VERIFICHE IDRAULICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERIFICHE IDRAULICHE"

Transcript

1 REGIONE TOSCANA AUTORITÀ' DI BACINO DEL FIUME ARNO COMUNE DI FIGLINE IN VALDARNO COMUNE DI INCISA IN VALDARNO COMUNE DI REGGELLO PROGETTAZIONE DELLE CASSE DI ESPANSIONE "RESTONE", "PIZZICONI", TRULLI DI SOTTO" E "LECCIO" PROGETTO PRELIMINARE -1 STRALCIO CASSE DI ESPANSIONE PIZZICONI E RESTONE AGGIORNAMENTO GIUGNO 2008 RELAZIONE TECNICA IDROLOGICA - IDRAULICA e VERIFICHE IDRAULICHE idroprogetti srl I ; i. ii_: Idraulica e della Infraslrutture via Mannelli Firenze Tal. 055/ Fax. 055/55349H ii.: Progettisti: Ing. Gesualdo Bavec Ing. Enrico Galigani R.U.P. Ing. Roberto Nocentini^; (Comune di Figline Valdarno)

2 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. 1. Premessa Le casse di espansione Pizziconi e Restane sono previste nel Piano Stralcio riduzione Rischio Idraulico e sono altresì inserite tra gli interventi di cui all'accordo di Programma Quadro del sottoscritto in data 18 Febbraio 2005 dal Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio, dalla Regione Toscana e dall'autorità di Bacino del fiume Arno. Il Comitato Tecnico dell'autorità di Bacino, nella seduta del 20 ottobre 2003, ha espresso parere favorevole sul progetto preliminare relativo alla realizzazione delle casse di espansione "Restane", "Pizziconi", Prulli di sotto" e "Leccio" -1 Stralcio. In data Luglio 2007 è stato consegnato il progetto definitivo del 1 Stralcio, 1 Lotto della Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno dati morfologici relativi alle aree di espansione "Restane" e "Pizzicori" Così come riportato in premessa, la modifica sostanziale al modello idraulico è costituita dall'aggiornamento e dalla revisione dei dati topografici delle aree di invaso, che sono state corrette in riferimento ai seguenti due aspetti: 1. adeguamento altimetrico delle curve di invaso dovuto alla correzione dell'errore topografico di cui sopra; 2. adeguamento planimetrico dell'estensione della cassa di espansione Pizziconi a fronte delle modifiche apportate durante il progetto definitivo del 1 Stralcio - 1 Lotto, che sostanzialmente sono da ricondursi a quattro aspetti: 1. arretramento dell'argine nord della cassa; 2. realizzazione di arginatura a protezione dell'autostrada e della linea ferroviaria Roma- Firenze nel tratto a nord della sez (soglia sfiorante cassa Pizziconi) non prevista nel progetto preliminare; 3. realizzazione di argine a protezione del rilevato ferroviario della linea Roma Firenze nel tratto a sud della sez (soglia sfiorante cassa Pizziconi) fino al limite inferiore della cassa; 4. adeguamento del tracciato della variante alla S.S. n 69 in relazione alle modifiche apportate dalla Provincia di Firenze, successivamente all'approvazione del

3 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restone" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. curva di invaso Restone 1: è stata ricalcolata con i rilievi corretti e aggiornati. curva di invaso Restone 2: è stata ricalcolata con i rilievi corretti e aggiornati.

4 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restone" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. curva di invaso Restone 3: è stata ricalcolata con i rilievi corretti e aggiornati. 4. Le soluzioni progettuali Nella relazione tecnica di supporto alla progettazione preliminare del 2003, sono stati valutati più soluzioni progettuali (soluzione 1, 2 e 3) e vari scenari di funzionamento delle opere stesse (A-B-C-D). In conformità al progetto preliminare approvato, l'aggiornamento progettuale è stato eseguito per la soluzione 1 - Scenario A, coerentemente con lo sviluppo eseguito nella progettazione definitiva del cassa Pizziconi - 1 Stralcio - 1 Lotto. Lo Scenario A prevedeva I' entrata in esercizio del sistema completo di casse "Restone" e "Pizziconi - Soluzione 1" : gli imput idrologici del sistema (Idrogrammi dì verifica) facevano riferimento ai seguenti eventi: Portata Arno pertr=100 anni; - Portata Arno pertr=200 anni; - Portata Arno per Tr=500 anni; Evento ricostruito del 1966; Portata Arno Tr=50 anni seguito da evento Portata Arno Tr=200 anni.

5 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizzicori" in località Figline Valdamo. 5. Il dimensionamento {Ielle opere 5.1 II dimensionamento della cassa di espansione denominata "Restane" II dimensionamento della cassa di laminazione a soglia sfiorante del Restane è stato eseguito cercando la massima capacità d'invaso compatibilmente con le caratteristiche di deflusso delle portate dell'arno nel tratto di interesse, la salvaguardia delle infrastrutture esistenti, la morfologia dell'area interessata alle esondazione e alla gestione sostentile delle aree interessate all'esondatone controllata. Rispetto al progetto preliminare già approvato non sono state introdotte modifiche sostanziale e di seguito, in sintesi, si indicano le opere idrauliche previste: Realizzazione di una soglia sfiorante laterale localizzata nella parte più a monte della cassa di laminazione finalizzata all'intercettamento delle portate in arrivo. Sarà realizzata attraverso l'abbassamento dell'argine-strada tuttora esistente con la messa in opera di massi ciclopici di opportune dimensioni e si prevede la protezione sia lato cassa che lato fiume attraverso l'opportuna localizzazione di scogliere. La quota della soglia di sfioro è stata fissata, in via preliminare, a m slm; Realizzazione in un'arginatura longitudinale, parallela alla linea ferroviaria Firenze- Roma, che si sviluppa per tutto lo sviluppo longitudinale della cassa di espansione, sino alla soglia di troppo pieno localizzata nei pressi del T.Cesto; Realizzazione di due arginature trasversali finalizzate alla parzializzazione della cassa di laminazione. Si determinano cosi complessivamente 3 aree di esondazione controllata che verranno impegnate da fenomeni di esondazione in relazione del tipo di evento; Sopraelevazione di alcuni tratti di arginatura del F.Arno, in sinistra idraulica, finalizzati al contenimento dei volumi d'acqua stoccati all'interno della cassa di laminazione e all'incremento del franco di sicurezza rispetto ai tiranti idrici attesi. Si tratta di una sopraelevazione parziale di una quantità (mediamente intorno ai 2-3 metri di altezza); Realizzazione all'interno di ogni "sub-cassa" di opportuni manufatti di scarico finalizzati allo svuotamento della cassa stessa per ogni suo funzionamento e finalizzati anche al drenaggio del reticolo minore presente in ogni porzione di cassa di laminazione; Realizzazione di due soglie intermedie, localizzate sugli argini traversali, finalizzate a collegare i tre bacini di laminazione;

6 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizzicori" in località Figline Valdarno. Realizzazione una soglia di troppo pieno, localizzata nella parte più a valle dell'opera idraulica, finalizzata a svuotare il bacino di laminazione nel caso di eventi catastrofici, e quindi tutelare il "non sormonto" delle strutture arginali. Realizzazione di un canale di scolo per le acque del reticolo minore, localizzato tra l'arginatura con sviluppo longitudinale e la ferrovia Firenze-Roma: questa soluzione permette di sconnettere il sistema di drenaggio del reticolo minore con quella della cassa di laminazione, garantendo per il primo, in ogni circostanza, il deflusso delle acque, e per il secondo evitare la realizzazione di opere strutturali legate al rigurgito indotto dalla presenza di tiranti idrici all'interno della cassa di laminazione stessa. 5.2 II dimensionamento della cassa di espansione denominata Pizzicori II dimensionamento della cassa di laminazione a soglia sfiorante denominata "Pizziconi" è stato eseguito cercando la massima capacità d'invaso compatibilmente con le caratteristiche di deflusso delle portate dell'amo nel tratto di interesse, la salvaguardia delle infrastnitture esistenti, la morfologia dell'area interessata alle esondazione e alla gestione sostentile delle aree interessate all'esondatone controllata. Una caratteristica peculiare di quest'area, in destra idraulica d'arno, individuata dall'autorità di Bacino del Fiume Arno come cassa di espansione, è la sua delimitazione, senza soluzione di continuità da due grandi infrastnitture viarie, quali l'autostrada del Sole e la linea ferroviaria direttissima Firenze-Roma. La prima corre parallelamente all'argine in destra idraulica del Fiume Arno, su un rilevato che di fatto, si frappone tra le sezioni di deflusso dell'amo e l'area destinata a cassa di espansione. La ferrovia direttissima nella zona di più a valle è localizzata su piloni mentre spostandosi verso la zona di monte dell'area destinata a cassa di laminazione anch'essa è posizionata su rilevato. Oltre a questo, la realizzazione dell'opera idraulica deve tener conto del progetto (in fase di stesura definitiva da parte dell'amministrazione Provinciale di Firenze) della variante della S.R. n 69 - Variante in riva destra d'amo - S.C. Pian di Rona, il cui tracciato è localizzato ai margini della cassa di laminazione. Parte di questo tracciato (nella zona sud della cassa di laminazione) dovrà funzionare anche come arginatura di contenimento dell'opera idraulica (Argine-strada). Così come esplicitato in premessa, nell'aggiornamento del preliminare la soluzione adottata è revisionata, in base alla correzione del rilievo topografico ed anche in base a tutte

7 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. quelle modifiche planimetrìche che sono intervenute nell'iter progettuale che ha portato alla redazione del progetto definitivo del 1 stralcio-1 Lotto. Per quanto riguarda la cassa Pizziconi si prevede: Realizzazione di soglia sfiorante localizzata poco più a valle del Borro delle Volpaie, nel tratto in cui la linea ferroviaria direttissima Firenze-Roma, inizia il suo tracciato su piloni. Il manufatto previsto deve essere realizzato al di sotto del piano autostradale, realizzato per "conci", in maniera tali da non interrompere la viabilità sull'autostrada stessa. Lo sviluppo longitudinale complessivo è stato stimato, in via preliminare, in 100 metri; quello traversale, legato naturalmente alle dimensioni del rilevato autostradale, è di circa 40 metri. La quota della soglia laterale è fissata, in via preliminare, a 126 m slm ; Deviazione del T.Faella, con il tracciamento di nuove sezioni di deflusso all'interno dell'area di esondazione. Tale deviazione si rende necessaria per la messa in sicurezza dei fabbricati residenziali di cui al punto precedente; Realizzazione di argine trasversale localizzato subito a valle del Borro delle Volpaie, munito di soglia sfiorante, e finalizzato alla parzializzazione delle cassa di laminazione. Tale arginatura eviterà l'interessamento di una vasta area di laminazione, caratterizzata da modesti tiranti idrici, se non in relazione ad eventi prossimi a Tr=200 anni; Realizzazione di scarico di fondo per la cassa di laminazione di monte, coincidente con lo scarico del Borro delle Volpaie; Realizzazione di manufatto di scarico coincidente con lo scarico in Arno del T.Faella: occorrerà fornire tale manufatto esistente di opportuno clapet, finalizzato ad evitare il rigurgito dell'arno oltre che di protezioni in scogliera finalizzate ad evitare fenomeni erosivi. Realizzazione di rilevati arginati lungo gran parte del perimetro dell'area di laminazione, con quota al colmo pari a m slm, finalizzati al contenimento dei stoccati e alla protezione delle infrastnitture esistenti (Autostrada Al e Ferrovia Firenze- Roma). 10

8 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizzicori" in località Figline Valdarno. 6. Parametri di progetto - Scenario A 6.1 II sistema di casse di espansione La prima area di espansione ("Restone") è collegata idraulicamente al fiume Arno in sinistra idraulica, la seconda area ("Pizziconi") si sviluppa invece in destra idraulica. Le due aree di laminazione "Restone" e "Pizziconi" sono suddivise in settori, per evitare l'allagamento dell'intera area destinata alle aree di laminazione in caso di eventi con tempo di ritorno pari o inferiore ai 100 anni. Per quanto riguarda l'area di laminazione Restone, è suddivisa in 3 settori, procedendo da monte verso valle: - Restone 1 - Restone 2 - Restone 3 L'area di laminazione Pizziconi è parzializzata in due settori, che procedendo da monte verso valle, sono: - Pizziconi 1 - Pizziconi Le aree di laminazione In questo paragrafo indichiamo i principali parametri di progetto delle aree di laminazione: le caratteristiche geometriche delle opere d'arte sono state fissate attraverso l'analisi di più scenari geometrici a parametri di iniziali costanti. 11

9 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. 6.3 Le opere di presa Le opere di presa sono costituite da sfioratori, considerati in prima istanza, a soglia fissa; nella tabella seguente sono indicati i relativi parametri di progetto: L'opera di presa della cassa Pizziconi Particolare attenzione necessità la soglia sfiorante della cassa di laminazione Pizziconi: la condizione delle preesistenze che interessano la fascia di sponda destra del F. Arno è caratterizzata dalla presenza delle due grandi infrastnitture costituite dalla autostrada Al e dalla linea ferroviaria direttissima Firenze-Roma. Il vincolo determinato dalla ferrovia, che in questo tratto corre su viadotto sostenuto da pile risulta di fatto modesto e l'opera ha caratteristiche di sostanziale "trasparenza" nei confronti degli scambi di portata tra alveo e area di espansione. Ben superiore è invece l'interferenza con Cinfrastruttura autostradale che qui corre in rilevato parallelamente alla sponda del Fiume e a breve distanza da questa. 12

10 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizzicori" in località Figline Valdamo. Le caratteristiche dell'infrastnittura autostradale di interesse per il progetto sono di seguito sintetizzate: Le opere in progetto dovranno ovviamente garantire la necessaria continuità di servizio delle due infrastnitture, sia nelle fasi di realizzazione dell'opera, sia in quelle di esercizio. In relazione ai colloqui preliminari avuti con la Società Autostrade è preferibile garantire il funzionamento della batteria di scatolari a "pelo libero" rispetto a quello in "pressione". Dagli stessi colloqui risulta possibile realizzare gli scatolari ad una quota dall'attuale piano di scorrimento autostradale di arca 80 cm. Ipotizzando lo spessore dell'impalcato della nuova infrastnittura di 50 cm, l'intradosso della stessa si posizionerebbe alla quota assoluta di m slm. Dalle verifiche idrauliche eseguite (e allegate alla seguente relazione) il battente massimo prevedibile per l'evento duecentennale è pari a m slm : verrebbe garantito quindi il funzionamento della batteria di scatolari a "pelo libero" con franchi di sicurezza accettabili se si tiene conto che un'eventuale funzionamento in pressione si innesca a quote superiori di cm rispetto alla quota dell'intradosso (e quindi ipotizzabile intorno alla quota assoluta di m slm. 6.4 Gli sfioratori interni alle casse All'interno delle aree di laminazione i collegamenti tra i vari settori sono effettuati mediante degli sfioratori a soglia fissa, che nel progetto preliminare del 2003 avevano le seguenti caratteristiche: 13

11 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizzicori" in località Figline Valdarno. Dalle verifiche idrauliche aggiornate è nata la necessità di variare leggermele le quote di alcuni sfioratori intermedi al fine di ottimizzare l'invaso dei volumi nelle aree di laminazione. Come mostrato nella successiva tabella, le variazioni di quota sono di modestissima entità: 6.5 Gli organi di scarico Per ogni area di laminazione è previsto un organo di restituzione, costituito da uno scatolare con valvola antiriflusso, che impedisce automaticamente il flusso di portate all'interno della cassa provenienti dall'arno. Gli organi di scarico permettono lo svuotamento a gravita dei vari settori e iniziano a funzionare a pieno carico dopo il passaggio dell'onda di piena del fiume Arno. Sono tutti scatolari a sezione quadrata di lato 2 m, ad eccezione dello scarico del settore Pizziconi 1, che dati i ridotti volumi di invaso ha lato di 1 m. Inoltre è previsto uno sfioratore di "troppo pieno" collegato idraulicamente al settore Restone 3, che ha lo scopo di garantire le necessarìe condizioni di sicurezza alla tracimazione dei settori di monte della cassa "Restone", anche nel caso di eventi di entità superiore a quelli 14

12 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. simulati. Questo sfioratore ha una lunghezza di 150 m e la quota di scarico è posta a m s.l.m. Nella seguente tabella sono riassunti i dati principali delle opere di restituzione, per le quali in generale sono state modificate (rispetto al preliminare approvato nel 2003) le quote dello scarico di fondo in relazione alle nuove curve di invaso (confr. Documento di sintesi): 6.6 Le arginature delle casse di espansione Le arginature delle casse di espansione sono progettate a quota diversa a seconda del settore a cui sono associate. Si riportano sinteticamente le quote assolute dei colmi delle arginature previste, peraltro invariate rispetto al progetto preliminare approvato nel 2003, in particolare: settore RESTONE 1 settore RESTONE 2 settore RESTONE 2 settore PIZZICONI 1 settore PIZZICONI m s.l.m m s.l.m m s.l.m m s.l.m m s.l.m. 15

13 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. 6.7 Analisi conclusive delle verìfiche eseguite Verifica stato di progetto Tr=100 anni L'evento simulato è un'onda di piena con Tr-100 anni, il cui picco di piena risulta pari 2267 mc/s; il volume complessivo dell'idrogramma è di 165 M me. Nel grafico seguente è riportato l'effetto di laminazione totale delle due aree di espansione, ottenuto confrontando l'idrogramma di piena a monte della presa della cassa "Restone" con l'idrogramma di piena a valle dell'ultimo organo di scarico: LAMINAZIONE DEL SISTEMA DI CASSE - Tr=100 anni idrogramma a monte del sistema idrogramma a valle del sistema PORTATA LAMINATA: 246 mc/s (10.9%) RITARDO NEL TEMPO DI PICCO: < 0.5h La portata laminata risulta 246 mc/s; è quindi possibile ottenere una laminazione del picco di piena dell' 10.9%. Nella tabella seguente si riportano i risultati relativi alle aree di laminazione; in particolare si nota che il settore Restone 3 è vuoto in questa ipotesi e il settore Pizziconi 1 è interessato da battenti idraulici trascurabili. 16

14 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizzicori!" in località Figline Valdarno. La cassa di espansione "Restane" invasa complessivamente 2'730'000 me, mentre l'area dì laminazione "Pizziconi" invasa 3'141'000 me. Nella tabella seguente si verifica l'effettiva adeguatezza delle arginature, con i! calcolo del franco dì sicurezza: 17

15 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restone" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno Verifica stato di progetto Tr=200 anni L'evento simulato è un'onda di piena con Tr=200 anni, il cui picco di piena risulta pari 2576 mc/s; il volume complessivo dell'idrogramma è di 195 M me. Nel grafico seguente è riportato l'effetto dì laminazione totale delle due aree di espansione, ottenuto confrontando l'idrogramma di piena a monte della presa della cassa "Restone" con l'idrogramma di piena a valle dell'ultimo organo di scarico: LAMINAZIONE DEL SISTEMA DI CASSE - Tr=200 anni t(ore) 'idrogramma a monte del sistema PORTATA LAMINATA: 365 mc/s (14.2%) idrogramma a valle del sistema RITARDO NEL TEMPO DI PICCO: 1 h La portata laminata risuìta 365 mc/s; è quindi possibile ottenere una laminazione del picco di piena dell' 14.2 %. Nella tabella seguente si riportano i risultati relativi alle aree di laminazione; tutte le casse di espansione sono interessate dall'evento. La cassa dì espansione "Restone" invasa complessivamente 5'924'000 me, mentre l'area di laminazione "Pizziconi" invasa 4'647'000 me.

16 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restone" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. Nella tabella seguente si verifica l'effettiva adeguatezza delle arginature, con il calcolo del franco di sicurezza; 19

17 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno Verifica stato di progetto Tr=500 anni L'evento simulato è un'onda di piena con Tr=500 anni, il cui picco di piena risulta pari 2843 mc/s; il volume complessivo dell'idrogramma è di 235 M me. Nel grafico seguente è riportato l'effetto di laminazione totale delle due aree di espansione, ottenuto confrontando l'idrogramma di piena a monte della presa della cassa "Restone" con l'idrogramma di piena a valle dell'ultimo organo di scarico: LAMINAZIONE DEL SISTEMA DI CASSE - Tr=500 anni 0 2 A 6 8 IO S t(ore) ìdrogramma a monte dol sistema PORTATA LAMINATA: 147 mc/s (5.3%) idrogramma a valle del sistema RITARDO NEL TEMPO DI PICCO: 3.5 il La portata laminata risulta 147 mc/s; è quindi possibile ottenere una laminazione del picco di piena dell' 5.2 %. La cassa di espansione "Restone" invasa complessivamente G'591'000 me, mentre l'area di laminazione "Pizziconi" invasa 5'654'000 me. 20

18 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restone" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. Nella tabella seguente si verifica l'effettiva adeguatezza delle arginature, con il calcolo del franco di sicurezza: 21

19 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restone" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno Verìfica stato di progetto (Tr=50 anni + Tr=200 anni) L'evento simulato è un'onda di piena in cui a un picco con Tr=50 anni segue un picco con Tr=200 anni; il picco duecentennale risulta pari a 2576 mc/s e il volume complessivo dell'idrogramma risulta circa 282 M me. Nel grafico seguente è riportato l'effetto di laminazione totale delle due aree di espansione, ottenuto confrontando l'idrogramma di piena a monte della presa della cassa "Restone" con l'idrogramma di piena a valle dell'ultimo organo di scarico: LAMINAZIONE DEL SISTEMA DI CASSE -Tr= anni T (ore) 'idrogramma a monte del sistema 'idrogramma a valle del sistema PORTATA LAMINATA: 250 mc/s (9.7%) RITARDO NEL TEMPO DI PICCO: 2 li II primo picco di portata viene laminato di 90 mc/s (4.7 %); il picco con Tr=200 anni viene ridotto invece di 250 mc/s (9.7 %). La cassa di espansione "Restone" invasa complessivamente 6'134'000 me, mentre l'area di laminazione "Pizziconi" invasa 5'051'OQO me. 22

20 Progetto preliminare delle casse dì espansione in derivazione "Restone" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. Nella seguente tabella si verifica l'effettiva adeguatezza delle arginature, con il calcolo del franco di sicurezza: 23

21 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restone" e "Pizziconi" in località Figline valdarno Verifica stato di progetto - Evento Novembre 1966 L'evento simulato è l'onda di piena relativa all'evento del Novembre 1966 (evento ricostruito); l'idrogramma di piena presenta tre picchi di valore decrescente (rispettivamente 3229 mc/s, 2845 mc/s e 2384 mc/s). Il volume complessivo dell'idrogramma di piena risulta pari a 282 M me. Nel grafico seguente è riportato l'effetto di laminazione totale delle due aree di espansione, ottenuto confrontando l'idrogramma dì piena a monte della presa della cassa "Restone" con l'idrogramma di piena a valle dell'ultimo organo di scarico: LAMINAZIONE DEL SISTEMA DI CASSE - Evento * VI U idrogramma a monte del sistema PORTATA LAMINATA: 399 mc/s (12.4%) idrogramma a valle del sistema RITARDO NEL TEMPO DI PICCO: 8 li II primo picco di portata viene laminato dì 636 mc/s (19.8 %); il secondo picco viene laminato di 27 mc/s (1.0 %), il terzo picco infine di 42 mc/s (1.8 %). Il primo picco di piena viene abbattuto in modo efficace; il riempimento delle casse di espansione non permette però di abbattere in modo rilevante ne' il secondo, ne' il terzo picco. Il max di portata in ingresso al sistema di casse è relativo al primo picco, mentre in uscita al sistema si ha il massimo della portata al sopraggìungere del secondo picco; complessivamente la portata laminata è pari a 399 mc/s (12.4%), con un ritardo nel tempo di picco di 8.0 h. 24

22 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restone" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. La cassa di espansione "Restone" invasa complessivamente 6'857'000 me, mentre l'area di laminazione "Pizziconi" invasa 6'044'QOO me. Nell'ultima tabella si verifica l'effettiva adeguatezza delle arginature, con il calcolo del franco di sicurezza: 25

23 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pìzziconi" in località Figline Valdarno. 6.8 Sommario dei risultati ottenuti - Scenario A II sistema di casse di espansione progettato è in grado di laminare in modo apprezzabile il picco di piena per tutti gli eventi considerati. In particolare il funzionamento del sistema è ottimizzato per un onda di piena con Tr=200 anni, ma anche per eventi più rari e catastrofici la risposta in termini di laminazione della piena è comunque soddisfacente. Si riporta di seguito una tabella riassuntiva della capacità di laminazione: I dati ottenuti sono visualizzati nel seguente grafico: CAPACITA' DI LAMINAZIONE DEL SISTEMA DI CASSE _w "Ìj E ?"Ì I - -T- U portata di picco a monte D scambio di portate con i sistema di progetto ra 1500 E Q a portata di picco a valle li I4t E a 8 li 1 EVÈNTI 8 aj 26

24 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. Relazione tecnica idroiogica-idraulica aggiornamento Conclusioni L'aggiornamento della progettazione preliminare delle casse di espansione Restane e Pizziconi, necessario per valutare le modifiche determinate sia dalle rettifiche dei rilievi eseguiti che dalle modifiche apportate alle opere previste nelle successive fasi di progettazione, ha messo in evidenza che il funzionamento idraulico previsto nel 1 Stralcio del "Progetto delle Casse di espansione Restone, Pizziconi, Prullì e Leccio" non subisce sostanziali cambiamenti rispetto al progetto preliminare precedentemente approvato. Nel dettaglio, confrontando ì risultati del progetto preliminare approvato nel 2003 e quelli relativi ali' aggiornamento del 2008, si nota una sostanziale uniformità dei risultati in tutti gli scenari considerati e in relazione ai parametri di interesse. Infatti: gli effetti di laminazione del sistema globale nei vari scenari di verifica si discostano nell'aggiornamento del progetto preliminare di valori inferiori all'1%: i livelli massimi nelle sezioni di verifica in tutti gli scenari differiscono per valori compresi tra +3 -r- - 6 cm. Si può pertanto affermare che le variazioni indotte dall'aggiornamento della progettazione preliminare del 1 stralcio, non influiscono in maniera significativa sul funzionamento globale del sistema e sui suoi effetti a valle, rispetto a quanto precedentemente approvato nel preliminare del Per quanto riguarda le opere previste nel 11 stralcio del progetto preliminare (casse di espansione di Prulli e Leccio) sarà effettuato un analogo aggiornamento in base ai rilievi corretti (i quali peraltro risultano differire di valori inferiori rispetto a quello del sistema Restone- Pizziconi) : in base all'analisi effettuata sul modello idraulico del 1 stralcio si può prevedere che le modifiche da apportare alle opere previste nel 11 stralcio (casse di espansione di Prulli e Leccio) determineranno variazioni sul funzionamento globale del sistema dello stesso ordine di grandezza. I progettisti: Idroprogetti srl chi ani 27

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE COMUNE DI: SAN GIACOMO FILIPPO Provincia di Sondrio ATTUAZIONE DELLA D.G.R n.- 7/7868 del 25 gennaio 2002 e successive integrazioni Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni

Dettagli

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 Oggetto Corso Docente PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 PROTEZIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO (2 MODULO) Ingegneria Civile Prof. Corrado Paolo Mancini Berti Andrea Campolese Mattia

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974)

CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633. (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) CIRCOLARE DEL MINISTERO DEI LAVORI PUBBLICI, N. 11633 (Pres. Cons. Sup. - Serv. Tecn. Centrale, 7 gennaio 1974) Istruzioni per la progettazione delle fognature e degli impianti di trattamento delle acque

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO

ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Supplemento n. 1 al B.U. n. 20/I-II del 15/05/2012 / Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 15/05/2012 Nr. 20/I-II 200 ALLEGATO B - ELABORATI FACENTI PARTE INTEGRANTE DEL PROGETTO DEFINITIVO Il progetto definitivo

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Esempi introduttivi Variabili casuali Eventi casuali e probabilità

Esempi introduttivi Variabili casuali Eventi casuali e probabilità Esempi introduttivi Esempio tipico di problema della meccanica razionale: traiettoria di un proiettile. Esempio tipico di problema idraulico: altezza d'acqua corrispondente a una portata assegnata. Come

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti COMUNE DI MASSAFRA Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti II Parte Tratto di monte del Patemisco e Gravine Madonna della Scala, Colombato e San Marco

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

TITOLO I MANUTENZIONE DEGLI ALVEI FLUVIALI RICADENTI NEI VARI BACINI IDROGRAFICI DI COMPETENZA.

TITOLO I MANUTENZIONE DEGLI ALVEI FLUVIALI RICADENTI NEI VARI BACINI IDROGRAFICI DI COMPETENZA. Regolamento provinciale per la manutenzione degli alvei fluviali ricadenti nei bacini idrografici di competenza e procedure tecnico amministrative per il rilascio delle concessioni del demanio idrico.

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

SPECIFICHE DISEGNI TECNICI

SPECIFICHE DISEGNI TECNICI SPECIFICHE DISEGNI TECNICI ISTRUZIONI DI LAVORO IO_SUP02_R1 Cod. file: IO_02_R1-Specifiche tecniche.docx Pagina 1 di 9 INDICE 1. GENERALITA 2. DENOMINAZIONE DISEGNI TECNICI 3. LAYER, LINEE, COLORI E SPESSORI

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

DEGLI GAZIONE SASSI. Civile. - Numerical BARBARA. da: MARIN. Laureand. RELATORE Carniello Luca CORRELAC ATORE

DEGLI GAZIONE SASSI. Civile. - Numerical BARBARA. da: MARIN. Laureand. RELATORE Carniello Luca CORRELAC ATORE U UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Corsoo di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Tesi di Laurea MODELLAZIONE NUMERICA DELLA PROPAG GAZIONE DELL'

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY)

CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY) CICLO DI LEZIONI per Progetto e Gestione della Qualità Facoltà di Ingegneria CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY) Carlo Noè Università Carlo Cattaneo e-mail: cnoe@liuc.it 1 CAPACITÀ DI PROCESSO Il

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 161 del 28 ottobre 1997, così come integrata dalla deliberazione del Consiglio

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

PLANIMETRIA E PROFILO INSIEME

PLANIMETRIA E PROFILO INSIEME PLANIMETRIA E PROFILO INSIEME planimetria profili 11 RELAZIONE TRA PLANIMETRIA E PROFILO La correlazione tra andamento planimetrico e altimetrico è molto stretta; variazioni del primo incidono subito sul

Dettagli

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità :

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : 1. Stiletto in gel ed in acrilico ; 2. Scultura/ Tip pink & white in Gel/acrilico Principianti ; 3. Scultura/ Tip pink & white in

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

MONTEVARCHI-FIGLINE-INCISA-FIRENZE (collegamento con linea 353 Figline-Reggello)

MONTEVARCHI-FIGLINE-INCISA-FIRENZE (collegamento con linea 353 Figline-Reggello) MONTEVARCHI-FIGLINE-INCISA-FIRENZE (collegamento con linea 353 Figline-Reggello) VETTORE 140 Busitalia Ala Gt Busitalia Busitalia Busitalia Busitalia Ala Gt Ala Gt Busitalia Busitalia Busitalia Busitalia

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 Page 1 of 10 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PARTE PRIMA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI' DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE:

Dettagli

Rispetta il tuo canale

Rispetta il tuo canale A CURA DI CENTRO INTERNAZIONALE Rispetta il tuo canale Il Regolamento di Polizia Idraulica: un vademecum da conoscere e mettere in pratica 2014 Consorzio di Bonifica Acque Risorgive Rispetta il tuo canale

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

PARTE PRIMA PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 Aprile 2015 N. 12 Disposizioni di adeguamento della normativa regionale. pag. 2

PARTE PRIMA PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 Aprile 2015 N. 12 Disposizioni di adeguamento della normativa regionale. pag. 2 Mercoledì 15 Aprile 2015 Anno XLVI N. 12 PARTE PRIMA CONDIZIONI DI VENDITA: Ogni fascicolo 2,50. La vendita è effettuata esclusivamente in Genova presso la Libreria Giuridica- PARTE PRIMA 3 SOMMARIO LEGGE

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga REPORT FINALE Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga Davide Damato Alessio Colombo Luca Lanteri Rocco Pispico Arpa Piemonte, DT Geologia e Dissesto geologia.dissesto@arpa.piemonte.it

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Capitolato prestazionale di progetto OPERE STRADALI

Capitolato prestazionale di progetto OPERE STRADALI Capitolato prestazionale di progetto OPERE STRADALI Layout Giulio Andreolli Studio Massimo Zuani Grafica digitale Pierluigi Moschini Stampa Tipoffset Moschini Ordine degli Ingegneri della Provincia di

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo stituto Tecnico Statale Commerciale Dante Alighieri Cerignola (FG) Dispense di nformatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS Dal Problema all'algoritmo Pr.: 001 Ver.:1.0 Autore: prof. Michele Salvemini

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli