COMUNE DI ROMA RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IDRAULICO RETE PER LA RACCOLTA DELLE ACQUE METEORICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI ROMA RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IDRAULICO RETE PER LA RACCOLTA DELLE ACQUE METEORICHE"

Transcript

1

2 COMUNE DI ROMA RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IDRAULICO RETE PER LA RACCOLTA DELLE ACQUE METEORICHE

3 CALCOLO DELLA PORTATA DELLE ACQUE METEORICHE Il calcolo per la verifica idraulica di seguito riportato è relativo al sistema di raccolta e convogliamento alla rete fognante principale delle acque meteoriche scolate dal comparto. I calcoli per il dimensionamento della rete fognante vengono svolti a partire dalle portate massime in transito lungo i tronchi della rete. Per la determinazione delle portate di punta in corrispondenza delle singole sezioni del sistema di drenaggio, è stato utilizzato il "metodo del tempo di corrivazione", il quale si basa sul presupposto che la pioggia critca per una determinata sezione, abbia una durata uguale al tempo di corrivazione (ossia il tempo che l acqua caduta nel punto più lontano del bacino impiega a raggiungere la sezione stessa). I bacini presi in considerazione per il calcolo sono 4: Bacino 1 fogna tubolare Ø 1000; Bacino 2 fogna tubolare Ø 1000; Bacino 3 fogna tubolare Ø 1200, che riceve anche le acque del tratto relativo al bacino 2; Bacino 4 fogna tubolare Ø 1500, che riceve le acque dei bacini 1,2 e 3; Bacino 5 fogna tubolare Ø 1000, che recapita nella tipo VII esistente. BACINO 1 - TRATTO Y' K W Superficie bacino 4,44 ha (A) La formula empirica adottata nel calcolo è del tipo Qz = p * r * f * A ove: Qz = portata delle acque pluviali espressa in mc/sec A = area della superficie scolante espressa in ha r = coefficiente di ritardo f = coefficiente di restituzione p = afflusso meteorico espresso in mc/sec Superficie complessiva lotto (A) ha 4,436 Superfici Intensivo (S1) ha 2,834 63,89 % Superficie a verde (S2) ha 0,161 3,62 % Superficie semintensiva (S3) ha 0,000 - % Strade e Parcheggi (S4) ha 1,441 32,49 % L h f t di lt l 622

4 r = 1/ 6 (A) r 0,68 Coefficiente di restituzione ( f ) Superfici lastricate (S1) coeff. 0,90 Aree verdi (S2) coeff. 0,10 Sup.Semintensiva(S3) coeff. 0,50 Strade e Parcheggi (S4) coeff. 1,00 f = 0,904 f = (S1*0.9+S2*0,10+S3*0,5+S4*1) / Superficie Bacino Coefficiente di afflusso meteorico ( p ) Il valore massimo dell'intensità (afflusso meteorico) si avrà per una durata di pioggia pari al tempo di corrivazione dal bacino, che equivale al tempo che l'acqua impiega a percorrere la distanza dal punto di caduta più distante nel bacino (a monte) al punto di uscita a valle del bacino stesso (sezione di uscita). Se si indica H l'altezza di pioggia (espressa in mm) caduta nel tempo T (espresso in ore), l'intensità media oraria i sarà data dall'espressione: i = H /T mm/ora Di conseguenza p sarà espresso dalla formula: (1/1000)ml * mq i p = = mc/sec ha sec 360 Il tempo T in ore, di durata della pioggia da introdurre nel calcolo, sarà determinato nel modo seguente. Si suppone una velocità media dell'acqua nella fogna di 1m/sec; di conseguenza il tempo di corrivazione, cioè il tempo che l'acqua caduta per pioggia all'inizio del bacino a monte, impiega a percorrere la distanza L e raggiungere la sezione estrema della fogna a valle, sarà dato da: T = L / sec in ore Al tempo T si aggiunge un tempo t, variabile tra 0,050 e 0,083 di ora, per tener conto del tempo che la prima acqua caduta sui tetti, cortili, strade, all'inizio del bacino, impiega per raggiongere i fognoli privati e quelli stradali per la raccolta che sono collegati alla fogna principale. Pertanto il tempo di durata della pioggia critica, che rende massima la portata Qz, risulta: Ttot = T+ t Noto Ttot in funzione della superfice del bacino, i valori di H e di i si possono ricavare o dai grafici comunemente usati, oppure direttamente dalle tabelle I e II, a seconda che Ttot 1,586 ora, oppure Ttot 1,586 ora. Noti H ed i, si può ricavare il coefficiente di afflusso meteorico p.

5 Per determinare un valore di altezza dell'acqua corrispondente ad una durata di pioggia T=Tc (valore precedentemente determinato) oltre che ai grafici sopra illustrati, si può fare ricorso, con buona approssimazione, alla formula comunemente adottata dal Comune di Roma per le verifiche H= 111,60 * T 0,73, il cui valorera corrisponde alla prima curva critica in caso di piogge intense per la zona di Roma. H = 111,6 * Tc 0,73 = 36,277 mm Per determinare l'intensità di pioggia i useremo l'espressione i = H /Tc = 159,927 mm/h Il coefficiente di afflusso meteorico p sarà p= i /360 = 0,444 mc/sec*h La portata massima delle acque di origine metrorica per il bacino in questione sarà: Portata max nella sezione ( Qz1 ) tratto Y' K W Qz1 = p * r * f * A (ha) = 1,211 mc/sec Verifica della portata max sezione Ø 1000 Si procede nel calcolo della portata e della velocità in base alle pendenze adottate mediante il metodo di Chezy- Bazin: La velocità V si può ricavare dalla formula di Chezy nella forma seguente: V = K Rm i e dalla seconda relazione di Bazin: Rm K = = γ/ Rm Rm + γ La portata Q può essere espressa nella forma Q = Ώ * V si arriva alla formula finale per ricavare la portata specifica Q a sezione piena

6 Q = 87 Ώ Rm i Rm + γ Assumendo un coefficiente di scabrezza (formula di Bazin) γ = 0,32, e ricordando che il raggio medio Rm=C/Ω, i dati per la sezione Ø 1000 saranno: Q = portata in mc/sec V = velocità in m/sec Ω = area della sezione bagnata in mq C = contorno (perimetro) della sezione bagnata in ml Rm = Raggio medio della sezione bagnata in ml i = pendenzadella condotta γ = coefficiente di scabrezza Diametro della sezione in m 1,00 ml Area della sezione A in mq Ω = 0,7850 mq Contorno bagnato C in ml C = 3,1400 ml Raggio medio idraulico Rm Rm=Ω/C= 0,250 ml Coefficiente di attrito γ 0,36 i = pendenza della condotta i = 0,005 si ottiene: V = 1,79 ml/sec ( a sezione piena ) Q = 1,40 mc/sec > 1,211 Pertanto, alla luce del valore di portata massima Q ottenuto per il bacino in questione largamente sovrastimato per tenere conto di eventuali difetti costruttivi e, tenuto conto del valore di portata massima della sezione a valle "tubolare Ø 1000", confermata dall'analisi del diagramma logaritmico per il calcolo delle velocità e delle portate delle sezioni tubolari (assumendo come pendenza la pendenza di progetto), la sezione risulta adeguatamente dimensionata.

7 BACINO 2 - TRATTO E' Q L F Superficie bacino 2,15 ha (A) La formula empirica adottata nel calcolo è del tipo Qz = p * r * f * A ove: Qz = portata delle acque pluviali espressa in mc/sec A = area della superficie scolante espressa in ha r = coefficiente di ritardo f = coefficiente di restituzione p = afflusso meteorico espresso in mc/sec Superficie complessiva lotto (A) ha 2,146 Superfici Intensivo (S1) ha 1,332 62,06 % Superficie a verde (S2) ha - % Superficie semintensiva (S3) ha - % Strade e Parcheggi (S4) ha 0,814 37,94 % Lunghezza fognatura di raccolta ml 345 r = 1/ 6 (A) r 0,83 Coefficiente di restituzione ( f ) Superfici lastricate (S1) coeff. 0,90 Aree verdi (S2) coeff. 0,10 Sup.Semintensiva(S3) coeff. 0,50 Strade e Parcheggi (S4) coeff. 1,00 f = 0,938 f = (S1*0.9+S2*0,10+S3*0,5+S4*1) / Superficie Bacino

8 Coefficiente di afflusso meteorico ( p ) Il valore massimo dell'intensità (afflusso meteorico) si avrà per una durata di pioggia pari al tempo di corrivazione dal bacino, che equivale al tempo che l'acqua impiega a percorrere la distanza dal punto di caduta più distante nel bacino (a monte) al punto di uscita a valle del bacino stesso (sezione di uscita). Se si indica H l'altezza di pioggia (espressa in mm) caduta nel tempo T (espresso in ore), l'intensità media oraria i sarà data dall'espressione: i = H /T mm/ora Di conseguenza p sarà espresso dalla formula: (1/1000)ml * mq i p = = mc/sec ha sec 360 Il tempo T in ore, di durata della pioggia da introdurre nel calcolo, sarà determinato nel modo seguente. Si suppone una velocità media dell'acqua nella fogna di 1m/sec; di conseguenza il tempo di corrivazione, cioè il tempo che l'acqua caduta per pioggia all'inizio del bacino a monte, impiega a percorrere la distanza L e raggiungere la sezione estrema della fogna a valle, sarà dato da: T = L / sec in ore Al tempo T si aggiunge un tempo t, variabile tra 0,050 e 0,083 di ora, per tener conto del tempo che la prima acqua caduta sui tetti, cortili, strade, all'inizio del bacino, impiega per raggiongere i fognoli privati e quelli stradali per la raccolta che sono collegati alla fogna principale. Pertanto il tempo di durata della pioggia critica, che rende massima la portata Qz, risulta: Ttot = T+ t Noto Ttot in funzione della superfice del bacino, i valori di H e di i si possono ricavare o dai grafici comunemente usati, oppure direttamente dalle tabelle I e II, a seconda che Ttot 1,586 ora, oppure Ttot 1,586 ora. Noti H ed i, si può ricavare il coefficiente di afflusso meteorico p. Tc = L/ ,05 = 0,146 ore Per determinare un valore di altezza dell'acqua corrispondente ad una durata di pioggia T=Tc (valore precedentemente determinato) oltre che ai grafici sopra illustrati, si può fare ricorso, con buona approssimazione, alla formula comunemente adottata dal Comune di Roma per le verifiche H= 111,60 * T 0,73, il cui valorera corrisponde alla prima curva critica in caso di piogge intense per la zona di Roma. H = 111,6 * Tc 0,73 = 26,369 mm Per determinare l'intensità di pioggia i useremo l'espressione i = H /Tc = 170,828 mm/h Il coefficiente di afflusso meteorico p sarà p= i /360 = 0,475 mc/sec*h La portata massima delle acque di origine metrorica per il bacino in questione sarà:

9 Qz2 = p * r * f * A (ha) = 0,793 mc/sec Verifica della portata max sezione Ø 1000 Si procede nel calcolo della portata e della velocità in base alle pendenze adottate mediante il metodo di Chezy- Bazin: La velocità V si può ricavare dalla formula di Chezy nella forma seguente: V = K Rm i e dalla seconda relazione di Bazin: Rm K = = γ/ Rm Rm + γ La portata Q può essere espressa nella forma Q = Ώ * V si arriva alla formula finale per ricavare la portata specifica Q a sezione piena Q = 87 Ώ Rm i Rm + γ Assumendo un coefficiente di scabrezza (formula di Bazin) γ = 0,32, e ricordando che il raggio medio Rm=C/Ω, i dati per la sezione Ø 1000 saranno: Q = portata in mc/sec V = velocità in m/sec Ω = area della sezione bagnata in mq C = contorno (perimetro) della sezione bagnata in ml Rm = Raggio medio della sezione bagnata in ml i = pendenzadella condotta

10 Diametro della sezione in m 1,00 ml Area della sezione A in mq Ω = 0,7850 mq Contorno bagnato C in ml C = 3,1400 ml Raggio medio idraulico Rm Rm=Ω/C= 0,250 ml Coefficiente di attrito γ 0,36 i = pendenza della condotta i = 0,005 si ottiene: V = 1,79 ml/sec ( a sezione piena ) Q = 1,40 mc/sec > 0,793 Pertanto, alla luce del valore di portata massima Qz ottenuto per il bacino in questione largamente sovrastimato per tenere conto di eventuali difetti costruttivi e, tenuto conto del valore di portata massima della sezione a valle "tubolare Ø 1000", confermata dall'analisi del diagramma logaritmico per il calcolo delle velocità e delle portate delle sezioni tubolari (assumendo come pendenza la pendenza di progetto), la sezione risulta adeguatamente dimensionata.

11 BACINO 3 - TRATTO A V F W Superficie bacino 3,86 ha (A) La formula empirica adottata nel calcolo è del tipo Qz = p * r * f * A ove: Qz = portata delle acque pluviali espressa in mc/sec A = area della superficie scolante espressa in ha r = coefficiente di ritardo f = coefficiente di restituzione p = afflusso meteorico espresso in mc/sec Superficie complessiva lotto (A) ha 3,856 Superfici Intensivo (S1) ha 1,304 33,81 % Superficie a verde (S2) ha 0,778 20,17 % Superficie semintensiva (S3) ha 0,556 14,43 % Strade e Parcheggi (S4) ha 1,219 31,60 % Lunghezza fognatura di raccolta ml 371 r = 1/ 6 (A) r 0,80 Coefficiente di restituzione ( f ) Superfici lastricate (S1) coeff. 0,90 Aree verdi (S2) coeff. 0,10 Sup.Semintensiva(S3) coeff. 0,50 Strade e Parcheggi (S4) coeff. 1,00 f = 0,713 f = (S1*0.9+S2*0,10+S3*0,5+S4*1) / Superficie Bacino

12 Coefficiente di afflusso meteorico ( p ) Il valore massimo dell'intensità (afflusso meteorico) si avrà per una durata di pioggia pari al tempo di corrivazione dal bacino, che equivale al tempo che l'acqua impiega a percorrere la distanza dal punto di caduta più distante nel bacino (a monte) al punto di uscita a valle del bacino stesso (sezione di uscita). Se si indica H l'altezza di pioggia (espressa in mm) caduta nel tempo T (espresso in ore), l'intensità media oraria i sarà data dall'espressione: i = H /T mm/ora Di conseguenza p sarà espresso dalla formula: (1/1000)ml * mq i p = = mc/sec ha sec 360 Il tempo T in ore, di durata della pioggia da introdurre nel calcolo, sarà determinato nel modo seguente. Si suppone una velocità media dell'acqua nella fogna di 1m/sec; di conseguenza il tempo di corrivazione, cioè il tempo che l'acqua caduta per pioggia all'inizio del bacino a monte, impiega a percorrere la distanza L e raggiungere la sezione estrema della fogna a valle, sarà dato da: T = L / sec in ore Al tempo T si aggiunge un tempo t, variabile tra 0,050 e 0,083 di ora, per tener conto del tempo che la prima acqua caduta sui tetti, cortili, strade, all'inizio del bacino, impiega per raggiongere i fognoli privati e quelli stradali per la raccolta che sono collegati alla fogna principale. Pertanto il tempo di durata della pioggia critica, che rende massima la portata Qz, risulta: Ttot = T+ t Noto Ttot in funzione della superfice del bacino, i valori di H e di i si possono ricavare o dai grafici comunemente usati, oppure direttamente dalle tabelle I e II, a seconda che Ttot 1,586 ora, oppure Ttot 1,586 ora. Noti H ed i, si può ricavare il coefficiente di afflusso meteorico p. Tc = L/ ,05 = 0,153 ore Per determinare un valore di altezza dell'acqua corrispondente ad una durata di pioggia T=Tc (valore precedentemente determinato) oltre che ai grafici sopra illustrati, si può fare ricorso, con buona approssimazione, alla formula comunemente adottata dal Comune di Roma per le verifiche H= 111,60 * T 0,73, il cui valorera corrisponde alla prima curva critica in caso di piogge intense per la zona di Roma. H = 111,6 * Tc 0,73 = 28,338 mm Per determinare l'intensità di pioggia i useremo l'espressione i = H /Tc = 185,287 mm/h Il coefficiente di afflusso meteorico p sarà

13 p= i /360 = 0,515 mc/sec*h La portata massima delle acque di origine metrorica per il bacino in questione sarà: Portata max nella sezione ( Qz1 ) tratto A V F W Qz3= p * r * f * A (ha) = 1,129 mc/sec A questa va aggiunta la portata Qz2 proveniente dalla fogna tratto E' Q L F Qz3 tot = Qz3 +Qz2 1,923 mc/sec Verifica della portata max sezione Ø 1200 Si procede nel calcolo della portata e della velocità in base alle pendenze adottate mediante il metodo di Chezy- Bazin: La velocità V si può ricavare dalla formula di Chezy nella forma seguente: V = K Rm i e dalla seconda relazione di Bazin: Rm K = = γ/ Rm Rm + γ La portata Q può essere espressa nella forma Q = Ώ * V si arriva alla formula finale per ricavare la portata specifica Q a sezione piena Q = 87 Ώ Rm i Rm + γ Assumendo un coefficiente di scabrezza (formula di Bazin) γ = 0,32, e ricordando che il raggio medio Rm=C/Ω, i dati per la sezione Ø 1000 saranno:

14 V = velocità in m/sec Ω = area della sezione bagnata in mq C = contorno (perimetro) della sezione bagnata in ml Rm = Raggio medio della sezione bagnata in ml i = pendenzadella condotta γ = coefficiente di scabrezza Diametro della sezione in m 1,20 ml Area della sezione A in mq Ω = 1,1304 mq Contorno bagnato C in ml C = 3,7680 ml Raggio medio idraulico Rm Rm=Ω/C= 0,300 ml Coefficiente di attrito γ 0,36 i = pendenza della condotta i = 0,005 si ottiene: V = 2,03 ml/sec ( a sezione piena ) Q = 2,30 mc/sec > 1,923 Pertanto, alla luce del valore di portata massima Qz ottenuto per il bacino in questione largamente sovrastimato per tenere conto di eventuali difetti costruttivi e, tenuto conto del valore di portata massima della sezione a valle "tubolare Ø 1200", confermata dall'analisi del diagramma logaritmico per il calcolo delle velocità e delle portate delle sezioni tubolari (assumendo come pendenza la pendenza di progetto), la sezione risulta adeguatamente dimensionata.

15 BACINO 4 TRATTO W B N C' Z Superficie bacino 7,66 ha (A) La formula empirica adottata nel calcolo è del tipo Qz = p * r * f * A ove: Qz = portata delle acque pluviali espressa in mc/sec A = area della superficie scolante espressa in ha r = coefficiente di ritardo f = coefficiente di restituzione p = afflusso meteorico espresso in mc/sec Superficie complessiva lotto (A) ha 7,656 Superfici Intensivo (S1) ha 0,905 11,82 % Superficie a verde (S2) ha 2,482 32,41 % Superficie semintensiva (S3) ha 2,573 33,61 % Strade e Parcheggi (S4) ha 1,697 22,16 % Lunghezza fognatura di raccolta ml 514 r = 1/ 6 (A) r 0,71 Coefficiente di restituzione ( f ) Superfici lastricate (S1) coeff. 0,90 Aree verdi (S2) coeff. 0,10 Sup.Semintensiva(S3) coeff. 0,50 Strade e Parcheggi (S4) coeff. 1,00 f = 0,528 f = (S1*0.9+S2*0,10+S3*0,5+S4*1) / Superficie Bacino

16 Coefficiente di afflusso meteorico ( p ) Il valore massimo dell'intensità (afflusso meteorico) si avrà per una durata di pioggia pari al tempo di corrivazione dal bacino, che equivale al tempo che l'acqua impiega a percorrere la distanza dal punto di caduta più distante nel bacino (a monte) al punto di uscita a valle del bacino stesso (sezione di uscita). Se si indica H l'altezza di pioggia (espressa in mm) caduta nel tempo T (espresso in ore), l'intensità media oraria i sarà data dall'espressione: i = H /T mm/ora Di conseguenza p sarà espresso dalla formula: (1/1000)ml * mq i p = = mc/sec ha sec 360 Il tempo T in ore, di durata della pioggia da introdurre nel calcolo, sarà determinato nel modo seguente. Si suppone una velocità media dell'acqua nella fogna di 1m/sec; di conseguenza il tempo di corrivazione, cioè il tempo che l'acqua caduta per pioggia all'inizio del bacino a monte, impiega a percorrere la distanza L e raggiungere la sezione estrema della fogna a valle, sarà dato da: T = L / sec in ore Al tempo T si aggiunge un tempo t, variabile tra 0, e 0, di ora, per tener conto del tempo che la prima acqua caduta sui tetti, cortili, strade, all'inizio del bacino, impiega per raggiongere i fognoli privati e quelli stradali per la raccolta che sono collegati alla fogna principale. Pertanto il tempo di durata della pioggia critica, che rende massima la portata Qz, risulta: Ttot = T+ t Noto Ttot in funzione della superfice del bacino, i valori di H e di i si possono ricavare o dai grafici comunemente usati, oppure direttamente dalle tabelle I e II, a seconda che Ttot 1,586 ora, oppure Ttot 1,586 ora. Noti H ed i, si può ricavare il coefficiente di afflusso meteorico p. Tc = L/ ,05 = 0,193 ore Per determinare un valore di altezza dell'acqua corrispondente ad una durata di pioggia T=Tc (valore precedentemente determinato) oltre che ai grafici sopra illustrati, si può fare ricorso, con buona approssimazione, alla formula comunemente adottata dal Comune di Roma per le verifiche H= 111,60 * T 0,73, il cui valorera corrisponde alla prima curva critica in caso di piogge intense per la zona di Roma. H = 111,6 * Tc 0,73 = 33,567 mm Per determinare l'intensità di pioggia i useremo l'espressione i = H /Tc = 174,037 mm/h Il coefficiente di afflusso meteorico p sarà p= i /360 = mc/sec*h

17 La portata massima delle acque di origine metrorica per il bacino in questione sarà: Portata max nella sezione ( Qz4 ) tratto W B N C' Z Qz4= p * r * f * A (ha) = 1,393 mc/sec A questa vanno aggiunte le portate Qz1, Qz2 e Qz3 ottenendo come portata totale: Qz4 tot = Qz1+Qz2+Qz3+Qz4 4,527 mc/sec Verifica della portata max sezione Ø 1500 Si procede nel calcolo della portata e della velocità in base alle pendenze adottate mediante il metodo di Chezy- Bazin: La velocità V si può ricavare dalla formula di Chezy nella forma seguente: V = K Rm i e dalla seconda relazione di Bazin: Rm K = = γ/ Rm Rm + γ La portata Q può essere espressa nella forma Q = Ώ * V si arriva alla formula finale per ricavare la portata specifica Q a sezione piena Q = 87 Ώ Rm i Rm + γ Assumendo un coefficiente di scabrezza (formula di Bazin) γ = 0,32, e ricordando che il raggio medio Rm=C/Ω, i dati per la sezione Ø 1500 saranno: Q = portata in mc/sec V = velocità in m/sec

18 C = contorno (perimetro) della sezione bagnata in ml Rm = Raggio medio della sezione bagnata in ml i = pendenzadella condotta γ = coefficiente di scabrezza Diametro della sezione in m 1,50 ml Area della sezione A in mq Ω = 1,7663 mq Contorno bagnato C in ml C = 4,7100 ml Raggio medio idraulico Rm Rm=Ω/C= 0,375 ml Coefficiente di attrito γ 0,36 i = pendenza della condotta i = 0,010 si ottiene: V = 3,36 ml/sec ( a sezione piena ) Q = 5,93 mc/sec > 4,527 Pertanto, alla luce del valore di portata massima Qz ottenuto per il bacino in questione largamente sovrastimato per tenere conto di eventuali difetti costruttivi e, tenuto conto del valore di portata massima della sezione a valle "tubolare Ø 1500", confermata dall'analisi del diagramma logaritmico per il calcolo delle velocità e delle portate delle sezioni tubolari (assumendo come pendenza la pendenza di progetto), la sezione risulta adeguatamente dimensionata.

19 BACINO 5 - TRATTO L' P' I (che recapita nella tipo VII esistente) Superficie bacino 4,52 ha (A) La formula empirica adottata nel calcolo è del tipo Qz = p * r * f * A ove: Qz = portata delle acque pluviali espressa in mc/sec A = area della superficie scolante espressa in ha r = coefficiente di ritardo f = coefficiente di restituzione p = afflusso meteorico espresso in mc/sec Superficie complessiva lotto (A) ha 4,522 Superfici Intensivo (S1) ha - % Superficie a verde (S2) ha 0,836 18,50 % Superficie semintensiva (S3) ha 2,649 58,59 % Strade e Parcheggi (S4) ha 1,036 22,91 % Lunghezza fognatura di raccolta ml 244 r = 1/ 6 (A) r 0,68 Coefficiente di restituzione ( f ) Superfici lastricate (S1) coeff. 0,90 Aree verdi (S2) coeff. 0,10 Sup.Semintensiva(S3) coeff. 0,50 Strade e Parcheggi (S4) coeff. 1,00 f = 0,541 f = (S1*0.9+S2*0,10+S3*0,5+S4*1) / Superficie Bacino

20 Coefficiente di afflusso meteorico ( p ) Il valore massimo dell'intensità (afflusso meteorico) si avrà per una durata di pioggia pari al tempo di corrivazione dal bacino, che equivale al tempo che l'acqua impiega a percorrere la distanza dal punto di caduta più distante nel bacino (a monte) al punto di uscita a valle del bacino stesso (sezione di uscita). Se si indica H l'altezza di pioggia (espressa in mm) caduta nel tempo T (espresso in ore), l'intensità media oraria i sarà data dall'espressione: i = H /T mm/ora Di conseguenza p sarà espresso dalla formula: (1/1000)ml * mq i p = = mc/sec ha sec 360 Il tempo T in ore, di durata della pioggia da introdurre nel calcolo, sarà determinato nel modo seguente. Si suppone una velocità media dell'acqua nella fogna di 1m/sec; di conseguenza il tempo di corrivazione, cioè il tempo che l'acqua caduta per pioggia all'inizio del bacino a monte, impiega a percorrere la distanza L e raggiungere la sezione estrema della fogna a valle, sarà dato da: T = L / sec in ore Al tempo T si aggiunge un tempo t, variabile tra 0,050 e 0,083 di ora, per tener conto del tempo che la prima acqua caduta sui tetti, cortili, strade, all'inizio del bacino, impiega per raggiongere i fognoli privati e quelli stradali per la raccolta che sono collegati alla fogna principale. Pertanto il tempo di durata della pioggia critica, che rende massima la portata Qz, risulta: Ttot = T+ t Noto Ttot in funzione della superfice del bacino, i valori di H e di i si possono ricavare o dai grafici comunemente usati, oppure direttamente dalle tabelle I e II, a seconda che Ttot 1,586 ora, oppure Ttot 1,586 ora. Noti H ed i, si può ricavare il coefficiente di afflusso meteorico p. Tc = L/ ,05 = 0,118 ore Per determinare un valore di altezza dell'acqua corrispondente ad una durata di pioggia T=Tc (valore precedentemente determinato) oltre che ai grafici sopra illustrati, si può fare ricorso, con buona approssimazione, alla formula comunemente adottata dal Comune di Roma per le verifiche H= 111,60 * T 0,73, il cui valorera corrisponde alla prima curva critica in caso di piogge intense per la zona di Roma. H = 111,6 * Tc 0,73 = 23,407 mm Per determinare l'intensità di pioggia i useremo l'espressione i = H /Tc = 198,859 mm/h Il coefficiente di afflusso meteorico p sarà p= i /360 = 0,552 mc/sec*h La portata massima delle acque di origine metrorica per il bacino in questione sarà:

21 Qz4 = p * r * f * A (ha) = 0,915 mc/sec Verifica della portata max sezione Ø 1000 Si procede nel calcolo della portata e della velocità in base alle pendenze adottate mediante il metodo di Chezy- Bazin: La velocità V si può ricavare dalla formula di Chezy nella forma seguente: V = K Rm i e dalla seconda relazione di Bazin: Rm K = = γ/ Rm Rm + γ La portata Q può essere espressa nella forma Q = Ώ * V si arriva alla formula finale per ricavare la portata specifica Q a sezione piena Q = 87 Ώ Rm i Rm + γ Assumendo un coefficiente di scabrezza (formula di Bazin) γ = 0,32, e ricordando che il raggio medio Rm=C/Ω, i dati per la sezione Ø 1000 saranno: Q = portata in mc/sec V = velocità in m/sec Ω = area della sezione bagnata in mq C = contorno (perimetro) della sezione bagnata in ml Rm = Raggio medio della sezione bagnata in ml i = pendenzadella condotta

22 Diametro della sezione in m 1,00 ml Area della sezione A in mq Ω = 0,7850 mq Contorno bagnato C in ml C = 3,1400 ml Raggio medio idraulico Rm Rm=Ω/C= 0,250 ml Coefficiente di attrito γ 0,36 i = pendenza della condotta i = 0,010 si ottiene: V = 2,53 ml/sec ( a sezione piena ) Q = 1,99 mc/sec > 0,915 Pertanto, alla luce del valore di portata massima Qz ottenuto per il bacino in questione largamente sovrastimato per tenere conto di eventuali difetti costruttivi e, tenuto conto del valore di portata massima della sezione a valle "tubolare Ø 1000", confermata dall'analisi del diagramma logaritmico per il calcolo delle velocità e delle portate delle sezioni tubolari (assumendo come pendenza la pendenza di progetto), la sezione risulta adeguatamente dimensionata.

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA

+ S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA + S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO XII - LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI E MANUTENZIONE URBANA CRITERI PER IL DIMENSIONAMENTO DEI CONDOTTI FOGNARI DELLA CITTA' DI ROMA a cura della II unità organizzativa

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO

COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO CERBONI GIUSEPPE - PULETTI CLOTILDE - GAUDENZI ALFREDO PROGETTO PIANO ATTUATIVO

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5

1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5 PROGETTO ESECUTIVO 1/9 1. PREMESSA La presente relazione descrive gli aspetti idraulici connessi con lo smaltimento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA Il presente Piano Urbanistico Attuativo, si pone l obbiettivo

Dettagli

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa:

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa: 1. Premesse La seguente relazione idraulica è redatta allo scopo di indicare le modalità di raccolta, deflusso e smaltimento delle acque meteoriche di dilavamento del nuovo tratto di pista ciclopedonale

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO STUDIO INGEGNERI ASSOCIATI DI PANDOLFI ADALBERTO E PANDOLFI LUCA FORMATO A4 SCALA ----- PROGETTISTI

PROGETTO DEFINITIVO CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO STUDIO INGEGNERI ASSOCIATI DI PANDOLFI ADALBERTO E PANDOLFI LUCA FORMATO A4 SCALA ----- PROGETTISTI ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO REGIONE MARCHE PROVINCIA DI ANCONA AMPLIAMENTO DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI C O R I N A LD O PROGETTO DEFINITIVO N. ELAB. TITOLO

Dettagli

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA REGIONE PUGLIA INTERVENTO COFINANZIATO DAL PO FESR 2007-2013 ASSE VII LINEA DI INTERVENTO 7.1 AZIONE 7.1.2 CODICE OPERAZIONE FE7.100117 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE PIRP SAN

Dettagli

RELAZIONE IDROLOGICA - IDRAULICA

RELAZIONE IDROLOGICA - IDRAULICA COMUNE DI EMPOLI PROVINCIA DI FIRENZE REALIZZAZIONE STRADA DI COLLEGAMENTO TRA VIA PIOVOLA E LO SVINCOLO "EMPOLI EST" DELLA S.G.C. FI-PI-LI PROGETTO DEFINITIVO COMMITTENTE COMUNE DI EMPOLI RELAZIONE IDROLOGICA

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICO-SPECIALISTICA COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno SETTORE INTERVENTI SUL TERRITORIO E QUALITA URBANA U.O. PROGETTAZIONE e DIREZIONE LAVORI Oggetto: RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE AREA ARTIGIANALE LE MORELLINE

Dettagli

ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO DI UNA RETE DI FOGNATURA

ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO DI UNA RETE DI FOGNATURA Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2011/2012 ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO DI UNA RETE DI FOGNATURA (Appunti tratti dalla lezione del 14/05/2012, non rivisti dal docente) 1 Esempio di dimensionamento

Dettagli

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Comune di Castenaso Provincia di Bologna Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Indirizzo: Via dei Mille RELAZIONE IDRAULICA Federici Saverio

Dettagli

AL COMUNE DI CONSELICE

AL COMUNE DI CONSELICE AL COMUNE DI CONSELICE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO VIA MERLO, COMPARTI 39/A-39/B PROPRIETA': Cooperativa Ceramica d'imola S.c. Via Vittorio Veneto, 13 40026 Imola (Bo) R.E.A. BO 5545 - C.F. e Reg. Impr.

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA

PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA REALIZZAZIONE DI UN IMMISSIONE DI ACQUE CHIARE NEL FOSSO DEI GUASTRI IN LOC. SANT'ANGELO DI CELLE COMMITTENTE: NOVATECNO S.r.l. INTEGRAZIONE DOCUMENTALE - Prot. N.

Dettagli

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE 1. PREMESSA La presente verifica idraulica fa riferimento alla precedente verifica allegata al progetto preliminare approvato con Deliberazione del Giunta Municipale n. 113 del 19.09.2011, con la quale

Dettagli

SOMMARIO. 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6. 4.2 Coefficiente di deflusso...7. 4.2.1 Tempo di corrivazione...7

SOMMARIO. 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6. 4.2 Coefficiente di deflusso...7. 4.2.1 Tempo di corrivazione...7 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 3 3. PROGETTO URBANISTICO... 4 4. STUDIO IDROLOGICO... 6 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6 4.2 Coefficiente di deflusso...7 4.2.1 Tempo

Dettagli

QUANTO SEGUE SONO I LUCIDI PROIETTATI DURANTE LE ORE DI LEZIONE IN AULA E PERTANTO NON RISULTANO ESSERE ESAUSTIVI PER GLI ARGOMENTI TRATTATI.

QUANTO SEGUE SONO I LUCIDI PROIETTATI DURANTE LE ORE DI LEZIONE IN AULA E PERTANTO NON RISULTANO ESSERE ESAUSTIVI PER GLI ARGOMENTI TRATTATI. QUANTO SEGUE SONO I LUCIDI PROIETTATI DURANTE LE ORE DI LEZIONE IN AULA E PERTANTO NON RISULTANO ESSERE ESAUSTIVI PER GLI ARGOMENTI TRATTATI. DEVONO ESSERE UTILIZZATI COME BASE DI RIFERIMENTO PER L APPROFONDIMENTO

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA ACQUE BIANCHE

RELAZIONE IDRAULICA ACQUE BIANCHE COMUNE DI ROMA S.P.Q.R. DIPARTIMENTO IX III U.O. P.D.Z. B50 MONTESTALLONARA LEGGE 18 APRILE 1962 n 167 PROGETTO DEFINITIVO 1 STRALCIO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA RELAZIONE IDRAULICA ACQUE BIANCHE

Dettagli

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Relazione idraulica per il dimensionamento del sistema di smaltimento delle acque meteoriche, reflue e degli invasi di laminazione Luglio,

Dettagli

Cod.: S10011-SF-ID01-0 Data: 15/06/2010

Cod.: S10011-SF-ID01-0 Data: 15/06/2010 Cod.: S-SF-ID- Data: 5/6/2 INTRODUZIONE La relazione descrive gli interventi finalizzati allo smaltimento delle acque meteoriche del Terzo Lotto dell Asse Lungosavena. L area è localizzata tra il Comune

Dettagli

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Domanda di Verifica di Assoggettabilità alla VIA

Dettagli

Per garantire l invarianza idraulica si è tenuto conto dei seguenti elementi:

Per garantire l invarianza idraulica si è tenuto conto dei seguenti elementi: 1 Premessa Il comparto rientra nell ambito degli accordi con i privati di cui all art. 18 della L.R. n. 20/2000 contrassegnato col n. 16 Lido di Classe Nord Sud, ed è soggetto a PUA generale. E costituito

Dettagli

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A)

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA INTERVENTI SU RETI

Dettagli

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA 7.4.1 GENERALITA La rete di fognatura è un complesso di canalizzazioni disposte per la raccolta e l allontanamento dai complessi urbani delle acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e di quelle

Dettagli

0371/549372 STUDIO TECNICO

0371/549372 STUDIO TECNICO Via Paolo Gorini, 12 26900 LODI (LO) Tel.: 0371/549372 STUDIO TECNICO Fax: 0371/588158 E-mail ing.bergomi@libero.it DI INGEGENRIA CIVILE Dott. Ing. GIUSEPPE BERGOMI Ordine degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA. Le acque meteoriche raccolte sulle rampe di Via Borgaro vengono convogliate ad un pozzetto

RELAZIONE IDRAULICA. Le acque meteoriche raccolte sulle rampe di Via Borgaro vengono convogliate ad un pozzetto RELAZIONE IDRAULICA Descrizione sommaria delle opere Le acque meteoriche raccolte sulle rampe di Via Borgaro vengono convogliate ad un pozzetto realizzato con il lotto 1, e da qui indirizzate al collettore

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA DEL COMPARTO Ce.2.4. 1. Premessa...

RELAZIONE TECNICA. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA DEL COMPARTO Ce.2.4. 1. Premessa... RELAZIONE TECNICA DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA DEL COMPARTO Ce.2.4 Sommario 1. Premessa... 2 2. Recupero acque meteoriche in aree private..2 3.

Dettagli

STUDIO IDRAULICO. 1 - Premessa. 2 - Caratteristiche del bacino imbrifero

STUDIO IDRAULICO. 1 - Premessa. 2 - Caratteristiche del bacino imbrifero STUDIO IDRAULICO Sommario STUDIO IDRAULICO... 1 1 - Premessa... 1 2 - Caratteristiche del bacino imbrifero... 1 3 - Caratteristiche del corpo recettore... 3 4 - Verifica dell ufficiosità idraulica... 4

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3 4.1 Fognatura nera... 3 4.2 Sistema di raccolta acque meteoriche aree pubbliche...

Dettagli

Criteri di dimensionamento delle Fognature Nere

Criteri di dimensionamento delle Fognature Nere Criteri di dimensionamento delle Fognature Nere Le fognature nere vengono dimensionate per le massime portate di tempo asciutto che si prevede e si stima si verificheranno negli N anni di funzionamento

Dettagli

POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI)

POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI) POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI) RELAZIONE IDROLOGICA E IDRAULICA DELLA RETE DI RACCOLTA DELLE ACQUE PIOVANE Settembre 2014 PROGETTISTA Dott. Ing. Leopoldo Cafaro Iscritto all Ordine degli Ingegneri

Dettagli

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori

Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori Profilo geologico Le tipologie di intervento previste consistono in :! Potenziamento delle

Dettagli

COMUNE DI IMOLA (BO)

COMUNE DI IMOLA (BO) COMUNE DI IMOLA (BO) PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA LOTTO AGIP-CAPRI VERIFICA IDRAULICA DATA : DICEMBRE 2012 COMMITTENTE: CAPRI SOC. COOP. INT: 246.12 Spazio riservato per timbro e firma

Dettagli

Esame di Idrologia - 1 Gennaio 1111 Saranno assegnati tre punti per ciascuna risposta corretta. Utilizzare 4 cifre significative per le risposte.

Esame di Idrologia - 1 Gennaio 1111 Saranno assegnati tre punti per ciascuna risposta corretta. Utilizzare 4 cifre significative per le risposte. Studente 1: nome 1 1. In un bacino idrografico di dominio 707 km 2 è stata misurata una altezza di afflusso meteorico pari a 195.1 mm in un mese di 31 giorni. Calcolare la portata media mensile del deflusso

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER INSTALLAZIONE IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO DI DISCARICA CON TECNOLOGIA RECAM

PROGETTO PRELIMINARE PER INSTALLAZIONE IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO DI DISCARICA CON TECNOLOGIA RECAM SOCIETA CHIMICA LARDERELLO S.p.A. Socio Unico (POMARANCE) DISCARICA BULERA PROGETTO PRELIMINARE PER INSTALLAZIONE IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO DI DISCARICA CON TECNOLOGIA RECAM RETE DI REGIMAZIONE

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA ACQUE REFLUE

RELAZIONE IDRAULICA ACQUE REFLUE COMUNE DI ROMA S.P.Q.R. DIPARTIMENTO IX III U.O. B50 MONTESTALLONARA LEGGE 18 APRILE 1962 n 167 PROGETTO DEFINITIVO 1 STRALCIO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA RELAZIONE IDRAULICA ACQUE REFLUE INDICE 1

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO. IL PROGETTISTA Geom. Carluccio Bottero

PROGETTO DEFINITIVO. IL PROGETTISTA Geom. Carluccio Bottero SETTORE LAVORII PUBBLIICII E MANUTENZIIONE DEL PATRIIMONIIO PARCO MULTIMEDIALE PER LA RICERCA DOCUMENTALE CONNESSA ALLA STORIA DEL VINO E DEL GUSTO CENTRO MULTIMEDIALE CALCOLI ESECUTIVI DELLA CONDOTTA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche Premessa L ambito d intervento del P.P.I.P riguarda un area a destinazione residenziale (d ora in poi denominata bacino) di 3.440 m², così suddivisa: PLANIMETRIA

Dettagli

Verifica idraulica di un canale chiuso a sezione circolare e di un canale aperto a sezione composta

Verifica idraulica di un canale chiuso a sezione circolare e di un canale aperto a sezione composta ESERCITAZIONE N. 1 (23 MARZO 2005) Verifica idraulica di un canale chiuso a sezione circolare e di un canale aperto a sezione composta PROBLEMA 1 Una portata Q di 1260 m 3 /h scorre in un canale circolare

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO PROVINCIA DI RIMINI RELAZIONE SUL CALCOLO DELLA RETE DI FOGNA BIANCA E DELLA RETE DI FOGNA NERA OGGETTO: PIANO PARTICOLAREGGIATO di iniziativa PRIVATA COPARTO C2.4 -

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO Provincia di Bologna Proprietà Attuatore COOP. COSTRUZIONISoc.Coop. Via F. Zanardi, 372 40131 Bologna PIANO PARTICOLAREGGIATO PER L ATTUAZIONE DEL COMPARTO C2-13 in conformità all Accordo ex art. 18 L.R.

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3

SOMMARIO PREMESSA... 3 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 VASCA N.1... 5 1.1.1 Caratteristiche della vasca... 5 1.1.2 Caratteristiche dell allaccio alla fognatura nera... 5 1.1.3 Caratteristiche del sollevamento... 5 1.1.4 massima portata

Dettagli

1 Premesse. 2 Dati idrologici e dati idraulici (pluviometria)

1 Premesse. 2 Dati idrologici e dati idraulici (pluviometria) COMUNE DI DESENZANO D/G PROVINCIA DI BRESCIA Committente SOCIETÀ AGRICOLA TREZZA Realizzazione delle reti di drenaggio delle acque meteoriche per il nuovo complesso scolastico-residenziale di cui al Piano

Dettagli

1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3

1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3 INDICE 1. PREMESSE...2 2. CARATTERISTICHE TECNICO FUNZIONALI...3 3. RETE FOGNARIA PER ACQUE BIANCHE...4 3.1. Generalità...4 3.2. Pluviogramma di progetto...4 3.3. Dimensionamento della rete...5 4. RETE

Dettagli

Progetto definitivo Elaborato G104 Relazione idraulica

Progetto definitivo Elaborato G104 Relazione idraulica Indice 1 Premessa... 2 2 Inquadramento normativo... 4 2.1 Normativa nazionale... 4 2.2 Normativa regionale... 4 3 Dimensionamento della rete fognaria (acque meteoriche)... 7 3.1 Regime pluviometrico dell

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. I raccordi e i pezzi speciali devono rispondere alle stesse caratteristiche dei tubi.

RELAZIONE TECNICA. I raccordi e i pezzi speciali devono rispondere alle stesse caratteristiche dei tubi. RELAZIONE TECNICA 1. - Rete fognaria 1.1. - Descrizione generale Lo smaltimento delle acque piovane è realizzato mediante caditoie di tipo stradale poste ai margini della carreggiata ovvero tramite canalette

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

INDICE 1.1 DESCRIZIONE DEI RECAPITI FINALI DELLE FOGNATURE INTERNE 2 1.2 DESCRIZIONE DELLE RETI DI FOGNATURE A SERVIZIO DELL'AREA...

INDICE 1.1 DESCRIZIONE DEI RECAPITI FINALI DELLE FOGNATURE INTERNE 2 1.2 DESCRIZIONE DELLE RETI DI FOGNATURE A SERVIZIO DELL'AREA... INDICE 1.1 DESCRIZIONE DEI RECAPITI FINALI DELLE FOGNATURE INTERNE 2 1.2 DESCRIZIONE DELLE RETI DI FOGNATURE A SERVIZIO DELL'AREA... 3 1.3 DIMENSIONAMENTO DELLA RETE FOGNARIA NERA... 4 1.4 DIMENSIONAMENTO

Dettagli

1 - Generalità. 2 Sistemi di drenaggio delle acque superficiali RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA

1 - Generalità. 2 Sistemi di drenaggio delle acque superficiali RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA INDICE 1 - Generalità 2 2 Sistemi di drenaggio delle acque superficiali 2 3 Delimitazione delle aree scolanti 4 4. Stima delle portate 6 4.1 Modello di trasformazione afflussi-deflussi 10 5. Idrogrammi

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

RELAZIONE SMALTIMENTO ACQUE

RELAZIONE SMALTIMENTO ACQUE Parrocchia di San Nicolò a Trebbia *** Cooperativa Abitazione Santa Marta Proprietà Indivisa Società Cooperativa PIANO ATTUATIVO per Intervento di Nuova Costruzione sito in via Alicata, Rottofreno (PC)

Dettagli

PIANO ATTUATIVO ATR10

PIANO ATTUATIVO ATR10 STUDIO DI INGEGNERIA CIVILE-IDRAULICA Dott. Ing. Michele Giorgio Via Stelvio, 2 24125 Bergamo Tel 035-402214 Fax 035-402214 P. IVA 02685550168 C.F.: GRG MHL 71D15 A794F e-mail: michele.giorgio@sfera.biz

Dettagli

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 Oggetto Corso Docente PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 PROTEZIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO (2 MODULO) Ingegneria Civile Prof. Corrado Paolo Mancini Berti Andrea Campolese Mattia

Dettagli

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PREMESSA Gli impianti di trattamento acque di prima pioggia hanno la funzione di controllare il convogliamento delle acque meteoriche nelle reti

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

CENNI SULLE RETI DI SCARICO

CENNI SULLE RETI DI SCARICO CAPITOLO 1 1.1 Premessa Col termine rete di scarico si intende un sistema di tubazioni per scaricare al di fuori di un edificio acque piovane o sanitarie. Si usa distinguere tra: rete di scarico esterna

Dettagli

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge)

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge) Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

FOGNA BIANCA RELAZIONE DI CALCOLO I TRATTO PENDENZA 2 PER MILLE

FOGNA BIANCA RELAZIONE DI CALCOLO I TRATTO PENDENZA 2 PER MILLE FOGNA BIANCA RELAZIONE DI CALCOLO I TRATTO PENDENZA 2 PER MILLE La rete fognaria in oggetto è costituita da 5 picchetti e da 4 tratti. Legge di probabilità pluviometrica La legge di probabilità pluviometrica

Dettagli

1 PREMESSA... 3 2 ANALISI IDROLOGICA... 3 2.1 ANALISI PLUVIOMETRICA METODO DELLA REGIONALIZZAZIONE... 3 2.2 CURVA DI PIOGGIA DI PROGETTO...

1 PREMESSA... 3 2 ANALISI IDROLOGICA... 3 2.1 ANALISI PLUVIOMETRICA METODO DELLA REGIONALIZZAZIONE... 3 2.2 CURVA DI PIOGGIA DI PROGETTO... INDICE 1 PREMESSA... 3 2 ANALISI IDROLOGICA... 3 2.1 ANALISI PLUVIOMETRICA METODO DELLA REGIONALIZZAZIONE... 3 2.2 CURVA DI PIOGGIA DI PROGETTO... 4 3 FOGNATURA BIANCA ESISTENTE... 6 4 FOGNATURA BIANCA

Dettagli

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 2013-2014 SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 Scheda 1 Definizioni 1. acque reflue domestiche: Acque contaminate dall uso e solitamente scaricate da WC, docce, vasche da bagno,

Dettagli

La normativa regionale in materia di gestione delle acque meteoriche

La normativa regionale in materia di gestione delle acque meteoriche La normativa regionale in materia di gestione delle acque meteoriche Workshop Gestione, trattamento e riutilizzo delle acque meteoriche in ambito urbano Bologna, 7 marzo 2014 Dott. Francesco Tornatore

Dettagli

P.U.A. n 3 Via Leopardi

P.U.A. n 3 Via Leopardi P.U.A. n 3 Via Leopardi REGIONE VENETO provincia di Padova comune di Galliera Veneta Relazione idraulica Il committente Comune di Galliera Veneta Via Roma 174 Il progettista Arch. Sara Favotto STUDIO NOVE

Dettagli

INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA SULLE COMPONENTI DEL TERRITORIO LOTTO 1 (STRADE, SEGNALETICA, VERDE E ARREDO URBANO) PROGETTO ESECUTIVO

INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA SULLE COMPONENTI DEL TERRITORIO LOTTO 1 (STRADE, SEGNALETICA, VERDE E ARREDO URBANO) PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI NICHELINO (Provincia di Torino) Area Tecnica INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA SULLE COMPONENTI DEL TERRITORIO LOTTO 1 (STRADE, SEGNALETICA, VERDE E ARREDO URBANO) PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

Relazione di verifica idraulica Pag. 1

Relazione di verifica idraulica Pag. 1 Sommario 1. PREMESSA... 2 1.1. Sottovia veicolare km 172+308... 2 1.2. Sotttopasso pedonale km 169+423... 2 2. IDROGEOLOGIA... 2 3. VALUTAZIONE DEGLI APPORTI METEORICI... 4 4. METODOLOGIA DI CALCOLO...

Dettagli

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI Presentiamo in questa sezione le caratteristiche costruttive e le modalità di funzionamento degli impianti che proponiamo per il trattamento

Dettagli

R.2.3 Relazione tecnica idraulica

R.2.3 Relazione tecnica idraulica Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROGETTO DEFINITIVO R.2.3 Relazione tecnica idraulica Rovato, novembre

Dettagli

Relazione tecnica fognatura interna

Relazione tecnica fognatura interna Comune di Monza FARCASA S.R.L. PIANO ATTUATIVO IN VIA CAVALLOTTI Allegato 7 Relazione tecnica fognatura interna Ottobre 2013 (Aggiornamento 26/02/2014) Via Valsugana, 6 20052 Monza Tel 039 745508 e-mail:

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l.

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l. 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. IL CALCOLO DEI CARICHI IDRAULICI AFFERENTI ALL IMPIANTO DI SALVATRONDA. 4 2.1 I COMUNI INTERESSATI DALL INTERVENTO DI PROGETTO... 4 2.2 PORTATE NERE TEORICHE... 4 2.3 PORTATE

Dettagli

ESAME DI PROGETTO DI OPERE IDRAULICHE PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PORTE DI ROMA

ESAME DI PROGETTO DI OPERE IDRAULICHE PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PORTE DI ROMA ESAME DI PROGETTO DI OPERE IDRAULICHE PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PORTE DI ROMA RELAZIONE IDRAULICA Studenti: Alessandro Serafini Docente: Corrado Paolo Mancini Gaetano Passaro Flavio Consolo Anno accademico

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE E LINEE GUIDA

PRESCRIZIONI TECNICHE E LINEE GUIDA AUTORIZZAZIONI / CONCESSIONI PRESCRIZIONI TECNICHE E LINEE GUIDA - aggiornamento agosto 2010 - pag. 1 PARALLELISMI - aggiornamento agosto 2010 - pag. 2 1. Canali a cielo aperto incassati (non arginati)

Dettagli

Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio

Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio 1 Corso di Gestione dei sistemi idraulici Progettazione di una rete di drenaggio urbano a servizio del centro abitato del Comune

Dettagli

OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO I STRALCIO

OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO I STRALCIO Comune di COPERTINO Prov. di Lecce Nuovo Ampliamento del Cimitero Comunale Titolo VI del Testo Unico delle Leggi Sanitarie n. 1265/34, del D.P.R n. 285/90 Legge n.130 del 30 marzo 2001 LEGGE REGIONALE

Dettagli

INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3

INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3 INDICE 1. OBIETTIVI... 2 2. RELAZIONE ESPLICATIVA SULLO STATO DEI LUOGHI... 3 2.1 Note introduttive sul territorio... 3 2.2 Sistemi drenanti già esistenti... 3 2.3 Bacini imbriferi principali e sottobacini...

Dettagli

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 1 PREMESSA pag. 2 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 4 ANALISI DEL MOVIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE pag. 3 5 CALCOLO STATICO pag. 4 6 VERIFICA IDRAULICA

Dettagli

Secondo la classificazione delle attività economiche - ATECO 2007, l attività svolta appartiene alla seguente categoria economica:

Secondo la classificazione delle attività economiche - ATECO 2007, l attività svolta appartiene alla seguente categoria economica: INDICE 1. Premessa... 3 2. Dati del complesso industriale... 3 3. Recapito finale delle acque meteoriche non soggette a possibili contaminazioni... 5 4. La posa della condotta con la tecnologia microtunneling...

Dettagli

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15

INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 INDICE 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE... 13 1.1. ANALISI UTENZE... 14 1.2. SCARICO ACQUE SUPERFICIALI... 15 RELAZIONE TECNICA 1. - CRITERI DI PROGETTAZIONE Nella definizione della nuove reti fognarie, si

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

RACCOLTA DELLE ACQUE METEORICHE

RACCOLTA DELLE ACQUE METEORICHE RACCOLTA DELLE ACQUE METEORICHE DIMENSIONAMENTO E PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI RACCOLTA DELLE ACQUE METEORICHE Il sistema di raccolta delle acque meteoriche è regolata dalla norma europea UNI EN 12056-3

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO DELLE CONDOTTE FOGNARIE PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE DI CALCOLO DELLE CONDOTTE FOGNARIE PROGETTO ESECUTIVO SETTORE LAVORII PUBBLIICII E MANUTENZIIONE DEL PATRIIMONIIO PIANO PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI "CANELLITALY" - COMPARTO 1 RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA (articolo 37 del Decreto del Presidente della

Dettagli

DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE

DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE 1. VERIFICA DELLA RETE DI SMALTIMENTO DELLE ACQUE NERE Il centro di cure palliative hospice di Spicchio è allocato all interno di un fabbricato già esistente nel complesso

Dettagli

CALCOLO DEGLI IMPIANTI: IMPIANTO SMALTIMENTO ACQUE METEORICHE (art.29 D.P.R. 207/2010)

CALCOLO DEGLI IMPIANTI: IMPIANTO SMALTIMENTO ACQUE METEORICHE (art.29 D.P.R. 207/2010) Stazione appaltante Responsabile del procedimento Oggetto Prestazione COMUNE DI SAN MAURIZIO CANAVESE P.zza Martiri della Libertà, 1-10077 San Maurizio Canavese (To) tel. 011 9263211- fax 011 9278171 codice

Dettagli

S T U D I O I N G E G N E R I A S S O C I A T I

S T U D I O I N G E G N E R I A S S O C I A T I Oggetto: Piano Attuativo ex sceda norma 13.2-13.3 in variante Campaldo - via Pietrasantina La Porta Nuova Progetto Opere di Urbanizzazione Relazione tecnica descrittiva PREMESSA Il progetto delle opere

Dettagli

Esercizio per casa n 2: Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta. Elena Diamantini, matricola 197496

Esercizio per casa n 2: Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta. Elena Diamantini, matricola 197496 Esercizio per casa n 2: Riesame dei risultati del metodo razionale con due metodi di stima della pioggia netta. Elena Diamantini, matricola 197496 Scopo dell'esercizio è riesaminare la formulazione tradizionale

Dettagli

2) Determinazione della portata nera prodotta dall insedimanento scolasticoresidenziale

2) Determinazione della portata nera prodotta dall insedimanento scolasticoresidenziale COMUNE DI DESENZANO D/G PROVINCIA DI BRESCIA COMMITTENTE SOCIETÀ AGRICOLA TREZZA Studio idraulico preliminare per lo smaltimento delle acque reflue del piano integrato- PII Grezze RELAZIONE TECNICA GIUSTIFICATIVA

Dettagli

SOMMARIO. Dott. Ing. Silvia LUCIA

SOMMARIO. Dott. Ing. Silvia LUCIA SOMMARIO PREMESSA... 2 METODOLOGIA... 2 ANALISI NORMATIVA... 3 Norme dell Autorità di Bacino del Fiume Arno... 3 Norme del R.U. del Comune di Ponsacco... 4 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 6 STATO DEI LUOGHI...

Dettagli

Indice. 1.4 DIMENSIONAMENTO IDRAULICO... 11 1.5 CAMERE CON IDROVORE... 12 1.5.1 Volume vasca idrovore... 13 1.5.2 Pompe... 15

Indice. 1.4 DIMENSIONAMENTO IDRAULICO... 11 1.5 CAMERE CON IDROVORE... 12 1.5.1 Volume vasca idrovore... 13 1.5.2 Pompe... 15 Indice INDICE... 1 1. RETE DI SMALTIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE... 2 1.1 PREMESSA... 2 1.2 Stato di fatto dello scarico delle acque meteoriche... 3 1.3 IDROLOGIA... 4 1.3.1 Dati idrologici... 4 1.3.2

Dettagli

INDICE. 1 Premesse... 2. 2 Inquadramento territoriale... 3. 3 Il progetto delle opere... 5. 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5

INDICE. 1 Premesse... 2. 2 Inquadramento territoriale... 3. 3 Il progetto delle opere... 5. 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5 INDICE 1 Premesse... 2 2 Inquadramento territoriale... 3 3 Il progetto delle opere... 5 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5 3.2 Sistemazione dell area parcheggio commerciale...6 3.3 Interferenze e sistemazioni

Dettagli

Committente GIELLE COSTRUZIONI S.r.l. Via G. Galilei, 54 25068 Sarezzo (BS) COMPLESSO EDILIZIO PROGETTO CONVENZIONE LOTTO LIBERO 9 Via Monteverdi

Committente GIELLE COSTRUZIONI S.r.l. Via G. Galilei, 54 25068 Sarezzo (BS) COMPLESSO EDILIZIO PROGETTO CONVENZIONE LOTTO LIBERO 9 Via Monteverdi Comune di Concesio Provincia di Brescia Committente GIELLE COSTRUZIONI S.r.l. Via G. Galilei, 54 25068 Sarezzo (BS) COMPLESSO EDILIZIO PROGETTO CONVENZIONE LOTTO LIBERO 9 Via Monteverdi VERIFICHE DI COMPATIBILITÀ

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MANUFATTI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

RELAZIONE TECNICA MANUFATTI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PRIMA PIOGGIA COMUNE DI ROMA S.P.Q.R. DIPARTIMENTO IX III U.O. B50 MONTESTALLONARA LEGGE 18 APRILE 1962 n 167 PROGETTO DEFINITIVO 1 STRALCIO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA RELAZIONE TECNICA MANUFATTI DI TRATTAMENTO

Dettagli

Relazione idraulica per dimensionamento dei sistemi di smaltimento per nuovo parcheggio presso Pusterla 1880 s.p.a.

Relazione idraulica per dimensionamento dei sistemi di smaltimento per nuovo parcheggio presso Pusterla 1880 s.p.a. Incarico: Relazione idraulica per determinazione delle portate di pioggia e dimensionamento dei relativi sistemi di smaltimento delle precipitazioni dalle superfici scolanti del nuovo parcheggio. Committente:

Dettagli

COMUNE DI CASTEL DEL PIANO PROVINCIA DI GROSSETO OPERE DI RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE DI AREE DESTINATE

COMUNE DI CASTEL DEL PIANO PROVINCIA DI GROSSETO OPERE DI RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE DI AREE DESTINATE COMUNE DI CASTEL DEL PIANO PROVINCIA DI GROSSETO OPERE DI RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE DI AREE DESTINATE A INSEDIAMENTI PRODUTTIVI IN LOCALITA CELLANE, CON REALIZZAZIONE DI NUOVA INFRASTRUTTURA VIARIA DI

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Committente: Fondazione Conservatorio Fieschi Livello di Progetto: Titolo: COMUNE DI SESTRI LEVANTE REALIZZAZIONE DI NUOVO EDIFICIO AD USO CANTINA VINICOLA CON RISTORAZIONE E ALLOGGIO CUSTODE IN VARIANTE

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

ORGANISMO DI BACINO N 37

ORGANISMO DI BACINO N 37 ORGANISMO DI BACINO N 37 CONCESSIONE DI PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE E GESTIONE DELLA RETE DEL GAS METANO E CAVIDOTTO MULTISERVIZIO DEI CENTRI ABITATI DELLE AREE COMMERCIALI E PRODUTTIVE DEI COMUNI APPARTENENTI

Dettagli

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica

ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE. Normativa, procedure e modulistica ACQUE METEORICHE DI DILAVAMENTO E DI PRIMA PIOGGIA: NORME E SPECIFICHE TECNICHE Normativa, procedure e modulistica 1 ART. 39 D.Lgs 11 maggio 1999 n. 152 ART. 113 D.Lgs 3 aprile 2006 n. 152 Art.113 prevede

Dettagli

COMUNE DI NOLE (Capofila)

COMUNE DI NOLE (Capofila) COMUNE DI NOLE (Capofila) Provincia di Torino INTEGRZIONE CONNESSIONE CICLOPEDONLE LUNGO L FSCI FLUVILE STUDIO IDROLOGICO IDRULICO TRTTO DI CUNETT STRDLE INTUBT IN COMUNE DI CIRIE FRZIONE VSTLL * * * *

Dettagli