La teoria del disuso è stata abbandonata, però è servita di base alla formulazione delle teorie sulla memoria a breve termine.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La teoria del disuso è stata abbandonata, però è servita di base alla formulazione delle teorie sulla memoria a breve termine."

Transcript

1 PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO COGNITIVO - SVILUPPO DELLA MEMORIA Le principali spiegazioni dell oblio due concezioni: una passiva, che spiega l oblio col deterioramento della traccia in assenza di esercizio (disuso) una attiva, articolata in diverse formulazioni che attribuiscono l oblio all interferenza di un attività interpolata (neo-associazionisti) o alle modifiche autonome della traccia (Gestaltisti). La teoria del disuso è stata abbandonata, però è servita di base alla formulazione delle teorie sulla memoria a breve termine. Teorie attive: l interferenza Secondo la definizione dei comportamentisti, il ricordo non è altro che una risposta a uno stimolo (riconoscimento) e differisce dall apprendimento solo per la distanza di tempo. Dimenticare vuol dire estinguere una risposta che è stata associata a uno stimolo; l estinzione avverrà per le attività interpolate che determinano una competizione di risposte, un dis-apprendimento, un inibizione reciproca Teorie attive: le modificazioni autonome I Gestaltisti attribuiscono alla memoria le stesse caratteristiche della percezione estendendo al campo temporale le tendenze dinamiche che si manifestano in campo percettivo e spaziale, per cui non si percepiscono unità singole ma configurazioni globali; gli stimoli già a livello cerebrale, vengono organizzati in un campo dinamico con tendenza verso la buona forma, la regolarizzazione, la chiusura. I metodi quantitativi: Ebbinghaus Fin dal 1885 Ebbinghaus aveva introdotto un metodo scientifico per lo studio del ricordo. Riuscì a misurare, ad esempio: Il grado di apprendimento attraverso il metodo del risparmio La forza dell apprendimento ripetuto (Overlearning) l apprendimento seriale (ricordare l ordine di posizione ) Fra tutti i metodi introdotti da Ebbinghaus è fondamentale il metodo del risparmio che permette di vedere la quantità di ricordo attraverso il confronto tra il numero e il tempo dei tentativi nel primo apprendimento e il tempo del riapprendimento misurato a vari intervalli rispetto all apprendimento iniziale. Infatti in questo modo si ottiene una misura indiretta, ma precisa della quantità di ricordo che è rimasta al di sotto di un apparente oblio, totale o parziale. Questa osservazione verrà ripresa recentemente sotto altra forma negli studi sulla memoria implicita. I metodi qualitativi: Bartlett e Piaget Il concetto di schema: Bartlett (anni 30) Bartlett contrappone alla concezione dei ricordi intesa come collezione di riproduzioni immobili una visione dei ricordi come legati alle esperienze dell individuo; la memoria è un processo dinamico in relazione da un lato con la percezione, dall altro con l immaginazione e con i vari processi costruttivi del pensiero. Il concetto di schema è importante perché segna il passaggio allo psicologia cognitivista, mettendo in rilievo i processi attivi del soggetto quando si avvicina alla realtà esterna. In generale per schema si intende un organizzazione di dati interna all individuo, ma abbastanza astratta, generale, flessibile da poter essere utilizzata in contesti diversi Gli schemi logici: Piaget Piaget accoglie anche nel suo modello lo spostamento dell interesse sull attività di codificazione del soggetto rispetto all interesse centrato sul materiale: privilegia quindi l attività costruttiva sia nella fase della codifica, sia in quella del richiamo e della rievocazione. Egli osserva: l ipotesi è che il codice stesso utilizzato dalla memoria dipenda dalle operazioni del soggetto e perciò si modifichi nel corso dello sviluppo. Egli suppone quindi che i ricordi siano legati agli schemi caratteristici di un certo stadio mentale e ne seguano le sorti, tendendo perciò a migliorarsi man mano nei bambini secondo le linee di sviluppo 0

2 Piaget e la sua stretta collaboratrice Inhelder studiavano i ricordi dei soggetti a diversi intervalli di tempo, confrontando la memoria immediata con quella a breve e lunga distanza (dopo un ora, una settimana, sei mesi). Il materiale era costituito da configurazioni di tipo logico, da strutture logiche moltiplicative, da strutture di relazioni spaziali e causali. Poiché i soggetti erano bambini dai cinque anni in su, la prova di ricordo a lunga distanza corrispondeva anche a uno stadio di maggiore maturazione intellettuale: il codice utilizzato modificava il materiale presentato adattandolo al nuovo livello operatorio del soggetto Benché Piaget sia spesso accusato di astrattismo e razionalismo eccessivi, perché centra il suo interesse sulla trasformazione delle operazioni logiche, la sua esperienza di osservazione naturalistica lo porta a superare tali confini; così egli rileva la continuità tra ricordi falsi e ricordi veri : sia l evocazione spontanea, sia il richiamo e la rievocazione, sia il falso ricordo rappresentano delle costruzioni su un continuum psicologico. La psicologia cognitivista I vari autori identificano diversi aspetti relativi alla memoria: l uso del codice verbale o visivo (Paivio) la profondità dell elaborazione (Craik e Tulving, Craik e Lockart) i contenuti (memoria episodica e semantica, Tulving, Fatti e strategie, Anderson), l attivazione automatica e controllata delle risorse attentive, i sistemi implicati nelle varie fasi (registrazione, conservazione, recupero) e nei vari metodi di rievocazione (riconoscimento e richiamo). Neisser riprende esplicitamente le idee dei Gestaltisti sulla percezione del tutto che precede quella delle parti e prevale su di esse, sull importanza delle strutture, sugli aspetti dinamici delle tracce: a proposito della memoria sostiene che le tracce non sono copie dormienti che aspettano di essere riportate alla coscienza, bensì tracce di atti costruttivi che nel ricordo a lungo termine vengono nuovamente associati, raggruppati, riorganizzati, gerarchizzati, in una parola ricostruiti. La memoria non è quindi un magazzino, ma un processo cognitivo di ricostruzione in cui il soggetto opera come l archeologo che da alcuni frammenti di ossa ricostruisce un dinosauro. Neisser confuta pertanto l ipotesi dinamica della riapparizione, per cui i ricordi sarebbero solo informazioni conservate nei tessuti organici e riattivati; le contrappone l idea che attenzione, percezione e memoria sono processi costruttivi in cui la variazione adattiva è la regola e non l eccezione: i frammenti di informazione non sono semplicemente attivati, ma utilizzati in un processo che ricostruisce non solo gli oggetti ma anche il loro sfondo, cioè uno schema spaziale, temporale e concettuale. Working Memory Negli anni 70 gli esperimenti dedicati alle primissime fasi del ricordo mostrano due aspetti apparentemente contraddittori della memoria: la vulnerabilità e la fragilità della memoria a breve termine rispetto alla conservazione a lunghissima distanza e magari per tutta la vita, di certe esperienze infantili, abilità e conoscenze, come il linguaggio appreso da bambini che ricompare anche dopo molto tempo o dopo certe malattie, anche se non lo si è esercitato. Si dimostra l esistenza di almeno due sistemi di memoria, a breve e lungo termine Nel 1968 e poi nel 1971 Atkinson e Shiffrin forniscono un nuovo modello di memoria a breve termine che ipotizza tre diversi magazzini, quello del registro sensoriale, quello della M.B.T., quello della M.L.T.. ll modello ipotizza che l informazione proveniente dall ambiente passi attraverso una serie di sistemi sensoriali paralleli per poi entrare in un magazzino a breve termine da cui può uscire subito una risposta immediata, oppure può essere trattenuto per breve tempo attraverso meccanismi di ripetizione e richiamo, fino a entrare nella M.L.T.. Tuttavia il modello non spiega come mai certi item vengano ricordati a lungo indipendentemente dal tempo in cui sono stati trattenuti dalla memoria di lavoro e neanche come mai certi pazienti che hanno danni alla memoria a breve termine (e quindi non dovrebbero essere in grado di apprendere nessuno stimolo nuovo) riescano a vivere una vita quasi normale Baddeley, concentrando i suoi studi sulle differenti modalità di registro sensoriale e sui tipi di codifica, propose di sostituire un modello multi-componenti a quello di una singola memoria breve unitaria: è questo il modello della 1

3 working memory (Baddeley-Hitch, 1974) in cui il ricordo è regolato da un esecutivo centrale con due servo-sistemi, il circuito fonologico e il taccuino visivo spaziale. Questo modello è stato integrato e sviluppato fino ad oggi (cfr. Vecchi, Cornoldi). Il punto che differenzia questo modello dai precedenti di Atkinson e Shiffrin, è che non vi più la distinzione così netta tra depositi a breve e a lungo termine, ma vi è la possibilità di trattenere (probabilmente in molte piccole regioni) le informazioni ricevute con diverse modalità sensoriali, e poi lasciarle cadere o passarle nella M.L.T.. In questo caso però è necessaria un elaborazione più profonda (nel senso di Tulving e Craik) che connette l informazione con le altre conoscenze già presenti. Questa elaborazione più profonda è probabilmente compiuta dall esecutivo centrale, che sarebbe regolato dalle aree pre-frontali e comunque è un processo che non riguarda solo la memoria, ma implica vari processi cognitivi come la categorizzazione, la costruzione di concetti, la riorganizzazione in schemi. Memoria episodica e semantica Nel 1972 Tulving introdusse la distinzione tra memoria episodica, come ricordo di un episodio specifico ben identificato nelle sue caratteristiche e ben localizzato nel tempo e nello spazio e memoria semantica, che comprende il complesso della nostra conoscenza del mondo ( l enciclopedia mentale, la conoscenza organizzativa che una persona possiede intorno alle parole e altri simboli verbali, il loro significato e referenti, le relazioni tra di loro: il significato delle parole e la conoscenza di regole e situazioni che noi possediamo senza però ricordare quando le abbiamo apprese. Memoria episodica Memoria semantica È accompagnata dal riferimento alle circostanze in cui l episodio si è verificato la prima volta È tipica della memoria autobiografica, è datata, ma si dimentica facilmente se non viene raccontata Non ci si ricorda come si è appresa ma è molto durevole: comprende le parole, le norme sociali, le conoscenze del mondo da esperienze dirette, le conoscenze del mondo che abbiamo appreso da altri Si può osservare che nei bambini al di sotto dei 3-5 anni si ha una certa incapacità per la memoria episodica mentre vi è una ricchissima capacità di formare e accrescere la memoria semantica: tra 1 e 2 anni il bambino impara centinaia di parole, regole linguistiche, informazioni su oggetti, animali, persone, luoghi, mentre di rado è capace di rievocare bene e con completezza un singolo episodio. La Nelson ha mostrato che è più frequente il ricordo di uno script, per esempio Che cosa si fa solitamente all asilo piuttosto che il ricordo di un evento singolo Che cosa è successo ieri all asilo?. Ciò è tanto più notevole perché anche bambini di 2 3 anni sono capaci di ripetere una serie di azioni che hanno osservato molto tempo prima; ciò che manca loro è la capacità di riflettere sui propri ricordi ed organizzarli. Neisser richiama la distinzione di Tulving tra memoria episodica e semantica (1972) che introduce varie ricerche sull organizzazione delle conoscenze. Queste dimostrano che alcuni ricordi vengono conservati non solo per tempi più lunghi o lunghissimi, ma addirittura per sempre: così le lingue apprese da bambini, le categorie di oggetti, animali, eventi che raggruppano esperienze singole in categorie concettuali, ma anche le regole di comportamento sociale. In tutti questi casi il ricordo dei singoli episodi scompare per dare luogo a una conoscenza generale quasi indistruttibile; la memoria episodica si trasforma in semantica e viene riorganizzata in un sistema di conoscenze. Concetti principali dell orientamento Ciclo di vita I principali concetti su cui si basa questo orientamento sono: lo sviluppo dura per tutta la vita e include una serie di adattamenti e ristrutturazioni dei periodi precedenti esso va visto non solo come espressione di principi ontogenetici, ma anche di cambiamenti storici, culturali. Le ricerche cross sectional (che studiano gruppi di età formati da diversi soggetti), rischiano di confondere gli aspetti dell età con quelli della generazione storica, mentre è importante tenerli distinti. 2

4 Lo sviluppo non è un cambiamento unidirezionale e cumulativo ma i diversi tipi di comportamento possono iniziare e estinguersi in diversi periodi e anche le curve perciò possono essere diverse: un esempio tipico sono quelle dell intelligenza fluida e cristallizzata. Probabilmente anche la memoria può avere diversa velocità di sviluppo e declino nelle diverse componenti. Anche le spiegazioni dei cambiamenti sono pluralistiche perché alcuni di essi si devono a fattori biologici, altri a influenze storiche, come i mutamenti sociali, altri infine a eventi individuali cruciali come i traumi, perdite di persone care, cambiamenti radicali di professione e di status. Può essere diverso il peso delle varie influenze secondo l età: è infatti probabile, come suggeriscono Baltes e Reese (1986) che i fattori biologici siano prevalente nell infanzia e nella vecchiaia, mentre gli eventi storici e le vicende individuali anche casuali prevalgono nell adolescenza e nell età adulta. La memoria autobiografica dell infanzia negli anziani L oggetto della ricerca sono i ricordi autobiografici dell infanzia, rievocati da soggetti adulti ed anziani. Il campione è costituito da soggetti dai 60 agli 80 anni, stratificati per età, sesso e istruzione, e da un gruppo di adulti dai 40 ai 44 anni La ricerca comprendeva una serie di test verbali e visivi, a breve e lungo termine, un test di ricordo di eventi storici e un colloquio condotto in casa del soggetto. si chiedeva al soggetto di rievocare i ricordi della propria infanzia, cominciando dal più lontano. L età del ricordo più lontano è 5,3 nel gruppo di anni, mentre negli adulti è 4,5; per i soggetti meno colti è 6, mentre è 4,5 nei soggetti con istruzione superiore. Questo dato, unito al minor numero di episodi e di temi, depone per una maggiore difficoltà di ricupero nei soggetti più vecchi e con livello culturale basso. forti differenze tra individui e tra coorti nella presenza di eventi memorabili nell infanzia: in effetti, i soggetti in cui l infanzia coincideva con la guerra avevano ricordi più vividi degli altri sullo stesso periodo di vita. La ricerca indica in modo evidente l età media di 4-5 anni come data dei ricordi più lontani, confermando altre ricerche della letteratura scientifica: la perdita dei ricordi prima dei 5 anni è maggiore di quella attesa in base alla frequenza negli altri periodi e alla normale curva dell oblio: ma questo non dimostra che la causa sia la rimozione e che i ricordi siano in realtà conservati e recuperabili nella forma originaria (ipotesi freudiana). I dati mostrano che dopo i 70 anni vi è una perdita progressiva anche dei ricordi di infanzia, che deve essere attribuita a un declino della efficienza mnestica nel ricordo a lunga distanza: ciò è confermato dai test di M.L.T. La tesi della rimozione implicherebbe invece che il deficit dei ricordi infantili fosse uguale nei giovani, negli adulti e negli anziani di diversi livelli culturali; mentre l ipotesi di un deficit nella codifica iniziale, cioè di un minore capacità di codifica nei bambini piccoli, si spiega facilmente con l uso del solo codice per immagini, che porterebbe a ricordi meno resistenti di quelli conservati anche col codice verbale. Si accorda con questa ipotesi anche l osservazione che i pochi ricordi situati nel periodi 2-3 anni si configurano come frammenti di episodi, immagini che sono state contestualizzate solo con l aiuto di altri adulti, ed emergono come flash-bulb memories destrutturate: Donna 68 anni: Avrò avuto 3 anni anzi sicuramente quell età perché poi ci siamo trasferiti (ma che ci siamo trasferiti me lo hanno detto i miei genitori), e ricordo il rosso, il rosso del cancello della nostra casa di Bergamo, poi vagamente ricordo una stanza, ricordo bene le pareti gialle, ma solo quello, proprio ne ho l immagine come del cancello, però non ricordo che stanza fosse, i mobili o altro, solo il colore delle pareti, e il mio ricordo comunque è veritiero ; Inoltre il fatto che il gruppo a cultura più bassa collochi il ricordo più lontano in età più alta depone pure a favore di un deficit di codifica: infatti i soggetti con istruzione elementare hanno ricordi che iniziano appunto dai 6-7 anni quando la scuola incoraggia il bambino a raccontare eventi che lo riguardano; per i soggetti più colti il ricordo iniziale è precedente (4-5 anni) perché questo ruolo di stimolo è assolto dalla famiglia, in genere dalle conversazioni con le madri. 3

5 Effetti dell istruzione l istruzione agisce sulla ricchezza tematica del ricordo oltre che sulla sua sistematicità. Tale ricchezza può anche dipendere dal diverso tipo di vita. Quest interpretazione pare adatta soprattutto per gli anziani con basso livello culturale, che rievocano la loro infanzia come piuttosto uniforme, abitudinaria, senza eventi di spicco (niente viaggi, vacanze, regali, ecc. da ricordare). Gli anziani che non hanno finito le elementari, cioè i più poveri, descrivono spesso un infanzia piena di privazioni e di umiliazioni, segnata dal lavoro precoce e priva di divertimenti, ed una disciplina spesso molto dura sia in famiglia che a scuola. Ricordi autobiografici dei bambini Le ricerche mostrano l esistenza di due fenomeni significativi nell arco di vita: il reminiscence bump, cioè la maggiore frequenza dei ricordi che si addensano sull età giovanile (20-25 anni) e l amnesia infantile, cioè l assenza quasi totale di ricordi che risalgano ad età inferiori a 3-4 anni. Mentre il primo dato si può spiegare con l importanza dell età giovanile per la formazione della personalità, il secondo sembra contrastare con le ricerche sullo sviluppo dei bambini condotte con metodi sperimentali: infatti è noto che nella prima infanzia i bambini mostrano una forte capacità di apprendimento e memoria, come si vede dallo sviluppo straordinario del linguaggio, delle abilità delle coordinazione motoria, del comportamento sociale. Tuttavia la M.A. è un tipo particolare di memoria, diversa da quelle che abbiamo citato, perché implica un organizzazione selettiva degli stimoli e una narrazione rivolta agli altri. Le interpretazioni possibili per spiegare il fenomeno cosiddetto dell amnesia infantile sono: 1. La grande distanza di tempo dal momento della rievocazione all età in cui il fatto è avvenuto. In questo caso si dovrebbe trovare una correlazione negativa lineare tra l età del soggetto e la quantità del ricordo, che dovrebbe essere molto minore nei vecchi. 2. Scarsa capacità mnestica del bambino nei primi 2 anni di vita, ma soprattutto nell organizzazione del materiale e nell uso del linguaggio: perciò la memoria autobiografica non può esistere prima dei 5-7 anni. 3. Influenze sociali e culturali soprattutto della famiglia che esercita una selezione e un modellamento dei primi ricordi. Per verificare la terza ipotesi abbiamo fatto un confronto tra materiale da organizzare, come la memoria autobiografica (M.A.) che richiede una selezione degli episodi, riflessioni su se stesso e sugli eventi personali, e la memoria di eventi pubblici (eventi scolastici, festa), che sono già organizzati in episodi e non richiedono capacità riflessive, in quanto sono già certamente mediati dai discorsi degli adulti (insegnati, genitori). Si sono utilizzati colloqui guidati. Per i ricordi autobiografici si partiva dal passato più recente ( Che cosa hai fatto ieri a scuola?.nel pomeriggio?.che cosa hai mangiato ieri sera?) per risalire all indietro sempre più lontano ( Che cosa ti è successo la settimana scorsa? Che cosa ti ha portato Santa Lucia quest anno? e L anno scorso? E tre anni fa?.dove sei andato in vacanza l estate scorsa?). Se il bambino rispondeva si ritornava sempre più indietro fino alla richiesta di raccontare Qualcosa di quando eri piccolo piccolo e addirittura si chiedeva se si ricordasse la propria nascita, per vedere se il bambino cercava veramente di ricordare o stava inventando in base a discorsi sentiti dai genitori. Con l aumentare dell età aumentano i ricordi circoscritti (cioè gli episodi) e diminuiscono quelli ricorrenti (cioè gli eventi di routine): anche questo conferma la tesi di Neisser e della Nelson per cui i bambini molto piccoli ricordano degli script, cioè eventi che si ripetono con una certa uniformità, mentre quelli più grandi (7 e 9 anni) sono già capaci di ricostruire una esperienza originale producendo un ricordo personale con caratteristiche di episodio. Tale capacità per i più piccoli arriva solo fino alla ricostruzione di episodi vicinissimi (che infatti sono in prevalenza circoscritti); nel gruppo dei 5 anni appena si supera la distanza di una settimana prevalgono gli episodi ricorrenti, cioè gli script, i copioni di routine. Benché i contenuti siano molto distanti dalle esperienze di Piaget, che riguardavano problemi logici, si conferma la sua tesi che gli schemi operatori con l età modificano il ricordo: sembra che i bambini maggiori di 7 anni in un certo senso migliorino i ricordi precedenti, nel caso di Piaget rendendo più logiche e più plausibili le sequenze, perché usano degli schemi operatori più avanzati; nel caso degli eventi personali organizzando una ricostruzione più plausibile e più significativa perché hanno acquisito la struttura narrativa. 4

6 Modalità dominante prevale una modalità percettiva che si basa prevalentemente su immagini visive ma anche in molti casi tattili, olfattive, gustative e acustiche: essi sono più frequenti che nei gruppi di adulti, i quali ricostruiscono i ricordi con più modalità narrative e quindi verbali e con uno schema di ricostruzione del significato. 1. I ricordi riferiti ad eventi precedenti ai 3 anni (qui classificati come molto lontani ) sono più frequenti nei bambini più grandi che hanno una maggior distanza temporale: quindi non è tanto la vicinanza di età quanto la capacità di ricostruire un ricordo che ne aumenta la frequenza: molto spesso però la ricostruzione è fatta con l intervento dei genitori, che solo quando il bambino è più maturo viene distinto dal proprio ricordo autonomo. 2. i bambini più piccoli man mano che si risale nel tempo non rispondono oppure inventano, basandosi sulle narrazioni ascoltate dai genitori, che però a 5 anni nella maggior parte dei casi vengono confuse con le proprie e danno luogo a ricordi quasi confabulatori,. Viceversa i bambini di 7 e 9 anni rispondono francamente Non ricordo alla domanda Raccontami quando eri piccolissimo o quando sei nato ; in qualche caso, a 9 anni si identifica la fonte dell informazione: La mamma mi raccontava Nel complesso: Certamente esistono nuclei di ricordi che arrivano in genere fino a 3-4 anni, a volte un po più lontano, ma non sono mai precedenti ad un buon uso del linguaggio. Questi nuclei, di solito relativi ad esperienze specialmente visive, cioè ad immagini, ma anche all esperienza del proprio corpo, cioè emozioni legate a temi come il cibo, il movimento, ferite o incidenti vengono poi costruiti in episodi che si arricchiscono man mano con il crescere dell età: i giovani li rivestono di aspetti affettivi e i vecchi li collegano ad una narrazione di vita. Nei bambini benché la memoria si sviluppi molto presto manca la rievocazione conscia delle esperienze con la distinzione della fonte e del contesto del ricordo, fino a quando essi non diventano capaci di riflessione e di autocoscienza; per cui i ricordi riferiti in forma di episodi autobiografici sono per lo più l effetto di un racconto di familiari oppure sono ricostruzioni prodotte con l aiuto di altri adulti, per esempio gli insegnanti, che involontariamente le indirizzano verso certi modelli sociali o miti familiari. In sintesi nei bambini sotto i 7 anni vi sono ricordi di immagini e di emozioni, ma manca ancora la componente narrativa che è essenziale per la M.A. Sviluppo della memoria nei bambini In genere in tutte le prove si osserva una forte crescita tra i 6-9 anni, un leggero rallentamento tra i 9 e i 13, fino a raggiungere quasi un plateau durante l adolescenza; questo livello poi si conserverebbe per tutta l età adulta e subirebbe un declino con l inizio dell invecchiamento, più rapido dopo i anni con l eccezione della maggiore frequenza e resistenza al tempo dei ricordi relativi alla giovinezza anni. Nei primi mesi di vita i neonati mostrano memoria di riconoscimento, che a 6 e a 9 mesi si mantiene già per periodi abbastanza lunghi e si mostra attraverso l imitazione differita. A 6 mesi i bambini mostrano possibilità di richiamo dopo un breve periodo, a 9 mesi dopo un periodo più lungo e con conservazione dell ordine di presentazione (di sequenza). Tra 2, 3 anni si consolidano processi che dimostrano memoria dichiarativa. Gli intervalli di ritenzione aumentano rapidamente dopo i 9 mesi, e ancor più dopo i 18 con l inizio del linguaggio: questo diventa importantissimo sia per il recupero dei ricordi attraverso la ripetizione e l associazione con indizi, sia per la ricostruzione attraverso la conversazione e la narrazione. Vi è l aumento dello span (tra i 5 e i 6 anni), mentre categorizzazione e organizzazione aumentano progressivamente (tra i 6 e i 7 anni); l incremento che continua negli anni seguenti riguarda le prove più complesse, compiti cognitivi che richiedono controllo e rielaborazione dell informazione, schemi anticipatori e strategie. È pertanto molto influenzato dalla cultura e dall ambiente familiare: la crescita della memoria è data non solo dalla capacità del sistema di memoria di lavoro, ma anche dalle conoscenze generali del mondo contenute nella memoria a lungo termine. Nei compiti che richiedono immagini mentali attive e insieme sono più complessi avviene un forte miglioramento tra i 6 e i 12 anni, mentre gli stessi compiti incontrano difficoltà di esecuzione durante l invecchiamento. (es. di compiti che richiedono processi attivi: le rotazioni mentali di immagini, la ricostruzione di una figura da frammenti di immagini; i percorsi immaginari). 5

7 Meccanismi che stanno alla base dell aumento delle capacità mestiche: Capacità di base: di solito misurata con prove di span (numero di item che resta nella memoria di lavoro). Strategie: sono deliberate e consce dopo i 5 anni sia nella fase di apprendimento in cui si forma la codifica, sia in quella di richiamo o rievocazione. Qui c è l influenza degli adulti e della scuola, che rendono esplicite queste strategie il miglioramento nelle strategie di codifica e organizzazione risente molto di fattori culturali, come l incontro con buoni maestri e la crescita di conoscenze dei bambini in diversi campi con l aumento dell età dall infanzia all adolescenza esse diventano sempre meno fattori specifici della memoria e sempre più operano come componenti della intelligenza. I meccanismi sottostanti ai processi mnestici sono comunque gli stessi nei bambini e negli adulti: i ricordi sono dimenticati gradualmente, recuperati attraverso indizi e modificati da nuove informazioni Il sistema di memoria già nel primo anno di vita si differenzia in più sistemi che includono la memoria semantica e quella episodica, la memoria dichiarativa e quella procedurale, la memoria implicita ed esplicita. Risultati come quelli attribuiti generalmente all amnesia infantile si potrebbero meglio definire come memoria implicita, che non viene ripetuta perché manca il linguaggio verbale, ma tuttavia persiste anche per qualche mese come è dimostrato dal riconoscimento o dall attivazione di una serie di azioni a partire da un indizio che viene riconosciuto: i ricordi conservati in questo modo non possono costituire dei veri ricordi autobiografici, sia perché hanno durata non superiore a pochi mesi, sia perché vengono subito sostituiti da altri ricordi che possono essere verbalizzati. le esperienze del primo anno di vita possono influenzare gli apprendimenti e i comportamenti seguenti anche se il ricordo del singolo evento non viene conservato intatto in forma episodica. Ontogenesi della memoria degli eventi reali la Nelson ha mostrato che sono molto più numerosi gli script generali rispetto ai ricordi episodici; sono inoltre spesso più lunghi e più dettagliati, confermando l ipotesi che gli schemi generali vengono formati prima dei ricordi specifici. spesso l episodio specifico viene ricostruito in base allo script, magari mescolando episodi diversi e riempendo gli spazi vuoti con qualche dettaglio di un altro episodio. Quando si introducono gli elementi sociali nella valutazione dell episodio occorso, diventa determinante il carattere sociale dell esperienza e quindi la funzione del linguaggio: l organizzazione dell informazione derivante dagli episodi personali attraverso i racconti ripetuti da e ai genitori costruisce il sistema della memoria autobiografica, che a differenza del sistema mnestico generale si appoggia sulla comunicazione verbale delle esperienze e sulla condivisione sociale di un certo modello della realtà. ---> carattere di costruzione sociale della memoria autobiografica (Bruner) L inizio della memoria autobiografica risulta dallo sviluppo di capacità narrative (Fivush et al., 1995) e dallo stabilirsi di un nuovo sistema di memoria basato su contenuti accessibili (Nelson, 1993): perciò un fattore essenziale è costituito dalla frequenza e dalla qualità delle conversazioni tra genitori e figli. Il modo di allevare i bambini ha un influenza determinante, per cui l attenzione, il tempo, la qualità dei dialoghi coi genitori incidono fortemente sul formarsi dei primi ricordi e la loro rielaborazione successiva. Si sa ad esempio che i genitori, specialmente le madri, passano più tempo a parlare col primogenito. Si può così affermare che: nei primogeniti e nei figli unici il primo ricordo avrà un età più bassa, inferiore a tre anni; così pure nelle famiglie più colte rispetto a quelle di lavoratori che hanno meno tempo disponibile; nei bambini di famiglie numerose con istruzione bassa i primi ricordi coincideranno con l ingresso all asilo nido o meglio alla scuola materna; ci saranno differenze tra culture diverse a seconda che la famiglia sia più o meno centrata sul bambino. Si può quindi affermare che i primi ricordi vanno perduti non perché sono rimossi, ma perché non sono mai esistiti come ricordi episodici (tranne che come frammenti di immagini, sensazioni, etc.), in quanto incorporati negli schemi e negli script finché il bambino non sviluppa bene il linguaggio; dopo i 3-4 anni alcuni ricordi episodici prendono un vero carattere autobiografico perché sono collocati nel tempo e nello spazio, ancorati a indici anche 6

8 interni, ripetuti più volte e organizzati intorno all immagine di sé: ma la costruzione si arricchisce progressivamente fino alla gioventù e alla vecchiaia. ERRORI DI MEMORIA Errori spontanei Le distorsioni risultanti dai meccanismi che funzionano normalmente nei ricordi autobiografici in parte sono le stesse che operano nelle situazioni sperimentali (ad es. fenomeni di regolarizzazione, fenomeni di falso riconoscimento per associazione e familiarità), soltanto sono più appariscenti e più intense: in circostanze che esigono la ricostruzione di fatti, come le testimonianze prodotte in tribunale oppure la descrizione di un incidente o ancora la narrazione dei sintomi iniziali di malattia, si verificano non solo molte omissioni, ma anche piccole distorsioni o veri e propri errori. Infine ci sono gli errori che dipendono da suggerimenti, dall aggiunta di informazioni vere o false dopo l evento, oppure dall autorevolezza o autorità di chi interroga, dal confronto con le testimonianze rese da altri. Se si chiede a bimbi di tre anni il ricordo di un episodio passato, ma importante, come la nascita di un fratellino o un ricovero in ospedale, in genere lo ricordano ma non sanno dare a questo contenuto una forma narrativa fin verso i quattro anni, che è appunto l età critica in cui in genere iniziano i primi ricordi ottenuti col metodo dell autobiografia: infatti verso questa età si sviluppa un ordinamento temporale degli eventi e una struttura cognitiva che permette di ordinarli entro una serie di punti di riferimento, come i compleanni, l ingresso all asilo o scuola materna. Secondo la Nelson i bambini verso i tre anni sanno riprodurre bene la routine degli eventi quotidiani (script) ma non il ricordo di singoli episodi: occorre infatti che prima sviluppino uno script per poter riconoscere un evento come nuovo e insolito. La capacità di narrare la propria vita si sviluppa anche attraverso le conversazioni coi genitori, è perciò sensibile alle differenze tra culture, all ordine di genitura, al livello di istruzione. Come le storie e i poemi epici sono ricordati meglio dagli esperti narratori e le posizioni delle partite a scacchi dagli scacchisti esperti, perché ricostruiscono trame verbali e strutture di posizione spaziali entro uno schema saldamente posseduto, così i ricordi del sé sono un particolare schema narrativo che include alcune credenze, sentimenti, valutazioni positive o negative fatte dagli altri prima che da noi, e poi ricostruite da noi con una funzione adattativa. Errori guidati da suggestioni Già Binet (1900) e Stern (1910) avevano osservato che i bambini molto facilmente si lasciano suggestionare dalle domande dell adulto importante, se credono di dover dare per forza una risposta: così potevano dire di aver visto un adulto col cappello (che in realtà non aveva), se la domanda era Dimmi di che colore era il cappello del signor X Vi sono errori vistosi prodotti da soggetti che ricordano episodi della vita reale. In particolare, vi sono tre aspetti in cui si evidenzia maggiormente la suggestionabilità (molti casi interessanti sono descritti vivacemente nel libro di Schacter I sette peccati della memoria ): 1. Domande tendenziose che influenzano i testimoni oculari; 2. Sedute di psico-terapia che forzano a ricordare esperienze di infanzia rimosse ; 3. Ricordi di abusi sessuali prodotti da bambini. E abbastanza facile indurre falsi ricordi d infanzia: in una ricerca si era chiesto a soggetti adulti (da 18 a 50 anni) di rievocare degli eventi della loro infanzia; gli eventi erano presentati brevemente in un libretto che includeva tre eventi veri, raccontati dai genitori o dai fratelli insieme a uno falso, ma verosimile, come l essersi perso in un supermercato. Ai soggetti si diceva che tutti e quattro gli episodi erano stati riferiti dai parenti: circa un terzo dei soggetti raccontava l evento fittizio come se fosse stato vero, sforzandosi di immaginarlo con tutti i dettagli. Sotto l effetto della pressione suggestiva, i bambini costruiscono ricordi falsi in cui includono i suggerimenti ricevuti, dimenticando le fonti delle informazioni. Il fenomeno è tanto più intenso quanto più i soggetti sono sensibili all autorità di chi li suggestiona e quanto più sono ricchi di immaginazione. Il fenomeno diventa molto frequente nei bambini che, interrogati da genitori o insegnanti o magistrati, si sentono quasi obbligati a raccontare qualunque cosa. Ad esempio, nei processi di separazione o divorzio, un coniuge (generalmente la madre) potrebbe 7

9 indurre il bambino a raccontare episodi di abuso sessuale per confermare i suoi sospetti o preconcetti verso il marito, interpretando alcuni ricordi in un modo che poi li modifica, oppure suggerendone addirittura di falsi. L informazione suggestiva non solo accresce il grado di plausibilità di un evento anche se raro, ma in alcuni casi aumenta anche la credenza di aver assistito all evento o di averlo sperimentato; questi ricordi sono falsi, anche quando sono ricchi di immagini flash (flashbulb memories) e di dettagli. Un altro ambito di falsi ricordi si collega alle teorie implicite possedute da alcuni psicoterapeuti, che partono dall assunto della rimozione dei traumi infantili e in base a quelli stimolano, o addirittura inducono, il soggetto a evocare falsi ricordi di infanzia. Una larga casistica di questo genere è esposta con molta vivacità dalla Loftus nel suo libro The myth of repressed memory, C è però anche il rischio di sottovalutare delle testimonianze veritiere di bambini sulle violenze che hanno ripetutamente subito: infatti ci sono dei bambini timidi o insicuri che lungi dall inventare episodi e dettagli immaginari, si confondono e si rinchiudono nella negazione, non tanto per un meccanismo di rimozione ma per la paura di non essere creduti e la difesa dalle critiche degli adulti; occorre concentrarsi sulle modalità degli interrogatori. Tecniche per migliorare il ricordo In genere, i ricordi basati su fonti percettive sono più ricchi di dettagli accurati rispetto alle associazioni semantiche e altre esperienze mentali indotte dall immaginazione o da stati affettivi. E diverso chiedere al soggetto se ricorda coscientemente di avere visto o udito uno stimolo in un certo contesto con certi dettagli, oppure se ha un semplice senso di familiarità del tipo mi sembra di averlo già visto. Secondo la teoria detta del Source Monitoring Frame (S.M.F.) di Johnson, la semplice istruzione di rispondere sì o no di fronte all item che era già stato presentato prima, induce più frequentemente falsi ricordi rispetto a un istruzione che richiede di precisare i dettagli, la fonte e il contesto dell informazione. I ricordi più accurati fanno anche uso di caratteristiche percettive-uditive e di stati affettivi. L intervista cognitiva (cfr. Schacter, I sette peccati della memoria, cap. 5), è una tecnica utilizzata per migliorare la testimonianza; essa si basa su quattro fasi: 1. Si chiede un ricordo spontaneo del fatto o delle persone facendo delle domande molto aperte, del tipo Racconta che cosa è successo oppure Descrivi la persona che ti ha aggredito ; 2. Si chiede di ricostruire l ambiente in cui i fatti si sono svolti; 3. Si chiede di rievocare gli eventi secondo un diverso ordine temporale, per esempio cominciando dal fondo; 4. Si chiede di rievocare gli eventi mettendosi da diversi punti di vista delle persone o anche delle posizioni spaziali. Il nuovo codice prevede che i magistrati possano servirsi di colloqui condotti anche alla presenza di esperti in psicologia, fuori dal tribunale, presso servizi di assistenza socio-sanitaria, oppure, se si tratta di bambini molto piccoli, in casa del soggetto. Manca però ancora nel nostro paese una cultura di base psicologica sui risultati della ricerca sull attendibilità e accuratezza dei ricordi, e che permetta di definire meglio le modalità degli interrogatori e dei colloqui. I periti dovrebbero avere una professionalità specifica all interno della psicologia, che è a sua volta specifica rispetto alla psichiatria o alla medicina legale. 8

COSA E LA MEMORIA. E un sistema dinamico in continuo divenire: E limitata sia in termini quantitativi sia in termini di durata

COSA E LA MEMORIA. E un sistema dinamico in continuo divenire: E limitata sia in termini quantitativi sia in termini di durata COSA E LA MEMORIA La capacità del soggetto di conservare nel tempo le informazioni apprese, di recuperarle quando servono in modo pertinente e di apprendere nuove informazioni integrandole con quelle già

Dettagli

MEMORIA. La memoria umana è definita come la capacità di riattivare, in modo parziale o totale, gli avvenimenti del passato;

MEMORIA. La memoria umana è definita come la capacità di riattivare, in modo parziale o totale, gli avvenimenti del passato; MEMORIA La memoria umana è definita come la capacità di riattivare, in modo parziale o totale, gli avvenimenti del passato; La memoria umana è definita anche come la capacità di generare nuove conoscenze,

Dettagli

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 PIAGET VYGOTSKY NELSON Bambino diverso dall adulto Bambino diverso dall adulto Continuità

Dettagli

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU)

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) IL GIOCO La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) Il gioco insegna a muoversi, a immaginare, a pensare (M. LAENG) Lo sport ed il gioco sono elementi fondamentali

Dettagli

PSICOLOGIA della MEMORIA

PSICOLOGIA della MEMORIA PSICOLOGIA della MEMORIA 2014-2015 Anna Borghi annamaria.borghi@unibo.it Sito web: http://laral.istc.cnr.it/borghi Indice: strane memorie Memoria prospettica Definizione Componenti Paradigmi Memoria autobiografica

Dettagli

Che cos è la psicologia?

Che cos è la psicologia? 1 Che cos è la psicologia? La psicologia può essere definita come lo studio scientifico del comportamento e dei processi mentali 2 Che cos è la psicologia? Comportamento Azioni fisiche osservabili compiute

Dettagli

L attendibilità della testimonianza di un minore: Adele Cavedon adele.cavedon@unipd.it

L attendibilità della testimonianza di un minore: Adele Cavedon adele.cavedon@unipd.it L attendibilità della testimonianza di un minore: realtà, fantasia, suggestione. Adele Cavedon adele.cavedon@unipd.it Attendibilità = accuratezza e credibilità L accuratezza riguarda la valutazione delle

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

LIFE SPAN PSYCHOLOGY Prof Anna Pelama7 AA 2013-14

LIFE SPAN PSYCHOLOGY Prof Anna Pelama7 AA 2013-14 LIFE SPAN PSYCHOLOGY Prof Anna Pelama7 AA 2013-14 1 Psicologia dell età evolutiva Per molto tempo l oggetto principale è stato lo sviluppo dalla nascita alla fine dell adolescenza Necessità pratiche: Ø

Dettagli

BENDER GESTALT TEST 27/05/14 FONDAMENTI TEORICI UTILIZZO DEL TEST BENDER VISUAL MOTOR GESTALT TEST. La psicologia della Gestalt

BENDER GESTALT TEST 27/05/14 FONDAMENTI TEORICI UTILIZZO DEL TEST BENDER VISUAL MOTOR GESTALT TEST. La psicologia della Gestalt BENDER VISUAL MOTOR GESTALT TEST BENDER GESTALT TEST VALUTAZIONE SECONDO IL METODO KOPPITZ Il Test di Bender è basato sulla riproduzione di disegni geometrici ed è largamente utilizzato in ambito internazionale

Dettagli

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016 Campi di esperienza coinvolti Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Il sé e l altro Il corpo in movimento Linguaggi,creatività espressione-

Dettagli

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DOCUMENTO D ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La commissione per l accoglienza e l integrazione degli alunni stranieri, all inizio dell anno scolastico ha lavorato con l obiettivo di produrre un

Dettagli

INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA...

INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA... INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA............................................1 1.1 Nascita della Psicologia attuale................................................1 1.2 Correnti

Dettagli

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni psicologiche. L autore del V.M.I. Test rilevò,negli anni 60,

Dettagli

Apprendimento e memoria

Apprendimento e memoria Apprendimento e memoria In tutti gli organismi il comportamento dipende dall interazione di fattori genetici e ambientali. L importanza relativa di questi fattori varia, ma anche il comportamento più stereotipato

Dettagli

Il primo ascolto del minore

Il primo ascolto del minore Progetto I.A.R.A Interventi di Ampliamento della Rete Antiviolenza Il primo ascolto del minore Dott.ssa Concetta Rossi ASL Caserta, Coordinamento Materno-Infantile, Servizio Psicologia Giuridica Distribuzione

Dettagli

Ricerca Scientifica. Caratteristiche: Oggettività Sistematicità Verificabilità

Ricerca Scientifica. Caratteristiche: Oggettività Sistematicità Verificabilità Lezione 6 1 Ricerca Scientifica Caratteristiche: Oggettività Sistematicità Verificabilità 2 Ricerca Scientifica Quali sono i presupposti della ricerca scientifica: Determinismo Empirismo Integrazione teorica

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto

Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto Riguarda la descrizione dei processi attraverso i quali nasce e si trasforma la cognizione, riguarda cioè il modo in cui il bambino prima e l adulto poi conosce il mondo ed interagisce con esso. La psicologia

Dettagli

La Valutazione dell Attaccamento

La Valutazione dell Attaccamento La Valutazione dell Attaccamento La Strange Situation L Adult Attachment Interview La I.A.L. (Intervista sull Attaccamento in età di Latenza) La Strange Situation La S.S. è una modalità osservativa che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

IL CERVELLO CREATIVO. Il cervello creativo. I due emisferi cerebrali

IL CERVELLO CREATIVO. Il cervello creativo. I due emisferi cerebrali IL CERVELLO CREATIVO Conoscere come funziona la nostra mente significa farne un uso migliore, sviluppare attività metacognitive Il nostro cervello è: visivo concreto legato alla motricità L intelligenza

Dettagli

La valutazione neuropsicologica nei disturbi di memoria

La valutazione neuropsicologica nei disturbi di memoria La valutazione neuropsicologica nei disturbi di memoria Dott.ssa Alessandra Pini Fondazione Don C. Gnocchi, Centro IRCCS S. Maria Nascente, Milano CAM, Centro Analisi Mediche, Monza La memoria La memoria

Dettagli

IL CARICO ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CHE SOFFRE DI UN DELIRIO ACUTO

IL CARICO ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CHE SOFFRE DI UN DELIRIO ACUTO IL CARICO ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CHE SOFFRE DI UN DELIRIO ACUTO Gorizia, 13 novembre 2012 DISTURBI PSICOTICI Psicosi è un termine generale, che indica una grossolana compromissione nella verifica

Dettagli

Psicologia dello sviluppo Dott.ssa Germana Castoro germanacastoro@gmail.com

Psicologia dello sviluppo Dott.ssa Germana Castoro germanacastoro@gmail.com Psicologia dello sviluppo Dott.ssa Germana Castoro germanacastoro@gmail.com 1 Programma Finalità Il corso si propone di introdurre lo studente alla conoscenza dei principali temi affrontati dalla psicologia

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

Vygotskij 1934) (1896-1934)

Vygotskij 1934) (1896-1934) Vygotskij (1896-1934) 1934) Biografia: Contemporaneo di Piaget Nasce in Russia da famiglia ebrea. Fu molto influenzato dal pensiero marxista Riteneva che la cultura, la struttura sociale e le forze storiche

Dettagli

L Accertamento. nel Nursing di Salute Mentale CEREF. Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli

L Accertamento. nel Nursing di Salute Mentale CEREF. Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli L Accertamento nel Nursing di Salute Mentale CEREF Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli Accertamento - Valutazione Iniziale Processo scientifico di identificazione

Dettagli

Prof.ssa Ilaria Castelli

Prof.ssa Ilaria Castelli Dipartimento di Scienze Umane e Sociali Università degli Studi di Bergamo Laurea Triennale in Scienze dell educazione Psicologia delle età della vita A.A. 2015/2016 - Primo semestre Prof.ssa Ilaria Castelli

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE PROGETTO ANNUALE COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE ISTITUTO COMPRENSIVO SCIALOIA SCUOLE DELL INFANZIA SCIALOIA P. ROSSI ANNO SCOLASTICO 20115/2016 IL CURRICOLO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Il curricolo

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi

Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi L intelligenza Cos è l intelligenza? Non è un abilità cognitiva unitaria Non è un abilità cognitiva generale Non è innata Non

Dettagli

Che cos è la teoria della mente

Che cos è la teoria della mente Che cos è la teoria della mente La teoria della mente è la capacità di intuire o comprendere gli stati mentali propri e altrui, i pensieri, le credenze, i ragionamenti, le inferenze, le emozioni, le intenzioni

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione)

Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO DUE MODI PER OTTENERE RISPOSTE a tre ordini di domande: QUANDO? Identificazione sequenze di sviluppo COME? Descrizione PERCHÉ? Spiegazione delle differenze 1. MODO SOGGETTIVO

Dettagli

Strumenti per l ascolto del minore. Dott. Sarah La Marca

Strumenti per l ascolto del minore. Dott. Sarah La Marca Strumenti per l ascolto del minore Dott. Sarah La Marca Procedure operative dell intervento in rete Memoria e testimonianza dei bambini: aspetti psicoforensi LA SEGNALAZIONE La segnalazione all Autorità

Dettagli

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni.

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni. SCUOLA DELL INFANZIA CHE AVVENTURA - Progetto educativo/didattico anno scolastico 2014 / 2015 Obiettivi di apprendimento ipotizzati per bambini di 3 anni CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Memoria. Testi di riferimento: Coon, Mitterer (2011) Psicologia generale. UTET Cap. 7

Memoria. Testi di riferimento: Coon, Mitterer (2011) Psicologia generale. UTET Cap. 7 Memoria Testi di riferimento: Coon, Mitterer (2011) Psicologia generale. UTET Cap. 7 1. Sistemi di memoria Memoria: il sistema mentale per ricevere, codificare, organizzare e recuperare informazioni. 3

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici. Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012

Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici. Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012 Apprendimento, DSA e mappe concettuali come mediatori didattici Beatrice Caponi Conegliano, 6 novembre 2012 Apprendere significa Comprendere e mantenere nel tempo le conoscenze (memoria) Saper utilizzare

Dettagli

Il bosco delle sensazioni

Il bosco delle sensazioni Programmazione sezione prima SCUOLA DELL'INFANZIA "VILLA FLAMINIA" A.S. 2015 /2016 Il bosco delle sensazioni INSEGNANTI Maela Avvisati Oriana Riina Tina Iavarone Dimmi e io dimentico Mostrami e io ricordo

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3

Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 IL FUNZIONAMENTO INTELLETTIVO LIMITE ------------------------------------------------------------------- 3 2 di

Dettagli

UN ANIMALE PER AMICO

UN ANIMALE PER AMICO UN ANIMALE PER AMICO Con Emilia ci divertiamo e impariamo!!! NIDO AZIENDALE ARCOBALENO Educatrici: Bessega Simona Rossi Irene Pinzoni Irene Referente Pedagogica: d.ssa Maria Chiara Brunello PREMESSA Per

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Curricolo verticale italiano

Curricolo verticale italiano 2 Circolo Didattico Sassari Curricolo verticale italiano Scuola Infanzia e anno ponte Scuola Primaria F.S.: Loriga Anna Maria Sanna Maria Luisa Anno scolastico 2014/15 Introduzione La capacità di comunicare

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Apprendimento. Dispositivo universale degli animali, supportato da una struttura nervosa.

Apprendimento. Dispositivo universale degli animali, supportato da una struttura nervosa. Apprendimento Dispositivo universale degli animali, supportato da una struttura nervosa. Esempio dell ameba: Risponde a stimoli nuovi (adattabilità) Identifica risposte adattive per prove ed errori (acquisizione

Dettagli

L IMPORTANZA DEL GIOCO PER IL BAMBINO IN OSPEDALE

L IMPORTANZA DEL GIOCO PER IL BAMBINO IN OSPEDALE L IMPORTANZA DEL GIOCO PER IL BAMBINO IN OSPEDALE Perché il bambino gioca? Il bambino gioca perché prova una sensazione di benessere, lo fa stare bene, gli dà gioia. Per il bambino il gioco è un attività

Dettagli

LA MEDIA FANCIULLEZZA LO SVILUPPO COGNITIVO

LA MEDIA FANCIULLEZZA LO SVILUPPO COGNITIVO LA MEDIA FANCIULLEZZA LO SVILUPPO COGNITIVO 1 Piaget: le operazioni concrete Nello stadio delle operazioni concrete emergono due raggruppamenti di operazioni che si sviluppano contemporaneamente e vengono

Dettagli

Progetto Co.r.re.l.a.re. I servizi per l infanzia come luogo di integrazione. L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna

Progetto Co.r.re.l.a.re. I servizi per l infanzia come luogo di integrazione. L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna Progetto Co.r.re.l.a.re I servizi per l infanzia come luogo di integrazione L italiano L2 dei più piccoli: come si apprende, come si insegna Lodi 8 aprile 2013 Gabriella Lessana Cosa fare all inizio? Per

Dettagli

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione.

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione. Premessa Un due tre stella ecco MAGA BEA! Laboratorio per il potenziamento delle abilità di ascolto e di attenzione L attenzione comprende la disponibilità a recepire la capacità di selezione dello stimolo

Dettagli

Documentazione delle attività di ruotine

Documentazione delle attività di ruotine Istituto Comprensivo Statale C. Tura- Pontelagoscuro- Ferrara Sezione infanzia statale G. Rossa Documentazione delle attività di ruotine La documentazione delle esperienze proposte è un aspetto molto importante

Dettagli

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI.

ASPETTI GENETICI, FISICI, MOTORI, MEDICI. LEZIONE: LA SINDROME DI DOWN (PRIMA PARTE) PROF. RENZO VIANELLO Indice 1 UN PO DI STORIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

Numerosi studi hanno dimostrato che non è il solo fattore responsabile delle associazioni.

Numerosi studi hanno dimostrato che non è il solo fattore responsabile delle associazioni. 1. Apprendimento e Condizionamento Associazioni S-S Condizionamento classico o pavloviano Uno stimolo incondizionato, (cibo) produce una risposta incondizionata, (salivazione) se associamo al suono di

Dettagli

COMPRENSIONE DEL TESTO CON LE SEQUENZE TEMPORALI

COMPRENSIONE DEL TESTO CON LE SEQUENZE TEMPORALI Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Elisa Quintarelli COMPRENSIONE DEL TESTO CON LE SEQUENZE TEMPORALI Storie e attività

Dettagli

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016 Direzione Didattica 2 Circolo San Giuseppe Via Enrico Costa, 63 - telefax 079/233275 - Sassari e-mail ssee00200p@istruzione.it - sito web www.secondocircolosassari.gov.it Cod. Fiscale. 80002320903 Cod.

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO

Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva OSSERVAZIONE E MONITORAGGIO Area linguistico-intellettiva Le tappe del pensiero Nel corso del primo anno: segue con lo sguardo gli oggetti in movimento; distingue i volti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INSEGNANTI CURRICOLARI: DI BONAVENTURA LAURA MARAINI

Dettagli

PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA

PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA Dott.ssa Martina Valente Psicologa master II livello in Psicopatologia dell Apprendimento s.a Psicoterapia cognitivo comportamentale per l infanzia e l adolescenza

Dettagli

COLORANDIA:.. ALLA SCOPERTA DEI COLORI

COLORANDIA:.. ALLA SCOPERTA DEI COLORI Doralice Magnoni Area: approfondimenti disciplinari Obiettivi: stabilire intrecci e connessioni tra le discipline Attività: COLORANDIA ALLA SCOPERTA DEI COLORI Ordini di scuola: scuola dell infanzia Crediti:

Dettagli

Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici

Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici Box. 3.1-3.2-3.3 Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici Le onde della veglia Quando l individuo

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GRAZIA DELEDDA CATANIA PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2015-2016 La Progettazione annuale delle Attività Didattiche elaborata per l anno scolastico

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

Difficoltà scolastiche

Difficoltà scolastiche Difficoltà scolastiche DSA Difficoltà Scolastiche Così come ogni individuo è diverso da un altro, differente per ciascuno sarà lo stile di apprendimento delle conoscenze. Per questo motivo quando si parla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA Rodari Walt Disney Peter Pan/Quattroponti A.S. 2012-2013

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA Rodari Walt Disney Peter Pan/Quattroponti A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 4 OVEST PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA Rodari Walt Disney Peter Pan/Quattroponti A.S. 2012-2013 Il linguaggio è una sorta di utensile, l utensile più avanzato che noi abbiamo,

Dettagli

Anno scolastico 2011-2012

Anno scolastico 2011-2012 PROGETTO SCUOLA DELL'INFANZIA DON MILANI BUDRIO Anno scolastico 2011-2012 Chi ha paura del lupo cattivo? Tutto è già cominciato prima, la prima riga della prima pagina di ogni racconto si riferisce a qualcosa

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Dislessia disgrafia disortografia - discalculia Come si sviluppa un abilità Predisposizione innata: le funzioni superiori si insediano nell uomo per sola esposizione

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

un mondo sotterraneo della memoria

un mondo sotterraneo della memoria un mondo sotterraneo della memoria Memoria implicita: L essere influenzati da un esperienza passata senza avere la consapevolezza di ricordare. Priming -> consiste nell effetto di facilitazione e preattivazione

Dettagli