Organizzatori. Archivio di Stato di Torino Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Organizzatori. Archivio di Stato di Torino Ministero per i Beni e le Attività Culturali"

Transcript

1 Seminario, Archivio di Stato di Torino, 20 febbraio 2013 Recenti sviluppi nell analisi non invasiva delle pergamene storiche Organizzatori Archivio di Stato di Torino Ministero per i Beni e le Attività Culturali Dipartimento di Studi Umanistici Università degli Studi di Torino INRIM Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica, Torino

2 Piazzetta Mollino 1, Torino PROGRAMMA SEMINARIO 14:30 Introduzione Maria Barbara Bertini, Direttore, Archivio di Stato di Torino Alessandro Vitale Brovarone, Università degli Studi di Torino 15:00 Termografia infrarossa applicata all'analisi di libri e documenti Fulvio Mercuri, Università degli Studi di Roma Tor Vergata 15:45 Il biodeterioramento delle pergamene antiche ed il ruolo dei microrganismi nella decomposizione del collagene Flavia Pinzari e Livia Martinelli, Laboratorio di Biologia, Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario (ICRCPAL), Roma 16:30 Accertamento e classificazione del danno mediante la tecnica MHT (Micro Hot Table): miglioramenti diagnostici e informatizzazione del metodo (progetto COLLAGE) Elena Badea, Università di Craiova e INCDTP-ICPI di Bucarest, Romania 17:15 Studio dello stato di conservazione di pergamene mediante metodi non-invasivi (progetto MuSA-System) Paola Iacomussi e Michela Radis, Divisione Ottica, INRIM, Torino Iscrizione La partecipazione al seminario è gratuita. E richiesta l iscrizione entro il 18 febbraio al sito web: Saranno accettate iscrizioni fino alla capienza massima della sala. Segreteria Organizzativa Silvia Cavallero (INRIM): Tel Sede del Seminario Archivio di Stato di Torino, Sala Conferenze, Piazzetta Mollino 1, Torino 2

3 TERMOGRAFIA INFRAROSSA APPLICATA ALL'ANALISI DI LIBRI E DOCUMENTI Fulvio Mercuri, Noemi Orazi, Cristina Cicero, Stefano Paoloni, Ugo Zammit, Massimo Marinelli Dipartimento di Ingegneria Industriale, Laboratorio di Conservazione e Restauro del Libro (CoRLib), Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Via del Politecnico 1, Roma La termografia infrarossa è una tecnica non distruttiva di analisi strutturale recentemente impiegata in varie indagini condotte su libri e documenti. Analizzando il modo in cui il calore diffonde all interno di un manufatto, la termografia fornisce immagini, dette termogrammi, che rivelano caratteristiche non visibili della superficie e della struttura sottostante. Il calore necessario all acquisizione di immagini termografiche viene generato nel manufatto per assorbimento della luce emessa da una sorgente luminosa. L aumento di temperatura indotto dal processo di analisi termografica in materiali come carta e pergamena è generalmente non superiore a uno o due gradi centigradi. Nel recente passato studi termografici hanno consentito di analizzare le proprietà termiche della pergamena e di studiare come siano legate al suo stato di conservazione. In altre indagini sono stati rivelati e descritti dettagli della struttura di legature, membranacee e non, al disotto della coperta o delle controguardie. Sono state prodotte mappe di adesione tra alcuni elementi della struttura come la coperta, le controguardie, i piatti, i rimbocchi, i nervi. Combinando diverse configurazioni termografiche è stato possibile rivelare e leggere testi manoscritti o a stampa appartenenti a frammenti di carta o pergamena che, impiegati in epoche successive come materiale di riuso nella realizzazione delle legature, non risultano più visibili perché al disotto delle controguardie e dei dorsi. Vista la possibilità che la termografia offre di recuperare in modo non invasivo testi sepolti all interno di strutture librarie, è stata da poco avviata una sperimentazione per valutare le potenzialità di questa tecnica nell analisi di scritti in papiri da cartonnage. E utile notare come alcuni tra gli ultimi sviluppi del metodo termografico mirino a integrare le immagini digitali che la termografia fornisce con quelle prodotte da altre tecniche di diagnostica per immagini o di ricostruzione di forma. Di recente è stato proposto un metodo di termografia tridimensionale che combina l acquisizione di termogrammi con scansioni laser. Tra i casi studio attualmente oggetto di indagini termografiche: una raccolta di volumi della Biblioteca Angelica di Roma di epoca compresa tra il XVI e il XVIII dei quali 12 su 20 hanno rivelato la presenza di testi nascosti sotto le controguardie; un codice, anch esso conservato presso la Biblioteca Angelica di Roma, risalente al XV secolo di cui è in corso l analisi delle sue oltre 300 miniature per valutare distacchi, crettature, disomogeneità e stratigrafia; un dipinto su carta in corso di restauro, rappresentante l albero genealogico della famiglia Chigi e conservato presso Palazzo Chigi di Ariccia, di cui sono stati studiati lo stato di adesione alla tela di supporto, l adesione degli inserti in oro e le tracce di elementi rimossi. Fulvio Mercuri è professore associato di Fisica Applicata ai Beni Culturali presso l Università di Roma Tor Vergata e insegna metodi diagnostici per i beni culturali e fisica dell ambiente di conservazione dei beni librari. E presidente del Corso di Laurea Magistrale in Restauro dei Materiali Librari e responsabile didattico del Corso di laurea magistrale in Conservazione e Restauro del Libro (CoRLib) istituito e attivato nel 2012 presso l Università di Roma Tor Vergata. E membro del Comitato Nazionale delle lauree in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali e del Comitato Scientifico della International Conference on Photoacoustic and Photothermal Phenomena (ICPPP). E responsabile presso il Dipartimento di Ingegneria Industriale dei laboratori di analisi termica e di diagnostica per immagine applicata al patrimonio artistico e documentario. Svolge ricerche sulle transizioni di fase e le proprietà termiche dei materiali. Coordina studi per lo sviluppo di metodi d analisi della microstruttura dei supporti scrittori, della lavorazione dei bronzi artistici e reperti archeologici e dei processi di degrado dei loro materiali costitutivi. 3

4 IL BIODETERIORAMENTO DELLE PERGAMENE ANTICHE ED IL RUOLO DEI MICRORGANISMI NELLA DECOMPOSIZIONE DEL COLLAGENE Flavia Pinzari 1,2 e Livia Martinelli 3 1 Laboratorio di Biologia, Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario, Via Milano 76, Roma; 2 Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura; 3 International Biodeterioration & Biodegradation Society (IBBS), borsa di studio Il biodeterioramento dei materiali membranacei avviene per opera di microrganismi dotati di enzimi proteolitici extracellulari che permettono loro di metabolizzare le proteine attraverso meccanismi di idrolisi enzimatica dei legami peptidici. Microrganismi con capacità proteolitiche sono i batteri ed i funghi anche se l opera di colonizzazione è spesso attuata dai primi poiché possiedono enzimi specifici in grado di decomporre il collagene di cui è costituita principalmente la pergamena. Molti documenti antichi in pergamena sono deturpati da macchie viola o rosso mattone, talvolta quasi bluastre. Queste particolari alterazioni sono state oggetto di diversi studi in passato, sebbene nessun autore abbia potuto finora attribuire in modo univoco ad uno specifico microrganismo la causa della peculiare forma di alterazione. Alcuni studi condotti nell ultimo decennio hanno evidenziato un ruolo determinante di alcune specie di Streptomiceti nella formazione delle macchie. Si tratta di batteri filamentosi che condividono alcuni aspetti ecologici con i funghi. Oltre ad effettuare una revisione della letteratura pregressa su questa peculiare tipologia di biodeterioramento dei materiali membranacei, si è proceduto ad esaminare campioni provenienti da diversi archivi e biblioteche italiane ed a descrivere le caratteristiche ricorrenti delle alterazioni microbiche presenti. Lo studio è stato intrapreso su campioni di pergamena provenienti da documenti conservati nella Biblioteca Vaticana, nel Museo Diocesano di Salerno, nell Archivio di Stato di Bologna, nell Archivio di Stato di Venezia e nell Archivio di Stato di Siena. L analisi del biodeterioramento dei volumi membranacei si è basato sull utilizzo congiunto di più tecniche di indagine ed in particolare della microscopia elettronica a scansione (SEM), che fornisce immagini ad elevata risoluzione della superficie pergamenacea ingrandite migliaia di volte. Si possono anche distinguere i materiali inorganici da quelli organici mediante la microanalisi (EDS), che fornisce informazioni sulla composizione elementare del materiale. Inoltre le tecniche molecolari permettono di confrontare i campioni sulla base delle sequenze nucleotidiche dei microrganismi in essi presenti. Gli studi basati sui metodi di biologia molecolare sono stati condotti nell ambito di una collaborazione fra l ICRCPAL, l Institute of Applied Microbiology, Department of Biotechnology, University of Natural Resources and Applied Life Sciences (Vienna, Austria) e l ENEA-Casaccia, Technical Unit for Environmental Characterization, Prevention, and Recovery, (Roma, Italia). Flavia Pinzari è biologa specializzata in microbiologia applicata. Dal 2013 è ricercatore presso il Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura. Dal 2001 al 2012 funzionario biologo presso il Laboratorio di Biologia dell Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Librario ed Archivistico. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Scienze Ecologiche presso l Università La Sapienza di Roma, ha pubblicato diffusamente su riviste nazionali ed internazionali sia specialistiche che divulgative. I suoi interessi sono stati finora focalizzati sul biodeterioramento dei beni culturali e sull applicazione delle tecniche avanzate di microscopia elettronica allo studio del biodeterioramento dei beni culturali e sull ecologia microbica negli ambienti antropici. Livia Martinelli ha conseguito la laurea magistrale in Scienze e Tecnologie per la Conservazione dei Beni Culturali presso l Università Sapienza di Roma nel Vincitrice di un grant 2012 dell'nternational Biodeterioration and Biodegradation Society per il cofinanziamento di un progetto di ricerca sul biodeterioramento di un Notarile in pergamena, in parte sviluppato per la preparazione della tesi di laurea magistrale, da luglio 2010 è stagista presso il laboratorio di biologia dell Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Librario ed Archivistico e da marzo 2012 presso il C.R. ENEA Casaccia 4

5 ACCERTAMENTO E CLASSIFICAZIONE DEL DANNO MEDIANTE LA TECNICA MICRO HOT TABLE MIGLIORAMENTI DIAGNOSTICI E INFORMATIZZAZIONE DEL METODO Elena Badea 1,2, Lucreţia Miu 2, René Larsen 3, Giuseppe Della Gatta 4 1 Facoltà di Scienze, Università di Craiova, Romania 2 Istituto Nazionale di Ricerca e Sviluppo per Materiali Tessili e Cuoio (INCDTP-ICPI), Bucarest, Romania 3 Scuole di Architettura, Design e Conservazione, Accademia Reale di Belle Arti, Copenhagen, Danimarca 4 Dipartimento di Chimica, Università degli Studi di Torino, Italia Le recenti ricerche scientifiche sulla risposta dei materiali all impatto dei fattori ambientali hanno messo in evidenza che le linee guida per la conservazione ottimale dei manufatti pergamenacei richiedono una valutazione critica fondata su una migliore comprensione dei meccanismi e delle cinetiche di deterioramento. Le biblioteche, gli archivi e i musei si trovano a poter attuare la valorizzazione delle loro collezioni, cioè l insieme delle operazioni per la conservazione, l esposizione e la digitalizzazione, in condizioni di sempre maggior sicurezza ed efficacia ma sono contemporaneamente chiamati a giustificare costi e modalità di allocazione delle risorse, riducendo i consumi energetici (e la conseguente emissione di CO 2). Pertanto, dovranno elaborare nuove e più complesse strategie per la conservazione preventiva, il cui successo non potrà che dipendere da una migliore comprensione delle proprietà dei materiali pergamenacei e dei loro meccanismi di deterioramento ambientale nonché da un utilizzo più sistematico delle tecniche informatiche. Il metodo Micro Hot Table (MHT) consente la valutazione quantitativa del deterioramento delle pergamene mediante la determinazione dell attività e della temperatura di contrazione (shrinkage) delle fibre di collagene in ambiente acquoso. Tale metodo è stato migliorato nel corso del progetto europeo IDAP (Improved Damage Assessment of Parchment, ) e la diffusione del suo utilizzo è dovuta alla relativa semplicità sia della strumentazione necessaria (microscopio ottico a tavolino caldo) sia delle condizioni operative. Il metodo MHT presenta però alcuni limiti analitici legati essenzialmente alla caratteristica di proprietà intensiva del parametro fisico misurato, cioè la temperatura, e al carattere localizzato della campionatura delle fibre. Inoltre va detto che il metodo è influenzato dalla inevitabile soggettività dell operatore e presenta lo svantaggio di una certa lunghezza temporale delle misure. L utilizzo della DSC (microcalorimetria differenziale a scansione) ha dimostrato di poter complementare con successo, come è avvenuto nel progetto IDAP, i risultati MHT e di fornire una più accurata classificazione del danneggiamento delle pergamene in funzione delle condizioni ambientali. E in corso di attuazione il progetto MuSA-System, finanziato dalla Compagnia di San Paolo di Torino, che si propone di correlare i risultati MHT e DSC con l analisi multispettrale per elaborare un protocollo di accertamento non invasivo del danno mediante tecniche ottiche che possono essere incluse nei procedimenti di digitalizzazione dei documenti. Inoltre, nel progetto COLLAGE, finanziato dall Agenzia Romena per la Ricerca Scientifica (ANCS), é in corso di sviluppo una nuova strumentazione per la determinazione automatica dell attività di contrazione delle fibre di collagene basata sull uso di tecniche informatiche di image processing. I vantaggi apportati da queste nuove tecniche al miglioramento della pratica di conservazione preventiva verranno discussi nella relazione al presente Seminario. Elena Badea, PhD in Ingegneria Chimica nel 2001, è docente di Biochimica presso la Facoltà di Scienze dell'università di Craiova, Romania, e attualmente in congedo temporaneo presso l Università di Torino. Nel , Elena Badea ha trascorso periodi di studio di microcalorimetria sia isoterma sia differenziale a scansione (microdsc) presso l'università di Trieste, l Università degli Studi di Milano, il Birkbeck College dell Università di Londra e l'università di Greenwich. A partire dal 2002, la partecipazione di Elena Badea a progetti di ricerca presso l'università di Torino è stata resa possibile dall Accordo generale per la cooperazione e lo scambio di docenti di Chimica e di Fisica tra l Università di Craiova e l'università di Torino. Le ricerche effettuate hanno visto l impiego della micro DSC, della microscopia termica (MHT) e della microscopia elettronica a scansione (SEM) per lo studio dei materiali a base collagene e le loro interazioni con l'ambiente. Attualmente Elena Badea partecipa al progetto MuSA-System e al progetto di ricerca COLLAGE per la realizzazione di un Sistema intelligente per l'analisi e la diagnosi di artefatti a base di collagene. 5

6 STUDIO DELLO STATO DI CONSERVAZIONE DI PERGAMENE MEDIANTE METODI NON INVASIVI Paola Iacomussi, Michela Radis, Giuseppe Rossi Dipartimento di Ottica, Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica (INRiM), Torino Le analisi spettrali in riflessione e/o trasmissione e le digitalizzazioni avanzate, consentono di studiare come un manoscritto interagisca con la radiazione luminosa, fornendo informazioni non solo relativamente al testo scritto, come nel caso dei palinsesti, ma anche sullo stato di conservazione del documento stesso. Le finalità attese nell ambito del progetto MuSA- System (Studio e diagnosi dello stato di conservazione di pergamene antiche mediante sistemi innovativi di imaging multispettrale) finanziato dalla Compagnia di San Paolo di Torino, consistono nella possibilità di disporre di una tecnica non invasiva per la valutazione complessiva dello stato di conservazione dei reperti che consenta anche la definizione delle caratteristiche spettrali del reperto stesso e quindi l analisi delle condizioni ottimali di illuminazione per l esposizione e la consultazione, contribuendo ad esaltare le caratteristiche di leggibilità del manoscritto. Le caratteristiche spettrali in riflessione o trasmissione di un reperto sono individuate dai fattori di riflessione e trasmissione spettrale che indicano come la radiazione luminosa, interagendo con il materiale, venga da questo alterata. Se un materiale non riflettesse la luce, non sarebbe visibile: il colore dipende proprio da come la luce incidente si altera durante la riflessione (o trasmissione per i materiali trasparenti). La misura del fattore di riflessione o trasmissione spettrale quantifica in modo preciso le alterazioni in funzione della lunghezza d onda e consente di assegnare al colore precisi valori numerici in forma di coordinate colorimetriche negli spazi colorimetrici CIE (Commission Internationale de l Eclairage) e di elaborare a priori l effetto delle condizioni di illuminazione sulla percezione del reperto, in particolare si potrebbero studiare delle apposite condizioni tali da aumentare la percezione del testo. Sono state sottoposte a misurazioni spettrali diverse pergamene contemporanee al fine di dimostrare l esistenza di una correlazione tra le caratteristiche spettrali del fattore di riflessione (trasmissione) e le condizioni di conservazione e invecchiamento delle stesse. I campioni invecchiati artificialmente sono stati ottenuti esponendo, in accordo con le prescrizioni del D.M. 10/5/2001 (Atto di indirizzo sui criteri tecnico scientifici e sugli standard di funzionamento e sviluppo dei musei) e della normativa vigente, le pergamene nuove a illuminazione visibile e UV per tempi equivalenti a 100 anni di esposizione luminosa in condizioni di temperatura e umidità relativa controllate all interno di camere climatiche. Si è considerato che le pergamene, definite nel D.M. 10/5/2001 come materiale appartenente alla categoria di fotosensibilità 3 (alta sensibilità), appartengano in effetti alla categoria 4 (estremamente sensibili) a causa della presenza di inchiostri e pigmenti. I risultati saranno presentati nel corso della relazione. Paola Iacomussi si è laureata in fisica nel 1993 presso l Università di Torino. Dal 1995 è ricercatore presso l Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica (INRiM,), nella divisione di Ottica, gruppo di Illuminotecnica e Radiometria dei materiali e di sorgenti di luce. L INRiM è Istituto metrologico primario per l Italia. La sua attuale attività nell ambito della ricerca e sviluppo riguarda le tecniche di misura assolute e relative per la caratterizzazione delle proprietà spettrofotometriche dei materiali e dei sistemi di illuminazione con particolare attenzione al risultato percettivo dell oggetto illuminato, incluse le loro applicazioni per i beni culturali, la realizzazione e il mantenimento delle unità fotometriche e le applicazioni di sistemi di misura basati su sensori digitali. Svolge attività di docenza presso l Università di Torino, corso di Laurea in Scienza e Tecnologia per i Beni Culturali e corso di Laurea in Ottica e Optometria. Radis Michela ha conseguito nel dicembre 2009 la Laurea Triennale in Scienze e Tecnologie per i Beni Culturali presso l Università degli Studi di Torino. Nel dicembre 2011 ha conseguito la Laurea Magistrale in Scienze per i Beni Culturali presso l Università degli Studi di Torino. Nel gennaio 2012 vince un concorso per l assegnazione di una borsa di addestramento alla ricerca presso l Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica (INRiM) di Torino nell ambito del progetto MUSA-System per l analisi dello stato di conservazione di pergamene con tecniche di indagine multispettrale, che attualmente sta svolgendo. 6

scanner multispettrale

scanner multispettrale scanner multispettrale L analisi ad immagine multispettrale nel VIS consente la caratterizzazione spettrale punto per punto di superfici estese e trova applicazione sia nella documentazione dello stato

Dettagli

SCIENZIATA E SCIENZIATO DELL ARTE

SCIENZIATA E SCIENZIATO DELL ARTE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 SCIENZIATA E SCIENZIATO DELL ARTE Aggiornato il 9 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

Conoscere l'arte per conservare l'arte:

Conoscere l'arte per conservare l'arte: Conoscere l'arte per conservare l'arte: Indagini diagnostiche per i Beni Culturali Le opere d'arte sono oggetti unici e irripetibili e come tali vanno trattate. Conoscerne le fenomenologie di degrado e

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2011/2012

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2011/2012 FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI www.unipa.it/restauro.laurea MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2011/20 Classe LMR/02

Dettagli

LA RIPRODUZIONE DIGITALE DEL PATRIMONIO DOCUMENTARIO

LA RIPRODUZIONE DIGITALE DEL PATRIMONIO DOCUMENTARIO Esperienze di digitalizzazione Il progetto CANDIDO della Biblioteca Universitaria di Pisa Biblioteca Universitaria di Pisa Sala Storica, Via Curtatone e Montanara, 15 Pisa, 4 giugno 2004 Istituto di Fisica

Dettagli

Il kick off meeting del progetto ITACA si è svolto a Catanzaro il 5 settembre 2012 presso la sede della TEA. (continua)

Il kick off meeting del progetto ITACA si è svolto a Catanzaro il 5 settembre 2012 presso la sede della TEA. (continua) n. 1 Il progetto I Partner Finanziato con i fondi del PIA Pacchetti Integrati di Agevolazione Industria, Artigianato e Servizi, il progetto ITACA (Innovative Tools for cultural heritage ArChiving and restoration)

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA MAGISTRALE in STORIA DELL ARTE E BENI CULTURALI approvato dal Senato Accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI 1.1 Dipartimento

Dettagli

SCUOLA DI SPETTROSCOPIA INFRAROSSA APPLICATA ALLA DIAGNOSTICA DEI BENI CULTURALI - IV EDIZIONE Focus: le altre spettroscopie. Spettroscopia Raman

SCUOLA DI SPETTROSCOPIA INFRAROSSA APPLICATA ALLA DIAGNOSTICA DEI BENI CULTURALI - IV EDIZIONE Focus: le altre spettroscopie. Spettroscopia Raman SCUOLA DI SPETTROSCOPIA INFRAROSSA APPLICATA ALLA DIAGNOSTICA DEI BENI CULTURALI - IV EDIZIONE Fondazione Centro per la Conservazione ed il Restauro dei Beni Culturali "La Venaria Reale 9-10-11-12 Novembre

Dettagli

RESTAURO. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

RESTAURO. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano RESTAURO Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Storia della Scuola Convenzioni La Scuola di Restauro dell Accademia di Brera è stata istituita nel 1997 con l obiettivo di una formazione specializzata

Dettagli

STIMA DI UN BILANCIO COMUNALE DI CO 2 MEDIANTE ELABORAZIONE DI DATI AMBIENTALI CON TECNOLOGIE GIS E DRONI

STIMA DI UN BILANCIO COMUNALE DI CO 2 MEDIANTE ELABORAZIONE DI DATI AMBIENTALI CON TECNOLOGIE GIS E DRONI STIMA DI UN BILANCIO COMUNALE DI CO 2 MEDIANTE ELABORAZIONE DI DATI AMBIENTALI CON TECNOLOGIE GIS E DRONI La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto Udine, 27 Giugno 2014 Dott. Alessia

Dettagli

Dalla macchina fotografica allo scanner spettrofotometrico

Dalla macchina fotografica allo scanner spettrofotometrico Dalla macchina fotografica allo scanner spettrofotometrico G.ANTONIOLI, F.FERMI, C.OLEARI, R.REVERBERI Università di Parma e INFM-Unità di Ricerca di Parma, Dipartimento di Fisica, Parco Area delle Scienze

Dettagli

Diagnosi del degrado di una pergamena di interesse storico

Diagnosi del degrado di una pergamena di interesse storico LAVORI DI RICERCA 20534 Diagnosi del degrado di una pergamena di interesse storico Stazione Sperimentale per l Industria delle Pelli e delle Materie Concianti (Azienda Speciale della Camera di Commercio

Dettagli

Isopack. Approfondimento tecnico. La termografia in edilizia

Isopack. Approfondimento tecnico. La termografia in edilizia Approfondimento tecnico La termografia in edilizia 1 LA TERMOGRAFIA La termografia all infrarosso è una tecnica non invasiva e non a contatto, che fornisce la distribuzione della temperatura superficiale

Dettagli

PROPOSTA DI ATTIVAZIONE CORSO di MASTER di II LIVELLO PARTE I - INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE

PROPOSTA DI ATTIVAZIONE CORSO di MASTER di II LIVELLO PARTE I - INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE PROPOSTA DI ATTIVAZIONE CORSO di MASTER di II LIVELLO PARTE I - INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Per l anno accademico 2015/2016 è nuovamente attivato il Corso di Master internazionale di secondo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LM-11

Dettagli

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE

BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 BIOLOGA e BIOLOGO MOLECOLARE Aggiornato il 6 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA...

Dettagli

Categorie: Requisiti:

Categorie: Requisiti: Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei Avviso pubblico per la selezione di soggetti e professionisti da inserire negli elenchi delle Società / Cooperative / Studi di professionisti,

Dettagli

Esiti dei Premi di Laurea AICA-Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 2010

Esiti dei Premi di Laurea AICA-Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 2010 Esiti dei Premi di Laurea AICA-Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 21 All edizione 21 del bando per l assegnazione dei premi di laurea AICA-Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, di

Dettagli

Piano Lauree Scientifiche a.s. 2014/15 Formazione docenti - CHIMICA

Piano Lauree Scientifiche a.s. 2014/15 Formazione docenti - CHIMICA Titolo modulo formativo 03: Chimica dell ambiente e dei beni culturali Docenti: Proff. Fabrizio Ruggieri, Antonio Arcadi, Giorgio Cerichelli. Modalità di erogazione: 3 incontri pomeridiani (ora inizio

Dettagli

Comitato Scientifico:

Comitato Scientifico: restauro tecnologie museografia rilievo conservazione diagnostica recupero paleontologia catalogazione gestione architettura materiali patrimonio culturale valorizzazione exhibition design archeologia

Dettagli

Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia

Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia Effetti biologici derivanti da dall interazione tra fasci laser utilizzati nelle applicazioni industriali ed il corpo umano Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS

Dettagli

Introduzione al telerilevamento

Introduzione al telerilevamento Introduzione al telerilevamento Telerilevamento = Remote Sensing Acquisizione di informazioni su un oggetto mediante un sensore non in contatto con esso, ossia mediante misure delle variazioni dei campi

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in BENI CULTURALI approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in BENI CULTURALI approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in BENI CULTURALI approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI 1.1 Dipartimento Scienze umanistiche

Dettagli

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase Separazione di fase Fasi della materia: solido, liquido, gas SOLIDO Scioglimento solidificazione LIQUIDO evaporazione condensazione

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR Indice - Premessa - Indagine termografica - Documentazione Fotografica e IR Premessa La caratterizzazione fisico-meccanica dei materiali costituenti un manufatto è indispensabile per stabilire un appropriato

Dettagli

Chimica I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) CLASSE DELLE LAUREE L-27 - SCIENZE E TECNOLOGIE CHIMICHE

Chimica I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) CLASSE DELLE LAUREE L-27 - SCIENZE E TECNOLOGIE CHIMICHE Chimica I T A L I A LAUREA DI PRIMO LIVELLO (TRIENNALE) PER SINGOLI INDIRIZZI O CURRICULA CONSULTARE L INDIRIZZO INTERNET DELLE SINGOLE UNIVERSITA CLASSE DELLE LAUREE L-27 - SCIENZE E TECNOLOGIE CHIMICHE

Dettagli

INFORMATICA APPLICATA AI BENI CULTURALI

INFORMATICA APPLICATA AI BENI CULTURALI INFORMATICA APPLICATA AI BENI CULTURALI Facoltà di Lettere e Fisolofia Corso di Laurea in Archeologia A.A. 2012/2013 Dott.ssa Annamaria Bria www.mat.unical.it/bria Informazioni Generali Docente: Bria Annamaria

Dettagli

Scienze. Facoltà di. Via Brecce Bianche Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071/2204512

Scienze. Facoltà di. Via Brecce Bianche Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071/2204512 Via Brecce Bianche Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071/2204512 Facoltà di Scienze Corsi di Laurea Triennale in: SCIENZE BIOLOGICHE SCIENZE DEL CONTROLLO AMBIENTALE E DELLA PROTEZIONE CIVILE Corsi di Laurea

Dettagli

Diagnostica per il restauro

Diagnostica per il restauro Università di Genova - Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Restauro Architettonico Anno accademico 2004-2005 Diagnostica per il restauro Arch. Luisa De Marco Alcuni esempi di tecniche analitiche

Dettagli

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN BENI STORICO-ARTISTICI DIPARTIMENTO DELLE ARTI VISIVE, PERFORMATIVE E MEDIALI PRESENTAZIONE La Scuola di Specializzazione in Beni

Dettagli

1.3.8.3 Termogravimetro (TG)

1.3.8.3 Termogravimetro (TG) 1.3.8.3 Termogravimetro (TG) Il termogravimetro è un particolare strumento che tramite un'analisi termogravimetrica misura la variazione percentuale di peso di un materiale, quando esso viene riscaldato,

Dettagli

DOSSIER. Laurea Magistrale in

DOSSIER. Laurea Magistrale in DOSSIER Laurea Magistrale in Biologia e Tecnologie Cellulari Siti attuali: http://elearning2.uniroma1.it/course/index.p hp?categoryid=640 http://corsidilaurea.uniroma1.it/biologia-etecnologie-cellulari/il-corso

Dettagli

TEKNE RESTAURO s.n.c.

TEKNE RESTAURO s.n.c. TEKNE RESTAURO s.n.c. di Cirinei, Sartore e Tremori Loc. Patrignone 33/M 52100 AREZZO P.I.V.A./C.F. 01944510518 tel: 3287616593 3397930912 3476424467 info@teknerestauro.it www.teknerestauro.it Tekne Restauro

Dettagli

TERMOGRAFIA MEDICA. Consente di rilevare la distribuzione calorica a livello della superficie corporea cutanea (mappa termica)

TERMOGRAFIA MEDICA. Consente di rilevare la distribuzione calorica a livello della superficie corporea cutanea (mappa termica) TERMOGRAFIA MEDICA Consente di rilevare la distribuzione calorica a livello della superficie corporea cutanea (mappa termica) In situazioni di equilibrio termico con l ambiente, la temperatura di una specifica

Dettagli

Laboratori ed altre strutture di supporto alla didattica

Laboratori ed altre strutture di supporto alla didattica Laboratori ed altre strutture di supporto alla didattica In aggiunta alle strutture di servizio utilizzate da tutti gli studenti del Politecnico quali la Biblioteca Centrale, il Centro Stampa ed il LAIB

Dettagli

NOTE TECNICHE DI LABORATORIO

NOTE TECNICHE DI LABORATORIO NOTE TECNICHE DI LABORATORIO 1. NORME DI RIFERIMENTO La determinazione dell indice di rilascio è definita dalla seguente norma: D.M. 14 maggio 1996 Normative e metodologie tecniche per gli interventi di

Dettagli

LA TERMOGRAFIA. Strumenti di misura Servizi Formazione

LA TERMOGRAFIA. Strumenti di misura Servizi Formazione LA TERMOGRAFIA La termografia IR è una tecnica di indagine non distruttiva (non sussistono alterazioni in seguito alla verifica) e non invasiva (non vi è contatto tra attrezzatura e oggetto da esaminare),

Dettagli

TESTI CONSIGLIATI. Il restauro pittorico nell unità di metodologia (Ornella Casazza ) Nardini editore

TESTI CONSIGLIATI. Il restauro pittorico nell unità di metodologia (Ornella Casazza ) Nardini editore DIPARTIMENTO DI PROGETTAZIONE E ARTI APPLICATE SCUOLA DI RESTAURO CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN RESTAURO PITTORICO Restauro dipinti su tela e su tavola 1, 2 anno Anno accademico 2009

Dettagli

In anticipo sul futuro. La tecnica termografica come strumento di verifica e diagnosi di malfunzionamenti

In anticipo sul futuro. La tecnica termografica come strumento di verifica e diagnosi di malfunzionamenti La tecnica termografica come strumento di verifica e diagnosi di malfunzionamenti La tecnica termografica genesi e definizioni Termografia: definizioni e principio di misura Dal greco: Scrittura del calore

Dettagli

Centro d Esame BVI Strutture Civili di Vimercate (MB)

Centro d Esame BVI Strutture Civili di Vimercate (MB) Corso di formazione ed addestramento per il personale tecnico addetto ai Controlli non distruttivi sulle Strutture Civili e sui Beni Culturali ed Architettonici nel seguente campo di applicazione: L indagine

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio»

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio» ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI «G. D Annunzio» Via I. Brass, 22 34170 Gorizia tel. 0481/535190 fax 0481/536601 ISTITUTO STATALE D ARTE «M. Fabiani»

Dettagli

Facoltà: Scienze e Tecnologie Architettura Classe 41:Tecnologie per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali

Facoltà: Scienze e Tecnologie Architettura Classe 41:Tecnologie per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali Facoltà: Scienze e Tecnologie Architettura Classe 41:Tecnologie per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali Guida 2008/2009 del corso di laurea in: Tecnologie per la Conservazione e il Restauro

Dettagli

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Apparato sperimentale: Spettrofotometro digitale SPID HR (U21830) con software di acquisizione,

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN CHIMICA INDUSTRIALE E GESTIONALE

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN CHIMICA INDUSTRIALE E GESTIONALE Università degli Studi di Milano Facoltà di Scienze MM.FF.NN. CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN CHIMICA INDUSTRIALE E GESTIONALE MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2003/2004 Il colloquio di ammissione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO Università degli Studi di Cagliari - Facoltà di Lettere e Filosofia CLASSE DELLE LAUREE IN ARCHEOLOGIA (LM-2) CLASSE DELLE LAUREE IN STORIA DELL ARTE (LM-89) CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN ARCHEOLOGIA

Dettagli

Corso di Laurea in BIOTECNOLOGIE

Corso di Laurea in BIOTECNOLOGIE Dipartimento di Scienze Biomolecolari Struttura Didattica di Biotecnologie Corso di Laurea in BIOTECNOLOGIE E-mail biotecnologie@uniurb.it Sito web www.uniurb.it/biotecnologie/ Attività Didattica Informazioni

Dettagli

incisione rupestre a Massello (Torino)

incisione rupestre a Massello (Torino) Maria Barbara Bertini * PREVENIRE è meglio che CURARE ovvero giocare d anticipo invece di gridare: al lupo al lupo * Direttore dell Archivio di Stato di Milano realizzazione slides a cura di Mariagrazia

Dettagli

TERMOCAMERA ANALISI TERMOGRAFICA

TERMOCAMERA ANALISI TERMOGRAFICA TERMOCAMERA Una telecamera termografica a infrarossi (o termocamera) è uno strumento che rileva a distanza l'energia termica (infrarossa) e la converte in immagini fotografiche o video, fornendo al contempo

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze dei Beni Culturali a.a. 2007/2008

Corso di Laurea in Scienze dei Beni Culturali a.a. 2007/2008 Corso di Laurea in Scienze dei Beni Culturali a.a. 2007/2008 Il Corso di laurea di primo livello (Laurea triennale) in Scienze dei Beni culturali (che si inserisce nella classe delle lauree in Scienze

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI DIPARTIMENTI DI: -STUDI STORICI - CHIMICA - FISICA - SCIENZE DELLA TERRA - SCIENZE DELLA VITA E BIOLOGIA DEI SISTEMI

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze OFFERTA FORMATIVA Anno accademico 2015-2016 Università degli studi di Firenze Scuola di Agraria Scienze agrarie (L-25, Firenze) Scienze forestali e ambientali (L-25, Firenze) Tecnologie alimentari (L-26,

Dettagli

ATI GRUPPO MANERBIESI GRUPPO MANERBIESI SRL Manerbio BS MECTEX SPA Erba CO STAZIONE SPERIMENTALE PER LA SETA Milano

ATI GRUPPO MANERBIESI GRUPPO MANERBIESI SRL Manerbio BS MECTEX SPA Erba CO STAZIONE SPERIMENTALE PER LA SETA Milano SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI GRUPPO MANERBIESI GRUPPO MANERBIESI SRL Manerbio BS MECTEX SPA Erba CO STAZIONE SPERIMENTALE PER LA SETA Milano ID79/2003 PROGETTO R&S MID Marcatura ed Identificazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO Alessandria, Novara, Vercelli SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO

UNIVERSITÀ DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO Alessandria, Novara, Vercelli SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO UNIVERSITÀ DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO Alessandria, Novara, Vercelli SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO RELAZIONE SULL ATTIVITA DELL UFFICIO DI SUPPORTO DEL SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO ANNO 2011

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA CORSO DI LAUREA IN TECNOLOGIE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI CULTURALI (43 - Classe delle Lauree

Dettagli

I Ponti Termici e la Termografia

I Ponti Termici e la Termografia Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale Facoltà di Ingegneria I Ponti Termici e la Termografia Docente Prof. Marco Dell Isola Anno Accademico 2013-2014 } } Ponti Termici } Flusso monodimensionale

Dettagli

Dall'università all'impresa: percorsi di internazionalizzazione

Dall'università all'impresa: percorsi di internazionalizzazione WORKSHOP C Dall'università all'impresa: percorsi di internazionalizzazione L ingegneria per il recupero dei beni storici e architettonici: il nuovo master internazionale in Rehabilitation of Historic Buildings

Dettagli

Teoria dell immagine

Teoria dell immagine Archivi fotografici: gestione e conservazione Teoria dell immagine Elementi di base: la luce, l interazione tra luce e materia, il colore Mauro Missori Cos è la fotografia? La fotografia classica è un

Dettagli

www.units.it ateneo@pec.units.it

www.units.it ateneo@pec.units.it ULTIMA REVISIONE 16 luglio 2012 SCUOLA DI DOTTORATO IN INGEGNERIA E ARCHITETTURA Avviso: questa scheda contiene solo delle informazioni parziali. Le modalità di iscrizione al concorso di ammissione e tutte

Dettagli

A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche

A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche A&L Ingegneria effettua diagnosi termografiche, controlli non distruttivi e perizie con l ausilio di termocamere. Con la tecnica diagnostica della termografia si

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Conservazione e restauro

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Conservazione e restauro Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design Corso di laurea in Conservazione e restauro Dipartimento ambiente costruzioni e design Il Dipartimento

Dettagli

LA STEREO FOTOMETRIA, OLTRE L IMMAGINAZIONE

LA STEREO FOTOMETRIA, OLTRE L IMMAGINAZIONE MADD-SPOT, 2, 2013 LA STEREO FOTOMETRIA, OLTRE L IMMAGINAZIONE DI ROBERTO MECCA Il mercato dell animazione 3D è in forte crescita in questi anni. Stampanti tridimensionali, nuovi strumenti per l analisi

Dettagli

Indagini termografiche

Indagini termografiche Indagini termografiche informazioni sintetiche sulle possibili applicazioni in ambito edile, impiantistico ed industriale Servizi di Termografia dbabitat srl fornisce il servizio di analisi, indagine e

Dettagli

CORSO IN DESIGN FOR PLASTICS 3^ edizione Inizio: 9 gennaio 2009

CORSO IN DESIGN FOR PLASTICS 3^ edizione Inizio: 9 gennaio 2009 Per informazioni: Ufficio coordinamento corsi POLI.design Consorzio del Politecnico di Milano Via Durando 38/A Milano Tel +39 022399 7248 Fax +39 022399 7217 formazione@polidesign.net www.polidesign.net

Dettagli

PROGETTO DI RESTAURO E CONDIZIONAMENTO DI ALCUNI REGISTRI CONSERVATI PRESSO LA BIBLIOTECA COMUNALE DI FOIANO

PROGETTO DI RESTAURO E CONDIZIONAMENTO DI ALCUNI REGISTRI CONSERVATI PRESSO LA BIBLIOTECA COMUNALE DI FOIANO TEKNE RESTAURO s.n.c. di Cirinei, Sartore e Tremori Loc. Patrignone 33/M 52100 AREZZO P.I.V.A./C.F. 01944510518 tel: 3287616593 3397930912 3476424467 teknerestauro@libero.it Laboratorio: c/o Archivio Diocesano

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

Corsi di laurea in Ottica & Optometria attivi in Italia. sede accesso

Corsi di laurea in Ottica & Optometria attivi in Italia. sede accesso Corso di laurea in Ottica ed Optometria Scuola di Scienze della Natura-Universit Università degli Studi ditorino Corso di laurea triennale professionalizzante attivato nell ambito della riforma universitaria

Dettagli

Anno 2007 - dati aggiornati al 3 settembre 2008

Anno 2007 - dati aggiornati al 3 settembre 2008 IMT ALTI STUDI LUCCA ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA/ISTITUTO DI ASTROFISICA SPAZIALE ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA/ISTITUTO DI RADIOASTRONOMIA SEDE BOLOGNA ISTITUTO NAZIONALE DI ASTROFISICA/OSSERVATORIO

Dettagli

EQUIPARATA ALLE LAUREE MAGISTRALI DELLA CLASSE:

EQUIPARATA ALLE LAUREE MAGISTRALI DELLA CLASSE: LAUREE DEL VECCHIO ORDINAMENTO EQUIPARATA ALLE LAUREE MAGISTRALI DELLA CLASSE: EQUIPARATA ALLE LAUREE TRIENNALI DELLA CLASSE: (4S) Classe delle lauree in disegno industriale (42) Architettura ed equipollenti

Dettagli

Il corso di laurea in Ottica e Optometria. Dipartimento di Scienze Università Roma Tre

Il corso di laurea in Ottica e Optometria. Dipartimento di Scienze Università Roma Tre Il corso di laurea in Ottica e Optometria Dipartimento di Scienze Università Roma Tre Ottica: la scienza della visione Ogni azione visuale è costituita da: 1) una fase fisica 2) una fase fisiologica 3)

Dettagli

ULTIMA REVISIONE 17 luglio 2014 CORSO DI DOTTORATO IN AMBIENTE E VITA (in convenzione con l'università degli Studi di Udine)

ULTIMA REVISIONE 17 luglio 2014 CORSO DI DOTTORATO IN AMBIENTE E VITA (in convenzione con l'università degli Studi di Udine) ULTIMA REVISIONE 17 luglio 2014 CORSO DI DOTTORATO IN AMBIENTE E VITA (in convenzione con l'università degli Studi di Udine) Avviso: questa scheda contiene solo delle informazioni parziali. Le modalità

Dettagli

Titoli post-laurea (dottorato, Master) e sbocchi lavorativi

Titoli post-laurea (dottorato, Master) e sbocchi lavorativi Convegno sul tema INGEGNERIA CHIMICA: Percorsi formativi e mercato del lavoro Titoli post-laurea (dottorato, Master) e sbocchi lavorativi Prof. Ing. Angelo Chianese Università di Roma La Sapienza MASTER

Dettagli

Il Dottorato di Ricerca in Campania per il settore chimico e biotecnologico

Il Dottorato di Ricerca in Campania per il settore chimico e biotecnologico La formazione post lauream in Italia e le interrelazioni con le Imprese Università di Salerno, Aula Magna Campus di Fisciano, 4 Luglio 2014 Il Dottorato di Ricerca in Campania per il settore chimico e

Dettagli

12-Classe delle lauree in scienze biologiche Scienze biologiche Nome del corso

12-Classe delle lauree in scienze biologiche Scienze biologiche Nome del corso Università Università degli Studi di GENOVA Classe 12-Classe delle lauree in scienze biologiche Scienze biologiche Nome del corso Modifica di Scienze biologiche Curriculum in biologia cellulare e molecolare

Dettagli

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Mirco Fasolo, Elisa Silvia Colombo, Federica Durante COME SCRIVERE LA TESI (E TESINA) DI LAUREA Una guida alla stesura degli elaborati scientifici www.booksprintedizioni.it

Dettagli

MASTER DI 1 LIVELLO IN RADIOFARMACI: GESTIONE, PREPARAZIONE E ASSICURAZIONE DI QUALITA

MASTER DI 1 LIVELLO IN RADIOFARMACI: GESTIONE, PREPARAZIONE E ASSICURAZIONE DI QUALITA MASTER DI 1 LIVELLO IN RAD ASSIC Facoltà Univer Diretto F.U. Ed. XII (D.M. 30/03/2005) in vigore dal 1 luglio 2011 Sistema di Assicurazione della Qualità un RADIOFARMACO sicuro e conforme alle specifiche

Dettagli

CONSERVATRICE e VALORIZZATRICE di MUSEI NATURALISTICI e CONSERVATORE E VALORIZZATORE di MUSEI NATURALISTICI

CONSERVATRICE e VALORIZZATRICE di MUSEI NATURALISTICI e CONSERVATORE E VALORIZZATORE di MUSEI NATURALISTICI CONSERVATRICE e VALORIZZATRICE di MUSEI NATURALISTICI e CONSERVATORE E VALORIZZATORE di MUSEI NATURALISTICI 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...3 3. DOVE LAVORA...4 4. CONDIZIONI DI LAVORO...5 5.

Dettagli

Cartografia digitale da immagini satellitari. laboratorio di cartografia territoriale. laboratorio mobile di monitoraggio ambientale

Cartografia digitale da immagini satellitari. laboratorio di cartografia territoriale. laboratorio mobile di monitoraggio ambientale ALLEGATO 2.A TABELLA PRINCIPALI ATTIVITA DELLE IMPRESE PER l ARCHEOLOGIA/ SERVIZI INNOVA PRINCIPALI ATTIVITA RELATIVE AD OPERE EDILI RIGUARDANTI GLI SCAVI ARCHEOLOGICI 1.1 INDAGINI STORICHE, STORICO- BIBLIOGRAFICHE,

Dettagli

Crisis management e Disaster Recovery nel settore dell arte

Crisis management e Disaster Recovery nel settore dell arte Your global partner for disaster recovery Crisis management e Disaster Recovery nel settore dell arte Fondazione Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli Torino, 14 aprile 2011 1 BELFOR Holding Inc. Età:

Dettagli

CORSO A CATALOGO 2011

CORSO A CATALOGO 2011 Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: M A S T E R di I livello in CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI Attivato ai sensi del D.M. 09/99 e D.M. 270/2004 Il Master fa riferimento all'art.

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Classe di appartenenza: L-8 Ingegneria dell Informazione Computer Science and Engineering REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO ORGANIZZATIVO CORSI di MASTER di I e II LIVELLO. Corso di Master e suoi Organi

REGOLAMENTO DIDATTICO ORGANIZZATIVO CORSI di MASTER di I e II LIVELLO. Corso di Master e suoi Organi REGOLAMENTO DIDATTICO ORGANIZZATIVO CORSI di MASTER di I e II LIVELLO Corso di Master e suoi Organi 1. Per l anno accademico 2014-2015 è istituito il Corso di Master di II livello in: OPEN - ARCHITETTURA

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Ingegneria Industriale SEZIONE DI FISICA TECNICA TESI DI LAUREA DISPONIBILI

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Ingegneria Industriale SEZIONE DI FISICA TECNICA TESI DI LAUREA DISPONIBILI Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Ingegneria Industriale SEZIONE DI FISICA TECNICA Termotecnica /Termodinamica / Termofluidodinamica Applicata Pag. 2 Acustica Pag. 3 Impianti Tecnici e

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO ORGANIZZATIVO CORSI di MASTER di I e II LIVELLO. Corso di Master e suoi Organi

REGOLAMENTO DIDATTICO ORGANIZZATIVO CORSI di MASTER di I e II LIVELLO. Corso di Master e suoi Organi Allegato 1CM REGOLAMENTO DIDATTICO ORGANIZZATIVO CORSI di MASTER di I e II LIVELLO Corso di Master e suoi Organi 1. Per l anno accademico. 2014/2015 è attivato il Corso di Master di II livello in: Master

Dettagli

MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO

MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO DUOMO DI MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO a cura della Veneranda Fabbrica del Duomo, della Soprintendenza e con la collaborazione scientifica di EniTecnologie Il Duomo di Milano, un opera d arte

Dettagli

ANAI - Sezione Piemonte e Valle d Aosta. Circolare n. 107

ANAI - Sezione Piemonte e Valle d Aosta. Circolare n. 107 Circolare n. 107 Torino, 10 aprile 2011 Care socie, cari soci, vi comunichiamo le informazioni relative alle iniziative organizzate nel mese di aprile e in corso di preparazione per il mese di maggio.

Dettagli

NEWSLETTER n. 41 del 28 maggio 2015

NEWSLETTER n. 41 del 28 maggio 2015 SOMMARIO Pag. 2. EFFICIENTAMENTO ENERGETICO EDIFICI SCOLASTICI: PUBBLICATO IL DECRETO Pag. 2. FORMAZIONE: AL VIA LA TERZA EDIZIONE DELLA SUMMER SCHOOL ENEA SULL'EFFICIENZA ENERGETICA Pag. 3. SARDEGNA RICERCHE:

Dettagli

I have no special gift, I am passionately curious

I have no special gift, I am passionately curious 1-SBAC Fisica 1/8 MOTIVAZIONI AL CORSO DI FISICA Cosa e la Fisica? dal greco physis = natura studia i fenomeni naturali leggi fisiche (rendere semplice un problema complesso) I have no special gift, I

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA. Le radiazioni laser e il d.lgs. 81/08

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA. Le radiazioni laser e il d.lgs. 81/08 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA AREA AMBIENTE E SICUREZZA Le radiazioni laser e il d.lgs. 81/08 Ing. Dante Milani Ufficio rischi fisici e tecnologici Tel. 0382 984887 E-mail: dante.milani@unipv.it Associazione

Dettagli

SILA Sistema Integrato di Laboratori per l Ambiente CENTRO MICROSCOPIA E MICROANALISI. Responsabile scientifico: Prof.ssa Rosanna De Rosa

SILA Sistema Integrato di Laboratori per l Ambiente CENTRO MICROSCOPIA E MICROANALISI. Responsabile scientifico: Prof.ssa Rosanna De Rosa CENTRO MICROSCOPIA E MICROANALISI Responsabile scientifico: Prof.ssa Rosanna De Rosa 0 Il Centro di Microscopia e Microanalisi (CM2) nasce con l intento di riunire in un unica struttura strumentazione

Dettagli

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45 1. L indagine 2015 Il Profilo dei Laureati 2014 (indagine 2015) prende in considerazione quasi 230.000 laureati di 64 Atenei italiani. Cinque Atenei (Roma La Sapienza, Bologna, Napoli Federico II, Padova

Dettagli

Deltos di Simonetta Rosatelli. Atelier Restauro Carta

Deltos di Simonetta Rosatelli. Atelier Restauro Carta Deltos di Simonetta Rosatelli Atelier Restauro Carta Il laboratorio Il tavolo luminoso Le presse a colpo La cassettiera contenenti le carte giapponesi Il tagliacartoni a cesoia Vasche per il lavaggio Rastrelliere

Dettagli

Come cambia il Manifesto del Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale

Come cambia il Manifesto del Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale 1 Come cambia il Manifesto del Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale Le novità del DM270 2 Accento sugli aspetti metodologici piuttosto che su quelli professionalizzanti Separazione netta livelli

Dettagli

Alessandro Grassia. Sesso M Settore professionale. interesse professionale Principali ruoli svolti Consulente Direttore Lavori Progettista incaricato

Alessandro Grassia. Sesso M Settore professionale. interesse professionale Principali ruoli svolti Consulente Direttore Lavori Progettista incaricato Alessandro Grassia Informazioni personali Cognome e Nome GRASSIA Alessandro Architetto Iscritto all'ordine degli Architetti P.P.C. di Roma e provincia con il n 9357 sezione A settore: Architettura Indirizzi

Dettagli

Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica

Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica I Corsi di Studio in Fisica comprendono quattro percorsi didattici. Al termine di ciascun percorso si consegue uno dei seguenti

Dettagli

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Concetti e spunti applicativi 1 Ing. Roberto Callegari Tecniche Strumentali per la Diagnosi Energetica INTRODUZIONE 2 Una adeguata conoscenza

Dettagli

Dye-Sensitized Solar Cells Energy for life

Dye-Sensitized Solar Cells Energy for life ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE A. AVOGADRO (ENTE DOTATO DI PERSONALITA GIURIDICA E DI AUTONOMIA AMMINISTRATIVA, ORAGNIZZATIVA e DIDATTICA - R. D. 24.08.1933 N. 21933 DP. N. 3917-P/C16 DEL 7.3.2000) C.A.P.

Dettagli

14.11.2014-09.01.2015 PIER LUIGI NERVI. Urban Center Bologna Sala Borsa piazza del Nettuno 3, Bologna. Gli stadi per il calcio

14.11.2014-09.01.2015 PIER LUIGI NERVI. Urban Center Bologna Sala Borsa piazza del Nettuno 3, Bologna. Gli stadi per il calcio PIER LUIGI NERVI Gli stadi per il calcio 14.11.2014-09.01.2015 Urban Center Bologna Sala Borsa piazza del Nettuno 3, Bologna PIER LUIGI NERVI. Gli stadi per il calcio Venerdì 14 novembre 2014 apre al pubblico

Dettagli