LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI"

Transcript

1 LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI La spesa economica per il riscaldamento dell abitazione incide notevolmente sul bilancio familiare. A seconda dell epoca di costruzione dell edificio, le strutture che lo compongono (murature, solette, serramenti) hanno caratteristiche di contenimento energetico differenti. La classe energetica prevalente, per costruzioni realizzate sino alla fine degli anni 80, è la Classe G, vale a dire la meno performante. Il calore prodotto dall impianto termico e diffuso attraverso i terminali (radiatori, fan coil, pannelli, ecc) è molto maggiore rispetto a quello effettivamente necessario al riscaldamento. Questo a causa delle numerose dispersioni che avvengono attraverso pareti, solette, finestre. Ciascuno di noi dovrebbe osservare comportamenti virtuosi volti all ottimizzazione dei consumi energetici domestici connessi al riscaldamento, come la manutenzione regolare dell impianto termico (controllo dei fumi e pulizia), la regolazione corretta della temperatura secondo le effettive esigenze, l installazione di sistemi di contabilizzazione del calore. Oltre alle comuni buone pratiche, è possibile eseguire una valutazione dello stato di fatto della propria abitazione, da un punto di vista delle dispersioni di calore (diagnosi energetica). A partire da questa valutazione si possono definire gli interventi di riqualificazione attuabili per ottenere un risparmio sui consumi.

2 Gli interventi di riqualificazione debbono consentire il raggiungimento di obiettivi di performance elevati che portino a: Impianti efficienti Involucro ben coibentato Sfruttamento di energia rinnovabile Caratteristiche tipiche di un edificio in classe G Impianto Caldaia standard a metano o gasolio Emissione tramite radiatori Regolazione unica a zona (un termostato per un intero appartamento / stabile) Soletta di copertura / tetto Non isolato Serramenti Finestre con telaio in legno o metallo Vetri singoli o doppi di bassa efficienza No taglio termico No basso emissivo Pareti esterne Muratura in mattone pieno o pietra Muratura con intercapedine priva di isolamento al suo interno Pareti interne verso locali non riscaldati (es vani scala) Muratura in cemento non isolata Pavimento Soletta non isolata controterra o su vespaio o su cantina (aree non riscaldate) Gli interventi di riqualificazione più comuni applicabili alle abitazioni (indipendenti e in condominio) sono: per l involucro edilizio: Cappotto termico (isolamento delle pareti esterne) Coibentazione delle solette (es: copertura, soletta sottotetto, pavimento) Sostituzione dei serramenti e dei cassonetti Per l impianto termico: Sostituzione del generatore di calore (ad esempio scegliendo un impianto a condensazione) Installazione di sistemi di contabilizzazione del calore (per condomini con impianti centralizzati) Installazione di sistemi di termoregolazione della temperatura differenziata per ambienti/locali Per le energie rinnovabili: Impianto solare termico, per la produzione di acqua calda Impianti fotovoltaici

3 LA DIAGNOSI ENERGETICA La diagnosi energetica è uno studio approfondito che mira a evidenziare: 1. lo stato di fatto del sistema edificio impianto, sulla base delle caratteristiche costruttive (materiali, orientamento, ecc) e impiantistiche (tipologia, età della caldaia, grado di isolamento delle tubazioni, ecc). 2. lo stato di progetto, vale a dire l identificazione dei possibili interventi di riqualificazione eseguibili sull involucro e sull impianto, al fine di ridurre i consumi, le emissioni inquinanti in atmosfera e, ovviamente, la spesa in bolletta. Le fasi sintetiche per l esecuzione di una diagnosi energetica di un edificio sono le seguenti: a. Acquisizione di documentazione relativa all edificio (es: tavole di progetto, materiali di costruzione, documenti della caldaia, ecc). b. Sopralluogo sul campo (ispezione dell edificio in esame, al fine di verificarne la consistenza strutturale e la tipologia dei tamponamenti, degli infissi e delle coperture, nonché del loro stato di conservazione. Ispezione delle centrali termiche per acquisizione diretta dei dati di targa di tutti i componenti impiantistici degli impianti idrotermosanitari con i relativi sottosistemi). c. Ispezione termografica (attraverso una termocamera si effettua il rilievo delle temperature superficiali delle facciate, al fine di verificare i ponti termici e tutte quelle anomalie strutturali ed impiantistiche che comportano dispersioni di calore). d. Prova termoflussimetrica (attraverso un termoflussimetro si esegue la misura della trasmittanza delle pareti atta a quantificare esattamente la capacità di isolamento attuale dell involucro edilizio). e. Calcolo delle componenti disperdenti e modellizzazione dell edificio (a partire dai dati in possesso si calcolano le superfici disperdenti dell involucro opaco e trasparente, nonché tutti i rendimenti degli impianti, al fine di quantificare il fabbisogno energetico complessivo dell involucro. Utilizzando un apposito software si provvede a quantificare gli indicatori energetici che fotografano lo stato di fatto). f. Identificazione degli interventi e simulazione (si identificano gli interventi di riqualificazione energetica sulla base delle osservazioni fatte durante le fasi precedenti e sulle specifiche richieste del committente. Tali interventi vengono simulati tramite il software, al fine di quantificare gli indicatori energetici riferiti allo stato di progetto).

4 LA TERMOGRAFIA La termografia è una tecnica diagnostica non distruttiva che, misurando la radiazione infrarossa emessa da un corpo, è in grado di determinarne la temperatura superficiale. Scopo dell'indagine termografica è quello di misurare e valutare la distribuzione delle temperature superficiali dell involucro edilizio e, sulla base di queste informazioni (rese in formato digitale con immagini bidimensionali), comprendere se in determinati punti si verifichino delle situazioni particolari, rilevanti ai fini dell identificazione delle inefficienze energetiche. La termografia riveste un ruolo essenziale nel settore del risparmio energetico e trova una sempre più larga diffusione anche nella diagnostica degli edifici. In particolare, i possibili risultati conseguibili con un indagine termografica sono: - analisi delle facciate nel periodo invernale per individuare le zone di massima dispersione di calore; - analisi e verifica ponti termici e variazioni murarie; - analisi e verifica superfici trasparenti (serramenti); - rilevamento dell'umidità nelle murature; - analisi delle tubazioni (dispersione dalla linea di distribuzione); - rilevamento di infiltrazioni di acqua. Per la rilevazione si utilizza una termocamera (o telecamera termografica). È una telecamera a infrarossi, in grado di rilevare la temperatura superficiale, ed evidenziare quindi le zone dell edificio maggiormente responsabili della dispersione del calore.

5 Esempi di termografie eseguite su edifici del Comune di Verdellino: Scuola Primaria di Zingonia e Municipio LA TERMOFLUSSIMETRIA Lo strumento termoflussimetro consente l effettuazione della misura della trasmittanza delle pareti (W/m 2 K) atta a quantificare esattamente la capacità di isolamento (cioè di trattenuta delle dispersioni) dell involucro edilizio. Il termoflussimetro è composto da piastre di rilevazione che vengono montate all interno e all esterno delle pareti, e da un ricevitore wireless che registra per un periodo di 72 ore i dati rilevati dalle piastre.

6 INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE SULL INVOLUCRO È possibile intervenire sulle strutture murarie (pareti, solette, tetto) attraverso l impiego di materiali isolanti che, applicati come aggiunta alla struttura esistente, consentano di renderla più performante, cioè di aumentarne la capacità coibentante. Per quanto riguarda invece le chiusure trasparenti (serramenti) è possibile intervenire sostituendole, scegliendo vetri e telai realizzati secondo elevati standard di efficienza energetica. Vediamo i 3 casi più comuni di interventi: 1. Isolamento delle pareti (cappotto) 2. Isolamento delle solette (es: copertura) 3. Sostituzione dei serramenti IL CAPPOTTO Cappotto esterno Consiste nell applicazione dall esterno di pannelli di materiale isolante, sulle pareti. La soluzione non è applicabile qualora l edificio sia, per epoca costruttiva e valenza storico culturale, sottoposto a vincolo da parte della Soprintendenza. In tutti gli altri casi, il cappotto costituisce un valido intervento per il miglioramento delle prestazioni energetiche dell involucro. I pannelli che vengono posti all esterno debbono essere protetti, ad esempio realizzando una parete ventilata, che consente un buon controllo dell umidità e riduce il surriscaldamento solare (grazie all effetto della ventilazione). In alternativa ai pannelli, laddove non applicabili, esistono specifici intonaci con capacità isolante.

7 I materiali utilizzabili sono di diversa tipologia: - Sughero - Lana di roccia - Silicato di calcio - Fibra di legno - Polistirene espanso (EPS) I più utilizzati sono il polistirene espanso sinterizzato (EPS) e la lana di roccia minerale. Il polistirene espanso sinterizzato è un materiale polimerico con elevate prestazioni di isolamento termico, buone prestazioni meccaniche ed elastiche, e un buon rapporto qualità prezzo. Di contro è caratterizzato da bassa traspirabilità. Per ovviare a questo limite è stato sviluppato l EPS microforato, per migliorare la circolazione dell aria. Il polistirene espanso può essere impiegato per l isolamento di pareti, solette di copertura, solette di basamento, tetti piani e a falda. A seconda dell impiego le lastre hanno caratteristiche specifiche.

8 La lana di roccia è un materiale ricavato, appunto, dalla roccia, della famiglia dei silicati amorfi. Ha funzione di isolante sia termico sia acustico ed è caratterizzato da una buona traspirabilità. A differenza di alcune tipologie di lana di vetro, oggi bandite come materiali isolanti per l edilizia a causa delle loro proprietà cancerogene, la lana di roccia minerale è classificata come sicura dal IARC (International Agency for Research on Cancer). Isolamento nell intercapedine Nel caso in cui le pareti esistenti siano realizzate con un intercapedine a camera d aria (ma prive di isolamento al suo interno), esistono soluzioni che sfruttano apposite schiume isolanti, che vengono iniettati nell intercapedine attraverso alcuni fori realizzati nella parete. Cappotto interno Nel caso di edifici ove non sia possibile applicare il cappotto esterno (per esigenze tecniche o per vincoli), è possibile ricorrere al cappotto interno, che consiste nell applicazione di pannelli isolanti (sughero, fibra di legno, silicato di calcio) sulle pareti dall interno. Si tratta di una soluzione meno efficiente rispetto alla corrispettiva esterna, e che comporta una riduzione dello spazio disponibile interno ai locali.

9 La muffa La formazione di muffa è sintomo di insalubrità dell ambiente interno a un abitazione. Quando la muffa è visibile significa che ha già colonizzato l ambiente. Le spore della muffa inglobano sostanze chimiche che possono essere dannose per la salute (allergie, irritazioni, tossicità, micosi). Le muffe sono favorite dalla bassa traspirabilità. Una muratura poco traspirante è quindi più soggetta al fenomeno della muffa. Questo va tenuto in considerazione quando si progettano interventi di riqualificazione energetica, onde evitare di peggiorare la qualità indoor (cioè la salubrità della casa) per migliorarne l efficienza termica. La bassa traspirabilità di una parete può essere dovuta a: - pitture lavabili - intonaci in gesso - isolamento non permeabile (EPS standard) - serramenti a tenuta totale - mancanza di ventilazione meccanica Per diffondersi la muffa sfrutta l umidità. L isolamento della parete aiuta a risolvere il problema dell umidità esterna MA, se si utilizzano materiali non sufficientemente igroscopici, può contribuire a generare umidità all interno. Per questo è necessario scegliere accuratamente il materiale con cui eseguire la coibentazione, assicurandosi che abbia una traspirabilità sufficiente. È inoltre consigliabile, in generale, provvedere sempre ad un adeguata ventilazione della casa, attraverso regolari ricambi d aria.

10 L ISOLAMENTO DELLA COPERTURA Nel caso di coibentazione della copertura si può intervenire: - isolando la soletta che separa l ultimo piano dal sottotetto (laddove il sottotetto non sia abitabile) - isolando direttamente la copertura (piana o a falda) all intradosso o all estradosso Per quanto riguarda i sottotetti abitabili lo strato isolante può essere inserito al di sotto della struttura portante, soluzione ideale per l isolamento di tetti preesistenti, oppure sopra di essa, di più facile esecuzione e ideale per gli edifici nuovi. Se si interviene dall'interno della copertura è probabile che si abbia condensazione. Per ovviare a questa eventualità vengono utilizzate membrane/guaine traspiranti o freni al vapore o barriere al vapore. Il freno vapore viene generalmente posto nella parte interna della struttura e rallenta il passaggio di vapore che nel periodo invernale viene trasportato dall aria calda verso l esterno e che potrebbe provocare il deterioramento dei materiali qualora essi restassero troppo a lungo intrisi. La guaina traspirante invece, viene posta nella parte esterna della struttura in quanto, oltre a resistere all acqua piovana, facilita l evaporazione dell umidità che riesce ad oltrepassare il freno vapore e raggiungere la struttura. La barriera al vapore, diversamente dalle guaine precedenti, ostacola del tutto il passaggio del vapore. Nel caso dell isolamento termico di sottotetti non abitabili, con copertura isolata e ventilata, lo strato di isolamento può essere applicato sull estradosso del solaio di copertura dell ultimo piano dell edificio, gettando un massetto sopra l isolamento per rendere agevole l utilizzo del piano sottotetto. NB Ovviamente è possibile applicare l isolamento anche sulle solette dei pavimenti.

11 LA SOSTITUZIONE DEI SERRAMENTI La sostituzione dei vecchi infissi, tipicamente in legno a vetro singolo o doppio semplice, consente una notevole riduzione della trasmittanza termica. I nuovi infissi sono solitamente caratterizzati da: - vetri doppi o tripli contenenti gas (kripton o argon), meglio ancora se con pellicola basso emissiva; - telaio in PVC o alluminio legno con taglio termico; - valori di trasmittanza inferiori a 1,6 W/m 2 K (contro trasmittanze superiori a 3 W/m 2 K degli infissi pre esistenti). Sono molto efficaci anche da un punto di vista dell isolamento acustico, migliorando quindi il comfort domestico, oltre che per quanto riguarda la dispersione del calore, anche da un punto di vista della riduzione del rumore esterno. Nel caso di sostituzione dei serramenti può essere utile provvedere anche alla sostituzione o alla coibentazione dei vecchi cassonetti non isolati. Per la coibentazione degli esistenti è necessario verificare che vi sia spazio sufficiente all inserimento del pannello isolante all interno del rullo avvolgibile.

12 INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE SULL IMPIANTO Il generatore di calore di un edificio esistente non isolato è solitamente vetusto e caratterizzato, anche se correttamente manutenuto, da un rendimento di combustione non più ottimale. Il peggioramento del rendimento inizia a essere particolarmente evidente quando l impianto supera i anni di età. La caldaia risulta inoltre più inquinante se, a parità di modello ed età, è alimentata a gasolio o gpl, anziché a gas naturale (metano). Un primo passo è quindi quello, laddove l estensione della rete del metano lo consenta, di convertire l impianto dal precedente combustibile al metano. SOSTITUZIONE DELLA CALDAIA La sostituzione del generatore deve tenere conto della temperatura di alimentazione dei corpi scaldanti e della differenza di temperatura di progetto. La soluzione migliore è quella di scegliere un generatore a condensazione. La caldaia a condensazione è caratterizzata da rendimenti superiori a 1, poiché è in grado di sfruttare il calore latente contenuto nel gas di scarico che, nelle caldaie standard (anche quelle ad alta efficienza) vengono semplicemente espulsi con temperature elevate. Nel generatore a condensazione, invece, il fumo di scarico viene fatto passare attraverso uno scambiatore condensatore di calore, che consente di far raffreddare e condensare il vapore contenuto nel fumo di scarto, recuperando calore che viene ceduto all impianto. Esempio di caldaia standard in cui il calore dei fumi di scarico viene completamente perso (sinistra) e di caldaia a condensazione, in cui il calore viene recuperato (destra):

13 Un altra soluzione è quella di scegliere di installare una pompa di calore. Le pompe di calore sono macchine efficienti in grado di integrare o sostituire efficacemente i tradizionali impianti sia di riscaldamento che di raffrescamento. Il principio sul quale si basano fa sì che nella maggior parte dei casi la stessa macchina possa essere utilizzata sia per riscaldare che per raffrescare gli ambienti interni. Questa opzione però prevede che l alimentazione avvenga a una temperatura di C, inferiore generalmente a quella originale. LA CONTABILIZZAZIONE E LA TERMOREGOLAZIONE DEL CALORE Se si esegue un confronto tra un impianto di riscaldamento autonomo e uno centralizzato è possibile osservare vantaggi e svantaggi della scelta del primo sul secondo. Tra i VANTAGGI figurano sicuramente: la possibilità di una regolazione autonoma della temperatura domestica nelle fasce orarie di effettivo utilizzo dell abitazione; il pagamento della bolletta in base ai consumi effettivi e non in base ai millesimi termici. Tra gli SVANTAGGI invece si annoverano soprattutto: la necessità di provvedere interamente alle spese di manutenzione dell impianto; un rendimento minore di quello che si può in generale ottenere con una caldaia centralizzata correttamente manutenuta; possibili problemi di sicurezza legati al senso di responsabilità individuale dei diversi condòmini che debbono provvedere individualmente a far effettuare i dovuti controlli da parte dei manutentori autorizzati. Esiste la possibilità di mantenere i vantaggi di un impianto autonomo sfruttando però una tecnologia centralizzata, grazie all inserimento di meccanismi di contabilizzazione e regolazione individuale. La contabilizzazione consente infatti di regolare temperatura e tempi di funzionamento del riscaldamento della propria abitazione, pur non avendo un impianto autonomo.

14 La contabilizzazione autonoma del calore, oltre che un obbligo di legge, è una soluzione impiantistica che consente di ottenere significativi risparmi in bolletta, poiché permette agli inquilini di condomini con caldaia centralizzata di regolare l impianto come se fosse autonomo, impostando la temperatura e le ore di accensione e spegnimento dei propri radiatori, sulla base delle effettive esigenze di utilizzo della casa. Un SISTEMA DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE si compone di: - Valvole termostatiche. La valvola termostatica è un dispositivo che regola l afflusso di acqua calda nel calorifero. Fissando una temperatura di comfort, che può quindi variare tra i diversi locali della casa, la valvola ferma il calorifero al raggiungimento di tale valore. - Ripartitori elettronici di calore. Il ripartitore fornisce i dati relativi alla quantità di calore erogato dal calorifero, e li comunica alla unità di registrazione posizionata sul pianerottolo. - Unità di registrazione dati di piano (o pianerottolo) e Unità Centrale. L unità di registrazione posizionata sul pianerottolo memorizza i dati ricevuti dai sistemi installati nei singoli appartamenti, e li comunica alla unità centrale. In questo modo viene eseguito per ogni appartamento il conteggio dei consumi EFFETTIVI, e su di essi viene calcolato l importo della bolletta.

15 LE FONTI RINNOVABILI Le tipologie di impianti per la produzione di energia rinnovabile che più si addicono a una riqualificazione di un edificio esistente sono il solare termico e il fotovoltaico, che sfruttano entrambi l energia proveniente dal sole, e la trasformano in energia termica per l acqua calda e il riscaldamento e in energia elettrica. Entrambe le tipologie di impianto richiedono la disponibilità di una superficie (sul tetto) per l installazione dei pannelli, con una corretta esposizione che garantisca un buon soleggiamento (sud, ovest, est) e assenza di ostacoli significativi che possano provocare ombreggiamento eccessivo. Il Solare termico trasforma l'energia solare in energia termica, utilizzando l'energia del Sole per produrre acqua calda. È costituito da 2 elementi essenziali: Il pannello solare per la captazione dei raggi Il serbatoio di accumulo per l acqua riscaldata Un pannello solare termico è costituito da: A. una lastra di vetro trasparente che lascia passare i raggi solari; B. una lastra nera di metallo che assorbe l'energia del sole; C. tubi dove circola il liquido che viene riscaldato dal sole e che poi va a riscaldare l'acqua del serbatoio. Il Fotovoltaico trasforma l'energia solare in energia elettrica. Utilizza l'energia del Sole per produrre corrente elettrica attraverso i pannelli. È costituito da 2 elementi essenziali: Il pannello fotovoltaico per la captazione dei raggi, costituito da celle in silicio L inverter che converte la corrente prodotta dall'impianto in corrente elettrica utilizzabile in casa

16 NB. I pannelli classici non possono solitamente essere installati laddove sussistano vincoli imposti dalle Soprintendenze, ad esempio in edifici di pregio situati nei centri storici. Per questo sono stati sviluppati pannelli integrabili come: - le tegole fotovoltaiche (ogni tegola costituisce un mini pannello) - i serbatoi di accumulo a scomparsa per il solare termico (il serbatoio è solitamente installato nel sottotetto)

Tetto isolato e ventilato. Tutti questi interventi possono beneficiare delle detrazioni fiscali del 55%.

Tetto isolato e ventilato. Tutti questi interventi possono beneficiare delle detrazioni fiscali del 55%. 1. Diagnosi energetica La prima cosa da fare è ovviamente la diagnosi energetica dell edificio, sia sotto il profilo energetico che del comfort ambientale. La diagnosi dell edificio è necessaria per valutare

Dettagli

AZIONI DI RISPARMIO TERMICO

AZIONI DI RISPARMIO TERMICO AZIONI DI RISPARMIO TERMICO La maggior parte degli edifici esistenti sono caratterizzati da elevati consumi termici, sia a causa delle dispersioni di calore per trasmissione attraverso le pareti, i tetti,

Dettagli

Lavori intelligenti per il risparmio energetico

Lavori intelligenti per il risparmio energetico Città di San Donà di Piave Assessorato all Ambiente SPORTELLO ENERGIA Lavori intelligenti per il risparmio energetico SOLARE TERMICO Un impianto a collettori solari (anche detto a pannelli solari termici

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SU EDIFICI ESISTENTI

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SU EDIFICI ESISTENTI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SU EDIFICI ESISTENTI Premessa Da una recente ricerca risulta che circa 3 su 4 delle abitazioni italiane sono state costruite prima del 1976, anno in cui per la

Dettagli

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa CHECK-UP energetico CASA I love my house Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa Livello globale di efficienza energetica Esistono diverse soluzioni tecniche per

Dettagli

Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014

Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014 «Condominio, nuove sfide per una gestione professionale dell immobile» Il Protocollo CasaClima e CasaClima R Certificazione di Qualità Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014 Il

Dettagli

Individuazione edificio e unità tipologica

Individuazione edificio e unità tipologica SCHEDA 1 Individuazione edificio e unità tipologica Diagnostica Fotografia e descrizione stato di fatto Fotografia Fotografia Descrizione stato di fatto Descrizione stato di fatto Il condominio è stato

Dettagli

SOSTENIBILE DEL CONDOMINIO

SOSTENIBILE DEL CONDOMINIO LA RIQUALIFICAZIONE SOSTENIBILE DEL CONDOMINIO Lecco 21 aprile 2012 Milano BENESSERE ABITATIVO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Isolamento dell involucro edilizio: risparmio energetico e benessere abitativo

Dettagli

Individuazione edificio e unità tipologica

Individuazione edificio e unità tipologica SCHEDA 1 Individuazione edificio e unità tipologica Diagnostica Fotografia e descrizione stato di fatto Fotografia Identificazione tipo collocata al piano 6, caratterizzata da: - superficie: 100 m - millesimi

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO. Azienda Casa Emilia-Romagna di Reggio Emilia

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO. Azienda Casa Emilia-Romagna di Reggio Emilia RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO CENTRO CULTURALE MUNICIPIO SCUOLA CINEMA PALESTRA SCUOLA ALLOGGI SOCIALI SCUOLA CASA PROTETTA Soluzione - La riqualificazione energetica

Dettagli

VOLUME 1 PARTE GENERALE

VOLUME 1 PARTE GENERALE VOLUME 1 PARTE GENERALE CAPITOLO 12 ALLEGATO F ALLEGATO F - Foglio raccolta dati per la certificazione energetica di un appartamento relativo a DOCET 2 GENERALI Dati generali Codice certificato*: Validità*:

Dettagli

Individuazione edificio e unità tipologica

Individuazione edificio e unità tipologica SCHEDA 1 Individuazione edificio e unità tipologica Diagnostica Fotografia e descrizione stato di fatto Fotografia Identificazione Descrizione stato di fatto L edificio si sviluppa su 15 piani fuori terra

Dettagli

GLI INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

GLI INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO GLI INTERVENTI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE DETRAZIONI FISCALI DEL 55% PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE NEL 2010 DISTRIBUZIONE DEL NUMERO DELLE RICHIESTE DI DETRAZIONE

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE PROVE IN OPERA

UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE PROVE IN OPERA Associazione Italiana di Acustica 36 Convegno Nazionale Torino, 10-12 giugno 2009 UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE

Dettagli

MENO CONSUMI PIU LAVORO Un progetto di riqualificazione energetica e architettonica dei condomini 11 settembre 2014

MENO CONSUMI PIU LAVORO Un progetto di riqualificazione energetica e architettonica dei condomini 11 settembre 2014 Un progetto di riqualificazione energetica e architettonica dei condomini IL TEMA DELL ENERGIA GLI EDIFICI NAZIONALI SPRECANO MOLTA ENERGIA IL TASSO DI EFFICIENZA ENERGETICA MEDIO DEGLI EDIFICI RESIDENZIALI

Dettagli

WE EEN Wizard of the Environment: the Enterprise Europe Network. Energinnova. Casi pratici di ristrutturazioni energetiche degli edifici

WE EEN Wizard of the Environment: the Enterprise Europe Network. Energinnova. Casi pratici di ristrutturazioni energetiche degli edifici WE EEN Wizard of the Environment: the Enterprise Europe Network Casi pratici di ristrutturazioni energetiche degli edifici Polo Tecnologico per l Energia Energinnova Padova, 11/10/2013 Eurosportello del

Dettagli

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Risultati delle diagnosi energetiche sul condominio di via Saffi n 2, 4 e 6 Versione definitiva- Ottobre 2015 Redazione a cura di La ESCo del Sole srl Documento

Dettagli

Audit energetico. La villetta bifamiliare. 24/06/2013

Audit energetico. La villetta bifamiliare. 24/06/2013 Audit energetico. La villetta bifamiliare. 24/6/213 Figura 1. Prospetto est (sinistra) e vista sud-ovest (destra). Figura 2. Pianta piano terra (sinistra) e piano primo (destra): indicate con tratteggio

Dettagli

RISCALDARE e RISPARMIARE. calcolo del fabbisogno termico degli edifici

RISCALDARE e RISPARMIARE. calcolo del fabbisogno termico degli edifici RISCALDARE e RISPARMIARE calcolo del fabbisogno termico degli edifici RISCALDARE e RISPARMIARE CALCOLO APPROSSIMATIVO DEL FABBISOGNO TERMICO IN FUNZIONE DELLA TIPOLOGIA EDILIZIA DELLA ZONA CLIMATICA DELLE

Dettagli

DIAGNOSI ENERGETICA: IL PRIMO PASSO VERSO L EFFICIENZA

DIAGNOSI ENERGETICA: IL PRIMO PASSO VERSO L EFFICIENZA DIAGNOSI ENERGETICA: IL PRIMO PASSO VERSO L EFFICIENZA Ing. Pascale Virginia studio_ing.pascale@libero.it http://certificazioneenergetica.myblog.it http://impiantifotovoltaici.myblog.it/ http://acustica.myblog.it/

Dettagli

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Risultati delle diagnosi energetiche dei supercondominio di via Cividali/via Pasubio Versione definitiva- Ottobre 2015 Redazione a cura di La ESCo del Sole srl

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 24 febbraio 2010 BRESCIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 BORGO DI VILLA ASTORI TORRE

Dettagli

CO.ABI Società Cooperativa Sede: Via Cavour, 3 48018 Faenza Tel. 0546.26028 Fax. 0546.680085 email coabi@coabi.it - P.

CO.ABI Società Cooperativa Sede: Via Cavour, 3 48018 Faenza Tel. 0546.26028 Fax. 0546.680085 email coabi@coabi.it - P. CO.ABI Società Cooperativa Sede: Via Cavour, 3 48018 Faenza Tel. 0546.26028 Fax. 0546.680085 email coabi@coabi.it - P.iva 0065241039 QUALI SERVIZI AI SOCI? L'indagine conoscitiva le preferenze dei soci

Dettagli

TERMO INDAGINI SAGL. Ricerca dispersione termica e perdite energetiche dell edificio

TERMO INDAGINI SAGL. Ricerca dispersione termica e perdite energetiche dell edificio TERMO INDAGINI SAGL La società Termo Indagini Sagl è in grado di acquisire immagini termiche all infrarosso con l ausilio di apposite apparecchiature all avanguardia. Le immagini ottenute forniscono importanti

Dettagli

TRAINING THE TRAINERS

TRAINING THE TRAINERS TRAINING THE TRAINERS Presentazione e verifica del TOOLKIT Toolkit.1. Potenzialità di riduzione dei consumi energetici sull edilizia residenziale, costo degli interventi ed esempi concreti. ing. Anna Benetti

Dettagli

CHECK LIST PROGETTO ENERGETICO

CHECK LIST PROGETTO ENERGETICO P.G. Comune di Montorfano Provincia di Como Area Tecnica - Ufficio Tecnico CHECK LIST PROGETTO ENERGETICO (allegato obbligatorio alla relazione tecnica di cui all art. 28 della L. 10/91 come definita dall

Dettagli

Questionario di consapevolezza

Questionario di consapevolezza Questionario di consapevolezza Il presente questionario è stato ideato come strumento per permettere al cittadino di acquisire consapevolezza sulle prestazioni energetiche di massima della propria abitazione.

Dettagli

TERMOCAMERA ANALISI TERMOGRAFICA

TERMOCAMERA ANALISI TERMOGRAFICA TERMOCAMERA Una telecamera termografica a infrarossi (o termocamera) è uno strumento che rileva a distanza l'energia termica (infrarossa) e la converte in immagini fotografiche o video, fornendo al contempo

Dettagli

Come finanziare l'intervento integrato di risparmio energetico? Il Toolkit per gli amministratori

Come finanziare l'intervento integrato di risparmio energetico? Il Toolkit per gli amministratori Come finanziare l'intervento integrato di risparmio energetico? Il Toolkit per gli amministratori Arch. Giorgio Schultze Presidente La Esco del Sole Srl Il bilancio energetico del territorio di Bologna,

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA COMUNE DI.. PROVINCIA DI.

CERTIFICAZIONE ENERGETICA COMUNE DI.. PROVINCIA DI. CERTIFICAZIONE ENERGETICA COMUNE DI.. PROVINCIA DI. Informazioni generali Comune di: xxx Tipologia dell edificio: xxx Sito in: xxx Concessione edilizia n. xxxx del xxxx Classificazione dell edificio: xxxx

Dettagli

Trasmittanza termica (U)

Trasmittanza termica (U) Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Telefono/fax: 0534521104 http://centrocisa.it/ email : cisa@comune.porrettaterme.bo.it L isolamento degli edifici: un esempio dell applicazione degli

Dettagli

Incentivi e proposte operative disponibili per gli edifici di Bologna. Sabato 19 ottobre 2013

Incentivi e proposte operative disponibili per gli edifici di Bologna. Sabato 19 ottobre 2013 Workshop aperto alla cittadinanza e alle imprese di Bologna Organizzato da: Con i l supporto del Comune di Bologna nell ambito dell attuazione del Piano d Azione per l Energia Sostenibile RISPARMIARE ENERGIA

Dettagli

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale

Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale Telefono/fax: 0534521104 http://centrocisa.it/ email : cisa@comune.porrettaterme.bo.it Pianoro 13 giugno 2007 L isolamento degli edifici: un esempio dell

Dettagli

RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI E N E R G E T I C O. Vantaggi immediati per un futuro migliore

RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI E N E R G E T I C O. Vantaggi immediati per un futuro migliore COSTRUZIONI E RISTRUTTURAZIONI CON PARAMETRI CASA CLIMA A BASSOCONSUMO E N E R G E T I C O RISANAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI Vantaggi immediati per un futuro migliore Strada Comunale Gelati, 5 29025

Dettagli

Attestato Certificazione Energetica (A.P.E.) - D.M. 26/6/09 e s.m.ii. CHECK LIST per gli edifici esistenti

Attestato Certificazione Energetica (A.P.E.) - D.M. 26/6/09 e s.m.ii. CHECK LIST per gli edifici esistenti 1 Attestato Certificazione Energetica (A.P.E.) - D.M. 26/6/09 e s.m.ii. CHECK LIST per gli edifici esistenti 1 - DATI GENERALI UBICAZIONE: ANNO DI COSTRUZIONE:... PROPRIETARI: RESIDENZA:.... C.F.:......DATI

Dettagli

Check list degli interventi in materia di risparmio energetico e fonti rinnovabili

Check list degli interventi in materia di risparmio energetico e fonti rinnovabili Check list degli interventi in materia di risparmio energetico e fonti rinnovabili Protocollo n P.d.C. n D.I.A. n Progettista: Proprietario: Edificio: situato in: Tipologia di intervento Nuova costruzione

Dettagli

Individuazione edificio e unità tipologica

Individuazione edificio e unità tipologica Individuazione edificio e unità tipologica Diagnostica SCHEDA 1 Fotografia e descrizione stato di fatto Fotografia Fotografia Descrizione stato di fatto L edificio è stato costruito nel 1958, è caratterizzato

Dettagli

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CRITERI EDILIZI 1. Involucro Componenti dell involucro dotati di caratteristiche atte alla limitazione degli apporti solari estivi

Dettagli

Programma Operativo Interregionale "Energie rinnovabili e risparmio energetico" 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO Programma Operativo Interregionale "Energie rinnovabili e risparmio energetico" 2007-2013 COMUNE DI CARMIANO PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI E UTENZE ENERGETICHE

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA

CERTIFICAZIONE ENERGETICA I.T.I.S A. PACINOTTI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Per un mondo migliore! Bianco Francesco Musarò Matteo Cantore Gianluca Portulano Giuseppe Attestato di Certificazione Energetica (Gruppo2) Il presente Attestato

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO Edifici comunali in rete CENTRO CULTURALE MUNICIPIO SCUOLA CINEMA PALESTRA SCUOLA ALLOGGI SOCIALI SCUOLA CASA PROTETTA La riqualificazione

Dettagli

Indagini termografiche Esempi di applicazione Studio Mantovani IR

Indagini termografiche Esempi di applicazione Studio Mantovani IR Collaudo di una casa prefabbricata a basso consumo energetico. L immagine termica dimostra l ottimo isolamento delle pareti e dell intero involucro (temp. amb. interna 21 C temp. sup. esterna 0,6 C). Viene

Dettagli

C a s o s t u d i o p e r l a p p l i c a z i o n e d e l l i n c e n t i v o d i c u i a l D. M. 2 8 / 1 2 / 1 2 C o n t o T e r m i c o

C a s o s t u d i o p e r l a p p l i c a z i o n e d e l l i n c e n t i v o d i c u i a l D. M. 2 8 / 1 2 / 1 2 C o n t o T e r m i c o C a s o s t u d i o p e r l a p p l i c a z i o n e d e l l i n c e n t i v o d i c u i a l D. M. 2 8 / 1 2 / 1 2 C o n t o T e r m i c o Roma 18 giugno 2013 Decreto Conto Termico. Regole applicative e

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 27 gennaio 2010 PAVIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 STATO DI FATTO PROGETTO INQUADRAMENTO

Dettagli

Promuovere l utilizzo corretto delle fonti rinnovabili in ambito urbano, mediante azioni di pianificazione, coinvolgimento di attori locali e analisi

Promuovere l utilizzo corretto delle fonti rinnovabili in ambito urbano, mediante azioni di pianificazione, coinvolgimento di attori locali e analisi Promuovere l utilizzo corretto delle fonti rinnovabili in ambito urbano, mediante azioni di pianificazione, coinvolgimento di attori locali e analisi tecniche City of Warsaw (PL), Energy Conservation Foundation

Dettagli

DIAGNOSI ENERGETICA QUARTIER SAN PAOLO QUARTIER SAN PAOLO ANNI 60

DIAGNOSI ENERGETICA QUARTIER SAN PAOLO QUARTIER SAN PAOLO ANNI 60 DIAGNOSI ENERGETICA QUARTIER SAN PAOLO QUARTIER SAN PAOLO ANNI 60 ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA (APE) ASSEGNA UNA CLASSE ENERGETICA ALL EDIFICIO E SERVE PER LOCARE/VENDERE UNA PORZIONE O UN EDIFICIO

Dettagli

Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG)

Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG) Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG) Metodo di indagine termografica La termografia all'infrarosso è una particolare tecnica telemetrica in grado di determinare, con notevole risoluzione

Dettagli

SCHEDA FAMIGLIA - Il Cittadino Consapevole

SCHEDA FAMIGLIA - Il Cittadino Consapevole SCHEDA FAMIGLIA - Il Cittadino Consapevole 2B- TETTO 2A TETTO 5- ILLUMINAZIONE 4B- CASSONETTO TAPPARELLA 1- PARETI 4A- SERRAMENTI 3A- PAVIMENTO 6- ELETTRODOMESTICI 7B- RISCALDAMENTO 3B- PAVIMENTO 7A- RISCALDAMENTO

Dettagli

Guida per un efficace isolamento termico della casa

Guida per un efficace isolamento termico della casa 1. PERCHÉ ISOLARE E QUALI I VANTAGGI Per poter rispondere a pieno alla domanda e comprenderne i contenuti è importante innanzitutto fornire la definizione di isolamento termico. Per isolamento termico

Dettagli

Soluzione Energetica Domotecnica

Soluzione Energetica Domotecnica Soluzione Energetica Domotecnica QUALE SOLUZIONE PER I CONDOMINI CON IMPIANTO CENTRALIZZATO? Il risparmio energetico e il contenimento dei consumi negli impianti centralizzati sono determinati dal miglioramento

Dettagli

CONOSCIAMO L'ENERGIA

CONOSCIAMO L'ENERGIA CONOSCIAMO L'ENERGIA dedicato alle scuole per far conoscere ai più piccoli l'energia, come usarla, come risparmiarla. Progetto ideato da: Marta Oriola Claudia Camera Deborah D'Emey LE FONTI DI ENERGIA

Dettagli

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Risultati delle diagnosi energetiche sul condominio di via Mercadante 2 e 4 Versione definitiva- Ottobre 2015 Redazione a cura di La ESCo del Sole srl Documento

Dettagli

L IMPORTANZA DEL COLLAUDO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Ing. Davide Lanzoni www.saige.it

L IMPORTANZA DEL COLLAUDO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Ing. Davide Lanzoni www.saige.it L IMPORTANZA DEL COLLAUDO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Ing. Davide Lanzoni www.saige.it L emanazione delle recenti normative per il risparmio energetico, che prevedono per gli edifici il possesso di un certificato

Dettagli

MIGLIORIAMO IL CONFORT ABITATIVO E IL RISPARMIO

MIGLIORIAMO IL CONFORT ABITATIVO E IL RISPARMIO MIGLIORIAMO IL CONFORT ABITATIVO E IL RISPARMIO Chi siamo La Building Solution s.r.l. è nata dalla quindicinale esperienza tecnica dei soci fondatori nel settore delle costruzioni edili. La professionalità

Dettagli

Indagini termografiche

Indagini termografiche Indagini termografiche informazioni sintetiche sulle possibili applicazioni in ambito edile, impiantistico ed industriale Servizi di Termografia dbabitat srl fornisce il servizio di analisi, indagine e

Dettagli

Classe A < 8 kwh/m 3 a. Nuova Palestra in Via Martiri della Libertà. Comune di Novi di Modena

Classe A < 8 kwh/m 3 a. Nuova Palestra in Via Martiri della Libertà. Comune di Novi di Modena Classe A < 8 kwh/m 3 a Nuova Palestra in Via Martiri della Libertà Comune di Novi di Modena UBICAZIONE: Provincia: Comune: Via: Coordinate (lat. Long.): Altitudine: Modena Novi Martiri della Libertà 44

Dettagli

VOLUME 1 PARTE GENERALE

VOLUME 1 PARTE GENERALE VOUME 1 PARTE GENERAE CAPITOO 12 AEGATO E AEGATO E - Foglio raccolta dati per la certificazione energetica di un edificio relativo a DOCET 2 GENERAI Dati generali Codice certificato*: Validità*: Riferimenti

Dettagli

Produzione di calore ad alto rendimento

Produzione di calore ad alto rendimento Produzione di calore ad alto rendimento Negli edifici di nuova costruzione e in quelli in cui è prevista la completa sostituzione dell'impianto di riscaldamento o del solo generatore di calore, è obbligatorio

Dettagli

Audit energetico termico della nostra scuola

Audit energetico termico della nostra scuola Audit energetico termico della nostra scuola Questionario di raccolta dati dell involucro e degli impianti termici del nostro edificio scolastico Il questionario qui riportato è destinato a raccogliere

Dettagli

AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DEI COMUNI DELL OGLIO PO

AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DEI COMUNI DELL OGLIO PO AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DEI COMUNI DELL OGLIO PO Comune di Rivarolo del Re ed Uniti (CR) RELAZIONE FINALE - Audit leggeri - Audit di dettaglio - Certificazione energetica - Installazione del sistema

Dettagli

Risparmio energetico negli edifici rurali

Risparmio energetico negli edifici rurali RECUPERO DELLE BORGATE E DEL PATRIMONIO EDILIZIO DELLE TERRE ALTE Risparmio energetico negli edifici rurali Torino, 8 Ottobre 2012 Paola ing.strata un occasione per ripensare alle fonti energetiche utilizzabili

Dettagli

STEA SpA. STEA SpA. EVOLVE S.r.l.

STEA SpA. STEA SpA. EVOLVE S.r.l. IL PUNTO DI VISTA DELL IMPRESA ESECUTRICE EVOLVE S.r.l. Evolve si occupa di progettare, realizzare e gestire impianti a gas naturale, cogenerazione, biomasse, reti di teleriscaldamento e servizio energia.

Dettagli

IL REGOLAMENTO EDILIZIO VERSO LA SOSTENIBILITA

IL REGOLAMENTO EDILIZIO VERSO LA SOSTENIBILITA IL REGOLAMENTO EDILIZIO VERSO LA SOSTENIBILITA Vaiano - 06 maggio 2011 L IMPORTANZA DEI PARTICOLARI NEL PROGETTO E NELL ESECUZIONE Ing. Vittorio BARDAZZI Consigliere dell Ordine degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER

DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER Impianti di Climatizzazione e Condizionamento a.a. 2011-12 - Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti 1 CALCOLO DEI CARICHI TERMICI E DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER ALCUNI CASI DI STUDIO Il

Dettagli

Efficienza Energetica

Efficienza Energetica Cosa facciamo Analizziamo i consumi energetici. Individuiamo le inefficienze negli utilizzi. Proponiamo soluzioni di efficienza. Prevediamo e verifichiamo i risultati. Efficienza Energetica Come lo facciamo

Dettagli

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 1 Premessa All interno del complesso degli interventi di efficientamento e nell ottica del

Dettagli

particolari costruttivi progettazione a cura di

particolari costruttivi progettazione a cura di in fase di certificazione Prot. Nr. 2013/1556 appartamenti CasaClima a consumi quasi zero progettazione a cura di GARANZIA CASA-CLIMA PREMESSA Una costruzione CasaClima si caratterizza per un elevato comfort

Dettagli

Termoregolazione e Contabilizzazione: opportunità incentivi risultati. 29 settembre 2012 Ing. Marco VIEL

Termoregolazione e Contabilizzazione: opportunità incentivi risultati. 29 settembre 2012 Ing. Marco VIEL Termoregolazione e Contabilizzazione: opportunità incentivi risultati. LE PRIME FORME DI INQUINAMENTO Si può dire che l inquinamento dell aria ad opera dell uomo risale alla scoperta del fuoco quando ha

Dettagli

RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE

RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE Riqualificare il patrimonio, contenere e ottimizzare la spesa Federico Della Puppa Università IUAV di Venezia Theorema sas Bergamo, 13 dicembre 2013 Imparare a farsi le giuste

Dettagli

1) infiltrazioni all interno ed all esterno dell appartamento. 2) perdite dovute alle tubazioni degli impianti ( es. riscaldamento a pavimento)

1) infiltrazioni all interno ed all esterno dell appartamento. 2) perdite dovute alle tubazioni degli impianti ( es. riscaldamento a pavimento) 1) infiltrazioni all interno ed all esterno dell appartamento 2) perdite dovute alle tubazioni degli impianti ( es. riscaldamento a pavimento) IMPIANTO SENZA PERDITE IMPIANTO CON PERDITA 3) RICERCA DI

Dettagli

Classe Energetica A ISONZO. residenza. Via Isonzo n. 4/B Nova Milanese (MB) www.gruppodigregorio.com - e Mail gruppodigregorio@gmail.

Classe Energetica A ISONZO. residenza. Via Isonzo n. 4/B Nova Milanese (MB) www.gruppodigregorio.com - e Mail gruppodigregorio@gmail. Classe Energetica A residenza ISONZO Via Isonzo n. 4/B Nova Milanese (MB) www.gruppodigregorio.com - e Mail gruppodigregorio@gmail.com PREMESSA In un edificio edificato intorno agli anni 70/80 con un ottima

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

Il parco edilizio residenziale italiano

Il parco edilizio residenziale italiano LA RIQUALIFICAZIONE DEL PARCO EDILIZIO NAZIONALE E LE DIRETTIVE EUROPEE SULL EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI Fiera Milano 7 maggio 2014 Riqualificare il parco edilizio residenziale: aspetti energetici

Dettagli

ALLEGATO1:ALLEGATO TECNICO

ALLEGATO1:ALLEGATO TECNICO ALLEGATO1:ALLEGATO TECNICO allegato1:allegato tecnico...1 1. Introduzione...2 2. Il fabbisogno energetico di un edificio...2 2.1. Trasmittanza...2 3. La coibentazione e la sostituzione dei vetri semplici...4

Dettagli

Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti. Dott. Ing. Pietro Marforio

Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti. Dott. Ing. Pietro Marforio Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti Dott. Ing. Pietro Marforio Sistema edificio/impianto Per soddisfare il fabbisogno di energia termica di un edificio,

Dettagli

Diventa Esperto CasaClima o Artigiano CasaClima

Diventa Esperto CasaClima o Artigiano CasaClima CasaClima FVG Formazione Diventa Esperto CasaClima o Artigiano CasaClima Il progetto CasaClima è stato sviluppato per mettere in luce un modo di costruire energeticamente efficiente e sostenibile. Grazie

Dettagli

Il progettista e la sfida delle riqualificazioni

Il progettista e la sfida delle riqualificazioni Il progettista e la sfida delle riqualificazioni Un esperienza virtuosa in Classe A Relatore: ing. Michele Sardi Edificio di partenza Classe G Edificio in fase di riqualificazione energetica Classe A Contenuti

Dettagli

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Impianto fotovoltaico L impianto fotovoltaico, posto sulla copertura dell edificio, permette di trasformare l energia solare in energia

Dettagli

Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ)

Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ) Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ) La situazione edilizia in Italia è particolarmente anziana. Circa due terzi degli edifici esistenti sono antecedenti

Dettagli

Esempi Concreti di Interventi: Costi e procedure per la realizzazione di interventi

Esempi Concreti di Interventi: Costi e procedure per la realizzazione di interventi Esempi Concreti di Interventi: Costi e procedure per la realizzazione di interventi Sala Convegni Museo Arti e Mestieri Pianoro 13/06/2007 Simone Spataro Gli Argomenti trattati: Realizzazione di un Impianto

Dettagli

E LE INSIEME PER UN RISPARMIO GLOBALE

E LE INSIEME PER UN RISPARMIO GLOBALE LA RETE D IMPRESA con E LE AZIENDE PARTNER INSIEME PER UN RISPARMIO GLOBALE E LE AZIENDE PARTNER Operano con un esperienza trentennale su specifici campi del proprio settore di competenza. Dall installazione

Dettagli

nzeb NEARLY ZERO ENERGY BUILDING La scuola e l energia sostenibile, un primo passo verso il 2020

nzeb NEARLY ZERO ENERGY BUILDING La scuola e l energia sostenibile, un primo passo verso il 2020 Impiantistica in case ad energia quasi zero Architetto Stefano Belcapo Consulente esperto Agenzia Casaclima PREMESSE L approccio progettuale integrato al sistema edificio-impianto Potenza ed energia Temperatura

Dettagli

GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO

GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO Si valuta tramite un indice di prestazione energetica, EPi, definito come: L unità di misura indicata, kwh/(m²

Dettagli

LA TUA CASA IN CLASSE A+ QUALITÀ DELL ABITARE ED EFFICIENZA ENERGETICA

LA TUA CASA IN CLASSE A+ QUALITÀ DELL ABITARE ED EFFICIENZA ENERGETICA SOLaria LA TUA CASA IN CLASSE A+ QUALITÀ DELL ABITARE ED EFFICIENZA ENERGETICA EDIFICIO AD ENERGIA QUASI ZERO A partire dal 2021 tutti gli edifici di nuova costruzione dovranno essere realizzati ad energia

Dettagli

Non sprecare vuol dire innanzitutto risparmiare...

Non sprecare vuol dire innanzitutto risparmiare... Non sprecare vuol dire innanzitutto risparmiare... Alcuni consigli pratici su come ridurre i consumi energetici in casa risparmiando sulla bolletta ma soprattutto rispettando il nostro ambiente. www.gesiservizi.it

Dettagli

3 INCONTRO FORMATIVO. Gli impianti di produzione e distribuzione del calore. 09 dicembre 2010. Relatore arch. Giorgio Gallo

3 INCONTRO FORMATIVO. Gli impianti di produzione e distribuzione del calore. 09 dicembre 2010. Relatore arch. Giorgio Gallo 3 INCONTRO FORMATIVO Gli impianti di produzione e distribuzione del calore 09 dicembre 2010 Relatore arch. Giorgio Gallo Impianti termici centralizzati Impianti tradizionali Distribuzione a colonne montanti:

Dettagli

+35 CLIMA INTERNO +30 +25 +20 +15 +10 -10 -15

+35 CLIMA INTERNO +30 +25 +20 +15 +10 -10 -15 +35 +30 +25 +20 +15 +10 +5 0-5 -10 CLIMA INTERNO -15 come calcolare il consumo mensile annotare su un quaderno le cifre NERE indicate nel contatore e sottrarre quelle segnate il mese precedente = 0,75

Dettagli

22/04/2013. La tenuta all aria non significa impermeabilità al vapore!!!

22/04/2013. La tenuta all aria non significa impermeabilità al vapore!!! La tenuta all aria di un edificio si ottiene mediante la messa in pratica di accorgimenti per evitare infiltrazioni d aria e fuoriuscite di calore. Le conseguenze della mancanza di tenuta all'aria sono:

Dettagli

Risparmio e benessere Nuovi appartamenti a Senago

Risparmio e benessere Nuovi appartamenti a Senago Risparmio e benessere Nuovi appartamenti a Senago COMUNE DI SENAGO BANDO PUBBLICO DEL 07/11/2007 ASSEGNAZIONE DI AREE IN DIRITTO DI SUPERFICIE PER UN INTERVENTO DI EDILIZIA CONVENZIONATA NELL AMBITO PEEP

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DELLA SOSTENIBILITA ENERGETICO AMBIENTALE

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DELLA SOSTENIBILITA ENERGETICO AMBIENTALE Regione VENETO Comune di ROVIGO PROGETTO PER LA NUOVA COSTRUZIONE DI 6 EDIFICI RESIDENZIALI PER COMPLESSIVE 8 UNITA ABITATIVE RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA DELLA SOSTENIBILITA ENERGETICO AMBIENTALE Proprietà:

Dettagli

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81 Miglioramenti Energetici Solare Termico Scolastico 2014-2015 81 Sostituzione Generatore di Calore Sostituzione adeguamento sistema di Distribuzione Sostituzione del sistema di emissione Installazione Solare

Dettagli

Studio di fattibilità

Studio di fattibilità COMUNE DI FALERNA Piazza Municipio 1-88042 Falerna (Prov. di Catanzaro) AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI LAVORI PUBBLICI AVENTI AD OGGETTO LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA, L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

vantaggi energetici economici ambientali

vantaggi energetici economici ambientali vantaggi energetici economici ambientali Indice L energia solare Principi base Come funziona un sistema solare termico Funzionamento Classificazioni I componenti dell impianto 2 La tecnologia del solare

Dettagli

INTERVENTI OBBLIGATORI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO

INTERVENTI OBBLIGATORI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO Allegato B CHECK LIST INTERVENTI OBBLIGATORI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO Il/ La sottoscritto/a (*) codice fiscale residente /con sede in via n. CAP tel. con domicilio presso via CAP tel. fax e-mail

Dettagli

Detective TERMO. Rapporto di diagnosi energetica. E-DETECTIVE Il caso dell energia scomparsa. Scuola media di Mendrisio Classi 4C e 4F

Detective TERMO. Rapporto di diagnosi energetica. E-DETECTIVE Il caso dell energia scomparsa. Scuola media di Mendrisio Classi 4C e 4F E-DETECTIVE Il caso dell energia scomparsa Scuola media di Mendrisio Classi 4C e 4F Detective TERMO 2 Incontro 28.01.2015 Rapporto di diagnosi energetica Consulenti energetici Albedo Bettini Pamela Bianchi

Dettagli

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Progettazioni e Consulenze Termotecniche Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Presentazione in Milano - 19 novembre 2010 Per garantire il confort indoor negli Edifici Evoluti Bertelli gli impianti

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE 2009 STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE Arch. Riccardo Giacobazzi CISA Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale 15/09/2009 INDICE Introduzione... pag. 3 Analisi energetica della struttura.....pag.

Dettagli

SOLARE TERMICO. Solare termico prospettive Nuova legislazione:d.lgs 311. Detrazioni fiscali 2007 e succ. modifiche. Impianti solari.

SOLARE TERMICO. Solare termico prospettive Nuova legislazione:d.lgs 311. Detrazioni fiscali 2007 e succ. modifiche. Impianti solari. SOLARE TERMICO Solare termico prospettive Nuova legislazione:d.lgs 311 Detrazioni fiscali 2007 e succ. modifiche Impianti solari Offerta V Via Kennedy, 7 25028 Verolanuova(BS) Tel. +39 030 931167 Fax 030

Dettagli