Disposizioni complementari all Ordinanza della Legge concernente l Assicurazione fabbricati nel Cantone dei Grigioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Disposizioni complementari all Ordinanza della Legge concernente l Assicurazione fabbricati nel Cantone dei Grigioni"

Transcript

1 Disposizioni complementari all Ordinanza della Legge concernente l Assicurazione fabbricati nel Cantone dei Grigioni Stato

2 Sommario Pagina I. Rischi assicurati 1 II. Oggetto ed estensione dell assicurazione 4 III. Rapporto di assicurazione 22 IV. inanziamento 22 V. Pratica di sinistro 23 VI. Entrata in vigore 25

3 Disposizioni complementari all Ordinanza della Legge concernente l Assicurazione fabbricati nel Cantone dei Grigioni visto l articolo 46 della legge sull Assicurazione fabbricati del e l articolo 4 cpv. 2 dell ordinanza relativa alla legge sull Assicurazione fabbricati emanate dalla Commissione amministrativa dell Assicurazione fabbricati il I. Rischi assicurati Art. 1 1 I rischi coperti nell assicurazione sui danni della natura elencati all articolo 11 della Legge concernente l Assicurazione fabbricati nel Cantone dei Grigioni sono definiti nelle spiegazioni sul prodotto di riferimento fuoco ed elementare della riassicurazione (UIR Unione intercantonale di riassicurazione / acronimo tedesco IRV) dell Assicurazione fabbricati come segue: 2 La tempesta è un movimento dell aria di eccezionale violenza provocato dalle condizioni atmosferiche. 3 La presenza di una tempesta nel senso tecnico-assicurativo si presume quando nei dintorni dell oggetto assicurato si verificano dei danni a un numero rilevante di edifici regolarmente costruiti e mantenuti, vengono in particolare totalmente o parzialmente scoperchiati dei tetti o sensibilmente danneggiati degli alberi sani. Definizione dei termini Tempesta 1

4 Grandine Piena d acqua Inondazione Valanga 4 In assenza di fatti ai sensi del cpv. 3, l assicurazione può risarcire il danno se per quanto attiene all oggetto assicurato sono stati registrati venti della velocità di almeno 63 km/h (media di 10 minuti) o raffiche con punte di almeno 100 km/h. 5 Se a causa delle condizioni ambientali non sono constatabili dei danni ai sensi del cpv. 3 e se i dati misurati giusta il cpv. 4 non possono essere applicati all 0ggetto assicurato, l assicurazione può risarcire i danni nella misura in cui in base all aspetto del danno all oggetto assicurato si debba ritenere che le premesse ai sensi del cpv. 3 sarebbero state adempite. 6 La grandine è una precipitazione atmosferica sotto forma di chicchi di ghiaccio. 7 Si parla di grandine nel senso tecnico-assicurativo quando la stessa provoca un danno per effetto diretto o indiretto a un oggetto assicurato e regolarmente costruito e mantenuto. 8 Si ha una piena quando il livello o il deflusso di acque ferme o di un corso d acqua supera nettamente il valore medio pluriennale o un determinato valore soglia. 9 Si parla di piena nel senso tecnico-assicurativo quando la stessa è stata causata da precipitazioni o dall acqua di scioglimento. 10 Un inondazione è l allagamento temporaneo di una superficie di terreno provocato da masse d acqua. 11 Si parla di inondazione nel senso tecnico-assicurativo quando la stessa è stata causata direttamente da precipitazioni o da acqua di scioglimento oppure da una piena ai sensi del cpv Una valanga è la caduta o lo scivolamento di masse di neve o di ghiaccio lungo un pendio. 13 Si parla di valanga nel senso tecnico-assicurativo quando delle masse di neve o di ghiaccio ammassate 2

5 naturalmente scorrono improvvisamente in modo inarrestabile e un oggetto assicurato subisce un danno a causa delle masse stesse o della pressione d aria che le accompagna. 14 La pressione della neve è l effetto del peso di una massa ferma di neve o di ghiaccio. 15 Si parla di pressione della neve nel senso tecnicoassicurativo quando la massa di neve o di ghiaccio ferma si è ammassata in modo naturale. 16 Si ha una caduta di massi quando dei singoli o più blocchi di roccia si abbattono o rotolano sul terreno. 17 Si parla di caduta di massi nel senso tecnicoassicurativo quando dei blocchi di roccia cadono in modo naturale sul terreno. 18 Uno smottamento è lo scivolamento del terreno lungo un pendio. 19 Si parla di smottamento nel senso tecnico-assicurativo quando uno strato di terreno scivola improvvisamente in modo naturale e inarrestabile. Si presume inoltre uno smottamento quando al momento dell insorgenza del sinistro nei dintorni dell oggetto assicurato sono segnatamente stati danneggiati altri edifici, si sono verificate fessure e rotture nel terreno o sono stati inclinati alberi, pali o siepi. 20 Una frana (definita anche colata detritica) è un flusso veloce verso valle di una massa di fango e detriti. 21 Si parla di frana nel senso tenico-assicurativo quando del materiale poco stabile (pietrame, materiale detritico e terroso), in un territorio ripido, è saturo d acqua e si mette improvvisamente in movimento. Pressione della neve Caduta di massi Smottamento rana 3

6 II. Oggetto ed estensione dell assicurazione Installazioni e attrezzature che completano il fabbricato Art. 2 Per installazioni e attrezzature che completano il fabbricato si intendono: a) tutte le installazioni che rendono utilizzabile il locale, come porte, scale, ascensori, finestre, persiane, tapparelle; b) i rivestimenti dei pavimenti e i tappeti adattati a misura dei locali; c) le installazioni che servono al riscaldamento, alla ventilazione e alla climatizzazione dei locali; d) i dispositivi di illuminazione che normalmente vengono installati durante la realizzazione della costruzione in cantine, scale, cucine, bagni e garage; e) gli impianti sanitari; f) le installazioni che servono per le tubature in entrata ed in uscita di fluidi o energia, come gas, vapore e acqua; g) le installazioni elettriche per la tecnica della casa incluse le condutture; h) tutte le altre installazioni fisse del fabbricato, salvo quelle elencate all articolo 4 dell ordinanza. Un installazione si considera fissa se non può essere rimossa senza subire danni o provocare danni al fabbricato o parti dello stesso; un semplice fissaggio o un eventuale rivestimento non è considerato fisso nel fabbricato. Attribuzione delle singole parti del fabbricato, installazioni o attrezzature all assicurazione fabbricati o all assicurazione beni mobili Art. 3 1 Le parti, le installazioni e le attrezzature dell edificio vanno attribuite come segue all Assicurazione fabbricati dei Grigioni () o all assicurazione beni mobili (). Le attrezzature non elencate devono essere attribuite per analogia. 4

7 2 Esempi di delimitazione Abbeveratoi in aziende agricole, fissi, incl. cavi elettroscaldanti e comando computerizzato Acquedotti vedi serbatoi Affumicatoi - fissi per uso proprio - in esercizi di produzione o mobili Albi per affissioni Altari fissi (esclus0 valore artistico e di antichità) Alternatori vedi turbine Amplificatori Anemometri vedi anche sonde anemometriche Antenne - collettive in case plurifamiliari - per radio e televisione (ad eccezione di antenne collettive in case plurifamiliari) - per radiocomunicazione e telefono Apiari - parte costruzione - parti d'esercizio come arnie e armadietti-alveari Apparecchi di sorveglianza del bestiame Apparecchi a corrente debole Armadi - a muro - di cucine vedi attrezzature per cucine - non fissi - di guardaroba vedi spogliatoi Ascensori e montacarichi Asciugacapelli Asciugamani a aria calda e distributori di asciugamani a rotoli Asciugatrici vedi installazioni di lavanderie Aste di bandiere Attrezzature - di archivi - di parcheggi come casse automatiche, armadi ecc. - sceniche (tendaggi, quinte, amplificatori ecc.) - di cinematografi 5

8 - di negozi installazioni incluse - della protezione civile - di officine - di solarium - per cucine edifici di abitazione ed economie domestiche collettive, incl. tutti gli apparecchi fissi in esercizi di produzione a scopo aziendale nell'industria alberghiera (Definizione vedi capoverso 3 del presente articolo) Attrezzi ginnici in edifici - fissi - mobili Autolavaggi - parte costruzione - parte d'esercizio Bacini, refrigeratori e centrifughe per il latte Banchi vedi armadi Banchi di chiese, fissi Banchi di mescita vedi buffet Banchi di vendita vedi attrezzature ed installazioni di negozi Banchi, tavoli e sedie di bar (anche fissi) Bancomat Binari Boiler - escluso l'uso aziendale - in aziende agricole Box (partorienti, settori) in stalle Bucalettere - incorporate - non fisse Buffet - in edifici d'abitazione e in economie domestiche collettive - nell'industria alberghiera (Definizione vedi capoverso 3 del presente articolo) 6

9 Cabine di laboratori, scuole ecc. Cabine di trasformatori, parte costruzione Cabine e impianti di spruzzo Cabine e tavoli di laboratori chimici Cabine telefoniche - all'esterno dei fabbricati - all'interno del fabbricato Caldaie a vapore - per il riscaldamento di ambienti e la produzione di acqua calda - per scopi di fabbricazione Caldaie per formaggi, incl. i relativi miscelatori Caminetti/stufe (non aziendali) Campane - campane incl. suonerie elettriche - ceppo campanario Canali per tubazioni quali collegamenti di edifici, percorribili Canili, se non sono dei fabbricati / delle casette Capannoni gonfiabili Caselle postali Casse, incl. terminali per carte di credito con banco e nastro trasportatore Casseforti Casseforti e cavaux Catafalchi Cavi - fuori del fabbricato - per impianti EED (elaborazione elettronica dei dati), radio/tv Centrali di cogenerazione - principalmente per fabbisogno energetico proprio - principalmente per uso commerciale Centrali elettriche - attrezzatura tecnica - fabbricato Centrali telefoniche Centraline delle installazioni tecniche Centraline di comando della luce 7

10 Ciminiere Citofoni con apriporta e videocamera Cogeneratori di corrente - per il riscaldamento di edifici - per la produzione commerciale di corrente e a scopi aziendali Collettori e pannelli solari vedi impianti energetici alternativi Collettori, serpentine e sonde geotermiche vedi impianti energetici alternativi Colonnine della benzina Concimaie vedi fosse per liquami Condotte e lastre di drenaggio (nel/al fabbricato) Condotti di canalizzazione - fuori dall'edificio - nell'edificio Condutture vedi impianti elettrici, di riscaldamento e sanitari Confessionali Congegni per legare il bestiame vedi dispositivi per legare il bestiame Congelatori ad armadio e a baule - in edifici di abitazione e in economie domestiche collettive - in esercizi di produzione e dell'industria alberghiera (Definizione vedi capoverso 3 del presente articolo) Contatore per il calcolo individuale del riscaldamento Contatori dell'acqua Contatori di proprietà del fornitore di energia Contatori elettrici Contenitori molok Coperture a ombrello Coperture di pavimenti (se a più strati è assicurata una copertura) - posate in modo fisso da parte del proprietario o inquilino/affittuario - posa non fissa a misura dei locali: di proprietà del proprietario dello stabile di proprietà dell'inquilino/affittuario 8

11 - pavimenti speciali per padiglioni vedi superfici da calpestio Croci, galli e sfere di campanili Cunicoli e trapanazioni per sondaggi Cucine di alberghi Cucine di ristoranti - se l abitazione del gerente è priva di cucina propria Cucine scolastiche Depuratori vedi impianti di depurazione acque Dipinti decorativi su pareti e soffitti (escluso valore artistico e di antichità) Dispositivi di trasporto vedi impianti di trasporto Dispositivi per legare il bestiame nelle stalle Distributori automatici di alimenti Distributori automatici di bibite Distributori di carburanti Distributori di monete vedi bancomat Elementi costruttivi storici vedi valori artistici e antichità Elevatori a piattaforma Elevatori per veicoli Estintori portatili ilovie e impianti di risalita vedi impianti ferroviari iltri - per aziende industriali e artigianali, serbatoi - per impianti dell'acqua potabile inestre con vetri dipinti (escluso valore artistico e di antichità) ondamenta - fondazioni speciali come palificazioni, tiranti, paratie - normale fondazione con plinto onti battesimali vedi altari ornelli per la cottura di foraggi in caseifici e 9

12 aziende agricole orni - in edifici d'abitazione e economie domestiche collettive - in esercizi di produzione e dell'industria alberghiera (Definizione vedi capoverso 3 del presente articolo) orni a microonde vedi attrezzature per cucine orni di crematori orni di fusione orni per pizza aziendali, se non assicurati facoltativamente presso la GVG orze motrici vedi centrali elettriche osse per liquami, se non assicurate facoltativamente presso la GVG - relative pompe e miscelatori fissi rigoriferi e congelatori vedi congelatori ad armadio e a baule rigoriferi per i vini vedi congelatori ad armadio e a baule Gru e gru su binari vedi impianti di trasporto Gruppi elettrogeni e dispositivi per l'erogazione ininterrotta di corrente - per strutture assicurate con l'edificio - per strutture aziendali Guardaroba vedi armadi e anche spogliatoi Guidovie aeree vedi impianti di trasporto Illuminazioni di palcoscenici Impermeabilizzazioni contro le acque sotterranee Impianti: - ad aria compressa e per le pompe da vuoto - a ossigeno - abbeveraggio vedi abbeveratoi - aerazione del fieno - allarme impianti aziendali impianti di rivelazione d'incendi e impianti 10

13 d'allarme in ascensori impianti privati nel settore abitativo - anti intrusione (impianti antifurto) vedi impianti di allarme - antiscasso e antievasione vedi impianti di allarme - ascensori vedi ascensori e montacarichi - aspirapolvere in edifici di abitazione apparecchi tubi posati in pareti e soffitti - aspirazione di strutture aziendali - aspirazione e trasporto trucioli - automatici di abbeveraggio in aziende agricole - automatici d evacuazione di fumo e calore, non aziendali - badge (impianto d identificazione di controllo accesso) - biogas vedi impianti energetici alternativi - cercapersone - chiusura - climatizzazione esclusivamente per impianti aziendali risp. per scopi di produzione in economie domestiche collettive negli ospedali come per es. nei locali con immagini di risonanza magnetica (IR), locali con tomografia computerizzata (TC) per la climatizzazione di ambienti, fissi inclusi canali, monoblocco e comandi - combustione vedi impianti di riscaldamento - compressori - controllo accesso vedi impianti badge - decalcificazione per acqua potabile per impianti aziendali - depolverazione - depurazione delle acque (pubblici, aziendali e industriali) parte costruzione parte meccanica e macchinari, inclusi comando 11

14 e relativo cablaggio, contenitori mobili e smontabili - distribuzione foraggio, trogoli inclusi - e antenne per radiocomunicazione - e cabine di verniciatura - e installazioni di rifugi privati pubblici vedi impianti della protezione civile - elettrici attrezzature aziendali, con quadro elettrico (parte aziendale) installazioni tecniche e illuminazione dalla diramazione all'utilizzatore con quadro elettrico (parte installazioni tecniche) - energetici alternativi come pompe termiche, collettori e pannelli solari, impianti a biogas, impianti eolici, collettori di terra, serpentine e sonde geotermiche, impianti fotovoltaici, turbine, ecc. nel, al, sul, presso il fabbricato impianti vicino al fabbricato e di proprietà di aziende produttrici di energia - eolici per produzione di energia elettrica, se sono sul fabbricato e non di proprietà di aziende produttrici di energia - ferroviari parte costruzione (pensiline, rampe, fosse, sottopassaggi ecc.) altre parti (linee corrente, binari, scambi, pali, funi ecc.) - fissi di estinzione incendi (vedi anche estintori portatili) - fissi di spegnimento - fissi per la pulizia delle facciate - fotovoltaici vedi impianti energetici alternativi - frigoriferi celle e vani frigoriferi in elementi prefabbricati in economie domestiche collettive parte macchinari, incluse le linee di raffreddamento e elettriche vani frigoriferi, parte costruzione inclusa la coibentazione e il rivestimento - incenerimento rifiuti (pubblici, aziendali e industriali) 12

15 parte costruzione parte meccanica e macchinari, inclusi comando e relativo cablaggio, stufe, filtraggio fumi - informatici con i cablaggi - irrigazione - meccanici di parcheggio, elevatori inclusi, aziendali - musicali - ombreggiamento (se in serre: ) - parafulmine - per la preparazione delle ordinazioni - per lo sgombro del letame nelle stalle, parte costruzione - protezione delle facciate dall'insudiciamento da uccelli - protezione di oggetti di valore vedi impianti di allarme - pubblici della protezione civile inclusi i gruppi elettrogeni, gli impianti di aerazione di emergenza e le cucine fisse (escluse le attrezzature) - raccolta dell'acqua piovana nell edificio (serbatoio incluso) - radiologici - recupero di calore quale parte del riscaldamento, risp. climatizzazione dell'edificio quale parte dell'impianto aziendale - riscaldamento aerotermi e stufe portatili, incluse le stufe prive di allacciamento al camino per il riscaldamento di edifici, fissi, incluse condotte interrate di teleriscaldamento sulla stessa parcella per la produzione aziendale e commerciale di calore - rivelazione d'incendio collegati alla centrale pubblica d'allarme - sanitari a scopi igienici e in strutture assicurate presso la GVG in strutture aziendali - segnalazione guasti per gli impianti assicurati con l'edificio per impianti aziendali - sorveglianza - split di climatizzazione, fissi 13

16 - sprinkler - telefonici apparecchi e cavi cavi in edifici di abitazione - trasporto foraggio - trasporto pneumatico - trasporto quali gru, guidovie aeree, elevatori inclinati - trattamento e decalcificazione dell'acqua per acqua potabile per impianti aziendali - umidificazione per strutture aziendali - ventilazione esclusivamente per strutture aziendali, risp. per scopi di produzione in economie domestiche collettive per ambienti ad uso di persone e animali per l'aerazione di ambienti, fissi, inclusi canali, monoblocchi e comandi per scopi aziendali - videosorveglianza vedi impianti di allarme Insegne - di ristoranti - e targhe pubblicitarie - per la designazione di ambienti e orientamento - per le scritte pubblicitarie e di ditte - pubblicitarie luminose Installazioni a corrente debole Installazioni di lavanderie - in aziende artigianali e industriali (lavanderie, colorifici ecc.) - in edifici di abitazione e economie domestiche collettive - nell'industria alberghiera (Definizione vedi capoverso 3 del presente articolo) Invertitori, per impianti di produzione di energia alternativa Lampade (senza lampadine, neon ecc.) - di esercizio, come illuminazione del posto di lavoro, faretti in negozi 14

17 - parte dell'attrezzatura di base Lampade di emergenza Lavagne e supporti per carte geografiche in scuole Lavastoviglie vedi attrezzature per cucine Lavelli in aziende agricole vedi boiler acchine del caffè vedi attrezzature per cucine inibar incorporati iscelatori ontacarichi e impianti di distribuzione di foraggi e gru per il fieno in aziende agricole, inclusi i motori di comando ontacarichi - per il fieno - per uffici - per vivande ontascale oquette vedi coperture di pavimenti otore di azionamento porta garage ungitoie fisse, parte costruzione uri di sostegno, se fanno parte dell'edificio Nastri e scale mobili per il trasporto di persone Ombrelli da sole, anche fissi Opere da scalpellino e scultore (escluso valore artistico e di antichità) Organi - fissi in chiese - altri Ornamenti vedi dipinti decorativi su pareti e soffitti Orologi - di campanili - di controllo - orologi anche con comando centralizzato - orologi di tipo clessidra 15

18 - timbra cartellino Otturazioni antincendio Palazzetti del ghiaccio, parte costruzione Palcoscenici - a elementi mobili - fissi Pale eoliche vedi impianti energetici alternativi Paraboliche vedi antenne Pareti di divisione e scorrevoli Pareti paravento su balconi e terrazze Pareti pieghevoli Paternoster vedi ascensori Pavimenti a graticcio nelle stalle Pensiline di binari, fosse di pulizia (strutture ferroviarie) Pese Pese a ponte Pile dell'acqua santa vedi altari Piscine - all aperto, se non sono assicurate facoltativamente presso la GVG - copertura della piscina - pompe e dispositivi tecnici - nel fabbricato in edifici di abitazione, come impianto privato in strutture aziendali: - parte costruzione - parte meccanica e di esercizio Piscine coperte vedi piscine Piste di bowling - parte costruzione incluso il dispositivo di ritorno - parte maccanica e automatismi Poligoni e stand di tiro - parte costruzione, inclusa insonorizzazione fissa - parte di esercizio, incluso terrapieno ferma proiettili Pompe - in impianti sanitari e riscaldamenti centrali - altre 16

19 Pompe ausiliarie, escluse quelle aziendali Pompe per le acque di scarico - in impianti di depurazione - nella canalizzazione del fabbricato Pompe termiche per il riscaldamento di edifici e la produzione di acqua calda (vedi anche impianti energetici alternativi) Porte di casseforti per serramento del vano Portoni ad avvolgimento Posta pneumatica Posto di spegnimento a acqua vedi impianti fissi di spegnimento Posto fisso di spegnimento Postomat vedi bancomat Presse di tutti i generi Pulpiti, incorporati Quinte vedi attrezzature sceniche Rampe di carico Rampe, riscaldamenti di rampe Recinzioni e cinte Reti e teloni paravento, aziendali Rilevatori d'incendio, vedi impianti di rivelazione d'incendi Riscaldamenti a gas, vedi impianti di riscaldamento Riscaldamenti urbani, vedi impianti di riscaldamento Saune - in edifici di abitazione come impianti privati - impianti aziendali: parte costruzione, inclusi sedie e lettini parte di esercizio Scaffalature alte non autoportanti, con preparazione delle ordinazioni Scaffalature compattabili (scorrevoli) Scaffalature per magazzinaggio vedi scaffalature alte 17

20 Scaffalature scorrevoli (compattabili) Scaldacqua istantanei in aziende agricole vedi boiler Scale di emergenza Scale/scale esterne collegate all'edificio Schermi piatti anche incorporati nei muri Schermi, anche fissi Sedie vedi armadi e anche banchi, tavoli e sedie di bar Separatori per acque di scarico Serbatoi di acquedotti - parte costruzione - parte meccanica e macchinari comandi inclusi Serbatoi per gasolio da riscaldamento, interrati inclusi (in/fuori dell'edificio) esclusi quelli commerciali Serbatoi per gasolio, anche interrati (nel/fuori dell'edificio) - per riscaldamenti di ambienti - per scopi aziendali, industriali o commerciali Serbatoi, anche interrati, aziendali (benzina, diesel, gas) Serre (senza le serre a fogli di plastica) Sicurezze anticaduta nel/sul fabbricato Sili bassi e a trincea Sili di foraggio per l'agricoltura - all'aperto, fissi, se non assicurati facoltativamente presso la GVG - nell'edificio, se non assicurati facoltativamente presso la GVG Sili per cereali, parte costruzione, se non assicurati facoltativamente presso la GVG Sili, se non assicurati facoltativamente presso la GVG Sirene Sistemi di gestione parcheggio in autorimesse interrate Soffianti per il fieno Sonde anemometriche per tende parasole Sonerie e citofoni Sonerie vedi campane Specchi e armadietti fissi in bagni e gabinetti Spogliatoi, inclusa l'attrezzatura di guardaroba in piscine, impianti sportivi e di wellness ecc. 18

21 Sportelli di banche, poste ecc. - parte costruzione - parte meccanica e di esercizio Statue scolpite nel muro e murate (escluso valore artistico e di antichità) Steamer/forni a vapore vedi attrezzature per cucine Strutture di assicurazione dello scavo Strutture e installazioni in studi medici, dentistici o legali ecc. (se a complemento del fabbricato: ) Stuccature (escluso valore artistico e di antichità) Studi di registrazione, aziendali - isolamenti acustici per studi di registrazione - mixer audio, amplificatori fissi ecc. Stufe in maiolica Stufe vedi caminetti/stufe Superfici da calpestio per campi da tennis coperti ecc., non fisse Tabernacoli vedi altari Tapparelle ancorate all'edificio Tappeti vedi coperture di pavimenti Targhe di ditte vedi insegne Tende (protezione interna contro il sole) - a lamelle - a vela - bar - parasole ancorate all'edificio Torchi Trampolini in piscine coperte Trasformatori Tribune, se non assicurate facoltativamente presso la GVG Turbine vedi anche impianti energetici alternativi - aziendali - per uso proprio Valori artistici e antichità in quanto riproducibili Vaschette mobili per piante (se a complemento 19

22 del fabbricato: ) Vetrine - parte costruzione - altre parti Vetrine per coppe Voliere, se non sono dei fabbricati / delle casette Whirlpools - in case d'abitazione come impianti privati - all esterno delle case d abitazione, se non sono assicurati facoltativamente presso l Assicurazione fabbricati (solo se collegati al suolo) - impianti aziendali: parte costruzione parte d'esercizio WLAN 20

23 3 Definizioni dei termini per l applicazione degli esempi di delimitazione: a) il termine «edificio d abitazione» comprende anche gli appartamenti in apart hotel e in resort turistici, gli appartamenti e le camere per il personale. b) il termine «economie domestiche collettive» comprende anche le mense, gli ospedali, le case per anziani e di cura, le cliniche, i convitti, le mense aziendali, i ristoranti per il personale e gli edifici scolastici. La voce «economie domestiche collettive» si estende anche alle strutture di ristorazione per fabbisogno proprio, quali le caffetterie in aziende e scuole di ogni genere, in edifici culturali e religiosi ecc. c) il termine «industria alberghiera» comprende anche gli alberghi, i motel, la parte d esercizio di apart hotel, i garni, le pensioni, le capanne di club, i dormitori collettivi, le colonie, gli ostelli della gioventù, le locande, i bar, i ristoranti, i caffè, gli edifici di campeggi, i locali da ballo e i locali notturni. Art. 4 Quali oggetti simili a fabbricati possono essere assicurati facoltativamente presso l Assicurazione fabbricati dei Grigioni: bacini, bunker, concimaie, depositi di fieno, fontane, forni per pizza, forni di cottura, fosse di liquame, gazebo, lastre per piste di ghiaccio artificiale, pergole e porticati, posti a sedere coperti in giardino, rampe, scale, sili, tettoie per biciclette, tribune, vasche per colaticcio e simili. Oggetti simili a fabbricati Art. 5 1 Per la stipulazione di un assicurazione facoltativa deve essere inoltrata una domanda scritta all Assicurazione fabbricati dei Grigioni da parte del proprietario o della proprietaria. 2 Il termine di disdetta ammonta a 3 mesi, su richiesta del proprietario o della proprietaria può essere abbre- Assicurazioni facoltative 21

24 viato. L Assicurazione fabbricati dei Grigioni comunica per iscritto il termine di estinzione della copertura assicurativa. III. Rapporto di assicurazione Eccezioni per l assicurazione del valore a nuovo Art. 6 Per gli edifici con strutture edilizie storiche come ad es. i castelli, il proprietario o la proprietaria può scegliere se assicurare o meno le stesse strutture con il fabbricato. In base alla stima dettagliata, l Assicurazione fabbricati dei Grigioni offre consulenza all assicurato risp. all assicurata. IV. inanziamento abbricati con premi per il rischio elementare Art. 7 I seguenti fabbricati vengono tassati con un premio per il rischio elementare: a) serre; b) fabbricati consistenti più del 50% di vetro o materiali da costruzione simili, sensibili al vento tempestoso, alla pressione della neve o alla grandine; c) fabbricati in pericolosa vicinanza di tracce di valanghe, di punti d arrivo di frane e colate di detriti, di zone con cadute di massi, di corsi d acqua; d) fabbricati secondo l articolo 15 della legge sull Assicurazione fabbricati, se non sono possibili dei provvedimenti adeguati e ragionevoli contro probabili rischi della natura; 22

25 e) fabbricati che sono assicurati secondo l articolo 16, cpv. 2 della legge sull assicurazione fabbricati. V. Pratica di sinistro Art. 8 1 La data prevista per l accertamento del danno deve essere tempestivamente comunicata al danneggiato. Le spese che insorgono al danneggiato a tale proposito non vengono risarcite. 2 Il danneggiato ha il diritto di assumere a proprie spese un esperto. Art. 9 Non possono essere inclusi nella stima del danno le parti del fabbricato che sono state rimosse prima del sinistro e gli investimenti edilizi (aggiunte e rifacimenti) per i quali non è stata stipulata la necessaria assicurazione per fabbricati in costruzione o non è stata effettuata la stima. Convocazione per l accertamento del danno Esclusione di parti del fabbricato Art. 10 In caso di assicurazione per fabbricati in costruzione si tiene conto della stima dei danni alle parti e alle attrezzature dell edificio dal momento in cui sono state costruite o collegate in modo fisso al fabbricato. Il valore al momento del sinistro deve essere comprovato dall assicurato. Assicurazione per fabbricati in costruzione Art. 11 In caso di somma assicurativa concordata il danno viene risarcito in proporzione della somma di assicurazione concordata rispetto al valore a nuovo del fabbricato al momento del sinistro. In caso di convenzioni, in cui Somma assicurativa concordata 23

26 solamente la sostanza storica dell edificio non è assicurata, viene indennizzato il resto del fabbricato al valore a nuovo risp. al valore attuale. Costi di ripristino Art Nei costi di ripristino rientrano solo le spese che vanno considerate nella stima ufficiale per l accertamento del valore a nuovo. 2 Se un fabbricato subisce un ulteriore danno prima o durante le opere di ripristino oppure prima o durante l eliminazione dei resti utilizzabili, la precedente stima dei danni viene sostituita con una nuova stima, che comprenderà il danno complessivo. Prestazioni accessorie Art. 13 Il risarcimento per le spese di demolizione, di sgombero e di eliminazione comprende i costi normalmente causati dallo sgombero del terreno e delle parti del fabbricato completamente inutilizzabili nonché dal trasporto e lo smaltimento delle macerie fino al prossimo luogo di deposito o di eliminazione. Interessi Art. 14 Gli interessi inferiori a CH non vengono risarciti. Numeri di assicurazione dei fabbricati Art Nei comuni in cui non esiste alcuna opera di misurazione catastale, gli edifici assicurati devono essere muniti del numero di assicurazione. 2 L Assicurazione fabbricati dei Grigioni stabilisce il modello delle targhette recanti il numero di assicurazione. 3 Le spese per la realizzazione delle targhette sono a carico dell Assicurazione fabbricati dei Grigioni. 24

Norme per l'assicurazione degli stabili. 1 Nozione di stabile. 2 Delimitazione. 3 Regolamentazione speciale. Edizione 2012

Norme per l'assicurazione degli stabili. 1 Nozione di stabile. 2 Delimitazione. 3 Regolamentazione speciale. Edizione 2012 Norme per l'assicurazione degli stabili Edizione 2012 1 Nozione di stabile 1.1 È stabile, secondo le norme della tecnica in materia d'assicurazione, ogni prodotto non mobile dell'attività edile, comprese

Dettagli

Manutenzione di immobili: lista di controllo

Manutenzione di immobili: lista di controllo Prassi Amministrazione delle imposte dei Grigioni LIG 35; 37 LIFD 32; 34 Appendice (non completa) Spese immobili Tipo di lavori eseguiti risp. di costi sostenuti (Osservazione: non si tiene conto delle

Dettagli

ELENCO DELLE ATTIVITÀ DI CUI ALL ARTICOLO 5, PUNTO 7 ( 1 )

ELENCO DELLE ATTIVITÀ DI CUI ALL ARTICOLO 5, PUNTO 7 ( 1 ) ELENCO DELLE ATTIVITÀ DI CUI ALL ARTICOLO 5, PUNTO 7 ( 1 ) NACE Rev. 1 ( 1 ) 45 Costruzioni Questa divisione comprende: nuove costruzioni, restauri e riparazioni comuni. 45000000 45.1 Preparazione del

Dettagli

Perizia rischio residuo ai sensi art 44g RLE cpv2 (ad ausilio dei Municipi)

Perizia rischio residuo ai sensi art 44g RLE cpv2 (ad ausilio dei Municipi) Istruzioni Canton Ticino nr. 02 Perizia rischio residuo ai sensi art 44g RLE cpv2 (ad ausilio dei Municipi) Il presente formulario non è vincolante, ma rappresenta un mezzo ausiliario per le autorità di

Dettagli

45 Costruzioni Questa divisione comprende: nuove costruzioni, restauri e riparazioni

45 Costruzioni Questa divisione comprende: nuove costruzioni, restauri e riparazioni 45 Costruzioni Questa divisione comprende: nuove costruzioni, restauri e riparazioni comuni 45000000 45.1 Preparazione del cantiere edile 45100000 45.11 Demolizione di edifici e sistemazione del terreno

Dettagli

Allegato I Elenco delle attività di cui all'articolo 3, comma 7

Allegato I Elenco delle attività di cui all'articolo 3, comma 7 Allegato I Elenco delle attività di cui all'articolo 3, comma 7 NACE [1] Sezione F Costruzione Codice CPV Divisio ne Gruppo Classe Descrizione Note 45 Costruzioni Questa divisione comprende: Nuove costruzioni,

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI ONERI

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI ONERI REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI ONERI Gli obblighi e gli oneri derivanti dal rapporto di locazione di seguito descritti sono ripartiti tra proprietario e inquilino secondo le modalità di seguito

Dettagli

Singoli capitoli CPN Edilizia

Singoli capitoli CPN Edilizia Titoli generali (solo in forma cartacea) 1001I/99 Istruzioni per l uso CPN gratuito 1003I/15 Elenco dei capitoli CPN con indice analitico 79.00 1004I/92 Informazioni per l utenza 49.00 1010I Schede tecniche

Dettagli

Azienda qualificata SOA. La società opera da oltre 30 anni alle falde delle Prealpi Biellesi, immersa in un ambiente integro e operoso.

Azienda qualificata SOA. La società opera da oltre 30 anni alle falde delle Prealpi Biellesi, immersa in un ambiente integro e operoso. Azienda qualificata SOA La società opera da oltre 30 anni alle falde delle Prealpi Biellesi, immersa in un ambiente integro e operoso. A tale clima ci ispiriamo con onestà e passione per dare risposte

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI IN EDILIZIA. Presentazione a cura della DELEGAZIONE DEI GEOMETRI DELLA VALLE DELL AGNO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI IN EDILIZIA. Presentazione a cura della DELEGAZIONE DEI GEOMETRI DELLA VALLE DELL AGNO COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI della Provincia di VICENZA LE AGEVOLAZIONI FISCALI IN EDILIZIA Presentazione a cura della DELEGAZIONE DEI GEOMETRI DELLA VALLE DELL AGNO 1 RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI ONERI

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI ONERI Allegato D) alla deliberazione del Consiglio Comunale n. del REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI ONERI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 107 del 23/12/2002 Testo coordinato con le

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni Al fine di rendere più agevole la procedura si elencano gli interventi previsti dall art. 5 del Regolamento

Dettagli

Istruzione GR No. 13 Tende Costruzioni temporanee

Istruzione GR No. 13 Tende Costruzioni temporanee Istruzione GR No. 13 Tende Costruzioni temporanee La presente istruzione entra in vigore il 1. gennaio 2011 Emanata dalla Commissione amministrativa dell Assicurazione fabbricati dei Grigioni in virtù

Dettagli

TESSERETE RESIDENZA AL SOLE EDIFICIO D. Dati del terreno Descrizione del progetto Materiali da costruzione

TESSERETE RESIDENZA AL SOLE EDIFICIO D. Dati del terreno Descrizione del progetto Materiali da costruzione TESSERETE RESIDENZA AL SOLE EDIFICIO D Dati del terreno Descrizione del progetto Materiali da costruzione RELAZIONE TECNICA DATI DEL PROGETTO Mappale no. 214-216-429-430(vedi nuovo piano parcellare) Superficie

Dettagli

Quesiti di prevenzione incendi

Quesiti di prevenzione incendi Quesiti di prevenzione incendi Raccolta 2010/2011 183 domande e risposte a cura di Mario Abate Direttore Vice Dirigente Comando VVF Milano (Le risposte ai quesiti sono riferite alle norme vigenti al momento

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI MANUTENZIONE

PIANO OPERATIVO DI MANUTENZIONE ALLEGATO N. A 2-1 PIANO OPERATIVO DI MANUTENZIONE Il programma di manutenzione ordinaria contempera controlli e periodiche preventive che dovranno rispettare i tempi e le procedure sottoindicate Intervento

Dettagli

ATTI BILITANTI ALLA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI

ATTI BILITANTI ALLA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI ATTI BILITANTI ALLA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI TIPOLOGIA DESCRIZIONE STRUMENTO Abbaino Accorpamento di locali o altre unità immobiliari Adeguamento Antisismico Adeguamento igienicofunzionale Alberatura

Dettagli

ELENCO DELLE AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE RILASCIATE. PUBBLICAZIONE AI SENSI DELL ART. 146 COMMA 13 DEL D.LGS. 42/2004.

ELENCO DELLE AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE RILASCIATE. PUBBLICAZIONE AI SENSI DELL ART. 146 COMMA 13 DEL D.LGS. 42/2004. ELENCO DELLE AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE RILASCIATE. PUBBLICAZIONE AI SENSI DELL ART. 146 COMMA 13 DEL D.LGS. 42/2004. DATA E PROT. RILASCIO OGGETTO 27.05.2010 prot. n. 6016 Posa di tubo di derivazione

Dettagli

Ripartizione delle spese accessorie e dei servizi a carico dei singoli assegnatari e dell autogestione.

Ripartizione delle spese accessorie e dei servizi a carico dei singoli assegnatari e dell autogestione. ALLEGATO A Ripartizione delle spese accessorie e dei servizi a carico dei singoli assegnatari e dell autogestione. A) Ascensore: 1) forza motrice e illuminazione; 2) manutenzione ordinaria e piccole riparazioni;

Dettagli

Periodico informativo n. 103/2015

Periodico informativo n. 103/2015 Periodico informativo n. 103/2015 OGGETO: Alberghi: bonus per ristrutturazioni e riqualificazione energetica Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza

Dettagli

7.2.1 CP.1 Questionario in forma completa Foglio di famiglia

7.2.1 CP.1 Questionario in forma completa Foglio di famiglia 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni Formazione per gli operatori del Censimento 7.2.1 CP.1 Questionario in forma completa Foglio di famiglia 15 Censimento generale della popolazione

Dettagli

Impianti di evacuazione di fumo e calore

Impianti di evacuazione di fumo e calore Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti di evacuazione di fumo

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO SOSTENIBILE Allegato al regolamento edilizio. Estratto del Regolamento Elementi obbligatori

REGOLAMENTO EDILIZIO SOSTENIBILE Allegato al regolamento edilizio. Estratto del Regolamento Elementi obbligatori REGOLAMENTO EDILIZIO SOSTENIBILE Allegato al regolamento edilizio Estratto del Regolamento Elementi obbligatori Adottato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 14 in data 10/04/2013 Approvato con deliberazione

Dettagli

Vendita capannone industriale ubicato in Via Enea Stefani n 3 40138 Bologna (BO) (Zona Industriale Roveri)

Vendita capannone industriale ubicato in Via Enea Stefani n 3 40138 Bologna (BO) (Zona Industriale Roveri) Vendita capannone industriale ubicato in Via Enea Stefani n 3 40138 Bologna (BO) (Zona Industriale Roveri) Pagina 1 di 6 La ns. società Gentili S.p.A. ha recentemente posto in vendita un immobile di sua

Dettagli

COMUNE DI MALCESINE aggiornato a dicembre 2015

COMUNE DI MALCESINE aggiornato a dicembre 2015 COMUNE DI MALCESINE aggiornato a dicembre 2015 Si evidenzia che: PRONTUARIO DEGLI INTERVENTI EDILIZI E DEI TITOLI ABILITATIVI - Tutte le modifiche dell aspetto esteriore dello stato dei luoghi necessitano

Dettagli

Contenuti e obiettivi

Contenuti e obiettivi Aiuto all applicazione EN-1 Parte massima di energia non rinnovabile nelle costruzioni nuove Contenuti e obiettivi Questo aiuto all applicazione tratta delle esigenze minime da rispettare in relazione

Dettagli

ALLEGATO A DESCRIZIONE E GESTIONE DELLE STRUTTURE

ALLEGATO A DESCRIZIONE E GESTIONE DELLE STRUTTURE ALLEGATO A DESCRIZIONE E GESTIONE DELLE STRUTTURE FORESTERIA DI VIA VOLTURNO La struttura è composta da n. 18 stanze singole e n. 17 stanze doppie, climatizzate e con servizio indipendente, dislocate su

Dettagli

WWW.MASSAIMPIANTI.IT A S S A PROMO MASSA IMPIANTI: UN ESPLOSIONE DI OFFERTE PREZZI IVA ESCLUSA

WWW.MASSAIMPIANTI.IT A S S A PROMO MASSA IMPIANTI: UN ESPLOSIONE DI OFFERTE PREZZI IVA ESCLUSA PREZZI IVA ESCLUSA A S S A IL PARTNER IDEALE PER UNA RISTRUTTURAZIONE COMPLETA O EX NOVO DELLA TUA ABITAZIONE CON UNA VISIONE MODERNA DEL MODO DI COSTRUIRE PROMO MASSA IMPIANTI: UN ESPLOSIONE DI OFFERTE

Dettagli

Fabbricati per stabilimenti

Fabbricati per stabilimenti Impostazioni progettuali dello stabilimento Fabbricati per stabilimenti industriali Classificazione dei fabbricati e sistemi costruttivi Elementi principali dei fabbricati industriali Strutture varie Piano

Dettagli

Condominio, locazione e spese

Condominio, locazione e spese Il nuovo prontuario degli oneri accessori Condominio, locazione e spese di Germano Palmieri Il 30 aprile le organizzazioni di rappresentanza dei proprietari d immobili e dei conduttori (Confedilizia da

Dettagli

Strategia di rinnovo NPA: 9000. Mandante: Indirizzo: NPA, luogo: va inserito dal consulente va inserito dal consulente va inserito dal consulente

Strategia di rinnovo NPA: 9000. Mandante: Indirizzo: NPA, luogo: va inserito dal consulente va inserito dal consulente va inserito dal consulente Strategia di rinnovo Oggetto: Bsp_Schu NPA: 9000 Mandante: Indirizzo: NPA, luogo: va inserito dal consulente va inserito dal consulente va inserito dal consulente Autore: Thomas Ammann Data: 29.08.2014

Dettagli

FAHRENHEIT 451 COMUNE DI MARANELLO CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA

FAHRENHEIT 451 COMUNE DI MARANELLO CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA FAHRENHEIT 451 COMUNE DI MARANELLO CONCORSO DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DELLA NUOVA BIBLIOTECA La progettazione nasce dalla necessità che l intervento formuli una presenza riconoscibile come

Dettagli

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso)

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) Allegato 2 PAG. 1 ALLEGATO alla domanda di autorizzazione

Dettagli

Norma 7129:2008. Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A.

Norma 7129:2008. Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A. Norma 7129:2008 Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A. UNI 7129-2 ed. 2008 Seconda parte: Installazione apparecchi

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

L IMPIANTO SOLARE TERMICO: CARATTERISTICHE, CLASSIFICAZIONI, DIMENSIONAMENTO, PANNELLI RADIANTI, COSTI, RISPARMI, AUTORIZZAZIONI, PROCEDURE

L IMPIANTO SOLARE TERMICO: CARATTERISTICHE, CLASSIFICAZIONI, DIMENSIONAMENTO, PANNELLI RADIANTI, COSTI, RISPARMI, AUTORIZZAZIONI, PROCEDURE L IMPIANTO SOLARE TERMICO: CARATTERISTICHE, CLASSIFICAZIONI, DIMENSIONAMENTO, PANNELLI RADIANTI, COSTI, RISPARMI, AUTORIZZAZIONI, PROCEDURE Un impianto solare termico utilizza l energia contenuta nella

Dettagli

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI -

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - Intervento Manutenzione ordinaria (articolo 6, comma 1, lettera a: articolo 3, comma 1, lettera a) Libero Titolo Eliminazione di barriere architettoniche che

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-3 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUGLI AMBIENTI DI LAVORO perseguito

Dettagli

Edilizia ecologica ed a basso consumo energetico Casa unifamigliare a Givoletto (TO)

Edilizia ecologica ed a basso consumo energetico Casa unifamigliare a Givoletto (TO) Edilizia ecologica ed a basso consumo energetico Casa unifamigliare a Givoletto (TO) Progettazione bioclimatica ed architettonica, direzione lavori: Ing. Clemente Rebora ProAere Avigliana (TO) pag. 1 Principi

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Installazione temporanea d'impianti di gas liquefatto

Installazione temporanea d'impianti di gas liquefatto Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio NOTA ESPLICATIVA ANTINCENDIO

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento ALLEGATO A-3 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUGLI AMBIENTI DI LAVORO 1. Dati generali dell intervento 1.1 Ubicazione

Dettagli

Prontuario dei Lavori Edili

Prontuario dei Lavori Edili TIPOLOGIA DESCRIZIONE STRUMENTO Abbaino Accorpamento di locali o altre unità immobiliari Adeguamento Antisismico Adeguamento igienico -funzionale Alberatura Realizzazione senza aumento di volume e coerente

Dettagli

Oggetto: NUOVI SERVIZI SOGGETTI AL REVERSE CHARGE DAL 1 GENNAIO 2015

Oggetto: NUOVI SERVIZI SOGGETTI AL REVERSE CHARGE DAL 1 GENNAIO 2015 INFORMATIVA N. 8 / 2015 Ai gentili Clienti dello Studio Oggetto: NUOVI SERVIZI SOGGETTI AL REVERSE CHARGE DAL 1 GENNAIO 2015 Riferimenti: Art.1, commi 629 e 631 Finanziaria 2015, articolo 17, comma 6 e

Dettagli

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO 4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO Dichiarazione di conformità n Committente Punto di riconsegna (PDR) (1) Impresa / Ditta Responsabile Tecnico / Titolare La presente documentazione si riferisce alla

Dettagli

PRIME MISURE NECESSARIE A RIDURRE O AD ELIMINARE I RISCHI RILEVATI NEGLI EDIFICI SCOLASTICI DELL I.I.S.S. DI SANT ANGELO DEI LOMBARDI

PRIME MISURE NECESSARIE A RIDURRE O AD ELIMINARE I RISCHI RILEVATI NEGLI EDIFICI SCOLASTICI DELL I.I.S.S. DI SANT ANGELO DEI LOMBARDI PRIME MISURE NECESSARIE A RIDURRE O AD ELIMINARE I RISCHI RILEVATI NEGLI DELL I.I.S.S. DI A] CERTIFICAZIONE DI LEGGE - occorre acquisire o verificare la regolarità del Certificato di agibilità degli edifici

Dettagli

DA COMPILARE ELENCO CATEGORIE SUDDIVISE PER FORNITURE E SERVIZI

DA COMPILARE ELENCO CATEGORIE SUDDIVISE PER FORNITURE E SERVIZI DA COMPILARE ELENCO CATEGORIE SUDDIVISE PER FORNITURE E SERVIZI N.B. contrassegnare con una X il numero identificativo della/delle micro-categoria/e a cui la Ditta appartiene. Nel caso in cui non fosse

Dettagli

RISTORANTE E CAFFETTERIA DEL MUSEO D ARTE CONTEMPORANEA M.A.C.RO DI ROMA ALLEGATO 2 A

RISTORANTE E CAFFETTERIA DEL MUSEO D ARTE CONTEMPORANEA M.A.C.RO DI ROMA ALLEGATO 2 A RISTORANTE E CAFFETTERIA DEL MUSEO D ARTE CONTEMPORANEA M.A.C.RO DI ROMA ALLEGATO 2 A RELAZIONE DESCRITTIVA DEI LOCALI ADIBITI A BAR- CAFFETTERIA ELENCO DI ARREDI ED ATTREZZATURE. PARTE 1- Descrizione

Dettagli

ALBO FORNITORI DI BENI E SERVIZI ELENCO CATEGORIE MERCEOLOGICHE CATEGORIA 1 ABBIGLIAMENTO

ALBO FORNITORI DI BENI E SERVIZI ELENCO CATEGORIE MERCEOLOGICHE CATEGORIA 1 ABBIGLIAMENTO Elenco Categorie merceologiche ALBO FORNITORI DI BENI E SERVIZI ELENCO CATEGORIE MERCEOLOGICHE CATEGORIA 1 ABBIGLIAMENTO 1 A ABITI CIVILI 1 B DIVISE, UNIFORMI DI FOGGIA MILITARE 1 C ABITI DA LAVORO E INDUMENTI

Dettagli

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CRITERI EDILIZI 1. Involucro Componenti dell involucro dotati di caratteristiche atte alla limitazione degli apporti solari estivi

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE La scelta della tipologia impiantistica varia a seconda della destinazione d uso: EDILIZIA CIVILE: Classe Esempi 1 Locali per la residenza Alloggi ad uso privato 2 Locali per il

Dettagli

Art. 9 Manutenzione ordinaria

Art. 9 Manutenzione ordinaria Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

CREDITO D'IMPOSTA PER INVESTIMENTI NELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

CREDITO D'IMPOSTA PER INVESTIMENTI NELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO CREDITO D'IMPOSTA PER INVESTIMENTI NELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO Presentazione: dal 1 gennaio al 28 febbraio dell'anno successivo a quello di effettuazione delle spese. Per quanto riguarda le spese

Dettagli

ATECO Descrizione CSC

ATECO Descrizione CSC Giugno 2014 F COSTRUZIONI Questa sezione comprende l attività generica e specializzata per la costruzione di edifici e di opere di ingegneria civile. Essa include i nuovi lavori, le riparazioni, le aggiunte,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI

SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI 1 ALLA A.S.P. DI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Per il tramite del SUAP del Comune di SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI Ditta

Dettagli

Federalberghi Montecatini Terme A.P.A.M ASSOCIAZIONE ALBERGATORI di MONTECATINI TERME

Federalberghi Montecatini Terme A.P.A.M ASSOCIAZIONE ALBERGATORI di MONTECATINI TERME 1 tel. 70124, fax 770677 - www.apamontecatini.it, info@apamontecatini.it Federalberghi Montecatini Terme A.P.A.M ASSOCIAZIONE ALBERGATORI di MONTECATINI TERME Circolare n. 7/2015 Montecatini T., 27/04/2015

Dettagli

P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE

P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE SOGGETTI DESTINATARI Le grandi, piccole e medie imprese ubicate nella Regione

Dettagli

Allarme (Sistema di segnalazione acustico e/o visivo di tentativi di furto, scasso, ecc.)

Allarme (Sistema di segnalazione acustico e/o visivo di tentativi di furto, scasso, ecc.) Accorpamento di unità immobiliari Adeguamento antisismico Interventi edilizi e titoli abilitativi L elenco di seguito riportato individua il titolo abilitativo necessario per l esecuzione di ciascuna delle

Dettagli

Prestigiosa villa anni 50 inserita in un parco di 2000 mq.

Prestigiosa villa anni 50 inserita in un parco di 2000 mq. VILLAPRANDONI Design e tecnologia in un oasi di verde nel cuore di Cassano Prestigiosa villa anni 50 inserita in un parco di 2000 mq. La ristrutturazione rispetta la sapiente scelta dei materiali dell

Dettagli

Schede Attività Programmate

Schede Attività Programmate Servizi di manutenzione integrata edifici-impianti degli immobili istituzionali della Scuola Normale Superiore Schede Attività Programmate Pisa, lì 13 gennaio 2014. Piazza dei Cavalieri, 7 56126 Pisa-Italy

Dettagli

INDICE. Presentazione... Introduzione...

INDICE. Presentazione... Introduzione... Presentazione... Introduzione... INTERVENTI EDILIZI... Interventi subordinati a permesso di costruire... Interventi subordinati a denuncia di inizio attività... Attività edilizia libera... LEGISLAZIONE

Dettagli

Impianti tecnici di aerazione

Impianti tecnici di aerazione Vereinigung Kantonaler Feuerversicherungen Association des établissements cantonaux d assurance incendie Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio Impianti tecnici di aerazione

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI Servizio 3 Politiche del Lavoro, I - 61121 Pesaro - Via Mazzolari, 4 della Formazione, Sociali, Tel. 0721.3592531/2507/2503 Culturali e Turismo Fax 0721.33930 PEC: provincia.pesarourbino@legalmail.it P.O.

Dettagli

Modifica dei dati sull appartamento

Modifica dei dati sull appartamento Modifica dei dati sull appartamento MODULO A Appartamento Ministero per l'ambiente e il territori della comunale:: 11 - Numero 12 - No. della parte 16 - Appartamento non ha indirizzo Indirizzo della parte

Dettagli

IMPIANTI IDRICI NEGLI EDIFICI

IMPIANTI IDRICI NEGLI EDIFICI IMPIANTI IDRICI NEGLI EDIFICI Dimensionamento delle reti e progettazione Acqua di consumo, reti antincendio, piscine e sistemi di irrigazione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Indice Prefazione Installazione

Dettagli

ENERGIA GEOTERMICA. GeoLogic S.r.l.

ENERGIA GEOTERMICA. GeoLogic S.r.l. ENERGIA GEOTERMICA L energia geotermica è l energia generata per mezzo di fonti geologiche di calore. Energia Geotermica ad alta entalpia E' quella che riscontriamo in corrispondenza di anomalie geologiche

Dettagli

Progettazione Tecnologica e Impianti IMPIANTI TECNICI. corso di laurea specialistica in Scienze dell Architettura

Progettazione Tecnologica e Impianti IMPIANTI TECNICI. corso di laurea specialistica in Scienze dell Architettura Progettazione Tecnologica e Impianti IMPIANTI TECNICI corso di laurea specialistica in Scienze dell Architettura Firenze, A.A. 2005/2006 Ing.Gabriele Raffellini Pagina web http://web.taed.unifi.it/fisica_tecnica/gabriele/gabriele.htm

Dettagli

GENARDIS RESIDENCE LA SCALA

GENARDIS RESIDENCE LA SCALA GENARDIS RESIDENCE LA SCALA International Home Esclusivo!!! Ritiriamo la tua casa +39 0332 19.52.494 +41 91 606.37.06 infogenardis@gmail.com REV_002_11-04-2012 DESCRIZIONE TECNICA Allegato al contratto

Dettagli

Relazione tecnica descrittiva

Relazione tecnica descrittiva Relazione tecnica descrittiva La presente relazione è stata redatta al fine di descrivere le verifiche affrontate e gli interventi che dovranno essere realizzati per la messa in sicurezza della Scuola

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna)

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI ONERI TRA L ENTE GESTORE E GLI ASSEGNATARI DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA AI SENSI DELL ART.25, COMMA

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO. Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986. Regolamento Edilizio pag. 1

REGOLAMENTO EDILIZIO. Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986. Regolamento Edilizio pag. 1 REGOLAMENTO EDILIZIO Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986 Regolamento Edilizio pag. 1 I N D I C E Art. 1 Generalità Art. 2 Domande di costruzione Art. 3 Locali Art. 3 bis

Dettagli

residenza fina via Arcioni 8 Bellinzona TICINO SVIZZERA 02/10/12

residenza fina via Arcioni 8 Bellinzona TICINO SVIZZERA 02/10/12 residenza fina via Arcioni 8 Bellinzona TICINO SVIZZERA 02/10/12 BELLINZONA Bellinzona é città capitale del Canton Ticino e capoluogo del distretto omonimo di 17.690 abitanti e si trova sulla sponda del

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO CREDITO D IMPOSTA PER LA RISTRUTTURAZIONE DELLE IMPRESE TURISTICO-ALBERGHIERE SOGGETTI BENEFICIARI Beneficiari dell agevolazioni sono le "strutture

Dettagli

Regolamento per la ripartizione delle spese di manutenzione ordinaria tra I.A.C.P. e Assegnatario

Regolamento per la ripartizione delle spese di manutenzione ordinaria tra I.A.C.P. e Assegnatario Regolamento per la ripartizione delle spese di manutenzione ordinaria tra I.A.C.P. e Assegnatario A carico I.A.C.P. 1) Installazione e sostituzione integrale dell impianto; 2) Manutenzione straordinaria:

Dettagli

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Interventi Titolo abilitativo Ampliamento di locali - senza aumento della Slp (spostamento di tavolati interni

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori Impianto elettrico Cabine elettriche Quadri elettrici media e bassa tensione e c.c Interruttori media e bassa tensione Trasformatori Batteria di rifasamento Impianto di Protezione contro le scariche atmosferiche

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Numero di protocollo COMUNE DI REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, PRESENTAZIONE DI D.I.A., AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI AL SERVIZIO

Dettagli

ELENCO DELLE OPERE EDILIZIE ED I RELATIVI TITOLI ABILITATIVI

ELENCO DELLE OPERE EDILIZIE ED I RELATIVI TITOLI ABILITATIVI CITTA DI GUIDONIA MONTECEIO Provincia di Roma AREA IV URBANISTICA E ASSETTO DE TERRITORIO EENCO DEE OPERE EDIIZIE ED I REATIVI TITOI ABIITATIVI Elenco delle opere edilizie con l' indicazione della procedura

Dettagli

COMUNE DI AGNONE (IS)

COMUNE DI AGNONE (IS) COMUNE DI AGNONE (IS) CARATTERISTICHE EDIFICIO 1. Quanti sono i piani fuori terra dell edificio in cui vive? 2. Sono presenti piani interrati (cantine, garage, magazzini, ecc.)? SI NO 3. Qual è l altezza

Dettagli

Scopri i dettagli sul sito Elmec4You e prenotati per partecipare all incontro informativo.

Scopri i dettagli sul sito Elmec4You e prenotati per partecipare all incontro informativo. i d o s e.. p l i. i e t r i a l r g u To rutt t s i! r E S E P S E L A C I R A SC Il 6 giugno scorso sono stati confermati i meccanismi di detrazione fiscale per determinati interventi che rientrano nella

Dettagli

Residenza Al Riale C - Gordola

Residenza Al Riale C - Gordola Il nostro impegno per rendere la vostra più confortevole Residenza Al Riale Gordola - BLOCCO C / 2½ C, 3½ abitazione Residenza Al Riale C - Gordola Appartamenti per anziani autosufficienti vieni a trovarci

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ed.1999 REGIONE EMILIA-ROMAGNA SCHEDA INFORMATIVA PER RICHIESTE DI CONCESSIONE EDILIZIA, AUTORIZZAZIONE E PER NOTIFICA DI LUOGHI DI LAVORO AL SINDACO DEL COMUNE DI (1) prot. n del AL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

Regolamento sulla prevenzione incendi e sull'installazione e conduzione degli impianti termici

Regolamento sulla prevenzione incendi e sull'installazione e conduzione degli impianti termici D.P.G.P. 23 giugno 1993, n. 20 Regolamento sulla prevenzione incendi e sull'installazione e conduzione degli impianti termici (1) Pubblicato nel B.U. Trentino-Alto Adige 24 agosto 1993, n. 39, II Suppl.

Dettagli

Dato Immobiliare (direzionale e terziario)

Dato Immobiliare (direzionale e terziario) Dato Immobiliare (direzionale e terziario) Il dato immobiliare è costituito anche dalle caratteristiche (qualitative e quantitative) che determinano una variazione del prezzo. Conseguentemente e caratteristiche

Dettagli

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati

www.libriprofessionali.it per i tuoi acquisti di libri, banche dati, riviste e software specializzati INTRODUZIONE Un mercato in espansione Il rapporto con il cliente Il costo del progetto L'organizzazione dello studio L'informatizzazione delle procedure Struttura del libro PRIMI APPROCCI Primi approcci

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO E DI PREGIO

EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO E DI PREGIO EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO Villa singola di pregio 35 1.22,00 382,00 TABELLA RIASSUNTIVA DEI COSTI E PERCENTUALI D INCIDENZA COD. OPERA PREZZI IN URO % 01 Impianto di cantiere e scavi 02 Struttura

Dettagli

1. INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA

1. INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA 1. INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA 1.1 La proroga al 31 dicembre 2013 riguarda tutte le tipologie di interventi di efficienza energetica di seguito indicati: - interventi di riqualificazione energetica

Dettagli

Documentazione relativa alle pratiche: ISPESL Prevenzione Incendi. Disposizioni relative all uso razionale dell energia degli impianti termici.

Documentazione relativa alle pratiche: ISPESL Prevenzione Incendi. Disposizioni relative all uso razionale dell energia degli impianti termici. TERMOIDRAULICA: PROGRAMMA FORMAZIONE 2010 Con l obiettivo di fornire costante informazione alle imprese termoidrauliche che operano nel settore degli impianti tecnologici, il programma di aggiornamento

Dettagli

FASCICOLO DELLA SICUREZZA

FASCICOLO DELLA SICUREZZA FASCICOLO DELLA SICUREZZA opera in esecuzione Sistemazione paesistico ambientale per la fruizione turistico-culturale della strada dei 22 giri _ Castello del Masino Land Milano srl - via Hoepli 3-20121

Dettagli

Il presente promemoria presenta una descrizione dei codici delle opere repertoriate nel Registro federale degli edifici e delle abitazioni (REA).

Il presente promemoria presenta una descrizione dei codici delle opere repertoriate nel Registro federale degli edifici e delle abitazioni (REA). Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Divisione Registro Edizione del 18 marzo 2014 Registro federale degli edifici e delle abitazioni Codifica delle opere Promemoria

Dettagli

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90.

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. GLOSSARIO ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. FATTORE DI RISCHIO CONNESSO La Legge 5 marzo 1990, n 46 (pubblicata sulla G.U. n 59) del 12.3.1990

Dettagli

UNI 7129/2008. Impianti di alimentazione e distribuzione d'acqua fredda e calda - Criteri di progettazione, collaudo e gestione

UNI 7129/2008. Impianti di alimentazione e distribuzione d'acqua fredda e calda - Criteri di progettazione, collaudo e gestione Impianti di alimentazione e distribuzione d'acqua fredda e calda - Criteri di progettazione, collaudo e gestione Ultimo aggiornamento Martedì 27 Luglio 2010 La UNI 7129 edizione 2008 è la più importante

Dettagli