CARATTERISTICHE DEI VEICOLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARATTERISTICHE DEI VEICOLI"

Transcript

1 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI I ii e e caraerisiche dei veicoi sono sabiii in Iaia da Nuovo Codice dea Srada (N.C.S.) arovao con D.L.vo n.85 de 30 arie 199, e da reaivo Regoameno di Esecuzione e di Auazione (D.P.R. n.485 de 16 dicembre 199) e dee oro successive modificazioni ed inegrazioni (egge 10 9/07/010). I veicoi si disinguono in veicoi a braccia, veicoi a razione animae, veociedi, sie, cicomoori, mooveicoi, auoveicoi, fioveicoi, rimorchi, macchine agricoe, macchine oerarici, veicoi con caraerisiche aiiche, Veicoi su roaia in sede romiscua Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 1

2 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI Gi auoveicoi si dividono in (ar. 54 N.C.S.): Auoveure: veicoi desinai a rasoro di ersone, aveni a massimo nove osi, comreso queo de conducene; Auobus: veicoi desinai a rasoro di ersone equiaggiai con iù di nove osi comreso queo de conducene; Auoveicoi er rasoro romiscuo: veicoi aveni una massa comessiva a ieno carico non sueriore a 3.5 o 4.5 se a razione eerica o a baeria, desinai a rasoro di ersone e di cose e caaci di conenere a massimo nove osi comreso queo de conducene; Auocarri: veicoi desinai a rasoro di cose e dee ersone addee a uso o a rasoro dee cose sesse; Traori sradai: veicoi desinai escusivamene a raino di rimorchi o semirimorchi; Auoveicoi er rasori secifici: veicoi desinai a rasoro di deerminae cose o di ersone in aricoari condizioni, caraerizzai da essere munio ermanenemene di seciai arezzaure reaive a ae scoo; Auoveicoi er uso seciae: veicoi caraerizzai da essere munii ermanenemene di seciai arezzaure e desinai revaenemene a rasoro rorio. Su ai veicoi è consenio i rasoro de ersonae e dei maeriai connessi co cico oeraivo dee arezzaure e di ersone e cose connesse aa desinazione d uso dee arezzaure sesse; Auoreni: comessi di veicoi cosiuii da due unià disine, agganciae, dee quai una morice; Auoaricoai: comessi di veicoi cosiuii da un raore e da un semirimorchio; Auosnodai: auobus comosi da due ronconi rigidi coegai ra oro da una sezione snodaa; Auocaravan: veicoi aveni una seciae carrozzeria ed arezzai ermanenemene er essere adibii a rasoro e a aoggio di see ersone a massimo, comreso i conducene; Mezzi d oera: veicoi o comessi di veicoi doai di aricoari arezzaure er i carico e i rasoro di maeriae di imiego o di risua de aivià ediizia, sradae, di escavazione mineraria e maeriai assimiai. Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori

3 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI Le caraerisiche imie di ciascun io di veicoo sono e segueni: a) Sagoma imie Tui i veicoi debbono oersi iscrivere in una sagoma di.55 m (.60 m nei veicoi er i rasoro di merci deeribii in regime di emeraura conroaa) di arghezza (escuse e sorgenze dovue ai rerovisori mobii), e di 4.0 m di aezza; er gi auobus è consenia un aezza fino a 4.30 m. Le unghezze oai massime, comresi gi evenuai organi di raino sono: 1 m er i veicoi isoai, er gi auoaricoai e gi auosnodai, 18 m er gi auosnodai e fiosnodai adibii a servizio di inea er i rasoro di ersone desinai a ercorrere iinerari resabiii, m er gi auoreni e fioreni. b) Fascia di ingombro - Ogni veicoo deve oersi inscrivere in una fascia d ingombro a corona circoare di arghezza A=7.0 m, avene raggio inerno Ri=5.30 m e raggio eserno Re=1.50 m (ar.17 D.P.R. n.495 de 16/1/199). Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 3

4 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI Le caraerisiche imie di ciascun io di veicoo sono e segueni: a) Massa - Quaunque sia i io di veicoo (faa eccezione er i mezzi d oera) a massa gravane su asse singoo iù caricao non uò suerare 1 ; er una coia di assi a somma dee masse dovrà essere inferiore a 1, se a disanza assiae è inferiore ad un mero, a 16, se a disanza assiae è ari o suerioread 1medinferiorea1.3m,a0,seadisanzaassiaeèario sueriore a 1.3 m ed inferiore a m. Per i mezzi d oera, a massa gravane su asse singoo iù caricao non uò eccedere e 13 (a ae riguardo gi assi disosi a disanza <1.0 m sono considerai come un unico asse singoo). Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 4

5 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI Descrizione dea grandezza Simboo BUS (1) Auocarri (1) Auocarri con rimorchio (1) Auoaricoai () Auoveure (3) Larghezza de veicoo isoao o dea morice L (.50).50 (.50) Disanza ra gi assi de veicoo isoao o dea morice E (5.00) 6.0 (5.00) Sbazo aneriore Pa (1.70) 1.80 (1.70) Sbazo oseriore Pr (.70) 1.90 (.30) 4.5 Larghezza de rimorchio o de semi-rimorchio Lr.50 (3.00).50 Lunghezza imone de T.50 (3.00) Disanza ra gi assi de rimorchio o ra a raa e asse de semirimorchio Er 4.40 (4.80) 7.0 Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 5

6 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI RAGGI MINIMI DI SVOLTA IN MANOVRA Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 6

7 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI RAGGI MINIMI DI SVOLTA IN MANOVRA R 1 R R 3 Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 7

8 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI RAGGI MINIMI DI SVOLTA IN MANOVRA Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 8

9 PRESTAZIONI DEI VEICOLI Forza di razione T LAVORO Ne S.I. Joue=N*m Aarao di rousione ideae P= cos POTENZA Ne S.I. Wa = N*m/sec Ne S.T. CV=75 gf*m/sec = = 9.81*75 * N*m/sec =0.735 KW Ierboe Veicoi sradai hanno aarai di rousione a combusione inerna Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 9

10 PRESTAZIONI DEI VEICOLI Le caraerisiche di razione non sono ideai er gi aarai di rousione a combusione inerna Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 10

11 PRESTAZIONI DEI VEICOLI Scorrimeno Efficienza degi organi di riduzione e rasmissione circa 90%: inneso 99% accoiameno 95-97% giuni 98-99% Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 11

12 PRESTAZIONI DEI VEICOLI RESISTENZE AL MOTO RESISTENZE DOVUTE ALLA PENDENZA Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori

13 PRESTAZIONI DEI VEICOLI RESISTENZE AL MOTO RESISTENZE DOVUTE ALLA PENDENZA F g = M*g*sen M*g*i Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori

14 PRESTAZIONI DEI VEICOLI RESISTENZE AL MOTO RESISTENZE AERODINAMICHE Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori

15 PRESTAZIONI DEI VEICOLI RESISTENZE AL MOTO RESISTENZE AL ROTOLAMENTO Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori

16 PRESTAZIONI DEI VEICOLI RESISTENZE AL MOTO INERZIA Esemio: eso ruoa = 4.6 N Massa ruoa=.89 g Raggio Ruoa = R= 0.33 m Mom. Inerzia oare singoa ruoa = 1.48 g m, Massa auoveura = M = 1360 g si oiene I/(R * M)=0.04 Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori

17 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Forze rasmesse da una ruoa in moo di rooameno: FORZE NORMALI FORZE TANGENZIALI Equiibrio vericae de veicoo Longiudinai Trasversai Forze di Aderenza CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

18 Caraerisiche de neumaico Sruura di un neumaico CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

19 Pneumaico convenzionae CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSICaraerisiche de neumaico Pneumaico radiae CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

20 Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO F r = f r *W CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

21 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO LE RESISTENZE AL ROTOLAMENTO SONO PRINCIPALMENTE DOVUTE ALLA DISSIPAZIONE DI ENERGIA INDOTTA DALLE DEFORMAZIONI RIPETUTE DEL PNEUMATICO LE DEFORMAZIONI SI VERIFICANO IN CORRISPONDENZA DELL AREA DI CONTATTO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

22 Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO h 1 R 1 R CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI f f i CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

23 Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO Carico Scarico CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

24 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO PARAMETRI CONSEGUENZE EFFETTO SULLA RESISTENZA AL ROTOLAMENTO Base 100 reaiva aa ressione di.1 bar Base 100 reaiva a carico = 80% de carico massimo (auoveure) PRESSIONE DEI PNEUMATICI ENTITA CARICO DELLA VELOCITA Base 100 reaiva aa ressione di 8 bar MACRORUGOSITA SUPERFICIE DEFORMAZIONE TEMPERATURA ENERGIA DISSIPATA Base 100 reaiva aa veocià di 80 m/h CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

25 Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO MISURA DELLA RESISTENZA LA ROTOLAMENTO DI UN PNEUMATICO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

26 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO fr = 0.01 * (1 + V / 160).5 Per V<130 m/h si uò assumere una reazione ineare fr = 0.01 * (1 + V / 160) V in m/h Per e auoveure Per V 150 m/h Pneumaici radiai fr = *10-7 *V Pneumaici convenzionai fr = *10-6 *V V in m/h Per i veicoi commerciai esani Per V100 m/h Pneumaici radiai fr = *10-6 *V Pneumaici convenzionai fr = *10-6 *V V in m/h I vaori inferiori er i veicoi commerciai sono dovui ae ressioni di gonfiaggio + eevae uiizzae nei neumaici dei veicoi commerciai esani Pa CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

27 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Inerazione neumaico-srada REGULATION OF THE EUROPEAN PARLIAMENT AND OF THE COUNCIL (661/009) Maximum vaues Sage 1 Sage [dan / 10 N] o in 0 / 00 Tyre caegory Summer Passenger cars Cass C1 Ligh ruc or C Cass C Truc & Bus Cass C New yre ye-arova from November 01 Imemenaion Enire mare New yre ye-arova from November 016 Imemenaion Enire mare 1,0 Nov ,5 Nov ,5 Nov ,0 Nov ,0 Nov ,5 Nov. 00 Tyre cass Tyre widh Curren imis db(a) New imis db(a) Imemenaion New yre yearova Imemenaion Enire mare C1A 185 7/74 70 Nov. 01 Nov. 16 C1B > C1C > C1D > C1E > C Norma 75 7 Tracion C3 Norma Tracion UN/ECE Reguaion CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

28 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO RESISTENZE AL ROTOLAMENTO VS ALTRE PRESTAZIONI DEL PNEUMATICO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

29 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FENOMENI CHE GENERANO LE FORZE DI ADERENZA ISTERESI ATTRITO Forze di roura e viscose F a P a ADESIONE CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI F P a a

30 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FENOMENI CHE GENERANO LE FORZE DI ADERENZA CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

31 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Faori da cui diende Aderenza Caraerisiche de neumaico Mescoa, ioogia, conformazione, configurazione dee scoiure, sessore de baisrada; Condizioni oeraive de neumaico Veocià, seudo-scorrimeno, angoo di deriva, ressione di gonfiaggio, carico vericae, emeraura. Maeriae ineroso Acqua, sosanze conaminani Caraerisiche de mano Caraerisiche suerficiai (micro e macroessiura), maeriai, geomeria, CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

32 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Caraerisiche e condizioni oeraive de neumaico V rasazione R V R ras V eriferica CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI R SCORRIMENTO O PSEUDOSCORRIMENTO IN TRAZIONE V R ras V ras IN FRENATURA

33 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO X = F X / Z Frenane Traene -1 x SCORRIMENTO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

34 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

35 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Teoria di Juien Ioesi Peumaico schemaizzao come un banda easica, Area di conao reangoare, Pressione di conao uniformemene disribuia. Sia e0 a deformazione immediaamene rima de inizio de area di conao. La deformazione in un quasiasi uno de area di conao sarà: e = e0 + * x Si uò assumere che e0 sia roorzionae a : 0 = ex Si uò inore assumere che nea zona di adesione, dove non vi sono scivoameni ra neumaico e suerficie sradae, o sforzo di razione er unià di unghezza sia roorzionae aa deformazione de neumaico: df dx x e x x F x x dx x 1 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI 0 x

36 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Teoria di Juien Ioesi Peumaico schemaizzao come un banda easica, Area di conao reangoare, Pressione di conao uniformemene disribuia. Sia e0 a deformazione immediaamene rima de inizio de area di conao. La deformazione in un quasiasi uno de area di conao sarà: e = e0 + * x Si uò assumere che e0 sia roorzionae a : 0 = ex Si uò inore assumere che nea zona di adesione, dove non vi sono scivoameni ra neumaico e suerficie sradae, o sforzo di razione er unià di unghezza sia roorzionae aa deformazione de neumaico: df dx x e x x F x x dx x 1 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI condizione affinché non si abbiano scorrimeni df dx x e 0 x b dove è a ressione di conao, b è a arghezza dea banda, i vaore massimo de coefficiene di adesione neumaico suerficie sradae. Esensione dea zona di adesione erfea: df b x W c b x c dx dove W è a forza eso normae agene su neumaico ed è a unghezza oae de area di conao. x

37 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO Se < c in ua area di conao vi è erfea adesione e a forza di razione oae risua (si one x= ): x K F 1 Poiché è una misura deo scorrimeno de neumaico, se in ua area di conao si ha adesione, a forza di razione F è direamene roorzionae ao scorrimeno. La condizioni affinché nea are oseriore de area di conao si inizi a verificare siameno ra neumaico e suerficie sradae è (uno A de diagramma): c W W W da cui si ha x W W F Un ueriore aumeno deo scorrimeno o dea forza di razione F roduce una esensione dea zona di non erfea adesione, erano a inerno de area di conao vi sarà una zona di erfea adesione ed un area dove non vi è erfea adesione. Le risuani dee forze di razione generae a inerno dee due aree saranno riseivamene Fxa e Fxs da cui a forza oae di razione risua essere: F x = F xa + F xs

38 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO Poiché risua: c c xs W W dx W dx b F c c 1 viso che c W sosiuendo si oiene. xs W W W W W W W F 1 1 oso K ' s K W W W F F x = F xs + F xa

39 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO ' ' ' ' c c xa K K W K W K W W W W W W W W W F F x = F xs + F xa

40 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO Perano o sforzo oae Fx risua essere: ' ' ' ' ' ' xa xs x K K W W K K W W W W K K W K W W W F F F La reazione rovaa indica un egame non ineare ra sforzo di razione e scorrimeno se non c è erfea adesione in una are de area di conao. Quando a zona di non erfea adesione si esende a inera area di conao o sforzo di razione assume i vaore: W F x Lo scorrimeno si oiene onendo c = 0 (uno B de diagramma): 0 W W

41 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Caraerisiche e condizioni oeraive de neumaico DERIVA DEL PNEUMATICO Angoo di deriva (si ange) CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

42 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Caraerisiche e condizioni oeraive de neumaico DERIVA DEL PNEUMATICO o y Zona di conao C V x Zona di siameno B y y o V x CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI A V y x o V x

43 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Caraerisiche e condizioni oeraive de neumaico DERIVA DEL PNEUMATICO Angoo di deriva 14 Angoo di deriva 1 Forza rasversae Kg Carico normae 40 Kg CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Kg Care di deriva 80 Kg 80 Kg 140 Kg 70 Kg

44 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Caraerisiche e condizioni oeraive de neumaico INTERAZIONE TRA ADERENZA LONGITUDINALE x E TRASVERSALE y y x Pseudo-scorrimeno ELLISSE DI ADERENZA Y Y CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI o Y o Y Y X X X X =Z o x max X o dove X o = X,max Z Y o = Y,max Z. 1

45 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza combinaa de mano sradae, de neumaico e de maeriae ineroso Aderenza decresce a aumenare deo sessore de veo idrico Veocià 30 m/h CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

46 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza combinaa de mano sradae, de neumaico e de maeriae ineroso Veocià 30 m/h Aderenza decresce a aumenare deo sessore de veo idrico in misura crescene a aumenare dea veocià CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

47 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza combinaa de mano sradae, de neumaico e de maeriae ineroso Le caraerisiche suerficiai dee avimenazioni sradai (macro e micro rugosià) hanno un effeo considerevoe su aderenza sorauo su suerfici bagnae CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

48 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza combinaa de mano sradae, de neumaico e de maeriae ineroso CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

49 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza deo sessore de veo idrico X,max CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

50 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza deo sessore de veo idrico CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

51 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI V A 500 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza deo sessore de veo idrico Per i neumaici con baisrada iscio o con aezza dei risai inferiore ao sessore de veo idrico a veocià di aquaaning uò essere vauaa basandosi su idrodinamica: 1 W 1 W F h fuido A V V A [m/s] VA 6.34 [m/h] 1000 V A = Veocià di aquaaning = ressione di gonfiaggio in Pa CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI fuido fuido

52 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Macrorugosià < 50 mm h< 0mm ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza dee caraerisiche suerficiai dee avimenazioni Microrugosià <0.5mm h<0.5 mm CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

53 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza dee caraerisiche suerficiai dee avimenazioni La microessiura ha una benefica SUPERFICIE infuenza su aderenza sviuaa a ue e veocià e nea roura de fim iquido residuo che arriva nea zona asciua A La macroessiura ha una benefica infuenza su aderenza sviuaa ae veocià eevae er i fenomeno de iseresi e er a faciiazione de drenaggio de acqua che si accumua a inerfaccia neumaicoavimenazione. CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI B C D SCALA DI TESSITURA MACRO ALTA ALTA BASSA BASSA MICRO ALTA BASSA ALTA BASSA

54 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Caraerisiche suerficiai: Micro e Macro-essiura ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza dee caraerisiche suerficiai dee avimenazioni Effeo benefico dea macroessiura er i fenomeno de iseresi Carico Scarico CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI R Scarico Carico R 1

55 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Caraerisiche suerficiai: Micro e Macro-essiura ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza dee caraerisiche suerficiai dee avimenazioni Effeo benefico dea macroessiura er i drenaggio de acqua a inerfaccia neumaico avimenazione - + CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

56 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE METODOLOGIE DI MISURA DIRETTE MISURA DELL ADERENZA Consenono di deerminare direamene i vaori di aderenza imegnabie sua avimenazione INDIRETTE PNEUMATICI STANDARD (baisrada non commerciae) Consisono nea misurazione dei arameri sradai che condizionano aderenza (macroessiura e microessiura) CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

57 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSIADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE MISURA DELL ADERENZA APPARECCHIATURE DI MISURA PUNTUALI Consenono a misura dei arameri in un uno e rimangono di soio fisse durane oerazione di misura IN CONTINUO Consenono a misura dee caraerisiche suerficiai ungo un deerminao aineameno ongiudinae e aarecchiaura è in movimeno durane a rocedura di misura CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

58 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure unuai Sid Teser o Pendoo Briannico E uno srumeno oraie consisene in un endoo doao a esremià di aino in gomma che sriscia sua avimenazione in recedenza bagnaa. A aezza di arreso corrisonde sua scaa graduaa un numero (BPN) quaiaivamene indicaivo de iveo di ario radene CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

59 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure unuai Sid Teser o Pendoo Briannico Per e aricoare condizioni oeraive in cui avviene a rova, i numero di Pendoo Briannico (BPN) risua sensibimene infuenzao daa microessiura dea avimenazione. Perano da moi sudiosi i BPN è considerao un aramero di misura surrogao dea microessiura. CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

60 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure di riievo in coninuo Vengono imiegae ruoe di misura sandard Le meodoogie si differenziano in base ae condizioni oeraive de neumaico di misura: Ruoa in deriva Ruoa frenaa con seudo-scorrimeno imoso Ruoa frenaa in siameno uro (100%) CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

61 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure di riievo in coninuo Side fricion Coefficien Rouine Invesigaion Machine S.C.R.I.M. E un mezzo caraerizzao da una ruoa rooane orienabie con angoo di deriva obbigao che ermee di misurare i Coefficiene di Aderenza Trasversae (CAT) er una assegnaa veocià CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

62 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure di riievo in coninuo Side fricion Coefficien Rouine Invesigaion Machine S.C.R.I.M. CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

63 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure di riievo in coninuo Sid Traier (U.S.A.) E un mezzo caraerizzao da un carreo rainao su cui è monaa una ruoa frenaa (seudoscorrimeno =1) srumenaa che ermee di misurare i Coefficiene di Aderenza Longiudinae (CAL) 100 denominao Sid Number (SN) er una assegnaa veocià CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

64 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure di riievo in coninuo Norsemeer (Norvegia) E un mezzo caraerizzao da un carreo rainao su cui è monaa una ruoa srumenaa con seudo-scorrimeno variabie che ermee di misurare i Coefficiene di Aderenza Longiudinae (CAL) er un assegnao seudoscorrimeno e er una assegnaa veocià CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

Collegamenti Albero-mozzo

Collegamenti Albero-mozzo Collegameni Albero-mozzo /11/01 Obieivo: Collegare assialmene ue organi (in moo fisso o mobile) al fine i rasmeere coia orcene e quini eviare che vi sia un moo roaorio relaivo Accoiameno i forma Faore

Dettagli

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II Risouzione di travature reticoari iperstatiche co metodo dee forze ompemento aa ezione 3/50: I metodo dee forze II sercizio. er a travatura reticoare sotto riportata, determinare gi sforzo nee aste che

Dettagli

Modulo n.3 - I materiali nelle lavorazioni metalliche

Modulo n.3 - I materiali nelle lavorazioni metalliche oduo n. - I maeriai nee avorazioni meaiche PROPRIETÀ ISIHE, EANIHE, TENOOGIHE (Diiazione vericae) OBIETTIVI: A) onocenza dee proprieà dei maeriai finaizzaa a oro uiizzo; B) apacià di eeguire cacoi ue principai

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoi Parhenope Facoà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Eeriche docene: Pro. Vio Pascazio 14 a Lezione: 8/5/3 Sommario Fasori Segnai passabanda Trasmissione di segnai passabanda in sisemi

Dettagli

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica ar. 64686 olla ad elica cicilindrica Eserciazione n 9 In figura è rappresenao un basameno sospeso anivibrane di una macchina nella quale viene originaa una forza perurbane alernaa sinusoidale di inensià

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO IV FACOLTÀ Ingegneria Aerospaziale Fisica Sperimentale A+B - I Appello 16 Luglio 2007

POLITECNICO DI MILANO IV FACOLTÀ Ingegneria Aerospaziale Fisica Sperimentale A+B - I Appello 16 Luglio 2007 POLIECNICO DI ILNO IV FCOLÀ Ingegneria erospaziale Fisica Sperimenale + - I ppello 6 Luglio 007 Giusificare le rispose e scriere in modo chiaro e leggibile. Sosiuire i alori numerici solo alla fine, dopo

Dettagli

TERMODINAMICA E TERMOFLUIDODINAMICA. Cap. 3 TERMODINAMICA E LAVORO MECCANICO

TERMODINAMICA E TERMOFLUIDODINAMICA. Cap. 3 TERMODINAMICA E LAVORO MECCANICO TERMODINMIC E TERMOFLUIDODINMIC Ca. 3 TERMODINMIC E LVORO MECCNICO d 0 stato finae 0 stato iniziae F V m 0 / 0 G. Cesini Termodinamica e termofuidodinamica - Ca. 3_TD e aoro meccanico Ca. 3 TERMODINMIC

Dettagli

Adottando il metodo più corretto (in riferimento al Manuale di Meccanica, Hoepli) verificare la resistenza strutturale del dente.

Adottando il metodo più corretto (in riferimento al Manuale di Meccanica, Hoepli) verificare la resistenza strutturale del dente. 1) Risolvere i segueni due esercizi (empo assegnao 2h) a) Un riduore cosiuio da una coppia di ruoe nae a ni drii a proporzionameno normale ve rasmeere una poenza di 5kW. Inolre si hanno i segueni dai:

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione Dall equazione alle

Dettagli

Interazione tra forze verticali e longitudinali: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013

Interazione tra forze verticali e longitudinali: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013 Interazione tra forze verticai e ongitudinai: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013 Ne piano frontae si studia interazione tra forze verticai Fz e forze aterai Fy sviuppate a iveo de impronta a terra.

Dettagli

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14 Universià di isa - olo della Logisica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sisemi Logisici Anno Accademico: 03/4 CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Docene: Marino Lupi

Dettagli

Processi per asportazione C.N. Processi per asportazione C.N. Generalità sui parametri di taglio

Processi per asportazione C.N. Processi per asportazione C.N. Generalità sui parametri di taglio Sisemi di Prodzione II Oimizzazione de rocesso Processi er asorazione.n. Processi er asorazione.n. Generaià si arameri di agio La ornira Forara, fresara e reifica I conroo nmerico (.N.) Oimizzazione de

Dettagli

Modelli di Ricerca Operativa per il Lot Sizing

Modelli di Ricerca Operativa per il Lot Sizing Modelli di Ricerca Oeraiva er il Lo Sizing Corso di Modelli di Sisemi di Produzione I Sommario Inroduzione La gesione delle score (Problema e modelli) Parameri Fondamenali (cosi di e soccaggio) Aroccio

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

A. Quantità edificatorie e densità territoriale...1

A. Quantità edificatorie e densità territoriale...1 Cara di Urbanisica I Pro.ssa Arch. Fabiola Fraini Cara di Urbanisica I --- a.a. 2003/2004 PROGETTO PER UN AMBITO URBANO NEL QUARTIERE DI CENTOCELLE Laboraorio progeuale annuale INDICAZIONI RIGUARDO LE

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.macchineagricoledomani.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... VOLUME 2 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE I TRASPORTI 1. Paroe per capire Aa fine de capitoo scrivi i significato di queste paroe nuove: vie di comunicazione... mezzi di trasporto... autostrada...

Dettagli

Molle Costruzione di Macchine_ MOLLE

Molle Costruzione di Macchine_ MOLLE OLLE Nella cosruzione di macchine sono uilizzae er: Aenuare gli eei di uri Esalare o ridurre gli eei vibraori Riorare alla osizione iniziale un elemeno di macchina A seconda del io di solleciazione, si

Dettagli

Esercizi di dinamica 2

Esercizi di dinamica 2 Esercizi di dinaica ) Un corpo di assa.0 kg si trova su un piano orizzontae scabro. I coefficiente di attrito statico tra corpo e piano è s 0.8. I corpo è sottoposto a azione di una forza orizzontae 7.0

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ALLEGATO 1 Ministero dee Inrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generae per i Trasporto Stradae e per Intermodaità Pubbiazione

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Campo rotante. Stefano Pastore. Dipartimento di Ingegneria e Architettura Corso di Elettrotecnica (IN 043) a.a.

MACCHINE ELETTRICHE. Campo rotante. Stefano Pastore. Dipartimento di Ingegneria e Architettura Corso di Elettrotecnica (IN 043) a.a. MACCINE ELETTRICE Campo roane Sefano Pasore Diparimeno di Ingegneria e Archieura Corso di Eleroecnica (IN 043) a.a. 01-13 Inroduzione campo magneico con inensià ane che ruoa aorno ad un asse con velocià

Dettagli

Definizione Statico-Cinematica dei vincoli interni

Definizione Statico-Cinematica dei vincoli interni Definizione Statico-Cinematica dei vincoi interni Esempi deo schema strutturae di una struttura in cemento armato e di due strutture in acciaio in cui sono presenti dei vincoi interni cerniera. Vincoo

Dettagli

Nome..Cognome. classe 3D 26 Gennaio 2013. Verifica: Parabola e circonferenza

Nome..Cognome. classe 3D 26 Gennaio 2013. Verifica: Parabola e circonferenza Nome..Cognome. classe D Gennaio 0 erifica: Parabola e circonferenza. Dai la definizione di parabola. Considera la parabola di fuoco F(,) e direrice r:, deermina: a) l equazione dell asse b) le coordinae

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ALLEGATO 1 Ministero dee Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, a Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistii Direzione Generae per i Trasporto Stradae e per Intermodaità Pubbiazione

Dettagli

Motori elettrici per la trazione veicolare. Vincenzo Di Dio

Motori elettrici per la trazione veicolare. Vincenzo Di Dio Moori elerici per la razione veicolare Vincenzo Di Dio Tipologie di moori elerici uilizzai per la razione veicolare Moori a correne coninua Moori a correne alernaa Sincroni Asincroni Correni eleriche e

Dettagli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli FOCUS TECNICO IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMIANTI IDROSANITARI asi d espansione e accumuli RODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA Due sono i sisemi normalmene uilizzai per produrre acqua calda saniaria: quello

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA CIVILE DISPENSE DEL CORSO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI Parte I Geometria dell asse stradale A.A. 006/07 Ing. Paolo Perco Paolo Perco

Dettagli

ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Prof. Ing. R. M. Poro A cura della TELECOMUNICAZIONI Con il ermine elecomunicazioni

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Carrelli Elevatori Termici 5.0-8.0 t

Carrelli Elevatori Termici 5.0-8.0 t Carrelli Elevatori Termici 5.0-8.0 t 5FG/5FD www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Termici 5.0-6.0 t Caratteristiche tecniche principali 5FG50 5FG60 50-5FD60 1.1 Costruttore Toyota Toyota Toyota 1.2

Dettagli

Carrelli Elevatori Elettrici 1.0-1.5 t

Carrelli Elevatori Elettrici 1.0-1.5 t Carrelli Elevatori Elettrici 1.0-1.5 t www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Elettrici 1.0 t Caratteristiche tecniche principali 7FBEST10 1.1 Costruttore TOYOTA 1.2 Modello 7FBEST10 1.3 Alimentazione

Dettagli

Sommario. Introduzione. Progetto di alberi di trasmissione Concentrazione di tensioni

Sommario. Introduzione. Progetto di alberi di trasmissione Concentrazione di tensioni 3 La orsione Sommario Inroduzione Alberi saiamene indeerminai Carihi orsionali su alberi irolari Momeno dovuo a ensioni inerne Deformazioni angenziali parallele all asse Progeo di alberi di rasmissione

Dettagli

Misura della velocità della luce

Misura della velocità della luce CORSO DI LABORATORIO DI FISICA A Misura dea veoià dea ue Sopo de esperienza è a misura sperimenae dea veoià dea ue, mediane a misura de empo di riardo ra due impusi aser, generai onemporaneamene, he perorrono

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti)

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti) MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 007 008 Prova dell 8 febbraio 008 Nome Cognome Maricola Esercizio (6 puni) La vendia raeale di un bene di valore 000 prevede il pagameno di rae mensili posicipae cosani calcolae

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Esercizi di Maemaica Finanziaria Copyrigh SDA Bocconi Faori nanziari Classi care e rappresenare gra camene i segueni faori nanziari per : (a) = + ; 8 (b) = ( + ; ) (c) = (d) () = ; (e) () = ( + ; ) (f)

Dettagli

AUTO DIESEL 2400 cc ANALISI

AUTO DIESEL 2400 cc ANALISI HOPE SERGIO BRONDIN DUE CARRARE PADOVA _ ITALIA AUTO DIESEL 2400 cc ANALISI FRATELLI UMANI pag 1 1) Analizziamo un' auto di alta cilindrata ciclo Diesel Volvo V 70 2.4 D5 Momentum Dati: a) Motore 5 cilindri

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

AUTO DIESEL 1560 cc ANALISI

AUTO DIESEL 1560 cc ANALISI HOPE SERGIO BRONDIN DUE CARRARE PADOVA ITALIA AUTO DIESEL 1560 cc ANALISI FRATELLI UMANI pag 1 1) Analizziamo un' auto di media cilindrata ciclo Diesel Mini Cooper D Chili Clubman Dati: a) Motore 4 cilindri

Dettagli

APPROFONDIMENTI SULLA TEORIA DEL CONSUMO AGGREGATO

APPROFONDIMENTI SULLA TEORIA DEL CONSUMO AGGREGATO Moduo 8a 1 APPROFONDIMENTI SULLA TEORIA DEL CONSUMO AGGREGATO 1. Iroduzioe 2. La eoria de cosumo di Dueseberry 3. La eoria de cico viae di Modigiai 2 1. Iroduzioe Dae esperieze dei maggiori sisemi macroecoomici,

Dettagli

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Visione d insiee DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Ce cos è inerzia? L inerzia è a tendenza di un corpo a antenere i proprio stato di quiete o di oto rettiineo unifore (prio principio dea dinaica). L inerzia

Dettagli

CATALOGO PNEUMATICI PER MINI PALE GOMMATE

CATALOGO PNEUMATICI PER MINI PALE GOMMATE CATALOGO PNEUMATICI PER MINI PALE GOMMATE Codice: M3828T Notevole spessore del fianco e dell area a contatto con il cerchio per una durata superiore. MISURA PNEUMATICO: 23 8.50-12 PROFONDITA BATTISTRADA

Dettagli

www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Termici 1.5-3.5 t

www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Termici 1.5-3.5 t www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Termici 1.5-3.5 t Carrelli Elevatori Termici 1.5-1.75 t Caratteristiche tecniche principali 02-8FGF15 02-8FDF15 02-8FGF18 02-8FDF18 1.1 Costruttore TOYOTA TOYOTA

Dettagli

SISTEMI INTEGRATI DI PREFABBRICAZIONE

SISTEMI INTEGRATI DI PREFABBRICAZIONE LAMIERE CATALOGO GENERALE ITEMI INTEGRATI DI PREFABBRICAZIONE G E N N A I O 2 0 1 3 I T A L I A LAMIERE Lamiere HI-BOND Lamiere grecate er soai coaboranti L imiego dee amiere grecate, nee costruzioni dei

Dettagli

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA

TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRAFFICO MERCI COMBINATO: TRAFFICO DI CONTENITORI E DI UNITA DI TRASPORTO STRADALI PER FERROVIA TRASPORTO COMBINATO CODIFICATO DELLE CASSE MOBILI E DEI SEMIRIMORCHI Il trasporto per ferrovia delle casse

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

ESTENSIMETRO O STRAIN GAUGE

ESTENSIMETRO O STRAIN GAUGE ez I trasduttori di forza e di pressione La misura di una forza o di una pressione si ric onduc e aa misura di una deformazione. E queo c he succ ede nee bianc e c he permettono di misurare a forza peso

Dettagli

funzione: trasformare un segnale ottico in un segnale elettrico;

funzione: trasformare un segnale ottico in un segnale elettrico; Foorivelaori (a semiconduore) funzione: rasformare un segnale oico in un segnale elerico; ipi: fooconduori; foodiodi (pn, pin, a valanga...) caraerisiche: modo di funzionameno; larghezza di banda; sensibilià;

Dettagli

Inserti grip di precisione. con effetto staffante. penetrazione controllata. t= profondità di. Quota teorica da spigolo a spigolo

Inserti grip di precisione. con effetto staffante. penetrazione controllata. t= profondità di. Quota teorica da spigolo a spigolo Ialienisch Englisch G14 + G25 G14 + G25 Inseri grip di precisione con effeo saffane Caraerisiche degli inseri serie G Gli inseri di presa serie G sono doai di una superficie di arreso in grado di limiare

Dettagli

ENERGYMETER MID U1281/U1289/U1381/U1387/U1389 Contatori elettronici di energia attiva e reattiva

ENERGYMETER MID U1281/U1289/U1381/U1387/U1389 Contatori elettronici di energia attiva e reattiva 3-349-617-10 10/12.14 Contatore di energia eettrica per sistemi a 2, 3, 4 fii con inserzione diretta 65 A o tramite TA 1 A, 5 A Casse di accuratezza B per uso industriae e commerciae nonché per esigenze

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Spinotto autoforante Acciaio al carbonio con zincatura galvanica bianca

Spinotto autoforante Acciaio al carbonio con zincatura galvanica bianca WS EN Spinoo auoforane Acciaio al caronio con zincaura galvanica ianca 14592 SUPPORTO TECNICO Documenazione complea e consulenza personalizzaa RAPIDITA E PRECISIONE fissaggio rapido senza preforo con possiilià

Dettagli

Fotonica per telecomunicazioni Sistemi di comunicazione ottici Pagina 1 di 5 ESERCIZI

Fotonica per telecomunicazioni Sistemi di comunicazione ottici Pagina 1 di 5 ESERCIZI Foonica per elecomunicazioni Sisemi di comunicazione oici Pagina di 5 ESERCIZI. Calcolare il valore massimo del prodoo B L (Bi Rae lunghezza della fibra) in una fibra mulimodo con δn=n g -n =0.0. Calcolare

Dettagli

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE ECONOMIA CULTURA SOLIDARIETÀ TERRITORIO SPORT PLEIADI N 62 - Semestrae - Aprie 2013 CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL Un mondo di vantaggi TECNOLOGIA PER IL CLIENTE Un offerta personaizzata CASTELLI ROMANI

Dettagli

273 CAPITOLO 18: PALI DI FONDAZIONE IN CONDIZIONI DI ESERCIZIO

273 CAPITOLO 18: PALI DI FONDAZIONE IN CONDIZIONI DI ESERCIZIO 27 nrouzione Per i pali si può fare un iscorso analogo a quello viso per le fonazioni superficiali. Si è viso che nel caso elle fonazioni superficiali l analisi ella eformabilià ella sruura non poeva essere

Dettagli

Clima VRRK 500. Regolatori di portata autoregolanti per impianti CAV

Clima VRRK 500. Regolatori di portata autoregolanti per impianti CAV Regolatori di portata autoregolanti per impianti CAV Funzionamento Il regolatore di portata autoregolante è un elemento di regolazione che opera autonomamente senza energia ausiliaria, mantenendo sempre

Dettagli

www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Termici 3.5-8.0 t

www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Termici 3.5-8.0 t www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Termici 3.5-8.0 t Carrelli Elevatori Termici 3.5-4.0 t Caratteristiche tecniche principali 40-8FD35N 8FG35N 40-8FD40N 8FG40N 1.1 Costruttore TOYOTA TOYOTA TOYOTA

Dettagli

Carrelli Elevatori Elettrici 1.5-2.0 t

Carrelli Elevatori Elettrici 1.5-2.0 t Carrelli Elevatori Elettrici 1.5-2.0 t 3 ruote www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Elettrici 1.5-1.6 t Caratteristiche tecniche principali 8FBE15T 8FBEK16T 8FBE16T 1.1 Costruttore TOYOTA TOYOTA

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero dee Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, a Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistii Direzione Generae per i Trasporto Stradae e per Intermodaità Pubbiazione periodia

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE CERTIFICATO n 41-002 PNEUMATICI PER TRATTORI AGRICOLI: RADIAL

Dettagli

TECNOLOGIE E SISTEMI DI LAVORAZIONE

TECNOLOGIE E SISTEMI DI LAVORAZIONE DOTTORATO DI RICERCA IN TECNOLOGIE E SISTEI DI LAVORAZIONE XIV CICLO OLITECNICO DI ILANO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI AVIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI LECCE IL CONTROLLO DI

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca - Facoltà di Economia Matematica Generale Modulo B - 15 Luglio 2003. Soluzione

Università degli Studi di Milano-Bicocca - Facoltà di Economia Matematica Generale Modulo B - 15 Luglio 2003. Soluzione Universià degli Sudi di Milano-Bicocca - Facolà di Economia Maemaica Generale Modulo B - 5 Luglio 00 Eserciio. Dare la definiione di rango di una marice. Enunciare il Teorema di Rouchè-Capelli., verifi-

Dettagli

Pilkington Optilam Pilkington Optiphon Linee guida per l utilizzo

Pilkington Optilam Pilkington Optiphon Linee guida per l utilizzo Pikington Optiam Pikington Optiphon Linee guida per utiizzo Pikington Optiam Pikington Optiphon Introduzione I vetro stratificato è prodotto assembando due o più astre di vetro foat con uno o più intercaari.

Dettagli

Fisica Generale Modulo di Fisica II A.A. 2014-15 Esercitazione 7 CIRCUITI IN REGIME SINUSOIDALE

Fisica Generale Modulo di Fisica II A.A. 2014-15 Esercitazione 7 CIRCUITI IN REGIME SINUSOIDALE Fisica Generale Modulo di Fisica II A.A. 4-5 Eserciazione 7 CICUII IN EGIME SINUSOIDALE Fa. Un generaore di correne alernaa con volaggio massimo di 4 e frequenza di 5 Hz è collegao a una resisenza 65 Ω.

Dettagli

EVOLUS EVOLUS-T. Operatore per porte automatiche scorrevoli e telescopiche

EVOLUS EVOLUS-T. Operatore per porte automatiche scorrevoli e telescopiche CATAOGO TECNICO EVOUS EVOUS-T Operatore per porte automatiche scorrevoli e telescopiche INDICE CARATTERISTICHE GENERAI EVOUS/EVOUS-T 3 MODEI: EVOUS 4 MODEI: EVOUS-T 6 DETTAGI DE OERATORE 8 FUNZIONI E REGOAZIONI

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Organi di propulsione e sostegno Prof. S. Pascuzzi 1 Organi di propulsione e sostegno Organi di propulsione

Dettagli

LAND ROVER DEFENDER 90 2.0 MPI BENZINA. Identificativo N 5-I

LAND ROVER DEFENDER 90 2.0 MPI BENZINA. Identificativo N 5-I LAND ROVER DEFENDER 90 2.0 MPI BENZINA UFFICIO TECNICO STAMISPOL TORRE ANNUNZIATA Identificativo N 5-I V.I.N.: SALLDVAY8VA109623 Anno di Costruzione:1997 Chilometri Percorsi : Km 191.152 SCHEDA TECNICA

Dettagli

Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Ballesio Dott. I. Bertini. Dott. E.Paolini. Tirrenia, 09/12/2011

Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Ballesio Dott. I. Bertini. Dott. E.Paolini. Tirrenia, 09/12/2011 Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Baesio Dott. I. Bertini Dott sa E.Ebner Dott.sa E Ebner Dott. E.Paoini Tirrenia, 09/12/2011 Med Sci Sports Exerc. 2009 Mar; 41(3):709Ǧ31 JADA. 2009 Mar; 109 (3): 509Ǧ527.

Dettagli

DD44 41 350/110 ID ELETTROVALVOLA DI COMMUTAZIONE IN CORRENTE CONTINUA - SERIE 50 IN CORRENTE ALTERNATA - SERIE 62. Q max 75 l/min

DD44 41 350/110 ID ELETTROVALVOLA DI COMMUTAZIONE IN CORRENTE CONTINUA - SERIE 50 IN CORRENTE ALTERNATA - SERIE 62. Q max 75 l/min 1 50/110 ID DD ELEROVALVOLA DI COMMUAZIONE IN CORRENE CONINUA - SERIE 50 IN CORRENE ALERNAA - SERIE 62 VERSIONE MODULARE ISO 01-05 (CEOP 05) p max 280 bar Q max l/min PIANO DI POSA PRINCIPIO DI FUNZIONAMENO

Dettagli

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere DIPRTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Modello di Solow (1) 1 a. a. 2015-2016 ppuni dalle lezioni. Uso riservao Maurizio Zenezini Consideriamo un economia (chiusa e senza inerveno dello sao) in cui viene prodoo

Dettagli

La volatilità delle attività finanziarie

La volatilità delle attività finanziarie 4.30 4.5 4.0 4.5 4.0 4.05 4.00 3.95 3.90 3.85 3.80 3.75 3.70 3.65 3.60 3.55 3.50 3.45 3.40 3.35 3.30 3.5 3.0 3.5 3.0 3.05 3.00.95.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00.95.90.85.80.75.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO SIMULAZIONE DELLA II PROVA A.S. 014-15 Indirizzo: SCIENTIFICO Tema di: MATEMATICA 1 Nome del candidao Classe Il candidao risolva uno dei due problemi; il problema da

Dettagli

Dinamica di un autovettura

Dinamica di un autovettura Dinamica di un autovettura Di una autovettura sportiva sono noti i seguenti dati: massa in ordine di marcia M = 13kg carico trasportato m = 15 kg passo p = 236mm ripartizione del peso sull asse anteriore

Dettagli

9 Verso la terza generazione

9 Verso la terza generazione 9 Verso la erza generazione Il GPRS rappresena un primo imporane passo verso i sisemi di elecomunicazione mobile di erza generazione, cosiuendo un prerequisio per la loro inroduzione. Tale sandard permee

Dettagli

IL RISCALDAMENTO DELLE MACCHINE ELETTRICHE

IL RISCALDAMENTO DELLE MACCHINE ELETTRICHE IL RISCALDAMENO DELLE MACCHINE ELERICHE Lezione 3: Riscaldameno delle macchine eleriche Fenomeni ransiori ransiorio elerico i IL RIS SCALDAM moore e m carico secondi 10-4 10-1 10-3 10 ω Θ e m ransiorio

Dettagli

Giorgio Porcu. Appunti di SISTEMI. ITI Elettronica Classe QUINTA

Giorgio Porcu. Appunti di SISTEMI. ITI Elettronica Classe QUINTA Giorgio Porcu Appuni di SSTEM T Eleronica lasse QUNTA Appuni di SSTEM T Eleronica - lasse QUNTA 1. TEORA DE SSTEM SSTEMA ollezione di elemeni che ineragiscono per realizzare un obieivo. l ermine è applicabile

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE estratto del processo verbale

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE estratto del processo verbale DELIBERAZIONE N 94 CONSIGLIO N 9 DI DATA 00 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE esrao de processo verbae ='i, i J ~ ~ OGGETTO: PIANO DELLE PERFORMANCE 0-04 REVISIONE DEGLI OBIETTIVI 0 Aveni dirio di voo: prof

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE ACCADEMIA DI BEE ARI DI FIRENZE MANIFESO DEGI SUDI A.A 2015\2016 DIPARIMENO DI ARI VISIVE SCUOA DI PIURA CORSO DI DIPOMA ACCADEMICO RIENNAE DI I IVEO OBIEIVI FORMAIVI a scuola di si impernia attorno a

Dettagli

Carrelli Elevatori Elettrici 2.0-5.0 ton

Carrelli Elevatori Elettrici 2.0-5.0 ton Carrelli Elevatori Elettrici 2.0-5.0 ton www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Elettrici 2.0-2.5 ton Caratteristiche tecniche principali 8FBMKT20 8FBMKT25 8FBMT25 Caratteristiche Pesi Ruote Dimensioni

Dettagli

LIBERA IL TUO POTENZIALE CON DAYTON

LIBERA IL TUO POTENZIALE CON DAYTON GAMMA PRODOTTO 2015 2016 LIBERA IL TUO POTENZIALE CON DAYTON Ti offriamo le performance essenziali, niente di meno. I pneumatici Dayton sono prodotti in Europa, e hanno gli stessi standard di affidabilità

Dettagli

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato Esente da imposte di boo e registro ex artt. 6-8 Legge 266/1991. Atto costitutivo de'associazione di voontariato ART. 1 - È costituita fra i suddetti comparenti 'associazione di voontariato costituita

Dettagli

PARETI A SECCO DIVISORIE IL PRODOTTO IDEALE PER L ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO DELLE PARETI IN GESSO RIVESTITO EDILIZIA ED ACUSTICO NELL

PARETI A SECCO DIVISORIE IL PRODOTTO IDEALE PER L ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO DELLE PARETI IN GESSO RIVESTITO EDILIZIA ED ACUSTICO NELL COMFORT TERMICO ED ACUSTICO NE EDIIZIA ARETI DIVISORIE A SECCO I RODOTTO IDEAE ER ISOAMENTO TERMICO ED ACUSTICO DEE ARETI IN GESSO RIVESTITO 2 Eurosystem e Europan I prodotti ideali per l isolamento termico

Dettagli

Progetto MIUR DM 593 no. 12656. Vento di Sardegna. Obiettivo Realizzativo n. 1 ORGANIZZAZIONE. Attività 1.3B2

Progetto MIUR DM 593 no. 12656. Vento di Sardegna. Obiettivo Realizzativo n. 1 ORGANIZZAZIONE. Attività 1.3B2 Progeo MIUR DM 593 no. 12656 Veno di Sardegna Obieivo Realizzaivo n. 1 ORGANIZZAZIONE Aivià 1.3B2 Messa a uno e inegrazione dei diversi sofware er la simulazione! " # CRS4 $% &'%%())%)*,-. 31 Gennaio 2005

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ALLEGATO 1 Ministero dee Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, a Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistii Direzione Generae per i Trasporto Stradae e per Intermodaità Determinazione

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 1230/2012 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 1230/2012 DELLA COMMISSIONE 21.12.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 353/31 REGOLAMENTO (UE) N. 1230/2012 DELLA COMMISSIONE del 12 dicembre 2012 che attua il regolamento (CE) n. 661/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Prodotti extra prenotabili e pagabili in anticipo

Prodotti extra prenotabili e pagabili in anticipo gu da ag ex r a ho dayau os Anche prodo prenoab n ancpo sono commssonab. Ques prodo sono: 1. Rmborso dea Franchga STANDARD 2. Rmborso dea Franchga TOTALE 3. Proezone dea Canceazone Qu d seguo speghamo

Dettagli

NISSAN LISTINO PREZZI

NISSAN LISTINO PREZZI NISSAN NT400 Cabstar LISTINO PREZZI vaevoe da 1 o ugio 2015 CABINA SINGOLA Modei Passo 1) Cambio Peso totae ammesso (kg) Ciindrata () CV (kw) Prezzi Fr. TELAIO BASE TELAIO CASSONE BASE CASSONE Ribatabie

Dettagli

ELENCO FILTRI DI USCITA INVERTER. Prodotti considerati:

ELENCO FILTRI DI USCITA INVERTER. Prodotti considerati: Moori, azionameni, accessori e servizi per l'auomazione EENCO FITRI DI USCITA INVERTER PER A RIDUZIONE DE dv/dt della ensione di uscia ( riduzione della ensione di modo comune e differenziale) Prodoi considerai:

Dettagli

Modulo. Muri di sostegno

Modulo. Muri di sostegno odulo uri di sosegno. - Generalià sui muri di sosegno pag.. Azioni saice sul muro pag. 5. Azioni provocae dal sisma pag. 7.4 - Verifice pag..4. - Verifice del complesso muro + fondazione pag. 4.4. - Verifica

Dettagli

Progettazione di un motore Ringbom Stirling per la produzione di energia elettrica nei paesi in via di sviluppo

Progettazione di un motore Ringbom Stirling per la produzione di energia elettrica nei paesi in via di sviluppo Progettazione di un motore Ringbom Stirling er la roduzione di energia elettrica nei aesi in via di sviluo C. M. Invernizzi, G. Incerti, S. Parmigiani, V. Villa Diartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale

Dettagli

2 - MECCANICA DELLA LOCOMOZIONE Principi fondamentali

2 - MECCANICA DELLA LOCOMOZIONE Principi fondamentali POLITECNICO DI BARI Dip. di INGEGNERIA DELL'AMBIENTE E PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE - II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI TECNICA ED ECONOMIA DEI TRASPORTI A.A. 2006/07 2 - Principi fondamentali PREMESSA

Dettagli