REPORTAGE/Nuove sfde. Israele che pedala UN MAR MORTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPORTAGE/Nuove sfde. Israele che pedala UN MAR MORTO"

Transcript

1 REPORTAGE/Nuove sfde Israele che pedala UN MAR MORTO PiENO di vita 74

2 bambini, donne, professionisti: tutti insieme per provare il fascino di viaggiare in bici attraverso un deserto unico, con partenza e arrivo 400 metri sotto il livello del mare. una passione che può solo crescere sosta ERiPARTENzA la prima parte della pedalata nel mar morto si è appena chiusa al km 25. chi ha scelto la mini fondo (50 km) torna a ein bokek, gli altri affrontano la gran fondo di 155 km. di marco pastonesi foto di ronen toelberg 75

3 REPORTAGE/Sul Mar Morto 76

4 dai datteri AllO scorpione Sopra, da sinistra: al km 125 si conclude la seconda parte della Gran Fondo Dead Sea e c è il rifornimento con banane, datteri, cracker e acqua. A sinistra e sotto: ciclisti in azione. Il percorso ha un dislivello di metri, si va dai -414 metri di partenza e arrivo ai +400 del Passo dello Scorpione. 77

5 REPORTAGE/Sul Mar Morto AvvEnTuRA PER TuTTi All edizione 2015 della Gran Fondo Dead Sea hanno partecipato 800 corridori, dai bambini fno ai professionisti, con bici da corsa, mountain bike e anche tandem. Le donne erano il 17 per cento degli iscritti. hha un record inattaccabile: non esiste e non potrà mai esistere un altra corsa, al mondo, capace di scendere così in basso. Partenza e arrivo sono fssati a 414 metri sotto il livello di tutti gli altri mari, che è la quota a cui si trova il Mar Morto. Gran Fondo Dead Sea: a Ein Bokek, Israele. Lo scorso marzo. Terza edizione, 800 iscritti, 83 per cento uomini, 17 per cento donne, il 5 per cento stranieri, bici da corsa, mountain bike, tandem, dai bambini ai professionisti, e una formula unica: i primi 25 km non competitivi, per tutti, insieme, poi stop, ricompattamento e rifornimento, i minifondisti (50 km) che tornano indietro, e invece i granfondisti che si sfdano, stavolta (volendo) anche agonisticamente, il traguardo posto al km 125, qui altro stop, ricompattamento e rifornimento, finché a gruppi e in maniera non competitiva si percorrono gli ultimi 30 km, quasi tutti in discesa, per raggiungere l arrivo, nello stesso luogo della partenza, Ein Bokek, sfruttando la chiusura del traffco alle auto. Insomma, un giro, in totale, di 155 km e con metri di dislivello. Non lungo come la Nove Colli, non duro come la Maratona dles Dolomites, comunque faticoso, afascinante se non addirittura seducente. Pedalare lungo e oltre il Mar Morto è un esperienza unica. Un brivido caldo, una fatica asciutta. Trenta gradi e non sudarli, però vento e ventagli, salite dure e discese vere, soprattutto la totale sicurezza sia stradale sia personale perché, con tutti i controlli all aeroporto e sul territorio, esistono pochi posti sicuri come Israele. Il raduno dalle 6, la partenza alle 7, la direzione sud, poi ovest, quindi il Passo dello Scorpione, 2 km con 18 tornanti a serpentina e pendenze che vanno dal 10 a una punta del 24 per cento, infne anche rettilinei dove l aiuto dei treni salva le gambe ed eleva il morale. Rispetto alle granfondo italiane, cui deve l ispirazione non solo nel nome ma anche nel modello, quella del Mar Morto non è una gara esasperata alla ricerca del risultato, ma è una pedalata più aperta e accessibile, più essenziale nei rifornimenti (banane per sali e potassio, datteri per lo zucchero, crackers per i carboidrati, e semplice acqua minerale per idratarsi), e può vantare un paesaggio davvero unico. Il deserto non è assenza di vita ma, al contrario, ricchezza di presenze invisibili. E quel deserto nonè maipiatto: dune, canyon, colline, crateri, fno al Passo dello Scorpione, una striscia di asfalto che s inerpica punteggiata da bidoni ai lati della strada, che era l antica strada romana, che fno ad alcuni anni fa era l unica a collegare con Eilat e che oggi è indicata come la 227. Il ciclismo, in Israele, sta compiendo le sue prime pedalate. Più in mountain bike che su bici da corsa. Il pioniere è stato Ran Margaliot, professionista con esperienze nella Saxo con Alberto Contador diretta da Bjarne Riis. Con lui e intorno a lui sono nate varie iniziative: un camp e una kermesse proprio con la Saxo, la Gran Fondo Giro d Italia a Gerusalemme, adesso la Gran Fondo Dead Sea, il raid che in sei tappe attraversa Israele da nord a sud, il Tour of Arad (quattro tappe in tre giorni: quella del 2016 sarà la nona edizione), e la Peter Sagan Cycling Academy Team, un gruppo di giovani professionisti di livello Continental, che partecipano a un calendario di corse internazionali, soprattutto asiatiche. Proprio i corridori della Peter Sagan Cycling Academy Team si sono aggiudicati il Tour of Arad e la Gran Fondo Dead Sea. Intanto si moltiplicano altre manifestazioni, come il giorno dedicato alla bicicletta a Tel Aviv, e altri progetti ancora, come un camp, proprio sul Mar Morto, magari con un campione italiano. E di questo fermento a due ruote una voglia, un bisogno, una tendenza globale si accorge anche l industria, con nuovi punti vendita di bici europee e americane: un mercato ancora di nicchia, ma con interessanti prospettive. Così, quel mare sarà anche morto, ma il suo ciclismo è più vivo che mai. riproduzione riservata 78

La lunga vita Perchè si vive più a lungo? Le cause genetiche, ambientali e culturali della longevità.

La lunga vita Perchè si vive più a lungo? Le cause genetiche, ambientali e culturali della longevità. La lunga vita Perchè si vive più a lungo? Le cause genetiche, ambientali e culturali della longevità. 24 Francesco Antonini* - Stefano Magnolfi *Presidente Onorario Società Italiana Gerontologia e Geriatria

Dettagli

Argomenti n. 29 2005. Lo sport che cambia. I comportamenti emergenti e le nuove tendenze della pratica sportiva in Italia

Argomenti n. 29 2005. Lo sport che cambia. I comportamenti emergenti e le nuove tendenze della pratica sportiva in Italia Argomenti n. 29 2005 Lo sport che cambia I comportamenti emergenti e le nuove tendenze della pratica sportiva in Italia I settori AMBIENTE E TERRITORIO POPOLAZIONE SANITÀ E PREVIDENZA CULTURA FAMIGLIA

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

2007-2013 Sette anni di Gioventù in Azione: una storia di inclusione e protagonismo giovanile

2007-2013 Sette anni di Gioventù in Azione: una storia di inclusione e protagonismo giovanile Roma, 26 giugno 2013 Atti del convegno 2007-2013 Sette anni di Gioventù in Azione: una storia di inclusione e protagonismo giovanile a cura dell Agenzia Nazionale per i Giovani Roma, 26 giugno 2013 Atti

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 4 4. Tendenze demografiche e trasformazioni sociali: nuove sfide per il sistema di welfare QUADRO D INSIEME

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi. Progetto Non Uno di Meno Ragazze e ragazzi stranieri nell istruzione superiore

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi. Progetto Non Uno di Meno Ragazze e ragazzi stranieri nell istruzione superiore Progetto co-finanziato dall Unione Europea Ministero dell Interno Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto Non Uno di Meno Ragazze e ragazzi stranieri nell istruzione superiore

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba Introduzione La crisi ha alleggerito di 7 miliardi di euro la borsa della spesa delle famiglie

Dettagli

- permette a chi soffre di dolori alle ginocchia e alle articolazioni di allenarsi senza subire lesioni;

- permette a chi soffre di dolori alle ginocchia e alle articolazioni di allenarsi senza subire lesioni; Dalla Poltrona alla Prima Maratona Quasi incredibile la metamorfosi che un metodo di allenamento dolce, progressivo e senza forzature riesce a produrre anche sul più pigro dei sedentari - Beninteso: basta

Dettagli

KILIAN NELL ESTATE 2010 SU QUELLE CHE SONO DIVENTATE LE SUE MONTAGNE DI CASA. SULLO SFONDO IL GHIACCIO DELLA MER DE GLACE, CHAMONIX (FOTO P.

KILIAN NELL ESTATE 2010 SU QUELLE CHE SONO DIVENTATE LE SUE MONTAGNE DI CASA. SULLO SFONDO IL GHIACCIO DELLA MER DE GLACE, CHAMONIX (FOTO P. KILIAN NELL ESTATE 2010 SU QUELLE CHE SONO DIVENTATE LE SUE MONTAGNE DI CASA. SULLO SFONDO IL GHIACCIO DELLA MER DE GLACE, CHAMONIX (FOTO P. TOURNAIRE) NELLA PAGINA A FRONTE KILIAN CON IN MANO LE SUE FEDELI

Dettagli

Tu sol pensando o ideal, sei vero

Tu sol pensando o ideal, sei vero Tu sol pensando o ideal, sei vero Nella semplicità del mio cuore lietamente Ti ho dato tutto di Enzo Piccinini La notte del 26 maggio è morto Enzo Piccinini, chirurgo e responsabile di Comunione e Liberazione,

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO

RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO REPORT FINALE SULLE ATTIVITA RELATIVE AL PROGETTO RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO Dipartimento Ambiente Settore Turismo Sostenibile e Parchi

Dettagli

(rilevamento GPS media ponderale stabilita tra vari rilevamenti ).

(rilevamento GPS media ponderale stabilita tra vari rilevamenti ). PREMESSA Anche quest anno il Montanaro Trail presenta due percorsi Gara lunga 52 km e gara corta 23 km: gli itinerari, quasi interamente su sentieri CAI, attraversano boschi di castagno, faggio e conifere

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Osservatorio sul turismo giovanile

Osservatorio sul turismo giovanile Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 2013 Osservatorio sul turismo giovanile A cura di Iscom Group 1/49 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 Sommario 1 Vacanze con gli under 18... 6 1.1 Propensione

Dettagli

I VALORI, GLI INTERESSI E LE SCELTE DEI GIOVANI DI RIMINI

I VALORI, GLI INTERESSI E LE SCELTE DEI GIOVANI DI RIMINI Comune di Rimini Assessorato alle Politiche Giovanili I VALORI, GLI INTERESSI E LE SCELTE DEI GIOVANI DI RIMINI a cura del Comune di Rimini Assessorato alle Politiche Giovanili Collana Quaderni dell Istituto

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

ne ho FAtte! Alex Zanardi

ne ho FAtte! Alex Zanardi MA quante ne ho FAtte! Da un tuffo incosciente Da bambino all ultima folle idea: un ironman alle hawaii. raccontate Da lui stesso, ecco le pazzie Di un uomo speciale ANNO 15. N.37 (705), 4 ottobre 2014.

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

UNA MARCIA IN PIÙ ETNOGRAFIA DEL PENSIERO SUL SERVIZIO CIVILE ALL ESTERO

UNA MARCIA IN PIÙ ETNOGRAFIA DEL PENSIERO SUL SERVIZIO CIVILE ALL ESTERO UNA MARCIA IN PIÙ ETNOGRAFIA DEL PENSIERO SUL SERVIZIO CIVILE ALL ESTERO Ricerca etnografica condotta attraverso interviste rivolte ai giovani italiani che hanno prestato Servizio Civile all estero con

Dettagli

Imparare ad andare in Monociclo

Imparare ad andare in Monociclo Imparare ad andare in Monociclo di Andrew Carter e Klaas Bil Traduzione italiana a cura di Aldo Varotto pagina 1 di 11 Riepilogo 1. Posizionarsi accanto ad un sostegno su nua superficie piana. 2. Salire

Dettagli

BADANTI: LA NUOVA GENERAZIONE

BADANTI: LA NUOVA GENERAZIONE Istituto per la ricerca sociale BADANTI: LA NUOVA GENERAZIONE Caratteristiche e tendenze del lavoro privato di cura Sergio Pasquinelli, Giselda Rusmini Con il sostegno di: Qualificare DOSSIER DI RICERCA

Dettagli

Studi OCSE sul Turismo ITALIA ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE

Studi OCSE sul Turismo ITALIA ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE Studi OCSE sul Turismo ITALIA ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE Studi OCSE sul Turismo: Italia ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE Il presente studio è pubblicato sotto la responsabilità

Dettagli

HDR. Come costruire. n e t w o r k. un Organizzazione. di Network Marketing. di successo. Parte I. m a n u a l e o p e r a t i v o

HDR. Come costruire. n e t w o r k. un Organizzazione. di Network Marketing. di successo. Parte I. m a n u a l e o p e r a t i v o HDR n e t w o r k Come costruire un Organizzazione di Network Marketing di successo Parte I m a n u a l e o p e r a t i v o M a t e r i a l e a d u s o e s c l u s i v o D e i Co P a r t n e r H D R SOMMARIO

Dettagli

Essere ciò che veramente si è (Quello che uno psicoterapeuta pensa sugli scopi personali)

Essere ciò che veramente si è (Quello che uno psicoterapeuta pensa sugli scopi personali) Essere ciò che veramente si è (Quello che uno psicoterapeuta pensa sugli scopi personali) dal libro: La terapia centrata sul cliente di Carl. R. Rogers Ed. Martinelli 1970 e1994 Carl Rogers, morto nel

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli