IL TRASPORTO DI PERSONE SU GOMMA IN ITALIA (superiore a 3,5 T) Secondo le norme del Codice della Strada e relativi Regolamenti, Decreti e Circolari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL TRASPORTO DI PERSONE SU GOMMA IN ITALIA (superiore a 3,5 T) Secondo le norme del Codice della Strada e relativi Regolamenti, Decreti e Circolari"

Transcript

1 IL TRASPORTO DI PERSONE SU GOMMA IN ITALIA (superire a 3,5 T) Secnd le nrme del Cdice della Strada e relativi Reglamenti, Decreti e Circlari In quest vademecum viene effettuata una breve distinzine tra i veicli di massa cmplessiva a pien caric superire a 3,5 Tnnellate adibiti al trasprt di persne, vver gli autbus, gli autsndati e i filveicli, cnsiderand le caratteristiche tecniche dei veicli previste dall immensa burcrazia italiana. Verrann anche trattate le principali differenze dei servizi a cui adibire un veicl per trasprt passeggeri: il servizi pubblic di linea, il servizi Nleggi Cn Cnducente e l sculabus. AUTOBUS Gli autbus sn veicli adibiti al trasprt di persne cn più di 9 psti cmpres il cnducente; fann parte della categria degli autveicli. Secnd la classificazine internazinale dei veicli a mtre e trainati, gli autbus rientran nella categria M (veicli a mtre destinati al trasprt di persne cn almen 4 rute) e più precisamente: Categria M1: veicli a mtre destinati al trasprt di persne cn al massim 8 psti a sedere ltre al sedile del cnducente. Categria M2: veicli a mtre destinati al trasprt di persne cn più di 8 psti a sedere ltre al sedile del cnducente e massa massima nn superire a 5 T. Categria M3: veicli a mtre destinati al trasprt di persne cn più di 8 psti a sedere ltre al sedile del cnducente e massa massima superire a 5 T. Le caratteristiche dimensinali e di massa degli autbus, secnd quant prescritt dall art. 61 del CdS, dall art. 216 del reglament e dall art. 62 del CdS, sn le seguenti: lunghezza massima: a due assi: 13,50 metri a tre più assi: 15,00 metri N.B. La sperimentazine degli autbus più lunghi di 12 metri si è cnclusa nel 2001 e attualmente pssn circlare cn lunghezze massime fin a 15 metri (Circlare DTTSIS n MOT2/B). Derga valida sl per gli autbus NCC e granturism: tali autbus pssn essere dtati di strutture prtasci prtabagagli applicate psterirmente a sbalz; pertant in derga all art. 61 CdS e nel rispett del DD , 464/4288(0) e della direttiva 2002/7/CE recepita cn DM , ccrre che gli autbus nn debban superare la lunghezza massima prevista dal CdS anche cn svrastrutture amvibili aggiunte, tip prtasci. larghezza massima: 2,55 metri. Da questa misura sn escluse le sprgenze dvute ai retrvisri mbili di altri dispsitivi per la visine indiretta, i dispsitivi di illuminazine, predellini retrattili, la parte cnvessa del pneumatic situata immediatamente spra il punt di cntatt cn il terren, dispsitivi detraibili di guida laterali mntati su autbus destinati ad essere utilizzati in sistemi di veicli guidati, se nn retratti. Per i sli veicli della categria internazinale M2 e M3, nn si cnsideran anche le rampe di access in rdine di marcia, piattafrme di sllevament e attrezzature analghe in rdine di marcia, purchè nn sprgan più di 10 cm dai fianchi del veicl e gli angli delle rampe anteriri psteriri sian arrtndati cn una curvatura nn inferire a 5 mm, mentre i brdi devn essere arrtndati ed avere una curvatura di almen 2,5 mm (direttiva 2003/19/CE recepita cn DM che mdifica la direttiva 97/27/CE recepita cn DM ). altezza massima: per tutti gli autbus, eccett quelli in servizi pubblic di linea urban e suburban: 4,00 metri; per gli autbus in servizi pubblic di linea urban e suburban: 4,30 metri (devn però circlare bbligatriamente su itinerari prestabiliti, caratteristica essenziale ed irrinunciabile del servizi di linea).

2 masse massime: autbus a 2 assi, eccett quelli in servizi pubblic di linea urban e suburban: 18 Tnnellate; autbus a 2 assi in servizi pubblic di linea urban e suburban: 19 Tnnellate; autbus a 3 più assi: 25 Tnnellate; autbus a 3 assi dtati di asse mtre munit di pneumatici gemellati e di sspensini pneumatiche ( ricnsciute equivalenti dal Minister delle infrastrutture e dei trasprti): 26 Tnnellate; autbus a 4 più assi dtati di asse mtre munit di pneumatici gemellati e di sspensini pneumatiche ( ricnsciute equivalenti dal Minister delle infrastrutture e dei trasprti): 32 Tnnellate. massa massima gravante sull asse più caricat: 12 Tnnellate (in gni cas nn può eccedere il valre limite ricnsciut ammissibile dalla casa cstruttrice del veicl); in cas di assi cntigui la smma delle masse in crrispndenza di tali assi nn deve superare i seguenti valri: 12 Tnnellate: cn distanza assiale inferire a 1 metr; 16 Tnnellate: cn distanza assiale uguale superire a 1 metr e inferire a 1,3 metri; 20 Tnnellate: cn distanza assiale pari superire a 1,3 metri e inferire a 2 metri. I limiti massimi di velcità degli autbus, secnd l art. 142 del CdS, sn i seguenti (vi rientran anche i filbus): per autbus di massa cmplessiva a pien caric fin a 8 Tnnellate: sn validi i limiti generali di velcità, vver: 50 km/h: nei centri urbani; 70 km/h: nei centri urbani, sulle strade le cui caratteristiche cstruttive l cnsentan, previa installazine di appsiti segnali stradali (DLG n. 9/2002); 90 km/h: sulle strade extraurbane secndarie lcali; 110 km/h: sulle strade extraurbane principali; 130 km/h: sulle autstrade; 150 km/h: sulle autstrade cn almen 3 crsie per sens di marcia più la crsia di emergenza (DLG n. 9/2002) limitatamente ad alcuni tratti ben definiti dagli enti prprietari cncessinari delle autstrade, previa installazine di appsiti segnali stradali; 110 km/h: sulle autstrade, in cas di precipitazini atmsferiche di qualsiasi natura (limitazine autmatica e senza bblig si segnaletica DLG n. 9/2002); 90 km/h: sulle strade extraurbane principali, in cas di precipitazini atmsferiche di qualsiasi natura (limitazine autmatica e senza bblig si segnaletica DLG n. 9/2002). per autbus di massa cmplessiva a pien caric superire a 8 Tnnellate: 80 km/h: sulle strade extraurbane secndarie e principali; 100 km/h: sulle autstrade. Nella parte psterire degli autbus e dei filbus, di massa cmplessiva a pien caric superire a 8 Tnnellate, immatriclati in Italia, devn essere indicate le velcità massime cnsentite mediante gli appsiti dischi autadesivi (Art. 142, c. 4 CdS). Gli autbus pssn essere adibiti ad: us di terzi che cmprende: lcazine senza cnducente; servizi di Nleggi Cn Cnducente (NCC); servizi di linea per trasprt di persne. us prpri che cmprende: servizi privat; servizi sculabus. In relazine alle caratteristiche tecniche, le nrme nazinali distingun gli autbus in:

3 autbus; minibus; sculabus; minisculabus. La nrmativa nazinale (D.M e successive mdifiche ed integrazini cn il D.M , D.M , D.M , D.M , D.M e D.M ) distingue, a secnda delle caratteristiche tecniche, gli autbus e i minibus destinati al servizi pubblic di linea, nelle seguenti tiplgie, in base al tip di trasprt effettuat: urban: cn sedili e spazi destinati ai passeggeri in piedi; suburban: cn sedili, spazi destinati ai passeggeri in piedi e cn numer di psti a sedere nn inferire al 40% dei psti ttali (35% per gli autsndati e gli auttreni); interurban: cn sedili e passeggeri in piedi su brevi percrsi cn fermate ravvicinate e pssibilità di trasprtare nel crridi di circlazine (i psti a sedere nn devn essere inferiri al 65% dei psti ttali, 55% per gli autsndati); granturism: nn hann spazi per il trasprt di passeggeri in piedi. Secnd le nrmative Cmunitarie (D.M e Circlare Mtrizzazine n. 495/MOT1.04C - MOT B055 del ) gli autbus pssn essere classificati anche cn il seguente criteri: autbus cn numer di psti inferiri uguale a 22+1 (cnducente): classe A: veicli cn sedili e predispsti per passeggeri in piedi; classe B: veicli nn predispsti per passeggeri in piedi; autbus cn numer di psti superire a 22+1 (cnducente): classe I: veicli cn spazi per passeggeri in piedi; classe II: veicli per trasprt di passeggeri seduti e in piedi nel crridi e in zna che nn superi l spazi previst per due dppi sedili; classe III: veicli cstruiti esclusivamente per il trasprt di passeggeri seduti. Il Minister delle infrastrutture e dei trasprti ha stabilit, cn appsit decret (direttiva 97/27/CE recepita cn D.M e direttiva 2001/85/CE), la crrispndenza tra la classificazine nazinale e quella cmunitaria, al fine di rirganizzare le nrmative vigenti. In sintesi fin al l mlgazine degli autbus era ammessa in base: alla direttiva 2001/85/CE (di mdifica delle direttive 70/156/CE e 97/27/CE) recepita cn D.M ; alle nrme nazinali reglate dal D.M e successive mdifiche ed integrazini. Dp il , il rilasci delle mlgazini è ammess slamente nel rispett della direttiva 2001/85/CE, mentre le mlgazini rilasciate in base alle previgenti nrmative nazinali ptrann essere aggirnate fin al I cdici carrzzeria degli autbus in vigre dal , stabiliti dalla direttiva 2001/85/CE (Circlare DTTSIS n. 3868/MOT2/C), sn i seguenti: autbus cn numer di psti superire a 22+1 (cnducente): classe I: CA: autbus a un pian; CB: autbus a due piani; CC: autsndat a un pian; CD: autsndat a due piani; CE: autbus a un pian cn pianale ribassat; CF: autbus a due piani cn pianale ribassat; CG: autsndat a un pian cn pianale ribassat; CH: autsndat a due piani cn pianale ribassat; classe II: CI: autbus a un pian; CJ: autbus a due piani; CK: autsndat a due piani; CL: autsndat a due piani;

4 CM: autbus a un pian cn pianale ribassat; CN: autbus a due piani cn pianale ribassat; CO: autsndat a un pian cn pianale ribassat; CP: autsndat a due piani cn pianale ribassat; classe III: CQ: autbus a un pian; CR: autbus a due piani; CS: autsndat a un pian; CT: autsndat a due piani; autbus cn numer di psti inferire uguale a 22+1 (cnducente): classe A: CU: autbus a un pian; CV: autbus a un pian cn pianale ribassat; classe B: CW: autbus a un pian. A partire dal , in alternativa alle nrme nazinali, può essere applicat, a richiesta della casa cstruttrice, il reglament ECE n. 52, relativ all mlgazine dei veicli adibiti al trasprt cllettiv di persne cn un numer di passeggeri nn superire a 22 esclus il cnducente (Circlare n. 570/MOT1.04/C del ). In breve, cn il reglament predett, è pssibile abbinare alle tiplgie di veicli previste dalla nrmativa nazinale (D.M ), le relative classi previste dalla nrmativa Cmunitaria (Reg. ECE n. 52), cme riprtat nella seguente tabella: Reglament ECE n. 52 Nrmativa nazinale D.M per autbus fin a 22 psti esclus cnducente Urban Classe A Suburban Classe A Interurban a cncessine reginale cn psti in piedi Classe A Interurban a cncessine reginale senza psti in piedi Classe B Interurban a cncessine statale Classe B Granturism Classe B Nleggi Cn Cnducente Classe B La tabella è valida sl per il passaggi dalla prima clnna alla secnda e nn viceversa (dalla nrmativa nazinale a quella Cmunitaria). Le caratteristiche cstruttive e gli allestimenti interni degli autbus differiscn in base al tip di trasprt da effettuare e in base alla tiplgia di veicl di linea (urban, suburban, interurban e granturism). Cn il D.M e successive mdifiche ed integrazini, vengn stabilite le principali caratteristiche tecniche in relazine all us al quale l autbus è destinat. In base alle caratteristiche cstruttive gli autbus vengn suddivisi in: autbus: veicli adibiti al trasprt di persne, cn più di 16 psti esclus il cnducente; minibus: veicli adibiti al trasprti di persne, cn più di 8 psti, ma men di 16 esclus il cnducente; sculabus: veicl derivat dall autbus destinat al trasprt di studenti; minisculabus: veicl derivat dal minibus destinat al trasprt di studenti. Il D.M (nrmativa nazinale) individua inltre le prescrizini cstruttive relative a: prte di servizi, prte, finestrini e paratie di emergenza; paviment e crridi; abitacl del cnducente; masse e dimensini; resistenza della struttura; prtezine antincendi; sistemazini interne;

5 illuminazine interna; sbalz psterire e anterire; mancrrenti ed appigli interni, nnché le bagagliere; impiant di riscaldament e di aerazine nell abitacl dei passeggeri; servizi igienici; clrazine esterna (*); ecc (*) N.B. In merit alla clrazine esterna ccrre segnalare che il D.M ha eliminat le previste clrazini esterne degli autbus; prima del citat decret le clrazine eran le seguenti: autbus urbani e suburbani: giall aranci (salv specifiche derghe); autbus interurban a cncessine reginale: azzurr; autbus interurban a cncessine statale: rss azzurr; autbus granturism: celeste e grigi chiar; sculabus e minisculabus: giall limne; autbus da Nleggi Cn Cnducente e privati: clrazini differenti dalle precedenti. In merit alla nrmativa cmunitaria, la direttiva 2001/85/CE definisce una serie di prescrizini tecniche in materia di: superficie dispnibile per passeggeri; iscrizini sui veicli; prve di stabilità; prtezine cntr i rischi di incendi; uscite di servizi e di sicurezza; finiture interne; illuminazine artificiale; sezine sndata dei veicli sndati; manteniment di direzine dei veicli sndati; mancrrenti e maniglie; prtezine del pzzett degli ccupanti; eventuali btle; materiale audivisiv; calcl limite di ribaltament; resistenza della svrastruttura; prve del ribaltament e del pendl su una sezine della carrzzeria; dispsitivi tecnici per passeggeri disabili; caratteristiche dei veicli a due piani (*). (*) N.B. Per gli autbus a un a due piani privi di tett la nrmativa di riferiment è sempre la 2001/85/CE ed eventuali prescrizini d us sn a caric degli stati membri. Per l Italia, il DTT ha stabilit che pssn essere utilizzati in servizi di linea previa autrizzazine dell ente cmpetente, ma alle seguenti cndizini (Circlare DTTSIS n. 1377/M360 del ): velcità massima di esercizi 50 km/h; bblig della presenza di un accmpagnatre, cn pst riservat; nn sn ammessi passeggeri in piedi nel cas di autbus ad un pian e nel pian superire in cas di autbus a due piani; nn è pssibile alzarsi durante la marcia (devn essere affisse delle appsite targhette mnitrie che avvisin gli ccupanti); mnitraggi cn sistema televisiv del pian superire; bblig dell accmpagnatre al pian superire, in cas di autbus a due piani; autrizzazine all esercizi di linea su percrs cmpatibile cn le caratteristiche tecniche dell autbus. I dispsitivi di equipaggiament di sicurezza bbligatri per la messa in circlazine e in servizi di un autbus (la nrmativa vale anche per filveicli e autsndati) sn: estintri: sn previsti, in base al numer dei psti:

6 un estintre da 5 kg a plvere un da 2 Kg ad anidride carbnica: fin a 30 psti; un estintre da 5 kg a plvere due da 2 kg ad anidride carbnica: ltre i 30 psti. Gli estintri vann allggiati in appsite nicchie in pprtune sedi in md che nn si muvan durante la marcia; in cas di due estintri, vann cllcati ppsti l un dall altr, vver un vicin al cnducente e un nella parte psterire del veicl. Vann revisinati peridicamente (gni 6 mesi) da appsite ditte specializzate che appngn una targhetta cn appsita punznatura dell ultima revisine effettuata; l estintre deve essere cntrllat peridicamente attravers l appsit manmetr per verificare l effettiva carica (il manmetr deve essere psizinat sulla clrazine verde); uscite di sicurezza: varian in base al numer dei passeggeri, vver: fin a 22 passeggeri: 3 uscite; da 23 a 35 passeggeri: 4 uscite; ltre 35 passeggeri: 5 uscite. Le uscite di sicurezza pssn essere cnsiderate cme: prte: apribili cn appsita maniglia rssa da rutare vers l alt; finestrini: di almen 50 x 70 cm, sn appsitamente ricnscibili da appsita dicitura di clre rss riprtante sia internamente che esternamente al vetr uscita di emergenza rmpere in cas di necessità. Nelle immediate vicinanze del finestrin deve essere psizinat un idne martellett, sempre di clre rss, per l eventuale distruzine, quindi apertura, dell uscita; paratie: di almen 50 x 70 cm, sn cllcate sul tett del veicl e sn ricnscibili da appsita dicitura di clre rss riprtante uscita di emergenza rutare la maniglia in cas di necessità. tiplgie dei vetri: i vetri devn avere le seguenti caratteristiche: il parabrezza: è un vetr stratificat. Nn si frantuma nemmen se viene clpit cn vilenza e anche se rtt nn tglie mai del tutt la visibilità; è frmat da due lamine di vetr cn interpsta una sttile ma rbusta pellicla di plastica; i vetri laterali e psterire (uscite di sicurezza): sn vetri temperati infrangibili. Sn vetri cmuni sttpsti ad un trattament termic in md da ttenere una struttura interna reticlare visibile anche ad cchi nud. In cas di urt cntr un crp appuntit espldn e si riducn in tanti frammenti minuscli; ceppi fermaruta: sn bbligatri 2 ceppi (4 per i cmplessi veiclari) su tutti i veicli di massa cmplessiva a pien caric superire a 3,5 Tnnellate; prte di servizi: si intendn le prte per la salita-discesa dei passeggeri e varian in base al tip di autbus e al numer dei passeggeri trasprtati, vver: per i minibus: 1 prta (sulla fiancata destra psizinata anterirmente); per gli autbus urbani e suburbani: da 17 a 60 passeggeri: 2 prte; da 61 a 95 passeggeri: 3 prte; ltre i 95 passeggeri: 4 prte; per gli autbus interurbani e granturism: fin a 22 psti: 1 prta; ltre i 22 psti: 2 prte; Le dppie prte di servizi vengn cmputate cme due prte. Tutte le prte, che sian elettriche, idrauliche pneumatiche, vengn aperte esclusivamente dal cnducente e la lr chiusura deve essere segnalata sul crusctt da delle spie; FILOVEICOLI I filveicli sn veicli: a mtre elettric, cllegati ad una linea aerea di cntatt per l alimentazine; nn vinclati da rtaie; marcianti su rute gmmate e nn in sede prpria; muniti di mtre ausiliari a scppi diesel (nn bbligatriamente). A lr vlta si suddividn, cme per gli autveicli, in filbus, filsndati, filtreni, ecc Prevalentemente circlan in aree urbane suburbane e su percrsi prestabiliti.

7 Secnd l art. 55 del CdS la definizine di filveicl nn si discsta da quella del vecchi Cdice se nn per l intrduzine della pssibilità di alimentare i mtri cn una srgente ausiliaria di energia elettrica per l installazine a brd di un mtre ausiliari nn necessariamente elettric. Inltre cn il nuv Cdice della Strada è stat ablit l elenc tassativ dei tipi di filveicli in relazine alla lr destinazine d us: attualmente i filveicli pssn essere destinati, cmpatibilmente cn le lr caratteristiche, ad una qualsiasi delle categrie previste dall art. 54 del CdS per gli autveicli (filbus, filsndati e filtreni, che crrispndn rispettivamente agli autbus, autsndati e auttreni). Secnd il D.T.T., che ha emanat specifiche nrme, i filbus hann un ver e prpri librett prpri anche se nn sn sggetti ad una vera e prpria immatriclazine e sn sggetti a revisine annuale. I filbus sn equipaggiati cn gli stessi dispsitivi bbligatri previsti per gli autveicli e tutti gli altri specifici dispsitivi di sicurezza presenti sugli autbus, mentre nn sn invece dtati di dispsitivi silenziatri e di scaric (se privi di mtre termic). Le caratteristiche dimensinali e di massa dei filbus, nnché i limiti massimi di velcità per la circlazine su strada, sn i medesimi degli autbus (si rimanda al capitl relativ agli autbus), cn le seguenti variazini: lunghezza massima filsndati: 18,00 metri; lunghezza massima filtreni: 18,75 metri sl cn le seguenti cndizini tecniche (DM ): la distanza misurata parallelamente all asse lngitudinale del veicl cmbinat, tra l estremità anterire della zna di caric dietr l abitacl e l estremità psterire del rimrchi, nn deve superare 16,40 metri; la distanza sempre misurata parallelamente all asse lngitudinale del veicl cmbinat, tra l estremità anterire della zna di caric dietr l abitacl e l estremità psterire del rimrchi, men la distanza tra la parte psterire del veicl a mtre e la parte anterire del rimrchi stess (interspazi), nn deve superare 15,65 metri; altezza massima filsndati e filtreni: 4,00 metri; limiti massimi di velcità: per i cmplessi veiclari (filtren), nnché per i filsndati i limiti di velcità sn i seguenti: 70 km/h: sulle strade extraurbane secndarie e principali; 80 km/h: sulle autstrade. Nella parte psterire dei filveicli, immatriclati in Italia, devn essere indicate le velcità massime cnsentite mediante gli appsiti dischi autadesivi (Art. 142, c. 4 CdS). Per i cdici carrzzeria, nnché le classificazini per classi e i dispsitivi di equipaggiament di sicurezza si rimanda al capitl relativ agli autbus. L immissine in circlazine dei filveicli è cmpletamente differente da quella degli autveicli ed è subrdinata da prcedure amministrative, specifiche verifiche tecnic-funzinali e verifiche e prve sulla sicurezza e reglarità previste dal DPR n. 753/1980. I risultati di queste verifiche vengn riprtati su un appsit librett previst dal DM n L immissine in servizi è reglamentata dal D.T.T. e prevede: presentazine press l USTIF del SIIT-Trasprti di istanza da parte dell azienda di trasprt che gestisce il servizi filviari unitamente alla dcumentazine prevista dalla circlare DTTSIS , n. 19/2003, vver: planimetria delle linee filviarie e delle fermate; relazine del direttre di esercizi della linea filviaria cn relativa cmpatibilità delle fermate cn l abbattiment delle barriere architettniche; relazine tecnica di un ingegnere e sttscritta del direttre di esercizi sull impiant di alimentazine della linea e gli impianti fissi della filvia; dichiarazine, a firma del direttre di esercizi, della cmpatibilità gemetrica del filveicl prpst cn gli impianti fissi della filvia e le infrastrutture viarie ed urbanistiche esistenti;

8 indicazine delle tratte aziendali dve cnsentire la marcia autnma del filveicl; certificazine di mlgazine cnfrme al DM , n. 238; manuale d us e manutenzine del filveicl. nmina di appsita cmmissine cmpsta da un ingegnere della sede centrale del Minister, il direttre dell USTIF ( ingegnere delegat), direttre dell Azienda esercizi filviari e un rappresentante della regine dell ente lcale delegat (per l svlgiment delle verifiche e prve funzinali ai sensi del DPR n. 753/1980); svlgiment di specifiche verifiche e prve (DTTSIS , n. 19/2003), vver per gni filveicl è prevista: identificazine del filveicl (numer telai e verifica di cnfrmità al prttip mlgat); identificazine delle apparecchiature di trazine; verifica del psizinament della targa del filveicl e del cartell di indicazine caric sprgente ; prve di frenatura; verifica dell efficienza dei dispsitivi autmatici per la rilevazine ed estinzine incendi; verifica delle prestazini in marcia autnma se prevista: efficienza della frenatura, velcità massima, spunt su pendenza cn caric utile massim; verifica delle cntinuità elettrica tra struttura del filveicl e parti metalliche interne; verifica dell efficienza del sistema di captazine della crrente dalla linea di cntatt e del dispsitiv di limitazine dell escursine delle aste di presa; verifica di islament secnd la nrma CEI 9-4 capitl 3; verifica di islament di pedane, rampe, mancrrenti, gradini e prte secnd la nrma CEI 9-4; verifica dell efficienza del dispsitiv rilevatre di dipersine e di quell di verifica delle masse intermedie, secnd la nrma CEI 9-4; In cas di immissine in servizi di un filveicl nn mlgat ai sensi del DM , n. 238, le verifiche e prve di cui spra dvrann essere integrate dalle seguenti: verifica del numer dei psti; verifica dell efficienza del dispsitiv blccaprte e di eventuali prte di emergenza; verifica dei efficienza del sistema installat, per cnsentire la prva di accessibilità al filveicl anche ad utenti cn ridtte capacità mtrie; redazine di un verbale delle verifiche e prve (in duplice cpia: una all Azienda esercizi filviari e l altra alla sede centrale del Minister delle infrastrutture e dei trasprti); rilasci di un nulla sta tecnic ai fini della sicurezza da parte dell USTIF; rilasci dell autrizzazine ai sensi del DPR n. 753/1980 da parte della regine dell ente dall stess delegat. AUTOSNODATI Per autsndati si intendn quei veicli cmpsti da due trncni rigidi cmunicanti e cllegati tra lr permanentemente da una sezine sndata; la lr disgiunzine è cnsentita sl in fficina autrizzata. Per la classificazine internazinale e per i dispsitivi di equipaggiament di sicurezza degli autsndati si rimanda a quella degli autbus, mentre le caratteristiche dimensinali e di massa sn le seguenti (secnd quant prescritt dall art. 61 del CdS, dall art. 216 del reglament e dall art. 62 del CdS): lunghezza massima: 18 metri (cmpres i filsndati); la lunghezza può raggiungere i 18,75 metri, ad eccezine dei filsndati, se: a veicl ferm è tracciat cn una linea sul terren un pian verticale tangente al lat del veicl ed rientat vers l estern della circnferenza; le due unità rigide devn essere allineate al pian;

9 larghezza massima: quand il veicl entra cn un mviment in linea retta nella superficie circlare (fascia d ingmbr) cn raggi estern 12,50 metri e raggi intern di 5,30 metri, nessuna sua parte deve discstarsi da tale pian verticale di più di 0,60 metri; 2,55 metri. Da questa misura sn escluse le sprgenze dvute ai retrvisri mbili di altri dispsitivi per la visine indiretta, i dispsitivi di illuminazine, predellini retrattili, la parte cnvessa del pneumatic situata immediatamente spra il punt di cntatt cn il terren, dispsitivi detraibili di guida laterali mntati su autbus destinati ad essere utilizzati in sistemi di veicli guidati, se nn retratti. Per i sli veicli della categria internazinale M2 e M3, nn si cnsideran anche le rampe di access in rdine di marcia, piattafrme di sllevament e attrezzature analghe in rdine di marcia, purchè nn sprgan più di 10 cm dai fianchi del veicl e gli angli delle rampe anteriri psteriri sian arrtndati cn una curvatura nn inferire a 5 mm, mentre i brdi devn essere arrtndati ed avere una curvatura di almen 2,5 mm (direttiva 2003/19/CE recepita cn DM che mdifica la direttiva 97/27/CE recepita cn DM ); altezza massima: 4,00 metri; masse massime: autsndat a 3 assi: 30 Tnnellate; autsndat a 4 assi: 40 Tnnellate; autsndat a 5 più assi: 44 Tnnellate. I limiti massimi di velcità degli autsndati, secnd l art. 142 del CdS, sn i seguenti: 70 km/h: sulle strade extraurbane secndarie e principali; 80 km/h: sulle autstrade. Nella parte psterire degli autsndati immatriclati in Italia, devn essere indicate le velcità massime cnsentite mediante gli appsiti dischi autadesivi (Art. 142, c. 4 CdS). VEICOLI ADIBITI AL SERVIZIO PUBBLICO DI LINEA Premessa: questa sezine nn prende ancra in cnsiderazine le mdifiche che stann per essere varate cn appsita legislazine dal decret Bersani-Lanzilltta relativ alla liberalizzazine del trasprt pubblic di linea. Quand tutte le nvità inerenti al settre sarann apprvate, quindi definitive, verrann immediatamente riprtate. Il servizi pubblic di linea, per ptersi definire tale, deve avere le seguenti caratteristiche: deve essere cntinuativ (tutt il girn, tutt l ann) peridic (sl in certi peridi); deve avere itinerari prestabiliti (percrsi e fermate prestabiliti); ha rari frequenze prestabilite; è liber a tutti (fferta indifferenziata); ccrre attendere l autbus nelle appsite fermate ed essere muniti di dcument di viaggi da bliterare entr la prima fermata. Può essere effettuat cn qualunque veicl, quali autbus, filbus, autsndati, ecc purchè adibit al trasprt di persne e ricnsciut idne dal Dipartiment dei Trasprti Terrestri, cn relativa anntazine sulla carta di circlazine. Il servizi pubblic di linea, si cntraddistingue in: - urban: il servizi viene effettuat nell ambit cmunale; - suburban: il servizi viene effettuat nell ambit cmunale cn autlinee che scnfinan nell interland del cmune di riferiment; - interurban reginale: il servizi viene effettuat nell ambit reginale; - interurban statale: il servizi viene effettuat nell ambit nazinale, interessand quindi più regini; - gran turism: il servizi nn ha limiti territriali e può essere effettuat in tutt il territri nazinale, csì cme scnfinare in paesi esteri.

10 Il servizi di linea può essere svlt sl se viene stipulat un cntratt di servizi (che ha sstituit la cncessine gvernativa) tra l Ente che richiede il servizi e l Azienda esercente. Il cntratt di servizi ha una durata massima di 9 anni ed è rinnvabile csì cme è revcabile nel cas in cui venisser men i requisiti stipulati tra le parti. Sul cntratt di servizi devn essere riprtate tutte le mdalità di esercizi e gestine del servizi, cme ad esempi, le fasce rarie, i percrsi e le fermate, il numer di veicli e di cnducenti da impiegare, i csti d esercizi, ecc Il cntratt di servizi viene rilasciat dai seguenti Enti: Cmune: se il servizi è di tip urban; Prvincia: se il servizi è di tip suburban; Regine: se il servizi è di tip interurban reginale; Regine (dve la linea percrre più chilmetri): se il servizi è di tip interurban statale è il percrs interessa slamente da due regini; Stat: se il servizi è di tip interurban statale è il percrs interessa più regini; Stat: se il servizi è di tip granturism. La vigilanza sulla reglarità del servizi di linea spetta all Ente che rilascia il cntratt di servizi, mentre la vigilanza sull efficienza del parc veiclare spetta al Dipartiment dei Trasprti Terrestri, mediante la prescritta revisine annuale. Gli autbus utilizzati cme NCC pssn essere utilizzati in servizi di linea e viceversa in casi particlari, previa autrizzazine del Dipartiment dei Trasprti Terrestri e a patt che nn sia cmprmess il servizi a cui viene sttratt il veicl. VEICOLI NCC (NOLEGGIO CON CONDUCENTE) PER TRASPORTO DI PERSONE Il servizi di NCC per il trasprt di persne è un servizi pubblic nn di linea, ciè tra quei servizi finalizzati, dietr richiesta, al trasprt cllettiv d individuale di persne, cn funzine cmplementare ed integrativa rispett ai servizi pubblici di linea ferrviari, autmbilistici, marittimi, lacuali ed aerei, effettuati a richiesta del\dei trasprtat\i in md nn cntinuativ peridic, secnd rari ed itinerari nn fissi ma stabiliti per cas. Il Nleggi Cn Cnducente va cntraddistint dal nleggi senza cnducente, dal servizi di linea, dalla lcazine senza cnducente e dal servizi di piazza (taxi). Distinzini in breve: Nleggi Cn Cnducente e nleggi senza cnducente: quest ultim reglamentat dall art del Cdice Civile, si basa sull bblig del lcatre di far gdere all altra parte (cnduttre) un bene per un temp determinat e dietr un crrispettiv determinat. Il Nleggi Cn Cnducente ha, invece, una natura giuridica del tutt diversa, dve assume una natura prevalente nn il bene mess a dispsizine, ma l pera umana e la garanzia del risultat. Nel cntratt di nleggi la prestazine umana assume prevalenza, in quant, ltre al risultat e ciè cnduzine alla meta richiesta, il nleggiatre deve anche garantire l inclumità dei trasprtati e l integrità dei bagagli. Nleggi Cn Cnducente e servizi di linea: la distinzine tra i due si basa sul fatt che il servizi di linea pera su itinerari prestabiliti e si rivlge ad un utenza indifferenziata nel rispett di rari prestabiliti; caratteristiche che nn si rispecchian nel Nleggi Cn Cnducente, la cui prestazine nn è bbligatria, nn ha limiti territriali, nn ha rari prefissati e nn è sggett a tariffe prestabilite che invece sn cncrdate tra utenza e vettre. Nleggi Cn Cnducente e lcazine senza cnducente: il NCC si differenzia dalla lcazine senza cnducente perché in ess nn c è la cnsegna del veicl al cliente, che perciò nn rispnde in cas di su danneggiament furt. Nleggi Cn Cnducente e servizi di piazza (taxi): il NCC si distingue dal taxi per: stazinament del veicl in rimessa, anziché sul sul pubblic; riceviment delle richieste di prestazine nella sede del vettre anziché ai psteggi pubblici; prestazine di servizi nn bbligatria; prezz lasciat alla libera cntrattazine delle parti.

11 Il Nleggi Cn Cnducente è disciplinat dall articl 85 del C.d.S. e dalla Legge n. 21 del che l autrizza cn i seguenti veicli (riferiment art. 85 DLG art. n. 285 C.d.S. leggi reginali reglamenti cmunali): mtcarrzzette (mtcicli cn carrzzin laterale); autvetture; mtveicli e autveicli per trasprt prmiscu per trasprti specifici di persne (l art. 244 reg. C.d.S. include anche le autambulanze); veicli a trazine animale. La legge n. 218 del , invece, disciplina l attività di NCC cn autbus (trattata in seguit). La carta ci circlazine di tali veicli (salv quelli a trazine animale) è rilasciata sulla base dell autrizzazine cmunale d esercizi e riprta espressamente l indicazine dell us a cui in veicl è destinat. Le caratteristiche del servizi NCC sn: viene effettuat cn autvettura, mtcarrzzetta, natante e veicl a trazine animale (art. 1 c. 2 Legge n. 21 del ) e autbus (Legge n. 218 del ); si rivlge ad un utenza specifica che fa richiesta, press la sede del vettre, di una prestazine di trasprt che può essere a temp e/ a viaggi (art. 3 Legge n. 21); le prentazini di trasprt sn effettuate press le rimesse (art. 11 c. 4 Legge n. 21); la prestazine del servizi nn è bbligatria (art. 13 c. 3 Legge n. 21); il servizi può essere effettuat senza limiti territriali ma deve avere inizi ( deve essere prelevata l utenza) dal territri del cmune che ha rilasciat l autrizzazine (art. 13 c. 3 Legge n. 21); il crrispettiv per il trasprt è direttamente cncrdat tra il vettre e l utenza che ad ess si rivlge (art. 13 c. 3 Legge n. 21): la Legge ha incaricat il Minister delle Infrastrutture e dei Trasprti il cmpit di emanare, entr un ann dalla entrata in vigre della Legge stessa, delle tariffe chilmetriche minime e massime (il Minister cn DM individua i criteri per la determinazine delle tariffe minime e massime per il servizi di nleggi cn autvettura); l stazinament del veicl avviene in appsite rimesse press i pntili di attracc (art. 13 c. 3 Legge n. 21). Nei cmuni dve viene svlt anche il servizi di piazza (taxi), quand il servizi di nleggi è esercitat cn autvettura, è vietat l stazinament su sul pubblic, mentre è cnsentit l utilizz delle crsie preferenziali e delle altre facilitazini alla circlazine previste per i taxi e per gli altri servizi pubblici (art. 11 c. 3 Legge n. 21); nei cmuni dve nn è previst un servizi taxi, è pssibile autrizzare i veicli immatriclati per il servizi di nleggi cn cnducente all stazinament su aree pubbliche destinare al servizi taxi (art. 11 c. 5 Legge n. 21); le autvetture immatriclate per l esercizi di NCC sn anche utilizzate per l esercizi taxi nei cmuni di minre dimensini, individuati per gni prvincia dalla Camera di cmmerci, industria, artigianat e agricltura di cncert cn il cmpetente DTT (art. 14 c. 3 Legge n. 21); i veicli adibiti a NCC recan: all intern del parabrezza anterire e sul luntt psterire un cntrassegn cn la scritta NOLEGGIO ; nella parte psterire una targa inamvibile cn la scritta NCC, l stemma cmunale ed il numer prgressiv di autrizzazine. Le cmpetenze nella reglamentazine del servizi sn dei cmuni (art. 4 c. 3 Legge n. 21) di cncert cn le regini (DPR n. 616). Alle regini spettan varie cmpetenze e pssn emanare nrme speciali per le zne ad intensa cnurbazine; inltre istituiscn il Rul dei cnducenti di veicli natanti adibiti ad autservizi pubblici nn di linea e la Cmmissine per l accertament, previ esame, dei requisiti di idneità

12 all esercizi del servizi nei cnfrnti di chi chiede di iscriversi al rul (art. 6 c. 4 Legge n. 21). Ai cmuni, nel rispett delle nrme reginali, spettan le seguenti cmpetenze: redigere i reglamenti cmunali sull esercizi del servizi (art. 4 c. 3 Legge n. 21); determinare il numer ed il tip di veicli natanti da adibire al servizi, le mdalità di gestine del servizi e i requisiti e le cndizini di rilasci delle autrizzazini (art. 5 Legge n. 21); rilascian le autrizzazini attravers un band di pubblic cncrs. Rul dei cnducenti: il requisit principale per l tteniment dell autrizzazine per il servizi NCC è l iscrizine al Rul dei cnducenti di veicli natanti adibiti ad autservizi pubblici nn di linea. Il Rul è istituit press la Camera di cmmerci, industria, artigianat e agricltura cmpetente (art. 6 c. 1 e c. 5 Legge n. 21). L iscrizine al Rul avviene se l interessat dimstra di essere in pssess del certificat di abilitazine prfessinale (CAP) e dp aver superat un esame reginale che accerti i requisiti all esercizi del servizi cn particlare riferiment alla cnscenza gegrafica e tpnmastica. L iscrizine al Rul è da cnsiderarsi requisit indispensabile per : acquisire la titlarità dell autrizzazine; svlgere attività di cnducente in qualità di dipendente dell impresa; svlgere attività di sstitut a temp determinat del dipendente dell impresa. SCUOLABUS L sculabus è un veicl adibit al trasprt degli studenti. Ha degli allestimenti particlari appsitamente realizzati per il trasprt degli studenti, per i quali pssn essere previsti sedili e spazi cn caratteristiche dimensinali ridtte, stabilite dalle tabelle CUNA NC Gli sculabus sn da cnsiderarsi degli autbus a tutti gli effetti. Pssn essere muniti, in relazine al lr utilizz, di sedile per l accmpagnatre appsitamente realizzat per persne adulte che vigilan durante il trasprt degli alunni. Questi particlari tipi di veicli devn essere dtati del segnale distintiv SCUOLABUS indicat dall art. 135 c. 4 del reglament C.d.S. La clrazine giall limne prevista per gli sculabus è stata definitivamente annullata cn il D.M Il D.M individua i veicli che pssn essere adibiti al trasprt sclastic: autbus, minibus, sculabus e minisculabus immatriclati ad us prpri; autbus, minibus, sculabus e minisculabus immatriclati ad us terzi per il servizi di linea per il servizi di Nleggi Cn Cnducente; autvetture immatriclate ad us di terzi per il servizi da Nleggi Cn Cnducente nn adibite esclusivamente al trasprt sclastic. I suddetti veicli, nel rispett delle tabelle CUNA NC e della Circlare n. 23/97 del , pssn essere adibiti al trasprt di: studenti della scula media; studenti della scula elementare; bambini della scula materna. Per i bambini della scula materna è prevista la presenza di un almen un accmpagnatre, vver una persna adulta; il pst previst per l accmpagnatre deve essere cnfrme alle tabelle CUNA NC Gli autbus circlanti da immatriclare ptrann essere adibiti unicamente al trasprt di: alunni della scula dell bblig; alunni della scula elementare e materna; alunni della scula dell bblig e bambini della scula materna. Sulla carta di circlazine degli sculabus minisculabus devn apparire le varie tiplgie di trasprt. Il trasprt di studenti della scula elementare e di bambini della scula materna su autbus già autrizzati al trasprt degli studenti della scula media è pssibile purché i dcumenti

13 di circlazine riprtin le seguenti diciture: adibit al trasprt degli studenti della scula dell bblig, adibit al trasprt degli studenti della scula media adibit al trasprt di studenti di età nn superire a 14 anni. Il trasprt degli alunni della scula media, dei bambini della scula materna su autbus autrizzati per il trasprt degli alunni della scula elementare è cnsentit purchè i veicli sian attrezzati cn sedili e spazi interni cnfrmemente a quant previst dalla tabella CUNA NC In sintesi sn pssibili le seguenti cmbinazini: sugli autbus degli studenti della scula media pssn salirvi gli studenti della scula elementare e i bambini scula materna; sugli autbus degli studenti della scula elementare pssn salirvi gli studenti della scula media e i bambini della scula materna. Le nrmative in materia di sculabus sn cmunali, mentre le nrmative nazinali a cui fa riferiment quest tip di trasprt sn: D.M nr. 448; T.U nr. 773 (art. 86 e 121); Reg. Esec. T.U nr. 635 (art. 158); D.P.R nr. 616 (art. 85); Legge nr. 21; D. Lgs nr. 285 (Cdice della Strada - artt. 75; 82; 83, 84, 85, 86 e 88); Eventuali leggi reginali. Realizzazine di Christian Bizzi Nel presente puscl sn state riprtate sl le ntizie salienti per distinguere i vari tipi di veicli e i servizi a cui pssn essere adibiti; per richiesta di ulteriri infrmazini chiarimenti in merit è pssibile cntattare Christian Bizzi, all indirizz Fnte dati: EGAF EDIZIONI ESSEBI ITALIA EDITRICE LA STRADA Dicembre 2006

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO Riepilg dcumentazine 1 2 Istanza di autrizzazine all scaric in crp idric

Dettagli

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative Università degli Studi di Messina Ann Accademic 2014/2015 Dipartiment di Scienze Ecnmiche, Aziendali, Ambientali e Metdlgie Quantitative I MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA BANCARIA E FINANZIARIA

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI Md. 1 - Privati D.P.G.R n in data Eventi eccezinali del/dal..al (gg/mese/ann). MODULO PER PRIVATI Cn il presente mdul pssn essere segnalate anche vci di dann nn ricmprese nella LR 4/97 Da cnsegnare al

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati PROPOSTA DI LEGGE N. 4091 D iniziativa dei deputati SANTULLI, ARACU, BIANCHI CLERICI, CARLUCCI, GALVAGNO, GARAGNANI, LICASTRO SCARDINO, ORSINI, PACINI, PALMIERI, RANIERI Statut dei diritti degli insegnanti

Dettagli

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE La direttiva Servizi mira a ffrire ai cnsumatri più scelta, più qualità e un access più facile ai servizi in tutt il territri dell UE PERCHÉ LE NUOVE NORME

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DATALOG ITALIA SRL LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Finanziaria 2008 ha stabilit che la fatturazine nei cnfrnti delle amministrazini dell stat debba avvenire esclusivamente

Dettagli

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800 TARIFFARIO 2015 Valid dal 01.02.2015 Sci Categria Sci Tassa base Us barche Us natante Us tutt Psteggi barche/cana Sci attiv 150 350 550 800 Sci attiv famiglia 160 400 600 800 Sci attiv Junir 50 *1) 100

Dettagli

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq Rma, 29-30-31 ttbre 2003, EUR, Palazz dei Cngressi DOMANDA DI AMMISSIONE A BIBLIOCOM BIBLIOTEXPO 2003 cmpilare in gni sua parte Dati aziendali DATI DELL AZIENDA TITOLARE DELLO STAND DATI PER LA FATTURAZIONE

Dettagli

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti.

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti. COME SCRIVERE LA RELAZIONE DEL PROGETTO La tua relazine finale deve includere le seguenti sezini: Titl Abstract: una versine sintetica della tua relazine. Indice. Dmanda, variabili e iptesi. Il lavr di

Dettagli

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14 Sigeim Energia srl Ftvltaic Veicli elettrici Batterie slari Scnti e agevlazini speciali in CONVENZIONE em.01 14 Negli ultimi 6 anni la Sigeim Energia si è dedicata alla prgettazine e installazine di impianti

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI II REPARTO- COOPERAZIONE INTERNAZIONALE 2 Uffici- Trattamenti ecnmici del persnale all'ester All.8 Indirizz Pstale: Via XX

Dettagli

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 L ann duemilaundici il girn 11 del mese di Aprile alle re 10:00, press la sede della

Dettagli

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008 Manuale Amministratre Edizine Ottbre 2008 Manuale Amministratre PaschiInTesreria - Ottbre 2008 INDICE 1. Intrduzine 3 2. Access Amministratre 4 3. Funzini Amministrative 6 3.1. Gestine Azienda 6 3.2. Gestine

Dettagli

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO RELATIVA AL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE INDICE 1. Elenc mduli richiamati... 4 2. Riferimenti... 4 3. Scp e generalità... 5 4. Camp di applicazine... 5 5. Standard specifici...

Dettagli

Allegato all'articolo Taglialeggi

Allegato all'articolo Taglialeggi Allegat all'articl Taglialeggi Tip att Titl dispsizi ni da abrgare 1 R.D. 773 18/06/1931 Apprvazine del test unic delle leggi di Le persne che hann l'bblig di prvvedere all'istruzine art. 12, elementare

Dettagli

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione )

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione ) CERTIFICATI BIANCHI (TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA TEE) (Fnte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmi energetic, le rinnvabili termiche e la cgenerazine ) 1) MECCANISMO

Dettagli

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015.

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015. REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denminat Scpri l'azerbaijan e vinci un bigliett per Exp2015. 1. SOCIETA PROMOTRICE Simmetric SRL Via V. Frcella 13, 20144 Milan P.IVA 05682780969 (di seguit la Prmtrice

Dettagli

Aggiornamento remoto della chiave hardware

Aggiornamento remoto della chiave hardware AMV S.r.l. Via San Lrenz, 106 34077 Rnchi dei Leginari (Grizia) Italy Ph. +39 0481.779.903 r.a. Fax +39 0481.777.125 E-mail: inf@amv.it www.amv.it Cap. Sc. 10.920,00 i.v. P.Iva: IT00382470318 C.F. e Iscriz.

Dettagli

Scheda di sintesi Armenia

Scheda di sintesi Armenia VI. Prgramma prmzinale 2006: ARMENIA SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA ne altri 1. EVENTI DI PROMOZIONE TURISTICA 1.1 Manifestazini fieristiche diffusine di ntizie tramite e-mail e Sit Internet dell Ambasciata

Dettagli

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE PREMESSA PREMESSA I Servizi via internet, cellulare e telefn le permettn di perare in md semplice e dirett cn la Banca, dvunque lei sia, a qualsiasi ra del girn, scegliend di vlta in vlta il canale che

Dettagli

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE)

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) "per la nzine di "industria" ai fini del trattament di cig ccrre fare riferiment alla legge 9 marz 1989 n. 88

Dettagli

Cos è il Master Essere HR Business Partner?

Cos è il Master Essere HR Business Partner? Cs è il Master Essere HR Business Partner? Un percrs che aiuta i prfessinisti HR ad andare ltre in termini di autrevlezza e fcalizzazine sul cliente e sui risultati. Quali biettivi permette di raggiungere?

Dettagli

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto?

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto? Mdalità di access alla cnvenzine (13) Csa si intende per servizi di scambi sul pst? L scambi sul pst [Deliberazine ARG/elt 74/08, Allegat A Test integrat dell scambi sul pst (TISP)], è un meccanism che

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Prgett di un intervent sit in Pulsan, lc. La Fntana, viale dei Micenei n.70 inserit nei prgrammi integrati di rigenerazine urbana vlti a prmuvere la riqualificazine di città

Dettagli

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation.

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation. Cllabratin, cntent, peple, innvatin. The Need fr an Enterprise Cntent Management System In un mercat knwledge riented, estremamente cmpetitiv e dinamic, le Imprese di success sn quelle che gestiscn in

Dettagli

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5 TELEFONIA MOBILE 5 Realizzat da azienda cn sistema di gestine per la qualità certificat ISO 9001:2008 Smmari 1. PREMESSA... 4 1.1 CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SIM IN CONVENZIONE AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI...

Dettagli

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015 Dati dai questinari Reprt preliminare Maggi 2015 Dati Scule Regine Abruzz 3,9% 16 Basilicata 0,5% 2 Calabria 2,4% 10 Campania 3,9% 16 Emilia Rmagna 4,6% 19 Friuli Venezia Giulia 3,4% 14 Lazi 4,1% 17 Liguria

Dettagli

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ringraziamenti Diverse persne hann cntribuit a quest lavr. Tra queste ringrazi l Avv. Rsari Salnia, che nel nstr ambiente, è cnsiderat il miglir giuslavrista di Rma ed il su

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato RELAZIONE PROGETTO Irene Maria Girnacci Fndamenti di prgrammazine I ann laurea triennale Breve descrizine del prblema trattat Il prblema assegnat cnsiste nell svilupp di una agenda elettrnica, cmpsta da

Dettagli

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione referente e-mail PEC referente identificatre titl descrizi Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre Affari Gerali Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre

Dettagli

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas www.siemens.cm/medium-vltage-switchgear Quadri fissi cn interruttre autmatic tip NXPLUS C fin a kv, islati in gas Quadri di media tensine Catalg HA 5. 0 Answers fr infrastructure and cities. R-HA5-6.tif

Dettagli

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI Una spina elettrica è un cnnettre elettric che può essere inserit in una presa di crrente cmplementare. Per mtivi di sicurezza, il lat cstantemente stt tensine è sempre

Dettagli

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione RETTE Definizine intuitiva La retta linea retta è un dei tre enti gemetrici fndamentali della gemetria euclidea. Viene definita da Euclide nei sui Elementi cme un cncett primitiv. Un fil di ctne di spag

Dettagli

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it Cndizini Generali sit SOSartigiani.it 1. Premesse 1.1 Il presente accrd è stipulat in Italia tra il Dtt. Lrenz Caprini, via Garibaldi 2, Trezzan Rsa 20060 Milan, ideatre di SOSartigiani.it di seguit denminat

Dettagli

1. CORRENTE CONTINUA

1. CORRENTE CONTINUA . ONT ONTNUA.. arica elettrica e crrente elettrica e e e e P N NP e e arica elementare carica dell elettrne,6 0-9 Massa dell elettrne m 9, 0 - Kg L atm è neutr. Le cariche che pssn essere spstate nei slidi

Dettagli

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni Rendiam prduttive le riunini Per prgettare un mdell di scula: un apprcci culturale e filsfic un elabrazine pedaggica una prgettazine didattica frti cnscenze disciplinari L autnmia è: respnsabilità innvazine

Dettagli

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione Dtt. Pal Mnella Labratri di Infrmatica Specialistica per Lettere Mderne 2 semestre, A.A. 2009-2010 Dispensa n. 3: Presentazini Indice Dispensa n. 3: Presentazini...1 1. Micrsft Pwer Pint: cstruire una

Dettagli

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata.

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata. 8.. STRUMENTI MATEMATICI 8. Equazini alle differenze. Sn legami statici che legan i valri attuali (all istante k) e passati (negli istanti k, k, ecc.) dell ingress e k e dell uscita u k : u k = f(e 0,

Dettagli

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi Via Renat Cesarini, 58/60 00144 Rma Via Scrate 26-20128 - Milan P. IVA: 01508940663 CCIAA: 11380/00/AQ Cisc, Juniper and Micrsft authrized Trainers Esame 70 291: (Btcamp Crs MS-2276 e crs MS-2277 ) Crs

Dettagli

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H Manuale d us Manuale d us EPIC 10 cdice articl 5400321-03 Rev. H INDICE Indice... 1 Intrduzine... 4 1. Cnfezine... 5 1.1 Elenc dei cmpnenti del sistema... 5 1.2 Dati Tecnici... 5 2. Descrizine dell apparecchiatura...

Dettagli

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE ER IMIEGHI SECIALI FINO A 1000 VOL ROGRAMMA Giraviti VDE inze VDE Cricchetti VDE Assrtimenti VDE 1 2 UENSILI GEDORE VDE utti gli utensili i sicurezza GEDORE mlgati VDE in plastica mrbia sn tati i islament

Dettagli

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner Engineering Prcess Owner ING. FABIO GIANOLA Dati Anagrafici Nat a Milan il 25/11/1968. Nazinalità: Italiana Residenza: Milan Prfessine: Da Nvembre 2013 Amministratre Unic di I.Q.S. Ingegneria Qualità e

Dettagli

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010 Nta tecnica riferita alla nta M.I.U.R. prt. n. 8409 del 30 lugli 2010 Oggett: Istruzini amministrativ-cntabili per le istituzini ggett di dimensinament. Le Istituzini sclastiche, per quant attiene all

Dettagli

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi...

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi... Idee per nn far fatica Nn vui disegnare a man libera? Preferisci usare il cmputer? Nessun prblema! Pui... Utilizzare gli emticn In quest blg ci sn numersi emticn a tua dispsizine. Clicca semplicemente

Dettagli

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014 Annual General Meeting AGM 36 Aprile 2014 Erasmus Student Netwrk Annual General Meeting 2014 Milan Italia COS'E' ESN? Erasmus Student Netwrk (ESN) è una delle più grandi assciazini studentesche in Eurpa.

Dettagli

Alto Apprendistato 2011-2013

Alto Apprendistato 2011-2013 Alt Apprendistat 2011-2013 Dcente: 2010 - CEFRIEL The present riginal dcument was prduced by CEFRIEL fr the benefit and

Dettagli

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto.

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto. CONTENUTO INTRODUZIONE Descrizine della piattafrma Servizi di ricezine di dati Servizi di trading Materiale di supprt INIZIARE A LAVORARE CON VISUAL CHART V Requisiti del sistema Cme ttenere i dati di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti Ver.1.0.20101105 Cntenuti SOAP QWERTY 1. Per la Vstra Sicurezza... 4 2. Prfil del telefn... 7 3. Prim utilizz... 9 Installare la SIM Card... 9 Installare la Memry card... 11 Installare la Batteria... 12

Dettagli

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014 Deliberazine G.C. nr. 14 dd. 23.01.2014 Pubblicata all'alb cmunale il 31.01.2014 OGGETTO: Adzine pian triennale di prevenzine della crruzine (p.t.p.c.) ai sensi della legge n. 190 del 06.11.2012. Deliberazin

Dettagli

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana INFORMAZIONI PERSONALI MARTINA ZIPOLI Sess Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazinalità Italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE Archelga press cantieri di scav prgrammat ed emergenza, cn ruli di respnsabile

Dettagli

anno scolastico/school YEAR 2015/2016

anno scolastico/school YEAR 2015/2016 MODULO D ISCRIZIONESERVIZIO TRASPORTO ALUNNI PER LE FAMIGLIE DELLA CANADIAN SCHOOL OF MILAN SCHOOL BUS APPLICATION FORM FOR THE STUDENTS OF CANADIAN SCHOOL OF MILAN ann sclastic/school YEAR 2015/2016 SCRIVERE

Dettagli

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x)

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) Understanding VMware HA Le meccaniche di ridndanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) 1 «Chi sn?» Rcc Sicilia, IT Manager e Virtualizatin Architect. Attualmente sn respnsabile del team di Design di un System

Dettagli

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5.

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5. 1. Lessiclgia vs terminlgia... 4 2. Lessic cmune e lessic specialistic... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni strici... 6 5. La nrmazine terminlgica... 7 6. Dalla lessicgrafia alla termingrafia, dai

Dettagli

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO 3) MECCANSM D RLASSAMENTO nuclei eccitati tendn a cedere l'energia acquisita ed a ritrnare nella "psizine" di equilibri. meccanismi del rilassament sn mlt cmplessi (sprattutt nei slidi) e pssn essere classificati

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile Strategia Energetica Nazinale: per un energia più cmpetitiva e sstenibile Marz 2013 Premessa Il cntest nazinale e internazinale di questi anni è difficile ed incert. La crisi ecnmica ha investit tutte

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Eurpass Infrmazini persnali Cgnme(i/)/Nme(i) Gentili Marc Cittadinanza italiana Sess Occupazine desiderata/settre prfessinale Maschile Espert Senir Esperienza prfessinale Date Lavr psizine

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO PREVENZIONE EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGIO ALLETTATO 1. Intrduzine ed biettivi 3 2 Sinssi delle raccmandazini 4 3. Ictus cerebri ischemic acut 10 3.1 Prfilassi meccanica 10 3.2 Prfilassi

Dettagli

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA La nuva Strategia Energetica Nazinale per un energia più cmpetitiva e sstenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA Settembre 2012 La Nuva Strategia Energetica Nazinale Premessa Il cntest nazinale e

Dettagli

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE PROINCIA DI TARANTO Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE A0001 A0002 A0003 A0004 A0005 A0006 Sono classificati veicoli secondo il CDS 1 le macchine uso bambini 2 i ciclomotori 3 le macchine uso disabili

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

IL TESTO ARGOMENTATIVO

IL TESTO ARGOMENTATIVO IL TESTO ARGOMENTATIVO 1. LA STRUTTURA DI UN TESTO ARGOMENTATIVO La struttura base del test argmentativ può essere csì schematizzata: PROBLEMA TEMATICA CONFUTAZIONE DELLE SIN CONCLUSIONE Questa struttura,

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE,

TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE, TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE, CHIAVE PER LA CRESCITA BLU COM & CAP MARINA-MED #5 SEMINARIO DI CAPITALIZZAZIONE 12 &13 Maggi, 2015 Firenze (Regines Tscana- Italia) Luca Girdan Hall, Palazz Medici

Dettagli

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA?

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Analysis N. 284, Aprile 2015 EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Stefan M. Trelli La tragedia avvenuta nel Canale di Sicilia, cn circa 700 persne che si teme abbian pers

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN Frmatre Multimediale METODOLOGIA METACOGNITIVA DEI SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL APPRENDIMENTO E DELLA

Dettagli

Consigli per la risoluzione dei problemi

Consigli per la risoluzione dei problemi Cnsigli per la risluzine dei prblei Una parte fndaentale di gni crs di Fisica è la risluzine di prblei. Rislvere prblei spinge a raginare su idee e cncetti e a cprenderli egli attravers la lr applicazine.

Dettagli

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni Grilamid Pliammide 12 Tecnplimer per le massime prestazini Indice 3 Intrduzine 4 Cnfrnt cn altre pliammidi 5 Nmenclatura Grilamid 6 Esempi di impieghi 8 Caratteristiche tipi Grilamid 10 Prprietà 20 Dati

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini eurpei REQUISITI GENERALI Per pter sstenere un'iniziativa dei cittadini eurpei ccrre essere cittadini dell'ue (cittadini di un Stat membr) e aver raggiunt

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

un concentrato di tecnologia all avanguardia

un concentrato di tecnologia all avanguardia un concentrato di tecnologia all avanguardia VIP Class L emozione viaggia su due livelli. Nel 1967 NEOPLAN ideò la gamma degli autobus turistici a due piani che ha aperto la strada ad una storia di successo

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Becomingossola.com. Politica della riservatezza

Becomingossola.com. Politica della riservatezza Becmingssla.cm Plitica della riservatezza Infrmativa per prentazini Aurive scietà cperatva sciale, sede legale Crs Cavallt 26/B Nvara, P.IVA 02101050033 Numer REA: NO 215498, e-mail inf@becmingssla.cm,

Dettagli

Gli acciai inossidabili resistenti all'urto alle basse temperature, impiegati nella costruzione di caldareria saldata

Gli acciai inossidabili resistenti all'urto alle basse temperature, impiegati nella costruzione di caldareria saldata Gli acciai inssidabili resistenti all'urt alle basse temperature, impiegati nella cstruzine di caldareria saldata dr. ing- Gabriele DI CAPRIO dirìgente del servizi tecnic del Centr Inx O Le applicazini

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Approcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestione rischio asset rinnovabili

Approcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestione rischio asset rinnovabili Mercati energetici e metdi quantitativi: un pnte tra Università e Aziende 22-23 Maggi, Padva Apprcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestine rischi asset rinnvabili Manuele Mnti, Ph.D.

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli