ANALISI NON DISTRUTTIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI NON DISTRUTTIVE"

Transcript

1 Materiali e Nuove Tecnologie ANALISI NON DISTRUTTIVE Le analisi non distruttive (AnD) consentono di conoscere le caratteristiche strutturali dei materiali sottoposti a indagine senza alterarne l integrità, mantenendo cioè intatta la loro funzionalità. Costituiscono lo strumento per poter diagnosticare in anticipo le cause di guasti e malfunzionamenti delle opere realizzate dall uomo. L ENEA ha sviluppato nel corso degli anni notevoli conoscenze nel settore delle analisi non distruttive di materiali e componenti di cui bisognava assicurare l integrità e l affidabilità, dato il valore (costo materiale, costo lavorazione) o i rischi ad essi connessi. L Ente dispone oggi di un gran numero di infrastrutture tecnologiche avanzate che utilizza, oltre che a scopo di ricerca, anche a supporto di industrie, società di servizio, operatori pubblici e privati impegnati in attività di innovazione tecnologica finalizzate al miglioramento dell efficienza di produzione e della qualità dei prodotti, alla sicurezza di esercizio di macchine e impianti, alla conservazione del patrimonio artistico, di quello edilizio e più in generale alla sicurezza nei confronti dell uomo e dell ambiente. La strumentazione e le competenze disponibili, in termini sia di metodologie utilizzate sia di capacità professionali, consentono di affrontare e sviluppare efficacemente attività di analisi di particolare complessità e innovazione. Disponendo di pressoché tutte le tecnologie oggi disponibili, l ENEA è in grado di affrontare, ad ampio spettro, le problematiche di controllo non distruttivo attraverso la ricerca e lo sviluppo di nuove soluzioni ricorrendo, ove necessario, anche all impiego di tecniche di analisi incrociate. I principali settori in cui l Ente impiega le analisi non distruttive sono: industriale civile salvaguardia del patrimonio artistico. Laboratorio analisi non distruttive del Centro Ricerche ENEA Casaccia (RM) 1

2 Settore industriale L ENEA fornisce servizi scientifico-tecnologici per la diffusione dei metodi di analisi non distruttive in settori industriali in cui siano coinvolti aspetti di sicurezza, per l'uomo e per l'ambiente, e di garanzia della qualità del prodotto. L Ente sviluppa sistemi per la diagnosi difettologica basati su metodi sia tradizionali sia innovativi, aventi caratteristiche di elevata affidabilità, che vengono utilizzati nella messa a punto dei processi di produzione, nei controlli di qualità del prodotto e per l'ispezione in servizio di componenti di impianto. Offre anche servizi di qualificazione del personale, di sistemi e di prodotti impiegati nelle AnD; allo scopo dispone di un archivio difettologico e di una corrispondente banca dati. L Ente partecipa a diversi progetti europei per lo sviluppo e l applicazione di metodologie e tecnologie diagnostiche avanzate. Le principali attività sono legate alle seguenti metodologie: esami visivi interferometria olografica liquidi penetranti correnti indotte radiografia termografia ultrasuoni ricerca fughe. Settore civile La conoscenza dello stato di degrado delle strutture edilizie e dei materiali che le costituiscono è di fondamentale importanza ai fini della corretta elaborazione di un progetto di recupero o mantenimento. L ENEA dispone di un centro di diagnostica strutturale dotato di strumentazione all avanguardia e di personale altamente qualificato per svolgere attività di controllo e diagnosi dello stato di conservazione di strutture edilizie, nonché di strumenti informatici di supporto alla progettazione di interventi di recupero e manutenzione. L Ente è in grado di eseguire: rilievi e mappature del degrado controlli non distruttivi o semidistruttivi su manufatti caratterizzazione statica e dinamica delle strutture monitoraggio ambientale e strutturale prospezioni geofisiche analisi e prove di laboratorio su materiali e componenti. Bunker radiografico del Centro Ricerche ENEA Trisaia (MT) dotato di: apparecchio radiografico kv/15 ma; potere penetrazione 120 mm Fe; sistema movimentazione: tubo x-y-z; sistema movimentazione oggetti: fino a 1000 kg Laboratorio mobile utilizzato per indagini ed acquisizioni in campo in ambito civile 2

3 Le tipologie di analisi che vengono effettuate sono: - rilievi fotogrammetrici - indagini termografiche - prospezioni radar - indagini ultrasoniche - monitoraggio strutturale - prove con martinetti piatti - prove ambientali. L Ente dispone anche di una unità mobile per svolgere indagini ed acquisizione di dati in campo e di strumenti informatici avanzati per il supporto alla diagnosi dello stato di fatto di patrimoni edilizi esistenti e per la gestione del processo manutentivo e di recupero. Salvaguardia del patrimonio artistico L'Italia possiede circa il 40% delle opere di valore artistico e storico di tutto il mondo. Ciò conferisce al nostro Paese una posizione di privilegio, ma nel contempo lo investe della grave responsabilità di tutelare adeguatamente tale inestimabile patrimonio. La salvaguardia delle opere d'arte, oltre a costituire un debito intellettuale nei confronti del resto del mondo, riveste fondamentale importanza per preservare e valorizzare una notevole risorsa economica derivante dal flusso turistico culturale. Da un ventennio l ENEA è impegnato in attività volte alla conoscenza, tutela e conservazione del patrimonio artistico e culturale del Paese. Partendo dal grande bagaglio tecnologico sviluppato in campi collegati all energia, l Ente ha iniziato, a fianco degli esperti del settore dei beni culturali, un processo di adattamento e orientamento delle proprie conoscenze tecnologiche alla nuova tipologia di domanda che da quel settore proveniva, sperimentando nel contempo nuove tecnologie analitiche. Laboratorio mobile per indagini in campo su opere d arte Oggi l ENEA mette a disposizione del Paese competenze avanzate, tecnologie analitiche altamente sofisticate, strutture di prova complesse, capacità di elaborazione e interpretazione dei risultati. Con esse l Ente effettua indagini e interventi per conto di organismi del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, di Enti locali, di istituzioni pubbliche e di privati o a scopo di ricerca nell ambito di programmi nazionali e internazionali con partner italiani e stranieri. L ENEA, oltre che nello sviluppo, si adopera anche nel trasferimento di tali tecnologie e conoscenze a tutti coloro che operano nel settore. Molti degli interventi che l ENEA opera nel settore dei beni culturali consistono o si basano su indagini diagnostiche finalizzate allo studio e alla salvaguardia di tali beni. 3

4 L Ente effettua: indagini sulla struttura delle opere caratterizzazione dei materiali utilizzati comprensione della tecnica costruttiva studi sulla genesi delle opere determinazione dello stato di conservazione individuazione dei fattori di danno e comprensione delle correlazioni causa-effetto. Le diagnosi condotte dall ENEA consentono, pertanto, non solo di suggerire interventi mirati per il restauro delle opere ma anche di dare un contributo alla conoscenza delle tecniche utilizzate dall artista e alla ricostruzione dei processi creativi del passato. Le tecniche necessarie per un intervento diagnostico sono molteplici e richiedono diverse competenze specialistiche. Raramente l applicazione di una singola tecnica diagnostica è in grado di fornire dati completi; quasi sempre bisogna ricorrere all utilizzo di più tecniche analitiche. Inoltre, per una corretta e completa interpretazione dei risultati è necessaria l elaborazione di modelli matematici e l'utilizzo di software sofisticati di trattamento ed elaborazione dei dati. L ENEA possiede queste risorse e le mette a disposizione del Paese. Gli interventi diagnostici che l Ente effettua riguardano: bronzi lapidei dipinti su tavola e tela affreschi e pitture murali ceramiche mosaici edifici e paramenti lapidei. Sino ad oggi sono stati effettuati circa 1000 interventi commissionati da Soprintendenze, Musei, Enti Locali, Fondazioni e privati. Per quanto riguarda i dipinti, sono state studiate alcune centinaia di opere su tela, tavola, affreschi ecc.; l'elevato numero di punti di misura (oltre 12 milioni) ha permesso di realizzare la più vasta banca dati a livello europeo sulle misure di fluorescenza ai raggi x per l'individuazione dei pigmenti utilizzati. Indagini mediante fluorescenza ai raggi x del Pontormo Certosa del Galluzzo 4

5 Metodologie di indagine Esami visivi Principio - Il metodo utilizza le onde elettromagnetiche nella banda del visibile e apparati di ripresa delle immagini al fine di rilevare anomalie superficiali o eseguire controlli dimensionali. Applicazioni - Rilevamento difetti di ossidazione, corrosione, erosione, impatto e criccatura su superfici esterne e interne (endoscopia). Laboratorio esami visivi. Profilometro laser Controlli dimensionali con telemetria optoelettronica, profilometria e rugosimetria laser. Interferometria olografica Principio - Controllo basato sul fenomeno di interferenza ottica che si verifica sovrapponendo due immagini di un oggetto illuminato da una sorgente monocromatica e coerente (luce laser), la cui superficie si deforma impercettibilmente, nella direzione di osservazione, quando gli viene imposta una sollecitazione. Consente di rilevare anomalie strutturali e funzionali di materiali e componenti. Può essere utilizzato su qualunque tipo di materiale. Applicazioni - Controlli strutturali di recipienti in pressione. Controllo della planarità delle superfici. Controllo dei difetti di scollamento in strutture sandwich e a nido d'ape. Analisi degli sforzi nei materiali. Liquidi penetranti Principio - Il metodo si fonda sulla capacità dei liquidi di penetrare per capillarità in piccole fessure, grazie alla bassa tensione superficiale. Esso consente di rivelare sottili discontinuità e difetti superficiali. Possono essere esaminati tutti i tipi di materiale ad eccezione di quelli porosi. Applicazioni Rilevamento di difetti di fabbricazione (giunti freddi, cricche da ritiro, criccature da tempra e di lavorazione meccanica) e di servizio (cricche da fatica, tensocorrosione ecc.). Controlli delle saldature e dei trattamenti termici dei metalli. Radiografia Principio - Quando i raggi x o γ (onde elettromagnetiche ad alta Dispositivo per analisi con liquidi penetranti energia) attraversano un oggetto, vengono assorbiti in funzione dello spessore e della densità della materia attraversata. La presenza di un anomalia di densità all interno dell oggetto è evidenziata dalla variazione di attenuazione di tali radiazioni. Il metodo è in grado di rilevare difetti di tipo volumetrico (vuoti, inclusioni) o planare (cricche). Scegliendo opportunamente l energia, è possibile ispezionare quasi tutti i materiali: i campi di applicazione risultano, pertanto, molto ampi. 5

6 Impianto Rx microfuoco con rilevatore tomografico Applicazioni Controllo di saldature, getti, prodotti stampati, fucinati, materiali plastici, compositi, componenti di costruzioni civili ecc. Per particolari applicazioni vengono utilizzati sistemi in grado di fornire un'alta definizione dell'immagine (sistemi radiografici microfuoco che consentono di rilevare difetti di pochi micron) o che consentono la ricostruzione di sezioni radiografiche dell'oggetto (tomografia assiale computerizzata). Termografia Principio - Il metodo si basa sul rilevamento delle onde elettromagnetiche nella banda dell'infrarosso emesse dai corpi in funzione della loro temperatura. Il test consiste nella misura della distribuzione superficiale di temperatura di un materiale a seguito di una sollecitazione di origine termica. Eventuali anomalie presenti in tale distribuzione sono indice di un possibile difetto. È in grado di rilevare anomalie strutturali e funzionali di materiali, componenti e strutture complesse. Può essere utilizzato su qualunque tipo di materiale con qualche difficoltà per i buoni conduttori. Applicazioni - In campo automobilistico per lo studio e la messa a punto di motori, lunotti termici, freni ecc. Nel settore siderurgico per la determinazione di profili termici di getti e dei rivestimenti refrattari dei forni. Nell edilizia, col vantaggio di tempi di indagine ridotti, consente di identificare la presenza di differenti materiali e di eventuali disomogeneità (tamponature, distacco di intonaci, presenza di impianti, presenza e diffusione umidità) negli immobili oggetto di analisi. Nel settore elettrico per la rilevazione di malfunzionamenti di componenti elettrici ed elettronici. Nel campo artistico per il rilevamento degli scollamenti negli affreschi e dei ripensamenti nei dipinti. In campo aeronautico per il controllo dei materiali compositi. Correnti indotte (eddy current) Principio - Il metodo si basa sull'analisi della perturbazione che un campo elettromagnetico, generato da correnti alternate, subisce quando interagisce con una anomalia, strutturale o geometrica, presente all'interno di materiali conduttori. Consente di rilevare difetti superficiali e sub-superficiali quali: cricche da ritiro, da fatica, da tensocorrosione ecc. Possono essere esaminati tutti i materiali conduttori, tipicamente i metalli. È possibile effettuare l analisi anche di parti in movimento (per es. di pezzi in uscita da macchinari quali laminatoi o trafile), garantendo sempre elevate sensibilità e affidabilità. Indagine termografica 6 Laboratorio correnti indotte. Sistema di controllo ZETEC

7 Applicazioni Controllo di anomalie nei materiali metallici (disomogeneità delle leghe e dei trattamenti termici). Rilevamento di difetti superficiali e subsuperficiali del tipo cricche, inclusioni ecc. Controllo di spessori di riporti sottili di materiali aventi caratteristiche di conduttività differenti. Controllo della riduzione di spessore causata da corrosione. Ultrasuoni Principio - Il metodo è basato sui fenomeni della riflessione e diffrazione che un'onda acustica ultrasonora subisce quando, viaggiando all'interno di un materiale, incontra un ostacolo alla sua propagazione. Consente di rilevare difetti anche profondi sia di tipo volumetrico (inclusioni e bolle) che planare (cricche e delaminazioni). Possono essere esaminati tutti i tipi di materiali purché compatti e a grana fine quali: metalli, plastiche, legno, compositi ecc. Applicazioni - Controllo difettologico di saldature, fusioni, laminati, fucinati, stampati, materiali compositi, plastici, ceramici. Caratterizzazione dei materiali. Misura delle caratteristiche elastiche dei materiali. Controllo di spessori. Ispezione subacquea di strutture off-shore. Controllo dell integrità strutturale di manufatti lapidei, in calcestruzzo, in legno. Ispezione di murature fino a 3 m di spessore. Definizione della resistenza meccanica del calcestruzzo e del suo tempo di maturazione tramite misure comparative. Verifica delle caratteristiche dell inerte. Sistema C-SCAN (microscopio acustico a scansione) ad ultrasuoni del Centro Ricerche ENEA di Brindisi Ricerca fughe Principio - La necessità di garantire la massima tenuta di un recipiente in pressione o sotto vuoto ha portato allo sviluppo di molte tecniche di controllo in grado di individuare la posizione e quantizzare l entità della fuga. Tali tecniche si basano sul principio che, in presenza di una discontinuità passante all interno di una parete che separa due ambienti a pressione differente, il fluido a pressione maggiore passa in quello a pressione minore. La rilevazione della perdita viene eseguita con varie metodologie: misura della caduta di pressione; liquidi a bassa tensione superficiale (bolle di sapone); rilevatori di alogeni; spettrometria di massa con elio (metodo con maggiore sensibilità). Applicazioni Impiego prevalente nell industria chimica, nucleare ed elettronica. Controlli di tenuta di serbatoi in impianti ad alto rischio; controllo delle reti di distribuzione di fluidi critici quali gas, petrolio; ricerca fughe nelle reti di distribuzione dell'acqua potabile e in impianti sotto vuoto. 7

8 Archivio difettologico L'archivio difettologico ENEA è formato da un parco di componenti e simulacri di impianti contenenti difetti artificiali e naturali, precedentemente caratterizzati, e da una banca dati che custodisce le caratteristiche dei materiali, le procedure di ispezione ed i risultati degli esami. L'archivio costituisce, insieme alla strumentazione di controllo, un'ideale palestra di addestramento per la formazione di operatori di analisi non distruttive. Esame ultrasonoro su un simulacro Rilievi fotogrammetrici dell archivio difettologico Principio - La fotogrammetria, eseguita mediante il rilievo topografico, la digitalizzazione, il raddrizzamento (secondo un modello matematico) e la restituzione delle immagini, permette l'acquisizione delle dimensioni geometriche e di tutte le informazioni (per es. particolari costruttivi quali mattoni, infissi, pietre, malta ecc.) relative alla struttura esaminata. Applicazioni - Identificazione dettagliata e completa di strutture edilizie e, in particolare: planimetria, sezioni, prospetti, ricostruzione 3D, tematizzazione dei materiali e analisi del degrado dell'edificio. Prospezione radar Principio - Metodologia di indagine geofisica applicabile a qualsiasi mezzo denso a bassa conducibilità (in particolare a sottosuolo, manufatti, strutture murarie ecc.), che consente l acquisizione di informazioni della struttura interna del mezzo indagato. Il radar è un apparecchiatura ricetrasmittente in grado di inviare impulsi elettromagnetici e di ricevere l eco riflesso dalle superfici di discontinuità di materiali a differente caratteristica dielettrica presenti all interno del mezzo indagato (stratificazioni di materiali, fratturazioni, cavità ecc.). Particolari caratteristiche distintive della metodologia: velocità di esecuzione, elevata probabilità di rilevazione degli oggetti nascosti, elevata risoluzione e precisione di localizzazione. Applicazioni - Prospezioni nel sottosuolo per: la ricerca di preesistenze archeologiche; l individuazione e mappatura delle reti dei sottoservizi; la ricerca di cavità superficiali. Studio della consistenza di murature di grosso spessore. Rilievo dello stato di usura delle pavimentazioni stradali. Rilievo dell omogeneità e della presenza dei ferri di armatura nelle strutture in calcestruzzo. Prospezione georadar Monitoraggio strutturale Il monitoraggio delle strutture viene eseguito per verificarne il comportamento nel tempo. Mediante periodi brevi di monitoraggio si caratterizza la struttura in tempo reale (generalmente con sollecitazioni imposte) oppure si analizza la risposta della struttura durante il suo normale ciclo di vita (generalmente basandosi sui microsismi locali). Spesso, in mancanza di sufficienti sollecitazioni esterne, vengono utilizzati sistemi diversi per imprimere sollecitazioni alle strutture sottoposte ad indagine. L ENEA effettua: Misure accelerometriche Principio - L analisi può essere eseguita sia registrando direttamente la risposta alle sollecitazioni di esercizio (microsismi dovuti al traffico), sia sottoponendo la struttura a vibrazioni forzate, utilizzando un martello strumentato o una vibrodina e registrandone la risposta. I dati sperimentali acquisiti dagli accelerometri, collocati in determinati punti della struttura, vengono elaborati mettendo in relazione i valori di sollecitazione impressi con i valori di risposta della struttura, correlati con codici di calcolo a elementi finiti. 8

9 Misure con trasduttori di spostamento Principio - L analisi viene eseguita registrando con trasduttori di spostamento la risposta alle sollecitazioni di esercizio (microsismi) e le variazioni di essa nel tempo, in determinati punti della struttura dove sono previste le massime deformazioni. I dati acquisiti vengono elaborati mettendo in relazione i valori di sollecitazione impressi alla struttura con i valori di risposta delle deformazioni e/o fratture, correlati con codici di calcolo a elementi finiti. Misure estensimetriche Principio - Dopo aver effettuato un adeguato rilievo del manufatto da esaminare e definito lo schema statico della struttura, si provvede alla definizione del quadro fessurativo e delle eventuali anomalie geometriche presenti. Nella rappresentazione del quadro fessurativo si riportano le indicazioni relative alla distanza fra i lembi interni delle lesioni e le direzioni principali degli spostamenti relativi (traslazioni nelle tre direzioni principali e le tre rotazioni). Tali dati vengono rilevati attraverso l utilizzo di trasduttori elettrici che trasformano variazioni di lunghezza in variazioni di resistenza e quindi di differenza di potenziale (Volt), facilmente misurabili. Tali dispositivi, opportunamente posizionati e protetti, consentono la registrazione analogica in continuo del movimento della lesione. Al termine della definizione del quadro fessurativo, si interpretano i risultati ottenuti al fine di valutare la presenza di un eventuale stato di dissesto strutturale con le relative cause. Misure di forza Principio - I dati sperimentali acquisiti dai trasduttori di forza, collocati in determinati punti della struttura, vengono elaborati mettendo in relazione i valori di sollecitazione impressi con i valori di risposta della struttura, correlati con codici di calcolo a elementi finiti. I trasduttori di forza misurano compressione, trazione e forze di impatto in applicazioni da laboratorio o industriali. Applicazioni - Caratterizzazione dinamica e rilievo di fratture e/o deformazioni su edifici e monumenti sottoposti a vibrazioni dovute a traffico urbano, ferroviario di superficie e in galleria. Risposta reale degli edifici e dei monumenti a un eventuale evento sismico. Degrado strutturale dei manufatti nel tempo. Validazione di calcoli strutturali. Prove con martinetti piatti Principio - Le prove con martinetti piatti vengono eseguite in situ in due fasi distinte. Nella prima fase viene utilizzato un solo martinetto per valutare lo stato di sollecitazione. Individuati due punti di riferimento posti sulla superficie della muratura, si esegue un taglio che provoca un rilascio delle tensioni nella muratura e un conseguente ravvicinamento dei lembi del taglio. Misurata la nuova distanza tra i due punti (inferiore a quella precedente), si inserisce all interno del taglio un martinetto piatto. La pressione esercitata dal martinetto per riportare al valore iniziale la distanza tra i due punti di riferimento rappresenta la Prova con martinetti piatti sollecitazione preesistente nella muratura. Nella seconda fase si inserisce parallelamente al primo un secondo martinetto in modo da delimitare un campione di muratura di dimensioni apprezzabili da sottoporre a sollecitazione monoassiale. Il campione consente, attraverso la contemporanea misura delle deformazioni e delle pressioni esercitate dai martinetti, di determinare i valori del modulo di deformabilità per diversi livelli di sollecitazione. Il carico applicato alla muratura dai due martinetti può essere progressivamente incrementato sino all insorgere delle prime lesioni in modo da determinarne la resistenza a compressione. Applicazioni - Determinazione dei parametri di deformabilità e resistenza della muratura nel suo complesso: compressione verticale esistente; modulo elastico in direzione verticale e orizzontale; resistenza a compressione. 9

10 Prove ambientali Le prove ambientali consentono di stabilire l affidabilità e le prestazioni nel tempo di materiali e componenti esposti a particolari condizioni ambientali. L ENEA dispone, a tale scopo, delle seguenti camere climatiche, tutte conformi alle normative CE e gestite da PC in ambiente Windows con l utilizzo di un software di acquisizione, visualizzazione e gestione dei dati di prova: camera climatica per prove di gelività camera climatica per prove ambientali camera umidostatica camera per prove di dry corrosion. Camera climatica per prove di gelività Camera umidostatica 10

11 Controllo automatico con correnti indotte delle saldature laser dei coperchi dei superconduttori delle bobine della macchina per fusione ITER effettuate presso RTM (TO): 1) sezione della bobina ITER; 2) strumento e.c.; 3) braccio antropomorfo; 4) testa di misura Prototipo del sistema di controllo di produzione (con correnti indotte) di tubi di alluminio durante il funzionamento in linea sull'impianto di Porto Vesme (CA) Esempi di interventi Settore industriale Controllo con correnti indotte delle saldature laser dei coperchi dei superconduttori delle bobine della macchina per fusione ITER (International Thermonuclear Experimental Reactor) - Le prove, condotte all'rtm di Vico Canavese (TO) ed all'ansaldo di Genova, hanno mostrato un'elevata affidabilità del controllo. Sono stati collaudati 1500 metri di saldatura laser. Controllo con correnti indotte in linea di produzione di tubi di alluminio di piccolo diametro e piccolo spessore, destinati all'impiego nell'industria frigorifera, ai quali viene richiesta l'assenza di difetti sull intera lunghezza. Il sistema di controllo è stato progettato, realizzato e montato in linea di produzione alla ALURES di Porto Vesme (CA). Controllo in linea di saldature laser su lamiere di acciaio con un sistema automatico ultrasonoro - Nell'ambito di una commessa del Progetto FASP (Flexible Automation in Ship Prefabrication) riguardante lo studio di fattibilità per un sistema di controllo di saldature laser su lamiere navali di acciaio eseguite dalla Fincantieri di Trieste è stato progettato, realizzato e qualificato un sistema automatico di controllo ultrasonoro basato sulla tecnica TOFD (Time Of Flight Diffraction). Controllo automatico della usura dei cavi di trazione elettrica ferroviaria con tecniche di telerilevamento - In collaborazione con MER-MEC di Bari e l'ente Ferrovie è stato progettato e provato in laboratorio un sistema di controllo automatico in grado di lavorare a distanza di sicurezza dai cavi di alimentazione senza, pertanto, richiedere l'interruzione del servizio. Prototipo del sistema automatico ultrasonoro messo a punto per il controllo in linea di saldature laser su lamiere di acciaio durante prove in laboratorio 11

12 Determinazione di difetti in protesi in materiale ceramico e dell integrazione nei tessuti biologici - La radiografia microfuoco, accoppiata con l elaborazione delle immagini e la tomografia, ha permesso di stabilire: la presenza di difetti in protesi in materiali bio-compatibili (zirconia, titanio ecc.); l aderenza tra protesi e interfaccia; l assorbimento della protesi nella struttura ossea. Ispezione di palette di turbina per uso aeronautico - L analisi, effettuata (per conto di un industria nazionale) in tempo reale mediante radiografia microfuoco, digitalizzazione delle immagini, verifica dei difetti in banca dati, analisi dimensionale dei fori di lubrificazione o raffreddamento, si è dimostrata un valido supporto per la qualifica di componenti vitali per la sicurezza dell aereo. Messa a punto di metodi di controllo di scambiatori di calore di nuova generazione Il progetto Bayhex prevede l utilizzo di controlli incrociati (radiografici, topografici e con ultrasuoni) per rilevare difetti molto piccoli (50-70 mm) su tali scambiatori che utilizzano tubi in materiali ceramici (es.: carburo di silicio, SiC). Visualizzazione di cricche artificiali su tubo in carburo di silicio (SiC) Visualizzazione della sezione trasversale di una cricca artificiale su tubo in carburo di silicio (SiC) 12

13 Settore civile Indagini non invasive del sottosuolo con prospezione radar per l individuazione di una antica fontana in pietra di forma circolare - Cattedrale di S. Sabino e Mausoleo di Boemondo d Altavilla - Canosa di Puglia (BA) - L indagine era diretta alla ricerca di una fontana in pietra, presumibilmente di forma circolare, risalente al periodo romano imperiale. Le informazioni storiche in possesso dell ufficio tecnico comunale davano solo una vaga indicazione circa la dislocazione e la profondità nel sottosuolo del reperto, per cui è stato necessario scansionare un area di terreno assai più estesa rispetto alle dimensioni del reperto stesso. Al disotto del piano strada, a una profondità compresa tra 40 e 400 cm, nessuna fra tutte le scansioni radar effettuate ha rilevato la presenza di un oggetto identificabile con la fontana, oggetto di ricerca. Indagini non invasive con prospezione radar per l individuazione di strutture e cunicoli ubicati nelle mura del Castello Svevo - Bari - Le indagini conoscitive erano dirette all individuazione e caratterizzazione di strutture, cavità e cunicoli presenti all interno delle mura del Castello Svevo di Bari, in particolare alla base del fossato che circonda il castello. Le attività di prospezioni geofisiche condotte sono state volte al ritrovamento dei corridoi di contramina ubicati nelle mura del castello (cortine Ovest, Sud, Est), e di eventuali strutture di epoca sveva. Indagini conoscitive per il recupero urbano: due esempi nel Comune di Rotondella (MT) - Palazzo D Alessandro e Mercato Coperto - La campagna sperimentale è stata effettuata nell ambito di un accordo di collaborazione stipulato con il comune di Rotondella. Si è deciso di intervenire su due edifici: il Palazzo D Alessandro e l ex Mercato Coperto, entrambi parzialmente utilizzati con conseguente degrado. I due manufatti sono ubicati nel centro storico; il primo, Palazzo D Alessandro, è un edificio del XVIII sec. realizzato in muratura irregolare con copertura a volta al piano terra e solai lignei ai piani superiori. Il secondo, l ex Mercato Coperto, è stato realizzato nei primi anni 70 del secolo scorso ed è costituito da una struttura in cemento armato con tamponatura in laterizio faccia a vista. Le analisi, finalizzate alla conoscenza del sito e all individuazione e mappatura del degrado, sono state condotte tramite rilievo topografico, rilievo fotogrammetrico, analisi termografica e dei materiali. 13

14 a b c d Intervento sul Palazzo d Alessandro di Rotondella (MT): a - Immagine del prospetto del palazzo realizzata con macchina metrica b - Immagine raddrizzata con metodo analitico tramite punti di controllo c - Prospetto elaborato al CAD mediante il rilievo topografico diretto e la restituzione vettoriale fotogrammetrica con l analisi dello stato attuale del degrado d - Prospetto con individuazione dei materiali 14

15 Salvaguardia del patrimonio artistico Il gigante dell'appennino, statua del Giambologna realizzata con struttura mista in pietra, laterizi e ferro - Intervento effettuato per la Sopraintendenza per i beni Ambientali ed Architettonici delle province di Firenze e Pistoia, con tecniche endoscopiche, eddy current e termografiche. Esso ha consentito di rilevare danneggiamenti a superfici e intonaci, di definire l'impianto idrico originario e di studiare il sistema di ancoraggi e tiranti in ferro che sostengono la testa aggettante. La Chimera d'arezzo, bronzo etrusco del IV Gigante dell Appennino del Giambologna secolo a.c. - Intervento effettuato sotto il patrocinio della Sopraintendenza Archeologica della Toscana, con tecniche endoscopiche, eddy current, termografiche, olointerferometriche e di fluorescenza Rx. Esso ha contribuito alla valutazione più accurata della datazione dell'opera, ha messo in luce la tessitura delle armature in ferro interne alla fusione, le disomogeneità della lega costituente la statua, gli assottigliamenti locali di spessore e l'estensione delle cricche propagantesi dal vistoso rattoppo sul fianco sinistro Vista del lato destro della Chimera d Arezzo riportante le indicazioni delle anomalie rilevate 15

16 Chiostro di S. Chiara Chiostro di S. Chiara di Primario Gagliardo ( ) - Napoli - Indagine eseguita mediante l infrarosso termico nel tentativo di evidenziare precocemente il deterioramento delle maioliche costituenti il rivestimento del chiostro dovuto allo sviluppo di licheni al di sotto dell invetriatura. Le immagini registrate sono state elaborate con opportuno software allo scopo di esaltarne il contrasto. L indagine ha permesso di evidenziare alcuni distacchi dell invetriatura non altrimenti visibili. Amore sacro e amore profano, dipinto di Tiziano Vecellio del Roma, Galleria Borghese - In occasione del restauro del dipinto la Soprintendenza ai Beni Artistici e Storici di Roma ha proceduto alla raccolta del maggior numero di informazioni possibili relative alle caratteristiche tecniche ed esecutive dell opera. L intervento ENEA si collocava in tale prospettiva ed era finalizzato soprattutto allo studio mediante fluorescenza x di alcune patine brune di dubbia interpretazione soprastanti le campiture verdi. Il dipinto Amore sacro e amore profano di Tiziano durante le analisi mediante fluorescenza ai raggi x UNITÀ TECNICO-SCIENTIFICA MATERIALI E NUOVE TECNOLOGIE ENEA - Centro Ricerche Casaccia - Via Anguillarese, S. Maria di Galeria (Roma) Tel Fax

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations Technical Advisory Analysis and Structural investigations Dalla gestione del rischio alla creazione di valore Analysis and Structural investigations Testing, Diagnosi, Analisi Valueconsult svolge un servizio

Dettagli

Monitoring, Testing & Structural engineering

Monitoring, Testing & Structural engineering Monitoring, Testing & Structural engineering Indagini strutturali e prove diagnostiche Monitoraggio dinamico di edifici e infrastrutture Verifica di vulnerabilità sismica di edifici esistenti Analisi e

Dettagli

MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO

MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO DUOMO DI MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO a cura della Veneranda Fabbrica del Duomo, della Soprintendenza e con la collaborazione scientifica di EniTecnologie Il Duomo di Milano, un opera d arte

Dettagli

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA PROGRAMMA DEL CORSO Indagine Sclerometrica: determina la durezza

Dettagli

PROJECTdfp. è e rimane qui per far tornare a volare L AQUILA

PROJECTdfp. è e rimane qui per far tornare a volare L AQUILA PROJECTdfp è e rimane qui per far tornare a volare L AQUILA Sodalizio nato nel 2002 come studio professionale, con sede a L Aquila, PROJECT dfp opera nel campo dell'ingegneria offrendo tutti i servizi

Dettagli

Indagini non distruttive su Strutture in CLS, Muratura e Materiali Lapidei

Indagini non distruttive su Strutture in CLS, Muratura e Materiali Lapidei CONTROLLI INNOVATIVI PER LA COSTRUZIONE E LA MANUTENZIONE DI COMPONENTI MECCANICI ED OPERE INFRASTRUTTURALI Indagini non distruttive su Strutture in CLS, Muratura e Materiali Lapidei Angelo Tatì Laboratorio

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Conoscere l'arte per conservare l'arte:

Conoscere l'arte per conservare l'arte: Conoscere l'arte per conservare l'arte: Indagini diagnostiche per i Beni Culturali Le opere d'arte sono oggetti unici e irripetibili e come tali vanno trattate. Conoscerne le fenomenologie di degrado e

Dettagli

2.1 Caratteristiche dei controlli non distruttivi

2.1 Caratteristiche dei controlli non distruttivi I controlli non distruttivi 2.1 Caratteristiche dei controlli non distruttivi In questo capitolo sono descritte in generale le caratteristiche dei controlli non distruttivi, con particolare attenzione

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Strutture in muratura soggette ad azioni sismiche. Indagini e livelli di conoscenza (2)

Strutture in muratura soggette ad azioni sismiche. Indagini e livelli di conoscenza (2) Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2013 2014 Strutture in muratura soggette ad azioni sismiche. Indagini e livelli di conoscenza (2) Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria - Università di

Dettagli

Dr.ssa Roberta Giorio. CMR SRL - Laboratorio di Analisi e Prove in Edilizia E di Diagnostica per il Restauro

Dr.ssa Roberta Giorio. CMR SRL - Laboratorio di Analisi e Prove in Edilizia E di Diagnostica per il Restauro Dr.ssa Roberta Giorio CMR SRL - Laboratorio di Analisi e Prove in Edilizia E di Diagnostica per il Restauro Laboratorio Accreditato ACCREDIA N 1035 Iscritto all Anagrafe Nazionale delle Ricerche del MIUR

Dettagli

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive I materiali I materiali Introduzione al corso Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza Le prove meccaniche distruttive La meccanica dei materiali 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi

Dettagli

Indagini termografiche

Indagini termografiche Indagini termografiche informazioni sintetiche sulle possibili applicazioni in ambito edile, impiantistico ed industriale Servizi di Termografia dbabitat srl fornisce il servizio di analisi, indagine e

Dettagli

Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG)

Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG) Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG) Metodo di indagine termografica La termografia all'infrarosso è una particolare tecnica telemetrica in grado di determinare, con notevole risoluzione

Dettagli

LA TERMOGRAFIA. Strumenti di misura Servizi Formazione

LA TERMOGRAFIA. Strumenti di misura Servizi Formazione LA TERMOGRAFIA La termografia IR è una tecnica di indagine non distruttiva (non sussistono alterazioni in seguito alla verifica) e non invasiva (non vi è contatto tra attrezzatura e oggetto da esaminare),

Dettagli

Monitoraggio METODI DI SPERIMENTAZIONE. Imetodi di sperimentazione possono consistere in metodi di controllo

Monitoraggio METODI DI SPERIMENTAZIONE. Imetodi di sperimentazione possono consistere in metodi di controllo Per monitorare il comportamento strutturale di ponti e viadotti durante l intero ciclo della vita utile, è sempre più frequente il ricorso alla sperimentazione attraverso controlli non distruttivi e prove

Dettagli

Le analisi e gli interventi sul patrimonio edilizio esistente t in calcestruzzo armato e in muratura

Le analisi e gli interventi sul patrimonio edilizio esistente t in calcestruzzo armato e in muratura Le analisi e gli interventi sul patrimonio edilizio esistente t in calcestruzzo armato e in muratura Le Nome Tecniche per le Costruzioni Le linee guida che conducono alla formulazione di un giudizio diagnostico

Dettagli

Controlli Non. Distruttivi Ultrasuoni. (Non Destructive Testing) MaGyc Innovation in Engineering GPTI. Gruppo Professionale Tecnica / Industria

Controlli Non. Distruttivi Ultrasuoni. (Non Destructive Testing) MaGyc Innovation in Engineering GPTI. Gruppo Professionale Tecnica / Industria Controlli Non Distruttivi Ultrasuoni (Non Destructive Testing) sia GPTI Gruppo Professionale Tecnica / Industria MaGyc Innovation in Engineering Ultrasuoni Teoria Ultrasuoni Suono la cui frequenza è al

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

Rilievi Termometrici. Nuove Tecnologie per l Ingegneria. e monitoraggi manutentivi. Funaro Ingegneria Ing. Giuseppe Funaro Cosenza (CS)

Rilievi Termometrici. Nuove Tecnologie per l Ingegneria. e monitoraggi manutentivi. Funaro Ingegneria Ing. Giuseppe Funaro Cosenza (CS) Rilievi Termometrici e monitoraggi manutentivi Nuove Tecnologie per l Ingegneria g Studio Tecnico Rende (CS) Funaro Ingegneria Ing. Giuseppe Funaro Cosenza (CS) 2 Perchè conviene monitorare agli infrarossi

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

Introduzione PROVA SCLEROMETRICA

Introduzione PROVA SCLEROMETRICA PROVA SCLEROMETRICA Introduzione Nella pratica edilizia e dell ingegneria civile, la stima della qualità del calcestruzzo è necessaria, sia per i controlli di qualità dei nuovi edifici che per indagini

Dettagli

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA Pag. 1 di 1 PROVA ULTRASONICA 1. Descrizione e scopo della prova. Le cosiddette prove ad ultrasuoni di "trasparenza" si eseguono nell'ambito dei controlli non distruttivi per la determinazione delle caratteristiche

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

MANUALE D'USO. Strutture in fondazione. Strutture secondarie. Travi di fondazione. Solai in latero-cemento SOMMARIO

MANUALE D'USO. Strutture in fondazione. Strutture secondarie. Travi di fondazione. Solai in latero-cemento SOMMARIO SOMMARIO MANUALE D'USO... 2 Strutture in fondazione... 2... 2... 2... 2 MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 Strutture in fondazione... 3... 3... 4... 4 PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 6 Strutture in fondazione...

Dettagli

Attualmente M.D.D. SRL ha personale qualificato per i seguenti controlli non distruttivi:

Attualmente M.D.D. SRL ha personale qualificato per i seguenti controlli non distruttivi: PRESENTAZIONE DEI CND Le tecniche di controllo non distruttivo trovano larga applicazione su semilavorati, prodotti e strutture di qualsiasi forma e dimensione. Lo scopo è quello di controllarne l'integrità

Dettagli

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica Prove dinamiche e metodi sonici per la determinazione della capacità portante e la verifica in sito dell integrità del materiale costitutivo di diaframmi in c.a. La descrizione seguente dettaglia sulle

Dettagli

INDICE. Premessa, XII

INDICE. Premessa, XII INDICE Premessa, XII 1. Prestazioni dei materiali e progetto, 3 1.1 Comportamento meccanico, 6 1.2 Azione dell ambiente, 6 1.3 Vita di servizio e durabilità, 11 1.4 Prevenzione del degrado, 16 1.5 Restauro,

Dettagli

INDAGINI DIAGNOSTICHE

INDAGINI DIAGNOSTICHE INDAGINI DIAGNOSTICHE ESEMPIO DI SCHEDE OPERATIVE 1. Report di sopralluogo 2. Minute: rilievo armature prove sclerometriche prelievo carote prelievo barre di armature indagini soniche diagnostica manufatti

Dettagli

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR Indice - Premessa - Indagine termografica - Documentazione Fotografica e IR Premessa La caratterizzazione fisico-meccanica dei materiali costituenti un manufatto è indispensabile per stabilire un appropriato

Dettagli

Ampliamento del cimitero comunale di Castelmartini loc. Castelmatini, via Cecinese

Ampliamento del cimitero comunale di Castelmartini loc. Castelmatini, via Cecinese SOMMARIO MANUALE D'USO... 1 Strutture in fondazione... 1 Travi di fondazione in c.a... 1 Strutture di elevazione... 1 Travi in c.a.... 1 Pilastri in c.a.... 1 Strutture secondarie... 1 Solai in latero-cemento...

Dettagli

Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze

Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze Piero G. Squizzato Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze Nell automazione l elemento fondamentale è una precisa e affidabile misura delle variabili fisiche e chimiche, identificanti

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

Misura della profondità di carbonatazione

Misura della profondità di carbonatazione Controllo tecnico della qualità delle costruzioni Strutture edifici esistenti La valutazione della sicurezza e la progettazione degli interventi su edifici esistenti è caratterizzata da un grado di incertezza

Dettagli

TERMOCAMERA ANALISI TERMOGRAFICA

TERMOCAMERA ANALISI TERMOGRAFICA TERMOCAMERA Una telecamera termografica a infrarossi (o termocamera) è uno strumento che rileva a distanza l'energia termica (infrarossa) e la converte in immagini fotografiche o video, fornendo al contempo

Dettagli

riabilitazione delle strutture

riabilitazione delle strutture riabilitazione delle strutture Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali Orientamento: Strutture e Rischio Sismico Crediti formativi: CFU 6 Docente: Gianmarco

Dettagli

LA TERMOGRAFIA SPETTRO ONDE ELETTROMAGNETICHE

LA TERMOGRAFIA SPETTRO ONDE ELETTROMAGNETICHE SPETTRO ONDE ELETTROMAGNETICHE La radiazione elettromagnetica è un mezzo di trasmissione dell energia sotto forma di onde aventi entrambe le componenti elettriche e magnetiche. La sequenza ordinata delle

Dettagli

MONITORAGGIO TRAMITE SISTEMA A FIBRE OTTICHE SU PONTI O VIADOTTI IN C.A. O IN C.A.P. DI NUOVA REALIZZAZIONE

MONITORAGGIO TRAMITE SISTEMA A FIBRE OTTICHE SU PONTI O VIADOTTI IN C.A. O IN C.A.P. DI NUOVA REALIZZAZIONE Solutions and Innovations for Structural Monitoring SISMLAB s.r.l. Spin-Off Università della Calabria Via Pietro Bucci - 87036 Rende (CS) ITALY Tel. : 0984 447093 --- Fax: 0984 447093 E-mail: info@sismlab.it---internet:

Dettagli

L ECCELLENZA NEI CONTROLLI NON DISTRUTTIVI

L ECCELLENZA NEI CONTROLLI NON DISTRUTTIVI L ECCELLENZA NEI CONTROLLI NON DISTRUTTIVI TOMOGRAFIA INDUSTRIALE M. Reggiani - M. Moscatti TEC Eurolab Srl - Campogalliano (MO) Nel 1979 l'ingegnere inglese Godfrey Hounsfield e il fisico sudafricano

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

Sviluppo di tecniche innovative per l ispezione non distruttiva di componenti. Dipartimento di Ingegneria Chimica Gestionale Informatica Meccanica

Sviluppo di tecniche innovative per l ispezione non distruttiva di componenti. Dipartimento di Ingegneria Chimica Gestionale Informatica Meccanica 24 novembre 2015 Sviluppo di tecniche innovative per l ispezione non distruttiva di componenti Prof.ssa Donatella CERNIGLIA Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica OUTLINE

Dettagli

Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE

Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE Monitoring, Testing & Structural engineering Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE MTS Engineering S.r.l. è una società di servizi per l ingegneria specializzata nell esecuzione di prove su materiali,

Dettagli

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO FUNZIONALE DEI LOCALI GIA OCCUPATI DALLA BIBLIOTECA REGIONALE DI MESSINA

PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO FUNZIONALE DEI LOCALI GIA OCCUPATI DALLA BIBLIOTECA REGIONALE DI MESSINA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO FUNZIONALE DEI LOCALI GIA OCCUPATI DALLA BIBLIOTECA REGIONALE DI MESSINA CAPITOLATO PRESTAZIONALE CAMPAGNA DI INDAGINI DI IDENTIFICAZIONE GEOMETRICO-STRUTTURALE

Dettagli

Statica per l edilizia storica

Statica per l edilizia storica Statica per l edilizia storica Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Architettura A.A. 2013-2014 Prof. ing. Antonio Cazzani, Dr. ing. Flavio Stochino antonio.cazzani@unica.it

Dettagli

Realizzazione di una scala antincendio in acciaio

Realizzazione di una scala antincendio in acciaio INTRODUZIONE Il piano di manutenzione è il documento complementare al progetto esecutivo che prevede, pianifica e programma, tenendo conto degli elaborati progettuali esecutivi effettivamente realizzati,

Dettagli

Nell ambito delle attività di

Nell ambito delle attività di Le indagini diagnostiche per il consolidamento strutturale delle sponde dei rii di PIER PAOLO ROSSI Nell ambito delle attività di manutenzione ordinaria e straordinaria del progetto integrato rii promosso

Dettagli

Introduzione alla termografia

Introduzione alla termografia Introduzione alla termografia La TERMOGRAFIA IR è una tecnica diagnostica assolutamente non distruttiva che, misurando la radiazione infrarossa emessa da un corpo, è in grado di determinarne la temperatura

Dettagli

Premessa Perché una Analisi Energetica

Premessa Perché una Analisi Energetica AUDIT ENERGETICO LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CON L AUSILIO DELLE ANALISI TERMOGRAFICHE PER INDIVIDUARE SOLUZIONI DI RISPARMIO ENERGETICO E DI RISPARMIO DELLE MANUTENZIONI Premessa Perché

Dettagli

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA 1. Introduzione Ogni indagine storica operata su di un manufatto storico è imprescindibile da un corretto ed accurato rilievo, in particolar modo quando

Dettagli

Progettazione preliminare previa verifica statica della Scuola Elementare Materna M. Morleo - Avetrana PREMESSA... 2 1. METODOLOGIA DI STUDIO...

Progettazione preliminare previa verifica statica della Scuola Elementare Materna M. Morleo - Avetrana PREMESSA... 2 1. METODOLOGIA DI STUDIO... INDICE PREMESSA... 2 1. METODOLOGIA DI STUDIO... 4 1.1 Introduzione... 4 1.2 Analisi metodologica.... 4 2. OPERAZIONI COMPLETATE... 9 2.1 Indagine storica.... 9 2.2 Rilievo geometrico... 10 2.3 Esame visivo

Dettagli

INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI

INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI Il presente documento contiene due schede (e relativi allegati e istruzioni) predisposte per un "rilievo a vista" dei materiali

Dettagli

Installazione e spostamento dell attrezzatura entro 50 km 105,00 84,00

Installazione e spostamento dell attrezzatura entro 50 km 105,00 84,00 N ordine Descrizione dell articolo Unità di misura Prezzo unitario ( ) GEORADAR Esecuzione di indagine georadar lungo percorsi longitudinali, con assetto di investigazione tramite antenna singola, di opportuna

Dettagli

Piccoli oggetti Risoluzione geometrica

Piccoli oggetti Risoluzione geometrica Piccoli oggetti Risoluzione geometrica Strumenti utili per la CERTIFICAZIONE ENERGETICA La TERMOFLUSSIMETRIA SI BASA SULLA LEGGE DEL TRASFERIMENTO DI CALORE LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: UNI EN 9252 NOV.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE RELAZIONE TECNICA GENERALE - Premessa Il Peu n. 16 è costituito da un unico sottoprogetto e consta catastalmente di due unità immobiliari ubicate in via Borgo da Piedi: 1. Fg. 20, P.lla 1069, Piano S-T-1,

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Napoli Programma Operativo Interregionale

Dettagli

Programmazione modulare di Tecnologia Meccanica Classe: 5^ Meccanica e Meccatronica Tempo previsto: 132 h/annuali

Programmazione modulare di Tecnologia Meccanica Classe: 5^ Meccanica e Meccatronica Tempo previsto: 132 h/annuali ITI M. FARADAY A.S. 201-2015 Programmazione modulare di Tecnologia Meccanica Classe: 5^ Meccanica e Meccatronica Tempo previsto: 132 h/annuali Prof. Giordano Cecchetti Prof. Salvatore Di Novo 1 N modulo

Dettagli

Norme sull alluminio vigenti in Italia. (aggiornamento al 29 aprile 2008)

Norme sull alluminio vigenti in Italia. (aggiornamento al 29 aprile 2008) Nelle tabelle seguenti riportiamo gli elenchi delle norme vigenti in Italia sull alluminio e sui trattamenti superficiali di verniciatura e di ossidazione anodica. L associazione non può rilasciare alcuna

Dettagli

Una giovane società con decenni di esperienza

Una giovane società con decenni di esperienza Una giovane società con decenni di esperienza Una giovane società con decenni di esperienza Servizi alle imprese e ai privati: Consulenze 3 Livello PnD: in ambito General Industry in ambito Aeronautico

Dettagli

STRUMENTAZIONE IN DOTAZIONE

STRUMENTAZIONE IN DOTAZIONE STRUMENTAZIONE IN DOTAZIONE INDAGINI TERMICHE TERMOCAMERA FLUKE Ti32 Lo strumento consente: Diagnosi e risanamento dell' umidità di risalita. Diagnosi e risanamento da muffe e condensa interna. Verifica

Dettagli

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Architettura Laboratorio Ufficiale Prove Materiali e Strutture Sezione Prove su Strutture, Monitoraggi e Controlli Non Distruttivi

Dettagli

1 INDAGINI PRELIMINARI E DURANTE L ESECUZIONE DEI LAVORI... - 4 - 1.1 Rilievo delle strutture interne alle volte sul Canal Grande...

1 INDAGINI PRELIMINARI E DURANTE L ESECUZIONE DEI LAVORI... - 4 - 1.1 Rilievo delle strutture interne alle volte sul Canal Grande... INDICE 1 INDAGINI PRELIMINARI E DURANTE L ESECUZIONE DEI LAVORI... - 4-1.1 Rilievo delle strutture interne alle volte sul Canal Grande... - 4-1.2 Indagini sulle murature... - 5-1.2.1 Martinetto piatto

Dettagli

Comune di CARMIANO. Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE

Comune di CARMIANO. Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE Comune di CARMIANO Provincia di LECCE PIANO DI MANUTENZIONE Struttura portante l ascensore della Scuola Primaria "Archimede Lecciso" via Stazione - Carmiano Sommario Il piano di manutenzione è il documento

Dettagli

2.5.3 PROVA ULTRASONICA

2.5.3 PROVA ULTRASONICA 2.5.3 PROVA ULTRASONICA Pag. 1 di 4 2.5.3 PROVA ULTRASONICA 1. Scopo La prova consente la determinazione delle caratteristiche elastico-dinamiche dei materiali costituenti l'opera in studio. Nello specifico

Dettagli

Metrologia Tridimensionale a Raggi X

Metrologia Tridimensionale a Raggi X Tomografia a raggi X: l indagine 3D non distruttiva per componenti in carbonio strutturali La MeTriX 3D si pone come partner d avanguardia per tutti i servizi di metrologia e controllo qualità ad alto

Dettagli

Programma «Scuola e uffici Sicuri»

Programma «Scuola e uffici Sicuri» Centro Italiano di Certificazione per le prove non distruttive e per i proc. Ind. Patrocinato: CNR ENEA ISPEL RINA - UNI Associazione Italiana Prove non Distruttive Monitoraggio e Diagnostica UNI 9712

Dettagli

MONITORAGGIO E CONTROLLO DI OPERE INFRASTRUTTURALI

MONITORAGGIO E CONTROLLO DI OPERE INFRASTRUTTURALI CONVEGNO Controlli innovativi per la costruzione e la manutenzione di componenti meccanici ed opere infrastrutturali MONITORAGGIO E CONTROLLO DI OPERE INFRASTRUTTURALI PARTE PRIMA Prof. Ing. Giacinto Porco

Dettagli

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Concetti e spunti applicativi 1 Ing. Roberto Callegari Tecniche Strumentali per la Diagnosi Energetica INTRODUZIONE 2 Una adeguata conoscenza

Dettagli

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) 1. Premessa Il presente Piano di manutenzione è relativo alle opere strutturali da eseguire per il ripristino

Dettagli

A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche

A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche A&L Ingegneria effettua diagnosi termografiche, controlli non distruttivi e perizie con l ausilio di termocamere. Con la tecnica diagnostica della termografia si

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento... 3 1.2 Modalità di uso corretto... 3. 3.1 Sottoprogramma delle prestazioni... 4 3.1.1 Stabilità...

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento... 3 1.2 Modalità di uso corretto... 3. 3.1 Sottoprogramma delle prestazioni... 4 3.1.1 Stabilità... PIANO DI MANUTENZIONE PAG 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 2 1 MANUALE D USO... 3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento... 3 1.2 Modalità di uso corretto... 3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 2.1 Risorse

Dettagli

TOMOGRAFIA INDUSTRIALE AL SERVIZIO DELL INDUSTRIA AEROSPAZIALE

TOMOGRAFIA INDUSTRIALE AL SERVIZIO DELL INDUSTRIA AEROSPAZIALE TOMOGRAFIA INDUSTRIALE AL SERVIZIO DELL INDUSTRIA AEROSPAZIALE M. Moscatti A. Scanavini TEC Eurolab Srl Campogalliano (MO) Abstract Nuove esigenze di sicurezza, fattori economici e la ricerca di sempre

Dettagli

ESEMPIO DI EDIFICIO ESISTENTE IN MURATURA

ESEMPIO DI EDIFICIO ESISTENTE IN MURATURA ESEMPIO DI EDIFICIO ESISTENTE IN MURATURA Tipo sondaggio: endoscopia Identificazione: piano primo N sondaggio : E1 1 16 3 STRATIGRAFIA VERTICALE 1) Pavimentazione + sottofondo (4,5 cm) ) Tavellone in laterizio

Dettagli

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI]

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] Analisi delle cause delle più frequenti lesioni presenti negli edifici con struttura in cemento armato, e metodi di

Dettagli

COMUNE DI TORINO. Settore Ristrutturazioni e Nuovi Edifici Municipali INDAGINE GEORDAR. Fabbricato ex INCET Via Cigna TORINO.

COMUNE DI TORINO. Settore Ristrutturazioni e Nuovi Edifici Municipali INDAGINE GEORDAR. Fabbricato ex INCET Via Cigna TORINO. COMUNE DI TORINO Settore Ristrutturazioni e Nuovi Edifici Municipali INDAGINE GEORDAR Fabbricato ex INCET Via Cigna TORINO Relazione Tecnica TECNO FUTUR SERVICE s.r.l. Bomporto (Mo), Gennaio 2008 1. Generalità

Dettagli

Tecniche e metodologie diagnostiche non-invasive. Termografia IR. Cristiano Riminesi

Tecniche e metodologie diagnostiche non-invasive. Termografia IR. Cristiano Riminesi Tecniche e metodologie diagnostiche non-invasive Termografia IR Cristiano Riminesi Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per la Conservazione e Valorizzazione dei Beni Culturali Firenze Pag. 2 di

Dettagli

I have no special gift, I am passionately curious

I have no special gift, I am passionately curious 1-SBAC Fisica 1/8 MOTIVAZIONI AL CORSO DI FISICA Cosa e la Fisica? dal greco physis = natura studia i fenomeni naturali leggi fisiche (rendere semplice un problema complesso) I have no special gift, I

Dettagli

SOMMARIO. Pag. 1 a 17

SOMMARIO. Pag. 1 a 17 SOMMARIO MANUALE D'USO... 2 Strutture in fondazione... 2 Cordoli barriere antirumore... 2 Plinto torre faro... 2 Strutture di elevazione... 2 Profilati HEA 160 ed elementi di collegamento in acciaio per

Dettagli

Materiali Avanzati I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Materiali Avanzati I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Materiali Avanzati I parte Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti UN PO DI STORIA Lo sviluppo della civilizzazione è stato fortemente influenzato dalla capacità di modificare e produrre sostanze, materiali

Dettagli

C10. REDAZIONE DEI PROGETTI STRUTTURALI ESECUTIVI E DELLE RELAZIONI DI CALCOLO

C10. REDAZIONE DEI PROGETTI STRUTTURALI ESECUTIVI E DELLE RELAZIONI DI CALCOLO C10. REDAZIONE DEI PROGETTI STRUTTURALI ESECUTIVI E DELLE RELAZIONI DI CALCOLO Le norme di cui al Cap.10, disciplinando la redazione dei progetti esecutivi delle strutture, contengono anche criteri guida

Dettagli

L indagine termografica a supporto delle perizie tecniche giudiziarie:

L indagine termografica a supporto delle perizie tecniche giudiziarie: Giovanna Rossi architetto - libero professionista Operatore Termografico Qualificato per prove non distruttive: Certificato 2 Livello ITC - ISO 17024 e RINA - UNI EN 473 e ISO 9712 Segretario e tesoriere

Dettagli

07/12/2013. I controlli in cantiere: Le diagnosi non distruttive. Efficienza energetica degli edifici

07/12/2013. I controlli in cantiere: Le diagnosi non distruttive. Efficienza energetica degli edifici Quale autovettura? Efficienza energetica degli edifici Adatta a ogni situazione I controlli in cantiere: Le diagnosi non distruttive 100 km/litro Marco Boscolo Libero professionista Professore a contratto

Dettagli

Normativa rispettata. Unità tecnologiche ed elementi.

Normativa rispettata. Unità tecnologiche ed elementi. Normativa rispettata. Il seguente "Piano di Manutenzione", riguardante le strutture, è stato redatto in conformità alla normativa vigente in materia e riportata di seguito: 1. D.Lgs 163/2006, "Codice dei

Dettagli

COMUNE DI MOTTOLA PROGETTO ESECUTIVO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Piano di manutenzione delle opere di calcestruzzo armato

COMUNE DI MOTTOLA PROGETTO ESECUTIVO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Piano di manutenzione delle opere di calcestruzzo armato COMUNE DI MOTTOLA Piano di Recupero per l intervento di ristrutturazione urbanistica consistente nella demolizione dell ex cinema Jonio, la realizzazione di un edificio con residenze ed attività culturali

Dettagli

LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO

LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO La Termografia all Infrarosso si basa sul rilevamento delle onde elettromagnetiche nella banda dell infrarosso, cioè invisibili all'occhio umano. Tutti i corpi che hanno una

Dettagli

MAPPATURA DEL SOTTOSUOLO INDAGINI GEORADAR

MAPPATURA DEL SOTTOSUOLO INDAGINI GEORADAR I.G.R. SRL Via Adriatica n. 111/g 06135 Perugia (Italy) Ph: +39 075 7910039 Fx: +39 075 5977527 n.berardi@igrsrl.com www.igrsrl.com MAPPATURA DEL SOTTOSUOLO INDAGINI GEORADAR Dott. Geol. Nicola Berardi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI IDONEITÀ STATICA

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI IDONEITÀ STATICA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI IDONEITÀ STATICA a cura della Commissione Strutture dell'ordine degli Ingegneri della Provincia di Trento Maggio 2012 Premessa Le presenti Linee Guida

Dettagli

Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo

Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo Indice Risanamento, Deumidificazione e leganti Consolidamento idraulici. Sistemi

Dettagli

Servizi e sistemi di acquisizione dati in campo meccanico, civile ed architettonico. Monitoraggi statici e dinamici

Servizi e sistemi di acquisizione dati in campo meccanico, civile ed architettonico. Monitoraggi statici e dinamici Servizi e sistemi di acquisizione dati in campo meccanico, civile ed architettonico Monitoraggi statici e dinamici Indagini a carattere non distruttivo La ESSEBI è una società di servizi che opera, specificatamente,

Dettagli

Stazione Passeggeri Porto di Pozzallo (Rg) Piano manutenzione dell opera 2

Stazione Passeggeri Porto di Pozzallo (Rg) Piano manutenzione dell opera 2 Committente : Provincia Regionale di Ragusa Località : Porto di Pozzallo (RG) Opera : Realizzazione della stazione passeggeri nel porto di Pozzallo PIANO DI MANUTENZIONE PREMESSA: Il piano di manutenzione

Dettagli

Schede attività specialistiche

Schede attività specialistiche Schede attività specialistiche Controlli in situ sulle strutture in c.a. Controlli non distruttivi sui pali Controlli sulle strutture con georadar alta frequenza Controlli termici Geofisica applicata Localizzazione

Dettagli

CAPITOLO I Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati.

CAPITOLO I Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati. Fascicolo dell opera Pagina 1 di 7 CAPITOLO I Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati. Scheda I Descrizione sintetica dell'opera ed individuazione dei soggetti

Dettagli

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture.

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. In particolare vengono progettati e realizzati interventi di ingegneria strutturale quali:

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Lavello Provincia di Potenza PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 D.P.R. 207/10) OGGETTO: Lavori di consolidamento a valle del fabbricato della Protezione Civile COMMITTENTE:

Dettagli

DIAGNOSTIC ENGINEERING SOLUTIONS. www.desinnovation.com

DIAGNOSTIC ENGINEERING SOLUTIONS. www.desinnovation.com DIAGNOSTIC ENGINEERING SOLUTIONS CONTROLLI NON DISTRUTTIVI SU MATERIALI COMPOSITI Tecniche NDT La tecniche termografiche per i controlli non distruttivi (NDT) sono basate sulla misura di anomalie termiche

Dettagli

LA TERMOGRAFIA AD INFRAROSSI PER IL SETTORE DELL EDILIZIA

LA TERMOGRAFIA AD INFRAROSSI PER IL SETTORE DELL EDILIZIA Servizi di Termografia Impianti di Teletermografia Vendita e Noleggio Termocamere Corsi di formazione Normative ASNT ed EN473 LA TERMOGRAFIA AD INFRAROSSI PER IL SETTORE DELL EDILIZIA Qual è il vantaggio

Dettagli

E8. Il rilievo materico e del degrado

E8. Il rilievo materico e del degrado Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in ingegneria Edile A.A. 2014/2015 E8. Il rilievo materico e del degrado Corso Integrato di CONOSCENZA DEL COSRUITO STORICO Modulo di FONDAMENTI DI RESTAURO

Dettagli

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO Il laser a scansione terrestre opera in modalità totalmente automatica ed è in grado di acquisire centinaia o migliaia di punti

Dettagli