VERIFICHE IDRAULICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERIFICHE IDRAULICHE"

Transcript

1 REGIONE TOSCANA AUTORITÀ' DI BACINO DEL FIUME ARNO COMUNE DI FIGLINE IN VALDARNO COMUNE DI INCISA IN VALDARNO COMUNE DI REGGELLO PROGETTAZIONE DELLE CASSE DI ESPANSIONE "RESTONE", "PIZZICONI", TRULLI DI SOTTO" E "LECCIO" PROGETTO PRELIMINARE -1 STRALCIO CASSE DI ESPANSIONE PIZZICONI E RESTONE AGGIORNAMENTO GIUGNO 2008 RELAZIONE TECNICA IDROLOGICA - IDRAULICA e VERIFICHE IDRAULICHE idroprogetti srl I ; i. ii_: Idraulica e della Infraslrutture via Mannelli Firenze Tal. 055/ Fax. 055/55349H ii.: Progettisti: Ing. Gesualdo Bavec Ing. Enrico Galigani R.U.P. Ing. Roberto Nocentini^; (Comune di Figline Valdarno)

2 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. 1. Premessa Le casse di espansione Pizziconi e Restane sono previste nel Piano Stralcio riduzione Rischio Idraulico e sono altresì inserite tra gli interventi di cui all'accordo di Programma Quadro del sottoscritto in data 18 Febbraio 2005 dal Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio, dalla Regione Toscana e dall'autorità di Bacino del fiume Arno. Il Comitato Tecnico dell'autorità di Bacino, nella seduta del 20 ottobre 2003, ha espresso parere favorevole sul progetto preliminare relativo alla realizzazione delle casse di espansione "Restane", "Pizziconi", Prulli di sotto" e "Leccio" -1 Stralcio. In data Luglio 2007 è stato consegnato il progetto definitivo del 1 Stralcio, 1 Lotto della Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno dati morfologici relativi alle aree di espansione "Restane" e "Pizzicori" Così come riportato in premessa, la modifica sostanziale al modello idraulico è costituita dall'aggiornamento e dalla revisione dei dati topografici delle aree di invaso, che sono state corrette in riferimento ai seguenti due aspetti: 1. adeguamento altimetrico delle curve di invaso dovuto alla correzione dell'errore topografico di cui sopra; 2. adeguamento planimetrico dell'estensione della cassa di espansione Pizziconi a fronte delle modifiche apportate durante il progetto definitivo del 1 Stralcio - 1 Lotto, che sostanzialmente sono da ricondursi a quattro aspetti: 1. arretramento dell'argine nord della cassa; 2. realizzazione di arginatura a protezione dell'autostrada e della linea ferroviaria Roma- Firenze nel tratto a nord della sez (soglia sfiorante cassa Pizziconi) non prevista nel progetto preliminare; 3. realizzazione di argine a protezione del rilevato ferroviario della linea Roma Firenze nel tratto a sud della sez (soglia sfiorante cassa Pizziconi) fino al limite inferiore della cassa; 4. adeguamento del tracciato della variante alla S.S. n 69 in relazione alle modifiche apportate dalla Provincia di Firenze, successivamente all'approvazione del

3 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restone" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. curva di invaso Restone 1: è stata ricalcolata con i rilievi corretti e aggiornati. curva di invaso Restone 2: è stata ricalcolata con i rilievi corretti e aggiornati.

4 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restone" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. curva di invaso Restone 3: è stata ricalcolata con i rilievi corretti e aggiornati. 4. Le soluzioni progettuali Nella relazione tecnica di supporto alla progettazione preliminare del 2003, sono stati valutati più soluzioni progettuali (soluzione 1, 2 e 3) e vari scenari di funzionamento delle opere stesse (A-B-C-D). In conformità al progetto preliminare approvato, l'aggiornamento progettuale è stato eseguito per la soluzione 1 - Scenario A, coerentemente con lo sviluppo eseguito nella progettazione definitiva del cassa Pizziconi - 1 Stralcio - 1 Lotto. Lo Scenario A prevedeva I' entrata in esercizio del sistema completo di casse "Restone" e "Pizziconi - Soluzione 1" : gli imput idrologici del sistema (Idrogrammi dì verifica) facevano riferimento ai seguenti eventi: Portata Arno pertr=100 anni; - Portata Arno pertr=200 anni; - Portata Arno per Tr=500 anni; Evento ricostruito del 1966; Portata Arno Tr=50 anni seguito da evento Portata Arno Tr=200 anni.

5 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizzicori" in località Figline Valdamo. 5. Il dimensionamento {Ielle opere 5.1 II dimensionamento della cassa di espansione denominata "Restane" II dimensionamento della cassa di laminazione a soglia sfiorante del Restane è stato eseguito cercando la massima capacità d'invaso compatibilmente con le caratteristiche di deflusso delle portate dell'arno nel tratto di interesse, la salvaguardia delle infrastrutture esistenti, la morfologia dell'area interessata alle esondazione e alla gestione sostentile delle aree interessate all'esondatone controllata. Rispetto al progetto preliminare già approvato non sono state introdotte modifiche sostanziale e di seguito, in sintesi, si indicano le opere idrauliche previste: Realizzazione di una soglia sfiorante laterale localizzata nella parte più a monte della cassa di laminazione finalizzata all'intercettamento delle portate in arrivo. Sarà realizzata attraverso l'abbassamento dell'argine-strada tuttora esistente con la messa in opera di massi ciclopici di opportune dimensioni e si prevede la protezione sia lato cassa che lato fiume attraverso l'opportuna localizzazione di scogliere. La quota della soglia di sfioro è stata fissata, in via preliminare, a m slm; Realizzazione in un'arginatura longitudinale, parallela alla linea ferroviaria Firenze- Roma, che si sviluppa per tutto lo sviluppo longitudinale della cassa di espansione, sino alla soglia di troppo pieno localizzata nei pressi del T.Cesto; Realizzazione di due arginature trasversali finalizzate alla parzializzazione della cassa di laminazione. Si determinano cosi complessivamente 3 aree di esondazione controllata che verranno impegnate da fenomeni di esondazione in relazione del tipo di evento; Sopraelevazione di alcuni tratti di arginatura del F.Arno, in sinistra idraulica, finalizzati al contenimento dei volumi d'acqua stoccati all'interno della cassa di laminazione e all'incremento del franco di sicurezza rispetto ai tiranti idrici attesi. Si tratta di una sopraelevazione parziale di una quantità (mediamente intorno ai 2-3 metri di altezza); Realizzazione all'interno di ogni "sub-cassa" di opportuni manufatti di scarico finalizzati allo svuotamento della cassa stessa per ogni suo funzionamento e finalizzati anche al drenaggio del reticolo minore presente in ogni porzione di cassa di laminazione; Realizzazione di due soglie intermedie, localizzate sugli argini traversali, finalizzate a collegare i tre bacini di laminazione;

6 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizzicori" in località Figline Valdarno. Realizzazione una soglia di troppo pieno, localizzata nella parte più a valle dell'opera idraulica, finalizzata a svuotare il bacino di laminazione nel caso di eventi catastrofici, e quindi tutelare il "non sormonto" delle strutture arginali. Realizzazione di un canale di scolo per le acque del reticolo minore, localizzato tra l'arginatura con sviluppo longitudinale e la ferrovia Firenze-Roma: questa soluzione permette di sconnettere il sistema di drenaggio del reticolo minore con quella della cassa di laminazione, garantendo per il primo, in ogni circostanza, il deflusso delle acque, e per il secondo evitare la realizzazione di opere strutturali legate al rigurgito indotto dalla presenza di tiranti idrici all'interno della cassa di laminazione stessa. 5.2 II dimensionamento della cassa di espansione denominata Pizzicori II dimensionamento della cassa di laminazione a soglia sfiorante denominata "Pizziconi" è stato eseguito cercando la massima capacità d'invaso compatibilmente con le caratteristiche di deflusso delle portate dell'amo nel tratto di interesse, la salvaguardia delle infrastnitture esistenti, la morfologia dell'area interessata alle esondazione e alla gestione sostentile delle aree interessate all'esondatone controllata. Una caratteristica peculiare di quest'area, in destra idraulica d'arno, individuata dall'autorità di Bacino del Fiume Arno come cassa di espansione, è la sua delimitazione, senza soluzione di continuità da due grandi infrastnitture viarie, quali l'autostrada del Sole e la linea ferroviaria direttissima Firenze-Roma. La prima corre parallelamente all'argine in destra idraulica del Fiume Arno, su un rilevato che di fatto, si frappone tra le sezioni di deflusso dell'amo e l'area destinata a cassa di espansione. La ferrovia direttissima nella zona di più a valle è localizzata su piloni mentre spostandosi verso la zona di monte dell'area destinata a cassa di laminazione anch'essa è posizionata su rilevato. Oltre a questo, la realizzazione dell'opera idraulica deve tener conto del progetto (in fase di stesura definitiva da parte dell'amministrazione Provinciale di Firenze) della variante della S.R. n 69 - Variante in riva destra d'amo - S.C. Pian di Rona, il cui tracciato è localizzato ai margini della cassa di laminazione. Parte di questo tracciato (nella zona sud della cassa di laminazione) dovrà funzionare anche come arginatura di contenimento dell'opera idraulica (Argine-strada). Così come esplicitato in premessa, nell'aggiornamento del preliminare la soluzione adottata è revisionata, in base alla correzione del rilievo topografico ed anche in base a tutte

7 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. quelle modifiche planimetrìche che sono intervenute nell'iter progettuale che ha portato alla redazione del progetto definitivo del 1 stralcio-1 Lotto. Per quanto riguarda la cassa Pizziconi si prevede: Realizzazione di soglia sfiorante localizzata poco più a valle del Borro delle Volpaie, nel tratto in cui la linea ferroviaria direttissima Firenze-Roma, inizia il suo tracciato su piloni. Il manufatto previsto deve essere realizzato al di sotto del piano autostradale, realizzato per "conci", in maniera tali da non interrompere la viabilità sull'autostrada stessa. Lo sviluppo longitudinale complessivo è stato stimato, in via preliminare, in 100 metri; quello traversale, legato naturalmente alle dimensioni del rilevato autostradale, è di circa 40 metri. La quota della soglia laterale è fissata, in via preliminare, a 126 m slm ; Deviazione del T.Faella, con il tracciamento di nuove sezioni di deflusso all'interno dell'area di esondazione. Tale deviazione si rende necessaria per la messa in sicurezza dei fabbricati residenziali di cui al punto precedente; Realizzazione di argine trasversale localizzato subito a valle del Borro delle Volpaie, munito di soglia sfiorante, e finalizzato alla parzializzazione delle cassa di laminazione. Tale arginatura eviterà l'interessamento di una vasta area di laminazione, caratterizzata da modesti tiranti idrici, se non in relazione ad eventi prossimi a Tr=200 anni; Realizzazione di scarico di fondo per la cassa di laminazione di monte, coincidente con lo scarico del Borro delle Volpaie; Realizzazione di manufatto di scarico coincidente con lo scarico in Arno del T.Faella: occorrerà fornire tale manufatto esistente di opportuno clapet, finalizzato ad evitare il rigurgito dell'arno oltre che di protezioni in scogliera finalizzate ad evitare fenomeni erosivi. Realizzazione di rilevati arginati lungo gran parte del perimetro dell'area di laminazione, con quota al colmo pari a m slm, finalizzati al contenimento dei stoccati e alla protezione delle infrastnitture esistenti (Autostrada Al e Ferrovia Firenze- Roma). 10

8 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizzicori" in località Figline Valdarno. 6. Parametri di progetto - Scenario A 6.1 II sistema di casse di espansione La prima area di espansione ("Restone") è collegata idraulicamente al fiume Arno in sinistra idraulica, la seconda area ("Pizziconi") si sviluppa invece in destra idraulica. Le due aree di laminazione "Restone" e "Pizziconi" sono suddivise in settori, per evitare l'allagamento dell'intera area destinata alle aree di laminazione in caso di eventi con tempo di ritorno pari o inferiore ai 100 anni. Per quanto riguarda l'area di laminazione Restone, è suddivisa in 3 settori, procedendo da monte verso valle: - Restone 1 - Restone 2 - Restone 3 L'area di laminazione Pizziconi è parzializzata in due settori, che procedendo da monte verso valle, sono: - Pizziconi 1 - Pizziconi Le aree di laminazione In questo paragrafo indichiamo i principali parametri di progetto delle aree di laminazione: le caratteristiche geometriche delle opere d'arte sono state fissate attraverso l'analisi di più scenari geometrici a parametri di iniziali costanti. 11

9 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. 6.3 Le opere di presa Le opere di presa sono costituite da sfioratori, considerati in prima istanza, a soglia fissa; nella tabella seguente sono indicati i relativi parametri di progetto: L'opera di presa della cassa Pizziconi Particolare attenzione necessità la soglia sfiorante della cassa di laminazione Pizziconi: la condizione delle preesistenze che interessano la fascia di sponda destra del F. Arno è caratterizzata dalla presenza delle due grandi infrastnitture costituite dalla autostrada Al e dalla linea ferroviaria direttissima Firenze-Roma. Il vincolo determinato dalla ferrovia, che in questo tratto corre su viadotto sostenuto da pile risulta di fatto modesto e l'opera ha caratteristiche di sostanziale "trasparenza" nei confronti degli scambi di portata tra alveo e area di espansione. Ben superiore è invece l'interferenza con Cinfrastruttura autostradale che qui corre in rilevato parallelamente alla sponda del Fiume e a breve distanza da questa. 12

10 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizzicori" in località Figline Valdamo. Le caratteristiche dell'infrastnittura autostradale di interesse per il progetto sono di seguito sintetizzate: Le opere in progetto dovranno ovviamente garantire la necessaria continuità di servizio delle due infrastnitture, sia nelle fasi di realizzazione dell'opera, sia in quelle di esercizio. In relazione ai colloqui preliminari avuti con la Società Autostrade è preferibile garantire il funzionamento della batteria di scatolari a "pelo libero" rispetto a quello in "pressione". Dagli stessi colloqui risulta possibile realizzare gli scatolari ad una quota dall'attuale piano di scorrimento autostradale di arca 80 cm. Ipotizzando lo spessore dell'impalcato della nuova infrastnittura di 50 cm, l'intradosso della stessa si posizionerebbe alla quota assoluta di m slm. Dalle verifiche idrauliche eseguite (e allegate alla seguente relazione) il battente massimo prevedibile per l'evento duecentennale è pari a m slm : verrebbe garantito quindi il funzionamento della batteria di scatolari a "pelo libero" con franchi di sicurezza accettabili se si tiene conto che un'eventuale funzionamento in pressione si innesca a quote superiori di cm rispetto alla quota dell'intradosso (e quindi ipotizzabile intorno alla quota assoluta di m slm. 6.4 Gli sfioratori interni alle casse All'interno delle aree di laminazione i collegamenti tra i vari settori sono effettuati mediante degli sfioratori a soglia fissa, che nel progetto preliminare del 2003 avevano le seguenti caratteristiche: 13

11 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizzicori" in località Figline Valdarno. Dalle verifiche idrauliche aggiornate è nata la necessità di variare leggermele le quote di alcuni sfioratori intermedi al fine di ottimizzare l'invaso dei volumi nelle aree di laminazione. Come mostrato nella successiva tabella, le variazioni di quota sono di modestissima entità: 6.5 Gli organi di scarico Per ogni area di laminazione è previsto un organo di restituzione, costituito da uno scatolare con valvola antiriflusso, che impedisce automaticamente il flusso di portate all'interno della cassa provenienti dall'arno. Gli organi di scarico permettono lo svuotamento a gravita dei vari settori e iniziano a funzionare a pieno carico dopo il passaggio dell'onda di piena del fiume Arno. Sono tutti scatolari a sezione quadrata di lato 2 m, ad eccezione dello scarico del settore Pizziconi 1, che dati i ridotti volumi di invaso ha lato di 1 m. Inoltre è previsto uno sfioratore di "troppo pieno" collegato idraulicamente al settore Restone 3, che ha lo scopo di garantire le necessarìe condizioni di sicurezza alla tracimazione dei settori di monte della cassa "Restone", anche nel caso di eventi di entità superiore a quelli 14

12 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. simulati. Questo sfioratore ha una lunghezza di 150 m e la quota di scarico è posta a m s.l.m. Nella seguente tabella sono riassunti i dati principali delle opere di restituzione, per le quali in generale sono state modificate (rispetto al preliminare approvato nel 2003) le quote dello scarico di fondo in relazione alle nuove curve di invaso (confr. Documento di sintesi): 6.6 Le arginature delle casse di espansione Le arginature delle casse di espansione sono progettate a quota diversa a seconda del settore a cui sono associate. Si riportano sinteticamente le quote assolute dei colmi delle arginature previste, peraltro invariate rispetto al progetto preliminare approvato nel 2003, in particolare: settore RESTONE 1 settore RESTONE 2 settore RESTONE 2 settore PIZZICONI 1 settore PIZZICONI m s.l.m m s.l.m m s.l.m m s.l.m m s.l.m. 15

13 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. 6.7 Analisi conclusive delle verìfiche eseguite Verifica stato di progetto Tr=100 anni L'evento simulato è un'onda di piena con Tr-100 anni, il cui picco di piena risulta pari 2267 mc/s; il volume complessivo dell'idrogramma è di 165 M me. Nel grafico seguente è riportato l'effetto di laminazione totale delle due aree di espansione, ottenuto confrontando l'idrogramma di piena a monte della presa della cassa "Restone" con l'idrogramma di piena a valle dell'ultimo organo di scarico: LAMINAZIONE DEL SISTEMA DI CASSE - Tr=100 anni idrogramma a monte del sistema idrogramma a valle del sistema PORTATA LAMINATA: 246 mc/s (10.9%) RITARDO NEL TEMPO DI PICCO: < 0.5h La portata laminata risulta 246 mc/s; è quindi possibile ottenere una laminazione del picco di piena dell' 10.9%. Nella tabella seguente si riportano i risultati relativi alle aree di laminazione; in particolare si nota che il settore Restone 3 è vuoto in questa ipotesi e il settore Pizziconi 1 è interessato da battenti idraulici trascurabili. 16

14 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizzicori!" in località Figline Valdarno. La cassa di espansione "Restane" invasa complessivamente 2'730'000 me, mentre l'area dì laminazione "Pizziconi" invasa 3'141'000 me. Nella tabella seguente si verifica l'effettiva adeguatezza delle arginature, con i! calcolo del franco dì sicurezza: 17

15 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restone" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno Verifica stato di progetto Tr=200 anni L'evento simulato è un'onda di piena con Tr=200 anni, il cui picco di piena risulta pari 2576 mc/s; il volume complessivo dell'idrogramma è di 195 M me. Nel grafico seguente è riportato l'effetto dì laminazione totale delle due aree di espansione, ottenuto confrontando l'idrogramma di piena a monte della presa della cassa "Restone" con l'idrogramma di piena a valle dell'ultimo organo di scarico: LAMINAZIONE DEL SISTEMA DI CASSE - Tr=200 anni t(ore) 'idrogramma a monte del sistema PORTATA LAMINATA: 365 mc/s (14.2%) idrogramma a valle del sistema RITARDO NEL TEMPO DI PICCO: 1 h La portata laminata risuìta 365 mc/s; è quindi possibile ottenere una laminazione del picco di piena dell' 14.2 %. Nella tabella seguente si riportano i risultati relativi alle aree di laminazione; tutte le casse di espansione sono interessate dall'evento. La cassa dì espansione "Restone" invasa complessivamente 5'924'000 me, mentre l'area di laminazione "Pizziconi" invasa 4'647'000 me.

16 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restone" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. Nella tabella seguente si verifica l'effettiva adeguatezza delle arginature, con il calcolo del franco di sicurezza; 19

17 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno Verifica stato di progetto Tr=500 anni L'evento simulato è un'onda di piena con Tr=500 anni, il cui picco di piena risulta pari 2843 mc/s; il volume complessivo dell'idrogramma è di 235 M me. Nel grafico seguente è riportato l'effetto di laminazione totale delle due aree di espansione, ottenuto confrontando l'idrogramma di piena a monte della presa della cassa "Restone" con l'idrogramma di piena a valle dell'ultimo organo di scarico: LAMINAZIONE DEL SISTEMA DI CASSE - Tr=500 anni 0 2 A 6 8 IO S t(ore) ìdrogramma a monte dol sistema PORTATA LAMINATA: 147 mc/s (5.3%) idrogramma a valle del sistema RITARDO NEL TEMPO DI PICCO: 3.5 il La portata laminata risulta 147 mc/s; è quindi possibile ottenere una laminazione del picco di piena dell' 5.2 %. La cassa di espansione "Restone" invasa complessivamente G'591'000 me, mentre l'area di laminazione "Pizziconi" invasa 5'654'000 me. 20

18 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restone" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. Nella tabella seguente si verifica l'effettiva adeguatezza delle arginature, con il calcolo del franco di sicurezza: 21

19 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restone" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno Verìfica stato di progetto (Tr=50 anni + Tr=200 anni) L'evento simulato è un'onda di piena in cui a un picco con Tr=50 anni segue un picco con Tr=200 anni; il picco duecentennale risulta pari a 2576 mc/s e il volume complessivo dell'idrogramma risulta circa 282 M me. Nel grafico seguente è riportato l'effetto di laminazione totale delle due aree di espansione, ottenuto confrontando l'idrogramma di piena a monte della presa della cassa "Restone" con l'idrogramma di piena a valle dell'ultimo organo di scarico: LAMINAZIONE DEL SISTEMA DI CASSE -Tr= anni T (ore) 'idrogramma a monte del sistema 'idrogramma a valle del sistema PORTATA LAMINATA: 250 mc/s (9.7%) RITARDO NEL TEMPO DI PICCO: 2 li II primo picco di portata viene laminato di 90 mc/s (4.7 %); il picco con Tr=200 anni viene ridotto invece di 250 mc/s (9.7 %). La cassa di espansione "Restone" invasa complessivamente 6'134'000 me, mentre l'area di laminazione "Pizziconi" invasa 5'051'OQO me. 22

