UNITÀ 6 GLI APPARATI DI RELAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNITÀ 6 GLI APPARATI DI RELAZIONE"

Transcript

1 Lezione 1 Il movimento: l apparato locomotore Approfondimento - Il trapianto di midollo Il trapianto di midollo osseo (TMO) è una tecnica alquanto complessa, che serve per la cura di gravissime malattie del sangue, come la leucemia in fase acuta e le aplasie midollari, ossia l incapacità, più o meno completa, di produrre sangue. In realtà il trapianto di midollo consiste nel trapianto di cellule staminali emopoietiche (CSE) che si trovano immerse nel midollo osseo che si trova nelle ossa. Le cellule staminali emopoietiche sono in grado di produrre globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. Le cellule staminali si trovano anche nel sangue periferico ma in quantità molto ridotta. Il trapianto consiste nel trasferire midollo sano da un donatore, che ne abbia compatibilità, a un ricevente malato, che in questo modo, potrà ricostruire nuovamente cellule del sangue sane. compatibilità: possibilità di trasferimento di organi o tessuti senza che avvenga rigetto. Generalmente il prelievo viene fatto dalle ossa del bacino. L intervento viene fatto in anestesia locale o generale e dura, di norma, meno di un ora. La quantità di midollo prelevata dipende dal peso del donatore (circa ml/kg). Il prelievo è completamente innocuo per il donatore perché in poche settimane il midollo prelevato viene ricostituito, mentre può ridonare la vita a chi, malato, non sarebbe in grado di sopravvivere che per un tempo molto breve. Quando si parla di trapianto di midollo osseo ci deve essere un donatore e un ricevente. Se il donatore e il ricevente sono la stessa persona si parla di trapianto di midollo osseo autologo, quando invece il donatore e il ricevente sono persone diverse si parla di trapianto allogenico. Nel trapianto allogenico il donatore può essere un fratello, una sorella o un parente e in alcuni casi anche una persona estranea alla famiglia, ma in tutti i casi questi donatori devono essere compatibili con il ricevente.

2 Lezione 1 Il movimento: l apparato locomotore Approfondimento - Muscoli antagonisti I muscoli scheletrici sono inseriti sulle ossa mediante dei cordoni di tessuto connettivo, i tendini, le cui estremità sono collegate a due o più pezzi scheletrici. Per comprendere il meccanismo con cui i muscoli determinano lo spostamento delle ossa, osserviamo il movimento di flessione dell avambraccio sul braccio. Il muscolo bicipite è fissato con un estremità all omero, l osso del braccio, e con l altra al radio, una delle ossa dell avambraccio. Quando il bicipite si contrae, accorciandosi, l avambraccio si avvicina al braccio. Per tornare nella posizione di partenza, cioè con l arto disteso, entra in azione un altro muscolo, il tricipite, situato posteriormente al bicipite, mentre quest ultimo si rilassa. Quindi, quando l uno si contrae, l altro si rilassa. I due muscoli, bicipite e tricipite, per la loro azione, si chiamano antagonisti [fig. 1]. Fig. 1. La contrazione (A) e l estensione (B) del braccio avviene per l impulso inviato dal cervello.

3 Lezione 2 La comunicazione: il sistema nervoso Approfondimento - I vari tipi di recettori I recettori sono specializzati nel recepire stimoli di diversa natura; per questa ragione possiamo distinguere: i propriocettori, che ci informano sui movimenti che i nostri organi stanno effettuando; per esempio percepiamo lo stato dei nostri muscoli, ma anche la posizione assunta dal nostro corpo, siamo consapevoli cioè di essere seduti o in piedi anche senza avere gli occhi aperti. Il sistema dei propriocettori è influenzato dalla gravità e ci permette anche di conoscere la posizione dei nostri arti senza guardarli. Queste percezioni sono importanti per l equilibrio e per il controllo del movimento. Grazie a essi, il cervello riceve informazioni da tutte le articolazioni e i muscoli: infatti, sappiamo sempre se abbiamo un braccio alzato o una gamba tesa in avanti [fig. 1]. Possiamo citare i propriocettori dei muscoli o fusi muscolari, costituiti da un fascio di fibre muscolari avvolte da tessuto connettivo, in cui ogni fuso è innervato da fibre motorie e da fibre sensitive; i chemiorecettori che sono stimolati da sostanze chimiche: sono recettori gustativi e olfattivi; i meccanorecettori sensibili a stimoli di natura meccanica derivanti per esempio da variazioni di pressione o da trasmissione di onde di tipo sonoro: sono recettori pressori e acustici; i fotorecettori che sono stimolati da impulsi luminosi come succede alle cellule sensoriali dell occhio; i termorecettori stimolati da variazioni di temperatura: sono perciò recettori del caldo e del freddo; i fonorecettori stimolati a loro volta dai suoni. Fig. 1. I propriocettori muscolari e tendinei con i corpuscoli di Pacini, recettori per la sensibilità tattile profonda (delle mani, dei piedi, ecc.).

4 Lezione 2 La comunicazione: il sistema nervoso Approfondimento - I recettori del gusto e dell olfatto Il gusto è un senso che viene stimolato da sostanze chimiche e i recettori sono situati nelle papille gustative che ricoprono la parte superiore e i lati della lingua e della gola. La sensazione di sapore si ha quando i composti chimici, sciolti dalla saliva o già in soluzione, vengono a contatto con le papille gustative [fig. 1]. La forma delle papille gustative è alquanto varia: possono essere filiformi, fungiformi, circumvallate e fogliate. I quattro gusti fondamentali, dolce, amaro, salato, acido, ci consentono, Fig. 1. I recettori del gusto ci consentono di sentire i quattro gusti fondamentali: dolce, amaro, salato, acido. con le loro combinazioni, di avvertire i sapori che, in molti cibi, vengono evidenziati anche da sensazioni termiche e olfattive. Infatti il profumo di un cibo è importante come il suo sapore per farcelo gustare a pieno. Quando siamo raffreddati, anche il gusto è alquanto indebolito; infatti, esso dipende in parte dall olfatto che non funziona in modo perfetto quando il naso è impregnato dal muco provocato dal raffreddore. I recettori dell olfatto captano le molecole di sostanze che si trovano allo stato gassoso [fig. 2]. Essi risiedono nell epitelio olfattivo del naso, o mucosa nasale, che riveste le cavità nasali superiori, ed è sensibile a numerosi odori, probabilmente in base alla forma delle molecole delle sostanze che sono solubili nel muco. Affinché una sostanza possa essere percepita, deve raggiungere la cellula cigliata sensibile a essa e stimolarla per farle inviare un impulso al cervello; questo registra e decodifica lo stimolo come sensazione specifica di odore. Noi siamo in grado di percepire molti più odori che sapori; infatti, anche se i due stimoli sono in relazione, siamo molto più sensibili agli stimoli olfattivi che a quelli gustativi. Fig. 2. I recettori dell olfatto.

5 Lezione 2 La comunicazione: il sistema nervoso Approfondimento - I difetti della vista I difetti più comuni della vista sono: la miopia, che dipende da un eccessiva curvatura del cristallino o dal globo oculare troppo allungato [fig. 1A-B]; il miope vede bene gli oggetti vicini e sfocati quelli lontani. Il difetto si corregge con lenti biconcave o divergenti. Il grado di miopia viene misurato in diottrie, cioè valutando l inverso della distanza del punto remoto, cioè il punto più lontano che l occhio vede nitido, espressa in metri. Se, per esempio, un oggetto viene visto nitidamente e senza sforzo a una distanza di 25 cm (punto remoto) si parla di una miopia di 4 diottrie: 1/0,25 m = 4 diottrie; la presbiopia, che è dovuta alla perdita di contrattilità del muscolo ciliare e di elasticità del cristallino, per cui l occhio perde la capacità di accomodamento per vedere bene da vicino [fig. 2]. La distanza del punto prossimo, cioè il punto più vicino che l occhio vede nitido con il massimo accomodamento, cresce con l avanzare dell età, in quanto si riduce il potere di accomodamento del cristallino. Il punto prossimo si trova a una distanza di circa 7 cm a 10 anni, di circa cm a 30 anni, di 40 cm, e per alcune persone anche oltre, a 50 anni. La presbiopia si corregge con lenti biconvesse o convergenti. Il presbite, che generalmente è un anziano, vede bene gli oggetti lontani e male quelli vicini; l ipermetropia (che produce gli stessi effetti della presbiopia), che è comune nei neonati e nei bambini, ed è dovuta al fatto che il globo oculare, non avendo ancora raggiunto lo sviluppo definitivo, è troppo piccolo relativamente al potere di convergenza dei cristallino [fig. 3]. È un difetto che, in genere, scompare con la crescita; l astigmatismo, che è dovuto a un difetto di curvatura della cornea per cui le immagini risultano deformate [fig. 4]. Fig. 1. Fig. 2. Fig. 3. Fig. 4. Esistono altri difetti della vista, non legati a una malformazione o a un malfunzionamento dell occhio. Il più comune è il daltonismo, che è dovuto all incapacità di distinguere alcuni colori, soprattutto il rosso e il verde [fig. 5]. In casi eccezionali si verifica l acromatismo, cioè l impossibilità di percepire i colori, per cui l immagine appare costantemente in bianco e nero. È buona regola effettuare periodicamente una visita medico-oculistica per prevenire malattie quali il glaucoma, causato da un aumento della pressione interna dell occhio. Tale anomalia è dovuta alla presenza di una maggiore quantità di umore acqueo e, se non curata tempestivamente, può portare anche alla cecità. Fig. 5. Tavole per la diagnosi del daltonismo: chi non è affetto da daltonismo vede un pesce nella tavola 1 e una barca a vela nella tavola 2; chi non percepisce il verde non vede né il pesce né la barca a vela; chi non percepisce il rosso non vede il pesce e distingue con difficoltà la barca a vela.

6 Lezione 3 Il controllo: il sistema endocrino Approfondimento - La reazione dell organismo allo stress Spesso si sente parlare di stress; ma che cosa succede al nostro organismo quando si trova in questa situazione? Ovviamente stiamo parlando di una situazione acuta, momentanea, come un esame, uno spavento, una gara, un forte dispiacere. In caso di stress l ipotalamo produce un ormone che stimola l ipofisi a secernere un altro messaggero chimico, che a sua volta stimola le ghiandole surrenali. Sia la parte corticale sia la parte midollare (delle ghiandole surrenali) si attivano e producono rispettivamente il cortisolo e l adrenalina, ormoni che modificano l attività cerebrale, in modo tale che l organismo affronti la situazione. In questi momenti particolari gli ormoni delle ghiandole surrenali riducono il consumo di glucosio da parte delle cellule, in modo tale che il cervello e il cuore abbiano più disponibilità di energia e siano così più forti per affrontare la crisi. Da studi effettuati, sembra che gli ormoni stimolino anche il sistema immunitario. È ovvio che questa situazione di forza è solo temporanea, nel senso che, se lo stress continua per un periodo troppo lungo si possono avere disturbi come febbre e aumento dei linfociti, causati dal sistema immunitario, ma anche disturbi del sonno, difficoltà di apprendimento e di memoria e cambiamenti di umore.

7 Lezione 3 Il controllo: il sistema endocrino Approfondimento - Gli ormoni vegetali o fitormoni La pianta non possiede un sistema nervoso che coordini le sue funzioni, ma il suo sviluppo deve adeguarsi ai ritmi del giorno e della notte e all avvicendarsi delle stagioni. Per regolare le proprie funzioni e il proprio sviluppo, la pianta utilizza gli ormoni vegetali o fitormoni. Lungo i canali in cui scorre la linfa essi raggiungono gli organi bersaglio e provocano determinate azioni, come l allungamento e la divisione delle cellule, l inibizione dello sviluppo della radice, l allungamento del fusto, la fioritura. Possiamo distinguere tre gruppi di fitormoni: le auxine, le gibberelline, le citochinine. Le auxine esplicano molte azioni, di cui la più importante è la crescita del germoglio. Le gibberelline, con le auxine, favoriscono l allungamento del fusto e tutti i processi di crescita. Le citochinine stimolano la divisione delle cellule degli apici e delle gemme, favoriscono l espansione delle foglie e collaborano alla germinazione del seme. Altre sostanze provvedono, in autunno, a preparare la pianta per l inverno. A primavera, l azione di queste stesse sostanze diminuisce progressivamente ed entrano in azione le gibberelline che provocano il risveglio della pianta e lo spuntare delle gemme. L uso dei fitormoni prodotti artificialmente dall uomo è ormai entrato largamente in agricoltura, per programmare la fioritura delle piante, la maturazione dei frutti, per accelerare o ritardare la loro crescita. Con l aiuto dei fitormoni auxine nei pomodori, gibberelline nell uva e nelle mele, citochinine nel fusto si sono ottenuti frutti senza semi come le arance clementine. Inoltre l auxina viene utilizzata per la sua proprietà di distruggere le erbe dannose o infestanti: viene quindi impiegata come erbicida. La sua utilità si manifesta in modo evidente nelle risaie dove, nei tempi passati, le piante infestanti dovevano essere strappate a mano scegliendole una a una [fig. 1]. compatibilità: possibilità di trasferimento di organi o tessuti senza che avvenga rigetto. Fig. 1. I fitormoni consentono di ottenere gerani, gardenie, ortensie e petunie con un apparato floreale più appariscente e un fusto meno allungato.

8 Lezione 4 La riproduzione: l apparato genitale Approfondimento - Sterilità e fecondazione assistita La sterilità si definisce come l incapacità di fecondare o concepire individui, in età normalmente feconda. La sterilità può dipendere dall uomo o dalla donna, per cui si parla di sterilità maschile o femminile. La sterilità maschile è spesso dovuta a: produzione di un basso numero di spermatozoi (ipospermia) o assenza di spermatozoi, scarsa mobilità degli spermatozoi, produzione di pochi e deboli spermatozoi, gravi alterazioni della forma dei gameti, incapacità degli spermatozoi di attraversare la zona pellucida dell ovulo per fecondarlo. La sterilità femminile può essere determinata da: assenza di ovulazione, occlusione delle tube, secrezione di sostanze che danneggiano gli spermatozoi, incapacità dell utero di accettare l annidamento dell ovulo fecondato o di portare avanti una gravidanza (infertilità femminile). Fu proprio per superare il problema dell occlusione delle tube, per cui gli spermatozoi non riescono a raggiungere l ovulo e fecondarlo, che alla fine degli anni 70 si ricorse ai famosi figli della provetta. La prima bambina nata nel luglio del 1978 con questa tecnica fu Luise J. Brown e, da allora, i bambini nati in questo modo sono moltissimi. Tale notizia, apparsa sui giornali di tutto il mondo, generò molto scalpore, perché, interpretando erroneamente il procedimento adottato dalla nuova tecnica di fecondazione, faceva supporre che il bambino soggiornasse nella provetta per tutto il periodo della gravidanza. In realtà la fecondazione in vitro o FIVET consiste nel prelevare un ovulo maturo direttamente dall ovaia e quindi collocarlo in una provetta contenente un terreno di coltura. Nella stessa provetta vengono introdotti gli spermatozoi dell aspirante padre per effettuare la fecondazione. Durante questa operazione, l ovulo viene mantenuto fermo con una micropipetta, mentre con un micro-ago vengono inseriti degli spermatozoi nella zona pellucida dell ovulo [fig. 1]. Una volta fecondato, l ovulo è messo in coltura e allo stadio di poche cellule (circa 4) viene inserito nell utero materno, sperando che s annidi nell endometrio. Gli studi e gli esperimenti non si sono certo fermati in questi ultimi anni e le tecniche di fecondazione assistita si sono ormai perfezionate per poter affrontare e risolvere le diverse forme di sterilità. In Italia, la procreazione medicalmente assistita è regolata dalla Legge n. 40 del 19/02/2004. Fig. 1. Fasi della fecondazione in provetta o FIVET. Consideriamone le tecniche più utilizzate. Inseminazione artificiale: lo sperma viene inserito nell utero o nelle tube per rendere più facile l incontro dei gameti. Si ricorre a tale tecnica in caso di sterilità maschile. Lo sperma può essere del partner della donna ricevente (fecondazione omologa), nel caso di sterilità dovuta a basso numero di spermatozoi o a scarsa motilità, o di un donatore anonimo

9 (fecondazione eterologa), nel caso di assenza totale di spermatozoi. Tale metodica è vietata in Italia. Mesa: viene utilizzata nel caso le vie spermatiche siano ostruite. Si prelevano gli spermatozoi direttamente dall epididimo e, in caso che anche questo non sia possibile, direttamente dal testicolo (Tesa). Ovodonazione: questa tecnica viene utilizzata in caso di sterilità femminile (assenza di ovulazione) o se la donna è portatrice di malattie genetiche che possono essere trasmesse ai figli. L ovulo di una donatrice anonima viene fecondato in vitro con il seme del partner dell aspirante madre e quindi inserito nell utero della donna. Tale tecnica è vietata dalla nostra legge. Icsi: è una tecnica utilizzata in caso di sterilità maschile. Consiste nella fecondazione in provetta (Fivet) di un singolo spermatozoo, scelto al microscopio tra i più vitali, che viene iniettato direttamente dentro l ovulo da fecondare. Tale tecnica è stata ulteriormente perfezionata; infatti, nei casi di incapacità di far maturare gli spermatozoi, si possono utilizzare gli spermatidi. Ciss: è una tecnica utilizzata in caso di sterilità maschile. Si selezionano al computer gli spermatozoi più vitali in base alla loro velocità e li si utilizza nella Fivet o Icsi. La prima nascita con tale tecnica risale al La ricerca continua e ora si sta studiando come far ringiovanire gli ovuli di donne che non riescono ad avere figli. Comunque la maggior parte dei ricercatori si sono posti come obiettivo prioritario quello di migliorare la percentuale di impianto dell embrione nell utero, che si aggira oggi intorno al 20%.

10 Lezione 4 La riproduzione: l apparato genitale Approfondimento - L amniocentesi e la villocentesi L amniocentesi e la villocentesi sono le tecniche più usate, dopo l ecografia, per la diagnosi prenatale delle malattie congenite. L ecografia è sicuramente la pratica più usata e più conosciuta, poiché viene utilizzata anche per controllare diversi organi interni del corpo umano: si tratta di una tecnica che, mediante l emissione di ultrasuoni, permette di ottenere un immagine del feto o di organi interni, visibili su uno schermo. Grazie a questo tipo di esame, completamente innocuo, si possono evidenziare anomalie degli organi o del feto e per quest ultimo si evidenzia anche il sesso, a partire dal 5 mese circa di gravidanza. L amniocentesi e la villocentesi, invece, permettono di rilevare alcune malattie genetiche, che, in alcuni casi, sarebbero evidenti solo dopo la nascita od oltre. L amniocentesi si attua mediante il prelievo dalla cavità amniotica, il sacco dove si trova il bambino, di un po di liquido, che contiene alcune cellule embrionali. L esame viene effettuato, generalmente, tra la 14 a e la 16 a settimana di gravidanza e il prelievo viene effettuato mediante un ago sterile che, attraversando l addome, arriva sino alla cavità amniotica. L intervento è indolore, viene praticato ambulatorialmente e sotto controllo ecografico. La villocentesi invece può essere praticata tra la 6 a e la 12 a settimana di gravidanza e consiste nel prelievo di alcuni villi coriali (ossia del corion cioè la membrana che concorre alla formazione della placenta), le cui cellule presentano le stesse caratteristiche genetiche dell embrione [fig. 1]. Dall analisi delle cellule prelevate, sia con l amniocentesi, sia con la villocentesi, si riesce a conoscere il cariotipo. Grazie allo studio dei cromosomi, si possono così scoprire le anomalie cromosomiche responsabili di molte malattie congenite, come la trisonomia 21 che causa la sindrome di Down, oppure evidenziare la mancanza di qualche enzima dovuta a mutazioni. cariotipo: fotografia dell insieme dei cromosomi di una cellula. Fig. 1. Tecnica della villocentesi (a sinistra) e dell amniocentesi (a destra). La villocentesi si può effettuare anche per via vaginale.

11 Lezione 4 La riproduzione: l apparato genitale Approfondimento - L aborto L aborto è un interruzione di gravidanza che si verifica prima del 180 giorno. Esso può essere spontaneo, se si verifica per cause naturali (come conseguenza di una malattia o di un incidente), o volontario e si tratta allora di un aborto provocato. Esiste anche l aborto terapeutico, che viene praticato dal medico, mediante intervento chirurgico, quando la madre è in pericolo di vita. In Italia esiste una legge (n 194 del 22 maggio 1978) che legalizza la pratica dell aborto entro i primi 90 giorni della gestazione e, solo in casi eccezionali, anche oltre tale termine. Esso può essere effettuato per motivi di salute fisica o psichica della donna, o di natura sociale o familiare, o per anomalie o malformazioni del futuro nascituro. Dopo 90 giorni l aborto può essere effettuato solo in casi di grave pericolo per la madre o per gravi anomalie del nascituro. I medici obiettori di coscienza, che si dichiarano contrari all aborto per motivi morali, possono rifiutarsi di effettuare pratiche abortive. Le tecniche chirurgiche adottate sono diverse a seconda del periodo di gestazione. Se l aborto viene praticato nel primo trimestre si procede mediante raschiamento della parete uterina o mediante l aspirazione dell embrione. Se invece l aborto viene praticato nel secondo trimestre, si procede alla stimolazione, mediante ormoni o altre sostanze, della muscolatura dell utero e quindi si provoca un aborto spontaneo. Purtroppo spesso l aborto è concepito come un metodo di controllo delle nascite, senza rendersi conto che tale esperienza può far insorgere turbe profonde nella donna che non sempre sono facili da sconfiggere.

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio SEZIONE O «ONDE Cornea Umore acqueo Muscolo ciliare Retina Nervo ottico A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio umano. La luce entra nell'occhio attraverso la cornea e il cristallino. Viene fecalizzata

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN

DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DIFETTI VISIVI NEI BAMBINI AFFETTI DALLA SINDROME DOWN DADDY FADEL OPTOMETRISTA Nel 1866 John Langdon Down ha descritto per la prima volta la sindrome che porta il suo nome. Nel 1959 Lejeune et al. hanno

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Kypros H. Nicolaides Laura Bedocchi L ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Fetal Medicine Foundation, Londra 2004 Dedicato a Erodoto e Despina

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Capacità Cognitive - Parte I

Capacità Cognitive - Parte I In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra le capacità cognitive e le capacità tattiche, trattando in modo dettagliato una possibile progressione didattica realizzabile in

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI

Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI INTRODUZIONE Referenze iconografiche: Archivio San Paolo: Carmine 163; Giovannini 124c; Rolandi Fassio 130 Emilio Giannelli: copertina, 3, 9, 31, 32, 79, 113, 159 Alessandro

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Le malattie genetiche

Le malattie genetiche Le malattie genetiche Anderlini Beatrice Classe 3^ - Sez. C Liceo Scientifico R. Casimiri Introduzione alle malattie genetiche Tutti gli esseri viventi sono formati da cellule in ogni cellula è presente

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

AISIA_Warne Dati NEW 03:AISIA 30-05-2012 11:29 Pagina 1. Insensibilità Completa agli Androgeni e condizioni simili

AISIA_Warne Dati NEW 03:AISIA 30-05-2012 11:29 Pagina 1. Insensibilità Completa agli Androgeni e condizioni simili AISIA_Warne Dati NEW 03:AISIA 30-05-2012 11:29 Pagina 1 Insensibilità Completa agli Androgeni e condizioni simili AISIA_Warne Dati NEW 03:AISIA 30-05-2012 11:29 Pagina 1 Insensibilità Completa agli Androgeni

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli 1 ELEMENTI DI GENETICA LA GENETICA È: LA DISCIPLINA (= LA SCIENZA) CHE INDAGA SUI MECCANISMI DELLA TRASMISSIONE DEI CARATTERI DA UNA GENERAZIONE ALL ALTRA. RICORDIAMO 2 CONCETTI FONDAMENTALI: A) GENOTIPO:

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO PRIMA SEZIONE CASO S. H. E ALTRI c. AUSTRIA (Ricorso n 57813/00) SENTENZA STRASBURGO 1 aprile 2010 Pendente alla Grande Camera domanda di deferimento

Dettagli

proiezione geometrica modalità di propagazione dei raggi di luce incidenti il sistema ottico

proiezione geometrica modalità di propagazione dei raggi di luce incidenti il sistema ottico Capitolo 4 Sistema ottico 4.1 Introduzione Nel processo di formazione dell immagine, il sistema ottico genera in un piano (il piano immagine) l immagine bidimensionale degli oggetti 3D del mondo la cui

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

NATURA E CAUSE SVILUPPO

NATURA E CAUSE SVILUPPO NATURA E CAUSE SVILUPPO 1) Natura del cambiamento? Quantitativa -> graduale cambiamento nel tempo -> COMPORTAMENTISMO: b. è organismo plasmato da esperienze e apprendimento Qualitativa -> comparsa di nuove

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli