Da compartimento per l idraulica e l elettrotecnica a Scuola di ingegneria e architettura: un progetto e un cantiere con molte vicissitudini

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Da compartimento per l idraulica e l elettrotecnica a Scuola di ingegneria e architettura: un progetto e un cantiere con molte vicissitudini"

Transcript

1 Da compartimento per l idraulica e l elettrotecnica a Scuola di ingegneria e architettura: un progetto e un cantiere con molte vicissitudini Giuliana Mazzi 1 Gli studi condotti nell ambito del PRIN , conclusi da un convegno dedicato a «Daniele Donghi ingegnere polivalente e architetto del manuale» tenuto a Padova il febbraio , hanno portato a primo inquadramento critico di Daniele Donghi nell ambito del contesto progettuale e culturale del periodo in cui visse e operò, sia per quanto riguarda il contesto italiano sia, soprattutto, quello europeo. Valutazioni critiche sulla sua attività di progettista e sul suo ruolo di divulgatore sono infatti pressoché assenti nella bibliografia scientifica dedicata al Novecento. In tal ambito è stata condotta una prima indagine ovviamente non esaustiva sull attività del milanese per la progettazione e la realizzazione di edifici per l università 4 condotta sulle fonti più immediate, ossia la tranche dell archivio Donghi depositata presso l Archivio Progetti dello IUAV, l Archivio dell Università di Padova, l Archivio del Comune di Padova e un primo spoglio degli «Annuari» dell ateneo. Gli approfondimenti in corso da parte di Elena Svalduz e di Stefano Zaggia (effettuati non soltanto sui fondi dell università e sull archivio Donghi ancora presso gli eredi ma allargati ad archivi padovani e non) stanno ricostruendo una vicenda che si intuiva complessa già nelle contemporanee fonti a stampa. Queste, ovviamente, non consentono né la ricostruzione delle vicende di cantiere né le frequenti variazioni nelle distribuzioni interne dovute ai continui cambi di esigenze espresse dai singoli istituti. Tale aspetto è ancor più evidente qualora si paragonino l esito degli sforzi di Donghi per adeguarsi al frequente variare di richieste (che spiega, almeno sinora, il mancato rinvenimento di piante per i vari piani dovuta più che presumibilmente all esecuzione di continue varianti in corso d opera 5 ) e l estrema funzionalità del Liviano, dove il rettore Carlo Anti 1 Dipartimento di Architettura, Urbanistica e Rilevamento. 2 La ricerca verteva sul tema «Un nuovo sistema per l architettura e le arti applicate: didattica, istituzioni, ruoli professionali, letteratura tecnica in Italia ( )»: coordinatore scientifico nazionale: Guido Zucconi IUAV, dipartimento di Storia dell architettura. Unità di Padova: «Norme e teorie del buon costruire nell insegnamento per ingegneri, capi d opera e decoratori»; coordinatore locale: Giuliana Mazzi, facoltà di Ingegneria, DAUR. Sempre come esito di quel PRIN è stato edito Architettura e arti applicate fra teoria e progetto. La storia, gli stili, il quotidiano , a cura di Fabio Mangone, Napoli, Electa Napoli, Daniele Donghi. I molti aspetti di un ingegnere totale. Atti del Convegno nazionale, Padova febbraio 2005, a cura di Giuliana Mazzi e Guido Zucconi, Venezia, Marsilio, Si rimanda agli interventi ivi pubblicati per riferimenti anche bibliografici alle tematiche cui si accenna in questa sede. 4 Massimiliano Savorra, Scuole politecniche e città degli studi: Daniele Donghi e il caso di Padova, in L Università e la città. Il ruolo di Padova e degli altri atenei italiani nello sviluppo urbano. Atti del convegno di studi, Padova 4-6 dicembre 2003, a cura di Giuliana Mazzi, Bologna, CLUEB, 2006, pp La sola pianta sinora nota è quella del piano terra con l indicazione della destinazione dei locali in tutti i piani pubblicata in Daniele Donghi, La nuova sede della Scuola di Ingegneria e di Architettura a Padova, in «L architettura

2 docente di archeologia ha personalmente controllato il progetto e deve aver imposto ai docenti degli istituti di cui era stato deciso il trasferimento dal palazzo centrale alla nuova sede la stesura di precise indicazioni sulle esigenze di didattica e di ricerca. Emblematici in tal senso sono il museogipsoteca annesso all istituto di archeologia e l aula per le lezioni di storia dell arte e di archeologia, dotata di oscuramento, di cabina per le proiezioni (previste per la visione contemporanea di due soggetti da porre a confronto) e di luci per ogni postazione destinata agli studenti 6. Risale al 1911 il progetto di Daniele Donghi per la sistemazione nell area del Piovego degli istituti di idraulica e di elettrotecnica e sembra mettere in forma, per i due istituti, il primo di una serie di padiglioni studiati come idea di massima (or ora individuata da Elena Svalduz e da Stefano Zaggia) nell anno precedente (1910) su incarico di Ferdinando Lori (ordinario a Padova di elettrotecnica dal 1903 e direttore della scuola dal 1909 al 1913, anno in cui diverrà rettore), per «un grande politecnico» fatto di cinque edifici autonomi, uno centrale per la direzione e gli uffici e quattro per gli istituti, organizzati adattando alle diverse funzioni della didattica e della ricerca un blocco-tipo. Le ragioni di questo primo piano cui in seguito, a quanto sinora si conosce, non si farà più riferimento nascono dal decollo nella scuola dei primi anni del Novecento dei settori che nel corso della seconda metà del secolo precedente si erano già qualificati come trainanti (l idraulica 7, la scienza delle costruzioni e la meccanica) o avevano iniziato, come l elettrotecnica e proprio con l inizio del nuovo secolo, ad acquisire un peso notevole. Le sostiene anche la decisione di riqualificare proprio con Daniele Donghi 8 un settore sino ad allora fortemente carente nel quadro complessivo della scuola ricorrendo a un docente di architettura colto, aggiornato sui sistemi costruttivi, e con conoscenze, letture ed esperienze non esclusivamente venete, e quindi di peso scientifico analogo a quello dei cattedratici dei settori in espansione. Infine il termine politecnico, prerogativa dopo l Unità della sola sede milanese (Torino lo diventerà nel 1906) e che sembra ora comparire per la prima volta riferito alla scuola padovana di ingegneria, è dovuto ai dibattiti in corso da qualche decennio (e comunque con il regno d Italia) sul riordino delle professioni di ingegnere e di architetto e, conseguentemente, dei rispettivi percorsi scolastici con l innescarsi di progetti di legge destinati sì a via via cadere ma a confluire infine nella legge Gentile del 1923, che trasformerà in laurea il diploma rilasciato dalle scuole e istituirà l obbligo dell esame di stato. italiana. Periodico mensile di costruzione e di architettura pratica», XIV, 1919, 11, I novembre, p. 3, e, con un disegno più schematico in Idem, Nozioni di architettura tecnica. Parte seconda, Padova, Cedam, , p Per la descrizione delle dotazioni del Liviano v. Il Liviano sede della Facoltà di Lettere, in «R. Università degli Studi di Padova. Annuario per l anno accademico », pp Nel palazzo centrale restavano il seminario di filologia moderna e gli istituti di paleografia, di storia moderna e di geografia: ivi, p Si pensi alla legge istitutiva del Magistrato alle Acque, alla conseguente istituzione (grazie ai fondi messi a disposizione dalla magistratura stressa) delle cattedre di idraulica fluviale (nel 1908), di idrografia (nel 1909) e di navigazione interna (nel 1910) e alla convenzione per usare gli impianti dell istituto idrotecnico di Stra. 8 È nominato ordinario di architettura tecnica nel 1910, dopo due anni di incarico.

3 Il 1911 è l anno anno delle esposizioni di Roma e di Torino e di progetti come quello, per esempio, di Aldo Andreani per il palazzo della Camera di Commercio di Mantova 9. Non è ancora infatti penetrato in Italia quel panorama internazionale che in quegli stessi anni registra la pubblicazione in Europa dei disegni e delle fotografie degli edifici di Wright che determineranno la versione De Stijl della sua lezione, e ostenta le costruzioni di Loos, di Behrens, di Gropius e di Meyer, di Poelzig, o di Berg. È anche vero che di lì a poco le suggestioni del mondo industriale e la visione di volumi fuori scala porteranno agli esercizi grafici di Mario Chiattone o di Antonio Sant Elia, ma quest ultimo propone nei concorsi e nei progetti richiesti da una committenza precisa fonti viennesi e facciate medievaleggianti 10. Una prima, e ancora sommaria, analisi degli edifici costruiti entro la seconda guerra mondiale nell area del Piovego (fig. 1), ha rivelato che tutto il sistema rapportato alle analoghe iniziative edilizie delle università italiane e aperto proprio con la scuola di ingegneria (gli edifici precedenti sembrano sinora meno significativi) si è rivelato di notevole valenza, un vero e proprio campionario delle tendenze progettuali italiane del periodo. E quindi di pari valore, dal punto di vista storico-architettonico (e conseguentemente da quello dell opportunità di una sua conservazione), delle operazioni (le sole note alla bibliografia scientifica) condotte da Giò Ponti e da Ettore Fagiuoli nel palazzo centrale e da Ponti e da Massimo Campigli al Liviano 11. Il solo complesso contemporaneo sinora studiato con attenzione storico-critica, ossia la Sapienza romana, risale infatti al Si tratta dell esposizione internazionale tenuta a Roma nel quadro dei festeggiamenti per l Unità d Italia dove il linguaggio architettonico esercitato per i padiglioni è quello, vernacolare, dell edilizia minore oppure quello degli edifici storici più rappresentativi e dell esposizione dell industria e del lavoro di Torino, dove nonostante i fermenti art nouveau che animano la città, le scelte architettoniche si indirizzano verso uno stile monumentale barocco: cfr. Giorgio Muratore, Uno sperimentalismo eclettico, in Storia dell architettura italiana. Il primo Novecento, a cura di Giorgio Ciucci e Giorgio Muratore, Milano, Electa, 2004, pp ; Guido Zucconi, Gli anni dieci tra riscoperte regionali e aperture internazionali, ivi, pp Sant Elia, come è noto, nei disegni per la città futura trasmette l idea che i moderni materiali da costruzione e le nuove tecniche possono dare una spallata definitiva all architettura degli stili storici ma nell ambito di una progettazione effettiva propone nel 1912 fronti viennesi per la stazione centrale di Milano e nel 1913 facciate medievaleggianti per il concorso internazionale per la sede centrale della Cassa di Risparmio di Verona a Verona in piazza Erbe. Cfr. almeno Zucconi, Gli anni dieci, pp I bandi del 1933 per il completamento e il restauro del palazzo centrale, per la nuova sede della facoltà di Lettere e Filosofia e per la realizzazione dell istituto di Chimica farmaceutica e tossicologia vinto dal milanese Giuseppe Merlo, per la coincidenza di date e per la qualità del Liviano e della ridefinizione del Bo (in rapporto al contemporaneo panorama italiano) hanno infatti concentrato l attenzione a questi due soli edifici: v., almeno, Maristella Casciato, I concorsi per gli edifici pubblici: , in Storia dell architettura italiana. Il primo Novecento, pp e Paolo Nicoloso, Piacentini e Mussolini nella città universitaria di Roma , in L Università e la città, pp

4 Fig. 1. Planimetria generale degli istituti universitari nell area del Piovego (da Efisio Mameli, L'Istituto di Chimica farmaceutica e tossicologia dell'università di Padova, in «Padova», XI, 1938, n. 1) Sarebbe dunque forzato, oltre che fuorviante e antistorico, rapportare la cultura progettuale di Daniele Donghi e, in generale, quella italiana degli anni dieci del Novecento ad un panorama internazionale che sta imboccando (operativamente e non soltanto come mero esercizio grafico) la strada dell International Style. Donghi (come d altronde Gustavo Giovannoni a Roma) persegue e sviluppa nella progettazione (e nell insegnamento accademico) la lezione perseguita poi da Luca Beltrami di Camillo Boito che, con la Scuola speciale di architettura di Milano caratterizzata da un particolare percorso formativo che legava i corsi del Politecnico a quelli dell Accademia di Brera, mirava a una nuova figura professionale provvista di una formazione di tipo tecnico e in grado di padroneggiare il progetto anche dal punto di vista formale. Punta cioè a gettare un ponte tra

5 la tradizione storica recuperata con intelligenza (e non come mera citazione e smontaggio stilistico) e la modernità vista come adesione alle nuove tecniche. Non a caso, ancora come capo dell ufficio tecnico comunale nei secondi anni novanta, aveva introdotto a Padova (e quindi nel Veneto) il sistema Hennebique (nella scuola Lucrezia degli Obizzi e nel cimitero) nonostante le perplessità (ma anche la curiosità) degli ingegneri locali. Gli anni dieci del Novecento sono una specie di terra di nessuno dove prevale il gusto (da cui Donghi è esente) per l effetto fuori scala suscitato da volumi che incombono sull osservatore (l esempio più noto è la stazione di Milano di Ulisse Stacchini del ) oppure quello per il rapporto di una nuova costruzione con l insieme urbano su cui insiste costituito da grandi superfici di facciata dove si inseriscono citazioni anche bizzarre che assumono un peso abnorme. Un esempio padovano è d altronde rappresentato dal concorso del 1919 per il nuovo braccio del municipio su via VIII febbraio, cui Donghi è coinvolto in termini non ancora chiari. Non a caso (e in questo soprattutto consiste l eredità di Boito) Donghi e Giovannoni 12 puntano a figure equivalenti per i professionisti del costruire: Donghi cerca di preparare l ingegnere integrale, Giovannoni l architetto integrale ma, al di là dell etichetta dovuta al dibattito sulle formazioni e sulle professioni avviato fin dal 1879, lavorano entrambi per la genesi di professionalità che abbiano analoghe spendibilità operative (che hanno la loro origine nella struttura didattica impostata appunto a Milano da Boito) e che puntino a trattare i nuovi materiali seguendo concetti di estetica tratti dalla storia. Nelle dispense il milanese valuta, ad esempio, negativamente l art nouveau, senza mai nominarla esplicitamente ma riferendovisi in tutta evidenza (per ragioni di date) quando sostiene l inadeguatezza di tentativi di modernità fatti con l uso di forme avulse dalla storia. Mantiene infatti negli edifici (universitari e non) progettati a Padova (ma non soltanto) l impiego di elementi rinascimentali fusi con motivi barocchi: e sul barocco classico piemontese quello ad esempio di Juvarra aveva espresso fin dagli anni novanta giudizi positivi, anticipando la storiografia critica degli anni dieci del Novecento. Da questo consegue che le sue fabbriche si svincolano dall Arte nova per motivata scelta compositiva (soltanto il demolito teatro varietà di Abano Terme, del , o elementi di arredo, come ad esempio le vetrate della Cassa di Risparmio di Padova, hanno motivi riconducibili a quello stile) e non la escludono per impliciti ritardi culturali quando sono contemporanee alle realizzazioni dell accezione italiana dell art nouveau. Donghi sostiene inoltre che una qualsiasi costruzione è valida soltanto in rapporto ai suoi aspetti strutturali, costruttivi ed economici: e ribadisce continuamente che l architettura «è il risultato di due fattori: 12 Cfr. Paolo Nicoloso, Una nuova formazione per l architetto professionista, in Storia dell architettura italiana. Il primo Novecento, pp

6 tecnico e artistico. Dal primo deriva l organismo strutturale di un opera architettonica, dal quale dipende la solidità, la durata, la comodità, con riguardo alla questione economica; dal secondo l estetica. Dal giusto equilibrio tra i due fattori e dalla perfetta armonica loro fusione scaturisce quell unità architettonica, la quale vuole che l aspetto esterno e interno di un edificio sia la sincera espressione del suo organismo strutturale 13». La sua apparente mancanza di interesse nell affrontare il problema dell estetica (sia nel Manuale, sia nell esercizio dell insegnamento universitario documentato dalle dispense sia in numerosi interventi nelle riviste specializzate) deriva dunque dalla convinzione della necessità di selezionare le forme trasmesse dalla storia ricorrendo ad un razionalismo che scelga le forme decorative in rapporto alla funzionalità cui devono partecipare e ai materiali costruttivi impiegati. Nella seconda edizione del 1929 di Nozioni di architettura tecnica. Parte seconda 14 ossia delle dispense redatte per il corso, che ovviamente più del Manuale informano sui criteri insiti alla sua progettazione e, soprattutto, sui contenuti didattici trasmessi Donghi ricorda, citando alcuni esempi, che non è necessario smembrare i politecnici in blocchi distinti, ma anche che non occorre abbiano sede unica. Indica quindi agli allievi numerosi casi, prevalentemente europei, e presenta nelle dispense (come esperienza negativa di committenze confuse) la soluzione finale per la scuola di ingegneria di Padova (fig. 2) perché può capitare, nel corso di una qualsiasi carriera, che un committente richieda un edificio sulla base della disponibilità economica del momento, per poi rendersi conto, magari grazie anche a successivi incrementi dei fondi disponibili, che la prima idea non avrebbe risolto i problemi connessi alle esigenze dell edificio previsto (l utilitas) e chieda mutamenti in corso d opera o addirittura a cantiere concluso. Ricorda inoltre che la biblioteca e la sala per le conferenze (l attuale aula magna) avrebbero dovuto essere situate in posizione centrale per ovvie ragioni di organizzazione dei percorsi interni ancora una volta utilitas. In effetti (fig. 3), con il primo incarico che prevedeva un solo blocco destinato a Idraulica e Elettrotecnica le aveva poste in posizione centrale rispetto alle aule e ai locali destinati ai due istituti, interpretando i precedenti di Kiel e di Aquisgrana, così come per il nuovo ingresso deciso con il terzo blocco riformulerà distribuzioni presenti a Strasburgo e a Saragozza. Sono questi edifici, come del resto quasi tutti quelli segnalati nelle dispense e nel Manuale, progettati e/o realizzati negli ultimi decenni del XIX secolo. 13 Daniele Donghi, Decorazione ed estetica architettonica, in Manuale dell architetto, II, La composizione architettonica, Torino, UTET, 1935, p Donghi, Nozioni di architettura tecnica. Parte seconda, pp

7 Fig. 2. Scuola di ingegneria di Padova, pianta del piano terra (da Donghi, 1919)

8 Fig. 3. Scuola di ingegneria, istituti di Idraulica e Elettrotecnica, sezione della parte centrale (ingresso, biblioteca, sala per le conferenze) (da Donghi, 1919) La decisione di trasferire nell area del Piovego tutta la scuola di ingegneria sembra aver impedito la stesura di un progetto razionale e omnicomprensivo delle necessità dei diversi istituti, essendo stata promossa la costruzione in progress di un unico complesso a due cortili e ignorata la soluzione a padiglioni pensata nel A quella prima idea, a quanto sinora si conosce e come si è accennato, Donghi sembra non riferirvisi mai e non sembra mai tornarvi la documentazione sinora rinvenuta. Inoltre quella decisione, come sostiene il milanese, ha obbligato al «ripiego» di staccare le ali nord e sud dei blocchi occidentali e di limitarle per un tratto a un solo piano per non toglier luce a quanto già costruito e per poter impiegare una decorazione diversa rispetto a quella utilizzata nella prima fase ritenuta troppo onerosa, in modo che non ne risultasse evidente la difformità stilistica e formale. Donghi ribadisce l impossibilità di ottenere «razionalità distributiva e costruttiva» in un progetto stilato sulla base di tranches di richieste scalate nel tempo (sia pure nel giro di pochi anni) e non formulato su idee chiare fin dall inizio delle operazioni. Ritiene ciononostante di aver rispettato l obbligo (insito nella professione di un progettista) di aver tentato nel susseguirsi delle richieste di modifiche e di ampliamenti di rispondere il più possibile all utilitas senza compromettere l estetica, che scaturisce appunto dalla struttura seguendo quella concezione che deriva dal razionalismo ottocentesco che ritorna con estrema puntualità nei suoi scritti e nei suoi progetti. E bastino come esempio (fig. 4) i ragionamenti condotti per l aula

9 dell istituto di Fisiologia, costruita anche per quanto riguarda il posizionamento dei posti a sedere seguendo le indicazioni per l acustica pubblicate da Antonio Favaro nel Fig. 4: Sezione schematica dell aula dell istituto di Fisiologia (da Donghi, 1935) Donghi ricorda infine, sempre nelle dispense, che nel caso di più fabbricati pertinenti ad un solo uso conviene impiantare nel centro del sistema un edificio di servizio per il riscaldamento di tutti i blocchi, per la produzione di acqua calda (di cui abbisogna per esempio l istituto di chimica) e di vapore, e per un impianto frigorifero. Afferma anche di averlo proposto per la scuola di Padova, ma la non contemporaneità nella costruzione dei diversi fabbricati ne aveva impedito l attuazione, determinando anche l impossibilità di futuri risparmi sia nei rifornimenti di combustibile sia nella manutenzione degli impianti 16. La storia progettuale ed edilizia della scuola altro non è quindi che un tassello di quanto ha contraddistinto le realizzazioni (non solo universitarie) della Padova del Novecento, ossia per punti, non in prospettiva, e suscettibili di cambiamenti in corso d opera sulla base dell insorgere di problemi non previsti nella fase iniziale ma inevitabilmente emergenti. I medesimi errori avevano 15 Daniele Donghi, Esempio di locale acustico per audizioni, in Sindacato nazionale fascista ingegneri. III o Congresso Nazionale degli Ingegneri italiani. Trieste 30/31 maggio-1-2 giugno 1935-XIII, estratto; ma v. anche, Idem, Edifici per istituti di istruzione e di educazione, in Manuale dell architetto, II, La composizione architettonica, I, Distribuzione, Torino, UTET, 1916, pp Idem, Nozioni di architettura tecnica. Parte seconda, pp

10 d altronde screditato anche l organizzazione della sede di palazzo Cavalli, avviata dopo aver scartato l idea di una collocazione della Scuola nel palazzo centrale a seguito di un ampliamento lungo l attuale via Battisti verso riviera Ponti Romani, nell area dove tra il 1916 e il 1922 sarà costruita la cosiddetta ala Fondelli. Ma torniamo alle vicende dei diversi cantieri. Nel 1911 (i lavori iniziano l anno seguente condotti dall Ufficio del Genio Civile e saranno conclusi nel 1915) è decisa la costruzione di un solo edificio per sistemare gli istituti di elettrotecnica e di idraulica (fig. 5), fortemente sacrificati negli spazi di palazzo Cavalli, che aveva già avuto un primo ampliamento nel 1905 e che nel progetto del 1892 non aveva ovviamente previsto locali per l elettrotecnica (il primo corso libero fu avviato nel 1898 e la cattedra istituita nel 1901). Fig. 5: Istituti di Idraulica e di Elettrotecnica, fronte su via Loredan (da Donghi, 1919) La nuova fabbrica commissionata senza l intenzione di affiancare altri blocchi riservati alla scuola e senza la previsione di un totale trasferimento di questa nell area del Piovego doveva essere costituita dal solo corpo ad ali con risalti (centrale e agli estremi) sul fronte su via Loredan, con un altezza (due piani e un mezzanino intermedio) corrispondente all attuale in facciata mentre le ali che ora delimitano parte del cortile interno dovevano essere ad un solo piano e con copertura a terrazza. Già in corso d opera furono fatte modifiche nella distribuzione interna sulla base delle richieste dei docenti di idraulica 17. Inoltre il braccio orientale su via Poleni (destinato appunto a questo istituto) fu sopraelevato di un piano con la conseguente eliminazione della terrazza pensata anche per favorire l aerazione alle aule. Donghi (divenuto nel 1911 presidente della Commissione edilizia d Ateneo ma escluso dalla Commissione per la sistemazione edilizia dell università istituita 17 Sono state recentemente rinvenute da Elena Svalduz e Stefano Zaggia piante del piano terra con correzioni in tal senso che rivelano contrattazioni per ridefinizioni continue degli spazi.

11 nel 1913) lamenta infatti da parte di chi ha diretto il primo cantiere (ossia il Genio Civile) la mancata comprensione del ruolo delle bifore aperte sulla terrazza e destinate soprattutto all aerazione delle aule e la mancata adozione di soluzioni alternative di risposta a quel problema. L interesse per l aerazione 18 comune ai progettisti dell epoca: si ricordino tra gli altri i sistemi impiegati da Gaudì negli appartamenti di casa Batllò sembra una costante nei suoi progetti per edifici universitari: sarà attuata nell aula di Fisiologia, e ritorna nei fronti su via Paolotti e su via Marzolo 19 (fig. 6). Fig. 6: Scuola di ingegneria, particolare della facciata dell istituto di Architettura su via Paolotti (da Donghi 1919) Deplora anche l eliminazione della scaffalatura a soffitto con ballatoio intermedio di accesso agli ripiani superiori pensata per la biblioteca che sarà aperta come biblioteca centrale nel (fig. 7); non approva ritenendoli giustamente pesanti la decorazione del soffitto e il ballatoio, che interpreta il tipo del cornicione sommitale sorretto da mensole. Il progetto originario, a detta dello stesso Donghi, era stato comunque rispettato in linea di massima. 18 Idem, Edifici per istituti di istruzione e di educazione, pp , Le bocche sono ora tamponate. 20 «R. Università degli studi di Padova. Annuario per gli anni accademici e », p. 130.

12 Fig. 7. Biblioteca, sala di lettura (da Donghi, 1919) Nel 1912 e quindi contemporaneamente all avvio del cantiere il rettore Vittorio Rossi lo incarica di uno studio di massima per gli altri istituti della scuola e per quello di Fisica. È cosi ideato un fabbricato gemello al primo e situato verso via Marzolo (figg.8-9), dove però (per contenere i costi) occorreva modificare (almeno in parte) le altezze e ridurre la decorazione impiegata nel primo blocco (pietra artificiale cementizia a graniglia marmorea, intonaco di impasto analogo e martellinato, decorazioni a graffito e un fregio sommitale sottostante al cornicione nei due settori arretrati della facciata 21 ). Fig. 8. Scuola di Ingegneria, fronte su via Marzolo (da Donghi, 1919) 21 Il fregio è dipinto da Giovanni Vianello, responsabile anche del medaglione sul soffitto del salone delle conferenze, i cui stucchi furono eseguiti da una ditta padovana (la Rizzo), e delle decorazioni eseguite sui fronti costruiti in seguito, come sta emergendo dalle ricerche in corso. Vianello lavora anche in altri cantieri donghiani come la Cassa di risparmio di Padova in corso del Popolo, il Teatro varietà di Abano Terme, demolito nel 1968, il teatro Sociale di Rovigo. Per le (sinora) scarne notizie sul pittore padovano v. Elena Annovazzi, Giovanni Vianello, in Palazzo Donghi sede della Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Milano, Skira, 2002, p. 89.

13 Fig. 9. Scuola di ingegneria, blocco su via Marzolo, sezione della parte centrale (ingresso, sala per le riunioni) (da Donghi, 1919) Un terzo edificio, destinato a Fisica, era previsto verso il tratto di via Paolotti in prosecuzione della via attuale e allora di viabilità pubblica. Nel 1914 gli è finalmente chiesto un progetto per un fabbricato di maggiori dimensioni che occupi tutta l area sino a via Paolotti, rinviando quindi la costruzione dell istituto di Fisica, realizzato poi nella situazione attuale. Scartata una prima soluzione a esedra, Donghi propone la forma effettivamente costruita (fig. 10), dove la decorazione sarà ancora in pietra artificiale cementizia a graniglia marmorea ed è prevista la replica di decorazioni vegetali nei pennacchi delle finestre degli avancorpi sulle vie Marzolo e Paolotti. Il cantiere decollerà (ovviamente dopo la guerra) nel 1919, diretto da Giordano Tomasatti, direttore dell Ufficio tecnico dell ateneo, e docente incaricato di Strade ordinarie, strade ferrate e gallerie e dal figlio di Daniele, Mario Felice libero docente in Disegno d ornato e architettura elementare dal Per ragioni economiche è subito decisa la soppressione della torre (costruita in seguito (fig. 11)) e il rinvio della costruzione della parte centrale del braccio ovest su via Paolotti. Questo (figg ) doveva funzionare

14 Fig. 10. Scuola di ingegneria, veduta prospettica (da Donghi, 1919) Fig. 11. Il secondo cortile e la torre per osservazioni geodetiche. Sono visibili la terrazza in testa al braccio settentrionale e i portici di collegamento tra i due sistemi (da Donghi, 1933)

15 come ingresso principale all edificio e come accesso diretto agli istituti di Architettura, che occupava entrambi i piani del corpo settentrionale, di Fisica tecnica e di Chimica applicata, situati nel blocco meridionale. Ospitava inoltre la parte riservata al funzionamento della Scuola (sale per i professori e per gli studenti, per la direzione, per il consiglio e per gli esami, uffici): sostituiva dunque (fornendo meno spazi) l edificio autonomo con le medesime funzioni previsto nell idea di massima del La particolare destinazione ne spiega la difformità compositiva rispetto alla generale omogeneità degli altri corpi di fabbrica, segnalando subito l ingresso principale e gli uffici. Informa anche sulla metodologia didattica che Donghi intendeva perseguire per la formazione dei diplomati della scuola soprattutto nell ambito della progettazione tramite i clipei affrescati nelle ali che lo affiancano, riferiti iconograficamente con il ritratto e il nome nel cartiglio ai grandi nomi di chi storicamente aveva portato alla definizione delle materie portanti insegnate negli istituti di architettura, di fisica tecnica e di chimica applicata ospitati nei due bracci. Nel 1919, quando pubblica il progetto 22 presenta la disposizione di cinque «compartimenti» (fig. 10): il primo con l atrio ingresso comune agli istituti di Idraulica e di Elettrotecnica (ma con ingressi separati per gli studenti dei due istituti), lo scalone di accesso al salone delle conferenze (posto nel mezzanino) e le scale che portavano ai piani superiori e alla biblioteca divenuta poi centrale situata al primo piano. Negli estremi del fronte e di quel primo edificio a ali erano alloggiati i due istituti. Nel blocco gemello, dove nel 1928 (anno ribadito nell iscrizione sul fronte di via Marzolo) si trasferirà da palazzo Cavalli tutta la scuola, un solo ingresso portava a quasi tutti gli istituti (ma a Meccanica applicata era destinata la gran parte degli spazi 23 ). Al primo piano una grande sala era riservata alle riunioni (fig. 9). Le due ali del sistema su via Paolotti sono appunto tenute staccate dai due blocchi costruiti per primi per garantire luce alle testate di questi (figg. 10, 11, 13); per lo stesso motivo i tratti terminali nei corpi settentrionale e meridionale sono a terrazza al di sopra del primo piano; garantiva infine il collegamento tra le diverse parti (ancora utilitas) un portico di immissione al varco tra i due sistemi (varco per altro non ben risolto trattandosi di un collegamento indotto dal susseguirsi di più fasi di progettazione) (figg. 2,11). Tale passaggio a sua volta immetteva ai corridoi di comunicazione con i primi due corpi di fabbrica che, saldandosi, avevano determinato la corte chiusa. Donghi prevede dunque una serie di collegamenti interni (i corridoi) ed esterni (i portici) che garantiscano continuità totale di comunicazione protetta tra le diverse parti dell edificio. 22 Donghi, La nuova sede della Scuola di Ingegneria e di Architettura a Padova, pp , tavv. XLI-XLII. 23 Per la precisione, il sotterraneo della L sulla destra dell ingresso destinato a laboratori, il pianterreno ancora con laboratori e il museo e alcuni locali del primo piano.

16 Fig. 12. Ingresso principale e uffici (da Donghi, 1933) Nell ultimo blocco, affacciato su via Paolotti, la L di nord-ovest è prevista per l istituto di Architettura su entrambi i piani in una evidente riproposta degli spazi riservati all insegnamento di quelle materie nei politecnici di Milano e di Torino; le aule per il disegno (fig.14) rispondono per esposizione (a nord, e quindi luce diffusa e senza riflessi proveniente da sinistra) e per sistema costruttivo a quanto raccomandato nelle dispense e nel manuale Donghi, Edifici per istituti di istruzione e di educazione, p. 460,

17 Fig. 13. Istituto di chimica industriale (da «Annali della R. Scuola di Ingegneria», V, 1929, n.1-2, giugno). Manca ancora il corpo dell ingresso principale e degli uffici ed è visibile la terrazza in testa al braccio meridionale Donghi è anche molto attento a fornire tutti gli istituti di quanto è necessario all espletamento della didattica e della ricerca: camere oscure (a Idraulica e ad Architettura), luoghi dove conservare diapositive e fotografie (ancora ad Architettura e a Idraulica), biblioteche autonome (per Architettura, Costruzione di ponti e strade, Idraulica, Macchine e Meccanica applicata, ritenute soprattutto per Architettura laboratori analoghi a quelli di ricerca), sale per l esposizione dei modelli di studio (macchine e apparecchi ferroviari a Costruzione di ponti e strade) e, ad Architettura e a Mineralogia, per la rassegna di campionari di materiali da costruzione, musei (a Idraulica e a Macchine) La nuova sede della R. Scuola di Ingegneria di Padova. Memoria del comm. prof. dott. ing. Daniele Donghi, in Atti del Primo congresso interregionale degli ingegneri delle Tre Venezie, Trieste aprile 1933, Trieste, Stabilimento tipografico nazionale, pp (estratto).

18 Fig. 14: Aula di disegno nell istituto di Architettura (da Donghi, 1933) Fig. 15. Laboratori nel primo cortile e vasca circolare trasferita nel 1912 da palazzo Cavalli (da Scimemi, 1925) Stravolgimenti e integrazioni al progetto iniziano però quasi subito, di fatto ancora in fase di cantiere per le esigenze di Idraulica e di Meccanica applicata, cui si affiancano quelle di Elettrotecnica. Entro il 1925 (fig. 15) nel cortile più interno è sistemato un secondo laboratorio per Idraulica ampliando uno shed lasciato dai militari. Iniziano così le superfetazioni e gli ampliamenti (per esempio le due aule per elettrotecnica sull ala occidentale del primo blocco) (figg ) ) che hanno innescato la situazione attuale.

19 Fig. 16: Aula grande per Elettrotecnica (da Pugno Vanoni, 1935) Le ricerche in corso stanno definendo il quadro di tali interventi sinora ricostruibili da una bibliografia a stampa ufficiale 26 che non rivela i continui contrasti tra Donghi che andrà in pensione nel 1935 e referenti che impongono continui mutamenti in corso d opera per le improvvise esigenze particolari dei singoli istituti, risolte via via dall Ufficio tecnico. Manca, inoltre, la storia edilizia ancora più improvvisata del secondo dopoguerra. 26 V. per esempio Ettore Scimemi, L Istituto di Idraulica della R. Scuola di Ingegneria, in «Annali della R. Scuola d Ingegneria di Padova», I, 1925, pp ; Claudio Pasini, Collegamento geodetico della torre della R. Scuola di Ingegneria, Padova, Penada, 1932; Massimo Velatta, Il laboratorio d Idraulica della R. Scuola d Ingegneria di Padova, in «Padova», 1932, 5, maggio (estratto); Ettore Scimemi, Il laboratorio di idraulica nel R. Istituto Superiore di Ingegneria di Padova e le sue ricerche, in «L energia elettrica», XII, 1935, 9, settembre (estratto); Enzo Pugno Vanoni, La sezione elettrotecnica del R. Istituto Superiore d Ingegneria di Padova, in «Annali della R. Scuola d Ingegneria di Padova», IV, 1935, serie II, Comunicazioni e memorie presentate al III Congresso nazionale degli ingegneri italiani, supplemento al n. 2, pp ; Carlo Parvopassu, L Istituto di Meccanica applicata e R. Laboratorio sperimentale per la prova dei materiali da costruzione, in «R. Università degli Studi di Padova. Annuario per l anno accademico », pp

20 Fig. 17: Aula piccola per Elettrotecnica (da Pugno Vanoni, 1935) Fig. 18: Istituto di Idraulica, modello dell Adige per la sezione di Trento (da Scimemi, 1935)

Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO

Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO Associazione per lo sviluppo dell alta cultura in Milano, Ricordo della posa della prima pietra per le nuove sedi

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Obiettivo didattico L obiettivo principale del corso di laurea è quello di formare

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

CURRICULUM DATI PERSONALI DELL ING. DOMENICO SCHIESARI

CURRICULUM DATI PERSONALI DELL ING. DOMENICO SCHIESARI CURRICULUM DATI PERSONALI DELL ING. DOMENICO SCHIESARI 1.1 Dati anagrafici Cognome SCHIESARI Nome DOMENICO Nato a UDINE il 29.07.1946 con domicilio professionale in PADOVA VIA BERCHET 16 residente a PADOVA

Dettagli

LICEO MUSICALE E COREUTICO SEZIONE COREUTICA PROFILO DI ENTRATA

LICEO MUSICALE E COREUTICO SEZIONE COREUTICA PROFILO DI ENTRATA Prot. n. 2250 del 04.05.2012 LICEO MUSICALE E COREUTICO SEZIONE COREUTICA In linea con quanto disposto dall articolo 7, comma 2 del D.P.R. 15 marzo 2010, n. 89, l Accademia Nazionale di Danza definisce

Dettagli

Architettura. Corso di Laurea magistrale in

Architettura. Corso di Laurea magistrale in Ingegneria Laurea magistrale in Architettura 135 Corso di Laurea magistrale in Architettura Classe: LM-4 Architettura DURATA 2 anni CREDITI 120 SEDE Udine ACCESSO Programmato 80 posti CONOSCENZE RICHIESTE

Dettagli

RILIEVO E DISEGNO DELL ARCHITETTURA (Gruppi di lavoro coordinati dall Ing. Roberto B. F. Castiglia 1 )

RILIEVO E DISEGNO DELL ARCHITETTURA (Gruppi di lavoro coordinati dall Ing. Roberto B. F. Castiglia 1 ) RILIEVO E DISEGNO DELL ARCHITETTURA (Gruppi di lavoro coordinati dall Ing. Roberto B. F. Castiglia 1 ) Collaboratori: Ing. Marco Giorgio Bevilacqua - Arch. Massimo Bertellotti Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA anno scolastico 2004/2005

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA anno scolastico 2004/2005 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA anno scolastico 2004/2005 Sommario 1. Storia del liceo Nomescuola... 1 2. Struttura del liceo... 2 3. Piano di studi del corso diurno... 4 Corso tradizionale... 5 Corso integrativo...

Dettagli

Facoltà di Musicologia

Facoltà di Musicologia Facoltà di Musicologia La nuova riforma universitaria Con l'anno accademico 2009-2010 l Università di Pavia attua il regolamento in materia di autonomia didattica degli atenei stabilito dal decreto n.

Dettagli

Consiglio Degli Studi di Architettura del 19/04/2011

Consiglio Degli Studi di Architettura del 19/04/2011 Linee guida relative a apprendistato/tirocinio nell'ambito della Laurea in Scienze dell'architettura o della Laurea Magistrale in Architettura (DM 270/2004) Consiglio Degli Studi di Architettura del 19/04/2011

Dettagli

PROGETTAZIONE INTEGRATA ARCHITETTO ANDREA FERRARO

PROGETTAZIONE INTEGRATA ARCHITETTO ANDREA FERRARO PROGETTAZIONE INTEGRATA ARCHITETTO ANDREA FERRARO Via F. Baldinucci n. 3-20158 Milano - Italia Tel. (+39).02.56.81.43.93 r.a. - Fax (+39) 02.56.94.110 e-mail: architetto@andreaferraro.it www.architettoferraro.com

Dettagli

INSTALLAZIONE SULLE FACCIATE VETRATE ED SUGLI INFISSI ESPOSTI

INSTALLAZIONE SULLE FACCIATE VETRATE ED SUGLI INFISSI ESPOSTI Piano Operativo Interregionale "Energie rinnovabili e risparmio energetico" FESR 2007-2013 Dipartimento per l'energia MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MiSe-DGENRE INSTALLAZIONE SULLE FACCIATE VETRATE

Dettagli

POLO ARTISTICO. LiceoArtisticoLiceoMusicaleCoreutico. Misticoni-Bellisario - Pescara CREATI

POLO ARTISTICO. LiceoArtisticoLiceoMusicaleCoreutico. Misticoni-Bellisario - Pescara CREATI POLO ARTISTICO LiceoArtisticoLiceoMusicaleCoreutico Misticoni-Bellisario - Pescara CREATI Il Liceo Artistico, Musicale e Coreutico Misticoni Bellisario è organizzato operativamente in due sedi: V. Bellisario

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

acustica e controllo del rumore

acustica e controllo del rumore seconda università degli studi di napoli facoltà di architettura luigi vanvitelli universitario di primo livello master di primo livello in ANNO ACCADEMICO 2004/2005 3 CICLO Premesse La legislazione vigente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 Per conseguire le finalità di cui all art. 4, secondo comma, della legge 19 novembre

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome e Cognome Daniela Salmini Città e data di nascita Venezia, 30.12.1941. Codice Fiscale SLM DNL 41T70L736X

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome e Cognome Daniela Salmini Città e data di nascita Venezia, 30.12.1941. Codice Fiscale SLM DNL 41T70L736X CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Daniela Salmini Città e data di nascita Venezia, 30.12.1941 Nazionalità Italiana Codice Fiscale SLM DNL 41T70L736X Indirizzo Via Nicolò Tron, 11 30126

Dettagli

Piccolo Atlante della corruzione

Piccolo Atlante della corruzione Piccolo Atlante della corruzione Laboratorio d indagine sulla corruzione Progetto didattico per le Scuole Statali Secondarie di 2 grado Anno Accademico 2014/2015 Proposta di ampliamento su scala nazionale

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

DOCENTI Docenti universitari provenienti da università Statali e Pontificie; professionisti, ricercatori, esperti del settore italiani e stranieri.

DOCENTI Docenti universitari provenienti da università Statali e Pontificie; professionisti, ricercatori, esperti del settore italiani e stranieri. OBIETTIVI FORMATIVI Scopo del Master è di consentire l approfondimento delle tematiche della progettazione, dell adeguamento e del recupero degli Edifici per il culto. DOCENTI Docenti universitari provenienti

Dettagli

MATERIALS AND DESIGN. Il design della materia e i linguaggi dei materiali

MATERIALS AND DESIGN. Il design della materia e i linguaggi dei materiali MATERIALS AND DESIGN Il design della materia e i linguaggi dei materiali CORSO DI CULTURA TECNOLOGICA DELLA PROGETTAZIONE FACOLTÀ DI ARCHITETTURA DI FERRARA AA. 2008-2009 prof. Alfonso Acocella arch. Veronica

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea classe LM-24 in Ingegneria Edile per il Recupero conforme al D.M. 270

Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea classe LM-24 in Ingegneria Edile per il Recupero conforme al D.M. 270 52 Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea classe LM-24 in Ingegneria Edile per il Recupero conforme al D.M. 270 Denominazione del corso di studio: Ingegneria Edile per il Recupero Classe di appartenenza:

Dettagli

RESTAURO. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

RESTAURO. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano RESTAURO Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Storia della Scuola Convenzioni La Scuola di Restauro dell Accademia di Brera è stata istituita nel 1997 con l obiettivo di una formazione specializzata

Dettagli

IL RETTORE. VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio 2008 e s.m.i.;

IL RETTORE. VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo (R.D.A.) emanato con D.R. n. 2440 del 16 luglio 2008 e s.m.i.; DR/2013/3422 del 28/10/2013 Firmatari: MANFREDI GAETANO U.S.R. IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo emanato con Decreto Rettorale n. 2897 del 04.09.2013; VISTO il Decreto Ministeriale 22 ottobre 2004

Dettagli

PREMESSO TENUTO CONTO

PREMESSO TENUTO CONTO CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PROTOCOLLO D INTESA TRA CONFERENZA DEI RETTORI DELLE UNIVERSITÀ ITALIANE E CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Andare a scuola Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Gabriele De Micheli Corso di Laurea Magistrale in Progettazione architettonica

Dettagli

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale

LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale LA CERAMICA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE Anni scolastici 2011-2012/2012-2013/2013-2014 Progetto triennale Gruppo di progetto: Dirigente scolastico Referente di Istituto Tutor di classe ANALISI DEI BISOGNI

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI PALERMO

ACCADEMIA DI BELLE ARTI PALERMO ACCADEMIA DI BELLE ARTI PALERMO A.A. 2011-2012 Programma del Corso di LANDSCAPE DESIGN prof. arch. carlo bellavista 1 PREMESSA. La scienza dell Ecologia ha recentemente rivalutato il senso del termine

Dettagli

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014.

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014. Il progetto di Risanamento e restauro conservativo dell ex sede della Società Operaia di Mutuo soccorso a Breno (BS) in Via Prudenzini è nato dalla necessità di recuperare un immobile di ampie dimensioni

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea classe L-9 in Ingegneria Industriale conforme al D.M. 270

Facoltà di Ingegneria. Corso di Laurea classe L-9 in Ingegneria Industriale conforme al D.M. 270 Denominazione del corso di studio: Ingegneria Industriale Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea classe L-9 in Ingegneria Industriale conforme al D.M. 270 Classe di appartenenza: Ingegneria industriale

Dettagli

ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO

ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO Corso di Studi interfacoltà in ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO E DI DIVULGAZIONE PER LE SCUOLE SUPERIORI Visite e incontri tematici Programma 2011 2012 VIAGGIO AL CENTRO DEL RESTAURO L Università degli Studi

Dettagli

PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014

PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014 PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014 La nostra scuola è dotata di Dipartimenti Disciplinari intesi come articolazioni funzionali del Collegio dei Docenti per il sostegno alla didattica e alla progettazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Mazzella Arcangelo Data di nascita 03/07/1969

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Mazzella Arcangelo Data di nascita 03/07/1969 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Mazzella Arcangelo Data di nascita 03/07/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Architetto Posizione Organizzativa - - Servizio XII Opere

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE Prot. n. 2244/C3 Bologna, 21.02.2006 IL DIRETTORE GENERALE VISTO l art. 26, comma 8, della legge 23.12.1998, n. 448, il quale prevede che l Amministrazione Scolastica Centrale e Periferica possa avvalersi,

Dettagli

PROGETTO SAPERE. tel. +39 055 582401. fax www.and-architettura.it. info@and-architettura.it. www.progettosapere.it info@progettosapere.

PROGETTO SAPERE. tel. +39 055 582401. fax www.and-architettura.it. info@and-architettura.it. www.progettosapere.it info@progettosapere. AND Rivista di di architettura, architetture, città città e architetti e architetti PROGETTO SAPERE SAPERE Via degli Artisti, 18R via 50132 degli Firenze Artisti, -18R Italia 50132 T. +39 Firenze 055 582401

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO ORGANIZZATIVO CORSI di MASTER di I e II LIVELLO. Corso di Master e suoi Organi

REGOLAMENTO DIDATTICO ORGANIZZATIVO CORSI di MASTER di I e II LIVELLO. Corso di Master e suoi Organi REGOLAMENTO DIDATTICO ORGANIZZATIVO CORSI di MASTER di I e II LIVELLO Corso di Master e suoi Organi 1. Per l anno accademico 2014-2015 è istituito il Corso di Master di II livello in: OPEN - ARCHITETTURA

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI

UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI Il Direttore dei Musei Vaticani in cantiere L ufficio di Sovrintendenza ai Beni Architettonici, istituito con il regolamento promulgato dal Cardinale Governatore

Dettagli

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) dell Istituto Statale D Arte G. de Chirico - Torre Annunziata Corso Liceo Artistico

Estratto del POF (Piano dell Offerta Formativa) dell Istituto Statale D Arte G. de Chirico - Torre Annunziata Corso Liceo Artistico ISTITUTO STATALE D ARTE GIORGIO de CHIRICO DIS. SCOL. N.37 C. S. NASDO4000B C. F. 82008380634 Sede: TORRE ANNUNZIATA (NA) Via Vittorio Veneto, 514 Tel.0815362838- Fax 081.862.89.41-sito:www.isadechirico.it

Dettagli

Guida per il formatore

Guida per il formatore Sistema flessibile di formazione al ruolo di Capocantiere dell edilizia storica PON IT 053-PO 007- Avviso 1/01 Fasc. 37 Guida per il formatore La formazione del Capocantiere edilizia storica 1. Gli elementi

Dettagli

Parma, 28 Maggio 2006

Parma, 28 Maggio 2006 Parma, 28 Maggio 2006 Oggetto: Invito di partecipazione alla mostra ICAR 14 / COMPOSIZIONE ARCHITETTONICA E URBANA Raccolta/Indagine sulla didattica dei Laboratori di Progettazione delle Facoltà di Architettura

Dettagli

Unipi EPrints, l'archivio istituzionale dell'università di Pisa

Unipi EPrints, l'archivio istituzionale dell'università di Pisa DOPO BERLIN 3: POLITICHE DI ACCESSO APERTO ALLA LETTERATURA DI RICERCA Pisa, Aula magna della facoltà di Scienze politiche Giovedì 16 febbraio 2006, h. 15.00 Unipi EPrints, Barbara Pistoia bpistoia@dcci.unipi.it

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti REGOLAMENTO Scuola Superiore di Economia e Management Scuola di dottorato di ricerca interateneo

Dettagli

ARREDAMENTO D INTERNI [AI]

ARREDAMENTO D INTERNI [AI] corso di qualificazione professionale ARREDAMENTO D INTERNI [AI] Progetto: Alessia Carraro L allestimento di spazi interni, l ambiente prossimo con il quale intratteniamo i più stretti rapporti, che ci

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

un percorso culturale, pedagogico e progettuale che condurrà alla riqualificazione di due scuole torinesi

un percorso culturale, pedagogico e progettuale che condurrà alla riqualificazione di due scuole torinesi conferenza stampa TORINO fa SCUOLA Urban Center Metropolitano, 27 maggio 2015 un percorso culturale, pedagogico e progettuale che condurrà alla riqualificazione di due scuole torinesi Il rinnovamento della

Dettagli

Regolamento Civica Scuola di Lingue

Regolamento Civica Scuola di Lingue Regolamento Civica Scuola di Lingue Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. xx del xx.xx.xxxx In vigore dal xxxxxxxxx I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza, 20 A cura del

Dettagli

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Il tema della governance è stato ed è tuttora certamente uno dei punti al centro del dibattito sulla

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009)

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA STRUTTURA PER L INTEGRAZIONE DEGLI STUDENTI DISABILI CARTA DEI SERVIZI (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) Art.1 - Principi e finalità

Dettagli

- ing. o arch. Capo gruppo del gruppo di progettazione e incaricato all integrazione delle varie figure specialistiche;

- ing. o arch. Capo gruppo del gruppo di progettazione e incaricato all integrazione delle varie figure specialistiche; DOMANDA N. 19 Il disciplinare di gara a pag. 11 cita I concorrenti che non possiedono adeguata qualificazione per prestazione di progettazione e costruzione devono incaricare o associare per la redazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO Emanato con D.R. n. 128 del 06/05/2013 Modificato con D.R. n. 107 del 28/02/2014. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

ARREDAMENTO D INTERNI [AI]

ARREDAMENTO D INTERNI [AI] corso di qualificazione professionale ARREDAMENTO D INTERNI [AI] Progetto: Alessia Carraro L allestimento di spazi interni, l ambiente prossimo con il quale intratteniamo i più stretti rapporti, che ci

Dettagli

QUESTIONARIO. Grazie

QUESTIONARIO. Grazie QUESTIONARIO Il questionario, anonimo, serve a rilevare in modo sistematico le opinioni degli studenti che hanno completato un corso di studi. Queste conoscenze potranno aiutare a valutare la qualità dei

Dettagli

PROGETTO AMPLIAMENTO C.F.P. ALBERGHIERO DI TREVIGLIO

PROGETTO AMPLIAMENTO C.F.P. ALBERGHIERO DI TREVIGLIO PROGETTO AMPLIAMENTO C.F.P. ALBERGHIERO DI TREVIGLIO VIA CARAVAGGIO 50 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA BERGAMO 23 maggio 2014 Premesse e cenni storici La città di Treviglio rappresenta storicamente il secondo

Dettagli

VADEMECUM NORMATIVO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI TFA II CICLO

VADEMECUM NORMATIVO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI TFA II CICLO VADEMECUM NORMATIVO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI TFA II CICLO Prova scritta Art.6 D.M.312/2014 comma 2 DISPOSIZIONI NORMATIVE E MINISTERIALI Le prove di accesso vertono sui programmi disciplinari

Dettagli

AVVISO. L INPS ricerca e seleziona tramite accreditamento. Master Executive Professionalizzanti

AVVISO. L INPS ricerca e seleziona tramite accreditamento. Master Executive Professionalizzanti AVVISO Nell ambito delle iniziative Homo Sapiens Sapiens, azioni in favore della formazione universitaria e post universitaria, quale strumento di aggiornamento professionale per i pubblici dipendenti

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Il campanile del Duomo di San Pietro Apostolo in Alessandria. Studi per la conservazione

Dettagli

ISIA DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI GIAN BETTINO CIGNAROLI DI VERONA MASTER DI SECONDO LIVELLO IN SCENOGRAFIA PER L OPERA LIRICA

ISIA DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI GIAN BETTINO CIGNAROLI DI VERONA MASTER DI SECONDO LIVELLO IN SCENOGRAFIA PER L OPERA LIRICA ISIA DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI GIAN BETTINO CIGNAROLI DI VERONA MASTER DI SECONDO LIVELLO IN SCENOGRAFIA PER L OPERA LIRICA Premessa Il teatro musicale è fin dalle sue origini uno dei banchi di

Dettagli

Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio.

Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio. Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio. Dott. Andrea Bruschi, Dott. Andrea Celentano 1. INTRODUZIONE Il quadro normativo per la caratterizzazione

Dettagli

Direzione Generale Ufficio IV. Prot. AOODRER n. 3086 Bologna, 18 marzo 2010

Direzione Generale Ufficio IV. Prot. AOODRER n. 3086 Bologna, 18 marzo 2010 Prot. AOODRER n. 3086 Bologna, 18 marzo 2010 IL DIRETTORE GENERALE VISTO l art. 26, comma 8, della legge 23.12.1998, n. 448, che consente all Amministrazione Scolastica Centrale e Periferica di avvalersi,

Dettagli

IL RETTORE. Visto il parere favorevole reso in data 9/3/2016 dal Senato Accademico;

IL RETTORE. Visto il parere favorevole reso in data 9/3/2016 dal Senato Accademico; AREA SERVZI PATRIMONIALI E LOGISTICI SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Repertorio n. 307/2016 Prot n. 50887 del 07/04/2016 IL RETTORE Visto il Decreto rettorale, 30 agosto 2012, n. 719 prot. n. 102538,

Dettagli

http://www.pubblica.istruzione.it/ministro/comunicati/2009_miur/2808...

http://www.pubblica.istruzione.it/ministro/comunicati/2009_miur/2808... Ufficio Stampa COME SI DIVENTA INSEGNANTI: ECCO LE NUOVE REGOLE UN ANNO DI TIROCINIO PER LEGARE TEORIA A PRATICA ASSUNZIONI SOLO IN BASE ALLA NECESSITÀ PER EVITARE IL PRECARIATO PIÙ INGLESE E COMPETENZE

Dettagli

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri F. Brunelleschi Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 PRESENTAZIONE DEL CORSO SERALE PROGETTO SIRIO Il CORSO SERALE A partire

Dettagli

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano PITTURA Brera per chi non disegna Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Fotografie di Matteo Girola Obiettivi Formativi del Corso di Diploma

Dettagli

SESSIONE ANTICIPATA PER GLI STUDENTI DELLE SCUOLE SUPERIORI. 17-31 marzo 2015. Informazioni e istruzioni. per gli Studenti

SESSIONE ANTICIPATA PER GLI STUDENTI DELLE SCUOLE SUPERIORI. 17-31 marzo 2015. Informazioni e istruzioni. per gli Studenti Conferenza Nazionale dei Presidenti e dei Direttori delle Strutture Universitarie di Scienze e Tecnologie Piano Nazionale Lauree Scientifiche VERIFICA DELLE CONOSCENZE PER L INGRESSO SESSIONE ANTICIPATA

Dettagli

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI

TECNOLOGIA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DIDATTICA CLASSI PRIME OBIETTIVI FORMATIVI TECNOLOGIA 1. Esprimersi e comunicare mediante l uso del linguaggio specifico della tecnologia ( disegno, grafica, schemi, tabelle, metodi

Dettagli

CONVENZIONE DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE NELLA MATERIA TRIBUTARIA

CONVENZIONE DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE NELLA MATERIA TRIBUTARIA CONVENZIONE DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE NELLA MATERIA TRIBUTARIA tra Agenzia delle Entrate Direzione Regionale della Liguria, rappresentata dal Direttore Regionale, Alberta De Sensi e Università

Dettagli

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE 3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE Il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate è un articolazione del Liceo Scientifico. Oltre agli obiettivi propri del Liceo Scientifico tradizionale, il Liceo

Dettagli

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE

LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE LICEO SCIENTIFICO delle SCIENZE APPLICATE (Ex Liceo Scientifico Tecnologico) Liceo delle Scienze Applicate ovvero l evoluzione della più importante sperimentazione degli ultimi venti anni, quella del Liceo

Dettagli

ANALISI DEI PROFILI PROFESSIONALI DEI RESTAURATORI INTERNI ALL AMMINISTRAZIONE

ANALISI DEI PROFILI PROFESSIONALI DEI RESTAURATORI INTERNI ALL AMMINISTRAZIONE ANALISI DEI PROFILI PROFESSIONALI DEI RESTAURATORI INTERNI ALL AMMINISTRAZIONE PREMESSO che - l art.29 del codice dei beni culturali recita: nel comma 6 6. Fermo quanto disposto dalla normativa in materia

Dettagli

ARCHITETTURA VIRTUALE [AVR]

ARCHITETTURA VIRTUALE [AVR] corso master ARCHITETTURA VIRTUALE [AVR] Spazio e materia si dispiegano e danno corpo all idea architettonica. La luce diviene sintesi essenziale, i materiali adattati e permutati, il virtuale diviene

Dettagli

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45 1. L indagine 2015 Il Profilo dei Laureati 2014 (indagine 2015) prende in considerazione quasi 230.000 laureati di 64 Atenei italiani. Cinque Atenei (Roma La Sapienza, Bologna, Napoli Federico II, Padova

Dettagli

6. PATRIMONIO 6.1 EDILIZIA

6. PATRIMONIO 6.1 EDILIZIA 6. PATRIMONIO 6.1 EDILIZIA L attività edilizia dell Università dell Insubria è attualmente molto intensa e di notevole impegno economico in entrambe le sedi di Varese e Como. La realizzazione di questi

Dettagli

Dipartimento di Discipline geometriche, architettoniche, arredamento e scenotecnica

Dipartimento di Discipline geometriche, architettoniche, arredamento e scenotecnica DISCIPLINE PROGETTUALI ARCHITETTURA E AMBIENTE 3 anno (6 ore settimanali) La materia propone l ampliamento, la conoscenza e l uso dei metodi proiettivi orientandoli verso lo studio e la rappresentazione

Dettagli

4.5 MOTEL AGIP, VICENZA, 1968-1970 anno di progettazione 1968. anno di realizzazione 1969-1970. tipo edificio multipiano

4.5 MOTEL AGIP, VICENZA, 1968-1970 anno di progettazione 1968. anno di realizzazione 1969-1970. tipo edificio multipiano 4.5 MOTEL AGIP, VICENZA, 1968-1970 anno di progettazione 1968 anno di realizzazione 1969-1970 tipo edificio multipiano caratteristiche tecniche Struttura portante in cemento armato con solette in latero-cemento.

Dettagli

corso master YACHT DESIGN [YD]

corso master YACHT DESIGN [YD] corso master YACHT DESIGN [YD] Andar per mare a vela o a motore, interazione di sole vento acqua e gravità domati da ingegno, esperienza e intuito. Progettare partendo dalle leggi dell idrodinamica: concepire

Dettagli

Il disegno dei materiali

Il disegno dei materiali materiali per l architettura TDM 4 Il disegno dei materiali Il disegno tecnico è quel particolare tipo di disegno in grado di rappresentare un oggetto attraverso i metodi di rappresentazione di trasferire

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESAME FINALE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO, A.A. 2014-2015

LINEE GUIDA PER ESAME FINALE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO, A.A. 2014-2015 LINEE GUIDA PER ESAME FINALE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO, A.A. 2014-2015 ATTENZIONE: le informazioni riportate nel presente documento potranno essere oggetto di successive integrazioni. Date esami finali:

Dettagli

RELAZIONE DI ANALISI

RELAZIONE DI ANALISI CITTA DI VENTIMIGLIA Prov. di Imperia P. Iva/C.f. 00247210081 Piazza della Libertà, 3 18039 Ventimiglia (IM) Tel. 0184 2801 - Fax 0184-352581 PEC comune.ventimiglia@legalmail.it PIANO DEL COLORE DEL CENTRO

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. A ESACASE S.R.L. PER AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA, NUMERO DEI PIANI,

Dettagli

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca Milano - Monza - Cinisello Balsamo Residenza Universitaria denominata U10.2 Piazza dell Ateneo Nuovo, 2 Milano Superficie totale Alloggi

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Federalismo e fiscalità locale Profili

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca 700 LECCE - Viale dell Università n. Tel. e Fax Pres.: 08.777 - Segr.: 08.09 Codice Istituto: LEPC0000R Web. www.liceopalmieri.it E-mail: palmieripres@tin.it

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 Denominazione Ente: MART MUSEO D ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI TRENTO E ROVERETO Indirizzo: CORSO BETTINI, 43 38068 ROVERETO (TN) Recapito telefonico: 0464/454119

Dettagli

PROGETTO MICHELANGELO

PROGETTO MICHELANGELO PROGETTO MICHELANGELO Premessa Il progetto nasce dall esigenza di ridefinire, in termini didatticamente e culturalmente innovativi, l intera esperienza formativa degli istituti secondari di istruzione

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni

Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni Piano per la Pubblicità e le Pubbliche Affissioni RELAZIONE INDICE Premessa Struttura del Piano Obiettivi del Piano Allegato A Premessa Il linguaggio pubblicitario e commerciale, se da una parte è da

Dettagli

Dipendente pubblico con contratto a tempo indeterminato qualifica Funzionario ai Servizi Tecnici

Dipendente pubblico con contratto a tempo indeterminato qualifica Funzionario ai Servizi Tecnici F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome STECCHIOTTI, ROBERTA Telefono 06-67664351 Fax 06-67664485 E-mail r.stecchiotti@provincia.roma.it Data di

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano PITTURA Brera per chi non disegna Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Fotografie di Matteo Girola Dipartimento di Arti Visive Scuola di Pittura

Dettagli

Copyright 2009 lalineabiancastudio Copenhagen Berlino Roma Siracusa

Copyright 2009 lalineabiancastudio Copenhagen Berlino Roma Siracusa 1 PERCHE SCEGLIIERE LALIINEABIIANCASTUDIIO Perché la lineabiancastudio: é un polo di riferimento nazionale ed europeo nel campo della ricerca, della formazione interdisciplinare e della professione e quindi

Dettagli

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Scheda N : 140 Oggetto: SIPE NOBEL modificata in seguito alle osservazioni Vincoli

Dettagli