Disposizioni complementari all Ordinanza della Legge concernente l Assicurazione fabbricati nel Cantone dei Grigioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Disposizioni complementari all Ordinanza della Legge concernente l Assicurazione fabbricati nel Cantone dei Grigioni"

Transcript

1 Disposizioni complementari all Ordinanza della Legge concernente l Assicurazione fabbricati nel Cantone dei Grigioni Stato

2 Sommario Pagina I. Rischi assicurati 1 II. Oggetto ed estensione dell assicurazione 4 III. Rapporto di assicurazione 22 IV. inanziamento 22 V. Pratica di sinistro 23 VI. Entrata in vigore 25

3 Disposizioni complementari all Ordinanza della Legge concernente l Assicurazione fabbricati nel Cantone dei Grigioni visto l articolo 46 della legge sull Assicurazione fabbricati del e l articolo 4 cpv. 2 dell ordinanza relativa alla legge sull Assicurazione fabbricati emanate dalla Commissione amministrativa dell Assicurazione fabbricati il I. Rischi assicurati Art. 1 1 I rischi coperti nell assicurazione sui danni della natura elencati all articolo 11 della Legge concernente l Assicurazione fabbricati nel Cantone dei Grigioni sono definiti nelle spiegazioni sul prodotto di riferimento fuoco ed elementare della riassicurazione (UIR Unione intercantonale di riassicurazione / acronimo tedesco IRV) dell Assicurazione fabbricati come segue: 2 La tempesta è un movimento dell aria di eccezionale violenza provocato dalle condizioni atmosferiche. 3 La presenza di una tempesta nel senso tecnico-assicurativo si presume quando nei dintorni dell oggetto assicurato si verificano dei danni a un numero rilevante di edifici regolarmente costruiti e mantenuti, vengono in particolare totalmente o parzialmente scoperchiati dei tetti o sensibilmente danneggiati degli alberi sani. Definizione dei termini Tempesta 1

4 Grandine Piena d acqua Inondazione Valanga 4 In assenza di fatti ai sensi del cpv. 3, l assicurazione può risarcire il danno se per quanto attiene all oggetto assicurato sono stati registrati venti della velocità di almeno 63 km/h (media di 10 minuti) o raffiche con punte di almeno 100 km/h. 5 Se a causa delle condizioni ambientali non sono constatabili dei danni ai sensi del cpv. 3 e se i dati misurati giusta il cpv. 4 non possono essere applicati all 0ggetto assicurato, l assicurazione può risarcire i danni nella misura in cui in base all aspetto del danno all oggetto assicurato si debba ritenere che le premesse ai sensi del cpv. 3 sarebbero state adempite. 6 La grandine è una precipitazione atmosferica sotto forma di chicchi di ghiaccio. 7 Si parla di grandine nel senso tecnico-assicurativo quando la stessa provoca un danno per effetto diretto o indiretto a un oggetto assicurato e regolarmente costruito e mantenuto. 8 Si ha una piena quando il livello o il deflusso di acque ferme o di un corso d acqua supera nettamente il valore medio pluriennale o un determinato valore soglia. 9 Si parla di piena nel senso tecnico-assicurativo quando la stessa è stata causata da precipitazioni o dall acqua di scioglimento. 10 Un inondazione è l allagamento temporaneo di una superficie di terreno provocato da masse d acqua. 11 Si parla di inondazione nel senso tecnico-assicurativo quando la stessa è stata causata direttamente da precipitazioni o da acqua di scioglimento oppure da una piena ai sensi del cpv Una valanga è la caduta o lo scivolamento di masse di neve o di ghiaccio lungo un pendio. 13 Si parla di valanga nel senso tecnico-assicurativo quando delle masse di neve o di ghiaccio ammassate 2

5 naturalmente scorrono improvvisamente in modo inarrestabile e un oggetto assicurato subisce un danno a causa delle masse stesse o della pressione d aria che le accompagna. 14 La pressione della neve è l effetto del peso di una massa ferma di neve o di ghiaccio. 15 Si parla di pressione della neve nel senso tecnicoassicurativo quando la massa di neve o di ghiaccio ferma si è ammassata in modo naturale. 16 Si ha una caduta di massi quando dei singoli o più blocchi di roccia si abbattono o rotolano sul terreno. 17 Si parla di caduta di massi nel senso tecnicoassicurativo quando dei blocchi di roccia cadono in modo naturale sul terreno. 18 Uno smottamento è lo scivolamento del terreno lungo un pendio. 19 Si parla di smottamento nel senso tecnico-assicurativo quando uno strato di terreno scivola improvvisamente in modo naturale e inarrestabile. Si presume inoltre uno smottamento quando al momento dell insorgenza del sinistro nei dintorni dell oggetto assicurato sono segnatamente stati danneggiati altri edifici, si sono verificate fessure e rotture nel terreno o sono stati inclinati alberi, pali o siepi. 20 Una frana (definita anche colata detritica) è un flusso veloce verso valle di una massa di fango e detriti. 21 Si parla di frana nel senso tenico-assicurativo quando del materiale poco stabile (pietrame, materiale detritico e terroso), in un territorio ripido, è saturo d acqua e si mette improvvisamente in movimento. Pressione della neve Caduta di massi Smottamento rana 3

6 II. Oggetto ed estensione dell assicurazione Installazioni e attrezzature che completano il fabbricato Art. 2 Per installazioni e attrezzature che completano il fabbricato si intendono: a) tutte le installazioni che rendono utilizzabile il locale, come porte, scale, ascensori, finestre, persiane, tapparelle; b) i rivestimenti dei pavimenti e i tappeti adattati a misura dei locali; c) le installazioni che servono al riscaldamento, alla ventilazione e alla climatizzazione dei locali; d) i dispositivi di illuminazione che normalmente vengono installati durante la realizzazione della costruzione in cantine, scale, cucine, bagni e garage; e) gli impianti sanitari; f) le installazioni che servono per le tubature in entrata ed in uscita di fluidi o energia, come gas, vapore e acqua; g) le installazioni elettriche per la tecnica della casa incluse le condutture; h) tutte le altre installazioni fisse del fabbricato, salvo quelle elencate all articolo 4 dell ordinanza. Un installazione si considera fissa se non può essere rimossa senza subire danni o provocare danni al fabbricato o parti dello stesso; un semplice fissaggio o un eventuale rivestimento non è considerato fisso nel fabbricato. Attribuzione delle singole parti del fabbricato, installazioni o attrezzature all assicurazione fabbricati o all assicurazione beni mobili Art. 3 1 Le parti, le installazioni e le attrezzature dell edificio vanno attribuite come segue all Assicurazione fabbricati dei Grigioni () o all assicurazione beni mobili (). Le attrezzature non elencate devono essere attribuite per analogia. 4

7 2 Esempi di delimitazione Abbeveratoi in aziende agricole, fissi, incl. cavi elettroscaldanti e comando computerizzato Acquedotti vedi serbatoi Affumicatoi - fissi per uso proprio - in esercizi di produzione o mobili Albi per affissioni Altari fissi (esclus0 valore artistico e di antichità) Alternatori vedi turbine Amplificatori Anemometri vedi anche sonde anemometriche Antenne - collettive in case plurifamiliari - per radio e televisione (ad eccezione di antenne collettive in case plurifamiliari) - per radiocomunicazione e telefono Apiari - parte costruzione - parti d'esercizio come arnie e armadietti-alveari Apparecchi di sorveglianza del bestiame Apparecchi a corrente debole Armadi - a muro - di cucine vedi attrezzature per cucine - non fissi - di guardaroba vedi spogliatoi Ascensori e montacarichi Asciugacapelli Asciugamani a aria calda e distributori di asciugamani a rotoli Asciugatrici vedi installazioni di lavanderie Aste di bandiere Attrezzature - di archivi - di parcheggi come casse automatiche, armadi ecc. - sceniche (tendaggi, quinte, amplificatori ecc.) - di cinematografi 5

8 - di negozi installazioni incluse - della protezione civile - di officine - di solarium - per cucine edifici di abitazione ed economie domestiche collettive, incl. tutti gli apparecchi fissi in esercizi di produzione a scopo aziendale nell'industria alberghiera (Definizione vedi capoverso 3 del presente articolo) Attrezzi ginnici in edifici - fissi - mobili Autolavaggi - parte costruzione - parte d'esercizio Bacini, refrigeratori e centrifughe per il latte Banchi vedi armadi Banchi di chiese, fissi Banchi di mescita vedi buffet Banchi di vendita vedi attrezzature ed installazioni di negozi Banchi, tavoli e sedie di bar (anche fissi) Bancomat Binari Boiler - escluso l'uso aziendale - in aziende agricole Box (partorienti, settori) in stalle Bucalettere - incorporate - non fisse Buffet - in edifici d'abitazione e in economie domestiche collettive - nell'industria alberghiera (Definizione vedi capoverso 3 del presente articolo) 6

9 Cabine di laboratori, scuole ecc. Cabine di trasformatori, parte costruzione Cabine e impianti di spruzzo Cabine e tavoli di laboratori chimici Cabine telefoniche - all'esterno dei fabbricati - all'interno del fabbricato Caldaie a vapore - per il riscaldamento di ambienti e la produzione di acqua calda - per scopi di fabbricazione Caldaie per formaggi, incl. i relativi miscelatori Caminetti/stufe (non aziendali) Campane - campane incl. suonerie elettriche - ceppo campanario Canali per tubazioni quali collegamenti di edifici, percorribili Canili, se non sono dei fabbricati / delle casette Capannoni gonfiabili Caselle postali Casse, incl. terminali per carte di credito con banco e nastro trasportatore Casseforti Casseforti e cavaux Catafalchi Cavi - fuori del fabbricato - per impianti EED (elaborazione elettronica dei dati), radio/tv Centrali di cogenerazione - principalmente per fabbisogno energetico proprio - principalmente per uso commerciale Centrali elettriche - attrezzatura tecnica - fabbricato Centrali telefoniche Centraline delle installazioni tecniche Centraline di comando della luce 7

10 Ciminiere Citofoni con apriporta e videocamera Cogeneratori di corrente - per il riscaldamento di edifici - per la produzione commerciale di corrente e a scopi aziendali Collettori e pannelli solari vedi impianti energetici alternativi Collettori, serpentine e sonde geotermiche vedi impianti energetici alternativi Colonnine della benzina Concimaie vedi fosse per liquami Condotte e lastre di drenaggio (nel/al fabbricato) Condotti di canalizzazione - fuori dall'edificio - nell'edificio Condutture vedi impianti elettrici, di riscaldamento e sanitari Confessionali Congegni per legare il bestiame vedi dispositivi per legare il bestiame Congelatori ad armadio e a baule - in edifici di abitazione e in economie domestiche collettive - in esercizi di produzione e dell'industria alberghiera (Definizione vedi capoverso 3 del presente articolo) Contatore per il calcolo individuale del riscaldamento Contatori dell'acqua Contatori di proprietà del fornitore di energia Contatori elettrici Contenitori molok Coperture a ombrello Coperture di pavimenti (se a più strati è assicurata una copertura) - posate in modo fisso da parte del proprietario o inquilino/affittuario - posa non fissa a misura dei locali: di proprietà del proprietario dello stabile di proprietà dell'inquilino/affittuario 8

11 - pavimenti speciali per padiglioni vedi superfici da calpestio Croci, galli e sfere di campanili Cunicoli e trapanazioni per sondaggi Cucine di alberghi Cucine di ristoranti - se l abitazione del gerente è priva di cucina propria Cucine scolastiche Depuratori vedi impianti di depurazione acque Dipinti decorativi su pareti e soffitti (escluso valore artistico e di antichità) Dispositivi di trasporto vedi impianti di trasporto Dispositivi per legare il bestiame nelle stalle Distributori automatici di alimenti Distributori automatici di bibite Distributori di carburanti Distributori di monete vedi bancomat Elementi costruttivi storici vedi valori artistici e antichità Elevatori a piattaforma Elevatori per veicoli Estintori portatili ilovie e impianti di risalita vedi impianti ferroviari iltri - per aziende industriali e artigianali, serbatoi - per impianti dell'acqua potabile inestre con vetri dipinti (escluso valore artistico e di antichità) ondamenta - fondazioni speciali come palificazioni, tiranti, paratie - normale fondazione con plinto onti battesimali vedi altari ornelli per la cottura di foraggi in caseifici e 9

12 aziende agricole orni - in edifici d'abitazione e economie domestiche collettive - in esercizi di produzione e dell'industria alberghiera (Definizione vedi capoverso 3 del presente articolo) orni a microonde vedi attrezzature per cucine orni di crematori orni di fusione orni per pizza aziendali, se non assicurati facoltativamente presso la GVG orze motrici vedi centrali elettriche osse per liquami, se non assicurate facoltativamente presso la GVG - relative pompe e miscelatori fissi rigoriferi e congelatori vedi congelatori ad armadio e a baule rigoriferi per i vini vedi congelatori ad armadio e a baule Gru e gru su binari vedi impianti di trasporto Gruppi elettrogeni e dispositivi per l'erogazione ininterrotta di corrente - per strutture assicurate con l'edificio - per strutture aziendali Guardaroba vedi armadi e anche spogliatoi Guidovie aeree vedi impianti di trasporto Illuminazioni di palcoscenici Impermeabilizzazioni contro le acque sotterranee Impianti: - ad aria compressa e per le pompe da vuoto - a ossigeno - abbeveraggio vedi abbeveratoi - aerazione del fieno - allarme impianti aziendali impianti di rivelazione d'incendi e impianti 10

13 d'allarme in ascensori impianti privati nel settore abitativo - anti intrusione (impianti antifurto) vedi impianti di allarme - antiscasso e antievasione vedi impianti di allarme - ascensori vedi ascensori e montacarichi - aspirapolvere in edifici di abitazione apparecchi tubi posati in pareti e soffitti - aspirazione di strutture aziendali - aspirazione e trasporto trucioli - automatici di abbeveraggio in aziende agricole - automatici d evacuazione di fumo e calore, non aziendali - badge (impianto d identificazione di controllo accesso) - biogas vedi impianti energetici alternativi - cercapersone - chiusura - climatizzazione esclusivamente per impianti aziendali risp. per scopi di produzione in economie domestiche collettive negli ospedali come per es. nei locali con immagini di risonanza magnetica (IR), locali con tomografia computerizzata (TC) per la climatizzazione di ambienti, fissi inclusi canali, monoblocco e comandi - combustione vedi impianti di riscaldamento - compressori - controllo accesso vedi impianti badge - decalcificazione per acqua potabile per impianti aziendali - depolverazione - depurazione delle acque (pubblici, aziendali e industriali) parte costruzione parte meccanica e macchinari, inclusi comando 11

14 e relativo cablaggio, contenitori mobili e smontabili - distribuzione foraggio, trogoli inclusi - e antenne per radiocomunicazione - e cabine di verniciatura - e installazioni di rifugi privati pubblici vedi impianti della protezione civile - elettrici attrezzature aziendali, con quadro elettrico (parte aziendale) installazioni tecniche e illuminazione dalla diramazione all'utilizzatore con quadro elettrico (parte installazioni tecniche) - energetici alternativi come pompe termiche, collettori e pannelli solari, impianti a biogas, impianti eolici, collettori di terra, serpentine e sonde geotermiche, impianti fotovoltaici, turbine, ecc. nel, al, sul, presso il fabbricato impianti vicino al fabbricato e di proprietà di aziende produttrici di energia - eolici per produzione di energia elettrica, se sono sul fabbricato e non di proprietà di aziende produttrici di energia - ferroviari parte costruzione (pensiline, rampe, fosse, sottopassaggi ecc.) altre parti (linee corrente, binari, scambi, pali, funi ecc.) - fissi di estinzione incendi (vedi anche estintori portatili) - fissi di spegnimento - fissi per la pulizia delle facciate - fotovoltaici vedi impianti energetici alternativi - frigoriferi celle e vani frigoriferi in elementi prefabbricati in economie domestiche collettive parte macchinari, incluse le linee di raffreddamento e elettriche vani frigoriferi, parte costruzione inclusa la coibentazione e il rivestimento - incenerimento rifiuti (pubblici, aziendali e industriali) 12

15 parte costruzione parte meccanica e macchinari, inclusi comando e relativo cablaggio, stufe, filtraggio fumi - informatici con i cablaggi - irrigazione - meccanici di parcheggio, elevatori inclusi, aziendali - musicali - ombreggiamento (se in serre: ) - parafulmine - per la preparazione delle ordinazioni - per lo sgombro del letame nelle stalle, parte costruzione - protezione delle facciate dall'insudiciamento da uccelli - protezione di oggetti di valore vedi impianti di allarme - pubblici della protezione civile inclusi i gruppi elettrogeni, gli impianti di aerazione di emergenza e le cucine fisse (escluse le attrezzature) - raccolta dell'acqua piovana nell edificio (serbatoio incluso) - radiologici - recupero di calore quale parte del riscaldamento, risp. climatizzazione dell'edificio quale parte dell'impianto aziendale - riscaldamento aerotermi e stufe portatili, incluse le stufe prive di allacciamento al camino per il riscaldamento di edifici, fissi, incluse condotte interrate di teleriscaldamento sulla stessa parcella per la produzione aziendale e commerciale di calore - rivelazione d'incendio collegati alla centrale pubblica d'allarme - sanitari a scopi igienici e in strutture assicurate presso la GVG in strutture aziendali - segnalazione guasti per gli impianti assicurati con l'edificio per impianti aziendali - sorveglianza - split di climatizzazione, fissi 13

16 - sprinkler - telefonici apparecchi e cavi cavi in edifici di abitazione - trasporto foraggio - trasporto pneumatico - trasporto quali gru, guidovie aeree, elevatori inclinati - trattamento e decalcificazione dell'acqua per acqua potabile per impianti aziendali - umidificazione per strutture aziendali - ventilazione esclusivamente per strutture aziendali, risp. per scopi di produzione in economie domestiche collettive per ambienti ad uso di persone e animali per l'aerazione di ambienti, fissi, inclusi canali, monoblocchi e comandi per scopi aziendali - videosorveglianza vedi impianti di allarme Insegne - di ristoranti - e targhe pubblicitarie - per la designazione di ambienti e orientamento - per le scritte pubblicitarie e di ditte - pubblicitarie luminose Installazioni a corrente debole Installazioni di lavanderie - in aziende artigianali e industriali (lavanderie, colorifici ecc.) - in edifici di abitazione e economie domestiche collettive - nell'industria alberghiera (Definizione vedi capoverso 3 del presente articolo) Invertitori, per impianti di produzione di energia alternativa Lampade (senza lampadine, neon ecc.) - di esercizio, come illuminazione del posto di lavoro, faretti in negozi 14

17 - parte dell'attrezzatura di base Lampade di emergenza Lavagne e supporti per carte geografiche in scuole Lavastoviglie vedi attrezzature per cucine Lavelli in aziende agricole vedi boiler acchine del caffè vedi attrezzature per cucine inibar incorporati iscelatori ontacarichi e impianti di distribuzione di foraggi e gru per il fieno in aziende agricole, inclusi i motori di comando ontacarichi - per il fieno - per uffici - per vivande ontascale oquette vedi coperture di pavimenti otore di azionamento porta garage ungitoie fisse, parte costruzione uri di sostegno, se fanno parte dell'edificio Nastri e scale mobili per il trasporto di persone Ombrelli da sole, anche fissi Opere da scalpellino e scultore (escluso valore artistico e di antichità) Organi - fissi in chiese - altri Ornamenti vedi dipinti decorativi su pareti e soffitti Orologi - di campanili - di controllo - orologi anche con comando centralizzato - orologi di tipo clessidra 15

18 - timbra cartellino Otturazioni antincendio Palazzetti del ghiaccio, parte costruzione Palcoscenici - a elementi mobili - fissi Pale eoliche vedi impianti energetici alternativi Paraboliche vedi antenne Pareti di divisione e scorrevoli Pareti paravento su balconi e terrazze Pareti pieghevoli Paternoster vedi ascensori Pavimenti a graticcio nelle stalle Pensiline di binari, fosse di pulizia (strutture ferroviarie) Pese Pese a ponte Pile dell'acqua santa vedi altari Piscine - all aperto, se non sono assicurate facoltativamente presso la GVG - copertura della piscina - pompe e dispositivi tecnici - nel fabbricato in edifici di abitazione, come impianto privato in strutture aziendali: - parte costruzione - parte meccanica e di esercizio Piscine coperte vedi piscine Piste di bowling - parte costruzione incluso il dispositivo di ritorno - parte maccanica e automatismi Poligoni e stand di tiro - parte costruzione, inclusa insonorizzazione fissa - parte di esercizio, incluso terrapieno ferma proiettili Pompe - in impianti sanitari e riscaldamenti centrali - altre 16

19 Pompe ausiliarie, escluse quelle aziendali Pompe per le acque di scarico - in impianti di depurazione - nella canalizzazione del fabbricato Pompe termiche per il riscaldamento di edifici e la produzione di acqua calda (vedi anche impianti energetici alternativi) Porte di casseforti per serramento del vano Portoni ad avvolgimento Posta pneumatica Posto di spegnimento a acqua vedi impianti fissi di spegnimento Posto fisso di spegnimento Postomat vedi bancomat Presse di tutti i generi Pulpiti, incorporati Quinte vedi attrezzature sceniche Rampe di carico Rampe, riscaldamenti di rampe Recinzioni e cinte Reti e teloni paravento, aziendali Rilevatori d'incendio, vedi impianti di rivelazione d'incendi Riscaldamenti a gas, vedi impianti di riscaldamento Riscaldamenti urbani, vedi impianti di riscaldamento Saune - in edifici di abitazione come impianti privati - impianti aziendali: parte costruzione, inclusi sedie e lettini parte di esercizio Scaffalature alte non autoportanti, con preparazione delle ordinazioni Scaffalature compattabili (scorrevoli) Scaffalature per magazzinaggio vedi scaffalature alte 17

20 Scaffalature scorrevoli (compattabili) Scaldacqua istantanei in aziende agricole vedi boiler Scale di emergenza Scale/scale esterne collegate all'edificio Schermi piatti anche incorporati nei muri Schermi, anche fissi Sedie vedi armadi e anche banchi, tavoli e sedie di bar Separatori per acque di scarico Serbatoi di acquedotti - parte costruzione - parte meccanica e macchinari comandi inclusi Serbatoi per gasolio da riscaldamento, interrati inclusi (in/fuori dell'edificio) esclusi quelli commerciali Serbatoi per gasolio, anche interrati (nel/fuori dell'edificio) - per riscaldamenti di ambienti - per scopi aziendali, industriali o commerciali Serbatoi, anche interrati, aziendali (benzina, diesel, gas) Serre (senza le serre a fogli di plastica) Sicurezze anticaduta nel/sul fabbricato Sili bassi e a trincea Sili di foraggio per l'agricoltura - all'aperto, fissi, se non assicurati facoltativamente presso la GVG - nell'edificio, se non assicurati facoltativamente presso la GVG Sili per cereali, parte costruzione, se non assicurati facoltativamente presso la GVG Sili, se non assicurati facoltativamente presso la GVG Sirene Sistemi di gestione parcheggio in autorimesse interrate Soffianti per il fieno Sonde anemometriche per tende parasole Sonerie e citofoni Sonerie vedi campane Specchi e armadietti fissi in bagni e gabinetti Spogliatoi, inclusa l'attrezzatura di guardaroba in piscine, impianti sportivi e di wellness ecc. 18

21 Sportelli di banche, poste ecc. - parte costruzione - parte meccanica e di esercizio Statue scolpite nel muro e murate (escluso valore artistico e di antichità) Steamer/forni a vapore vedi attrezzature per cucine Strutture di assicurazione dello scavo Strutture e installazioni in studi medici, dentistici o legali ecc. (se a complemento del fabbricato: ) Stuccature (escluso valore artistico e di antichità) Studi di registrazione, aziendali - isolamenti acustici per studi di registrazione - mixer audio, amplificatori fissi ecc. Stufe in maiolica Stufe vedi caminetti/stufe Superfici da calpestio per campi da tennis coperti ecc., non fisse Tabernacoli vedi altari Tapparelle ancorate all'edificio Tappeti vedi coperture di pavimenti Targhe di ditte vedi insegne Tende (protezione interna contro il sole) - a lamelle - a vela - bar - parasole ancorate all'edificio Torchi Trampolini in piscine coperte Trasformatori Tribune, se non assicurate facoltativamente presso la GVG Turbine vedi anche impianti energetici alternativi - aziendali - per uso proprio Valori artistici e antichità in quanto riproducibili Vaschette mobili per piante (se a complemento 19

22 del fabbricato: ) Vetrine - parte costruzione - altre parti Vetrine per coppe Voliere, se non sono dei fabbricati / delle casette Whirlpools - in case d'abitazione come impianti privati - all esterno delle case d abitazione, se non sono assicurati facoltativamente presso l Assicurazione fabbricati (solo se collegati al suolo) - impianti aziendali: parte costruzione parte d'esercizio WLAN 20

23 3 Definizioni dei termini per l applicazione degli esempi di delimitazione: a) il termine «edificio d abitazione» comprende anche gli appartamenti in apart hotel e in resort turistici, gli appartamenti e le camere per il personale. b) il termine «economie domestiche collettive» comprende anche le mense, gli ospedali, le case per anziani e di cura, le cliniche, i convitti, le mense aziendali, i ristoranti per il personale e gli edifici scolastici. La voce «economie domestiche collettive» si estende anche alle strutture di ristorazione per fabbisogno proprio, quali le caffetterie in aziende e scuole di ogni genere, in edifici culturali e religiosi ecc. c) il termine «industria alberghiera» comprende anche gli alberghi, i motel, la parte d esercizio di apart hotel, i garni, le pensioni, le capanne di club, i dormitori collettivi, le colonie, gli ostelli della gioventù, le locande, i bar, i ristoranti, i caffè, gli edifici di campeggi, i locali da ballo e i locali notturni. Art. 4 Quali oggetti simili a fabbricati possono essere assicurati facoltativamente presso l Assicurazione fabbricati dei Grigioni: bacini, bunker, concimaie, depositi di fieno, fontane, forni per pizza, forni di cottura, fosse di liquame, gazebo, lastre per piste di ghiaccio artificiale, pergole e porticati, posti a sedere coperti in giardino, rampe, scale, sili, tettoie per biciclette, tribune, vasche per colaticcio e simili. Oggetti simili a fabbricati Art. 5 1 Per la stipulazione di un assicurazione facoltativa deve essere inoltrata una domanda scritta all Assicurazione fabbricati dei Grigioni da parte del proprietario o della proprietaria. 2 Il termine di disdetta ammonta a 3 mesi, su richiesta del proprietario o della proprietaria può essere abbre- Assicurazioni facoltative 21

24 viato. L Assicurazione fabbricati dei Grigioni comunica per iscritto il termine di estinzione della copertura assicurativa. III. Rapporto di assicurazione Eccezioni per l assicurazione del valore a nuovo Art. 6 Per gli edifici con strutture edilizie storiche come ad es. i castelli, il proprietario o la proprietaria può scegliere se assicurare o meno le stesse strutture con il fabbricato. In base alla stima dettagliata, l Assicurazione fabbricati dei Grigioni offre consulenza all assicurato risp. all assicurata. IV. inanziamento abbricati con premi per il rischio elementare Art. 7 I seguenti fabbricati vengono tassati con un premio per il rischio elementare: a) serre; b) fabbricati consistenti più del 50% di vetro o materiali da costruzione simili, sensibili al vento tempestoso, alla pressione della neve o alla grandine; c) fabbricati in pericolosa vicinanza di tracce di valanghe, di punti d arrivo di frane e colate di detriti, di zone con cadute di massi, di corsi d acqua; d) fabbricati secondo l articolo 15 della legge sull Assicurazione fabbricati, se non sono possibili dei provvedimenti adeguati e ragionevoli contro probabili rischi della natura; 22

25 e) fabbricati che sono assicurati secondo l articolo 16, cpv. 2 della legge sull assicurazione fabbricati. V. Pratica di sinistro Art. 8 1 La data prevista per l accertamento del danno deve essere tempestivamente comunicata al danneggiato. Le spese che insorgono al danneggiato a tale proposito non vengono risarcite. 2 Il danneggiato ha il diritto di assumere a proprie spese un esperto. Art. 9 Non possono essere inclusi nella stima del danno le parti del fabbricato che sono state rimosse prima del sinistro e gli investimenti edilizi (aggiunte e rifacimenti) per i quali non è stata stipulata la necessaria assicurazione per fabbricati in costruzione o non è stata effettuata la stima. Convocazione per l accertamento del danno Esclusione di parti del fabbricato Art. 10 In caso di assicurazione per fabbricati in costruzione si tiene conto della stima dei danni alle parti e alle attrezzature dell edificio dal momento in cui sono state costruite o collegate in modo fisso al fabbricato. Il valore al momento del sinistro deve essere comprovato dall assicurato. Assicurazione per fabbricati in costruzione Art. 11 In caso di somma assicurativa concordata il danno viene risarcito in proporzione della somma di assicurazione concordata rispetto al valore a nuovo del fabbricato al momento del sinistro. In caso di convenzioni, in cui Somma assicurativa concordata 23

26 solamente la sostanza storica dell edificio non è assicurata, viene indennizzato il resto del fabbricato al valore a nuovo risp. al valore attuale. Costi di ripristino Art Nei costi di ripristino rientrano solo le spese che vanno considerate nella stima ufficiale per l accertamento del valore a nuovo. 2 Se un fabbricato subisce un ulteriore danno prima o durante le opere di ripristino oppure prima o durante l eliminazione dei resti utilizzabili, la precedente stima dei danni viene sostituita con una nuova stima, che comprenderà il danno complessivo. Prestazioni accessorie Art. 13 Il risarcimento per le spese di demolizione, di sgombero e di eliminazione comprende i costi normalmente causati dallo sgombero del terreno e delle parti del fabbricato completamente inutilizzabili nonché dal trasporto e lo smaltimento delle macerie fino al prossimo luogo di deposito o di eliminazione. Interessi Art. 14 Gli interessi inferiori a CH non vengono risarciti. Numeri di assicurazione dei fabbricati Art Nei comuni in cui non esiste alcuna opera di misurazione catastale, gli edifici assicurati devono essere muniti del numero di assicurazione. 2 L Assicurazione fabbricati dei Grigioni stabilisce il modello delle targhette recanti il numero di assicurazione. 3 Le spese per la realizzazione delle targhette sono a carico dell Assicurazione fabbricati dei Grigioni. 24

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici Der Verband für Stark- und Schwachstrominstallationen, Telekommunikation, IT- und Sicherheitsinstallationen, Anlagenbau, Gebäudetechnik L union pour les installations à courant fort et courant faible,

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

fotovoltaico chiavi in mano

fotovoltaico chiavi in mano chiavi in mano 1 Tetto a falda - silicio monocristallino ad altissima efficienza / disponibile da 1 a 20KWp I moduli fotovoltaici più efficienti al mondo (19,5%) ed inverters di stringa SUNPOWER garantiti

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 Gli inquilini sono tenuti oltre che all osservanza delle disposizioni contenute nel contratto di locazione anche a quelle del

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA

AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA L Istituto dell Addolorata di Foggia ha istituito un albo

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Il vetro nell architettura

Il vetro nell architettura Opuscolo tecnico Il vetro nell architettura upi Ufficio prevenzione infortuni Uso sicuro del vetro nell edilizia Nell architettura moderna il vetro non è utilizzato soltanto per le finestre, bensì come

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori)

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) Ordinanza 2 concernente la legge sul lavoro (OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) 822.112 del 10 maggio 2000 (Stato 1 aprile 2015) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 15-03-1984 REGIONE CAMPANIA

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 15-03-1984 REGIONE CAMPANIA LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 15-03-1984 REGIONE CAMPANIA

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO La gestione ambientale di una struttura turistica prevede di porre sotto controllo, gestire e ridurre gli impatti ambientali legati al ciclo di vita

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Sicurezza realizzabile. Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Nella vostra azienda è garantita la sicurezza delle persone tenute a lavorare da sole? Per persona «tenuta a lavorare da sola»

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

GUIDA ALLE BUONE PRATICHE NEI RIFUGI IN QUOTA

GUIDA ALLE BUONE PRATICHE NEI RIFUGI IN QUOTA GUIDA ALLE BUONE PRATICHE NEI RIFUGI IN QUOTA Per gestori e proprietari espace-mont-blanc.com 2 GUIDA ALLE BUONE PRATICHE NEI RIFUGI IN QUOTA INTRODUZIONE In ragione della loro posizione in siti peculiari

Dettagli

le prestazioni di servizi di: In appalto subappalto

le prestazioni di servizi di: In appalto subappalto INFO Dal 01-01-2015 servizi di -pulizia -installazione d'impianti -lavori di completamento applicano il reverse charge.doc 1 / 5 IL REVERSE CHARGE: LE NOVITA DAL 2015 I nuovi settori di attività interessati

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALLEGATO N. 1 (aggiornato G.U.R.I. N. 96 26/04/2014) ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI (Barrare la categoria di specializzazione SOA) Categorie opere generali (ex D.P.R.

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere.

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità. I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere. La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive e criticità I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere I principali interventi tecnici e gli esperti da coinvolgere Obiettivi

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Isomax/Terra-Sol tecnologia per edifici

Isomax/Terra-Sol tecnologia per edifici Isomax/Terra-Sol tecnologia per edifici SOMMARIO Pagina 1. Introduzione 2 2. Utilizzo dell energia terrestre superficiale e sostenuta dal sole 2 per risparmiare energia in edifici 3. Indagine geotecnica

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli