MENO CONSUMI PIU LAVORO Un progetto di riqualificazione energetica e architettonica dei condomini 11 settembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MENO CONSUMI PIU LAVORO Un progetto di riqualificazione energetica e architettonica dei condomini 11 settembre 2014"

Transcript

1 Un progetto di riqualificazione energetica e architettonica dei condomini

2 IL TEMA DELL ENERGIA GLI EDIFICI NAZIONALI SPRECANO MOLTA ENERGIA IL TASSO DI EFFICIENZA ENERGETICA MEDIO DEGLI EDIFICI RESIDENZIALI E DEL SOLO 54% Il 46% DELL ENERGIA VIENE SPRECATA LE CONSEGUENZE DEGLI ATTUALI CONSUMI ENERGETICI SONO VISIBILI AL LIVELLO: AMBIENTALE (emissioni di CO2, inquinamento) POLITICO (dipendenza importazione energia primaria) ECONOMICO (alti e variabili prezzi dei combustibili)

3 IL TEMA DELL ENERGIA A LIVELLO INTERNAZIONALE È ORMAI ASSODATO CHE L EFFICIENZA ENERGETICA, GRAZIE ALLA QUALE SI AGISCE DIRETTAMENTE SULLA RIDUZIONE DEI CONSUMI, È LO STRUMENTO CHE CONSENTE DI OTTENERE I MAGGIORI RISULTATI IN TEMPI BREVI E A COSTI RIDOTTI GLI INTERVENTI SUL PARCO EDIFICI NAZIONALE POSSONO ESSERE UN UTILE STRUMENTO PER IL RILANCIO DELL'INDUSTRIA E DELL'ECONOMIA DEL NOSTRO PAESE

4 IL TEMA DELL ENERGIA UN FORTE STIMOLO CHE PUÒ SPINGERE L UTILIZZATORE AD INTRAPRENDERE AZIONI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA OGGI È DI NATURA ECONOMICA LA DIAGNOSI ENERGETICA DIVENTA QUINDI UN ESSENZIALE STRUMENTO PER INDIVIDUARE I POSSIBILI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO CHE RISULTINO SIA ENERGETICAMENTE CHE ECONOMICAMENTE VANTAGGIOSI

5 OGGETTO DELLO STUDIO PROGETTO PER LA RIQUALICAZIONE ENERGETICA ED ARCHITETTONICA DI UN TIPICO COMPLESSO CONDOMINIALE

6 OBBIETTIVO DELLO STUDIO GLI OBBIETTIVI DELLO STUDIO SONO QUELLI DI: ANALIZZARE LA CONFIGURAZIONE ATTUALE E LO STATO DEGLI IMPIANTI, INDIVIDUANDO I POSSIBILI MIGLIORAMENTI O CRITICITÀ NELLA COMPONENTISTICA E NELLA CONFIGURAZIONE ATTUALE; DEFINIRE IL BILANCIO ENERGETICO DEL SISTEMA EDIFICIO- IMPIANTO; DEFINIRE UN INDICATORE DI CONGRUITÀ FRA I CONSUMI EFFETTIVI DELL ULTIMO TRIENNIO E I CONSUMI ATTESI, CALCOLATI CON OPPORTUNI FATTORI DI AGGIUSTAMENTO A PARTIRE DALLE CONDIZIONI STANDARD; VALUTARE IN TERMINI ENERGETICI LE VARIAZIONI CONSEGUENTI ALL ADOZIONE DELLE DIVERSE SOLUZIONI PROPOSTE;

7 OBBIETTIVO DELLO STUDIO GLI OBBIETTIVI DELLO STUDIO SONO QUELLI DI: VALUTARE SULLA BASE DELL INVESTIMENTO INIZIALE E DEI COSTI DI GESTIONE, LE SOLUZIONI PROPOSTE, IN RIFERIMENTO ANCHE AGLI INCENTIVI STATALI ATTUALMENTE DISPONIBILI; PROPORRE MIGLIORAMENTI ARCHITETTONICI E FUNZIONALI ATTI AD ATTUALIZZARE L ESTETICA E LA FUNZIONALITA CON CONSEQUENZIALE RIVALORIZZAZIONE ECONOMICA DELL EDIFICIO.

8 METODOLOGIA ADOTTATA PER L AUDIT ENERGETICO Raccolta dati preliminari Raccolta dati di effettivo utilizzo dell immobile Raccolta delle bollette dell ultimo triennio Fabbisogno energetico teorico Qteor Fabbisogno energetico reale Qreal Analisi del modello No Indici confrontabili? Si Modello validato Individuazione delle azioni di miglioramento energetico Analisi costi benefici e priorita degli interventi

9 ANALISI DELLO STATO DI FATTO DATI GENERALI DEL COMPLESSO CONDOMINIALE ESAMINATO UBICAZIONE Localita : VICENZA Edificio: COMPLESSO COSTITUITO DA DUE EDIFICI A E B Destinazione d uso prevalente: ABITAZIONI ADIBITE A RESIDENZA A CARATTERE CONTINUATIVO Altitudine s.l.m: 39 m DATI CLIMATICI DI RIFERIMENTO Temperatura esterna di progetto invernale: -5 C Temperatura esterna di progetto estiva: 32,5 C Gradi giorno: 2371 Zona climatica : E

10 ANALISI DELLO STATO DI FATTO DATI GENERALI DEL COMPLESSO CONDOMINIALE ESAMINATO

11 ANALISI DELLO STATO DI FATTO INVOLUCRO EDILIZIO Gli edifici che costituiscono il complesso condominiale sono stati realizzati negli anni settanta e presentano le caratteristiche costruttive tipiche di quel periodo e della zona urbana nella quale sono inseriti. Struttura a telaio portante in calcestruzzo Tamponamenti in doppio laterizio a cassa vuota, parete non isolata

12 ANALISI DELLO STATO DI FATTO Serramenti vetusti a doppio telaio in legno a vetro singolo. In alcune unita sono stati installati nuovi serramenti con telaio in PVC e vetrocamera

13 ANALISI DELLO STATO DI FATTO CENTRALE TERMICA Nuova centrale a condensazione realizzata nel 2004, posta all esterno al livello del piano terra in box tecnico e in posizione centrale rispetto ai due blocchi. Generatore di calore a condensazione di tipo modulare a due caldaie

14 ANALISI DELLO STATO DI FATTO SISTEMA DI DISTRIBUZIONE Impianto di riscaldamento centralizzato L impianto di distribuzione è del tipo a sorgente, le colonne di distribuzione sono poste all interno delle murature e ciascuna serve uno o due terminali a piano. Quindi, sulla stessa colonna sono installati terminali di appartamenti diversi. QUESTA CONFIGURAZIONE IMPIANTISTICA RENDE IMPOSSIBILE LA CREAZIONE DI CIRCUITI A ZONE INDIPENDENTI PER SINGOLO APPARTAMENTO.

15 ANALISI DELLO STATO DI FATTO SISTEMA DI REGOLAZIONE La regolazione è di tipo climatico con sonda di temperatura esterna. Il sistema elettronico regola la temperatura di mandata in uscita dal generatore di calore con valori inversamente proporzionali ai valori di temperatura rilevati all esterno seguendo una specifica curva climatica. UNITA IMMOBILIARI PRIVE DI REGOLATORI DI TEMPERATURA AMBIENTE o DI ZONA Questo comporta la possibilità di avere contemporaneamente zone eccessivamente favorite (surriscaldate) e zone eccessivamente sfavorite in cui si ha difficoltà a raggiungere la temperatura di confort.

16 ANALISI DELLO STATO DI FATTO SISTEMA DI EMISSIONE I terminali di emissioni sono radiatori generalmente inseriti in nicchia su parete esterna non isolata. Radiatori dimensionati per funzionamento ad alta temperatura del fluido termovettore (75-80 C) e con un differenziale tra la mandata e il ritorno di 10 C. Radiatori dotati di valvole e detentori manuali, non sono presenti valvole termostatiche.

17 ANALISI DELLO STATO DI FATTO PRODUZIONE ACQUA CALDA SANITARIA La produzione di acqua sanitaria è autonoma per singola unità per mezzo di scaldabagni istantanei a gas o di tipo elettrico ad accumulo. Nell edificio B ogni unità è dotata di un contatore dell acqua fredda sanitaria, mentre nell edifico A esiste solo una contabilizzazione generale. EDIFICIO A PRIVO DI SISTEMA DI CONTABILIZZAZIONE DELL ACQUA FREDDA SANITARIA PER SINGOLA UNITA

18 ANALISI DELLO STATO DI FATTO SINTESI IMPIANTI DEL CONDOMINIO EAMINATO

19 INDAGINE TERMOGRAFICA CON L USO DELLA TERMOCAMERA È STATO POSSIBILE VERIFICARE ALCUNI IMPORTANTI ASPETTI CHE INCIDONO SUL FABBISOGNO ENERGETICO DEGLI EDIFICI TRA I QUALI: Verifica presenze di infiltrazioni d aria; Verifica dello stato di coibentazione delle strutture edili; Verifica dello stato di coibentazione degli impianti termici e di condizionamento; Definizione della presenza di differenze di omogeneità della struttura; Presenza di umidità di risalita; Verifica della presenza di ponti termici; Verifica del regime termoigrometrico, della presenza di zone con concentrazioni di umidità.

20 RILIEVO TERMOGRAFICO Edificio A del complesso condominiale esaminato, vista facciata sud da fronte strada Composizione della struttura portante in calcestruzzo, evidenziata da un aumento di temperatura in corrispondenza di essa. La variazione di temperatura rappresenta un flusso termico uscente dall edificio e quindi dispersione di energia termica.

21 RILIEVO TERMOGRAFICO Edificio B del complesso condominiale esaminato, vista facciata sud da corte interna In corrispondenza del cordoli in c.a. dei solai interpiano, si manifesta un evidente aumento di temperatura, evidenziando la presenza di ponti termici e flussi dispersivi verso l esterno.

22 RILIEVO TERMOGRAFICO Edificio A del complesso condominiale esaminato, vista parete sottofinestra Aumento di temperatura in corrispondenza della nicchia sottofinestra e punto di installazione del radiatore. Tale aumento di temperatura è dovuto alla riduzione di spessore della parete e dall inesistenza di un adeguata coibentazione termica.

23 RILIEVO TERMOGRAFICO Indagine termografica sui serramenti Rappresenta di fatto, un forte aumento di temperatura in corrispondenza degli elementi finestrati, conseguenza di un cattivo stato di conservazione e basso valore coibente dei telai e dei vetri dei serramenti esistenti

24 RILIEVO TERMOGRAFICO Indagine termografica da interno Ponte termico geometrico verso sottotetto non riscaldato. Elevato flusso termico dispersivo e alta probabilità di FORMAZIONE DI CONDENSA E MUFFE.

25 RILIEVO TERMOGRAFICO Indagine termografica da interno La colorazione più scura in corrispondenza del telaio del serramento, denota la presenza di INFILTRAZIONI D ARIA FREDDA VERSO L INTERNO, le stesse si possono notare anche lungo i lati perimetrali del cassone della tapparella sopra la finestra.

26 RILIEVO TERMOGRAFICO Indagine termografica impianto termico al piano seminterrato Le tubazioni, risultano precariamente isolate o addirittura prive di isolamento.

27 RILIEVO TERMOGRAFICO Indagine termografica tubazioni sottotraccia Anche in questo caso si denota la PRECARIA COIBENTAZIONE DELL IMPIANTO TERMICO, lo dimostra il netto aumento di temperatura superficiale della parete in corrispondenza del passaggio delle tubazioni sottotraccia.

28 ANALISI DELLO STATO DI FATTO SINTESI FABBISOGNI ENERGETICI E COSTI DI ESERCIZIO DEL COMPLESSO CONDOMINIALE ESAMINATO

29 ANALISI DELLO STATO DI FATTO SINTESI FABBISOGNI ENERGETICI

30 ANALISI DELLO STATO DI FATTO SINTESI FABBISOGNI ENERGETICI

31 ANALISI DELLO STATO DI FATTO INVOLUCRO EDILIZIO CRITICITA RILEVATE Presenza di ponti termici strutturali e geometrici Struttura di tamponamento poco isolata Solaio verso sottotetto precariamente isolato Elementi finestrati vetusti e energeticamente inefficienti IMPIANTO TERMICO Elevati squilibri di temperatura dovuti alla mancanza di un adeguato sistema di termoregolazione per singola unità Tubazioni precariamente isolate e sbilanciata distribuzione della portata Edifici privi di sistema di contabilizzazione dell energia termica per singola unità

32 ANALISI DELLO STATO DI FATTO CLASSE ENERGETICA DEGLI EDIFICI ESAMINATI - STATO ATTUALE Fabbisogni energetici per riscaldamento e produzione acqua calda sanitaria EDIFICIO BLOCCO A CLASSE ENERGETICA F

33 ANALISI DELLO STATO DI FATTO CLASSE ENERGETICA DEGLI EDIFICI EAMINATI - STATO ATTUALE Fabbisogni energetici per riscaldamento e produzione acqua calda sanitaria EDIFICIO BLOCCO B CLASSE ENERGETICA G

34 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA E ARCHITETTONICA DEL COMPLESSO CONDOMINIALE FASE 1 - RIQUALIFICAZIONE INVOLUCRO E IMPIANTI FASE 2 - RIQUALIFICAZIONE ARCHITETTONICA A - INVOLUCRO Intervento 1 Coibentazione involucro edilizio B IMPIANTI Intervento 3 Nuovo impianto solare termico Intervento 6 Riqualificazione dei ballatoi, terrazze e parapetti esterni Sostituzione pluviali e grondaie Nuove tinteggiature e rifiniture esterne Intervento 2 Installazione di nuovi serramenti Intervento 4 Nuova termoregolazione e contabilizzazione Intervento 5 Installazione nuove elettropompe Intervento 7 Riqualificazione parti comuni Tinteggiature e riqualificazione parapetti dei vani scale Ristrutturazione impianto di illuminazione vani scale e impianto citofonico

35 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE AL LIVELLO IMPIANTISTICO, GLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SONO STATI ANALIZZATI TENENDO CONTO CHE: Data la tipologia degli edifici ad uso residenziale e caratterizzati dalla presenza continua degli inquilini è assolutamente necessario INTERVENIRE NEL MODO MENO INVASIVO POSSIBILE; Gli interventi devono essere concepiti e compiuti considerando che gli EDIFICI DEVONO CONTINUARE AD ESSERE ABITATI; Gli interventi andranno realizzati OPERANDO SOPRATTUTTO ALL ESTERNO DELLE UNITÀ E SULLE PARTI COMUNI, limitando gli interventi interni che possono creare elevati disagi agli occupanti, si dovrà pensare di avere al massimo per qualche giorno delle stanze libere.

36 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE FASE 1 - RIQUALIFICAZIONE INVOLUCRO E IMPIANTI A - INVOLUCRO B IMPIANTI Intervento 1 Coibentazione involucro edilizio Intervento 3 Nuovo impianto solare termico Intervento 2 Installazione di nuovi serramenti Intervento 4 Nuova termoregolazione e contabilizzazione Intervento 5 Installazione nuove elettropompe

37 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE FASE 1.A - INTERVENTI SULL INVOLUCRO EDILIZIO INTERVENTO 1 Coibentazione a cappotto delle murature perimetrali esterne, eseguita con isolante in polistirene espanso sinterizzato. Attuale U = 1,200 W/m²k dopo intervento U = 0,255 W/m²k Coibentazione solaio verso sottotetto non riscaldato Coibentazioni pareti verso vano scale Cappotto esterno

38 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE FASE 1.A - INTERVENTI SULL INVOLUCRO EDILIZIO INTERVENTO 2 Sostituzione dei vetusti serramenti a doppio telaio e vetro singolo con serramenti ad elevate prestazioni termiche in vetrocamera Attuale U = 3,0 W/m²k dopo intervento U < 1,6 W/m²k Nuovi serramenti

39 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE FASE 1.B INTERVENTI IMPIANTISTICI NON INVASIVI INTERVENTO 3 Installazione di un impianto solare termico per la produzione di acqua calda sanitaria centralizzato. L impianto sarà sinteticamente costituito da una serie di pannelli solari piani installati sulla copertura, da un accumulo di acqua calda sanitaria, un sistema di regolazione e circolazione che andranno installati in un apposito locale tecnico ex centrale termica al piano terra. Nuovo impianto solare termico L IMPIANTO SARÀ IN GRADO DI COPRIRE IL 50% DEL FABBISOGNO DI ENERGIA PRIMARIA PER LA PRODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA

40 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE FASE 1.B INTERVENTI IMPIANTISTICI NON INVASIVI INTERVENTO 4 Nuova contabilizzazione e termoregolazione Installazione di VALVOLE TERMOSTATICHE e CONTABILIZZATORI DI CALORE INDIRETTI sui singoli terminali di emissione, in modo da modulare la richiesta termica in base alle reali necessità dei singoli appartamenti e contemporaneamente contabilizzare i consumi in modo da TARARE LE BOLLETTE PER FAR PAGARE IL DOVUTO e non una quota stabilita in base ai millesimi, che non rispecchia i consumi reali.

41 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE FASE 1.B INTERVENTI IMPIANTISTICI NON INVASIVI INTERVENTO 5 Nuove elettropompe a risparmio energetico Installazione di nuove elettropompe a PORTATA VARIABILE, dotate di centralina elettronica integrata di regolazione e programmazione. ELETTROPOMPE AD ALTA EFFICIENZA ENERGETICA, in grado di adattarsi automaticamente alla variazioni richieste dal circuito idraulico primario, il quale, attraverso le colonne montanti, alimenta i terminali dotati delle nuove valvole termostatiche.

42 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE SIMULAZIONE RISPARMIO ENERGETICO IN % A VALLE DEGLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE RIDUZIONE DEL 63% DEL FABBISGNIO DI ENERGIA PER RISCALDAMENTO E PRODUZIONE ACQUA CALDA SANITARIA

43 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE SIMULAZIONE CLASSE ENERGETICA DELL EDIFICIO EDIFICIO A DOPO INTERNTI DI RIQUALIFIACAZIONE CLASSE C STATO ATTUALE CLASSE F

44 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE SIMULAZIONE CLASSE ENERGETICA DELL EDIFICIO EDIFICIO B DOPO INTERNTI DI RIQUALIFIACAZIONE CLASSE C STATO ATTUALE CLASSE G

45 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE FASE 2 INTERVENTI DIRIQUALIFICAZIONE ARCHITETTONICA: Non partecipano direttamente alla riduzione dei consumi energetici ma comportano un miglioramento dell aspetto di PREGIO ARCHITETTONICO e consequenziale RIVALORIZZAZIONE ECONOMICA DI OGNI SINGOLO ALLOGGIO.; Gli interventi saranno realizzati parallelamente agli interventi di risparmio energetico proposti in FASE 1 sfruttando la cantierizzazione messa in atto; Andranno realizzati operando soprattutto dall esterno delle unità e sulle parti comuni, limitando gli interventi interni che possono creare elevati disagi agli occupanti.

46 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE FASE 2 - RIQUALIFICAZIONE ARCHITETTONICA Intervento 6 RIQUALIFICAZIONE DEI BALLATOI, TERRAZZE E PARAPETTI ESTERNI SOSTITUZIONE PLUVIALI E GRONDAIE NUOVE TINTEGGIATURE E RIFINITURE ESTERNE Intervento 7 RIQUALIFICAZIONE PARTI COMUNI TINTEGGIATURE E RIQUALIFICAZIONE PARAPETTI DEI VANI SCALE RISTRUTTURAZIONE IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE DEI VANI SCALE E DELL IMPIANTO CITOFONICO

47 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE INTERVENTO 6. Riqualificazione architettonica e nuova valorizzazione dell edificio. L intervento prevede la riqualificazione delle facciate esterne in particolare delle terrazze, dei parapetti e nuove tinteggiature STATO ATTUALE Facciata sud edicicio A PROGETTO

48 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE INTERVENTO 6. Riqualificazione architettonica e nuova valorizzazione dell edificio. L intervento prevede la riqualificazione delle facciate esterne in particolare delle terrazze, dei parapetti e nuove tinteggiature STATO ATTUALE Facciata nord edicicio A PROGETTO

49 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE INTERVENTO 6. Riqualificazione architettonica e nuova valorizzazione dell edificio. L intervento prevede la riqualificazione delle facciate esterne in particolare delle terrazze, dei parapetti e nuove tinteggiature PARTICOLARE DELLE NUOVE FACCIATE

50 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE INTERVENTO 7 - RIQUALIFICAZIONE DELLE PARTI COMUNI. L intervento prevede la ristrutturazione dei vani scale, in particolare l'installazione di nuovi parapetti e nuove tinteggiature interne. Nell ambito dell intervento verranno installati un nuovo impianto citofonico e un nuovo impianto di illuminazione dei vani scale.

51 RISPARMI E VALUTAZIONI ECONOMICHE GENERALI Intero complesso condominiale interventi FASE 1 Fase 1

52 RISPARMI E VALUTAZIONI ECONOMICHE GENERALI Intero complesso condominiale FASE 2 Fase 2

53 RISPARMI E VALUTAZIONI ECONOMICHE GENERALI Intero complesso condominiale interventi FASE 1 e FASE 2 Fase 1 Fase 2

54 RISPARMI E VALUTAZIONI ECONOMICHE GENERALI UNITA ABITATIVA TIPOLOGICA interventi FASE 1 e FASE 2 Fase 1 Fase 2

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza.

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Tema Isolamento termico ad alta efficienza energetica Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Le informazioni, le immagini,

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori Test noi consumatori Test noi consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi,servizi, ambiente - anno XXIII n. 6 del 4 febbraio 2011 - sped. in abb. post. DL 353/2003 ( conv. in

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI LA GUIDA DEL CONSUMATORE L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE NUOVE COSTRUZIONI Testi: Pieraldo Isolani Hanno collaborato i componenti del Gruppo di Lavoro Internazionale Riccardo Comini - ADICONSUM Italia Dario

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente punt energia I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO Assessorato Ecologia e Ambiente I nuovi regolamenti edilizi comunali Progetto a cura

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

La CASA ENERGETICAMENTE EFFICIENTE: GUIDA alla COSTRUZIONE. e alla GESTIONE

La CASA ENERGETICAMENTE EFFICIENTE: GUIDA alla COSTRUZIONE. e alla GESTIONE La CASA ENERGETICAMENTE EFFICIENTE: GUIDA alla COSTRUZIONE e alla GESTIONE Presentazione... 5 L importanza di una casa che fa risparmiare energia... 6 Come si costruisce una casa a basso consumo di energia...

Dettagli

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico GSE Gestore Servizi Energetici Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico D.M. 28 dicembre 2012 Indice dei contenuti 1. Generalità... 4 Finalità del documento... 4 Requisiti minimi per l utilizzo

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Le pompe di calore II

Le pompe di calore II Le pompe di calore II G.L. Morini Laboratorio di Termotecnica Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale Viale Risorgimento 2, 40136 Bologna COP medio effettivo: SCOP COP

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore

Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore Versione 1 settembre 2013 Isolamento termico dall interno senza barriera al vapore via Savona 1/B, 20144 Milano - tel 02 89415126 - fax 02 58104378 - info@anit.it Tutti i diritti sono riservati. Nessuna

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Per le tue segnalazioni su edifici scrivi a: energia@legambiente.it. Le Città monitorate dal Legambiente

Per le tue segnalazioni su edifici scrivi a: energia@legambiente.it. Le Città monitorate dal Legambiente PREMESSA "Tutti in classe A" e' una nuova campagna di Legambiente che ha un obiettivo preciso: sensibilizzare sull'importanza dell'efficienza energetica in edilizia. Vogliamo farlo attraverso uno strumento

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via

ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via NUOVO ALLEGATO A ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via esclusivamente documentale che il progetto delle

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia"

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia" coordinato con il D.Lgs. 311/2006, con il D.M. 26/6/09, con la L. 99/2009

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. Questa è la visione di Solcrafte per il futuro. La tendenza in aumento ininterrotto, dei

Dettagli

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI I soffitti, le volte e i solai sono le strutture murarie che

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

per gli edifici esistenti

per gli edifici esistenti per gli edifici esistenti per gli edifici esistenti a cura dell Arch. Michelantonio Rizzi (CFR associati) www.provincia.udine.it Servizio Risorse Energetiche Servizi Risorsis Energjetichis a cura di Arch.

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

Anno XVIII - Supplemento al numero 44-21 luglio 2006 Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 46/2004) art. 1, comma 2, DCB Roma

Anno XVIII - Supplemento al numero 44-21 luglio 2006 Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 46/2004) art. 1, comma 2, DCB Roma Anno XVIII - Supplemento al numero 44-21 luglio 2006 Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 46/2004) art. 1, comma 2, DCB Roma Energia dal sole Pannelli solari e sistemi fotovoltaici

Dettagli

Strumenti di calcolo e dati di riferimento per la certificazione energetica degli edifici

Strumenti di calcolo e dati di riferimento per la certificazione energetica degli edifici Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Strumenti di calcolo e dati di riferimento per la certificazione energetica degli edifici

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

ZEPHIR. La Passivhaus. Attiva per un maggior comfort: Informazioni per operatori immobiliari, imprenditori e committenti

ZEPHIR. La Passivhaus. Attiva per un maggior comfort: Informazioni per operatori immobiliari, imprenditori e committenti presentata da: ZEPHIR Zero Energy and Passivhaus Institute for Research Centro Comm. Ponte Regio, Loc. Fratte, 18/3 38057 Pergine Valsugana (TN) mail info@zephir.ph web http://www.zephir.ph Passive House

Dettagli

Life-cycle cost analysis

Life-cycle cost analysis Valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Life-cycle cost analysis con esempi applicativi Docenti Collaboratori Lezione di prof. Stefano Stanghellini prof. Sergio Copiello arch. Valeria

Dettagli

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS arch. Fabio Sciurpi, Dipartimento TAeD, Università di Firenze Via San Niccolò 93, tel. 055 2491538, e-mail: fabio.sciurpi@taed.unifi.it

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99

DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99 DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99 Le scritte in verde sono le integrazioni o variazioni apportate dal DPR 551/99 al DPR 412/93 Le scritte in nero sono il testo del DPR 412/93 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art.

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661 Regolamento recante norme per la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini

Dettagli

FAQ (domande più frequenti)

FAQ (domande più frequenti) FAQ (domande più frequenti) N.B. Le FAQ sotto riportate derivano dalle risposte effettivamente fornite da ENEA ai vari richiedenti nell'arco degli ultimi anni. Sono basate sull'esperienza del nostro Gruppo

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

Nuova tecnologia solare Beretta

Nuova tecnologia solare Beretta Nuova tecnologia solare Beretta Risparmio, energia e ambiente Detrazioni fiscali del 55% Nei casi contemplati dalla normativa. 1 Beretta Clima: i professionisti del solare Beretta Clima, specializzata

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli