IT\lOSSIDAE}TLEX. úîmúli tendenze. dei mercati spingono verso il rinnovamento delle tradizionali linee di ricottura e

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IT\lOSSIDAE}TLEX. úîmúli tendenze. dei mercati spingono verso il rinnovamento delle tradizionali linee di ricottura e"

Transcript

1 ACGAO T\lOSSDAE}TLEX Silupp* sw &'$me d,x raamem&m, l Y r*cm&&wra & deempagg,fim per masr* & ea&dw.i*'*sssidab,$&* *lx A. Dulceí, S. Maríes, D. Moroí L r fr1 Ls úîmúli edeze. dei mercai spigoo erso il rioameo delle radizioali liee di ricoura e deuryoggro per asri a caldo osiidabi.. paricolare, si rede ecessario icremeare a produzioe rdi sùr"srua liea alfie di ridurre i cosi di pioduzioe/mauetioe, poer processare dierse ipologie ffi moeriali co u'ampia gamma di spessori e larghezze, irodurre-laoàzioi ormalmee liea, migliorare gli sadard di quaià e ridirre i cosi perfluidi di processo e raameo degli esaasfi' Per raggiugere quesîi obieii modificado i ecchi impiai s'i opera su moleplici pari dell'impiao come: sezioe di solgimeo, carri olao, soràeloca àeue sezioi ermiali, reraori, foro e sisema di raffreddameo, discagliarice, graigliarice, deropoggii,,ipor:irr, wire di riawolgimeo, preisioe del l.ay-ou-per lossibie iirodízioe di u àmliaoro"a freddo i eraa, azioamei, impiao eleric o, s rumeazioe e auomazioe. fu mddee aiià soo sae realizzae co successo co il reampig arlà lea LAC 2 di AST Teri, fuscrio ella presee memoria, co u eccezioale iereo caralurizzao da ridoissiàiimpi ai Wageîazioe e foriura, moaggio di pari uoe co liea i produzioe, smoeggio_moaggfo a pwri recuperae e modfficae ed awiameo solosi i due disiie fasi io".y"r*"" póóo più u{e dee ormali fe rmae di mauezioe. x\$trs}$xxsnr ffi sr,rluppi delle liee di ricoura e decapaggio, per rag_ gli obieii di icremerare i lieùi pioauiii, ù_ la qualià del prodoo, ridurre i còsi di produ_ ^ry-r"g".romedeoo ecessariamee riguardare ue le sezioi rml-impiao e ecessiao uo sudio del lay-ou ale da gruramire la massima flessibilià per poer iródurre el ci_ c&o produio uoi processi o labrazioi ormalmee smuhe fuori liea, come ad esempio la lamiazioe a freddo eseguia sul lamiao a caldo, la discagliaura-spiaaura e úrifilaura. A,e esigeze suddee si aggiugoo, per le liee che e_ gmo poeziae e ammoderae le difflcolà impiaisiche dorue { m,aggigri igombri degli equipaggiamei (carri rulao, fori di ricoura, impiai Oi ràfieadameo, sezio; mi di decapaggio, ec.) che deoo essere isallai i capa_ roi esisei, isieme al complesso problema di limiare al miaimo il periodo di fermaa dell'impiao e di coseire la mormale logisica di alimeazioe-sòarico rooli e la mau_ r,ezioe dell'impiao e degli impiai adiacei durae le operazioi di realizzazioe opere ciili, smoaggio_mo_ aggio. Per poer preseare quese problemaiche e le loro soluzioi i modo direo ed esplicio iee di seguio descrio re_ r,am^ pig compleo della liea LAC2realiizao ra il geaio 98 e 'aprile '99 ello srabilimeo della Acciai Speciali Tèri. Le pricipali socieà che hao collaborao al proge_ 9, gfre a quelle degli auori, soo Beugi dusrie,-aial_ do Sisemi dusriali e Tecocero. x&_ ( 1 p'{ffi6kt$ Gli obieii del reampig soo sai suddiisi i due fasi: 1: ierei riguardai la meccaica, la pare eleri_ Fase ca e aomazioe, la sezioe di raffreddameo e la graigliarice Fase 2: ierei sulla sezioe di decapaggio, alimeazio_ e acidi, adaamei alla pare meccaica L iero progeo ha douo eere i cosiderazioe ache imporai ierei di cui si preede larealizzazioe i fuuro (lamiaoio a freddo i igresso, spiaarice/discaglia_ rice, rifilarice e raciasfridi) che haìo ifluio p.ruil._ mee sul lay-ou, sulla disposizioe dei gruppi di cerag_ gio e sul dimesioameo degli azioaméi. euesi iei_ ei egoo ciai el eso seguee. di real'l'xxaz"i*e Pur raadosi di u reampig che ha coiolo ue le se_ zioi della liea, i empi di realizzazioe soo sai eccezio_ almee- ridoi. paricolare per la Fase dopo u perio_ do di siluppo dell'igegeria cosrui a di 3-4 mesi, soo sae cosegae le macchie ra il 5. e il 7. mese dall'ordi_ e, soo sai eseguii i moaggi ra il S"mese a circa meà dell'8' e si è coclusa la messa i marcia ella prima meà del 9" mese co ua fermaa della produzio" poio più luga di u mese. Noeolmee ridoa è saa ache la fermaa della Fase 2 Te: g{ il (solao 11 giori).,\ Fic*paài eayacris'iche del{a {ea \ Le pricipali caraerisiche della liea soo illusrae ella Tab.. U la meallurgía ialíaa 23

2 AGCA(O ll ' T\ OSSDAE -E Primardèl / lr 1.loo,.r.{oo,Tiao :1.M!Ì,:',1.;.r1: L il:3[.lf:i:::,,,]::l:ll::'::r.':' V $l 7 l- :,, -'' l:..l9oo:h; ::r:iii,ii:i::ì::ìi::iiì:.:r:,iir:i : 1i::Esii*&ià.r *:eq1ù l il l, -\ /ì *l:siuiùiiie::r r..l.. :.è è:spfuzzl 100 m Predisposizioe *ll**iryàì4,1ry' Tab. $'ARTC MfeCprFlXCA F0 FL?TRCA Gli obieii della fase 1 preedeao limiai icremei produii; essi riguardaao come già aicipao la complessa predisposizioe eleromeccaica della liea alle fasi successie e 'iroduzioe del uoo impiao di raffreddameo e della uoa graigliarice. Nella realà, al ermie della messa a puo degli azioamei e dell'auomazioe la produzioe si è aesaa su lielli decisamee superiori a quella aecedee al reampig (mediamee /h prima del reampig 3O/35 lh dopo 'iereo). Ache la qualià del asro è risulaa su- periore per plaarià caraerisiche meallurgiche e asseza di difei di decapaggio, Quesi risulai soo doui, i esrema siesi, alla preseza della sezioe di igresso a doppio pass-lie e di olai di accumulo di eleaa capacià che hao coseio di elimiare i ralleamei della sezioe di processo doui al cambio roolo, alla preseza dei uoi sisemi guidaasro e alla uoa graigliarice. Sescrizise del,[.'{erues La sezioe di igresso (isibile u fig.l) è saa modificaa radicalmee co l'adozioe di ua sezioe di caricameo rooli a doppio pass lie. L igombro di quesa pare ha douo essere coeuo i lghezza (4.7 m di ierasse ra i due aspi) per coseire larcalizzazioe delle opere ciili ed (\ fl face' co 3' supporo - Pricipali caraerisiche della liea. L& FASK 1: d "e'crosed il moaggio dei gruppi carrello porarooli-aspi prima di erare i fermaa; le alezze hao douo essere limiae per coseire 'isallazioe del carro olao di accumulo a due rami (su carpeeria i pare sopra alla sezioe di igresso) e la fuura isallazioe di due ie a rulli per coogliare il asro erso la preisa sezioe di lamiazioe a freddo per rooli eri. 24 la meallurgia ialiaa La pricipale paricolarià degli aspi solgiori è quella di aere il madrio a grade espasioe (580J776 mm); i grado quidi di processare idiffereemee rooli 'eri' co diamero iero di 760 mm e rooli decapai co diamero iero di 610 mm. Paricolarmee imporae è sao curare la geomeria della zoa di iroduzioe del asro ella raddrizzace per coseire 'iroduzioe di ese di asri co spessori e forma molo dierse. L'isieme aola di imbocco e rullo premiore mooizzao coseoo ifai all'operaore, operado a disaza, di aprire la spira e piegare leggermee erso 'alo la esa i modo da faciliare le operazioi successie. LaruddÀzzaice è saa doaa di u sofware di regolazioe auomaica dei rulli di laoro i fuzioe dello spessore del asro. Paricolarià delle cesoie è quella di aere grade igidezza della sruura per poer agliare spessori da 1.2 a 8 mm seza richiedere ariazioe del gioco dei colelli e di essere doae u sisema rapido di regolazioe colelli realizzao co u meccaismo a cuei per ridurre i empi di mauezioe La zoa di cogiuzioe dei pass-lie ha richieso sudi paricolari: co ua lughezza dispoibile di circa 4 m doea coseire 'ifilaggio di ese da 7 mm e, a saldaura eseguia o proocare deformazioi plasiche del asro processao; il o facile obieio è sao raggiuo co u ioaio sisema cosiuio da u baske-roll frsso doao di subber roll, seguio da u baske roll i seso opposo moao su ua sruura apribile mediae cifidri idraulici per coseire 'ifilaggio. La puzoaricevuearice ha coseio di migliorare il rasporo di asri di diersa larghezzae direahzzare la fuzioe di rackig della saldaura. All'uscia della secoda fossa olao rm paicolare pich roll ceraore iesca il iro sul asro e lo guida i cero

3 N A.C (c A O \OSSDAE}-EN Fig.l: Lay ou della sezioe di igresso Fig.l : Ery secio lay-ou JCPC Ri_VA VP \G ísz CN- D,.\RA, ili lr A fl r l' T il T Fig.2: lay-ou della sezioe di processo Fig.2: Process secio lay-ou DCPC R-VAl,"lr r.l C (sz ON- D PROCr-SS0) PRl\4A D-- RfVAL,iF \G (S!,/1,lN il -RCCTSSC -Slì A) lfurea. La briglia 1 ericale ha ua geomeria paricolare per coseire la rasformazioe del pass lie per alimearè il fuura sezioe di lamiazioe a freddo per rooli eri. l carro olao è doao di ruli di supporo asro su carrellii mobili (dei dolly cars) i modo da eiare ogi possibile srisciameo rullo asro e quidi oeere la massima qualià superficiale di asri decapai riprocessai sulla liea. per preserare il asro el foro da ariazioi di iro rasmesse dal olao soo sai realizzai meccaismi di aggacio/ sgacio a camma co azioe paricolarmee dolce e sofware di compesazioe di arii e del carro. l iro al- 'igresso del foro è sao corollao i aello chiuso grazie all'isallazioe di u defleore doao di celle esiomeriche. l asro iee guidao da ceraori a bordo del carro olao e prima dell'igresso el foro. La sezioe di processo (isibile u fig.2) è saa modificaa i ua la pare successia al foro: sezioe di raffreddameo (mulimedia), ceraore i uscia mulimedia, carpeerie co spazi per la fuura sezioe di discagliaura, briglia iermedia ra sezioe ermica e decapaggio. La sezioe di raffreddameo ha richieso sudi paricolari per coseire co gli spazi a disposizioe (circa 17m) e quidi co u empo di permaeza miimo di 25 secodi, a mealluryia ialiaa 25 il raffreddameo del asro a 40 m/mi dalla emperaura di 1100'C a 80"C seza ificiare la forma del asro (plaarià). sosaza eia a maca.re lo spazio ecessario al radizioale raffreddameo ad aria, che essedo leo e uiforme o crea problemi di odulazioe del asro. La soluzioe che è saa idiiduaa cosise essezialmee ella realizzazioe di u sisema composo da ua prima sezioe ad aria soffiaa coeee ua 'ebbia'di acqua addolcia, seguia da ua sezioe ad acqua addolcia ebulizzaa ramie aria compressa e da ua sezioe fiale a gei d'acqua idusriale. T a prima sezioe, decisamee ioaia, realizza la polezzazioe dell'acqua co 'uilizzo di rampe di ugelliipruzzaori d'acqua iserii all'iero dei disposiii di soffiaura (colleori a grade sezioe) prima che 'aria ega proieaa sulla superficie del asro. La emperaura del asro scede da 1100'C a 650 'C ella prima sezioe, da 650 'C a 300 'C ella secoda e al di soo di 80 "C ellaerua. fluidi i uscia dall'impiao egoo raai ed i paricolare: l'aria esraa passa araerso uo scrubber al fie di coeere le emissioi i amosfera; le acque di scarico araersao u sisema dragafago oe deposiao le scorie. Dego di oa è sez'alro il progeo del rullo ceraore poso all'uscia della sezioe di raffreddameo. fai, cori \ \,

4 MACCAO À(oSSDAES -EX Fig.3: Lay-ou della Sezioe di uscia Fig.3 : Exi seciolay-ou siderado che il rullo iee abbracciao dal asro proe- iee dalle caearie del foro e del mulimedia co emperaure el secodo rocoe del foro ioro ai 1100 'C (el caso dell'acciaio auseiico), è risulao eidee che il ceraore, olre a poer riposizioare il asro i cero liea può essere i grado di ifluire sulla esioe dei bordi del asro i igresso modificado la forma (sciabolaura) origiaria del asro sesso. Si è oluo quidi, sfruado le esperieze effeuae su alri impiai e calcoli geomerici, realizzarc u elaio mobile di semplice realizzazioe, i grado di combiare la capacià di sposare il ramo i eraa posizioadolo al cero (azioe proporzioale), co la capacià di 'serzare'(azioe iegrale) proporzioado ques'ulima i modo da. realizzare w allugameo del bordo pari alla differeza di lughezza che aea geerao lo sbadameo. Durae 'aiameo si è pouo cosaare che il sisema è sabile (o iesca allugamei eccessii e quidi opposi a quelli aurali del asro) e forisce i uscia u asro co ridoa sciabolaura, coseedo così di percoffere ua la sezioe di decapaggio seza ecessiare uleriori correzioi. La graigliarice, per poer discagliare asri fio a 40 m/mi è doaa di.' 8 urbie ( 2 cabie ciascua doaa di 2 urbie per la faccia superiore e 2 per la faccia iferiore) operai rasersalmee rispeo alla direzioe del asro. Ogi cabia possiede...u proprio ciclo graiglia composo da ua coclea iferiore, da u eleaore, da.lla coclea superiore di disribuzioe miscela graiglia /calamia el separaore e dalla coclea di scarico scorie. La graiglia pulia cade poi i u sisema di raccola, da doe aiee 'alimeazioe alle urbie per mezzo dei dosaori. Due compressori foriscoo 'aria per la soffiaura della graiglia che rimae sulla superficie del asro. U aúa polerosa iee aspiraa delle cabie di graigliaura e dagli eleaori, passa araerso i cicloi per la separazioe e il recupero di eeuale graiglia per eire poi iiaa alla filrazioe. Come si può edere i figura 2 le suddee macchie si roao ell'area occupaa dal1e sezioi di raffreddameo e graigliaura della liea origiaria; per queso moio ue le operazioi di moaggio delle pari sopra descrie soo sae rcatizzae durae la fermaa di agoso co empi a disposizioe esremamee esigui (circa 15 gg per smoaggi, boifica aree, scai e opere ciili, moaggi meccaici fluidi ed elerici). A il\ La sezioe di uscia (isibile i figura.3) è saa l'uica pare dell'impiao per la quale è sao possibile procedere alla realizzazioe dei moaggi prima della fermaa della liea. Queso grazie al laoro di oimizzazioe della posizioe della sezioe che ha pofiao il ceraore di uscia decapaggio olre 1'aspo aolgiore della ecchia liea e alla realizzazioe del caro olao di uscia su ca4reeria sopraeleaa a caallo del corridoio rasersale di collegameo dei capaoi lufrlizzao per il rasferimeo dei coils dalle liee a caldo ai lamiaoi a freddo e da quesi alle liee a freddo. 26 la meallurgia ialiaa La sezioe è saa doaa di u carro olao capace di garaire ua sosa della sezioe di uscia di quasi 2.5 miui per coseire le maore di cambio roolo, di ceraori a due rulli i igresso e i uscia dal olao sesso. Per quao riguarda il carro olao di uscia ale quao deo per il carro olao di eraa co ua differeza: grazie alla miore corsa uile, alla buoa forma del asro e al superiore alore del iro del asro si è poua eiare 'isallazioe del ceraore a bordo del carro mobile. l asro uscee dal secodo ceraore araersa ua zoa preisa per u fuuro gruppo rifilarice/raciasfridi. U grade pulpio di uscia comprede, olre ai comadi della sezioe di uscia, la sazioe di ispezioe asro e il sisema di superisioe delle sezioi di raffreddameo graigliaura e di decapaggio. queso modo il capoliea ha la possibilià di iereire su ui i parameri di processo laorado a direo coao co l'ispeore di qualià. Prima della cesoia di uscia è saa isallaa ua semplice caladra per elimiare eeuali curyaure della esa del asro che si erificao alola processado spessori sopra i 5 mm. La cesoia di uscia è safa realizzaa uguale a quelle di igresso già descrie. Dega di oa è la geomeria del gruppo defleore aola di imbocco che cosee, ache per gli spessori eleai di realizzare i modo auomaico le sequeze di aolgimeo coda e scarico roolo e imbocco della esa del uoo roolo ellapiza del madrio; queso può aeire i modo aurale grazie all'awolgimeo dall'alo sfruado ache la leggera curaura erso il basso del asro (memoria dell'ulimo rullo briglia presee sopra i 5 mm). l uoo madrio del ipo 'closed face' a quaro segmei co piza eia il daeggiameo delle spire iere del roolo massimizzado così la pare di asro i qualià. La pare elerica e di auomazioe, compleamee uoa, ha coribuio i maiera deermiae al raggiugimeo del risulao fiale. paricolare è saa foria la sezioe di poeza (rasformaori, power ceer, MCC) gli azioamei i corree aleraa WVF, i moori, i frei e la sezio- e di auomazioe e corollo. Ques'ulima, cosiuia dai PLC e dalle relaie sazioi di super-isioe, ha coseio di realizzare le sequeze auomaiche di eraa,/uscia, il rackig del asro, il corollo e 'imposazioe auomaica dei iri al passaggio di asri di dierse dimesioi e maeriale, e il corollo da superisioe di ui i parameri di processo: peerazioe raddrizzarici, iri asro, emperaure i foro, porae mulimedia, urbie graigliarice, e per il decapaggio (fase 2), cocerazioi, emperaure, lielli, peerazioe spazzolarici ec. Queso ha coseio agli operaori di poer solgere la mag. gior pare delle operazioi i auomaico dai pulpii di superisioe e, laorado i sreo coao co 'ispeore di qualià, di effeuare co immediaezza gli ierei sui parameri di processo ecessari al maeimeo degli sadard qualiaii.

5 &A ccao NOSSDAE3 -Effi F 'l! &,a i) k i& ;l g # ) k Fig. 4, Sezioe di igresso: zoa di caricameo rooli, gruppi iroduzioe e raddrizzaura Fig.5: Sezioe di ígresso, Toafosse di accumulo, brigli Fig.4 : Ery secío : coil loadig secios, hreadig able ad Fig.5: Ery secío, loopíg pí area, bridle.l, bridle.2.ì,briglia2,ec sraigheer equípme {-& $:&Sg fi: SfrX3#H ffi *H{,&pAS$g#" A LX M f; $\EY&A3* r'{ r,q??xw g ffi A!3AT'i"& M il rutt M C{Ce }d g{3 Gli obieii della fase ).,erao, come già acceao i prece_ deza quelli di porare la produiià dell'impiao a-45 ilh co la maggior pare dei asri preisi dal mix produio, i paricolar mod-o qer gli spessori soili (i quaii u"gorro processai co elocià ra i 30 ed i 40 m/mi), riduceido i cosi doui al cosumo di aii, aio A (composo prea_ lee HF al 32Vo)e afio Z (composo prealeìe H"O" a 407o) grazie all'ullizzo di acido iolforiòo elle priríe óue asche, di cui la secoda eleroliica, ed icremèado la perceuale di asri i qualià. 0e*e"!r{qlx'ls d*àè'{èerer*m* La sezioe di decapaggio è saa modificaa radicalmee, ri_ speo alla precedee, sia dal puo di isa del processo che da quello recologico. Tale sezioe ifai, precedeemee cosiuia da due a_ sche di decapaggio ad immersioe, uilizzafi erambe il processo CLEANOX 352R ( H2SO4. HF e Fe*r/Fe*2>1..). do_ po reampig risula cosiuia ila re asche di cui la prima a profilo ribassao e ricircolo co HrSO, a 100 "C, la éco_ da sempre a ricircolo ed eleroliica có HrSOo a g5.c e l'ulima a sprrzzi allizzae gli sessi pric'ipi hi p.o"esso del precedee decapaggio co le doue oiìizzazioile_ gae alla maggior urboleza che si oiee co l,applicazio_ e a spruzzi all'ierfaccia asro-soluzioe. Tue le asche soo doae di serbaoio di preparazioe, ac_ cumulo e ricircolo soluzioe co le rispeìe pompe di ri_ lacio alle asche di decapaggio sorasai. Per ogi soluzioe di processo è sao isallao u dedicao sisema di aalisi i auomaico che regola le adduzioi de_ gli aii elle rispeie sezioi. Ciò affie di maeere le codizioi di aggressiià dei bagi il più cosai possibile ed.a.specifica per le arie ipologìe di àcciai procesiai (fer_ riici od auseiici) Co ale uoo asseo di processo si è riuscii ad aere ua buoa qualià di decapaggio, ache come cosaza etla qualià, riducedo di circa il 30Vo i cosi di decapaggio rispeo all' as seo proces so/impiao precedee-, ii-pari_.di colar modo per gli acciai ferriici. Ciò, sempre, sezal'ui_ hzzo di acidi iquiai come 'HNO3. Per poer rcalizzare il passaggio dal ecchio al uoo deca_ paggio i empi ridoissimi (circa l0 gg) si è sudiao u uoo pass-lie che preedea 'isallazioe di ua la uoa sezioe sopraeleaa su calpeerie mealliche al di sopra del decapaggio esisee durae la produzioe della liea e le asche di ricircolo a effa lao opeiaore isieme ai gruppi di pompaggio riscaldo/raffreddameo soluzioi. queso- modo si e pouo moare, collegare e esare gra pare degli equipaggiamei prima della fermaa della li"ea. Soo sai realizzai i fermaia ui i collegamei per adduzioe acidi freschi, per scarico e recuperoioluzioè acida, i collegamei al sisema di aalisi auómaica delle soluzioi e u complesso riposizioameo del gruppo ceraore di uscia decapaggio. {*$1lÌe$_il359*NC l reampig della liea LAC 2 di Teri rappresea u esempio. di come sia possibile, sfruado le dierse espe_ rieze di impiaisi, produori e ricercaori, realizzare ia liea di ricoura e decapaggio per asri iox adeguaa alle sempre più pressai esigeze di mercao e predisposa per ui i possibili fuuri siluppi. Le difficolà che si iiorào oledo rasformare ua liea esisee i produzioe soo moleplici ma possoo essere superae da uo sudio aeo delle macchie esisei e deila loro disposizioe impiai_ sica, isieme alla sudio deagliaissimò dee sequeize di moaggio e della logisica (alimeazioe rooli e maue_ zioe alle liee i produzioe combiaa co le operazioi di rasporo e moaggio dei uoi macchiari). \J *' U la meallurgia ialiaa 27

6 XA(cCAO À OSS DA E3 - EX ar il rr r rb Àl \J \ L A.EsSTFÈ.A(cT Sg'YrÀúP$f#fr'5 úal X$rl'/gÀr.fr{6 div,$ pfr ff.f$r$ d"frrr$ F',Sfi Sr,4i*fúrss Srgrd,f$r rsfr"s The prese marke reds is direced owards he reewal of he radíioal aealig ad picklig lie for sailess seel ho coíls. paricular, i is requesed o icrease he producio of a lie, i order o cu dow he producio/ maieace coss; o process arious kids of maerials wih a wide rage of hickess ad widh; o iroduce operaios, usually doe ou of he lie; o improe he qualiy sadards; îo reduce coss for process fluids ad ffiues reame. 's possible o reach he a.m. aims by modifyig ad/or iegraig he old plas o hereuder lised pars of he lie equipme: - Ucoilig secios, ha are preferably equipped wih a double pay-off reel o improe he preparaio phases of coil head ad ail ed, as well as o icrease he ery ad deliery secio speed. - Srip ery ad deliery sorage equipme, ha is icrea' sed i capabiliy, by replacig wih or by addig loopig cars o he old loopig pis, i order o aoid process secio slowig dow. - Side guidig equipme, ha is replaced by moder seerig deices ha aoid srip off rackig í case of poor srip shape. - Srip coolig equipme cfer he reame furace, ha is added wih mulimedia coolig sysîem proided wih fog ype spray ramps ad flow rae corol sysems ha auomaically ake io accou srip speed, hickess, emperaure ad surface qualiy - Sho blasig machie haig higher capabiliy - Picklig secio ha is proided wih high urbulece shallow ype pícklig aks ad spray iial secios, boh fed wih low polluio picklig fluíds, moreoer characerised by low buyig ad operaio cos. ad reduced reame cos; i's possible o achiee hese resuls elimiaig he polluig acids (HNO ) ad usig maily- HrSO; ad mix of H.SO HF coíolig he Fe*3/ Fe2 raio. - Rewidig secios desiged o reduce exi secio dow ime adfor icreased deliery secio oerspeed - roducio of esio leeller/scale breaker ad side rimmer - Proisio for possible íroducio of a cold rollig mill secio (ype Z-Hi) i he ery secio. - Replaceme of he elecrical ad auomaio sysem The a.m. acíiies hae bee successfully realised for he reampig of he 'AC2 pla a Teri (TALY), as described i his essay. resuled a excepioal operaio, obaied i ery shor ime wih lie workig, durig which i was performed he assembly/disassembly of recoered ad/or modified machies, he supply ad erecio ofew pars. The sar-up afier modificaios ook place i wo separae phases ha requesed lie sops oly lile loger ha he usual oes, paidfor s chedule d mai eac e. {\ r 28 a meallwgia ialiaa

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Idice Corso di Iermediari iaziari e Microcredio Iroduzioe I crieri radizioali di valuazioe dei progei di ivesimeo; La valuazioe dei progei di ivesimeo I crieri fiaziari di valuazioe dei progei d ivesimeo

Dettagli

2. Duration. Stefano Di Colli

2. Duration. Stefano Di Colli 2. Duraio Meodi Saisici per il Credio e la Fiaza Sefao Di Colli Tassi di ieresse e redimei La reddiivià di u obbligazioe è misuraa dal asso di redimeo o dal asso di ieresse U idicaore del redimeo deve

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

F è la tensione equivalente al piede del dente nel punto più sollecitato (tensione effettiva) espressa nel modo seguente: F n

F è la tensione equivalente al piede del dente nel punto più sollecitato (tensione effettiva) espressa nel modo seguente: F n 3ALPGC-Cosruzioe di Macchie 3 4 Calcolo a faica 4. Normaiva UNI 886 Resiseza a flessioe Per quao riguarda il calcolo a faica per flessioe delle ruoe di igraaggi la ormaiva UNI 886 (987) fa riferimeo alla

Dettagli

SCUOLA POLITECNICA IN ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE VILFREDO PARETO MASTER IN E-BUSINESS CAPITAL BUDGETING

SCUOLA POLITECNICA IN ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE VILFREDO PARETO MASTER IN E-BUSINESS CAPITAL BUDGETING CAPITAL BUDGETING VALUTAZIONE DI PROGETTI D INVESTIMENTO CON PREVISIONE DEI FLUSSI DI CASSA ATTESI: l impresa ivese moea oggi per oeere flussi moeari icremeali el fuuro.* PROGETTO: Ivesimeo i arezzaure

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

APPROFONDIMENTI SULLA TEORIA DEL CONSUMO AGGREGATO

APPROFONDIMENTI SULLA TEORIA DEL CONSUMO AGGREGATO Moduo 8a 1 APPROFONDIMENTI SULLA TEORIA DEL CONSUMO AGGREGATO 1. Iroduzioe 2. La eoria de cosumo di Dueseberry 3. La eoria de cico viae di Modigiai 2 1. Iroduzioe Dae esperieze dei maggiori sisemi macroecoomici,

Dettagli

Benne per pale. Accessori

Benne per pale. Accessori Bee per pale Accessori Ua bea Bobcat per ogi tipo di applicazioe Bobcat offre la possibilità di scegliere tra diversi tipi di bee Bea per costruzioe e idustria (bea C/I) La più robusta tra le bee Bobcat,

Dettagli

Nozioni elementari di Analisi Matematica applicate alla Fisica Generale

Nozioni elementari di Analisi Matematica applicate alla Fisica Generale Nozioi elemeari di alisi Maemaica applicae alla Fisica Geerale Nozioe di iegrale ideiio La derivazioe può essere ierpreaa come ua regola che, per ogi uzioe assegaa (primiiva), ci permee di deermiare u

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO IV FACOLTÀ Ingegneria Aerospaziale Fisica Sperimentale A+B - I Appello 16 Luglio 2007

POLITECNICO DI MILANO IV FACOLTÀ Ingegneria Aerospaziale Fisica Sperimentale A+B - I Appello 16 Luglio 2007 POLIECNICO DI ILNO IV FCOLÀ Ingegneria erospaziale Fisica Sperimenale + - I ppello 6 Luglio 007 Giusificare le rispose e scriere in modo chiaro e leggibile. Sosiuire i alori numerici solo alla fine, dopo

Dettagli

Automazione Industriale AA 2002-2003 Prof. Luca Ferrarini

Automazione Industriale AA 2002-2003 Prof. Luca Ferrarini Auomazione Indusriale AA 2002-2003 Prof. Luca Ferrarini Laboraorio 1 Obieivi dell eserciazione Sviluppare modelli per la realizzazione di funzioni di auomazione Comprensione e uilizzo di Ladder Diagrams

Dettagli

ingegneriadel sole soluzioni per un futuro ecosostenibile www.ingegneriadelsole.it

ingegneriadel sole soluzioni per un futuro ecosostenibile www.ingegneriadelsole.it ingegneriadel sole soluzioni per un fuuro ecososenibile soluzioni per un fuuro ecososenibile www.ingegneriadelsole.i / PROFILO AZIENDALE / CO MPA NYPROFILE In un coneso di sigle che cambiano, un puno fermo

Dettagli

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014)

Calcolo Combinatorio (vers. 1/10/2014) Calcolo Combiatorio (vers. 1/10/2014 Daiela De Caditiis modulo CdP di teoria dei segali Igegeria dell Iformazioe - sede di Latia, CALCOLO COMBINATORIO Pricipio Fodametale del Calcolo Combiatorio: Si realizzio

Dettagli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli FOCUS TECNICO IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMIANTI IDROSANITARI asi d espansione e accumuli RODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA Due sono i sisemi normalmene uilizzai per produrre acqua calda saniaria: quello

Dettagli

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti:

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti: Analisi degli Invesimeni Obieivo: Sviluppare una meodologia di analisi per valuare la convenienza economica di un nuovo invesimeno, enendo cono di alcuni faori rilevani: 1. Dimensione emporale. 2. Grado

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

Appendice 1. Le previsioni economiche

Appendice 1. Le previsioni economiche Saisica aziedale Bruo Bracalee, Massimo Cossigai, Aa Mulas Copyrigh 009 The McGraw-Hill Compaies srl Appedice. Le previsioi ecoomiche A. Iroduzioe La previsioe del fuuro da sempre cosiuisce maeria di grade

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Prof. Ing. R. M. Poro A cura della TELECOMUNICAZIONI Con il ermine elecomunicazioni

Dettagli

Supreme. La gamma. Alimenti nutrizionalmente bilanciati per piccoli animali

Supreme. La gamma. Alimenti nutrizionalmente bilanciati per piccoli animali La gamma Supreme Alimeti utrizioalmete bilaciati per piccoli aimali Biky, il coiglio più simpatico della Gra Bretaga, approva il teore di fibre i Supreme Selective Rabbit Supreme Selective Le fibre soo

Dettagli

CONOSCENZE RICHIESTE

CONOSCENZE RICHIESTE CONOSCENZE RICHIESTE MATEMATICA: algebra e calcolo differenziale elemenare. FISICA: ariabili scalari e eoriali. Spazio, elocià ed accelerazione. Moo uniforme. Moo uniformemene accelerao. r r r = ds d r

Dettagli

18.2 SERIE DI FOURIER IN FORMA TRIGONOMETRICA

18.2 SERIE DI FOURIER IN FORMA TRIGONOMETRICA C A P I T O L O 8 SERIE DI FOURIER 8. INTRODUZIONE Nei capioli precedei è sao dedicao ampio spazio alla aalisi di circuii piloai da geeraori siusoidali. Il presee capiolo è dedicao alla aalisi di circuii

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE

SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE Isruzioni e manuenzione nuovo grado +, con poraa maggioraa del 5% rispeo al radizionale grado ; allungameno minimo a roura

Dettagli

Un po di teoria. cos è un condensatore?

Un po di teoria. cos è un condensatore? Sudio sperimenale del processo di carica e scarica di un condensaore cos è un condensaore? Un po di eoria Un condensaore è un sisema di due conduori affacciai, dei armaure, separai da un isolane. Esso

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e.

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e. In m o l ti pa e s i po c o svil u p p a t i, co m p r e s o il M al i, un a dell a pri n c i p a l i ca u s e di da n n o alla sal u t e e, in ulti m a ista n z a, di m o r t e, risi e d e nell a qu al

Dettagli

BARRE TEMPE- R ATE A INDUZIO- NE RETTIFICATE MATERIE PRIME POSSIBILE UTILIZZO BARRE CROMATE. M ATERIALE Acciaio: UNI C 53 (W Nr 1.

BARRE TEMPE- R ATE A INDUZIO- NE RETTIFICATE MATERIE PRIME POSSIBILE UTILIZZO BARRE CROMATE. M ATERIALE Acciaio: UNI C 53 (W Nr 1. 7 M ATERIE PRIME pag 83 BARRE TEMPERATE A INDUZIONE RETTIFICATE POSSIBILE UTILIZZO BARRE CROMATE pag 84 WOLFRAMIO ACCIAIO DA UTENSILI PER LAVORAZIONE A F R E D D O pag 8 WOLFRAMIO TRATTAMENTO TERMICO WOLFRAMIO

Dettagli

Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06

Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06 Scambiatore e recupero calore da ''ATM 2005/06 Foto Foto estera estera scambiatore i i fuzioe fuzioe 20/01/2006 Pagia 1 Iformazioi geerali Impiato dedicato al recupero calore a valle del filtro a maiche.

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

Esame 2003. 1 - Generalità - Rapporto di riduzione

Esame 2003. 1 - Generalità - Rapporto di riduzione Esae 003 Si deve provvedere all accoppiaeto tra u otore asicroo trifase ed ua popa a vite, ediate u riduttore a ruote detate cilidriche a deti diritti. Cosiderado che: il otore asicroo ha ua sola coppia

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14 Universià di isa - olo della Logisica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sisemi Logisici Anno Accademico: 03/4 CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Docene: Marino Lupi

Dettagli

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

Lezione n.12. Gerarchia di memoria

Lezione n.12. Gerarchia di memoria Lezione n.2 Gerarchia di memoria Sommario: Conceo di gerarchia Principio di localià Definizione di hi raio e miss raio La gerarchia di memoria Il sisema di memoria è molo criico per le presazioni del calcolaore.

Dettagli

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione Ecoomia Iterazioale - Soluzioi alla IV Esercitazioe 25/03/5 Esercizio a) Cosa soo le ecoomie di scala? Come cambia la curva di oerta i preseza di ecoomie di scala? Perchè queste oroo u icetivo al commercio

Dettagli

1. Considerazioni generali

1. Considerazioni generali . osiderazioi geerali Il processaeto di ob su acchie parallele è iportate sia dal puto di vista teorico che pratico. Dal puto di vista teorico questo caso è ua geeralizzazioe dello schedulig su acchia

Dettagli

Analisi statistica dell Output

Analisi statistica dell Output Aalisi statistica dell Output IL Simulatore è u adeguata rappresetazioe della Realtà! E adesso? Come va iterpretato l Output? Quado le Osservazioi soo sigificative? Quati Ru del Simulatore è corretto effettuare?

Dettagli

Rischio di interesse: Il modello del clumping. Prof. Ugo Pomante Università di Roma Tor Vergata

Rischio di interesse: Il modello del clumping. Prof. Ugo Pomante Università di Roma Tor Vergata Rischio di ieresse: Il modello del clumpig Prof. Ugo Pomae Uiversià di Roma Tor Vergaa Problemi dei modelli precedei Repricig gap e duraio gap Ipoesi variazioe uiforme dei assi di ieresse delle diverse

Dettagli

Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni

Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni Problemi di Schedulig Defiizioi I problemi di schedulig soo caratterizzati da tre isiemi: Attività (Task) T {T,T 2, T } macchie (Machies) P {P,P 2, P m } Risorse R {R,R 2, R s } Schedulig: assegare m Macchie

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI INDUSTRIALI

TRATTAMENTI TERMICI INDUSTRIALI RAAMENI ERMICI INDUSRIALI I principali raameni ermici degli acciai possono essere suddivisi in:.. per i quali si esegue un riscaldameno dell acciaio a > A 3 (ricoura, normalizzazione, empra).. per i quali

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

Scritto da Per. Ind. Bruno Orsini Venerdì 21 Giugno 2013 17:41 - Ultimo aggiornamento Domenica 23 Giugno 2013 08:55

Scritto da Per. Ind. Bruno Orsini Venerdì 21 Giugno 2013 17:41 - Ultimo aggiornamento Domenica 23 Giugno 2013 08:55 La Norma CEI 0-21, la uova regola tecica di coessioe BT Per quato riguarda gli impiati elettrici, oltre alle prescrizioi della Norma CEI 64-8 e successive variati, occorre teere i cosiderazioe u ulteriore

Dettagli

Ammortamento di un debito

Ammortamento di un debito Ammorameo di u debio /35 Ammorameo di u debio Che cosa si iede per ammorameo? Ammorameo coabile La quoa di ammorameo cosiuisce la pare del coso di u bee maeriale o immaeriale di ivesimeo da aribuire all

Dettagli

serie COMIGNOLI Realizzato in acciaio inox AISI 316L BA n Parete interna liscia n Adattabilità ad ogni situazione (UNI 7129 parte3)

serie COMIGNOLI Realizzato in acciaio inox AISI 316L BA n Parete interna liscia n Adattabilità ad ogni situazione (UNI 7129 parte3) S I S T E M I F U M A R I serie COMIGNOLI Realizzato i acciaio iox AISI 316L BA Parete itera liscia Adattabilità ad ogi situazioe (UNI 7129 parte3) Facile e veloce da motare Desig piacevole e progettazioe

Dettagli

ANALISI NUMERICA DI TELAI PER INFISSI AD ELEVATA RESISTENZA TERMICA. Giorgio Baldinelli 1. Tel.: 075/5853868; E-mail: baldinelli.unipg@ciriaf.

ANALISI NUMERICA DI TELAI PER INFISSI AD ELEVATA RESISTENZA TERMICA. Giorgio Baldinelli 1. Tel.: 075/5853868; E-mail: baldinelli.unipg@ciriaf. 09.011 ANALISI NMERICA DI TELAI PER INFISSI AD ELEVATA RESISTENZA TERMICA Giorgio Baldinelli 1 1 niersià degli Sudi di Perugia - Diparimeno di Ingegneria Indusriale, Via G. Durani 67, Perugia. Tel.: 075/5853868;

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15 Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Iformatica A.A. 014/15 Complemeti di Probabilità e Statistica Prova scritta del del 3-0-15 Puteggi: 1. 3+3+4;. +3 ; 3. 1.5 5 ; 4. 1 + 1 + 1 + 1 + 3.5. Totale = 30.

Dettagli

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE)

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE) Analisi degli invesimeni Il bilancio è una sinesi a poseriori della siuazione di un'azienda. La valuazione degli invesimeni è un enaivo di valuare a priori la validià delle scele dell'azienda. L'invesimeno

Dettagli

la climatizzazione professionale: refrigeratori aria-acqua

la climatizzazione professionale: refrigeratori aria-acqua la climatizzazioe professioale: refrigeratori aria-acqua 20 REFRIGERATORI ARIA-ACQUA IN POMPA DI CALORE JFP E, JFP E-P CON VENTILATORI ASSIALI 22 REFRIGERATORI ARIA-ACQUA IN POMPA DI CALORE JFM E, JFM

Dettagli

Prova scritta di Statistica per Biotecnologie. 29 Aprile Programma Cristallo 1

Prova scritta di Statistica per Biotecnologie. 29 Aprile Programma Cristallo 1 Prova scritta di Statistica per Biotecologie 9 Aprile Programma Cristallo. Uo dei processi di purificazioe impiegati i ua certa sostaza chimica prevede di metterla i soluzioe e di filtrarla co ua resia

Dettagli

l M DA 03/09/07 Termonovela in 17 puntate

l M DA 03/09/07 Termonovela in 17 puntate a e i a d l a c e n e l o i a z a M s n? e o d n n a o s c n e d n o c e s ì S 1 ermonovela in 17 puntate DAI ERMODINAMICI RELAIVI ALLA CONDENSAZIONE BRUCIANDO 1 m3 DI GAS SI OIENE: 8127 Kcal + 1,55 Kg

Dettagli

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015

Corso di Elementi di Impianti e macchine elettriche Anno Accademico 2014-2015 Corso di Elemeti di Impiati e mahie elettriche Ao Aademico 014-015 Esercizio.1 U trasformatore moofase ha i segueti dati di targa: Poteza omiale A =10 kva Tesioe omiale V 1 :V =480:10 V Frequeza omiale

Dettagli

ESEMPIO 1. Immaginiamo come si distribuirebbero le stime campionarie se l operazione di campionamento venisse ripetuta più volte.

ESEMPIO 1. Immaginiamo come si distribuirebbero le stime campionarie se l operazione di campionamento venisse ripetuta più volte. ESEMPIO Prima dell esplosioe di ua cetrale ucleare, i terrei di ua certa regioe avevao ua produzioe media di grao pari a 00 quitali co uo scarto di 5. Dopo la catastrofe si selezioao 00 uità di superficie

Dettagli

Si analizza la lavorazione attuale per ricavare dati sulla durata utensile. A questo scopo si utilizza la legge di Taylor:

Si analizza la lavorazione attuale per ricavare dati sulla durata utensile. A questo scopo si utilizza la legge di Taylor: Esercizio D2.1 Torniura cilindrica eserna Un ornio parallelo è arezzao con uensili in carburo e viene uilizzao per la sgrossaura di barre in C40 da Φ 32 a Φ 28. Con un rapporo di velocià corrispondene

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

enerbuild Costruzioni civili ed industriali Sistemi di copertura tetti gruppo ANAFGROUP

enerbuild Costruzioni civili ed industriali Sistemi di copertura tetti gruppo ANAFGROUP La casa è il bene rifugio per eccellenza, la sicurezza, l eredià da lasciare ai figli. Cosruzioni civili ed indusriali La casa, nuova da cosruire o vecchia da risruurare... La sruura indusriale, prefabbricaa

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Modelli attuariali per la previdenza complementare

Modelli attuariali per la previdenza complementare Modelli auariali per la prevideza complemeare Fabio Grasso Diparimeo di Scieze Saisiche Uiversià degli Sudi di Roma La Sapieza fabiograsso@uiroma1i Riassuo Il presee lavoro esamia i profili auariali della

Dettagli

Approfondimenti di statistica e geostatistica

Approfondimenti di statistica e geostatistica Approfodimeti di statistica e geostatistica APAT Agezia per la Protezioe dell Ambiete e per i Servizi Tecici Cos è la geostatistica? Applicazioe dell aalisi di Rischio ai siti Cotamiati Geostatistica La

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I S E Z I O N E I ) : A M M I N I ST R A Z I O N E A G G I U D I C A T R I C E I. 1 ) D e n o m i n a z i o ne, i n d ir i z z i e p u n t i d i c o

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO SIMULAZIONE DELLA II PROVA A.S. 014-15 Indirizzo: SCIENTIFICO Tema di: MATEMATICA 1 Nome del candidao Classe Il candidao risolva uno dei due problemi; il problema da

Dettagli

del segnale elettrico trifase

del segnale elettrico trifase Rappresenazione del segnale elerico rifase Gli analizzaori di poenza e di energia Qualisar+ consenono di visualizzare isananeamene le caraerisiche di una ree elerica rifase. Rappresenazione emporale I

Dettagli

Demand-Side Management in a Smart Micro-Grid: A Distributed Approach Based on Bayesian Game Theory

Demand-Side Management in a Smart Micro-Grid: A Distributed Approach Based on Bayesian Game Theory Demad-Side Maagemet i a Smart Micro-Grid: A Distributed Approach Based o Bayesia Game Theory Matteo Sola e Giorgio M. Vitetta Dipartimeto di Igegeria Ezo Ferrari Uiversità degli Studi di Modea e Reggio

Dettagli

MANIAGO 9 APRILE 2014 IDEA PROGETTU ALE E RISULTATI Affitta?sì

MANIAGO 9 APRILE 2014 IDEA PROGETTU ALE E RISULTATI Affitta?sì hp://www.affiasi-dolomii.i/ MANIAGO 9 APRILE 2014 IDEA PROGETTU ALE E RISULTATI Affia?sì Comunià Monana del FRIULI OCCIDENTALE 1 hp://www.affiasi-dolomii.i/ o «Affi a?sì! ENTI FINANZIATORI Regione Friuli

Dettagli

Un modello di interazione tra CPU e dispositivi di I/O

Un modello di interazione tra CPU e dispositivi di I/O Idice lezioe: Richiami e otazioi: Abbiamo visto: sistema moolitico (I + E + O) dividiamo I e O da E, e affidiamo loro ua CPU replichiamo gli I e gli O per parallelizzare sigolarmete gli I e O Parallelizzazioe

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facolà di Ecoomia Diparimeo di Maemaica, saisica, iformaica e applicazioi "Lorezo Mascheroi" Doorao di Ricerca i: Meodi compuazioali per le previsioi e decisioi ecoomiche

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA

STATISTICA DESCRITTIVA STATISTICA DESCRITTIVA La statistica descrittiva serve per elaborare e sitetizzare dati. Tipicamete i dati si rappresetao i tabelle. Esempio. Suppoiamo di codurre u idagie per cooscere gli iscritti al

Dettagli

Metodi statistici per l analisi dei dati

Metodi statistici per l analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due ttameti Motivazioi ttameti Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ttameti) per cui soo stati codotti gli esperimeti. due ttameti Esempio itroduttivo

Dettagli

Preparare l ambiente di posa in opera

Preparare l ambiente di posa in opera Preparare l ambiene di posa in opera Prima della posa in opera, il parque deve essere conservao in ambieni asciui, con imballo inegro e chiuso, proeo da evenuali influenze dell'ambiene eserno che porebbero

Dettagli

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli:

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli: PROPOSTA DI UN PROTOCOLLO DI PROVE PER IL CONTROLLO DELLE CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE FINALITÀ Nel campo edile l utilizzo di rivestimeti esteri da riportare sulle

Dettagli

I 3 addendi nel modello di Lighting di OpenGL. Modello di illuminazione di OpenGL. luce finale = ambiente + riflessione + emissione.

I 3 addendi nel modello di Lighting di OpenGL. Modello di illuminazione di OpenGL. luce finale = ambiente + riflessione + emissione. Modello di illumiazioe di OpeG el resto di questa lezioe vediamo il modello di illumiazioe di OpeG è il modello di lightig storico quello adottato dalla Fixed Pipelie di OpeG eza shader programmati: l

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

Calibrazione di tranche CDO con il modello dinamico GPL

Calibrazione di tranche CDO con il modello dinamico GPL Calibrazioe di rache CDO co il modello diamico GPL La calibrazioe di u idice di credio e delle sue rache cosiseemee sulle varie scadeze co u sigolo modello i asseza di opporuià di arbiraggio è u problema

Dettagli

Probabilità e Statistica I

Probabilità e Statistica I Probabilità e Statistica I Elvira Di Nardo (Dipartimeto di Matematica) Uiversità degli Studi della Basilicata e-mail:diardo@uibas.it http://www.uibas.it/uteti/diardo/home.html Tel:097/05890 Prerequisiti:

Dettagli

RIDUTTORI EPICICLOIDALI A GIOCO RIDOTTO Accoppiamento a motori brushless, cc e standard IEC/NEMA

RIDUTTORI EPICICLOIDALI A GIOCO RIDOTTO Accoppiamento a motori brushless, cc e standard IEC/NEMA RG RIDUTTORI EPICICLOIDALI A GIOCO RIDOTTO Accoppiameno a moori brushless, cc e sandard IEC/NEMA Riduori epicicloidali RG Descrizione Carcassa monoliica in acciaio bonificao con predisposizione modulare

Dettagli

Schemi a blocchi. Sistema in serie

Schemi a blocchi. Sistema in serie Scem a blocc Nel caso ssem semplc, ques possoo essere scemazza meae blocc, ce rappreseao vers compoe, collega ra loro sere o parallelo a secoa ella logca uzoameo. Vl Valvolal solvee Sesore Pompa Pompa

Dettagli

FONDAMENTI DIINFORMATICA LA MEMORIA. Lezione n. 13

FONDAMENTI DIINFORMATICA LA MEMORIA. Lezione n. 13 FONDAMENTI DIINFORMATICA Lezione n. 13 MEMORIE VLSI, MEMORIE MAGNETICHE EVOLUZIONE, COSTI, CAPACITÀ, PRESTAZIONI PRINCIPIO DI LOCALITÀ CONCETTI DI BASE E TECNOLOGIA DELLE MEMORIE DEFINIZIONE DI HIT RATIO

Dettagli

Navigazione tramite numeri e divertimento

Navigazione tramite numeri e divertimento 60 Chapter 6 Navigazioe tramite umeri e divertimeto Vladimir Georgiev Itroduzioe La ovità pricipale el ostro approccio e l avviciameto del lavoro dei ostri Lab ai problemi della vita reale tramite la parte

Dettagli

Esercizi riguardanti limiti di successioni

Esercizi riguardanti limiti di successioni Esercizi riguardati iti di successioi Davide Boscaii Queste soo le ote da cui ho tratto le esercitazioi del gioro 27 Ottobre 20. Come tali soo be lugi dall essere eseti da errori, ivito quidi chi e trovasse

Dettagli

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA

TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA TRASMISSIONE IN FIBRA OTTICA Storia delle comuicazioi ottiche 84 a.c.: caduta di Troia comuicata a Micee (550km di distaza) attraverso ua serie di fuochi allieati 794 d.c.: rete di Chappe collega Parigi

Dettagli

Random walk classico. Simulazione di un random walk

Random walk classico. Simulazione di un random walk Radom walk classico Il radom walk classico) è il processo stocastico defiito da co prob. S = S0 X k, co X k = k= co prob. e le X soo tra di loro idipedeti. k Si tratta di u processo a icremeti idipedeti

Dettagli

INTERFACCIA COMUNICAZIONE SERIALE PER ESA ESTRO

INTERFACCIA COMUNICAZIONE SERIALE PER ESA ESTRO Bollettio E708 rev0 7/06/0 INTERFACCIA COMUNICAZIONE SERIALE PER SERIE - CARATTERISTICHE Tesioe di alimetazioe: 90 40vac Frequeza di alimetazioe: 40 70 Hz Assorbimeto massimo: 40W Temperatura di fuzioameto:

Dettagli

L ambiente prima di tutto

L ambiente prima di tutto ambiene prima di uo CATAOGO AMPAE ambiene prima di uo a ireiva Europea (2005/32/CE) viea da Seembre 2009 la prima iissione sul mercao di lampade ad elevao consumo energeico per uso domesico. a decisione

Dettagli

m=d/n (33.1) p= π d/n = π m (33.2)

m=d/n (33.1) p= π d/n = π m (33.2) G. Perucci Lezioi di Cosruzioe di Macchie 33. LE RUOTE DENTATE Le ruoe deae soo elemei di macchia uilizzai er la rasmissioe del moo roaorio e della oeza mediae aleri o coassiali, cioè aralleli (ruoe cilidriche),

Dettagli

Microgeografia di superfici implantari: analisi al SEM-EDS

Microgeografia di superfici implantari: analisi al SEM-EDS 81-94_IOS_2-9_Adreasi_bassi.qxp 3-3-29 11:25 Pagia 81 IOS Microgeografia di superfici implaari: aalisi al SEM-EDS LAVORO ORIGINALE (81-94) M. ANDREASI BASSI **F. MONTECARLO **E. RAHO ***D.A. DI STEFANO

Dettagli

Manuale applicazioni Esempi schemi applicativi

Manuale applicazioni Esempi schemi applicativi Manuale applicazioni Esempi schemi applicativi Sistemi basati su dispositivi di controllo Robur MAUALE ALICAZIOI - ESEMI SCHEMI ALICAIVI OE IMORAI: Attenersi sempre alle normative locali o nazionali in

Dettagli

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone

Numerazione binaria Pagina 2 di 9 easy matematica di Adolfo Scimone Numerazioe biaria Pagia di 9 easy matematica di Adolfo Scimoe SISTEMI DI NUMERAZIONE Sistemi di umerazioe a base fissa Facciamo ormalmete riferimeto a sistemi di umerazioe a base fissa, ad esempio el sistema

Dettagli

4 La riserva matematica

4 La riserva matematica 4 La riserva maemaica 4.1 Inroduzione La polizza, come si è viso, viene cosruia in modo da essere in equilibrio auariale alla daa di sipula = 0 e rispeo alla base ecnica del I ordine: se X è il flusso

Dettagli

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO Nel dominio del empo le variabili sono esaminae secondo la loro evoluzione emporale. Normalmene si esamina la risposa del sisema a un segnale di prova canonico, cioè si sollecia

Dettagli

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Strumeti di idagie per la valutazioe psicologica 1.2 - Richiami di statistica descrittiva Davide Massidda davide.massidda@gmail.com Descrivere i dati Dovedo scegliere u esame opzioale, uo studete ha itezioe

Dettagli

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica

Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica Matematica II: Calcolo delle Probabilità e Statistica Matematica ELT A-Z Docete: dott. F. Zucca Esercitazioe # 4 1 Distribuzioe Espoeziale Esercizio 1 Suppoiamo che la durata della vita di ogi membro di

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e ecologie della Comuicazioe Lezioe 4: strato fisico: caratterizzazioe del segale i frequeza Lo strato fisico Le pricipali fuzioi dello strato fisico soo defiizioe delle iterfacce meccaiche (specifiche

Dettagli

Selezione avversa e razionamento del credito

Selezione avversa e razionamento del credito Selezioe avversa e razioameto del credito Massimo A. De Fracesco Dipartimeto di Ecoomia politica e statistica, Uiversità di Siea May 3, 013 1 Itroduzioe I questa lezioe presetiamo u semplice modello del

Dettagli

Random walk classico. Simulazione di un random walk

Random walk classico. Simulazione di un random walk Radom walk classico Il radom walk classico) è il processo stocastico defiito da co prob. S S0 X k, co X k k co prob. e le X soo tra di loro idipedeti. k Si tratta di u processo a icremeti idipedeti e ideticamete

Dettagli

Verifica delle Deformazioni Verifica della Velocità al Contatto

Verifica delle Deformazioni Verifica della Velocità al Contatto Verifica elle Deformazioni Verifica ella Velocià al Conao Ing. Piero Bongio Lezione 4 Borghi Azio S.p.A. Via Papa Giovanni XXIII, 15 400 San Polo Enza RE Tel 05.873193 Fax 05.87367 E-Mail info@borghiazio.com

Dettagli

P i Pf. = P=P f -P i =0,2 atm. tot = =

P i Pf. = P=P f -P i =0,2 atm. tot = = Stato gassoso 1) La camera d aria di uo peumatico viee riempita fio alla pressioe di,5 atmosfere alla temperatura di 5 C; i movimeto, la temperatura ella camera d aria sale fio a 65 C ed il volume aumeta

Dettagli

Collegamenti Albero-mozzo

Collegamenti Albero-mozzo Collegameni Albero-mozzo /11/01 Obieivo: Collegare assialmene ue organi (in moo fisso o mobile) al fine i rasmeere coia orcene e quini eviare che vi sia un moo roaorio relaivo Accoiameno i forma Faore

Dettagli

Lezione n 19-20. Lezioni di Ricerca Operativa. Corso di Laurea in Informatica Università di Salerno. Prof. Cerulli Dott. Carrabs

Lezione n 19-20. Lezioni di Ricerca Operativa. Corso di Laurea in Informatica Università di Salerno. Prof. Cerulli Dott. Carrabs Lezioi di Riera Operativa Corso di Laurea i Iformatia Uiversità di Salero Lezioe 9- - Problema del trasporto Prof. Cerulli Dott. Carrabs Problema del Flusso a osto Miimo FORMULAZIONE mi ( i, ) A o violi

Dettagli

A = 10 log. senϕ = n n (3)

A = 10 log. senϕ = n n (3) CORSO DI LABORATORIO DI FISICA A Misure co fibre ottiche Scopo dell esperieza è la misura dell atteuazioe e dell apertura umerica di fibre ottiche di tipo F-MLD-500. Teoria dell esperieza La fisica sulla

Dettagli