RTP.Ingg. Pasquale Degli ATTI, Vincenzo URSO, Elisa VINCENTI 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RTP.Ingg. Pasquale Degli ATTI, Vincenzo URSO, Elisa VINCENTI 1"

Transcript

1

2 SOMMARIO 1 PREMESSA COIBENTAZIONE SUPERFICI OPACHE ORIZZONTALI SOLAIO DI COPERTURA COIBENTAZIONE DEL PAVIMENTO COIBENTAZIONE PARETI VERTICALI SOSTITUZIONE INFISSI SOSTITUZIONE APPARECCHI ILLUMINANTI IMPIANTO DI RISCALDAMENTO/RAFFRESCAMENTO IMPIANTO DI VENTILAZIONE MECCANICA DEGLI AMBIENTI SOLARE TERMICO PER IMPIANTO PRODUZIONE ACQUA CALDA SANITARIA SISTEMA DI GESTIONE IMPIANTO ILLUMINAZIONE ESTERNA IMPIANTO FOTOVOLTAICO RIMODULAZIONE DEGLI SPAZI ESTERNI ED ELIMINAZIONE DEGLLE BARRIERE ARCHITETTONICHE RIMODULAZIONE DEGLI SPAZI INTERNI PER ADEGUAMENTO IGIENICO SANITARIO STOCCAGIO ACQUE PIOVANE e SISTEMI DI RIDUZIONE DEL CONSUMO DI ACQUA PER USI INDOOR ISOLA ECOLOGICA E POSTEGGIO BICICLETTE INTERFERENZE SOTTOSERVIZI VERIFICA STRUTTURE COSTO DELL'OPERA 12 RTP.Ingg. Pasquale Degli ATTI, Vincenzo URSO, Elisa VINCENTI 1

3 1 PREMESSA La presente relazione descrive pertanto gli interventi previsti nel progetto relativo ai lavori di Efficientamento energetico della scuola materna di via Lecce del Comune di Surbo, al fine di garantire un adeguato livello di efficientamento energetico con significativi miglioramenti delle prestazioni energetiche e ambientali dell edificio rispetto alla pratica corrente ed ai parametri limite imposti dalla normativa vigente (D.lgs 192 del 2005 e s.m.i). 2 COIBENTAZIONE SUPERFICI OPACHE ORIZZONTALI 2.1 SOLAIO DI COPERTURA Tra gli interventi per il risparmio energetico è prevista la coibentazione del lastricato solare. Poiché la copertura è la parte dell'edificio più esposta a tutte le variazioni climatiche, la migliore coibentazione si ottiene con la formazione di uno strato isolante, pertanto, con il presente intervento, viene prevista la messa in opera di un nuovo pacchetto copertura attraverso: la rimozione del lastricato solare esistente; la fornitura e posa in opera di strato barriera a vapore previa pulizia e livellamento del massetto in cls esistente; la fornitura e posa in opera di pannello di lana di roccia ad alta densità di spessore pari a 8 cm,; la realizzazione di un massetto in calcestruzzo alleggerito con argilla espansa a pendio; fornitura e posa in opera di lastricato solare in lastre di pietra di Cursi di spessore pari a 4 cm compreso idoneo strato di tufina dello spessore 5-10cm per dare le giuste pendenze Prima di procedere alla messa in opera di quanto sopra, si provvederà come detto alla demolizione, trasporto e smaltimento del materiale di risulta del pavimento esistente. All intradosso del solaio degli ambienti interessati dalle canalizzazioni del sistema di areazione e ventilazione, è prevista inoltre la realizzazione di un controsoffitto in cartongesso di classe antincendio zero al fine di schermare le tubazioni relative ai suddetti impianti. RTP.Ingg. Pasquale Degli ATTI, Vincenzo URSO, Elisa VINCENTI 2

4 2.2 COIBENTAZIONE DEL PAVIMENTO La riqualificazione energetica del pavimento consiste principalmente nella coibentazione del solaio di interpiano all intradosso del piano seminterrato attraverso la realizzazione di un sistema a cappotto composto da uno strato coibente in lana di roccia ad alta densità di spessore pari a 8 cm, rete porta intonaco in fibra di vetro, rasante e successiva rifinitura finale traspirante, idrorepellente a base di resine silossaniche in emulsione acquosa. 3 COIBENTAZIONE PARETI VERTICALI Così come per il solaio di copertura, anche le pareti verticali risultano essere esposte a tutte le variazioni climatiche, pertanto, al fine di ridurre i consumi energetici e garantire il rispetto dei limiti di trasmittanza previsti dalla normativa vigente, si prevede la coibentazione mediante la realizzazione di intonaco termico costituito da: una miscela di calce e sughero di spessore paria a 3 cm per entrambe le facciate della parete (interno/esterno); un secondo strato traspirante su entrambe le facciate (interna/esterna) costituito da un rasante di lisciatura a base di materie prime naturali (calce idraulica, sughero, argilla, polveri diatomeiche) per uno spessore minimo di 3 mm, con spiccata capacità antibatterica e un ottima permeabilità al vapore. un terzo strato come finitura finale per le pareti esterne costituito da una pasta colorata traspirante, idrorepellente che impedisce l assorbimento di acqua meteorica da parte della muratura e protegge lo strato di rasante. Al fine di garantire adeguati livelli igienico-sanitari è prevista la tinteggiatura delle murature di tutti gli ambienti con idropittura e successivo strato di pittura lavabile per un altezza pari a 2 metri dal piano di calpestio per gli ambienti destinati ad attività didattica e ludico-ricreativa. 4 SOSTITUZIONE INFISSI Attualmente l'edificio è servito da infissi metallici in alluminio con vetro semplice. Tra gli interventi previsti per l efficientamento energetico dell involucro edilizio si prevede la sostituzione di tutti gli infissi con altri a basso coefficiente di trasmissione del tipo in alluminio a taglio termico vetro camera di sicurezza 3+3/12/3+3 basso emissivo con 12 mm di camera d aria. E compresa la sostituzione delle tapparelle e del cassonetto esistenti con nuove in PVC dotate di cassonetto coibentato con un pannello di polistirene nel RTP.Ingg. Pasquale Degli ATTI, Vincenzo URSO, Elisa VINCENTI 3

5 rispetto dei limiti di trasmittanza della normativa esistente. Il vantaggio ambientale di tale intervento è determinante per raggiungere i livelli minimi di trasmittanza globale media previsti dalla normativa vigente. I benefici di carattere ambientale sono legati alla riduzione di emissioni inquinanti CO2 in maniera direttamente proporzionale alla riduzione dei consumi di combustibile. 5 SOSTITUZIONE APPARECCHI ILLUMINANTI Con tale intervento si prevede la sostituzione delle attuali plafoniere esistenti, costituite da tubi fluorescenti 2x36 W dotate di reattore magnetico, accenditore e condensatore, con nuovi apparecchi cablati con alimentatore elettronico e provvisti di lampade a tecnologia Led ad alta efficienza luminosa, di potenza pari a 13/24/41/42 W, del tipo a soffitto o ad incasso di forma circolare per gli ambienti servizi igienici e di forma quadrata/rettangolare per tutti gli altri ambienti, in grado di garantire adeguati livelli di illuminamento previsti dalla norma UNI 10349, le cui caratteristiche sono dettagliatamente riportate nell allegato 3C Relazione tecnica specialistica impianto elettrico. L utilizzo di alimentatori elettronici, a differenza di quelli magnetici, consente di ridurre i consumi energetici del 25% e di gestire l'operatività della lampada senza necessità di starter e condensatore, apportando, in tal modo, un notevole aumento in termini di durata della vita della lampada stessa. I vantaggi ambientali che ne conseguono sono legati ad una consistente diminuzione di consumo di energia determinata da una minore potenza di impianto grazie alla bassa potenza delle lampade ed alla diminuzione delle perdite nel reattore elettronico. Inoltre, tali vantaggi sono legati all aumento della qualità del livello di illuminamento (lumen/mq) secondo la normativa vigente oltreché la riduzione dei costi di manutenzione determinata da una maggiore durata della vita media delle nuove lampade. 6 IMPIANTO DI RISCALDAMENTO/RAFFRESCAMENTO Attualmente la centrale termica è costituita da una caldaia a gas della potenza di 116 kw a servizio dell intero complesso. La rete di distribuzione è costituita da tubazioni in ferro con evidenti segni di ossidazione come si evince dall indagine termografica e dall ispezione visiva del vano caldaia. Gli ausiliari del sistema di distribuzione del fluido termovettore consistono in n. 2 circolatori di cui uno non funzionate. RTP.Ingg. Pasquale Degli ATTI, Vincenzo URSO, Elisa VINCENTI 4

6 fig. 1 Centrale termica e tubazioni al primario esistenti Al secondario la distribuzione avviene attraverso una rete di tubazioni in rame del tipo a collettori con evidenti perdite di impianto come rilevato a seguito di indagine termografica. La gestione dell impianto è garantita dalla presenza: di un orologio per la programmazione dell orario di accensione e spegnimento; un termometro per impostare la temperatura dell acqua, una valvola miscelatrice; valvole manuali su ogni circuito di mandata e di ritorno. fig. 2 Localizzazione perdite impianto di distribuzione al secondario RTP.Ingg. Pasquale Degli ATTI, Vincenzo URSO, Elisa VINCENTI 5

7 Al fine di garantire elevati livelli delle prestazioni energetiche ed alla luce delle verifiche effettuate in situ si prevede un intervento sistemico di efficientamento energetico consistente: nella rimozione totale dell impianto di centrale esistente (caldaia, circolatori, sonde, valvole e tubazioni, quadro elettrico di caldaia, vaso di espansione in cemento amianto); lo svuotamento dell impianto esistente, la rimozione dei collettori e dei radiatori e la chiusura e sigillatura delle tubazioni. Si prevede inoltre la rimozione della rete di distribuzione dell impianto termico che si sviluppa all estradosso del soffitto del vano interrato; la realizzazione di un impianto di riscaldamento/raffrescamento del tipo idronico a ventilconvettori ad alta efficienza e basso impatto acustico; la realizzazione di un impianto di riscaldamento del tipo idronico a radiatori in alluminio del tipo termo-arredo per i servizi igienici; la realizzazione di un impianto di ventilazione forzata e regolazione del livello di umidità. Tale impianto è costituito da macchine termiche c.d. recuperatori di calore e da una rete di tubazioni per la mandata e la ripresa dell aria. La rete di impianto si svilupperà all interno dell intercapedine d aria che si realizzerà tra il solaio di copertura ed il controsoffitto in cartongesso REI; la fornitura e posa in opera di una pompa di calore elettrica di potenza pari a 32,7 kw per il raffrescamento e 40,3 kw per il riscaldamento con COP minimo pari a 3,34. E inoltre prevista la realizzazione di un nuovo sistema di distribuzione costituito da tubazioni in multistrato PEX, collettori di distribuzione dotati di sistema modulante a bassa temperatura; circolatori gemellari; valvole ed elettrovalvole miscelatrici; serbatoio di espansione; sonde di temperatura; nuovo quadro elettrico di centrale. La pompa di calore deve essere predisposta per la gestione intelligente dell impianto. 7 IMPIANTO DI VENTILAZIONE MECCANICA DEGLI AMBIENTI Al fine di garantire adeguati livelli di salubrità dell aria indoor degli ambienti scolastici con il presente progetto si prevede di dotare l edificio di un sistema meccanizzato per il ricambio dell aria con recuperatore di calore e deumidificatore. Il sistema di impianto sarà composto da: n. 4 unità per il rinnovo e la purificazione dell aria con recupero termodinamico attivo per installazione interna complete di circuito frigorifero ad alta efficienza, RTP.Ingg. Pasquale Degli ATTI, Vincenzo URSO, Elisa VINCENTI 6

8 reversibile in pompa di calore con compressore ermetico rotativo con refrigerante R410A, ventilatori di mandata e di estrazione a basso consumo a controllo elettronico, regolazioni cablate a bordo unità con quadro elettrico remotizzabile completo di controllo elettronico e tutti i dispositivi di protezione e sicurezza di portata pari a 500 m3/h cadauno; canali di mandata ed estrazione completi di bocchette ed ogni altro accessorio; connessioni elettriche. Sia le unità di trattamento che i canali verranno installati all intradosso del solaio e schermati dal controsoffitto in cartongesso REI 120 ispezionabile. 8 SOLARE TERMICO PER IMPIANTO PRODUZIONE ACQUA CALDA SANITARIA Con il presente intervento di efficientamento energetico è prevista la produzione di Acqua Calda Sanitaria principalmente attraverso un impianto solare termico costituito da: n. 4 pannelli solari termici; un boyler di accumulo di capacità pari a 500 litri con doppia serpentina al fine di consentire nel periodo invernale l integrazione termica con la pompa di calore e dotato di sistema antilegionella costituito da adeguata resistenza elettrica; accessori per la gestione e di termoregolazione. L impianto solare termico previsto in progetto sarà inoltre dotato di un sistema di raffreddamento che consente nei periodi estivi di eliminare i problemi di surriscaldamento oltre gli 80 C delle componenti dell impianto garantendo la salvaguardia delle guarnizioni e quindi minori interventi di manutenzione. Tale sistema è costituito da N.1 aerotermo integrato all impianto secondo il lay-out descritto negli elaborati progettuali. 9 SISTEMA DI GESTIONE IMPIANTO L impianto di condizionamento e ventilazione sarà gestito da un sistema che sarà in grado di dialogare con tutti i componenti dell impianto e di garantire adeguati livelli di comfort termoigrometrico, risparmio energetico e affidabilità di funzionamento, permettendo al contempo la personalizzazione degli orari e della temperatura locale per singolo ambiente. Tale sistema è dotato di un interfaccia utente semplice che consente di: definire e gestire fino a 12 zone climatiche differenti; RTP.Ingg. Pasquale Degli ATTI, Vincenzo URSO, Elisa VINCENTI 7

9 programmare il comfort delle singole zone; impostare le temperature direttamente da touch screen oppure dal termostato; impostare temperature differenti all interno di una stessa zona climatica. Il sistema consente di gestire l accensione della pompa di calore, delle pompe di circolazione ed il controllo delle valvole miscelatrici, oltreché la gestione contemporanea dei seguenti componenti dell impianto: pompa di calore produttore di energia termica, frigorifera e ACS; unità per il rinnovo aria; Terminali ambiente (ventilconvettori); pompe di circolazione ed elettrovalvole motorizzate; Recuperatori di calore. Il sistema dovrà comprendere il collegamento di tutti gli elementi tramite linea seriale RS485 (cavo BUS) come riportato nella tavola relativa al layout di impianto. Non sono ammesse tipologie a stella, ad anello o di altro tipo. La linea seriale deve essere posata separatamente da altri cavi, alimentati a tensioni diverse, e lontano da cavi o dispositivi che possano indurre disturbi di natura elettromagnetica. 10 ILLUMINAZIONE ESTERNA Si prevede la riqualificazione dell illuminazione esterna esistente attraverso la realizzazione di un nuovo impianto con sviluppo interrato delle linee di alimentazione e la fornitura e posa in opera di corpi illuminanti dotati di ottica cut-off nel rispetto di quanto previsto dalla legge regionale n. 15/2005 e di lampade con tecnologia LED. I corpi illuminanti saranno installati su paletti in acciaio zincato elettrocolorato. L impianto sarà dotato di interruttore astronomico che regolerà in automatico l accensione e lo spegnimento. 11 IMPIANTO FOTOVOLTAICO L'intervento proposto è stato strutturato tenendo conto del fabbisogno di energia elettrica annuale dell edificio oggetto di intervento e delle nuove utenze rappresentate dal sistema a pompa di calore per il condizionamento dell edificio e per la produzione di acqua calda sanitaria. Il dimensionamento dell impianto di produzione di energia elettrica con tecnologia fotovoltaica è stato dimensionato alla luce: RTP.Ingg. Pasquale Degli ATTI, Vincenzo URSO, Elisa VINCENTI 8

10 della riduzione del 25% del fabbisogno per l illuminazione interna degli ambienti grazie all'utilizzo di lampade con tecnologia led; del fabbisogno di energia elettrica per l'installazione della pompa di calore elettrica, dei relativi ausiliari, dell impianto di ventilazione e dei ventilconvettori (5 ore per 6 giorni alla settimana per 6 mesi); del fabbisogno dell impianto di illuminazione esterna. Alla luce di quanto innanzi si stima un fabbisogno complessivo pari circa kwh, pertanto la potenza nominale del generatore fotovoltaico, ovvero la somma delle singole potenze nominali di ciascun modulo, in grado di soddisfare più del 50% del futuro fabbisogno energetico di energia elettrica è pari a 15 KWp. Il beneficio economico viene valutato come somma del risparmio del costo dell'energia utilizzata e dall'eventuale incentivo statale. Sono evidenti gli indubbi vantaggi ambientali di tale intervento in quanto riducono la quantità di emissioni di sostanze inquinanti nell'atmosfera in proporzione alla quantità di olio combustibile risparmiato in centrale necessario a produrre circa kwh annui. Potenza fotovoltaico nuovo impianto KWp Risparmio Annuo KWh TEP risparmiate x anno TEP/Mwatt TEP risparmiate x 20 anni TEP/Mwatt Emissioni evitate di CO2 [kg] anno Emissioni evitate di SO2 [kg] anno Emissioni evitate di NOx [kg] anno Emissioni evitate di Polveri [kg] anno , , , RIMODULAZIONE DEGLI SPAZI ESTERNI ED ELIMINAZIONE DEGLLE BARRIERE ARCHITETTONICHE L area di pertinenza dell intero complesso scolastico è pari a 1600 mq di cui circa 300 mq è destinata a verde mentre la restante parte è costituita da pavimento in pietrini di cemento. Si rileva la presenza di un teatro/agorà all'aperto privo di accessi per soggetti diversamente abili. Al fine di favorire la fruizione degli spazi aperti da parte dei bambini a fini ludico ricreativi ed al contempo apportare significativi miglioramenti del microclima esterno attraverso: la riduzione dell effetto isola di calore; l aumento dell indice di permeabilità della superficie esterna; si prevede una rimodulazione complessiva dello spazio esterno come illustrato negli elaborati grafici allegati alla presente relazione. Viene prevista inoltre la realizzazione di una nuova rampa per diversamente abili in profilati di acciaio e lamiera corrugata in corrispondenza dell uscita di emergenza RTP.Ingg. Pasquale Degli ATTI, Vincenzo URSO, Elisa VINCENTI 9

11 antistante l aula n. 2 e la contestuale realizzazione di un apertura in corrispondenza della finestra del ballatoio esterno. 13 RIMODULAZIONE DEGLI SPAZI INTERNI PER ADEGUAMENTO IGIENICO SANITARIO In ottemperanza al parere igienico sanitario rilasciato dal Dipartimento di Prevenzione e Servizio Igiene e Sanità Pubblica, Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro e Servizio Igiene degli Alimenti dell ASL di Lecce, acquisito dal Comune di Surbo in data 12/09/2013 prot , con il presente progetto sono stati previsti i seguenti interventi: Adeguamento del bagno per docenti a portatori di disabilità dotato di antibagno; Fornitura e posa in opera di porte basse con molla a chiusura per i servizi igienici degli infanti; Realizzazione di impianto di areazione artificiale con ricambio minimo di 10 volumi/ora in corrispondenza dell antibagno dei servizi igienici per docenti, dello spogliatoio servizi personale e della dispensa; Realizzazione di antibagno in corrispondenza di ognuno dei servizi igienici per infanti; Adeguamento dei servizi igienici per personale cucina dotato di spogliatoio e vano docce; Non è stata prevista con il presente progetto la realizzazione dell impianto di aspirazione dei fumi e/o vapori derivanti dalle operazioni di cottura in quanto tale intervento risulta incompatibile con le finalità dell intervento di efficientamento energetico e miglioramento della sostenibilità ambientale degli edifici, pertanto tale intervento dovrà realizzato dall amministrazione con fondi propri. E stato inoltre prevista la rimodulazione dello spazio ludico ricreativo al fine di realizzare lo stesso come refettorio attraverso la realizzazione di una muratura in gasbeton dotata di idonee aperture con vetro di sicurezza e di due porte di accesso con apertura a molla dotate di oblò. 14 STOCCAGIO ACQUE PIOVANE E SISTEMI DI RIDUZIONE DEL CONSUMO DI ACQUA PER USI INDOOR È previsto lo stoccaggio delle acque piovane in apposita vasca di capacità pari a 23 mc di cui 14.4 mc dedicati all impianto antincendio. Tale vasca risulta collegata alla rete dell acquedotto pugliese. Con il presente progetto si prevede l utilizzo della capacità RTP.Ingg. Pasquale Degli ATTI, Vincenzo URSO, Elisa VINCENTI 10

12 residua pari a 8 mc per usi indoor dotando la vasca in parola di due galleggianti, il primo, collegato alla rete idrica comunale, consente di garantire il livello minimo di riempimento della vasca di pari 15 mc ai fini antincendio, il secondo galleggiante dà il consenso per l alimentazione delle cassette di scarico dei vasi igienici presenti nell edificio secondo la seguente modalità di funzionamento del sistema di adduzione idrica: il sistema di pompaggio costituito da un elettropompa sommersa e da una tubazione in polipropilene da 32mm convoglierà la quantità di acqua immagazzinata nella vasca in un serbatoio di riserva in polietilene da litri, da installare nell attuale vano antincendio, dotato di un gruppo di pressurizzazione. Dal serbatoio di cui innanzi si diramerà la rete di distribuzione idrica che servirà le utenze. Si prevede il reintegro di acqua dalla rete pubblica nel caso di carenza di acqua piovana nella vasca da realizzare a monte del serbatoio. 15 ISOLA ECOLOGICA E POSTEGGIO BICICLETTE Al fine consentire la raccolta differenziata è prevista la realizzazione di un isola atta ad ospitare i diversi contenitori di rifiuto (carta, alluminio, plastica, vetro e indifferenziata). E prevista la realizzazione di un area di sosta attrezzata per biciclette. 16 INTERFERENZA CON SOTTOSERVIZI L intervento in oggetto, interessa la scuola e l area interna al perimetro della stessa dove tutti gli impianti esistenti sono a valle dei punti di consegna di competenza dell utente, pertanto, non esiste interferenza alcuna con eventuali sottoservizi che insistono su pubbliche vie. 17 VERIFICA STRUTTURE La struttura oggetto dell intervento da un esame a vista non presenta lesioni, fessurazioni o distacchi di nessun tipo, per la stessa esiste un certificato di collaudo con relative prove di carico redatto in data a firma dell ing. Angelo Mele (ordine ingegneri di Lecce numero iscrizione 1526) che attesta la relativa idoneità statica. La struttura non è oggetto di nessun intervento strutturale, pur tuttavia considerato che la data di scadenza del certificato è giugno 2015, si ritiene opportuno procedere al rinnovo dello stesso. RTP.Ingg. Pasquale Degli ATTI, Vincenzo URSO, Elisa VINCENTI 11

13 18 COSTO DELL OPERA L importo complessivo dell opera ammonta ad ,00 come dettagliatamente riportato nel relativo allegato n. 6 Quadro economico. Allegati alla presente: All. 2 All. 3A All. 3B All. 3C All. 3D All. 4A All. 4B All. 5 All. 6 All. 7 All. 8 All.9 All.10 All.11 Tav. 01 Tav. 02 Tav. 03 Tav. 04 Tav. 05 Tav. 6A Tav. 6B Tav. 07 Tav. 08 Tav. 09 Tav. 10A Tav. 10B Tav. 10C Tav. 10D Tav. 10E Tav. 10F Tav. 10G Documentazione fotografica Relazione tecnica specialistica: impianto idrico-fognario Relazione tecnica specialistica: Impianto termico Relazione tecnica specialistica: impianto elettrico Relazione tecnica specialistica: impianto fotovoltaico Elenco prezzi unitari Analisi prezzi unitari Computo metrico estimativo Quadro economico Incidenza della Manodopera Schema di Contratto e Capitolato Speciale di Appalto Cronoprogramma dei Lavori Piano di manutenzione dell opera Piano di Coordinamento della Sicurezza, Fascicolo dell Opera; Costi della Sicurezza; Planimetria Inquadramento Urbanistico Territoriale Area esterna: Stato di fatto e proposte migliorative Architettonico - Rilievo dello Stato di Fatto dell involucro edilizio: Planimetrie, prospetti e sezioni Analisi delle Criticità: Planimetrie, Prospetti e sezioni Interventi di efficientamento dell involucro edilizio: Planimetrie, Prospetti e Sezioni Progetto Architettonico: Demolizioni, ricostruzioni e risanamenti, Planimetrie, prospetti e sezioni Progetto Architettonico: Planimetrie, Prospetti e Sezioni Abaco degli infissi Assonometrie solari Layout impianto di illuminazione interno ex ante/ex post intervento Pianta piano terra Layout terminali impianto termico ex ante intervento Pianta piano terra Zone Termiche pianta piano terra Indicazione del fabbisogno energetico per ambiente Pianta piano terra Layout montanti di impianto termico: linea radiatori Pianta seminterrato e piano terra Layout montanti di impianto termico: linea fan coils Pianta piano terra Layout impianto termico Pianta piano terra Layout linea condensa fan coils Pianta piano terra RTP.Ingg. Pasquale Degli ATTI, Vincenzo URSO, Elisa VINCENTI 12

14 Tav. 11 Tav. 12A Tav. 12B Tav. 13 Tav. 14 Tav. 15 Tav. 15A Tav. 16 Tav. 17A Tav. 17B Tav. 17C Layout Impianto di ventilazione forzata Pianta piano terra Schema Funzionale impianto di condizionamento Schema d impianto di gestione terminali di condizionamento Layout Impianto Idrico sanitario Pianta piano seminterrato e piano terra Layout Impianto fognario dei servizi igienici Pianta piano terra Layout impianto fotovoltaico planimetria generale Layout impianto fotovoltaico: Particolari Layout impianto di illuminazione esterna planimetria generale Layout impianto elettrico Pianta area esterna Layout impianto elettrico Pianta piano terra Schemi elettrici unifilari quadri di comando Lecce, Ottobre 2014 I Progettisti Ing. Pasquale DEGLI ATTI Ing. Vincenzo URSO Ing. Elisa VINCENTI RTP.Ingg. Pasquale Degli ATTI, Vincenzo URSO, Elisa VINCENTI 13

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza.

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Tema Isolamento termico ad alta efficienza energetica Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Le informazioni, le immagini,

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V Serie Genio Tecnic Moduli termici a premiscelazione a condensazione Emissioni di NOx in classe V Serie Genio tecnic Vantaggi Sicurezza Generatore totalmente stagno rispetto all ambiente. Progressiva riduzione

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

fotovoltaico chiavi in mano

fotovoltaico chiavi in mano chiavi in mano 1 Tetto a falda - silicio monocristallino ad altissima efficienza / disponibile da 1 a 20KWp I moduli fotovoltaici più efficienti al mondo (19,5%) ed inverters di stringa SUNPOWER garantiti

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente punt energia I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO Assessorato Ecologia e Ambiente I nuovi regolamenti edilizi comunali Progetto a cura

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O 023573g Valvola a sfera in ottone cromato di diam. 2" con maniglia a leva gialla. Si intende compreso nel prezzo la mano d'opera e quanto altro necessario a rendere l'opera finita

Dettagli

Nuova tecnologia solare Beretta

Nuova tecnologia solare Beretta Nuova tecnologia solare Beretta Risparmio, energia e ambiente Detrazioni fiscali del 55% Nei casi contemplati dalla normativa. 1 Beretta Clima: i professionisti del solare Beretta Clima, specializzata

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

Sistema solare termico

Sistema solare termico Sistema solare termico 1 VELUX Collettori solari VELUX. Quello che cerchi. Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Alte prestazioni, massima durabilità, facile installazione Sempre più

Dettagli

Sistemi di trattamento aria per impianti radianti

Sistemi di trattamento aria per impianti radianti Sistemi di trattamento aria per impianti radianti Da trent anni lavoriamo in un clima ideale. Un clima che ci ha portato ad essere leader in Italia nel riscaldamento e raffrescamento radianti e ad ottenere,

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti THERMATILE & BREVETTATO Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti 1 Che cos è? Thermatile è l innovativo sistema brevettato di riscaldamento radiante in fibra di carbonio, di soli 4 millimetri

Dettagli

PAGLIARDINIASSOCIATI. SistemaVMF. Sistema Integrato VMF Tutta l idronica ai tuoi comandi

PAGLIARDINIASSOCIATI. SistemaVMF. Sistema Integrato VMF Tutta l idronica ai tuoi comandi PAGLIARDINIASSOCIATI * SistemaVMF Sistema Integrato VMF Tutta l idronica ai tuoi comandi Sommario VMF. Sistema Variable Multi Flow...3 Componenti principali del sistema VMF...5 Ventilconvettori con nuovi

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

Centrale Generativa e Energie alternative Pianta ergonomica dei componenti

Centrale Generativa e Energie alternative Pianta ergonomica dei componenti Soluzione 3 Dimensioni Nuova Sala Termica Cortina 30 ottobre 2013 agg. 12 Novembre 2013 agg. 18 Novembre 2013 Comune di Cortina d'ampezzo Provincia di Belluno 1,50 0,80 Pompa di Calore Aermec ANLI 021H

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli