Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1

2 LA DIAGNOSTICA E LA PROGETTAZIONE DELLA MANUTENZIONE ALLA BASE DI OGNI PROGETTO DI SVILUPPO IMMOBILIARE E DI CONVERSIONE E RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO La situazione di crisi economica recentemente creatasi in molti dei paesi economicamente sviluppati, impone interventi di spesa pubblica e privata sempre meno onerosi a più trasparenti. Ovviamente tale atteggiamento troverà immediata ripercussione anche nel settore edilizio dove i lavori di riconversione del patrimonio edilizio, recupero, restauro e manutenzione sono soggetti a troppe variabili che spesso fanno lievitare notevolmente il costo globale delle opere previste. A tale proposito a giusto far ricadere I'attenzione sull'importanza della DIAGNOSTICA e della PROGETTAZIONE, intesa come prima vera e propria fase di intervento. Anche se si manifesta nei diversi settori con caratteri distinti, la fase progettuale rappresenta il principale fattore che influenza direttamente le scelte operative e quindi, in ultima analisi, la spesa dell'intervento. Nelle varie fasi del processo di recupero, restauro o consolidamento di un'opera, sia che si tratti di una Chiesa antica o di un ponte in c.a., la PROGETTAZIONE, che propone I'ottimizzazione delle scelte, attraverso I'acquisizione dei necessari dati tecnico-conoscitivi, rappresenta una costante in termini di costi, mentre le tecniche di lavorazione e le materie prime, sono fattori dinamici e flessibili. In sintesi la PROGETTAZIONE prende corpo attraverso I'analisi scientifica dello stato di fatto delle opere, finalizzata alla formazione di un quadro patologico globale; a tal fine si avvale costantemente della prima fase operativa di cantiere che è la DIAGNOSTICA specializzata. Maggio

3 2

4 3

5 4

6 ANALISI GEOTECNICA Comprende uno studio geologico della zona, una serie di perforazioni, prelievi di campioni indistrurbati, prove penetrometriche, analisi geotecniche di laboratorio, relazione geologica firmata da professionista. II tutto per valutare quantitativamente le caratteristiche meccaniche del suolo su cui e appoggiato I'edificio da restaurare e/o consolidare. Nel case di problematiche come la presenza di un grave fenomeno fessurativo, a prevista I'installazione di piezometro e il monitoraggio delle variazioni di livello della falda acquifera. RILIEVI ANALISI FOTOGRAMMETRICA Include i rilievi eseguiti in forma tradizionale, mista e fotogrammetrici nelle loro numerose forme (fotopiano, con camera, ecc.). II rilievo, le tavole, le planimetrie sono la base su cui ubicare qualunque campagna di analisi diagnostiche. RILIEVI E ANALISI UMIDITA L'umidità presente sulle murature dei nostri edifici ha tre generatrici fondamentali: - RISALITA CAPILLARE - CONDENSAZIONE - METEORICA La mappatura del fenomeno e la quantificazione numerica delle bande di umidità sono importanti a definire it fenomeno e a progettare gli adeguati interventi di bonifica. RISALITA CAPILLARE II modo di operare più corretto a quello di effettuare una serie di misure a diverse altezze e profondità su tutto il perimetro dell'edificio analizzato. Le misure sono eseguite con diverse tecniche: - analisi termografica all'infrarosso su tutte le pareti esterne e interne; - misura delta resistenza tra due elettrodi introdotti nel muro (acqua boilprotimeter ecc.) con lettura di dati includenti un Iieve errore nelle zone in cui siano presenti concentrazioni saline; - prelievo di carota e/o materiale e misura percentuale umidità col metodo ponderale, previo cottura in fornetto; - prelievo di polvere di intonaco/pietra/mattone a misura umidità con strumenti di cantiere al carburo. E' molto importante valutare: - Ia distribuzione dei livelli minimi - medi - massimi dell'umidità; - la mappatura della presenza salina per le correzioni sui valori misurati col metodo elettrico; - le varie concentrazioni saline evidenziate da un'accurata analisi di laboratorio. In alcuni casi, quando la risalita altera in maniera vistosa le condizioni dei manufatti interni, importante effettuare in parallelo un monitoraggio del movimento della falda acquifera tramite piezometrico. CONDENSAZIONE II processo della produzione di condensazione avviene in particolari condizioni termoigrometriche per cui, a causa di determinate condizioni climatiche, su una data 5

7 superficie a bassa temperatura e particolare umidità dell'aria, si produce condensazione di vapore (PUNTO DI RUGIADA). II processo si ripete e continua alle stesse condizioni ambientali, fino alla totale saturazione del muro (IMBIBIMENTO TOTALE DI ACQUA). A quel punto I'acqua generata si diffonde sui pavimenti e sulle pareti in maniera diffusa e visibile, producendo danni alle strutture e alle persone che vi vivono. Per rilevare le condizioni termoigrometriche di edifici musei locali impiegati alla conservazione di opere artistiche vengono utilizzati: a) analisi termografica all'infrarosso a diverse condizioni climatiche (rilievi stagionali); b) monitoraggio microclimatico con sonde temperatura/umidità in aria e a contatto con le superfici "sospette"; c) monitoraggio con anemometro per valutare le correnti d'aria indotte nel locale nelle varie condizioni climatiche. METEORICA Di solito viene localizzata con un'attenta analisi visiva dei prospetti esterni ed a imputabile o ad acqua piovana trasversale, che imbibisce le pareti, o a infiltrazioni e perdite delle coperture. Viene rilevata oltre il visibile, nel caso di intonaci pesanti, con dettagliata analisi all'infrarosso, certificata e mappata con termogrammi ed elaborati computerizzati a colori. RILIEVO - AINALISI E STUDIO QUADRO FESSURATIVO E' patologia comune e presente in molti edifici generata nella maggior parte dei casi da: - cedimento dei materiali e strutture per degrado nel tempo; - cedimento fondazionale; - cedimento per I'uso di carichi non previsti nella progettazione iniziale; - cedimento generato da eventi sismici. Un serio approccio di intervento prevede: - dettagliata analisi visiva effettuata da tecnico esperto; - rilievo fotografico delle anomalie; - studio dei disegni e del plesso fessurativo in esso riportato. In base ai risultati scaturiti dalla verifica dei dati di questi tre punti, ne deriva: A. II quadro fessurativo a chiaro e I'ingegnere passa i dati certi agii addetti del consolidamento strutturale; B. II quadro fessurativo a generato da cedimenti dei materiali e quindi viene programmata una serie di analisi diagnostiche e meccaniche sulle strutture e materiali ecc...; C. II quadro fessurativo a generato da probabili cedimenti del terreno e quindi viene decisa una analisi geologica e geotecnica (1) per valutare le caratteristiche meccaniche del terreno sottostante e delle fondazioni; D. II quadro fessurativo presenta sintomi evolutivi e allora viene previsto un monitoraggio elettronico/strumentale dei cedimenti tramite trasduttori quali: - fessuri metri - estensimetri - inclinometri II periodo minimo di questo tipo di analisi varia tra 9 e 18 mesi per avere un quadro chiaro dei risultati che devono scaturire. 6

8 E. II quadro fessurativo e incomplete, a probabile che molte lesioni siano presenti sotto intonaci e/o rivestimenti affrescati. Con questa ipotesi viene decisa una campagna di analisi diagnostiche quali: - termografie computerizzate all'infrarosso per evidenziare sotto i vari rivestimenti il reale plesso fessurativo; - rilievi endoscopici effettuati nella sezione muraria per verifiche interne alla struttura; - analisi soniche nelle zone sospette per individuare le lesioni e quantificare la loro profondità. E' dunque importante sottolineare come questa complessa analisi, troppo spesso effettuata in maniera empirica e troppo semplicistica, coinvolga tecnici ed esperti di vane discipline e le pica sofisticate apparecchiature elettroniche. ANALISI MECCANICHE E CARATTERIZZIONI STRUTTURALI Questa sezione delta diagnostica ha il compito di fornire ai progettisti, calcolatori restauratori, i dati tecnici e numerici, le caratteristiche meccaniche/sperimentali dei materiali e delle strutture, presenti nell'opera da restaurare. II quadro generale delle prove include: - analisi di strutture con prove di carico effettuate con le tecniche pi') disparate (gravità contrasto trazione - ecc.) con rilievo strumentale dell'analisi, graficizzazione computerizzata del risultati, dati tecnici, verbale di prova firmato da ingegnere professionista; - mappatura degli stati tensionali presenti in alcuni settori della struttura analizzata, eseguita con martinetti a cella semplice; - valutazione delle caratteristiche meccaniche di strutture in site con misura della resistenza a compressione e modulo di elasticità tramite martinetti a cella doppia, rilievo dati, interpretazione e graficizzazione dei risultati; - caratterizzazione meccanico-strutturale di elementi architettonici con analisi soniche-ultrasoniche-endoscopiche, identificazione con prove non distruttive, delle caratteristiche costruttive di muratura (piena - a sacco - con camera d'aria, ecc.) e delle caratteristiche meccaniche in base alle velocità soniche medie misurate; - prelievo di concio (NORME UNI) e prove di laboratorio (δ E); - prelievo di carote e campioni per prove di laboratorio (δ E). ANALISI MAGNETOMETRICA Rilievi e controlli con apparecchiature magnetometriche delta mappa degli elementi e/o strutture metalliche presenti e celate nell'edificio e/o opera d'arte da restaurare. La lettura di tutti gli elementi metallici, il loro dimensionamento e la loro ubicazione, sono elementi fondamentali delta analisi strutturale eseguita dal progettista, prima della programmazione del futuro "restauro. ANALISI CRITICO-ARCHITETTONICA SOTTO INTONACI E/O IVESTIMENTI La progettazione del restauro di un qualunque edificio prevede, oltre all'analisi e alla caratterizzazione meccanica delle strutture, un'attenta analisi architettonica al fine di conservare tutte le caratteristiche storiche del manufatto. Molto spesso però le modifiche, i rifacimenti, le variazioni architettoniche apportate nei secoli passati, sono nascoste e celate sotto diversi strati di intonaco o rivestimento affrescato. Risulta pertanto determinante, prima di progettare il ''RESTAURO'', eseguire un'attenta analisi e ricerca di tutti quegli elementi non visibili, ma sicuramente presenti nelle strutture quali: - archi - architravi - monofore - bifore ecc... 7

9 - camini occlusi e percorsi di canne fumarie - porte e finestre tamponate - modificate - occluse ecc... - elementi strutturali quali litoidi - lignei - metallici ecc... - modifiche strutturali - vecchie canalizzazioni in disuso - caratterizzazione dei materiali costruttivi e lord dimensionamento Tutte queste ricerche sono esplicate con controlli non distruttivi quali le analisi computerizzate all'infrarosso. Tali analisi sfruttano le diverse caratteristiche termocinetiche dei materiali edili t quali, sottoposti a cicli termici variabili, emettono una radiazione infrarossa contenente tutte le informazioni architettoniche sopra citate. Alla fine di tutte queste analisi, riportati tutti i ritrovamenti e le caratterizzazioni architettoniche originali sui disegni, sarà più facile e proficuo per il restauratore progettare I'intervento più appropriate di recupero, nel rispetto degli elementi storici ritrovati. SUPERFICI AFFRESCATE E INTONACI PREGIATI: MAPPATURA DEI DISTACCHI INCIPIENTI Un intervento preliminare at consolidamento e restauro di superfici affrescate a relativo ali'analisi diagnostica the evidenzi, con controlli non distruttivi, la mappatura dei distacchi tra I'intonaco affrescato e il muro sottostante. Questa prova a effettuata con analisi computerizzate all'infrarosso eseguite a distanza dalle superfici affrescate, previo un loro lieve riscaldamento, ottenuto con lampade all'ir, con generatore di aria calda o con I'irraggiamento solare. Nella stessa propensione termografica possono essere rilevati: - distacchi tra pellicola affrescata e intonachino sottostante; - distacchi tra supporto affrescato o intonaco e muro sottostante; - chiodature a reticolati metallici di supporto; - elementi architettonici (lesioni Iapidei archi architravi ecc...) - umidità meteorica, di condensa o di infiltrazione nascosta nell'intonaco. Con la mappa in scala dei difetti rilevati, risulta più semplice seguire un preventivo tecnico/ economico per restaurare I'opera e ottimizzare, nello stesso tempo, gii interventi di consolidamento finali. ANALISI DIAGNOSTICHE SU STRUTTURE LIGNEE Analisi combinata per fornire al progettista lo stato di conservazione e le attuali caratteristiche meccaniche di strutture lignee presenti in solai coperture e strutture diverse. Viene sempre eseguita: - analisi visiva da esperto in materiali lignei; - analisi dello stato fessurativo; - analisi del degrado per attacchi da insetti xilofagi; - analisi e mappatura umidità; - analisi dimensionali e caratteriali; - analisi endoscopiche negli appoggi interni at muro e/o in sezioni da analizzare; - analisi magnetometriche per rilevare le strutture metalliche interne alle murature e collegate alle strutture lignee (zanche - tiranti - perni, ecc...); - analisi soniche effettuate nelle sezioni ph) sollecitate e in prossimità dei nodi principali e degli appoggi; - prelievo di campioni per analisi batteriologica di Iaboratorio; - prelievo campioni per analisi e caratterizzazione meccanica. A richiesta può essere ultimata una prova di carico su un solaio tipo, esplicata con le 8

10 modalità già citate precedentemente. ANALISI DIAGNOSTICHE SU STRUTTURE ED ELEMENTI LAPIDEI Analisi diagnostica che deve definire lo stato di conservazione ed il degrado di un elemento lapideo. Viene programmata: - analisi visiva e prelievo campioni superficiali per le verifiche di Iaboratorio (degrado croste ecc.); - lettura dello stato fessurativo con analisi visiva termografica a analisi soniche; analisi dimensionale; - analisi endoscopica interna; - analisi magnetometrica per individuare strutture interne metalliche; - comparazioni meccaniche (δ E) tra alcuni provini provenienti dalla cava e le strutture analizzate. MONITORAGGI Rilievo strumentale di fenomeni transitori variabili nel tempo, che fornisce at restauratore elementi e dati tecnici determinanti ad un corretto restauro. A - MONITORAGGIO STUMENTALE Analisi - monitoraggio - interpretazione strutturale di fenomeni di degrado. Viene effettuato secondo le modalità espresse al paragrafo 4. B - MONITORAGGIO MICROCLIMATICO Analisi - monitoraggio - interpretazione dei risultati microclimatici relativi ad ambienti utilizzati alla conservazione di opere artistiche (chiese - Musei ecc...). Viene eseguito secondo le modalità espresse al paragrafo 3. CONTROLLI NON DISTRUTTIVI CONVENZIONALI Sono tutte quelle analisi largamente utilizzate nel controllo di qualità e sicurezza delta produzione industriale. Nel restauro artistico/architettonico sono utilizzati su strutture metalliche delle diverse leghe e in maniera combinata. I più diffusi sono: - GAMMAGRAFICI - RADIOGRAFICI - MAGNETOSCOPICI - LIQUIDI PENETRANTI - ENDOSCOPICI - ESTENSIOMETRICI - ULTRASONICI - SPESSIMETRICI Attualmente sono molto utilizzati nel settore dell ingegneria per la verifica del degrado e controllo di qualità di vecchie strutture metalliche (ponti passerelle viadotti). PROVE DI LABORATORIO Qualunque ciclo di analisi diagnostiche su strutture ed elementi, prevede una serie di analisi di laboratorio per aumentare le conoscenze specifiche più intime del manufatto da restaurare. LABORATORIO ARTISTICO - prove e analisi chimico-fisiche-biologiche - misure umidità - sali solubili ecc... 9

11 - analisi superficiali di elementi lapidei, superfici affrescate, tele ecc.. (MICROSCOPIA IR - EDS - XRD - SEM DIFRATTOMETRIA X-SEZIONI SOTTILI - SEZIONI LUCIDE - STRATIGRAFIE - LEGANTI) secondo le NORMAL 14/83. - porosità - calciometria - assorbimento d'acqua. LABORATORIO TECNOLOGICO (1086) - prove - analisi chimico-fisico-meccanico su materiali - resistenza compressione-modulo elasticità-campioni metallici a calcestruzzi prove di carico - porosità - capacità imbibizione - analisi geotecniche e prove di laboratorio 10

12 PROGETTI E OPERE SRL PnD: PROVE NON DISTRUTTIVE ESEMPI APPLICATIVI Le Prove non Distruttive rappresentano ad oggi una valida metodologia per le indagini sulle opere di Ingegneria Civile. Si attuano a mezzo di sofisticate apparecchiature che restituiscono risultati da interpretare secondo i principi teorici della fisica e della chimica. Nell ambito delle indagini per prevenzione e manutenzione delle opere di Ingegneria Civile possiamo evidenziare le seguenti categorie di intervento con il tipo di apparecchiatura preposta alla ricerca del problema: Analisi delle Dispersioni Termiche (Termocamera) Analisi dei Distacchi e Rottura dei Rivestimenti (Termocamera) Analisi delle Infiltrazioni e dei Ristagni di Umidità (Termocamera) Analisi degli Elementi Strutturali Individuazione elementi strutturali (Pacometro e Termocamera) Analisi resistenza materiali (Sclerometro, Ultrasuoni e Fenolftaleina) Analisi degli Impianti Tecnologici (Termocamera) Impianti Idrici, Impianti Termici ed Impianti Elettrici 1

13 ANALISI DELLE DISPERSIONI TERMICHE L indagine, condotta con l ausilio di una termocamera all infrarosso, restituisce termogrammi di questo tipo che evidenziano la dispersione di calore dei termosifoni ubicati sotto le finestre: 2

14 ANALISI DEI DISTACCHI E ROTTURA DEI RIVESTIMENTI Termogramma che evidenzia il distacco dell intonaco dal sottofondo murario: Termogramma che evidenzia il distacco della guaina impermeabilizzante di una copertura: 3

15 ANALISI DELLE INFILTRAZIONI E DEI RISTAGNI DI UMIDITÀ Termogramma che evidenzia la rottura del pluviale nella zona di attraversamento del cornicione: Confronto tra fotografia e termogramma di una cupola affrescata: col solo esame visuale non si potrebbe visualizzare l infiltrazione che evidenzia l indagine termografica 4

16 ANALISI DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI Questo termogramma evidenzia la struttura dell edificio in c.a. grazie alla sua caratteristica negativa di ponte termico: Termogramma che evidenzia la fascia piena e l orditura di un solaio in latero cemento: PACOMETRO: La ricerca degli elementi metallici di rinforzo costituisce un indagine basilare nell ambito della diagnostica su strutture in calcestruzzo armato. Lo sviluppo attuale degli attuali localizzatori di armature (PACOMETRI) garantisce precisioni fino a pochi anni or sono impensabili nella determinazione di interferro, copriferro e diametro. 5

17 ANALISI DEI MATERIALI E LORO RESISTENZA SCLEROMETRO: La sua applicazione nell ambito del calcestruzzo (risale agli anni 50 il primo Martello di Schmidt) rappresenta storicamente il primo caso di applicazione sistematica di una metodologia non distruttiva nell ambito del settore civile. Attualmente costituisce sicuramente il più diffuso sistema speditivo per la valutazione della resistenza caratteristica del calcestruzzo in opera. ULTRASUONI: L impiego della metodologia ultrasonica (o microsismica) costituisce insieme alla sclerometria il metodo di gran lunga più diffuso per la stima della resistenza meccanica del calcestruzzo. E ormai riconosciuto che proprio l utilizzo combinato della misura della velocità degli ultrasuoni con l indice di rimbalzo sclerometrico (metodo Sonreb) costituisca la miglior stima possibile della resistenza caratteristica a compressione nell ambito delle prove non distruttive. E anche utilizzata in tutte le analisi dove bisogna valutare la velocità di propagazione degli ultrasuoni nel mezzo solido (cavità, lesioni etc.). 6

18 FENOLFTALEINA: La prova si basa sulla proprietà di un indicatore chimico ad indicare, attraverso variazione di colore, la basicità di una soluzione acquosa presente su una superficie. Viene utilizzata una soluzione all'1% di fenolftaleina in alcool etilico. La fenolftaleina vira al rosso al contatto con soluzioni il cui ph è maggiore di 9.2 e rimane incolore per valori di ph minori, quali quelle del calcestruzzo carbonatato. La prova può essere effettuata sia su un campione che può essere costituito da carote o coni di estrazione, sia su una superficie di frattura. 7

19 ANALISI DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI IMPIANTI IDRICI IMPIANTI TERMICI Questa indagine, molto interessante, mostra le temperature di esercizio di un elemento radiante ed nello stesso tempo la circolazione dell aria calda attorno ad esso: IMPIANTI ELETTRICI Termogramma che evidenzia la temperatura di esercizio di una spina elettrica: 8

20 Termogramma che evidenzia lo squilibrio delle fasi in un impianto: 9

21 DIAGNOSTICA ED ENGINEERING PER LA RICONVERSIONE, IL RECUPERO, IL RESTAURO E LA MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE Da oltre venti anni la nostra Società esegue analisi diagnostiche e strumentali nel costruito in supporto alla progettazione per Enti pubblici e privati. L'elevata qualificazione del personale e I'alto contenuto tecnologico delle apparecchiature utilizzate sono maturati in ambienti di ricerca e sviluppo nei settori: spaziale, aeronautico, chimico, motoristico, cartario ecc... Le esperienze acquisite sono in seguito state trasferite alla diagnostica nel settore civile, consentendo alla società di estendere la propria attività su tutto il territorio nazionale. II servizio tecnico e le consulenze avvengono attraverso indagini diagnostiche e strutturali con rilievi fotogrammetrici, indagini geognostiche, indagini con georadar, indagini termografiche, indagini soniche/ultrasoniche, indagini magnetometriche, indagini igrometriche, indagini endoscopiche, prove con martinetti piatti, monitoraggi microclimatici, monitoraggi strutturali, prove di carico statiche e dinamiche, carotaggi, prove e analisi di Iaboratorio, analisi statiche e verifiche progettuali col metodo degli elementi finiti. Svariati sono i campi di impiego: restauro e recupero storico - artistico monumentale, recupero e manutenzione edilizia civile e industriale e strutture in c.a., collaudi strutturali, controllo di qualità del costruito. Diversi e articolati sono anche i servizi che consistono in: assistenza tecnica specializzata nella programmazione delle analisi diagnostiche conoscitive; preparazione delle voci di capitolato; sopralluoghi e preventivi gratuiti per gare di appalto o per una progettazione integrata; disponibilità di intervento anche per lavori di piccola entità (1-2 gg. Iavorative); tempi di intervento delle squadre diagnostiche specializzate di cinque giorni dalla richiesta; tempi di consegna dei risultati e relazioni tecniche tra 15 e 20 giorni dalla fine dei Iavori in cantiere; progettazione di interventi di consolidamento e restauro. 11

22 INDAGINI DIAGNOSTICHE 1 - Rilievo metrico-fotogrammetrico di edifici e/o particolari - Scala del rilievo (da definire) - Poligonale - N prospetti - 1 pianta - Restituzione grafica con legenda architettonica-strutturale - Memoria in dischetti 5". 2 - Analisi geotecnica - Perforazioni - Prove penetro metriche - Misure - Campionature - Analisi laboratorio - Relazione geologica e geotecnica secondo la normativa vigente. 3 - Indagini sulla umidità/salinità presenti nelle murature con misure elettriche - Maglia di punti stazione con n.3 rilievi per ogni punto stazione a 3 altezze e a 2 misure - nel muro (-2 e -20 cm) ad ogni quota, per caratterizzare (l'umidità in superficie e nell'ossatura. - Mappatura umidità - Campioni e analisi salinità - Prove di laboratorio - Relazione tecnica e certificazione del degrado - Progettazione degli interventi di bonifica. 4 - Indagini termografiche all'infrarosso su pareti interne / esterne e superfici affrescate, precedentemente riscaldate dal sole e/o generatore aria calda - Lettura emissione termica all'infrarosso - Elaborazione computerizzata a colori - Relazione tecnica - Certificazione con foto polaroid e/o colori - Restituzione analitica dati e risultati per rilevare. - Dettaglio critico-architettonico-strutturale sotto intonaci e rivestimenti; - Analisi strutturale di intonaci e/o superfici affrescate; - Mappatura dei distacchi tra intonaci muro sottostante; - Mappatura umidità meteorica/risalita. 5 - Analisi magnetometriche - Ricerca strutture metalliche nascoste nelle murature e nei solai. 6 - Analisi meccaniche eseguite su strutture murare effettuate con: - martinetti a Cella semplice a doppia; - analisi microsismiche; - analisi stratigrafiche. 7 - Analisi meccaniche su strutture lignee con: - prove endoscopiche sulle testate a nei nodi; 12

23 - prove soniche/ultrasoniche sulle sezioni; - rilievo umidità dei legni; - rilievi magnetometrici (rilievi parti metalliche); - valutazioni moduli elastici a degrado. 8 - Analisi dimensionale di strutture (solai, coperture ecc...) con rilievo diretto a analisi endoscopiche. 9 - Analisi diagnostiche su strutture lapidee con: - rilievo dimensionale-fotografico-endoscopico; - prove soniche ed ultrasoniche; - prove magnetometriche; - valutazione del degrado a determinazione delle caratteristiche meccaniche Analisi diagnostiche su strutture metalliche con: - rilievo dimensionale a fotografico; - prove ad ultrasuoni; - prove magnetoscopiche; - prove radiografiche-gammagrafiche; - analisi strutturale; - valutazione degrado a certificazione da Ing. professionista Analisi diagnostiche su strutture in calcestruzzo: - analisi degrado; - certificazione fotografica - dimensionale; - prove sclerometriche; - prove magnetometriche; - prove soniche - ultrasoniche; - misura potenziali di ossidazione ferri; - prove colorometriche; - analisi attacco cloruri-solfuri; - prove di estrazione (pull-out); - perforazione carote per laboratorio; - prelievo acciaio per laboratorio; - certificazione di laboratorio; - diagnostica caratteriale del degrado; interventi di manutenzione consigliata; - certificazioni da Ing. professionista Monitoraggi strumentali di cedimenti strutturali con inclinometri - estensimetri e centraline acquisizione dati Monitoraggi ambientali (umidità-temperature-luce ecc.) con sonde e centralina acquisizione dati Indagini archeologiche/architettoniche a diverse profondità - rilevamento rete di servizi - sottoservizi e anomalie con georadar a frequenze variabili Prove di carico su solai-strutture con martinetti idraulici-gommoni sacchi cemento ecc. Rilievo deformazioni e certificazioni collaudo della prova di carico firmato da ingegnere professionista. 13

24 16 - Prove di iniezione e consolidamenti con perforazione di fori Q~ 50 mm, iniezione a pressione controllata di formulati secondo richieste D..L.; valutazione assorbimento muratura Laboratorio di restauro: - analisi chimico-fisiche; - sali-umidità; - sezioni sottili - pigmenti - microscopiche; - SEM - sezioni stratigrafiche ecc Laboratorio Legge 1086: - analisi meccaniche su carote e acciai - analisi cloruri-solfuri; - analisi geotecniche. 14

25 PEO_interventi_di_recupero_del_patrimonio_edilizio_esistente.doc al 02/09/2009 INTERVENTI DI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE Committente: Red A s.r.l. Rilievo e restituzione della consistenza architettonica e analisi dello stato strutturale del Palazzo Castrofilippo, superficie complessiva 5000 m 2, Via Alloro, Palermo 1990 Committente: Palazzo Trinacria s.r.l. Consulenza tecnica edilizia, strutturale e impiantistica nell ambito della realizzazione di Palazzo Trinacria Centro per Congressi e Meetings, sito in via Butera n.24 a Palermo. Lit

26 PEO_interventi_di_recupero_del_patrimonio_edilizio_esistente.doc al 02/09/2009 Committente: CI.Mer. s.r.l. Rilievo e restituzione delle tracce dell organismo murario originario e di quanto oggi esistente dopo il crollo a seguito dell ultimo conflitto bellico dell ex Palazzo de Francisci, via Butera, Palermo 1991 Committente: Costruzioni Meridionali 1978 s.r.l. Progettazione e Direzione dei Lavori per la ristrutturazione del Palazzo Atanasio Montedoro sito in P.tta S.Sofia n.5 a Palermo Lit

27 PEO_interventi_di_recupero_del_patrimonio_edilizio_esistente.doc al 02/09/2009 Committente: ITECO Ingegneria s.r.l. (MI) Consulenza tecnica nell ambito della direzione dei lavori per l adeguamento degli immobili sotto il profilo edilizio, strutturale ed impiantistico per la realizzazione della nuova sede direzionale e operativa della T.I.M. (Telecom Italia Mobile) in via E. Albanese a Palermo Lit Committente: SAT S.p.A. Progetto di manutenzione straordinaria delle coperture e dello smaltimento delle acque meteoriche di Palazzo Tagliavia, via Cavour 117 a Palermo Lit

28 PEO_interventi_di_recupero_del_patrimonio_edilizio_esistente.doc al 02/09/2009 Committente: Condominio via Remo Sandron 25/27/29/31 Progettazione e direzione lavori per la manutenzione straordinaria delle parti comuni di un immobile sito in via Remo Sandron 2005 Committente: Fondazione RUI Progettazione e Direzione dei Lavori per l ampliamento ricettivo e l adeguamento funzionale e normativo della Residenza Universitaria Mediterranea di Palermo

29 PEO_interventi_di_recupero_del_patrimonio_edilizio_esistente.doc al 02/09/2009 Committente: Immobiliare Eucaliptus s.r.l. Progetto di manutenzione straordinaria per un immobile residenziale sito in v.le Orfeo n.18 a Mondello (PA) , Committente: Baglio di Cala Bruca snc Progettazione e realizzazione delle opere di ristrutturazione di un immobile sito in cortile Trapani a Palermo ,

30

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations Technical Advisory Analysis and Structural investigations Dalla gestione del rischio alla creazione di valore Analysis and Structural investigations Testing, Diagnosi, Analisi Valueconsult svolge un servizio

Dettagli

Monitoring, Testing & Structural engineering

Monitoring, Testing & Structural engineering Monitoring, Testing & Structural engineering Indagini strutturali e prove diagnostiche Monitoraggio dinamico di edifici e infrastrutture Verifica di vulnerabilità sismica di edifici esistenti Analisi e

Dettagli

A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche

A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche A&L Ingegneria effettua diagnosi termografiche, controlli non distruttivi e perizie con l ausilio di termocamere. Con la tecnica diagnostica della termografia si

Dettagli

Misura della profondità di carbonatazione

Misura della profondità di carbonatazione Controllo tecnico della qualità delle costruzioni Strutture edifici esistenti La valutazione della sicurezza e la progettazione degli interventi su edifici esistenti è caratterizzata da un grado di incertezza

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Architettura Laboratorio Ufficiale Prove Materiali e Strutture Sezione Prove su Strutture, Monitoraggi e Controlli Non Distruttivi

Dettagli

TERMOCAMERA ANALISI TERMOGRAFICA

TERMOCAMERA ANALISI TERMOGRAFICA TERMOCAMERA Una telecamera termografica a infrarossi (o termocamera) è uno strumento che rileva a distanza l'energia termica (infrarossa) e la converte in immagini fotografiche o video, fornendo al contempo

Dettagli

Indagini termografiche

Indagini termografiche Indagini termografiche informazioni sintetiche sulle possibili applicazioni in ambito edile, impiantistico ed industriale Servizi di Termografia dbabitat srl fornisce il servizio di analisi, indagine e

Dettagli

Dr.ssa Roberta Giorio. CMR SRL - Laboratorio di Analisi e Prove in Edilizia E di Diagnostica per il Restauro

Dr.ssa Roberta Giorio. CMR SRL - Laboratorio di Analisi e Prove in Edilizia E di Diagnostica per il Restauro Dr.ssa Roberta Giorio CMR SRL - Laboratorio di Analisi e Prove in Edilizia E di Diagnostica per il Restauro Laboratorio Accreditato ACCREDIA N 1035 Iscritto all Anagrafe Nazionale delle Ricerche del MIUR

Dettagli

Nell ambito delle attività di

Nell ambito delle attività di Le indagini diagnostiche per il consolidamento strutturale delle sponde dei rii di PIER PAOLO ROSSI Nell ambito delle attività di manutenzione ordinaria e straordinaria del progetto integrato rii promosso

Dettagli

L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 2 a parte

L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 2 a parte Roberto Ricca e-mail: r.ricca@inprotec.it L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 2 a parte 1 Utilizzo della termografia in edilizia Quando può essere effettuato il controllo

Dettagli

Premessa Perché una Analisi Energetica

Premessa Perché una Analisi Energetica AUDIT ENERGETICO LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CON L AUSILIO DELLE ANALISI TERMOGRAFICHE PER INDIVIDUARE SOLUZIONI DI RISPARMIO ENERGETICO E DI RISPARMIO DELLE MANUTENZIONI Premessa Perché

Dettagli

OMEGA SOLUZIONI - LISTINO NOLEGGIO

OMEGA SOLUZIONI - LISTINO NOLEGGIO TERMOIGROMETRO PROTIMETER MMS2 Campo di applicazione Misura dell' umidità in pavimenti in legno e massetti, cartongesso, blocchi di cemento e calcestruzzo, stucco, gesso, muratura e mattoni e altri materiali

Dettagli

Prove di spinta con martinetti idraulici. Prove di carico su ponti e viadotti

Prove di spinta con martinetti idraulici. Prove di carico su ponti e viadotti rove Prove di carico di carico uiamo Eseguiamo prove di prove carico di su carico qualsiasi su qualsiasi struttura struttura civile o industriale, civile o industriale, su solai piani su solai e coperture,

Dettagli

Programma «Scuola e uffici Sicuri»

Programma «Scuola e uffici Sicuri» Centro Italiano di Certificazione per le prove non distruttive e per i proc. Ind. Patrocinato: CNR ENEA ISPEL RINA - UNI Associazione Italiana Prove non Distruttive Monitoraggio e Diagnostica UNI 9712

Dettagli

Individuazione di tubazioni mal isolate. Con la termografia è possibile individuare tubazioni non isolate inquadrando la parete dall esterno.

Individuazione di tubazioni mal isolate. Con la termografia è possibile individuare tubazioni non isolate inquadrando la parete dall esterno. Individuazione di tubazioni mal isolate Con la termografia è possibile individuare tubazioni non isolate inquadrando la parete dall esterno. 1 Individuazione tubazioni acqua calda Controllando termograficamente

Dettagli

A R C H. P A O L O B E R T I N I B I O - A R C H I T E T T U R A F E N G S H U I C O N S U L E N Z A E N E R G E T I C A T E R M O G R A F I A

A R C H. P A O L O B E R T I N I B I O - A R C H I T E T T U R A F E N G S H U I C O N S U L E N Z A E N E R G E T I C A T E R M O G R A F I A A R C H. P A O L O B E R T I N I B I O - A R C H I T E T T U R A F E N G S H U I C O N S U L E N Z A E N E R G E T I C A T E R M O G R A F I A PRESENTAZIONE L attività dello Studio è frutto dell esperienza

Dettagli

PROGETTO: Analisi conoscitiva. OGGETTO: Book per le indagini UMI 1 01.BK.03.01 C12002. Comune di Valtopina

PROGETTO: Analisi conoscitiva. OGGETTO: Book per le indagini UMI 1 01.BK.03.01 C12002. Comune di Valtopina COMUNE DI: Valtopina PROVINCIA DI: Perugia LAVORO: Progettazione, Direzione dei Lavori, Piano della sicurezza per l'intervento di completamento lavori di costruzione U.M.I. 1-2 del P.I.R. di Giove PROGETTO:

Dettagli

Foto in copertina. Test alla fenolftaleina condotto per determinare il profilo di penetrazione della carbonatazione

Foto in copertina. Test alla fenolftaleina condotto per determinare il profilo di penetrazione della carbonatazione Foto in copertina. Test alla fenolftaleina condotto per determinare il profilo di penetrazione della carbonatazione 1.... 4 2.... 5 3.... 6 4.... 8 5.... 10 6.... 12 7.... 12 8.... 13 3 1. 4 2. La Istemi

Dettagli

Rilievi Termometrici. Nuove Tecnologie per l Ingegneria. e monitoraggi manutentivi. Funaro Ingegneria Ing. Giuseppe Funaro Cosenza (CS)

Rilievi Termometrici. Nuove Tecnologie per l Ingegneria. e monitoraggi manutentivi. Funaro Ingegneria Ing. Giuseppe Funaro Cosenza (CS) Rilievi Termometrici e monitoraggi manutentivi Nuove Tecnologie per l Ingegneria g Studio Tecnico Rende (CS) Funaro Ingegneria Ing. Giuseppe Funaro Cosenza (CS) 2 Perchè conviene monitorare agli infrarossi

Dettagli

INDAGINE TERMOGRAFICA

INDAGINE TERMOGRAFICA Pag. 1 di 6 INDAGINE TERMOGRAFICA 1. Scopo La visione Termografica di un oggetto è la riproduzione istantanea tramite grafica computerizzata (a colori o in bianco e nero) della mappa delle temperature

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI ai sensi della vigente normativa (L. R. 28 maggio 2007 n. 13 - Regione Piemonte) Gli obiettivi della certificazione energetica degli edifici Migliorare la trasparenza

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

Isopack. Approfondimento tecnico. La termografia in edilizia

Isopack. Approfondimento tecnico. La termografia in edilizia Approfondimento tecnico La termografia in edilizia 1 LA TERMOGRAFIA La termografia all infrarosso è una tecnica non invasiva e non a contatto, che fornisce la distribuzione della temperatura superficiale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA -Fase di ripristino-

RELAZIONE TECNICA -Fase di ripristino- Lavori di risanamento corticale degli elementi portanti in CA e ripristino della ricopertura dei ferri del ponte ad archi sul Panaro alla progr. km. 21+836 della linea Casalecchio - Vignola RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Piccoli oggetti Risoluzione geometrica

Piccoli oggetti Risoluzione geometrica Piccoli oggetti Risoluzione geometrica Strumenti utili per la CERTIFICAZIONE ENERGETICA La TERMOFLUSSIMETRIA SI BASA SULLA LEGGE DEL TRASFERIMENTO DI CALORE LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: UNI EN 9252 NOV.

Dettagli

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Concetti e spunti applicativi 1 Ing. Roberto Callegari Tecniche Strumentali per la Diagnosi Energetica INTRODUZIONE 2 Una adeguata conoscenza

Dettagli

07/12/2013. I controlli in cantiere: Le diagnosi non distruttive. Efficienza energetica degli edifici

07/12/2013. I controlli in cantiere: Le diagnosi non distruttive. Efficienza energetica degli edifici Quale autovettura? Efficienza energetica degli edifici Adatta a ogni situazione I controlli in cantiere: Le diagnosi non distruttive 100 km/litro Marco Boscolo Libero professionista Professore a contratto

Dettagli

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI]

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] Analisi delle cause delle più frequenti lesioni presenti negli edifici con struttura in cemento armato, e metodi di

Dettagli

Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione

Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione Sergio LAGOMARSINO Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni,dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Genova sergio.lagomarsino@unige.it

Dettagli

Indagini Strutturali srl. www.indaginistrutturali.it. Indagini sui materiali. Indagini dinamiche. Roma Milano

Indagini Strutturali srl. www.indaginistrutturali.it. Indagini sui materiali. Indagini dinamiche. Roma Milano www.indaginistrutturali.it IndaginiStrutturalisrl opera nel settore della diagnostica di infrastrutture e manufatti di ogni tipo effettuando verifiche, controlli, monitoraggi, con particolare riguardo

Dettagli

Centro d Esame BVI Strutture Civili di Vimercate (MB)

Centro d Esame BVI Strutture Civili di Vimercate (MB) Corso di formazione ed addestramento per il personale tecnico addetto ai Controlli non distruttivi sulle Strutture Civili e sui Beni Culturali ed Architettonici nel seguente campo di applicazione: L indagine

Dettagli

Conoscere l'arte per conservare l'arte:

Conoscere l'arte per conservare l'arte: Conoscere l'arte per conservare l'arte: Indagini diagnostiche per i Beni Culturali Le opere d'arte sono oggetti unici e irripetibili e come tali vanno trattate. Conoscerne le fenomenologie di degrado e

Dettagli

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR Indice - Premessa - Indagine termografica - Documentazione Fotografica e IR Premessa La caratterizzazione fisico-meccanica dei materiali costituenti un manufatto è indispensabile per stabilire un appropriato

Dettagli

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture.

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. In particolare vengono progettati e realizzati interventi di ingegneria strutturale quali:

Dettagli

INTRODUZIONE INDAGINI DIAGNOSTICHE

INTRODUZIONE INDAGINI DIAGNOSTICHE INDAGINI DIAGNOSTICHE INTRODUZIONE La diagnostica riveste un ruolo fondamentale per un corretto intervento di recupero o di restauro. Il primo passo, e forse il più delicato, è quello di capire di cosa

Dettagli

Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG)

Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG) Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG) Metodo di indagine termografica La termografia all'infrarosso è una particolare tecnica telemetrica in grado di determinare, con notevole risoluzione

Dettagli

riabilitazione delle strutture

riabilitazione delle strutture riabilitazione delle strutture Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali Orientamento: Strutture e Rischio Sismico Crediti formativi: CFU 6 Docente: Gianmarco

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

TARIFFE PROVE DI LABORATORIO Legge n.1086/71j

TARIFFE PROVE DI LABORATORIO Legge n.1086/71j Università degli Studi di Napoli Federico II Laboratorio Ufficiale Prove Materiali e Strutture "Adriano Galli" Dipartimento di Strutture per l Ingegneria e l Architettura TARIFFE PROVE DI LABORATORIO Legge

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Lavello Provincia di Potenza PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 D.P.R. 207/10) OGGETTO: Lavori di consolidamento a valle del fabbricato della Protezione Civile COMMITTENTE:

Dettagli

LA TERMOGRAFIA. Strumenti di misura Servizi Formazione

LA TERMOGRAFIA. Strumenti di misura Servizi Formazione LA TERMOGRAFIA La termografia IR è una tecnica di indagine non distruttiva (non sussistono alterazioni in seguito alla verifica) e non invasiva (non vi è contatto tra attrezzatura e oggetto da esaminare),

Dettagli

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato

DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato DATI, VERIFICHE ED ACCERTAMENTI NECESSARI PER LA REDAZIONE DEL CERTIFICATO DI IDONEITA STATICA/SISMICA Edifici in cemento armato Sezione n 1- Informazioni amministrative: In tale sezione devono essere

Dettagli

Principali tipologie di terreno

Principali tipologie di terreno Principali tipologie di terreno Terreni derivati da rocce sedimentarie (NON COESIVI): Sabbie Ghiaie Terreni derivati da rocce scistose (COESIVI): Argille Limi Terreni di derivazione organica: Torbe Terreno

Dettagli

1. INTRODUZIONE. Marzo 2015 1

1. INTRODUZIONE. Marzo 2015 1 Esempio di indagini sperimentali eseguite per il controllo e la qualificazione meccanica del calcestruzzo in opera mediante la prova di estrazione (pull out) con l'impiego di innovativo tassello post inserito

Dettagli

Roberto Ricca. L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia

Roberto Ricca. L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia Roberto Ricca L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 1 Utilizzo della termografia in edilizia Quando può essere effettuato il controllo termografico? Utilizzo della Blower

Dettagli

L attività tecnica di prevenzione del dissesto strutturale degli edifici. Ing. Alessandro Uberti - Libero professionista

L attività tecnica di prevenzione del dissesto strutturale degli edifici. Ing. Alessandro Uberti - Libero professionista L attività tecnica di prevenzione del dissesto strutturale degli edifici Ing. Alessandro Uberti - Libero professionista INTRODUZIONE Generalità sulle lesioni e si metodi di individuazione delle cause dei

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI

NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI COSTRUZIONI ESISTENTI: LIVELLI DI CONOSCENZA E INDAGINI DIAGNOSTICHE STRUTTURALI ING. ROCCO TOLVE MATERA 05 OTTOBRE 2011 Costruzioni esistenti : livelli di conoscenza

Dettagli

CHI SIAMO LP ENGINEERING

CHI SIAMO LP ENGINEERING CHI SIAMO La LP ENGINEERING, nasce nel 2001 in qualità di Laboratorio d Ingegneria Qualificato, al fine di affiancare tecnici, Enti e privati, realizzando numerosi e prestigiosi lavori, sia manufatti in

Dettagli

Ampliamento del cimitero comunale di Castelmartini loc. Castelmatini, via Cecinese

Ampliamento del cimitero comunale di Castelmartini loc. Castelmatini, via Cecinese SOMMARIO MANUALE D'USO... 1 Strutture in fondazione... 1 Travi di fondazione in c.a... 1 Strutture di elevazione... 1 Travi in c.a.... 1 Pilastri in c.a.... 1 Strutture secondarie... 1 Solai in latero-cemento...

Dettagli

2.5.3 PROVA ULTRASONICA

2.5.3 PROVA ULTRASONICA 2.5.3 PROVA ULTRASONICA Pag. 1 di 4 2.5.3 PROVA ULTRASONICA 1. Scopo La prova consente la determinazione delle caratteristiche elastico-dinamiche dei materiali costituenti l'opera in studio. Nello specifico

Dettagli

PROGETTO: Analisi conoscitiva. OGGETTO: Book per le indagini UMI 2 01.BK.04.01 C12002. Comune di Valtopina

PROGETTO: Analisi conoscitiva. OGGETTO: Book per le indagini UMI 2 01.BK.04.01 C12002. Comune di Valtopina COMUNE DI: Valtopina PROVINCIA DI: Perugia LAVORO: Progettazione, Direzione dei Lavori, Piano della sicurezza per l'intervento di completamento lavori di costruzione U.M.I. 1-2 del P.I.R. di Giove PROGETTO:

Dettagli

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature Ruredil Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature murature Ripristino Consolidamento DISSESTO Le strutture in muratura sono organismi complessi, i cui diversi componenti devono essere presi

Dettagli

I CONTROLLI NON DISTRUTTIVI ambito Civile e Industriale

I CONTROLLI NON DISTRUTTIVI ambito Civile e Industriale Catalogo offerta formativa ambito Civile e Industriale Teknoprogetti engineering Srl Chi siamo Teknoprogetti engineering è una società di ingegneria che si occupa di progettazione strutturale nei campi

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

COMUNE DI ARNESANO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI ARNESANO PROVINCIA DI LECCE COMUNE DI ARNESANO PROVINCIA DI LECCE PROGETTO: COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO DI ERP COMPOSTO DA N 8 ALLOGGI SITO NEL COMUNE DI ARNESANO (LE) IN VIA ELMO ANGOLO CON VIA DA REALIZZARE (C.U.P. I77E09000050006

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Termografia un nuovo metodo di indagine non distruttiva per gli edifici.

Termografia un nuovo metodo di indagine non distruttiva per gli edifici. ISTITUTO TECNICO STATALE PER GEOMETRI P.L. NERVI D.A.R.T. Laboratorio Diagnostica Ambientale e Rilievi Termografici Via San.Bernardino da Siena n 10 28100 NOVARA. e-mail: dart.itgnervi@gmail.com tel. 0321625790

Dettagli

FESSURE MURARIE: CHE FARE? F

FESSURE MURARIE: CHE FARE? F Tecniche & Prodotto RECUPERO Superficiali o profonde. Da esercizio o da ritiro, da flessione o da taglio. Ecco come studiare fessura per fessura le cause, i pericoli e le conseguenze dei diversi fenomeni

Dettagli

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA Via Rosaspina, 21 - Tel. 0541-704897 fax 704932 - C.F. / P. IVA.

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA Via Rosaspina, 21 - Tel. 0541-704897 fax 704932 - C.F. / P. IVA. COMUNE DI RIMINI DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA Via Rosaspina, 21 - Tel. 0541-704897 fax 704932 - C.F. / P. IVA. 00304260409 PROGETTO ESECUTIVO Relativo a: Intervento finalizzato al Miglioramento

Dettagli

Consolidamento e impermeabilizzazione con betoncino additivato

Consolidamento e impermeabilizzazione con betoncino additivato Consolidamento e impermeabilizzazione con betoncino additivato Mordagà Mirko, Ingegnere, Docente a contratto presso DESTEC - Dipartimento di Ingegneria dell Energia, dei Sistemi del Territorio e delle

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI

F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tiziano Lucca Indirizzo Via Enrico Degli Scrovegni 7 35131 Padova Telefono 049 651674 - cell. 3482234125

Dettagli

Estratto del Report di Analisi Termografica sulla volta della Sala Cambiaso presso Palazzo della Meridiana Genova

Estratto del Report di Analisi Termografica sulla volta della Sala Cambiaso presso Palazzo della Meridiana Genova Estratto del Report di Analisi Termografica sulla volta della Sala Cambiaso presso Palazzo della Meridiana Genova Genova, 3 maggio 2006 diogene snc di Simona Mazzotti e Corrado Poggio Via Greto di Cornigliano,

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI DI PROGETTAZIONE... 4 3. DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 4. CRONOPROGRAMMA... 6 5. IMPORTO DELL INTERVENTO... 7 6. COMPETENZE TECNICHE PROFESSIONALI... 7 1 1. PREMESSA

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA. Intervento di Restauro e Risanamento conservativo. della Chiesa di Montosero dedicata a Sant Andrea

RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA. Intervento di Restauro e Risanamento conservativo. della Chiesa di Montosero dedicata a Sant Andrea RELAZIONE TECNICO-DESCRITTIVA Intervento di Restauro e Risanamento conservativo della Chiesa di Montosero dedicata a Sant Andrea Anno 2010 1. Introduzione Questa relazione ha l obiettivo di mettere in

Dettagli

Cos è la Termografia InfraRosso

Cos è la Termografia InfraRosso Cos è la Termografia InfraRosso Cos è l InfraRosso (IR)? L energia IR (cioè Calore) si muove nello spazio come radiazione. L energia IR è una radiazione che fa parte dello spettro delle Onde Elettromagnetiche

Dettagli

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA COMUNE DI: SCAFA PROVINCIA DI: PESCARA OGGETTO: Piano Scuole Abruzzo il Futuro in Sicurezza edificio scolastico c.so I Maggio Scuola Elementare. Intervento indicato al n.132 dell allegato al D.C.D. n.

Dettagli

Corso di Auditor Termografico degli Edifici

Corso di Auditor Termografico degli Edifici Corso di Auditor Termografico degli Edifici Prossime date 14-18 Settembre 2009 9-13 Novembre 2009 Sede Sede FLIR di Limbiate (MI) Durata 40 ore L indagine termografica in edilizia rappresenta uno strumento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STATICA

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STATICA ing. Riccardo Morello P.zza Vittorio Veneto, 14 10123 Torino Tel. 011/8141051-Fax 011/8158475 Spettabile Città di Torino VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI, AMBIENTE EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

Dettagli

Patologia e diagnostica edilizia Relazione Caso Individuale: Efflorescenze sui setti controterra

Patologia e diagnostica edilizia Relazione Caso Individuale: Efflorescenze sui setti controterra Patologia e diagnostica edilizia Relazione Caso Individuale: Efflorescenzee sui setti controterra FARINA Gianluigi matr.. 776801 Sommario INTRODUZIONE... 3 ANALISI DELLA PATOLOGIA... 4 SOLUZIONI PROPOSTE...

Dettagli

Wall & Wall sagl Via Funicolare n 2 6900 Lugano CH

Wall & Wall sagl Via Funicolare n 2 6900 Lugano CH Wall & Wall sagl Via Funicolare n 2 6900 Lugano CH Il sistema Biodry Technology inverte il flusso delle molecole eliminando definitivamente il problema dell'umidità di risalita Capillare. In collaborazione

Dettagli

Aspetti tecnici per spiegare la presenza di umidità - muffa e condensa sui muri o su pavimenti e pareti fredde in genere

Aspetti tecnici per spiegare la presenza di umidità - muffa e condensa sui muri o su pavimenti e pareti fredde in genere Aspetti tecnici per spiegare la presenza di umidità - muffa e condensa sui muri o su pavimenti e pareti fredde in genere La presenza di muffa sulle pareti è una situazione tipica di condensa dell umidità

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PROGETTISTA ARCH. CRISTIANO GEMMA DIRETTORE DEI LAVORI ARCH. CRISTIANO GEMMA IMPRESA: EDIL ARS SRL - ROMA CENTRO STORICO

SCHEDA INFORMATIVA PROGETTISTA ARCH. CRISTIANO GEMMA DIRETTORE DEI LAVORI ARCH. CRISTIANO GEMMA IMPRESA: EDIL ARS SRL - ROMA CENTRO STORICO SCHEDA INFORMATIVA 1) DATI RELATIVI AL PROGETTISTA ARCH. CRISTIA GEMMA DIRETTORE DEI LAVORI ARCH. CRISTIA GEMMA (RUP, CSFP, CSFE, RESTAURATORI, EVENTUALE UFFICIO DL) 2) ALTRE FIGURE PROFESONALI COINVOLTE

Dettagli

Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo

Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo Indice Risanamento, Deumidificazione e leganti Consolidamento idraulici. Sistemi

Dettagli

Introduzione alla termografia

Introduzione alla termografia Introduzione alla termografia La TERMOGRAFIA IR è una tecnica diagnostica assolutamente non distruttiva che, misurando la radiazione infrarossa emessa da un corpo, è in grado di determinarne la temperatura

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì RECUPERO EDILIZIO I AGGIORNAMENTO 06/05/2013

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì RECUPERO EDILIZIO I AGGIORNAMENTO 06/05/2013 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì RECUPERO EDILIZIO I AGGIORNAMENTO 06/05/2013 Corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì RECUPERO EDILIZIO OBIETTIVI

Dettagli

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati Le componenti strutturali e la loro suscettibilità di danno FONDAZIONI Fondazioni su pozzi in muratura Fondazioni continue di murature Fondazioni su travi continue e/o su platea Fondazioni su plinti Fondazioni

Dettagli

Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012

Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012 Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Terremoto dell Emilia Romagna Maggio 2012 Report preliminare sui danni riscontrati in alcuni edifici pubblici dei comuni di San Pietro in Casale (BO),

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA. Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE

COMUNE DI BARLETTA. Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE COMUNE DI BARLETTA Settore Manutenzioni Provincia di Barletta-Andria-Trani Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE OGGETTO: RECUPERO E RISTRUTTURAZIONE DELLA PALAZZINA COMUNALE DI VIA GALVANI DA DESTINARE

Dettagli

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA Pag. 1 di 1 PROVA ULTRASONICA 1. Descrizione e scopo della prova. Le cosiddette prove ad ultrasuoni di "trasparenza" si eseguono nell'ambito dei controlli non distruttivi per la determinazione delle caratteristiche

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

Diagnostica per il restauro

Diagnostica per il restauro Università di Genova - Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Restauro Architettonico Anno accademico 2004-2005 Diagnostica per il restauro Arch. Luisa De Marco Alcuni esempi di tecniche analitiche

Dettagli

Controllo tecnico delle Costruzioni. Verifica del progetto ai della Validazione. Organismo di controllo indipendente accreditato ISP N 061E

Controllo tecnico delle Costruzioni. Verifica del progetto ai della Validazione. Organismo di controllo indipendente accreditato ISP N 061E Controllo tecnico delle Costruzioni ISP N 061E Membro degli Accordi di Mutuo Riconoscimento EA, IAF e ILAC Signatory of EA, IAF and ILAC Mutual Recognition Agreements Verifica del progetto ai della Validazione

Dettagli

CASO DI STUDIO INDIVIDUALE: INFILTRAZIONE DALLA COPERTURA DELL EDIFICIO DI VIA CASCINA BAROCCO 7- MILANO

CASO DI STUDIO INDIVIDUALE: INFILTRAZIONE DALLA COPERTURA DELL EDIFICIO DI VIA CASCINA BAROCCO 7- MILANO CASO DI STUDIO INDIVIDUALE: INFILTRAZIONE DALLA COPERTURA DELL EDIFICIO DI VIA CASCINA BAROCCO 7- MILANO STUDENTE: Palermo Maria Elisabetta matricola n 786869 Indice 1 INQUADRAMENTO DELL AREA 3 2 DESCRIZIONE

Dettagli

SEMINARIO INTERNACIONAL: I controlli non distruttivi in Ingegneria Civile: casi di studio;

SEMINARIO INTERNACIONAL: I controlli non distruttivi in Ingegneria Civile: casi di studio; Via A. Foresti, 5 25127 Brescia www.aipnd.it SEMINARIO INTERNACIONAL: Diagnòstico No Destructivo en Construcciones Civiles e Hidroeléctricas I controlli non distruttivi in Ingegneria Civile: casi di studio;

Dettagli

LA DIAGNOSTICA NON DISTRUTTIVA PER LA VERIFICA STRUTTURALE DELLE COSTRUZIONI E LA CONOSCENZA DEL DEGRADO DEI MATERIALI: LEGGI E NORMATIVE

LA DIAGNOSTICA NON DISTRUTTIVA PER LA VERIFICA STRUTTURALE DELLE COSTRUZIONI E LA CONOSCENZA DEL DEGRADO DEI MATERIALI: LEGGI E NORMATIVE LA DIAGNOSTICA NON DISTRUTTIVA PER LA VERIFICA STRUTTURALE DELLE COSTRUZIONI E LA CONOSCENZA DEL DEGRADO DEI MATERIALI: LEGGI E NORMATIVE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.P.C. DELLA PROVINCIA DI BARI ORDINE

Dettagli

Perizia tecnica relazione integrativa

Perizia tecnica relazione integrativa Studio di Ingegneria Ing.Vincenzo Sanzone Via Palmerino n 42, Palermo Partita IVA : 05993070829 Email: ing.sanzone@libero.it Perizia tecnica relazione integrativa Condominio Via Selinunte n 9 Palermo,

Dettagli

Responsabile del procedimento

Responsabile del procedimento Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo SCHEDA SINOTTICA DELL INTERVENTO Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 febbraio 2011 recante: Valutazione e riduzione del rischio

Dettagli

Responsabile del procedimento

Responsabile del procedimento Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo SCHEDA SINOTTICA DELL INTERVENTO Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 febbraio 2011 recante: Valutazione e riduzione del rischio

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Architettura, Costruzioni e Strutture IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Ing. Elena Seri IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Dettagli

LEZIONE 1 14 ottobre 2009

LEZIONE 1 14 ottobre 2009 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria DASTEC Dipartimento Arte Scienza e Tecnica del Costruire Facoltà di Architettura CORSO DI LAUREA IN ARCHITETTURA QUINQUENNALE LM-4 Laboratorio di

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTURALE DELL OPERA BIENN ANNU PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTUR DELL OPERA Il seguente PIANO DI MANUTENZIONE DELLA PARTE STRUTTUR DELL OPERA contiene l elenco delle operazioni di manutenzione ordinaria da effettuare

Dettagli

Documentazione Fotografica FOTO ESTERNE FABBRICATO STORICO 2! FOTO PROVE ESEGUITE SUL FABBRICATO STORICO 5! FOTO INTERNE FABBRICATO STORICO 12!

Documentazione Fotografica FOTO ESTERNE FABBRICATO STORICO 2! FOTO PROVE ESEGUITE SUL FABBRICATO STORICO 5! FOTO INTERNE FABBRICATO STORICO 12! Documentazione Fotografica Indice FOTO ESTERNE FABBRICATO STORICO 2! FOTO PROVE ESEGUITE SUL FABBRICATO STORICO 5! FOTO INTERNE FABBRICATO STORICO 12! FOTO SAGGI FABBRICATO STORICO 17! FOTO LESIONI FABBRICATO

Dettagli

LA TERMOGRAFIA COME RISOLUZIONE DI "EVENTO DANNOSO"

LA TERMOGRAFIA COME RISOLUZIONE DI EVENTO DANNOSO LA TERMOGRAFIA COME RISOLUZIONE DI "EVENTO DANNOSO" L'esperienza dello Studio Taccone S.r.l. in circostanze conseguenti a " indagine sullo stato conservativo dei fabbricati" legate alla influorescenza

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DI IDONEITA STATICA (DIS) DEGLI EDIFICI

LA DICHIARAZIONE DI IDONEITA STATICA (DIS) DEGLI EDIFICI I Quaderni del RUE Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano LA DICHIARAZIONE DI IDONEITA STATICA (DIS) DEGLI EDIFICI Disposizione tecnico-organizzativa (DTO 4/2014)

Dettagli

GEOSER S.r.l. - Via Basilicata 11-27100 Pavia - PIVA 01779010188 - www.geoser.com

GEOSER S.r.l. - Via Basilicata 11-27100 Pavia - PIVA 01779010188 - www.geoser.com Geoser offre da anni un servizio completo nel settore delle indagini geotecniche e geoambientali. A sostegno di questo servizio propone tutte le indagini finalizzate all individuazione dei parametri geotecnici

Dettagli

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO R. Pucinotti, C. Siciliano Dipartimento di Meccanica e Materiali Facoltà di Ingegneria -Università degli Studi Mediterranea di

Dettagli

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail:

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail: RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DELL EDIFICIO MUNICIPALE DI AZZANO SANPAOLO BG- Curno, Novembre 2013 Tecnico incaricato Dott. Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI Descrizione dello stato di fatto II fabbricato

Dettagli

MENSA UNIVERSITARIA CAMMEO VIALE CAMMEO n. 51 - PISA A4 RELAZIONE SUI MATERIALI IMPIEGATI

MENSA UNIVERSITARIA CAMMEO VIALE CAMMEO n. 51 - PISA A4 RELAZIONE SUI MATERIALI IMPIEGATI Claudio Barandoni Pisa 01/07/2015 Ingegnere Civile Edile Dottore di Ricerca in Materiali e strutture per L Architettura Via F. Rismondo, 39 56123 PISA MENSA UNIVERSITARIA CAMMEO VIALE CAMMEO n. 51 - PISA

Dettagli