Università degli studi di Roma Tor Vergata. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica. Prof. ing. P. Sammarco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli studi di Roma Tor Vergata. Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica. Prof. ing. P. Sammarco"

Transcript

1 Università degli studi di Roma Tor Vergata Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Prof. ing. P. Sammarco Esercitazioni del corso di Idraulica Anno Accademico

2 Ringraziamenti Dispense redatte con il supporto e contributo di: Dott. ing. S. Michele. Università degli studi di Roma Tor Vergata ; Dott. ing. E. Renzi. University college Dublin; Prof. ing. M. Di Risio. Università degli studi dell Aquila; che l autore ringrazia sentitamente. 1

3 1 Cinematica dei fluidi Riferimenti utili Prof. Ing. P. Sammarco Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Sito ufficiale del corso: Notazione x, y, z: variabili indipendenti i x, i y, i z : terna di versori nel riferimento cartesiano v: vettore velocità a: vettore accelerazione Operatore nabla = x i x + y i y + ( z i z = x, y, ) z Gradiente del campo delle velocità Divergenza del campo delle velocità v = v x x v x y v x z v y x v y y v y z v z x v z y v z z v = v x x + v y y + v z z Rotore del campo delle velocità ( vz v = y v ) ( y vx i x + z z v ) ( z vy i y + x x v ) x i z y

4 P. Sammarco CAPITOLO 1. CINEMATICA DEI FLUIDI Ω, D, L, S: componenti tensoriali del campo delle velocità Φ: potenziale scalare della velocità A, B, C,...: costanti scalari Concetti di base Elemento fluido: Volume di fluido di dimensioni talmente ridotte rispetto al volume del corpo complessivo, che le grandezze fisiche in esso si possono ritenere costanti b(x, t)= grandezza fisica associata ad un elemento fluido che passa in x all istante t Teorema del trasporto in forma locale (derivata sostanziale) ( ) Db Dt = t + v b Teorema del trasporto in forma integrale ( ) D b b dv = Dt V V t + (bv) dv ( ) D Db b dv = Dt Dt + b v dv Esercizi svolti Esercizio n. 1 Dato il seguente campo di velocità V V v = x i x + y i y + z i z 1. Derivare le espressioni della divergenza, del rotore, del gradiente, dell accelerazione e del potenziale di v.. Derivare le espressioni delle componenti tensoriali Ω e D; scomporre quindi D = L + S. Indicare il tipo di rotazione/deformazione connessa al campo di velocità. 3. Indicare se il moto descritto è di tipo isocoro e/o irrotazionale. 4. Valutare se il moto può essere realizzato con un fluido incomprimibile e spiegarne le motivazioni. 1. v = v x x + v y y + v z z = 3. v = v = ( vz y v ) ( y vx i x + z z v ) ( z vy i y + x x v ) x i z = 0. y v x x v x y v x z v y x v y y v y z v z x v z y v z z = = I

5 P. Sammarco CAPITOLO 1. CINEMATICA DEI FLUIDI a = Dv Dt = v t + v v = 0 + [x, y, z] I = x i x + y i y + z i z. Poichè il campo di velocità ammette rotore nullo, può scriversi v = Φ, che espressa per componenti fornisce le seguenti relazioni: v x = Φ x = x v y = Φ y = y. v z = Φ z = z Dall integrazione della prima equazione in x, si ricava Φ(x, y, z) = x + f(y, z), con f(y, z) funzione da determinare. Inserendo l espressione del potenziale appena trovata nella seconda equazione del sistema, si ha Con ciò, il potenziale diventa f y = y f(y, z) = y + g(z). Φ(x, y, z) = x + y + g(z). Sostituendo questa espressione nella terza equazione del sistema, si ottiene Il potenziale quindi è: g (z) = z g(z) = z + c. Φ = x + y + z + c, definito a meno della costante di integrazione arbitraria c. Imponendo che Φ = 0 nell origine (0,0,0), si ottiene in definitiva: Φ = 1 ( x + y + z ).. D = 1 ( v + v T ) = I. Ω = 1 ( v v T ) = 0. L = 1 ( v) I = I. 3 S = D L = 0. Non esistono rotazioni rigide impresse (Ω = 0). La deformazione impressa è una dilatazione (D L). 3. Il moto descritto è irrotazionale. 4. No, per un fulido incomprimibile deve essere v = 0. 4

6 P. Sammarco CAPITOLO 1. CINEMATICA DEI FLUIDI Esercizio n. Dato il seguente campo di velocità v = Ax i x + xz i y + z ln z i z 1. Derivare le espressioni della divergenza, del rotore, del gradiente, dell accelerazione v.. Derivare le espressioni delle componenti tensoriali Ω e D; scomporre quindi D = L + S. Indicare il tipo di rotazione/deformazione connessa al campo di velocità. 3. Indicare se il moto descritto è di tipo isocoro e/o irrotazionale. 4. Valutare se il moto può essere realizzato con un fluido incomprimibile e spiegarne le motivazioni. 1. v = v x x + v y y + v z z v = v = = Ax + ln z + 1. ( vz y v ) ( y vx i x + z z v ) ( z vy i y + x x v ) x i z = x i x + z i z. y v x x v x y v x z v y x v y y v y z v z x v z y v z z = Ax z x ln z + 1. a = Dv Dt = v t + v v = 0 + (Ax, xz, z ln z) I = A x 3 i x + (zax + zx ln z) i y + z ln z(ln z + 1) i z. Ax. D = 1 ( ) v + v T z = 0 0 Ω = 1 ( ) v v T = z 0 z 0 x 0 x. ln z + 1 z 0 0 x. Resta verificato che D + Ω = v. x 0 L = 1 3 ( v) I = 1 (Ax + ln z + 1) I [4Ax (ln z + 1)] z S = D L = z 1 x (Ax + ln z + 1) 3 x 0 0. [ Ax + (ln z + 1)] 3 5

7 P. Sammarco CAPITOLO 1. CINEMATICA DEI FLUIDI Al fluido vengono impresse una rotazione rigida, una dilatazione ed una distorsione. 3. Un moto non irrotazionale. 4. Per un fluido incomprimibile, ρ v = 0 Ax + ln z + 1 = 0, x, z. Ne segue che l equazione di conservazione della massa non è rispettata, qualsiasi valore assuma A. Il moto pertanto non può realizzarsi con fluido incomprimibile. Esercizio n. 3 Le correnti di deriva sono generate dai venti che spirano sulla superficie libera dei mari e degli oceani. Se il vento spira nella direzione i y, la velocità della corrente di deriva alla profondità z è ( π z ) ( π v = V exp cos d 4 + π z ) ( π z ) ( π i x + V exp sin d d 4 + π z ) i y d nel piano (x, y), con l asse z ad esso ortogonale e rivolto verso l alto. La superficie libera del fluido ha equazione z = 0; la profondità del fondale si assume infinita. V e d si esprimono in dipendenza della viscosità del fluido e sono da assumersi note. 1. Derivare le espressioni della divergenza, del rotore, del gradiente, dell accelerazione di v.. Derivare le espressioni delle componenti tensoriali Ω e D; scomporre quindi D = L + S. Indicare il tipo di rotazione/deformazione connessa al campo di velocità. 3. Indicare se il moto descritto è di tipo isocoro e/o irrotazionale. 4. Valutare se il moto può essere realizzato con un fluido incomprimibile e spiegarne le motivazioni. 5. Calcolare la portata per unità di larghezza nelle due direzioni principali x ed y, rispettivamente q x e q y. 6. Che relazione esiste tra portate direzionali della corrente e direzione del vento? 1. v = v x x + v y y + v z z = 0. v = v = ( vz y v ) ( y vx i x + z z v ) ( z vy i y + x x v ) x i z = y = πv ( π z ) { [ D exp sin D = π V ( π z ) [ D exp cos D v x x v x y v x z v y x v y y v y z v z x v z y v z z ( π 4 + π z ) + cos D ( π z ) i x + sin D = πv D exp ( π z D ) ( π 4 + π z )] [ i x + cos D ( π z ) ] i y. D ( 0 0 π z ) ( π z ) sin cos 0 D D ( π 4 + π z ) sin D. ( π 4 + π z )] } i y = D 6

8 P. Sammarco CAPITOLO 1. CINEMATICA DEI FLUIDI a = v t + v v = 0.. D = 1 Ω = 1 ( v + v T ) = ( v v T ) = πv ( π z ) D exp D πv ( π z ) D exp D ( π z ) 0 0 sin ( D π z ) 0 0 cos ( π z ) ( π z ) D. sin cos 0 D D ( π z ) 0 0 sin ( D π z ) 0 0 cos ( π z ) ( π z ) D. sin cos 0 D D L = 0 S D. Al campo di velocità sono connesse rotazione rigida e distorsione. 3. Il moto è di tipo isocoro. 4. Sì. Per un fluido incomprimibile infatti Dρ + ρ v = ρ v = 0. Dt 5. La portata q x attraverso la superficie A x di normale i x (cfr. figura 1.1) è 1 : q x = A x v i x da = 0 v x 1 dz = 0 V exp La portata q y attraverso la superficie A y di normale i y è 1 : q y = A y v i y da = 0 v y 1 dz = 0 ( π z ) ( π cos d 4 + π z ) dz =... = d V exp ( π z ) ( π sin d 4 + π z ) d dz =... = 0. D V π. Figura 1.1: Superficie A x di normale i x per il calcolo della portata q x. Analogo schema vale in direzione y, cambiando i pedici, per il calcolo della portata q y. 6. La corrente ha flusso netto solo in direzione i x, ed è pertanto ortogonale alla direzione i y in cui invece spira il vento. 1 Risolvere l integrale sostituendo w = π z D e integrando due volte per parti. 7

9 P. Sammarco CAPITOLO 1. CINEMATICA DEI FLUIDI Esercizio n. 4 Vortice di Rankine Il moto piano e stazionario di un vortice di raggio r 0 avente centro nell origine degli assi (x, y), è descritto in coordinate polari dalle seguenti espressioni della velocità radiale v r e della velocità tangenziale v θ : v r = 0 v θ = ωr ; 0 r r 0 v r = 0 v θ = r 0 ω r r r 0 Figura 1.: Rappresentazione schematica del vortice dove con ω si è indicata la velocità angolare positiva in senso antiorario (vortice di Rankine). Assumendo il fluido ideale ed incomprimibile si richiede: 1. Scrivere le componenti della velocità in coordinate cartesiane v x (x, y) e v y (x, y).. Determinare in quali parti del dominio il campo delle velocità risulta isocoro ed irrotazionale. 3. Ricavare l espressione della funzione di corrente Ψ(x, y). 4. Discutere l esistenza del potenziale delle velocità Φ(x, y) per 0 r r 0 ed r r Derivare il tensore dei gradienti delle velocità e l accelerazione 6. Derivare le espressioni delle componenti tensoriali Ω e D; scomporre quindi D = L + S. Indicare il tipo di rotazione/deformazione connessa al campo di velocità. 1. v r = 0 r = (x + y ) 0.5 = v x = v θ sin θ = ωy v y = v θ cos θ = ωx ; 0 r r 0 v x = r 0ω sin θ (x + y ) 0.5 = r 0ωy (x + y ) v y = r 0ω cos θ (x + y ) 0.5 = r 0ωx (x + y ) r r 0 8

10 P. Sammarco CAPITOLO 1. CINEMATICA DEI FLUIDI. v = v x x + v y y + v z z v = = 0 x, y Isocoro ovunque. ( vz y v ) ( y vx i x + z z v ) ( z vy i y + x x v ) { x ω ; 0 r r0 Rotazionale i z = y 0 ; r r 0 Irrotazionale. 3. r [0, r 0 ] Integrando la Ψ y Dato che Ψ x si ottiene: Ψ(x, = ωx si ha: f(x) Imponendo Ψ(0, 0) = 0: Ψ x = ωx Ψ y = ωy y) = ωy + f(x). = ωx + cost. Ψ(x, y) = ω(x + y ) Si ottiene quindi il valore della funzione di corrente sul bordo del vortice Ψ(r 0, θ) = ωr 0. r > r 0 Si procede come nel caso precedente: Ψ x = r 0 ωx x + y Ψ y = r 0 ωy x + y Ψ(x, y) = r 0 ω ln(x + y ) Imponendo Ψ(r 0, θ) = ωr 0, si ricava il valore della costante: In definitiva si ottiene: cost. = r 0 ω ln(r 0 ) + f(x) f (x) = 0 f(x) = cost. ωr 0. ( ) r Ψ(x, y) = r 0 ω ln ωr 0 ( ) r e = r 0 ω ln r 0 r 0 9

11 P. Sammarco CAPITOLO 1. CINEMATICA DEI FLUIDI 4. Per 0 r r 0 il moto è rotazionale pertanto non esiste un potenziale scalare; ( y Per r r 0 il moto è irrotazionale ed il potenziale vale: Φ(x, y) = r 0 ω arctan. x) 5. v x v = x v x y v y x v y ; y v x a x = v x x + v v x y y v y a y = v x x + v v y y y 0 r r 0 ; v = [ o ] ω ω 0 ; { ax = ω x a y = ω y r 0 ωxy r 0 ω(y x ) r r 0 ; v = (x + y ) (x + y ) r 0 ω(y x ) (x + y ) r 0 ωxy ; (x + y ) a x = (r 0 ω) x (x + y ) a y = (r 0 ω) y (x + y ) 6. r [0, r 0 ] D = 1 ( v + v T ) = 0 ; L = 1 ( v) = 0 Ω = 1 ( v v T ) = [ o ] ω ω 0 ; { S = D L = 0 Ω 0 Al campo di velocità è connessa una rotazione rigida. r > r 0 4r 0 ωxy r 0 ω(y x ) D = 1 (x + y ) (x + y ) r 0 ω(y x ) (x + y ) 4r 0 ωxy ; Ω = 0 ; L = 0 (x + y ) { S = D L = D Ω = 0 Al campo di velocità è connessa una distorsione. Esercizio n. 5 Il moto piano e stazionario di un campo uniforme diretto secondo l asse delle x positive, con una sorgente nell origine degli assi (x, y), è descritto in coordinate polari dalla seguente funzione di corrente Ψ(r, θ): Φ(r, θ) = Ur sin θ + Qθ π dove U è il modulo della velocità del campo uniforme e Q è la portata emessa dalla sorgente. Si richiede: 10

12 P. Sammarco CAPITOLO 1. CINEMATICA DEI FLUIDI 1. Derivare le espressioni della velocità radiale v r e della velocità tangenziale v θ.. Determinare le coordinate del punto di ristagno dove la velocità si annulla. 3. Ricavare il valore di Ψ nel punto di ristagno. 4. Determinare l equazione della curva Ψ che passa per il punto di ristagno e rappresentarne qualitativamente l andamento nel piano xy. 1. Le espressioni della velocità tangenziale v θ e la velocità radiale v r risultano essere:. Nota la velocità tangenziale si ottiene: v r = 1 Ψ r θ = U cos θ + Q πr v θ = Ψ = U sin θ r v θ = 0 θ = 0 oppure θ = π. Sostituendo nell espressione della velocità radiale, si ha: v r = ±U + Q πr = 0 r = Q πu, ma r deve essere positivo, quindi θ = π. Di conseguenza, le coordinate (x P, y P ) del punto di ristagno sono: x P = Q πu ; y P = Indicando con Ψ P il valore della funzione di corrente nel punto di ristagno, otteniamo: 4. La curva Ψ = Ψ P, si scrive: Ψ(r, θ) = Ur sin θ + Qθ π Ψ P = Q = πx P U. Ur sin θ + πx P Uθ π = πx P U r = x P (θ π). sin θ L andamento della curva Ψ P insieme a quello delle altre funzioni di corrente Ψ = cost. è rappresentato nella figura successiva. Si nota che il punto di ristagno è un punto singolare, perché in corrispondenza di esso, le funzioni di corrente Ψ P si biforcano. Al crescere di x la funzione di corrente Ψ P ha asintoti orizzontali aventi coordinate: y = πx P ; θ 0 y = πx P ; θ π 11

13 P. Sammarco CAPITOLO 1. CINEMATICA DEI FLUIDI Esercizio n. 6 Dato il seguente campo di velocità v = x i x y i y 1. Derivare le espressioni della divergenza, del rotore, del gradiente e dell accelerazione.. Può essere determinato il potenziale delle velocità? Perché? 3. Ricavare le espressioni delle componenti tensoriali Ω e D; scomporre quindi D = L + S. Indicare il tipo di rotazione/deformazione connessa al campo di velocità. 4. Tracciare un grafico qualitativo delle linee di corrente e delle linee equipotenziali. 1. v = 0. v = 0. [ ] 1 0 v =. 0 1 a = Dv Dt = x i x + y i y.. Il campo di moto è irrotazionale ovunque, quindi esiste un potenziale scalare che vale: Imponendo Φ = 0 nell origine, si ha cost = 0 3. D = 1 ( ) [ ] v + v T 1 0 =. 0 1 Φ(x, y) = x y + cost. Ω = 1 ( v v T ) = 0. 1

14 P. Sammarco CAPITOLO 1. CINEMATICA DEI FLUIDI L = 1 ( v) I = 0. S = D L 0. Non esistono rotazioni rigide impresse (Ω = 0). La deformazione impressa è una distorsione. 4. La funzione di corrente Ψ(x, y), ha l espressione: Ψ(x, y) = xy + cost. imponendo Ψ = 0 in (0, 0), si ottiene cost = 0. Di conseguenza, le linee di corrente hanno asintoti coincidenti con gli assi x ed y, e la funzione di corrente ha valore nullo sugli stessi. Le linee equipotenziali invece, presentano due asintoti a 45 gradi. Sui suddetti asintoti, il potenziale ha valore nullo, infatti Φ(0, 0) = 0. Esercizio n. 7 Dato il seguente campo di velocità v = Ax i x + By i y + Cz i z 1. Derivare le espressioni della divergenza, del rotore, del gradiente, dell accelerazione e del potenziale di v.. Derivare le espressioni delle componenti tensoriali Ω e D; scomporre quindi D = L + S. Indicare il tipo di rotazione/deformazione connessa al campo di velocità. 3. Indicare se il moto descritto è di tipo isocoro e/o irrotazionale. 4. Valutare se il moto può essere realizzato con un fluido incomprimibile e spiegarne le motivazioni. 1. v = A + B + C. 13

15 P. Sammarco CAPITOLO 1. CINEMATICA DEI FLUIDI v = 0. A 0 0 v = 0 B C a = A x i x + B y i y + C z i z Φ = 1 ( Ax + By + Cz ).. D v, Ω = 0, L = distorsione. (A + B + C) 3 I, S = D L. Al campo di velocità sono collegate dilatazione e 3. Il moto è irrotazionale, A, B, C. 4. Solo se A + B + C = 0. In tal caso il campo di velocità è a divergenza nulla. Esercizio n.8 Dato il seguente campo di velocità v = A ln x i x + Be y i y 1. Derivare le espressioni della divergenza, del rotore, del gradiente, dell accelerazione e del potenziale di v.. Derivare le espressioni delle componenti tensoriali Ω e D; scomporre quindi D = L + S. Indicare il tipo di rotazione/deformazione connessa al campo di velocità. 3. Indicare se il moto descritto è di tipo isocoro e/o irrotazionale. 4. Valutare se il moto può essere realizzato con un fluido incomprimibile e spiegarne le motivazioni. 1. v = A x Be y. v = 0. A v = 0 x. 0 Be y a = A ln x x i x B e y i y i z Φ = Ax(ln x 1) Be y + c. A. D = 0 x Ω = 0. 0 Be y 14

16 P. Sammarco CAPITOLO 1. CINEMATICA DEI FLUIDI L = 1 1 S = ( ) A x Be y I. ( ) A x + Be y Dilatazione e distorsione. 3. Il moto è irrotazionale ( ) A x +. Be y 4. No (ad esclusione della soluzione banale A = B = 0), perché v = 0 non è verificata su tutto il dominio fluido (x, y, z). Esercizio n. 9 Per le onde superficiali di piccola ampiezza monodimensionali, l espressione del potenziale nel dominio fluido (x, y, z) è: Φ(x, z) = ga cosh(k(z + h)) sin(kx ωt), ω cosh(kh) con ω pulsazione dell onda, k numero d onda, A ampiezza dell onda, h profondità del fondale, tutte costanti da assumersi note. g è l accelerazione di gravità e cosh(x) = ex + e x, sinh(x) = ex e x. Si richiede: 1. Calcolare il laplaciano del potenziale, Φ.. Nell ipotesi di moto irrotazionale, calcolare le componenti del vettore velocità v. 3. Calcolare le componenti del vettore velocità in superficie (z = 0) e sul fondale (z = h). Commentare i risultati ottenuti. 4. Verificare che il rotore della velocità sia nullo su tutto il dominio fluido. 5. Calcolare la divergenza del vettore velocità. Che tipo di moto descrive v? 1. Φ = 0.. v x = ga ω k cosh(k(z + h)) cosh(kh) cos(kx ωt), v y = 0, v z = ga ω k sinh(k(z + h)) cosh(kh) sin(kx ωt). 3. Per z = 0, v = ga ω k [cos(kx ωt) i x + tanh(kh) sin(kx ωt) i z ]. Per z = h, v = ga ω k 1 cosh(kh) cos(kx ωt) i x. La componente orizzontale della velocità sul fondale si riduce di 1/ cosh(kh) rispetto al valore che assume in superficie. La componente verticale di velocità si annulla sul fondale. 4. v = v = 0, il moto è isocoro. 15

17 Statica dei fluidi Nozioni fondamentali Equazione indefinita della statica dei fluidi: ρf = p Equilibrio nel campo del geopotenziale: p z = ρg Distribuzione idrostatica delle pressioni in un fluido a densità costante p p 0 = γ(z z 0 ) ovvero la quantità h = z + p γ = cost. in tutti i punti della massa fluida. Forze idrostatiche contro superficie piana: F = γζ g Ω ζ g : affondamento del baricentro della superficie. Forze idrostatiche contro superfici gobbe: G + Π = 0 oppure: F n = (p x, p y ) n da F n : forza risultante della distribuzione idrostatica delle pressioni sulla superficie A di normale n. A 16

18 P. Sammarco CAPITOLO. STATICA DEI FLUIDI Esercizi svolti Esercizio n. 1 In un contenitore da laboratorio di profondità h è stato immesso un fluido la cui densità varia secondo la seguente legge: ( ρ = ρ α ζ ) h dove ζ è l affondamento a partire dalla superficie libera, α è un parametro noto, ρ 0 è la densità dell acqua in condizioni di riferimento, pari a 1000 kg m Partendo dall equazione indefinita della statica, derivare la distribuzione della pressione in seno al fluido.. L assetto del fluido può definirsi barotropico? 3. Un corpo a sezione rettangolare di altezza a, larghezza b e densità ρ b viene immesso nel contenitore. Derivare la profondità di affondamento d per la quale il corpo è in equilibrio 1. L equazione indefinita della statica ρ f p = 0 proiettata sugli assi x e y fornisce p x = p y = 0 p = p(z). La proiezione della stessa equazione indefinita sull asse z è pertanto: ( dp dz = ρg = ρ 0g 1 + α ζ ) = ρ 0 g (α z ) h h 1, in cui è stato usato z = ζ. La soluzione dell equazione differenziale tra z (ove p = p(z)) e 0 (ove p = p atm ), insieme con il cambio di coordinate sopra indicato, fornisce ( p p atm = ρ 0 gζ 1 + α ζ ). h 17

19 P. Sammarco CAPITOLO. STATICA DEI FLUIDI. Sì. Infatti le superfici isobare sono quelle per cui ζ = 0, ovvero piani orizzontali e coincidono con le superfici isopicnotiche. Pertanto, fissato ζ, risultano univocamente determinate p e ρ. Esiste quindi un legame diretto tra densità e pressione, f(ρ, p) = Per l equilibrio del corpo alla traslazione verticale, il peso P b = ρ b g a b dello stesso deve eguagliare il peso del volume fluido spostato: Dall eguaglianza P b = P V la cui radice positiva è. Esercizio n. P V = ρg dv = V z=0 z= d si ottiene quindi ρ 0 g (1 + α ζh ) ( b dz = ρ 0 g b d α d ) h + 1. d + h α d ρ b ρ 0 h α a = 0, d = h a [ ρ b α a ] ρ 0 h Una paratoia verticale difende un bacino di acqua dolce (altezza a, densità ρ), galleggiante su uno strato di acqua di mare (altezza b, densità ρ m ) dalle oscillazioni di marea. 1. Calcolare l altezza h del mare per la quale le spinte orizzontali lato mare e lato bacino sono in equilibrio.. Calcolare l altezza h per la quale i momenti delle spinte orizzontali rispetto al piede della paratoia sono in equilibrio. 1. Si consideri l equilibrio della paratoia a traslazione orizzontale. Con riferimento alla figura.1, l equilibrio alla traslazione in direzione x si scrive Π 1 = Π + Π 3 + Π 4, che fornisce: ρ m g h = ρ g a + ρ g a b + ρ m g b. Risolvendo l equazione rispetto ad h, si ottiene: ( ρ h = a ρ 1 + b ) + b m a. 18

20 P. Sammarco CAPITOLO. STATICA DEI FLUIDI Figura.1: Schema per il calcolo di forze e momenti agenti sulla paratoia. L equilibrio a rotazione intorno al polo O situato alla base della paratoia si scrive: b Π (b + a/3) + Π 3 + Π b 4 3 = Π h 1 3. Sostituendo le forze Π i, prima calcolate, nell espressione precedente e risolvendo rispetto ad h si ottiene: h = 3 3 ρ [a ρ b + 13 ] a + ab + b 3. m Esercizio n. 3 Lo schema in figura mostra un cassone di peso P e larghezza B che divide il piano in due regioni distinte. A sinistra sono presenti due strati di fluido di peso specifico diverso γ o e γ w rispettivamente di altezza h 1 e h. A destra è presente un unico fluido di densità γ w di altezza h 3. Il piano di imposta è costituito da materiale impermeabile per cui è possibile trascurare gli effetti di filtrazione al di sotto del cassone (assenza di sottospinte) caratterizzato da un elevato coefficiente di attrito (il cassone è stabile all traslazione orizzontale). Determinare: 1. La forza totale orizzontale F x agente sul cassone in funzione di γ o, γ w, h 1, h e h 3. il peso P min del cassone affinchè esso non si ribalti in funzione di γ o, γ w, h 1, h, h 3 e B Nel caso in cui h = h 1 = h, h 3 = h, γ o = 6/7 γ w, B = h, P = γ w Bh, il cassone si ribalta verso destra, verso sinistra oppure è stabile al ribaltamento? Perchè? 1. Utilizzando uno schema simile a quello dell Esercizio, la risultante orizzontale delle pressioni sul cassone per metro di profondità si scrive: [ F h = ρ 0 g h 1 + h + ρ ( ) w h ρ ( ) ] w h3. h 1 ρ 0 h 1 ρ 0 h 1 Oss. Se h = h 1 = h, h 3 = h e ρ 0 = ρ w, la forza F h, come ci si attende, è nulla. Si noti che, al variare dei dati iniziali, il vettore F h i x può puntare verso destra (F x > 0) oppure verso sinistra (F x < 0). 19

21 P. Sammarco CAPITOLO. STATICA DEI FLUIDI. Per l equilibrio a rotazione occorre distinguere tra i due casi F h > 0. In questo caso il ribaltamento, se c è, avviene rispetto al polo O situato nel vertice inferiore destro del cassone. Le forze agenti a sinistra del cassone generano pertanto un momento ribaltante M r, al quale si oppone il momento stabilizzante M s dato dal peso P O del cassone (con braccio B/) e dalla risultante delle pressioni agenti a sinistra dello stesso. Imponendo l equilibrio a rotazione intorno ad O (cfr. Esercizio ), si ottiene: { P O = ρ 0g h 3 1 B 3 + h ( ) [ h + + ρ (h ) 3 ( ) ]} 3 w h3. h 1 h 1 3ρ 0 h 1 h 1 F h < 0. In questo caso il ribaltamento, se c è, avviene rispetto al polo O situato nel vertice inferiore sinistro del cassone. Le forze agenti a sinistra del cassone generano pertanto un momento stabilizzante M s. Il momento dato dal peso P O del cassone (con braccio B/) è anch esso stabilizzante. Il momento ribaltante M r è dato invece soltanto dalla risultante delle pressioni agenti a sinistra del cassone. Imponendo l equilibrio a rotazione intorno ad O si ottiene: P O = ρ 0g h 3 B { h h 1 + ( h h 1 ) + ρ w 3ρ 0 [ (h ) 3 h 1 ( h3 h 1 ) 3 ]} Il peso P min del cassone deve garantire l equilibrio a rotazione in entrambi i casi, non essendo noti a priori i valori di h 1, h, h 3, ρ 0, ρ w e quindi neanche il verso di F h i x. Risulta quindi P min = max {P O, P O }. Oss. Se h = h 1 = h, h 3 = h e ρ 0 = ρ w, il peso minimo del masso per assicurare l equilibrio è nullo, essendo nulla l azione F h. 3. Con i dati assegnati, si ha F h = 3 14 ρ 0g h < 0, pertanto il ribaltamento, se c è, può avvenire solo intorno al polo O. Per evitare il ribaltamento, occorre che P P min = P O. Sostituendo i valori nei rispettivi campi, si ottiene 1 che è soddisfatta. Dunque non si verifica ribaltamento per i dati 9 assegnati. Esercizio n. 4 Si consideri la paratoia cilindrica a sezione circolare di tenuta di una diga artificiale (cfr. figura). La paratoia è costituita da un tubo di acciaio di raggio R, spessore s R e densità ρ s. Il contatto della paratoia con la. 0

22 P. Sammarco CAPITOLO. STATICA DEI FLUIDI diga avviene lungo la generatrice di traccia D così come indicato in figura. Il livello idrostatico dell acqua coincide con la generatrice di sommità di traccia A. Determinare 1. La spinta orizzontale per unità di larghezza che la paratoia esercita sulla diga.. Lo spessore s che rende la configurazione in figura di equilibrio idrostatico. 1. All equilibrio, l azione orizzontale F d della diga sulla paratoia uguaglia la risultante orizzontale delle pressioni esercitate dal fluido sulla superficie esterna della paratoia. Tale superficie si può suddividere in quattro spicchi cilindrici di profondità unitaria, rispettivamente AB, BC, CD, DA. Poichè sulla superficie DA agisce la pressione atmosferica, la risultante delle azioni su di essa è nulla. Si noti inoltre che le risultanti orizzontali sulle superfici BC e CD si annullano a vicenda, perché uguali in modulo ma opposte in verso. L azione F d equilibra quindi solamente la risultante orizzontale Π 1 delle pressioni sulla superficie AB. Quest ultima può essere calcolata considerando l equilibrio a traslazione orizzontale del volume fluido racchiuso in ABOA, che fornisce: Tornando all equilibrio della paratoia, si ha quindi Π 1 = 1 ρ g R. F d = Π 1 = 1 ρ g R.. Si studia ora l equilibrio alla traslazione verticale della paratoia. Il peso P della paratoia deve equilibrare la spinta netta S, risultante della distribuzione di pressioni sulla superficie laterale. Con la suddivisione della superficie laterale della paratoia descritta al punto precedente, è possibile calcolare le componenti verticali delle risultanti delle pressioni sulle singole facce, mediante l equilibrio dei volumi fluidi racchiusi rispettivamente in ABOA e BCDB. La somma vettoriale di tali azioni fornisce S = ρ g R ( π ). 1

23 P. Sammarco CAPITOLO. STATICA DEI FLUIDI Il peso della paratoia di spessore s è invece P = ρ acc g π R ρ acc g π(r s) ρ acc g π r s, dove l ultima approssimazione si ottiene trascurando i termini di ordine O(s ), essendo s R per ipotesi. Dall uguaglianza P = S si trova infine: s R ρ ( 1 ρ acc π + 3 ). 8 Esercizio n. 5 Una boa, assimilabile ad una sfera di raggio R e densità ρ b, galleggia in uno specchio acqueo (vedi figura). La posizione della boa è di equilibrio. In tale posizione emerge sopra la superficie libera un segmento sferico di altezza pari a R/. Calcolare la densità della boa ρ b. All equilibrio la spinta di galleggiamento S A eguaglia il peso del corpo P. La spinta vale S = γ V, dove V è il volume di fluido spostato dalla boa, pari a quello della sfera di raggio R meno il volume del segmento sferico di altezza h = R/: V = V sf V sg. Si ha: V sf = 4 3 πr3, mentre per il calcolo di V sg è necessario introdurre un sistema di riferimento in coordinate sferiche: x = r sin φ cos θ y = r sin φ sin θ, z = r cos φ con φ [0, /3 π] angolo di latitudine, θ [0, π] angolo di longitudine sul piano orizzontale (x, y). r è invece la coordinata radiale e varia tra R/( cos φ) (alla base del segmento sferico) ed R (sulla calotta). Detto J = r sin φ il determinante Jacobiano della trasformazione, il volume del segmento sferico è: /3 π π R V sg = R r sin φ dr dθ dφ. 0 0 cos φ

24 P. Sammarco CAPITOLO. STATICA DEI FLUIDI Risolvendo i due integrali in r e θ si ottiene: V sg = π /3 π 0 ( R 3 3 R 3 ) 4 cos 3 sin φ dφ. φ L ultimo integrale si risolve con la sostituzione u = cos φ, e fornisce il valore cercato: Il volume immerso è pertanto e la spinta di galleggiamento vale Il peso della boa è invece V = V sg = 5 4 π R3. ( ) π R 3 = π R3, S A = 9 8 ρ g π R3. P = 4 3 ρ b g π R 3. Dall equilibrio a traslazione verticale si ottiene quindi: Esercizio n. 6 S A = P ρ b = 0.84 ρ. Si consideri la configurazione piana in condizioni idrostatiche rappresentata in figura. Il cuneo triangolare, di peso trascurabile, è mantenuto in posizione dalla spinta verticale verso il basso che il fluido esercita lungo il tratto orizzontale di larghezza c. Calcolare il valore limite di a = a min, al diminuire di a, per il quale la forza netta esercitata dal fluido che tiene il cuneo in posizione si annulla. Le forze agenti sul cuneo in direzione verticale sono: La risultante Π 1 delle pressioni agenti sulla superficie orizzontale di base c, diretta verso il basso. 3

25 P. Sammarco CAPITOLO. STATICA DEI FLUIDI Le componenti verticali delle risultanti degli sforzi di pressione sulle superfici inclinate di sinistra e destra, rispettivamente Π e Π 3, dirette verso l alto. Data la simmetria del problema, queste forze hanno stesso modulo. Sulla superficie orizzontale la risultante (per metro di profondità del cuneo) è: Π 1 = ρ g a c. Sulla superficie inclinata di sinistra, la risultante delle pressioni vale in modulo ( S = ρ g ζ G Ω = ρ g a + b ) b cos θ, dove ζ G è l affondamento del baricentro della superficie bagnata rispetto al piano delle pressioni nulle, e Ω = b cos θ 1 è l area della superficie bagnata. La componente verticale di S è quindi Π = S sin θ = ρ g (ab tan θ + b ) tan θ. Come detto, analoga espressione si ha per l azione verticale sulla superficie inclinata di sinistra: Π 3 = Π. Il valore di a = a min in condizioni di equilibrio limite è quello per cui la somma vettoriale delle spinte verticali si annulla, cioè Π 1 Π Π 3 = Π 1 Π = 0. Sostituendo e svolgendo l algebra si ha: Esercizio n. 7 b a min = ( c ). tan θ 1 Un corpo galleggiante rettangolare di altezza a, larghezza b e profondità unitaria, viene tirato ad una profondità d dalla superficie libera di un fluido di densità ρ tramite un cavo di ancoraggio verticale (cfr. figura). La forza che bisogna applicare per mantenere il corpo a tale profondità vale T. Determinare la densità del corpo ρ b < ρ in funzione di ρ, a, b, d, T. 4

26 P. Sammarco CAPITOLO. STATICA DEI FLUIDI Il corpo è soggetto alle seguenti azioni: Peso proprio: P = ρ b a b g, diretto verso il basso. Spinta di galleggiamento: S A = ρ g b d, diretta verso l alto. Tiro T, diretto verso il basso. Per l equilibrio a traslazione verticale, da cui si ricava P + T = S A, ρ b = ρ d a T g a b. Esercizio n. 8 Una condotta sottomarina prefabbricata in calcestruzzo (densità ρ c = 300 kg /m 3 ) di diametro interno D e spessore s D viene collocata sul fondo del mare (densità ρ c = 1030 kg /m 3 ). Subito dopo la posa in opera la condotta, non ancora in uso, è vuota al suo interno. Calcolare il rapporto s/d minimo affinchè la condotta resti sul fondo. Le forze agenti sulla condotta sono: Peso proprio Spinta di galleggiamento [ (D ) P = ρ c π + s ( ) D S A = ρ gπ + s. ( ) ] D. All equilibrio S A = P, da cui si ricava, trascurando i termini O(s ): s D 1 ( ) ρ = 0.19 m. 4 ρ c ρ 5

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano Statica e dinamica dei fluidi A. Palano Fluidi perfetti Un fluido perfetto e incomprimibile e indilatabile e non possiede attrito interno. Forza di pressione come la somma di tutte le forze di interazione

Dettagli

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione Foronomia In idrostatica era lecito trascurare l attrito interno o viscosità e i risultati ottenuti valevano sia per i liquidi

Dettagli

CAMPI E LORO PROPRIETÀ

CAMPI E LORO PROPRIETÀ CMPI E LORO PROPRIETÀ 1.1 Introduzione ia una regione nello spazio in cui, in ogni suo punto, sia definita una grandezza g. La regione si dice allora soggetta ad un campo. Un campo può essere scalare,

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1

Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1 Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1 COMPITO A Un blocco di massa m 1 = 1, 5 kg si muove lungo una superficie orizzontale priva di attrito alla velocità v 1 = 8,2 m/s.

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI Il punto materiale e il corpo rigido Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Si intende, per punto materiale, un oggetto così piccolo

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Capitolo 34 TRASPORTO A SUPERFICIE LIBERA

Capitolo 34 TRASPORTO A SUPERFICIE LIBERA Capitolo 4 TRASPORTO A SUPERFICIE LIBERA CARATTERISTICHE ENERGETICHE. CARICO IDRAULICO Nelle correnti a superficie libera l acqua scorre in canali aperti o chiusi (figura.), mantenendo una superficie a

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore)

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore) L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Statica del Corpo Rigido Momento di una forza Unità 3 (4 ore) Condizione di equilibrio statico: leve

Dettagli

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Pressione EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Cos è la pressione? La pressione è una grandezza che lega tra di loro l intensità della forza e l aerea della superficie su cui viene esercitata

Dettagli

Leggi di Newton ed esempi

Leggi di Newton ed esempi Leggi di Newton ed esempi 1 Leggi di Newton Lo spazio delle fasi. Il moto di un punto materiale nello spazio è descritto dalla dipendenza temporale delle sue grandezze cinematiche, posizione, velocità

Dettagli

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1)

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1) 1 L Oscillatore armonico L oscillatore armonico è un interessante modello fisico che permette lo studio di fondamentali grandezze meccaniche sia da un punto di vista teorico che sperimentale. Le condizioni

Dettagli

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA Simulazione 01/15 ANNO SCOLASTICO 01/15 PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO PER IL LICEO SCIENTIFICO Il candidato risolva uno dei due problemi Problema 1 Nella

Dettagli

1. calcolare l accelerazione del sistema e stabilire se la ruota sale o scende [6 punti];

1. calcolare l accelerazione del sistema e stabilire se la ruota sale o scende [6 punti]; 1 Esercizio Una ruota di raggio R = 15 cm e di massa M = 8 Kg può rotolare senza strisciare lungo un piano inclinato di un angolo θ 2 = 30 0, ed è collegato tramite un filo inestensibile ad un blocco di

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

MASSA VOLUMICA o DENSITA

MASSA VOLUMICA o DENSITA MASSA VOLUMICA o DENSITA Massa volumica di una sostanza: è la massa di sostanza, espressa in kg, che occupa un volume pari a 1 m 3 1 m 3 di aria ha la massa di 1,2 kg 1 m 3 di acqua ha la massa di 1000

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Legge di Coulomb Esercizio 1. Durante la scarica a terra di un fulmine scorre una corrente di.5 10 4 A per

Dettagli

Proprieta meccaniche dei fluidi

Proprieta meccaniche dei fluidi Proprieta meccaniche dei fluidi 1. Definizione di fluido: liquido o gas 2. La pressione in un fluido 3. Equilibrio nei fluidi: legge di Stevino 4. Il Principio di Pascal 5. Il barometro di Torricelli 6.

Dettagli

I ESERCITAZIONE. Soluzione

I ESERCITAZIONE. Soluzione I ESERCITAZIONE 1. Moto rettilineo uniforme Un bagnino B è sulla spiaggia a distanza d B = 50 m dalla riva e deve soccorrere un bagnante H che è in acqua a d H = 100 m dalla riva. La distanza tra il punto

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012 Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 211/212 Ricordare: una funzione lipschitziana tra spazi metrici manda insiemi limitati in insiemi limitati; se il dominio di una funzione

Dettagli

CAPITOLO 4 IMPIANTI IDRAULICI

CAPITOLO 4 IMPIANTI IDRAULICI CAPITOLO 4 IMPIANTI IDRAULICI 4.1. Introduzione In questo paragrafo verranno trattate le problematiche relative agli impianti idraulici, limitatamente al caso degli impianti di sollevamento acqua. Si parlerà

Dettagli

Seminario didattico Ingegneria Elettronica. Lezione 5: Dinamica del punto materiale Energia

Seminario didattico Ingegneria Elettronica. Lezione 5: Dinamica del punto materiale Energia Seminario didattico Ingegneria Elettronica Lezione 5: Dinamica del punto materiale Energia 1 Esercizio n 1 Un blocco di massa m = 2 kg e dimensioni trascurabili, cade da un altezza h = 0.4 m rispetto all

Dettagli

Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Sistemi di travi. Prof. Daniele Zaccaria

Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Sistemi di travi. Prof. Daniele Zaccaria Dispense del Corso di SCIENZA DELLE COSTRUZIONI Prof. Daniele Zaccaria Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università di Trieste Piazzale Europa 1, Trieste Sistemi di travi Corsi di Laurea in

Dettagli

FAM. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente

FAM. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente Serie 11: Meccanica IV FAM C. Ferrari Esercizio 1 Centro di massa: sistemi discreti Determina il centro di massa dei seguenti sistemi discreti. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente

Dettagli

ELEMENTI DI IDROSTATICA IDROSTATICA L'idrostatica (anche detta fluidostatica) è una branca della meccanica dei fluidi che studiailiquidi liquidiin instato statodi diquiete quiete. Grandezze caratteristiche

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f Esercizio 1 Un corpo puntiforme di massa m scivola lungo la pista liscia di raggio R partendo da fermo da un altezza h rispetto al fondo della pista come rappresentato in figura. Calcolare: a) Il valore

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problema n. 1: Un corpo puntiforme di massa m = 2.5 kg pende verticalmente dal soffitto di una stanza essendo

Dettagli

COMPRESSIBILITÀ E CONSOLIDAZIONE

COMPRESSIBILITÀ E CONSOLIDAZIONE COMPRESSIBILITÀ E CONSOLIDAZIONE. Cedimenti nel caso di falda profonda e fondazione a p.c. 3 t δ 3 I cedimenti sono non lineari con il carico falda Al termine della fase di carico, i cedimenti sono trascurabili.

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

Richiami su norma di un vettore e distanza, intorni sferici in R n, insiemi aperti, chiusi, limitati e illimitati.

Richiami su norma di un vettore e distanza, intorni sferici in R n, insiemi aperti, chiusi, limitati e illimitati. PROGRAMMA di Fondamenti di Analisi Matematica 2 (DEFINITIVO) A.A. 2010-2011, Paola Mannucci, Canale 2 Ingegneria gestionale, meccanica e meccatronica, Vicenza Testo Consigliato: Analisi Matematica, M.

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione Classificazione Turbine idrauliche 1/8 Una turbina è una macchina che estrae energia da un fluido in possesso di un carico idraulico sufficientemente elevato. Tale carico (o caduta) è generato dal dislivello

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

LP. Lavoro e potenziale

LP. Lavoro e potenziale Lavoro e potenziale LP. Lavoro e potenziale Forza In questa sezione dobbiamo introdurre un nuovo concetto che assumiamo come primitivo dalla fisica: è il concetto di forza. Ci occuperemo anzitutto di una

Dettagli

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i

x (x i ) (x 1, x 2, x 3 ) dx 1 + f x 2 dx 2 + f x 3 dx i x i NA. Operatore nabla Consideriamo una funzione scalare: f : A R, A R 3 differenziabile, di classe C (2) almeno. Il valore di questa funzione dipende dalle tre variabili: Il suo differenziale si scrive allora:

Dettagli

Facoltà di Farmacia e Medicina - A.A. 2012-2013 12 giugno 2013 Scritto di Fisica (Compito A)

Facoltà di Farmacia e Medicina - A.A. 2012-2013 12 giugno 2013 Scritto di Fisica (Compito A) Facoltà di Farmacia e Medicina - A.A. 2012-2013 12 giugno 2013 Scritto di Fisica (Compito A) Corso di Laurea: Laurea Magistrale in FARMACIA Nome: Matricola Canale: Cognome: Aula: Docente: Riportare sul

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA 1 POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA Per ogni punto del programma d esame vengono qui di seguito indicate le pagine corrispondenti nel testo G. Tonzig,

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

TECNICHE DI ANALISI DEI FLUSSI

TECNICHE DI ANALISI DEI FLUSSI Corso di Misure Meccaniche Termiche e Collaudi 5 anno - Ingegneria Meccanica Politecnico di Bari prof. Domenico Laforgia ing. Giuseppe Starace TECNICHE DI ANALISI DEI FLUSSI In questa trattazione si farà

Dettagli

Integrali doppi - Esercizi svolti

Integrali doppi - Esercizi svolti Integrali doppi - Esercizi svolti Integrali doppi senza cambiamento di variabili Si disegni il dominio e quindi si calcolino gli integrali multipli seguenti:... xy dx dy, con (x, y R x, y x x }; x + y

Dettagli

Calcolo integrale in più variabili

Calcolo integrale in più variabili ppunti di nalisi II Calcolo integrale in più variabili Integrali doppi Nel caso di una funzione di una variabile f : a, b] R, supponendo f continua e fx) a, b], la quantità b a fx)dx indica l area fra

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6).

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6). Macchine semplici Premessa Lo studio delle macchine semplici si può considerare come una fase propedeutica allo studio delle macchine composte, poiché il comportamento di molti degli organi che compongono

Dettagli

Energia potenziale L. P. Maggio 2007. 1. Campo di forze

Energia potenziale L. P. Maggio 2007. 1. Campo di forze Energia potenziale L. P. Maggio 2007 1. Campo di forze Consideriamo un punto materiale di massa m che si muove in una certa regione dello spazio. Si dice che esso è soggetto a un campo di forze, se ad

Dettagli

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale Problema 1 Un corpo puntiforme di massa m = 1.0 kg viene lanciato lungo la superficie di un cuneo avente un inclinazione θ = 40 rispetto all orizzontale e altezza h = 80 cm. Il corpo viene lanciato dal

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

TECNOLOGIE E DIAGNOSTICA PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE DI FISICA A.A. 2015/2016

TECNOLOGIE E DIAGNOSTICA PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE DI FISICA A.A. 2015/2016 TECNOLOGIE E DIAGNOSTICA PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE DI FISICA A.A. 2015/2016 Docente: GASPARRINI FABIO Testo di riferimento: D. Halliday, R. Resnick, J. Walker,

Dettagli

13. Campi vettoriali

13. Campi vettoriali 13. Campi vettoriali 1 Il campo di velocità di un fluido Il concetto di campo in fisica non è limitato ai fenomeni elettrici. In generale il valore di una grandezza fisica assegnato per ogni punto dello

Dettagli

FONDAZIONI parte di struttura a diretto contatto con il terreno al quale vincola stabilmente la struttura stessa

FONDAZIONI parte di struttura a diretto contatto con il terreno al quale vincola stabilmente la struttura stessa DEFINIZIONE FONDAZIONI parte di struttura a diretto contatto con il terreno al quale vincola stabilmente la struttura stessa concepite per ripartire le sollecitazioni provenienti dalla struttura in elevazione

Dettagli

TRAVI SU SUOLO ALLA WINKLER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE

TRAVI SU SUOLO ALLA WINKLER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE Università degli Studi di Palermo Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica TRAVI SU SUOO AA WINKER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE Prof.. Cavaleri Ing. F. Di Trapani TRAVI

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Dimensionamento delle strutture

Dimensionamento delle strutture Dimensionamento delle strutture Prof. Fabio Fossati Department of Mechanics Politecnico di Milano Lo stato di tensione o di sforzo Allo scopo di caratterizzare in maniera puntuale la distribuzione delle

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ Giovanni Dalerci, Rossella Bovolenta Università degli Studi di Genova Dipartimento

Dettagli

Programmazione modulare 2015-16

Programmazione modulare 2015-16 Programmazione modulare 2015-16 ndirizzo: BEO Disciplina: FS lasse: Prime 1 1B 1 1G Ore settimanali previste: 3 (2 ore eoria - 1 ora Laboratorio) OPEEZE itolo odulo POLO Ore previste per modulo Periodo

Dettagli

RELAZIONE DI IDRAULICA

RELAZIONE DI IDRAULICA Politecnico di Torino RELAZIONE DI IDRAULICA Relazione esercitazioni. Anno Accademico 2011/2012 Corso di Idraulica Professore: L. Ridolfi Studente: Eleonora Magnotta Matricola: 162010 1 INDICE ESERCITAZIONE

Dettagli

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano PPUNTI DI SCIENZ DEE COSTRUZIONI Giulio lfano nno ccademico 004-005 ii Indice 1 TRVTURE PINE 1 1.1 Geometria, equilibrio e vincoli...................... 1 1.1.1 Piani di simmetria........................

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3 INDICE 1. Premesse pag. 2 2. Regime normativo pag. 3 3. Plinto di fondazione torre faro pag. 4 3.1 Sollecitazione massime di calcolo pag. 4 3.2 Determinazione massimi sforzi sui pali pag. 4 3.3 Dimensionamento

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 2006/2007 SIMULAZIONE DI II PROVA - A LICEO SCIENTIFICO STATALE G.GALILEI CATANIA A.S. 6/7 SIMULAZIONE DI II PROVA - A Tempo a disposizione: cinque ore E consentito l uso della calcolatrice non programmabile. Non è consentito uscire dall aula

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1.

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 2011. Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti scelti nel questionario 1. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ODINAMENTO 11 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 1 quesiti scelti nel questionario 1. PROBLEMA 1 Si considerino le funzioni f e g definite, per

Dettagli

Equilibrio statico di un corpo esteso

Equilibrio statico di un corpo esteso Equilibrio statico di un corpo esteso Se una particella è in equilibrio statico, cioè se è ferma e resta ferma, la forza risultante che agisce su di essa deve essere nulla. Nel caso di un corpo esteso,

Dettagli

ST1 Un serbatoio contenente azoto liquido saturo a pressione ambiente (temperatura di saturazione -196 C) ha forma sferica ed è realizzato con due gusci metallici concentrici di spessore trascurabile e

Dettagli

Esercizi di riepilogo Matematica II Corso di Laurea in Ottica ed Optometria

Esercizi di riepilogo Matematica II Corso di Laurea in Ottica ed Optometria Esercizi di riepilogo Matematica II Corso di Laurea in Ottica ed Optometria Esercizio 1 Testo Sia F F 1 x,y),f x,y)) ) x 1 x y + 1 x, y 1 x y + 1 y un campo vettoriale. 1. Si determini il dominio in cui

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

EQUILIBRIO DEI FLUIDI

EQUILIBRIO DEI FLUIDI ISTITUTO PROVINCIALE DI CULTURA E LINGUE NINNI CASSARÀ EQUILIBRIO DEI FLUIDI CLASSI III A, III B E IV A Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it SOLIDI, LIQUIDI E GAS La divisione della materia nei suoi tre

Dettagli

. Si determina quindi quale distanza viene percorsa lungo l asse y in questo intervallo di tempo: h = v 0y ( d

. Si determina quindi quale distanza viene percorsa lungo l asse y in questo intervallo di tempo: h = v 0y ( d Esercizio 1 Un automobile viaggia a velocità v 0 su una strada inclinata di un angolo θ rispetto alla superficie terrestre, e deve superare un burrone largo d (si veda la figura, in cui è indicato anche

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni:

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni: FUNZIONI IN PIÙ VARIABILI 1. Esercizi Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni, specificando se si tratta di un insieme aperto o chiuso: 1) f(x, ) = log(x x ) ) f(x, ) = x + 3) f(x,

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Programma definitivo Analisi Matematica 2 - a.a. 2005-06 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Civile (ICI)

Programma definitivo Analisi Matematica 2 - a.a. 2005-06 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Civile (ICI) 1 Programma definitivo Analisi Matematica 2 - a.a. 2005-06 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Civile (ICI) Approssimazioni di Taylor BPS, Capitolo 5, pagine 256 268 Approssimazione lineare, il simbolo

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO)

IL CALCOLO VETTORIALE (SUPPLEMENTO AL LIBRO) IL CALCOLO VETTORIALE SUPPLEMENTO AL LIBRO CLAUDIO BONANNO Contents. Campi di vettori e operatori 2. Il lavoro di un campo di vettori 5 2.. Lavoro e campi conservativi 6 2.2. Lavoro e campi irrotazionali:

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Docente: Prof. Santo Marcello Zimbone Collaboratori: Dott. Giuseppe ombino - Ing. Demetrio Zema Lezione n. 10: Foronomia nno ccademico 2008-2009 2009 1 Indice

Dettagli

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m DINAMICA. La macchina di Atwood è composta da due masse m e m sospese verticalmente su di una puleggia liscia e di massa trascurabile. i calcolino: a. l accelerazione del sistema; b. la tensione della

Dettagli

IDRAULICA. H89.8D - Banco Idraulico

IDRAULICA. H89.8D - Banco Idraulico IDRAULICA H89.8D - Banco Idraulico 1. Generalità Il banco H89.8D con i suoi equipaggiamenti ausiliari è stato progettato per permettere un ampia gamma di esperienze nella meccanica dei fluidi. È di costruzione

Dettagli

Il potenziale a distanza r da una carica puntiforme è dato da V = kq/r, quindi è sufficiente calcolare V sx dovuto alla carica a sinistra:

Il potenziale a distanza r da una carica puntiforme è dato da V = kq/r, quindi è sufficiente calcolare V sx dovuto alla carica a sinistra: 1. Esercizio Calcolare il potenziale elettrico nel punto A sull asse di simmetria della distribuzione di cariche in figura. Quanto lavoro bisogna spendere per portare una carica da 2 µc dall infinito al

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

Normative di riferimento

Normative di riferimento Aztec Informatica CARL 9.0 Relazione di calcolo 1 RELAZIONE DI CALCOLO GEOTECNICO Normative di riferimento - Legge nr. 1086 del 05/11/1971. Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio,

Dettagli

11 Teorema dei lavori virtuali

11 Teorema dei lavori virtuali Teorema dei lavori virtuali Teorema dei lavori virtuali Si consideri una trave ad asse rettilineo figura.). Per essa si definisce sistema carichi sollecitazioni CS) l insieme di tutte le grandezze di tipo

Dettagli