IT\lOSSIDAE}TLEX. úîmúli tendenze. dei mercati spingono verso il rinnovamento delle tradizionali linee di ricottura e

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IT\lOSSIDAE}TLEX. úîmúli tendenze. dei mercati spingono verso il rinnovamento delle tradizionali linee di ricottura e"

Transcript

1 ACGAO T\lOSSDAE}TLEX Silupp* sw &'$me d,x raamem&m, l Y r*cm&&wra & deempagg,fim per masr* & ea&dw.i*'*sssidab,$&* *lx A. Dulceí, S. Maríes, D. Moroí L r fr1 Ls úîmúli edeze. dei mercai spigoo erso il rioameo delle radizioali liee di ricoura e deuryoggro per asri a caldo osiidabi.. paricolare, si rede ecessario icremeare a produzioe rdi sùr"srua liea alfie di ridurre i cosi di pioduzioe/mauetioe, poer processare dierse ipologie ffi moeriali co u'ampia gamma di spessori e larghezze, irodurre-laoàzioi ormalmee liea, migliorare gli sadard di quaià e ridirre i cosi perfluidi di processo e raameo degli esaasfi' Per raggiugere quesîi obieii modificado i ecchi impiai s'i opera su moleplici pari dell'impiao come: sezioe di solgimeo, carri olao, soràeloca àeue sezioi ermiali, reraori, foro e sisema di raffreddameo, discagliarice, graigliarice, deropoggii,,ipor:irr, wire di riawolgimeo, preisioe del l.ay-ou-per lossibie iirodízioe di u àmliaoro"a freddo i eraa, azioamei, impiao eleric o, s rumeazioe e auomazioe. fu mddee aiià soo sae realizzae co successo co il reampig arlà lea LAC 2 di AST Teri, fuscrio ella presee memoria, co u eccezioale iereo caralurizzao da ridoissiàiimpi ai Wageîazioe e foriura, moaggio di pari uoe co liea i produzioe, smoeggio_moaggfo a pwri recuperae e modfficae ed awiameo solosi i due disiie fasi io".y"r*"" póóo più u{e dee ormali fe rmae di mauezioe. x\$trs}$xxsnr ffi sr,rluppi delle liee di ricoura e decapaggio, per rag_ gli obieii di icremerare i lieùi pioauiii, ù_ la qualià del prodoo, ridurre i còsi di produ_ ^ry-r"g".romedeoo ecessariamee riguardare ue le sezioi rml-impiao e ecessiao uo sudio del lay-ou ale da gruramire la massima flessibilià per poer iródurre el ci_ c&o produio uoi processi o labrazioi ormalmee smuhe fuori liea, come ad esempio la lamiazioe a freddo eseguia sul lamiao a caldo, la discagliaura-spiaaura e úrifilaura. A,e esigeze suddee si aggiugoo, per le liee che e_ gmo poeziae e ammoderae le difflcolà impiaisiche dorue { m,aggigri igombri degli equipaggiamei (carri rulao, fori di ricoura, impiai Oi ràfieadameo, sezio; mi di decapaggio, ec.) che deoo essere isallai i capa_ roi esisei, isieme al complesso problema di limiare al miaimo il periodo di fermaa dell'impiao e di coseire la mormale logisica di alimeazioe-sòarico rooli e la mau_ r,ezioe dell'impiao e degli impiai adiacei durae le operazioi di realizzazioe opere ciili, smoaggio_mo_ aggio. Per poer preseare quese problemaiche e le loro soluzioi i modo direo ed esplicio iee di seguio descrio re_ r,am^ pig compleo della liea LAC2realiizao ra il geaio 98 e 'aprile '99 ello srabilimeo della Acciai Speciali Tèri. Le pricipali socieà che hao collaborao al proge_ 9, gfre a quelle degli auori, soo Beugi dusrie,-aial_ do Sisemi dusriali e Tecocero. x&_ ( 1 p'{ffi6kt$ Gli obieii del reampig soo sai suddiisi i due fasi: 1: ierei riguardai la meccaica, la pare eleri_ Fase ca e aomazioe, la sezioe di raffreddameo e la graigliarice Fase 2: ierei sulla sezioe di decapaggio, alimeazio_ e acidi, adaamei alla pare meccaica L iero progeo ha douo eere i cosiderazioe ache imporai ierei di cui si preede larealizzazioe i fuuro (lamiaoio a freddo i igresso, spiaarice/discaglia_ rice, rifilarice e raciasfridi) che haìo ifluio p.ruil._ mee sul lay-ou, sulla disposizioe dei gruppi di cerag_ gio e sul dimesioameo degli azioaméi. euesi iei_ ei egoo ciai el eso seguee. di real'l'xxaz"i*e Pur raadosi di u reampig che ha coiolo ue le se_ zioi della liea, i empi di realizzazioe soo sai eccezio_ almee- ridoi. paricolare per la Fase dopo u perio_ do di siluppo dell'igegeria cosrui a di 3-4 mesi, soo sae cosegae le macchie ra il 5. e il 7. mese dall'ordi_ e, soo sai eseguii i moaggi ra il S"mese a circa meà dell'8' e si è coclusa la messa i marcia ella prima meà del 9" mese co ua fermaa della produzio" poio più luga di u mese. Noeolmee ridoa è saa ache la fermaa della Fase 2 Te: g{ il (solao 11 giori).,\ Fic*paài eayacris'iche del{a {ea \ Le pricipali caraerisiche della liea soo illusrae ella Tab.. U la meallurgía ialíaa 23

2 AGCA(O ll ' T\ OSSDAE -E Primardèl / lr 1.loo,.r.{oo,Tiao :1.M!Ì,:',1.;.r1: L il:3[.lf:i:::,,,]::l:ll::'::r.':' V $l 7 l- :,, -'' l:..l9oo:h; ::r:iii,ii:i::ì::ìi::iiì:.:r:,iir:i : 1i::Esii*&ià.r *:eq1ù l il l, -\ /ì *l:siuiùiiie::r r..l.. :.è è:spfuzzl 100 m Predisposizioe *ll**iryàì4,1ry' Tab. $'ARTC MfeCprFlXCA F0 FL?TRCA Gli obieii della fase 1 preedeao limiai icremei produii; essi riguardaao come già aicipao la complessa predisposizioe eleromeccaica della liea alle fasi successie e 'iroduzioe del uoo impiao di raffreddameo e della uoa graigliarice. Nella realà, al ermie della messa a puo degli azioamei e dell'auomazioe la produzioe si è aesaa su lielli decisamee superiori a quella aecedee al reampig (mediamee /h prima del reampig 3O/35 lh dopo 'iereo). Ache la qualià del asro è risulaa su- periore per plaarià caraerisiche meallurgiche e asseza di difei di decapaggio, Quesi risulai soo doui, i esrema siesi, alla preseza della sezioe di igresso a doppio pass-lie e di olai di accumulo di eleaa capacià che hao coseio di elimiare i ralleamei della sezioe di processo doui al cambio roolo, alla preseza dei uoi sisemi guidaasro e alla uoa graigliarice. Sescrizise del,[.'{erues La sezioe di igresso (isibile u fig.l) è saa modificaa radicalmee co l'adozioe di ua sezioe di caricameo rooli a doppio pass lie. L igombro di quesa pare ha douo essere coeuo i lghezza (4.7 m di ierasse ra i due aspi) per coseire larcalizzazioe delle opere ciili ed (\ fl face' co 3' supporo - Pricipali caraerisiche della liea. L& FASK 1: d "e'crosed il moaggio dei gruppi carrello porarooli-aspi prima di erare i fermaa; le alezze hao douo essere limiae per coseire 'isallazioe del carro olao di accumulo a due rami (su carpeeria i pare sopra alla sezioe di igresso) e la fuura isallazioe di due ie a rulli per coogliare il asro erso la preisa sezioe di lamiazioe a freddo per rooli eri. 24 la meallurgia ialiaa La pricipale paricolarià degli aspi solgiori è quella di aere il madrio a grade espasioe (580J776 mm); i grado quidi di processare idiffereemee rooli 'eri' co diamero iero di 760 mm e rooli decapai co diamero iero di 610 mm. Paricolarmee imporae è sao curare la geomeria della zoa di iroduzioe del asro ella raddrizzace per coseire 'iroduzioe di ese di asri co spessori e forma molo dierse. L'isieme aola di imbocco e rullo premiore mooizzao coseoo ifai all'operaore, operado a disaza, di aprire la spira e piegare leggermee erso 'alo la esa i modo da faciliare le operazioi successie. LaruddÀzzaice è saa doaa di u sofware di regolazioe auomaica dei rulli di laoro i fuzioe dello spessore del asro. Paricolarià delle cesoie è quella di aere grade igidezza della sruura per poer agliare spessori da 1.2 a 8 mm seza richiedere ariazioe del gioco dei colelli e di essere doae u sisema rapido di regolazioe colelli realizzao co u meccaismo a cuei per ridurre i empi di mauezioe La zoa di cogiuzioe dei pass-lie ha richieso sudi paricolari: co ua lughezza dispoibile di circa 4 m doea coseire 'ifilaggio di ese da 7 mm e, a saldaura eseguia o proocare deformazioi plasiche del asro processao; il o facile obieio è sao raggiuo co u ioaio sisema cosiuio da u baske-roll frsso doao di subber roll, seguio da u baske roll i seso opposo moao su ua sruura apribile mediae cifidri idraulici per coseire 'ifilaggio. La puzoaricevuearice ha coseio di migliorare il rasporo di asri di diersa larghezzae direahzzare la fuzioe di rackig della saldaura. All'uscia della secoda fossa olao rm paicolare pich roll ceraore iesca il iro sul asro e lo guida i cero

3 N A.C (c A O \OSSDAE}-EN Fig.l: Lay ou della sezioe di igresso Fig.l : Ery secio lay-ou JCPC Ri_VA VP \G ísz CN- D,.\RA, ili lr A fl r l' T il T Fig.2: lay-ou della sezioe di processo Fig.2: Process secio lay-ou DCPC R-VAl,"lr r.l C (sz ON- D PROCr-SS0) PRl\4A D-- RfVAL,iF \G (S!,/1,lN il -RCCTSSC -Slì A) lfurea. La briglia 1 ericale ha ua geomeria paricolare per coseire la rasformazioe del pass lie per alimearè il fuura sezioe di lamiazioe a freddo per rooli eri. l carro olao è doao di ruli di supporo asro su carrellii mobili (dei dolly cars) i modo da eiare ogi possibile srisciameo rullo asro e quidi oeere la massima qualià superficiale di asri decapai riprocessai sulla liea. per preserare il asro el foro da ariazioi di iro rasmesse dal olao soo sai realizzai meccaismi di aggacio/ sgacio a camma co azioe paricolarmee dolce e sofware di compesazioe di arii e del carro. l iro al- 'igresso del foro è sao corollao i aello chiuso grazie all'isallazioe di u defleore doao di celle esiomeriche. l asro iee guidao da ceraori a bordo del carro olao e prima dell'igresso el foro. La sezioe di processo (isibile u fig.2) è saa modificaa i ua la pare successia al foro: sezioe di raffreddameo (mulimedia), ceraore i uscia mulimedia, carpeerie co spazi per la fuura sezioe di discagliaura, briglia iermedia ra sezioe ermica e decapaggio. La sezioe di raffreddameo ha richieso sudi paricolari per coseire co gli spazi a disposizioe (circa 17m) e quidi co u empo di permaeza miimo di 25 secodi, a mealluryia ialiaa 25 il raffreddameo del asro a 40 m/mi dalla emperaura di 1100'C a 80"C seza ificiare la forma del asro (plaarià). sosaza eia a maca.re lo spazio ecessario al radizioale raffreddameo ad aria, che essedo leo e uiforme o crea problemi di odulazioe del asro. La soluzioe che è saa idiiduaa cosise essezialmee ella realizzazioe di u sisema composo da ua prima sezioe ad aria soffiaa coeee ua 'ebbia'di acqua addolcia, seguia da ua sezioe ad acqua addolcia ebulizzaa ramie aria compressa e da ua sezioe fiale a gei d'acqua idusriale. T a prima sezioe, decisamee ioaia, realizza la polezzazioe dell'acqua co 'uilizzo di rampe di ugelliipruzzaori d'acqua iserii all'iero dei disposiii di soffiaura (colleori a grade sezioe) prima che 'aria ega proieaa sulla superficie del asro. La emperaura del asro scede da 1100'C a 650 'C ella prima sezioe, da 650 'C a 300 'C ella secoda e al di soo di 80 "C ellaerua. fluidi i uscia dall'impiao egoo raai ed i paricolare: l'aria esraa passa araerso uo scrubber al fie di coeere le emissioi i amosfera; le acque di scarico araersao u sisema dragafago oe deposiao le scorie. Dego di oa è sez'alro il progeo del rullo ceraore poso all'uscia della sezioe di raffreddameo. fai, cori \ \,

4 MACCAO À(oSSDAES -EX Fig.3: Lay-ou della Sezioe di uscia Fig.3 : Exi seciolay-ou siderado che il rullo iee abbracciao dal asro proe- iee dalle caearie del foro e del mulimedia co emperaure el secodo rocoe del foro ioro ai 1100 'C (el caso dell'acciaio auseiico), è risulao eidee che il ceraore, olre a poer riposizioare il asro i cero liea può essere i grado di ifluire sulla esioe dei bordi del asro i igresso modificado la forma (sciabolaura) origiaria del asro sesso. Si è oluo quidi, sfruado le esperieze effeuae su alri impiai e calcoli geomerici, realizzarc u elaio mobile di semplice realizzazioe, i grado di combiare la capacià di sposare il ramo i eraa posizioadolo al cero (azioe proporzioale), co la capacià di 'serzare'(azioe iegrale) proporzioado ques'ulima i modo da. realizzare w allugameo del bordo pari alla differeza di lughezza che aea geerao lo sbadameo. Durae 'aiameo si è pouo cosaare che il sisema è sabile (o iesca allugamei eccessii e quidi opposi a quelli aurali del asro) e forisce i uscia u asro co ridoa sciabolaura, coseedo così di percoffere ua la sezioe di decapaggio seza ecessiare uleriori correzioi. La graigliarice, per poer discagliare asri fio a 40 m/mi è doaa di.' 8 urbie ( 2 cabie ciascua doaa di 2 urbie per la faccia superiore e 2 per la faccia iferiore) operai rasersalmee rispeo alla direzioe del asro. Ogi cabia possiede...u proprio ciclo graiglia composo da ua coclea iferiore, da u eleaore, da.lla coclea superiore di disribuzioe miscela graiglia /calamia el separaore e dalla coclea di scarico scorie. La graiglia pulia cade poi i u sisema di raccola, da doe aiee 'alimeazioe alle urbie per mezzo dei dosaori. Due compressori foriscoo 'aria per la soffiaura della graiglia che rimae sulla superficie del asro. U aúa polerosa iee aspiraa delle cabie di graigliaura e dagli eleaori, passa araerso i cicloi per la separazioe e il recupero di eeuale graiglia per eire poi iiaa alla filrazioe. Come si può edere i figura 2 le suddee macchie si roao ell'area occupaa dal1e sezioi di raffreddameo e graigliaura della liea origiaria; per queso moio ue le operazioi di moaggio delle pari sopra descrie soo sae rcatizzae durae la fermaa di agoso co empi a disposizioe esremamee esigui (circa 15 gg per smoaggi, boifica aree, scai e opere ciili, moaggi meccaici fluidi ed elerici). A il\ La sezioe di uscia (isibile i figura.3) è saa l'uica pare dell'impiao per la quale è sao possibile procedere alla realizzazioe dei moaggi prima della fermaa della liea. Queso grazie al laoro di oimizzazioe della posizioe della sezioe che ha pofiao il ceraore di uscia decapaggio olre 1'aspo aolgiore della ecchia liea e alla realizzazioe del caro olao di uscia su ca4reeria sopraeleaa a caallo del corridoio rasersale di collegameo dei capaoi lufrlizzao per il rasferimeo dei coils dalle liee a caldo ai lamiaoi a freddo e da quesi alle liee a freddo. 26 la meallurgia ialiaa La sezioe è saa doaa di u carro olao capace di garaire ua sosa della sezioe di uscia di quasi 2.5 miui per coseire le maore di cambio roolo, di ceraori a due rulli i igresso e i uscia dal olao sesso. Per quao riguarda il carro olao di uscia ale quao deo per il carro olao di eraa co ua differeza: grazie alla miore corsa uile, alla buoa forma del asro e al superiore alore del iro del asro si è poua eiare 'isallazioe del ceraore a bordo del carro mobile. l asro uscee dal secodo ceraore araersa ua zoa preisa per u fuuro gruppo rifilarice/raciasfridi. U grade pulpio di uscia comprede, olre ai comadi della sezioe di uscia, la sazioe di ispezioe asro e il sisema di superisioe delle sezioi di raffreddameo graigliaura e di decapaggio. queso modo il capoliea ha la possibilià di iereire su ui i parameri di processo laorado a direo coao co l'ispeore di qualià. Prima della cesoia di uscia è saa isallaa ua semplice caladra per elimiare eeuali curyaure della esa del asro che si erificao alola processado spessori sopra i 5 mm. La cesoia di uscia è safa realizzaa uguale a quelle di igresso già descrie. Dega di oa è la geomeria del gruppo defleore aola di imbocco che cosee, ache per gli spessori eleai di realizzare i modo auomaico le sequeze di aolgimeo coda e scarico roolo e imbocco della esa del uoo roolo ellapiza del madrio; queso può aeire i modo aurale grazie all'awolgimeo dall'alo sfruado ache la leggera curaura erso il basso del asro (memoria dell'ulimo rullo briglia presee sopra i 5 mm). l uoo madrio del ipo 'closed face' a quaro segmei co piza eia il daeggiameo delle spire iere del roolo massimizzado così la pare di asro i qualià. La pare elerica e di auomazioe, compleamee uoa, ha coribuio i maiera deermiae al raggiugimeo del risulao fiale. paricolare è saa foria la sezioe di poeza (rasformaori, power ceer, MCC) gli azioamei i corree aleraa WVF, i moori, i frei e la sezio- e di auomazioe e corollo. Ques'ulima, cosiuia dai PLC e dalle relaie sazioi di super-isioe, ha coseio di realizzare le sequeze auomaiche di eraa,/uscia, il rackig del asro, il corollo e 'imposazioe auomaica dei iri al passaggio di asri di dierse dimesioi e maeriale, e il corollo da superisioe di ui i parameri di processo: peerazioe raddrizzarici, iri asro, emperaure i foro, porae mulimedia, urbie graigliarice, e per il decapaggio (fase 2), cocerazioi, emperaure, lielli, peerazioe spazzolarici ec. Queso ha coseio agli operaori di poer solgere la mag. gior pare delle operazioi i auomaico dai pulpii di superisioe e, laorado i sreo coao co 'ispeore di qualià, di effeuare co immediaezza gli ierei sui parameri di processo ecessari al maeimeo degli sadard qualiaii.

5 &A ccao NOSSDAE3 -Effi F 'l! &,a i) k i& ;l g # ) k Fig. 4, Sezioe di igresso: zoa di caricameo rooli, gruppi iroduzioe e raddrizzaura Fig.5: Sezioe di ígresso, Toafosse di accumulo, brigli Fig.4 : Ery secío : coil loadig secios, hreadig able ad Fig.5: Ery secío, loopíg pí area, bridle.l, bridle.2.ì,briglia2,ec sraigheer equípme {-& $:&Sg fi: SfrX3#H ffi *H{,&pAS$g#" A LX M f; $\EY&A3* r'{ r,q??xw g ffi A!3AT'i"& M il rutt M C{Ce }d g{3 Gli obieii della fase ).,erao, come già acceao i prece_ deza quelli di porare la produiià dell'impiao a-45 ilh co la maggior pare dei asri preisi dal mix produio, i paricolar mod-o qer gli spessori soili (i quaii u"gorro processai co elocià ra i 30 ed i 40 m/mi), riduceido i cosi doui al cosumo di aii, aio A (composo prea_ lee HF al 32Vo)e afio Z (composo prealeìe H"O" a 407o) grazie all'ullizzo di acido iolforiòo elle priríe óue asche, di cui la secoda eleroliica, ed icremèado la perceuale di asri i qualià. 0e*e"!r{qlx'ls d*àè'{èerer*m* La sezioe di decapaggio è saa modificaa radicalmee, ri_ speo alla precedee, sia dal puo di isa del processo che da quello recologico. Tale sezioe ifai, precedeemee cosiuia da due a_ sche di decapaggio ad immersioe, uilizzafi erambe il processo CLEANOX 352R ( H2SO4. HF e Fe*r/Fe*2>1..). do_ po reampig risula cosiuia ila re asche di cui la prima a profilo ribassao e ricircolo co HrSO, a 100 "C, la éco_ da sempre a ricircolo ed eleroliica có HrSOo a g5.c e l'ulima a sprrzzi allizzae gli sessi pric'ipi hi p.o"esso del precedee decapaggio co le doue oiìizzazioile_ gae alla maggior urboleza che si oiee co l,applicazio_ e a spruzzi all'ierfaccia asro-soluzioe. Tue le asche soo doae di serbaoio di preparazioe, ac_ cumulo e ricircolo soluzioe co le rispeìe pompe di ri_ lacio alle asche di decapaggio sorasai. Per ogi soluzioe di processo è sao isallao u dedicao sisema di aalisi i auomaico che regola le adduzioi de_ gli aii elle rispeie sezioi. Ciò affie di maeere le codizioi di aggressiià dei bagi il più cosai possibile ed.a.specifica per le arie ipologìe di àcciai procesiai (fer_ riici od auseiici) Co ale uoo asseo di processo si è riuscii ad aere ua buoa qualià di decapaggio, ache come cosaza etla qualià, riducedo di circa il 30Vo i cosi di decapaggio rispeo all' as seo proces so/impiao precedee-, ii-pari_.di colar modo per gli acciai ferriici. Ciò, sempre, sezal'ui_ hzzo di acidi iquiai come 'HNO3. Per poer rcalizzare il passaggio dal ecchio al uoo deca_ paggio i empi ridoissimi (circa l0 gg) si è sudiao u uoo pass-lie che preedea 'isallazioe di ua la uoa sezioe sopraeleaa su calpeerie mealliche al di sopra del decapaggio esisee durae la produzioe della liea e le asche di ricircolo a effa lao opeiaore isieme ai gruppi di pompaggio riscaldo/raffreddameo soluzioi. queso- modo si e pouo moare, collegare e esare gra pare degli equipaggiamei prima della fermaa della li"ea. Soo sai realizzai i fermaia ui i collegamei per adduzioe acidi freschi, per scarico e recuperoioluzioè acida, i collegamei al sisema di aalisi auómaica delle soluzioi e u complesso riposizioameo del gruppo ceraore di uscia decapaggio. {*$1lÌe$_il359*NC l reampig della liea LAC 2 di Teri rappresea u esempio. di come sia possibile, sfruado le dierse espe_ rieze di impiaisi, produori e ricercaori, realizzare ia liea di ricoura e decapaggio per asri iox adeguaa alle sempre più pressai esigeze di mercao e predisposa per ui i possibili fuuri siluppi. Le difficolà che si iiorào oledo rasformare ua liea esisee i produzioe soo moleplici ma possoo essere superae da uo sudio aeo delle macchie esisei e deila loro disposizioe impiai_ sica, isieme alla sudio deagliaissimò dee sequeize di moaggio e della logisica (alimeazioe rooli e maue_ zioe alle liee i produzioe combiaa co le operazioi di rasporo e moaggio dei uoi macchiari). \J *' U la meallurgia ialiaa 27

6 XA(cCAO À OSS DA E3 - EX ar il rr r rb Àl \J \ L A.EsSTFÈ.A(cT Sg'YrÀúP$f#fr'5 úal X$rl'/gÀr.fr{6 div,$ pfr ff.f$r$ d"frrr$ F',Sfi Sr,4i*fúrss Srgrd,f$r rsfr"s The prese marke reds is direced owards he reewal of he radíioal aealig ad picklig lie for sailess seel ho coíls. paricular, i is requesed o icrease he producio of a lie, i order o cu dow he producio/ maieace coss; o process arious kids of maerials wih a wide rage of hickess ad widh; o iroduce operaios, usually doe ou of he lie; o improe he qualiy sadards; îo reduce coss for process fluids ad ffiues reame. 's possible o reach he a.m. aims by modifyig ad/or iegraig he old plas o hereuder lised pars of he lie equipme: - Ucoilig secios, ha are preferably equipped wih a double pay-off reel o improe he preparaio phases of coil head ad ail ed, as well as o icrease he ery ad deliery secio speed. - Srip ery ad deliery sorage equipme, ha is icrea' sed i capabiliy, by replacig wih or by addig loopig cars o he old loopig pis, i order o aoid process secio slowig dow. - Side guidig equipme, ha is replaced by moder seerig deices ha aoid srip off rackig í case of poor srip shape. - Srip coolig equipme cfer he reame furace, ha is added wih mulimedia coolig sysîem proided wih fog ype spray ramps ad flow rae corol sysems ha auomaically ake io accou srip speed, hickess, emperaure ad surface qualiy - Sho blasig machie haig higher capabiliy - Picklig secio ha is proided wih high urbulece shallow ype pícklig aks ad spray iial secios, boh fed wih low polluio picklig fluíds, moreoer characerised by low buyig ad operaio cos. ad reduced reame cos; i's possible o achiee hese resuls elimiaig he polluig acids (HNO ) ad usig maily- HrSO; ad mix of H.SO HF coíolig he Fe*3/ Fe2 raio. - Rewidig secios desiged o reduce exi secio dow ime adfor icreased deliery secio oerspeed - roducio of esio leeller/scale breaker ad side rimmer - Proisio for possible íroducio of a cold rollig mill secio (ype Z-Hi) i he ery secio. - Replaceme of he elecrical ad auomaio sysem The a.m. acíiies hae bee successfully realised for he reampig of he 'AC2 pla a Teri (TALY), as described i his essay. resuled a excepioal operaio, obaied i ery shor ime wih lie workig, durig which i was performed he assembly/disassembly of recoered ad/or modified machies, he supply ad erecio ofew pars. The sar-up afier modificaios ook place i wo separae phases ha requesed lie sops oly lile loger ha he usual oes, paidfor s chedule d mai eac e. {\ r 28 a meallwgia ialiaa

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZIONI» otori i versioe flagia;» Coessioi laterali o posteriori;» Albero: cilidrico o scaalato;» Coessioi metriche o BSPP;» Altre caratteristiche speciali OPTIONS» Flage mout;» Side ad rear ports;» Shafts-

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZON» odello co distribuzioe a disco geroller» otori i versioe flagia o ruota» otori corti» Attacchi tubazioi laterali e posteriori» Alberi cilidrici, coici e detati» Altre caratteristiche speciali OPTONS»

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C.

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C. Motoi 1 Idie ue aatteistihe meaihe di motoi elettii.. osideazioi geeali Motoi ad eitazioe idipedete 1 Opeazioi o oete d eitazioe ostate Opeazioi o oete d eitazioe aiabile e tesioe d amatua ostate Motoi

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer Mea a punto avanzata più emplice utilizzando Funzione Load Oberver EMEA Speed & Poition CE Team AUL 34 Copyright 0 Rockwell Automation, Inc. All right reerved. Co è l inerzia? Tutti comprendiamo il concetto

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

I.12. Elementi di teoria dell urto

I.12. Elementi di teoria dell urto Corso di fisica generale a cura di Claudio Cereda rel. 5. 7 marzo 04 I.. Elementi di teoria dell urto Cos è un urto? L urto totalmente anelastico L urto elastico Il rallentamento dei neutroni Quesiti di

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD 68//(3,67('(,%5,*$17, /,7,1(5$5,2ƒSHUFRUVR L it iner ar io descr it t o è uno dei t ant i possibili che at t r aver sano il 0RQWH 9XOWXUH, e r isult a par t icolar ment e int er essant e per ché consent

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

>> Investimento redditizio >> Fino al 70% di risparmio energetico >> Rispetto dell ambiente

>> Investimento redditizio >> Fino al 70% di risparmio energetico >> Rispetto dell ambiente SOLARE BIOMASSA POMPE DI CALORE CONDENSAZIONE Alezio POMPA DI CALORE ARIA/ACQUA EASYLIFE Facilità di utilizzo: da oggi è possibile! >> Investimento redditizio >> Fino al 70% di risparmio energetico >>

Dettagli

1. Instruzioni d uso 2

1. Instruzioni d uso 2 1. Instruzioni d uso 2 1.0 Prefazione Leggere attentamente queste instruzione d uso per utilizzare in modo ottimale tutte le funzioni dell interruttore orario. Il progetto di questo interruttore orario

Dettagli

CAP. 5 Gli altri impianti termoelettrici

CAP. 5 Gli altri impianti termoelettrici CAP. 5 Gli altri impianti termoelettrici. Cogenerazione La cogenerazione è definita come produzione combinata di elettricità e di calore, entrambi intesi come effetti utili, con un processo in cascata.

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA ARCHTETT JUNOR PROVA PRATCA TEMA 1 Stesura grafica di una planimetria catastale Avete ricevuto via fax, da un vostro cliente, la planimetria catastale allegata, riguardante una unità immobiliare residenziale.

Dettagli

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE.

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE. Compatibilità totale con ogni apparato. Si usa con pulsanti normalmente chiusi. ella linea dei pulsanti c'è il 24Vcc. Insensibile alle interruzioni di rete. Insensibile agli sbalzi di tensione. Realizzazione

Dettagli

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano L4 Iterpolazioe L4 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme

Dettagli