PREMESSA 1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREMESSA 1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE"

Transcript

1

2 INDICE Pag PREMESSA INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 1 STUDIO IDROLOGICO Obiettivi Fiume Chiani a monte del Torrente Sorre... 4 Metodologia... 4 Il modello... 4 Regionalizzazione delle piogge... 4 Taratura della formula razionale... 6 Risultati Fiume Chiani alla stazione idrometrografica di Morrano Sezione Idrografica Distribuzioni di probabilità Le portate per assegnati tempi di ritorno Fiume Chiani tra la confluenza del Sorre e Morrano STUDIO IDRAULICO Obiettivi I rilievi d alveo Il modello digitale del terreno (DEM) e la cartografia disponibile Il programma di calcolo HEC-RAS Il modello matematico Calcolo della cadente media Fiume Chiani Profili di corrente Coefficienti di scabrezza adottati Aree Inondabili... 4 RIFERIMENTI... 43

3 PREMESSA Il Comune di Parrano ha richiesto in data 7 Novembre 003 al Consorzio per la Bonifica della Val di Chiana Romana e Val di Paglia uno stralcio dello studio relativo alle aree inondabili del torrente Chiani da allegare al nuovo Piano Regolatore Generale. Tale studio è richiesto dalle vigenti norme in materia di pianificazione territoriale ed in particolare dal Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale della Provincia di Terni; conseguentemente lo studio idraulico è stato redatto con riferimento alle Direttive relative ai criteri della redazione degli studi a supporto dei piani regolatori generali comunali parti strutturali allegate al citato piano ed è composto dai seguenti elaborati: Relazione idraulica all. A tav. I: Carta delle opere di difesa e dei rilievi d alveo all. A tav. II: Carta delle aree allagabili 1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Il Comune di Parrano insiste per la quasi totalità sul bacino idrografico del torrente Chiani, mentre una modesta porzione, posizionata in prossimità del confine ad Est, è tributaria del torrente Fersinone affluente in destra del fiume Tevere: l altitudine massima è di 613 ms.m. in prossimità del confine Sud, quella minima di 19 ms.m. in corrispondenza del fondo del torrente Chiani alla confluenza Migliari. Il territorio comunale è interamente compreso nel comprensorio del Consorzio per la Bonifica della Val di Chiana Romana e Val di Paglia di cui occupa una posizione baricentrica: il torrente Chiani, che è il collettore principale del comprensorio, origina dalla confluenza, presso Ponticelli, del torrente Astrone e del canale Chianetta; dopo aver ricevuto alcuni dei maggiori affluenti (Ripignolo, Argento, Fossalto e Grazzano-Noce) subisce una deviazione di circa 90 gradi tra Fabro Scalo e Carnaiola in direzione E-NE, incuneandosi in terreni terziari flyschioidi lungo una linea di frattura che corre in direzione E-W. L ingresso nel territorio del Comune di Parrano avviene in corrispondenza della confluenza del torrente Sorre: circa 500 m a valle, in corrispondenza di una briglia presso il ponte di Olevole, il Chiani perde le arginature e si dirige verso il fiume Paglia seguendo un percorso a meandri incassati.

4 Il territorio comunale è solcato in direzione NE-SW dagli affluenti di sinistra del Chiani. Procedendo da Nord verso Sud si incontrano: il fosso del Bagno, il fosso San Giovanni, il fosso Posticce, il fosso Vignale e il fosso Migliari. Le aste ed i versanti sono caratterizzate da un elevata pendenza ed i bacini presentano una rilevante attività geomorfologica in cui le acque sono l agente principale del modellamento; i fenomeni evolutivi sono concentrati in corrispondenza dei bacini di formazione, mentre il tratto più vallivo è occupato dai coni di deiezione costituiti dai prodotti di denudazione dei versanti e caratterizzati da una forte incisione in prossimità della confluenza. Lo sviluppo planimetrico dell asta del Chiani risente molto della presenza di tali conoidi anche se attualmente inattivi. L alveo si presenta incassato e limitato da sponde alte 3-4 m con evidenti segni di un erosione generalizzata che si traduce in una tendenza all approfondimento dell alveo; infatti le opere longitudinali di difesa spondale, presenti soprattutto nel tratto a monte del Molino di Parrano, si presentano spesso scalzate; l unica opera trasversale presente nel tratto è la soglia-guado in prossimità del podere la Casella che ha la funzione di stabilizzare il fondo nel tratto di monte. Nel presente studio è stato analizzato il comportamento idrologico ed idraulico del fiume Chiani le cui aree inondabili comprendono in larga parte anche quelle degli affluenti sopra citati.

5 STUDIO IDROLOGICO.1 OBIETTIVI Scopo dello studio idrologico è determinare le portate di piena al colmo con tempi di ritorno di 50, 00 e 500 anni nelle sezioni d interesse ai fini della delimitazione delle aree inondabili nel comune di Parrano. I principali corsi d acqua che interessano questo comune sono: - il Fiume Chiani, che costituisce il limite comunale a ovest, - il Torrente Sorre affluente in sinistra idraulica del Chiani, che costituisce il limite comunale a nord ovest, - i Torrenti Bagno affluente in sinistra idraulica del Chiani, - il fosso Migliari affluente in sinistra idraulica del Chiani, che costituisce il limite comunale a sud est. All ingresso nel comune di Parrano, immediatamente a monte del Torrente Sorre, l area del bacino imbrifero del Fiume Chiani è di 77 km, mentre all uscita del comune, immediatamente a monte del Migliari, l area del bacino del Fiume Chiani è di 338 km. Per il Fiume Chiani a monte del Torrente Sorre si è fatto riferimento alla regionalizzazione delle portate dei bacini del Compartimento di Roma del Servizio Idrografico e Mareografico Nazionale (SIMN) eseguita dal Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile dell Università di Roma Tre per conto della Regione Lazio, e curata dagli autori della presente relazione, che è basata su osservazioni eseguite anche su bacini di estensione comparabile a quello dell alto Chiani. Per il tratto a valle della confluenza con il Torrente Sorre, essendo disponibile la lunga serie dei dati di registrazioni idometriche della stazione idrometrografica di ponte di Morrano, situata pochi chilometri più a valle, si è preferito utilizzare la regolarizzazione dei massimi annuali del Chiani a Morrano. Le portate per assegnati tempi di ritorno nei tratti intermedi tra la confluenza del Sorre e Morrano sono state determinate mediante una media pesata sull area dei sottobacini intermedi. 3

6 . FIUME CHIANI A MONTE DEL TORRENTE SORRE Metodologia Il modello La regionalizzazione delle piene dei bacini del Compartimento di Roma del SIMN è stata eseguita utilizzando per il calcolo della portata al colmo la formula razionale: in cui: T Q ( T ) 78 φ A i( τ,t ) r( A τ ) = (.1) b b b, è il tempo di ritorno medio, in anni, b Q ( T ) è la massima portata al colmo dell anno relativa al tempo di ritorno T, in m 3 /s, A b è l area del bacino, in km, τ b è il tempo di concentrazione, in h, parametro che regola la concentrazione dei deflussi, i( τ b, T ) è l intensità di pioggia di durata τ b con tempo di ritorno T, in m/h, φ ( T ) è il coefficiente di deflusso relativo al tempo di ritorno T, parametro che rappresenta le perdite idrologiche, r τ ) è il coefficiente di ragguaglio all area delle piogge, ricavato con la formula: ( A b, b r = 1 e 1,1τ 0,5 b + e 1,1τ 0,5 b 0,00386 A b (.) fornita da Eagleson [1970] che interpreta le elaborazioni dell U.S. Weather Bureau [1960], rappresentata sotto forma di grafico nei principali manuali d'idrologia [Chow, 1964; Chow et alii, 1988]. Regionalizzazione delle piogge Come ingresso pluviometrico si è utilizzata la regionalizzazione delle piogge eseguita nell ambito del progetto VAPI (Valutazione Piene) del Gruppo Nazionale per la Difesa dalle Catastrofi Idrogeologiche (GNDCI) del CNR dall Unità Operativa dell Università di Roma Tre, coordinata da uno dei redattori del presente studio. Tale regionalizzazione utilizza la distribuzione TCEV (Two Component Extreme Value) che interpreta bene quegli eventi eccezionali che si verificano sul ampia parte del territorio nazionale, la cui probabilità è fortemente sottovalutata dalla distribuzione di Gumbel. Tale regionalizzazione, i cui parametri sono stati stimati utilizzando tutta l informazione pluviometrica disponibile su una larga fascia dell Italia centrale. In questa relazione si fa 4

7 riferimento alla regionalizzazione delle piogge intense svolta nell ambito del progetto VAPI su un ampia fascia dell Italia Centrale, comprendente anche tutti i bacini del Compartimento di Roma del Servizio Idrografico e Mareografico Nazionale, ossia il bacino del Tevere e i bacini minori con foce lungo il litorale del Lazio (Calenda e al. 1994; Calenda e Cosentino, 1996). Le stazioni pluviometriche complessivamente utilizzate sono 68, di cui 66 con almeno 30 anni di osservazione e solo con un numero d anni d osservazione inferiore a 30 ma comunque superiore a 0 anni, utilizzate per coprire aree in cui mancavano osservazioni. Per rappresentare le curve di probabilità pluviometrica dell intensità di pioggia ( T ) durata t e tempo di ritorno T, è stata assunta la formula a tre parametri: dove: b m a(t) i di a(t ) i t ( T ) = (.3) m ( b + t ) è un parametro di deformazione della scala temporale, indipendente sia dalla durata t, sia dal tempo di ritorno T, è un parametro adimensionale compreso tra 0 e 1, indipendente sia dalla durata, sia dal tempo di ritorno, è un parametro dipendente dal tempo di ritorno, ma indipendente dalla durata. La regionalizzazione comporta la suddivisione del territorio in aree omogenee di tre livelli. Nel primo livello di regionalizzazione s identificano delle regioni omogenee, in cui può essere considerato costante il coefficiente d asimmetria della distribuzione. Nel secondo livello di regionalizzazione s identificano, all interno delle regioni, delle zone omogenee, in cui oltre al coefficiente d asimmetria può essere considerato costante anche il coefficiente di variazione. Nel terzo livello di regionalizzazione s identificano, all interno delle zone, delle sottozone omogenee in cui la dipendenza dell intensità media istantanea dalla quota è espressa da una medesima legge. Nell area studiata è risultata accettabile l ipotesi che le zone omogenee coincidano con le regioni omogenee. Adottando la legge TCEV, la distribuzione di probabilità dell intensità i si può esprimere: t t P( i ) = e t ( ) ( ) + + m m it b t b t β it β µ i0 z b 1 / Θ Θ µ z b i0 Λ 1e Λ Λ1 e (.4) dove Λ 1, Θ e parametri e i0 tramite la: Λ sono i parametri regionali della legge TCEV, β è una funzione di questi µ è la media dell intensità istantanea di pioggia, dipendente dalla quota z ( c z + d ) µ i0 µ i0( z ) = 4,15 (.5) µ 4 i4 5

8 in cui µ i 0 µ i4 è il rapporto tra l intensità media istantanea e quella di 4 ore mediate su ciascuna sottozona, e c e d sono parametri che determinano la variazione dell intensità di pioggia con la quota z. Nell area studiata sono state identificate tre regioni omogenee: - la regione A che interessa la zona costiera tirrenica e la vallata del Tevere; - la regione B che interessa la dorsale appenninica e i rilievi che delimitano a ovest la valle del Tevere; - la regione C che interessa la zona costiera adriatica, e non riguarda i bacini del Compartimento di Roma del SIMN. È risultato, inoltre, che le zone omogenee possono essere identificate con le regioni omogenee A, B e C. Successivamente, al terzo livello di regionalizzazione sono state identificate le sottozone omogenee. I parametri definiti al primo e secondo livello di regionalizzazione sono indicati nella tabella.1. Tabella.1 - Parametri del primo e secondo livello di regionalizzazione regione Λ Θ * Λ 1 β A 0,174 3,490 9,314 4,480 B 0,76 1,41,017 4,359 C 0,795,40 7,806 5,301 I parametri definiti al terzo livello di regionalizzazione sono indicati nella tabella.. I risultati della regionalizzazione sono stati verificati in tutte le stazioni pluviografiche sia con il test del χ, sia con quello di Kolmogorov-Smirnov. Il numero delle stazioni in cui entrambi i test hanno dato risposta insoddisfacente è risultato molto prossimo al livello di significatività dei test. Taratura della formula razionale La formula razionale ha come parametri il tempo di concentrazione del bacino e il coefficiente di deflusso. Questi parametri sono stati stimati confrontando i risultati forniti dalla (.1) con le portate ottenute dalla regolarizzazione diretta dei massimi colmi annuali registrati alla stazioni idrometrografiche e minimizzando gli scarti quadratici. Nel caso dei bacini più grandi, per i quali erano noti i volumi esondati, ricavati dalle aree inondabili tracciate dall Autorità del Bacino del Fiume Tevere per il Piano d Assetto Idrogeologico, si è tenuto conto dell effetto di laminazione introducendo un effetto d invaso. Tempo di concentrazione del bacino 6

9 Il tempo di concentrazione è stato calcolato utilizzando una formula con la stessa struttura di quella di la formula di Giandotti: con: α Ab + βlb τ b = (h) y m A b area del bacino (km ), L b lunghezza dell'asta principale del bacino (km), y m altitudine media del bacino rispetto alla sezione di chiusura (m). I coefficienti ottenuti con la taratura sono risultati molto prossimi a quelli proposti Giandotti: α = 5 β = 1,875 per cui non è stato ritenuto opportuno modificarli. Coefficienti di deflusso I coefficienti di deflusso sono stati espressi in funzione del tempo di ritorno dell evento e della litologia dei bacini. A questo scopo le diverse litologie della Carta Litologica dell Autorità di Bacino del Fiume Tevere (figura.1) sono state accorpate in cinque classi f, come indicato nella relativa legenda (tabella.3). Il coefficiente di deflusso del bacino i è allora espresso dalla relazione: in cui: f φ ( T ) R,i ( T ) = 5 f = 1 φ A f ( T ) b,i A f, i φ è il coefficiente di deflusso attribuito alla classe litologica f per il tempo di ritorno T, A f,i è l area del bacino i occupata dalla classe litologica f, A b,i è l area complessiva del bacino i. I coefficienti di deflusso di formazione sono stati espressi in funzione del tempo di ritorno da una relazione del tipo: φ f ( T ) = a f Ln( T ) + b f Tabella. - Terzo livello di regionalizzazione: parametri della regressione della media sulla quota 7

10 sotto zona c (mm/m) d (mm) b (h) m µ i,0 sotto µ i,4 zona c (mm/m) d (mm) b (h) m µ µ i,0 i,4 A1 0, ,64 0,1660 0, ,90 B19 0, ,0 0,1135 0, ,48 A 0, , 0,158 0, ,83 B0 0, ,3 0,1170 0, ,91 A3 0, ,43 0,1454 0, ,74 B1 0, ,83 0,1585 0, ,7 A4 0, ,67 0,1705 0, ,6 B 0, ,65 0,1101 0, ,08 A5 0, ,09 0,161 0, ,8 B3 0, ,54 0,1398 0, ,94 A6 0, ,15 0,1137 0, ,50 B4 0, ,38 0,1040 0,679 40,39 A7 0, ,7 0,1054 0, ,54 B5 0, ,8 0,0986 0, ,80 A8 0, ,79 0,133 0,763 43,89 B6 0, ,9 0,0908 0, ,0 A9 0, ,61 0,150 0, ,45 B7 0, ,35 0,1366 0, ,49 A10 0, ,83 0,1415 0, ,18 B8 0, ,48 0,1168 0, ,88 A11 0, ,70 0,1744 0, ,6 B9 0, ,30 0,0895 0,654 38,89 A1 0, ,77 0,151 0,7145 4,93 B30 0, ,93 0,1 0,7097 4,56 A13 0, ,4 0,1484 0,756 46,18 B31 0, ,07 0,090 0, ,96 A14 0,0517 6,33 0,151 0, ,73 B3 0, ,64 0,1071 0, ,73 A15 0, ,78 0,136 0,769 43,93 B33 0, ,93 0,0806 0, ,13 A16 0,059 5,00 0,147 0, ,35 B34 0, ,09 0,0940 0,660 39,33 A17 0, ,14 0,178 0, ,00 B35 0, ,64 0,0977 0, ,71 A18 0,008 58,80 0,1498 0, ,39 B36 0, ,46 0,1434 0, ,45 A19 0, ,11 0,179 0, ,0 B37 0, ,4 0,1141 0,696 41,56 A0 0, ,6 0,1456 0,748 45,77 B38 0, ,79 0,1670 0,786 49,06 A1 0, ,38 0,1437 0, ,49 B39 0, ,13 0,0971 0, ,65 B1 0, ,5 0,1168 0, ,88 B40 0, ,1 0,1136 0, ,49 B 0,050 4,59 0,1603 0, ,99 B41 0, ,37 0,1673 0, ,11 B3 0, ,18 0,15 0,7146 4,94 B4 0,037 71,0 0,179 0, ,9 B4 0,0747 6,61 0,1015 0, ,10 C1 0, ,46 0,1408 0, ,08 B5 0, ,96 0,130 0,730 43,61 C 0,08 64,04 0,1107 0, ,15 B6 0, ,54 0,1354 0, ,31 C3 0, ,1 0,1156 0, ,73 B7 0, ,36 0,175 0, ,5 C4 0, ,63 0,113 0,693 41,34 B8 0,019 50,91 0,1768 0, ,66 C5 0, ,16 0,181 0, ,33 B9 0, ,3 0,1455 0, ,75 C6 0, ,39 0,0957 0, ,50 B10 0, ,1 0,1136 0, ,49 C7 0, ,40 0,119 0,694 41,41 B11 0, ,60 0,1035 0,678 40,3 C8 0, ,19 0,1001 0,675 39,96 B1 0,049 45,49 0,1097 0, ,0 C9 0, ,3 0,1076 0,685 40,79 B13 0, ,47 0,0685 0, ,30 C10 0, ,98 0,1034 0, ,31 B14 0, ,04 0,1380 0, ,68 C11 0, ,44 0,1101 0, ,08 B15 0, ,69 0,1048 0, ,47 C1 0, ,17 0,1100 0, ,07 B16 0,0565,88 0,1051 0, ,51 C13 0, ,1 0,081 0, ,5 B17 0,007 64,41 0,0889 0,653 38,84 C14 0, ,01 0,0897 0, ,9 B18 0,0018 6,43 0,1167 0, ,87 C15 0, ,57 0,0863 0, ,61 8

11 Figura.1 - Carta litologica dei bacini del Compartimento di Roma del SIMN

12 Tabella.3 - Legenda della figura.3 Codice SIT Classe reg. Descrizione AL-3 4 Alluvioni recenti limoso-sabbioso-ghiaiose; Depositi fluviali. (Olocene) DT 1 Detrito di falda; Coni di deiezione; Depositi morenici. (Olocene - Pleistocene) AL1 5 Sedimenti fluvio-lacustri e fluvio palustri; Alluvioni antiche da argillose a ghiaiose. TR 1 Travertini. (Pleistocene) T 4 Vulcaniti (tufi, lava, etc., variamente intercalati). (Pleistocene - Pliocene) SAM 5 Sedimenti prevalentemente argillosi con intercalazioni di sabbie più o meno argillose. (Pleistocene - Pliocene) BL 3 AT CMA 1 DC 1 F 3 C Blocchi e pacchi di strati di tipi litologici diversi (calcari, arenarie, alfoliti, etc...). (Micene inferiore - Cretaceo medio) Arenarie torbiditiche con intercalazioni di argilloscisti e marnoscisti; Banchi di marne («Macigno» ouct.). (Miocene medio - Ologocene) Alternanza di marne, calcari e calcari con selce ben stratificati («Scaglia toscana», «Maiolica», «Diaspri», «Calcari selciferi», Calcari marnosi rossastri»). (Eocene - Lias inferiore) Depositi carbonatici costituiti da calcari bianchi e grigiastri senza apparente stratificazione, a luoghi carsificati. («Calcare massiccio»). (Lias inferiore) Marne, calcari marnosi e alternanza di arenarie e marne («Marnosa - arenacea»), intercalazioni di calcari detritici e marne Arenacee. Alternanza di strati argillosi ed arenacei a sedimentazione gradata; livelli calcarenitici e conglomeratici. («Molasse»). (Miocene superiore - medio) Depositi carbonatici costituiti da calcari detritici talora debolmente carsificati, a volte marnosi (Miocene medio). Depositi costituiti prevalentemente da calcari a luoghi carsificati, con intercalazioni di calcari dolomitici, calcari marnosi e lenti di bauxite (Cretaceo superiore - Lias medio). Depositi carbonatici costituiti da dolomie bianche o grigie stratificate, talora laminate. (Lias inferiore - Trias superiore) LAGO n.c. Laghi 9

13 Per le formazioni più permeabili il coefficiente di deflusso è risultato praticamente costante. I parametri per il calcolo dei ( T ) φ, ottenuti con la taratura, sono indicati nella tabella.4. f Tabella.4 Parametri delle curve Φ f (T). Φ f tipo curva parametri cost a f b f Φ 1 Φ(T)= cost 0, Φ Φ(T)= cost 0, Φ 3 Φ(T)= aln(t)+b - 0, ,19681 Φ 4 Φ(T)= aln(t)+b - 0,0685 0,19755 Φ 5 Φ(T)= aln(t)+b - 0, ,7697 I risultati della taratura per i diversi tempi di ritorno sono sintetizzati nella figura., in cui, per ciascuna sezione idrometrografica del Compartimento, sono messi a confronto i valori φ R calcolati con la regionalizzazione e quelli φ L calcolati in base alle osservazioni di portata utilizzando le stesse piogge come ingresso al modello. Nelle figure sono indicati a tratteggio gli scostamenti del 0% in più o in meno. In particolare per il bacino del Chiani, rappresentato dal punto rosso a sinistra, la regionalizzazione tende ad essere cautelativa, dando un coefficiente di deflusso maggiore di quello misurato localmente. 10

14 0.7 Tr =30 anni 0.7 Tr =50 anni Φ R 0.3 Φ R Φ L Φ L 0.7 Tr =100 anni 0.7 Tr =00 anni Φ R 0.3 Φ R Φ L Φ L 0.7 Tr =500 anni Φ R Φ L Figura.4 - Ottimizzazione dei Φ f (Tr) per Tr = 30, 50, 100, 00 e 500 anni con fasce d errore del 0% 11

15 Risultati Nella figura.5 è indicato l incrocio tra le sottozone pluviometriche e i sottobacini del bacino del Chiani chiuso a monte del Torrente Sorre. Figura.5 - Sottozone VAPI del bacino del Chiani a monte del Torrente Sorre Nella figura.6 è indicato anche il particolare della Carta Litologica dell Autorità di Bacino del Fiume Tevere relativo al bacino del Chiani chiuso a monte del Torrente Sorre. Figura.6 Carta Litologica del bacino del Chiani a monte del Torrente Sorre 1

16 I calcoli, eseguiti secondo la procedura indicata nella metodologia, sono riportati nelle tabelle che seguono. Nelle tabelle.5 e.5b sono indicati i calcoli per la determinazione delle piogge per i tre tempi di ritorno considerati. Con α è stato indicato il rapporto tra l area parziale della sottozona e l area totale del bacino con cui sono pesate le intensità di pioggia delle singole sottozone. 13

17 Tabella.5a Caratteristiche dei sottobacini per il bacino del Chiani a monte della confluenza del Torrente Sorre Sottobacini Aree parziali A b L b Z min,b Z med Z med,b y b τ b r µ i0 Sottozona (km ) (km ) (km) (msm) (msm) (msm) (m) (h) monte Bagnaiola A18 13, B38 1, Bagnaiola A18 10, Tra Bagnaiola e Pelosella A18 0, Fossi Picchiarello-Pelosella A18 8, Tra F. Pelosella e A13 0, S.ta Maria-Molinello A18 5, Molinello A13, A18 1, Santa Maria A13 3, Molinello-S.ta Maria A13 0, tra Santa Maria-Molinello A13 3, e Formella-Grazzano A18, Fossalto monte A18 7, Fossalto valle A13 1, A18 7, Argento monte A13 0, A18 0, Argento valle A13 5, A18 1, Formella monte A13 1, Grazzano A13 7, Formella valle A13 0, tra Formella e Ripignolo A13 0, Ripignolo A13 10, A18 4, tra Ripignolo e Sorre A13 6, Totale bacino 77, 53, ,18 0,9 14

18 Tabella.5b Determinazione delle piogge critiche sul bacino del Chiani a monte della confluenza del Torrente Sorre Sottobacini Sottozona i(50)α i(00)α i(500)α (mm/h) (mm/h) (mm/h) monte Bagnaiola A18 5,56 8,03 9,67 B38 0,9 0,35 0,40 Bagnaiola A18 0,4 0,61 0,74 Tra Bagnaiola e Pelosella A18 0,01 0,01 0,01 Fossi Picchiarello-Pelosella A18 0,34 0,50 0,60 Tra F. Pelosella e A13 0,0 0,03 0,04 S.ta Maria-Molinello A18 0,1 0,30 0,37 Molinello A13 0,10 0,14 0,17 A18 0,06 0,09 0,11 Santa Maria A13 0,1 0,17 0,0 Molinello-S.ta Maria A13 0,00 0,01 0,01 tra Santa Maria-Molinello A13 0,1 0,17 0,1 e Formella-Grazzano A18 0,09 0,13 0,16 Fossalto monte A18 1,18 1,71,06 Fossalto valle A13 0,06 0,08 0,10 A18 0,8 0,41 0,50 Argento monte A13 0,0 0,0 0,03 A18 0,89 1,8 1,54 Argento valle A13 0,18 0,6 0,3 A18 0,08 0,11 0,14 Formella monte A13 0,05 0,07 0,09 Grazzano A13 0,6 0,37 0,45 Formella valle A13 0,03 0,04 0,05 tra Formella e Ripignolo A13 0,00 0,00 0,00 Ripignolo A13 0,43 0,6 0,74 A18 0,19 0,8 0,34 tra Ripignolo e Sorre A13 0,5 0,36 0,43 Totale bacino i(50) (mm/h) 11,4 i(00) (mm/h) 16,19 i(500) (mm/h) 19,45 15

19 Nella tabella.6, sono indicati i calcoli per la determinazione dei coefficienti di deflusso. Tabella.6 - Calcolo dei coefficienti di deflusso sul bacino del Chiani a monte della confluenza del Torrente Sorre Bacini Formazioni F (km ) C (km ) T (km ) Ripignolo tra Ripignolo e Sorre AL-3 (km ) 0,855 5,056 SAM (km ) 5,870 1,30 1,687 TR (km ) BL (km ) LAGO (km ) DT (km ) AL1 (km ) 0,89 CMA (km ) DC (km ) AT (km ) 4,04,804 Classi formazioni A1 (km ) A (km ) 4,04,804 A3 (km ) A4 (km ) 0,855 5,056 A5 (km ) 5,870 1,609 1,687 Totale Φ(50) 0,587 Φ(00) 0,61 Φ(500) 0,68 16

20 Nella tabella.7, infine è riportato il calcolo dei massimi colmi annuali corrispondenti ai tre tempi di ritorno. Tabella.7 - Calcolo dei massimi colmi per assegnati tempi di ritorno per la sezione del Chiani a monte del Torrente Sorre sezione a monte del Sorre A b (km ) 77, L b (km) 5,99 y b (m) 166 τ b (h) 14,18 r 0,9 i(50) (mm/h) 11,4 i(00) (mm/h) 16,19 i(500) (mm/h) 19,45 Φ(50) 0,587 Φ(00) 0,61 Φ(500) 0,68 Q(50) (m 3 /s) 468,6 Q(00) (m 3 /s) 703,1 Q(500) (m 3 /s) 866,9 17

21 .3 FIUME CHIANI ALLA STAZIONE IDROMETROGRAFICA DI MORRANO Sezione Idrografica L elenco delle caratteristiche della stazione idrometrografica del Chiani a ponte di Morrano le cui osservazioni sono state utilizzate nel presente studio è indicato nella tabella.8. Tabella.8 - Stazione idrometrografica del Chiani a Morrano fiume Chiani stazione zero idrometrico (m s.l.m.) Morrano Reg. Umbria 131,804 Morrano S.I.M.N. 130,131 area bacino (km ) n. oss. (Q c ) (anni) Come precedentemente osservato, la stazione idrometrografica del Chiani a Morrano è dotata di ben 54 anni di osservazioni, tra cui i massimi eventi del secolo scorso (1965, 1960 e 1937). Le serie dei massimi annuali delle portate al colmo osservate nelle stazione idrometrografica sono raccolte nella tabella.9, adottando le scale di deflusso revisionate fornite da una recente pubblicazione del S.I.M.N. 1 sulla ricostruzione delle scale di deflusso delle principali stazioni di misura nel bacino del Fiume Tevere. Nella figura.7 è riportata la foto, mentre nella figura.8 è riportata l ubicazione, della stazione idrometrografica utilizzata. 1 Bencivenga M., G. Calenda e C. P. Mancini (001). Ricostruzione storica delle scale di deflusso delle principali stazioni di misura nel bacino del Fiume Tevere. Il secolo XX. Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma, 355 p. 18

22 Figura.7 - Chiani a Ponte di Morrano Figura.7 Fiumi Paglia e Chiani: stazioni idrometrografiche storiche dotate di lunghe serie osservative Distribuzioni di probabilità La serie dei massimi annuali è stata regolarizzata mediante la distribuzione del massimo valore tipo 1 a due componenti (o TCEV), che è risultata quella che meglio si adatta al campione osservativo. Tale distribuzione è stata introdotta a seguito della constatazione del fatto che nella stazione idrometrografica in esame si sono registrati alcuni eventi d intensità di gran lunga superiore a quella degli altri eventi (1965, 1960, 1937 e 193), eventi indicati nella letteratura anglosassone come outliers. La probabilità di tali eventi è fortemente sottostimata da una legge di Gumbel o da una legge log-normale. La distribuzione TCEV definisce la probabilità di non superamento di una mistura di due popolazioni d eventi, definite come componente bassa, che include gli eventi che potremmo chiamare ordinari, e componente alta, che include gli eventi che potremmo considerare straordinari, di cui fanno parte gli eventuali outliers. La funzione di ripartizione è: P ( x) = e Λ x x Θ1 Θ 1e Λe in cui i parametri indicano: 19

23 - Λ 1 e Λ il valore atteso del numero degli eventi che appartengono rispettivamente alla componente bassa e alla componente alta; - Θ 1 e Θ il valore atteso dell intensità degli eventi che appartengono rispettivamente alla componente bassa e alla componente alta, in cui è ovviamente: Θ Θ 1 Nella tabella.10 sono elencati, per la distribuzione adottata, i valori stimati dei parametri calcolati col metodo della massima verosimiglianza. La distribuzione è posta a confronto con la frequenza cumulata del campione, sia in termini di tempo di ritorno, sia in termini di variabile standardizzata nella figura.8. 0

24 Tabella.9 Chiani a Morrano: altezze idrometriche e portate al colmo Data h c (m) Chiani a Morrano Q c (m 3 /s) Data h c (m) Q c (m 3 /s) /1/1966 3,09 69, /09/1967 3,60 10,0 30/11/193 6,70 501, /11/1969 4,11 14,0 07/04/1934 5,19 56, 04/03/1970 3,39 87,90 6/01/1935 5,66 319,6 1/11/1971,46 3,3 7/0/1936 5,89 356, 01/1/197 3,86 11,4 07/10/1937 7,00 565,9 14/0/1973 3,47 93, /05/1974 3,66 106, /11/1975 3,86 11, /0/1976 4,36 164, /01/1977 4,55 183, /04/1978 4,58 186, /0/1979 4,6 155, /11/1980 4,78 07, /1/1981 3,48 93, /11/198 6,4 414,5 04/0/1947 6, 410,6 14/0/1983 4,55 183,4 7/10/1948 5,07 40,9 6/0/1984 4,68 196,9 5/06/1949 3,90 14, /1/1950 4,18 148, /0/1951 4,4 153, /01/195 5,05 38, /1/1953 4,16 146, 01/03/1989 1,31 43,15 03/03/1954 4,34 16,6 10/1/1990,4 16, 8/0/1955 3,36 79,67 16/11/1991 3,96 315,9 1/01/1956 4,08 139,3 08/1/199 1,98 105,9 01/10/1957 3,07 51,90 06/11/1993 1,75 87,76 1/01/1958 4,1 14,7 05/01/1994,08 113,7 13/11/1959 4,08 139,3 18/0/1995 1,81 9,58 18/09/1960 7,44 670,9 18/11/1996,41 140,0 04/01/1961 4,15 145,3 01/01/1997 1,97 105, 18/11/196 3,16 73,85 04/0/1998,07 11,9 11/0/1963 4,45 173,5 15/1/1999,01 108,3 4/10/1964 4,15 145,3 7/1/000,3 13,6 01/09/1965 7,55 699,

25 Tabella.10 - Stazioni idrometrografiche: parametri delle distribuzioni adottate fiume stazione distribuzione Λ 1 Λ Θ 1 Θ Chiani Morrano TCEV 10,895 0,5785 4,73 1, Ciani a Morrano 100 Tr 10 Tr calc. valori empirici a) y b) Qc Chiani a Morrano y calc. valori empirici Qc Figura.8 - Chiani a Morrano: distribuzione di probabilità delle portate al colmo tipo TCEV: a) tempi di ritorno b) variabile standardizzata

26 Le portate per assegnati tempi di ritorno Le portate al colmo per assegnati tempi di ritorno nella stazione idrometrografica analizzata, regolarizzate mediante la distribuzione di probabilità TCEV, sono riportate in tabella.11. Tabella.11 - Portate al colmo per assegnati tempi di ritorno: Chiani a Morrano Chiani a Morrano Q c P (Q c ) y calc. Tr calc. (m 3 /s) (anni) 4 0,800 1, ,900, ,950, ,967 3, ,980 3, ,990 4, ,995 5, ,998 6,

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO Direzione Regionale Protezione Civile Area Centro Funzionale Regionale DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti COMUNE DI MASSAFRA Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti II Parte Tratto di monte del Patemisco e Gravine Madonna della Scala, Colombato e San Marco

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 Oggetto Corso Docente PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 PROTEZIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO (2 MODULO) Ingegneria Civile Prof. Corrado Paolo Mancini Berti Andrea Campolese Mattia

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE COMUNE DI: SAN GIACOMO FILIPPO Provincia di Sondrio ATTUAZIONE DELLA D.G.R n.- 7/7868 del 25 gennaio 2002 e successive integrazioni Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni

Dettagli

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua 1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA 1.1 - L erosione dell acqua Gocce d acqua precipitano urtando con violenza il suolo coperto da detriti (foglie, rami, steli d erba,... fig. 1.1). A qualche centimetro

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE MODELLI STATISTICI NELLA SIMULAZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Modelli statistici nella simulazione

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1 FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO CORSO DI STATISTICA E CALCOLO DELLE PROBABILITA PROF. PASQUALE VERSACE SCHEDA DIDATTICA N ARGOMENTO: CALCOLO DELLE PROBABILITA

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

DEGLI GAZIONE SASSI. Civile. - Numerical BARBARA. da: MARIN. Laureand. RELATORE Carniello Luca CORRELAC ATORE

DEGLI GAZIONE SASSI. Civile. - Numerical BARBARA. da: MARIN. Laureand. RELATORE Carniello Luca CORRELAC ATORE U UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Corsoo di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Tesi di Laurea MODELLAZIONE NUMERICA DELLA PROPAG GAZIONE DELL'

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo Provincia di Torino Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria Servizio Pianificazione Risorse Idriche Regione Piemonte Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste Settore Pianificazione

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli