) Q D ( Δ E Q ) Q Δθ Δθ Δθ P' α' ( Δ ) P Δθ B P ( Δ) ( Δ ) P P A FIGURA 6 C - -

22 G. Qerzol Dspense d Idralca S consder nfne na partcella flda d forma paralleleppeda con lat parallel agl ass della terna prncpale, e d volme V d d d (Fgra 7). In qesto rfermento, con le potes fatte all nzo d qesto paragrafo, l tensore gradente della veloctà assme la forma: ( t ) e, δ b δ. Dopo la deformazone, avventa nel tempo Δ t, lat rmangono parallel n qanto ttt pnt che s trovano lngo gl ass coordnat restano sgl ass coordnat stess. Il lato nzalmente d lnghezza d, dopo la deformazone sarà: qnd l volme al tempo Δt è dato da: d d b Δt d d ( b Δt) () V V ( b Δt) ( b Δt) ( b Δt) () A meno d termn d ordne sperore la varazone relatva d volme nell'ntà d tempo è data da: dv V dt ( ) b b b dv () La dvergenza, che è la tracca del tensore gradente della veloctà, è nvarante rspetto n cambamento d sstema d rfermento, pertanto l so sgnfcato d veloctà d varazone volmetrca relatva rmane valdo n qalsas sstema d rfermento. Nel caso d fld omogene ncomprmbl, per qal ogn porzone d fldo mantene costante l so volme, la veloctà d varazone è nlla per c deve essere nlla anche la dvergenza, come sarà n segto dmostrato anche per mezzo dell eqazone d blanco della massa. C d C d d FIGURA 7 C Osservando che la dvergenza d, oltre ad essere la tracca del gradente d veloctà è anche la tracca del tensore veloctà d deformazone, l rsltato testé ottento consente na lterore scomposzone del tensore gradente d veloctà trasposto. Possamo scomporre, nfatt, e n parte sferca e parte devatora * : t tr() e I e tr() e I r ; (4) * Ogn tensore A pò essere scomposto come: A / tr(a) I [A / tr(a) I]. Il prmo termne rappresenta la parte sferca ed secondo la parte devatora. - -

23 G. Qerzol Dspense d Idralca ottenendo così la descrzone locale del moto come somma d tre termn: l prmo rappresenta la veloctà d varazone volmetrca; l secondo, che per defnzone ha tracca nlla, descrve na veloctà d deformazone a volme costante; mentre l terzo, al solto, rappresenta la veloctà d rotazone rgda..4. Descrzone lagrangana ed elerana d n campo Nella meccanca de fld fenomen fsc sono descrtt attraverso camp scalar o vettoral che rappresentano le grandezze fsche che caratterzzano l fenomeno. Se per esempo s ntende stdare l moto convettvo d n fldo, le grandezze che lo descrveranno saranno n campo scalare, la temperatra, ed no vettorale, la veloctà. La descrzone d qest camp pò avvenre n de mod fondamental: lagrangano o materale, secondo l qale s descrve la varazone temporale delle grandezze segendo l moto d cascna partcella; elerano o locale, secondo l qale, fssata na poszone, s descrve cò che accade n qel pnto al passare del tempo. Qesto corrsponde anche a de mod dvers ne qal è possble msrare le grandezze fsche: spponamo, ad esempo, d voler msrare la temperatra n n flsso determnato dalla convezone. Potremmo dsperdere nel fldo pccole partcelle costtte da crstall lqd; qeste sostanze hanno la caratterstca d cambare colore n fnzone della temperatra; se, noltre, le partcelle sono sffcentemente pccole ed hanno na denstà vcna a qella del fldo nel qale sono mmerse, possamo senz altro spporre che esse segano fedelmente l moto del fldo. Qnd, segendo cascna delle partcelle nel so moto ed osservando le se varazon d colore potremo rsalre alle varazon delle temperatra s d na partcella flda: avremo ottento, n qesto caso, na descrzone lagrangana del campo. Se, al contraro, tlzzamo na sonda fssa n n pnto del campo, per esempo na termocoppa, ed osservamo come vara la temperatra n qel pnto, ottenamo na descrzone elerana..4.. Descrzone Elerana Fssata na poszone, s osserva cò che accade n qel pnto al passare del tempo ad na grandezza A che caratterzza l comportamento del fldo: temperatra, veloctà, pressone, ecc.. Le varabl ndpendent sono dnqe la poszone ed l tempo: A A(, t). La sa evolzone temporale è descrtta per mezzo della cosddetta dervata elerana, che s ottene dervando rspetto al tempo l campo della grandezza A, mantenendo fssa la poszone dello spazo:.4.. Descrzone Lagrangana (, t) A t cos t. Per poter effettare qesto tpo d descrzone è necessaro nnanzttto dentfcare nvocamente ogn partcella flda con na etchetta. Poché n n fldo, che è n mezzo contno, le partcelle non sono n nseme nmerable, ma ha le dmenson d R (le stesse dello spazo ecldeo n c s movono), le partcelle non potranno essere contraddstnte attraverso n nmero ntero, sarà nvece necessara na terna d nmer real. La scelta che vene convenzonalmente fatta. - -

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua:

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua: I NUMERI NATURALI Per cominciare impariamo a leggere alcni nmeri natrali e dopo prova a scriverli nella ta linga: NUMERI ITALIANO LA TUA LINGUA 1 UNO 2 DUE 3 TRE 4 QUATTRO 5 CINQUE 6 SEI 7 SETTE 8 OTTO

Dettagli

Problemi sul parallelogramma con le incognite

Problemi sul parallelogramma con le incognite Problemi sl parallelogramma con le incognite Qante altezze ha n parallelogramma Il concetto di altezza rimanda direttamente a qello della distanza di in pnto da na retta La distanza di n pnto da na retta

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto Capitolo 2 Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto 2.1 Forze Le forze che agiscono su un elemento B n del corpo B sono essenzialmente di due tipi: a) forze di massa che agiscono

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni Anna Dallai, Monica Falleri, Antonio Moro, 2013 Decina e abaco a scatole Se nel precedente anno non è stato introdotta la decina lavoriamo si raggrppamenti, diamo

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare

Appunti di Algebra Lineare Appunti di Algebra Lineare Indice 1 I vettori geometrici. 1 1.1 Introduzione................................... 1 1. Somma e prodotto per uno scalare....................... 1 1.3 Combinazioni lineari e

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

M P = PA^V. Il risultante e denito semplicemente come la somma dei vettori di a

M P = PA^V. Il risultante e denito semplicemente come la somma dei vettori di a VETTORI APPLICATI Sistema di vettori applicati L'ente matematico costituito da un punto P e da un vettore (libero) V, si dice vettore applicato in P e si denota con (P;V). E comodo rappresentare il vettore

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari

Lezione del 28-11-2006. Teoria dei vettori ordinari Lezione del 8--006 Teoria dei vettori ordinari. Esercizio Sia B = {i, j, k} una base ortonormale fissata. ) Determinare le coordinate dei vettori v V 3 complanari a v =,, 0) e v =, 0, ), aventi lunghezza

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Applicazioni Clean Air Power Generation

Dettagli

Hepatex CR. Il punto di riferimento nella filtrazione ULPA

Hepatex CR. Il punto di riferimento nella filtrazione ULPA Hepatex CR Il pnto di riferimento nella filtrazione ULPA Hepatex CR Il pnto di riferimento nella filtrazione ULPA Applicazioni Clean Air Power Generation Clean Room Indstrial Fatti Principali Gli Ultrafiltri

Dettagli

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE 175 ntroduzione all analisi dei problemi di collasso. L analisi del comportamento del terreno potrebbe essere fatta attraverso dei modelli di comportamento elasto plastici, ma questo tipo di analisi richiede

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco.

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco. I NUMERI DECIMALI A.Osserva il brco: è formato a parti. Colora l intero brco, 1 brco. Hai colorato s parti el brco, ieci ecimi el brco, cioè 1 brco. Ne poi colorare meno i no? Prova! B.Colora 2/ el brco.

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA

QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA QUAL È LA DISTANZA TRA ROMA E NEW YORK? UN PO' DI GEOMETRIA ANALITICA SULLA SFERA Michele Impedovo Bollettino dei Docenti di Matematica del Canton Ticino (CH) n 36, maggio 98. Il problema Il lavoro che

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i NA. Operatore nabla Consideriamo una funzione scalare: f : A R, A R 3 differenziabile, di classe C (2) almeno. Il valore di questa funzione dipende dalle tre variabili: Il suo differenziale si scrive allora:

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Integrali di superficie: esercizi svolti

Integrali di superficie: esercizi svolti Integrali di superficie: esercizi svolti Gli esercizi contrassegnati con il simbolo * presentano un grado di difficoltà maggiore. Esercizio. Calcolare i seguenti integrali superficiali sulle superfici

Dettagli

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz:

6. Calcolare le derivate parziali prime e seconde, verificando la validità del teorema di Schwarz: FUNZIONI DI PIU VARIABILI Esercizi svolti. Determinare il dominio delle seguenti funzioni e rappresentarlo graficamente : (a) f log( x y ) (b) f log(x + y ) (c) f y x 4 (d) f sin(x + y ) (e) f log(xy +

Dettagli

INTRODUZIONE AL RUMORE NEI CIRCUITI ELETTRONICI RAPPRESENTAZIONE DEL RUMORE

INTRODUZIONE AL RUMORE NEI CIRCUITI ELETTRONICI RAPPRESENTAZIONE DEL RUMORE INTODUZIONE A UMOE NEI CICUITI EETTONICI Se prendiao n qalsiasi circito elettronico ed andiao ad analizzare il valore di na grandezza elettrica (tensione o corrente in n pnto, vediao che non è stabile

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli

I numeri complessi. Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli I numeri complessi Mario Spagnuolo Corso di Laurea in Fisica - Facoltà di Scienze - Università Federico II di Napoli 1 Introduzione Studiare i numeri complessi può sembrare inutile ed avulso dalla realtà;

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale

Appunti ed esercizi. di Meccanica Razionale Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Università degli Studi di Trieste - Sede di Pordenone Facoltà di Ingegneria Appunti ed esercizi di Meccanica Razionale Luciano Battaia Versione del 29 dicembre

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli