RILIEVI E INDAGINI DIAGNOSTICHE NON DISTRUTTIVE PRELIMINARI AL PROGETTO DI RECUPERO STRUTTURALE DELLA CRIPTA DELLO SPIRITO SANTO IN MONOPOLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RILIEVI E INDAGINI DIAGNOSTICHE NON DISTRUTTIVE PRELIMINARI AL PROGETTO DI RECUPERO STRUTTURALE DELLA CRIPTA DELLO SPIRITO SANTO IN MONOPOLI"

Transcript

1 RILIEVI E INDAGINI DIAGNOSTICHE NON DISTRUTTIVE PRELIMINARI AL PROGETTO DI RECUPERO STRUTTURALE DELLA CRIPTA DELLO SPIRITO SANTO IN MONOPOLI LECCE,

2 PREMESSA Con riferimento all incarico relativo alla campagna di rilievi ed indagini diagnostiche preliminari al progetto di recupero strutturale della cripta, si riportano di seguito i principali risultati ottenuti. Le indagini sono state effettuate mediante metodologie non distruttive con apparecchiature in dotazione ai Laboratori di Informatica Applicata ai Beni Culturali e di Archeometria, Diagnostica e Conservazione dell IBAM di Lecce e con quelle del Laboratorio di Indagini in Situ per l Ambiente Costruito e il Patrimonio Culturale dell IBAM di Potenza. Si sono effettuati i seguenti rilievi ed analisi: a) Rilievo tridimensionale dello stato attuale. Restituzione attraverso scansione laser 3D eseguita con uno scanner Leica HDS ScanStation2, velocità max. di punti al secondo, con portata max di 300 m, precisione circa 0.3 cm, a tempo di volo. b) Individuazione di zone interessate da fenomeni di umidità. Misure di superficie con strumentazione portatile (tipo Protimeter), Termometro e Termocamera ad infrarossi. c) Individuazione delle forme di dissesto strutturale della volta e delle strutture portanti della cripta. Le apparecchiature impiegate per tale indagine sono Termocamera ad infrarossi della FLIR di ultima generazione con sensore infrarosso < 45 mk. e GPR Impulsato della IDS dotato di antenne a bassa frequenza ( Mhz) ed alta frequenza (900 Mhz 2 Ghz). d) Individuazione di superfici interessate da distacco di intonaci o della pellicola pittorica; Termocamera ad infrarossi. e) Individuazione delle caratteristiche di rigidezza, dello stato di degrado e della presenza di eventuali disomogeneità e fessure interne su pilastri e colonne della navata, rilevati attraverso la misura della velocità di propagazione di onde elastiche nella frequenza degli ultrasuoni (55 Khz) mediante apparecchiatura della MAE Mod. A 5000 U. f) Individuazione dello spessore e delle disomogeneità strutturali dell ammasso roccioso costituente la volta e sua caratterizzazione geomeccanica. Conoscenza ed individuazione di disomogeneità strutturali dei terreni costituenti il sottosuolo della cripta. Strumentazione impiegata GPR impulsato della IDS dotato di antenne a bassa frequenza ( Mhz) ed alta frequenza (900 Mhz 2 Ghz) e sismografo a 24 canali Mod. Geode della Geometrics. 1

3 RISULTATI PARTE 1 a Rilievo e restituzione tridimensionale attraverso scansione laser Arch. Francesco Gabellone IBAM ITLab, Lecce Negli ultimi anni il patrimonio rupestre è stato da più parti sottoposto ad una sempre crescente azione di salvaguardia e tutela. Molti ed eterogenei sono stati, appunto, i soggetti pubblici e privati che, a diverso titolo, hanno contribuito a sollevare grande interesse verso queste testimonianze culturali, a ragione definite con l appellativo di civiltà rupestre. Il senso di questa civiltà, ovvero di questa identità culturale, ci è trasmesso proprio dai segni tangibili che oggi possiamo scorgere in quelle opere che le generazioni passate hanno saputo imprimere nelle cavità ipogeiche che di volta in volta sono divenute ripari, case, chiese, intere città. Ebbene questo patrimonio possiede una peculiarità unica nella storia dell architettura, ogni muro, volta, incavo, ricavato per via di levare, è un pezzo unico non ripetibile. Questo valore deriva, per ovvie ragioni, dalla natura stessa delle costruzioni, che imitano le architetture a cielo aperto, ma lo fanno in negativo, producendo a volte complesse soluzioni planimetriche che potremmo definire organiche. Il loro sviluppo procede in modo naturale e sinuoso, le pareti sono spesso curve e non a piombo, i soffitti e le volte scivolano su piani inclinati, tutto nella geometria delle superfici è imprevedibile. Nonostante questa apparente libertà costruttiva, questi monumenti esprimono un chiaro indirizzo tipologico, che li classifica secondo i comuni canoni dell architettura e li riporta su un piano di lettura più tradizionale sebbene singolare. Lo studio morfologico ed architettonico di questi spazi ipogeici, proprio per le considerazioni anzidette, presuppone un approccio conoscitivo mirato al riconoscimento delle singolarità costruttive e, proprio perché nessun elemento architettonico può essere ricondotto, a priori, a forme planari e regolari, il loro rilievo deve necessariamente seguire una procedura il più possibile rigorosa e precisa, senza semplificazioni. A tal fine vorrei sottolineare quanto l uso delle metodologie di rilievo indiretto, che utilizza per le misurazioni strumentazioni ottiche, meccaniche o informatiche, ha rappresentato un valido supporto alle difficoltà di un rilievo diretto tradizionale, permettendo di raggiungere risultati di grande precisione e accuratezza, con minor impiego di tempo. Il rilievo indiretto attivo, in particolare, 2

4 segna nella storia della disciplina una vera e propria rivoluzione, assicurando un livello di precisione e accuratezza delle misurazioni che è dato, in massima parte, dalla qualità strumentale, certificata secondo norme rigorose. Al contrario la tecnica fotogrammetrica (rilievo indiretto passivo), malgrado comporti costi hardware più contenuti, risente maggiormente sia dell apporto dell operatore che delle fasi di calibrazione strumentale, e può produrre, se non usata con attenzione, errori residuali anche considerevoli. Il rilievo della Chiesa Rupestre dello Spirito Santo a Monopoli è stato eseguito mediante metodo indiretto attivo, con l uso di uno scanner laser Leica ScanStation 2 di ultima generazione. ScanStation 2 ha fissato nuovi standard per versatilità, produttività e facilità d'uso nei rilievi ad alta definizione, con una velocità massima di scansione di punti/sec. Questo strumento è classificato come scanner a impulsi o time-of-flight, usa la luce laser per misurare le distanze e rilevare morfologie tridimensionali di superfici riflettenti. Alla base di questo tipo di dispositivo vi è un sensore a tempo di volo che calcola la distanza tra lo strumento e una superficie cronometrando con grandissima precisione il tempo di andata e ritorno di un impulso di luce (appunto il tempo di volo). Un diodo laser emette un impulso di luce e lo strumento rileva il tempo intercorrente tra l'emissione dell'impulso e il ritorno sul rilevatore all'interno dello strumento (fotodiodo). Poiché la velocità della luce c è una costante nota, il tempo di andata e ritorno determina la lunghezza della corsa della luce, che è due volte la distanza fra il dispositivo di scansione e la superficie di riflessione; quindi la distanza misurata è uguale a t/2c. Date le particolarità morfologiche del monumento oggetto di studio e l estensione dello spazio da rilevare è stato adottato per il rilievo un passo poin-to-point di 4 mm, che rappresenta anche il valore di maggiore precisione sperimentato dello strumento. Tale parametro ha permesso di ottenere una risoluzione mesh elevata, adeguata alle finalità del rilievo, ma al tempo stesso ha determinato una enorme complessità del modello 3D, che ha imposto soluzioni di post-processing complesse. Il rilievo ha interessato una superficie complessiva in pianta di circa 458 mq, che si estende dai limiti esterni segnati dalle due strade che la perimetrano, fino all abside sul lato opposto all ingresso attuale (Fig. 03). La superficie lorda interna, misurata a livello del piano di calpestio, misura 136,12 mq e si articola in due spazi stilisticamente distinti a livello architettonico, adiacenti uno all altro, ma conformanti uno spazio unitario, senza soluzione di continuità. 3

5 Il primo spazio si sviluppa dall attuale ingresso fino a circa 9 metri dalla parete Nord. Esso risulta scandito dalla presenza di quattro colonne con capitelli e pulvino e due pilastri, probabilmente frutto di un frettoloso restauro moderno. Da queste colonne si dipartono archi a tutto sesto che segnano la lunghezza delle tre navate, caratterizzate da copertura a pseudo-volte a crociera, tali da conferire a questo spazio una tipologia basilicale. A livello funzionale, il muro Nord ed Est di questo spazio, sono perimetrati alla base da una canalina scavata nella roccia, realizzata allo scopo di convogliare le acque piovane introdotte nell ipogeo da vistose aperture sulle pareti. Il secondo spazio che si sviluppa in direzione Est-Ovest oltre la parte a basilica, è caratterizzato da tre absidi, delle quali due affrescate, ha altezza diversa da quello precedente e non presenta altri particolari caratteri di pregio. Il rilievo ha complessivamente prodotto circa 40 milioni di poligoni, alla risoluzione mesh di 4 mm. Date le difficoltà di gestione su computer desktop il modello è stato partizionato in quattro parti ad alta risoluzione e successivamente è stato decimato con un parametro di curve filtering pari ad 80, per portarlo ad una complessità di 5 Milioni di poligoni. Naturalmente questo filtraggio ha permesso di mantenere alto il livello di dettaglio nelle zone con maggiore curvatura (e quindi maggiore complessità morfologica) e di eliminare dati ridondanti nelle zone pseudo-planari (muri laterali). Il modello 3D della Chiesa rupestre dello Spirito Santo, rappresenta al momento, solo il punto di partenza di un percorso di conoscenza integrata del monumento. È auspicabile che il lavoro eseguito per la conoscenza dello stato attuale della morfologia interna ed esterna della cripta sia seguito da un aggiornamento post rem, al fine di costruire una piattaforma di conoscenza in cui il modello 3D rappresenti un contenitore virtuoso di tutti i dati scientifici prodotti. 4

6 Figura 1. Partizione in quattro parti del modello complessivo ad alta risoluzione Figura 2. Esempio di sub-scans di un quarto del modello 5

7 Figura 3. Nuvola di punti del modello complessivo Figura 4. Sezione BB a falsi colori. Nuvola di punti. Le zone rosse sono a più alta riflettanza, le gialle a minore riflettanza 6

8 Figura 5. Sovrapposizione di un precedente rilievo diretto (in rosso) con i risultati della scansione laser Seguono n. 20 Tavole VEDI ALLEGATI 7

9

10 PARTE II a RILIEVI TERMOIGROMETRICI PUNTUALI DELLE SUPERFICI Giovanni Quarta IBAM Lecce Laboratorio di Diagnostica, Archeometria e Conservazione Nel piano diagnostico preliminare sono state previste misure di temperatura e umidità superficiale da acquisire puntualmente con strumentazioni di tipo non distruttivo. In particolar sono state effettate misure di temperatura superficiale mediante termometro infrarosso della LAFAYET. Mod. TRT 19. Misure sullo stato termoigrometrico delle superfici sono state acquisite mediante Protimeter della PLC Mod. SURVEY MASTER SM. I dati termoigrometrici sono stati acquisiti in corrispondenza dell abside, dove è rappresentata una scena di crocifissione (Fig.1), sulla parete sud, posta di fronte all ingresso attuale dove sono collocate due absidi (Fig.2), e sulla parete laterale destra (lato ovest) in corrispondenza della seconda lunetta, dipinta, ma ricoperta di spessi scialbi biancastri (Fig 3). Tali misure sono state acquisite secondo una griglia con maglia regolare. Altre misure puntuali sono state acquisite anche sulle altre pareti. I valori di temperatura (T) e umidità relativa (U.R.) interni ed esterni, rilevati durante le misure sono i seguenti: T=19,3 C 72% U.R interno, 21,3 C 45% U.R, esterno. I dati di temperatura superficiale e di umidità rilevati in corrispondenza dell abside posto sul lato sinistro della cripta sono riportati in Fig.1. Come si può osservare, nella parte bassa della lunetta (1 a e II a linea di misure) i valori di umidità superficiale sono molto elevati, soprattutto in corrispondenza di una area più scura di forma circolare, mentre procedendo verso la parte alta i valori decrescono in maniera sensibile fino a livelli di umidità normali. I valori di temperatura superficiale rilevati si mantengono costanti dal piano calpestio fino a circa 1,5 m dal p.c. per aumentare di pochi decimi di grado nella parte alta della lunetta. Sulla parete sud (Fig. 2) sono stati rilevati valori di umidità superficiali molto alti e rilevabili anche microscopicamente da un evidente effetto bagnato. Solo in corrispondenza dell abside si ha un debole decremento dell umidità nella parte alta della lunetta. Anche in questa zona i valori di temperatura superficiale decrescono partendo dal basso verso l alto passando da 14,4 C, in corrispondenza del piano di calpestio, a 15,4 nei pressi della volta. Sulla 2 a lunetta della parete ovest, ubicata a sinistra dell attuale ingresso, valori di umidità sono molto elevati fino circa 1,2 m dal piano calpestio per diminuire fino a valori normali nella zona medio-alta della lunetta. Anche i valori di temperatura superficiale registrano un aumento dal basso verso l alto,come peraltro registrato sulle pareti precedentemente analizzate. 9

11 Le misure puntuali eseguite sulla prima lunetta sempre della stessa parete, anche se in numero più limitato, hanno restituito valori di umidità simili a quelli della seconda lunetta, mentre i valori di temperatura, pur mostrando lo stesso trend, sono leggermente più elevati. Sulle pareti Est e Nord sono state eseguite solo misure di T superficiale. I dati acquisiti indicano che in corrispondenza della parete Nord si sono registrati i valori più bassi (13 C), mentre su quella est i valori di temperatura decrescono dalla parete Sud verso quella Nord , ,8 0, , ,1 FIGURA 1 - PARETE EST ALTARE CON ABSIDE DIPINTO - Umidità superficiale: valore protimeter Temperatura superficiale: termometro IR 10

12 15, , , , , , , , ,4 FIGURA 2 - PARETE SUD ABSIDE DI SINISTRA 11

13 , , , FIGURA 3 - PARETE OVEST 2 a LUNETTA CON DIPINTI RICOPERTI DI SCIALBI 12 BIANCHI

14 15, ,2 15, ,0 15, ,4 FIGURA 4 - PARETE OVEST 1 a LUNETTA CON DIPINTI RICOPERTI DI SCIALBI BIANCHI 13

15 14,4 13,6 PARETE NORD 13,6 14,2 14,2 PARETE EST 13,6 13,4 13,6 13,7 13,9 13,4 13,0 13,5 13,5 13,8 FIGURA 5 - PARETI EST E NORD Conclusioni Dai rilievi effettuati si è potuto stabilire che le parti basse delle pareti superficiali della cripta sono interessate da una umidità molto alta da correlare verosimilmente a fenomeni di risalita capillare. Non sono da escludere anche la differente possibilità di asciugamento delle pareti che in particolari condizioni (formazione di condensa) accumulano umidità che poi rilasciano gradualmente in situazioni termoigrometriche di asciugamento favorevoli. A fenomeni di condensa, infatti, sono da correlarsi gli elevati tenori umidità rilevati in corrispondenza della parete Sud sulla quale la presenza di umidità era rilevabile sia ad occhio nudo sia al tatto. Tale parete, oltretutto, versa in condizioni di degrado/dissesto molto preoccupanti, pertanto la presenza di acqua, derivante anche da infiltrazioni dall esterno, rappresenta un ulteriore fattore di accelerazione di degrado del monumento. In corrispondenza delle superfici dipinte dell abside della parete est (scena crocifissione) la presenza di una macchia scura è verosimilmente ascrivibile ad umidità (dispersa o di risalita), in accordo anche con le misure rilevate. 14

16 La parete ovest (a destra dell attuale ingresso) con dipinti ricoperti di scialbi biancastri risentono dell umidità solo nelle parti basse, mentre in corrispondenza delle parti in alto, ed in particolare sul tassello di pulitura, i valori di umidità sono nella media e talvolta anche al disotto di essa (0,8 sul tassello di pulitura). 15

17 PARTE III a INDAGINI NELLO SPETTRO DELL INFRAROSSO. Ing. Edoardo Geraldi, Ing. Carmen Dolce IBAM sede di Potenza 16

18 Le indagini nello spettro dell infrarosso sono state svolte nel corso di tre sessioni, una prima di saggio delle condizioni della cripta e due di rilievo, finalizzate ai seguenti obiettivi: Individuazione di fessurazioni della volta rocciosa della cripta mediante l individuazione di zone con contenuto anomalo di umidità. Individuazione di zone interessate da fenomeni di umidità. Individuazione di superfici interessate da distacco di intonaci o della pellicola pittorica e individuazione delle tessitura murarie La termografia nello spettro dell infrarosso La sempre diffusione nella letteratura scientifica e tecnica di applicazioni mostra in modo chiaro come sia acquisito che tale metodologia nel settore delle tecniche di analisi non distruttive rappresenti una tecnica diagnostica e conoscitiva estremamente versatile ed efficiente con un orizzonte di applicazioni molto ampio. Tra i punti di forza di tale tecnica diagnostica si segnala la possibilità di monitorare ed osservare tanto la storia del manufatto che le condizioni di conservazione di questo, a distanza e in modo assolutamente non invasivo. Non è quindi un caso se anche la letteratura scientifica riguardante le applicazioni nel settore dei Beni culturali si sia andata significativamente ampliando nel corso degli ultimi anni. In generale, l analisi termografica consente di evidenziare le diverse risposte in temperatura causate da differenze di conducibilità e di capacità termica tra i materiali posti in prossimità della superficie entro i primi centimetri dell apparecchiatura muraria. Come è noto, la temperatura superficiale di un qualsiasi manufatto edilizio è legata ai meccanismi di trasmissione del calore che spontaneamente si generano nello spessore che ne definisce l involucro architettonico, funzione delle variabili condizioni al contorno che definiscono il problema da un punto di vista fisico. In generale, la variazione di tali condizioni al contorno, sia essa generata da fenomeni spontanei (irradiazione solare) o indotta artificialmente (impianti di riscaldamento), determina nello spessore della struttura muraria fenomeni di transitorio termico i cui effetti sui materiali costituenti possono essere visualizzati attraverso l analisi delle immagini termiche (termogrammi) della superficie indagata. 17

19 Tale indagine condotta in modo assolutamente non distruttivo né invasivo ha il vantaggio di poter essere eseguita anche ad una certa distanza dalla superficie da indagare senza l ausilio di ponteggi ed impalcature e utilizzando una strumentazione portatile. Le applicazioni nel settore della diagnostica architettonica a cui si intende qui fare riferimento possono essere ricondotte all analisi delle tessiture murarie, delle stratificazioni delle fasi costruttive, dei dissesti termo-igrometrici. L evidenziazione di aggiunte, modificazioni (tamponature di porte e finestre) ed elementi celati all interno dell apparecchiatura muraria così come di discontinuità nei materiali con evidenziazione di elementi lapidei (archi, architravi, portali, capitelli, lesene, cornici, paraste, etc.), laterizi (archi, interventi di riparazione, etc.), elementi metallici (chiodi, chiavi, staffe catene) o la presenza di elementi strutturali afferenti a precedenti fasi costruttive (pilastri, architravi, archi di scarico) consente spesso la ricostruzione tanto delle caratteristiche tipologico-geometriche delle apparecchiature murarie quanto l individuazione di punti di particolare debolezza che sono di frequente all origine di dissesti (presenza di discontinuità nelle murature quali aperture tamponate senza ammorsature, vecchie canne fumarie, riprese murarie debolmente ammorsate, etc.). Dal quadro descritto si comprende quale apporto conoscitivo tale tecnica non distruttiva sia in grado di restituire fornendo la possibilità di acquisire in modo estremamente rapido, informazioni fondamentali per lettura di superfici estese celate da uno strato di intonaco grazie all evidenziazione delle discontinuità nelle caratteristiche fisico-termiche dei materiali costituenti i primi centimetri del paramento murario non a vista. La differenza di risposta alla sollecitazione termica di materiali quali legno, metallo, mattoni, pietra e della stessa malta di allettamento fra conci o la presenza di acqua può quindi essere visualizzata mediante l analisi delle alterazioni di temperatura che tali disomogeneità producono. Strumentazione Le riprese sono state effettuate utilizzando una termocamera FLIR SC660 microbolometrica. Questa apparecchiatura termografica, di ultima generazione, opera nella banda spettrale long wave tra gli 7,5 e i 13 micron con risoluzione termica < 45 mk e risoluzione 640x

20 Metodologia di indagine Da un punto di vista metodologico le indagini sono sono state condotte in condizioni termiche dinamiche mentre per quanto riguarda la modalità di stimolazione termica del materiale sono state utilizzate lampade infrarosso utilizzando una procedura attiva ossia analizzando le variazioni di temperatura indotte sulle superfici della volta e pareti dal sistema di stimolazione termica. Da questo segue che l alterazione sulle condizioni microclimatiche interne indotte dal sistema di stimolazione termica non consente una valutazione delle reali condizioni di umidità delle pareti rocciose della Cripta e pertanto, per le valutazioni sulle condizioni igrometriche all interno si rimanda al contributo del dott. Giovanni Quarta, illustrato in precedenza. 19

21 Indagini sulla volta rocciosa Sin dai primi saggi condotti sulla copertura rocciosa si è evidenziata la presenza di false anomalie indotte dall estrema variabilità delle caratteristiche delle superfici (tanto in termini di materiali che di emissività) e dalla presenza di efflorescenze vegetali ed altri elementi connessi con gli interventi che si sono succeduti nel corso del tempo. Di seguito vengono riportate alcune immagini al visibile ed infrarosso (termogrammi) relativi alle situazioni più emblematiche (si veda anche tavola E.10) 20

22 Come si evince dalla breve sequenza di immagini campione tutte le anomalie riconducibili ad una ipotetica presenza di alterazione delle temperature prodotta dalla presenza di fenomeni di evaporazione associabili a fessurazioni nella volta rocciosa con presenza di acqua si sono dimostrate non univocamente identificabili a causa dello stato delle superfici. In particolare le anomalie evidenziate nelle immagini precedenti si sono sempre rivelate riconducibili a ragnatele o presenza di materiali estranei. 21

23 22

24 Indagini sulla parete SUD La parete SUD della Cripta (si veda tav. E.6) è interessata da significativi fenomeni di dissesto statico. L indagine condotta ha permesso l identificazione della tessitura muraria del paramento celato dallo strato di intonaco e l evidenziazione delle zone di distacco di quest ultimo. In tale area, come si evince dalla tavola che segue, è possibile identificare con buona approssimazione l interfaccia tra la zona tamponata in blocchi di pietra e la struttura rocciosa. Sulla tavola E.6 vengono inoltre evidenziate le interfacce tra i blocchi geometricamente omogenei costituenti il paramento murario. 23

25 24

26 Le superfici affrescate (Navata EST) Nello specifico, analizzando l immagine termica della nicchia, dal basso verso l alto (cfr. tav.e.3), è possibile distinguere un anomalia termica che interessa un area irregolare posta in asse alla nicchia (A), all interno della quale è possibile individuare una ulteriore anomalia definita in modo netto da due linee nette ortogonali tra di loro (A1). Le due linee nette potrebbero far pensare alla presenza di un possibile foro regolare realizzato nella roccia (si potrebbe trattare di un tabernacolo), mentre l area che lo ingloba al suo interno potrebbe essere ricondotta all originario intervento di scasso. L anomalia sarebbe in questo caso riconducibile agli interventi di ripristino e tamponatura del foro. Sulla stessa nicchia, in alto, è stata evidenziata un area con i bordi piuttosto irregolari (B), riconducibile ad una zona di possibile distacco di intonaco. Altre anomalie (e-d) sono di incerta interpretazione. Nella parte inferiore della nicchia, sul basamento dell altare (cfr. tav.e.4), è possibile leggere in maniera chiara la tessitura muraria, costituita da blocchi squadrati, la cui omogeneità è interrotta da un anomalia (D) riconducibile a una zona di probabile scasso e risarcitura della muratura. Per ulteriori note si rimanda alle tavole. 25

27 26

28 27

29 28

30 29

31 30

32 31

33 32

34 33

35 Conclusioni Dai risultati delle rilevazioni ed elaborazioni eseguite si evince in sintesi quanto segue: 1. Non sono stati individuati nella volta rocciosa zone di significativa alterazione dei valori di umidità che possano essere riconducibili alla presenza di fratturazione o fessurazioni della volta rocciosa. L elevata risoluzione della strumentazione utilizzata ha dato spesso dei falsi positivi riconducibili a semplici ragnatele. 2. La zona interessata dai fenomeni di dissesto statico (lato SUD) presenta estese zone di distacco del supporto. La tessitura muraria costituita da conci squadrati è chiaramente identificabile, e con essa la zona di interfaccia con la struttura rocciosa. 3. Sono state al momento identificate alcune significative anomalie in prossimità delle pareti affrescate riconducibili o a rifacimenti durante operazioni di restauro, o a inclusione (parete OVEST, primo quadro) di elementi lapidei nel basamento roccioso che potrebbero essere riconducibili a interventi di consolidamento o sepolture. 4. L analisi dell affresco nella nicchia sull altare della parete EST e del basamento del medesimo altare ha portato all identificazione di possibili scassi nella superficie rocciosa per la collocazione di un tabernacolo e all individuazione di tamponature nel basamento in pietra squadrata dell altare. 34

36 PARTE IV a RILIEVI GEORADAR E SISMICI G. Leucci, G. Quarta, R. Persico, Laboratorio di Diagnostica e Conservazione IBAM Lecce Misure elettromagnetiche impulsive (GPR) all intero della cripta Sono stati eseguiti alcuni rilievi geofisici allo scopo di effettuare una modellizzazione dei primi metri del sottosuolo, indagare sulla presenza di eventuali resti di interesse archeologico, cavità di origine antropica e/o naturale e cercare di stabilire lo stato di conservazione delle mura. A tali fini sono state eseguite indagini di tipo elettromagnetico impulsivo (georadar). Nella prima fase le misure elettromagnetiche impulsive sono state eseguite sulla pavimentazione della Cripta (Fig. 1a e b). a b Fig. 1: Ubicazione dei profili relativi all indagine eseguita Le indagini elettromagnetiche sono state eseguite con strumentazione georadar modello Hi Mod dell IDS e con l utilizzo delle antenne da 200 e 600MHz. Il rilievo georadar consta di N. 49 profili per uno sviluppo complessivo di circa 431 m. Tutti i profili sono stati acquisiti con 512 campioni/traccia; gli altri parametri di acquisizione sono stati ottimizzati in loco e tenuti costanti per tutti i profili di ciascun rilievo. 35

37 La qualità dei dati di campagna, nonostante le cattive condizioni della superficie del piano di calpestio, è risultata discreta grazie a una serie di accorgimenti adottati nella fase di acquisizione. Tuttavia per tentare di eliminare una componente di rumore, comunque presente nei dati, e consentire la semplice interpretazione dei dati stessi è stata realizzata un elaborazione i cui passi sono di seguito elencati: 1) rimozione della traccia media: Questo tipo di filtro permette la rimozione della banda orizzontale visibile nelle sezioni radar, che può rappresentare riflessioni da oggetti che si mantengono a distanza costante dall antenna. Il programma, basandosi su un semplice processo aritmetico, che somma tutte le ampiezze delle riflessioni generate allo stesso tempo lungo il profilo e divide per il numero delle tracce sommate, permette di rimuovere la traccia media e di esaltare, così, gli eventi non perfettamente orizzontali presenti nelle sezioni radar. 2) normalizzazione dell ampiezza (declipping): per eliminare locali saturazioni nell ampiezza delle tracce. Si sceglie un fattore di scala (0.6 nel nostro caso) per il quale saranno moltiplicati tutti i valori dell ampiezza: una procedura di interpolazione che utilizza un polinomio di terzo ordine permetterà la ricostruzione delle forme d onda saturate. 3) migrazione: una tecnica che permette di eliminare distorsioni introdotte nei dati registrati. Una sezione GPR non contiene informazioni unidirezionali a causa del lobo conico di radiazione dell energia per cui alcune riflessioni presenti possono essere generate anche da oggetti posti lateralmente rispetto alla posizione dell antenna. Questo carattere omnidirezionale della registrazione delle riflessioni GPR si manifesta nella generazione di iperboli che possono causare seri problemi nell interpretazione. La migrazione risolve questo problema di immagine riportando l energia al suo vero punto di riflessione. Risultati dei rilievi GPR I profili denominati 1,.., 20, in Fig. 1a sono paralleli ed equispaziati a 0.4m, mentre i profili denominati 21,,31 sono perpendicolari a questi ultimi. L analisi dei dati acquisiti con l antenna da 200MHz ha messo in evidenza (Figg. 3 e 4): una buona penetrazione del segnale che arriva fino a 110ns circa (corrispondente a circa 3.85m di profondità considerando una velocità media di propagazione delle onde elettromagnetiche pari a circa 0.07m/ns); 36

38 la presenza di numerose riflessioni dalla forma caratteristica di iperbole poste a profondità comprese tra 0 e 40ns circa ( m); tali anomalie, per forma e dimensioni, corrispondono alla probabile presenza di strutture antropiche e/o naturali; esse sono visibili su quasi i profili acquisiti nell area. la presenza di alcune riflessioni (sub-orizzontali) del segnale elettromagnetico legate ad un probabile basamento molto stratificato, poste alle profondità comprese tra 30 e 110ns ( m). Fig. 3: Sezioni radar elaborate relative ai profili denominati rispettivamente 1,.20 37

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG)

Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG) Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG) Metodo di indagine termografica La termografia all'infrarosso è una particolare tecnica telemetrica in grado di determinare, con notevole risoluzione

Dettagli

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR Indice - Premessa - Indagine termografica - Documentazione Fotografica e IR Premessa La caratterizzazione fisico-meccanica dei materiali costituenti un manufatto è indispensabile per stabilire un appropriato

Dettagli

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations Technical Advisory Analysis and Structural investigations Dalla gestione del rischio alla creazione di valore Analysis and Structural investigations Testing, Diagnosi, Analisi Valueconsult svolge un servizio

Dettagli

L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 2 a parte

L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 2 a parte Roberto Ricca e-mail: r.ricca@inprotec.it L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 2 a parte 1 Utilizzo della termografia in edilizia Quando può essere effettuato il controllo

Dettagli

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA 1. Introduzione Ogni indagine storica operata su di un manufatto storico è imprescindibile da un corretto ed accurato rilievo, in particolar modo quando

Dettagli

RILIEVI GEOFISICI NEL CENTRO STORICO DELLA CITTA DI MESAGNE (BR)

RILIEVI GEOFISICI NEL CENTRO STORICO DELLA CITTA DI MESAGNE (BR) RILIEVI GEOFISICI NEL CENTRO STORICO DELLA CITTA DI MESAGNE (BR) LECCE, 13.03.2014 1 PREMESSA Con riferimento all incarico relativo alla campagna di rilievi geofisici effettuati nelle aree colpite da dissesto

Dettagli

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica Prove dinamiche e metodi sonici per la determinazione della capacità portante e la verifica in sito dell integrità del materiale costitutivo di diaframmi in c.a. La descrizione seguente dettaglia sulle

Dettagli

Estratto del Report di Analisi Termografica sulla volta della Sala Cambiaso presso Palazzo della Meridiana Genova

Estratto del Report di Analisi Termografica sulla volta della Sala Cambiaso presso Palazzo della Meridiana Genova Estratto del Report di Analisi Termografica sulla volta della Sala Cambiaso presso Palazzo della Meridiana Genova Genova, 3 maggio 2006 diogene snc di Simona Mazzotti e Corrado Poggio Via Greto di Cornigliano,

Dettagli

MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO

MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO DUOMO DI MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO a cura della Veneranda Fabbrica del Duomo, della Soprintendenza e con la collaborazione scientifica di EniTecnologie Il Duomo di Milano, un opera d arte

Dettagli

COMUNE DI TORINO. Settore Ristrutturazioni e Nuovi Edifici Municipali INDAGINE GEORDAR. Fabbricato ex INCET Via Cigna TORINO.

COMUNE DI TORINO. Settore Ristrutturazioni e Nuovi Edifici Municipali INDAGINE GEORDAR. Fabbricato ex INCET Via Cigna TORINO. COMUNE DI TORINO Settore Ristrutturazioni e Nuovi Edifici Municipali INDAGINE GEORDAR Fabbricato ex INCET Via Cigna TORINO Relazione Tecnica TECNO FUTUR SERVICE s.r.l. Bomporto (Mo), Gennaio 2008 1. Generalità

Dettagli

Indagini termografiche

Indagini termografiche Indagini termografiche informazioni sintetiche sulle possibili applicazioni in ambito edile, impiantistico ed industriale Servizi di Termografia dbabitat srl fornisce il servizio di analisi, indagine e

Dettagli

ANALISI TERMOGRAFICA CERTIFICATA

ANALISI TERMOGRAFICA CERTIFICATA LA TERMOGRAFIA AL VOSTRO SERVIZIO U n a r e t e d i t e c n i c i c e r t i f i c a t i d i s p o n i b i l i n e l l e d i v e r s e r e g i o n i. ANALISI TERMOGRAFICA CERTIFICATA Cliente: WATERGY S.R.L.

Dettagli

Strutture in muratura soggette ad azioni sismiche. Indagini e livelli di conoscenza (2)

Strutture in muratura soggette ad azioni sismiche. Indagini e livelli di conoscenza (2) Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2013 2014 Strutture in muratura soggette ad azioni sismiche. Indagini e livelli di conoscenza (2) Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria - Università di

Dettagli

Introduzione alla termografia

Introduzione alla termografia Introduzione alla termografia La TERMOGRAFIA IR è una tecnica diagnostica assolutamente non distruttiva che, misurando la radiazione infrarossa emessa da un corpo, è in grado di determinarne la temperatura

Dettagli

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA Pag. 1 di 1 PROVA ULTRASONICA 1. Descrizione e scopo della prova. Le cosiddette prove ad ultrasuoni di "trasparenza" si eseguono nell'ambito dei controlli non distruttivi per la determinazione delle caratteristiche

Dettagli

Nell ambito delle attività di

Nell ambito delle attività di Le indagini diagnostiche per il consolidamento strutturale delle sponde dei rii di PIER PAOLO ROSSI Nell ambito delle attività di manutenzione ordinaria e straordinaria del progetto integrato rii promosso

Dettagli

ANALISI TERMOGRAFICA DELL EDIFICIO XXXXXX XXXXXXXX

ANALISI TERMOGRAFICA DELL EDIFICIO XXXXXX XXXXXXXX ANALISI TERMOGRAFICA DELL EDIFICIO XXXXXX XXXXXXXX PROVA N. 013/LA XXXX, agosto 06 Committente: Consulente: Relatore: XXXXXXXX XXXXXXXX ing. Marco Stabile Edificio sede XXXXXXXXXX C/../laboratorio/relazioni/06

Dettagli

TERMOCAMERA ANALISI TERMOGRAFICA

TERMOCAMERA ANALISI TERMOGRAFICA TERMOCAMERA Una telecamera termografica a infrarossi (o termocamera) è uno strumento che rileva a distanza l'energia termica (infrarossa) e la converte in immagini fotografiche o video, fornendo al contempo

Dettagli

Isopack. Approfondimento tecnico. La termografia in edilizia

Isopack. Approfondimento tecnico. La termografia in edilizia Approfondimento tecnico La termografia in edilizia 1 LA TERMOGRAFIA La termografia all infrarosso è una tecnica non invasiva e non a contatto, che fornisce la distribuzione della temperatura superficiale

Dettagli

INDAGINE TERMOGRAFICA

INDAGINE TERMOGRAFICA Pag. 1 di 6 INDAGINE TERMOGRAFICA 1. Scopo La visione Termografica di un oggetto è la riproduzione istantanea tramite grafica computerizzata (a colori o in bianco e nero) della mappa delle temperature

Dettagli

Termografia un nuovo metodo di indagine non distruttiva per gli edifici.

Termografia un nuovo metodo di indagine non distruttiva per gli edifici. ISTITUTO TECNICO STATALE PER GEOMETRI P.L. NERVI D.A.R.T. Laboratorio Diagnostica Ambientale e Rilievi Termografici Via San.Bernardino da Siena n 10 28100 NOVARA. e-mail: dart.itgnervi@gmail.com tel. 0321625790

Dettagli

Tecniche di indagine termovisiva

Tecniche di indagine termovisiva Tecniche di indagine termovisiva Si basano sull analisi del flusso radiante di un oggetto. La calibrazione deve tener conto dell emittanza, della distanza sorgenterivelatore, della Temperatura dell ambiente.

Dettagli

Committente: Studio di Architettura Laurent

Committente: Studio di Architettura Laurent Committente: Studio di Architettura Laurent Nuova autorimessa dei vigili del fuoco volontari, ampliamento centrale termica con nuovo deposito pellet e rifacimento manto Comune di Oyace (AO) Indagine sismica

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

TERMOGRAFIA a infrarossi

TERMOGRAFIA a infrarossi TERMOGRAFIA a infrarossi L'energia termica, o infrarossa, consiste in luce la cui lunghezza d'onda risulta troppo grande per essere individuata dall'occhio umano. A differenza della luce visibile, nel

Dettagli

Individuazione di tubazioni mal isolate. Con la termografia è possibile individuare tubazioni non isolate inquadrando la parete dall esterno.

Individuazione di tubazioni mal isolate. Con la termografia è possibile individuare tubazioni non isolate inquadrando la parete dall esterno. Individuazione di tubazioni mal isolate Con la termografia è possibile individuare tubazioni non isolate inquadrando la parete dall esterno. 1 Individuazione tubazioni acqua calda Controllando termograficamente

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Concetti e spunti applicativi 1 Ing. Roberto Callegari Tecniche Strumentali per la Diagnosi Energetica INTRODUZIONE 2 Una adeguata conoscenza

Dettagli

Conoscere l'arte per conservare l'arte:

Conoscere l'arte per conservare l'arte: Conoscere l'arte per conservare l'arte: Indagini diagnostiche per i Beni Culturali Le opere d'arte sono oggetti unici e irripetibili e come tali vanno trattate. Conoscerne le fenomenologie di degrado e

Dettagli

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO Il laser a scansione terrestre opera in modalità totalmente automatica ed è in grado di acquisire centinaia o migliaia di punti

Dettagli

I Ponti Termici e la Termografia

I Ponti Termici e la Termografia Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale Facoltà di Ingegneria I Ponti Termici e la Termografia Docente Prof. Marco Dell Isola Anno Accademico 2013-2014 } } Ponti Termici } Flusso monodimensionale

Dettagli

Centro d Esame BVI Strutture Civili di Vimercate (MB)

Centro d Esame BVI Strutture Civili di Vimercate (MB) Corso di formazione ed addestramento per il personale tecnico addetto ai Controlli non distruttivi sulle Strutture Civili e sui Beni Culturali ed Architettonici nel seguente campo di applicazione: L indagine

Dettagli

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves Indagine sismica MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves relativa alla determinazione della stratigrafia sismica VS e del parametro VS30 in un'area di Sestri Levanti NS rif 09140SA Dott. Geol. Franco

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE

TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE TABELLA DELLE TOLLERANZE DI LAVORAZIONE Collegio dei Periti Industriali della Provincia di Como / Collegio dei Geometri della Provincia di Como / Ordine degli Architetti della Provincia di Como / Ordine

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

ANALISI TERMOGRAFICA DI SOLAIO DI COPERTURA

ANALISI TERMOGRAFICA DI SOLAIO DI COPERTURA AALII TERMOGRAFICA DI OLAIO DI COPERTURA Committente: --- ede edificio: --- 1. PREMEA Lo tudio chvarcz, incaricato da ---, ha eseguito una indagine termografica sulla copertura di una palestra a --- allo

Dettagli

2.5.3 PROVA ULTRASONICA

2.5.3 PROVA ULTRASONICA 2.5.3 PROVA ULTRASONICA Pag. 1 di 4 2.5.3 PROVA ULTRASONICA 1. Scopo La prova consente la determinazione delle caratteristiche elastico-dinamiche dei materiali costituenti l'opera in studio. Nello specifico

Dettagli

COMUNE DI VILLARICCA (PROVINCIA DI NAPOLI)

COMUNE DI VILLARICCA (PROVINCIA DI NAPOLI) Modellazione sismica di sito COMUNE DI ILLARICCA (PROINCIA DI NAPOLI) RELAZIONE SULLA MODELLAZIONE SISMICA DI SITO ARIANTE URBANISTICA PER LA REALIZZAZIONE DI UN AREA PARCHEGGIO PUBBLICO E COMPLETAMENTO

Dettagli

ESPERIENZE DI RILIEVO LASER SCANNING NELLE ZONE EMILIANE COLPITE DAL TERREMOTO: INTERVENTI IN FASE DI EMERGENZA. Arianna Pesci 1 e Elena Bonali 2

ESPERIENZE DI RILIEVO LASER SCANNING NELLE ZONE EMILIANE COLPITE DAL TERREMOTO: INTERVENTI IN FASE DI EMERGENZA. Arianna Pesci 1 e Elena Bonali 2 ESPERIENZE DI RILIEVO LASER SCANNING NELLE ZONE EMILIANE COLPITE DAL TERREMOTO: INTERVENTI IN FASE DI EMERGENZA 1 Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. 2 Università degli Studi di Bologna, DAPT.

Dettagli

MAPPATURA DEL SOTTOSUOLO INDAGINI GEORADAR

MAPPATURA DEL SOTTOSUOLO INDAGINI GEORADAR I.G.R. SRL Via Adriatica n. 111/g 06135 Perugia (Italy) Ph: +39 075 7910039 Fx: +39 075 5977527 n.berardi@igrsrl.com www.igrsrl.com MAPPATURA DEL SOTTOSUOLO INDAGINI GEORADAR Dott. Geol. Nicola Berardi

Dettagli

I have no special gift, I am passionately curious

I have no special gift, I am passionately curious 1-SBAC Fisica 1/8 MOTIVAZIONI AL CORSO DI FISICA Cosa e la Fisica? dal greco physis = natura studia i fenomeni naturali leggi fisiche (rendere semplice un problema complesso) I have no special gift, I

Dettagli

Progetto di Restauro dell Interno della Chiesa di Santa Caterina a Sestri Ponente (GE)

Progetto di Restauro dell Interno della Chiesa di Santa Caterina a Sestri Ponente (GE) Progetto di Restauro dell Interno della Chiesa di Santa Caterina a Sestri Ponente (GE) Tesi di Specializzazione in Restauro dei Monumenti Anno Accademico 2006-2007 Andreea Enache Caterina Zanone La Chiesa

Dettagli

EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO

EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO EX CONVENTO DI SAN BERNARDINO Restauro edifici danneggiati dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 Relatore : Ing. Andrea Scarpa Vicenza 25 Ottobre 2013 Progettista architettonico Malte e intonaci in cocciopesto

Dettagli

MISURA DELLA TRASMITTANZA TERMICA IN OPERA

MISURA DELLA TRASMITTANZA TERMICA IN OPERA MISURA DELLA TRASMITTANZA TERMICA IN OPERA Autore : Per. Ind. Remo Zandonella studio@ambientesicurezza.info Premessa L articolo fa riferimento all utilizzo di prove strumentali in opera per la valutazione

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA. Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE

COMUNE DI BARLETTA. Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE COMUNE DI BARLETTA Settore Manutenzioni Provincia di Barletta-Andria-Trani Tav. 0/Str. RELAZIONE TECNICA STRUTTURALE OGGETTO: RECUPERO E RISTRUTTURAZIONE DELLA PALAZZINA COMUNALE DI VIA GALVANI DA DESTINARE

Dettagli

Tecniche e metodologie diagnostiche non-invasive. Termografia IR. Cristiano Riminesi

Tecniche e metodologie diagnostiche non-invasive. Termografia IR. Cristiano Riminesi Tecniche e metodologie diagnostiche non-invasive Termografia IR Cristiano Riminesi Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per la Conservazione e Valorizzazione dei Beni Culturali Firenze Pag. 2 di

Dettagli

LA TERMOGRAFIA COME RISOLUZIONE DI "EVENTO DANNOSO"

LA TERMOGRAFIA COME RISOLUZIONE DI EVENTO DANNOSO LA TERMOGRAFIA COME RISOLUZIONE DI "EVENTO DANNOSO" L'esperienza dello Studio Taccone S.r.l. in circostanze conseguenti a " indagine sullo stato conservativo dei fabbricati" legate alla influorescenza

Dettagli

Piccoli oggetti Risoluzione geometrica

Piccoli oggetti Risoluzione geometrica Piccoli oggetti Risoluzione geometrica Strumenti utili per la CERTIFICAZIONE ENERGETICA La TERMOFLUSSIMETRIA SI BASA SULLA LEGGE DEL TRASFERIMENTO DI CALORE LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: UNI EN 9252 NOV.

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

Verifica sismica degli edifici in muratura attraverso il software di calcolo 3Muri

Verifica sismica degli edifici in muratura attraverso il software di calcolo 3Muri Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Verifica sismica degli edifici in muratura attraverso il software

Dettagli

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora:

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: 9. Polveri e mosaici Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: Perché è così bianco? Anche l uomo pensò un poco, come se la domanda gli sembrasse difficile, e poi disse con voce profonda: Perché è titanio.

Dettagli

LA TERMOGRAFIA. Strumenti di misura Servizi Formazione

LA TERMOGRAFIA. Strumenti di misura Servizi Formazione LA TERMOGRAFIA La termografia IR è una tecnica di indagine non distruttiva (non sussistono alterazioni in seguito alla verifica) e non invasiva (non vi è contatto tra attrezzatura e oggetto da esaminare),

Dettagli

Il Computo Metrico Estimativo

Il Computo Metrico Estimativo Il Computo Metrico Estimativo 03.XII.2013 Progetto esecutivo e CME Il progetto esecutivo prevede la descrizione completa del progetto sotto il profilo Della forma: il progetto deve essere descritto nei

Dettagli

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15 ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI Pagina 1 di 15 Indice Matrice dei prodotti erogabili a supporto della pianificazione e monitoraggio delle discariche...3 Analisi e Monitoraggio delle aree

Dettagli

INTERVENTI LOCALI DI CONSOLIDAMENTO STATICO/SISMICO DEL TEATRO COMUNALE

INTERVENTI LOCALI DI CONSOLIDAMENTO STATICO/SISMICO DEL TEATRO COMUNALE COMUNE DI CARPI INTERVENTI LOCALI DI CONSOLIDAMENTO STATICO/SISMICO DEL TEATRO COMUNALE (A COMPLETAMENTO DEGLI INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO POST-SISMA 2012) ILLUSTRAZIONE SINTETICA DEGLI ELEMENTI ESSENZIALI

Dettagli

articolo Indagini geofisiche del sottosuolo della cattedrale metropolitana di San Pietro e della Basilica di Santa Maria Maggiore in Bologna

articolo Indagini geofisiche del sottosuolo della cattedrale metropolitana di San Pietro e della Basilica di Santa Maria Maggiore in Bologna Indagini geofisiche del sottosuolo della cattedrale metropolitana di San Pietro e della Basilica di Santa Maria Maggiore in Bologna Alessandro Maestri 1, Francesco Mulargia 2, Paola Romito 1 1 Laureati

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO COMUNE DI NICHELINO SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI E PER IL PAESAGGIO DEL PIEMONTE SOPRINTENDENZA PER I BENI STORICO-ARTISTICI E DEMOANTROPOLOGICI DEL PIEMONTE CNA - POLITECNICO DI TORINO IL

Dettagli

RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA INDAGINE TERMOGRAFICA RELATIVA ALL APPARTAMENTO SITO IN ROMA IL TECNICO

RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA INDAGINE TERMOGRAFICA RELATIVA ALL APPARTAMENTO SITO IN ROMA IL TECNICO RELAZIONE TECNICA Via Antonio Salandra, 18-00187 Roma Tel: 0692956046 Fax: 0692932490 info@ingegnererandazzo.it www.ingegnererandazzo.it INDAGINE TERMOGRAFICA RELATIVA ALL APPARTAMENTO SITO IN ROMA ELABORATO

Dettagli

A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche

A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche A&L Ingegneria effettua diagnosi termografiche, controlli non distruttivi e perizie con l ausilio di termocamere. Con la tecnica diagnostica della termografia si

Dettagli

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA COMUNE DI: SCAFA PROVINCIA DI: PESCARA OGGETTO: Piano Scuole Abruzzo il Futuro in Sicurezza edificio scolastico c.so I Maggio Scuola Elementare. Intervento indicato al n.132 dell allegato al D.C.D. n.

Dettagli

Indagini non invasive nell'area del Granaio pubblico Giovanni Santarato, Nasser Abu Zeid, Maria Alberta Brugnatti, Maria Silvia Siviero

Indagini non invasive nell'area del Granaio pubblico Giovanni Santarato, Nasser Abu Zeid, Maria Alberta Brugnatti, Maria Silvia Siviero Collana Quaderni dell Ariosto N. 62 Uno casali olim casamentivo. Un laboratorio nel Quadrivio rossettiano Indagini non invasive nell'area del Granaio pubblico Giovanni Santarato, Nasser Abu Zeid, Maria

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

EDIFICIO MONOCELLULARE A PENTEDATTILO (RC)

EDIFICIO MONOCELLULARE A PENTEDATTILO (RC) Università di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni Corso di laurea in Architettura Restauro dell architettura Corso di Comportamento dei materiali murari prof.. P. Trovalusci

Dettagli

Commissione Strutture

Commissione Strutture Commissione Strutture «La Dichiarazione di Idoneità Statica» Analisi di un caso reale Dott. Ing. Fabio Ferrario Dott. ing. Leonardo Vulcan Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trento Sala 3 del Centro

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA PER IL PROGETTO DI RICOSTRUZIONE DEL TEATRO A. GALLI Relazione Illustrativa Progetto di ricostruzione Teatro A. Galli- pag. 1/9 RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGETTO DI RICOSTRUZIONE DEL

Dettagli

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA In collaborazione con: COMUNE DI BOLOGNA GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA IL TOTAL LOOK DEGLI EDIFICI Bologna 15 aprile 2015 In partnership con: PRESUPPOSTI

Dettagli

La misura delle vibrazioni indotte dal traffico

La misura delle vibrazioni indotte dal traffico La misura delle vibrazioni indotte dal traffico Roberto Folchi NITREX Srl roberto.folchi@nitrex.it Luca Ferraglio NITREX Srl luca.ferraglio@nitrex.it Introduzione L intenso traffico veicolare pesante determina

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Architettura, Costruzioni e Strutture IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Ing. Elena Seri IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Dettagli

Cos è la Termografia InfraRosso

Cos è la Termografia InfraRosso Cos è la Termografia InfraRosso Cos è l InfraRosso (IR)? L energia IR (cioè Calore) si muove nello spazio come radiazione. L energia IR è una radiazione che fa parte dello spettro delle Onde Elettromagnetiche

Dettagli

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Gianfranco Righetti ASSOUNISOL, VERONA 1 - unisol : caratteristiche e prestazioni 1.1 - Caratteristiche generali Il solaio unisol è formato

Dettagli

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature Ruredil Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature murature Ripristino Consolidamento DISSESTO Le strutture in muratura sono organismi complessi, i cui diversi componenti devono essere presi

Dettagli

PROGETTO: Analisi conoscitiva. OGGETTO: Book per le indagini UMI 1 01.BK.03.01 C12002. Comune di Valtopina

PROGETTO: Analisi conoscitiva. OGGETTO: Book per le indagini UMI 1 01.BK.03.01 C12002. Comune di Valtopina COMUNE DI: Valtopina PROVINCIA DI: Perugia LAVORO: Progettazione, Direzione dei Lavori, Piano della sicurezza per l'intervento di completamento lavori di costruzione U.M.I. 1-2 del P.I.R. di Giove PROGETTO:

Dettagli

Rilievi Termometrici. Nuove Tecnologie per l Ingegneria. e monitoraggi manutentivi. Funaro Ingegneria Ing. Giuseppe Funaro Cosenza (CS)

Rilievi Termometrici. Nuove Tecnologie per l Ingegneria. e monitoraggi manutentivi. Funaro Ingegneria Ing. Giuseppe Funaro Cosenza (CS) Rilievi Termometrici e monitoraggi manutentivi Nuove Tecnologie per l Ingegneria g Studio Tecnico Rende (CS) Funaro Ingegneria Ing. Giuseppe Funaro Cosenza (CS) 2 Perchè conviene monitorare agli infrarossi

Dettagli

Possibilità di rilevazione in tempi e condizioni diversi. Indagine non distruttiva e non invasiva

Possibilità di rilevazione in tempi e condizioni diversi. Indagine non distruttiva e non invasiva Termografia per i beni culturali Diagnostica per immagini. Rilevazioni a distanza, senza la necessità di ponteggi. Possibilità di rilevazione in tempi e condizioni diversi. Indagine non distruttiva e non

Dettagli

Studio e Monitoraggio del quadro fessurativo e del

Studio e Monitoraggio del quadro fessurativo e del Studio e Monitoraggio del quadro fessurativo e del comportamento sismico i del lduomo di Orvieto Modello Numerico tridimensionale Applicazioni ENEA di Modellazione e Analisi agli Elementi Finiti per la

Dettagli

TECNICA REMI Premessa

TECNICA REMI Premessa TECNICA REMI Premessa La tecnica di analisi del sottosuolo mediante l uso di microtremori (Refraction Microtremor ) prende origine dagli studi e dalle sperimentazioni condotte da J. Louie presso la Nevada

Dettagli

GIUSEPPE PERRUCCI VINCENZO MARTIMUCCI 1. Grotta di Lamalunga: rilievo topografico e restituzione tridimensionale 2

GIUSEPPE PERRUCCI VINCENZO MARTIMUCCI 1. Grotta di Lamalunga: rilievo topografico e restituzione tridimensionale 2 GIUSEPPE PERRUCCI VINCENZO MARTIMUCCI 1 Grotta di Lamalunga: rilievo topografico e restituzione tridimensionale 2 Premessa Nell ambito della realizzazione del progetto SARASTRO (Sistema teleoperato integrato

Dettagli

SUMMER SCHOOL 2013 INNOVATIVE TECHNOLOGIES FOR THE SUSTAINABLE MANAGEMENT AND POLLUTION REDUCTION OF WATER RESOURCES

SUMMER SCHOOL 2013 INNOVATIVE TECHNOLOGIES FOR THE SUSTAINABLE MANAGEMENT AND POLLUTION REDUCTION OF WATER RESOURCES SUMMER SCHOOL 2013 INNOVATIVE TECHNOLOGIES FOR THE SUSTAINABLE MANAGEMENT AND POLLUTION REDUCTION OF WATER RESOURCES Ferrara, 2 6 settembre 2013 Via saragat, 1 (Ferrara) Metodologie di perforazione e misure

Dettagli

Trasmissione termica

Trasmissione termica ISOLAMENTO TERMICO Per oltre 80 anni l utilizzo della vetrata isolante è stata riconosciuta come una condizione essenziale per garantire l isolamento termico degli edifici. Recenti sviluppi tecnologici

Dettagli

La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno

La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno LA TRASMITTANZA TERMICA DI STRUTTURE OPACHE La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

Edoardo Zanchini Vicepresidente Legambiente Onlus

Edoardo Zanchini Vicepresidente Legambiente Onlus Edoardo Zanchini Vicepresidente Legambiente Onlus La campagna di monitoraggio "Tutti in classe A - Marche" ha l obiettivo preciso di sensibilizzare le amministrazioni comunali ma anche le famiglie ai temi

Dettagli

Ampliamento del cimitero comunale di Castelmartini loc. Castelmatini, via Cecinese

Ampliamento del cimitero comunale di Castelmartini loc. Castelmatini, via Cecinese SOMMARIO MANUALE D'USO... 1 Strutture in fondazione... 1 Travi di fondazione in c.a... 1 Strutture di elevazione... 1 Travi in c.a.... 1 Pilastri in c.a.... 1 Strutture secondarie... 1 Solai in latero-cemento...

Dettagli

INTERVENTI SULLE STRUTTURE IN MURATURA

INTERVENTI SULLE STRUTTURE IN MURATURA 1 - Intervento di adeguamento. 2 - Intervento di miglioramento. 3 - Riparazione o intervento locale. 8.4.1. Intervento di adeguamento. È fatto obbligo di procedere alla valutazione della sicurezza e, qualora

Dettagli

Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura

Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Analisi e consolidamento di colonne e pilastri in muratura Resistenza a compressione (1) I materiali lapidei naturali ed artificiali raggiungono

Dettagli

INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI

INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI Il presente documento contiene due schede (e relativi allegati e istruzioni) predisposte per un "rilievo a vista" dei materiali

Dettagli

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO

INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE S. GIORGIO AL BORGO MEDIOEVALE DI TORINO SPECIALISTICA OPERE INTERVENTO DI RESTAURO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEL COMPLESSO EX RISTORANTE

Dettagli

Roberto Ricca. L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia

Roberto Ricca. L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia Roberto Ricca L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 1 Utilizzo della termografia in edilizia Quando può essere effettuato il controllo termografico? Utilizzo della Blower

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI ai sensi della vigente normativa (L. R. 28 maggio 2007 n. 13 - Regione Piemonte) Gli obiettivi della certificazione energetica degli edifici Migliorare la trasparenza

Dettagli

APPLICAZIONE DELLE TOMOGRAFIE ELETTRICHE IN FORO PER L INDIVIDUAZIONE DI CAVITÀ IN AREE URBANIZZATE

APPLICAZIONE DELLE TOMOGRAFIE ELETTRICHE IN FORO PER L INDIVIDUAZIONE DI CAVITÀ IN AREE URBANIZZATE Cavità antropiche: aspetti tecnici per il recupero e la valorizzazione APPLICAZIONE DELLE TOMOGRAFIE ELETTRICHE IN FORO PER L INDIVIDUAZIONE DI CAVITÀ IN AREE URBANIZZATE (Geol. Pietro Pepe Geol. Maria

Dettagli

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI I metodi di indagine utilizzati per lo studio delle proprietà dei pali e del sistema palo terreno rientrano nei metodi a bassa deformazione, definiti

Dettagli