1. Teoria del rapporto di frenatura... 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Teoria del rapporto di frenatura... 1"

Transcript

1

2 1. Teoria del rapporto di frenatura Sistemi di controllo dei freni Energia cinetica del veicolo e peso frenato medio Modello di attrito Impianto frenante idraulico Principio idraulico Dinamica della frenata Introduzione In generale vale quanto segue: Carico per asse Carichi statici per asse Carichi dinamici per asse Rapporto di frenatura Parabola ideale della distribuzione delle forze tangenziali Distribuzione delle forze di frenatura applicate Fattore di distribuzione delle forze di frenatura Curve del rapporto di frenatura costante Curve del coefficiente di aderenza costante Coefficiente di aderenza per le ruote posteriori Coefficiente di aderenza per le ruote anteriori Caratteristiche di frenatura di un veicolo Parabola di distribuzione delle forze di frenatura Rapporto di frenatura critico Asse posteriore sulla soglia dell'immobilizzo Sistemi di controllo dei freni In generale Principali componenti di un impianto frenante a doppio circuito Impianti frenanti Ripartizione dei tipi di circuiti frenanti Impianto frenante a circuito singolo Ripartizione diagonale Ripartizione asse anteriore/asse posteriore Ripartizione "LL" Ripartizione "HT" Vaschetta del liquido freni I

3 3. Cilindro maestro Cilindro a circuito singolo Cilindro maestro a doppio circuito Ripartizione del circuito frenante in congiunzione con i diversi tipi di cilindro maestro Cilindro maestro senza stadi Cilindro maestro a stadi Componenti del circuito maestro a doppio circuito Funzione della molla prigioniera del pistone Funzione del cilindro maestro con porta di compensazione Posizione di riposo Processo di frenatura Processo di scarico Valvola centrale Valvola centrale nel circuito secondario Montaggio della valvola centrale in entrambi i circuiti del cilindro maestro Funzione del cilindro maestro con valvola centrale Posizione di riposo Processo di frenatura Processo di scarico Sviluppo della valvola centrale Primo stadio di sviluppo (Fig.44) Valvola HP (Fig.45) Valvola TC (Fig.46) Cilindro micro-maestro Funzione del cilindro micro-maestro Design dei cilindri maestro Caratteristiche dei diversi tipi Cilindro maestro - Sintesi dei tipi II

4 4. Servofreno Servocomando a depressione Servocomandi idraulici Spiegazione dei termini legati alla pressione Vuoto, pressione assoluta Sottopressione Sovrapressione Generazione di pressione nel motore Alimentazione di vuoto nelle automobili Minimo Accelerazione a fondo Decelerazione Valvola di non ritorno Esempio d'installazione nel vano motore Servofreno di TRW Layout di un servofreno a doppia camera di TRW Trasmissione di un servofreno Definizione della trasmissione Punto di controllo (punto di Knee) Funzione del servofreno Freni isolati a motore in marcia Freni serrati Funzionamento fino al punto di controllo Regolazione Punto di controllo Rilascio Layout di un servofreno a 4 camere Posizione di rilascio a motore in marcia Punto di controllo Servofreno DualRate Descrizione Servofreno DualRate e servofreno standard a confronto Unità di controllo DualRate Cartuccia DualRate Impostazione del controllo fino al primo punto di rottura DualRate Il primo punto di rottura DualRate è raggiunto Il secondo punto di rottura DualRate è raggiunto III

5 6.7 Servofreno a corsa lunga Concetto Considerazione teorica Rigidità del sistema Adattamento delle prestazioni Rapporto della trasmissione del pedale Sistemi a corsa lunga Comparazione grafica di versioni di servofreno a corsa lunga e in tandem di pari capacità Assistenza Meccanica alla Frenata (MBA) Descrizione della funzione Specifiche Criteri di attivazione Velocità d'applicazione Forza d'applicazione minima Criteri di disattivazione Curva della pressione di frenatura con e senza MBA Componenti dell'mba Posizioni dell'unità di controllo Posizione di rilascio senza vuoto Posizione di rilascio con vuoto Applicazione lenta (avvio d'applicazione), MBA non attivato Applicazione rapida (MBA attivato) Fase di trattenuta dell'mba Azionamento mediante la pressione del punto di controllo Transizione: Fase di mantenimento--> disattivazione Disattivazione dell'mba - fase Disattivazione dell'mba - fase Azionamento a controllo elettronico Catena di effetti in un impianto frenante d'automobile Generazione di pressione mediante servofreno attivo Componenti del sistema ECA Funzione di base del servofreno Servofreno ECA Componenti principali del sistema ECA Sensore di spostamento del diaframma Interruttore di rilascio Pistone a depressione elettrico Unità di Controllo Elettronico (ECA) Funzione: IV

6 7. Tubi flessibili del freno di TRW Layout Distribuzione delle forze di frenatura Sistemi di controllo della pressione di frenatura Curva caratteristica del limitatore della pressione di frenatura Curva caratteristica del riduttore della pressione di frenatura Riduttore della pressione di frenatura con pressione di commutazione fissa Funzione, fase a: Funzione, fase b: Funzione, fase c: Posizione rilasciata Riduttore della pressione di frenatura con punto di commutazione regolabile dipendente dal carico Riduttore della pressione di frenatura con pressione di commutazione dipendente dalla decelerazione (valvola G) Layout Funzione Cilindro di comando del freno ruota PCRVi Liquido freni di TRW Fondamentalmente Requisiti Che effetto ha l'acqua sul liquido freni? Cambio del liquido freni Sintesi Miscibilità del liquido freni Punto di ebollizione secco/formazione di bolle di vapore Punto di ebollizione in umido Capacità di lubrificazione Protezione anti-corrosione Viscosità/fluidità Comprimibilità Formazione di schiuma Compatibilità con le guarnizioni Suggerimenti utili per il conducente V

7 10. Assistenza tecnica Cilindro maestro Prova funzionale Uso degli stringitubo Sostituzione del cilindro maestro Servofreno Controllo semplificato del servofreno sotto pressione Liquido freni nel servofreno Note sul montaggio dei tubi del vuoto Pezzi di ricambio Verifica dei sistemi di controllo della pressione di frenatura Assistenza Meccanica alla Frenata (MBA) Descrizione della prova Valutazione della funzione di assistenza alla frenata Riduttore della pressione di frenatura (valvola G) Tubi flessibili del freno Istruzioni d'installazione Coppie di serraggio: VI

8 Teoria del rapporto di frenatura Sistemi di controllo dei freni 1. Teoria del rapporto di frenatura 1.1 Sistemi di controllo dei freni a - accelerazione b - frenata c - guida a velocità costante Fig Energia cinetica del veicolo e peso frenato medio Un veicolo in movimento ha una certa forza viva, chiamata energia cinetica, la cui intensità dipende dalla massa e dalla velocità del veicolo. Tale energia è creata dalla potenza del motore del veicolo. Per esempio: un'automobile di classe media che usa la massima potenza motore di 100 kw è in grado di raggiungere una velocità di 100 km all'ora (v = 100 km/h) in circa 10 secondi. Una volta terminato il processo d'accelerazione (fase a, fig. 1) e raggiunta tale velocità si ha una condizione d'equilibrio (velocità di crociera normale) (fase c) dove il veicolo viene ad avere energia cinetica. mv 2 W kin =

9 Teoria del rapporto di frenatura Sistemi di controllo dei freni Per portare il veicolo da tale velocità all'arresto nel tempo più rapido possibile (su un buon piano stradale) (fase b, Fig.1) l'impianto frenante deve esercitare una certa potenza, decisamente superiore alla potenza motore. Ciò significa che rispetto al tempo d'accelerazione l'energia cinetica deve essere dissipata in un lasso di tempo relativamente più breve (fase a). Il peso frenato medio di un veicolo è determinato da: P = W kin t dove t (fase b, Fig.1) è esclusivamente il tempo di frenatura effettivo (escluso tempo di reazione e tempo di risposta dell'impianto frenante). Poiché le leggi della fisica (prima legge della termodinamica ) dettano che l'energia non può essere persa, l'energia cinetica deve essere convertita nel processo di frenatura. La maggior parte dei moderni veicoli stradali montano i cosiddetti freni ad attrito. Tale tipo di freno lavora mediante l'attrito tra i dischi/tamburi freno e le pastiglie/i ceppi freno che converte l'energia cinetica in energia termica. a - accelerazione b - frenata Fig.2 2

10 Teoria del rapporto di frenatura Modello di attrito 1.2 Modello di attrito Un corpo (Fig.3) giace su una superficie piana premendo con una certa forza sulla stessa. L'intensità o il peso W di tale forza è equivalente al prodotto della massa m e alla forza gravitazionale (la spinta gravitazionale della Terra) g: W = mg W - peso F R - forza d'attrito Fig.3 μ - coefficiente di aderenza Affinché il corpo possa scorrere deve essere abbattuto l'attrito tra questi e la superficie sottostante. L'attrito è la forza di azionamento nell'area di contatto di corpi accostati che muovendosi premono l'uno contro l'altro: la cosiddetta forza d'attrito F R. Il valore della forza d'attrito è proporzionale al peso, dove il fattore proporzionale, o il coefficiente di aderenza, dipende dall'accoppiamento di materiale dei materiali che sfregano l'uno contro l'altro. μ W F R W μ La Legge di Coulomb definisce la relazione tra la forza d'attrito, il peso e il coefficiente di aderenza : F R = μg 3

11 Teoria del rapporto di frenatura Impianto frenante idraulico 1.3 Impianto frenante idraulico L'impianto frenante idraulico è un sistema a circuito chiuso che funziona sulla base della Legge di Pascal. La Legge di Pascal afferma che: "la pressione applicata a un fluido contenuto in un recipiente si trasmette in ugual misura a tutte le direzioni" Premendo il pedale del freno (Fig.4), mediante l'azionamento del cilindro maestro viene applicata pressione sul liquido (liquido freni) contenuto nella vaschetta. Tale pressione viene quindi trasmessa in modo uniforme tramite i tubi/i tubi flessibili dei freni ai cilindri di comando dei freni ruota (freni a tamburo o a disco). Fig.4 F F - forza esercitata dal piede del conducente F SP - forza di tensione F B - forza di frenatura I cilindri di comando della ruota esercitano una forza di tensione F SP (equivalente al peso nel modello di attrito ), che preme le pastiglie/i ceppi freno contro i dischi freno rotanti/tamburi. W Tra le pastiglie/i ceppi freno e i dischi/tamburi freno viene creato un attrito che comporta il rallentamento della velocità di rotazione della ruota, oltre che il rallentamento della velocità del veicolo a causa della forza d'attrito che si crea tra la ruota e il piano stradale. Questo fenomeno viene chiamato F B forza di frenatura. 4

12 Teoria del rapporto di frenatura Impianto frenante idraulico Principio idraulico Il principio idraulico (Fig.5) spiega la relazione tra il diametro del cilindro, lo spostamento del pistone e le conseguenti forze create in un circuito chiuso. Una forza lieve applicata a un pistone piccolo genera una pressione che, applicata a un pistone grande, elabora una forza di portata elevata. Tuttavia la corsa del pistone piccolo nello spostare quello grande è maggiore di quella del pistone grande. Cilindro maestro Cilindro di comando del freno ruota Fig.5 Questi due termini possono essere espressi nelle seguenti equazioni: F = P, P A A 2 = F 2 1 A 2 S 1 = S A 1 P - pressione F1,F2 - forze A1,A2 - aree dei pistoni S1,S2 - spostamenti dei pistoni (corse) 5

13 Teoria del rapporto di frenatura Dinamica della frenata 1.4 Dinamica della frenata Introduzione L'elemento che attua la trasmissione delle forze tra il veicolo e il piano stradale è il pneumatico. Tutte le forze dinamiche che agiscono sul veicolo devono essere trasmesse tra le superfici di contatto dei pneumatici: all'incirca la dimensione del palmo di una mano. Per esempio, in caso di curva i pneumatici devono trasmettere le forze laterali, F S in caso di frenata le forze di frenatura F B (Fig.6). A seconda del modello di attrito l'intensità di tali forze dipende direttamente dal coefficiente di aderenza μ (accoppiamento di materiale) dei pneumatici/del piano stradale e dalla portata del peso parziale W V, vale a dire la parte della massa del veicolo che agisce sulla ruota in questione (Fig.6). In caso di frenata mentre si curva sono effettive entrambe le forze ( F B e F S ), in una certa relazione l'una con l'altra. La rappresentazione grafica delle forze d'attrito del "Cerchio di Kamm" non viene trattata in dettaglio in questo documento. Per ulteriori informazioni fare riferimento all'opuscolo dell'abs di TRW XZM In generale vale quanto segue: Se sono bloccate le ruote anteriori (in frenata) non può essere trasmessa alcuna forza laterale. Il veicolo non può quindi più sterzare e rimane stabile, vale a dire "scivola" sull'asse anteriore e non "derapa". Se sono bloccate le ruote posteriori (frenata lunga dell'asse posteriore) la stabilità del veicolo non può più essere garantita perché le ruote posteriori non possono più assorbire le forze laterali. Il veicolo rischia di sbandare (derapata). Ad oggi il miglior compromesso riguardo alla capacità di sterzata e alla stabilità in caso di frenata d'emergenza è offerto dai veicoli dotati di sistemi di frenatura antibloccante (ABS). Nel progettare un impianto frenante si presume che il veicolo debba rimanere stabile in caso di frenata d'emergenza, cercando quindi d'arrivare a uno spazio di frenatura più corto possibile. Per conseguire il risultato ottimale è necessario conoscere la forza di frenatura massima (per un dato veicolo) che può essere trasmessa rispettivamente dalle ruote anteriori e da quelle posteriori. Da queste informazioni è possibile ricavare la parabola ideale della distribuzione delle forze tangenziali, che raffigura la massima aderenza effettiva tra le ruote anteriori o posteriori di un veicolo e il piano stradale nel processo d'accelerazione o di frenata. Prima d'addentrarsi in ulteriori dettagli è opportuna una spiegazione del carico per asse e del rapporto di frenatura. F B F S - forza di frenatura - forza laterale W V - peso parziale Fig.6 6

14 Teoria del rapporto di frenatura Dinamica della frenata Carico per asse Ogni veicolo ha caratteristiche di design che rivestono un ruolo decisivo nel tracciato della parabola ideale della distribuzione delle forze tangenziali. Tali caratteristiche sono: S I - la posizione del centro di gravità del veicolo - l'interasse Carichi statici per asse Per un veicolo fermo (Fig.7) il peso istantaneo viene distribuito tra gli assi anteriori e posteriori, a seconda della relazione di I V e I. Tale relazione dipende dalla condizione di carico del veicolo, e il centro di gravità dello stesso può S "errare la traiettoria" - che in un'automobile normale di solito va verso l'asse posteriore - secondo cui a veicolo fermo l'altezza del centro di gravità del veicolo non ha alcun effetto sul carico statico dell'asse. h S Fig.7 S W W V W H I I V, h S - centro di gravità del veicolo - peso del veicolo - peso parziale, asse anteriore - peso parziale, asse posteriore - interasse - posizione del centro di gravità 7

15 Teoria del rapporto di frenatura Dinamica della frenata Carichi dinamici per asse Nota: i processi che si verificano durante l'accelerazione non vengono trattati in dettaglio nel presente documento. Quando vengono azionati i freni (veicolo in movimento) si crea una forza di frenatura tra i pneumatici degli assi anteriori e posteriori e il piano stradale ( F BV / F BH )(Fig.8) che induce il veicolo a decelerare. Il veicolo è soggetto a una forza inerziale dovuta a tale decelerazione ( mxa ), che agisce nel centro di gravità ( S ). L'intensità della forza inerziale è uguale alla somma delle forze di frenatura anteriore e posteriore, che agiscono nella stessa direzione della direzione di movimento del veicolo. Ciò crea un momento (coppia di forze F BV + F BH e mxa) che applica ulteriore carico ΔW sull'asse anteriore e per pari peso riduce il carico dell'asse posteriore (noto come "spostamento del carico dinamico dell'asse". Lo spostamento del carico dinamico dell'asse dipende direttamente dalla percentuale di decelerazione in frenata e dalla posizione del centro di gravità. Fig.8 S W DW + W V W H F BV F BH mxa m a ΔW ΔW - centro di gravità del veicolo - peso del veicolo - spostamento del carico dinamico dell'asse - spostamento del carico dinamico dell'asse, asse anteriore - spostamento del carico dinamico dell'asse, asse posteriore - forza di frenatura, asse anteriore - forza di frenatura, asse posteriore - forza inerziale - massa del veicolo - decelerazione del veicolo Nota: i veicoli con interasse corto e centro di gravità alto (vedere Fig.14) saranno soggetti a uno spostamento del carico dinamico dell'asse relativamente alto, mentre quelli con interasse lungo e centro di gravità basso (vedere Fig.15) a spostamento del carico dinamico dell'asse relativamente basso. 8

16 Teoria del rapporto di frenatura Rapporto di frenatura 1.5 Rapporto di frenatura La somma delle forze di frenatura nelle ruote anteriori e posteriori (forza di frenatura totale prodotto della massa del veicolo ( m) e alla decelerazione da frenata ( a) (forza inerziale). F BV + = F Bges = ma F BH ) è uguale al Il termine rapporto di frenatura viene usato per quantificare nella dicitura "non dimensionale" quanto un veicolo possa frenare "bene" e corrisponde alla somma delle forze di frenatura (sulle ruote anteriori e posteriori) rispetto al peso totale del veicolo ( G ): F Bges z F BV F BH F Bges = = = W W W a -- g Il rapporto di frenatura massimo raggiungibile ( Z max ) dipende dalle condizioni del piano stradale (ghiacciato, bagnato, asciutto), vale a dire dal coefficiente di aderenza applicabile ( μ ) tra la ruota e il piano stradale: Z max = μ 1.6 Parabola ideale della distribuzione delle forze tangenziali Per un dato veicolo (di cui sono noti interasse e posizione del centro di gravità) la parabola ideale della distribuzione delle forze tangenziali viene ricavata dalla sopra riportata equazione del rapporto di frenatura e dalle relazioni del "carico per asse" (questo valore derivato non viene riportato nel dettaglio nel presente documento). Fig.9 La parabola ideale della distribuzione delle forze tangenziali (Fig.9) raffigura il massimo (ideale) uso dell'aderenza per le ruote anteriori e posteriori di un veicolo durante il processo di frenatura (settore I) e durante il processo di accelerazione (settore III). Le caratteristiche della parabola riportate nel settore III sono indicate solo per rendere chiari altri termini usati nel presente capitolo. F BV F BH W Forza di frenatura ideale Forza di frenatura ideale, asse posteriore Forza gravitazionale del veicolo 9

17 Teoria del rapporto di frenatura Distribuzione delle forze di frenatura applicate 1.7 Distribuzione delle forze di frenatura applicate Come si evince dalla parabola ideale della distribuzione delle forze tangenziali (settore I, Fig.9), mano a mano che il rapporto di frenatura aumenta la trasmissione della forza di frenatura disponibile ( F BH ) sull'asse posteriore diminuisce. Al fine d'evitare che le ruote posteriori vengano immobilizzate, i freni delle ruote posteriori sono di categoria "più piccoli" rispetto ai freni delle ruote anteriori. Questa classificazione è denominata fattore di distribuzione delle forze di frenatura. Indipendentemente da ciò, nell'impianto frenante può anche essere montato un regolatore della pressione di frenatura supplementare che riduce la pressione di frenatura sulle ruote posteriori. Per informazioni sul regolatore della pressione di frenatura fare riferimento al capitolo 8.1. Di seguito sono riportati ulteriori dettagli sul fattore di distribuzione delle forze di frenatura. 1.8 Fattore di distribuzione delle forze di frenatura Poiché la pressione di frenatura (p=cost.) generata da un cilindro maestro in tandem è la stessa in entrambi i circuiti, al fine d'evitare che le ruote posteriori vengano immobilizzate i freni delle ruote posteriori devono essere di categoria "più piccoli". Ciò riduce le forze di tensione (pressione delle pastiglie/dei ceppi contro i dischi/tamburi) e quindi la forza di frenatura tra le ruote posteriori e il piano stradale. La maggior parte degli impianti frenanti dei veicoli sono progettati secondo il fattore di distribuzione delle forze di frenatura e, se necessario, dotati di regolatore della pressione di frenatura supplementare. In mancanza si parla di "distribuzione fissa". Fig.10 Le forze di frenatura disponibili nei freni delle ruote anteriori e posteriori sono in proporzione fissa l'una con l'altra (Fig.11), e ciò si indica con "fattore di distribuzione delle forze di frenatura". K (kappa). F BV F BH W - forza di frenatura, asse anteriore - forza di frenatura, asse posteriore - peso del veicolo Fig.11 10

18 Teoria del rapporto di frenatura Fattore di distribuzione delle forze di frenatura F SP F B r r dyn forza di tensione forza di frenatura raggio d'attrito medio (disco/tamburo) diametro del pneumatico dinamico Il fattore di distribuzione delle forze di frenatura può essere influenzato da altri fattori, tra cui (Fig.12): dimensione della superficie di un pistone sella o di un cilindro di comando del freno ruota Fig.12 caratteristica delle pastiglie/dei ceppi freno (fattore di aderenza tra pastiglia/ceppo e disco/tamburo) r apporto r dyn Per poter definire le caratteristiche di frenatura di un veicolo sulla base della distribuzione delle forze di frenatura applicate e della parabola ideale della distribuzione delle forze tangenziali (capitolo 1.8) ciò deve essere integrato da: curve del rapporto di frenatura costante curve del coefficiente di aderenza costante tra pneumatici/piano stradale 11

19 Teoria del rapporto di frenatura Curve del rapporto di frenatura costante 1.9 Curve del rapporto di frenatura costante Le curve del rapporto di frenatura costante sono linee rette che si sviluppano con una pendenza di 45, e sono necessarie per disegnare le curve del coefficiente di aderenza costante tra pneumatici e piano stradale nella rappresentazione grafica della distribuzione ideale delle forze tangenziali. z= F BV W F BH W parabola ideale della distribuzione delle forze di frenatura curve del coefficiente di aderenza costante tra pneumatici dell'asse anteriore e piano stradale curve del coefficiente di aderenza costante tra pneumatici dell'asse posteriore e piano stradale Fig.13 F BV F BH W - forza di frenatura, asse anteriore - forza di frenatura, asse posteriore - peso del veicolo 12

20 Teoria del rapporto di frenatura Curve del coefficiente di aderenza costante 1.10 Curve del coefficiente di aderenza costante Poiché la forza di frenatura e il carico della ruota sono correlate tra loro linearmente (Legge di Coulomb), le curve del coefficiente di aderenza costante devono essere linee rette Coefficiente di aderenza per le ruote posteriori Punto 1 (Punto A, Fig.13): Tutte le linee rette del coefficiente di aderenza costante devono passare attraverso un punto in cui, in frenata, l'asse posteriore dovrebbe sollevarsi verso l'alto [possibile per veicoli con interasse corto ( I ) e centro di gravità alto ( S )]; non vi è più quindi alcuna aderenza tra i pneumatici e il piano stradale. Per le varie linee rette, il Punto C (Fig.13) viene determinato dal punto di rottura della curva del rapporto di frenatura costante ( Z ) con la parabola ideale della distribuzione delle forze di frenatura. Spiegazione: Nel Punto C il coefficiente di aderenza determinato ( μ ) tra l'asse anteriore o l'asse posteriore e il piano stradale viene utilizzato interamente e quindi raggiunto il rapporto di frenatura massimo. A questo punto il rapporto di frenatura massimo è anche il coefficiente di aderenza determinato Coefficiente di aderenza per le ruote anteriori Punto 1 (Punto B, Fig.13): Tutte le linee rette del coefficiente di aderenza costante devono passare attraverso un punto in cui, in forte accelerata, l'asse anteriore dovrebbe sollevarsi verso l'alto (possibile per veicoli con trazione posteriore e centro di gravità all'estremità posteriore, per esempio i "Dragster"); non vi è più quindi alcuna aderenza tra i pneumatici anteriori e il piano stradale. Il Punto C, Fig.13, può essere determinato come per le ruote posteriori. 13

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa Alle seguenti pagine trovate una descrizione del principio di funzionamento generale dei sistemi frenanti ad aria compressa installati in

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta)

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta) MANI IN POSIZIONE BASE Posizione base, fondamentale per guidare con qualità e sicurezza: mani sul volante come sul quadrante di un orologio, per indicare le ore 9:15, con i pollici bene ancorati alle razze.

Dettagli

Compressori Corso base

Compressori Corso base Compressori Funzione I compressori hanno la funzione di produrre la necessaria portata di aria compressa in un automezzo per alimentare tutti gli utilizzatori d'aria compressa. I compressori WABCO sono

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

Attuatori oleodinamici

Attuatori oleodinamici Un sistema oleodinamico con regolazione di potenza utilizza come vettore di energia olio minerale, o sintetico, che in prima approssimazione può essere considerato incomprimibile. Un tale sistema comprende

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

Trasportatori meccanici fissi

Trasportatori meccanici fissi Trasporti interni Trasportatori meccanici fissi Trasportatori meccanici fissi Trasportatori a rulli e a catene trasportatori a rulli trasportatori a catene Trasportatori a nastro Trasportatori a piastre

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B )

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B ) Questa attrezzatura Meyer soddisfa interamente le norme di sicurezza CE. Il certificato di conformità è spedito con l attrezzatura. Il simbolo CE è riportato sulla targhetta del costruttore. Descrizione

Dettagli

L utilizzo degli smartphone nella rilevazione della decelerazione degli autoveicoli

L utilizzo degli smartphone nella rilevazione della decelerazione degli autoveicoli L utilizzo degli smartphone nella rilevazione della decelerazione degli autoveicoli Alfonso Micucci Mattia Strangi Università degli Studi Bologna 1. Premessa Uno dei quesiti principali posti all analista

Dettagli

Equilibrio statico di un corpo esteso

Equilibrio statico di un corpo esteso Equilibrio statico di un corpo esteso Se una particella è in equilibrio statico, cioè se è ferma e resta ferma, la forza risultante che agisce su di essa deve essere nulla. Nel caso di un corpo esteso,

Dettagli

Punto 1. q Trovare il momento torcente adatto e conforme all'operazione di rotazione. Esercizio. Moto statico. Moto dinamico(1)

Punto 1. q Trovare il momento torcente adatto e conforme all'operazione di rotazione. Esercizio. Moto statico. Moto dinamico(1) Criteri di Scelta Esecuzione a paletta Punto 1 1 Segliere il momento adatto per gli attuatori. (Vedere diagrammi 1 e 2.) q Trovare il momento torcente adatto e conforme all'operazione di rotazione. Serie

Dettagli

ELEMENTI DI CONTROLLO DELL ENERGIA IDRAULICA

ELEMENTI DI CONTROLLO DELL ENERGIA IDRAULICA ELEMENTI DI CONTROLLO DELL ENERGIA IDRAULICA In un circuito idraulico oltre ai due componenti fondamentali che realizzano la conversione dell energia meccanica in energia idraulica e viceversa (pompa e

Dettagli

Appunti sui circuiti pneumatici - attuatori

Appunti sui circuiti pneumatici - attuatori Circuiti pneumatici Non sempre il comando mediante motori elettrici risulta il più adatto a risolvere tutte le esigenze dell'automazione, in particolare per quanto riguarda la semplicità e l'economicità

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti -

COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - P.S.R. 2007/2013 Misura 226 Azione d) (Acquisto di attrezzature e mezzi innovativi per il potenziamento degli interventi di prevenzione

Dettagli

CINGOLATO IDRAULICO SANDVIK DI 550

CINGOLATO IDRAULICO SANDVIK DI 550 CINGOLATO IDRAULICO SANDVIK DI 550 Il cingolato da cava DI 550 è una macchina di perforazione progettata per l'utilizzo con martello a fondo foro da 4", 5" o 6. Il cingolato è equipaggiato con cabina per

Dettagli

Aspetti energetici. Capitolo 2

Aspetti energetici. Capitolo 2 Capitolo 2 Aspetti energetici 2.1 2.1 Introduzione Un impianto è costituito da componenti uniti fra di loro tramite collegamenti nei quali avviene un trasferimento di potenza esprimibile attraverso il

Dettagli

1. La caratteristica per misurare la resistenza allo scorrimento dell olio si chiama

1. La caratteristica per misurare la resistenza allo scorrimento dell olio si chiama Data Cand. N o Punti ottenuti Esame finale ASSISTENTE DI MANUTENZIONE DI AUTOMOBILI Conoscenze professionali Ia - 00 Esperto Esperto Tempo 35 min.. La caratteristica per misurare la resistenza allo scorrimento

Dettagli

Codice dei motori. Dati tecnici. 1.2 8v 69 CV 169A4000. 1.4 16v 100CV 169A3000. 1.3 16v Multijet 169A1000

Codice dei motori. Dati tecnici. 1.2 8v 69 CV 169A4000. 1.4 16v 100CV 169A3000. 1.3 16v Multijet 169A1000 Codice dei motori Dati tecnici Versioni Codice motore 1.2 8v 69 CV 169A4000 1.4 16v 100CV 169A3000 1.3 16v Multijet 169A1000 1.2 bz 1.3 Multijet 1.4 bz Carburante benzina diesel benzina Livello ecologia

Dettagli

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO:

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO: RSISTZA D MZZO R m 1 C X ρ A v Adimensionale Massa volumica kg/m 3 Velocità m/s Sezione maestra m Valori medi dei coefficienti: Superfici piane normali al moto: acqua: K9,81 60, aria: K9,81 0,08 1 K C

Dettagli

Valentino Rossi: con o contro le leggi della fisica?

Valentino Rossi: con o contro le leggi della fisica? Valentino Rossi: con o contro le leggi della fisica? Simone Zuccher E-mail: zuccher@sci.univr.it Web page: http://profs.sci.univr.it/ zuccher/ Liceo Scientifico E. Medi e Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI Il punto materiale e il corpo rigido Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Si intende, per punto materiale, un oggetto così piccolo

Dettagli

CRF150R. 2009 Informazioni Stampa IT-IT 1/5

CRF150R. 2009 Informazioni Stampa IT-IT 1/5 CRF150R 2009 Informazioni Stampa IT-IT 1/5 Introduzione Colorazioni La rivoluzionaria CRF150R e la gemella CRF150R2 con cerchi da 19, sono le prime moto racing da cross di piccola cilindrata. Equipaggiate

Dettagli

Volume con tutti i sedili sollevati (VDA) l 519 510 519 Volume con 2 fila di sedili abbattuta (fino al tetto) l --- 1.702 1.751

Volume con tutti i sedili sollevati (VDA) l 519 510 519 Volume con 2 fila di sedili abbattuta (fino al tetto) l --- 1.702 1.751 8. Dati Tecnici Mazda6 Facelift 2010 Mazda6 Facelift 2010 Dimensioni Berlina Due Volumi Station Wagon Tipo di Carrozzeria Monoscocca Monoscocca Monoscocca Porte 4 4 + portellone 4 + portellone Posti a

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale Unità didattica 3 Il moto Competenze Riconoscere e descrivere i principali tipi di moto. Definire la velocità scalare e vettoriale e l accelerazione scalare e vettoriale. Descrivere il moto rettilineo

Dettagli

Tuttavia, ciò premesso, per familiarizzare con il concetto di distanza di sicurezza è bene rispolverare un po' di matematica...

Tuttavia, ciò premesso, per familiarizzare con il concetto di distanza di sicurezza è bene rispolverare un po' di matematica... La distanza di sicurezza... quante volte ne abbiamo sentito parlare eh! Tuttavia camminando sulle nostre strade sembra che nessuno ne conosca la reale funzione e anche per questo gli incidenti restano

Dettagli

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA 2.1 La meccatronica 2.2 Componenti di un azionamento elettromeccanico 2.3 Accoppiamento motore-carico 2.4 Regolazione di un azionamento Corso di Meccanica Applicata alle

Dettagli

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano Statica e dinamica dei fluidi A. Palano Fluidi perfetti Un fluido perfetto e incomprimibile e indilatabile e non possiede attrito interno. Forza di pressione come la somma di tutte le forze di interazione

Dettagli

Sistemi antibloccaggio ruote

Sistemi antibloccaggio ruote Sistemi antibloccaggio ruote TRW No part of this publication may be reproduced, stored in a retrieval system, or transmitted in any means, electronic, mechanical, photocopying, recording or otherwise,

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE Classificazione delle pompe Pompe rotative volumetriche POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... POMPE ROTATIVE VOLUMETRICHE Pompe rotative volumetriche Principio di funzionamento Le pompe rotative sono caratterizzate

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi Correnti

Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi Correnti Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi Correnti Prot. n. Art. 4 e 6 D.P.R. 416/74 Art. 3 D.P.R. 417/74 SITO WEB :www.severi-correnti.it Codice

Dettagli

Carrelli Elevatori Elettrici a Corrente Alternata

Carrelli Elevatori Elettrici a Corrente Alternata Doosan Infracore Carrelli elevatori Carrelli Elevatori Elettrici a Corrente Alternata B15T/B18T/B20T a 3 ruote B16X/B18X/B20X a 4 ruote Portata 1.500 ~ 2.000 kg B15 T / B18 T / B20 T B16X / B18 X / B20

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO POLITECNICO DI MILANO Scuola di Ingegneria Industriale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica SVILUPPO DI UN MODELLO DI SINTESI DELLA DINAMICA LONGITUDINALE DI UN AUTOVEICOLO E IDENTIFICAZIONE

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05)

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Sostituzione guarnizione della testa, rovinata a causa di una perdita dell acqua dal tubo inferiore del radiatore (la vettura ha circolato senza liquido

Dettagli

Indice. Premessa 9. parte seconda Meccanica, sollecitazioni B Tavola B1 Asta con tirante 29 Tavola B2 Pantografo 30

Indice. Premessa 9. parte seconda Meccanica, sollecitazioni B Tavola B1 Asta con tirante 29 Tavola B2 Pantografo 30 Indice Premessa 9 parte prima Base A Tavola A1 Carosello motociclette 13 Tavola A2 Manovellismi motori due cilindri 14 Tavola A3 Velocità media 15 Tavola A4 Supporto a filo di un carico 16 Tavola A5 Supporto

Dettagli

Training. ABS-ESP Bosch 8.0. Fiat Panda Fiat 500 Fiat Grande Punto Fiat Bravo. Croma Alfa Romeo 147-Gt. Renault Megane Reanult Clio

Training. ABS-ESP Bosch 8.0. Fiat Panda Fiat 500 Fiat Grande Punto Fiat Bravo. Croma Alfa Romeo 147-Gt. Renault Megane Reanult Clio Training Fiat Panda Fiat 500 Fiat Grande Punto Fiat Bravo. Croma Alfa Romeo 147-Gt Renault Megane Reanult Clio ABS-ESP Bosch 8.0 Generalità DINAMICA DELLA FRENATA COEFFICIENTE DI ADERENZA V velocità veicolo

Dettagli

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6).

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6). Macchine semplici Premessa Lo studio delle macchine semplici si può considerare come una fase propedeutica allo studio delle macchine composte, poiché il comportamento di molti degli organi che compongono

Dettagli

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione Classificazione Turbine idrauliche 1/8 Una turbina è una macchina che estrae energia da un fluido in possesso di un carico idraulico sufficientemente elevato. Tale carico (o caduta) è generato dal dislivello

Dettagli

L AVVIAMENTO NEI MOTORI MARINI DI MEDIA E GRANDE POTENZA

L AVVIAMENTO NEI MOTORI MARINI DI MEDIA E GRANDE POTENZA L AVVIAMENTO NEI MOTORI MARINI DI MEDIA E GRANDE POTENZA Quando il motore è fermo, bisogna fornire dall'esterno l'energia necessaria per le prime compressioni, onde portare l'aria ad una temperatura sufficiente

Dettagli

DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S.

DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S. DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S. In questa dispensa verrà riportato lo svolgimento di alcuni esercizi inerenti la dinamica dei sistemi materiali, nei quali vengono discusse le caratteristiche

Dettagli

Norme di uso e manutenzione per cilindri e servocilindri

Norme di uso e manutenzione per cilindri e servocilindri www.atos.com Tabella /I Norme di uso e manutenzione per cilindri e servocilindri Questo manuale di uso e manutenzione è valido solo per cilindri idraulici Atos e si propone di fornire utili informazioni

Dettagli

CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO

CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO Di autogiri ne esistono di tutti i tipi e la gamma spazia dalle costruzioni amatoriali ai velivoli certificati. Parimenti è altrettanto vasta la gamma dei sistemi impiegati

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Prof. S. Pascuzzi 1 Motori endotermici 2 Il motore endotermico L energia da legame chimico, posseduta dai combustibili

Dettagli

ML404 PIANIFICAZIONE + RESOCONTO DELL INSEGNAMENTO CT / SPAI

ML404 PIANIFICAZIONE + RESOCONTO DELL INSEGNAMENTO CT / SPAI ML404 PIANIFICAZIONE + RESOCONTO DELL INSEGNAMENTO CT / SPAI preventivo consuntivo per l anno scolastico classe: 1 SEMESTRE Materia Unità didattiche Rif. reg. Descrizione, capitolo Rif. nota Conoscenze

Dettagli

SETUP DI UN AUTOVEICOLO

SETUP DI UN AUTOVEICOLO Inizio 14.15 Proge&azione di sistemi di trasporto SETUP DI UN AUTOVEICOLO Ing. Mattia Strangi Università degli Studi di Bologna DiparBmento DICAM Ingegneria Civile, Ambientale e dei Materiali www.dicam.unibo.it

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante IDRAULICA LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante 2 LEGGE DI STEVIN Z = ALTEZZA GEODETICA ENERGIA POTENZIALE PER UNITA DI PESO p /

Dettagli

Il software KISSsys associa l analisi

Il software KISSsys associa l analisi Ingranaggi in 3D Potenzialità, caratteristiche e applicazioni di KISSsys, un software destinato alla progettazione di trasmissioni a ingranaggi. In particolare, si presentano esperienze e prestazioni analizzando

Dettagli

Le macchine come sistemi tecnici

Le macchine come sistemi tecnici Le macchine come sistemi tecnici L industrializzazione dell Europa e iniziata grazie alla comparsa di macchine capaci di trasformare energia termica in energia meccanica. Un motore a vapore e un esempio

Dettagli

Progetto e costruzione di macchine Joseph E. Shigley, Charles R. Mischke, Richard G. Budynas Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl

Progetto e costruzione di macchine Joseph E. Shigley, Charles R. Mischke, Richard G. Budynas Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl Copyright 2005 The Companies srl Esercizi aggiuntivi capitolo 13 Analisi 13-4 Un pignone cilindrico a denti dritti di 21 denti ingrana con una ruota da 28 denti. Il passo diametrale è di 3 denti/in e l

Dettagli

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 @ RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 2 RC 40 Dati tecnici. 3 Questa scheda tecnica indica soltanto i valori tecnici del carrello elevatore

Dettagli

IDRAULICA. Marino prof. Mazzoni PRESSIONE IDROSTATICA E LEGGE DI STEVINO. S S PsxSxh

IDRAULICA. Marino prof. Mazzoni PRESSIONE IDROSTATICA E LEGGE DI STEVINO. S S PsxSxh 1 IDRAULICA Marino prof. Mazzoni PRESSIONE IDROSTATICA E LEGGE DI STEVINO F S S PsxSxh h F p = pressione p = p = Ps S h/s = Ps h Ps = peso specifico S h = profondità P=0 P=Psxh h Andamento della pressione

Dettagli

Multi-Tool Le pale compatte Wacker Neuson 501s 701s 701sp

Multi-Tool Le pale compatte Wacker Neuson 501s 701s 701sp Multi-Tool Le pale compatte Wacker Neuson 501s 701s 701sp Le agili e versatili macchine per attrezzi 501s e 701s(p) per parco macchine a noleggio, cantiere, industria e agricoltura. POTENTI PALE COMPATTE

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

Manuale d istruzioni. 1 Sommario. 2 Introduzione 2 2.1 Uso della pompa 2 2.2 Aree di applicazione 2 2.3 Uso non corretto 2.

Manuale d istruzioni. 1 Sommario. 2 Introduzione 2 2.1 Uso della pompa 2 2.2 Aree di applicazione 2 2.3 Uso non corretto 2. Manuale d istruzioni 1 Sommario 2 Introduzione 2 2.1 Uso della pompa 2 2.2 Aree di applicazione 2 2.3 Uso non corretto 2 3 Sicurezza 2 4 Trasporto e immagazzinamento 2 4.1 Sollevamento 2 4.2 Immagazzinamento

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA A.A. 204/5 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Energia potenziale Problema 26 Una molla ha una costante elastica k uguale a 440 N/m. Di quanto

Dettagli

FISICA DELLA BICICLETTA

FISICA DELLA BICICLETTA FISICA DELLA BICICLETTA Con immagini scelte dalla 3 SB PREMESSA: LEGGI FISICHE Velocità periferica (tangenziale) del moto circolare uniforme : v = 2πr / T = 2πrf Velocità angolare: ω = θ / t ; per un giro

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore)

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore) L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Statica del Corpo Rigido Momento di una forza Unità 3 (4 ore) Condizione di equilibrio statico: leve

Dettagli

GRIDO TNT MOTOR. Acsud si riserva il diritto di modificare i suoi veicoli senza preavviso.

GRIDO TNT MOTOR. Acsud si riserva il diritto di modificare i suoi veicoli senza preavviso. GRIDO TNT MOTOR MANUBRIO 01 STRUMENTAZIONE 19 FORCELLA ANTERIORE 02 FARO ANTERIORE 20 RUOTA ANTERIORE 03 FARO POSTERIORE 21 FRENO ANTERIORE 04 PARTI ELETTRICHE 22 MARMITTA 05 PEDALINA AVVIAMENTO 23 FILTRO

Dettagli

Fissaggio e giochi dei cuscinetti

Fissaggio e giochi dei cuscinetti Fissaggio e giochi dei cuscinetti Fissaggio dei cuscinetti 9 Fissaggio radiale 9 Fissaggio assiale 91 Posizionamento su un unico supporto 91 Posizionamento su due supporti 92 Processi di fissaggio assiale

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

MINI CHALLENGE AGGIORNAMENTO ART.3 DELLA CIRCOLARE INFORMATIVA N 2 DEL 06.05.2013

MINI CHALLENGE AGGIORNAMENTO ART.3 DELLA CIRCOLARE INFORMATIVA N 2 DEL 06.05.2013 MINI CHALLENGE CIRCOLARE INFORMATIVA N 4 DEL 31.05.2013 AGGIORNAMENTO ART.3 DELLA CIRCOLARE INFORMATIVA N 2 DEL 06.05.2013 3 DISTANZIALI TAMPONI SOSPENSIONI Si autorizza il montaggio di distanziali sugli

Dettagli

Controllo del Differenziale e Dinamica del Veicolo

Controllo del Differenziale e Dinamica del Veicolo e Dinamica del Veicolo Funzione del differenziale 1) Svincolare cinematicamente tra loro gli alberi condotti ) Ripartire convenientemente la coppia motrice Differenziale autobloccante meccanico Tipi di

Dettagli

BMW-Motorrad. 34 00 048 Cambiare il liquido freni anteriori + 34 00 548

BMW-Motorrad. 34 00 048 Cambiare il liquido freni anteriori + 34 00 548 34 00 048 Cambiare il liquido freni anteriori + 34 00 548 Variante di allestimento: 0630 - BMW Motorrad Integral ABS II Attività principale (-) Sostituzione del liquido freni nella ruota anteriore e spurgo

Dettagli

E-bike la bicicletta elettrica. Un nuovo modo di pedalare

E-bike la bicicletta elettrica. Un nuovo modo di pedalare E-bike la bicicletta elettrica Un nuovo modo di pedalare 1 Indice Introduzione pag. 3 Tecnica e dotazione pag. 4 Norme di circolazione stradale pag. 7 La e-bike più adatta ad ogni esigenza pag. 7 Prima

Dettagli

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Pressione EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Cos è la pressione? La pressione è una grandezza che lega tra di loro l intensità della forza e l aerea della superficie su cui viene esercitata

Dettagli

Rondelle di serraggio e anelli di serraggio

Rondelle di serraggio e anelli di serraggio Rondelle di serraggio e anelli di serraggio K 05/7 it Pagina 1 (5) Questi elementi di serraggio dispongono di una guarnizione vulcanizzata per alta pressione e costituiscono unità ad elevata efficienza

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

AUTOMOBILI NON TRASFORMABILI

AUTOMOBILI NON TRASFORMABILI LINEE GUIDA PER IL MONTAGGIO GPL INIEZIONE SEQUENZIALE IN FASE GASSOSA AUTOMOBILI TRASFORMABILI AUTOMOBILI AD INIEZIONE CON MOTORE ASPIRATO AUTOMOBILI AD INIEZIONE CON MOTORE TURBO AUTOMOBILI NON TRASFORMABILI

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Lavoro, forza costante: W = F r Problema 1 Quanto lavoro viene compiuto dalla forza di

Dettagli

3.1 Il caso di ruota motrice

3.1 Il caso di ruota motrice 3. L aderenza La maggior parte dei veicoli terrestri utilizzano ai fini del moto l'aderenza, sfruttando il fenomeno connesso al rapporto ruota motrice - via di sostegno. Solo in casi particolari, per esempio

Dettagli

425 428 Miniescavatori

425 428 Miniescavatori 425 428 Miniescavatori 1 Il perfetto equilibrio tra dimensioni, peso e prestazioni I nuovi escavatori Bobcat ZTS (Zero Tail Swing) 425 e 428 offrono brillanti prestazioni di scavo, abbinate a dimensioni

Dettagli

Le pale compatte Wacker Neuson. 501s 701s 901s 1101c: potenti in ogni categoria di peso.

Le pale compatte Wacker Neuson. 501s 701s 901s 1101c: potenti in ogni categoria di peso. DOTAZIONE DI SERIE 501s MOTORE Motore diesel YANMAR a 3 cilindri raffreddato ad acqua SISTEMA IDRAULICO Posizione flottante del braccio di sollevamento Freno di parcheggio idraulico Idraulica frontale

Dettagli

city car, ma non fatevi trarre in inganno: La linea è compatta, da perfetta

city car, ma non fatevi trarre in inganno: La linea è compatta, da perfetta Il motore da 1.4 litri pulsa in quattro diverse versioni: l efficace benzina da 62,5 kw, il generoso turbodiesel common rail ad iniezione diretta (Dicor) 16 valvole da 52 kw e gli ecologici a doppia alimentazione:

Dettagli

Multipurpose All Terrain Vehicle

Multipurpose All Terrain Vehicle FRESIA F18 4X4 Multipurpose All Terrain Vehicle Mezzo Speciale per Trasporto Materiale Logistico in condizioni estreme su ogni tipo di terreno 4 Ruote Motrici 4 Ruote Sterzanti L F18 4x4 è un veicolo leggero

Dettagli

MECCANICA DEGLI AZIONAMENTI

MECCANICA DEGLI AZIONAMENTI MECCANICA DEGLI AZIONAMENTI resentazione5: Rotismi * * presentazione tratta dalle dispense dell ing. M. Carricato Ingranaggio: insieme di ruote dentate che ingranano tra loro (i.e. coniugate). Rotismo:

Dettagli

Controlli di livello a sonda in caldaia

Controlli di livello a sonda in caldaia Controlli di livello a sonda in caldaia Consigli sull applicazione ed installazione F i r s t f o r S t e a m S o l u t i o n s E X P E R T I S E S O L U T I O N S S U S T A I N A B I L I T Y C o n t r

Dettagli

e Universal PRO costituiscono i modelli di punta della

e Universal PRO costituiscono i modelli di punta della Le serie e Universal PRO costituiscono i modelli di punta della gamma Comparato per uso industriale. DENOMINAZIONE: Sul servocomando sono riportate le seguenti indicazioni: Marchio e nome della società

Dettagli

. Si determina quindi quale distanza viene percorsa lungo l asse y in questo intervallo di tempo: h = v 0y ( d

. Si determina quindi quale distanza viene percorsa lungo l asse y in questo intervallo di tempo: h = v 0y ( d Esercizio 1 Un automobile viaggia a velocità v 0 su una strada inclinata di un angolo θ rispetto alla superficie terrestre, e deve superare un burrone largo d (si veda la figura, in cui è indicato anche

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Valvole di regolazione

Valvole di regolazione Valvole di Regolazione Valvole di regolazione Sono attuatori che servono a modulare la portata di fluido (liquido o gassoso) nei circuiti idraulici Diffusissime nel controllo di processo industriale (es:

Dettagli

Benchmark. cambi automatici

Benchmark. cambi automatici Voith Turbo DIWA.3 Con DIWA.3 della Voith scegliete il Benchmark per i cambi automatici di alta tecnologia Cambio Voith DIWA Economicità e comfort attraverso una tecnica convincente Una buona idea è sempre

Dettagli

tecnica sottosistemi E S Pe pneumatici: TECNOLOGIE IN RICERCA DI PERFEZIONE 1 AUTO TECNICA 12/07

tecnica sottosistemi E S Pe pneumatici: TECNOLOGIE IN RICERCA DI PERFEZIONE 1 AUTO TECNICA 12/07 tecnica sottosistemi E S Pe P pneumatici: TECNOLOGIE IN RICERCA DI PERFEZIONE 1 AUTO TECNICA 12/07 Con l avanzata dei sistemi elettronici e la continua evoluzione dei pneumatici invernali, è necessario

Dettagli

DECRETO 25 febbraio 2013 Recepimento della direttiva 2012/36/UE in materia di patente di guida. (13A03050) (GU n.84 del 10-4-2013)

DECRETO 25 febbraio 2013 Recepimento della direttiva 2012/36/UE in materia di patente di guida. (13A03050) (GU n.84 del 10-4-2013) MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 25 febbraio 2013 Recepimento della direttiva 2012/36/UE in materia di patente di guida. (13A03050) (GU n.84 del 10-4-2013) IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Il Carroponte 1 il carroponte

Il Carroponte 1 il carroponte Il Carroponte Il Carroponte è uno strumento portentoso, ma che deve essere utilizzato con la massima prudenza. In commercio ne esistono di vari tipi, anche se alcuni elementi sono comuni fra molti modelli.

Dettagli

REGOLAZIONE SOSPENSIONI suspension tuning

REGOLAZIONE SOSPENSIONI suspension tuning REGOLAZIONE SOSPENSIONI suspension tuning Francesco Meneghini 2007 Introduzione Nessuna parte nella regolazione della moto è più critica della messa a punto delle sospensioni. Un impropria messa a punto

Dettagli

Quinta Esercitazione di Fisica I 1 PROBLEMI RISOLTI

Quinta Esercitazione di Fisica I 1 PROBLEMI RISOLTI Quinta Esercitazione di Fisica I 1 PROBLEMI RISOLTI 1. Un' auto di massa pari a 900 kg si muove su un piano alla velocità di 0 m/s. Che forza occorre per fermarla in 30 metri? (A) 1800 N (B) 4500 N (C)

Dettagli

Sospensioni. Regolazione statica

Sospensioni. Regolazione statica Sospensioni Regolazione statica Per una buona, rapida ed efficace regolazione delle sospensioni, è molto importante variare un parametro per volta. Ogni regolazione che vi indicheremo di seguito è da considerarsi

Dettagli

SVILUPPO DI UNA NUOVA MODALITÀ DI INNESCO A FRIZIONE CON MOLLA ELICOIDALE PER MOTOCOLTIVATORI.

SVILUPPO DI UNA NUOVA MODALITÀ DI INNESCO A FRIZIONE CON MOLLA ELICOIDALE PER MOTOCOLTIVATORI. Convegno di Medio Termine dell Associazione Italiana di Ingegneria Agraria Belgirate, 22-24 settembre 2011 memoria n. SVILUPPO DI UNA NUOVA MODALITÀ DI INNESCO A FRIZIONE CON MOLLA ELICOIDALE PER MOTOCOLTIVATORI.

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

file://c:\elearn\web\tempcontent9.html

file://c:\elearn\web\tempcontent9.html Page 1 of 12 GRANDE PUNTO 1.2 8v GENERALITA'' - IMPIANTO DI CONTROLLO STABILITA'' VEICOLO V.D.C./E.S.P. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE VISTA DI ASSIEME 1 - Centralina ABS/ESP 2 - Sensore angolo sterzo integrato

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

Corso TEORICO di Guida in Sicurezza dei Mezzi Fuoristrada destinato ai Volontari

Corso TEORICO di Guida in Sicurezza dei Mezzi Fuoristrada destinato ai Volontari Questionario Note Le domande dei questionari sono di tipo differente. Nello specifico, questi sono i tipi di domande: SCELTA MULTIPLA (1 opzione): sono elencate alcune risposte possibili e va scelta quella

Dettagli