CARATTERISTICHE DEI VEICOLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARATTERISTICHE DEI VEICOLI"

Transcript

1 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI I ii e e caraerisiche dei veicoi sono sabiii in Iaia da Nuovo Codice dea Srada (N.C.S.) arovao con D.L.vo n.85 de 30 arie 199, e da reaivo Regoameno di Esecuzione e di Auazione (D.P.R. n.485 de 16 dicembre 199) e dee oro successive modificazioni ed inegrazioni (egge 10 9/07/010). I veicoi si disinguono in veicoi a braccia, veicoi a razione animae, veociedi, sie, cicomoori, mooveicoi, auoveicoi, fioveicoi, rimorchi, macchine agricoe, macchine oerarici, veicoi con caraerisiche aiiche, Veicoi su roaia in sede romiscua Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 1

2 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI Gi auoveicoi si dividono in (ar. 54 N.C.S.): Auoveure: veicoi desinai a rasoro di ersone, aveni a massimo nove osi, comreso queo de conducene; Auobus: veicoi desinai a rasoro di ersone equiaggiai con iù di nove osi comreso queo de conducene; Auoveicoi er rasoro romiscuo: veicoi aveni una massa comessiva a ieno carico non sueriore a 3.5 o 4.5 se a razione eerica o a baeria, desinai a rasoro di ersone e di cose e caaci di conenere a massimo nove osi comreso queo de conducene; Auocarri: veicoi desinai a rasoro di cose e dee ersone addee a uso o a rasoro dee cose sesse; Traori sradai: veicoi desinai escusivamene a raino di rimorchi o semirimorchi; Auoveicoi er rasori secifici: veicoi desinai a rasoro di deerminae cose o di ersone in aricoari condizioni, caraerizzai da essere munio ermanenemene di seciai arezzaure reaive a ae scoo; Auoveicoi er uso seciae: veicoi caraerizzai da essere munii ermanenemene di seciai arezzaure e desinai revaenemene a rasoro rorio. Su ai veicoi è consenio i rasoro de ersonae e dei maeriai connessi co cico oeraivo dee arezzaure e di ersone e cose connesse aa desinazione d uso dee arezzaure sesse; Auoreni: comessi di veicoi cosiuii da due unià disine, agganciae, dee quai una morice; Auoaricoai: comessi di veicoi cosiuii da un raore e da un semirimorchio; Auosnodai: auobus comosi da due ronconi rigidi coegai ra oro da una sezione snodaa; Auocaravan: veicoi aveni una seciae carrozzeria ed arezzai ermanenemene er essere adibii a rasoro e a aoggio di see ersone a massimo, comreso i conducene; Mezzi d oera: veicoi o comessi di veicoi doai di aricoari arezzaure er i carico e i rasoro di maeriae di imiego o di risua de aivià ediizia, sradae, di escavazione mineraria e maeriai assimiai. Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori

3 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI Le caraerisiche imie di ciascun io di veicoo sono e segueni: a) Sagoma imie Tui i veicoi debbono oersi iscrivere in una sagoma di.55 m (.60 m nei veicoi er i rasoro di merci deeribii in regime di emeraura conroaa) di arghezza (escuse e sorgenze dovue ai rerovisori mobii), e di 4.0 m di aezza; er gi auobus è consenia un aezza fino a 4.30 m. Le unghezze oai massime, comresi gi evenuai organi di raino sono: 1 m er i veicoi isoai, er gi auoaricoai e gi auosnodai, 18 m er gi auosnodai e fiosnodai adibii a servizio di inea er i rasoro di ersone desinai a ercorrere iinerari resabiii, m er gi auoreni e fioreni. b) Fascia di ingombro - Ogni veicoo deve oersi inscrivere in una fascia d ingombro a corona circoare di arghezza A=7.0 m, avene raggio inerno Ri=5.30 m e raggio eserno Re=1.50 m (ar.17 D.P.R. n.495 de 16/1/199). Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 3

4 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI Le caraerisiche imie di ciascun io di veicoo sono e segueni: a) Massa - Quaunque sia i io di veicoo (faa eccezione er i mezzi d oera) a massa gravane su asse singoo iù caricao non uò suerare 1 ; er una coia di assi a somma dee masse dovrà essere inferiore a 1, se a disanza assiae è inferiore ad un mero, a 16, se a disanza assiae è ari o suerioread 1medinferiorea1.3m,a0,seadisanzaassiaeèario sueriore a 1.3 m ed inferiore a m. Per i mezzi d oera, a massa gravane su asse singoo iù caricao non uò eccedere e 13 (a ae riguardo gi assi disosi a disanza <1.0 m sono considerai come un unico asse singoo). Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 4

5 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI Descrizione dea grandezza Simboo BUS (1) Auocarri (1) Auocarri con rimorchio (1) Auoaricoai () Auoveure (3) Larghezza de veicoo isoao o dea morice L (.50).50 (.50) Disanza ra gi assi de veicoo isoao o dea morice E (5.00) 6.0 (5.00) Sbazo aneriore Pa (1.70) 1.80 (1.70) Sbazo oseriore Pr (.70) 1.90 (.30) 4.5 Larghezza de rimorchio o de semi-rimorchio Lr.50 (3.00).50 Lunghezza imone de T.50 (3.00) Disanza ra gi assi de rimorchio o ra a raa e asse de semirimorchio Er 4.40 (4.80) 7.0 Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 5

6 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI RAGGI MINIMI DI SVOLTA IN MANOVRA Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 6

7 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI RAGGI MINIMI DI SVOLTA IN MANOVRA R 1 R R 3 Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 7

8 CARATTERISTICHE DEI VEICOLI RAGGI MINIMI DI SVOLTA IN MANOVRA Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 8

9 PRESTAZIONI DEI VEICOLI Forza di razione T LAVORO Ne S.I. Joue=N*m Aarao di rousione ideae P= cos POTENZA Ne S.I. Wa = N*m/sec Ne S.T. CV=75 gf*m/sec = = 9.81*75 * N*m/sec =0.735 KW Ierboe Veicoi sradai hanno aarai di rousione a combusione inerna Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 9

10 PRESTAZIONI DEI VEICOLI Le caraerisiche di razione non sono ideai er gi aarai di rousione a combusione inerna Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 10

11 PRESTAZIONI DEI VEICOLI Scorrimeno Efficienza degi organi di riduzione e rasmissione circa 90%: inneso 99% accoiameno 95-97% giuni 98-99% Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori 11

12 PRESTAZIONI DEI VEICOLI RESISTENZE AL MOTO RESISTENZE DOVUTE ALLA PENDENZA Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori

13 PRESTAZIONI DEI VEICOLI RESISTENZE AL MOTO RESISTENZE DOVUTE ALLA PENDENZA F g = M*g*sen M*g*i Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori

14 PRESTAZIONI DEI VEICOLI RESISTENZE AL MOTO RESISTENZE AERODINAMICHE Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori

15 PRESTAZIONI DEI VEICOLI RESISTENZE AL MOTO RESISTENZE AL ROTOLAMENTO Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori

16 PRESTAZIONI DEI VEICOLI RESISTENZE AL MOTO INERZIA Esemio: eso ruoa = 4.6 N Massa ruoa=.89 g Raggio Ruoa = R= 0.33 m Mom. Inerzia oare singoa ruoa = 1.48 g m, Massa auoveura = M = 1360 g si oiene I/(R * M)=0.04 Progeo di Srade, Ferrovie ed Aeroori

17 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Forze rasmesse da una ruoa in moo di rooameno: FORZE NORMALI FORZE TANGENZIALI Equiibrio vericae de veicoo Longiudinai Trasversai Forze di Aderenza CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

18 Caraerisiche de neumaico Sruura di un neumaico CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

19 Pneumaico convenzionae CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSICaraerisiche de neumaico Pneumaico radiae CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

20 Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO F r = f r *W CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

21 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO LE RESISTENZE AL ROTOLAMENTO SONO PRINCIPALMENTE DOVUTE ALLA DISSIPAZIONE DI ENERGIA INDOTTA DALLE DEFORMAZIONI RIPETUTE DEL PNEUMATICO LE DEFORMAZIONI SI VERIFICANO IN CORRISPONDENZA DELL AREA DI CONTATTO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

22 Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO h 1 R 1 R CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI f f i CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

23 Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO Carico Scarico CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

24 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO PARAMETRI CONSEGUENZE EFFETTO SULLA RESISTENZA AL ROTOLAMENTO Base 100 reaiva aa ressione di.1 bar Base 100 reaiva a carico = 80% de carico massimo (auoveure) PRESSIONE DEI PNEUMATICI ENTITA CARICO DELLA VELOCITA Base 100 reaiva aa ressione di 8 bar MACRORUGOSITA SUPERFICIE DEFORMAZIONE TEMPERATURA ENERGIA DISSIPATA Base 100 reaiva aa veocià di 80 m/h CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

25 Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO MISURA DELLA RESISTENZA LA ROTOLAMENTO DI UN PNEUMATICO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

26 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO fr = 0.01 * (1 + V / 160).5 Per V<130 m/h si uò assumere una reazione ineare fr = 0.01 * (1 + V / 160) V in m/h Per e auoveure Per V 150 m/h Pneumaici radiai fr = *10-7 *V Pneumaici convenzionai fr = *10-6 *V V in m/h Per i veicoi commerciai esani Per V100 m/h Pneumaici radiai fr = *10-6 *V Pneumaici convenzionai fr = *10-6 *V V in m/h I vaori inferiori er i veicoi commerciai sono dovui ae ressioni di gonfiaggio + eevae uiizzae nei neumaici dei veicoi commerciai esani Pa CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

27 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Inerazione neumaico-srada REGULATION OF THE EUROPEAN PARLIAMENT AND OF THE COUNCIL (661/009) Maximum vaues Sage 1 Sage [dan / 10 N] o in 0 / 00 Tyre caegory Summer Passenger cars Cass C1 Ligh ruc or C Cass C Truc & Bus Cass C New yre ye-arova from November 01 Imemenaion Enire mare New yre ye-arova from November 016 Imemenaion Enire mare 1,0 Nov ,5 Nov ,5 Nov ,0 Nov ,0 Nov ,5 Nov. 00 Tyre cass Tyre widh Curren imis db(a) New imis db(a) Imemenaion New yre yearova Imemenaion Enire mare C1A 185 7/74 70 Nov. 01 Nov. 16 C1B > C1C > C1D > C1E > C Norma 75 7 Tracion C3 Norma Tracion UN/ECE Reguaion CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

28 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Inerazione neumaico-srada: RESISTENZE AL ROTOLAMENTO RESISTENZE AL ROTOLAMENTO VS ALTRE PRESTAZIONI DEL PNEUMATICO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

29 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FENOMENI CHE GENERANO LE FORZE DI ADERENZA ISTERESI ATTRITO Forze di roura e viscose F a P a ADESIONE CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI F P a a

30 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FENOMENI CHE GENERANO LE FORZE DI ADERENZA CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

31 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Faori da cui diende Aderenza Caraerisiche de neumaico Mescoa, ioogia, conformazione, configurazione dee scoiure, sessore de baisrada; Condizioni oeraive de neumaico Veocià, seudo-scorrimeno, angoo di deriva, ressione di gonfiaggio, carico vericae, emeraura. Maeriae ineroso Acqua, sosanze conaminani Caraerisiche de mano Caraerisiche suerficiai (micro e macroessiura), maeriai, geomeria, CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

32 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Caraerisiche e condizioni oeraive de neumaico V rasazione R V R ras V eriferica CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI R SCORRIMENTO O PSEUDOSCORRIMENTO IN TRAZIONE V R ras V ras IN FRENATURA

33 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO X = F X / Z Frenane Traene -1 x SCORRIMENTO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

34 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

35 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Teoria di Juien Ioesi Peumaico schemaizzao come un banda easica, Area di conao reangoare, Pressione di conao uniformemene disribuia. Sia e0 a deformazione immediaamene rima de inizio de area di conao. La deformazione in un quasiasi uno de area di conao sarà: e = e0 + * x Si uò assumere che e0 sia roorzionae a : 0 = ex Si uò inore assumere che nea zona di adesione, dove non vi sono scivoameni ra neumaico e suerficie sradae, o sforzo di razione er unià di unghezza sia roorzionae aa deformazione de neumaico: df dx x e x x F x x dx x 1 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI 0 x

36 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Teoria di Juien Ioesi Peumaico schemaizzao come un banda easica, Area di conao reangoare, Pressione di conao uniformemene disribuia. Sia e0 a deformazione immediaamene rima de inizio de area di conao. La deformazione in un quasiasi uno de area di conao sarà: e = e0 + * x Si uò assumere che e0 sia roorzionae a : 0 = ex Si uò inore assumere che nea zona di adesione, dove non vi sono scivoameni ra neumaico e suerficie sradae, o sforzo di razione er unià di unghezza sia roorzionae aa deformazione de neumaico: df dx x e x x F x x dx x 1 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI condizione affinché non si abbiano scorrimeni df dx x e 0 x b dove è a ressione di conao, b è a arghezza dea banda, i vaore massimo de coefficiene di adesione neumaico suerficie sradae. Esensione dea zona di adesione erfea: df b x W c b x c dx dove W è a forza eso normae agene su neumaico ed è a unghezza oae de area di conao. x

37 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO Se < c in ua area di conao vi è erfea adesione e a forza di razione oae risua (si one x= ): x K F 1 Poiché è una misura deo scorrimeno de neumaico, se in ua area di conao si ha adesione, a forza di razione F è direamene roorzionae ao scorrimeno. La condizioni affinché nea are oseriore de area di conao si inizi a verificare siameno ra neumaico e suerficie sradae è (uno A de diagramma): c W W W da cui si ha x W W F Un ueriore aumeno deo scorrimeno o dea forza di razione F roduce una esensione dea zona di non erfea adesione, erano a inerno de area di conao vi sarà una zona di erfea adesione ed un area dove non vi è erfea adesione. Le risuani dee forze di razione generae a inerno dee due aree saranno riseivamene Fxa e Fxs da cui a forza oae di razione risua essere: F x = F xa + F xs

38 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO Poiché risua: c c xs W W dx W dx b F c c 1 viso che c W sosiuendo si oiene. xs W W W W W W W F 1 1 oso K ' s K W W W F F x = F xs + F xa

39 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO ' ' ' ' c c xa K K W K W K W W W W W W W W W F F x = F xs + F xa

40 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE FORZA DI ADERENZA LONGITUDINALE DEL PNEUMATICO Perano o sforzo oae Fx risua essere: ' ' ' ' ' ' xa xs x K K W W K K W W W W K K W K W W W F F F La reazione rovaa indica un egame non ineare ra sforzo di razione e scorrimeno se non c è erfea adesione in una are de area di conao. Quando a zona di non erfea adesione si esende a inera area di conao o sforzo di razione assume i vaore: W F x Lo scorrimeno si oiene onendo c = 0 (uno B de diagramma): 0 W W

41 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Caraerisiche e condizioni oeraive de neumaico DERIVA DEL PNEUMATICO Angoo di deriva (si ange) CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

42 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Caraerisiche e condizioni oeraive de neumaico DERIVA DEL PNEUMATICO o y Zona di conao C V x Zona di siameno B y y o V x CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI A V y x o V x

43 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Caraerisiche e condizioni oeraive de neumaico DERIVA DEL PNEUMATICO Angoo di deriva 14 Angoo di deriva 1 Forza rasversae Kg Carico normae 40 Kg CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Kg Care di deriva 80 Kg 80 Kg 140 Kg 70 Kg

44 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Caraerisiche e condizioni oeraive de neumaico INTERAZIONE TRA ADERENZA LONGITUDINALE x E TRASVERSALE y y x Pseudo-scorrimeno ELLISSE DI ADERENZA Y Y CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI o Y o Y Y X X X X =Z o x max X o dove X o = X,max Z Y o = Y,max Z. 1

45 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza combinaa de mano sradae, de neumaico e de maeriae ineroso Aderenza decresce a aumenare deo sessore de veo idrico Veocià 30 m/h CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

46 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza combinaa de mano sradae, de neumaico e de maeriae ineroso Veocià 30 m/h Aderenza decresce a aumenare deo sessore de veo idrico in misura crescene a aumenare dea veocià CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

47 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza combinaa de mano sradae, de neumaico e de maeriae ineroso Le caraerisiche suerficiai dee avimenazioni sradai (macro e micro rugosià) hanno un effeo considerevoe su aderenza sorauo su suerfici bagnae CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

48 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza combinaa de mano sradae, de neumaico e de maeriae ineroso CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

49 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza deo sessore de veo idrico X,max CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

50 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza deo sessore de veo idrico CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

51 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI V A 500 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza deo sessore de veo idrico Per i neumaici con baisrada iscio o con aezza dei risai inferiore ao sessore de veo idrico a veocià di aquaaning uò essere vauaa basandosi su idrodinamica: 1 W 1 W F h fuido A V V A [m/s] VA 6.34 [m/h] 1000 V A = Veocià di aquaaning = ressione di gonfiaggio in Pa CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI fuido fuido

52 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Macrorugosià < 50 mm h< 0mm ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza dee caraerisiche suerficiai dee avimenazioni Microrugosià <0.5mm h<0.5 mm CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

53 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza dee caraerisiche suerficiai dee avimenazioni La microessiura ha una benefica SUPERFICIE infuenza su aderenza sviuaa a ue e veocià e nea roura de fim iquido residuo che arriva nea zona asciua A La macroessiura ha una benefica infuenza su aderenza sviuaa ae veocià eevae er i fenomeno de iseresi e er a faciiazione de drenaggio de acqua che si accumua a inerfaccia neumaicoavimenazione. CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI B C D SCALA DI TESSITURA MACRO ALTA ALTA BASSA BASSA MICRO ALTA BASSA ALTA BASSA

54 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Caraerisiche suerficiai: Micro e Macro-essiura ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza dee caraerisiche suerficiai dee avimenazioni Effeo benefico dea macroessiura er i fenomeno de iseresi Carico Scarico CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI R Scarico Carico R 1

55 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI Caraerisiche suerficiai: Micro e Macro-essiura ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE Infuenza dee caraerisiche suerficiai dee avimenazioni Effeo benefico dea macroessiura er i drenaggio de acqua a inerfaccia neumaico avimenazione - + CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

56 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE METODOLOGIE DI MISURA DIRETTE MISURA DELL ADERENZA Consenono di deerminare direamene i vaori di aderenza imegnabie sua avimenazione INDIRETTE PNEUMATICI STANDARD (baisrada non commerciae) Consisono nea misurazione dei arameri sradai che condizionano aderenza (macroessiura e microessiura) CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

57 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSIADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE MISURA DELL ADERENZA APPARECCHIATURE DI MISURA PUNTUALI Consenono a misura dei arameri in un uno e rimangono di soio fisse durane oerazione di misura IN CONTINUO Consenono a misura dee caraerisiche suerficiai ungo un deerminao aineameno ongiudinae e aarecchiaura è in movimeno durane a rocedura di misura CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

58 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure unuai Sid Teser o Pendoo Briannico E uno srumeno oraie consisene in un endoo doao a esremià di aino in gomma che sriscia sua avimenazione in recedenza bagnaa. A aezza di arreso corrisonde sua scaa graduaa un numero (BPN) quaiaivamene indicaivo de iveo di ario radene CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

59 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure unuai Sid Teser o Pendoo Briannico Per e aricoare condizioni oeraive in cui avviene a rova, i numero di Pendoo Briannico (BPN) risua sensibimene infuenzao daa microessiura dea avimenazione. Perano da moi sudiosi i BPN è considerao un aramero di misura surrogao dea microessiura. CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

60 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure di riievo in coninuo Vengono imiegae ruoe di misura sandard Le meodoogie si differenziano in base ae condizioni oeraive de neumaico di misura: Ruoa in deriva Ruoa frenaa con seudo-scorrimeno imoso Ruoa frenaa in siameno uro (100%) CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

61 CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure di riievo in coninuo Side fricion Coefficien Rouine Invesigaion Machine S.C.R.I.M. E un mezzo caraerizzao da una ruoa rooane orienabie con angoo di deriva obbigao che ermee di misurare i Coefficiene di Aderenza Trasversae (CAT) er una assegnaa veocià CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

62 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure di riievo in coninuo Side fricion Coefficien Rouine Invesigaion Machine S.C.R.I.M. CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

63 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure di riievo in coninuo Sid Traier (U.S.A.) E un mezzo caraerizzao da un carreo rainao su cui è monaa una ruoa frenaa (seudoscorrimeno =1) srumenaa che ermee di misurare i Coefficiene di Aderenza Longiudinae (CAL) 100 denominao Sid Number (SN) er una assegnaa veocià CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

64 ADERENZA PNEUMATICO-PAVIMENTAZIONE CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI MISURA DELL ADERENZA: aarecchiaure di riievo in coninuo Norsemeer (Norvegia) E un mezzo caraerizzao da un carreo rainao su cui è monaa una ruoa srumenaa con seudo-scorrimeno variabie che ermee di misurare i Coefficiene di Aderenza Longiudinae (CAL) er un assegnao seudoscorrimeno e er una assegnaa veocià CORSO DI PROGETTO DI STRADE, FERROVIE ED AEROPORTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA - Docene V. NCOLOSI

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO Standard Internazionai di Vautazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) cacoo dei prezzi marginai Docente: geom. Antonio Eero CORSO PRATICANTI 205 I PREZZI MARGINALI I prezzo

Dettagli

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

5. Limiti di funzione.

5. Limiti di funzione. Istituzioni di Matematiche - Appunti per e ezioni - Anno Accademico / 6 5. Limiti di funzione. 5.. Funzioni imitate. Una funzione y = f(x) definita in un intervao [ a b] imitata superiormente in tae intervao

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

catalogo generale SPAZZATRICI AND URBAN POWER SWEEPERS PROFESSIONAL E URBANE

catalogo generale SPAZZATRICI AND URBAN POWER SWEEPERS PROFESSIONAL E URBANE cataogo generae genera cataogue SPAZZATRICI PROFESSIONALI E URBANE PROFESSIONAL AND URBAN POWER SWEEPERS Operatore a terra Wak behind modes SM Spazzatrice manuae a spinta Manua pushing sweeper con a soa

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it Made in Germany Hartner 2007 Punte a cannone SEF MECCANOTECNICA SEE Via degi Orefici - Bocco 26 40050 FUNO (BO) ITALIA Te. 051 66.48811 Fax 051 86.30.59 FILIALE I MILANO Piazzae Martesana, 6 20128 Miano

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V LEGGI DEI GS Per gas si intende un fluido rivo di forma o volume rorio e facilmente comrimibile in modo da conseguire notevoli variazioni di ressione e densità. Le variabili termodinamiche iù aroriate

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE RRISIH D SOIZIO bbiamo visto che la trave uò essere definita come un solido generato da una figura iana S (detta seione retta o seione ortogonale) che si muove nello saio mantenendosi semre ortogonale

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max.

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max. Rexroth Pneumatics 1 Pressione di esercizio min/max 2 bar / 8 bar Temperatura ambiente min./max. -10 C / +60 C Fluido Aria compressa Dimensione max. particella 5 µm contenuto di olio dell aria compressa

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p Caitolo Ventitrè Offerta dell industria Offerta dell industria concorrenziale Come si combinano le decisioni di offerta di molte imrese singole in un industria concorrenziale er costituire l offerta di

Dettagli

Il valore complementare

Il valore complementare Il valore complementare Prof Raffaella Lioce Corso di estimo D a.a.2007-08 Definizione Il valore complementare viene definito quale valore attribuibile ad un bene riguardato come parte di un insieme di

Dettagli

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica Raschiatori NBR/FPM DAS, DP6, DP, DP, DRS, DWR Guarnizioni a labbro NBR/FPM /, /M, /M, M, H, C Bonded seal NBR-metallo Guarnizioni a pacco in goa-tela TO, TG, TEO Guarnizioni per pistoni in poliuretano,

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA Catalogo Tecnico Aprile 21 L azienda Brevini Fluid Power è stata costituita nel 23 a Reggio Emilia dove mantiene la sua sede centrale. Brevini Fluid Power produce

Dettagli

Interruttori di pressione Honeywell. Dati tecnici

Interruttori di pressione Honeywell. Dati tecnici Interruttori di pressione oneywell Alta pressione: Series, E Series Impostazione in fabbrica da 150 psi a 4500 psi [da 10,34 bar a 310,26 bar] Bassa pressione: L Series, LE Series Impostazione in fabbrica

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Dumper-Nonstop Wacker Neuson Dumper con cabina 3001 6001 9001 10001+

Dumper-Nonstop Wacker Neuson Dumper con cabina 3001 6001 9001 10001+ Dumperonstop Wacker euson Dumper con cabina A ribaltamento rotante DAT TE 10010 kg 3000 kg 6000 kg 9000 kg Peso proprio 2410/2550 kg 4120/4240 kg apacità cassone a raso 1500/1300 l 2400/2400 l 38 4000

Dettagli

IRcCOS S.c.a r.l. Istituto di Ricerca e certificazione per le Costruzioni Sostenibili

IRcCOS S.c.a r.l. Istituto di Ricerca e certificazione per le Costruzioni Sostenibili IRcCOS S.c.a r.l. Istituto di Ricerca e certificazione per le Costruzioni Sostenibili Laboratorio di Prova Notificato ai sensi della Direttiva 89/106/CEE n. NB1994 RAPPORTO DI PROVA Numero: 1994-CPD-RP0742

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni 1994L0020 IT 01.01.2007 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni B DIRETTIVA 94/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Dettagli

Aggiornato con D.P.R. 16 settembre 1996, n. 610 (G.U. 4 dicembre 1996, n. 284, s.o. n. 212) e successive integrazioni e modifiche.

Aggiornato con D.P.R. 16 settembre 1996, n. 610 (G.U. 4 dicembre 1996, n. 284, s.o. n. 212) e successive integrazioni e modifiche. Decreto del Presidente della Repubblica 16 Dicembre 1992, N. 495 Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada (G.U. 28 dicembre 1992, n. 303, s.o. n. 134) Aggiornato con D.P.R.

Dettagli

Scaldasalviette costruito con elementi orizzontali in acciaio del diametro di 20 mm saldati per fusione con collettori diametro 34 mm

Scaldasalviette costruito con elementi orizzontali in acciaio del diametro di 20 mm saldati per fusione con collettori diametro 34 mm BAT 20 W ESEMPIO D ORDE Per eseguire correttamente l ordine di questo modello seguire l esempio sotto riportato: PRODOTTO BA20#080050 0B1 ST 9010 BA20#080050 articolo riportato nella tabella prezzi a fianco

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento , ROMA CAPTALE '21M~ BANDO D GARA D' APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. N PUBBLCAZONE DAL~...1:Jj~jM.~ A L _.2 /~L-MZ: = 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA C0MMISSIOHE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIRE!ZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/A._3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA - Costruzione

Dettagli

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO COLLANA DI MANUALI DI PROGETTAZIONE ANTISISMICA VOLUME 5 PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO M. Dolce, D. Cardone, F. C. Ponzo, A. Di Cesare INDICE CAPITOLO 1: Introduzione all isolamento sismico

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche ANALISI CINEMATICA DEI CORPI RIGIDI 8.7.1 COSTRUZIONI IN MURATURA (D.M. 14/01/2008) Nelle costruzioni

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Scheda n. 7 AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE A 2 A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Residenziale a blocco Superficie

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano PPUNTI DI SCIENZ DEE COSTRUZIONI Giulio lfano nno ccademico 004-005 ii Indice 1 TRVTURE PINE 1 1.1 Geometria, equilibrio e vincoli...................... 1 1.1.1 Piani di simmetria........................

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

(c) dipende linearmente dalla distanza dal centro della sfera. Domanda n5: Il campo elettrico all'interno di un conduttore sferico di raggio R e'

(c) dipende linearmente dalla distanza dal centro della sfera. Domanda n5: Il campo elettrico all'interno di un conduttore sferico di raggio R e' FISICA per BIOLOGIA Esercizi: Elettricita' e Magnetismo Indicare la lettera corrispondente alla risposta corretta. Domanda n1: La carica elettrica e' quantizzata, cioe' la carica piu' piccola misurata

Dettagli

Valvole riduttrici di pressione pilotate, tipo ZDRK 10 V GN 10 serie 1X pressione d esercizio max. 210 bar portata max. 80 L/min H/A 4085/94

Valvole riduttrici di pressione pilotate, tipo ZDRK 10 V GN 10 serie 1X pressione d esercizio max. 210 bar portata max. 80 L/min H/A 4085/94 RI 26 864/05.02 Sostituisce: 2.95 Valvole riduttrici di pressione pilotate, tipo ZDRK 0 V GN 0 serie X pressione d esercizio max. 20 bar portata max. 80 L/min H/A 4085/94 tipo ZDRK 0 VP5-X/ Sommario Caratteristiche

Dettagli

Introduzione alla trigonometria

Introduzione alla trigonometria Introduzione alla trigonometria Angoli e loro misure In questa unità introdurremo e studieremo una classe di funzioni che non hai ancora incontrato, le funzioni goniometriche. Esse sono imortanti sorattutto

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

un concentrato di tecnologia all avanguardia

un concentrato di tecnologia all avanguardia un concentrato di tecnologia all avanguardia VIP Class L emozione viaggia su due livelli. Nel 1967 NEOPLAN ideò la gamma degli autobus turistici a due piani che ha aperto la strada ad una storia di successo

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

CATENE DA NEVE, PNEUMATICI DA NEVE E CHIODATI

CATENE DA NEVE, PNEUMATICI DA NEVE E CHIODATI CATENE DA NEVE, PNEUMATICI DA NEVE E CHIODATI A cosa servono In genere, in caso di neve, vi sono due alternative per viaggiare sicuri: gli pneumatici da neve o le catene. Mentre i primi sono molto più

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson:

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: 50Z3 75Z3 Liberatevi: Escavatore Zero Tail Wacker Neuson. Elementi Wacker Neuson: Dimensioni compatte senza sporgenze. Cabina spaziosa e salita comoda. Comfort migliorato

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE

CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE Qualsiasi cosa transportate: la responsabilità vi accompagna! PREFAZIONE Egregi trasportatori, stimati conducenti di veicoli commerciali Caricare correttamente

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli