Dr. Filippo Bosi VERSIONE Proposta di ISTRUZIONE OPERATIVA PER EPISODI DI MALATTIE E/O MORTALITÀ DI API

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dr. Filippo Bosi VERSIONE Proposta di ISTRUZIONE OPERATIVA PER EPISODI DI MALATTIE E/O MORTALITÀ DI API"

Transcript

1 Area Sanità Pubblica Veterinaria Dr. Filippo Bosi VERSIONE Proposta di ISTRUZIONE OPERATIVA PER EPISODI DI MALATTIE E/O MORTALITÀ DI API Scopo: indicare le azioni del ASPV, a seguito di segnalazioni di malattie delle api e/o loro mortalità. Definizioni Arnia: il contenitore destinato alla famiglia di api Alveare: l arnia contenente una famiglia di api Apiario: un insieme unitario di alveari Postazione: il sito di un apiario Riferimenti legislativi: TULLSS n. 1265/1935 DPR n. 320/1954 (RPV) e successive integrazioni e modifiche LR 35/1988 (Tutela e sviluppo dell apicoltura) DPGR n. 130 del (Divieto di trattamenti con insetticidi e acaricidi alle colture durante la fioritura) Legge 313/2004 (Disciplina dell apicoltura) Reg. CE 852/2004 Reg. CE 882/2004 DLgs 158/2006 Piano integrato igienico sanitario per la tutela delle api in Emilia Romagna (del 14 giugno 2010) Linee Guida per la gestione dei focolai di peste americana delle api (RER del ) Premessa La salute delle api è compromessa da malattie specifiche e da fattori ambientali che possono anche interagire tra loro; tali fattori, direttamente o indirettamente si possono ripercuotere sulla sicurezza degli alimenti e riducono la produttività degli allevamenti. L apicoltura è importante anche per il futuro del comparto agricolo e dell ecosistema, pertanto è opportuno garantirne il controllo. E quindi necessario che il personale incaricato dei controlli ufficiali conosca quest attività zootecnica peculiare e applichi azioni prestabilite, adatte per tale realtà. Informazioni preliminari Le malattie soggette a denuncia sono: Peste europea, peste americana, acariasi, nosemiasi, varroasi, Aethina tumida o Tropilaelaps. La mortalità, in apicoltura può assumere diversi significati, potendo interessare sia le famiglie di api nel loro complesso, che le singole api (senza però che la famiglia venga a morte); inoltre può presentarsi anche lo spopolamento più o meno improvviso di alveari. Tra le cause di mortalità o spopolamento, un ruolo particolare assumono gli avvelenamenti. Il sospetto di avvelenamento da agrofarmaci è legato in particolare alla stagionalità (in particolare al periodo primaverile o di inizio estate) e alla collocazione degli apiari in aree coltivate; sono possibili episodi anche in ambiente urbano per trattamenti insetticidi alle aree verdi oppure di natura dolosa, es. problemi di vicinato, liti tra apicoltori,... Tutti questi fenomeni sono di particolare interesse e sono oggetto di diversi programmi di monitoraggio e ricerca, es. Beenet. In Emilia Romagna le indicazioni sulla gestione degli avvelenamenti degli apiari risalgono al 2004 poi sono state aggiornate dal Piano integrato igienico sanitario per la tutela delle api in Emilia Romagna (del 14 giugno 2010): Altre indicazioni sono contenute nella nota della Regione ER del relativa al Piano Nazionale 2013 sulla ricerca dei residui in applicazione del DLvo 158/2006; in presenza di morie o spopolamenti è previsto il campionamento del miele del melario per la ricerca dei neonicotinoidi/fitofarmaci.

2 Azioni Si definiscono le seguenti azioni: a) vengono individuati i veterinari incaricati al controllo del settore apistico i quali devono essere dotati di DPI specifici per apicoltura (maschera e guanti da apicoltura tuta, calzari o stivali); è consigliabile abbiano a disposizione anche farmaci antiallergici. b) le segnalazioni di morie/mortalità o malattie di alveari al ASPV, vengono smistate al / ai veterinario/i incaricati. Le segnalazioni di morie di sospetta origine tossica impongono l intervento del veterinario possibilmente in giornata in quanto ci può essere una rapida degradazione dei pesticidi; il sospetto di malattie esotiche (Aethina tumida o Tropilaelaps) impone l immediata visita degli alveari. Il veterinario deciderà se farsi assistere eventualmente da un altro veterinario o Tecnico della Prevenzione (questo collaborerà nella raccolta/confezionamento del campione e nelle operazioni conseguenti). Le visite dovranno essere svolte possibilmente in presenza dell apicoltore (o quanto meno avendolo informato), applicando misure di biosicurezza. Visita agli apiari a seguito di mortalità da sospetto avvelenamento Occorre verificare la presenza di api morte o moribonde (con incapacità al volo, ridotta mobilità, tremori, presenza di ligula estroflessa ) presenti soprattutto davanti agli alveari o dentro le arnie, sul fondo delle stesse. Compatibilmente con le condizioni climatiche, verificare anche le condizioni dei nidi. Considerare che l erba alta, davanti agli alveari, ostacola notevolmente il rilevamento della mortalità e la raccolta delle api; per monitorare l andamento del fenomeno e facilitare la raccolta di api può essere opportuno porre dei materiali puliti davanti agli alveari (es. teli, coperchi degli alveari rovesciati..) o lo sfalcio. Se rientrano api con polline, annotarne il colore e se tali api presentino o meno sintomatologia. Negli avvelenamenti spesso la mortalità non è omogenea nell apiario: le famiglie più forti in genere sono le più colpite. La presenza di api morte/moribonde può presentarsi anche in altre situazioni di natura infettiva o gestionale (es. virus della Paralisi acuta oppure prolungata clausura degli alveari per trasporto o per altri motivi contingenti, specie se avvenuti con temperature elevate). Al contrario, anche l assenza di api o la loro marcata riduzione (sindrome da spopolamento - CCD), può deporre per l origine tossica, oppure per altre cause di natura biologica, tra loro anche sovrapposte. Ove possibile, acquisire documentazione fotografica. Raccolta di informazioni anamnestiche: hanno molta importanza e riguardano l impiego di fitofarmaci nelle vicinanze, non sempre però a conoscenza dell apicoltore e le operazioni in precedenza eseguite da quest ultimo (in particolare i trattamenti antivarroa, ma anche il trasporto o la clausura). Campionamento di api o materiali In presenza di mortalità di famiglie o di loro spopolamento nonché di significativa mortalità di api, è sempre opportuno procedere al campionamento di api morte o moribonde (possibilmente entro le ore dalla comparsa della sintomatologia) evitando la presenza di terriccio, erba o di api morte da tempo (queste ultime sono di aspetto più opaco e in parte mutilate). Campioni ottimali sono costituiti da circa 1000 api (equivalenti a 100 grammi) per consentire le ricerche di fitofarmaci; campioni più ridotti limitano le ricerche, comunque spesso sono sufficienti. Possibilmente campionare api con pallottole di polline, in contenitore a parte (questo potrà essere utile anche per indirizzare nella ricerca del pascolo ). Qualora non sia possibile campionare le api (ad es. per totale spopolamento degli alveari, oppure a seguito di interventi non tempestivi e quindi in presenza di api morte da molti giorni), possono essere prelevate le matrici bottinate (raccolte) di recente, in particolare miele non opercolato o polline depositato di recente nei favi. Per tali matrici, si potranno prelevare porzioni di favo (o direttamente un favo) oppure il polline si può estrarre dalle cellette con aghi o pinzette. Il/i campione/i è prelevato in aliquota unica utilizzando idonei contenitori rigidi, poi chiusi in sacchetti individuati.

3 Allegare il verbale di prelievo (Allegato 1) indicando le informazioni acquisite; è utile annotare le colture presenti nei paraggi dell apiario (< 1 km), il loro stadio vegetativo e le condizioni meteo climatiche, se avverse. Ricerche chimiche: qualora non emergano informazioni anamnestiche che indirizzino le ricerche, viste le esperienze maturate nel ns. territorio, la priorità deve essere indirizzata verso i neonicotinoidi e, se negativi, verso gli altri fitofarmaci (indicare la priorità sul verbale). Per indagini mirate può essere opportuno consultare il Servizio Provinciale Agricoltura, e/o Servizio Fitosanitario che potranno indirizzare sui prodotti fitosanitari utilizzati maggiormente nelle colture. Conservazione del campione: mantenerlo al riparo dalla luce, congelandolo appena possibile oppure consegnarlo immediatamente a IZS in regime di freddo. Per consentire le ricerche indirizzate alle malattie dell alveare, è consigliabile fare un altro campione, di dimensioni più ridotte (in contenitore rigido, da refrigerare o congelare, in relazione ai tempi successivi di inoltro all IZS). In presenza di altri apiari collocati a breve distanza, è opportuno procedere a controllo anche degli stessi; tali indagini potranno fornire elementi utili per localizzare la possibile causa della mortalità. Accertamento su aziende possibili causa dell avvelenamento Qualora sia possibile individuare aree probabilmente trattate con fitofarmaci/pesticidi, che verosimilmente possono essere la causa della mortalità (anche in base alle informazioni anamnestiche fornite dagli apicoltori), occorre proseguire l intervento per acquisire informazioni su tali trattamenti. Vista la complessità dell intervento è consigliabile che il controllo venga fatto assieme ad un Tecnico della Prevenzione, eventualmente anche facendo richiesta di collaborazione al Servizio Fitosanitario o all Assessorato Provinciale Agricoltura (può essere opportuno allertarli appena ricevuta la segnalazione dall apicoltore, circa il sospetto circostanziato di avvelenamento). Ci si indirizzerà primariamente ad aree collocate a breve distanza(< 1 km circa), essendo poco probabile che il problema sia a distanza maggiore; il trattamento potrebbe essere avvenuto non necessariamente su piante fiorite (es. semine con concianti/geodisinfestanti, fertirrigazione, trattamenti su piante con melata...). Qualora si accerti la possibile causa della mortalità, si dovrà valutare le condizioni di utilizzo degli agrofarmaci (es. prodotto utilizzato, condizioni operative, prescrizioni di utilizzo rispettate, presenza o meno di piante fiorite anche nelle vicinanze o piante spontanee sottostanti), registrazione del trattamento e le possibili responsabilità. Si procederà al campionamento di vegetali oggetto di trattamento e/o di altre matrici che potrebbero essere di interesse (es. erba o altre piante, specie se con fioriture in atto, sottostanti o a breve distanza dalle colture trattate, acqua presente nelle pozzanghere, liquido irrorato direttamente sulle piante...). Il campionamento di vegetali, dovrà essere eseguito in modo ufficiale in 5 aliquote con verbale (almeno 200 grammi per aliquota), rispettando i diritti della difesa; poi congelare o inviare immediatamente al IZS in regime di freddo. Malattie denunciabili non esotiche Il veterinario procederà alla visita dell apiario e se necessario anche al prelievo di matrici; potrà essere sempre utilizzato il verbale di prelievo in Allegato 1. Malattie esotiche In presenza di sospetto di infestazione dal coleottero Aethina tumida o dell Acaro Tropilaelaps, informare immediatamente il Responsabile U.O. di Sanità Animale e Responsabile di A.T. e richiedere il supporto del personale dell IZS. (Se la visita clinica confermi il sospetto, la conferma della diagnosi dovrà essere fatta dal Centro di Referenza per l Apicoltura c/o IZS delle Venezie). Occorrerà agire con la massima sollecitudine, anche con il rintraccio del materiale sospetto di infestazione. Flussi informativi

4 Gli episodi di malattie denunciabili andranno comunicati al CEREV secondo il modello Malinf 1_2; il Veterinario accertatore predisporrà il Malinf e la trasmissione al Cerev verrà curata dal Responsabile U.O. di Sanità Animale. Degli episodi di morie/spopolamenti, si dovranno informare via mail i Responsabili delle U.O. di Sanità Animale e di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni zootecniche del ASPV, il Servizio Veterinario Regionale, il Servizio Fitosanitario e l Assessorato Agricoltura della Provincia. E opportuno darne comunicazione anche al Dr. Claudio Porrini dell Università di Bologna, referente per il progetto Beenet, che raccoglie queste comunicazioni (non andranno però trasmesse informazioni su dati sensibili degli apicoltori, se non previa la autorizzazione da parte di questi ultimi). Azioni preventive Si ritiene utile informare preventivamente gli Enti Territoriali interessati (IZSLER, Servizio Veterinario e Servizio Fitosanitario RER, Assessorato Provinciale Agricoltura e Ambiente, Comuni, referente Progetto Beenet.).e le Associazioni delle categorie professionali interessate (apicoltori, agricoltori, tecnici agricoli, rivenditori di agrofarmaci...), per informarle e sensibilizzarle agli aspetti trattati. ALLEGATO 1 verbale di prelievo

5 ALLEGATO 1 ASPV a IZSLER Sez. di LUGO (RA) VERBALE DI PRELIEVO API n.... data... /... /2013 Prelievo eseguito dal VETERINARIO UFFICIALE Dr Apicoltore*..... residenza via Comune... apiario Via... Comune.. (* se nuovo utente è necessario il C.F. o P. Iva...) MATERIALE PRELEVATO N.... BARATTOLI / SACCHETTI IDENTIFICATI COME SEGUE API VIVE / MORTE / MORIBONDE + PUPE LARVE da alveare n API VIVE / MORTE / MORIBONDE + PUPE LARVE da alveare n API VIVE / MORTE / MORIBONDE + PUPE LARVE da alveare n API VIVE / MORTE / MORIBONDE + PUPE LARVE da alveare n API VIVE / MORTE / MORIBONDE + PUPE PRELEVATE IN POOL DA DIVERSE FAMIGLIE... API CON POLLINE, VIVE / MORTE / MORIBONDE da alveare n POLLINE PRELEVATO DAI FAVI da alveare n.... PEZZI DI FAVO... da alveare n INSERIRE TUTTO IL MATERIALE IN CONTENITORI PULITI ERMETICAMENTE CHIUSI CONSERVARE A 20 C (ECCETTO CHE PER RICHIESTA NOSEMA SPP. che prevede materiale possibilmente refrigerato O CON CONSEGNA IN TEMPI RAPIDI AL LABORATORIO ). Per ricerca di Senotainia tricuspis, mantenere a TEMPERATURA AMBIENTE CONSERVATI A TEMPERATURA AMBIENTE REFRIGERATI CONGELATI MOTIVO DEL PRELIEVO: Piano di RICERCA IZS DIAGNOSTICA ALTRO PER: MORTALITA FAMIGLIE (possibilmente inviare api morte e pezzi di favo con resti di covata) SPOPOLAMENTO ALVEARI (se reperibili, inviare api possibilmente vive + pezzi di favo con varie matrici) MORTALITÁ DI API ANOMALA (inviare api morte recentemente o moribonde) MORTALITA DI API CON SOSPETTO AVVELENAMENTO (inviare api morte recentemente o moribonde e possibilmente in altro contenitore api con polline; per eventuali matrici vegetali, campionare a parte con verbale di prelievo) PESTE AMERICANA (inviare favo con covata morta, opercolata) PESTE EUROPEA (inviare favo con covata morta, sia opercolata che non opercolata) NOSEMA SPP. (inviare almeno 30 api bottinatrici) VARROASI (inviare favo con covata opercolata, api, detriti del fondo) ACARIOSI (inviare api vive) VIROSI (inviare un favo con tutte le fasi di sviluppo della covata; api adulte vive e morte, varroe adulte) RICHIESTA: NUMERAZIONE SPORE: Paenibacillus larvae Nosema spp CONFERMA SOSPETTO CLINICO... ALTRE RICERCHE: ricerca neonicotinoidi ricerca fitofarmaci... NOTE E DATI ANAMNESTICI PER INDIRIZZARE ANALISI ASSENZA DI MALATTIE DENUNCIABILI PRESENZA DI COVATA CALCIFICATA PRESENZA DI FAMIGLIE CON SVILUPPO STENTATO L APICOLTORE IL VETERINARIO UFFICIALE

Linee guida per la gestione delle segnalazioni di moria o spopolamento degli alveari connesse all utilizzo di fitofarmaci

Linee guida per la gestione delle segnalazioni di moria o spopolamento degli alveari connesse all utilizzo di fitofarmaci Linee guida per la gestione delle segnalazioni di moria o spopolamento degli alveari connesse all utilizzo di fitofarmaci Scopo: fornire indicazioni operative per la gestione delle segnalazioni di mortalità/spopolamento

Dettagli

Proposta di Istruzione Operativa per la gestione delle segnalazioni di episodi di malattie e/o mortalità di api

Proposta di Istruzione Operativa per la gestione delle segnalazioni di episodi di malattie e/o mortalità di api Dr. Filippo Bosi - Veterinario Dipendente AUSL Ravenna - f.bosi@ausl.ra.it Corso di formazione AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL'APICOLTURA Proposta di Istruzione Operativa per la gestione

Dettagli

STANZIALI NOMADI TOTALE APIARI ALVEARI APIARI ALVEARI APIARI ALVEARI

STANZIALI NOMADI TOTALE APIARI ALVEARI APIARI ALVEARI APIARI ALVEARI Premessa Nel corso degli ultimi anni si sono manifestati rilevanti problemi di sopravvivenza delle famiglie di api in molte zone del mondo. In particolare, per quanto riguarda la Lombardia, dal confronto

Dettagli

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II Ministero della salute DGASAFV Malattie denunciabili

Dettagli

Attività per la tutela del settore apistico: Piano Nazionale Residui e Piano Regionale

Attività per la tutela del settore apistico: Piano Nazionale Residui e Piano Regionale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali della Regione Emilia Romagna L'APICOLTURA TRA NUOVE MALATTIE E VECCHI PROBLEMI U16 Attività per la tutela del settore apistico: Piano Nazionale Residui e Piano

Dettagli

ALLEGATO. Modalità di attuazione del piano di sorveglianza per Aethina tumida sul territorio italiano

ALLEGATO. Modalità di attuazione del piano di sorveglianza per Aethina tumida sul territorio italiano ALLEGATO Modalità di attuazione del piano di sorveglianza per Aethina tumida sul territorio italiano Criteri per l esecuzione di un piano di sorveglianza negli apiari per la ricerca di Aethina tumida Il

Dettagli

della Regione Emilia Romagna

della Regione Emilia Romagna Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali U16 Aethina tumida Prime indicazioni sulle attività di sorveglianza IZS Bologna 18 settembre 2014 1 Diapositiva 1 U16 Utente; 30/10/2008 Direzione Generale

Dettagli

VIA PANEBIANCO COSENZA

VIA PANEBIANCO COSENZA PROGETTO ESECUTIVO Corso di formazione Reg. CE 1234/07 Programma apistico 2015-16 SEDE ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL MEZZOGIORNO SEZIONE DIAGNOSTICA PROVINCIALE DI COSENZA VIA PANEBIANCO 301-87100

Dettagli

Apicoltura oggi, interlocutori a confronto Asti IZS Piemonte Liguria e Valle d Aostad

Apicoltura oggi, interlocutori a confronto Asti IZS Piemonte Liguria e Valle d Aostad Apicoltura oggi, interlocutori a confronto Asti IZS Piemonte Liguria e Valle d Aostad aggiornamento sulle misure di controllo riguardanti le malattie delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II DIREZIONE

Dettagli

Giornata di aggiornamento sanitario in apicoltura Magenta 4 febbraio 2012

Giornata di aggiornamento sanitario in apicoltura Magenta 4 febbraio 2012 Giornata di aggiornamento sanitario in apicoltura Magenta 4 febbraio 2012 La rete di monitoraggio apicoltura in Regione Lombardia: 2009-2011 Mario Astuti ASL di Lecco Una rete di monitoraggio - perché

Dettagli

Tecniche apistiche applicabili in caso di popolamento dell alveare. Tempistiche e modalità di attuazione

Tecniche apistiche applicabili in caso di popolamento dell alveare. Tempistiche e modalità di attuazione Tecniche apistiche applicabili in caso di popolamento dell alveare Tempistiche e modalità di attuazione Situazione attuale Complessivamente positiva (ma attenzione) Varroa nella norma (poca in montagna)/sospensione

Dettagli

Protocollo di campionamento

Protocollo di campionamento Progetto pilota per la sorveglianza della mortalità delle colonie di api Italia 2012-2013 Protocollo di campionamento Le buone pratiche di campionamento Il prelievo dei campioni: i campioni vengono effettuati

Dettagli

I PRIMI PASSI... art. 6 Legge 313/2004 Disciplina dell apicoltura:

I PRIMI PASSI... art. 6 Legge 313/2004 Disciplina dell apicoltura: I PRIMI PASSI... art. 6 Legge 313/2004 Disciplina dell apicoltura: Quando si inizia attività di apicoltura si deve darne comunicazione alla ULSS di competenza Montecchio Precalcino, 30 marzo 2013 - APICOLTURA:

Dettagli

RETE RURALE NAZIONALE

RETE RURALE NAZIONALE RETE RURALE NAZIONALE 1 Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Rete Rurale Nazionale BeeNet Apicoltura e ambiente in rete Bollettino Monitoraggio Apistico A cura del Coordinamento Nazionale:

Dettagli

SANGUE ricerca anticorpi/antigeni su siero (immunofluorescenza indiretta/ sieroagglutinazione/sieroneutralizzazione/ tecniche immunoenzimatiche)

SANGUE ricerca anticorpi/antigeni su siero (immunofluorescenza indiretta/ sieroagglutinazione/sieroneutralizzazione/ tecniche immunoenzimatiche) PG ACC 003/2 rev. 10 pag. 1 di 6 INDICAZIONI PER IL PRELIEVO ED IL CONFERIMENTO DEI CAMPIONI SANITÀ ANIMALE Esame SANGUE ricerca anticorpi/antigeni su (immunofluorescenza indiretta/ agglutinazione/neutralizzazione/

Dettagli

VIII Convegno del Centro Apistico Regionale EVOLUZIONE DAL 2015 AD OGGI DELLA BDA IN REGIONE PIEMONTE

VIII Convegno del Centro Apistico Regionale EVOLUZIONE DAL 2015 AD OGGI DELLA BDA IN REGIONE PIEMONTE VIII Convegno del Centro Apistico Regionale EVOLUZIONE DAL 2015 AD OGGI DELLA BDA IN REGIONE PIEMONTE Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria Dr. Giovanni TEDDE Lunedì 16 ottobre 2017 I.Z.S.

Dettagli

Progetto pilota di sorveglianza sulla mortalità degli alveari. Protocollo di campionamento

Progetto pilota di sorveglianza sulla mortalità degli alveari. Protocollo di campionamento Progetto pilota di sorveglianza sulla mortalità degli alveari Protocollo di campionamento Referenti A livello europeo: CdR europeo sulla sanità delle api eurl.bee@anses.fr A livello nazionale: Dr. Andrea

Dettagli

INDAGINE TECNICO CONOSCITIVA SUL FENOMENO DELLA MORIA DELLE API ALL INTERNO DELLE AREE NATURALI PROTETTE

INDAGINE TECNICO CONOSCITIVA SUL FENOMENO DELLA MORIA DELLE API ALL INTERNO DELLE AREE NATURALI PROTETTE Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale INDAGINE TECNICO CONOSCITIVA SUL FENOMENO DELLA MORIA DELLE API ALL INTERNO DELLE AREE NATURALI PROTETTE Ricerca finanziata dal Ministero dell

Dettagli

Sviluppo Tecnologie Ambientali

Sviluppo Tecnologie Ambientali ecnologie Impianti solari fotovoltaici e termici Efficientamento energetico - rattamento acqua e aria con PROCEDIMENO ED APPARAO PER IL RAAMENO DI INFESAZIONI DELLE API VIVE". (Brevetto Depositato N. 102015000068485)

Dettagli

Misure da adottare per prevenire e per ridurre il danno da spopolamenti e/o morie

Misure da adottare per prevenire e per ridurre il danno da spopolamenti e/o morie Misure da adottare per prevenire e per ridurre il danno da spopolamenti e/o morie Claudio Porrini Dipartimento di Scienze Agrarie Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Bologna, 30 ottobre 2015 Mortalità

Dettagli

VII Convegno del Centro Apistico Regionale RUOLO DELLA SANITA' IN APICOLTURA

VII Convegno del Centro Apistico Regionale RUOLO DELLA SANITA' IN APICOLTURA VII Convegno del Centro Apistico Regionale RUOLO DELLA SANITA' IN APICOLTURA Aggiornamento sullo stato sanitario e anagrafico dell apicoltura in Regione Piemonte Direzione Sanità Settore Prevenzione e

Dettagli

Esame obiettivo generale e visita clinica. Dr. Pasquale Troiano S.C. Diagnostica IZS PB - Foggia

Esame obiettivo generale e visita clinica. Dr. Pasquale Troiano S.C. Diagnostica IZS PB - Foggia Esame obiettivo generale e visita clinica Dr. Pasquale Troiano S.C. Diagnostica IZS PB - Foggia 1 Prima di recarsi in apiario ci si deve vestire in maniera adeguata proteggendo il volto con la maschera,

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

MORIE E SPOPOLAMENTI DEGLI ALVEARI: COMPORTAMENTI ISPETTIVI E GESTIONE

MORIE E SPOPOLAMENTI DEGLI ALVEARI: COMPORTAMENTI ISPETTIVI E GESTIONE Dr. Filippo Bosi - Veterinario Dipendente (AUSL Ravenna) - f.bosi@ausl.ra.it - filippo.bosi.bri@alice.it MORIE E SPOPOLAMENTI DEGLI ALVEARI: COMPORTAMENTI ISPETTIVI E GESTIONE Nottola di Montepulciano,

Dettagli

Relativamente al trattamento autunnale, si forniscono le indicazioni operative nell Allegato 1.

Relativamente al trattamento autunnale, si forniscono le indicazioni operative nell Allegato 1. Vigilanza nel settore apistico Si confermano e ribadiscono alcuni punti cardine della lotta alla Varroatosi: assoluta necessità di effettuare almeno due trattamenti nel corso dell anno: uno in estate e

Dettagli

Aggiornamento sulla presenza di Aethina tumida in Italia

Aggiornamento sulla presenza di Aethina tumida in Italia Aggiornamento sulla presenza di Aethina tumida in Italia Franco Mutinelli Centro di referenza nazionale per l apicoltura Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie E-mail: fmutinelli@izsvenezie.it

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0003096-08/02/2016-DGSAF-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio II ex DGSA Sanità animale ed anagrafi: Viale Giorgio Ribotta, 5-00144 Roma

Dettagli

Piano Integrato igienico-sanitario per la tutele delle api in Emilia Romagna

Piano Integrato igienico-sanitario per la tutele delle api in Emilia Romagna Piano Integrato igienico-sanitario per la tutele delle api in Emilia Romagna Bologna 18 maggio 2009 Giuseppe Diegoli Servizio Veterinario ed Igiene degli alimenti Regione Emilia Romagna 1 Piano Integrato

Dettagli

Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI

Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche della Salute Servizio Sanità Veterinaria e Sicurezza Alimentare Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI

Dettagli

5 INCONTRO. Dott. Forestale Fabrizio Badoni

5 INCONTRO. Dott. Forestale Fabrizio Badoni 5 INCONTRO Tecnica apistica: Conduzione dell alveare; Lavori in apiario durante le stagioni -visita di fine inverno -valutazione delle scorte, -nutrizione stimolante e di soccorso, - posa dei melari. Dott.

Dettagli

Gestione di un focolaio di Peste Americana Dr.ssa Giuliana Bondi USL 7 Siena Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 Siena

Gestione di un focolaio di Peste Americana Dr.ssa Giuliana Bondi USL 7 Siena Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 Siena Gestione di un focolaio di Peste Americana Dr.ssa Giuliana Bondi USL 7 Siena Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 Siena Gestione di un focolaio di P.A. RICONOSCERE LA PESTE AMERICANA Peste americana Peste americana

Dettagli

Piano Integrato igienico-sanitario per la tutele delle api in Emilia Romagna

Piano Integrato igienico-sanitario per la tutele delle api in Emilia Romagna Piano Integrato igienico-sanitario per la tutele delle api in Emilia Romagna Residui nel miele Ferrara 18 novembre 2009 Giuseppe Diegoli Servizio Veterinario ed Igiene degli alimenti Regione Emilia Romagna

Dettagli

:: La lotta sanitaria In agricoltura biologica, ogni metodologia di lotta contro le patologie deve basarsi prima di tutto sulla prevenzione.

:: La lotta sanitaria In agricoltura biologica, ogni metodologia di lotta contro le patologie deve basarsi prima di tutto sulla prevenzione. Apicoltura biologica. I trattamenti sanitari :: La nutrizione artificiale La nutrizione con sostituti del miele bio non si configura piä in deroga ma Å ammessa per aiutare la sopravvivenza a rischio a

Dettagli

Sintesi dell attività di monitoraggio in apicoltura svolta nell anno 2011 in regione Lombardia

Sintesi dell attività di monitoraggio in apicoltura svolta nell anno 2011 in regione Lombardia Sintesi dell attività di monitoraggio in apicoltura svolta nell anno 2011 in regione Lombardia Il monitoraggio, proseguimento dell attività avviata nel 2009 con decreto della Direzione Generale Sanità

Dettagli

Aethina tumida Misure straordinarie di controllo, sorveglianza ed eradicazione dell infestazione

Aethina tumida Misure straordinarie di controllo, sorveglianza ed eradicazione dell infestazione Stradale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Aethina tumida Misure straordinarie di controllo, sorveglianza ed eradicazione dell infestazione I RISCHI DELLA GLOBALIZZAZIONE:INTRODUZIONE DI NEMICI

Dettagli

Relativamente all intervento autunnale, si forniscono le indicazioni operative nell Allegato 1.

Relativamente all intervento autunnale, si forniscono le indicazioni operative nell Allegato 1. Vigilanza nel settore apistico Si confermano e ribadiscono alcuni punti cardine della lotta alla Varroa: assoluta necessità di effettuare almeno due trattamenti nel corso dell anno: uno in estate e l altro

Dettagli

Ulss 7 - Azienda Ulss 7 Pedemontana 2017 N E 14/02/2017

Ulss 7 - Azienda Ulss 7 Pedemontana 2017 N E 14/02/2017 Ulss 7 - Azienda Ulss 7 Pedemontana 2017 N. 0012388 - E 14/02/2017 Ulss 7 - Azienda Ulss 7 Pedemontana 2017 N. 0012388 - E 14/02/2017 Ulss 7 - Azienda Ulss 7 Pedemontana 2017 N. 0012388 -

Dettagli

LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA- seconda parte

LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA- seconda parte Dr. Filippo Bosi AUSL Ravenna, ASPV - f.bosi@ausl.ra.it Filippo.bosi.bri@alice.it LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA- seconda parte CRAAPI, BOLOGNA 23.03.2012 1 COMBUSTIONE DELLE FAMIGLIE AMMALATE, sotto

Dettagli

Laboratorio Apistico Regionale - Friuli Venezia Giulia tel , fax , sportello tecnico: martedì

Laboratorio Apistico Regionale - Friuli Venezia Giulia tel , fax ,   sportello tecnico: martedì Laboratorio Apistico Regionale - Friuli Venezia Giulia Varroa e apicoltura: rischio default Varroa e apicoltura: rischio default Incontro FAI 2011, previsioni 2011-2012 - Difficoltà nel controllo della

Dettagli

DATI DEFINITIVI DEL PROGETTO LOTTA INTEGRATA CONTRO LA VARROA E MIGLIORAMENTO GENETICO DELLE API REALIZZATO A BERGAMO NEL

DATI DEFINITIVI DEL PROGETTO LOTTA INTEGRATA CONTRO LA VARROA E MIGLIORAMENTO GENETICO DELLE API REALIZZATO A BERGAMO NEL DATI DEFINITIVI DEL PROGETTO LOTTA INTEGRATA CONTRO LA VARROA E MIGLIORAMENTO GENETICO DELLE API REALIZZATO A BERGAMO NEL 2012-2013 Dr. Giulio Loglio ASL di Bergamo gloglio@asl.bergamo.it IL PROGETTO SI

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL REGIONE VENETO. Norme per la tutela, lo sviluppo e la valorizzazione dell'apicoltura.

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL REGIONE VENETO. Norme per la tutela, lo sviluppo e la valorizzazione dell'apicoltura. LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 18-04-1994 REGIONE VENETO Norme per la tutela, lo sviluppo e la valorizzazione dell'apicoltura. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE VENETO N. 33 del 19 aprile 1994 ARTICOLO

Dettagli

III convegno del Centro Apistico Regionale Una istantanea sanitaria del settore apistico

III convegno del Centro Apistico Regionale Una istantanea sanitaria del settore apistico III convegno del Centro Apistico Regionale Una istantanea sanitaria del settore apistico Aggiornamenti sulla evoluzione delle norme nazionali Dott Andrea Maroni Ponti MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE

Dettagli

Circolare n. 02/2015 (maggio)

Circolare n. 02/2015 (maggio) Circolare n. 02/2015 (maggio) a cura del CONSORZIO APICOLTORI DELLA PROVINCIA DI UDINE Ai soci in regola con le quote sociali si allega Tessera 2015 CONSORZIO APICOLTORI della PROVINCIA di UDINE Tessera

Dettagli

Programma Corso Base Di Apicoltura

Programma Corso Base Di Apicoltura Programma Corso Base Di Apicoltura 2016 2016 Lezione n. 1 - Mercoledì 04 Novembre 2015 ore 16:15 19:15 - Presentazione, Associazione, introduzione e descrizione del corso. Cenni sulla storia dell apicoltura.

Dettagli

Programma corso di Apicoltura

Programma corso di Apicoltura Programma corso di Apicoltura Loc. Salomone, 437 62024 Matelica MC- Corso di Apicoltura di 1 livello anno 2017 Data Ora Argomento Docente Sab. 07-01-17 Presentazione del corso, dei relatori e delle singole

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DECRETO PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 94 DEL 19.09.2014 OGGETTO: Ordinanza contingibile ed urgente a tutela del patrimonio apistico Regionale e Comunitario per

Dettagli

Blocco di Covata: Prove di campo in Emilia-Romagna. Andrea Besana, Antonio Nanetti, Giorgio Baracani

Blocco di Covata: Prove di campo in Emilia-Romagna. Andrea Besana, Antonio Nanetti, Giorgio Baracani Blocco di Covata: Prove di campo in Emilia-Romagna Andrea Besana, Antonio Nanetti, Giorgio Baracani Premessa Ingabbiamento = blocco di covata artificiale In natura esistono situazioni di blocco naturale

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER IL PRELIEVO CAMPIONI

PROCEDURA OPERATIVA PER IL PRELIEVO CAMPIONI Pagina 1 di 8 REGIONE TOSCANA PROCEDURA OPERATIVA PER IL PRELIEVO CAMPIONI DISTRIBUZIONE CONTROLLATA NON CONTROLLATA COPIA N DESTINATARIO 10 15-12-2014 Prima emissione Rev. Data Descrizione Redatto Verificato

Dettagli

Programma Corso Base Di Apicoltura

Programma Corso Base Di Apicoltura Programma Corso Base Di Apicoltura 2014 2015 Lezione n. 1 - Mercoledì 05 Novembre 2014 ore 16:15 19:15 - Docente: Vittorio Di Girolamo, Presidente A.R.A.L. Presentazione, introduzione e descrizione del

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PATOLOGIA APISTICA. Giovanni Formato

INTRODUZIONE ALLA PATOLOGIA APISTICA. Giovanni Formato INTRODUZIONE ALLA PATOLOGIA APISTICA Giovanni Formato Classificazione: Secondo la natura: parassitaria, protozoaria, batterica, fungina, o virale Secondo la categoria di ape prevalentemente colpita: api

Dettagli

CONTROLLO E CERTIFICAZIONE MORFO-BOTANICA DEI FUNGHI FRESCHI, CONGELATI E CONDIZIONATI IN VINCOLO SANITARIO

CONTROLLO E CERTIFICAZIONE MORFO-BOTANICA DEI FUNGHI FRESCHI, CONGELATI E CONDIZIONATI IN VINCOLO SANITARIO Allegato 5 CONTROLLO E CERTIFICAZIONE MORFO-BOTANICA DEI FUNGHI FRESCHI, CONGELATI E CONDIZIONATI IN VINCOLO SANITARIO 1. ISTRUZIONE OPERATIVA PER I CONTROLLI RICHIESTI DA USMAF Scopo Scopo della presente

Dettagli

Aethina tumida Il parassita, la malattia, la

Aethina tumida Il parassita, la malattia, la Istituto Zooprofilattico Sperimentale Sezione di Bologna 18 settembre 2014 Aethina tumida Il parassita, la malattia, la diagnosi clinica e differenziale, gli aspetti organizzativi dei controlli da eseguire

Dettagli

L apicoltura in Trentino

L apicoltura in Trentino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari L apicoltura in Trentino Caldonazzo 9 febbraio 2010 l apicoltura in Trentino I numeri L organizzazione I supporti normativi Le problematiche sanitarie Azienda

Dettagli

APENET: Monitoraggio e ricerca in apicoltura

APENET: Monitoraggio e ricerca in apicoltura APENET: Monitoraggio e ricerca in apicoltura APENET Messa a punto di una rete di monitoraggio nazionale per la valutazione dello stato di salute delle api nelle zone a maggior rischio e nelle aree naturali

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA REGOLAMENTO (CE) N. 797 /2 00 4 DEL CONSIGLIO DEL 26 APRILE2004 relativo alle azioni dirette a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dell apicoltura PROGRAMMA

Dettagli

Rapporto Apicoltura ed Agricoltura nel rispetto del ruolo dell ape come impollinatore Fabio Sgolastra

Rapporto Apicoltura ed Agricoltura nel rispetto del ruolo dell ape come impollinatore Fabio Sgolastra Rapporto Apicoltura ed Agricoltura nel rispetto del ruolo dell ape come impollinatore Fabio Sgolastra Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali Università di Bologna Valutazione economica del

Dettagli

Programma Corso di Apicoltura di 1 livello anno 2017

Programma Corso di Apicoltura di 1 livello anno 2017 COOPERATIVA APICOLTORI MONTANI Programma Corso di Apicoltura di 1 livello anno 2017 Data Ora Argomento Docente Sab.14-01-17 09.00-13.00 Presentazione del corso, dei relatori e delle singole materie Dall

Dettagli

Problematiche legate all utilizzo del farmaco in apicoltura

Problematiche legate all utilizzo del farmaco in apicoltura Problematiche legate all utilizzo del farmaco in apicoltura Dott. Geremia DOSA AUSL di Imola Peste Europea - Peste americana Nosemiasi - Acariasi Varroasi - Aethina tumida - Tropilaelaps spp MISURE OBBLIGATORIE

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio III ex DGSA Sanità animale e gestione operativa del Centro nazionale di lotta ed emergenza contro le malattie

Dettagli

Corso di base in apicoltura Sinnai, 17 febbraio - 5 maggio 2009

Corso di base in apicoltura Sinnai, 17 febbraio - 5 maggio 2009 Corso di base in apicoltura Sinnai, 17 febbraio - 5 maggio 2009 Programma e calendario delle lezioni I MODULO Martedì 17 Febbraio 2009 ore 16,00 - introduzione del corso e registrazione dei partecipanti

Dettagli

Programma Corso di Apicoltura di 1 livello anno 2016

Programma Corso di Apicoltura di 1 livello anno 2016 Programma Corso di Apicoltura di 1 livello anno 2016 Sab.16-01-16 09.00-13.00 Presentazione del corso, dei relatori e delle singole materie. Dall agroindustria alla scomparsa delle api e della biodiversità.

Dettagli

Sei caldamente invitato a partecipare!!!

Sei caldamente invitato a partecipare!!! Impiego del farmaco veterinario in apicoltura nel mondo: che principi attivi si usano e sono adeguati alle necessità degli apicoltori? Il seguente questionario è una iniziativa di APIMONDIA con l assistenza

Dettagli

Direttori di Area Sanità Pubblica Veterinaria delle Aziende USL della Regione Emilia-Romagna

Direttori di Area Sanità Pubblica Veterinaria delle Aziende USL della Regione Emilia-Romagna DIREZIONE GENERALE SANITÀ E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO VETERINARIO E IGIENE DEGLI ALIMENTI IL RESPONSABILE GABRIELE SQUINTANI TIPO ANNO NUMERO REG. PG 2013 77733 DEL 26/03/2013 Direttori di Area Sanità

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELL APICOLTURA Agriturismo Tirtha, via Tremolè, 18 Pescantina (VR) Teatro parrocchiale Molina di Fumane(VR)

LE NUOVE FRONTIERE DELL APICOLTURA Agriturismo Tirtha, via Tremolè, 18 Pescantina (VR) Teatro parrocchiale Molina di Fumane(VR) Dipartimento di Prevenzione Servizio Veterinario Direttore: dott. Alessandro Salvelli Corso di formazione ECM PER MEDICI VETERINARI LE NUOVE FRONTIERE DELL APICOLTURA Agriturismo Tirtha, via Tremolè, 18

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali OGGETTO: Interrogazioni a risposta in Commissione n. 5-04098 dell On. ZACCAGNINI; n. 5-04187 e n. 5-04188 dell On. PARENTELA. Signor Presidente, Onorevoli Deputati, premetto che rispondo congiuntamente

Dettagli

LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA prima parte

LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA prima parte Dr. Filippo Bosi AUSL Ravenna, ASPV - f.bosi@ausl.ra.it Filippo.bosi.bri@alice.it LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA prima parte CRAAPI, BOLOGNA 23.03.2012 1 L apicoltura è una attività zootecnica minore,

Dettagli

QUESTIONARIO (Da compilare in caso di mortalità anomali o spopolamento di alveari) Cognome... Nome... Via...Cap... Località... Tel...

QUESTIONARIO (Da compilare in caso di mortalità anomali o spopolamento di alveari) Cognome... Nome... Via...Cap... Località... Tel... Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali (DiSTA) (Area di Entomologia) Università degli Studi di Bologna Viale Giuseppe Fanin, 42 40127 BOLOGNA Istituto Nazionale di Apicoltura Via di Saliceto,

Dettagli

Patologia Apistica. Andrea Besana

Patologia Apistica. Andrea Besana Patologia Apistica Andrea Besana andrebes@libero.it Avversità delle api Virus Protozoi Batteri Funghi Insetti Acari Uccelli Mammiferi DWV, APV, CPV, KBV. Malpighamoeba mallificae Peste Americana, peste

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ALLEGATO N 1 ALLA DELIBERAZIONE N. 10/ 8 DEL

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ALLEGATO N 1 ALLA DELIBERAZIONE N. 10/ 8 DEL ALLEGATO N 1 ALLA DELIBERAZIONE N. 10/ 8 Oggetto: Reg. (CE) n. 797/ 2004 del Consiglio del 26 aprile 2004 - Agricoltura Azioni dirette a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione

Dettagli

LA PESTE EUROPEA DELLE API (EUROPEAN FOUL BROOD-EFB)

LA PESTE EUROPEA DELLE API (EUROPEAN FOUL BROOD-EFB) PATOLOGIA APISTICA: PREVENZIONE, DIAGNOSI E CONTROLLO Roma 19 Ottobre 2011 LA PESTE EUROPEA DELLE API (EUROPEAN FOUL BROOD-EFB) Dr. Carlo Ferrari Veterinario Azienda USL Roma G Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Progetto pilota europeo di sorveglianza sulla mortalitàdegli alveari

Progetto pilota europeo di sorveglianza sulla mortalitàdegli alveari Progetto pilota europeo di sorveglianza sulla mortalitàdegli alveari Franco Mutinelli Centro di referenza nazionale per l apicoltura Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie 35020 Legnaro (PD)

Dettagli

Manuale semplificato di buona prassi igienica per la produzione primaria in apicoltura

Manuale semplificato di buona prassi igienica per la produzione primaria in apicoltura Manuale semplificato di buona prassi igienica per la produzione primaria in apicoltura AI SENSI DEL REG. CE 852/2004 E DEL REG. CE 178/2002 INTRODUZIONE SCOPO Nel presente manuale vengono formalizzate

Dettagli

Linee guida per la concessione di postazioni per apiari nel Parco fluviale Gesso e Stura

Linee guida per la concessione di postazioni per apiari nel Parco fluviale Gesso e Stura Linee guida per la concessione di postazioni per apiari nel Parco fluviale Gesso e Stura Parco Fluviale Gesso e Stura Ente gestore: Comune di Cuneo Piazza Torino n. 1 12100 CUNEO tel. 0171/444.501 fax

Dettagli

Peste europea. Emanuele Carpana CRA-API Unità di ricerca di apicoltura e bachicoltura

Peste europea. Emanuele Carpana CRA-API Unità di ricerca di apicoltura e bachicoltura Peste europea Emanuele Carpana CRA-API Unità di ricerca di apicoltura e bachicoltura Peste europea: infezione batterica della covata di Apis mellifera, soggetta alle misure regolamentari di polizia veterinaria

Dettagli

2. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA ESERCITATA

2. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA ESERCITATA 2. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA ESERCITATA 2.1 Descrizione del processo produttivo Per descrivere con accuratezza il processo produttivo dalla fase primaria a quella di trasformazione occorre individuare

Dettagli

STRALCIO AZIONE A ASSISTENZA TECNICA E FORMAZIONE PROFESSIONALE DEGLI APICOLTORI

STRALCIO AZIONE A ASSISTENZA TECNICA E FORMAZIONE PROFESSIONALE DEGLI APICOLTORI ALLEGATO A STRALCIO 2014-2015 Ai fini dell'attribuzione delle risorse finanziarie da parte del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, si individua quale dato di riferimento, un numero

Dettagli

ESPERIENZE DI IMPOLLINAZIONE IN VALSUGANA

ESPERIENZE DI IMPOLLINAZIONE IN VALSUGANA ESPERIENZE DI IMPOLLINAZIONE IN VALSUGANA Dalcastagnè Michela - Franchini Sergio - Taddia Andrea 9 febbraio 2010 Fattori quali-quantitativi Ambiente Tecnica colturale Allegagione Impollinazione Modalità

Dettagli

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N..

VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. VERBALE DI CAMPIONAMENTO N.. Data... Servizio Veterinario dell USSL o ASL di. All IZS di Prelievo effettuato da Azienda apistica...in qualità di... codice aziendale sub codice Telefono Luogo del campionamento:

Dettagli

per Iscrizioni comunicare i propri dati anagrafici e C. Fiscale

per Iscrizioni comunicare i propri dati anagrafici e C. Fiscale ASSOCIAZIONE LIGURE PRODUTTORI APISTICI *Miele C.F-: 92091480092 - C,I.V. 10.000 Via Famagosta, 9/5-17100 SAVONA Proposte A.L.P.A*Miele di Formazione Apistica Con Attestato di frequenza ai Corsi di Apicoltura

Dettagli

LA REGISTRAZIONE E LA GESTIONE DEI DATI RACCOLTI DURANTE LE VISITE IN APIARIO

LA REGISTRAZIONE E LA GESTIONE DEI DATI RACCOLTI DURANTE LE VISITE IN APIARIO PAOLO FONTANA Fondazione Edmund Mach, Centro Trasferimento Tecnologico LA REGISTRAZIONE E LA GESTIONE DEI DATI RACCOLTI DURANTE LE VISITE IN APIARIO Rovereto 25/03/2013 QUADERNI DI CAMPO PER APICOLTORI

Dettagli

Anagrafe e sanità nel settore apistico: strategie d intervento e prospettive future

Anagrafe e sanità nel settore apistico: strategie d intervento e prospettive future Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari VI Convegno del Centro Apistico Regionale Anagrafe e sanità nel settore apistico: strategie d intervento e prospettive future Luigi Ruocco

Dettagli

Figura 1 Ingabbiamento su favo di regina

Figura 1 Ingabbiamento su favo di regina Apitalia 2/2013 Resistenza di Varroa destructor al congelamento Antonella Comini, Marco Pietropaoli*, Alessandra Giacomelli*, Martina Pizzariello*, Adriano Ragni, Irene Capomolla, Marcella Milito*, Carla

Dettagli

Sanità e Igiene a tutela del settore apistico: il percorso dell Emilia Romagna

Sanità e Igiene a tutela del settore apistico: il percorso dell Emilia Romagna Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali della Regione Emilia Romagna U16 Sanità e Igiene a tutela del settore apistico: il percorso dell Emilia Romagna Brisighella 13 settembre 2013 1 Diapositiva

Dettagli

Norme per l esercizio e la valorizzazione dell apicoltura in Umbria

Norme per l esercizio e la valorizzazione dell apicoltura in Umbria Norme per l esercizio e la valorizzazione dell apicoltura in Umbria Art. 1. (Oggetto e finalità) TITOLO I FINALITA 1. Con la presente legge la Regione Umbria promuove la tutela e lo sviluppo dell apicoltura

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA PER PRESENZA AFLATOSSINE NEL LATTE

ISTRUZIONE OPERATIVA PER PRESENZA AFLATOSSINE NEL LATTE Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Via Chiusaforte, 2-33100 UDINE Tel. 0432 553940 - fax 0432 553941 Udine, 20.02.2014 ISTRUZIONE OPERATIVA PER PRESENZA AFLATOSSINE NEL LATTE Nota regionale prot. n.

Dettagli

IL SISTEMA DI ALLARME RAPIDO PER GLI ALIMENTI E I MANGIMI RASFF

IL SISTEMA DI ALLARME RAPIDO PER GLI ALIMENTI E I MANGIMI RASFF CONTROLLI UFFICIALI DI ALIMENTI ORIGINE VEGETALE ARPAV effettua attualmente di origine vegetale. i controlli chimici su prodotti I prelievi dei campioni ufficiali sono eseguiti dalle Forze dell Ordine,

Dettagli

I controlli ufficiali sulle api regine importate dai Paesi Terzi

I controlli ufficiali sulle api regine importate dai Paesi Terzi I controlli ufficiali sulle api regine importate dai Paesi Terzi Franco Mutinelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Centro di referenza nazionale per l apicoltura I controlli ufficiali

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Peste suina africana: Le compagnie di caccia che insistono nelle zone infette del selvatico di cui all allegato 5 (facente parte integrante del presente Decreto), devono richiedere l autorizzazione alla

Dettagli

ARAL Corso Base di Apicoltura. Romeo Caruceru

ARAL Corso Base di Apicoltura. Romeo Caruceru ARAL Corso Base di Apicoltura Romeo Caruceru r.caruceru@aralonline.org Orfanità È la condizione di una famiglia di api a cui manca la regina. Può essere temporanea, se le api hanno la possibilità di allevare

Dettagli

di campionamento A cura di Cecilia Costa, Emanuele Carpana, Marco Lodesani, Antonio Nanetti Unità di ricerca di Apicoltura e Bachicoltura (CRA-API)

di campionamento A cura di Cecilia Costa, Emanuele Carpana, Marco Lodesani, Antonio Nanetti Unità di ricerca di Apicoltura e Bachicoltura (CRA-API) PATOLOGIE E AVVERSITA DELLE API: tecniche diagnostiche e di campionamento A cura di Cecilia Costa, Emanuele Carpana, Marco Lodesani, Antonio Nanetti Unità di ricerca di Apicoltura e Bachicoltura (CRA-API)

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI PER L ACQUISIZIONE DEL PATENTINO FINALIZZATO ALLA MANIPOLAZIONE DEGLI AGROFARMACI

RIFERIMENTI NORMATIVI PER L ACQUISIZIONE DEL PATENTINO FINALIZZATO ALLA MANIPOLAZIONE DEGLI AGROFARMACI CORSO DI FORMAZIONE IL CORRETTO IMPIRGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI COSA SONO, COME E QUANDO VANNO UTILIZZATI ABILITAZIONE ALL ACQUISTO E ALL UTILIZZO PER USO PROFESSIONALE RIFERIMENTI NORMATIVI PER L ACQUISIZIONE

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO ACQUA

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO ACQUA Pagina 1 di 6 ISTRUZIONE OPERATIVA REVISIONE NUMERO DATA REDATTA DA DIR (firma) VERIFICATA DA RAQ (firma) APPROVATA DA AMM (firma) PARAGRAFO REVISIONATO NUMERO MOTIVO 00 15-01-09 Prima emissione 01 22-04-13

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO VETERINARIO REGIONALE REGIONE LAZIO BRUCELLOSI DEGLI OVINI E DEI CAPRINI SCHEDA DI RILEVAMENTO DATI AL MACELLO La scheda debitamente compilata deve essere consegnata all'osservatorio

Dettagli

APAS - Associazione Produttori Apistici della provincia di Sondrio

APAS - Associazione Produttori Apistici della provincia di Sondrio Regione Lombardia Decreto n 7361 del 24-07-2009: Linee guida per l applicazione delle norme del Pacchetto igiene al settore dell apicoltura Dott.ssa Alice Gaggi APAS - Associazione Produttori Apistici

Dettagli

PROTOCOLLO OPERITIVO PER LA GESTIONE DELLE TOSSINFEZIONI ALIMENTARI INTERESSANTI LA ASL RM A

PROTOCOLLO OPERITIVO PER LA GESTIONE DELLE TOSSINFEZIONI ALIMENTARI INTERESSANTI LA ASL RM A Sede Legale: Via Ariosto, 3 00185 Roma P.I. 04735671002 Prot. N. Del Dipartimento di Prevenzione S.I.S.P U.O.S.Epidemiologia e Profilassi Malattie Infettive Responsabile: Dr.ssa ERCOLE Andreina Sede: Via

Dettagli

Istituzione dell anagrafe in apicoltura: fonti normative, finalità e stato dell arte. La Banca Dati Nazionale.

Istituzione dell anagrafe in apicoltura: fonti normative, finalità e stato dell arte. La Banca Dati Nazionale. Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Direzione Generale della Sanità Animale e del Farmaco

Dettagli

SCHMALLENBERG: DISPOSIZIONI NORMATIVE E MISURE DI CONTROLLO IN ITALIA

SCHMALLENBERG: DISPOSIZIONI NORMATIVE E MISURE DI CONTROLLO IN ITALIA SCHMALLENBERG: DISPOSIZIONI NORMATIVE E MISURE DI CONTROLLO IN ITALIA MINISTERO DELLA SALUTE Dipartimento per la Sanità Pubblica Veterinaria, la Nutrizione e la Sicurezza degli Alimenti Direzione Generale

Dettagli

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica GIORNATE DIVULGATIVE SULLA "NORMATIVA APISTICA" Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica dott. Vanni Floris PROGRAMMA APISTICO REGIONALE Reg. (CE) N. 1234/2008 - AZIONE A4 Argomenti Gli articoli

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA SETTORE SALUTE UFFICIO V - MALATTIE INFETTIVE

Dettagli

COMPETENZE ED AZIONI CORRETTO UTILIZZO DEL FARMACO IN APICOLTURA

COMPETENZE ED AZIONI CORRETTO UTILIZZO DEL FARMACO IN APICOLTURA COMPETENZE ED AZIONI CORRETTO UTILIZZO DEL FARMACO IN APICOLTURA Dr.ssa Giuliana Bondi ASL 7 Siena Tab. 1 - COMPETENZE ED AZIONI CORRETTO UTILIZZO DEL FARMACO FIGURA COMPETENTE di animali allevati per

Dettagli