20 Progetto preliminare delle casse dì espansione in derivazione "Restone" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. Nella seguente tabella si verifica l'effettiva adeguatezza delle arginature, con il calcolo del franco di sicurezza: 23

21 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restone" e "Pizziconi" in località Figline valdarno Verifica stato di progetto - Evento Novembre 1966 L'evento simulato è l'onda di piena relativa all'evento del Novembre 1966 (evento ricostruito); l'idrogramma di piena presenta tre picchi di valore decrescente (rispettivamente 3229 mc/s, 2845 mc/s e 2384 mc/s). Il volume complessivo dell'idrogramma di piena risulta pari a 282 M me. Nel grafico seguente è riportato l'effetto di laminazione totale delle due aree di espansione, ottenuto confrontando l'idrogramma dì piena a monte della presa della cassa "Restone" con l'idrogramma di piena a valle dell'ultimo organo di scarico: LAMINAZIONE DEL SISTEMA DI CASSE - Evento * VI U idrogramma a monte del sistema PORTATA LAMINATA: 399 mc/s (12.4%) idrogramma a valle del sistema RITARDO NEL TEMPO DI PICCO: 8 li II primo picco di portata viene laminato dì 636 mc/s (19.8 %); il secondo picco viene laminato di 27 mc/s (1.0 %), il terzo picco infine di 42 mc/s (1.8 %). Il primo picco di piena viene abbattuto in modo efficace; il riempimento delle casse di espansione non permette però di abbattere in modo rilevante ne' il secondo, ne' il terzo picco. Il max di portata in ingresso al sistema di casse è relativo al primo picco, mentre in uscita al sistema si ha il massimo della portata al sopraggìungere del secondo picco; complessivamente la portata laminata è pari a 399 mc/s (12.4%), con un ritardo nel tempo di picco di 8.0 h. 24

22 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restone" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. La cassa di espansione "Restone" invasa complessivamente 6'857'000 me, mentre l'area di laminazione "Pizziconi" invasa 6'044'QOO me. Nell'ultima tabella si verifica l'effettiva adeguatezza delle arginature, con il calcolo del franco di sicurezza: 25

23 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pìzziconi" in località Figline Valdarno. 6.8 Sommario dei risultati ottenuti - Scenario A II sistema di casse di espansione progettato è in grado di laminare in modo apprezzabile il picco di piena per tutti gli eventi considerati. In particolare il funzionamento del sistema è ottimizzato per un onda di piena con Tr=200 anni, ma anche per eventi più rari e catastrofici la risposta in termini di laminazione della piena è comunque soddisfacente. Si riporta di seguito una tabella riassuntiva della capacità di laminazione: I dati ottenuti sono visualizzati nel seguente grafico: CAPACITA' DI LAMINAZIONE DEL SISTEMA DI CASSE _w "Ìj E ?"Ì I - -T- U portata di picco a monte D scambio di portate con i sistema di progetto ra 1500 E Q a portata di picco a valle li I4t E a 8 li 1 EVÈNTI 8 aj 26

24 Progetto preliminare delle casse di espansione in derivazione "Restane" e "Pizziconi" in località Figline Valdarno. Relazione tecnica idroiogica-idraulica aggiornamento Conclusioni L'aggiornamento della progettazione preliminare delle casse di espansione Restane e Pizziconi, necessario per valutare le modifiche determinate sia dalle rettifiche dei rilievi eseguiti che dalle modifiche apportate alle opere previste nelle successive fasi di progettazione, ha messo in evidenza che il funzionamento idraulico previsto nel 1 Stralcio del "Progetto delle Casse di espansione Restone, Pizziconi, Prullì e Leccio" non subisce sostanziali cambiamenti rispetto al progetto preliminare precedentemente approvato. Nel dettaglio, confrontando ì risultati del progetto preliminare approvato nel 2003 e quelli relativi ali' aggiornamento del 2008, si nota una sostanziale uniformità dei risultati in tutti gli scenari considerati e in relazione ai parametri di interesse. Infatti: gli effetti di laminazione del sistema globale nei vari scenari di verifica si discostano nell'aggiornamento del progetto preliminare di valori inferiori all'1%: i livelli massimi nelle sezioni di verifica in tutti gli scenari differiscono per valori compresi tra +3 -r- - 6 cm. Si può pertanto affermare che le variazioni indotte dall'aggiornamento della progettazione preliminare del 1 stralcio, non influiscono in maniera significativa sul funzionamento globale del sistema e sui suoi effetti a valle, rispetto a quanto precedentemente approvato nel preliminare del Per quanto riguarda le opere previste nel 11 stralcio del progetto preliminare (casse di espansione di Prulli e Leccio) sarà effettuato un analogo aggiornamento in base ai rilievi corretti (i quali peraltro risultano differire di valori inferiori rispetto a quello del sistema Restone- Pizziconi) : in base all'analisi effettuata sul modello idraulico del 1 stralcio si può prevedere che le modifiche da apportare alle opere previste nel 11 stralcio (casse di espansione di Prulli e Leccio) determineranno variazioni sul funzionamento globale del sistema dello stesso ordine di grandezza. I progettisti: Idroprogetti srl chi ani 27

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare ANALISI DELLE CRITICITA IDRAULICHE PORTATE COMPATIBILI NEI DIVERSI TRATTI Il sistema idraulico Parma Baganza è stato oggetto di numerosi studi allo

Dettagli

PRG. PIANO STRUTTURALE VARIANTE DI REVISIONE E AGGIORNAMENTO adottata con Del. del C.C. n. del. approvata con Del. del C.C. n. del.

PRG. PIANO STRUTTURALE VARIANTE DI REVISIONE E AGGIORNAMENTO adottata con Del. del C.C. n. del. approvata con Del. del C.C. n. del. Comune di FIGLINE VALDARNO Provincia di Firenze PRG DEL TERRITORIO COMUNALE ai sensi della L.R. n 1 del 3 gennaio 2005 PIANO STRUTTURALE VARIANTE DI REVISIONE E AGGIORNAMENTO adottata con Del. del C.C.

Dettagli

Variante generale al piano strutturale del comune di San Giovanni Valdarno (AR). INDICE

Variante generale al piano strutturale del comune di San Giovanni Valdarno (AR). INDICE INDICE 1. Premessa... 2 1.1. Dati di base utilizzati per l implementazione dei modelli idraulici... 2 2. Studi idrologici-idraulici di interesse effettuati sul territorio comunale... 4 2.1. Studi sul fiume

Dettagli

MODELLAZIONE DEL SISTEMA IDRAULICO DELLA CASSA DI ESPANSIONE

MODELLAZIONE DEL SISTEMA IDRAULICO DELLA CASSA DI ESPANSIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di laurea in INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Tesi di Laurea: ANNO ACCADEMICO 2006/2007 MODELLAZIONE DEL SISTEMA IDRAULICO DELLA CASSA

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA Il progetto prevede la realizzazione di una cassa di laminazione in derivazione in sx idraulica al Fiume Pecora, ubicata in loc. Scopaione - Comune di Scarlino (GR) ed

Dettagli

Dott. Ing. Cristiano Cappelli RELAZIONE TECNICA SOMMARIO

Dott. Ing. Cristiano Cappelli RELAZIONE TECNICA SOMMARIO SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 FASI DELLO STUDIO... 3 3 ACQUISIZIONE ED ANALISI DEI RISULTATI DELLO STUDIO IDRAULICO A SUPPORTO DEL RU... 4 3.1 Corsi d'acqua studiati... 4 3.2 Dati topografici... 5 3.3 Analisi

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE POSSIBILITÀ DI LAMINAZIONE DELLE PIENE NEI CORSI D ACQUA PRINCIPALI DELLA ROMAGNA

VALUTAZIONE DELLE POSSIBILITÀ DI LAMINAZIONE DELLE PIENE NEI CORSI D ACQUA PRINCIPALI DELLA ROMAGNA AUTORITÀ DEI BACINI REGIONALI ROMAGNOLI VALUTAZIONE DELLE POSSIBILITÀ DI LAMINAZIONE DELLE PIENE NEI CORSI D ACQUA PRINCIPALI DELLA ROMAGNA RELAZIONE Prof. Ing. Armando Brath Collaborazioni: Ing. Giuliano

Dettagli

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F)

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) Dott. Ing. Stefano SCORRANO Via Maccatella, 30 56124 PISA OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) UBICAZIONE

Dettagli

Relazione idrologica idraulica integrativa a supporto della Variantte al RU inerente le aree ricadenti nel Bacino del Serchio.

Relazione idrologica idraulica integrativa a supporto della Variantte al RU inerente le aree ricadenti nel Bacino del Serchio. Relazione idrologica idraulica integrativa a supporto della Variantte al RU inerente le aree ricadenti nel Bacino del Serchio DATA: Aprile Indice generale 1. RELAZIONE IDROLOGICA E CALCOLO DEGLI IDROGRAMMI

Dettagli

AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA

AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario Tecnico Il fiume Fiora tra la S.S. 1 ed il mare: aspetti idraulici e difesa costiera Roma, 16

Dettagli

COMUNE DI PESCIA RELAZIONE IDRAULICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE AI SENSI DELL'ART.30 L.R. 65/2014 COMMITTENTE: COMUNE DI PESCIA

COMUNE DI PESCIA RELAZIONE IDRAULICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE AI SENSI DELL'ART.30 L.R. 65/2014 COMMITTENTE: COMUNE DI PESCIA COMUNE DI PESCIA RELAZIONE IDRAULICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE AI SENSI DELL'ART.30 L.R. 65/2014 COMMITTENTE: COMUNE DI PESCIA IL TECNICO: DOTT. ING. CRISTIANO CAPPELLI MAGGIO 2015

Dettagli

GIORNATA DELLA TRASPARENZA

GIORNATA DELLA TRASPARENZA GIORNATA DELLA TRASPARENZA Agenzia Interregionale per il fiume Po-Area Emilia Interventi idraulici di particolare complessità nel reticolo di competenza AREA EMILIA-ROMAGNA Parma, 03 dicembre 2015 Ivano

Dettagli

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 1 INDICE 1 - Premessa...2 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 4 - Studio idraulico dei tratti interessati...6 4.1 - Tratto 1: a monte dell

Dettagli

Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010. Auto Osservazione sulle mappe del DL 49 in area romana.

Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010. Auto Osservazione sulle mappe del DL 49 in area romana. AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE 00185 Roma, Ufficio Piani e Programmi Via V. Bachelet, 12 tel. 06.49249221 fax 06.49249300 Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010.

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO COMMITTENTE : M + ASSOCIATI SEREGNO (MB) 2165_15 STUDIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO IN SUPPORTO AL PROGETTO DI UN PERCORSO CICLOPEDONALE NEL COMUNE DI MELZO (MI), DA

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno COMUNE DI SIGNA Provincia di Firenze Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno Cassa di espansione dei Renai I LOTTO PROGETTO DEFINITIVO Opere civili e viabilità di accesso

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:...

INDICE. 1) Premessa... 2. 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela. dal Rischio Idrogeologico:... INDICE 1) Premessa... 2 2) Sintesi dei contenuti tecnici e normativi del Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico:... 3 3) Lo studio di compatibilità idraulica... 8 4) Contenuti dello studio

Dettagli

PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEGLI INTERVENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA IDRAULICA DELL'ABITATO DI PONTREMOLI IN PROVINCIA DI MASSA CARRARA

PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEGLI INTERVENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA IDRAULICA DELL'ABITATO DI PONTREMOLI IN PROVINCIA DI MASSA CARRARA PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEGLI INTERVENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA IDRAULICA DELL'ABITATO DI PONTREMOLI IN PROVINCIA DI MASSA CARRARA RELAZIONE TECNICA IDROLOGICA-IDRAULICA INDICE 1. PREMESSA...3 2.

Dettagli

RELAZIONE IDROLOGICA - IDRAULICA

RELAZIONE IDROLOGICA - IDRAULICA COMUNE DI EMPOLI PROVINCIA DI FIRENZE REALIZZAZIONE STRADA DI COLLEGAMENTO TRA VIA PIOVOLA E LO SVINCOLO "EMPOLI EST" DELLA S.G.C. FI-PI-LI PROGETTO DEFINITIVO COMMITTENTE COMUNE DI EMPOLI RELAZIONE IDROLOGICA

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3

SOMMARIO PREMESSA... 3 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 VASCA N.1... 5 1.1.1 Caratteristiche della vasca... 5 1.1.2 Caratteristiche dell allaccio alla fognatura nera... 5 1.1.3 Caratteristiche del sollevamento... 5 1.1.4 massima portata

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita 1. PREMESSA... 1 2. CARATTERIZZAZIONE GEOMETRICA... 1 3. DETERMINAZIONE DEI VALORI

Dettagli

SEMINARIO DI STUDIO Il fiume Fiora tra la S.S. Aurelia ed il mare: aspetti idraulici e di difesa costiera

SEMINARIO DI STUDIO Il fiume Fiora tra la S.S. Aurelia ed il mare: aspetti idraulici e di difesa costiera SEMINARIO DI STUDIO Il fiume Fiora tra la S.S. Aurelia ed il mare: aspetti idraulici e di difesa costiera Camera dei Deputati - Palazzo Marini Sala delle Colonne ASPETTI PROGETTUALI E CARATTERISTICHE TECNICHE

Dettagli

Consorzio Via Maestra Codice elaborato: PP06010101A-I.DOC 1

Consorzio Via Maestra Codice elaborato: PP06010101A-I.DOC 1 Consorzio Via Maestra Codice elaborato: PP06010101A-I.DOC 1 SOMMARIO 1. PREMESSE...3 2. LO STATO DI FATTO...4 3. LE PROPOSTE...5 4. L ASSE INFRASTRUTTURALE DELL IDROVIA...6 5. IL BRENTA...7 6. LO SCOLMATORE...9

Dettagli

Studio di prefattibilità relativo alle opere di mitigazione del rischio nel territorio del comune di Capurso

Studio di prefattibilità relativo alle opere di mitigazione del rischio nel territorio del comune di Capurso Pagina 1di 16 1. PREMESSA... 3 2. SINTESI DESCRITTIVA DEL RISCHIO IDRAULICO INDIVIDUATO... 3 3. INDIVIDUAZIONE DELLE CRITICITA... 6 4 OPERA DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO: GENERALITA' E SOLUZIONI PROPOSTE...

Dettagli

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004).

Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Il governo delle piene nell ambito del sistema di allertamento nazionale per il rischio idraulico (Direttiva 27 febbraio 2004). Attività di previsione, prevenzione, contenimento del danno e mitigazione

Dettagli

SAI Progetti s.r.l. GeoTer

SAI Progetti s.r.l. GeoTer SAI Progetti s.r.l. GeoTer ALCUNI DATI DEL BACINO Area del bacino = 2,31 Km 2 Quota massima = 1.100 m Quota sezione di chiusura (Cherio) = 301,5 m Lunghezza asta principale = 2.370 m CALCOLO DELLA PORTATA

Dettagli

STUDIO IDRAULICO DEL TRATTO VALLIVO DEL TORRENTE EMA CORRELATO AL COMPLETAMENTO

STUDIO IDRAULICO DEL TRATTO VALLIVO DEL TORRENTE EMA CORRELATO AL COMPLETAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA Tesi di laurea specialistica in INGEGNERIA PER LA TUTELA DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO STUDIO IDRAULICO DEL TRATTO VALLIVO DEL TORRENTE EMA CORRELATO

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO PROGETTO PRELIMINARE Approvato con Decreto del Commissario Straordinario della C.M. del Pinerolese n. 43 del 16/07/2015 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE

Dettagli

Per garantire l invarianza idraulica si è tenuto conto dei seguenti elementi:

Per garantire l invarianza idraulica si è tenuto conto dei seguenti elementi: 1 Premessa Il comparto rientra nell ambito degli accordi con i privati di cui all art. 18 della L.R. n. 20/2000 contrassegnato col n. 16 Lido di Classe Nord Sud, ed è soggetto a PUA generale. E costituito

Dettagli

LA STORIA LA GALLERIA ADIGE GARDA ED IL LAGO DI LOPPIO

LA STORIA LA GALLERIA ADIGE GARDA ED IL LAGO DI LOPPIO LA STORIA Nei primi anni del Novecento venne ipotizzata la costruzione di una galleria scolmatrice del fiume Adige verso il lago di Garda, con l obbiettivo di ridurre i livelli idrometrici del fiume Adige

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO

IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO IMPIANTO IDROELETTRICO AD ACQUA FLUENTE SUL FIUME ADIGE ANALISI IDRAULICA BIDIMENSIONALE ED EVOLUZIONE MORFOLOGICA DEL FONDO ALVEO Torino, 9-10 Ottobre 2013 Ing. S. Rossato L'impianto idroelettrico Corso

Dettagli

PROGETTO DI AMPLIAMENTO E REGIMAZIONE DELLA CASSA DI ESPANSIONE PRA DEI GAI PER LA LAMINAZIONE DELLE PIENE DEL LIVENZA ALLA CONFLUENZA COL MEDUNA

PROGETTO DI AMPLIAMENTO E REGIMAZIONE DELLA CASSA DI ESPANSIONE PRA DEI GAI PER LA LAMINAZIONE DELLE PIENE DEL LIVENZA ALLA CONFLUENZA COL MEDUNA PROGETTO DI AMPLIAMENTO E REGIMAZIONE DELLA CASSA DI ESPANSIONE PRA DEI GAI PER LA LAMINAZIONE DELLE PIENE DEL LIVENZA ALLA CONFLUENZA COL MEDUNA Il progetto prevede la creazione di n 2 casse di espansione

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

Relazione Tecnica Idraulica

Relazione Tecnica Idraulica Studio delle zone a rischio idraulico assoggettate alla normativa del Piano di Assetto Idrogeologico (P.A.I.) Relazione Tecnica Idraulica Per conto: COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI Settore Pianificazione

Dettagli

TRENTO COMITATO ISTITUZIONALE

TRENTO COMITATO ISTITUZIONALE Seduta del 24 novembre 2008 Delibera n. 03/2008 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME ADIGE TRENTO COMITATO ISTITUZIONALE OGGETTO: Piano Stralcio per la Tutela dal Rischio Idrogeologico del Fiume Adige; modifica

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico Aggiornato al: 14.09.2009 SCENARI DI EVENTO pag. 2.1 2 SCENARI DI EVENTO Il primo passo nella redazione di un Piano di Emergenza di Protezione Civile si realizza con la creazione degli Scenari di Evento.

Dettagli

ESERCITAZIONI DI COSTRUZIONI IDRAULICHE

ESERCITAZIONI DI COSTRUZIONI IDRAULICHE GIANFRANCO BECCIU ALESSANDRO PAOLETTI ESERCITAZIONI DI COSTRUZIONI IDRAULICHE Terza edizione CEDAM CASA EDITRICE DOTI. r\ NTONIO t'v\iu\ni 2005 Indice generale Premessa!tu/ice genem/e l n dice degli esercizi

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

COMUNE DI BIBBONA (Provincia di Livorno)

COMUNE DI BIBBONA (Provincia di Livorno) COMUNE DI BIBBONA (Provincia di Livorno) VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE E AL REGOLAMENTO URBANISTICO Valutazioni delle condizioni idrauliche delle aree oggetto di variante Committente: Responsabile del

Dettagli

INDICE. 1 Premesse... 2. 2 Inquadramento territoriale... 3. 3 Il progetto delle opere... 5. 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5

INDICE. 1 Premesse... 2. 2 Inquadramento territoriale... 3. 3 Il progetto delle opere... 5. 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5 INDICE 1 Premesse... 2 2 Inquadramento territoriale... 3 3 Il progetto delle opere... 5 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5 3.2 Sistemazione dell area parcheggio commerciale...6 3.3 Interferenze e sistemazioni

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA

PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA REALIZZAZIONE DI UN IMMISSIONE DI ACQUE CHIARE NEL FOSSO DEI GUASTRI IN LOC. SANT'ANGELO DI CELLE COMMITTENTE: NOVATECNO S.r.l. INTEGRAZIONE DOCUMENTALE - Prot. N.

Dettagli

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA Premessa In anticipazione rispetto al progetto complessivo, e analogamente

Dettagli

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21 Sommario 1 ANALISI IDRAULICA PER LA DEFINIZIONE DELLE AREE INONDABILI... 2 1.1 IL MODELLO IDRAULICO DI PROPAGAZIONE... 2 1.2 LA PROPAGAZIONE MONODIMENSIONALE (1D)... 4 1.3 LE STRUTTURE INTERFERENTI CON

Dettagli

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Autore: Alberto Meucci Titolo di Laurea: Laurea Triennale in Ingegneria Civile Università: Facoltà di Ingegneria

Dettagli

AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME PO

AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME PO MODULO 2 FORMAZIONE DELLA PIENA (AFFLUSSI E DEFLUSSI) ALCUNI CONCETTI E TERMINI DI IDRAULICA FLUVIALE DIFESA DALLE PIENE: TIPOLOGIA DI INTERVENTI Interventi strutturali (modificano le caratteristiche degli

Dettagli

Variazioni del profilo di fondo alveo

Variazioni del profilo di fondo alveo Assetto Schedatura morfologico dei tratti e idraulico fluviali Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 7, Tratto: PO_46 - PR_ confluenza Parma in Po - ponte stradale a Est di

Dettagli

POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI)

POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI) POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI) RELAZIONE IDROLOGICA E IDRAULICA DELLA RETE DI RACCOLTA DELLE ACQUE PIOVANE Settembre 2014 PROGETTISTA Dott. Ing. Leopoldo Cafaro Iscritto all Ordine degli Ingegneri

Dettagli

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero PREMESSA Il presente progetto prende le mosse da un finanziamento per complessivi 367.021,00 necessario la manutenzione straordinaria del Rio Salsero e cofinanziato dalla Regione Toscana, Provincia di

Dettagli

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Sala conferenze ELLEPI libere professioni Monza (MB),

Dettagli

Lario, 15. io Idrogeologico

Lario, 15. io Idrogeologico Seminario proposto ost dall Ordine dine degli Architetti tti PCC Monza e Brianza col Patrocinio io della la Consulta Architetti ttiti Lombardi Durata presentazione enta ne : 1 ora Sala conferenze enze

Dettagli

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 IV A. Area a rischio significativo di alluvione ARS Distrettuali

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA + S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO XII - LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI E MANUTENZIONE URBANA CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DEI CONDOTTI FOGNARI DELLA CITTA' DI ROMA a cura della II unità organizzativa

Dettagli

ANALISI IDRAULICA DELL AREA DI

ANALISI IDRAULICA DELL AREA DI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Tesi di laurea specialistica in INGEGNERIA PER LA TUTELA DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO ANALISI IDRAULICA DELL AREA DI LAMINAZIONE PONTE NUOVO SUL

Dettagli

Comune di Rosignano Marittimo

Comune di Rosignano Marittimo Comune di Rosignano Marittimo Regolamento urbanistico Approfondimenti quadro conoscitivo Verifiche sul rischio idraulico del territorio comunale a Nord di Vada A cura di Dr. Paolo Squarci geologo Marzo

Dettagli

Dighe di competenza regionale Interventi di riabilitazione e messa in sicurezza

Dighe di competenza regionale Interventi di riabilitazione e messa in sicurezza ENEL Produzione Sicurezza Dighe e Opere Idrauliche Nord Ovest Dighe di competenza regionale Interventi di riabilitazione e messa in sicurezza Relatore: Giovanna de Renzis Enel Produzione - ICI-SDOI Nord-Ovest

Dettagli

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 4 PIANO STRALCIO PER L'ASSETTO IDROGEOLOGICO... 2 4.1 NODO VALLONE CERNICCHIARA/RAFASTIA...

Dettagli

Premesse. Giuseppe Negrinelli Ingegnere - Albo Ordine di Brescia n. 1564

Premesse. Giuseppe Negrinelli Ingegnere - Albo Ordine di Brescia n. 1564 Premesse La presente relazione illustra in sintesi le attività svolte per la revisione delle fasce di rispetto definite dall articolo 3 del Regolamento di Polizia Idraulica di competenza del Comune di

Dettagli

PIANO STRUTTURALE. comune di montevarchi - provincia di arezzo

PIANO STRUTTURALE. comune di montevarchi - provincia di arezzo comune di montevarchi - provincia di arezzo avvio del procedimento Del.C.C. n.55 del 15.05.2008 valutazione iniziale Del.G.C. n.171 del 17.07.2008 valutazione intermedia e rapporto ambientale preliminare

Dettagli

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia Interventi di miglioramento sui recapiti finali costituiti da CISNS e dal suolo - Rinaturalizzazione del canale Galaso-Marinella, recapito finale dell'

Dettagli

COMUNE DI EMPOLI RELAZIONE DI FATTIBILITA' IDRAULICA. Ubicazione: Comune di Empoli Località Santa Maria e Carraia

COMUNE DI EMPOLI RELAZIONE DI FATTIBILITA' IDRAULICA. Ubicazione: Comune di Empoli Località Santa Maria e Carraia COMUNE DI EMPOLI per variante al Regolamento Urbanistico per la strada di collegamento tra il nuovo svincolo della SGC FI-PI- LI Empoli Centro e la zona artigianale di Carraia RELAZIONE DI FATTIBILITA'

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO CIRCOLARE ESPLICATIVA N 2 PER L ATTUAZIONE DELLE NORME DI PAI: Fascia di rispetto di cui all art. 21, comma 6 Attraversamenti/tombamenti: articolo 9,

Dettagli

La manutenzione degli argini. Seminario IL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN TOSCANA: LE STRUTTURE ARGINALI Firenze, 17 marzo 2015

La manutenzione degli argini. Seminario IL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN TOSCANA: LE STRUTTURE ARGINALI Firenze, 17 marzo 2015 La manutenzione degli argini Iacopo Iacopo MANETTI MANETTI Consorzio Consorzio di di bonifica bonifica Medio Medio Valdarno Valdarno Seminario IL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN TOSCANA: LE STRUTTURE ARGINALI

Dettagli

1 - Generalità. 2 Sistemi di drenaggio delle acque superficiali RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA

1 - Generalità. 2 Sistemi di drenaggio delle acque superficiali RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA INDICE 1 - Generalità 2 2 Sistemi di drenaggio delle acque superficiali 2 3 Delimitazione delle aree scolanti 4 4. Stima delle portate 6 4.1 Modello di trasformazione afflussi-deflussi 10 5. Idrogrammi

Dettagli

SISTEMAZIONE IDRAULICA DEL TORRENTE GARZA NEL COMUNE DI NAVE (BS)

SISTEMAZIONE IDRAULICA DEL TORRENTE GARZA NEL COMUNE DI NAVE (BS) Comune di Nave (BS) SISTEMAZIONE IDRAULICA DEL TORRENTE GARZA NEL COMUNE DI NAVE (BS) ENTE ATTUATORE: COMUNE DI NAVE (BS) ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI U.O. TECNICA LAVORI PUBBLICI RUP: Geom. Michele

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2

SOMMARIO. 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 SOMMARIO 1. OPERA DI PRESA...2 1.1 Breve descrizione dell'opera...2 1.2 Mappali interessati e vincoli ablativi richiesti...2 2. CONDOTTA FORZATA...3 2.1 Percorso della condotta forzata...3 2.2 Mappali

Dettagli

Attraversamenti dei corsi del F. Musone e del Torrente Fiumicello

Attraversamenti dei corsi del F. Musone e del Torrente Fiumicello NR/9343 SPC. -LA-E-8525 Fg. 1 di 14 METANODOTTO: FALCONARA RECANATI DN 15 (42 ), DP 75 bar Attraversamenti dei corsi del F. Musone e del Torrente Fiumicello V. Forlivesi Emissione S. Buccafusca M. Matteucci

Dettagli

Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale

Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale Variante al Piano Strutturale relativa all'assetto urbanistico del Viale Leonardo da Vinci per la localizzazione del polo espositivo Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale Giugno

Dettagli

relazione illustrativa

relazione illustrativa ALLEGATO relazione illustrativa Data Integrazione Via F. Rismondo n 29 Pisa tel. 050-564951 e-mail archit.pisa@libero.it Via Sarzanese Nord n 2762 Piano del Quercione (LU) tel. 0584-938967 e-mail archit.associati@libero.it

Dettagli

Variazioni del profilo di fondo alveo

Variazioni del profilo di fondo alveo Assetto Schedatura morfologico dei tratti e idraulico fluviali Fiume: Crostolo Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 9,0 Tratto: PO_49000 - CR_0000 confluenza Crostolo in Po - località Santa

Dettagli

SOMMARIO. Dott. Ing. Silvia LUCIA

SOMMARIO. Dott. Ing. Silvia LUCIA SOMMARIO PREMESSA... 2 METODOLOGIA... 2 ANALISI NORMATIVA... 3 Norme dell Autorità di Bacino del Fiume Arno... 3 Norme del R.U. del Comune di Ponsacco... 4 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 6 STATO DEI LUOGHI...

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

AdF Aeroporto di Firenze SpA. Marco Carrai Vittorio Fanti. Vittorio Fanti. Marco Gialletti. Veronica I. d Arienzo Veronica I. d Arienzo Luca Ermini

AdF Aeroporto di Firenze SpA. Marco Carrai Vittorio Fanti. Vittorio Fanti. Marco Gialletti. Veronica I. d Arienzo Veronica I. d Arienzo Luca Ermini COMMITTENTE Presidente Amministratore Delegato Direttore Operation & Accountable Manager Direttore Amministrazione Finanza Controllo ed Investor Relator Responsabile Progettazione e Sviluppo Infrastrutture

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi

Dettagli

Casse di espansione in linea nell'alto bacino del torrente Vingone nel Comune di Scandicci (FI) CASSA SOGLIA RELAZIONE GENERALE

Casse di espansione in linea nell'alto bacino del torrente Vingone nel Comune di Scandicci (FI) CASSA SOGLIA RELAZIONE GENERALE Comune di Scandicci Consorzio di Bonifica n.3 Medio Valdarno Via Verdi, 16-50122 FIRENZE tel: 055-240269; fax: 055-241458; e-mail: info@cbmv.it progetto n. 519/B Casse di espansione in linea nell'alto

Dettagli

PORTO TURISTICO DI MARINA DI PISA. Studio Idraulico

PORTO TURISTICO DI MARINA DI PISA. Studio Idraulico PORTO TURISTICO DI MARINA DI PISA Studio Idraulico IMP_04_R_001_0_relaziodraulica Pagina 1 di 15 INDICE 1 Premessa... 3 2 Il Piano di Assetto Idrogeologico in relazione all area del porto di Marina di

Dettagli

Tavola di confronto misure di protezione/database ReNDIS. Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni (PGRA)

Tavola di confronto misure di protezione/database ReNDIS. Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni (PGRA) Tavola di confronto misure di protezione/database ReNDIS Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni (PGRA) direttiva 2007/60/CE decreto legislativo 49/2010 decreto legislativo 152/2006 decreto legislativo

Dettagli

INVARIANZA IDRAULICA E RISPARMIO IDRICO Relazione tecnica

INVARIANZA IDRAULICA E RISPARMIO IDRICO Relazione tecnica ALLEGATO N. A 12 Oggetto: Proposta di Piano Urbanistico Attuativo SCHEDA A20 A03 PROPOSTA DI ACCORDO ART. 18 L.R. 2072000 FONDAZIONE FORNINO VALMORI ONLUS PER LA REALIZZAZIONE DI UNA STRUTTURA SOCIO- ASSISTENZIALE

Dettagli

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE NORMATIVA-TIPO RELATIVA AGLI AMBITI NORMATIVI DELLE FASCE DI INONDABILITÀ EX DGR 250/05

AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE NORMATIVA-TIPO RELATIVA AGLI AMBITI NORMATIVI DELLE FASCE DI INONDABILITÀ EX DGR 250/05 AUTORITA DI BACINO DI RILIEVO REGIONALE NORMATIVA-TIPO RELATIVA AGLI AMBITI NORMATIVI DELLE FASCE DI INONDABILITÀ EX DGR 250/05 Documento approvato con DGR 1532 del 2.12.2005 - Allegato 2 - ALLEGATO 2

Dettagli

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA 1 INTRODUZIONE La realizzazione delle opere della nuova linea ad alta velocità Torino-Lione (N.L.T.L.) interessa a cielo aperto la piana delle Chiuse tra la pk 83+003, imbocco Ovest del Tunnel dell Orsiera

Dettagli

DOCUMENTO ISTRUTTORIO

DOCUMENTO ISTRUTTORIO DOCUMENTO ISTRUTTORIO OGGETTO: DISCIPLINARE TECNICO, PARTE IV SEZ 1, ART. 4 AUTORIZZAZIONE DEL PROGETTO DEL PIANO D AMBITO DEFINITIVO: Nuovo collettore di costa per raccolta sfiori rete fognaria e relativi

Dettagli

Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio

Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Comune di Nerviano (MI) Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Dipartimento di Ingegneria Idraulica e Ambientale Università di Pavia Prof. Ing. Paolo Ghilardi Revisione 1.2 2009

Dettagli

PERCORSO PARTECIPATIVO AREE DI LAMINAZIONE BREGNANO-LOMAZZO

PERCORSO PARTECIPATIVO AREE DI LAMINAZIONE BREGNANO-LOMAZZO PERCORSO PARTECIPATIVO AREE DI LAMINAZIONE BREGNANO-LOMAZZO Le politiche di bacino ed il contesto nel quale si colloca l intervento di laminazione di Bregnano-Lomazzo Dario Fossati Regione Lombardia DG

Dettagli

RELAZIONE COMPRENSORIO PIANURA PISANA

RELAZIONE COMPRENSORIO PIANURA PISANA PIANO DELLE ATTIVITA 2015 (L.R. 79/2012 ART. 26 comma 2) VERSIONE 2 APPROVATA DEL 13/03/2015 RELAZIONE COMPRENSORIO Il Direttore Tecnico di Comprensorio Pianura Pisana (Dott. Ing. Sandro Borsacchi) 1 /

Dettagli

PAOLETTI INGEGNERI ASSOCIATI

PAOLETTI INGEGNERI ASSOCIATI PROFILO del GRUPPO La Società di Ingegneria ETATEC s.r.l., l Associazione professionale STUDIO PAOLETTI INGEGNERI ASSOCIATI e le altre Regione Lombardia - Cassa espansione del F. Lambro a Briosco (1999)

Dettagli

ALLEGATO TECNICO N. 2 AGGIORNAMENTO STUDIO IDRAULICO

ALLEGATO TECNICO N. 2 AGGIORNAMENTO STUDIO IDRAULICO ALLEGATO TECNICO N. 2 AGGIORNAMENTO STUDIO IDRAULICO 1 RACCOLTA E VALIDAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE 1.1 Cartografia e dati di base I dati cartografici e topografici di base per l aggiornamento

Dettagli

Premesso che: 2. CALCOLI IDRAULICI

Premesso che: 2. CALCOLI IDRAULICI 1. PREMESSA I fenomeni meteorici di particolare intensità che hanno interessato il territorio della Basilicata durante l inverno 2010-2011 hanno contribuito a creare fenomeni di dissesto idrogeologico

Dettagli

Dall incontro emerse in maniera chiara ed univoca la volontà di sviluppare il progetto che prendeva in esame l ipotesi alternativa di realizzazione

Dall incontro emerse in maniera chiara ed univoca la volontà di sviluppare il progetto che prendeva in esame l ipotesi alternativa di realizzazione PREMESSA Ai fini della riduzione del rischio idraulico delle aree vallive del bacino del Fiume Pecora, è stato sviluppato dall Università di Pisa Dipartimento di Ingegneria Civile ed Idraulica su incarico

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

PIANO REGOLATORE PORTUALE DEL PORTO DI LIVORNO 2012

PIANO REGOLATORE PORTUALE DEL PORTO DI LIVORNO 2012 AUTORITA' PORTUALE DI LIVORNO PIANO REGOLATORE PORTUALE DEL PORTO DI LIVORNO 2012 Titolo elaborato: STIMA TECNICO ECONOMICA DEGLI INTERVENTI PIANIFICATI Scala: Committente: AUTORITA' PORTUALE DI LIVORNO

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli