d i a r i o Z E R O S E I M E S I

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "d i a r i o Z E R O S E I M E S I"

Transcript

1 2 d i a r i o Z E R O S E I M E S I

2 4 DIARIO DEL MASTER VISITA CANTIERE WELLDOM INCONTRO CON TIZIANA MARTIRE ECOLOGICAL DESIGN PROCEDURE LEED OPEN LESSON AZIENDE IN CATTEDRA FASSABORTOLO LEGNOLEGO - CELENIT VISITA ALLA NUOVA SEDE DI PADOVA PROVE DI LABORATORIO OPEN LESSON INDAGINI TERMOGRAFICHE DEL SITO DI PROGETTO VISITA ALLO STABILIMENTO DI PRODUZIONE WORK IN PROGRESS MOSTRA DEI PROGETTI OPEN LESSON Zeroseimesi Biocasa82 Patto di Stabilità Paolo Cascone Brainstorming MAXXI Genesis Costruiamo Schüco Italia Pultrusi Diesel Headquarters Termografia Wienerberger Notte Verde allo Iuav Torre Unipol d i a r i o Z E R O S E I M E S I

3 CON IL CONTRIBUTO DI: MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO INFO SU

4 s o p r a l l u o g o s e m i n a r i o c ostruzione&cantiere i n c o n t r o c o n Z E R O S E I M E S I Zeroseimesi Diario del Master Durante la prima edizione del Master Processi Costruttivi Sostenibili molto tempo è stato dedicato a capire, attraverso esperienze concrete, la realtà dei processi che portano allo sviluppo di materiali da costruzione e architetture innovative. Grazie ad incontri e visite a cantieri e stabilimenti di produzione gli studenti e i docenti hanno potuto vedere e toccare con mano cosa accade quando un idea si trasforma in realtà: fare innovazione significa infatti prima di tutto conoscere e diventare esperti dell ambito entro il quale si può operare, individuandone i limiti e le opportunità, sia che si parli dell ottimizzazione di un componente edilizio, sia che ci si appresti a progettare un architettura. Conoscere le pratiche di cantiere, le nuove normative ma anche le prassi utilizzate e gli esempi all avanguardia, diventa indispensabile se si vuole operare nell ambito della sostenibilità. Ciò è stato possibile grazie al confronto continuo con professionisti esterni di rilievo, che hanno portato il loro know how all interno delle lezioni presentando i lavori più rappresentativi dei propri studi professionali. Attraverso specifici approfondimenti su dettagli costruttivi, metodiche innovative e attività di cantiere il percorso didattico si è sviluppato in equilibrio tra esempi di pratica costruttiva e studio di una metodologia innovativa in grado di gestire la complessità dei processi progettuali odierni. iniziomaster b rainstorming procedureleed sitodiprogetto s e m i n a r i o solutionmap/xmind patto di stabilità casaleed/welldom MAXXI GENESIS una lettura per campi dal concept paolo cascone 8 al cantiere del museo Gli incontri con le aziende (Costruiamo), non sono serviti semplicemente a conoscere in modo approfondito i prodotti presentati, 9 di zaha hadid ma sono stati occasioni di continuo confronto tra produttori, studenti e docenti sui materiali, il loro ciclo di vita, le possibilità di riciclo, le opportunità di fare innovazione attraverso un uso inedito di tale materiale o di una diversa posa in opera. fassabortolo c e l e n i t legnolego Durante le visite agli stabilimenti di produzione è stato possibile imparare a conoscere il ciclo di produzione di alcuni materiali dalla materia prima al prodotto finito. Le aziende incontrate: > Artesa Extenzo, Vicenza > Bluesteel, Treviso > Carlo Gavazzi, Milano > Celenit, Padova > Clivet, Belluno > E++, Cuneo > Fassa Bortolo, Treviso > Gaudenzi, Padova > Graniti Fiandre, Reggio Emilia > Inox Piave, Belluno > Legnolego, Vicenza > Listotech, Padova > Rockwool, Milano > RTisolazioni, Trento > Schueco, Padova > Secco Sistemi, Treviso > Wienerberger, Bologna - Feltre > Woodn Industries, Belluno > Ytong Xella, Piacenza s e m i n a r i o pultrusi ZinCoitalia ytong-xella costruzione&cantiere grupposimeon bluesteel s o p r a l l u o g o termografie WoodnIndustries schucoitalia rockwool

5 > Zin.Co, Milano >Zintek, Venezia > 888 Software, Rovigo Gli studi professionali e le imprese di costruzioni coinvolte hanno saputo trasmettere la passione per il proprio lavoro, la ricerca della massima attenzione sia al singolo dettaglio che all intero processo, il desiderio di inserire in ogni realizzazione un particolare innovativo per continuare a crescere e proporre soluzioni eccellenti. Studi Professionali e Imprese incontrate: DIESEL HEADQUARTERS Favero&Milan rizzanideeccher w o r k s h o p 888software > Simco Tecnocovering, Venezia > Favero&Milan, Venezia > Rizzani de Eccher, Udine > Orizzonte Costruzioni, Rovigo > Welldom, Treviso > Studio Àddita, Pordenone-Londra > Hanami Progetti, Belluno > TAM Associati, Venezia > Paolo Cascone, Parigi > Open Project, Bologna > Diesel, Vicenza strategie innovative per ambienti di lavoro all avanguardia/ il verde verticale in architettura wienerberger TAMAS- SOCIATI Questo Diario vuole essere un racconto degli incontri fatti durante i sei mesi di corso. Nelle pagine seguenti sono presentati i resoconti più approfonditi di alcune di queste lezioni, scritti dagli studenti della prima i n c o n t r o c o n edizione del Master. esperienze di cohousing tra sostenibilità, mercato immobiliare 10 e innovazione sociale 11 Un grazie a tutti i professionisti che sono intervenuti e che hanno arricchito il percorso didattico con la loro passione, i loro progetti, le loro idee innovative (e a volte un pò folli!); e grazie soprattutto per il prezioso bagaglio di insegnamenti che ci hanno messo a disposizione, frutto della pratica professionale e del loro fare architettura sporcandosi le mani. studioàddita seccosistemi listotech RTisolazioni e x t e n z o INVOLUCRI SOSTENIBILI notteverdealloiuav orizzonte granitifiandre il processo costruttivo della Torre Unipol di Bologna tra innovazione sostenibile dell involucro e protocollo ambientale

6 B I O C A S A 8 2 Biocasa 82 Cantiere Welldom VISITA AL CANTIERE LEED PLATINUM DI WELLDOM Biocasa82 è stato il primo cantiere visitato nell ambito del Master Processi Costruttivi Sostenibili. I lavori sono ad uno stadio molto avanzato, si leggono chiaramente gli spazi, ormai conclusi nella parte strutturale. Adesso i veri protagonisti del cantiere sono gli impianti, che qui la fanno da padroni. Il tecnico impiantista ci porta nella stanza dei bottoni e ci racconta l iter di progettazione e costruzione dei sistemi, realizzato con il coordinamento di Welldom; ci perdiamo tra serbatoi d accumulo e centraline, che regolano anche funzionamento e gestione dell impianto fotovoltaico e delle sonde geotermiche verticali, poste sotto il giardino. Durante la visita all abitazione, si instaura un dibattito che coinvolge Giovanni Fabris (Welldom), i docenti presenti e gli studenti. Si cerca di capire come sia possibile legare sostenibilità e qualità architettonica del costruito, magari introducendo fin dalle prime fasi progettuali strategie di ottimizzazione e verifiche che consentano di non dover snaturare il progetto in fase esecutiva. Giovanni Fabris spiega nel dettaglio il sistema costruttivo adottato, in legno, mostrando giunti, attacchi a terra, dettagli creati appositamente per questa casa. Tra le righe si leggono la passione e la conoscenza dei materiali e delle tecniche 12 costruttive, e il desiderio di fare il proprio lavoro al meglio, al di là della targa LEED (che sarà comunque, con tutta probabilità, 13 PLATINUM). Tiziano Dalla Mora

7 P A T T O S T A B I L I T À Patto di Stabilità Incontro con Tiziana Martire INCONTRO CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Nella vita professionale il rapporto con la Pubblica Amministrazione presenta non pochi nodi da sciogliere, queste difficoltà nascono dal fatto di avere un ordine mentale diverso. L incontro tra il Master Processi Costruttivi Sostenibili e la P.A., con l Assessore Tiziana Martire, ci aiuta a dipanare uno di questi nodi, quello riguardante il Patto di Stabilità che i comuni italiani (dal 2013 anche quelli sotto i 1000 ab.) hanno dovuto adottare dopo il La dott.ssa Martire è una entusiasta amministratrice che, come Assessore al Bilancio delle società partecipate del Comune di Belluno, ha avuto la possibilità di toccare con mano gli effetti concreti dei vincoli di finanza. Ha scelto di parlarci dal punto di vista del professionista che si rapporta con l Ente Pubblico e deve progettare e eseguire un opera avendo possibilmente una certezza di risorse. Per quanto riguarda l assetto finanziario di un Ente, ad oggi l entrata e l uscita danno la possibilità di impegnare la spesa per la parte Corrente (Ordinaria) per la quale il Patto di Stabilità indica un saldo programmatico di spesa che è dato dalla somma delle 14 entrate + spesa per le competenze, mentre per la parte in Conto Capitale, con la quale un professionista si scontra, perché è 15 la parte a cui fanno riferimento le spese di investimento, il Patto parla di incassi e pagamenti per questo motivo l Ente può fare un opera solo se saprà di aver incassato e quindi saprà di poter spendere. Di tutte le possibilità di incasso lo Stato ne riconosce solo alcune, ad esempio se l Ente contrae un mutuo questo non viene riconosciuto come incasso e per realizzare l opera dovrà cercare risorse da un altra parte ovvero tramite alienazioni e oneri di urbanizzazione o da un movimento molto virtuoso che è quello di portare un avanzo sano di spesa corrente in conto capitale. In definitiva l Ente deve avere le risorse che gli permettano di definire un piano triennale di Opere Pubbliche il quale deve essere finanziato e rispettoso del Patto di Stabilità attraverso il Piano dei Pagamenti. Tutti aspetti che andranno approfonditi in incontri futuri con la Pubblica Amministrazione. Un Grazie particolare all Assessore Tiziana Martire. Rossella Russolillo

8 P A O L O C A S C O N E Paolo Cascone Ecological Design NUOVE DISCIPLINE PER UN ARCHITETTURA PERFORMATIVA Un incontro interessante per gli studenti del Master è stato quello con Paolo Cascone, architetto specializzato in Environmental Parametric Design alla Architectural Association School of Architecture di Londra. Quello di Paolo Cascone è un approccio innovativo nel campo della progettazione: un sistema interdisciplinare, un modo di progettare con tipologie che sconfinano nella biologia e che tiene conto di variabili ambientali, sociali e funzionali. Si tratta di un nuovo modo di mettere in relazione high-tech design (un modo di progettare avanzato, con la modellazione parametrica e simulazioni di performance ambientali) e low-tech construction (costruzioni realizzabili in tempi brevi, con poche risorse e che si rifanno ai materiali tradizionali). 16 Un approccio di questo tipo si ispira ad uno studio analitico dei processi ricorsivi di morfogenetica che avvengono spontaneamente in natura. L architetto ha l opportunità/responsabilità di utilizzare le tecniche di progettazione avanzate (parametriche, algoritmiche etc.) per sviluppare una famiglia di soluzioni architettoniche in grado di ottimizzare risorse ed energia. L interpretazione dei risultati ottenuti dai software deve essere il pretesto per lavorare con le informazioni in maniera creativa e in termini di processo; la geometria, indagata attraverso un sistema logico e controllato, diventa uno strumento per mettere materia e tecnologia dove serve. If something happens. something else happens Stefania Prando > Paolo Cascone AA-MA PhD Eng. Paolo Cascone, born in Naples and grew up between East-Africa and West-Indies, is an AA-trained architect. In the last years Paolo has been researching and working to develop an interdisciplinary design methodology in the field of ecologic design. He founded COdesignLab in 2007 in Paris where is also involved in research and education, teaching design studio at ESA (Ecole Speciale d Architecture) as associate professor and scientific director of the Urban Ecologies research project. Paolo is regularly lecturing on his work and research widely in schools of architecture and engineering.

9 B R A I N S T O R M I N G Brainstormig LEED INCONTRO CON LA COMMITTENZA PER LA DEFINIZIONE DELLE FUNZIONI DEL SITO DI PROGETTO All inizio del Master è stato presentato il tema di progetto su cui noi studenti andremo ad operare per applicare concretamente gli insegnamenti teorici. Il sito si trova nel centro storico di Belluno e comprende un edificio storico costruito in vari passaggi tra il 1500 e il 1800 (Palazzo Alpago), che andrà riqualificato con criteri di efficienza energetica, e un appendice adiacente di più recente costruzione (Alpago Est), su cui si potrà agire con una demolizione e ricostruzione per ottimizzare forma, involucro e struttura. Il primo mese di Master PCS si conclude quindi il giorno 22 dicembre 2011, con un incontro alla presenza dei rappresentanti di Confindustria, proprietaria del sito di progetto. L obiettivo è di conoscerne con precisione volontà e punti di vista. In particolar modo si cercherà di capire le strategie che i proprietari stessi vorranno perseguire, in modo da presentare progetti il più possibile rispondenti alle esigenze reali dei committenti. Alla Tavola rotonda, per definire le destinazioni d uso relative al tema progettuale, sono presenti il Dott. Italo Luigi Tonet (Membro giunta esecutiva, Confindustria), il Dott. Stefano Perale (Direttore servizi alle imprese, Confindustria), l Architetto Barbara Tonet, 18 portavoce di quella parte di cittadini che al proprio territorio chiede innovazione di idee e di atteggiamento; a questi si aggiunge 19 l Architetto Amelia Cassol, membro dell Ordine degli Architetti di Belluno. A questi ospiti si aggiungono alcuni dei docenti del Master, che fungono da consulenti per specifici aspetti del progetto (impianti, cantiere, computo...), necessari se fin dalle prime fasi della progettazione si vogliono formulare ipotesi concrete e coerenti, tenendo conto di tutti gli aspetti di un progetto complesso. Con la finalità di capire, dunque, aspettative e limiti dell intervento al sito di progetto, poniamo alla Committenza una serie di domande formulate secondo le procedure LEED sotto l impeccabile guida del docente Alessandro Speccher (GBC Italia), con cui nelle lezioni precedenti avevamo preparato una traccia precisa per la gestione della giornata, che rientra nelle buone pratiche di Progettazione Integrata. Le risposte? Non del tutto definite. Confindustria non ci chiarisce le idee sulla destinazione d uso dell edificio, che andremo quindi a proporre noi stessi, né sul potenziale budget. La discussione si focalizza sulla valorizzazione dell immobile, e nel raggiungimento di questo. Che peso ha la sua funzione? Il suo processo costruttivo sostenibile? L innovazione? L effetto volano? Emerge da questo confronto un attribuzione di valori percentuali relativi ai diversi aspetti di innovazione e valorizzazione: il nostro input per il lavoro del secondo mese. In questo caso specifico come progettisti cercheremo di formulare differenti ipotesi di utilizzo, analizzando le peculiarità del territorio in cui ci troviamo ad operare e proponendo al committente soluzioni innovative in grado di attrarre investitori. Agnese Ferretti

10 M A X X I G E N E S I S MAXXI Genesis Open Lesson OPEN LESSON DEL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO PROCESSI COSTRUTTIVI SOSTENIBILI TENUTA DAL DOCENTE DI LABORATORIO PROGETTUALE ENRICO DI MUNNO Quante volte trovandoci di fronte ad un architettura contemporanea, che ad un primo sguardo ci appare strana, ci chiediamo: perché ha quella forma? L open lesson del master universitario di II livello Processi Costruttivi Sostenibili, tenutasi il 23 gennaio 2012 allo IUAV di Venezia, ha cercato di dare risposta a tale domanda analizzando attraverso una lettura per campi il museo MAXXI dell architetto Zaha Hadid. In architettura, il campo è visto come dominio dinamico che controlla il processo progettuale. Tale dominio consente di gestire ed analizzare simultaneamente tutti i differenti canali di informazioni che strutturano un processo complesso. Strumento di analisi, ma anche di controllo e verifica, il campo si pone come strumento ordinatore di opportunità e vincoli dello spazio architettonico. Ma il campo è in primo luogo un modo di osservare, una chiave per indagare l architettura, un atto interpretativo dell esistente, prima che del progetto Zaha Hadid si è trovata ad operare in un contesto già urbanizzato e per questo si è dovuta confrontare con delle preesistenze. Da qui nasce lo studio del campo, questo insieme di relazioni tra storia, tessuto urbano e funzionalità. Un analisi che ha portato in risalto le parti del tutto che non davano continuità, ma che erano interrotte nello sviluppo degli anni. Partendo dalla planimetria dell esistente, individuando i flussi, ha eseguito delle deformazioni figurative per individuare il campo dell architettura futura. Lo schizzo base viene chiamato campo di striature, un disegno che rappresenta linee più o meno spesse ad indicare i flussi primari e secondari. Nel progetto non sono previste sale espositive ma solo un gran percorso che porta il visitatore alla scoperta dell arte. Interessante è stato vedere come il metodo di realizzazione dei modelli in scala sia stato diametralmente opposto al metodo di realizzazione delle strutture reali. Per i modelli si è partiti dal pieno e con l ausilio di macchine a controllo numerico si è ricavata l architettura, un processo dal pieno al vuoto, mentre per le strutture reali si è dovuto, prima progettare e realizzare un architettura di casseforme (vuoti), la quale poi è stata riempita con calcestruzzo auto compattante che ha costituito il pieno. Una struttura mono materiale, almeno all apparenza, che vuole lasciare spazio alle opere d arte in essa contenute. La forma è davvero uno scopo? Non è piuttosto il risultato del processo del dare forma? Non è il processo essenziale? Una piccola modifica delle condizioni non ha come conseguenza un altro risultato? Un altra forma? Io non mi oppongo alla forma, ma soltanto alla forma come scopo... (Mies van der Rohe, ) Dall analisi per campi c è molto da imparare, non solo per l architettura Omar Sartor

11 C O S T R U I A M O Costruiamo Aziende in cattedra FASSABORTOLO LEGNOLEGO - CELENIT NELL AMBITO DEL MODULO PCP, PROGETTO-CANTIERE-PROTOTIPO Venerdì 27 gennaio 2012 il Master in Processi Costruttivi Sostenibili inaugura il ciclo di incontri con le aziende, accogliendo, in ordine, FASSA BORTOLO,LEGNOLEGO e CELENIT. FASSA BORTOLO è un azienda trevigiana specializzata in finiture, sistemi di isolamento termico, prodotti per il risanamento di murature e recupero del calcestruzzo, dunque soluzioni rivolte al progetto e al recupero della pelle dell edificio, una pelle, che oggi riveste un ruolo sempre di maggiore spessore. Nel 95% dei casi, la principale causa dei problemi che sorgono in cantiere è la scorretta scelta del prodotto : così apre il discorso Walter Ganeo, chimico industriale che da 10 anni lavora nei laboratori Fassa e che da 3 si è specializzato nel settore delle costruzioni. Ganeo non ha dubbi, Il costruire sostenibile è legato al concetto di durabilità dell opera, partendo dalle tecniche di protezione dell edificio, dove la finitura gioca un ruolo fondamentale in quanto è il primo, e quindi il più esposto, baluardo per la sua difesa. Non esistono prodotti più o meno sostenibili, ma processi e scelte consapevoli. La conoscenza di un materiale, e il suo corretto 22 uso, diventano pre-requisiti fondamentali della sostenibilità. Quali sono i parametri che ci aiutano a capire come utilizzare un determinato materiale? Idrorepellenza, riflettanza e traspiranza sono solo alcuni di essi, misurabili, e quindi interpretabili. 23 La presentazione si conclude con un esempio significativo: due materiali, la calce idraulica naturale e il comune cemento portland; il primo viene prodotto cuocendo il calcare per 24 ore a circa 1100 C mentre per il secondo sono necessari circa 1450 C per un ora. Analizzando questi dati ci rendiamo conto quanto sia difficile affermare che un materiale naturale sia necessariamente il più. Talvolta i consumi necessari, la quantità di rifiuti prodotti, e le emissioni di agenti inquinanti sono fattori che possono fare la differenza. Ci spostiamo poi a Vicenza, per parlare di Piero Canderle e del suo LEGNOLEGO, un ingegnoso sistema strutturale realizzato in legno massiccio e completamente assemblato a secco. Perché il legno? Canderle mette a confronto diversi materiali e le loro proprietà quali spessore, conduttività, attenuazione, calore specifico e potenza, ma soprattutto massa e sfasamento termico e a parità di trasmittanza unitaria (U=0,28 W/m2K) indentifica nel legno il miglior compromesso. Ed è proprio attraverso le proprietà di massa e di sfasamento termico che questo sistema si impegna nell assicurare un isolamento termico che riduca al minimo i costi per il riscaldamento e il condizionamento della casa. Il potere fono-isolante, la possibilità di integrare gli impianti all interno della struttura, la posa in opera e la riciclabilità dei materiali sono alcuni degli aspetti che rendono questa tecnologia piuttosto interessante sia per quanto riguarda gli interventi ex-novo che quelli su edifici preesistenti, ma quello che più ha solleticato la mente di noi progettisti è stata certamente l idea compositiva: elementi lineari si affiancano e formano superfici, piane o curve discretizzare dal numero stesso degli elementi che le compongono; in altre parole, tante travi accostate l una all altra come fossero i conci di un arco, e come in un arco, una gerarchia che distingue i conci dai conci di chiave. L intensa giornata giunge al suo epilogo con CELENIT; a parlarci con noi, è venuto l arch. Mora, direttamente dall Ufficio Tecnico dell azienda e che offre assistenza tecnica gratuita, anche per ciò che riguarda il cantiere. Non a caso l azienda, molto attenta ai requisiti della committenza, interviene nei capitolati d appalto per definire scrupolosamente le caratteristiche dei loro prodotti e le loro modalità di posa in opera. Sempre in quest ottica, è inoltre l impegno che l azienda profonde nel campo della formazione, organizzando corsi e convegni,

12 con l obiettivo di offrire un adeguata conoscenza dei materiali e guidare i progettisti nella scelta e nella corretta applicazione degli stessi. Appare evidente come la sostenibilità in questo caso si esprima in termini di conoscenza e di controllo dei materiali. L azienda infatti conta su un unico stabilimento a Padova, lì dove è nata nel 1963, proprio per tenere sotto controllo la filiera di produzione. Non ci sorprende arrivati a questo punto, quanto l arch. Mora esalti l importanza di lavorare con materiali certificati. L integrazione di materiali differenti, l introduzione di un libretto prodotto e la gratuita messa a disposizione di software per il calcolo della condensa e dello sfasamento termico sono alcuni esempi della ricerca per quanto concerne il benessere abitativo, dal comfort acustico alla qualità dell aria interna degli ambienti. In sintesi una giornata che ha evidenziato una pluralità di questioni riguardanti la sostenibilità e di modi attraverso cui essa può esprimersi, e quindi ricca di spunti. Dario Abbenante 24 25

13 S C H U E C O I T A L I A Schüco International Italia Visita alla nuova sede di Padova UNA GIORNATA DI STUDIO IN AZIENDA ALL INSEGNA DELL EFFICIENZA ENERGETICA E DEL COMFORT ABITATIVO Schüco Italia, azienda leader nel campo dell involucro edilizio ad alto isolamento termico e di soluzioni per lo sfruttamento dell energia solare, ha aperto le porte della sua sede ai partecipanti del Master Processi Costruttivi Sostenibili. La necessità dello stretto rapporto tra formazione e impresa è una visione condivisa con il Master anche da Schüco da sempre attenta a creare innovazione grazie alla qualità delle competenze tecniche dei suoi collaboratori e professionisti. L attenzione verso il paesaggio e le sue risorse, in primis quelle energetiche, è ormai un fattore di cui non si può fare a meno soprattutto in riferimento ad interventi di tipo costruttivo, che devono armonizzarsi con il territorio su cui incidono e migliorare la qualità della vita delle persone che vi abitano. In questo senso la sede dell azienda padovana risulta un vero e proprio caso di studio in quanto progettata come laboratorio tecnologico realizzato appositamente per dare forma e concezione al futuro dell edilizia ecosostenibile, attraverso l ideazione di prodotti in grado di coniugare il massimo rispetto dell ambiente e ridotti consumi energetici con un design moderno, senza rinunciare a un elevato comfort abitativo. 26 L edificio in cui ha ora sede è infatti uno straordinario esempio di recupero edilizio che ha trasformato un vecchio magazzino 27 logistico in un edificio in classe A grazie all applicazione delle più avanzate tecnologie Schüco. Per questi motivi, in breve tempo, la sede di Schüco è diventata un centro di scambio culturale per i professionisti della green energy e funge da polo di formazione e informazione al servizio dei cittadini e delle istituzioni. L edificio, progettato dallo Studio B + B Associati, viene scaldato attraverso impianti solari termici, rinfrescato con un sofisticato sistema di solar cooling, reso autosuffciente dall energia prodotta attraverso pannelli fotovoltaici posti su tetto e facciate. Lo stabile regola autonomamente la quantità di luce che penetra dalle fnestre, adegua le proprie necessità energetiche ai reali fabbisogni di chi vi sta dentro. L involucro ha ampie superfci vetrate correttamente orientate, ben isolate termicamente e con schermature solari esterne. Di certo il miglior modo per modulare la condizione climatica esterna trasformandola in condizione climatica interna, con il minor apporto di energia da combustibile fossile. La scelta è ricaduta, per i fronti rivolti ad est e a sud, sulla facciata E 2 sviluppata da Schüco. Questo sistema modulare di facciata continua è diventato disponibile come prodotto da catalogo dopo una accurata fase di progettazione condotta in collaborazione tra l uffcio di R&D di Bielefeld e il team del Prof. Behling dell Università di Stoccarda. Una tecnologia talmente innovativa che Schüco è stato uno dei primi cantieri al mondo ad utilizzarla. Durante la visita alla nuova sede di Padova, l Ing. Giorgio Nobile ha descritto agli studenti il processo di progettazione e costruzione dell edificio, con particolare attenzione ai dettagli dell involucro. Attraverso questo tipo di lezioni è possibile toccare con mano in tempo reale soluzioni e strategie adottate per l ottimizzazione sostenibile dello spazio architettonico. Confindustria Belluno Dolomiti

14 P U L T R U S I Pultrusi Prove di laboratorio UNA MATTINA AL LABORATORIO PROVE MATERIALI DELL UNIVERSITA IUAV DI VENEZIA CON IL PROF. SALVATORE RUSSO Il master Processi Costruttivi Sostenibili è stato ospite della struttura progettata da Francesco Venezia per farsi dedicare, dal vicedirettore del Laboratorio Prof. Salvatore Russo, una mattinata di approfondimento sui materiali compositi FRP (Fibre Reinforced Polymers). L attività di ricerca del Laboratorio si concentra particolarmente su questo materiale realizzato con fibre (di vetro, carbonio o arammide) su matrice a base di resine polimeriche con la tecnica della pultrusione. Il composito, più comunemente usato nella forma GFRP (fibre di vetro), è dotato di caratteristiche fisiche e meccaniche non comuni da cui derivano campi di applicazione precisi: il peso proprio molto inferiore a quello dell acciaio a fronte di valori di resistenza paragonabili, una durabilità tendente a infinito, tempi di realizzazione ridotti, la possibilità di poter scegliere in laboratorio la rigidezza del composito lo rendono ideale per interventi di rinforzo e conservazione del patrimonio storico, per sopraelevazioni, interventi emergenziali e temporanei, ponti e passerelle pedonali. Si possono già contare alcune importanti realizzazioni di questo tipo mentre la 28 costruzione di strutture interamente in composito fibrorinforzato rimane vincolata a dimensioni ridotte. 29 Il materiale in sé infatti è caratterizzato da basso modulo di taglio e modulo elastico, è perfettamente elasto-fragile ed ha comportamento ortotropo nonché poco performante nella resistenza a compressione. Ma quali prospettive offre in una visione sostenibile della costruzione? Nell ottica di un architettura di durata eterna il materiale troverebbe una sua collocazione a fronte di necessità manutentive assenti unitamente a un comportamento meccanico non influenzato nel tempo dalla componente matrice (se non in maniera trascurabile) oppure considerandone l applicazione per strutture facilmente reversibili. In ultimo si può considerare che sono possibili, in laboratorio, operazioni per distaccare la matrice dalle fibre, avendo a fine processo materiale potenzialmente riutilizzabile. Eugenio Romanelli

15 D I E S E L Diesel Headquarters Open Lesson STRATEGIE INNOVATIVE PER AMBIENTI DI LAVORO ALL AVANGUARDIA / IL VERDE VERTICALE IN ARCHITETTURA L Open Lesson si è concentrata su uno degli edifici più innovativi costruiti negli ultimi anni in Veneto, cercando di descriverne in modo competo il processo progettuale dall idea iniziale fino ai materiali utilizzati, con un approfondimento dettagliato sulla parete verde verticale montata all interno dell architettura. Il nuovo Headquarter di Breganze (VI), progettato dallo studio Ricatti e supervisionato dai progettisti Diesel, realizzato in tempi molto rapidi (30 mesi), ed inaugurato a settembre 2010, è situato in un area precedentemente occupata da un industria meccanica. L intervento affronta la tematica oggi quanto mai attuale della ottimizzazione dei luoghi di lavoro, trasformando il progetto in processo. I parametri utilizzati non sono quindi solo quelli legati alla forma architettonica e alla logica aziendale, ma coinvolgono l utilizzo, le prestazioni, il comfort di chi ogni giorno opera nell edificio. La matrice spaziale iniziale, essenziale ed efficace, ha saputo accogliere le esigenze complesse di un marchio che ritiene 30 indispensabile uno spazio di lavoro efficiente come elemento di crescita e sviluppo dell azienda stessa. Il complesso accoglie quindi gli uffici, i magazzini, l area sviluppo tecnologico, l auditorium ma anche un asilo, un fitness center e 31 un museo. Tutto ruota intorno all utente, e tale obiettivo è raggiunto attraverso la costruzione di un processo progettuale in grado di controllare simultaneamente spazi, flussi, esigenze specifiche e prestazioni energetiche. La ricerca dell efficienza, che rispecchia tradizionalmente la produzione industriale, viene quindi utilizzata per proporre un architettura compiutamente sostenibile: ciò significa non solo risparmio energetico, ma ottimizzazione delle risorse, anche umane, con servizi dedicati e concezione innovativa degli spazi. Tenendo conto dell intero metabolismo dell opera, che comprende costruzione utilizzo consumi e risorse, è stato possibile realizzare un sistema in equilibrio tra l interno, luogo di vita e di lavoro e l esterno, ambiente circostante che ospita e che offre risorse (il complesso, in classe enegetica A, è energeticamente autosufficiente). Le strategie costruttive e impiantistiche adottate, in sinergia con aziende leader nel campo dell architettura, contribuiscono a rendere il complesso di edifici un esempio di utilizzo intelligente della tecnologia. Al recupero dell energia termica, delle acque, all efficienza dell involucro e ad un attenzione particolare al ciclo di vita dei materiali utilizzati si affiancano strategie innovative che caratterizzano e qualificano gli spazi. In particolare per Diesel è stato realizzato il giardino verticale indoor più alto al mondo, progettato e realizzato da Sundar. Tale intervento, posto nell atrio principale, ha spinto i tecnici di Sundar a studiarne le caratteristiche intorno a quello spazio specifico. I progettisti dell azienda hanno messo a punto un programma in grado di ottimizzare struttura ed essenze vegetazionali in base a dimensioni e posizionamento degli impianti di irrigazione e illuminazione, oltre che alla manutenzione. Le tematiche trattate durante la open lesson sono parte integrante del percorso didattico del Master Processi Costruttivi Sostenibili. Valentina Temporin > Sundar Italia Sponsor della lezione, è una società formata da persone che hanno integrato le loro competenze strutturali e lavorative nel settore del verde per interni e della progettazione con lo scopo di sviluppare i nuovi prodotti legati al verde verticale. L esperienza in merito alla progettazione e realizzazione dei giardini verticali parte nel 2007 in seguito ad una collaborazione con i tecnici di Patrick Blanc.

16 T E R M O G R A F I A Indagini termografiche del sito di progetto UN ANALISI CRITICA DELL UTILIZZO DELLA TERMOCAMERA IN FASE DI INDAGINE DEGLI EDIFICI ESISTENTI Durante il secondo sopralluogo al sito di progetto, Palazzo Alpago di Belluno, si è deciso di approfondire la conoscenza del manufatto attraverso un indagine termografica. Ciò è stato possibile grazie alla strumentazione del Dipartimento di Energetica dell Università Iuav. La lezione sul campo è stata condotta dal Prof. Fabio Peron, esperto di tali apparecchi riservati alle indagini non invasive sugli edifici esistenti. Prima di procedere all indagine vera e propria, il docente ha fatto un introduzione sull uso della termocamera, che oggi è sempre più utilizzata quando ci si appresta a riqualificare energeticamente il costruito. Descrivendo pregi e difetti di tali procedure, ha spiegato quando sono effettivamente necessarie, e quando invece è possibile comprendere lo stato dell edificio anche attraverso un attento rilievo e alcuni saggi sulle murature. Inoltre ha sottolineato l importanza di un adeguata strumentazione: troppo spesso si utilizzano apparecchi sottodimensionati, soprattutto per analizzare intere facciate e grandi volumi, in questo caso la risposta della macchina non sempre rende la situazione reale del manufatto, e non aggiunge nulla all analisi ben fatta del professionista. L esempio più lampante riguarda i ponti termici dei sottofinestra in palazzi storici: la pratica ci insegna che tali 32 punti sono necessariamente tra i più deboli dell involucro, poiché con una sezione più ridotta rispetto al resto della muratura. Non 33 è dunque necessaria l indagine termografica per predisporre un intervento che migliori in quel punto la trasmittanza della parete, rendendo più omogeneo l involucro e diminuendo così le dispersioni. In altri casi comunque tali indagini restano fondamentali, dal restauro al controllo del funzionamento impiantistico, sia all interno che all esterno degli edifici. Come per ogni altra strumentazione necessaria ad analizzare in modo approfondito l architettura bisogna quindi evitarne l uso non corretto, affidandosi a seri professionisti specializzati in tale campo. È necessario inoltre che venga fatta una lettura accurata dei dati, poiché se a prima vista sembra facile ed immediato utilizzare la termocamera, la parte più difficile sta nel tradurre l immagine in informazioni utili ed esatte per lo scopo che ci si è prefissati. Solo con la pratica è possibile raggiungere un adeguata preparazione che consente di diventare esperti del settore. Dopo la parte teorica si è passati ad analizzare l edificio di progetto, imparando che nella pratica è ancora più complesso l uso corretto di tali strumenti, poiché bisogna tenere conto di tutti i fattori ambientali che disturbano o inficiano sulla chiarezza dell analisi. Un esperto qualificato sa come tenere conto di tali disturbi e come correggere i risultati in fase di lettura dei dati. È comunque sempre importante ricordare che tali indagini non possono sostituire il rilievo dei dati da parte del professionista, che deve quindi avvalersi della termocamera e di altri strumenti per indagini sul costruito solo per avere un supporto ulteriore e più esatto alle proprie idee, prima di procedere all intervento.

17 W I E N E R B E R G E R Visita allo stabilimento di produzione della Wienerberger DALLA CAVA AL PRODOTTO FINITO Una della visite più affascinanti ed istruttive è stata sicuramente quella allo Stabilimento di Feltre della Wienerberger. Grazie all esperienza e alla passione del responsabile d azienda, abbiamo potuto conoscere in modo chiaro ed approfondito tutto il processo di lavorazione del laterizio, dalla cava al prodotto finito. Una delle caratteristiche più interessanti l abbiamo scoperta appena arrivati, durante la visita alla cava. L estrazione dell argilla della cava in monte avviene infatti per fasi successive alternate a risistemazione ambientale, con il controllo periodico di enti di vigilanza competenti in materia di attività estrattive. Questo sistema di estrazione è stato scelto dall azienda un po di anni fa, per continuare il proprio lavoro rispettando le persone e il territorio circostante. Dopo una passeggiata all esterno, siamo entrati nella prima parte dello stabilimento, dove l argilla viene fatta riposare in cumulo per un periodo di almeno 6-8 mesi così da raggiungere il giusto grado di maturazione per disgregazione e omogeneizzazione a opera degli agenti atmosferici. In alcuni dei prodotti si utilizzano in aggiunta all argilla carbone e farina di legno vergine, che servono per conferire ai blocchi proprietà di isolamento termico e acustico. 34 Nel ciclo di pre-lavorazione le dimensioni granulometriche vengono ridotte a valori ottimali attraverso frantumazione, macinazione, 35 laminazione, impasto con acqua e omogeneizzazione. Dopo che l impasto è stato ancora qualche giorno in silos, si dà avvio al ciclo di formatura e estrusione attraverso la filiera. Gli stampi per plasmare il mattone sono gli elementi più preziosi del ciclo di lavorazione, e consentono di creare quei micro fori che sono una delle caratteristiche peculiari del prodotto. I blocchi crudi impilati su carrelli a pianali entrano nell essiccatoio all interno del quale, in condizioni programmate e controllate di temperatura, umidità e ventilazione, si realizza l essiccazione del materiale. L ultima fase di produzione del laterizio è la cottura in forno, che è completamente automatico e che occupa quasi la metà dello stabilimento, mediante la quale il materiale, conseguendo una struttura a matrice ceramica, acquisisce le proprietà tecnicostrutturali permanenti del laterizio (resistenza meccanica, porosità, resistenza al fuoco). Alla fine il duplice controllo di qualità fa in modo che eventuali mattoni fallati non escano dallo stabilimento. Altro elemento peculiare di questo tipo di prodotto è che non esiste materiale di scarto, poiché tutti i pezzi ritenuti non idonei vengono rimacinati e rimessi in produzione, in un ciclo chiuso sicuramente sostenibile. Al termine della visita ci si è soffermati sulle procedure di posa in opera. La Wienerberger infatti punta molto sulla formazione di tecnici competenti, per ottimizzare i tempi e le modalità di posa che contribuiscono a rendere ancora più prestazionale il materiale. La continua ricerca che la Wienerberger fa sulle mescole utilizzate, sugli stampi e sui materiali utilizzati per il fissaggio dei blocchi tra loro, contribuiscono a rendere il mattone ancora oggi uno dei sistemi più attuali, efficienti e sostenibili sul mercato delle costruzioni.

18 N O T T E V E R D E Work in Progress / Architettura e Musica MOSTRA DEI PROGETTI DEL MASTER PCS IN COLLABORAZIONE CON GBC ITALIA APERITIVO E JAM SESSION JAZZ IN COLLABORAZIONE CON L UNISONO DI FELTRE Durante la Notte Verde del Nord-est, lo IUAV e Confindustria Belluno Dolomiti in partnership con GBC Italia e con il supporto di Schüco Italia hanno presentato nel giardino del Palazzo Badoer di Venezia la mostra dei progetti in corso di elaborazione della prima edizione del Master Processi Costruttivi Sostenibili. A completare l esposizione sono state presentate alcune tra le piu importanti realizzazioni di architetture certificate LEED in Italia. Durante l evento c è stata l occasione di confrontarsi con gli autori dei progetti, con i docenti del Master e con i formatori di GBC Italia, accompagnati da un aperitivo e dalla jam session jazz del club Unisono di Feltre. > La notte Verde del Nordest La Città di Venezia ha partecipato all evento Notte Verde del Nordest, una lunga notte nel segno della sostenibilità, che sabato 5 maggio 2012 ha coinvolto venti città e quartieri dell area metropolitana tra Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia. 36 Dal tardo pomeriggio a notte fonda, la Notte Verde è stata momento di confronto - tra cittadini, istituzioni e imprese - sui progetti realizzati e sulle nuove prospettive della green economy così come della green society. Molte le città che - contemporaneamente 37 - si sono accese di verde nelle piazze, negli impianti industriali, nei luoghi culturali del Nordest, con un pubblico di oltre persone: più grande manifestazione europea nel suo genere. Dibattiti e workshop, presentazione di progetti e prodotti, performance musicali, teatrali ed artistiche, degustazioni di prodotti biologici o a km 0, hanno animato Venezia e le altre città del Nordest, per esplorare le migliori esperienze sostenibili: tecnologie pulite ed energie alternative, mobilità e gestione dei rifiuti, bioarchitettura e design, smart city, arte e cultura, agricoltura, paesaggio. > Schüco Italia Con 200 dipendenti, un fatturato di 230 milioni di Euro nel 2011 e una rete di oltre 1500 partner commerciali, è la consociata italiana del gruppo tedesco Schüco International KG, leader mondiale nel campo dei sistemi per finestre e facciate in alluminio e nelle tecnologie solari per l involucro edilizio che ha dipendenti, è presente in 78 paesi e nel 2011 ha fatturato circa 2.2 miliardi di Euro. Costantemente impegnata nello sviluppo di tecnologie che garantiscano il massimo rispetto dell ambiente, la sede italiana di Schüco a Padova, certificata in classe energetica A, è un esempio eccellente di riqualificazione edilizia, efficienza energetica e utilizzo di tutte le soluzioni dell azienda.

19 T O R R E U N I P O L Torre Unipol di Bologna Open Lesson IL PROCESSO COSTRUTTIVO DELLA TORRE UNIPOL DI BOLOGNA TRA INNOVAZIONE SOSTENIBILE DELL INVOLUCRO E PROTOCOLLO AMBIENTALE Il giorno 1 giugno 2012 si è tenuta la lezione conclusiva del Master PCS. Erano presenti i Docenti e gli studenti, ed è stata l occasione per conoscere meglio uno dei progetti di cui si è parlato durante il corso, sia all interno del Modulo GBC che durante le lezioni di illuminotecnica con l Arch. Marina Vio. Il progetto in questione è quello della Torre Unipol di Bologna, progettato dallo studio Openproject che ne ha da poco portato a termine la costruzione. Insieme ai progettisti, Schüco si è occupata dell involucro e il protocollo LEED ne ha misurato i parametri ambientali. Tutto nel progetto è stato pensato e progettato in termini di efficienza, sostenibilità e risparmio energetico; ogni elemento dell edificio è stato immaginato come parte di un unico sistema in grado di interagire ottimizzando le risorse usate per il comfort interno e trovando una sinergia con soluzioni legate alla loro fruizione. Uno degli elementi che più caratterizzano l edificio, e consentono di ottimizzarne le prestazioni, è l involucro. Si presenta infatti come una composizione di molteplici elementi progettati tenendo conto delle diverse esposizioni solari durante l intero arco 38 dell anno. Le pareti est e sud si differenziano per il loro irraggiamento solare diretto dalla parete nord, investita da una luce diffusa, 39 e soprattutto dalla parete ovest, adibita a cuscinetto termico con il posizionamento delle scale e dei vani termici. Le facciate est e sud sono costituite da una doppia pelle con intercapedini continue orizzontali, garantendo l indipendenza funzionale ad ogni unità immobiliare interna. Le due pelli sono separate da un sistema computerizzato di schermature frangisole: l inclinazione delle lamelle permette di adattare la schermatura solare alle condizioni determinate dal periodo dell anno, ottimizzando il comfort interno a seconda che sia inverno o estate. Il cuore dell edificio è l impiantistica dedicata alla ventilazione interna e al riciclo dell aria. Grazie al controllo dei parametri ambientali di queste e di molte altre componenti del progetto complesso, la Torre Unipol si è posizionata nella fascia Gold del sistema di rating ambientale internazionale LEED (GBC). Per la candidatura agli standard LEED, oltre agli impianti e alle soluzioni tecniche proposte, ci sono altri punti forti perseguiti all interno di tutto il complesso che circonda e completa la Torre: dall introduzione di posti bicicletta per l incentivazione dei mezzi di trasporto verdi alla ricerca di forniture entro un raggio di 800 km, la scelta di arredamenti a basso impatto di emissività e l incremento dei controlli per singolo impianto con una conseguente ottimizzazione dei consumi. Dopo la presentazione del progetto, fatta dall Arch. Luca Drago, ci sono stati due interventi di approfondimento, uno sui dettagli costruttivi dell involucro, tenuto dall Ing. Giorgio Nobile di Schüco, e uno dall Ing. Claudia Calabrese, che ha studiato e progettato la parte di illuminotecnica interna ed esterna alla Torre insieme all Arch. Marina Vio, e ne ha calcolato il rispettivo credito LEED. Al termine della lezione gli studenti hanno presentato pubblicamente i loro progetti di Master, e infine l Ing. Giorgio Nobile ha consegnato il Premio Schüco per il Miglior Processo Costruttivo. Dopo un attento esame dei progetti e dei Book Tecnici degli studenti, il premio è stato assegnato all Arch.Tiziano Dalla Mora, che ha saputo coniugare al meglio architettura, uso dei materiali innovativi e tecnologie per la sostenibilità. Valentina Temporin

20 Direzione - Coordinamento Fabio Peron - responsabile scientifico Iuav Enrico Di Munno - coordinamento scientifico Valentina Temporin - coordinamento didattico - comunicazione Docenti Marco Rapone / Fabio Peron / Enrico Di Munno / Vittorio Spigai / Luca Taccalozzi / Michele Domeneghetti / Maurizio Brufatto / Salvatore Russo / Valentina Temporin Ugo Mazzali / Matteo Civiero / Matteo Diez / Alessandro Speccher / Alberto Altavilla Edith Colomba / Marina Vio / Stefano Fortuna / Fabio Favoino / Massimiliano Condotta Comitato d indirizzo Fabio Peron, Vittorio Spigai - Unità di Ricerca Innovazione e costruzione efficiente Università Iuav di Venezia Luciano Vettoretto - Direttore Dipartimento Iuav per la ricerca Guido M. Mantovani - Professore di Finanza Aziendale presso l Università Ca Foscari di Venezia Giandomenico Cappellaro - presidente CONFINDUSTRIA Belluno Dolomiti Enrico Di Munno - responsabile scientifico per CONFINDUSTRIA Belluno Dolomiti Roberto Chemello Presidente Woodn srl Belluno Adriano Rasi Caldogno - Presidente Fondazione per l Università e l Alta cultura della Provincia di Belluno Mario Zoccatelli - Presidente GBC Italia Paolo Perenzin - Sindaco del Comune di Feltre

anno accademico 2013/2014 terza edizione

anno accademico 2013/2014 terza edizione anno accademico 2013/2014 terza edizione photo: Alessandro Speccher u n a n n o d o p o in convenzione con MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO INFO SU WWW.IUAV.IT WWW.MASTERPCS.IT WWW.MASTERPCS-BLOG.IT

Dettagli

Perchè Chi Cosa Come Quando Dove Quanto p r o g r a m m a

Perchè Chi Cosa Come Quando Dove Quanto p r o g r a m m a p r o g r a m m a PERCHE PROCESSI COSTRUTTIVI SOSTENIBILI CHI LO ORGANIZZA CHI PUO ISCRIVERSI COSA SI IMPARA COSA SI DIVENTA COME SI STUDIA COME SI LAVORA QUANDO SI COMINCIA DOVE SI FA DOVE SI VA QUANTO

Dettagli

I SISTEMI A SECCO E LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: DAL PROGETTO ALLA REALIZZAZIONE: PROGETTAZIONE PARAMETRICA AMBIENTALE

I SISTEMI A SECCO E LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: DAL PROGETTO ALLA REALIZZAZIONE: PROGETTAZIONE PARAMETRICA AMBIENTALE I SISTEMI A SECCO E LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE: DAL PROGETTO ALLA REALIZZAZIONE: PROGETTAZIONE PARAMETRICA AMBIENTALE Arch. Valentina Temporin Master Processi Costruttivi Sostenibili, Università Iuav

Dettagli

GENERA Sistema Integrato e GeneraGreenBuilding

GENERA Sistema Integrato e GeneraGreenBuilding INVITO VI ASPETTIAMO AL NOSTRO STAND Siamo presenti alla Fiera internazionale della sostenibilità Padiglione 6 stand 6/b CONVEGNI ed EVENTI sabato 18 maggio 16.00 17.00 Sala 3 (padiglione 6) CONFERENZA

Dettagli

ROMA. SEDE CONFINDUSTRIA QUALITY WORKSHOP. Ricerca e sviluppo per la qualità delle Costruzioni. Con il Patrocinio di

ROMA. SEDE CONFINDUSTRIA QUALITY WORKSHOP. Ricerca e sviluppo per la qualità delle Costruzioni. Con il Patrocinio di . SEDE CONFINDUSTRIA QUALITY Ricerca e sviluppo per la qualità delle Costruzioni WORKSHOP Con il Patrocinio di WORKSHOP QUALITY Ricerca e sviluppo per la qualità delle Costruzioni PROMOTORI E ORGANIZZATORI

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Diventa esperto CasaClima

Diventa esperto CasaClima Formazione Diventa esperto CasaClima Il progetto CasaClima è stato sviluppato per mettere in luce un modo di costruire energeticamente efficiente e sostenibile. Il 17 Luglio 2008, presso la Sala Luca Giordano

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE D E L I B E R A

LA GIUNTA REGIONALE D E L I B E R A DELIBERAZIONE DELLA 2 OGGETTO: LR 22/2009 interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l occupazione, migliorare l sicurezza degli

Dettagli

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl COMUNE DI VERONA PROVINCIA DI VERONA EDIFICIO RESIDENZIALE IN BIOEDILIZIA A BASSO CONSUMO ENERGETICO Piano di Lottizzazione loc. Bassone lotto B5 EDIFICIO: Residenza LEONARDO proprietà : DOMUSMETRA srl

Dettagli

La natura non è un posto da visitare, è casa nostra

La natura non è un posto da visitare, è casa nostra Una grande magnolia, un oasi verde in città, un corso d acqua, un foglio bianco. La natura non è un posto da visitare, è casa nostra gary Snider il progetto nasce così, con una sfida: dare vita a un nuovo

Dettagli

C:E.T.A. Centro di Ecologia Teorica ed Applicata. ing. Elisa Nuzzo. Materiali e tecnologie innovative per l uso efficiente dell energia negli edifici

C:E.T.A. Centro di Ecologia Teorica ed Applicata. ing. Elisa Nuzzo. Materiali e tecnologie innovative per l uso efficiente dell energia negli edifici C:E.T.A. Centro di Ecologia Teorica ed Applicata Materiali e tecnologie innovative per l uso efficiente dell energia negli edifici Udine, mercoledì 08 luglio 2009 ing. Elisa Nuzzo Capitolo 1 Verso l efficienza

Dettagli

DECOR HOUSE LA BIOEDILIZIA. 1. Conoscenza delle specificità locali del sito, come ad esempio,

DECOR HOUSE LA BIOEDILIZIA. 1. Conoscenza delle specificità locali del sito, come ad esempio, LA BIOEDILIZIA Costruire in armonia con l ambiente significa riconoscere che la casa fa parte di un ecosistema che si estende al di là delle pareti domestiche. Risulta fondamentale, pertanto, scegliere

Dettagli

Cemento trasparente. Domande e Risposte

Cemento trasparente. Domande e Risposte Cemento trasparente Domande e Risposte 1. Cos è il cemento trasparente? Per cemento trasparente si intende un manufatto cementizio prefabbricato che, in virtù della presenza di inserti polimerici trasparenti

Dettagli

INFORMAZIONI TECNICHE ECOSOSTENIBILI LOTTIZZAZIONE LE CORTI EDIFICIO A

INFORMAZIONI TECNICHE ECOSOSTENIBILI LOTTIZZAZIONE LE CORTI EDIFICIO A INFORMAZIONI TECNICHE ED ECOSOSTENIBILI LOTTIZZAZIONE LE CORTI BERGAMASCHI COSTRUZIONI BORGO DEL PARMIGIANINO N.22 43121 PARMA TEL. 0521233166 FAX 0521238024 www.bergacos.it CLASSE ENERGETICA A+ Gli edifici

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE EDIFICI DI NUOVA COSTRUZIONE 1. INTRODUZIONE 2. OBIETTIVI

INDICE INTRODUZIONE EDIFICI DI NUOVA COSTRUZIONE 1. INTRODUZIONE 2. OBIETTIVI Efficienza energetica e sostenibilità INDICE INTRODUZIONE 5 EDIFICI DI NUOVA COSTRUZIONE 1. INTRODUZIONE 2. OBIETTIVI 3. STRATEGIE PROGETTUALI: AZIONI DI PROGETTO E MODALITÀ DI ATTUAZIONE 3.1 Analisi del

Dettagli

Allegato A8_RELAZIONE AMBIENTALE ENERGETICA

Allegato A8_RELAZIONE AMBIENTALE ENERGETICA COMUNE DI CERVIA PROVINCIA DI RAVENNA REGIONE EMILIA ROMAGNA PIANO PARTICOLAREGGIATO AMBITO EX-COLONIA MONTECATINI Allegato A8_RELAZIONE AMBIENTALE ENERGETICA File Colonia_RelAmbEn_rev02 Pag. 1 INDICE

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ)

Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ) Riqualificazione energetica degli edifici esistenti Prof. Peter Erlacher Naturno (BZ) La situazione edilizia in Italia è particolarmente anziana. Circa due terzi degli edifici esistenti sono antecedenti

Dettagli

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Ecoabita è un progetto della Regione Emilia Romagna, in collaborazione con la Provincia

Dettagli

I supporti dei sistemi fotovoltaici

I supporti dei sistemi fotovoltaici I supporti per il montaggio dei moduli Su tetto a falda: retrofit e integrazione A terra o su tetti piani: vasche, supporti metallici, Girasole, Gazebo A parete: frangisole, in verticale Sistemi retrofit

Dettagli

Sceda tecnica. La parete massiccia a strati incrociati senza colla

Sceda tecnica. La parete massiccia a strati incrociati senza colla Tusengrabl 23 39010 St. Pankraz / San Pancrazio (BZ) Tel. 0473785050 - Fax. 0473785668 e-mail: info@ligna-construct.com www.ligna-construct.com La parete massiccia a strati incrociati senza colla Campo

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE

STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE 2009 STUDIO DI FATTIBILIA CIRCOLO MONTE ADONE Arch. Riccardo Giacobazzi CISA Centro Innovazione per la Sostenibilità Ambientale 15/09/2009 INDICE Introduzione... pag. 3 Analisi energetica della struttura.....pag.

Dettagli

Evoluzione Energetica. La selezione naturale del risparmio energetico

Evoluzione Energetica. La selezione naturale del risparmio energetico Evoluzione Energetica La selezione naturale del risparmio energetico PER VIVERE A UN LIVELLO SUPERIORE ESPERTI DI DENTRO E DI FUORI Dalla E alla A: con Energetica Consulting il passaggio alle classi superiori

Dettagli

9/10 GIUGNO 2015 TOSCANA LIVORNO. TEATRO GOLDONI REGENERATION CONVEGNO. La rigenerazione urbana ed edilizia

9/10 GIUGNO 2015 TOSCANA LIVORNO. TEATRO GOLDONI REGENERATION CONVEGNO. La rigenerazione urbana ed edilizia GIUGNO LIVORNO. TEATRO GOLDONI REGENERATION La rigenerazione urbana ed edilizia CONVEGNO Con il Patrocinio di Media Partner CONVEGNO REGENERATION La rigenerazione urbana ed edilizia --------------- DATE

Dettagli

Dalla certificazione energetica alla certificazione ambientale del costruito: evoluzione necessaria, Venerdì 30.10.2009, SAIE

Dalla certificazione energetica alla certificazione ambientale del costruito: evoluzione necessaria, Venerdì 30.10.2009, SAIE Dalla certificazione energetica alla certificazione ambientale del costruito: evoluzione necessaria, Venerdì 30.10.2009, SAIE Il processo progettuale e la certificazione LEED: la nuova torre Unipol a Bologna

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

ECO-BUILDING: le tecnologie CAE a supporto della progettazione integrata di edifici sostenibili... anche nei costi

ECO-BUILDING: le tecnologie CAE a supporto della progettazione integrata di edifici sostenibili... anche nei costi ECO-BUILDING: le tecnologie CAE a supporto della progettazione integrata di edifici sostenibili... anche nei costi Università di Trento: Prof. Antonio Frattari Dott. Ing. Maria Cristina Grillo Enginsoft:

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

RELATORE: Prof. Ing. Placido Munafò. TESI DI LAUREA DI: Emanuela Sbriccoli. CORRELATORI: Dott. Ing. Costanzo Di Perna. Dott. Ing.

RELATORE: Prof. Ing. Placido Munafò. TESI DI LAUREA DI: Emanuela Sbriccoli. CORRELATORI: Dott. Ing. Costanzo Di Perna. Dott. Ing. UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA ANALISI DELL EFFICACIA DELLE SCHERMATURE SOLARI: CONFRONTO FRA UN MODELLO IDEALE E UN CASO

Dettagli

KLIMAHOUSE PUGLIA Convegno CasaClima Ridare valore, ridare futuro

KLIMAHOUSE PUGLIA Convegno CasaClima Ridare valore, ridare futuro KLIMAHOUSE PUGLIA Convegno CasaClima Ridare valore, ridare futuro Esempio di CasaClima A Nature: dettagli e costi OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE PER LA CERTIFICAZIONE "CASACLIMA A" Efficienza dell involucro

Dettagli

27/28 MAGGIO 2015 PIEMONTE TORINO INCONTRA CENTRO CONGRESSI REMAKE WORKSHOP. Tecnologie e metodologie per il recupero energetico degli edifici

27/28 MAGGIO 2015 PIEMONTE TORINO INCONTRA CENTRO CONGRESSI REMAKE WORKSHOP. Tecnologie e metodologie per il recupero energetico degli edifici MAGGIO TORINO INCONTRA CENTRO CONGRESSI REMAKE Tecnologie e metodologie per il recupero energetico degli edifici WORKSHOP Con il Patrocinio di Media Partner WORKSHOP GIOVEDÌ 28 MAGGIO REMAKE ORE 14.15

Dettagli

Asilo nido Pinocchio P.le degli Eroi_ROMA - Uffici Via Poma _ROMA Due progetti di riqualificazione energetica

Asilo nido Pinocchio P.le degli Eroi_ROMA - Uffici Via Poma _ROMA Due progetti di riqualificazione energetica Asilo nido Pinocchio P.le degli Eroi_ROMA - Uffici Via Poma _ROMA Due progetti di riqualificazione energetica Arch. Alberto Raimondi DiPSA Dipartimento di Progettazione e Studio dell'architettura Direttore:

Dettagli

BIOEDILIZIA E RISPARMIO ENERGETICO

BIOEDILIZIA E RISPARMIO ENERGETICO BIOEDILIZIA E RISPARMIO ENERGETICO LE NOSTRE CASE, BIOEDILIZIA E RISPARMIO ENERGETICO Costruire case sane e vivibili, con attenzione all ambiente e al risparmio energetico è un nostro obiettivo primario

Dettagli

RESET Il progetto del recupero edilizio

RESET Il progetto del recupero edilizio CONVEGNO RESET Il progetto del recupero edilizio --------------- DATE VENERDÌ 26 SETTEMBRE ORE 9.00 13.15 Corte di Villa Spalletti - San Donnino di Liguria - Casalgrande (RE) PROMOTORI E ORGANIZZATORI

Dettagli

Pareti ventilate ad alte prestazioni per interventi di nuova costruzione e di riqualificazione edilizia

Pareti ventilate ad alte prestazioni per interventi di nuova costruzione e di riqualificazione edilizia Pareti ventilate ad alte prestazioni per interventi di nuova costruzione e di riqualificazione edilizia Prof. Angelo Lucchini - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Sistema di rivestimento a Parete

Dettagli

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI ENERGIA ENERGIA Mantenimento standard di vita Sviluppo delle società industriali e di quelle emergenti Inquinamento Modifica delle condizioni climatiche

Dettagli

Il piacere di stare in casa. PVC

Il piacere di stare in casa. PVC Il piacere di stare in casa. Amiata Serramenti presenta la linea di infissi in, realizzati con alta tecnologia che nasce da ricerche mirate ad ottenere i migliori coefficenti di isolamento sia termico

Dettagli

Isolamento Estivo. 1. Il vantaggio di un buon isolamento termico in inverno e in estate

Isolamento Estivo. 1. Il vantaggio di un buon isolamento termico in inverno e in estate Isolamento Estivo Isolamento Estivo Abitare sostenibile implica un isolamento ottimale dal caldo e dal freddo, in grado di ridurre i consumi, far risparmiare denaro agli abitanti ed energia alla casa.

Dettagli

LA SCUOLA PRIMA DI TUTTO MA NON SOLO

LA SCUOLA PRIMA DI TUTTO MA NON SOLO RIDARE VALORE ALL EDILIZIA PUBBLICA CON QUALITÀ: Monitoraggi, Ricostruzione, Efficienza Energetica e Innovazione BUONE PRATICHE E BANDI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA RICOSTRUZIONE DI EDIFICI PUBBLICI

Dettagli

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L edificio energeticamente efficiente, deve nascere già dal progetto architettonico orientamento dimensionamento delle superfici trasparenti

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI prof. ing. Politecnico di Torino - Dipartimento di Energetica - Gruppo di Ricerca TEBE Legislazione

Dettagli

FRP; 4 24 28/02 01/03 2013 14/15 03 2013. 550,00 450,00 10%. A

FRP; 4 24 28/02 01/03 2013 14/15 03 2013. 550,00 450,00 10%. A Corso Tecnico Applicativo sull Utilizzo dei Materiali Compositi FRP SRG (Fibre di Carbonio, Vetro.) nel Settore Civile, dalla Conoscenza dei Materiali al Collaudo delle Opere Il corso Organizzato dal Centro

Dettagli

ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno.

ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno. ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno. ARCA il marchio di qualità degli edifici in legno ARCA, ARchitettura Comfort Ambiente è il primo sistema di certificazione dedicato alle costruzioni

Dettagli

Pannelli in alluminio composito Rivestimenti Alulife Pale frangisole Sottostrutture Serramenti Controtelai

Pannelli in alluminio composito Rivestimenti Alulife Pale frangisole Sottostrutture Serramenti Controtelai L architettura è l espressione fisica di un modo di essere (Paul Pawson) Pannelli in alluminio composito Rivestimenti Alulife Pale frangisole Sottostrutture Serramenti Controtelai Rivestimenti in Alluminio

Dettagli

REMAKE REGGIO E. GOLF CLUB MATILDE DI CANOSSA 22/23 EMILIA WORKSHOP

REMAKE REGGIO E. GOLF CLUB MATILDE DI CANOSSA 22/23 EMILIA WORKSHOP EMILIA ROMAGNA REGGIO E. GOLF CLUB MATILDE DI CANOSSA REMAKE Tecnologie per l efficienza energetica nella riqualificazione del sistema edificio-impianto WORKSHOP Con il Patrocinio di Media Partner WORKSHOP

Dettagli

The Solaire L ESEMPIO

The Solaire L ESEMPIO L ESEMPIO The Solaire The Solaire, situato nella Battery Park City di New York, su un area nella parte occidentale di Manhattan, direttamente adiacente a Ground Zero, è il primo edificio progettato in

Dettagli

E750. -44 db. COMFORT ABITATIVO Fattore solare 45% G. SICUREZZA E TENUTA Tenuta all acqua classe. RISPARMIO ENERGETICO Fattore termico Uw 0,7

E750. -44 db. COMFORT ABITATIVO Fattore solare 45% G. SICUREZZA E TENUTA Tenuta all acqua classe. RISPARMIO ENERGETICO Fattore termico Uw 0,7 COMFORT ABITATIVO Fattore solare 45% G SICUREZZA E TENUTA Tenuta all acqua classe E750 RISPARMIO ENERGETICO Fattore termico 0,7 mqk ISOLAMENTO ACUSTICO Potere fono isolante Rw -44 db E-save: finestre salva

Dettagli

PFF GROUP SRL CHI SIAMO

PFF GROUP SRL CHI SIAMO CHI SIAMO PFF srl, è un azienda giovane e dinamica dedicata alla progettazione, sviluppo e realizzazione di tutti i sistemi ed impianti da fonte di energia rinnovabile studiati per il risparmio energetico.

Dettagli

ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno.

ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno. ARCA la certificazione di qualità delle costruzioni in legno. ARCA il marchio di qualità degli edifici in legno ARCA, ARchitettura Comfort Ambiente è il primo sistema di certificazione dedicato alle costruzioni

Dettagli

SmartGreen Building Nuove costruzioni e riqualificazione dell esistente Milano, 18 giugno 2015

SmartGreen Building Nuove costruzioni e riqualificazione dell esistente Milano, 18 giugno 2015 SmartGreen Building Nuove costruzioni e riqualificazione dell esistente Milano, 18 giugno 2015 La piattaforma BEyond 2015 BEyond 2015 è la piattaforma di incontro e confronto che traccia la strada per

Dettagli

Davide Nocera. DFNstudio. architetto. spazio e materia in luce

Davide Nocera. DFNstudio. architetto. spazio e materia in luce Davide Nocera architetto DFNstudio spazio e materia in luce PROFILO Lo studio fornisce servizi tecnico-progettuali e di consulenza nel campo dell e nei settori collegati: Progettazione architettonica Bio

Dettagli

ecologia abitativa bio-intelligente

ecologia abitativa bio-intelligente ecologia abitativa bio-intelligente Come nasce il progetto MondoDiPaglia nasce grazie alla sinergia di professionisti esperti quali: Architetti, Manager della Comunicazione, Imprenditori Edili, Esperti

Dettagli

Centralizza i tuoi partners commerciali, organizza al meglio il tuo lavoro. Bifulco Ceramiche soluzioni professionali

Centralizza i tuoi partners commerciali, organizza al meglio il tuo lavoro. Bifulco Ceramiche soluzioni professionali Centralizza i tuoi partners commerciali, organizza al meglio il tuo lavoro scopri le nostre soluzioni su misura per te! Bifulco Ceramiche soluzioni professionali bifulcoceramiche.it bifulco bifulco ceramiche.it

Dettagli

Gli interventi ammessi a contributo. Interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti

Gli interventi ammessi a contributo. Interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti LINEE GUIDA ALLEGATE AL BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO E DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI IN ATMOSFERA Premessa Il presente

Dettagli

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO 1. LA TRASMITTANZA TERMICA La grandezza più importante per caratterizzare il comportamento termico dell involucro

Dettagli

Convegno Unicasa Italia. CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI IMMOBILI RIQUALIFICA ENERGETICA DEGLI IMMOBILI Torino, Martedì 27 Maggio 2008

Convegno Unicasa Italia. CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI IMMOBILI RIQUALIFICA ENERGETICA DEGLI IMMOBILI Torino, Martedì 27 Maggio 2008 Convegno Unicasa Italia CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI IMMOBILI RIQUALIFICA ENERGETICA DEGLI IMMOBILI Torino, Martedì 27 Maggio 2008 LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI IMMOBILI Il quadro normativo L attestato

Dettagli

Premessa essenziale per un corretta valutazione dell opera è la valutazione sul clima di risorse limitate,

Premessa essenziale per un corretta valutazione dell opera è la valutazione sul clima di risorse limitate, modulo 377 361 Venti ALLOGGI in affitto a canone sostenibile: un esempio che supera il concetto di NET ZERO ENERGY BUILDING. A Borgo San Lorenzo, in Toscana, progetto di Riccardo Roda SILVIO PAPPALETTERE

Dettagli

La Filosofia dello Urban Center Una delegazione bresciana in viaggio a Torino

La Filosofia dello Urban Center Una delegazione bresciana in viaggio a Torino Brescia, 6 Ottobre 2008 COMUNICATO STAMPA La Filosofia dello Urban Center Una delegazione bresciana in viaggio a Torino Mercoledì 8 ottobre, una delegazione bresciana si recherà a Torino per incontrare

Dettagli

La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio

La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio La certificazione energetica: metodi di calcolo e analisi di casi studio Tesi di laurea triennale in Architettura per il progetto, Politecnico di Torino; Candidata: Elisa Sirombo Relatore: Guglielmina

Dettagli

Workshop Italiano sull ecobuilding

Workshop Italiano sull ecobuilding Workshop Italiano sull ecobuilding I modelli di simulazione ENEA: la piattaforma ODESSE (Optimal DESign for Smart Energy) 29 Ottobre 2008 C.R. ENEA Bologna Aula Magna, Via Martiri Monte Sole 4, Bologna

Dettagli

27/28 MAGGIO 2015 PIEMONTE TORINO INCONTRA CENTRO CONGRESSI BUILD WORKSHOP. Ricerca e sviluppo per le costruzioni in clima Mediterraneo

27/28 MAGGIO 2015 PIEMONTE TORINO INCONTRA CENTRO CONGRESSI BUILD WORKSHOP. Ricerca e sviluppo per le costruzioni in clima Mediterraneo MAGGIO TORINO INCONTRA CENTRO CONGRESSI BUILD Ricerca e sviluppo per le costruzioni in clima Mediterraneo WORKSHOP Con il Patrocinio di Media Partner WORKSHOP MERCOLEDÌ 27 MAGGIO BUILD ORE 14.15 17,45

Dettagli

LA LEAF HOUSE. LA CASA RURALE

LA LEAF HOUSE. LA CASA RURALE Intervista a Enrico Loccioni, presidente Gruppo Loccioni LA LEAF HOUSE. LA CASA RURALE DIVENTA PULITA ED IPERTECNOLOGICA Condivisione, solidarietà, scambio di sapere sono gli interessi in gioco in un economia

Dettagli

Giardini d inverno. un progetto di luce

Giardini d inverno. un progetto di luce Giardini d inverno un progetto di luce [ cos è un giardino d inverno ] detto anche veranda, serra bioclimatica o serra solare Il piacere è potersi godere la bellezza della natura, nell intimità di una

Dettagli

DIAGNOSI ENERGETICA DEGLI IMMOBILI E DETRAZIONI DEL 55%

DIAGNOSI ENERGETICA DEGLI IMMOBILI E DETRAZIONI DEL 55% CESARE CARAMAZZA MARIO BUTERA DIAGNOSI ENERGETICA DEGLI IMMOBILI E DETRAZIONI DEL 55% GUIDA PRATICA @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on line: filodiretto

Dettagli

X-LAM: COSTRUIRE CON PANNELLI DI LEGNO MASSICCIO A STRATI INCROCIATI

X-LAM: COSTRUIRE CON PANNELLI DI LEGNO MASSICCIO A STRATI INCROCIATI X-LAM: COSTRUIRE CON PANNELLI DI LEGNO MASSICCIO A STRATI INCROCIATI Testo di Adriano Lazzari X-Lam è un compensato multistrato composto da tre, cinque o sette strati sovrapposti di lamelle di legno strutturale

Dettagli

LEED COME STRUMENTO DI PROJECT MANAGEMENT: LE RIPERCUSSIONI SUI COSTI

LEED COME STRUMENTO DI PROJECT MANAGEMENT: LE RIPERCUSSIONI SUI COSTI LEED COME STRUMENTO DI PROJECT MANAGEMENT: LE RIPERCUSSIONI SUI COSTI Silvio A. Manfredini, ingegnere, senior partner Open Project Marco Orlandini, architetto, senior partner Open Project Andrea Bozzini,

Dettagli

RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE

RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE RIQUALIFICARE FA RISPARMIARE Riqualificare il patrimonio, contenere e ottimizzare la spesa Federico Della Puppa Università IUAV di Venezia Theorema sas Bergamo, 13 dicembre 2013 Imparare a farsi le giuste

Dettagli

Residenze Due Mori, un esempio di efficienza estiva delle coperture C. Pellanda, Tecnologia dell Architettura, Università IUAV di Venezia

Residenze Due Mori, un esempio di efficienza estiva delle coperture C. Pellanda, Tecnologia dell Architettura, Università IUAV di Venezia Residenze Due Mori, un esempio di efficienza estiva delle coperture C. Pellanda, Tecnologia dell Architettura, Università IUAV di Venezia Ridurre i fabbisogni energetici estivi ed aumentare il comfort

Dettagli

Analisi comparativa costi di costruzione CASA ATTIVA ØØØ

Analisi comparativa costi di costruzione CASA ATTIVA ØØØ Analisi comparativa costi di costruzione CASA ATTIVA ØØØ Il presente articolo ha lo scopo di evidenziare come, attraverso una ottimizzazione e riorganizzazione del modo di costruire tradizionale, sia possibile

Dettagli

Riqualificazione energetica nell ambito del progetto Smart City: i casi di Treviso e Jesolo

Riqualificazione energetica nell ambito del progetto Smart City: i casi di Treviso e Jesolo Riqualificazione energetica nell ambito del progetto Smart City: i casi di Treviso e Jesolo Prof. ing. Luigi Schibuola Dipartimento di Culture del Progetto - Università IUAV di Venezia Unità di ricerca

Dettagli

TERMOGRAFIA a infrarossi

TERMOGRAFIA a infrarossi TERMOGRAFIA a infrarossi L'energia termica, o infrarossa, consiste in luce la cui lunghezza d'onda risulta troppo grande per essere individuata dall'occhio umano. A differenza della luce visibile, nel

Dettagli

DA EDILIZIA A BIOEDILIZIA

DA EDILIZIA A BIOEDILIZIA DA EDILIZIA A BIOEDILIZIA >>Nella mia casa c è tanto sole. Mi chiamo Francesca e ho 6 anni. Mi sono appena trasferita in Friuli insieme con mamma e papà. Tutti insieme abbiamo disegnato la nostra nuova

Dettagli

Analisi delle caratteristiche fisico-meccaniche dei materiali compositi, scelta di fibre e matrice, tecnologie di produzione.

Analisi delle caratteristiche fisico-meccaniche dei materiali compositi, scelta di fibre e matrice, tecnologie di produzione. Corso Tecnico Applicativo sull Utilizzo dei Materiali Compositi FRP SRG (Fibre di Carbonio, Vetro.) nel Settore Civile, dalla Conoscenza dei Materiali al Collaudo delle Opere Il corso Organizzato dal Centro

Dettagli

TECNICO SPECIALIZZATO NELLA RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA AI FINI ENERGETICI

TECNICO SPECIALIZZATO NELLA RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA AI FINI ENERGETICI TECNICO SPECIALIZZATO NELLA RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA AI FINI ENERGETICI Partecipanti 12 Requisiti Stato di disoccupazione/inoccupazione oppure occupati in CIG o con forme di contratto flessibili; Età

Dettagli

Buone pratiche nella gestione energetica di Ca Foscari

Buone pratiche nella gestione energetica di Ca Foscari Buone pratiche nella gestione energetica di Ca Foscari ing. Tiziano Pompele Dirigente Area Servizi Immobiliari ed Acquisti ing. Massimo Mion Direttore Esecuzione Multiservizi Area Servizi Immobiliari ed

Dettagli

DOMUS SOLIS PUBBLICATO DA STOLFA 10 FEBRUARY 12

DOMUS SOLIS PUBBLICATO DA STOLFA 10 FEBRUARY 12 Caso studio : DOMUS SOLIS Sito web : http://www.construction21.eu/italia/ DOMUS SOLIS PUBBLICATO DA STOLFA 10 FEBRUARY 12 Tipologia di progetto : Nuova costruzione Tipo di edificio : Condominio di altezza

Dettagli

Giornate di esposizione e approfondimento sulle soluzioni e sui materiali per l Ingegneria Strutturale. partner

Giornate di esposizione e approfondimento sulle soluzioni e sui materiali per l Ingegneria Strutturale. partner Giornate di esposizione e approfondimento sulle soluzioni e sui materiali per l Ingegneria Strutturale partner Nasce il FORUM Nel momento particolare che sta vivendo il mercato delle costruzioni l innovazione

Dettagli

arcvision Prize Women and Architecture by Italcementi Group

arcvision Prize Women and Architecture by Italcementi Group arcvision Prize Women and Architecture by Italcementi Group Premessa Italcementi Group pone da sempre grande attenzione all Architettura, come strumento di trasformazione sostenibile del territorio, e

Dettagli

News novembre 2013. Nuova Sede per la Facoltà di Lettere e Filosofia Università di Trento. L ateneo dentro la città

News novembre 2013. Nuova Sede per la Facoltà di Lettere e Filosofia Università di Trento. L ateneo dentro la città IMMAGINE PUBBLICITÀ EDITORIA UFFICIO STAMPA Vicenza - Corso Palladio, 155 Tel 0444 327206 Fax 0444 809819 News novembre 2013 Nuova Sede per la Facoltà di Lettere e Filosofia Università di Trento L ateneo

Dettagli

Guida all acquisto. I requisiti qualitativi e tecnici che un immobile di nuova costruzione deve avere sono illustrati nei successivi sette punti:

Guida all acquisto. I requisiti qualitativi e tecnici che un immobile di nuova costruzione deve avere sono illustrati nei successivi sette punti: Guida all acquisto L acquisto di una nuova casa richiede la conoscenza di una serie di elementi indispensabili per effettuare un investimento sicuro e consapevole. Prima di procedere all acquisto è auspicabile

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Soluzioni progettuali e corretta esecuzione in cantiere del sistema edificio-impianto

Soluzioni progettuali e corretta esecuzione in cantiere del sistema edificio-impianto Soluzioni progettuali e corretta esecuzione in cantiere del sistema edificio-impianto L edificio energeticamente efficiente, deve nascere già dal progetto architettonico orientamento dimensionamento delle

Dettagli

COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A.

COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A. COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A. Via Gorizia 76 38122 TRENTO tel. 0461 932330 fax. 0461 933241 e-mail: info@cosmocostruzioni.it Cos è l energia? I fisici definiscono l'energia come la capacità di compiere un

Dettagli

re-building sicurezza anti-sismica innovazione materiali & tecnologie comfort sostenibilità efficienza energetica impianti

re-building sicurezza anti-sismica innovazione materiali & tecnologie comfort sostenibilità efficienza energetica impianti anti-sismica sostenibilità impianti sicurezza comfort materiali & tecnologie innovazione re-building efficienza energetica costruire e rinnovare in modo sostenibile e sicuro il maxi-evento di MADE expo

Dettagli

SISTEMI DI CERTIFICAZIONE LEED E GBC: IL CONTRIBUTO DELLA LANA DI ROCCIA CREATE AND PROTECT

SISTEMI DI CERTIFICAZIONE LEED E GBC: IL CONTRIBUTO DELLA LANA DI ROCCIA CREATE AND PROTECT SISTEMI DI CERTIFICAZIONE LEED E GBC: IL CONTRIBUTO DELLA LANA DI ROCCIA CREATE AND PROTECT I sistemi di rating LEED e GBC I sistemi di rating LEED (Leadership in Energy and Environmental Design) e GBC

Dettagli

ECOPOLO A Scuola di Energia

ECOPOLO A Scuola di Energia ECOPOLO A Scuola di Energia Istituzione presso l Istituto Rosselli di Aprilia di un polo didatticoinformativo sulle tematiche dell energia sostenibile. (Sintesi) Luglio 2013 Premessa L energia è un tema

Dettagli

REGENERATION La rigenerazione urbana ed edilizia

REGENERATION La rigenerazione urbana ed edilizia OTTOBRE BERGAMO - i.lab ITALCEMENTI, KILOMETROROSSO REGENERATION La rigenerazione urbana ed edilizia CONVEGNO Con il Patrocinio di Media Partner CONSULTA REGIONALE LOMBARDA DEGLI ORDINI DEGLI ARCHITETTI

Dettagli

MENO CONSUMI PIU LAVORO Un progetto di riqualificazione energetica e architettonica dei condomini 11 settembre 2014

MENO CONSUMI PIU LAVORO Un progetto di riqualificazione energetica e architettonica dei condomini 11 settembre 2014 Un progetto di riqualificazione energetica e architettonica dei condomini IL TEMA DELL ENERGIA GLI EDIFICI NAZIONALI SPRECANO MOLTA ENERGIA IL TASSO DI EFFICIENZA ENERGETICA MEDIO DEGLI EDIFICI RESIDENZIALI

Dettagli

UN PRODOTTO CHE NASCE DA UNA PASSIONE UNICA PER IL PROPRIO MESTIERE

UN PRODOTTO CHE NASCE DA UNA PASSIONE UNICA PER IL PROPRIO MESTIERE UN PRODOTTO CHE NASCE DA UNA PASSIONE UNICA PER IL PROPRIO MESTIERE 1 2 [1962] UNA STORIA FATTA D ESPERIENZA 3 Il legno: una passione diventata arte e tradizione di famiglia. Gesti che si ripetono all

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Gli interventi

Dettagli

News. Rinnovare Milano Il recupero in varie fasi dell'edificio storico adiacente al "Corriere della Sera" ridà lustro a via Solferino

News. Rinnovare Milano Il recupero in varie fasi dell'edificio storico adiacente al Corriere della Sera ridà lustro a via Solferino Notizie ed articoli tecnici del gruppo 4 Rinnovare Milano Il recupero in varie fasi dell'edificio storico adiacente al "Corriere della Sera" ridà lustro a via Solferino Opera: edificio residenziale storico

Dettagli

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA Arch. Elena Crespi PARETI VERTICALI ELEMENTI DI PICCOLE DIMENSIONI ELEMENTI DI GRANDI DIMENSIONI SOLAI ELEMENTI SPECIALI ARMATURA LONGITUDINALE ARMATURA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI DALL ESTERNO: CAPPOTTO E PARETE VENTILATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI DALL ESTERNO: CAPPOTTO E PARETE VENTILATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ISOLAMENTO TERMICO DEGLI EDIFICI DALL ESTERNO: CAPPOTTO E PARETE VENTILATA Le differenti tecniche di isolamento termico delle strutture verticali si possono classificare

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ECOABITA DEGLI EDIFICI I N D I C E

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ECOABITA DEGLI EDIFICI I N D I C E Allegato A COMUNE DI CADELBOSCO DI SOPRA Provincia di Reggio Emilia NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ECOABITA DEGLI EDIFICI I N D I C E TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...

Dettagli

UN PAVIMENTO RADIANTE INNOVATIVO PER LA BASILICA DELLA SALUTE A VENEZIA

UN PAVIMENTO RADIANTE INNOVATIVO PER LA BASILICA DELLA SALUTE A VENEZIA UN PAVIMENTO RADIANTE INNOVATIVO PER LA BASILICA DELLA SALUTE A VENEZIA Ing. Roberto Zecchin, Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università di Padova Ing. Viliam Stefanutti, Studio Manens-Tifs, Padova

Dettagli

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna

Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Risultati delle diagnosi energetiche sul condominio di via Mercadante 2 e 4 Versione definitiva- Ottobre 2015 Redazione a cura di La ESCo del Sole srl Documento

Dettagli

Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO

Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO Provincia di Torino Torino, 25 febbraio 2008 L ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE TIPO AI REGOLAMENTI EDILIZI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TORINO prof. ing. Politecnico di Torino Dipartimento di Energetica

Dettagli