INDICATORI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICATORI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE"

Transcript

1 CNEL Documento di osservazioni e proposte su: INDICATORI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE Relatore: CLAUDIO FALASCA ROMA 31 MARZO

2 SOMMARIO PREMESSA Lo sviluppo sostenibile Le dimensioni dello sviluppo sostenibile Gli indicatori per lo sviluppo sostenibile I precedenti IL PROGETTO DEL CNEL La condivisione del progetto Contenuti e articolazione della consultazione Gli indicatori scelti: dominio economia dominio società dominio ambiente Tabelle dei target: economia società ambiente I risultati della analisi degli indicatori Le principali carenze informative della base conoscitiva OSSERVAZIONI PROPOSTE 2

3 PREMESSA Lo sviluppo sostenibile: «soddisfa i bisogni dell attuale generazione senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri (bisogni)» (Brundtland, 1987; UNCED, 1992) «offre servizi ambientali, sociali ed economici di base a tutti i membri di una comunità, senza minacciare l operatività dei sistemi naturale, edificato e sociale da cui dipende la fornitura di tali servizi» (ICLEI, 1994) Le dimensioni dello sviluppo sostenibile - La dimensione economica, ovvero il capitale artificiale (o costruito) la cui produzione è presupposto per garantire una maggiore disponibilità di beni e di servizi per l uomo. - La dimensione ambientale, ovvero il capitale naturale (o ecologico) la cui conservazione è presupposto per garantire la funzionalità degli ecosistemi. - La dimensione sociale, ovvero il capitale umano (o sociale) il cui sviluppo in questa fase storica si fonda sul principio di equità intra e inter generazionale. Gli indicatori per lo sviluppo sostenibile L utilizzo di indicatori, di obiettivi quantificabili e di scadenze temporali è uno strumento sia di comunicazione che di analisi dell efficacia delle politiche. Da alcuni anni l uso degli indicatori di sostenibilità si va affermando a livello internazionale (ONU, OCSE, UE) come strumenti per il reporting sullo stato dell economia o sullo stato dell ambiente, per chiarire obiettivi e stabilire priorità, per valutare le performance delle politiche e quindi per il monitoraggio dei progressi verso lo sviluppo sostenibile. L utilizzo degli indicatori si sta diffondendo rapidamente anche nel linguaggio politico e nella pratica della vita di tutti i giorni in quanto risponde ad una domanda emergente di chiarezza sullo stato del paese ed al bisogno di orientare le scelte in maniera informata. Se l utilizzo degli indicatori è crescente nei diversi settori, una loro formulazione adeguata per rappresentare il tema della sostenibilità dello sviluppo che integri l economia, la società e l ambiente pone questioni del tutto particolari. I precedenti I principali riferimenti sono senza dubbio i lavori della CSD nell ambito dell ONU (Commission for Sustainable Development Commissione per lo Sviluppo Sostenibile), dell OCSE e dell Unione Europea. Le liste degli indicatori prodotte hanno una comune matrice che si manifesta nel numero degli indicatori, nell adozione di modelli formali, nella 3

4 scelta strategica di orientare le scelte delle priorità e dei target delle politiche, nella flessibilità delle proposte. Programmi basati su grandi elenchi di indicatori puntuali privilegiano la completezza rispetto alla condivisione e non propongono normalmente sessioni di validazione. Tutti i grandi programmi fanno un sforzo di comparazione dei valori degli indicatori con gli andamenti degli altri paesi e con gli obiettivi preesistenti, come gli orientamenti di qualità, le linee guida o gli impegni internazionali sottoscritti nelle Convenzioni del negoziato multilaterale. Resta il fatto comunque che per la maggioranza degli indicatori puntuali delle grandi liste non esistono standard pronti. Alcuni progetti privilegiano un approccio di media complessità in termini di riduzione della quantità delle informazioni nella costruzione di indicatori per lo sviluppo sostenibile. Questo approccio è a carattere tematico e comporta l elaborazione di un set ridotto di indicatori per ognuno dei problemi maggiori in materia di politica ambientale e socio-economica. In molti casi anche gli approcci delle grandi liste a menu strutturano gli indicatori in temi, in funzione delle classi di problemi riconosciuti, aprendo il capitolo delle metodologie di combinazione, con le quali si possa rappresentare un tema combinando una pluralità di descrittori. IL PROGETTO DEL CNEL Il CNEL, nel suo impegno a sostegno di un rapporto virtuoso tra attività produttive, risorse naturali e risorse umane dello sviluppo, si è sempre speso in favore di un approccio equilibrato al tema della sostenibilità che vedesse sempre congiunti i suoi tre pilastri: quello economico, quello ambientale e quello sociale. Con riferimento alla crescente attenzione all uso degli indicatori, il CNEL ha promosso il progetto di ricerca Indicatori per lo sviluppo sostenibile, finalizzandolo alla strutturazione di un sistema che coprisse le tre dimensioni dello sviluppo sostenibile: economico, sociale e ambientale. L obiettivo del progetto è di costruire un sistema condiviso di indicatori per lo sviluppo sostenibile basato su indici (aggregati tematici di indicatori), su indicatori (descrittori diretti di fenomeni economico, sociali ed ambientali) e su target ( obiettivi da perseguire nel tempo) e, sulla base di esso, predisporre un Rapporto sullo sviluppo sostenibile in Italia, capace di descriverne lo stato attuale della sostenibilità e di consentirne il monitoraggio nel futuro. In ragione di questo il CNEL ha adottato come riferimento l approccio metodologico elaborato dall ISSI (Istituto per lo Sviluppo Sostenibile Italia) riconducendolo al proprio impianto teorico, così come condiviso dalle parti sociali. Si è inoltre valutato opportuno associare target temporali agli indicatori selezionati. In questo modo ciascun tema rappresentato da un indicatore viene valutato anche rispetto alla distanza dall obiettivo fissato ed al tempo necessario. Al di là degli aspetti più tecnici della metodologia adottata come ad es. il trattamento statistico per tener conto della correlazione tra indicatori, le modalità di riaggregazione degli indicatori negli indici-chiave ciò che conta 4

5 nel progetto è la possibilità di leggere in modo trasparente la base dei dati e dei target che vengono utilizzati. Il successo di un indicatore sta infatti nella percezione netta del collegamento tra la sua misurazione, quella che chiamiamo la serie storica, il fenomeno osservato e l evoluzione desiderata che è oggetto delle scelte politiche, per le quali esso viene utilizzato per fissare gli obiettivi e i tempi. La condivisione L adozione di un sistema di indicatori presume una larga condivisione tanto del suo impianto metodologico, quanto degli indicatori e dei targets di riferimento. Per questa ragione la definizione del sistema di indicatori oggetto della proposta del CNEL è stata accompagnata da un processo di consultazione che ha visto la partecipazione dei diversi portatori di interesse che hanno contribuito al dibattito con osservazioni e proposte. Il progetto include infatti schede statistiche per 54 indicatori che sono il risultato del processo di consultazione. Alcuni indicatori, indicati nel corso della consultazione, non è stato possibile integrarli nel sistema a causa della mancanza della necessaria base informativa e statistica. La rassegna di queste carenze è stato uno degli obiettivi non secondari del progetto su cui si ritornerà più avanti. Contenuti e articolazione della consultazione La consultazione promossa dal CNEL ha coinvolto rappresentanti di enti, associazioni, organizzazioni ed istituzioni sulla scelta del sistema di indicatori. In particolare la consultazione ha avuto come oggetto: la metodologia generale del sistema informativo proposto a 4 livelli nell ambito del dibattito internazionale sul tema degli indicatori per lo sviluppo sostenibile; la tripartizione degli indicatori secondo lo schema economia società - ambiente; la selezione dei sottotemi e la coerenza con gli schemi già adottati dall UE, l ONU, OCSE e altri organismi internazionali; la strutturazione delle schede statistiche degli indicatori; il criterio di fondo del progetto e cioè quello di un modello basato sulla terna indicatore target - tempo, in base al quale l andamento degli indicatori scelti viene rappresentato come distanza dall obiettivo. L orizzonte temporale è 10 anni dopo il Summit di Johannesburg (2012); discutere l obiettivo e identificare il gruppo di indicatori chiave da scegliere per il IV livello (core-set). La consultazione si è articolata come segue. Una fase preliminare è stata svolta prima delle consultazioni all interno della Commissione per discutere la proposta da presentare come base per la discussione. Il documento pronto a fine giugno è stato distribuito ai partecipanti per la plenaria di fine luglio Si sono ricevute osservazioni scritte, cui si è risposto puntualmente, fino all inizio di novembre. Come risultato generale la struttura del progetto organizzata nei tre domini società, economia e ambiente è stata 5

6 confermata. Tuttavia sono state apportata diverse modifiche sia a livello di tematismo e indici chiave che di indicatori di quarto livello con l introduzione, tra altro, di tre nuovi indicatori nel dominio sociale. Quest ultimo, oltre ad essere quello coperto con il maggior numero di indicatori, è stato tra tutti il più dibattuto dai partecipanti al tavolo mentre, dall altro lato, quello ambientale ha ricevuto i maggiori consensi. Con questa nuova proposta il core-set, come auspicato in fase preliminare, è stato sensibilmente ridotto, passando da quasi 90 a 54 indicatori. Su questa seconda ipotesi si sono svolti alcuni approfondimenti legati soprattutto al dominio Economia che è stato ristrutturato e integrato per rappresentare esplicitamente il tema Competitività. Sulla base della terza proposta di indicatori si è svolta una seconda plenaria in febbraio che ha sostanzialmente accettato, con alcune modifiche (come ad esempio spostare l indicatore delle Pratiche agricole sostenibili all interno del tema biodiversità). In tutte le fasi si è affrontata la questione delle carenze informative che non rendono possibile l inclusione di temi di grande rilievo come l Economia illegale, l Efficienza delle infrastrutture di trasporto o che non permettono una rappresentazione sufficiente di temi cruciali per la qualità dello sviluppo come la Partecipazione. Indicatori e target: un quadro di insieme Il risultato finale della consultazione per quanto riguarda la selezione degli indicatori è sintetizzato in tre tabelle che raggruppano per ciascun dominio Economia, Società e Ambiente i temi e i sotto temi, gli indici chiave e gli indicatori del core-set. La discussione è avvenuta principalmente per questi ultimi anche se alcune modifiche sono state chieste anche alla strutturazione dei livelli superiori. 6

7 ECONOMIA I tematismi del dominio Economia sono due: i modelli di produzione e consumo e la performance economica e finanziara. Nel complesso sono presenti 19 indicatori; l indice chiave più corposo è quello della Competitività che include i temi dell innovazione e della spesa in Ricerca e Sviluppo, oltre a quelli classici della produttività e del costo energetico dell industria. TEMATISMI INDICI CHIAVE CORE SET Materia E1 Total Material Requirement Energia E2 E3 Consumi energetici Produzione di energia da fonti rinnovabili Modelli di produzione e consumo Trasporti E4 Trasporto su strada/ferro di persone e merci E5 Certificazioni ambientali Settori produttivi E6 Produzioni alimentari di qualità E7 Destagionalizzazione dei flussi turistici E8 Produzione pro capite di Rifiuti urbani Rifiuti E9 Raccolta differenziata dei Rifiuti Urbani E10 Conferimento finale dei rifiuti E11 PIL pro capite Qualità dell economia E12 E13 Economia sommersa Debito pubblico nazionale Performance economica e finanziaria Competitività E14 E15 E16 E17 Percentuale di aiuti allo sviluppo sul PIL (ODA) Investimenti per R&D da settor e privato Investimenti per le Information & Communication Technologies Brevetti E18 Costo energetico per l'industria E19 Oneri sociali sul costo del lavoro 7

8 SOCIETA Nel Dominio che rappresenta la Società sono stati inseriti gli aspetti di equità del reddito, anche tra le aree del Paese, l occupazione, la qualità della vita, la demografia e gli aspetti relativi alla conoscenza secondo gli la prospettiva europea di Lisbona. TEMATISMI INDICI CHIAVE Povertà S1 S2 CORE SET Ineguaglianza nella distribuzione del reddito Famiglie a rischio di povertà Equità Differenziali socioterritoriali S3 S4 S5 Tasso di disoccupazione/occupazione femminile Inserimento degli immigrati Dispersione dei tassi di occupazione regionali S6 Tasso di disoccupazione/occupazione nel Mezzogiorno Occupazione Qualità degli ambienti urbani S7 S8 S9 S10 Tasso di disoccupazione/occupazione Occupazione irregolare Qualità del trasporto urbano Qualità della vita nei piccoli comuni Qualità della vita Salute S11 S12 S13 Aspettativa di vita Investimenti nella sanità e nella sicurezza sociale Sicurezza sul lavoro Sicurezza S14 Sicurezza dei trasporti S15 Criminalità e illeciti ambientali Demografia S16 Crescita naturale della popolazione Conoscenza Ricerca, formazione, educazione S17 S18 S19 Persone che hanno ottenuto un titolo di educazione secondaria Investimenti per R&D pubblici e universitari Abbandoni scolastici prematuri Accesso all informazione S20 S21 Accesso agli strumenti informatici Livello di partecipazione e informazione pubblica 8

9 AMBIENTE Il Dominio Ambiente è costituito da 4 temi: atmosfera, geosfera, idrosfera e biosfera. In quest ultimo tema sono state inserite due attività economiche che riguardano l agricoltura e il prelievo delle specie ittiche. TEMATISMI INDICI CHIAVE CORE SET A1 Produzione di sostanze lesive per l ozono Atmosfera Emissioni A2 A3 Emissione di sostanze acidificanti Emissioni serra Qualità dell'aria A4 Qualità dell aria nelle principali città italiane Geosfera Gestione delle risorsa edafica Stato della risorsa edafica A5 A6 A7 Uso di prodotti chimici in agricoltura Aree a rischio idrogeologico Nuova superficie costruita Gestione della risorsa idrica A8 A9 Prelievo di acqua ad uso potabile Depurazione delle acque reflue Idrosfera Qualità delle acque interne A10 A11 Stato ecologico dei corsi d acqua Stato ecologico dei laghi Qualità delle acque marino-costiere A12 Stato trofico delle acque marino-costiere Biosfera Biodiversità Gestione delle risorse biotiche A13 A14 A15 A16 Superficie nazionale protetta Livello di minaccia delle specie animali e vegetali Pratiche agricole sostenibili Prelievo delle principali specie ittiche 9

10 TABELLE DEI TARGET La scelta degli indicatori di quarto livello per il Progetto CNEL non può essere considerato un evento distinto e indipendente dalla selezione dei relativi target. In tal senso l'organizzazione della consultazione in fasi successive è stata dettata da considerazioni di tipo "operativo" al fine di facilitare e valorizzare il più possibile la discussione tra i partecipanti al Progetto. Insieme indicatori e target rappresentano il principale risultato del processo di elaborazione di una visione condivisa di sviluppo sostenibile per l'italia. La definizione dei target risponde, innanzitutto, agli obblighi derivanti dalla normativa vigente, laddove esistenti (come ad esempio per la gran parte degli indicatori nel dominio Ambiente). In assenza di tali vincoli si è tenuto conto delle indicazioni contenute nei principali documenti di riferimento prodotti ad ogni livello, come il Piano d'azione del Summit mondiale ONU di Johannesburg, il sistema comunitario delle strategie di Lisbona e Goteborg e del VI Piano d'azione ambientale, la Strategia italiana di azione ambientale per lo sviluppo sostenibile. Nei restanti casi la selezione dei target è stata effettuata, coerentemente con gli obiettivi generali di sostenibilità, tenendo della situazione dei principali partner europei, con il fine di avvicinare l'italia ai valori medi europei - laddove esiste un ritardo - o laddove la situazione è già relativamente buona alle migliori performance registrate. Per gli indicatori relativi al consumo di risorse, si è fatto riferimento al principio del cosiddetto Fattore 4 - che pone l'obiettivo di quadruplicare l'efficienza di uso delle risorse - fissato però sul lungo periodo (2050). 10

11 ECONOMIA E1 E2 E3 E4 E5 E6 E7 E8 E9 E10 E11 E12 E13 E14 E15 E16 E17 E18 E19 Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. In coerenza con il principio Fattore 4 viene fissato un target pari al dimezzamento del Total Material Requirement entro il 2025 sulla base del valore Per l indicatore proposto no n esistono riferimenti normativi. Il target per i Consumi energetici deve rispettare le prescrizioni del Protocollo di Kyoto e il criterio Fattore 4 applicato, al 2025, all input di combustibili non rinnovabili al netto della quota di rinnovabili. Il tar get 2012 così calcolato è pari a 169 Mtep. Sulla base delle indicazione del VI Programma di Azione Ambientale per lo Sviluppo Sostenibile della Commissione Europea (22% di energia elettrica rinnovabile al 2012, 25% per l Italia) e dirottando sulle rin novabili l aumento previsto della domanda energetica complessiva si fissa un target per la Produzione di energia da fonti rinnovabili pari a 24,3 Mtep al Il Libro Bianco dei trasporti della CE propone come limite il valore del 1998 ma le obbliga zioni del Protocollo di Kyoto sono più restrittive. I target al 2012 per il Trasporto su strada/ferro di persone e merci prevedono una riduzione significativa del volume di mobilità stradale, 779 Mld UT, e un raddoppio del contributo della modalità ferrovi aria, su base 2000, che dovrebbe arrivare a coprire il 13,7% della mobilità complessiva. Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Tenendo conto degli andamenti registrati in Italia negli ultimi anni vengono fissati per le Certifica zioni ambientali, al 2012, i seguenti target: certificazioni UNI EN ISO 14001, 700 registrazione EMAS, Licenze Ecolabel. Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Sulla base degli andamenti registrati in Italia dalle Produzioni alimentari di qualità, è stato fissato un target pari a 220 riconoscimenti di Denominazione di Origine Protetta e di Indicazione Geografica Protetta nel Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Considerate le diffic oltà ad intervenire sulla Destagionalizzazione dei flussi turistici, si propone un target equivalente ad un miglioramento nella ripartizione mensile delle presenze del 20% al 2012, pari ad un valore per l indice di 0,31. Il V Programma di Azione Ambien tale per lo Sviluppo Sostenibile della Commissione Europea fissava un obiettivo di riduzione della Produzione di Rifiuti Urbani al 2000 abbondantemente superato. L ISSI ha proposto, nel rapporto del 2002, un target al 2012 pari a 483 kg pro capite, prevede ndo una stabilizzazione della produzione ai livelli del 2001 in cinque -sei anni e una successiva riduzione dell 1% annuo. Il D.lgs. 22/97 pone tre obiettivi per la Raccolta differenziata di Rifiuti Urbani, da raggiungere a livello di Ambito territorial e Ottimale (ATO): il 15% nel 1999, il 25% nel 2001 e il 35% nel Sul lungo termine non ci sono indicazioni a livello normativo: in considerazione dei valori attuali e dell andamento registrato, l Istituto per lo Sviluppo Sostenibile ha proposto un ta rget al 2012 pari a un tasso di raccolta differenziata del 55%. Viene assunto il target proposto nella comunicazione della Commissione Europea per il VI Programma d Azione Ambientale, pari ad un ammontare di Rifiuti Urbani smaltiti in discarica di 11, 0 Mt al 2050 ( -50% rispetto al 2000). Viene assunto un target coerente con le indicazioni Consiglio Europeo di Lisbona, che indica una crescita del pro capite del 3% medio annuo a valori di mercato. Per l indicatore proposto non esistono rif erimenti normativi. Sul medio -lungo periodo il target relativo al contributo dell Economia sommersa al PIL deve essere pari a zero: ma considerando i valori e l andamento registrati nel decennio si propone un target intermedio al 2012 del 7,5%, p ari a un dimezzamento del valore Il target viene fissato in rispetto degli accordi sottoscritti con l Unione Europea (Trattato di Maastricht) e coerentemente alle previsioni di riduzione del Debito pubblico fatte dal Governo italiano. Viene fissato un target al 2012 coerente con gli impegni presi nel 1992 a Rio de Janeiro, che prevede una Percentuale di aiuti allo sviluppo (ODA) 0,7% del PIL. Viene fissato u target coerente con le indicazioni del Consiglio europeo di Lisbona, pari ad u per R&D da settore privato del 2% del PIL al PIL n livello di Investimenti Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Sulla base degli obiettivi generali approvati al Consiglio di Lisbona nel 2000 e del deficit accumulato dal nost ro Paese viene fissato un target al 2010 pari al valore medio europeo di Investimenti per le Information & Communication Technologies (ICT). Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Viene fissato un target al 2012 di allineament medi europei e pari a Brevetti. Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Viene fissato un target al 2012 di allineamento ai valori medi europei registrati in termini di Costo energetico per l industria. Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Viene fissato un target al 2010 pari alla % di sociali sul costo del lavoro rivelata per la media europea. o ai valori Oneri 11

12 SOCIETA S1 S2 S3 S4 S5 S6 S7 S8 S9 S10 S11 S12 S13 S14 S15 S16 S17 S18 S19 S20 S21 Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Considerato il ritardo accumulato dal nostro Paese nella lotta all Ineguaglianza nella distribuzione del reddito, il target fissato per l Indice di Gini al 2010 è pari al valore medio registr ato dai più virtuosi partner europei negli anni 90, pari a 0,25. L impegno preso in sede di Nazioni Unite di dimezzare il numero di poveri nel mondo entro il 2015 viene ripreso a livello nazionale per la percentuale delle Famiglie a rischio di povertà. Il dimezzamento, calcolato su base 2000, porta a un target di 6,2%. I target per il Tasso di disoccupazione e occupazione femminile sono fissati sulla base delle indicazioni date dal Consiglio di Lisbona e risultano pari, rispettivamente, al 60% e al 4% al Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. I target per l Inserimento degli immigrati sono determinati in modo da annullare i divari con i cittadini italiani, fissando come target al 2012 per il tasso di scolarità e detenzione i valori medi nazionali registrati nel decennio : rispettivamente 69,6% e 0,1%. Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Considerata la rilevanza del tema e i valori registrati peggiori della media UE, è stato fiss ato al 2010 un target per la Dispersione dei tassi di occupazione regionale pari al dimezzamento del primo anno disponibile: 8,6%. Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Sulla base della necessità di intervenire urgentemente su tale aspetto sono stati fissati come target al 2010 per i Tassi di disoccupazione/occupazione nel Mezzogiorno i valori medi nazionali registrati al 2000: 10% e 55%. I target per i Tassi di occupazione e disoccupazione sono fissati sulla base delle indi cazioni date dal Consiglio di Lisbona e risultano pari, rispettivamente, al 70% e al 4% al Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. L Occupazione irregolare rappresenta un fenomeno particolarmente rilevante per l Italia: il t arget proposto al 2012 corrisponde al dimezzamento dell incidenza sull occupazione totale della componente irregolare. Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Considerata l urgenza di intervenire per migliorare la Qualità del tra sporto urbano, ma anche le difficoltà che si incontrano agendo su tale elemento, viene proposta una riduzione minima dei tempi di percorrenza casa -lavoro e casa -scuola. Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Considerato il ruolo rilevante che la presenza di servizi di varia natura ha nel determinare la Qualità della vita nei piccoli comuni, si propone di dimezzare entro il 2012 il differenziale di accesso ad eventi culturali tra piccoli comuni e il resto del Paese. Per l in dicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Visti i valori elevati di Aspettativa di vita alla nascita registrati dall Italia per fissare gli obiettivi sono stati presi come riferimento i trend di uno dei Paesi più virtuosi del mondo, il Giappone : si individuano così i target al 2010 pari a 81 e 86 anni per uomini e donne. Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Visto il persistere per il nostro paese di valori non particolarmente brillanti è stato fissato come target a l 2010 la performance dell UE -15, pari ad un livello di Investimenti nella sanità e nella sicurezza sociali del 27,5% del PIL. Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Considerata la rilevanza del tema sono stati fissati dei target per la Sicurezza sul lavoro pari ad un dimezzamento, al 2012, del numero di morti e di feriti attuali. Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Seguendo le indicazioni del Consiglio Europeo in materia di Sicurezza dei trasporti si fissa un target al 2010 pari al dimezzamento di morti e feriti per incidenti stradali. Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. In attesa delle indicazioni a livello comunitario è stato fissato un target al 2025 pari all annull amento di Criminalità e illeciti ambientali. Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Nell ottica di una stabilizzazione della popolazione nazionale viene fissato un target al 2010 pari ad un tasso di Crescita naturale della popo lazione pari a 0. Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Sulla base delle indicazioni provenienti dal Consiglio Europeo e considerato il livello di Educazione secondaria nel nostro Paese si è stabilito un target al 2010 pari all a media UE -15 del 2002: 64,6% di persone in possesso di un titolo di educazione secondaria. Il target al 2010 è stato fissato seguendo le specifiche indicazioni della Strategia di Lisbona e risulta, pertanto, pari all1% del PIL per gli Investimenti p er R&D pubblica e universitaria. Il target al 2010 per gli Abbandoni scolastici prematuri è stato fissato sulla base delle indicazioni della Strategia di Lisbona: il 13,2% pari ad un dimezzamento del valore registrato per l Italia nel Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Il target al 2010 è stato fissato sulla base delle indicazioni formulate in sede comunitaria e delle Nazioni Unite, prevedendo un pieno Accesso agli strumenti informatici, pari al 100% delle famigl ie connesse ad internet. Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. In coerenza con gli obiettivi della Convenzione di Aarhus si è deciso di fissare un raddoppio al 2010 dei Livelli di partecipazione pubblica su base

13 AMBIENTE A1 A2 A3 A4 A5 A6 A7 A8 A9 A10 A11 A12 A13 A14 A15 A16 Il target per la Produzione di sostanze lesive per l ozono è fissato in sede internazionale dal Protocollo di Montreal ed è pari a un azzeramento della produzione complessiva al I target per le singole sostanze acidificanti sono fissati a live llo internazionale nell ambito della Convenzione di Ginevra. Questa prevede un azzeramento delle Emissioni di sostanze acidificanti al 2020, fissando limiti intermedi al 2010 per le singole sostanze. Il target per le Emissioni di gas serra è stato fis sato durante il negoziato comunitario per la suddivisione dei carichi dell obiettivo di riduzione assunto dall UE nell ambito del Protocollo di Kyoto. Per l Italia è prevista una riduzione del 6,5% rispetto al valore 1990 entro il I target per l e sostanze critiche in termini di Qualità dell aria nelle principali città italiane sono fissati dalle direttive comunitarie. Gli inquinanti monitorati sono il biossido di zolfo, il benzene, l ozono e le polveri sottili per ognuno dei quali sono previsti l imiti alle concentrazione e/o ai superamenti al Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. In coerenza con il principio Fattore 4 viene fissato un target pari al riduzione del 50% entro il 2025 nell Uso di prodotti chimici in agricoltura sulla base dell ultimo dato disponibile (2002): si ottengono così valori target pari a 80,4 e 5,1 kg/ha per fertilizzanti e prodotti fitosanitari. Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Viene riproposto il criterio u tilizzato da ISSI nel Rapporto 2002 secondo il quale è necessario fissare al 2012 un target per la superficie delle Aree a rischio idrogeologico corrispondente al dimezzamento dei valori attuali e pari, quindi al 3,5% del territorio nazionale. Per l in dicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Sulla base di diverse considerazioni che vanno dalla sostanziale stabilità demografica, alla ampia disponibilità di abitazioni non occupate fino alla rilevanza degli impatti crescenti generati sull ambi ente dall espansione delle aree edificate, si è fissato un target al 2012 pari a 0 per l indice Nuova superficie costruita, che corrisponde ad una sostanziale stabilizzazione di edifici e infrastrutture. Per l indicatore proposto non esistono riferime nti normativi. Sulla base di considerazioni connesse principalmente alla necessità di arrestare la crescita dello sfruttamento di una risorsa, quella idrica, che mostra segni di sofferenza, si è fissato un target al 2012 per il Prelievo di acqua ad uso pot abile pari a 5 miliardi di mc, raggiungibile migliorando l efficienza di sistema del settore. Il target per il livello di Depurazione delle acque reflue è stato fissato posponendo al 2008 fissato dalla normativa nazionale di riferimento al 2000 e mai raggiunto, pari alla presenza di trattamenti secondari in tutti gli agglomerati di dimensioni rilevanti. Il target è fissato dalla normativa di riferimento e prevede che sia raggiunto uno sufficiente e buono per tut ti i corsi d acqua rispettivamente entro il 2008 e il Il target è fissato dalla normativa di riferimento e prevede che sia raggiunto uno sufficiente e buono per tutti bacini italiani rispettivamente entro il 2008 e il Stato ecologico dei corsi d acqua Stato ecologico dei laghi Il target è fissato dalla normativa di riferimento e prevede che sia raggiunto uno Stato trofico delle acque marino - costiere sufficiente e buono per tutti le stazioni di campionamento rispettivamente entro il 2008 e il Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Sulla base delle indicazioni internazionali e nazionali in materia di tutela della Biodiversità, per l indice di Superficie nazionale protetta sono stati fissati target corrispondenti, per le aree terrestri al mantenimento dell attuale tasso di crescita e, per le aree marine, ad un raddoppio delle superficie attuale: rispettivamente il 15% e il 5,6%. Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Sulla base delle indicazioni prodotte al Verti ce di Johannesburg ed accolte, e rinforzate, dalla comunità europea con il VI Programma d azione ambientale, si propone di dimezzare entro il 2010 il Livello di minaccia delle specie animali e vegetali. Per l indicatore proposto non esistono riferimen ti normativi. Il target al 2012 è stato fissato sulla base delle indicazioni in materia fornite a livello internazionale nonché dello stesso recente orientamento della Politica Agricola Comune, e degli andamenti registrati in Italia: si prevede, quindi, un estensione delle Pratiche agricole sostenibili pari alla metà della Superficie agricola nazionale. Per l indicatore proposto non esistono riferimenti normativi. Sulla base delle precise indicazioni in materia di pesca prodotte la Vertice di Johannesb urg si propone di riportare entro il 2015 il Prelievo delle principali specie ittiche a livelli in grado di assicurare la massima resa sostenibile sul lungo periodo. 13

14 I risultati della analisi degli indicatori Va ricordato che i dati più recenti inseriti nel sistema statistico qui riportato sono del 2003 (dati consolidati). I risultati delle analisi condotte sono rappresentabili ai diversi livelli di aggregazione, dal singolo indicatore, agli indici chiave, ai tematismi e a livello di dominio (economia, ambiente e società). Un indicatore integrato di sostenibilità consente un giudizio integrato dei tre domini. L indicatore integrato di sostenibilità (che è la sintesi di tutti gli indicatori) al 2003 è inferiore a circa il 30% dell obiettivo per quell anno. La linea a destra rappresenta l evoluzione verso l obiettivo di sostenibilità calcolato sui target degli indicatori). In generale l andamento degli indicatori di sostenibilità indica che il dominio che registra nel periodo considerato l andamento peggiore è quello dell Economia; il dominio Ambiente presenta un andamento intermedio mentre relativamente più positivo è l andamento del dominio Società. Per ciascun dominio si riportano gli indicatori che presentano uno stato negativo, intermedio e positivo. Economia L andamento generale del dominio Economia è sostanzialmente piatto nel periodo preso in esame. In termini di distanza dall obiettivo di sostenbilità la proiezione al 2012 lascia l indicatore ai minimi con una distanza del 95% dall obiettivo. I principali motivi di questo andamento nettamente negativo sono da ascriversi sia agli aspetti relativi ai Modelli di produzione e consumo (in particolare ai temi energia e trasporti) che alla Performance economica e finanziaria (in particolare ai temi legati alla competitività). In particolare, gli indicatori che mostrano una maggiore criticità sono: - Una crescita eccessiva del trasporto su gomma di merci e passeggeri - Un andamento negativo negli investimenti in ricerca e sviluppo da parte delle imprese. - Un andamento negativo degli investimenti in cooperazione allo sviluppo. - Un aumento dei prezzi medi dell energia (elettricità e gas) per gli usi industriali. - Scarsa produzione di brevetti rispetto alla media europea. 14

15 Alcuni indicatori presentano un andamento intermedio: il tema dei Rifiuti mostra nella media un andamento debolmente positivo anche se, com è noto, il tema rimane fortemente critico nelle regioni meridionali; il tema dell Energia, sul quale l Italia si trova in ritardo rispetto agli obiettivi fissati dal Libro Bianco sulle fonti rinnovabili. L indicatore di Destagionalizzazione del turismo rimane stabile anche se si nota un miglioramento nella distribuzione dei flussi turistici nell anno del Giubileo e nell anno successivo. Tra gli indicatori che mostrano un andamento relativamente positivo troviamo: La produzione agroalimentare di qualità L andamento delle certificazioni ambientali Società L andamento generale rimane negativo. Gli aspetti che pesano maggiormente sono: i differenziali socio-territoriali, la sicurezza (sul lavoro, sulle strade, anche se su quest ultimo un relativo miglioramento, pur temporaneo, emerge successivamente al 2003 con l introduzione della patente a punti), gli illeciti ambientali. In particolare, gli indicatori che sono lontani dal target sono: spersione dei tassi regionali di occupazione Occupazione nel Mezzogiorno Occupazione irregolare Qualità del trasporto urbano Sicurezza sul lavoro Sicurezza nei trasporti Criminalità e illeciti ambientali Crescita naturale della popolazione Investimenti pubblici in R&S Altri indicatori si presentano in uno stato intermedio rispetto ai target di riferimento: Distribuzione del reddito (indice di Gini) Famiglie a rischio di povertà (fino al 2003). Si tratta di un indicatore che più recentemente potrebbe aver cambiato segno Disoccupazione femminile (il dato è in lieve miglioramento al 2003) Inserimento immigrati Tasso di occupazione generale Qualità ambienti urbani Istruzione secondaria Accesso strumenti informatici Partecipazione cittadini Alcuni indicatori mostrano uno stato positivo: Aspettativa di vita Investimenti nella sanità e nella sicurezza sociale Abbandoni scolastici prematuri 15

16 Ambiente Nel dominio ambientale si hanno le maggiori carenze informative (l idrosfera è un tematismo del tutto assente,). Gli indicatori che si trovano in uno stato di maggiore criticità sono: Emissioni di gas a effetto serra Uso di prodotti chimici in agricoltura Prelievo specie ittiche Per altri indicatori si ha uno stato intermedio: Emissioni sostanze acidificanti Superficie costruita Pratiche agricole sostenibili Gli indicatori che presentano al 2003 uno stato positivo sono: La produzione di sostanze ozono-distruttive Qualità dell aria nelle aree urbane Superficie protetta La Qualità dell aria nelle aree urbane è composta da un indicatore integrato di 6 variabili. Al 2003 ultimo anno rappresentato nel sistema informativa - l andamento dell indice integrato era in linea col target. Recentemente si registra un netto peggioramento della situazione per il PM 10 per il quale si è avuto già nei primi mesi dell anno - il superamento del numero massimo dei livelli di allarme previsto dalla normativa in vigore dal Le principali carenze informative della base conoscitiva L utilizzo di un indicatore nella metodologia proposta dal Progetto richiede che di questo indicatore esista una serie storica di dati, che tali dati siano prodotti nello stesso modo o che siano in modo semplice confrontabili tra loro. Nel corso della ricerca e nelle fasi di consultazione sono state riscontrate diverse carenze del sistema informativo italiano, in quello comunitario e anche a livello internazionale. Le carenze riguardano sia l esistenza stessa di determinati indicatori, che l esistenza di un numero sufficiente di dati per coprire un andamento di 8-10 anni. Dominio Economia Il dominio economico è quello che, dal punto della dotazione statistica, risulta essere sostenuto dal più completo sistema informativo. Per la maggior parte dei dati è possibile disporre di adeguate serie storiche e metodologie di raccolta e elaborazione consolidate. Non mancano, tuttavia, anche in questo settore elementi di criticità che hanno limitato una trattazione esaustiva di tutti gli aspetti, in particolare per quelli di natura più qualitativa, considerati rilevati ai fini dello sviluppo sostenibile. La principale carenza del sistema informativo nazionale può essere ricondotta all incapacità, peraltro comprensibile, di valutare in modo soddisfacente la quota di economia illegale e criminale. Si tratta di una questione rilevante che ha ripercussioni in tutti i domini dello sviluppo e che rappresenta, inoltre, un elemento caratterizzante del sistema Italia. Tuttavia si dispone attualmente solo di stime sporadiche, che valutano in maniera 16

17 approssimativa il fenomeno e che non permettono di rappresentarlo in modo statisticamente affidabile. Va comunque riportata la richiesta unanime del tavolo di lavoro di considerare l illegalità tra i principali determinanti della sostenibilità di un Paese. Quello della mobilità di merci e passeggeri rappresenta uno dei principali determinanti dell insostenibilità ambientale dei paesi ad alto livello di sviluppo. Oltre agli impatti negativi sulla matrice ambientale in termini di inquinamento, frammentazione ecologica e consumo di risorse, la mobilità produce una serie di effetti negativi nei domini sociale ed economico. Se la necessità di intervenire per ridurre in termini quantitativi le pressioni esercitate sull ambiente è oramai comunemente accettata, è altrettanto condivisa l idea che sia possibile intervenire sull efficienza del sistema delle infrastrutture di trasporto e sul governo della domanda di mobilità al fine di produrre un aumento del livello di benessere complessivo. Non è stato possibile, tuttavia, proporre un indice o un indicatore in grado di valutare quest ultimo aspetto. È possibile, in quest ambito, solamente segnalare un indice elaborato dall'isfort (Accessibilità infrastrutturale dei Sistemi Locali del lavoro ) che misura, in termini di tempi di percorrenza, il rapporto tra l offerta e la domanda di mobilità sui principali nodi del Paese. Questo indice non è, però, utilizzabile al momento in quanto presenta una copertura abbastanza parziale del tema, non è possibile di disporre di una serie storica adeguata e la metodologia utilizzata è ancora in fase di sperimentazione. Devono essere segnalati altri due aspetti per i quali, non essendo disponibili serie storiche adeguate, non sono stati inseriti specifici indicatori: si tratta della diffusione dei prodotti verdi (Green Procurement) presso le pubbliche amministrazioni e di sistemi di gestione integrata per la sicurezza e l ambiente di lavoro. Dominio Società Il dominio sociale è quello per il quale si dispone, forse, di una minore elaborazione sistematica volta alla definizione di una struttura di indici e indicatori di sostenibilità. Ciò appare evidente anche dalla strutturazione particolarmente articolata dei temi e indici chiave proposti. È proprio in questo dominio, infatti, che sono state rilevate le principali difficoltà di natura concettuale nel definire specifici indicatori e target. Probabilmente anche per questo motivo il dominio sociale si è rivelato l ambito nel quale sono stati necessari il maggior numero di indicatori ai fini di una valutazione che apparisse adeguata. La questione della povertà, pur trattata, non appare descritta in maniera adeguata dagli indicatori attualmente disponibili. In particolare l utilizzo di specifiche fasce di reddito o consumo non consente, ad esempio, di valutare la gravità del fenomeno al di sotto di determinati livelli, ne di indagare l effettivo grado di disagio connesso, ad esempio, al c.d. fenomeno della povertà grigia. Circa le questioni occupazionali va messa in evidenza l impossibilità di definire un indicatore adeguato e condiviso capace di monitorare gli aspetti qualitativi del mercato del lavoro. In particolare il set di indicatori proposto non è in grado di valutare le questioni connesse ai recenti sviluppi del sistema contrattuale del lavoro e dei recenti fenomeni associati alla flessibilità e alla 17

18 precarizzazione. In quest ambito le continue trasformazioni delle stesse definizioni normative in campo occupazionale rappresentano un serio ostacolo all individuazione di variabili di controllo affidabili nel tempo. Il Progetto CNEL prevede un indice sintetico sull inserimento degli immigrati nel tessuto socio-economico nazionale. L indice è stato appositamente sviluppato dall ISSI facendo riferimento ad un lavoro sul tema svolto dal CNEL stesso in collaborazione con la Caritas. Tuttavia, a causa di un informazione parziale e discontinua su scala temporale, sono stati inseriti nell indice solo alcuni degli aspetti che sembrano poter descrivere il complicato processo di integrazione degli stranieri in Italia. Nella definizione della qualità della vita in ambiente urbano è stato necessario elaborare degli indici specifici per il Progetto. Questi vanno considerati dei primi tentativi di approcciare una questione di estrema rilevanza per lo sviluppo sostenibile utilizzando gli strumenti degli indicatori. In tale contesto sarebbe auspicabile, poi, approfondire anche le relazioni tra qualità della vita e degrado dell ambiente urbano, attraverso specifiche indagini anche a carattere epidemiologico, oltre le stime correnti relative agli effetti delle polveri sottili. urante le fasi di consultazione è stata espressa la necessità di affrontare, nell ambito degli aspetti demografici, i fenomeni connessi alle migrazioni interne e agli squilibri territoriali che esse possono generare. In particolare è stata sottolineata l importanza delle conseguenze che l abbandono delle c.d. aree interne produce in termini di degrado del territorio, perdita di tradizioni e diversità culturale, accentramento nelle principali aree urbane. Pur essendo evidente la rilevanza dell argomento e pur disponendo di indagini approfondite sulle dinamiche demografiche interne, non è stato possibile, tuttavia, predisporre un indicatore o un indice adeguato. Ciò è da imputare, in primo luogo, alla mancanza di specifici studi orientati al monitoraggio e alla valutazione dei fenomeni demografici rispetto agli effetti prodotti sulla sostenibilità. Un ultimo tema sociale, richiamato più volte in fase di consultazione e trattato in modo solo parzialmente adeguato nel sistema degli indicatori, è quello relativo alla partecipazione pubblica. In questo caso si può rilevare una duplice carenza, sia a livello concettuale, che non permette di definire efficacemente il concetto di partecipazione, sia a livello statistico, che inibisce anche i più timidi tentativi di predisporre una valutazione quantitativa del fenomeno. Dominio Ambiente Se da un lato il dominio ambientale è stato quello per il quale si è riscontrata la massima condivisione circa la sua strutturazione tematica del sistema di indicatori, a conferma degli approfondimenti concettuali di cui è stato oggetto nell ambito degli studi di sostenibilità, dall altro è quello che presenta tuttora le maggiori limitazioni in fatto di dotazione statistica. Le carenze informative, che vanno considerate tali sempre in relazione alle specifiche esigenze del progetto, sono tali da aver impedito, caso unico in tutto il lavoro, la composizione dei livelli superiori al quarto di un intero tematismo (idrosfera). Le carenze rilevate si traducono prima di tutto nell indisponibilità di adeguate serie storiche sia sui consumi totali di acqua che sulla qualità dei corpi idrici (gli indicatori attualmente di riferimento 18

19 coprono parzialmente il territorio e solo per 2 o 3 anni), fatto che, almeno in parte, può essere attribuito ad una tradizione relativamente recente della statistica ambientale nazionale. L atmosfera risulta essere, tra i temi ambientali, quello per il quale si dispone di una maggiore quantità di dati di discreta qualità. Ciò può essere, in buona parte, ricondotto agli accordi internazionali, sottoscritti dal nostro Paese, che caratterizzano da anni il dominio e in base ai quali è stato necessario sviluppare un adeguato bagaglio di conoscenze. Vanno comunque segnalate alcune difficoltà incontrate, in particolare, nella definizione di un indice sulla qualità dell aria nelle aree urbane: tale indice, sviluppato dall ISSI espressamente per il Progetto CNEL, soffre di una disponibilità di dati circoscritta e spesso frammentaria, accompagnata da carenze nel sistema di rilevamento che rendono difficile produrre trend affidabili per le principali grandezze considerate. Per valutare lo stato della componente edafica sono stati utilizzati, principalmente, indicatori di tipo indiretto. Quella che si riporta rappresenta, quindi, una valutazione basata su di una conoscenza solo approssimativa della reale situazione. In particolare mancano dati affidabili e disponibili nel tempo per costruire indicatori sul livello di contaminazione del suolo. Come già accennato, per l idrosfera non è stato possibile comporre gli indici di terzo e secondo livello a causa della mancanza di serie storiche. Ciò vale sia per gli aspetti legati alla disponibilità e all uso della risorsa, sia per quelli connessi alla qualità delle acque. Su questi ultimi l entrata in vigore del D.Lgs 152/99, in recepimento delle direttive comunitarie in materia, ha spinto il sistema statistico nazionale a dotarsi di specifici indici e indicatori, ma la recente introduzione degli indici previsti dal Decreto, insieme ad un sistema di monitoraggio ancora non del tutto consolidato, impediscono ogni tentativo di definire un trend affidabile. Non può non essere, inoltre, rilevata una conoscenza solo approssimativa degli aspetti quantitativi della risorsa, che non consente di identificare limiti certi ai tassi di prelievo, peraltro anch essi caratterizzati da un informazione inadeguata. Nel tentare di fornire una valutazione quantitativa dello stato della Biosfera ci si scontra con difficoltà di natura diversa, riconducibili sia a limiti concettuali/metodologici che statistici. Riguardo i primi bisogna, comunque, evidenziare come negli ultimi anni siano stati prodotti tutta una serie di specifici lavori sugli indicatori, sia a livello internazionale, ad esempio nell ambito della Conferenza sulla Biodiversità dell ONU, che a livello comunitario all interno dell Agenzia Europea per l Ambiente. In questi lavori si è tentato di individuare criteri e strumenti adeguati a rispondere agli impegni del Summit Mondiale di Johannesburg di ridurre, e addirittura arrestare come previsto dalle direttive comunitarie, la perdita di biodiversità entro il Purtroppo a livello istituzionale, sia nazionale che comunitario, non è stata ancora individuata una modalità di monitoraggio condivisa. L assenza di una chiara domanda di informazione si traduce, come spesso accade, in una difficoltà del sistema statistico nazionale a fornire dati e informazioni sufficienti. Tra le diverse possibilità vagliate nel tentativo di selezionare indici o indicatori per il tema in questione è stata considerata anche quella relativa all analisi della presenza delle sementi autoctone, abbandonata per carenza di dati e per la necessità di ulteriori approfondimenti concettuali. 19

20 Gli indicatori selezionati rimangono, comunque, carenti e, ad esclusione forse di quello sviluppato proprio da ISSI sulle popolazioni ittiche, non riescono a dare informazioni essenziali circa lo stato delle popolazioni, la loro resilienza, come anche la frammentazione degli habitat e la connettività delle aree poste sotto tutela. Infine, un aspetto che è stato sollevato nel corso delle consultazioni riguarda l efficacia della spesa ambientale. Per fare un esempio, ma lo stesso vale anche per l efficacia di altri capitoli di spesa, la spesa pubblica per la depurazione delle acque andrebbe confrontata sul numero di depuratori effettivamente in funzione, in termini di abitanti equivalenti effettivamente serviti rispetto alla previsione di spesa. A parte una indagine del 1999, su questo tema non vi sono dati sufficienti a fare un confronto statisticamente significativo. OSSERVAZIONI Il nostro Paese, in numerosi atti del Governo e del Parlamento, ha assunto la sostenibilità dello sviluppo come indirizzo di fondo a cui ricondurre la propria azione e quella dell insieme dei soggetti economici e sociali. A questo impegno, tuttavia, ancora non ha fatto seguito l adozione di un sistema integrato di indicatori di sostenibilità finalizzato alla valutazione periodica della performance del nostro sistema economico, produttivo e dei consumi e del suo impatto ambientale e sociale. Questo ritardo comporta che nel dibattito in merito alla qualità delle politiche per lo sviluppo, in assenza di un sistema di valutazione rigoroso, condiviso e verificabile, tende a prevalere, da parte dei singoli soggetti, un approccio non equilibrato nelle valutazioni e comunque troppo spesso condizionato da specifici interessi. La mancanza di equilibrio e di convergenza da parte dei numerosi protagonisti delle strategie di sviluppo, determina molto spesso, come testimonia l esperienza, situazioni di conflittualità che influiscono in maniera decisamente negativa sull andamento dei programmi, sia pubblici che privati e di conseguenza con ricadute negative di carattere economico, sociale ed ambientale. Dai risultati del progetto del CNEL emergono infatti con chiarezza i numerosi punti di criticità del sistema economico e sociale italiano e gli aspetti ambientali e sociali di maggiore difficoltà. Dalle consultazioni dei protagonisti dello sviluppo promosse dal CNEL è comunque emersa con nettezza la conferma della adesione alla strategia della sostenibilità, nel significato riportato in premessa. D altra parte questa stessa disponibilità è alla base dell accordo promosso dal CNEL in merito alla qualificazione dei contesti territoriali e al sostegno alla certificazione sottoscritto dall insieme delle forse sociali e dalle associazioni ambientaliste e del terzo settore. Le parti sociali hanno altresì dimostrato la condivisione del progetto del CNEL di elaborare un sistema integrato di indicatori di sostenibilità ed hanno ampiamente contribuito alla sua elaborazione sia sotto il profilo metodologico che della coerenza con il contesto nazionale. L approfondimento di merito ha consentito di mettere in evidenza le carenze che in alcuni punti caratterizza il sistema informativo e statistico, in 20

7. Le infrastrutture

7. Le infrastrutture 77 le infrastrutture 7. Le infrastrutture 7.1 LA SPESA PUBBLICA NEL MEZZOGIORNO Alcune recenti analisi e valutazioni strutturali (1) hanno evidenziato che a partire dal 2000 gli investimenti fissi lordi

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

UNIVERSITÁ CA FOSCARI VENEZIA. L Italia, il paese delle meraviglie nel percorso eco-sostenibile tra progressi e criticità

UNIVERSITÁ CA FOSCARI VENEZIA. L Italia, il paese delle meraviglie nel percorso eco-sostenibile tra progressi e criticità UNIVERSITÁ CA FOSCARI VENEZIA Corso di Laurea magistrale (ordinamento ex D.M. 270/2004) in Economia e gestione delle aziende Tesi di Laurea L Italia, il paese delle meraviglie nel percorso eco-sostenibile

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

TAVOLE DI OSSERVAZIONE

TAVOLE DI OSSERVAZIONE Presidenza della Giunta TAVOLE DI OSSERVAZIONE Tavole di osservazione Le tabelle di seguito contengono per ciascun obiettivo una prima batteria di indicatori di descrizione e di osservazione dell evoluzione

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI La contabilità ambientale: uno strumento per la sostenibilità La contabilità ambientale può essere definita come un sistema

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane. di Nicola C. Salerno 1

Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane. di Nicola C. Salerno 1 Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane di Nicola C. Salerno 1 1 3. Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane Le sfide attese dall invecchiamento

Dettagli

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento Efficienza Energetica L'Italia è tradizionalmente uno dei Paesi dell area OCSE a più elevata efficienza energetica: il consumo finale di energia per abitante, pari a 2,4 tonnellate equivalenti di petrolio/capita

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La questione delle risorse

La questione delle risorse 12 Commissione Permanente Igiene e sanità INDAGINE CONOSCITIVA autorizzata dal Presidente del Senato della Repubblica il 10 giugno 2013 "La sostenibilità del Servizio sanitario nazionale con particolare

Dettagli

Modulo I: le domande di valutazione

Modulo I: le domande di valutazione INDICAZIONI PER L AGGIORNAMENTO DELLA VALUTAZIONE INTERMEDIA E LA RICERCA SUL CAMPO Modulo I: le domande di valutazione Introduzione La definizione delle domande di valutazione è un elemento fondamentale

Dettagli

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva

VERSIONE PROVVISORIA. Disegni di legge 1148, 1670 e 1697. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva VERSIONE PROVVISORIA Disegni di legge 1148, 1670 e 1697 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissione 11 a "Lavoro, previdenza sociale" del Senato della Repubblica

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE 1. Disposizioni generali Il Forum Agenda 21 di Biella è promosso dal Comune di Biella nell ambito della valorizzazione

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi:

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi: Analisi di Prodotto Scheda 1/10 Analisi i inizialei i dei processi Aziendali ambientale secondo operativa 15033 Introduzione: L Analisi (AAI) è una dettagliata e metodica indagine dello stato dell Organizzazione

Dettagli

FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020. Segreteria Nazionale CISL Scuola

FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020. Segreteria Nazionale CISL Scuola FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020 1 Legenda FSE = Fondo Sociale Europeo FESR = Fondo Europeo Sviluppo Regionale PAC = Piano Azione di Coesione FEARS = Sviluppo rurale FEAMP = Affari marittimi e pesca

Dettagli

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI Il quadro economico del Piemonte Il Piemonte è una delle regioni a più alta concentrazione industriale d Europa, tanto che ancora oggi, nella grave

Dettagli

Il territorio, l economia, le imprese

Il territorio, l economia, le imprese Il territorio, l economia, le imprese Il territorio e la popolazione La Puglia è suddivisa dal punto di vista amministrativo in cinque province e 258 comuni, distribuiti su un territorio di oltre 300.000

Dettagli

ORIENTAMENTI SULLE ENTITÀ CHE POSSONO ESSERE REGISTRATE A EMAS

ORIENTAMENTI SULLE ENTITÀ CHE POSSONO ESSERE REGISTRATE A EMAS ORIENTAMENTI SULLE ENTITÀ CHE POSSONO ESSERE REGISTRATE A EMAS OBIETTIVO DEGLI ORIENTAMENTI L estensione di EMAS a tutte le organizzazioni aventi un impatto ambientale, anche a quelle che non rientrano

Dettagli

Presentazione 5 PRESENTAZIONE

Presentazione 5 PRESENTAZIONE Presentazione Il Rapporto sull economia romana elaborato dal Comune di Roma raggiunge quest anno la quinta edizione ufficiale (sesta, se si tiene conto di un numero zero risalente all ormai lontano 1996

Dettagli

Punto 5.c all ordine del giorno del V Comitato di Sorveglianza

Punto 5.c all ordine del giorno del V Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA INFORMATIVA SULLA PROPOSTA DI MODIFICA DEL PROGRAMMA OPERATIVO A SEGUITO DELLE MODIFICHE INTERNE ALL ASSE III E ALL ASSE V (obiettivo specifico V.3)

Dettagli

Architettura è Energia Think different. Build different.

Architettura è Energia Think different. Build different. Architettura è Energia Think different. Build different. Klimahouse Toscana - Firenze, 28 marzo 2014 L opzione dell efficienza energetica per le politiche di green economy Andrea Barbabella Responsabile

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

I FONDI STRUTTURALI EUROPEI IN SICILIA (Documento CGIL Sicilia del 05 novembre 2014)

I FONDI STRUTTURALI EUROPEI IN SICILIA (Documento CGIL Sicilia del 05 novembre 2014) I FONDI STRUTTURALI EUROPEI IN (Documento CGIL Sicilia del 05 novembre 2014) La dotazione iniziale del Programma Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR) Sicilia 2007/2013 che era pari a euro 6.539.605.100

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 26 settembre 2014. Piano infrastrutturale per i veicoli alimentati ad energia elettrica, ai sensi dell articolo 17 -septies del decreto-legge

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Udine Italy 15 Settembre 2015 Wania Moschetta Regione Friuli Venezia Giulia This programme

Dettagli

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato 2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato La VAS prevede l avvio di un sistema di monitoraggio dei caratteri territoriali. Obiettivo del monitoraggio è assicurare il controllo sugli impatti significativi

Dettagli

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie

economia siciliana attraversa una fase particolarmente critica. Pur in presenza di aree di povertà e disagio sociale relativamente più ampie Osservatorio congiunturale della Fondazione Res Photo & Design Maria Izzo Fondazione Res ongiunturares Lo scenario di previsione Lo scenario inerziale La crisi in atto La ricomposizione della domanda al

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA I. Le principali sfide da affrontare con il CLLD Il Community-led local development (CLLD) è uno strumento normato dai regolamenti

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

L applicazione del Modello di Area Industriale Sostenibile (SIAM), il caso di studio dell area industriale di Molfetta (Ba)

L applicazione del Modello di Area Industriale Sostenibile (SIAM), il caso di studio dell area industriale di Molfetta (Ba) L applicazione del Modello di Area Industriale Sostenibile (SIAM), il caso di studio dell area industriale di Molfetta (Ba) Antonella Lomoro alomoro@eco-logicasrl.it, Patrizia Milano, Massimo Guido; Claudia

Dettagli

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull innovazione. Sostenibile per promuovere un economia più efficiente

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari La riqualificazione energetica del patrimonio edilizio L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari Edo Ronchi Presidente della

Dettagli

L Agenda 21 Locale di Formia: esperimento di partecipazione Massimo Leone Q&A srl Formia, 23 settembre 2009 www.qeasrl.it Cos è l Agenda 21 Locale L Agenda 21 Locale, secondo la Guida Europea all Agenda

Dettagli

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione European Association of Local and Regional Initiatives for Economic Development, Employment and Solidarity Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

Il fund raising per la sostenibilità. Belluno forum energia 20 giugno 2014

Il fund raising per la sostenibilità. Belluno forum energia 20 giugno 2014 Il fund raising per la sostenibilità Belluno forum energia 20 giugno 2014 La Commissione Europea Common Strategic Framework 2014-2020 raccomanda un approccio metodologico all impiego degli Strumenti finanziari

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

Manifesto per l investimento sostenibile: Investire in un futuro sostenibile

Manifesto per l investimento sostenibile: Investire in un futuro sostenibile BEE (Ufficio europeo per l Ambiente) Piattaforma Sociale Manifesto per l investimento sostenibile: Investire in un futuro sostenibile L Unione Europea e i suoi Stati membri si sono più volte impegnati

Dettagli

AUTORITA' PORTUALE DI RAVENNA. Piano Regolatore Portuale 2007 del Porto di Ravenna. Valutazione Ambientale Strategica

AUTORITA' PORTUALE DI RAVENNA. Piano Regolatore Portuale 2007 del Porto di Ravenna. Valutazione Ambientale Strategica ALLEGATO A1 AUTORITA' PORTUALE 2007 del Porto di Ravenna Valutazione Ambientale Strategica Dichiarazione di sintesi (ai sensi della lettera b, comma 1, Art. 17, Dlgs 152/06) novembre 2009. INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Protocollo di valutazione a scala urbana

Protocollo di valutazione a scala urbana Protocollo di valutazione a scala urbana Andrea Moro CONTESTO DI RIFERIMENTO Enti pubblici attori fondamentali nella promozione dell edilizia sostenibile Necessità di strumenti di valutazione/rating a

Dettagli

Modifiche e integrazioni alla Deliberazione COVIP del 31/10/2006, nella parte relativa allo Schema di Nota informativa.

Modifiche e integrazioni alla Deliberazione COVIP del 31/10/2006, nella parte relativa allo Schema di Nota informativa. Modifiche e integrazioni alla Deliberazione COVIP del 31/10/2006, nella parte relativa allo Schema di Nota informativa. Il presente documento, recante lo schema delle modifiche ed integrazioni che la COVIP

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

Roma. I numeri del comune. Abitanti* 2.863.322 4.321.244 Superficie (km 2 ) 1.287,36 5.363,28 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Roma. I numeri del comune. Abitanti* 2.863.322 4.321.244 Superficie (km 2 ) 1.287,36 5.363,28 Densità (ab. per km 2 ) 2. Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Roma I numeri del comune Capoluogo Abitanti*.8..1. Superficie (km ) 1.87,.,8 Densità (ab. per km ).,18 8,71 * al 1.1.1 Numero Addetti unità

Dettagli

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità

Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità ECORICE e le prospettive future Le misure dello sviluppo rurale a favore della biodiversità Mario Perosino Regione Piemonte Direzione Agricoltura mario.perosino@regione.piemonte.it ECORICE e le prospettive

Dettagli

PROTOCOLLO ITACA 2009

PROTOCOLLO ITACA 2009 Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale PROTOCOLLO ITACA 2009 Art. 9, Schema Legge Regionale: Norme per l edilizia sostenibile LINEE GUIDA E DISCIPLINARE TECNICO

Dettagli

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali

PROGETTO BIT-Air Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali Focus Group sulla Gestione della Qualità dell Aria negli Enti Locali EMERGENZA SMOG: QUADRO NORMATIVO, RESPONSABILITÀ, COMPETENZE E STRATEGIE DEGLI ENTI LOCALI Brindisi,18 marzo 2010 Paolo Lecca lecca@ea.ancitel.it

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

L INDAGINE SUGLI ORIENTAMENTI DEGLI IMPRENDITORI DELLA GREEN ECONOMY

L INDAGINE SUGLI ORIENTAMENTI DEGLI IMPRENDITORI DELLA GREEN ECONOMY L INDAGINE SUGLI ORIENTAMENTI DEGLI IMPRENDITORI DELLA GREEN ECONOMY L indagine sugli orientamenti degli imprenditori della green economy, condotta tra aprile e maggio del 2014 dalla Fondazione per lo

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

Investimenti pubblici e sviluppo locale: la mappa delle opportunità nell area urbana cosentina

Investimenti pubblici e sviluppo locale: la mappa delle opportunità nell area urbana cosentina ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI - SEZIONE DI COSENZA CONTESTI SRL, SERVIZI E RICERCHE PER I SISTEMI LOCALI - RENDE Investimenti pubblici e sviluppo locale: la mappa delle opportunità nell area

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Ti presento il POR FESR

Ti presento il POR FESR UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale CONCORSO ALLA SCOPERTA DEL POR LOMBARDIA. Seconda edizione Ti presento Guida alle tematiche del concorso Alla scoperta del POR Lombardia 1 1. La politica

Dettagli

L analisi SWOT Daniela Storti

L analisi SWOT Daniela Storti L analisi SWOT Daniela Storti Che cosa è l analisi swot E UN ANALISI DI SUPPORTO ALLE SCELTE CHE RISPONDE AD UN ESIGENZA DI RAZIONALIZZAZIONE DEI PROCESSI DECISIONALI Che cosa è l analisi swot è una tecnica

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Pag 1 di 14

CAPITOLATO TECNICO. Pag 1 di 14 GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI MONITORAGGIO, VERIFICA E SUPPORTO TECNICO AI PROGETTI REALIZZATI DALLE SCUOLE AMMESSE AL FINANZIAMENTO NELL AMBITO DELL INIZIATIVA E-INCLUSION.

Dettagli

Tabella 1 SWOT Crescita intelligente

Tabella 1 SWOT Crescita intelligente Tabella 1 SWOT Crescita intelligente Forze Debolezze Opportunità Minacce F1) Tenuta del sistema economico provinciale a fronte della crisi fra il 2007 e il 2011 D1) Bassa intensità della spesa pubblica

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Opportunità di Finanziamento per i Giovani Relatore: Dr. Agr. Andrea Antonio PANICO Lecce, li 21/02/2015 Confederazione Italiana Agricoltori Lecce- Nuovo PSR PUGLIA

Dettagli

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia

Master progettazione urbana sostenibile. L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia Master progettazione urbana sostenibile L'organizzazione dell'impresa e del progetto Coopcasa a Brescia - Cooperativa e sostenibilità - Risorse umane e Coop casa Brescia Il bilancio sociale e il processo

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

La CETS e la nuova programmazione 2014-2020

La CETS e la nuova programmazione 2014-2020 La CETS e la nuova programmazione 2014-2020 LA SCHEDA DEI PIANI D AZIONE DELLA CETS SCHEDA PAF - Prioritized Action Framework Tipo di attività Soggetto realizzatore Descrizione della misura Obiettivi Target

Dettagli

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI NOTA ISRIL ON LINE N 40-2012 LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi.

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi. COMUNICATO STAMPA COVIP: la crisi dei mercati finanziari ha sottoposto i fondi pensione a una prova severa, ma il sistema della previdenza complementare ha tenuto. A marzo 2009 sono 4,9 milioni gli iscritti

Dettagli

La povertà soggettiva in Italia

La povertà soggettiva in Italia ISTITUTO DI STUDI E ANALISI ECONOMICA Piazza dell Indipendenza, 4 Luglio 2005 00185 Roma tel. 06/444821 - fax 06/44482229 www.isae.it Stampato presso la sede dell Istituto La povertà soggettiva in Italia

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 255-336 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La sanità nell anno della crisi Nell anno della crisi emerge una crescita

Dettagli

L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO

L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO L UNIONE EUROPEA ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO Siena, 10 maggio 2011 Le fasi della lotta al global warming 2 La definizione degli strumenti per l applicazione del protocollo di Kyoto Il varo del sistema

Dettagli

La sostenibilità nei trattamenti di bonifica. Elena Sezenna

La sostenibilità nei trattamenti di bonifica. Elena Sezenna La sostenibilità nei trattamenti di bonifica "Green" e Sostenibile di cosa si tratta? 2 Green Si prefigge di ridurre al minimo l'impatto ambientale di un'attività (inclusi gas serra e altre emissioni in

Dettagli

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento

L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento L agenda Europea per il clima tra mitigazione e adattamento Patto dei Sindaci e politiche per il clima: aggiornamenti e prospettive Mauro Bigi, Federico D Addato Indica srl Indice Inquadramento e aggiornamento

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

La Governance partenariale

La Governance partenariale La Governance partenariale Sommario Introduzione... 1 1. Modello di governance del partenariato per il Programma di cooperazione MED 2014-2020... 2 1.1. Introduzione... 2 1.2. Codice europeo di condotta

Dettagli

Verona. I numeri del comune. Abitanti* 259.966 921.717 Superficie (km 2 ) 198,92 3.096,39 Densità (ab. per km 2 ) 1.306,91 297,67

Verona. I numeri del comune. Abitanti* 259.966 921.717 Superficie (km 2 ) 198,92 3.096,39 Densità (ab. per km 2 ) 1.306,91 297,67 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Verona I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 9.9 91.717 Superficie (km ) 19,9.9,9 Densità (ab. per km ) 1.,91 97,7 * al 1.1.1 Numero Addetti

Dettagli

IL CICLO DELLE RISORSE ALIMENTARI Sostenibilità ambientale della produzione alimentare: trasformazione,trasporto,distribuzione 14 maggio 2009 Massimo Mauri ARPA Lombardia Indice: 1. Sostenibilità e salubrità

Dettagli

Redazione e trasmissione del Report annuale

Redazione e trasmissione del Report annuale Redazione e trasmissione del Report annuale Anna Maria Livraga Emanuela Patrucco Piano di Monitoraggio e Controllo aziende IPPC: Gestione e trasmissione Report annuale 16 maggio 2011 Il cap. 5 del PMC

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

PON Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema Indicatori di risultato e impatto Proposte, fonti e note esplicative

PON Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema Indicatori di risultato e impatto Proposte, fonti e note esplicative PON Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema Indicatori di risultato e impatto Proposte, fonti e note esplicative Asse I: Assistenza tecnica e coordinamento delle politiche di sviluppo regionale Aprile 2002

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

Le imprese della trasformazione dei cereali nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni protette

Le imprese della trasformazione dei cereali nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni protette Panel agroalimentare Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea Le imprese della trasformazione dei cereali nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni protette Settembre 2006

Dettagli

Il Piano d Azione Nazionale per il GPP

Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Aalborg Commitments e Turismo Sostenibile: idee progetti iniziative delle destinazioni turistiche italiane Venerdì 6 giugno 2008 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Direzione Salvaguardia Ambientale

Dettagli

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006 Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 99-26 28 gennaio 29 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 6 4673.2243-2244 Centro di

Dettagli

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Franciacorta sostenibile/2 Un progetto condiviso di monitoraggio IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Iseo, venerdì 12 dicembre 2008 Maurizio Tira, ordinario di

Dettagli

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Agenda Locale 21 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE INDICE PREMESSA 3 ENERGIA 4 IL PIANO D AZIONE: L ENERGIA 5 1. COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE...

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie

Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Gli infortuni mortali sul lavoro: Efficacia degli interventi 1 Introduzione L International Labour Office stima

Dettagli