CARATTERISTICHE DEI VEICOLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARATTERISTICHE DEI VEICOLI"

Transcript

1 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI I ii e e caraerisiche dei veicoi sono sabiii in Iaia da Nuovo Codice dea Srada (N.C.S.) arovao con D.L.vo n.85 de 30 arie 199, e da reaivo Regoameno di Esecuzione e di Auazione (D.P.R. n.485 de 16 dicembre 199) e dee oro successive modificazioni ed inegrazioni (egge 10 9/07/010). I veicoi si disinguono in veicoi a braccia, veicoi a razione animae, veociedi, sie, cicomoori, mooveicoi, auoveicoi, fioveicoi, rimorchi, macchine agricoe, macchine oerarici, veicoi con caraerisiche aiiche, Veicoi su roaia in sede romiscua Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 1

2 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI Gi auoveicoi si dividono in (ar. 54 N.C.S.): Auoveure: veicoi desinai a rasoro di ersone, aveni a massimo nove osi, comreso queo de conducene; Auobus: veicoi desinai a rasoro di ersone equiaggiai con iù di nove osi comreso queo de conducene; Auoveicoi er rasoro romiscuo: veicoi aveni una massa comessiva a ieno carico non sueriore a 3.5 o 4.5 se a razione eerica o a baeria, desinai a rasoro di ersone e di cose e caaci di conenere a massimo nove osi comreso queo de conducene; Auocarri: veicoi desinai a rasoro di cose e dee ersone addee a uso o a rasoro dee cose sesse; Traori sradai: veicoi desinai escusivamene a raino di rimorchi o semirimorchi; Auoveicoi er rasori secifici: veicoi desinai a rasoro di deerminae cose o di ersone in aricoari condizioni, caraerizzai da essere munio ermanenemene di seciai arezzaure reaive a ae scoo; Auoveicoi er uso seciae: veicoi caraerizzai da essere munii ermanenemene di seciai arezzaure e desinai revaenemene a rasoro rorio. Su ai veicoi è consenio i rasoro de ersonae e dei maeriai connessi co cico oeraivo dee arezzaure e di ersone e cose connesse aa desinazione d uso dee arezzaure sesse; Auoreni: comessi di veicoi cosiuii da due unià disine, agganciae, dee quai una morice; Auoaricoai: comessi di veicoi cosiuii da un raore e da un semirimorchio; Auosnodai: auobus comosi da due ronconi rigidi coegai ra oro da una sezione snodaa; Auocaravan: veicoi aveni una seciae carrozzeria ed arezzai ermanenemene er essere adibii a rasoro e a aoggio di see ersone a massimo, comreso i conducene; Mezzi d oera: veicoi o comessi di veicoi doai di aricoari arezzaure er i carico e i rasoro di maeriae di imiego o di risua de aivià ediizia, sradae, di escavazione mineraria e maeriai assimiai. Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori

3 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI Le caraerisiche imie di ciascun io di veicoo sono e segueni: a) Sagoma imie Tui i veicoi debbono oersi iscrivere in una sagoma di.55 m (.60 m nei veicoi er i rasoro di merci deeribii in regime di emeraura conroaa) di arghezza (escuse e sorgenze dovue ai rerovisori mobii), e di 4.0 m di aezza; er gi auobus è consenia un aezza fino a 4.30 m. Le unghezze oai massime, comresi gi evenuai organi di raino sono: 1 m er i veicoi isoai, er gi auoaricoai e gi auosnodai, 18 m er gi auosnodai e fiosnodai adibii a servizio di inea er i rasoro di ersone desinai a ercorrere iinerari resabiii, m er gi auoreni e fioreni. b) Fascia di ingombro - Ogni veicoo deve oersi inscrivere in una fascia d ingombro a corona circoare di arghezza A=7.0 m, avene raggio inerno Ri=5.30 m e raggio eserno Re=1.50 m (ar.17 D.P.R. n.495 de 16/1/199). Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 3

4 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI Le caraerisiche imie di ciascun io di veicoo sono e segueni: a) Massa - Quaunque sia i io di veicoo (faa eccezione er i mezzi d oera) a massa gravane su asse singoo iù caricao non uò suerare 1 ; er una coia di assi a somma dee masse dovrà essere inferiore a 1, se a disanza assiae è inferiore ad un mero, a 16, se a disanza assiae è ari o suerioread 1medinferiorea1.3m,a0,seadisanzaassiaeèario sueriore a 1.3 m ed inferiore a m. Per i mezzi d oera, a massa gravane su asse singoo iù caricao non uò eccedere e 13 (a ae riguardo gi assi disosi a disanza <1.0 m sono considerai come un unico asse singoo). Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 4

5 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI Descrizione dea grandezza Simboo BUS (1) Auocarri (1) Auocarri con rimorchio (1) Auoaricoai () Auoveure (3) Larghezza de veicoo isoao o dea morice L (.50).50 (.50) Disanza ra gi assi de veicoo isoao o dea morice E (5.00) 6.0 (5.00) Sbazo aneriore Pa (1.70) 1.80 (1.70) Sbazo oseriore Pr (.70) 1.90 (.30) 4.5 Larghezza de rimorchio o de semi-rimorchio Lr.50 (3.00).50 Lunghezza imone de T.50 (3.00) Disanza ra gi assi de rimorchio o ra a raa e asse de semirimorchio Er 4.40 (4.80) 7.0 Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 5

6 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI RAGGI MINIMI DI SVOLTA IN MANOVRA Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 6

7 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI RAGGI MINIMI DI SVOLTA IN MANOVRA R 1 R R 3 Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 7

8 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI RAGGI MINIMI DI SVOLTA IN MANOVRA Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 8

9 PRESTAZIONI DEI VEICOLI Forza di razione T LAVORO Ne S.I. Joue=N*m Aarao di rousione ideae P= cos POTENZA Ne S.I. Wa = N*m/sec Ne S.T. CV=75 gf*m/sec = = 9.81*75 * N*m/sec =0.735 KW Ierboe Veicoi sradai hanno aarai di rousione a combusione inerna Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 9

10 PRESTAZIONI DEI VEICOLI Le caraerisiche di razione non sono ideai er gi aarai di rousione a combusione inerna Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 10

11 PRESTAZIONI DEI VEICOLI Scorrimeno Efficienza degi organi di riduzione e rasmissione circa 90%: inneso 99% accoiameno 95-97% giuni 98-99% Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 11

12 PRESTAZIONI DEI VEICOLI RESISTENZE AL MOTO RESISTENZE DOVUTE ALLA PENDENZA Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori

13 PRESTAZIONI DEI VEICOLI RESISTENZE AL MOTO RESISTENZE DOVUTE ALLA PENDENZA F g = M*g*sen M*g*i Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori

14 PRESTAZIONI DEI VEICOLI RESISTENZE AL MOTO RESISTENZE AERODINAMICHE Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori

15 PRESTAZIONI DEI VEICOLI RESISTENZE AL MOTO RESISTENZE AL ROTOLAMENTO Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori

16 PRESTAZIONI DEI VEICOLI RESISTENZE AL MOTO INERZIA Esemio: eso ruoa = 4.6 N Massa ruoa=.89 g Raggio Ruoa = R= 0.33 m Mom. Inerzia oare singoa ruoa = 1.48 g m, Massa auoveura = M = 1360 g si oiene I/(R * M)=0.04 Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori

17 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Forze rasmesse da una ruoa in moo di rooameno: FORZE NORMALI FORZE TANGENZIALI Equiibrio vericae de veicoo Longiudinai Trasversai Forze di Aderenza CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

18 Caraerisiche de neumaico Sruura di un neumaico CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

19 Pneumaico convenzionae CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSICaraerisiche de neumaico Pneumaico radiae CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

20 Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO F r = f r *W CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

21 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO LE RESISTENZE AL ROTOLAMENTO SONO PRINCIPALMENTE DOVUTE ALLA DISSIPAZIONE DI ENERGIA INDOTTA DALLE DEFORMAZIONI RIPETUTE DEL PNEUMATICO LE DEFORMAZIONI SI VERIFICANO IN CORRISPONDENZA DELL AREA DI CONTATTO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

22 Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO h 1 R 1 R CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI f f i CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

23 Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO Carico Scarico CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

24 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO PARAMETRI CONSEGUENZE EFFETTO SULLA RESISTENZA AL ROTOLAMENTO Base 100 reaiva aa ressione di.1 bar Base 100 reaiva a carico = 80% de carico massimo (auoveure) PRESSIONE DEI PNEUMATICI ENTITA CARICO DELLA VELOCITA Base 100 reaiva aa ressione di 8 bar MACRORUGOSITA SUPERFICIE DEFORMAZIONE TEMPERATURA ENERGIA DISSIPATA Base 100 reaiva aa veocià di 80 m/h CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

25 Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO MISURA DELLA RESISTENZA LA ROTOLAMENTO DI UN PNEUMATICO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

26 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO fr = 0.01 * (1 + V / 160).5 Per V<130 m/h si uò assumere una reazione ineare fr = 0.01 * (1 + V / 160) V in m/h Per e auoveure Per V 150 m/h Pneumaici radiai fr = *10-7 *V Pneumaici convenzionai fr = *10-6 *V V in m/h Per i veicoi commerciai esani Per V100 m/h Pneumaici radiai fr = *10-6 *V Pneumaici convenzionai fr = *10-6 *V V in m/h I vaori inferiori er i veicoi commerciai sono dovui ae ressioni di gonfiaggio + eevae uiizzae nei neumaici dei veicoi commerciai esani Pa CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

27 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Inerazione neumaico-srada REGULATION OF THE EUROPEAN PARLIAMENT AND OF THE COUNCIL (661/009) Maximum vaues Sage 1 Sage [dan / 10 N] o in 0 / 00 Tyre caegory Summer Passenger cars Cass C1 Ligh ruc or C Cass C Truc & Bus Cass C New yre ye-arova from November 01 Imemenaion Enire mare New yre ye-arova from November 016 Imemenaion Enire mare 1,0 Nov ,5 Nov ,5 Nov ,0 Nov ,0 Nov ,5 Nov. 00 Tyre cass Tyre widh Curren imis db(a) New imis db(a) Imemenaion New yre yearova Imemenaion Enire mare C1A 185 7/74 70 Nov. 01 Nov. 16 C1B > C1C > C1D > C1E > C Norma 75 7 Tracion C3 Norma Tracion UN/ECE Reguaion CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

28 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO RESISTENZE AL ROTOLAMENTO VS ALTRE PRESTAZIONI DEL PNEUMATICO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

29 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FENOMENI CHE GENERANO LE FORZE DI ADERENZA ISTERESI ATTRITO Forze di roura e viscose F a P a ADESIONE CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI F P a a

30 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FENOMENI CHE GENERANO LE FORZE DI ADERENZA CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

31 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Faori da cui diende Aderenza Caraerisiche de neumaico Mescoa, ioogia, conformazione, configurazione dee scoiure, sessore de baisrada; Condizioni oeraive de neumaico Veocià, seudo-scorrimeno, angoo di deriva, ressione di gonfiaggio, carico vericae, emeraura. Maeriae ineroso Acqua, sosanze conaminani Caraerisiche de mano Caraerisiche suerficiai (micro e macroessiura), maeriai, geomeria, CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

32 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Caraerisiche e condizioni oeraive de neumaico V rasazione R V R ras V eriferica CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI R SCORRIMENTO O PSEUDOSCORRIMENTO IN TRAZIONE V R ras V ras IN FRENATURA

33 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO X = F X / Z Frenane Traene -1 x SCORRIMENTO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

34 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

35 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Teoria di Juien Ioesi Peumaico schemaizzao come un banda easica, Area di conao reangoare, Pressione di conao uniformemene disribuia. Sia e0 a deformazione immediaamene rima de inizio de area di conao. La deformazione in un quasiasi uno de area di conao sarà: e = e0 + * x Si uò assumere che e0 sia roorzionae a : 0 = ex Si uò inore assumere che nea zona di adesione, dove non vi sono scivoameni ra neumaico e suerficie sradae, o sforzo di razione er unià di unghezza sia roorzionae aa deformazione de neumaico: df dx x e x x F x x dx x 1 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI 0 x

36 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Teoria di Juien Ioesi Peumaico schemaizzao come un banda easica, Area di conao reangoare, Pressione di conao uniformemene disribuia. Sia e0 a deformazione immediaamene rima de inizio de area di conao. La deformazione in un quasiasi uno de area di conao sarà: e = e0 + * x Si uò assumere che e0 sia roorzionae a : 0 = ex Si uò inore assumere che nea zona di adesione, dove non vi sono scivoameni ra neumaico e suerficie sradae, o sforzo di razione er unià di unghezza sia roorzionae aa deformazione de neumaico: df dx x e x x F x x dx x 1 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI condizione affinché non si abbiano scorrimeni df dx x e 0 x b dove è a ressione di conao, b è a arghezza dea banda, i vaore massimo de coefficiene di adesione neumaico suerficie sradae. Esensione dea zona di adesione erfea: df b x W c b x c dx dove W è a forza eso normae agene su neumaico ed è a unghezza oae de area di conao. x

37 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO Se < c in ua area di conao vi è erfea adesione e a forza di razione oae risua (si one x= ): x K F 1 Poiché è una misura deo scorrimeno de neumaico, se in ua area di conao si ha adesione, a forza di razione F è direamene roorzionae ao scorrimeno. La condizioni affinché nea are oseriore de area di conao si inizi a verificare siameno ra neumaico e suerficie sradae è (uno A de diagramma): c W W W da cui si ha x W W F Un ueriore aumeno deo scorrimeno o dea forza di razione F roduce una esensione dea zona di non erfea adesione, erano a inerno de area di conao vi sarà una zona di erfea adesione ed un area dove non vi è erfea adesione. Le risuani dee forze di razione generae a inerno dee due aree saranno riseivamene Fxa e Fxs da cui a forza oae di razione risua essere: F x = F xa + F xs

38 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO Poiché risua: c c xs W W dx W dx b F c c 1 viso che c W sosiuendo si oiene. xs W W W W W W W F 1 1 oso K ' s K W W W F F x = F xs + F xa

39 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO ' ' ' ' c c xa K K W K W K W W W W W W W W W F F x = F xs + F xa

40 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO Perano o sforzo oae Fx risua essere: ' ' ' ' ' ' xa xs x K K W W K K W W W W K K W K W W W F F F La reazione rovaa indica un egame non ineare ra sforzo di razione e scorrimeno se non c è erfea adesione in una are de area di conao. Quando a zona di non erfea adesione si esende a inera area di conao o sforzo di razione assume i vaore: W F x Lo scorrimeno si oiene onendo c = 0 (uno B de diagramma): 0 W W

41 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Caraerisiche e condizioni oeraive de neumaico DERIVA DEL PNEUMATICO Angoo di deriva (si ange) CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

42 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Caraerisiche e condizioni oeraive de neumaico DERIVA DEL PNEUMATICO o y Zona di conao C V x Zona di siameno B y y o V x CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI A V y x o V x

43 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Caraerisiche e condizioni oeraive de neumaico DERIVA DEL PNEUMATICO Angoo di deriva 14 Angoo di deriva 1 Forza rasversae Kg Carico normae 40 Kg CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Kg Care di deriva 80 Kg 80 Kg 140 Kg 70 Kg

44 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Caraerisiche e condizioni oeraive de neumaico INTERAZIONE TRA ADERENZA LONGITUDINALE x E TRASVERSALE y y x Pseudo-scorrimeno ELLISSE DI ADERENZA Y Y CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI o Y o Y Y X X X X =Z o x max X o dove X o = X,max Z Y o = Y,max Z. 1

45 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza combinaa de mano sradae, de neumaico e de maeriae ineroso Aderenza decresce a aumenare deo sessore de veo idrico Veocià 30 m/h CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

46 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza combinaa de mano sradae, de neumaico e de maeriae ineroso Veocià 30 m/h Aderenza decresce a aumenare deo sessore de veo idrico in misura crescene a aumenare dea veocià CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

47 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza combinaa de mano sradae, de neumaico e de maeriae ineroso Le caraerisiche suerficiai dee avimenazioni sradai (macro e micro rugosià) hanno un effeo considerevoe su aderenza sorauo su suerfici bagnae CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

48 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza combinaa de mano sradae, de neumaico e de maeriae ineroso CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

49 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza deo sessore de veo idrico X,max CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

50 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza deo sessore de veo idrico CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

51 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI V A 500 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza deo sessore de veo idrico Per i neumaici con baisrada iscio o con aezza dei risai inferiore ao sessore de veo idrico a veocià di aquaaning uò essere vauaa basandosi su idrodinamica: 1 W 1 W F h fuido A V V A [m/s] VA 6.34 [m/h] 1000 V A = Veocià di aquaaning = ressione di gonfiaggio in Pa CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI fuido fuido

52 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Macrorugosià < 50 mm h< 0mm ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza dee caraerisiche suerficiai dee avimenazioni Microrugosià <0.5mm h<0.5 mm CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

53 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza dee caraerisiche suerficiai dee avimenazioni La microessiura ha una benefica SUPERFICIE infuenza su aderenza sviuaa a ue e veocià e nea roura de fim iquido residuo che arriva nea zona asciua A La macroessiura ha una benefica infuenza su aderenza sviuaa ae veocià eevae er i fenomeno de iseresi e er a faciiazione de drenaggio de acqua che si accumua a inerfaccia neumaicoavimenazione. CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI B C D SCALA DI TESSITURA MACRO ALTA ALTA BASSA BASSA MICRO ALTA BASSA ALTA BASSA

54 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Caraerisiche suerficiai: Micro e Macro-essiura ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza dee caraerisiche suerficiai dee avimenazioni Effeo benefico dea macroessiura er i fenomeno de iseresi Carico Scarico CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI R Scarico Carico R 1

55 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Caraerisiche suerficiai: Micro e Macro-essiura ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza dee caraerisiche suerficiai dee avimenazioni Effeo benefico dea macroessiura er i drenaggio de acqua a inerfaccia neumaico avimenazione - + CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

56 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE METODOLOGIE DI MISURA DIRETTE MISURA DELL ADERENZA Consenono di deerminare direamene i vaori di aderenza imegnabie sua avimenazione INDIRETTE PNEUMATICI STANDARD (baisrada non commerciae) Consisono nea misurazione dei arameri sradai che condizionano aderenza (macroessiura e microessiura) CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

57 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSIADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE MISURA DELL ADERENZA APPARECCHIATURE DI MISURA PUNTUALI Consenono a misura dei arameri in un uno e rimangono di soio fisse durane oerazione di misura IN CONTINUO Consenono a misura dee caraerisiche suerficiai ungo un deerminao aineameno ongiudinae e aarecchiaura è in movimeno durane a rocedura di misura CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

58 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure unuai Sid Teser o Pendoo Briannico E uno srumeno oraie consisene in un endoo doao a esremià di aino in gomma che sriscia sua avimenazione in recedenza bagnaa. A aezza di arreso corrisonde sua scaa graduaa un numero (BPN) quaiaivamene indicaivo de iveo di ario radene CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

59 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure unuai Sid Teser o Pendoo Briannico Per e aricoare condizioni oeraive in cui avviene a rova, i numero di Pendoo Briannico (BPN) risua sensibimene infuenzao daa microessiura dea avimenazione. Perano da moi sudiosi i BPN è considerao un aramero di misura surrogao dea microessiura. CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

60 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure di riievo in coninuo Vengono imiegae ruoe di misura sandard Le meodoogie si differenziano in base ae condizioni oeraive de neumaico di misura: Ruoa in deriva Ruoa frenaa con seudo-scorrimeno imoso Ruoa frenaa in siameno uro (100%) CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

61 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure di riievo in coninuo Side fricion Coefficien Rouine Invesigaion Machine S.C.R.I.M. E un mezzo caraerizzao da una ruoa rooane orienabie con angoo di deriva obbigao che ermee di misurare i Coefficiene di Aderenza Trasversae (CAT) er una assegnaa veocià CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

62 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure di riievo in coninuo Side fricion Coefficien Rouine Invesigaion Machine S.C.R.I.M. CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

63 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure di riievo in coninuo Sid Traier (U.S.A.) E un mezzo caraerizzao da un carreo rainao su cui è monaa una ruoa frenaa (seudoscorrimeno =1) srumenaa che ermee di misurare i Coefficiene di Aderenza Longiudinae (CAL) 100 denominao Sid Number (SN) er una assegnaa veocià CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

64 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure di riievo in coninuo Norsemeer (Norvegia) E un mezzo caraerizzao da un carreo rainao su cui è monaa una ruoa srumenaa con seudo-scorrimeno variabie che ermee di misurare i Coefficiene di Aderenza Longiudinae (CAL) er un assegnao seudoscorrimeno e er una assegnaa veocià CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

Collegamenti Albero-mozzo

Collegamenti Albero-mozzo Collegameni Albero-mozzo /11/01 Obieivo: Collegare assialmene ue organi (in moo fisso o mobile) al fine i rasmeere coia orcene e quini eviare che vi sia un moo roaorio relaivo Accoiameno i forma Faore

Dettagli

Modulo n.3 - I materiali nelle lavorazioni metalliche

Modulo n.3 - I materiali nelle lavorazioni metalliche oduo n. - I maeriai nee avorazioni meaiche PROPRIETÀ ISIHE, EANIHE, TENOOGIHE (Diiazione vericae) OBIETTIVI: A) onocenza dee proprieà dei maeriai finaizzaa a oro uiizzo; B) apacià di eeguire cacoi ue principai

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoi Parhenope Facoà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Eeriche docene: Pro. Vio Pascazio 14 a Lezione: 8/5/3 Sommario Fasori Segnai passabanda Trasmissione di segnai passabanda in sisemi

Dettagli

TERMODINAMICA E TERMOFLUIDODINAMICA. Cap. 3 TERMODINAMICA E LAVORO MECCANICO

TERMODINAMICA E TERMOFLUIDODINAMICA. Cap. 3 TERMODINAMICA E LAVORO MECCANICO TERMODINMIC E TERMOFLUIDODINMIC Ca. 3 TERMODINMIC E LVORO MECCNICO d 0 stato finae 0 stato iniziae F V m 0 / 0 G. Cesini Termodinamica e termofuidodinamica - Ca. 3_TD e aoro meccanico Ca. 3 TERMODINMIC

Dettagli

Modelli di Ricerca Operativa per il Lot Sizing

Modelli di Ricerca Operativa per il Lot Sizing Modelli di Ricerca Oeraiva er il Lo Sizing Corso di Modelli di Sisemi di Produzione I Sommario Inroduzione La gesione delle score (Problema e modelli) Parameri Fondamenali (cosi di e soccaggio) Aroccio

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

Interazione tra forze verticali e longitudinali: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013

Interazione tra forze verticali e longitudinali: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013 Interazione tra forze verticai e ongitudinai: effetti anti 5.5 aggiornato 19-11-2013 Ne piano frontae si studia interazione tra forze verticai Fz e forze aterai Fy sviuppate a iveo de impronta a terra.

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO IV FACOLTÀ Ingegneria Aerospaziale Fisica Sperimentale A+B - I Appello 16 Luglio 2007

POLITECNICO DI MILANO IV FACOLTÀ Ingegneria Aerospaziale Fisica Sperimentale A+B - I Appello 16 Luglio 2007 POLIECNICO DI ILNO IV FCOLÀ Ingegneria erospaziale Fisica Sperimenale + - I ppello 6 Luglio 007 Giusificare le rispose e scriere in modo chiaro e leggibile. Sosiuire i alori numerici solo alla fine, dopo

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

Motori elettrici per la trazione veicolare. Vincenzo Di Dio

Motori elettrici per la trazione veicolare. Vincenzo Di Dio Moori elerici per la razione veicolare Vincenzo Di Dio Tipologie di moori elerici uilizzai per la razione veicolare Moori a correne coninua Moori a correne alernaa Sincroni Asincroni Correni eleriche e

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... VOLUME 2 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE I TRASPORTI 1. Paroe per capire Aa fine de capitoo scrivi i significato di queste paroe nuove: vie di comunicazione... mezzi di trasporto... autostrada...

Dettagli

Definizione Statico-Cinematica dei vincoli interni

Definizione Statico-Cinematica dei vincoli interni Definizione Statico-Cinematica dei vincoi interni Esempi deo schema strutturae di una struttura in cemento armato e di due strutture in acciaio in cui sono presenti dei vincoi interni cerniera. Vincoo

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA CIVILE DISPENSE DEL CORSO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI Parte I Geometria dell asse stradale A.A. 006/07 Ing. Paolo Perco Paolo Perco

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ALLEGATO 1 Ministero dee Inrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generae per i Trasporto Stradae e per Intermodaità Pubbiazione

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

Sommario. Introduzione. Progetto di alberi di trasmissione Concentrazione di tensioni

Sommario. Introduzione. Progetto di alberi di trasmissione Concentrazione di tensioni 3 La orsione Sommario Inroduzione Alberi saiamene indeerminai Carihi orsionali su alberi irolari Momeno dovuo a ensioni inerne Deformazioni angenziali parallele all asse Progeo di alberi di rasmissione

Dettagli

273 CAPITOLO 18: PALI DI FONDAZIONE IN CONDIZIONI DI ESERCIZIO

273 CAPITOLO 18: PALI DI FONDAZIONE IN CONDIZIONI DI ESERCIZIO 27 nrouzione Per i pali si può fare un iscorso analogo a quello viso per le fonazioni superficiali. Si è viso che nel caso elle fonazioni superficiali l analisi ella eformabilià ella sruura non poeva essere

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ALLEGATO 1 Ministero dee Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, a Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistii Direzione Generae per i Trasporto Stradae e per Intermodaità Pubbiazione

Dettagli

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE ECONOMIA CULTURA SOLIDARIETÀ TERRITORIO SPORT PLEIADI N 62 - Semestrae - Aprie 2013 CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL Un mondo di vantaggi TECNOLOGIA PER IL CLIENTE Un offerta personaizzata CASTELLI ROMANI

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Esercizi di Maemaica Finanziaria Copyrigh SDA Bocconi Faori nanziari Classi care e rappresenare gra camene i segueni faori nanziari per : (a) = + ; 8 (b) = ( + ; ) (c) = (d) () = ; (e) () = ( + ; ) (f)

Dettagli

Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Ballesio Dott. I. Bertini. Dott. E.Paolini. Tirrenia, 09/12/2011

Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Ballesio Dott. I. Bertini. Dott. E.Paolini. Tirrenia, 09/12/2011 Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Baesio Dott. I. Bertini Dott sa E.Ebner Dott.sa E Ebner Dott. E.Paoini Tirrenia, 09/12/2011 Med Sci Sports Exerc. 2009 Mar; 41(3):709Ǧ31 JADA. 2009 Mar; 109 (3): 509Ǧ527.

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Spinotto autoforante Acciaio al carbonio con zincatura galvanica bianca

Spinotto autoforante Acciaio al carbonio con zincatura galvanica bianca WS EN Spinoo auoforane Acciaio al caronio con zincaura galvanica ianca 14592 SUPPORTO TECNICO Documenazione complea e consulenza personalizzaa RAPIDITA E PRECISIONE fissaggio rapido senza preforo con possiilià

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti)

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti) MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 007 008 Prova dell 8 febbraio 008 Nome Cognome Maricola Esercizio (6 puni) La vendia raeale di un bene di valore 000 prevede il pagameno di rae mensili posicipae cosani calcolae

Dettagli

www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Termici 3.5-8.0 t

www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Termici 3.5-8.0 t www.toyota-forklifts.it Carrelli Elevatori Termici 3.5-8.0 t Carrelli Elevatori Termici 3.5-4.0 t Caratteristiche tecniche principali 40-8FD35N 8FG35N 40-8FD40N 8FG40N 1.1 Costruttore TOYOTA TOYOTA TOYOTA

Dettagli

Pilkington Optilam Pilkington Optiphon Linee guida per l utilizzo

Pilkington Optilam Pilkington Optiphon Linee guida per l utilizzo Pikington Optiam Pikington Optiphon Linee guida per utiizzo Pikington Optiam Pikington Optiphon Introduzione I vetro stratificato è prodotto assembando due o più astre di vetro foat con uno o più intercaari.

Dettagli

AUTO DIESEL 2400 cc ANALISI

AUTO DIESEL 2400 cc ANALISI HOPE SERGIO BRONDIN DUE CARRARE PADOVA _ ITALIA AUTO DIESEL 2400 cc ANALISI FRATELLI UMANI pag 1 1) Analizziamo un' auto di alta cilindrata ciclo Diesel Volvo V 70 2.4 D5 Momentum Dati: a) Motore 5 cilindri

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

Ottobre 2009. ING ClearFuture

Ottobre 2009. ING ClearFuture Oobre 2009 ING ClearFuure Una crescia cosane. Con una solida proezione nel empo. ING ClearFuure è la soluzione assicuraiva Uni Linked di dirio lussemburghese, realizzaa apposiamene da ING Life Luxembourg

Dettagli

Prodotti extra prenotabili e pagabili in anticipo

Prodotti extra prenotabili e pagabili in anticipo gu da ag ex r a ho dayau os Anche prodo prenoab n ancpo sono commssonab. Ques prodo sono: 1. Rmborso dea Franchga STANDARD 2. Rmborso dea Franchga TOTALE 3. Proezone dea Canceazone Qu d seguo speghamo

Dettagli

Portata Q - è il volume di liquido mosso dalla pompa nell'unità di tempo; l'unità di misura della portata è m 3 /sec (l/s; m 3 /h).

Portata Q - è il volume di liquido mosso dalla pompa nell'unità di tempo; l'unità di misura della portata è m 3 /sec (l/s; m 3 /h). OME ER FLUIDI ALIMENARI Definizione Sono macchine oeratrici oeranti su fluidi incomrimibili in grado di trasformare l energia meccanica disonibile all albero di un motore in energia meccanica del fluido

Dettagli

DD44 41 350/110 ID ELETTROVALVOLA DI COMMUTAZIONE IN CORRENTE CONTINUA - SERIE 50 IN CORRENTE ALTERNATA - SERIE 62. Q max 75 l/min

DD44 41 350/110 ID ELETTROVALVOLA DI COMMUTAZIONE IN CORRENTE CONTINUA - SERIE 50 IN CORRENTE ALTERNATA - SERIE 62. Q max 75 l/min 1 50/110 ID DD ELEROVALVOLA DI COMMUAZIONE IN CORRENE CONINUA - SERIE 50 IN CORRENE ALERNAA - SERIE 62 VERSIONE MODULARE ISO 01-05 (CEOP 05) p max 280 bar Q max l/min PIANO DI POSA PRINCIPIO DI FUNZIONAMENO

Dettagli

3.1 Il caso di ruota motrice

3.1 Il caso di ruota motrice 3. L aderenza La maggior parte dei veicoli terrestri utilizzano ai fini del moto l'aderenza, sfruttando il fenomeno connesso al rapporto ruota motrice - via di sostegno. Solo in casi particolari, per esempio

Dettagli

PARETI A SECCO DIVISORIE IL PRODOTTO IDEALE PER L ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO DELLE PARETI IN GESSO RIVESTITO EDILIZIA ED ACUSTICO NELL

PARETI A SECCO DIVISORIE IL PRODOTTO IDEALE PER L ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO DELLE PARETI IN GESSO RIVESTITO EDILIZIA ED ACUSTICO NELL COMFORT TERMICO ED ACUSTICO NE EDIIZIA ARETI DIVISORIE A SECCO I RODOTTO IDEAE ER ISOAMENTO TERMICO ED ACUSTICO DEE ARETI IN GESSO RIVESTITO 2 Eurosystem e Europan I prodotti ideali per l isolamento termico

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Controllo della temperatura. Per tutte le vostre esigenze.

Controllo della temperatura. Per tutte le vostre esigenze. Controo dea temperatura. Per tutte e vostre esigenze. Termoregoatori REGLOPLAS. Controo dea temperatura. Intuitivo. Affidabie. I nostri nuovi prodotti 5 Nuove tecnoogie in uso 7 Souzioni individuai per

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

Sistemi di drenaggio urbano. Prof. Antonino Cancelliere. I sistemi di drenaggio urbano

Sistemi di drenaggio urbano. Prof. Antonino Cancelliere. I sistemi di drenaggio urbano Corso di Proezione Idraulica del Terriorio Sisemi di drenaggio urbano Prof. Anonino Cancelliere Diparimeno di Ingegneria Civile e Ambienale Universià di Caania acance@dica.unic.i 095 7382718 I sisemi di

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero dee Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, a Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistii Direzione Generae per i Trasporto Stradae e per Intermodaità Pubbiazione periodia

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

Conti EcoPlus Campione dell efficienza

Conti EcoPlus Campione dell efficienza Goods Campione dell efficienza Generazione per il trasporto merci H3 H3 HT3 Continental Truck Tires Goods H3 Asse sterzante 125 Miglioramento della resistenza al rotolamento in confronto ai predecessori.

Dettagli

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 10 (BAG cap. 9) Il asso naurale di disoccupazione e la curva di Phillips Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia In queso capiolo Inrodurremo uno degli oggei più conosciui

Dettagli

XVI CONVEGNO TECNICO ACI. Roma, 18-19 febbraio 2005 PROGETTAZIONE STRADALE E SICUREZZA DI ESERCIZIO INTERAZIONE PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE

XVI CONVEGNO TECNICO ACI. Roma, 18-19 febbraio 2005 PROGETTAZIONE STRADALE E SICUREZZA DI ESERCIZIO INTERAZIONE PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Roma, 18-19 febbraio 2005 PROGETTAZIONE STRADALE E SICUREZZA DI ESERCIZIO INTERAZIONE PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Prof. Ing. Francesca La Torre Università di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile ABSTRACT

Dettagli

Dimensionamento delle strutture

Dimensionamento delle strutture Dimensionamento delle strutture Prof. Fabio Fossati Department of Mechanics Politecnico di Milano Lo stato di tensione o di sforzo Allo scopo di caratterizzare in maniera puntuale la distribuzione delle

Dettagli

Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl. Vaso di espansione. Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G.

Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl. Vaso di espansione. Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl aso di espansione Prof. Paolo ZAZZINI Diparimeno INGEO Universià G. D Annunio Pescara www.lf.unich.i Prof. Paolo ZAZZINI Diparimeno INGEO Universià G. D Annunio

Dettagli

LA SPECIALE DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA E L'ESP2009

LA SPECIALE DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA E L'ESP2009 E L'ESP2009 Alessandro Bicego Provincia di Bologna ARS2009 ed ESP2009 Attuazione ed aggiornamento Bologna 8 ottobre 2009 Mezzi d Opera I mezzi d Opera I mezzi d opera (art. 54, c.1, lett. n. del CDS) sono:

Dettagli

SISTEMI INTEGRATI DI PREFABBRICAZIONE

SISTEMI INTEGRATI DI PREFABBRICAZIONE COPERTURE CATALOGO GENERALE ITEMI INTEGRATI DI PREFABBRICAZIONE G E N N A I O 2 0 1 3 I T A L I A COPERTURA UNI EN 149:06 Gamet Panneo metaico autoortante coibentato con schiuma oiuretanica indicato er

Dettagli

Capitolo 7, 3 parte Il Veicolo

Capitolo 7, 3 parte Il Veicolo Capitolo 7, 3 parte Il Veicolo 10. Schede veicoli Masse complessive a pieno carico veicoli muniti di pneumatici, con carico unitario medio trasmesso all'area di impronta sulla strada non superiore a 8

Dettagli

4 Il Canale Radiomobile

4 Il Canale Radiomobile Pare IV G. Reali: Il canale radiomobile 4 Il Canale Radiomobile 4.1 INTRODUZIONE L evoluzione fondamenale nella filisofia di progeo delle rei di comunicazione indoor è il passaggio dalla modalià di rasmissione

Dettagli

Meccanica del veicolo

Meccanica del veicolo Problema normale ruota ferma Superficie di contatto =0 G ruota usurata x pressione dg p da pressione pressione media G pm A 1 M G R Le forze attie tangenziali ed il carico si trasmettono fra ruota e rotaia

Dettagli

FAX Canon B230C FAX Canon B210C. Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuale per l utente

FAX Canon B230C FAX Canon B210C. Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuale per l utente FAX Canon B230C FAX Canon B210C Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuae per utente Copyright 1999 Canon, Inc. Tutti i diritti riservati. Non è consentito riprodurre i presente manuae in acuna forma, competa

Dettagli

Progettazione di un motore Ringbom Stirling per la produzione di energia elettrica nei paesi in via di sviluppo

Progettazione di un motore Ringbom Stirling per la produzione di energia elettrica nei paesi in via di sviluppo Progettazione di un motore Ringbom Stirling er la roduzione di energia elettrica nei aesi in via di sviluo C. M. Invernizzi, G. Incerti, S. Parmigiani, V. Villa Diartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale

Dettagli

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche LEZIONE 3 INDICATORI DELLE RINCIALI VARIABILI MACROECONOMICHE Argomeni raai: definizione e misurazione delle segueni variabili macroecomiche Livello generale dei prezzi, Tasso d inflazione, π IL nominale,

Dettagli

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO Nel dominio del empo le variabili sono esaminae secondo la loro evoluzione emporale. Normalmene si esamina la risposa del sisema a un segnale di prova canonico, cioè si sollecia

Dettagli

SENSAZIONE SONORA. 18.1 L orecchio umano. 18.2 La sensazione sonora - Audiogramma normale

SENSAZIONE SONORA. 18.1 L orecchio umano. 18.2 La sensazione sonora - Audiogramma normale Corso di Imiati Tecnici a.a. 009/010 Docente: Prof. C. Isetti CAPITOLO 18 18.1 L orecchio umano La ercezione di suoni, come d altra arte già osservato al riguardo della luce, coinvolge sia asetti fisici

Dettagli

OTTAVIO SERRA. Consentirà anche di collegarci ai temi di informatica e di sperimentare sul campo questioni relative alla propagazione degli errori.

OTTAVIO SERRA. Consentirà anche di collegarci ai temi di informatica e di sperimentare sul campo questioni relative alla propagazione degli errori. OTTAVIO SERRA GEOMETRIA PROBABILITA INFORMATICA Reazione tenuta nea Saa consiiare de Comune di Diamante i 7 giugno 000 Ne ambito de Convegno su L insegnamento dea matematica:quae, Perché, Come Organizzato

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

RPE X - HPE X 5 17 Refrigeratori e pompe di calore aria/acqua con ventilatori assiali

RPE X - HPE X 5 17 Refrigeratori e pompe di calore aria/acqua con ventilatori assiali RPE X HPE X 5 7 Caratteristiche tecniche e costruttive mod. RPE X 5 HPE X 5 mod. RPE X 0 HPE X 0 GS ECOLOGICO FUNZIONE UTODTTIV SCMITORE PISTRE VENTILTORI SSILI MONOFSE 5 8,5 MONO E TRIFSE 0 7 LT EFFICIENZ

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Catene semplici, doppie e triple Catene speciali CATENE

Catene semplici, doppie e triple Catene speciali CATENE Catene semlici, doie e trile Catene seciali CATENE INDICE CATENE Pag. Catene Comonenti della catena 101 Catene a rulli di trasmissione Catene a rulli serie euroea DIN 8187 ISO/R 606 102 Catene a rulli

Dettagli

Soluzione numerica del modello PDE della dinamica verticale di un binario

Soluzione numerica del modello PDE della dinamica verticale di un binario Souione nuerica de odeo DE dea dinaica vericae di un binario A. Bracciai, R. Ciuffi, F. iccioi Diparieno di Meccanica e Tecnoogie Indusriai Universià di Firene v. Sana Mara, 3 539 Firene e-ai: bracciai@ing.unifi.i

Dettagli

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Insegnamento di Fondamenti di Infrastrutture viarie Territorio ed infrastrutture di trasporto La meccanica della locomozione: questioni generali Il fenomeno dell aderenza e l equazione generale del moto

Dettagli

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 1 PREMESSA pag. 2 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 4 ANALISI DEL MOVIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE pag. 3 5 CALCOLO STATICO pag. 4 6 VERIFICA IDRAULICA

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

Distribuzione Weibull

Distribuzione Weibull Disribuzione Weibull f() 6.6.4...8.6.4. 5 5 5 3 Disribuzione di Weibull Una variabile T ha disribuzione di Weibull di parameri α> β> se la sua densià di probabilià è scria nella forma: f ( ) exp da cui

Dettagli

SEZIONE TRASVERSALE Elementi della sezione trasversale

SEZIONE TRASVERSALE Elementi della sezione trasversale SEZIONE TRASVERSALE Elementi della sezione trasversale Art. 28. (art.18 Cod. Str.) Fasce di rispetto per l'edificazione nei centri abitati. Edificazioni Con strumenti urbanistici a) 30 m per le strade

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

BIBLIOTECA DELL AUTO E DELLA MOTO D EPOCA Club Auto d Epoca Scalea & Motoretrò (C.A.E.S.M.)

BIBLIOTECA DELL AUTO E DELLA MOTO D EPOCA Club Auto d Epoca Scalea & Motoretrò (C.A.E.S.M.) NOZIONE DI VEICOLO E CLASSIFICAZIONE DEI VEICOLI IN GENERALE ART. 46, 47, 48, 49, 50, 51, 52, 53, 54, 55, 56, 57, 58 e 59 del Codice della Strada NOZIONE DI VEICOLO (ART. 46 C.d.S.) 1. Ai fini delle norme

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

Automazione Industriale AA 2002-2003 Prof. Luca Ferrarini

Automazione Industriale AA 2002-2003 Prof. Luca Ferrarini Auomazione Indusriale AA 2002-2003 Prof. Luca Ferrarini Laboraorio 1 Obieivi dell eserciazione Sviluppare modelli per la realizzazione di funzioni di auomazione Comprensione e uilizzo di Ladder Diagrams

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale delle Risorse Materiali, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale delle Risorse Materiali, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I MOD. 40/255 DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generae dee Risorse Materiai, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I LETTERA CIRCOLARE Ai Proweditori Regionai LORO SEDI AUfficio

Dettagli

DFG/TFG 425/430/435. Istruzioni d uso 07.04- 52025751 02.08

DFG/TFG 425/430/435. Istruzioni d uso 07.04- 52025751 02.08 DG/TG 425/430/435 07.04- Isruzioni d uso I 52025751 02.08 Inegrazione: Impiano frenane veicoli a parire da 09/2007 A parire da seembre 2007, i carrelli elevaori delle serie DG/TG 425-435 saranno doai di

Dettagli

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478 REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZNAR INTERBANCA 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR 250.000.000 Ar. 1 - TITOLI Il presio obbligazionario Inerbanca 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR

Dettagli

Il peso, un argomento per i vostri risparmi energetici

Il peso, un argomento per i vostri risparmi energetici Il peso, un argomento per i vostri risparmi energetici SEMIRIMORCHIO IL MIGLIOR PARTNER PER RISPAMIARE ENERGIA Affidabilità e robustezza, SR2 Green Liner è ideato appositamente per il trasporto frigorifero

Dettagli

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30

RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 @ RC 40 Dati tecnici. Carrello elevatore Diesel e GPL. RC 40-16 RC 40-18 RC 40-20 RC 40-25 RC 40-30 2 RC 40 Dati tecnici. 3 Questa scheda tecnica indica soltanto i valori tecnici del carrello elevatore

Dettagli

Si definisce analogico un segnale che può assumere infiniti valori nel campo di variabilità del segnale stesso (fig. 1.4a).

Si definisce analogico un segnale che può assumere infiniti valori nel campo di variabilità del segnale stesso (fig. 1.4a). 1.2.1 - Segnali analogici e digiali Si definisce analogico un segnale che può assumere infinii valori nel campo di variabilià del segnale sesso (fig. 1.4a). I segnali analogici sono così denominai poiché

Dettagli

1 - Dimostrare che i vettori. formano un triangolo rettangolo. 2 - Dimostrare che se a+ b+ c = 0 (cioè se i tre vettori formano un triangolo) allora:

1 - Dimostrare che i vettori. formano un triangolo rettangolo. 2 - Dimostrare che se a+ b+ c = 0 (cioè se i tre vettori formano un triangolo) allora: CALCOLO VETTORIALE Moti degi esercizi proposti possono essere risoti considerando e proprietà dee figure geometriche formate dai vettori. Si richiede invece di risoveri utiizzando i cacoo vettoriae. -

Dettagli

L utilizzo degli smartphone nella rilevazione della decelerazione degli autoveicoli

L utilizzo degli smartphone nella rilevazione della decelerazione degli autoveicoli L utilizzo degli smartphone nella rilevazione della decelerazione degli autoveicoli Alfonso Micucci Mattia Strangi Università degli Studi Bologna 1. Premessa Uno dei quesiti principali posti all analista

Dettagli

Lexmark Print Management

Lexmark Print Management Lexmark Print Management Ottimizzate a stampa in rete e create un vantaggio informativo con una souzione di gestione dee stampe che potrete impementare in sede o attraverso coud. Riascio stampe sicuro

Dettagli

Corso di TEORIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO 2. Prof. Ing. Umberto Crisalli

Corso di TEORIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO 2. Prof. Ing. Umberto Crisalli Corso di TEORIA DEI SISTEMI DI TRASPORTO 2 Prof. Ing. Umberto Crisalli Modelli per la simulazione dell inquinamento acustico da traffico Introduzione Il funzionamento di un sistema di trasporto produce

Dettagli

3 CORRENTE ELETTRICA E CIRCUITI

3 CORRENTE ELETTRICA E CIRCUITI 3 ONT LTT UT lessandro ola Descrizione dell esperienza di Galvani Nel 79 il medico bolognese Luigi Galvani nell ambio dello sudio delle azioni eleriche sugli organi animali osservò che occando con uno

Dettagli

LISTINO PREZZI Vettura SUV e 4x4 Trasporto leggero Validità dal 01/05/2014

LISTINO PREZZI Vettura SUV e 4x4 Trasporto leggero Validità dal 01/05/2014 LISTINO PREZZI Vettura SUV e 4x4 Trasporto leggero Validità dal 01/05/2014 LISTINO KINGSTAR Sommario Etichettatura degli pneumatici 4 Gamma Vettura, SUV e 4x4, Trasporto leggero 6 Listino vettura 8 Listino

Dettagli

DATI TECNICI Potenza assorbita Potenza elettrica nominale Potenza termica Rendimento totale 90,4 % Motore endotermico a ciclo Otto

DATI TECNICI Potenza assorbita Potenza elettrica nominale Potenza termica Rendimento totale 90,4 % Motore endotermico a ciclo Otto BB35 AB Asincrono biogas assorbita 125 kw elettrica nominale 35 kw 78 kw Rendimento totale 90,4 % 420 G 38 kw Biogas Cilindrata 4400 cm 3 4 in linea 6,48 bar Consumo biogas (50% CH4) 27 Nm 3 /h 0,4 g/kwh

Dettagli

COME RISOLVERE GLI ESERCIZI DI ANALISI MATEMATICA 2

COME RISOLVERE GLI ESERCIZI DI ANALISI MATEMATICA 2 COME RISOLVERE GLI ESERCIZI DI ANALISI MATEMATICA Ecco una piccola e semplice guida che illusra come risolvere, a grandi linee gli esercii proposi agli esami di Analisi Maemaica (del DM 509/99, cioè successione

Dettagli

Elementi di meccanica dei fluidi

Elementi di meccanica dei fluidi IMPIANTI AEROSPAZIALI DISPENSE DEL CORSO, VERSIONE 005 Caitolo 3 Elementi di meccanica dei fluidi 3. IMPIANTI AEROSPAZIALI DISPENSE DEL CORSO, VERSIONE 005 3. Introduzione In molti imianti il collegamento

Dettagli

C R CARICO. Fig. 2.1 - Sistema meccanico

C R CARICO. Fig. 2.1 - Sistema meccanico 2 DINAMIA DEL SISTEMA MOTOE AIO 2. Equazione di equilibrio meccanico Nel caso di movimeno roaorio, che rappresena il caso più comune nel campo degli azionameni elerici, il moore ed il relaivo carico azionao

Dettagli

Note su energie e forze del campo elettromagnetico

Note su energie e forze del campo elettromagnetico A. Maffucc: oe su Energe e Forze e campo eeromagneco ver.. /4. Energe e forze n un ssema eerosaco.. Energa n funzone carche e poenza. conser ssema n fgura, uo a conuor ne vuoo o n mezzo eerco omogeneo,

Dettagli

SCHEDA TECNICA TUBO MULTISTRATO

SCHEDA TECNICA TUBO MULTISTRATO SCHEDA TECNICA TUBO CARATTERISTICHE GENERALI TIPOLOGIA PRODOTTO Tubo multistrato metallo-plastico (multilayer M-pipe) FUNZIONE Impianti di adduzione acqua sanitaria Impianti di adduzione aria compressa

Dettagli

Circolare N.155 del 22 novembre 2011. Trasporti eccezionali su gomma. Semplificazione della procedura di richiesta delle autorizzazioni

Circolare N.155 del 22 novembre 2011. Trasporti eccezionali su gomma. Semplificazione della procedura di richiesta delle autorizzazioni Circolare N.155 del 22 novembre 2011 Trasporti eccezionali su gomma. Semplificazione della procedura di richiesta delle autorizzazioni Trasporti eccezionali su gomma: semplificazione della procedura di

Dettagli

Capitolo 3 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE

Capitolo 3 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE Capitoo 3 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE 3.1 LA TEORIA DI WEIBULL I comportameto meccaico dee fibre di giestra e di juta è stato caratterizzato mediate o studio dea resisteza a trazioe dee fibre

Dettagli

Dinamica del veicolo in moto aberrante

Dinamica del veicolo in moto aberrante II WORKSHOP Tecniche ed analisi scientifica per la ricostruzione dei sinistri stradali Dinamica del veicolo in moto aberrante Francesco Timpone Salone dei Quadri - Sessa Aurunca (CE) 05 dicembre 2013 Definizioni

Dettagli

Statica del corpo rigido: esercizi svolti dai compitini degli anni precedenti

Statica del corpo rigido: esercizi svolti dai compitini degli anni precedenti Statica de corpo riido: eercizi voti dai compitini dei anni precedenti II COMPITIO 00 003 Un ae di eno orizzontae omoenea, di maa M0 k e unhezza L m, è appoiata u due cavaetti. L ae pore di 60 cm otre

Dettagli

ISOLAMENTO ACUSTICO CAPITOLO 13. 13.1 Generalità

ISOLAMENTO ACUSTICO CAPITOLO 13. 13.1 Generalità CAPITOLO 3 IOLAMENTO ACUTICO 3. Generalià Conenere l enià di suoni e rumori eserni rasmessi all inerno di ambieni araverso i confini che li delimiano (parei perimerali, ramezzi e solai) è quesione di grande

Dettagli

Tecnica dei sensori. prodotto pagina prodotto pagina prodotto pagina. Sensori induttivi

Tecnica dei sensori. prodotto pagina prodotto pagina prodotto pagina. Sensori induttivi Tecnica dei sensori Sensori induttivi Optosensori prodotto pagina prodotto pagina prodotto pagina generae 144 generae 190 ø 3 ø 4 ø 6,5 M 4 x 0,5 M 5 x 0,5 M 8 x 1 146 148 Sensori induttivi temperatura

Dettagli