SAFESAILING LA MANUTENZIONE PREDITTIVA NELLA NAUTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SAFESAILING LA MANUTENZIONE PREDITTIVA NELLA NAUTICA"

Transcript

1 PROGETTO LA MANUTENZIONE PREDITTIVA NELLA NAUTICA Analisi degli Oli Lubrificanti Analisi dei Carburanti Termografia all Infrarosso Autore: Carlo Salvadori SICURMAR Via Aurelia, CASTIGLIONCELLO (LI) Tel. O

2 LA MANUTENZIONE PREDITTIVA La manutenzione predittiva, o preventiva su condizioni, consente di individuare le fasi incipienti dell usura molto tempo prima che si verifichi il guasto, analizzando i dati forniti dai sistemi diagnostici utilizzati, in relazione allo stato di normale funzionamento. Questa strategia manutentiva prevede il monitoraggio delle macchine, degli impianti e delle strutture ad intervalli prefissati, superando quindi i limiti della manutenzione programmata, alla ricerca di quei segnali deboli premonitori di eventuali avarie. Questo sistema consente quindi di individuare l insorgere di una eventuale anomalia con largo anticipo, concedendo la possibilità di pianificare gli interventi tecnici necessari, con notevole risparmio economico, ed evitando che si sviluppino avarie più gravi e inaspettate.

3 IL PROGETTO AILING, seguendo tali criteri, si configura come vero e proprio sistema di manutenzione, dedicato al settore della Nautica, basato su due fondamentali sistemi diagnostici: Analisi degli Oli Lubrificanti e dei Carburanti Termografia all Infrarosso. Dall interpretazione e dalla elaborazione dei dati forniti da tali metodi di indagine è possibile avere un quadro completo e verosimile sullo stato di salute dei propulsori,degli Invertitori, degli impianti elettrici di bordo e delle strutture. Quindi Diagnostica e Manutenzione, o Diagnostica per la Manutenzione al fine di ottenere una maggiore affidabilità e funzionalità, per annullare il rischio di avarie impreviste, per navigare davvero in sicurezza.

4 MONITORAGGIO DI UNA IMBARCAZIONE YACHT MOTORI MOTORI INVERTITORI INVERTITORI CENTRALINA CENTRALINA IDRAULICA IDRAULICA IMPIANTO IMPIANTO ELETTRICO ELETTRICO LUBRIFICAZIONE LUBRIFICAZIONE ALIMENTAZIONE ALIMENTAZIONE TIMONERIE TIMONERIE WINCHES WINCHES PASSERELLE PASSERELLE Ecc. Ecc. ALTERNATORE ALTERNATORE BATTERIE BATTERIE CONDUTTORI CONDUTTORI QUADRI ELETTRICI QUADRI ELETTRICI OLIO OLIO CARBURANTE CARBURANTE OLIO OLIO TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA OK OK PARAMETRI PARAMETRI QUALITATIVI QUALITATIVI NON CONFORMI NON CONFORMI PRESENZA PRESENZA INQUINANTI E/O INQUINANTI E/O RESIDUI RESIDUI METALLICI METALLICI OK OK PRESENZA PRESENZA BIOMASSE BIOMASSE OK OK PARAMETRI PARAMETRI QUALITATIVI QUALITATIVI NON COINFORMI NON COINFORMI PRESENZA PRESENZA INQUINANTI E/O INQUINANTI E/O RESIDUI RESIDUI METALLICI METALLICI OK OK TEMPERATURE TEMPERATURE ANOMALE ANOMALE SURRISCALDA- SURRISCALDA- MENTI MENTI SOSTITUIRE SOSTITUIRE LUBRIFICANTE LUBRIFICANTE PROBABILE PROBABILE ANOMALIA ANOMALIA E/O E/O USURA IN ATTO USURA IN ATTO ACQUA ACQUA PROLIFERAZIONE PROLIFERAZIONE BATTERICA BATTERICA SOSTITUIRE SOSTITUIRE LUBRIFICANTE LUBRIFICANTE PROBABILE PROBABILE ANOMALIA E/O ANOMALIA E/O USURA IN ATTO USURA IN ATTO PROBABILE PROBABILE ANOMALIA ANOMALIA SUCCESSIVA SUCCESSIVA DI DI CONTROLLO CONTROLLO INTERVENTO INTERVENTO TECNICO TECNICO BONIFICA BONIFICA SERBATOI SERBATOI CON ADDITIVI CON ADDITIVI BIOCIDI BIOCIDI SUCCESSIVA SUCCESSIVA DI DI CONTROLLO CONTROLLO INTERVENTO INTERVENTO TECNICO TECNICO INTERVENTO INTERVENTO TECNICO TECNICO SUCCESSIVA SUCCESSIVA DI DI CONTROLLO CONTROLLO SUCCESSIVA SUCCESSIVA DI DI CONTROLLO CONTROLLO SUCCESSIVA SUCCESSIVA DI DI CONTROLLO CONTROLLO

5 LA LUBRIFICAZIONE In ogni sistema meccanico circola un fluido lubrificante che ha generalmente lo scopo di ridurre l attrito tra due superfici striscianti l una sull altra. Una delle cause prime dei fenomeni di usura, destinati a degenerare in guasto, è la degradazione del fluido lubrificante, dovuta anche alla presenza di particelle contaminanti o umidità. Le funzioni di un lubrificante sono infatti molteplici: Deve reggere al carico di lavoro garantendo aderenza alle superfici e uno spessore minimo di separazione. Deve raggiungere le zone di massimo carico, garantendo una adeguata lubrificazione idrodinamica. Deve trasportare il particolato metallico e lo sporco ai filtri. Deve essere in grado di veicolare il calore prodotto dall attrito e dalla combustione verso gli scambiatori.

6 DEGLI OLI LUBRIFICANTI Il lubrificante è anche fonte importantissima di informazioni riguardo alle condizioni dei meccanismi interni con i quali viene a contatto. L analisi chimico- fisica di un campione di olio usato consente una diagnosi attendibile riguardo alle condizioni di quel particolare meccanismo. La ricerca nel lubrificante di eventuali residui metallici, o tracce di inquinanti, quali acqua, glicole, gasolio incombusto, silicio può diventare uno strumento diagnostico molto potente. La misura e la classificazione degli elementi eventualmente riscontrati, espressi in ppm (parti per milione) consentono di individuarne la provenienza, segnalando quale componente del meccanismo è sottoposto ad usura anomala, prima del manifestarsi di una più grave avaria. I dati ottenuti dall analisi di una goccia d olio, in una attenta strategia di manutenzione su condizioni, e l osservazione della variazione percentuale nel tempo di tali dati (il trend), consentono di seguire costantemente le condizioni dei propulsori e delle trasmissioni di potenza, invertitori e riduttori, o di eventuali impianti oleodinamici.

7 PRINCIPALI PUNTI DI MONITORAGGIO MEDIANTE OLIO Trasmissione di potenza Propulsore principale Generatore Sistemi oleodinamici

8 PRINCIPALI FONTI DI METALLI DA USURA TURBO COMPRESSORE: Cr, Fe, Ni, Cu CILINDRI: Fe, Si SEGMENTI: Cr, Mo PISTONI: Al, Si BRONZINE: Pb,Cu,Sn ALBERO A GOMITI: Fe, Pb

9 DEGLI OLI LUBRIFICANTI COME EFFETTUARE IL CAMPIONAMENTO Il kit per il prelievo del lubrificante contiene: - una siringa sterile da 60 ml, un tubetto in plastica da tagliare a misura, un flacone da aprire solo al momento del prelievo, una scheda di raccolta dati, istruzioni per il campionamento. Per un corretto prelievo del campione è sufficiente seguire le seguenti indicazioni: 1) effettuare il prelievo a motore caldo, e comunque non oltre 2 ore di fermo. 2) estrarre l'asta del livello, tagliare il tubo fornito della lunghezza dell'asta, ed inserirlo nella siringa. 3) inserire il tubo nell'alloggiamento dell'asta, ed aspirare una quantità di lubrificante pari a 3/4 del flacone. 4) non utilizzare nessun altro contenitore per travasare il lubrificante nei nostri flaconi, e richiudere il flacone non appena effettuato il prelievo. 5) compilare in tutte le sue parti la scheda allegata, sopratutto per quanto riguarda i dati relativi al tipo di olio e alle ore di moto.

10 MICROBIOLOGICA DEI CARBURANTI L'umidità che si accumula inevitabilmente nei serbatoi del gasolio, origina la crescita di batteri, cosidetti anaerobici, in quanto vivono e prolificano anche in assenza di aria. Tali microrganismi determinano la formazione di biomasse, risultato dei prodotti metabolici, visibili sotto forma di melme che si depositano sul fondo dei serbatoi, e che inevitabilmente entrano nel circuito di alimentazione, causando l'intasamento dei filtri, degli iniettori e della pompa. Questo fenomeno risulta particolarmente dannoso per i moderni motori common rail. Tali sostanze, insolubili negli idrocarburi ed incompatibili alla combustione, sono responsabili inoltre della corrosione dei metalli (biocorrosione), data la loro acidità.. Sono sufficienti 100 ppm di acqua (100 gr. in 1000 kg! ) per consentire la crescita microbica.

11 MICROBIOLOGICA DEI CARBURANTI Per conoscere la qualità del gasolio utilizzato, e per accertare l'eventuale contaminazione batterica, possibile causa di danni e avarie, è sufficiente analizzare un campione di carburante. Soprattutto lo stoccaggio prolungato all interno dei serbatoi, in imbarcazioni che navigano prevalentemente durante il periodo estivo, è causa di formazione di umidità attribuibile a fenomeni di condensa col variare delle temperature. Se necessario è possibile procedere alla bonifica del carburante e dei serbatoi con prodotti biocidi specifici che hanno la funzione di bloccare la proliferazione batterica, e di disperdere l'acqua contenuta nel serbatoio.. La fase successiva sarà quella di adottare, per il futuro, una attenta strategia di mantenimento con additivi appropriati, al fine di utilizzare combustibile pulito, che garantisce oltre alla salvaguardia dei serbatoi e del circuito di alimentazione, un miglior rendimento dei propulsori, minori consumi e minore inquinamento.

12 LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO La Termografia si basa sul rilevamento delle onde elettromagnetiche nella banda dell infrarosso, cioè invisibili all'occhio umano. Tutti i corpi che hanno una temperatura superiore allo zero assoluto (0 Kelvin o -273,15 C), emettono radiazioni elettromagnetiche in funzione della loro temperatura. Misurando con una Termocamera la radiazione emessa da qualunque tipo di materiale, apparato o impianto, anche durante il normale funzionamento, è quindi possibile ottenere la sua corrispondente mappa termica, sotto forma di immagine bidimensionale a colori, dove ad ogni punto corrisponde una temperatura. Le macchine di ultima generazione sono in grado di rilevare differenze di temperatura dell ordine di 0,02 C. I campi di impiego della Termografia sono molteplici. Dall edilizia all industria di processo, dalla protezione civile alla medicina, dalla meccanica al settore navale. Nel settore navale trova la sua applicazione nel controllo delle carene per evidenziare eventuali difetti del composito, quali delaminazioni, fratture, ritenzione di umidità per fenomeni osmotici, e nel controllo degli impianti elettrici di bordo.

13 LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO Una termocamera non si limita ad una semplice misura della temperatura, non è un comune termometro. Quello che è interessante individuare è il campo termico nel suo insieme. Sono infatti le differenze di temperatura, i cosiddetti delta termici, che ci indicano i punti critici, evidenziati come surriscaldamenti, che possono essere originati da malfunzionamenti, usure o errato assemblaggio. Questo metodo diagnostico, sempre più indispensabile in un corretto programma di manutenzione, consente di individuare eventuali usure in atto, evitando danni più gravi, e soprattutto avarie impreviste e conseguenti fermi barca. I termogrammi, le immagini ottenute a seguito di un rilievo termografico, vengono quindi elaborate con l'ausilio di un software dedicato, per la redazione di un Report Termografico corredato da una Relazione Tecnica. La documentazione, con valore di certificazione secondo le normative EN473, viene resa all armatore in formato cartaceo e digitale. La nostra Azienda si avvale di Operatori certificati (CICPND), ed è equipaggiata con Termocamere NEC di altissimo livello.

14 LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO Immagine termica di una chiglia.

15 LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO Carena in fasciame. Si notano zone più fredde, in corrispondenza della ruota di prua, e della chiodatura, che stanno ad indicare presenza di umidità. In fase di riscaldamento, infatti, l effetto dell evaporazione provoca un abbassamento della temperatura.

16 LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO La stessa carena vista dal lato di dritta. Sono evidenti punti di forte umidità, evidenziati come zone più fredde.

17 LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO Una zona di forte umidità intorno ad un ombrinale.

18 LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO Si notano le chiodature e i comenti delle tavole, che trattengono umidità.

19 LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO Questo termogramma rivela una vecchia riparazione.

20 LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO Quadro elettrico. In questa immagine è raffigurato un quadro elettrico di bordo, con evidente anomalia in corrispondenza della zona più calda dovuta ad un surriscaldamento di un sezionatore. In questo caso il surriscaldamento interessa anche i conduttori, con evidente rischio di ulteriori e più gravi danneggiamenti.

21 LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO Quadro elettrico. Anche in questa immagine risulta chiara la zona di maggiore riscaldamento adiacente all interruttore su cui è stata rilevata l anomalia.

22 LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO Quadro elettrico. Due punti con un surriscaldamento anomalo rilevati nel cablaggio di un quadro elettrico di bordo in c.c. a 24 V.

23 LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO Quadro elettrico. Anche in questa immagine risultano evidenti due conduttori con surriscaldamento anomalo.

24 LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO. Quadro elettrico. Connessione non serrata. Si nota chiaramente il surriscaldamento del capicorda e di parte del conduttore.

25 LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO Quadro elettrico. In questa immagine il surriscaldamento è dovuto ad un allentamento della connessione del negativo.

26 I VANTAGGI risponde alle esigenze di chi va per mare sia per diporto che per lavoro e si rivolge alle più variegate tipologie di utenza: dal diportista, che naviga solo poche settimane all anno, e per il quale quei giorni per mare sono sacri!; alle flotte da pesca, che giorno dopo giorno chiedono il massimo della potenza ai loro propulsori, insostituibili strumenti di lavoro ; alle unità adibite al controllo marittimo, che spesso sono costrette ad operare in condizioni esasperate. alle navi di linea o traghetti, che devono assicurare il continuo collegamento con le isole.

27 CONCLUSIONI Come si può capire da questa sintetica esposizione, l imbarcazione viene considerata, ai fini manutentivi, nella sua globalità. Propulsori, trasmissioni di potenza, impianti oleodinamici, impianto elettrico, carena possono essere monitorati periodicamente al fine di conoscere le loro effettive condizioni, evitando che una piccola anomalia possa trasformarsi in guasto. Sofisticate tecnologie che possono integrare l insostituibile esperienza e professionalità degli operatori del settore. I benefici di questa strategia manutentiva possono essere valutati sia sotto l aspetto economico, riducendo al minimo le possibilità di avarie impreviste, sia in considerazione di migliori rendimenti, minori consumi, minore inquinamento e soprattutto di una maggiore sicurezza in navigazione.

28 PROGETTO LA MANUTENZIONE PREDITTIVA NELLA NAUTICA SEATEC Marina di Carrara Febbraio 2009 SI RINGRAZIA PER L ATTENZIONE. Autore: Carlo Salvadori SICURMAR Via Aurelia, CASTIGLIONCELLO (LI) Tel. O

e) Inconvenienti di funzionamento, possibili cause e rimedi

e) Inconvenienti di funzionamento, possibili cause e rimedi e) Inconvenienti di funzionamento, possibili cause e rimedi Elenco dei più frequenti inconvenienti di funzionamento con le loro possibili cause. Attenzione!! Proponiamo anche alcuni possibili interventi:

Dettagli

Indagini ed analisi Termografiche

Indagini ed analisi Termografiche Indagini ed analisi Termografiche Per termografia s'intende l'utilizzo di una telecamera a infrarossi (o termocamera), al fine di visualizzare e misurare l'energia termica emessa da un oggetto. L'energia

Dettagli

LA TERMOGRAFIA. Strumenti di misura Servizi Formazione

LA TERMOGRAFIA. Strumenti di misura Servizi Formazione LA TERMOGRAFIA La termografia IR è una tecnica di indagine non distruttiva (non sussistono alterazioni in seguito alla verifica) e non invasiva (non vi è contatto tra attrezzatura e oggetto da esaminare),

Dettagli

LA TERMOGRAFIA INFRAROSSA CND NELLA NAUTICA con Operatore Termografico certificato R.I.N.A. Services S.p.A. 2 LIVELLO UNI EN 473 ultima edizione.

LA TERMOGRAFIA INFRAROSSA CND NELLA NAUTICA con Operatore Termografico certificato R.I.N.A. Services S.p.A. 2 LIVELLO UNI EN 473 ultima edizione. LA TERMOGRAFIA INFRAROSSA CND NELLA NAUTICA con Operatore Termografico certificato R.I.N.A. Services S.p.A. 2 LIVELLO UNI EN 473 ultima edizione. L utilizzo della Termografia Infrarossa CND può contribuire,

Dettagli

L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 1 a parte

L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 1 a parte Roberto Ricca e-mail: r.ricca@inprotec.it L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 1 a parte 1 Definizione di Termografia Con il termine termografia si intende l uso di telecamere

Dettagli

TERMOGRAFIA. FLIR Systems

TERMOGRAFIA. FLIR Systems TERMOGRAFIA Un controllo ad infrarossi dedicato all impianto elettrico consente di identificare le anomalie causate dall azione tra corrente e resistenza. La presenza di un punto caldo all interno di un

Dettagli

A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche

A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche A&L Ingegneria effettua diagnosi termografiche, controlli non distruttivi e perizie con l ausilio di termocamere. Con la tecnica diagnostica della termografia si

Dettagli

PULITORE SISTEMA DI ASPIRAZIONE E CARBURATORE

PULITORE SISTEMA DI ASPIRAZIONE E CARBURATORE PULITORE INIETTORI BENZINA Pulitore intenso del sistema di alimentazione benzina, da usare con inject flebo. Elimina i depositi sugli iniettori. Riduce le emissioni di CO e HC. Elimina le difficoltà di

Dettagli

Principali Caratteristiche

Principali Caratteristiche GP-Diesel 2 GP-Diesel Principali Caratteristiche Il gasolio speciale GP-Diesel ha un numero di cetano molto alto, riducendo così il ritardo di accensione, con effetti positivi su consumo ed emissioni.

Dettagli

Introduzione alla termografia

Introduzione alla termografia Introduzione alla termografia La TERMOGRAFIA IR è una tecnica diagnostica assolutamente non distruttiva che, misurando la radiazione infrarossa emessa da un corpo, è in grado di determinarne la temperatura

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNI EN 473/ISO 9712

CERTIFICAZIONE UNI EN 473/ISO 9712 Chi Siamo Lo STUDIOBORGIOTTI di Milano è un ufficio di progettazione e misure elettrotecniche fondato nel 1982 da Borgiotti Marco, e opera tutt'ora con successo nel campo della progettazione, nella direzione

Dettagli

E proprio in questa fase che si generano le usure sopra indicate.

E proprio in questa fase che si generano le usure sopra indicate. DESCRIZIONE Il SYNECO START-STOP SYSTEM è un additivo per olio motore, sviluppato per essere impiegato su veicoli, sia Benzina che Diesel, dotati di Sistema Start e Stop. L introduzione sul mercato di

Dettagli

In anticipo sul futuro. La tecnica termografica come strumento di verifica e diagnosi di malfunzionamenti

In anticipo sul futuro. La tecnica termografica come strumento di verifica e diagnosi di malfunzionamenti La tecnica termografica come strumento di verifica e diagnosi di malfunzionamenti La tecnica termografica genesi e definizioni Termografia: definizioni e principio di misura Dal greco: Scrittura del calore

Dettagli

Impianti Elettrici. di Balsamo Salvatore & C. SAS ANALISI TERMOGRAFICHE

Impianti Elettrici. di Balsamo Salvatore & C. SAS ANALISI TERMOGRAFICHE + ANALISI TERMOGRAFICHE Impianti elettrici La nostra società è Lieta di presentare i nostri servizi di supporto tecnologico indispensabile per la manutenzione utilizzando un metodo sicuro ed efficace basato

Dettagli

VISUALIZZARE LE PERDITE ENERGETICHE E RILEVARE CARENZE O DIFETTI DI ISOLAMENTO:

VISUALIZZARE LE PERDITE ENERGETICHE E RILEVARE CARENZE O DIFETTI DI ISOLAMENTO: La termografia è uno strumento eccellente per mappare le perdite energetiche di un edificio. L'ispezione ad infrarossi rappresenta un potente mezzo non invasivo per monitorare e diagnosticare le condizioni

Dettagli

Indagini termografiche

Indagini termografiche Indagini termografiche informazioni sintetiche sulle possibili applicazioni in ambito edile, impiantistico ed industriale Servizi di Termografia dbabitat srl fornisce il servizio di analisi, indagine e

Dettagli

La rete di distribuzione carburante è complessa. Le Raffinerie e i Terminali di importazione forniscono i Terminal tramite condutture.

La rete di distribuzione carburante è complessa. Le Raffinerie e i Terminali di importazione forniscono i Terminal tramite condutture. La rete di distribuzione carburante è complessa. Le Raffinerie e i Terminali di importazione forniscono i Terminal tramite condutture. I terminal possono essere condivisi da compagnie petrolifere e possono

Dettagli

Cos è la Termografia InfraRosso

Cos è la Termografia InfraRosso Cos è la Termografia InfraRosso Cos è l InfraRosso (IR)? L energia IR (cioè Calore) si muove nello spazio come radiazione. L energia IR è una radiazione che fa parte dello spettro delle Onde Elettromagnetiche

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONEPER IL LIVELLO DIRETTIVO PER DIRETTORE DI MACCHINA E 1 UFFICIALE DI MACCHINA

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONEPER IL LIVELLO DIRETTIVO PER DIRETTORE DI MACCHINA E 1 UFFICIALE DI MACCHINA A LLEGATO B PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONEPER IL LIVELLO DIRETTIVO PER DIRETTORE DI MACCHINA E 1 UFFICIALE DI MACCHINA FUNZIONE 1: MECCANICA NAVALE A LIVELLO DIRETTIVO Gestisce il funzionamento dell

Dettagli

Vi presentiamo una tecnologia unica al mondo

Vi presentiamo una tecnologia unica al mondo Contate su di noi Vi presentiamo una tecnologia unica al mondo Il mondo si evolve velocemente. Cambia il modo di lavorare, le vostre esigenze si fanno più articolate, le normative sempre più strette.

Dettagli

SCEGLIETE LA COMPETENZA CITROËN GUIDA AL FILTRO ANTIPARTICOLATO

SCEGLIETE LA COMPETENZA CITROËN GUIDA AL FILTRO ANTIPARTICOLATO SCEGLIETE LA COMPETENZA CITROËN GUIDA AL FILTRO ANTIPARTICOLATO IL FILTRO ANTIPARTICOLATO (FAP): UN PRODOTTO DI ALTA TECNOLOGIA Sviluppato dal gruppo PSA PEUGEOT CITROËN, il Filtro antiparticolato (FAP)

Dettagli

Efficienza su larga scala: Sistema modulare Common Rail MCRS per grandi motori Diesel

Efficienza su larga scala: Sistema modulare Common Rail MCRS per grandi motori Diesel Efficienza su larga scala: Sistema modulare Common Rail MCRS per grandi motori Diesel Basso consumo, prestazioni elevate: Sistema modulare Common Rail MCRS per grandi motori Diesel Con le serie MCRS, Bosch

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 230:1997 31/10/1997 Bruciatori monoblocco di olio combustibile a polverizzazione. Dispositivi di sicurezza, di comando e di regolazione. Tempi di sicurezza. UNI EN 247:2001 31/05/2001 Scambiatori

Dettagli

IL SERVIZIO DI INDAGINE TERMOGRAFICA E LE SUE APPLICAZIONI SUGLI IMPIANTI CIVILI E INDUSTRIALI

IL SERVIZIO DI INDAGINE TERMOGRAFICA E LE SUE APPLICAZIONI SUGLI IMPIANTI CIVILI E INDUSTRIALI IL SERVIZIO DI INDAGINE TERMOGRAFICA E LE SUE APPLICAZIONI SUGLI IMPIANTI CIVILI E INDUSTRIALI Rev. 00 del 12.10.2011 PREMESSA ATT Studio Tecnico Associato, opera progettando, sviluppando, monitorando

Dettagli

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR Indice - Premessa - Indagine termografica - Documentazione Fotografica e IR Premessa La caratterizzazione fisico-meccanica dei materiali costituenti un manufatto è indispensabile per stabilire un appropriato

Dettagli

Analisi dell'olio lubrificante

Analisi dell'olio lubrificante Analisi dell'olio lubrificante Classi CAIM Con analisi dell'olio lubrificante si intende normalmente l'attività di analisi delle proprietà chimicofisiche dell'olio lubrificante usato e degli eventuali

Dettagli

Viaggiare con un filtro antiparticolato intasato o eliminato (o forato)

Viaggiare con un filtro antiparticolato intasato o eliminato (o forato) !!ATTENZIONE!!: NOTE SUI FILTRI ANTIPARTICOLATO: Prima di sostituirlo bisogna capire SEMPRE le cause dell intasamento o rottura del Fap e anche valutare che non ci siano danni collaterali nel veicolo.

Dettagli

Manutenzione industriale

Manutenzione industriale industriale Evoluzione della cultura della manutenzione PRIMA Non fermare gli impianti (fino a che riescono a marciare). Intervenire solo per riparazione. Accettare carenze qualitative, amplificazione

Dettagli

Meccanico montaggio / INTRODUZIONE / INDUSTRIALE o MOBILE

Meccanico montaggio / INTRODUZIONE / INDUSTRIALE o MOBILE Meccanico montaggio / INTRODUZIONE / INDUSTRIALE o MOBILE STAGE LIBERTY 1 : NOZIONI DI MONTAGGIO E DI REGOLAZIONE DI UN IMPIANTO OLEODINAMICO Regole di controllo di montaggio e precauzioni preliminari,

Dettagli

Additivo per gasolio T.L. T.L.SAS di Turchi Luca & C.

Additivo per gasolio T.L. T.L.SAS di Turchi Luca & C. Via Staffette Partigiane, 31/O 41100 Modena P.IVA 03084870363 Tel 059/452143 454133 Fax. 059/3160044 e-mail tlricambi@alice.it www.specialstore.net Additivo per gasolio STOP ALLE MORCHIE NEI SERBATOI E

Dettagli

ANALISI TERMOGRAFICA CERTIFICATA

ANALISI TERMOGRAFICA CERTIFICATA LA TERMOGRAFIA AL VOSTRO SERVIZIO U n a r e t e d i t e c n i c i c e r t i f i c a t i d i s p o n i b i l i n e l l e d i v e r s e r e g i o n i. ANALISI TERMOGRAFICA CERTIFICATA Cliente: WATERGY S.R.L.

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Manutenzione industriale con l uso della termografia. Guida alle applicazioni. Indice

Manutenzione industriale con l uso della termografia. Guida alle applicazioni. Indice Manutenzione industriale con l uso della termografia. Guida alle applicazioni. Indice 1. Rilevamento di collegamenti elettrici allentati o corrosi 2. Rilevamento di squilibrio elettrico e sovraccarichi

Dettagli

TERMOGRAFIA NEL SETTORE INDUSTRIALE: UN APPROFONDIMENTO

TERMOGRAFIA NEL SETTORE INDUSTRIALE: UN APPROFONDIMENTO TERMOGRAFIA NEL SETTORE INDUSTRIALE: UN APPROFONDIMENTO La termografia trova nell industria un terreno particolarmente adatto per la sua applicazione. Le applicazioni della termografia in campo industriale

Dettagli

DEUMIDIFICATORE PARETE

DEUMIDIFICATORE PARETE DEUMIDIFICATORE PARETE INTRODUZIONE CONFRONTO DESCRIZIONE - INGOMBRI CARATTERISTICHE TECNICHE RESA SCHEMA ELETTRICO LOGICA DI FUNZIONAMENTO INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE ACCESSORI Pagina 1 di 13 INTRODUZIONE

Dettagli

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Concetti e spunti applicativi 1 Ing. Roberto Callegari Tecniche Strumentali per la Diagnosi Energetica INTRODUZIONE 2 Una adeguata conoscenza

Dettagli

Rilievi Termometrici. Nuove Tecnologie per l Ingegneria. e monitoraggi manutentivi. Funaro Ingegneria Ing. Giuseppe Funaro Cosenza (CS)

Rilievi Termometrici. Nuove Tecnologie per l Ingegneria. e monitoraggi manutentivi. Funaro Ingegneria Ing. Giuseppe Funaro Cosenza (CS) Rilievi Termometrici e monitoraggi manutentivi Nuove Tecnologie per l Ingegneria g Studio Tecnico Rende (CS) Funaro Ingegneria Ing. Giuseppe Funaro Cosenza (CS) 2 Perchè conviene monitorare agli infrarossi

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE COD. 11131104-11131106 INDICE NORME GENERALI DI SICUREZZA 3 SPECIFICHE 4 PROCEDURA STANDARD PER IL RECUPERO DI FLUIDI/VAPORI 4 PROCEDURA DI SCARICO AUTOMATICO

Dettagli

LEZIONE 2. a cura di Simone Laprovitera e-mail: slaprovitera@trevispa.com tel.: 340.46.87.850

LEZIONE 2. a cura di Simone Laprovitera e-mail: slaprovitera@trevispa.com tel.: 340.46.87.850 LEZIONE 2 Aspetti impiantistici di un sistema geotermico integrato a pompa di calore. Principio di funzionamento delle pompe di calore geotermiche. Esempi di schemi funzionali di centrale. a cura di Simone

Dettagli

Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori

Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori Bioetanolo: dalla produzione all utilizz Centro Studi l Uomo e l Ambient Padova 200 Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori Rodolfo Taccani, Robert Radu taccani@units.it, rradu@units.it

Dettagli

PURIFICATORE DI GASOLIO MECCANICO PER PULIZIA CISTERNE FB 800

PURIFICATORE DI GASOLIO MECCANICO PER PULIZIA CISTERNE FB 800 PURIFICATORE DI GASOLIO MECCANICO PER PULIZIA CISTERNE FB 800 FB 800 SPECIFICHE TECNICHE Alimentazione: 220 V Frequenza: 50 Hz Max. Variazioni: tensione: + / - 5% del valore nominale Frequenza: + / -2%

Dettagli

La termografia viene applicata ed impiegata in svariati settori industriali,

La termografia viene applicata ed impiegata in svariati settori industriali, PRD N 148 B Termografia La termografia è una tecnica diagnostica non distruttiva, essa trae origine dal fatto che qualunque corpo ad una temperatura maggiore dello zero Kelvin emette energia sotto forma

Dettagli

MAREMMANA ECOLOGIA SRL Punti vendita carburante: elementi gestionali ed operativi relativi ad aspetti ambientali ECOLIQUID Srl

MAREMMANA ECOLOGIA SRL Punti vendita carburante: elementi gestionali ed operativi relativi ad aspetti ambientali ECOLIQUID Srl MAREMMANA ECOLOGIA SRL Punti vendita carburante: elementi gestionali ed operativi relativi ad aspetti ambientali ECOLIQUID Srl 06 BioDiesel e batteri Prevenire è meglio che curare BioDiesel BioDiesel e

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Matthias Raisch, Bosch Industriekessel GmbH Sfruttamento della condensazione Sfruttando la sperimentata tecnologia della condensazione, i gestori di caldaie a vapore

Dettagli

Presentazione DIAGNOSTICA TERMOGRAFICA

Presentazione DIAGNOSTICA TERMOGRAFICA Presentazione DIAGNOSTICA TERMOGRAFICA Il settore della diagnostica non invasiva La Sinet s.r.l. opera da anni nel settore della diagnostica non invasiva attraverso l impiego della tecnica termografica.

Dettagli

I Controlli degli ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

I Controlli degli ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO I Controlli degli Relatore: Sig. Giuseppe VEZZOLI Brescia, 23 Marzo 2015 1 - DEFINIZIONE Secondo la Direttiva Macchine 2006/42/CE un Accessorio di Sollevamento è definito come: componente o attrezzatura

Dettagli

Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG)

Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG) Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG) Metodo di indagine termografica La termografia all'infrarosso è una particolare tecnica telemetrica in grado di determinare, con notevole risoluzione

Dettagli

Prodotti professionali per gli installatori di impianti di riscaldamento e condizionamento IDRATERM IDRASOLAR

Prodotti professionali per gli installatori di impianti di riscaldamento e condizionamento IDRATERM IDRASOLAR Prodotti professionali per gli installatori di impianti di riscaldamento e condizionamento IDRATERM PROTEZIONE E PULIZIA PER IMPIANTI TERMICI IDRASOLAR ANTIGELO PREMISCELATO PER IL RIEMPIMENTO DEGLI IMPIANTI

Dettagli

DIAGNOSI CANDELE NORMALE

DIAGNOSI CANDELE NORMALE DIAGNOSI CANDELE NORMALE Il piede isolatore presenta un colore da bianco-grigio/giallo-grigio a bruno. Il consumo dell'elettrodo è ridotto. Il grado termico della candela di accensione è stato scelto correttamente.

Dettagli

1. Rispondere con V (vero) o F (falso) alle affermazioni seguenti concernenti la corsa del pistone:

1. Rispondere con V (vero) o F (falso) alle affermazioni seguenti concernenti la corsa del pistone: Data Cand. N o Punti ottenuti Esame finale MECCANICO (CA) DI MANUTENZIONE D AUTOMOBILI VEICOLI UTILIRI Conoscenze professionali II - Serie 00 Esperto Esperto Tempo 60 min.. Rispondere con V (vero) o (falso)

Dettagli

Isopack. Approfondimento tecnico. La termografia in edilizia

Isopack. Approfondimento tecnico. La termografia in edilizia Approfondimento tecnico La termografia in edilizia 1 LA TERMOGRAFIA La termografia all infrarosso è una tecnica non invasiva e non a contatto, che fornisce la distribuzione della temperatura superficiale

Dettagli

ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA

ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU ELENCO DI POSSIBILI INTERVENTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ED ALL EFFICIENZA ENERGETICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 GUIDA GESTIONE DELL ENERGIA SOMMARIO ILLUMINAZIONE...

Dettagli

D.M. 10 febbraio 2014

D.M. 10 febbraio 2014 D.M. 10 febbraio 2014 Il libretto di impianto Rossano Basili ENEA - Unità Tecnica Efficienza Energetica CCEI Marche Padova, 2 luglio 2014 Art. 11 9. Gli impianti termici con potenza nominale superiore

Dettagli

Prestazioni ed affidabilità per i vostri motori.

Prestazioni ed affidabilità per i vostri motori. Prestazioni ed affidabilità per i vostri motori. Lubrificante sintetico biodegradabile per motori a 2 tempi a benzina. NEPTUNA 2T BIO-JET associa le elevate prestazioni alla protezione dell ambiente. Proprietà:

Dettagli

COMPORTAMENTO DI AUTOVEICOLI ALIMENTATI CON MISCELE GASOLIO / BIODIESEL

COMPORTAMENTO DI AUTOVEICOLI ALIMENTATI CON MISCELE GASOLIO / BIODIESEL Quando i carburanti diventano Bio :: compatibilità ambientale, potenzialità tecnica ed economica nel settore biofuels COMPORTAMENTO DI AUTOVEICOLI ALIMENTATI CON MISCELE GASOLIO / BIODIESEL FRANCESCO AVELLA

Dettagli

KIT 600 MANUALE ISTRUZIONI D USO SINCRO SINCRO. Rappresentato da:

KIT 600 MANUALE ISTRUZIONI D USO SINCRO SINCRO. Rappresentato da: MANUALE ISTRUZIONI D USO Rappresentato da: Via G.P. Sardi, 2(/A 43000 Alberi, Parma, ITALY Tel: +39-0521-648293 (713) Fax: +39-0521-648382 E-mail: info@sincro.com URL: www.sincro.com - 2 - - 31 - INDICE

Dettagli

Descrizione del funzionamento

Descrizione del funzionamento Descrizione del funzionamento Laddomat 21 ha la funzione di......all accensione, fare raggiungere velocemente alla caldaia una temperatura di funzionamento elevata....durante il riempimento, preriscaldare

Dettagli

La Termografia. www.modulorstudio.it

La Termografia. www.modulorstudio.it La Termografia www.modulorstudio.it Modulor Studio s.r.l.s. Via Via Milazzo, 11 11 - - 96016 Lentini (SR) (SR) - Italia - Italia Tel. Tel. 095-2935054 Fax. Email 095-2937521 info@modulorstudio.it - Email

Dettagli

MONITORAGGIO REMOTO DELLE NAVI E STRATEGIE DI MANUTENZIONE

MONITORAGGIO REMOTO DELLE NAVI E STRATEGIE DI MANUTENZIONE ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI COMMISSIONE NAVALE 24 Giugno2008 Conversazione all Ordine MONITORAGGIO REMOTO DELLE NAVI E STRATEGIE DI MANUTENZIONE Ing. Fabio Spetrini 1 STRATEGIE DI

Dettagli

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico

Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Valutazione del rischio per la presenza di miscele esplosive aria/polveri: l approccio metodologico Francesca Bellamino D.Lgs. 81/2008 TITOLO XI: protezione da atmosfere esplosive Capo II: obblighi del

Dettagli

Premessa Perché una Analisi Energetica

Premessa Perché una Analisi Energetica AUDIT ENERGETICO LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CON L AUSILIO DELLE ANALISI TERMOGRAFICHE PER INDIVIDUARE SOLUZIONI DI RISPARMIO ENERGETICO E DI RISPARMIO DELLE MANUTENZIONI Premessa Perché

Dettagli

Produzione aria compressa Trattamento aria e gas Filtrazione Refrigerazione Impianti Azoto Noleggio Assistenza Certificazioni METODO ARIA

Produzione aria compressa Trattamento aria e gas Filtrazione Refrigerazione Impianti Azoto Noleggio Assistenza Certificazioni METODO ARIA Produzione aria compressa Trattamento aria e gas Filtrazione Refrigerazione Impianti Azoto Noleggio Assistenza Certificazioni METODO ARIA Produzione Aria Per molte aziende una fornitura affidabile di aria

Dettagli

Servizi di termografia ad infrarossi, consulenza progettazione e verifiche tecniche su impianti elettrici civili ed industriali

Servizi di termografia ad infrarossi, consulenza progettazione e verifiche tecniche su impianti elettrici civili ed industriali Servizi di termografia ad infrarossi, consulenza progettazione e verifiche tecniche su impianti elettrici civili ed industriali Via Nicolò Biondo 192 P.IVA 00422300368 41100 Modena Tel 059356611 Fax 059340733

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Il meglio per i professionisti: service climatizzazione con Bosch ACS 751 e 651

Il meglio per i professionisti: service climatizzazione con Bosch ACS 751 e 651 Il meglio per i professionisti: service climatizzazione con Bosch ACS 751 e 651 ACS 751 e 651 Le stazioni Bosch per il service di impianti A/C con R134a u ACS 751 completamente automatico: service climatizzazione

Dettagli

DIAGNOSTIC ENGINEERING SOLUTIONS. www.desinnovation.com

DIAGNOSTIC ENGINEERING SOLUTIONS. www.desinnovation.com DIAGNOSTIC ENGINEERING SOLUTIONS CONTROLLI NON DISTRUTTIVI SU MATERIALI COMPOSITI Tecniche NDT La tecniche termografiche per i controlli non distruttivi (NDT) sono basate sulla misura di anomalie termiche

Dettagli

Oli NATERIA per motori a gas

Oli NATERIA per motori a gas Oli NATERIA per motori a gas Alte prestazioni e affidabilità in tutte le condizioni Prodotto e distribuito in Italia da APPROVAZIONI E RIFERIMENTI DEI COSTRUTTORI DI MOTORI Total collabora con i principali

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

INDAGINI TERMOGRAFICHE

INDAGINI TERMOGRAFICHE INDAGINI TERMOGRAFICHE INDAGO SRL Via Sestri 15/4 16154 GENOVA SESTRI Sede Operativa: Corso Italia 26-18012 Bordighera (IM) Tel/Fax: 0184-998536 Mail: info@indagosrl.it - indago@pec.it La termografia Per

Dettagli

LA CHIMICA DELLA MANUTENZIONE

LA CHIMICA DELLA MANUTENZIONE LA CHIMICA DELLA MANUTENZIONE Ciò che abitualmente definiamo manutenzione nel mondo industriale è un insieme di procedure interattive tra il livello della produzione, ove operano le macchine, e la struttura

Dettagli

INSTALLATO SOTTO IL COFANO, IL SISTEMA DI LUBRIFICAZIONE VAPSAVER, INFATTI, DISTRIBUISCE PER DEPRESSIONE - NEL COLLETTORE

INSTALLATO SOTTO IL COFANO, IL SISTEMA DI LUBRIFICAZIONE VAPSAVER, INFATTI, DISTRIBUISCE PER DEPRESSIONE - NEL COLLETTORE SERBATOIGPL.COM Srl Via G. Di Vittorio, 9 Z.I. - 38068 ROVERETO (TN) tel. 0464 430465 fax 0464 488189 info@serbatoigpl.com - info@vapsaver.com www.serbatoigpl.com MADE IN ITALY VAP-SAVER Pag.1 LA LOTTA

Dettagli

IMPIANTO RADIANTE A PAVIMENTO

IMPIANTO RADIANTE A PAVIMENTO IMPIANTO RADIANTE A PAVIMENTO PREMESSA Il riscaldamento a pavimento radiante è noto da molto tempo, ma ha visto la sua definitiva affermazione solo quando sono migliorati alcuni fattori quali l isolamento

Dettagli

menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE

menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE Principio di funzionamento Nelle piscine medio grandi, la normativa prevede una ricambio giornaliero dell acqua totale delle vasche, nella

Dettagli

CONTROLLO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DA MOTORI ALIMENTATI A BIOMASSA LIQUIDA

CONTROLLO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DA MOTORI ALIMENTATI A BIOMASSA LIQUIDA CONTROLLO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DA MOTORI ALIMENTATI A BIOMASSA LIQUIDA MOTORE DIESEL GRANDEZZE CARATTERISTICHE I motori a combustione interna vengono caratterizzati con alcuni importanti parametri

Dettagli

POMPE DI CALORE KITA Approfondimento tecnico

POMPE DI CALORE KITA Approfondimento tecnico POMPE DI CALORE KITA Approfondimento tecnico Approfondimento tecnico sulle scelte progettuali Compressore singolo ermetico trascinato tramite motore BLDC inverter. Il compressore è il cuore della pompa

Dettagli

La corretta progettazione di un impianto solare termico: gli errori da evitare

La corretta progettazione di un impianto solare termico: gli errori da evitare La corretta progettazione di un impianto solare termico: gli errori da evitare Dott. Ing. Norbert Klammsteiner Energytech INGEGNERI s.r.l. 39100 Bolzano www.energytech.it 08.02.2013 Quadro generale PARTE

Dettagli

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05)

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Sostituzione guarnizione della testa, rovinata a causa di una perdita dell acqua dal tubo inferiore del radiatore (la vettura ha circolato senza liquido

Dettagli

Per saperne di piu sul condizionatore

Per saperne di piu sul condizionatore Per saperne di piu sul condizionatore LE BASI FISICHE IL CONDIZIONATORE FUNZIONAMENTO FILTRI DISIDRATATORI NORME D USO INTRODUZIONE LE BASI FISICHE APPLICATE AL CONDIZIONATORE LE LEGGI FISICHE E LA TERMINOLOGIA

Dettagli

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA CHE COS È IL TELERISCALDAMENTO Gruppo Società Gas Rimini - SGR Servizi S.p.A. 47924 Rimini Via Chiabrera 34 b Tel. 0541 303030 Fax 0541 380344 e-mail

Dettagli

Prefazione...III. 2.2.6 Impianto idrico con o senza serbatoio di compenso...18 2.2.7 Macchine e attrezzature produttive di riserva...

Prefazione...III. 2.2.6 Impianto idrico con o senza serbatoio di compenso...18 2.2.7 Macchine e attrezzature produttive di riserva... Indice Prefazione...III CAPITOLO 1 GENERALITÀ SUGLI IMPIANTI MECCANICI DI SERVIZIO PER L INDUSTRIA 1.1 Contenuti e finalità...2 1.2 Definizione e classificazione degli impianti industriali...2 1.3 Definizione

Dettagli

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore Generatori di calore Il generatore di calore a combustibile I generatori di calore Combustibile E CH Superficie di Confine del Sistema Aria comburente Generatore di calore Fluido in ingresso Fumi Calore

Dettagli

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori Impianto elettrico Cabine elettriche Quadri elettrici media e bassa tensione e c.c Interruttori media e bassa tensione Trasformatori Batteria di rifasamento Impianto di Protezione contro le scariche atmosferiche

Dettagli

Oggetto: Presentazione aziendale LubeTeam Hydraulic S.r.l.

Oggetto: Presentazione aziendale LubeTeam Hydraulic S.r.l. S.S. 7 Appia, km. 237,00 82011 Airola (BN) Tel. 0823/95 09 94 Fax. 0823/41 25 46 Corrispondenza presso sede amministrativa in : Via T. Scautieri, 6 83018 San Martino Valle Caudina (AV) Web : www.lubeteam.it

Dettagli

La termografia. Il Blower Door Test e le tecniche di diagnosi e controllo energetico

La termografia. Il Blower Door Test e le tecniche di diagnosi e controllo energetico La termografia Il Blower Door Test e le tecniche di diagnosi e controllo energetico di Davide Lanzoni - https://it.linkedin.com/pub/davide-lanzoni/20/396/537 Grazie al calo di prezzo delle termocamere,

Dettagli

Tecnologia di misura per installatori di impianti di riscaldamento

Tecnologia di misura per installatori di impianti di riscaldamento In anticipo sul futuro testo 330-1 LL Tecnologia di misura per installatori di impianti di riscaldamento Più sicuro e resistente, grazie alla maggiore durata delle celle di misura LL Garanzia integrale

Dettagli

Norme di uso e manutenzione per cilindri e servocilindri

Norme di uso e manutenzione per cilindri e servocilindri www.atos.com Tabella /I Norme di uso e manutenzione per cilindri e servocilindri Questo manuale di uso e manutenzione è valido solo per cilindri idraulici Atos e si propone di fornire utili informazioni

Dettagli

ideale per la pulizia interna e esterna di tutte le autovetture rinnovamento di tessuti, tappeti e divani desert steam gun

ideale per la pulizia interna e esterna di tutte le autovetture rinnovamento di tessuti, tappeti e divani desert steam gun steam mop Unifica il potere di pulizia del vapore con la tecnologia delle microfibre, capaci di catturare sporco e polvere grazie alla carica elettrostatica. Steam mop offre una pratica soluzione per un

Dettagli

w w w. d a t a c o l. c o m INDICE Introduzione... 04 Pulitore impianto alimentazione Diesel... 06 Pulitore impianto alimentazione Benzina... 08 Ottimizzatore di combustione Diesel... 10 Ottimizzatore

Dettagli

BANCHI PESCE MANUALE DI USO E MANUTENZIONE. Versione 01

BANCHI PESCE MANUALE DI USO E MANUTENZIONE. Versione 01 MANUALE DI USO E MANUTENZIONE BANCHI PESCE Versione 01 1 AVVERTENZE GENERALI INDICE 1 ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE 1.1 Controlli alla consegna 1.2 Movimentazione 1.3 Imballo 1.4 Dimensioni dell attrezzatura

Dettagli

LUBRIFICANTI INGRASSARE ASSEMBLARE LUBRIFICARE TRATTARE LE SUPERFICI LUBRIFICANTI LOCTITE LA RISPOSTA DEFINITIVA AD OGNI PROBLEMA DI LUBRIFICAZIONE

LUBRIFICANTI INGRASSARE ASSEMBLARE LUBRIFICARE TRATTARE LE SUPERFICI LUBRIFICANTI LOCTITE LA RISPOSTA DEFINITIVA AD OGNI PROBLEMA DI LUBRIFICAZIONE LUBRIFICANTI INGRASSARE ASSEMBLARE LUBRIFICARE TRATTARE LE SUPERFICI LUBRIFICANTI LOCTITE LA RISPOSTA DEFINITIVA AD OGNI PROBLEMA DI LUBRIFICAZIONE LUBRIFICANTI CONTENUTO INTRODUZIONE Pag. 3 INGRASSARE

Dettagli

UTILIZZO DEI BIOCOMBUSTIBILI NEI MOTORI Compatibilità e problemi tecnici

UTILIZZO DEI BIOCOMBUSTIBILI NEI MOTORI Compatibilità e problemi tecnici Agroenergie e biocarburanti: le tecnologie e le prospettive di nuovi modelli energetici sostenibili UTILIZZO DEI BIOCOMBUSTIBILI NEI MOTORI Compatibilità e problemi tecnici FRANCESCO AVELLA avella@ssc.it

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO IL PARTICOLATO ATMOSFERICO Il particolato atmosferico Definito anche aerosol o genericamente polveri Costituito da particelle solide o liquide in sospensione che provengono: da processi naturali e da processi

Dettagli

GIORGIO CHIMENTI A B C. dell ANTINCENDIO NEI PORTI TURISTICI

GIORGIO CHIMENTI A B C. dell ANTINCENDIO NEI PORTI TURISTICI GIORGIO CHIMENTI A B C dell ANTINCENDIO NEI PORTI TURISTICI Informazione dei lavoratori ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. n. 81/2008 e del D.Lgs. n. 272/1999 1 A B C dell antincendio nei PORTI TURISTICI

Dettagli

Roberto Ricca. L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia

Roberto Ricca. L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia Roberto Ricca L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 1 Utilizzo della termografia in edilizia Quando può essere effettuato il controllo termografico? Utilizzo della Blower

Dettagli

Corso di ENERGIE ALTERNATIVE Efficienza di un collettore solare

Corso di ENERGIE ALTERNATIVE Efficienza di un collettore solare POLITECNICO DI BARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA Corso di ENERGIE ALTERNATIVE Efficienza di un collettore solare Docente: Prof. Ing. Bernardo Fortunato

Dettagli

Eco Gas Power Caldaie a gas a condensazione / Moduli termici da esterno

Eco Gas Power Caldaie a gas a condensazione / Moduli termici da esterno Eco Gas Power Caldaie a gas a condensazione / Moduli termici da esterno Il cosmo, spazio infinito che avvolge il Sole La grandezza dello spazio ha da sempre affascinato l uomo e ha rappresentato lo stimolo

Dettagli

SOLARE TERMICO. Sole

SOLARE TERMICO. Sole SOLARE TERMICO Sole Sole Il valore di insolazione in Italia è compreso tra 1200 e 1750 kwh/m 2 all anno presenta una differenza tra nord e sud intorno al 40%. http://re.jrc.ec.europa.eu/pvgis/apps3/pvest.php

Dettagli