Adempimenti per la Sicurezza sul Lavoro D. Lgs. 81 / 08, integrato con D. Lgs. 106 / 09

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Adempimenti per la Sicurezza sul Lavoro D. Lgs. 81 / 08, integrato con D. Lgs. 106 / 09"

Transcript

1 ISTITUTO SCOLASTICO G. MAMELI Viale della Vittoria, PALESTRINA (RM) Plessi Scolastici aggregati all I. C. MAMELI Scuola Primaria e dell Infanzia Viale della Vittoria, 2 Palestrina (RM) Scuola Secondaria di primo grado loc. Carchitti (RM) Scuola Primaria localita Carchitti (RM) Scuola dell Infanzia localita Carchitti (RM) Adempimenti per la Sicurezza sul Lavoro D. Lgs. 81 / 08, integrato con D. Lgs. 106 / 09 Documento di Valutazione dei Rischi Art. 17, D. Lgs. n. 81 / 08 Testo Unico in materia di Sicurezza sui luoghi di lavoro PARTE QUARTA CONTROLLI ATTREZZATURE E STRUTTURE R. S. P. P. R. L. S Perocchi Pietro Arcidiacono Rosanna Il Dirigente Scolastico Grippo Marcello

2 INDICE DEGLI ARGOMENTI PARTE PRIMA 1. 0 IDENTIFICAZIONE DELL ISTITUTO SCOLASTICO E DEL PERSONALE ADDETTO 2. 0 ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE 2.1. Datore di lavoro 2.2. Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (R. S. P. P.) 2.3 Addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione (A. S. P. P.) Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.. L. S.) 2.5. Medico Competente 2.6. Preposti all Emergenza e Primo Soccorso 2.7. Preposto nel Settore Amministrativo 2.8. Preposti attività di laboratorio 2.9. Collaboratori del Dirigente Scolastico 3. 0 DESCRIZIONE DELL ATTIVITA NELLA SCUOLA 4. 0 SORVEGLIANZA SANITARIA 5. 0 CATEGORIE DEI LAVORATORI - ALUNNI 6. 0 RIUNIONE PERIODICA DI SICUREZZA 7. 0 PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI 8. 0 LAVORI IN APPALTO 9. 0 EMERGENZA E PRIMO SOCCORSO FORMAZIONE INFORMAZIONE PARTE SECONDA PROCEDIMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO FATTORI DI RISCHIO (Tipo, Valutazione, Indicazione degli interventi di protezione, Programma di Prevenzione e Protezione) 13.1 Rischio incendio 13.2 Segnaletica di sicurezza; Vie di esodo; Uscite di sicurezza; Illuminazione di emergenza 13.3 Luoghi di lavoro- Edificio, Scale in muratura, Porte, Finestre 13.4 Armadi - Banchi Sedie Scaffali Scale Portatili 13.5 Microclima 13.6 Illuminazione naturale ed artificiale 13.7 Vie ed uscite di emergenza 13.8 Vie di circolazione interne ed esterne 13.9 Depositi materiale Archivi Macchinari ed Attrezzature per il lavoro e la didattica Attrezzature per il lavoro d ufficio Impianto elettrico Impianto di riscaldamento e Centrale Termica Ascensore Impianto di terra e protezione dalle scariche atmosferiche Controllo e manutenzione degli impianti, delle macchine e delle attrezzature Dispositivi di Protezione Individuale Movimentazione manuale dei carichi Esposizione ai Videoterminali Esposizione al Rumore Esposizione ai Campi elettromagnetici Esposizione agli Agenti Chimici Igiene Ambientale - Pulizia Esposizione all Amianto Esposizione al Radon Esposizione agli agenti biologici Stress lavoro- correlato Tutela della maternità Organizzazione interna Procedure Affollamento nelle aule Laboratorio di Chimica Laboratorio di Fisica VALUTAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI: 14.1 Rischio incendio 14.2 Rischio rumore

3 14.3 Rischio sostanze chimiche pericolose 14.4 Rischio campi elettromagnetici 14.5 Rischio lavoro ai Videoterminali 14.6 Rischio da Movimentazione Manuale dei Carichi 14.7 Rischio Stress 14.8 Ispezione annuale per la verifica dei rischi presenti Certificazioni di Sicurezza 14.9 LETTERA CON L ELENCO DELLE CARENZE DA INVIARE ALL ENTE PREPOSTO PER GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE PREVENZIONE PROTEZIONE Programma degli interventi PARTE TERZA GESTIONE DELL EMERGENZA 15.1 Organizzazione risorse interne 15.2 Supporto esterno 15.3 Piano di Emergenza della scuola 15.4 Nomina degli Addetti alle emergenze PARTE QUARTA PROCEDURE E CONTROLLI SU ATTREZZ. ANTINCENDIO, STRUTTURE, IMPIANTI, CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO PARTE QUINTA MODULISTICA - VERBALI 17.1 Modulistica Amministrativa Nomina dell A. S. P. P. Nomina del R. S. P. P. Contratto di presatazione d opera con il R. S. P. P. Notifica nominativo R. S. P. P: alla ASL ed Isp. Prov del Lavoro Nomina R. L. S. Incarico ala D. S. G. A. quale Preposto 17.2 Verbali della formazione e prevenzione Formazione / Informazione al personale della scuola Formazione / Informazione per il personale di nuova nomina Informazione / Addestramento agli alunni Resoconto delle prove di evacuazione Verbale della Riunione annuale di Sicurezza PARTE SESTA 18.0 CONTRATTI D APPALTO O DI FORNITURA Procedura per l attuazione del Piano di Emergenza

4 ISTITUTO SCOLASTICO G. MAMELI Viale della Vittoria, PALESTRINA (RM) Plessi Scolastici aggregati all I. C. MAMELI Scuola Primaria e dell Infanzia Viale della Vittoria, 2 Palestrina (RM) Scuola Secondaria di primo grado loc. Carchitti (RM) Scuola Primaria localita Carchitti (RM) Scuola dell Infanzia localita Carchitti (RM) 16.0 PROCEDURE PER I CONTROLLI CONTROLLO ATTREZZATURE E PRESIDI ANTINCENDIO - A - (Art, 5 D. P. R , n 37) CONTROLLI SULL EDIFICIO E SUGLI IMPIANTI - B CONTROLLO CASSETTA PRONTO SOCCORSO C -

5 Procedure per l esecuzione dei Controlli sulle Attrezzature e mezzi Antincendio Per garantire a tutti i presenti all interno del plesso scolastico le migliori condizioni di sicurezza in caso di emergenza, è necessario che venga effettuato un regolare e periodico controllo delle attrezzature di sicurezza e mezzi antincendio. Incaricati del controllo periodico di efficienza delle attrezzature di sicurezza e mezzi antincendio Nei plessi scolastici sotto elencati sono: Scuola Primaria e dell Infanzia Viale della Vittoria, 2 Scuola Secondaria di primo grado - Carchitti Scuola Primaria localita Carchitti (RM) Scuola dell Infanzia Carchitti (RM) PROIETTI ANTONIO CAPOZZI NICOLETTA FREZZA FRANCO RICOLLI DONATELLA Procedura per il controllo: Le persone incaricate effettueranno regolari verifiche seguendo le istruzioni impartite con le Procedure operative dei controlli inserite al Punto 16 del presente Documento. Il risultato del controllo deve essere annotato nel Registro dei Controlli specifici. Se nel corso della verifica si dovessero evidenziare irregolarità di qualunque tipo (rotture, cattivo funzionamento, manomissioni, ecc) queste vanno immediatamente segnalate al Dirigente Scolastico o al Coordinatore per la Sicurezza del plesso scolastico di appartenenza (qualora il plesso non sia sede centrale) per l inoltro delle richieste all Ente preposto agli interventi manutentivi. I sottoscritti accettano l incarico dichiarando di aver ben compreso le modalità per il suo corretto svolgimento. Data Firma per accettazione dell incarico PROIETTI ANTONIO CAPOZZI NICOLETTA FREZZA FRANCO RICOLLI DONATELLA

6 PROCEDURA - A 1 CONTROLLO EFFICIENZA ESTINTORI ( N. B. Tutti gli estintori devono essere numerati) CHE COSA DEVE ESSERE CONTROLLATO COME EFFETTUARE IL CONTROLLO 1. Tutti gli estintori devono avere inciso sul contenitore il numero di matricola apposto dalla casa costruttrice. 2. Ogni estintore deve essere appeso a parete mediante il relativo supporto. 3. Il supporto che lo sorregge deve essere bloccato alla parete in modo sicuro, mediante stop e viti. 4. Su ogni estintore deve essere ben visibile l etichetta della ditta che effettua la manutenzione ed il controllo periodico ( va effettuato almeno ogni 6 mesi ). 5. Sull etichetta deve risultare la data dell ultimo controllo (non superiore ai 6 mesi) e la firma del tecnico che lo ha effettuato. 6. Per stabilire quale è lo stato dell estintore bisogna guardare la posizione della lancetta sul manometro: la lancetta del manometro si trova nel campo verde: l estintore è in ordine ; si scrive OK sulla scheda la lancetta del manometro si trova in campo rosso, sul lato destro: la pressione è superiore alla normale perciò l estintore è in regola: si scrive OK sulla scheda la lancetta del manometro si trova in campo rosso, sul lato sinistro: la pressione è inferiore al normale perciò l estintore non garantisce il regolare funzionamento: indicare la disfunzione ed il numero dell estintore sulla scheda e farlo presente immediatamente al Dirigente Scolastico, o alla persona interna alla scuola da lui incaricata per la Sicurezza, che provvederà a richiedere all Ente locale l invio immediato del tecnico per la ricarica. 7. Se l Ente locale non invia con sollecitudine il tecnico, la richiesta deve essere effettuata direttamente alla ditta che effettua le verifiche periodiche. 8. Le richieste di interventi, a chiunque vengano dirette, devono essere sempre formulate per lettera ed inviate via Fax (se urgenti),seguite da Raccomandata R/R. o protocollate presso il Comune. In ogni caso deve rimanere sempre una traccia sicura della richiesta. Periodicità del controllo: Ogni 30 giorni Il Dirigente Scolastico Grippo Marcello

7 PROCEDURA - A 2. CONTROLLO EFFICIENZA IDRANTI RETE ANTINCENDIO ( N. B. Numerare tutti gli idranti) Solo per i plessi scolastici dove l idrante e installato CHE COSA DEVE ESSERE CONTROLLATO COME EFFETTUARE IL CONTROLLO 1. Un idrante è composto di: valvola, manichetta, lancia terminale. Tutti questi elementi devono essere collegati fra loro. 2. La manichetta deve essere arrotolata in modo da formare una ciambella. 3. Gli idranti devono essere racchiusi dentro una cassetta con coperchio munito di vetro o di materiale plastico preinciso (per poterlo rompere agevolmente in caso di necessità) 4. La manichetta dell idrante deve essere collegata alla valvola. 5. Se si notano difformità rispetto a quanto detto sopra bisogna evidenziarlo nel registro e farlo presente al Coordinatore per la sicurezza che provvederà, nei modo indicati ai punti 7, 8, 9 della Procedura n. 1, a richiedere intervento di un tecnico 6. Se al controllo effettuato dall addetto interno della Scuola tutto è in ordine si scrive OK sul registro e si firma sullo spazio apposito. Periodicità del controllo: Ogni 30 giorni Nota: L impianto antincendio ad anello liquido, del quale l idrante è il componente finale, deve essere controllato annualmente per verificare che la pressione di rete, con i 2/3 delle bocchette aperte sia nei valori prescritti dalle tabelle dei Vigili del Fuoco. Tale richiesta va inoltrata all Ente locale perché si attivi in tal senso. Il Dirigente Scolastico Grippo Marcello

8 PROCEDURA - A 3 CONTROLLO EFFICIENZA LAMPADE DI EMERGENZA ( N. B. Numerare tutte le lampade di emergenza) CHE COSA DEVE ESSERE CONTROLLATO COME EFFETTUARE IL CONTROLLO 1. Le lampade di emergenza devono illuminarsi quando manca l energia elettrica sulla rete. 2. Il controllo della loro efficienza va effettuato a fine giornata (o all inizio della successiva quando non ci siano altre apparecchiature elettriche in funzione), distaccando l alimentazione elettrica dal quadro generale. 3. Si fa il giro del plesso e si verifica se tutte le lampade sono illuminate. 4. In questo caso si scrive OK sulla casella relativa del Registro controlli. 5. Se si riscontrano lampade non accese si notifica sul registro la lampada difettosa e si fa presente la carenza al Coordinatore interno della Sicurezza che provvederà ad inoltrare la richiesta per l intervento di manutenzione all Ente locale, nei modi indicati al Punto 9 della Procedura N. 1 Periodicita del controllo: Ogni 30 giorni Il Dirigente Scolastico Grippo Marcello

9 PROCEDURA - A 4. CONTROLLO APERTURA PORTE CON MANIGLIONE ANTIPANICO ( Numerare tutte le porte che hanno maniglione antipanico) CHE COSA DEVE ESSERE CONTROLLATO COME EFFETTUARE IL CONTROLLO 1. Le porte dotate di maniglione antipanico devono aprirsi a seguito di una leggera pressione esercitata sul maniglione. Non si devono verificare resistenze all apertura. 2. In caso positivo si scrive OK sulla relativa casella del Registro controlli e si sigla. 3. Se si notano difficoltà o resistenze si fa presente al Coordinatore interno per la sicurezza che provvede a richiedere all Ente locale l intervento dei tecnici, nei modi indicati al punto 9 della Procedura n.1 Periodicita del controllo: Ogni 30 giorni Il Dirigente Scolastico Grippo Marcello

10 PROCEDURA - A5 CONTROLLO SEGNALETICA LUNGO IL PERCORSO DI EMERGENZA CHE COSA DEVE ESSERE CONTROLLATO COME EFFETTUARE IL CONTROLLO 1. Verificare che lungo i corridoi ed i percorsi di emergenza verso il Punto di Raccolta esterno la segnaletica rappresentata dalle planimetrie appese lungo i corridoi e dalla cartellonistica direzionale siano al loro posto. 2. Controllare che i cartelli indicanti gli Estintori e gli Idranti siano regolarmente apposti e ben visibili anche da lontano. Su ogni cartello deve essere scritto il numero dell Estintore di appartenenza. 3. Controllare che la documentazione relativa al Piano di Emergenza, agli incarichi per gli addetti all emergenza siano appesi al loro posto e visibili 4. Se si notano difformità rispetto a quanto detto sopra bisogna evidenziarlo nel registro e farlo presente al Coordinatore per la sicurezza 5. Se al controllo effettuato dall addetto interno della Scuola tutto è in ordine si scrive OK sul registro e si firma sullo spazio apposito. Periodicita del controllo: Ogni 30 giorni Il Dirigente Scolastico Grippo Marcello

11 PROCEDURA - B.1 STRUTTURE PORTANTI, PAVIMENTI, TERRAZZI, PIAZZALI, SCALINATE, PARAPETTI CHE COSA DEVE ESSERE CONTROLLATO Il piano di calpestio non presenta irregolarità o distacchi nella superficie di copertura Presenza di erbacce, cespugli, terriccio, dalle gronde o nei punti dove dovrebbe scorrere l acqua piovana Infiltrazioni di acqua nelle superfici in muratura Irregolarità nella pavimentazione esterna dei piazzali Presenza di eventuali distacchi di intonaci da soffitti e pareti I parapetti metallici di scale, terrazzi, ecc, sono ben ancorati alla struttura cementizia I gradini di scale in muratura sono integri e ben ancorati alla base COME EFFETTUARE IL CONTROLLO 1. Con la periodicità indicata sotto, ci si reca nei vari punti dell edificio scolastico e si osserva con attenzione se ci sono anomalie che possano compromettere il corretto funzionamento dell oggetto esaminato. 2. Si annotano le osservazioni nei moduli del registro allegato e si sottopongono all attenzione del Dirigente Scolastico o del Coordinatore per la Sicurezza. 3. Se il difetto è notificato da altre persone della scuola ci si reca sul posto per la verifica e si procede come per il punto 2 Periodicita del controllo: Ogni 30 giorni Il Dirigente Scolastico Grippo Marcello

12 PROCEDURA - B. 2 CHE COSA DEVE ESSERE CONTROLLATO PORTE, FINESTRE, VETRATE, Non si notano difetti che ne impediscono o rendono difficoltosa l apertura e la chiusura. I vetri delle finestre e delle porte sono integri e ben bloccati (o sigillati al telaio mediante le guarnizioni) La struttura metallica o in legno che sostiene i serramenti, è integra e non si notano difetti Nel caso di finestre che si aprono in orizzontale, scorrendo su guida, non vi sono cedimenti sulla struttura Le maniglie e le serrature sono perfettamente funzionanti Nelle finestre che hanno apertura anche a vasistas non si notano malfunzionamenti sulle leve superiori che determinano l apertura COME EFFETTUARE IL CONTROLLO 1. Con la periodicità indicata sotto, ci si reca nei vari punti dell edificio scolastico e si osserva con attenzione se ci sono anomalie che possano compromettere il corretto funzionamento dell oggetto esaminato. 2. Si annotano le osservazioni nei moduli del registro allegato e si sottopongono all attenzione del Dirigente Scolastico o del Coordinatore per la Sicurezza. 3. Se il difetto è notificato da altre persone della scuola ci si reca sul posto per la verifica e si procede come per il punto 2 Periodicita del controllo: Ogni 30 giorni Il Dirigente Scolastico Grippo Marcello

13 PROCEDURA - B. 3 IMPIANTO ELETTRICO CHE COSA DEVE ESSERE CONTROLLATO I componenti dell impianto elettrico (plafoniere, prese, interruttori) sono in perfetto stato e funzionanti Non vi sono prese elettriche distaccate dall alveo della parete Non si notano cavi elettrici non protetti Alle prese non sono inserite altre prese singole che alimentano più utilizzatori Per alimentare più apparecchiature da un unica presa è utilizzata una presa multipla a ciabatta munita di interruttore e con marchio CE Le plafoniere appese a soffitto hanno tutte il coperchio di protezione delle lampade Non si notano plafoniere distaccate dal soffitto COME EFFETTUARE IL CONTROLLO 1. Con la periodicità indicata sotto, ci si reca nei vari punti dell edificio scolastico e si osserva con attenzione se ci sono anomalie che possano compromettere il corretto funzionamento dell oggetto esaminato. 2. Si annotano le osservazioni nei moduli del registro allegato e si sottopongono all attenzione del Dirigente Scolastico o del Coordinatore per la Sicurezza. 3. Se il difetto è notificato da altre persone della scuola ci si reca sul posto per la verifica e si procede come per il punto 2 Periodicita del controllo: Ogni 30 giorni Il Dirigente Scolastico Grippo Marcello

14 PROCEDURA - B.4. ASCENSORI - MONTASCALE PER DISABILE PUNTI DA CONTROLLARE Le porte si aprono e chiudono correttamente E appesa la targhetta con il numero della ditta da chiamare in caso di emergenza Verificare sul registro se è trascorso il periodo entro il quale effettuare il controllo (il controllo manutentivo ha cadenza semestrale) Il cartello con le norme di comportamento nell uso dell ascensore è appeso ad ogni piano, vicino la porta d ingresso all ascensore. Verificare che l ascensore si ferma in linea con il piano Verificare a vista che il montascale non presenti parti danneggiate COME EFFETTUARE IL CONTROLLO 1. Con la periodicità indicata sotto, ci si reca nei vari punti dell edificio scolastico e si osserva con attenzione se ci sono anomalie che possano compromettere il corretto funzionamento dell oggetto esaminato. 2. Si annotano le osservazioni nei moduli del registro allegato e si sottopongono all attenzione del Dirigente Scolastico o del Coordinatore per la Sicurezza. 3. Se il difetto è notificato da altre persone della scuola ci si reca sul posto per la verifica e si procede come per il punto 2 Periodicita del controllo: Ogni 30 giorni Il Dirigente Scolastico Grippo Marcello

15 PROCEDURA - B.5. CENTRALE TERMICA IMPIANTO DI RISCALDAMENTO CHE COSA DEVE ESSERE CONTROLLATO I dispositivi di emergenza (interruttore elettrico e valvola d intercettazione del combustibile) posti all esterno della centrale termica non sono manomessi Le prese di aria per lo sfogo dei gas, sulle pareti o sulla porta, sono regolarmente aperte. I termometri e termostati installati sulla caldaia sono funzionanti Sul libretto di centrale sono riportate le verifiche periodiche a cura del tecnico della ditta manutentrice La temperatura dell acqua calda in arrivo ai termosifoni non crea problemi di ustioni per contatto. COME EFFETTUARE IL CONTROLLO 1. Con la periodicità indicata sotto, ci si reca nei vari punti dell edificio scolastico e si osserva con attenzione se ci sono anomalie che possano compromettere il corretto funzionamento dell oggetto esaminato. 2. Si annotano le osservazioni nei moduli del registro allegato e si sottopongono all attenzione del Dirigente Scolastico o del Coordinatore per la Sicurezza. 3. Se il difetto è notificato da altre persone della scuola ci si reca sul posto per la verifica e si procede come per il punto 2 Periodicita del controllo: Ogni 30 giorni Il Dirigente Scolastico Grippo Marcello

16 C - CASSETTA PRONTO SOCCORSO PROCEDURA PER IL CONTROLLO COME VIENE EFFETTUATO IL CONTROLLO: 1. Si fa riferimento all elenco dei prodotti presente all interno della cassetta. 2. I prodotti mancanti, o in numero limitato, vengono segnati sulla scheda allegata e sottoposti al Dirigente Scolastico, oppure a persona da lui nominata, perché ne prenda visione e li inoltri all ufficio preposto all acquisto. CHE COSA DEVE ESSERE CONTROLLATO: Che all interno della cassetta vi sia sempre il quantitativo minimo di prodotti per la medicazione ed il pronto intervento in caso di infortunio o altro sintomo di malessere, come richiesto dalle disposizioni del D. M. 388 / 03. La persona nominata dal Dirigente Scolastico per il controllo è la stessa che deve essere interpellata in caso di necessità per il prelievo dei prodotti di medicazione. Esiste un sostituto, che interviene in caso di assenza del primo incaricato, per fornire i prodotti richiesti. Sono abilitate all utilizzo dei prodotti solamente le persone che hanno effettuato il Corso di formazione sul Primo Soccorso. Periodicità del controllo: Ogni 30 giorni Il Dirigente Scolastico Grippo Marcello

17 ISTITUTO SCOLASTICO G. MAMELI Viale della Vittoria, PALESTRINA (RM) Plessi Scolastici aggregati all I. C. MAMELI Scuola Primaria e dell Infanzia Viale della Vittoria, 2 Palestrina (RM) Scuola Secondaria di primo grado loc. Carchitti (RM) Scuola Primaria localita Carchitti (RM) Scuola dell Infanzia localita Carchitti (RM) Adempimenti per la Sicurezza sul Lavoro REGISTRI DEI CONTROLLI ANTINCENDIO (Art, 5 D. P. R , n 37) PROCEDURE A - Schede 16.1

18 REGISTRO DELLA SICUREZZA E DEI CONTROLLI ANTINCENDIO - (Art, 5 D. P. R , n 37) CONTROLLO EFFICIENZA ESTINTORI Procedura A 1 Addetto al controllo Data Descrizione Azione messa in atto in caso di rilievo di una carenza Firma Addetto

19

20 REGISTRO DELLA SICUREZZA E DEI CONTROLLI ANTINCENDIO - (Art, 5 D. P. R , n 37) CONTROLLO EFFICIENZA IDRANTI RETE ANTINCENDIO Procedura A 2 Addetto al controllo Data Descrizione Azione messa in atto in caso di rilievo di una carenza Firma Addetto

21

22 REGISTRO DELLA SICUREZZA E DEI CONTROLLI ANTINCENDIO - (Art, 5 D. P. R , n 37) CONTROLLO EFFICIENZA LAMPADE DI EMERGENZA Procedura A 3 Addetto al controllo Data Descrizione Azione messa in atto in caso di rilievo di una carenza Firma Addetto

23

24 REGISTRO DELLA SICUREZZA E DEI CONTROLLI ANTINCENDIO - (Art, 5 D. P. R , n 37) CONTROLLO APERTURA PORTE CON MANIGLIONE ANTIPANICO Procedura A 4 Addetto al controllo Data Descrizione Azione messa in atto in caso di rilievo di una carenza Firma Addetto

25

26 REGISTRO DELLA SICUREZZA E DEI CONTROLLI ANTINCENDIO - (Art, 5 D. P. R , n 37) CONTROLLO SEGNALETICA LUNGO IL PERCORSO DI EMERGENZA Procedura A 5 Addetto al controllo Data Descrizione Azione messa in atto in caso di rilievo di una carenza Firma Addetto

27

28 ISTITUTO SCOLASTICO G. MAMELI Viale della Vittoria, PALESTRINA (RM) Plessi Scolastici aggregati all I. C. MAMELI Scuola Primaria e dell Infanzia Viale della Vittoria, 2 Palestrina (RM) Scuola Secondaria di primo grado loc. Carchitti (RM) Scuola Primaria localita Carchitti (RM) Scuola dell Infanzia localita Carchitti (RM) Adempimenti per la Sicurezza sul Lavoro REGISTRI PER I CONTROLLI SUGLI ELEMENTI STRUTTURALI E SUGLI IMPIANTI PROCEDURE B - Schede 16.2

29 ELEMENTI STRUTTURALI DELL EDIFICIO STRUTTURE PORTANTI, PAVIMENTI, TERRAZZI, PIAZZALI, SCALINATE Procedura Data Descrizione Azione messa in atto in caso di rilievo di una carenza B 1 Addetto al controllo Firma Addetto

30 ELEMENTI STRUTTURALI DELL EDIFICIO CONTROLLI A PORTE, FINESTRE, VETRATE Procedura Data Descrizione Azione messa in atto in caso di rilievo di una carenza B 2 Addetto al controllo Firma Addetto

31 IMPIANTO ELETTRICO CONTROLLI ALL IMPIANTO ELETTRICO Procedura Data Descrizione Azione messa in atto in caso di rilievo di una carenza B 3 Addetto al controllo Firma Addetto

32 ASCENSORE - MONTASCALE ASCENSORE - MONTASCALE PER DISABILE Procedura Data Descrizione Azione messa in atto in caso di rilievo di una carenza B 4 Addetto al controllo Firma Addetto

33 IMPIANTO DI RISCALDAMENTO CONTROLLI ALLA CENTRALE TERMICA IMPIANTO DI RISCALDAMENTO Procedura B 5 Data Descrizione Azione messa in atto in caso di rilievo di una carenza Addetto al controllo Firma Addetto

34 ISTITUTO SCOLASTICO G. MAMELI Viale della Vittoria, PALESTRINA (RM) Plessi Scolastici aggregati all I. C. MAMELI Scuola Primaria e dell Infanzia Viale della Vittoria, 2 Palestrina (RM) Scuola Secondaria di primo grado loc. Carchitti (RM) Scuola Primaria localita Carchitti (RM) Scuola dell Infanzia localita Carchitti (RM) Adempimenti per la Sicurezza sul Lavoro CONTROLLO CASSETTA PRONTO SOCCORSO PROCEDURA C - Schede 16.3

35 C 1. - SCHEDA PER IL CONTROLLO DEI MATERIALI NELLA CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO (art. 6.4, 6.5, 6.6, Allegato IV, D. Lgs. 81/08) Data controllo Nome prodotto /Codice Guanti sterili monouso. (N. di paia) Visiera paraschizzi 1 Flacone di soluzione cutanea di 1 iodopovidone al 10% di iodio da 1 litro Flaconi di soluzione fisiologica ( 3 sodio cloruro - 0, 9%) da 500 ml Compresse di garza sterile 10 x 10 in 10 buste singole Compresse di garza sterile 18 x 40 in 2 buste singole Teli sterili monouso 2 Pinzette da medicazione sterili 2 monouso Confezione di rete elastica di misura 1 media Confezione di cotone idrofilo 1 Confezioni di cerotti di varie misure 2 pronti all'uso Rotoli di cerotto alto cm. 2,5 2 Un paio di forbici. 1 Lacci emostatici 3 Ghiaccio pronto uso (N. di 2 confezioni). Sacchetti monouso per la raccolta di 2 rifiuti sanitari Termometro. 1 Apparecchio per la misurazione della pressione arteriosa. Richiesti dal D.M. 388/03 5 paia 1 Esistenza N. Richiesti N. Forniti il L incaricato del controllo Il Coordinatore Sicurezza Il Dirigente Scolastico N. B. Una scheda per ogni controllo

36 C 2. - SCHEDA PER IL CONTROLLO DEI MATERIALI DEL PACCHETTO DI MEDICAZIONE (art. 6.4, 6.5, 6.6, Allegato IV, D. Lgs. 81/08) Data controllo Nome prodotto /Codice Richiesti dal D.M. 388/03 Guanti sterili monouso (N. di paia). 2 Esistenza N. Richiesti N. Forniti il Flacone di soluzione cutanea di 1 iodopovidone al 10% di iodio da 125 ml Flacone di soluzione fisiologica 1 (sodio cloruro 0,9%) da 250 ml Compresse di garza sterile 18 x 40 in 1 buste singole Compresse di garza sterile 10 x 10 in 3 buste singole Pinzette da medicazione sterili 1 monouso Confezione di cotone idrofilo 1 Confezione di cerotti di varie misure 1 pronti all'uso Rotolo di cerotto alto cm 2,5 1 Rotolo di benda orlata alta cm 10 1 Un paio di forbici 1 Un laccio emostatico 1 Confezione di ghiaccio pronto uso 1 Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari Istruzioni sul modo di usare i presidi suddetti e di prestare i primi soccorsi in attesa del servizio diemergenza. 1 1 L incaricato del controllo Il Coordinatore Sicurezza Il Dirigente Scolastico N. B. Una scheda per ogni controllo

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Questa pubblicazione è stata realizzata dalla Sovrintendenza Medica Generale, a cura

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

MANUALE DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

MANUALE DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Università degli studi di Parma MANUALE DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO A cura di Maria Concetta Arena Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Via S. Michele, 9 43100 PARMA Tel. 0521 034713

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado

Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Sovrintendenza Sanitaria Centrale

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

PRIME PER. Edificio. Il Coordinatore progettazio. Aprile 2013. one. P.le T (+ +39) 06 49694150 www.uniroma1.it

PRIME PER. Edificio. Il Coordinatore progettazio. Aprile 2013. one. P.le T (+ +39) 06 49694150 www.uniroma1.it PRIME INDICAZIONI E MISURE SULLA SICUERZZA PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art. 17 D.P.R. 207/2010 0) SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA Realizzazionee di nuovo Stabulario Edificio B, Piano

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA mod. DICH. POSA OPERA-2004 pag. 1 Rif. Pratica VV.F. n. DICHIARAZIONE DI CORRETTA POSA IN OPERA DEI MATERIALI CLASSIFICATI AI FINI DELLA REAZIONE AL FUOCO (COMPRESI I PRODOTTI VERNICIANTI IGNIFUGHI), DELLE

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, IGIENE AMBIENTALE E FACCHINAGGIO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI UFFICI DELL

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli