UNITÀ 6 GLI APPARATI DI RELAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNITÀ 6 GLI APPARATI DI RELAZIONE"

Transcript

1 Lezione 1 Il movimento: l apparato locomotore Approfondimento - Il trapianto di midollo Il trapianto di midollo osseo (TMO) è una tecnica alquanto complessa, che serve per la cura di gravissime malattie del sangue, come la leucemia in fase acuta e le aplasie midollari, ossia l incapacità, più o meno completa, di produrre sangue. In realtà il trapianto di midollo consiste nel trapianto di cellule staminali emopoietiche (CSE) che si trovano immerse nel midollo osseo che si trova nelle ossa. Le cellule staminali emopoietiche sono in grado di produrre globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. Le cellule staminali si trovano anche nel sangue periferico ma in quantità molto ridotta. Il trapianto consiste nel trasferire midollo sano da un donatore, che ne abbia compatibilità, a un ricevente malato, che in questo modo, potrà ricostruire nuovamente cellule del sangue sane. compatibilità: possibilità di trasferimento di organi o tessuti senza che avvenga rigetto. Generalmente il prelievo viene fatto dalle ossa del bacino. L intervento viene fatto in anestesia locale o generale e dura, di norma, meno di un ora. La quantità di midollo prelevata dipende dal peso del donatore (circa ml/kg). Il prelievo è completamente innocuo per il donatore perché in poche settimane il midollo prelevato viene ricostituito, mentre può ridonare la vita a chi, malato, non sarebbe in grado di sopravvivere che per un tempo molto breve. Quando si parla di trapianto di midollo osseo ci deve essere un donatore e un ricevente. Se il donatore e il ricevente sono la stessa persona si parla di trapianto di midollo osseo autologo, quando invece il donatore e il ricevente sono persone diverse si parla di trapianto allogenico. Nel trapianto allogenico il donatore può essere un fratello, una sorella o un parente e in alcuni casi anche una persona estranea alla famiglia, ma in tutti i casi questi donatori devono essere compatibili con il ricevente.

2 Lezione 1 Il movimento: l apparato locomotore Approfondimento - Muscoli antagonisti I muscoli scheletrici sono inseriti sulle ossa mediante dei cordoni di tessuto connettivo, i tendini, le cui estremità sono collegate a due o più pezzi scheletrici. Per comprendere il meccanismo con cui i muscoli determinano lo spostamento delle ossa, osserviamo il movimento di flessione dell avambraccio sul braccio. Il muscolo bicipite è fissato con un estremità all omero, l osso del braccio, e con l altra al radio, una delle ossa dell avambraccio. Quando il bicipite si contrae, accorciandosi, l avambraccio si avvicina al braccio. Per tornare nella posizione di partenza, cioè con l arto disteso, entra in azione un altro muscolo, il tricipite, situato posteriormente al bicipite, mentre quest ultimo si rilassa. Quindi, quando l uno si contrae, l altro si rilassa. I due muscoli, bicipite e tricipite, per la loro azione, si chiamano antagonisti [fig. 1]. Fig. 1. La contrazione (A) e l estensione (B) del braccio avviene per l impulso inviato dal cervello.

3 Lezione 2 La comunicazione: il sistema nervoso Approfondimento - I vari tipi di recettori I recettori sono specializzati nel recepire stimoli di diversa natura; per questa ragione possiamo distinguere: i propriocettori, che ci informano sui movimenti che i nostri organi stanno effettuando; per esempio percepiamo lo stato dei nostri muscoli, ma anche la posizione assunta dal nostro corpo, siamo consapevoli cioè di essere seduti o in piedi anche senza avere gli occhi aperti. Il sistema dei propriocettori è influenzato dalla gravità e ci permette anche di conoscere la posizione dei nostri arti senza guardarli. Queste percezioni sono importanti per l equilibrio e per il controllo del movimento. Grazie a essi, il cervello riceve informazioni da tutte le articolazioni e i muscoli: infatti, sappiamo sempre se abbiamo un braccio alzato o una gamba tesa in avanti [fig. 1]. Possiamo citare i propriocettori dei muscoli o fusi muscolari, costituiti da un fascio di fibre muscolari avvolte da tessuto connettivo, in cui ogni fuso è innervato da fibre motorie e da fibre sensitive; i chemiorecettori che sono stimolati da sostanze chimiche: sono recettori gustativi e olfattivi; i meccanorecettori sensibili a stimoli di natura meccanica derivanti per esempio da variazioni di pressione o da trasmissione di onde di tipo sonoro: sono recettori pressori e acustici; i fotorecettori che sono stimolati da impulsi luminosi come succede alle cellule sensoriali dell occhio; i termorecettori stimolati da variazioni di temperatura: sono perciò recettori del caldo e del freddo; i fonorecettori stimolati a loro volta dai suoni. Fig. 1. I propriocettori muscolari e tendinei con i corpuscoli di Pacini, recettori per la sensibilità tattile profonda (delle mani, dei piedi, ecc.).

4 Lezione 2 La comunicazione: il sistema nervoso Approfondimento - I recettori del gusto e dell olfatto Il gusto è un senso che viene stimolato da sostanze chimiche e i recettori sono situati nelle papille gustative che ricoprono la parte superiore e i lati della lingua e della gola. La sensazione di sapore si ha quando i composti chimici, sciolti dalla saliva o già in soluzione, vengono a contatto con le papille gustative [fig. 1]. La forma delle papille gustative è alquanto varia: possono essere filiformi, fungiformi, circumvallate e fogliate. I quattro gusti fondamentali, dolce, amaro, salato, acido, ci consentono, Fig. 1. I recettori del gusto ci consentono di sentire i quattro gusti fondamentali: dolce, amaro, salato, acido. con le loro combinazioni, di avvertire i sapori che, in molti cibi, vengono evidenziati anche da sensazioni termiche e olfattive. Infatti il profumo di un cibo è importante come il suo sapore per farcelo gustare a pieno. Quando siamo raffreddati, anche il gusto è alquanto indebolito; infatti, esso dipende in parte dall olfatto che non funziona in modo perfetto quando il naso è impregnato dal muco provocato dal raffreddore. I recettori dell olfatto captano le molecole di sostanze che si trovano allo stato gassoso [fig. 2]. Essi risiedono nell epitelio olfattivo del naso, o mucosa nasale, che riveste le cavità nasali superiori, ed è sensibile a numerosi odori, probabilmente in base alla forma delle molecole delle sostanze che sono solubili nel muco. Affinché una sostanza possa essere percepita, deve raggiungere la cellula cigliata sensibile a essa e stimolarla per farle inviare un impulso al cervello; questo registra e decodifica lo stimolo come sensazione specifica di odore. Noi siamo in grado di percepire molti più odori che sapori; infatti, anche se i due stimoli sono in relazione, siamo molto più sensibili agli stimoli olfattivi che a quelli gustativi. Fig. 2. I recettori dell olfatto.

5 Lezione 2 La comunicazione: il sistema nervoso Approfondimento - I difetti della vista I difetti più comuni della vista sono: la miopia, che dipende da un eccessiva curvatura del cristallino o dal globo oculare troppo allungato [fig. 1A-B]; il miope vede bene gli oggetti vicini e sfocati quelli lontani. Il difetto si corregge con lenti biconcave o divergenti. Il grado di miopia viene misurato in diottrie, cioè valutando l inverso della distanza del punto remoto, cioè il punto più lontano che l occhio vede nitido, espressa in metri. Se, per esempio, un oggetto viene visto nitidamente e senza sforzo a una distanza di 25 cm (punto remoto) si parla di una miopia di 4 diottrie: 1/0,25 m = 4 diottrie; la presbiopia, che è dovuta alla perdita di contrattilità del muscolo ciliare e di elasticità del cristallino, per cui l occhio perde la capacità di accomodamento per vedere bene da vicino [fig. 2]. La distanza del punto prossimo, cioè il punto più vicino che l occhio vede nitido con il massimo accomodamento, cresce con l avanzare dell età, in quanto si riduce il potere di accomodamento del cristallino. Il punto prossimo si trova a una distanza di circa 7 cm a 10 anni, di circa cm a 30 anni, di 40 cm, e per alcune persone anche oltre, a 50 anni. La presbiopia si corregge con lenti biconvesse o convergenti. Il presbite, che generalmente è un anziano, vede bene gli oggetti lontani e male quelli vicini; l ipermetropia (che produce gli stessi effetti della presbiopia), che è comune nei neonati e nei bambini, ed è dovuta al fatto che il globo oculare, non avendo ancora raggiunto lo sviluppo definitivo, è troppo piccolo relativamente al potere di convergenza dei cristallino [fig. 3]. È un difetto che, in genere, scompare con la crescita; l astigmatismo, che è dovuto a un difetto di curvatura della cornea per cui le immagini risultano deformate [fig. 4]. Fig. 1. Fig. 2. Fig. 3. Fig. 4. Esistono altri difetti della vista, non legati a una malformazione o a un malfunzionamento dell occhio. Il più comune è il daltonismo, che è dovuto all incapacità di distinguere alcuni colori, soprattutto il rosso e il verde [fig. 5]. In casi eccezionali si verifica l acromatismo, cioè l impossibilità di percepire i colori, per cui l immagine appare costantemente in bianco e nero. È buona regola effettuare periodicamente una visita medico-oculistica per prevenire malattie quali il glaucoma, causato da un aumento della pressione interna dell occhio. Tale anomalia è dovuta alla presenza di una maggiore quantità di umore acqueo e, se non curata tempestivamente, può portare anche alla cecità. Fig. 5. Tavole per la diagnosi del daltonismo: chi non è affetto da daltonismo vede un pesce nella tavola 1 e una barca a vela nella tavola 2; chi non percepisce il verde non vede né il pesce né la barca a vela; chi non percepisce il rosso non vede il pesce e distingue con difficoltà la barca a vela.

6 Lezione 3 Il controllo: il sistema endocrino Approfondimento - La reazione dell organismo allo stress Spesso si sente parlare di stress; ma che cosa succede al nostro organismo quando si trova in questa situazione? Ovviamente stiamo parlando di una situazione acuta, momentanea, come un esame, uno spavento, una gara, un forte dispiacere. In caso di stress l ipotalamo produce un ormone che stimola l ipofisi a secernere un altro messaggero chimico, che a sua volta stimola le ghiandole surrenali. Sia la parte corticale sia la parte midollare (delle ghiandole surrenali) si attivano e producono rispettivamente il cortisolo e l adrenalina, ormoni che modificano l attività cerebrale, in modo tale che l organismo affronti la situazione. In questi momenti particolari gli ormoni delle ghiandole surrenali riducono il consumo di glucosio da parte delle cellule, in modo tale che il cervello e il cuore abbiano più disponibilità di energia e siano così più forti per affrontare la crisi. Da studi effettuati, sembra che gli ormoni stimolino anche il sistema immunitario. È ovvio che questa situazione di forza è solo temporanea, nel senso che, se lo stress continua per un periodo troppo lungo si possono avere disturbi come febbre e aumento dei linfociti, causati dal sistema immunitario, ma anche disturbi del sonno, difficoltà di apprendimento e di memoria e cambiamenti di umore.

7 Lezione 3 Il controllo: il sistema endocrino Approfondimento - Gli ormoni vegetali o fitormoni La pianta non possiede un sistema nervoso che coordini le sue funzioni, ma il suo sviluppo deve adeguarsi ai ritmi del giorno e della notte e all avvicendarsi delle stagioni. Per regolare le proprie funzioni e il proprio sviluppo, la pianta utilizza gli ormoni vegetali o fitormoni. Lungo i canali in cui scorre la linfa essi raggiungono gli organi bersaglio e provocano determinate azioni, come l allungamento e la divisione delle cellule, l inibizione dello sviluppo della radice, l allungamento del fusto, la fioritura. Possiamo distinguere tre gruppi di fitormoni: le auxine, le gibberelline, le citochinine. Le auxine esplicano molte azioni, di cui la più importante è la crescita del germoglio. Le gibberelline, con le auxine, favoriscono l allungamento del fusto e tutti i processi di crescita. Le citochinine stimolano la divisione delle cellule degli apici e delle gemme, favoriscono l espansione delle foglie e collaborano alla germinazione del seme. Altre sostanze provvedono, in autunno, a preparare la pianta per l inverno. A primavera, l azione di queste stesse sostanze diminuisce progressivamente ed entrano in azione le gibberelline che provocano il risveglio della pianta e lo spuntare delle gemme. L uso dei fitormoni prodotti artificialmente dall uomo è ormai entrato largamente in agricoltura, per programmare la fioritura delle piante, la maturazione dei frutti, per accelerare o ritardare la loro crescita. Con l aiuto dei fitormoni auxine nei pomodori, gibberelline nell uva e nelle mele, citochinine nel fusto si sono ottenuti frutti senza semi come le arance clementine. Inoltre l auxina viene utilizzata per la sua proprietà di distruggere le erbe dannose o infestanti: viene quindi impiegata come erbicida. La sua utilità si manifesta in modo evidente nelle risaie dove, nei tempi passati, le piante infestanti dovevano essere strappate a mano scegliendole una a una [fig. 1]. compatibilità: possibilità di trasferimento di organi o tessuti senza che avvenga rigetto. Fig. 1. I fitormoni consentono di ottenere gerani, gardenie, ortensie e petunie con un apparato floreale più appariscente e un fusto meno allungato.

8 Lezione 4 La riproduzione: l apparato genitale Approfondimento - Sterilità e fecondazione assistita La sterilità si definisce come l incapacità di fecondare o concepire individui, in età normalmente feconda. La sterilità può dipendere dall uomo o dalla donna, per cui si parla di sterilità maschile o femminile. La sterilità maschile è spesso dovuta a: produzione di un basso numero di spermatozoi (ipospermia) o assenza di spermatozoi, scarsa mobilità degli spermatozoi, produzione di pochi e deboli spermatozoi, gravi alterazioni della forma dei gameti, incapacità degli spermatozoi di attraversare la zona pellucida dell ovulo per fecondarlo. La sterilità femminile può essere determinata da: assenza di ovulazione, occlusione delle tube, secrezione di sostanze che danneggiano gli spermatozoi, incapacità dell utero di accettare l annidamento dell ovulo fecondato o di portare avanti una gravidanza (infertilità femminile). Fu proprio per superare il problema dell occlusione delle tube, per cui gli spermatozoi non riescono a raggiungere l ovulo e fecondarlo, che alla fine degli anni 70 si ricorse ai famosi figli della provetta. La prima bambina nata nel luglio del 1978 con questa tecnica fu Luise J. Brown e, da allora, i bambini nati in questo modo sono moltissimi. Tale notizia, apparsa sui giornali di tutto il mondo, generò molto scalpore, perché, interpretando erroneamente il procedimento adottato dalla nuova tecnica di fecondazione, faceva supporre che il bambino soggiornasse nella provetta per tutto il periodo della gravidanza. In realtà la fecondazione in vitro o FIVET consiste nel prelevare un ovulo maturo direttamente dall ovaia e quindi collocarlo in una provetta contenente un terreno di coltura. Nella stessa provetta vengono introdotti gli spermatozoi dell aspirante padre per effettuare la fecondazione. Durante questa operazione, l ovulo viene mantenuto fermo con una micropipetta, mentre con un micro-ago vengono inseriti degli spermatozoi nella zona pellucida dell ovulo [fig. 1]. Una volta fecondato, l ovulo è messo in coltura e allo stadio di poche cellule (circa 4) viene inserito nell utero materno, sperando che s annidi nell endometrio. Gli studi e gli esperimenti non si sono certo fermati in questi ultimi anni e le tecniche di fecondazione assistita si sono ormai perfezionate per poter affrontare e risolvere le diverse forme di sterilità. In Italia, la procreazione medicalmente assistita è regolata dalla Legge n. 40 del 19/02/2004. Fig. 1. Fasi della fecondazione in provetta o FIVET. Consideriamone le tecniche più utilizzate. Inseminazione artificiale: lo sperma viene inserito nell utero o nelle tube per rendere più facile l incontro dei gameti. Si ricorre a tale tecnica in caso di sterilità maschile. Lo sperma può essere del partner della donna ricevente (fecondazione omologa), nel caso di sterilità dovuta a basso numero di spermatozoi o a scarsa motilità, o di un donatore anonimo

9 (fecondazione eterologa), nel caso di assenza totale di spermatozoi. Tale metodica è vietata in Italia. Mesa: viene utilizzata nel caso le vie spermatiche siano ostruite. Si prelevano gli spermatozoi direttamente dall epididimo e, in caso che anche questo non sia possibile, direttamente dal testicolo (Tesa). Ovodonazione: questa tecnica viene utilizzata in caso di sterilità femminile (assenza di ovulazione) o se la donna è portatrice di malattie genetiche che possono essere trasmesse ai figli. L ovulo di una donatrice anonima viene fecondato in vitro con il seme del partner dell aspirante madre e quindi inserito nell utero della donna. Tale tecnica è vietata dalla nostra legge. Icsi: è una tecnica utilizzata in caso di sterilità maschile. Consiste nella fecondazione in provetta (Fivet) di un singolo spermatozoo, scelto al microscopio tra i più vitali, che viene iniettato direttamente dentro l ovulo da fecondare. Tale tecnica è stata ulteriormente perfezionata; infatti, nei casi di incapacità di far maturare gli spermatozoi, si possono utilizzare gli spermatidi. Ciss: è una tecnica utilizzata in caso di sterilità maschile. Si selezionano al computer gli spermatozoi più vitali in base alla loro velocità e li si utilizza nella Fivet o Icsi. La prima nascita con tale tecnica risale al La ricerca continua e ora si sta studiando come far ringiovanire gli ovuli di donne che non riescono ad avere figli. Comunque la maggior parte dei ricercatori si sono posti come obiettivo prioritario quello di migliorare la percentuale di impianto dell embrione nell utero, che si aggira oggi intorno al 20%.

10 Lezione 4 La riproduzione: l apparato genitale Approfondimento - L amniocentesi e la villocentesi L amniocentesi e la villocentesi sono le tecniche più usate, dopo l ecografia, per la diagnosi prenatale delle malattie congenite. L ecografia è sicuramente la pratica più usata e più conosciuta, poiché viene utilizzata anche per controllare diversi organi interni del corpo umano: si tratta di una tecnica che, mediante l emissione di ultrasuoni, permette di ottenere un immagine del feto o di organi interni, visibili su uno schermo. Grazie a questo tipo di esame, completamente innocuo, si possono evidenziare anomalie degli organi o del feto e per quest ultimo si evidenzia anche il sesso, a partire dal 5 mese circa di gravidanza. L amniocentesi e la villocentesi, invece, permettono di rilevare alcune malattie genetiche, che, in alcuni casi, sarebbero evidenti solo dopo la nascita od oltre. L amniocentesi si attua mediante il prelievo dalla cavità amniotica, il sacco dove si trova il bambino, di un po di liquido, che contiene alcune cellule embrionali. L esame viene effettuato, generalmente, tra la 14 a e la 16 a settimana di gravidanza e il prelievo viene effettuato mediante un ago sterile che, attraversando l addome, arriva sino alla cavità amniotica. L intervento è indolore, viene praticato ambulatorialmente e sotto controllo ecografico. La villocentesi invece può essere praticata tra la 6 a e la 12 a settimana di gravidanza e consiste nel prelievo di alcuni villi coriali (ossia del corion cioè la membrana che concorre alla formazione della placenta), le cui cellule presentano le stesse caratteristiche genetiche dell embrione [fig. 1]. Dall analisi delle cellule prelevate, sia con l amniocentesi, sia con la villocentesi, si riesce a conoscere il cariotipo. Grazie allo studio dei cromosomi, si possono così scoprire le anomalie cromosomiche responsabili di molte malattie congenite, come la trisonomia 21 che causa la sindrome di Down, oppure evidenziare la mancanza di qualche enzima dovuta a mutazioni. cariotipo: fotografia dell insieme dei cromosomi di una cellula. Fig. 1. Tecnica della villocentesi (a sinistra) e dell amniocentesi (a destra). La villocentesi si può effettuare anche per via vaginale.

11 Lezione 4 La riproduzione: l apparato genitale Approfondimento - L aborto L aborto è un interruzione di gravidanza che si verifica prima del 180 giorno. Esso può essere spontaneo, se si verifica per cause naturali (come conseguenza di una malattia o di un incidente), o volontario e si tratta allora di un aborto provocato. Esiste anche l aborto terapeutico, che viene praticato dal medico, mediante intervento chirurgico, quando la madre è in pericolo di vita. In Italia esiste una legge (n 194 del 22 maggio 1978) che legalizza la pratica dell aborto entro i primi 90 giorni della gestazione e, solo in casi eccezionali, anche oltre tale termine. Esso può essere effettuato per motivi di salute fisica o psichica della donna, o di natura sociale o familiare, o per anomalie o malformazioni del futuro nascituro. Dopo 90 giorni l aborto può essere effettuato solo in casi di grave pericolo per la madre o per gravi anomalie del nascituro. I medici obiettori di coscienza, che si dichiarano contrari all aborto per motivi morali, possono rifiutarsi di effettuare pratiche abortive. Le tecniche chirurgiche adottate sono diverse a seconda del periodo di gestazione. Se l aborto viene praticato nel primo trimestre si procede mediante raschiamento della parete uterina o mediante l aspirazione dell embrione. Se invece l aborto viene praticato nel secondo trimestre, si procede alla stimolazione, mediante ormoni o altre sostanze, della muscolatura dell utero e quindi si provoca un aborto spontaneo. Purtroppo spesso l aborto è concepito come un metodo di controllo delle nascite, senza rendersi conto che tale esperienza può far insorgere turbe profonde nella donna che non sempre sono facili da sconfiggere.

Cos è una cellula staminale

Cos è una cellula staminale Cos è una cellula staminale Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate dotate della singolare capacità di trasformarsi in qualunque altro tipo di cellula del corpo. Esistono 4 tipi di

Dettagli

Glossario essenziale a cura di Salvino Leone

Glossario essenziale a cura di Salvino Leone Glossario essenziale a cura di Salvino Leone I molti termini tecnici usati dagli addetti ai lavori in materia di procreazione assistita non sono usuali. Ne proponiamo un elenco che pur non essendo completo

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA Informazioni per la coppia A cura del dott. G. Ragni Unità Operativa - Centro Sterilità Responsabile: dott.ssa C. Scarduelli FONDAZIONE OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO MANGIAGALLI

Dettagli

L Inseminazione Intrauterina

L Inseminazione Intrauterina L Inseminazione Intrauterina Informazioni per la coppia UNITÀ OPERATIVA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA FONDAZIONE IRCCS IRCCS CA' GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO PAD. REGINA ELENA VIA M. FANTI,

Dettagli

I CINQUE SENSI SIMONE DUGHI FRANCESCO STUCCHI ALESSANDRO PEREGO MATTEO MASTANTUONO EMANUELE OSTI

I CINQUE SENSI SIMONE DUGHI FRANCESCO STUCCHI ALESSANDRO PEREGO MATTEO MASTANTUONO EMANUELE OSTI I CINQUE SENSI SIMONE DUGHI FRANCESCO STUCCHI ALESSANDRO PEREGO MATTEO MASTANTUONO EMANUELE OSTI INTRODUZIONE Il sistema nervoso ha la funzione di integrare le informazioni che arrivano dall'esterno con

Dettagli

La fecondazione artificiale sul piano biologico e medico

La fecondazione artificiale sul piano biologico e medico La fecondazione artificiale sul piano biologico e medico FERTILITA UMANA CAPACITA FISIOLOGICA DI UNA COPPIA, FORMATA DA UN UOMO E DA UNA DONNA, DI CONCEPIRE IN QUESTA FUNZIONE NON SONO COINVOLTI SOLO GLI

Dettagli

Alberto Viale I CROMOSOMI

Alberto Viale I CROMOSOMI Alberto Viale I CROMOSOMI DA MENDEL ALLA GENETICA AL DNA ALLE MUTAZIONI I cromosomi sono dei particolari bastoncelli colorati situati nel nucleo delle cellule. Sono presenti nelle cellule di ogni organismo

Dettagli

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE ANATOMIA 2 Il corpo umano è costituito da organi ed apparati uguali tra maschi e femmine ad esclusione dell apparato riproduttivo. L apparato riproduttivo è composto

Dettagli

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE 1 Durante la gravidanza vi verranno offerti alcuni test che forniscono informazioni sulla eventuale presenza di malformazioni nel vostro bambino prima che

Dettagli

Inseminazione artificiale

Inseminazione artificiale Inseminazione artificiale In cosa consiste? L inseminazione artificiale è una tecnica di procreazione assistita che consiste nell introduzione di spermatozoi, trattati in precedenza in laboratorio, all

Dettagli

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) Le informazioni fornite attraverso queste pagine, sono state tratte da un opuscolo pubblicato e curato dal Gruppo di Lavoro

Dettagli

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA Questo vademecum non ha alcuna pretesa medica, ma intende essere uno strumento informativo di base per le coppie portatrici di talassemia. Invitiamo gli interessati

Dettagli

COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA?

COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA? COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA? La miopia è un'anomalia rifrattiva, a causa della quale i raggi luminosi che provengono dall infinito non si concentrano sulla retina, ma davanti

Dettagli

Ricevimento degli ovociti

Ricevimento degli ovociti Ricevimento degli ovociti In che cosa consiste? Consiste nel fecondare in laboratorio gli ovociti provenienti da una donatrice con lo sperma del partner della donna ricevente, per trasferire in seguito

Dettagli

Apparato Riproduttore

Apparato Riproduttore Apparato Riproduttore LA RIPRODUZIONE. Ogni essere vivente può creare un altro essere vivente, ed è possibile grazie alla RIPRODUZIONE. La riproduzione è possibile grazie all APPARATO RIPRODUTTORE. A differenza

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO E QUELLO ENDOCRINO SVOLGONO QUESTE FUNZIONI.

IL SISTEMA NERVOSO E QUELLO ENDOCRINO SVOLGONO QUESTE FUNZIONI. IL CORPO UMANO FUNZIONA CORRETTAMENTE SOLO SE TIENE CONTO DELLE CARATTERISTICHE DELL AMBIENTE SIA INTERNO CHE ESTERNO E SE GLI ORGANI DEI SUOI DIVERSI APPARATI SONO COORDINATI TRA LORO. IL SISTEMA NERVOSO

Dettagli

DAL PICK UP TRANSFER. Lab. Biologia della Riproduzione - Potenza

DAL PICK UP TRANSFER. Lab. Biologia della Riproduzione - Potenza DAL PICK UP ALL EMBRYO TRANSFER Lab. Biologia della Riproduzione - Potenza Fisiologia del gamete maschile Lo spermatozoo è costituito da tre parti principali: a) La testa: sede del patrimonio genetico;

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

LA LEGGE 1514 E LE SCELTE RIPRODUTTIVE DELLE COPPIE DI PORTATORI FC, DEI SOGGETTI MASCHI E FEMMINE AFFETTI DA FC.

LA LEGGE 1514 E LE SCELTE RIPRODUTTIVE DELLE COPPIE DI PORTATORI FC, DEI SOGGETTI MASCHI E FEMMINE AFFETTI DA FC. LA LEGGE 1514 E LE SCELTE RIPRODUTTIVE DELLE COPPIE DI PORTATORI FC, DEI SOGGETTI MASCHI E FEMMINE AFFETTI DA FC. Per necessità l esposizione è schematica. Si rimanda alla consultazione del genetista il

Dettagli

Anatomia: L apparato genitale femminile è costituito da: genitali interni genitali esterni

Anatomia: L apparato genitale femminile è costituito da: genitali interni genitali esterni Anatomia: L apparato genitale femminile è costituito da: genitali interni genitali esterni Apparato genitale femminile Ai genitali interni appartengono: le due ovaie, che sono le gonadi femminili, deputate

Dettagli

Lions Clubs International

Lions Clubs International Un iniziativa Lions Clubs International Distretto 108 Ya Governatore: Avv. Michele Roperto Anno sociale 2011-2012 Responsabile distrettuale tema di studio nazionale La donazione del sangue del cordone

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIFETTI CONGENITI Le anomalie congenite sono condizioni che si instaurano tra il momento del concepimento e la nascita. LA DIAGNOSI PRENATALE insieme di tecniche

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Centro di procreazione assistita Trattamenti per l infertilità di coppia - 18

Centro di procreazione assistita Trattamenti per l infertilità di coppia - 18 Centro di procreazione assistita Trattamenti per l infertilità di coppia - 18 01. IL PROCESSO RIPRODUTTIVO 3 La Riproduzione umana 4 Infertilità di coppia 5 Percorsi terapeutici e opportunità 6 L Inseminazione

Dettagli

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE OMOLOGA (CON IL SEME DEL PARTNER) CONSENSO INFORMATO SOCIETÀ SPAGNOLA DI FERTILITÀ

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE OMOLOGA (CON IL SEME DEL PARTNER) CONSENSO INFORMATO SOCIETÀ SPAGNOLA DI FERTILITÀ INSEMINAZIONE ARTIFICIALE OMOLOGA (CON IL SEME DEL PARTNER) CONSENSO INFORMATO SOCIETÀ SPAGNOLA DI FERTILITÀ Sig.ra... maggiorenne, Documento d'identità/passaporto num..., stato civile..., e Sr/ Sig.ra...

Dettagli

La fertilità umana 1

La fertilità umana 1 La fertilità umana 1 La fertilità umana È la capacità per cui un uomo e una donna possono concepire un figlio in seguito ad un rapporto sessuale. Gli organi principali della fertilità sono l apparato genitale

Dettagli

Ragazzi siamo facoltativi!?

Ragazzi siamo facoltativi!? Siena Ragazzi siamo facoltativi!? Corso di sopravvivenza nel mare della procreazione assistita e dintorni A cura di Carlo Bellieni Clicca qui per iniziare!!! Il DNA di una persona esiste prima della sua

Dettagli

Fecondazione in vitro

Fecondazione in vitro Fecondazione in vitro Informazioni per la coppia UNITÀ OPERATIVA MEDICINA DELLA RIPRODUZIONE FONDAZIONE IRCCS CA' GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO VIA M. FANTI, 6-20122 MILANO TEL. 02 55034311-09 centrosterilita@policlinico.mi.it

Dettagli

TECNICHE DI II - III LIVELLO. Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET)

TECNICHE DI II - III LIVELLO. Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET) TECNICHE DI II - III LIVELLO Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET) È una tecnica di PMA in cui i gameti (ovocita per la donna e spermatozoo per l uomo) si incontrano all esterno del

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA La sottoscritta e il sottoscritto acconsentono liberamente di sottoporsi al trattamento di procreazione medico-assistita FIVET (Fertilizzazione

Dettagli

1. Come funziona l occhio normale? Cosa caratterizza i difetti della vista? Come correggerli? Prova ad osservare con le diverse lenti

1. Come funziona l occhio normale? Cosa caratterizza i difetti della vista? Come correggerli? Prova ad osservare con le diverse lenti L occhio MPZ 1. Come funziona l occhio normale? Cosa caratterizza i difetti della vista? Come correggerli? Prova ad osservare con le diverse lenti retina muscolo cornea iride pupilla cristallino nervo

Dettagli

Fasi dei processi sensoriali

Fasi dei processi sensoriali Il sistema visivo Fasi dei processi sensoriali Sebbene i sistemi sensoriali siano diversi vi sono tre fasi comuni a tutti: la presenza di uno stimolo fisico una serie di eventi attraverso i quali lo stimolo

Dettagli

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA LA MIOPIA Si parla di miopia quando la vista da lontano è ridotta. Il miope vede bene a distanza ravvicinata, mentre le immagini lontane appaiono sfuocate. La ragione

Dettagli

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono CELLULE STAMINALI CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono Le cellule staminali sono delle cellule in grado di

Dettagli

Fecondazione In Vitro (FIV / ICSI)

Fecondazione In Vitro (FIV / ICSI) Fecondazione In Vitro (FIV / ICSI) In che consiste? La fecondazione in vitro (FIV) è una tecnica di procreazione assistita che consiste nella fecondazione dell ovocita (o gamete femminile) con lo spermatozoo

Dettagli

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010 La donazione del sangue e (?) del cordone ombelicale Prof. P. Curiel Firenze 17.10.2010 Il trapianto di cellule staminali Trapianto di cellule staminali emopoietiche allogeniche = trattamento terapeutico

Dettagli

Note introduttive sullo Scenar

Note introduttive sullo Scenar Note introduttive sullo Scenar Informazioni estratte da letture di Dott. A.N.Revenko, dott.ssa G.V.Subbotina, Dott. I.V.Semikatov Una delle più frequenti domande che ci sentiamo porre dai pazienti è: quale

Dettagli

NEOPLASIE ED INFERTILITA

NEOPLASIE ED INFERTILITA NEOPLASIE ED INFERTILITA NEOPLASIE E FERTILITA UN TEMA DA AFFRONTARE INSIEME CONOSCERE IL PROPRIO PROBLEMA Ogni anno circa 11000 persone in età riproduttiva si ammalano di tumore. Per queste persone affrontare

Dettagli

Tecniche avanzate di PMA

Tecniche avanzate di PMA Procreazione medicalmente assistita e legge 40/04 Tecniche avanzate di PMA FIVET fecondazione in vitro ed embrio-transfer ICSI intra-citoplasmatic sperm injection GIFT gamete intra-fallopian transfer ZIFT

Dettagli

Maria Gabriella Bafaro. Carta dei Servizi

Maria Gabriella Bafaro. Carta dei Servizi Maria Gabriella Bafaro Carta dei Servizi Due parole sulla Fertilità Come descritto brevemente da Wikipedia, Fertilità è in generale la capacità di riproduzione degli organismi viventi. Se intesa come misura,

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE)

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ORMONI FEMMINILI Altri effetti Gli estrogeni hanno inoltre importanti effetti metabolici: ad alte concentrazioni riducono

Dettagli

Consenso Informato alla Fecondazione in Vitro con Ovociti Scongelati Id /

Consenso Informato alla Fecondazione in Vitro con Ovociti Scongelati Id / Ai sensi della legge del 19 febbraio 2004, n. 40 e della sentenza 151/2009 della Corte Costituzionale del 31/03/2009 Noi sottoscritti: (Donna) nata a il (Uomo) nato a il Dichiariamo di essere coniugati

Dettagli

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Via della Vecchia Ceramica, 1 33170 Pordenone C.F. e P.I. 01772890933 PEC aas5.protgen@certsanita.fvg.it Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina Classe 2^D A.S. 2003/2004 Scuola Media Statale Vibo Marina 1 Presentazione Introduzione La composizione del sangue Cos è il midollo osseo Alcune malattie del sangue: anemia mediterranea e leucemia. Il

Dettagli

Procreazione umana Aiuto all infertilità Fecondazione assistita. Ramón Lucas Lucas, L.C. lucas@unigre.it www.ramonlucas.org

Procreazione umana Aiuto all infertilità Fecondazione assistita. Ramón Lucas Lucas, L.C. lucas@unigre.it www.ramonlucas.org Procreazione umana Aiuto all infertilità Fecondazione assistita Ramón Lucas Lucas, L.C. lucas@unigre.it www.ramonlucas.org 1 La procreazione umana P Ovogenesi e spermatogenesi P Fecondazione: fusione dei

Dettagli

La riproduzione e lo sviluppo

La riproduzione e lo sviluppo La riproduzione e lo sviluppo La riproduzione umana In biologia si definisce riproduzione il processo attraverso il quale vengono generati nuovi individui della stessa specie. La riproduzione umana è caratterizzata

Dettagli

LA FECONDAZIONE Si attua in 4 fasi: 1) Avvicinamento dei gameti 2) Penetrazione delle barriere dell uovo 3) Reazioni dell uovo 4) Unione dei cromosomi

LA FECONDAZIONE Si attua in 4 fasi: 1) Avvicinamento dei gameti 2) Penetrazione delle barriere dell uovo 3) Reazioni dell uovo 4) Unione dei cromosomi LA FECONDAZIONE Si attua in 4 fasi: 1) Avvicinamento dei gameti 2) Penetrazione delle barriere dell uovo 3) Reazioni dell uovo 4) Unione dei cromosomi Vie genitali maschili e ghiandole accessorie FECONDAZIONE

Dettagli

X CICLO DI CONFERENZE

X CICLO DI CONFERENZE X CICLO DI CONFERENZE Professione Biologo Biologo della Fecondazione Assistita Giovedì 27 settembre 2012 Alessandro Miceli Promea S.p.A. - Torino alessandro.miceli@promea.net Dipartimento di Biologia Animale

Dettagli

Il sistema nervoso. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

Il sistema nervoso. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara Il sistema nervoso Il neurone È costituito da: Corpo cellulare (o soma) Neurite o Assone (è la fibra nervosa) Dendriti (sono brevi prolungamenti) Le fibre nervose Le fibre nervose, riunite in fasci, formano

Dettagli

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE 1. Cosa sono le cellule staminali emopoietiche? Le cellule staminali emopoietiche sono cellule in grado di riprodursi dando origine agli elementi corpuscolati

Dettagli

La riproduzione èl unicomezzochehaunorganismoperassicurarela sopravvivenza della sua specie sullaterra.

La riproduzione èl unicomezzochehaunorganismoperassicurarela sopravvivenza della sua specie sullaterra. La riproduzione èl unicomezzochehaunorganismoperassicurarela sopravvivenza della sua specie sullaterra. Se l organismo per qualche causa non può più riprodursi o diminuisce la messa al mondo di nuovi esseri

Dettagli

Diagnosi genetica preimpianto- nuovo metodo di screening di 24 cromosomi tramite il metodo Array CGH...2

Diagnosi genetica preimpianto- nuovo metodo di screening di 24 cromosomi tramite il metodo Array CGH...2 Agosto 2012 contenuto 8 Diagnosi genetica preimpianto- nuovo metodo di screening di 24 cromosomi tramite il metodo Array CGH...2 Mantenimento di fertilitá-nuove possibilitá presso il GENNET...3 Isteroscopia

Dettagli

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo globulo polare (PB)

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo globulo polare (PB) Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo globulo polare (PB) Screening Preimpianto delle alterazioni cromosomiche numeriche mediante array-cgh La sottoscritta (partner femmile).. Data

Dettagli

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Ref. 123 / 2009 Reparto di Medicina della Riproduzione Servicio de Medicina de la Reproducción Gran Vía Carlos III 71-75 08028 Barcelona Tel.

Dettagli

CURRICOLO IN VERTICALE di SCIENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE SECONDA

CURRICOLO IN VERTICALE di SCIENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE SECONDA CURRICOLO IN VERTICALE di SCIENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE SECONDA SAPERI CONTENUTI Fisica: - La Luce - Le onde e i suoni - Meccanica (forze, leve, moti) Chimica: - Principi di chimica generale

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI DEFINIZIONE DI CELLULA STAMINALE Le cellule staminali si caratterizzano per le loro capacità biologiche. Capacità di automantenimento: sono in grado

Dettagli

Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare.

Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare. L APPARATO SCHELETRICO MUSCOLARE Come tutti ben sappiamo il copro umano è costituito in gran parte da ossa e muscoli. Insieme costituiscono l apparato scheletrico muscolare. Le ossa Le funzioni principali

Dettagli

Saviour sibling : definizione

Saviour sibling : definizione La questione del saviour sibling Dino Moltisanti dino.moltisanti@gmail.com Saviour sibling : definizione Con questa espressione (bebé medicamento in spagnolo, fratello salvatore in italiano) si indica,

Dettagli

Diagnosi e intervento su embrioni. Ramón Lucas Lucas lucas@unigre.it www.ramonlucas.org

Diagnosi e intervento su embrioni. Ramón Lucas Lucas lucas@unigre.it www.ramonlucas.org 1 Diagnosi e intervento su embrioni Ramón Lucas Lucas lucas@unigre.it www.ramonlucas.org Diagnosi prenatale 2 3 4 DIAGNOSI PRENATALE É l insieme di esami compiuti sull embrione stesso, per accertare se

Dettagli

GINECEA. La fertilizzazione in vitro: FIVET e ICSI

GINECEA. La fertilizzazione in vitro: FIVET e ICSI La fertilizzazione in vitro: FIVET e ICSI La fecondazione in vitro è una tecnica di procreazione assistita extracorporea. Questo significa che l incontro e l unione della cellula uovo e dello spermatozoo

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE

INSEMINAZIONE ARTIFICIALE Procreazione medico assistita L assistenza di un medico e di un biologo si dimostrano talvolta indispensabili per riuscire a diventare genitori. Quando una metodica di laboratorio, più o meno complessa,

Dettagli

SISTEMA NERVOSO E ORGANI DI SENSO

SISTEMA NERVOSO E ORGANI DI SENSO Unità SISTEMA NERVOSO E ORGANI DI SENSO Il sistema nervoso Un uomo viaggia in autostrada. E molto attento: guarda le auto che gli stanno davanti, guarda lo specchietto retrovisore, controlla la velocità,

Dettagli

Le ossa e i muscoli. Per saperne di più. Nella terra e nello spazio. Immagini del corpo umano

Le ossa e i muscoli. Per saperne di più. Nella terra e nello spazio. Immagini del corpo umano Le ossa e i muscoli Le ossa Le ossa sono formate da tessuto osseo compatto e spugnoso. All interno delle ossa c è il midollo irrorato dai vasi sanguigni. I muscoli I muscoli dello scheletro sono collegati

Dettagli

GRAVIDANZA GEMELLARE

GRAVIDANZA GEMELLARE DOTT. DOMENICO MOSSOTTO SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA GRAVIDANZA GEMELLARE La gravidanza gemellare è un evento che avviene per ovulazione multipla (vedi caso A, illustrato successivamente), o

Dettagli

Embrio transfer per una fertilità migliore

Embrio transfer per una fertilità migliore TECNICA Embrio transfer per una fertilità migliore Le bovine moderne, a causa delle grandi quantità di latte prodotte, sono molto sensibili alle temperature elevate, che inducono un innalzamento di quella

Dettagli

Cellule staminali. emopoietiche

Cellule staminali. emopoietiche At t ua l i tà Cellule staminali Una speranza di vita Le cellule staminali sono le madri di tutte le cellule e sono in grado di produrre cellule figlie uguali a se stesse, ma anche di dare origine a cellule

Dettagli

ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO E DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Francesca Lombardi

ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO E DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE. Francesca Lombardi ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO Prodotto e realizzato da ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO ASSOCIAZIONE DONATORI DI MIDOLLO OSSEO Promuovere la donazione del midollo osseo e delle cellule staminali

Dettagli

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Introduzione Questo esercizio è idoneo al lavoro di gruppo. Ogni gruppo sceglie un testo di lavoro, e presenta

Dettagli

Scoprire il corpo umano tra esperimenti e giochi

Scoprire il corpo umano tra esperimenti e giochi Scoprire il corpo umano tra esperimenti e giochi Istituto Comprensivo di Majano e Forgaria (UD) Katia Iacuzzo STRUMENTO DIDATTICO Verifica degli apprendimenti La verifica scritta è stata assegnata alla

Dettagli

ASA X-tra. Advanced Surface Ablation. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch

ASA X-tra. Advanced Surface Ablation. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch ASA X-tra Advanced Surface Ablation Soluzioni in vista www.seri-lugano.ch Dr. Med. Roberto Pinelli Specialista FMH Oftalmologia e Oftalmochirurgia Se siamo in grado di vedere è perché i nostri occhi colgono

Dettagli

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta I TRAPIANTI - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta facilmente ad amplificazione e distorsione da parte dei mass-media. - Per trapianto si intende la

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

GUIDA ALLA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA)

GUIDA ALLA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) GUIDA ALLA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) Premessa La procreazione medicalmente assistita è indicata quando il concepimento spontaneo è molto difficile, se non impossibile, e quando altri trattamenti

Dettagli

NOVARA 13 FEBBRAIO 2014 STERILITA DI COPPIA E TECNICHE DI PROCREAZIONE ASSISTITA DOTT. CESARE TACCANI 1 DEFINIZIONE STERILITÀ: INCAPACITÀ BIOLOGICA TRANSITORIA O PERMANENTE DI CONCEPIRE PRIMITIVA: COPPIA

Dettagli

LASIK X-tra. Bilaterale Simultanea. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch

LASIK X-tra. Bilaterale Simultanea. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch LASIK X-tra Bilaterale Simultanea Soluzioni in vista www.seri-lugano.ch Dr. Med. Roberto Pinelli Specialista FMH Oftalmologia e Oftalmochirurgia Se siamo in grado di vedere è perché i nostri occhi colgono

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostetricia e medicina feto-materna Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostetricia e medicina feto-materna Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostetricia e medicina feto-materna Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Sommario Introduzione Informazioni minime sulla genetica e sulla possibilità

Dettagli

ABORTO. SPONTANEO: Provocato per cause naturali senza intervento umano né consenso della volontà. N.B. Non c è responsabilità morale.

ABORTO. SPONTANEO: Provocato per cause naturali senza intervento umano né consenso della volontà. N.B. Non c è responsabilità morale. ABORTO SPONTANEO: Provocato per cause naturali senza intervento umano né consenso della volontà. N.B. Non c è responsabilità morale. INDIRETTO: Interruzione della gravidanza, come conseguenza non voluta,

Dettagli

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina a.s. 2006/2007 Il midollo osseo e il sangue L Anemia mediterranea La leucemia La speranza Concorso ADMO 2007 L ADMO Chi siamo Introduzione Chi è il donatore

Dettagli

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO REGIONE VENETO OSSERVATORIO REGIONALE PER LA PATOLOGIA IN ETÀ PEDIATRICA CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO Regione Istituto/Azienda Ospedaliera Azienda USL Comune di evento Sezione Generale COGNOME della

Dettagli

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo e secondo globulo polare (PB)

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo e secondo globulo polare (PB) Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo e secondo globulo polare (PB) Diagnosi Preimpianto delle alterazioni cromosomiche mediante array-cgh La sottoscritta (partner femmiile).. Data

Dettagli

LE METODICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) IVF Lite

LE METODICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) IVF Lite 2 LE METODICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) IVF Lite INDICE Le metodiche di Procreazione Medicalmente Assistita p.03 Stimolazione ovarica p.05 Inseminazione artificiale omologa (IAO) p.05

Dettagli

TIPIZZAZIONE TIPIZZAZIONE HLA

TIPIZZAZIONE TIPIZZAZIONE HLA TIPIZZAZIONE Il compito dell ADMO è quello di cercare nuovi donatori ed inserirli nel registro mondiale dei donatori. A tale scopo il possibile donatore viene sottoposto a TIPIZZAZIONE HLA esame necessario

Dettagli

Gentile Signora, Gentile Signore,

Gentile Signora, Gentile Signore, Biotech PMA Centro di Procreazione Medicalmente Assistita Numero 050040 del Reg. Naz. PMA presso l Istituto Superiore di Sanità Direttore Sanitario: Dott.ssa Giuliana Bruno Spec. in Ginecologia e ostetricia

Dettagli

5 modulo didattico - Patologia cromosomica.

5 modulo didattico - Patologia cromosomica. 5 modulo didattico - Patologia cromosomica. G0 IL CICLO CELLULARE DI UNA CELLULA DI MAMMIFERO Avviene ogni volta che la cellula si divide Le tappe fondamentali del processo sono: Separazione dei due filamenti

Dettagli

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte II: Meiosi

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte II: Meiosi La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte II: Meiosi 1 Cromosomi omologhi I cromosomi in un corredo cromosomico diploide sono presenti come coppie di omologhi Negli animali le cellule

Dettagli

CLASSI SECONDE. Tecnico Grafico a.s. 2014/ 2015

CLASSI SECONDE. Tecnico Grafico a.s. 2014/ 2015 KIT DI RECUPERO Scienze Integrate BIOLOGIA CLASSI SECONDE Tecnico Grafico a.s. 2014/ 2015 1 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO Scienze Integrate BIOLOGIA CLASSI SECONDE Tecnico Grafico a.s. 2014

Dettagli

Corso di Medicina del Lavoro

Corso di Medicina del Lavoro Corso di Medicina del Lavoro Malattie da cancerogeni, mutageni e genotossici Valutazione del rischio per la riproduzione in ambiente di lavoro 1 of 28 A quali agenti è esposto il lavoratore o la lavoratrice?

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO V.d.S. Marcello CESINARO OBIETTIVO COMPORTAMENTO E AZIONI DA ADOTTARE NEL CASO IN CUI LA PAZIENTE SIA IN GRAVIDANZA OPPURE SI PROSPETTI UN

Dettagli

Figura 1 : organizzazione del materiale genetico nel nucleo delle cellule.

Figura 1 : organizzazione del materiale genetico nel nucleo delle cellule. Il patrimonio genetico, base della vita Il patrimonio genetico (genoma) è l insieme di tutte le informazioni necessarie per costruire ogni embrione, attraverso complessi meccanismi di moltiplicazione delle

Dettagli

FEMTO LASIK X-tra. Only Laser Lasik. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch

FEMTO LASIK X-tra. Only Laser Lasik. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch FEMTO LASIK X-tra Only Laser Lasik Soluzioni in vista www.seri-lugano.ch Dr. Med. Roberto Pinelli Specialista FMH Oftalmologia e Oftalmochirurgia Se siamo in grado di vedere è perché i nostri occhi colgono

Dettagli

(ciclo vaginale) (azione degli ormoni estrogeni)

(ciclo vaginale) (azione degli ormoni estrogeni) Sistema Riproduttore Femminile (struttura e fisiologia) Il s.r.f. si compone di strutture atti alla produzione di gameti, le ovaie, e di una serie di organi che ne completano la funzionalità. L ovaio è

Dettagli

Aneuploidie: il numero dei cromosomi non è un multiplo esatto del normale assetto aploide

Aneuploidie: il numero dei cromosomi non è un multiplo esatto del normale assetto aploide Aneuploidie: il numero dei cromosomi non è un multiplo esatto del normale assetto aploide Aneuploidie Nullisomia: 2n-2 (morte preimpianto) Monosomia: : 2n-1 (generalmente morte embrionale) Trisomia: :

Dettagli

29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. x B. i nervi. D. le vene.

29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. x B. i nervi. D. le vene. Tema 2. Corpo umano 29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. 30 Quale delle seguenti NON è una

Dettagli

Lo Sviluppo Fisico e Cerebrale. Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia! 1!

Lo Sviluppo Fisico e Cerebrale. Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia! 1! Lo Sviluppo Fisico e Cerebrale Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1 Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 2 LO SVILUPPO FISICO-CEREBRALE Considerate

Dettagli