Via della Liberta n VILLARICCA(NA) Tel Fax Il nostro sito:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Via della Liberta n 20 80010 VILLARICCA(NA) Tel. 0818942695 Fax. 081 3302943 E-Mail: namm535009@istruzione.it Il nostro sito:"

Transcript

1 Via della Liberta n VILLARICCA(NA) Tel Fax Il nostro sito: Il nostro Blog adanegripon.splinder.com

2 PRESENTAZIONE Denominazione: SCUOLA MEDIA STATALE ADA NEGRI Livello d istruzione: Secondaria di primo grado Indirizzo: Via Della Libertà, n Villaricca (Na) Telefono Fax Indirizzo Il nostro sito: Il nostro Blog: adanegripon.splinder.com La Comunità Scolastica ADA NEGRI ha redatto il documento di identità dell Istituzione Scolastica, tenendo conto delle innovazioni apportate dalla Legge di Riforma n. 53/2003, del decreto legislativo n.59 del 19 febbraio 2004, delle nuove linee di riforma del curricolo (31/07/07) e delle direttive dal Ministero attraverso il DL.n.133 del 28/08/08. In esso sono state specificate: la nuova organizzazione didattica ed oraria, i nuovi insegnamenti, le finalità, gli obiettivi, le metodologie, le risorse interne ed esterne, al fine di offrire un servizio di qualità rispondente alle nuove esigenze formative emergenti. Nell espletamento del nostro compito di educatori contiamo sulla collaborazione delle famiglie, sul dialogo aperto e continuo con le istituzioni,al fine di fare crescere bene i ragazzi nel rispetto delle loro potenzialità ed attitudini. IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa Antonietta Biondi

3 IL POF PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Il POF rappresenta il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale dell istituzione scolastica ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che la scuola adotta nell ambito dell autonomia per rispondere alle esigenze del contesto culturale, sociale ed economico (art. 3, L. 59/97) Esso presenta agli studenti, alle loro famiglie, alle istituzioni che insistono sul territorio le scelte culturali, didattiche ed organizzative che caratterizzano la Scuola Secondaria di I grado Ada Negri di Villaricca, insieme alle iniziative che ne arricchiscono l offerta formativa curricolare ed extracurricolare. Il Piano, costituisce, quindi, uno strumento utile per dare visibilità al lavoro che si svolge ogni giorno nella nostra scuola, che attuando l autonomia attribuitale dalle disposizioni legislative, progetta i propri percorsi didattici in modo che, oltre a valorizzare la tradizione culturale propria dell istituzione stessa, siano più coerenti con la realtà in cui esso opera e più vicini alle aspettative dell utenza. Proseguendo, dunque, nell articolato percorso dell Autonomia scolastica (L. 59/97), facendo proprie le linee guida fissate dalle disposizioni ministeriali del 31/07/07 e dal DL del 28/08/08. La Scuola Ada Negri ha elaborato un Piano dell Offerta Formativa che sia l espressione di un progetto discusso e condiviso dall intera comunità scolastica. 1

4 Villaricca è la nuova denominazione data nel 1871 a Panicocoli, paese di origini remote e dalla lunga storia. La cittadina, che è situata a Nord dei Campi Flegrei, dista circa 10 chilometri da Napoli e 20 dal mare. Confina con i Comuni di Giugliano, Mugnano, Qualiano, Calvizzano, Quarto e Marano. Il centro del Comune è attraversato da una trafficata rete viaria (Circumvallazione esterna). Il territorio occupa una superficie di 6,85 Km², di cui, fino a qualche decennio fa, una buona parte era coltivata a frutteto. Oggi solo solo pochi m² di terreno sono destinati a verde pubblico. Negli ultimi trent anni la densità di popolazione è notevolmente aumentata (4110 abitanti/ Km 2 ) a causa di un considerevole e spesso disordinato sviluppo edilizio. Il numero degli abitanti attualmente stimato dalla Camera di Commercio è di unità. Le famiglie sono La realtà sociale del Comune di Villaricca è quella tipica della periferia urbana. Il primitivo nucleo essenzialmente rurale, è stato inglobato in un imponente zona di urbanizzazione residenziale che ha favorito l immigrazione massiccia dal capoluogo. La situazione socio-culturale delle famiglie si può evincere dall allegato n.1 che illustra i risultati di un indagine riferita all a.s. 2003/04 Strutture scolastiche: Statali : I e II Circolo Didattico, S.M A. Negri, S.M G. Siani, Ist. Comprensivo I.Calvino Paritarie : (scuola primaria e dell infanzia) P.A. Farinaro Strutture Sportive: (scuola dell infanzia) Snoopy, Birbe e Marmocchi, Primi passi, La Vela Liceo Linguistico Don Mauro I.P.I.A. B. Roccia Tensostruttura, Campo di calcetto. Il campo di calcio e quello da tennis saranno trasferiti nel Palazzetto dello sport attualmente in costruzione. Palestre scolastiche: I Circolo didattico S.M. Siani II Circolo didattico Parrocchie : S. Rita S. Francesco S. Pasquale Baylon SS. Maria dell Arco Iniziative culturali L Assessorato alla Cultura organizza periodicamente manifestazioni di rilievo culturale in collaborazione spesso con scuole ed associazioni operanti sul territorio. Tra esse è bene ricordare: I Cortili Dell arte - mostra di arte contemporanea Tour-poetando concorso di poesia Biblioteche: Biblioteca Comunale con circa 2000 volumi disponibili. Associazioni Culturali : sul territorio ne sono presenti 11 Associazioni Sociali: sul territorio ne sono presenti 6 Associazioni Sportive: sul territorio ne sono presenti 5 2

5 Lo stabile è composto da tre livelli: Al primo, sono state allestite sei aule e i laboratori (tecnologico, artistico, linguistico, musicale) Il secondo livello, ingresso alla scuola, presenta n. 13 aule di cui una attrezzata con computer ed utilizzata come laboratorio creativo ed una con computer del progetto PON. Sullo stesso piano è presente un ampia palestra luminosa, la sala professori, uno spazio riservato al ricevimento dei genitori e gli uffici (Presidenza, Direzione Amministrativa, Ufficio di Segreteria, stanza dei collaboratori ) Vi sono due ampi cortili: 1 alberato ed adibito a parcheggio e a zona di raccolta degli alunni in caso di evacuazione. 1 mattonato antistante l atrio della scuola. Allo stesso livello è ubicata l Aula Magna Il secondo livello presenta 11 aule di cui una adibita a laboratorio di lettura. La scuola possiede, inoltre, un aula magna adibita a sala per riunioni, sala proiezioni. La dotazione per le proiezioni consiste in : 2 televisori - 1 videoregistratore - 1 videocamera - 1 videoproiettore con maxischermo. 1 macchina fotografica, 2 PC portatili 3

6 PERSONALE DOCENTE ATA - DIRIGENTE SCOLASTICO - DIRETTORE SERVIZI GENERALI E Dott. A. Biondi AMMINISTRATIVI - N. 56 DOCENTI DI CUI N. 6 - ASSISTENTI AMMINISTRATIVI DI SOSTEGNO - COLLABORATORI SCOLASTICI Lo staff di presidenza, a cui partecipano, a pieno titolo più figure professionali, garantisce la sinergia tra il Dirigente scolastico, il direttore dei servizi generali ed amministrativi ed i docenti che si occupano del POF. DIRIGENTE SCOLASTICO COLLABORATORE VICARIO COLLABORATORE Dott. Prof.ssa Antonietta. Biondi Prof.ssa Nicolina Francione Prof.ssa Maria Rosaria Migliaccio Prof. Antonietta Palmieri Prof. Vittoria Catalano FUNZIONI STRUMENTALI Prof. Rosaria Maria Marfella Prof. Anna Picone Docente collaboratore : Matilde D Errico Prof. Antonio Guarino Direttore dsga P.M. MARTINO 4

7 CHI FA DIRIGENTE IL Dirigente riceve per appuntamento. Per casi urgenti dalle ore 10,30 alle ore 11,30 CHE COSA FUNZIONE DI DIREZIONE Assicura la gestione unitaria dell istituto del quale ha la legale rappresentanza; Organizza la scuola secondo criteri di efficacia ed efficienza; Gestisce la scuola in coerenza ai processi decisionali di istituto. FUNZIONE DI COORDINAMENTO Promuove e coordina le attività didattiche; Presiede il C.d.D. È membro del C.d.I. E titolare delle relazioni sindacali. Collabora all integrazione tra le risorse economiche, sociali, culturali e professionali di diversi enti. FUNZIONE DI GESTIONE Risponde delle risorse finanziarie e strumentali; Adotta provvedimenti di gestione delle risorse del personale con l aiuto del direttore amministrativo. COLLABORATORE DEL DIRIGENTE CON FUNZIONE DI VICARIO Prof.ssa FRANCIONE NICOLINA Funzione organizzativa generale Predispone disposizioni urgenti per il supporto a vigilanza alunni Autorizza ritardi - richieste di uscita anticipata degli alunni, Attua le procedure per la sostituzione docenti assenti in collaborazione con il vicario (l utilizzo delle ore di disposizione ed eccedenti). Formula quadri orari del personale docente, Formula quadro orario dei laboratori- aule, Calendarizza i consigli di classe. COLLABORATORE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. MARIA ROSARIA MIGLIACCIO Agisce da supporto nell organizzazione e gestione. Attua disposizioni urgenti per vigilanza alunni e sicurezza degli ambienti scolastici. Attua il controllo dei ritardi e permessi degli alunni Si occupa della gestione sussidi e materiale. Dispone per la sostituzione dei docenti assenti con utilizzo delle ore a disposizione o eccedenti. Sostituisce il Dirigente Scolastico in caso di assenza o impedimento. 5

8 CHI FA FUNZIONE TRUMENTALE AREA 1 Prof.ssa Antonietta Palmieri FUNZIONE TRUMENTALE AREA 2 Prof.ssa Rosaria Maria Marfella CHE COSA Coordinamento, aggiornamento e verifica p.o.f. Monitoraggio e Valutazione P.O.F. Referente QUALITA Referente azioni PON Monitoraggio progetti e laboratori extracurriculari Cura della documentazione delle Attività Extracurriculari Referente QUALITA Organizzazione e monitoraggio visite guidate e viaggio d istruzione Valutatore azioni PON FUNZIONE TRUMENTALE AREA 3 Prof.ssa Vittoria Catalano FUNZIONE TRUMENTALE AREA 4 Prof.ssa Anna Picone Docente collaboratore Prof.ssa Matilde D Errico FUNZIONE TRUMENTALE AREA 5 Prof. Antonio Guarino Monitoraggio regolarità della Frequenza Sostegno ad alunni in difficoltà Monitoraggio problematiche affettivo-relazionali Rapporti Asl Servizi Sociali strutture sociali di integrazione Sportello d ascolto studenti Supporto agli alunni delle classi terze per la scelta scuola secondaria di II grado Raccolta e diffusione di informazioni circa gli indirizzi e i curriculi delle scuole secondarie Contatti con scuole superiori e centri per l impiego del territorio Rapporti con le attività produttive del territorio Contatti tra scuole elementari e superiori del territorio Accoglienza degli alunni anche nel corso dell anno Elaborazione schede di raccordo e di continuità. Supporto alla formazione delle classi prime Cura e organizzazione rete didattica Cura ed organizzazione Laboratorio informatico. Allestimento ed aggiornamento del sito della scuola. Uso didattico di software e hardware. Consulenza ai docenti per l informatica 6

9 Il personale ATA contribuisce insieme alle altre figure scolastiche al raggiungimento degli obiettivi previsti nel piano dell offerta formativa. Ognuno con le proprie competenze personali e relazionali collabora al raggiungimento di obiettivi quali: L instaurarsi di un rapporto significativo con le famiglie e con gli organismi agenzie del territorio coinvolti nella realizzazione del piano. Fornire un supporto concreto, ove possibile, alle stesse attività educative, pur nel rispetto del profilo previsto dalle rispettive mansioni. Una formazione permanente da attuarsi con risorse interne o esterne. PERSONALE A.T.A. TOTALE N. : 12 DIRETTORE SERVIZI GENERALI E AMMINISTRATIVI n.1 Martino Maria Palma ASSISTENTI AMMINISTRATIVI n. 3 Morlando Crescenzo Balzano Lucia Santoro Vincenza COLLABORATORI SCOLASTICI n.8 M. Biancaniello A.Gallo S.Volpe C. Dello Russo F. D Auria C. Smeriglia G. Di Bartolomeo A. Senese ORARI DI RICEVIMENTO DIRIGENTE SCOLASTICO Il Dirigente riceve per appuntamento. Per casi urgenti dalle ore 10,30 alle ore 11,30 SEGRETERIA il lunedì: dalle ore alle ore il martedi dalle ore alle ore il giovedi dalle ore alle ore il sabato dalle ore alle ore

10 ORGANIGRAMMA SICUREZZA 2009/2010 D.LGS 81/2008 GRUPPO DI LAVORO GLH Coordinatore Componenti del gruppo Compiti PROF.SSA VALERIA PALUMBO Dirigente Scolastico Docenti di sostegno in servizio nell istituto Funzione strumentale per l area Dispersione e disagio Docenti coordinatori delle classi in cui sono inseriti alunni diversamente abili. Genitori Rappresentanti ASL Collabora alla definizione del progetto d istituto per la parte relativa all integrazione scolastica. Formula una proposta complessiva per la collocazione delle risorse. Verifica in itinere le iniziative di sostegno programmate dalla scuola. Elabora specifici progetti. Verifica al termine dell anno scolastico gli interventi, elabora il piano per l anno scolastico successivo, formula una proposta di organico 8

11 PROMUOVERE IL SUCCESSO FORMATIVO DELL ALUNNO Educazione integrale della persona Prevenzioni dei disagi e recupero degli svantaggi Potenziamento delle eccellenze con il passaggio dalla scuola del diritto allo studio alla scuola del diritto al successo formativo; dalla scuola dell autorità alla scuola dell autorevolezza; dalla scuola che eroga conoscenze alla scuola che sostiene e attesta l acquisizione di competenze; dalla scuola della lezione alla scuola della didattica della ricerca-azione; dalla valutazione sommativa alla valutazione formativa Dalla scuola del rispetto della norma alla scuola della soddisfazione del cliente mediante Rapporti chiari e trasparenti con l utenza; Condivisione e coinvolgimento nell innovazione; Implementazione delle procedure informatiche; Ottimizzazione degli orari di lavoro Valorizzazione delle risorse umane; Qualificazione del personale; Potenziamento della collegialità come valore; Razionalizzazione e qualificazione delle spese; Sostenere la necessità della documentazione 9

12 OBIETTIVI PRIORITARI DELLA POLITICA PER LA QUALITÀ (In coerenza con le finalità del processo di miglioramento] Centralità dell alunno, nel quadro di una cooperazione tra scuola, genitori e territorio; Personalizzazione dei percorsi di crescita rispetto ai diversificati bisogni formativi degli alunni; Cura della documentazione del percorso formativo; Crescita e valorizzazione della persona umana, nel rispetto dei ritmi dell età, delle vocazioni, delle differenze e della identità di ciascuno; Miglioramento della qualità e dei livelli del servizio scolastico, attraverso una riforma complessiva del sistema dell istruzione e della formazione e l adozione di una serie di iniziative di supporto, di promozione e di potenziamento; Realizzazione di un offerta formativa di alto e qualificato livello, in grado di corrispondere alle attese e ai bisogni individuali nonché di corrispondere alle esigenze complessive di sviluppo del territorio; Migliore qualificazione del personale e di quello docente in particolare; Valorizzazione delle professionalità più qualificate; Razionalizzazione e qualificazione della spesa; Adozione, promozione e sviluppo di modelli organizzativi in rete intesi a modernizzare e a rendere più efficiente i protocolli di comunicazione tra i vari soggetti istituzionali, che a vario titolo e con diverse responsabilità sono titolari delle politiche dell offerta formativa; Aumento della capacità di programmazione, di progettazione, di valutazione e di controllo; 10

13 FINALITÀ FORMATIVE ED OBIETTIVI Questa istituzione scolastica fa propri gli obiettivi generali del processo formativo contenuti nella Premessa delle Indicazioni Nazionali: Educare in maniera integrale la persona, impegnandosi ad adoperare il sapere e il fare come occasioni per sviluppare armonicamente la personalità degli allievi e per consentire loro di agire in maniera matura e responsabile Collocare nel mondo, impegnandosi ad aiutare l alunno a formarsi un immagine sempre più chiara ed approfondita della realtà sociale Orientare, pianificando lo studio delle discipline e delle altre attività per contribuire ad orientare l alunno ad assumere iniziative concrete per il proprio sviluppo, ad aiutarlo a conoscere se stesso anche di fronte al contesto sociale per portare avanti lo sviluppo di un proprio progetto personale Assumere identità sostenendo il preadolescente nella fatica interiore del crescere Indurre motivazione e specificità per facilitare gli apprendimenti, utilizzando le modalità più rilevanti e ricche di senso, che l alunno le possa esercitare, motivare insieme agli altri, dinanzi agli altri. Prevenire i disagi e recuperare gli svantaggi, per leggere i bisogni e i disagi dei preadolescenti ed intervenire prima che si trasformino in malesseri conclamati, disadattamenti, abbandoni. Creare la relazione educativa per prendersi cura l uno dell altro come persone, incoraggiare ed orientare, rispettare gli stili individuali di apprendimento, valorizzare, mai omologare, condividere. Da tali finalità discendono obiettivi appartenenti agli ambiti delle: conoscenze (sapere) : acquisizione teorica dei contenuti disciplinari abilità (saper fare): utilizzazione delle conoscenze acquisite competenze (saper essere): utilizzazione delle conoscenze e delle abilità in ambiti diversi, capacità elaborative, logiche e critiche, capacità di riconoscere problemi e agire in modo appropriato OBIETTIVI DIDATTICI GENERALI Saper ricevere e comprendere messaggi Saper comunicare Saper rielaborare - Individuare in una comunicazione le informazioni essenziali e comprendere il messaggio e formulare domande pertinenti. - Memorizzare dati, applicare i dati acquisiti e interpretare le informazioni. - Esporre in modo chiaro e corretto. - Strutturare le informazioni in modo organico. - Utilizzare linguaggi e codici diversi adeguandoli al contesto. - Saper applicare regole. - Rielaborare le informazioni apprese. - Valutare i risultati delle proprie attività di rielaborazione. - Sviluppare capacità critiche e creative. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI (1) SVILUPPO DELLA PERSONALITÁ E SOCIALIZZAZIONE (1.A) Conoscersi e crescere (1.B) Vivere nel gruppo e nella realta - Aver consapevolezza delle proprie esigenze, capacità, limiti, aspirazioni anche per l orientamento futuro. - Sviluppare le capacità di autocontrollo e l autostima, condizioni indispensabili per uno sviluppo equilibrato della personalità, anche in relazione agli altri. - Mettersi in relazione e interagire in modo costruttivo. - Rispettare le altrui esigenze, capacità, limiti, aspirazioni e le regole dell ambiente scolastico. - Saper accettare e/o concordare regole, i propri e gli altrui diritti. - Dalle conoscenze della realtà nei suoi vari aspetti (fisico, storico, culturale, sociale, economico, ambientale) cominciare a mettersi in relazione consapevole con essa, anche con riferimento a strutture e servizi di pubblica utilità e a codici di comportamento (sia legali quali il codice stradale, sia di altra natura, come il comportamento in relazione a questioni quali il risparmio energetico, la raccolta differenziata dei rifiuti, ecc.). - Rispettare persone (provenienza, professione, estrazione sociale, ecc.), gruppi (sesso, età, ecc.), collettività (religione, convinzioni, opinioni, ecc.). 11

14 (2) ACQUISIZIONE DI UN METODO PER SAPERE, SAPER FARE E SAPER ESSERE (2.A) Attenzione e - Prestare attenzione, controllando i fattori di distrazione. partecipazione - Intervenire con pertinenza e in modo costruttivo. (2.B) Impegno e organizzazione OBIETTIVO 1.B: OBIETTIVO Accettazione dei compagni Disponibilità verso i compagni Disponibilità verso i docenti Rispetto del ruolo di ogni operatore - Riuscire ad elaborare la decisione di impegnarsi, nella consapevolezza degli obiettivi. - Individuare gli obiettivi (guidati dai docenti e/o autonomamente) e le strategie per raggiungerli. - Distribuire i propri impegni nel tempo e rispettare le scadenze. - Utilizzare un metodo di studio per fasi scientificamente corrette (attivazione di conoscenze e competenze preliminari; ricognizione delle fonti e/o del/dei testo/i; analisi sistematica, rielaborazione personale anche attraverso schematizzazioni, mappe concettuali, ecc.). - Elaborare progetti operativi ed eseguirli (organizzando il materiale necessario e avendone cura, utilizzando capacità, metodi e strumenti adeguati). - Riconoscere problemi, selezionando ed elaborando le informazioni necessarie ad affrontarli, decidendo e agendo in modo appropriato per risolverli. ESEMPLIFICAZIONE DI STRATEGIE PER IL CONSEGUIMENTO DI ALCUNI OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI VIVERE NEL GRUPPO E NELLA REALTÀ COMPORTAMENTI STRATEGIE DEL DOCENTE OSSERVABILI Viene volentieri a scuola Non prende in giro i compagni Non prevarica gli altri Ascolta e rispetta le opinioni altrui Accetta il ruolo nel lavoro di gruppo Coinvolge il compagno in difficoltà Accetta l aiuto Accetta richiami e consigli Corregge il comportamento È corretto con gli ATA Crea un clima disteso Coglie gli interessi Parla con la famiglia Educa ad accettare la varietà con la parola, l esempio, l imparzialità Richiama l allievo Scoraggia pettegolezzi e critiche Dà gli incarichi a rotazione Porta a scoprire le regole di convivenza Organizza lavori di gruppo pianificando i ruoli Organizza piccoli gruppi di lavoro e favorisce lo scambio di conoscenze Organizza lavori fra allievi con capacità diverse Non colpevolizza chi sbaglia Motiva il rispetto delle regole e coinvolge nella riflessione il gruppo-classe Affianca l allievo aiutandolo a superare le difficoltà, valorizzandone i progressi, anche piccoli Porta a riconoscere la dignità di ogni lavoro con discussioni ad hoc, ecc. Rispetto dell ambiente e dei materiali Ha cura del materiale comune Contribuisce a mantenere ordine e pulizia Invita al rispetto del regolamento e vigila sul comportamento degli allievi Responsabilizza l allievo 12

15 OBIETTIVO 2.A: ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE OBIETTIVO COMPORTAMENTI OSSERVABILI STRATEGIE DEL DOCENTE Partecipazione attiva alle lezioni Presta attenzione Chiede spiegazioni Risponde in modo pertinente Dà contributo di proposte e strumenti personali Integra nelle verifiche saperi di altre discipline Usa un linguaggio chiaro e comprensibile a tutti E disponibile ad offrire spiegazioni alternative coinvolgendo la classe Sollecita gli interventi tenendo presenti gli interessi dell allievo Invita i compagni ad esprimere accordo o disaccordo Gratifica e incoraggia i vari tentativi Stimola ai collegamenti fra le discipline Organizzazione del materiale Esecuzione dei lavori Ha cura di sé e delle proprie cose Sa preparare lo zainetto Tiene in modo corretto il diario Porta il necessario Chiede aiuto solo dopo vari tentativi autonomi Lavora senza bisogno di stimoli Riconosce i propri limiti e si sforza di superarli Colloquia col singolo allievo e con le famiglie Dà consigli per le preparazione Controlla il diario giornalmente ad alcuni allievi a turno Ricorda quanto serve portare il necessario Parla con la famiglia Controlla l allievo e interviene adeguatamente Valorizza i progressi del singolo e predispone lavori differenziati Incoraggia l allievo e gli dimostra le sue potenzialità OBIETTIVO 2.B: IMPEGNO E ORGANIZZAZIONE OBIETTIVO COMPORTAMENTI OSSERVABILI STRATEGIE DEL DOCENTE Organizzazione Lavora in modo ordinato Dà indicazioni semplici e precise (con del lavoro in classe Rivede e corregge schemi se necessario) Sa trovare varie strategie per il medesimo lavoro Controlla le fasi del lavoro Invita all autocorrezione dando criteri Dà suggerimenti e fornisce esempi Organizzazione del lavoro a casa Esegue i compiti scritti in modo completo Studia in modo costante Esemplifica la serie di condizioni idonee al migliore risultato Compie verifiche sulle procedure 13

16 Premessa La Legge Delega 28 Marzo 2003, resa operante dal Decreto Attuativo approvato il 23 Gennaio 2004, introduce una serie di norme generali che mutano in modo significativo l assetto della scuola italiana. La scuola secondaria di primo grado è articolata, al suo interno, in due periodi didattici: un biennio e un terzo anno che completa prioritariamente il percorso disciplinare e assicura l orientamento e il raccordo con il ciclo della scuola secondaria di secondo grado.. Per questo motivo sono stati riscritti i Piani di Studio relativi, alla luce delle indicazioni nazionali presenti nel Decreto legislativo del 19 febbraio 2004, n.59. Le Indicazioni Nazionali prevedono inoltre la "Educazione alla convivenza civile", articolata in : educazione alla cittadinanza, educazione stradale, educazione ambientale, educazione alla salute, educazione all affettività, da attuare mediante attività educative e didattiche, disciplinari e interdisciplinari, nell arco dei tre anni della scuola secondaria di primo grado. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA L'organizzazione didattica è strutturata su più livelli ognuno con specifiche competenze ed attribuzioni ll Collegio docenti individua le grandi linee programmatiche ed organizzative della scuola anche su base pluriennale. Un esempio è questo documento con tutti i suoi allegati (progetti, corsi,..) che deve esplicitare l insieme delle finalità della scuola e le attività che ne costituiscono l attuazione. Le riunioni per aree disciplinari definiscono i contenuti ed i livelli minimi che costituiscono il denominatore comune della scuola. Individuano quindi quelle strategie didattiche che possono costituire un patrimonio comune d'intervento didattico ed in particolare i criteri ed i livelli di valutazione. I consigli di classe definiscono il Piano di studi personalizzato ovvero l'impostazione didattica, il livello di approfondimento, la scelta delle unità di apprendimento in relazione alle particolari esigenze della classe e le modalità ed i tempi delle relative verifiche degli apprendimenti. E' previsto il controllo in itinere del lavoro approntando, secondo le necessità, i dovuti correttivi. Il coordinatore di classe è il riferimento tra i docenti del CC, gli studenti ed i genitori ed è il referente per tutte le iniziative connesse alla attività della classe. 14

17 PIANI DI STUDIO PERSONALIZZATI Le Indicazioni Nazionali chiedono ai docenti, per realizzare la centralità dell allievo, di predisporre: Piani di studio personalizzati (nella scuola primaria e nei successivi gradi di scuola) Unità di apprendimento SUCCESSO FORMATIVO DELL ALLIEVO DPR.275/99 L. 53/2003 D.Lgs.59/2004 PRINCIPIO Della PERSONALIZZAZIONE COME SI PROCEDE PER LA FORMULAZIONE DEL PSP Raccogliere le informazioni per formulare un profilo d ingresso di ciascun alunno o gruppi di alunni; Confrontare il profilo dell alunno con le INDICAZIONI NAZIONALI; Formulare gli OBIETTIVI FORMATIVI; Ideare le UNITA di APPRENDIMENTO con indicazione degli standard, Mettere in atto le U.A. e VERIFICARNE l efficacia. Riprogrammare per eventuali ed opportuni aggiustamenti Attivazione del sistema di controllo dei processi formativi E compito della scuola favorire la formazione della personalità degli alunni. La valutazione, pertanto, deve essere formativa oltre che sommativa. Essa è utilizzata per la ricerca e l attuazione di strategie didattiche che servano a tutti gli alunni per apprendere e formarsi. La valutazione viene intesa non solo come una forma di controllo degli apprendimenti, ma come una verifica degli interventi formativi. La programmazione delle attività didattiche è oggetto di frequenti verifiche al fine di adeguare gli obiettivi in base alle effettive esigenze degli allievi. All inizio dell anno si prevede una rilevazione della situazione di partenza e dei bisogni degli alunni attraverso: o Raccolta dei dati relativi alla scolarità precedente di ogni alunno o Incontri con insegnanti dei cicli precedenti o Osservazioni sistematiche per la rilevazione degli stili di apprendimento e delle dinamiche relazionali. Nel corso dell anno scolastico saranno effettuate valutazioni in itinere al fine di adeguare gli interventi alle esigenze dei singoli allievi o del gruppo. Secondo la vigente normativa, dall anno scolastico 2008/2009, nella scuola secondaria di primo grado la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni e la certificazione delle competenze da essi acquisite sarà espressa in decimi. Saranno ammessi alla classe successiva, o all esame di Stato conclusivo del ciclo, gli studenti che hanno ottenuto un voto non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline. 15

18 IL VOTO DI CONDOTTA La normativa vigente introduce il voto di condotta come indicatore del progresso comportamentale, culturale e di partecipazione attiva e consapevole alla vita scolastica. Tale normativa stabilisce che: - Il comportamento che deve essere valutato in sede di scrutinio intermedio e finale è quello tenuto dallo studente durante tutto il periodo di permanenza nella sede scolastica anche in relazione alla partecipazione alle attività e agli interventi educativi realizzati dalle istituzioni scolastiche anche fuori dalla loro sede - La valutazione di tale comportamento deve essere espressa in decimi - Il voto di condotta attribuito dal Consiglio di Classe concorre alla valutazione formativa e intende valorizzare gli studenti che con il loro comportamento complessivo hanno dimostrato di partecipare in maniera consapevole alla vita scolastica - Il voto di condotta insufficiente (inferiore a sei decimi), determina la non ammissione alla classe successiva o all esame conclusivo del ciclo di studio. Ogni Consiglio di Classe dovrà prendere in considerazione i seguenti elementi: Comportamento regolato dalla consapevolezza di appartenere ad una comunità, conformato al rispetto delle norme che ne regolano la vita e l attività Frequenza costante e regolare e puntualità alle lezioni Partecipazione attenta e costruttiva al lavoro didattico quotidiano e alle attività ed iniziative proposte dalla scuola ed attuate anche fuori dai locali dell istituto (viaggi di istruzione, progetti, interventi di esterni ecc.) Diligenza nello svolgimento dei compiti, rispetto degli impegni di studio 16

19 IDENTITA DELLA SCUOLA L Ada Negri, in linea con il DPR275/99 e con tutta la pedagogia del 900 ha identificato la sua mission nella PROMOZIONE DEL SUCCESSO FORMATIVO DELL ALUNNO favorendo l integrazione e lo sviluppo del potenziale educativo di tutti gli alunni, con particolare riguardo a quelli in situazione di svantaggio. Docenti Discipline Educazioni SUCCESSO FORMATIVO Strategie di valutazione Laboratori Progetti di Recupero Progetti di Potenziamento L equipe pedagogica, formata da tutti i docenti, avrà cura della personalizzazione dei percorsi di studio. Per il conseguimento del successo formativo degli alunni, grande valenza ha la famiglia che, non solo è chiamata a confrontarsi con gli esiti scolastici dei figli, ma, coerentemente con l offerta della scuola, è altresì chiamata a scegliere per loro le attività integrative. 17

20 La nostra Istituzione scolastica, ha varato quest anno, in linea con la riforma, un offerta così articolata per tutte le classi: CURRICOLO OBBLIGATORIO TOTALE 30 H DISCIPLINE N. ORE RELIGIONE 1 ITALIANO 6 CITTADINANZA E COSTITUZIONE 1 STORIA 1 GEOGRAFIA 1 SCIENZE MATEMATICHE 6 INGLESE 3 II LINGUA 2 TECNOLOGIA 2 ARTE E IMMAGINE 2 EDUCAZIONE MUSICALE 2 SCIENZE MOTORIE 2 ATTIVITA DI APPROFONDIMENTO (Dip. Lettere) 1 Orario di ingresso alunni Orario di uscita alunni Lunedi Martedi Mercoledi Giovedi Venerdi Sabato 8,15 8,15 8,15 8,15 8,15 8,15 13,10 per le classi del sotto piano e piano terra 13,15 per le classi del primo piano 14,10 per le classi del sotto piano e piano terra 14,15 per le classi del primo piano 13,10 per le classi del sotto piano e piano terra 13,15 per le classi del primo piano 13,10 per le classi del sotto piano e piano terra 13,15 per le classi del primo piano 13,10 per le classi del sotto piano e piano terra 13,15 per le classi del primo piano 12,10 per le classi del sotto piano e piano terra 12,15 per le classi del primo piano 18

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ TRASVERSALI Sviluppa autostima Sviluppa competenze disciplinari e trasversali Impara a cooperare e vivere in gruppo Impara a superare ansie e difficoltà Impara a conoscere

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di Primo Grado Pietra Ligure - Borgio Verezzi

PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di Primo Grado Pietra Ligure - Borgio Verezzi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI PIETRA LIGURE PIETRA LIGURE BORGIO VEREZZI VAL MAREMOLA UFFICI VIA OBERDAN 84 17027 - PIETRA LIGURE SV Tel 019/628109 - fax 019/6295160 PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

All'albo della scuola e sul sito web

All'albo della scuola e sul sito web Prot. n. 4684 Roma, 28 settembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E p.c. Al Consiglio d istituto Alle famiglie Agli alunni Al personale ATA All'albo della scuola e sul sito web OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DEL

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI PARTE SECONDA 5. LA SCUOLA PRIMARIA DELL'ISTITUTO 5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI La scuola Primaria promuove il benessere dei bambini e si impegna ad educarli tenendo conto delle diverse dimensioni

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

I.I.S. Astolfo Lunardi

I.I.S. Astolfo Lunardi Piano dell offerta formativa IL Dirigente Scolastico Funzione Strumentale Pagina 1 di 1 POF - vers 02 - Copertina, 11/10/2010 Delibera CD n. 09 del 29/09/2010 Data stampa: 06/12/12 Delibera Cdi n. 17 del

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA MOD. A04 Allegato n. 4 al P.O.F. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA Punti del documento: - Dichiarazione d intenti - Premessa - Obiettivi - Procedure e Strategie - Soggetti coinvolti - Prassi condivise.

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX 5544315 e-mail:gveronese@legalmail.it

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 1 Il progetto è presentato da: Istituto di Istruzione Superiore G. TORNO P.le Don Milani 1 20022 Castano

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI A.S. 2014/2015 AREA 1. REVISIONE E GESTIONE DEL POF REVISIONE E GESTIONE DEL POF ATTIVITA INTERNE PER IL POTENZIAMENTO E AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AREA 2. SERVIZI AL PERSONALE DOCENTE GESTIONE

Dettagli

Prot. n. 4223/B18 Mugnano di Napoli, 13 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI

Prot. n. 4223/B18 Mugnano di Napoli, 13 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI I CIRCOLO DIDATTICO GENNARO SEQUINO Via Roma, 80 80018 MUGNANO DI NAPOLI Telefono/Fax 081-7451142 Distretto 26 Codice NAEE15100R Codice fiscale 80101770636 @-mail: naee15100r@istruzione.it web site: www.cdsequino.gov.it

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI EDUCAZIONE alla SICUREZZA STRADALE Il Progetto Nazionale Il Progetto ha la finalità di educare a comportamenti corretti e responsabili e, in particolare i giovani utenti della strada, ad una guida dei

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali;

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali; CARTA DEI SERVIZI Premessa 1. LA carta dei servizi si ispira agli articoli 3, 21, 30, 33 e 34 della Costituzione della Repubblica Italiana e all art.149 del Trattato dell Unione Europea. 2. Alla luce di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA. Estratto del POF ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLONGO SCUOLA PRIMARIA Estratto del POF La scuola, come ambiente educativo di apprendimento, luogo di convivenza democratica, deve offrire un clima sociale positivo ed essere

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

Funzionigramma d Istituto

Funzionigramma d Istituto Dirigente Scolastico Assicura la gestione unitaria dell istituzione È il rappresentante legale È responsabile della gestione delle risorse finanziare e strumentali e dei risultati del servizio Organizza

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell infanzia-scuola primaria-scuola secondaria di 1 a indirizzo musicale BOER-VERONA TRENTO Via XXIV Maggio,

Dettagli

Prot. del AI DOCENTI AL D.S.G.A. Al personale ATA Al sito web dell istituto All Albo SEDE

Prot. del AI DOCENTI AL D.S.G.A. Al personale ATA Al sito web dell istituto All Albo SEDE LICEO SCIENTIFICO STATALE Indirizzo Classico Linguistico Scientifico Scientifico opzione Scienze Applicate 87027 Paola (CS) C.M. CSPS210004 Sito web: www.liceogalilei-paola.gov.it E-mail: csps210004@istruzione.it

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce Premessa (SCAMBI EDUCATIVI INDIVIDUALI) ESPERIENZE EDUCATIVE ALL ESTERO Le norme che regolano le Esperienze educative all Estero (gli scambi scolastici) sono poche e, in ogni caso, la premessa da tener

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

Liceo Scientifico "Corradino D'Ascanio" Montesilvano

Liceo Scientifico Corradino D'Ascanio Montesilvano Liceo Scientifico Statale Galilei Pescara - Capofila - Liceo Scientifico Statale D Ascanio - Montesilvano Scuola Secondaria I Grado Rossetti-Mazzini Pescara Associazione Focolare Maria Regina onlus che

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 CLASSE 2 ^ SEZIONE B L DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE DOCENTE MORAMARCO PASQUALE QUADRO

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI "L. EINAUDI"

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI L. EINAUDI PROPOSTA ATTIVITA A.S. 2008-09 M1/PA08 CURRICOLARE EXTRACURRICOLARE ALTRO Titolo del Progetto Accoglienza- Alfabetizzazione,- Educazione interculturale Responsabile del Progetto Prof. ssa Colombo Lidia

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA 7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA Via San Giovanni Bosco, 171 - Modena tel. 059.223752 / fax 059.4391420 VADEMECUM IMPEGNI DI RECIPROCITA NEI RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA Premessa Dal POF 2009/2010 del 7 Circolo

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT)

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) La Scuola Primaria di Valchiusa è situata in una zona verdeggiante meglio conosciuta come Valchiusa e occupa parte della sede centrale dell Istituto

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO

Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO Prof. Paolo Seclì EDUCAZIONE MOTORIA: SCUOLA E TERRITORIO NUOVI ORIZZONTI NON SEMPRE TUTTI I DOCENTI SVOLGONO CON REGOLARITÀ DURANTE L A. S. L EDUCAZIONE MOTORIA. NON SEMPRE LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infa Prim Med 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) N.n. 7 14. Ø

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI L apprendimento della lingua inglese e di una seconda lingua comunitaria, oltre alla lingua materna e di scolarizzazione, permette all alunno di sviluppare una

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Codice Meccanografico istituto principale: CLTD00701D Codice meccanografico secondario (risultante da organico) CLPS00701N

Dettagli

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015.

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015. Prot. N 4024/C23 Ariano Irpino 26/08/2015 A tutti i docenti dell IISS Ruggero II Loro sedi Per quanto di competenza alla DSGA Al personale ATA Al sito internet dell Istituto OGGETTO : Comunicato impegni

Dettagli

LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO

LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO per la gestione delle richieste degli studenti che intendono usufruire di periodi di studio all estero e per gli studenti

Dettagli

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA

5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE 5.1 RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA 5 IL SISTEMA INTERNO DI VALUTAZIONE L autovalutazione delle attività progettuali previste nel POF viene attuata tramite la somministrazione di questionari rivolti agli alunni, ai genitori e agli insegnanti

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

Carta dei servizi. La carta dei servizi della scuola ha come fonte di ispirazione fondamentale gli art. 3, 33 e 34 della Costituzione italiana.

Carta dei servizi. La carta dei servizi della scuola ha come fonte di ispirazione fondamentale gli art. 3, 33 e 34 della Costituzione italiana. ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE M A C E D O N I O M E L L O N I Viale Maria Luigia, 9/a 43125 Parma Tel 0521.282239 Fax 0521.200567 info@itemelloni.gov.it www.itemelloni.gov.it PRINCIPI FONDAMENTALI

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA COMMISSIONE INTERCULTURA Revisione Protocollo a.s. 2010/2011 1 PRESENTAZIONE: Il Protocollo di accoglienza viene predisposto dalla Commissione Intercultura

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno SCHEDA DI PROGETTO INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno Denominazione progetto Priorità cui si riferisce Per tutti e per ciascuno La difficoltà dichiarata anche nel RAV - che la scuola vive nel realizzare

Dettagli

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu

Progetto. A.S. 2015/2016 Scuola secondaria di primo grado. Sedi di Simaxis, Solarussa, Ollastra, Villaurbana e Zerfaliu ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIMAXIS -VILLAURBANA DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO VIA ROMA, 2-09088 SIMAXIS (OR) - Tel. 0783 405013/Fax 0783 406452 C.F. 80005050952 - E-Mail

Dettagli

Benvenuti in prima media!

Benvenuti in prima media! ISTITUTO COMPRENSIVO SELVAZZANO II Scuola Secondaria I grado M. Cesarotti di Selvazzano & «L. Da Vinci» di Saccolongo Benvenuti in prima media! Corresponsabilità educativa Importanza della famiglia per

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria via Piria n 2, 89127 REGGIO CALABRIA - 0965 28547 0965 313252 Anno Scolastico 2011/2012 Premesso che Ai Genitori Agli Alunni Ai Docenti Al Personale ATA La scuola non è soltanto ambiente di apprendimento

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16 Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 Staff del Dirigente e Funzioni strumentali al POF 2 FS1 - Qualità e valutazione di sistema Gestisce la documentazione relativa

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995)

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995) CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995) La Carta dei servizi è il documento, espressione dell autonomia progettuale della scuola, che definisce e rende noti all utenza le finalità,

Dettagli

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO 7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO Essendo l'obiettivo prioritario delle attività di recupero e di sostegno l'innalzamento dei livelli di apprendimento degli studenti e la riduzione della dispersione

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO I VALUTAZIONE INTERMEDIA

ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO I VALUTAZIONE INTERMEDIA ISTITUTO COMPRENSIVO NETTUNO I VALUTAZIONE INTERMEDIA ANNO SCOLASTICO 212/213 Il percorso di autovalutazione dei risultati di apprendimento dell Istituto Comprensivo Nettuno I ha lo scopo di : Scuola dell

Dettagli

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine TAM TAM Cooperativa Sociale Via G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Informatica Classe: 1A A.S. 2015/16 Docente: Alessia Gaiarsa ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Risulta ancora prematuro valutare l'esatto livello cognitivo della classe date le poche

Dettagli