Conegliano ai tempi della Serenissima

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conegliano ai tempi della Serenissima"

Transcript

1 Conegliano ai tempi della Serenissima Progetto a cura di Alessandra Renna Campo dei Gesuiti, Cannaregio Venezia Cell

2

3 Indice Introduzione Analisi dell attuale percorso di visita Conegliano ai tempi della Serenissima Organizzazione dello spazio e dell allestimento La biglietteria Il percorso di visita L illuminazione Proposte per la riduzione del rumore Le sale: denominazioni, contenuti e motivazione delle scelte Modalità di allestimento e contenitori espositivi Strumenti di comunicazione Stima dei costi di adeguamento Le opere I materiali selezionati dai Depositi Comunali Le opere scelte e la nuova ricollocazione Appendice A Appendice B Bibliografia Sitografia... 39

4

5 Introduzione Il seguente elaborato è stato redatto ai fini della partecipazione al Concorso di idee per la riprogettazione del percorso espositivo del Museo Civico del Castello di Conegliano. L obiettivo è fornire alcune soluzioni alle problematiche riscontrate durante la visita, in termini di percorso espositivo e di organizzazione degli spazi e dell allestimento. L analisi è stata condotta tramite la visita al Museo, lo studio della documentazione fornita (elenchi opere, schede catalografiche, planimetrie), la visione del materiale conservato presso i Depositi Comunali, le ricerche bibliografiche riguardanti la storia del Museo, la città di Conegliano e i territori vicini. Individuato il taglio storico-artistico, le successive ricerche si sono focalizzate sull arco di tempo prescelto, individuato nei secoli compresi tra il XIV ed il XVIII, periodo in cui Conegliano è stata dedita alla Serenissima Repubblica di Venezia. Il primo capitolo è dedicato all analisi dell attuale percorso di visita, che ha permesso di individuare alcune problematiche classificate in relazione alla loro natura. Il capitolo successivo presenta il taglio storico che si è voluto dare alle collezioni. Il terzo capitolo costituisce il cuore della proposta, focalizzandosi su aspetti quali il percorso di visita, l illuminazione, la riduzione del rumore di calpestio, la ricollocazione della biglietteria, le modalità di allestimento e gli strumenti di comunicazione. Il capitolo che segue propone una sintetica stima dei costi di adeguamento. Infine l ultimo capitolo, corredato da due appendici, riporta l elenco delle opere inserite nel percorso di visita, con relativa collocazione in pianta, l elenco di quelle rimosse e i materiali inseriti provenienti dai Depositi Comunali. L elaborato testuale è stato integrato con la componente grafica, attraverso l ausilio del software Google SketchUp, che ha permesso di ricreare gli ambienti espositivi, utilizzando la grafica 3D. 5

6

7 1 Analisi dell attuale percorso di visita Visitando il Museo Civico di Conegliano, allestito all interno della torre del Castello, sono emerse problematiche di diverse tipologie. Al fine di comprendere al meglio la situazione attuale ed individuare delle soluzioni plausibili, sono state classificate e analizzate le criticità riscontrate come segue: problemi strutturali: a partire dal piano primo il pavimento della struttura è costituito da assi in legno che, usurate dal tempo, presentano fessure in prossimità dei punti di giunzione, anche di una certa entità, come ad esempio accade nell attuale Sala del Teatro e della Musica (piano terzo). L attrito tra un asse e l altra provoca un forte rumore di calpestio e le vibrazioni prodotte dai passi, in particolare nella Sala archeologica, portano ad una consistente oscillazione delle vetrine ed al conseguente spostamento dei reperti in esse conservate; problemi di accessibilità: la torre del Castello, non essendo dotata né di ascensori, né di rampe, né di montascale, risulta totalmente inaccessibile ad un potenziale visitatore che abbia ridotte o impedite capacità motorie. Adeguare l intera struttura agli standard previsti dalla legge è certamente un operazione onerosa, ma non vi è dubbio che si tratti di un intervento necessario e doveroso, al fine di permettere a chiunque di visitare il Museo. Oltre alla questione etica, certamente non trascurabile, si dovrebbe pensare al caso in cui un gruppo di persone, che conta al suo interno un disabile, decidesse di visitare la struttura. Cosa accadrebbe? Nella migliore delle ipotesi solo una parte del gruppo visiterebbe il Museo, mentre nella peggiore e forse più verosimile, l intero gruppo potrebbe decidere di rinunciarvi, proprio a causa delle barriere architettoniche; assenza di servizi igienici: dalla pianta dell edificio fornita è possibile notare la presenza di un bagno che ad oggi risulta inaccessibile ai visitatori. Come accade per altre strutture pubbliche tale servizio dovrebbe essere garantito; problemi relativi ai criteri di allestimento: verranno ora analizzate le problematiche più inerenti il percorso di visita e la sua attuale organizzazione. A tal proposito è necessario evidenziare che non risulta chiaro il criterio espositivo utilizzato. Le opere, nell attuale collocazione, non seguono una logica tematica, né cronologica, né orientata verso un particolare artista o scuola. Un ulteriore considerazione è data dal fatto che, ogni sala della torre ha una sua denominazione, la quale rimanda o a caratteristiche specifiche, legate alla sua architettura (pensiamo alla Sala del camino, piano primo), o alle raccolte in esse conservate (come nel caso della Sala archeologica, piano secondo). La visita ha permesso di riscontrare che in diversi casi risulta mancante una netta corrispondenza tra il nome della sala e ciò che vi è esposto al suo interno. Un caso fra tutti. Si pensi alla sala chiamata Lapidario, che per definizione dovrebbe essere una raccolta di 7

8 iscrizioni su pietra e lapidi mentre, nell organizzazione attuale, si configura come una raccolta di lapidi, affreschi e sculture. Data la natura fortemente eterogenea delle collezioni che costituiscono il patrimonio del Museo, è essenziale trovare un filo logico che permetta di fare ordine e consentire al visitatore di non smarrirsi all interno del percorso espositivo, facilitandogli la visita; problemi relativi alla selezione delle opere da esporre: oltre ad essere eterogenei, i materiali esposti sono anche numerosi se raffrontati con la superficie espositiva disponibile. La torre infatti dispone di sale che presentano dimensioni medio-piccole, ad eccezione dell ambiente dove è ospitata l attuale Pinacoteca. Scegliere delle opere da esporre, escludendone altre dal percorso di visita, è sicuramente difficile ma necessario, in quanto il principio guida da seguire dovrebbe essere quello di esporre pochi oggetti, ma in maniera adeguata. Entra in gioco così il criterio espositivo prescelto, che permette di operare la selezione, misto ad un pizzico di logica e a qualche nozione di Museografia. Bisognerebbe evitare una sistemazione delle opere simile a quella visibile oggi sulla parete di ingresso alla Pinacoteca (immagine sottostante), caratterizzata da una sorta di affollamento delle pareti, che non fa che nuocere alla qualità della presentazione; Attuale collocazione delle opere sulla parete di ingresso alla Pinacoteca assenza di apparati illustrativi: nello stato attuale, l unico tentativo di divulgare informazioni ulteriori rispetto a ciò che è riportato nella didascalia, risulta essere quello relativo all affresco del Pordenone. Le stesse didascalie in molti casi risultano lacunose nei dati essenziali. Premesso che il Museo è, o dovrebbe essere, adatto a tutti, il suo allestimento deve tenere in considerazione la diversità dell utenza. Per questo motivo sarebbe necessario estendere per quanto possibile la fruibilità ai diversi livelli di esigenza e preparazione culturale del visitatore, diversificando le offerte di informazione. Il risultato è raggiungibile semplicemente inserendo nel percorso di visita dei pannelli esplicativi brevi e concisi, che 8

9 aiutino il visitatore che ne senta l esigenza ad orientarsi, accedendo facilmente alle informazioni; problematiche relative all illuminazione e al microclima: il sistema di illuminazione artificiale adottato presenta soluzioni molto varie: faretti disposti su binari elettrificati e lucernari per la Pinacoteca ; un lampadario con lampadine a basso consumo energetico per il Lapidario e la Sala del Camino ; illuminazione a parete per le sale del 700, del Teatro e della Musica, delle Madonne; vetrine attrezzate nella Sala archeologica. Nella maggior parte dei casi, tali tipologie di illuminazione si sono dimostrate inadeguate, a causa della creazione di riflessi che hanno impedito la corretta osservazione delle opere. Per quando riguarda la luce naturale è da sottolineare il fatto che, molte finestre non presentano una schermatura di protezione dai raggi solari, molto dannosi soprattutto per certi tipi di materiali. Nei casi in cui la schermatura è presente, la stessa risulta danneggiata in maniera evidente. Veniamo ora alle condizioni microclimatiche. Non è stata rilevata la presenza di alcuno strumento che permettesse la misurazione di temperatura e umidità relativa, fattori che se non controllati favoriscono l accelerazione del degrado delle opere. Considerazioni In breve ciò che è venuto alla luce è una certa mancanza di appeal, mentre uno degli obiettivi primari dovrebbe essere suscitare la curiosità e attrarre il visitatore. È quindi necessario svecchiare l intero Museo, rinnovandolo in un ottica più contemporanea, nel massimo rispetto della storicità dell edificio in cui è ospitato. 9

10

11 2 Conegliano ai tempi della Serenissima Analizzata la situazione attuale, è arrivato il momento di esporre l idea circa la nuova organizzazione degli ambienti e delle opere che faranno parte del percorso espositivo. L idea progettuale, come apparirà evidente dal titolo del presente elaborato, Conegliano ai tempi della Serenissima, è incentrata su un taglio storico ben preciso, che prende in considerazione i secoli in cui la città di Conegliano è stata dedita alla Serenissima Repubblica di Venezia. Si tratta del periodo compreso fra il 23 marzo 1337, giorno in cui Conegliano, per affrancarsi dagli Scaligeri, signori di Verona, decide spontaneamente di consacrarsi alla Repubblica Veneta, e il 12 maggio 1797, giornata passata alla storia come el tremendo zorno del dodexe 1, che segna la caduta della Serenissima e la consegna della città di Venezia nelle mani di Napoleone. La scelta di dare al Museo l impronta storica appena descritta è giustificata da diverse motivazioni. Dall analisi delle collezioni museali è infatti emerso che, buona parte delle opere possedute, sono cronologicamente attinenti al periodo in esame e sono state realizzate da artisti per lo più veneti o che hanno lavorato nei territori appartenuti alla Repubblica. Alcune opere, inoltre, richiamano in maniera diretta la dipendenza della città di Conegliano dalla Serenissima, come accade, ad esempio nel caso delle due lapidi a rilievo che rappresentano il leone di San Marco. In altri casi, invece, il periodo in esame è protagonista attraverso opere che ricordano importanti esponenti di famiglie veneziane, come accade con i ritratti dell ambasciatore Antonio Foscarini e dell ammiraglio Vittore Garzoni, o che riflettono aspetti della vita economica, come avviene per i cinque pesi-tipo della Repubblica di Venezia, così identificati per la presenza del leone marciano su ognuno di essi 2. A sostegno di tale scelta vi è inoltre la presenza, nell attuale Lapidario, di un plastico in scala 1/72, realizzato dal trevigiano Ennio Tiveron, che ricostruisce il sito del castello di Conegliano così com era ai tempi della Serenissima Repubblica 3. Infine bisogna ricordare alcune peculiarità degli ambienti in cui il Museo è ospitato. Il riferimento è alla sala che ospita il camino veneziano, composto da una grande cappa che sovrasta il focolare, la quale ricalca le forme del corno dogale 4. Tutte queste motivazioni hanno indotto ad effettuare una selezione del materiale da esporre, al fine di conciliare la tematica prescelta con l organizzazione degli spazi, e con un ordinamento il più possibile coerente, avendo come obiettivo quello di creare, come indicato nel Bando di Concorso, una connessione fra le collezioni oggetto di riorganizzazione. 1 I. Cacciavillani, Lo Stato da Terra della Serenissima, Padova, Think ADV 2007, p S. Trichies, Pesi, scheda catalografica n 85, Conegliano, ASTARTE Il plastico di Ennio Tiveron, in «La Tribuna di Treviso», 29 maggio 2004, p Il Museo Civico del Castello di Conegliano. Disponibile all indirizzo 11

12

13 3 Organizzazione dello spazio e dell allestimento 3.1 La biglietteria Rispetto all organizzazione attuale degli spazi, il cambiamento più importante che il progetto prevede è la ricollocazione della biglietteria. Lo spostamento risulta necessario per due ragioni: 1) l accesso all attuale struttura che accoglie la biglietteria non è funzionale per chi ci lavora in quanto, prima di entrare al suo interno, l impiegato dovrebbe passare per l attuale Pinacoteca e poi per il Lapidario, nel quale si trova un antiestetico pannello in legno scorrevole, che funge da porta di ingresso. È stato utilizzato il condizionale perché si è notato che l accesso non avviene sempre nel modo descritto, ma a volte si preferisce, in maniera più rapida, entrare attraverso una bassa anta che si trova esattamente al di sotto della vetrata che permettere l interfacciamento con l utenza; 2) spostare la biglietteria vorrebbe anche dire liberare un varco di accesso. Sarebbe infatti possibile sfruttare tale varco in modo da creare un nuovo percorso di visita. Lo spostamento della biglietteria pone però il problema della sua ricollocazione. La soluzione proposta è quella di trasformare il vano sottoscala, attiguo all ingresso della Pinacoteca, nella nuova biglietteria, realizzando una struttura simile a quelle visibile nel modello 3D sottostante, eseguito con l ausilio del software Google SketchUp. Svolgendo dei calcoli è risultato che tale spazio sarebbe sufficiente per ospitare la funzione in oggetto. Vano biglietteria proposto 13

14 Altra soluzione pensata è quella di collocare la biglietteria nel giardino esterno al Castello, all interno di un box in legno, simile a quello nell immagine sottostante. Esempio di box in legno in cui ospitare la biglietteria Questa soluzione potrebbe portare, come conseguenza positiva, ad una sorta di apertura del Museo verso l esterno, rendendolo più vicino alla gente, suscitando la curiosità di coloro che si trovano nel giardino o presso il ristorante che ha sede nella Torre Saracena. Ma, per contro, risulterà sicuramente più costosa. 3.2 Il percorso di visita Oggi il fruitore, dopo aver acquistato il biglietto, inizia la sua visita dirigendosi verso la Pinacoteca (primo ambiente espositivo); accede poi al Lapidario (secondo ambiente espositivo) e a questo punto è costretto a tornare indietro, attraversando nuovamente la Pinacoteca, per recarsi ai piani superiori. La ricollocazione della biglietteria, con la conseguente liberazione del varco, ha permesso una nuova ridefinizione dell ordine di accesso ai diversi ambienti. Ordine proposto: ORDINE ACCESSO AMBIENTI ATTUALE DENOMINAZIONE PIANO 1 Lapidario Terra 2 Pinacoteca Terra 3 Sala del Camino Primo 4 Sala del '700 Primo 5 Sala delle Madonne Ammezzato 6 Sala Archeologica Secondo 7 Sala del Teatro e della Musica Terzo 8 - Quarto 14

15 Questo nuovo ordinamento rende più fluido e lineare il percorso di visita. Considerata la nuova collocazione della biglietteria nel vano sottoscala, sarebbe stato più logico mantenere l attuale percorso (prima Pinacoteca, poi Lapidario ) permettendo l uscita verso i piani superiori dal varco posto esattamente davanti alle scale (ovvero dal Lapidario ), ma ciò non è stato possibile a causa della funzione che la prima sala dovrebbe assolvere. Il progetto prevede infatti che il primo ambiente sia destinato all inquadramento storico e alla presentazione delle collezioni museali al pubblico. Per tale motivo, un ambiente di grandi dimensioni come è la Pinacoteca, non risulta consono allo scopo. Anche la vagliata possibilità di suddividere la sala attraverso una parete divisoria, è risultata sconveniente, in quanto tale intervento avrebbe prodotto solo una riduzione della superficie espositiva. 3.3 L illuminazione L obiettivo principale dell illuminazione in un museo è favorire una fruizione ottimale delle opere d arte, e al tempo stesso proteggerle dai danni che le radiazioni luminose possono provocare sui materiali più sensibili. Attenendosi agli standard fissati dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali 5 in materia di illuminazione, per quanto concerne la luce naturale, proveniente dalle finestre, è necessario utilizzare dei filtri anti UV, che impediscano alle radiazioni di raggiungere le opere. La soluzione elaborata per quanto riguarda la luce artificiale prevede la rimozione di tutti i lampadari e dell illuminazione a parete, sostituendo queste fonti con apparecchi illuminanti su binari elettrificati, simili a quelli presenti oggi nell ambiente che ospita la Pinacoteca, al fine di poter direzionare al meglio la fonte luminosa, evitando così fastidiosi riflessi che impediscono la corretta visione delle opere. 3.4 Proposte per la riduzione del rumore Varie ricerche hanno portato ad individuare tre diverse soluzioni per ottenere l isolamento acustico dei pavimenti dai rumori di calpestio. I tre possibili interventi sono 6 : 1. la moquette, che offre un ottima riduzione del rumore d urto unita ad un elevato assorbimento acustico; 2. il pavimento galleggiante su materiali elastici, che prevede la costruzione di un massetto isolato dalla struttura, che può essere pavimentato con qualsiasi tipo di materiale, sul quale si localizzerà e conterrà il rumore di calpestio. Questa soluzione prevede quindi di interrompere la continuità della struttura con un materiale morbido ed elastico che blocchi la vibrazione; 5 D. M , Atto di indirizzo sui criteri tecnico-scientifici e sugli standard di funzionamento e sviluppo dei musei. Disponibile all indirizzo 6 Isolamento acustico dei pavimenti dai rumori di calpestio, in Guida all isolamento acustico e termico dei fabbricati, p. 11. Disponibile all indirizzo 15

16 3. il controsoffitto, che consiste nel foderare il locale disturbato dal rumore con una superficie piana e leggera. Tale intervento però è limitato al locale in cui l opera edile viene realizzata, perciò le vibrazioni sono libere di propagarsi per tutta la struttura. Data la natura storica dell edificio e il rispetto del contenimento dei costi, la soluzione che si potrebbe adottare, se fosse possibile coprire il pavimento attuale, sarebbe la moquette del tipo agugliata, compatta, a pelo rasato e con superficie liscia 7. Tale tipologia di moquette, essendo molto resistente all usura, è particolarmente indicata per ambienti molto transitati e di frequente passaggio ed è solitamente impiegata per allestimenti fieristici, mostre, congressi ed esposizioni in generale Le sale: denominazioni, contenuti e motivazione delle scelte Il progetto prevede di rinominare gli ambienti espositivi così come viene proposto nella tabella sottostante: ORDINE ACCESSO AMBIENTI ATTUALE DENOMINAZIONE PIANO NUOVA DENOMINAZIONE 1 Lapidario Terra Conegliano tra arte e storia 2 Pinacoteca Terra L'arte locale 3 Sala del Camino Primo L'arte del sottile 4 Sala del '700 Primo Sala Cima 5 Sala delle Madonne Ammezzato L'economia 6 Sala Archeologica Secondo Lapidario 7 Sala del Teatro e della Musica Terzo Sala del '500-' Quarto Sala del '700 Le nuove denominazioni sono state scelte in riferimento a ciò che le sale espongono, come si evince dalla descrizione che segue: 1. Conegliano tra arte e storia: questo primo ambiente funge da sala introduttiva, permettendo al visitatore di orientarsi attraverso delle brevi coordinate storiche, utili per la comprensione di ciò che andrà ad osservare nelle successive sale. Un breve focus sulla storia della città di Conegliano in relazione al legame con la Serenissima, sarà accompagnato da una linea del tempo, che riporterà i fatti storici, artistici (ad es. nascita/morte di un artista, data di realizzazione di un importante opera ecc.) e sociali più rilevanti del periodo. Nella stessa sala sarà inoltre ospitato il plastico realizzato dal trevigiano Ennio Tiveron, che mostra la Rocca di Castelvecchio così com era ai tempi della Repubblica; 7 Moquette: perché e come sceglierla, in «La Stampa», 6 agosto Disponibile all indirizzo 8 Le informazioni sulla moquette agugliata sono disponibili all indirizzo 16

17 2. L arte locale: con questa sala si entra nel vivo dell esposizione. Vengono qui presentati affreschi e dipinti provenienti da chiese, conventi e palazzi situati nei dintorni di Conegliano o da territori facenti parte dei domini della Serenissima (Spilimbergo, Porcia). Si tratta di opere che abbracciano il periodo compreso tra il XV ed il XVII secolo. Inizialmente, il criterio espositivo pensato per l intero edificio si basava su una scansione cronologica: il piano terra avrebbe dovuto ospitare le opere più antiche (datate XV e XVI secolo), mentre i piani superiori quelle più recenti. In tale suddivisione è stato però riscontrato un potenziale problema logistico: al piano terra è infatti ospitata la grande tela realizzata da Palma il Giovane tra il 1614 ed il 1616, la quale misura cm 335 x 229,5, che secondo il criterio iniziale, doveva essere posizionata ai piani superiori. Considerati gli ambienti, le dimensioni dei vani scale e delle finestre (per un eventuale spostamento dall esterno) risulta difficile, se non impossibile, collocare nei piani superiori tale opera. Per questo motivo si è preferito ripensare al criterio espositivo da adottare, optando per quello sopra descritto; Sala n. 2, vista 1 Sala n. 2, vista 1 17

18 3. L arte del sottile: il nome di questa sala rimanda alla raffinata arte della diplomazia, chiamata dai veneziani l arte del sottile. 9 In questo ambiente infatti sono ospitati i ritratti dell ammiraglio Vittore Garzoni e dell ambasciatore Antonio Foscarini, insieme a degli esempi di equipaggiamento per la difesa del corpo durante uno scontro; L arte del sottile. Vista n.1 L arte del sottile. Vista n.2 4. Sala Cima: questo ambiente, che vuole richiamare nel nome la vicina Piazza Cima, si configura come un omaggio al più grande artista coneglianese che la storia abbia finora conosciuto: Giovan Battista Cima. Sono qui ospitate quattro portelle probabilmente di uno stesso organo, che rappresentano il tema dell Annunciazione e i Santi Giuda Taddeo e Giovanni Battista. La sala ospiterà anche uno schermo che trasmetterà un video sulla storia dell artista. Le opere qui esposte, essendo originariamente collocate nella chiesa del convento di San Francesco a Conegliano, erano state inizialmente collocate al piano terra, nella sala che 9 Espressione utilizzata dal professor Marco Zanetto in occasione di una conferenza sulla storia della Repubblica veneziana, tenutasi presso il Circolo Unificato del Presidio Militare di Venezia. In Diplomazia Serenissima, articolo pubblicato il 22 febbraio 2012 sul sito internet dell Esercito italiano. Disponibile all indirizzo 18

19 ospita L arte locale. Trattandosi però di opere del Cima, si è in seguito deciso di conferire maggior rilievo, dedicandogli un intera sala; Sala Cima Vista panoramica delle Sale n. 3 e 4 5. L economia: lo spazio disponibile nel piano ammezzato è stato sfruttato per mostrare, all interno di una teca, la serie di monete della Serenissima, oggi custodite nei Depositi Comunali, insieme ai cinque pesi-tipo della Repubblica di Venezia, idonei al controllo di granaglie e liquidi, o al loro utilizzo su una bilancia, e una misura di capacità per aridi (cereali, legumi ecc.), utilizzata per gli scambi e il pagamento dei tributi; 6. Lapidario: la sala ospita, all interno di tre teche, le lapidi che fanno parte della collezione del Museo. Particolare rilievo espositivo sarà dato a quelle che più risultano legate alla città di Conegliano e alla sua storia. 19

20 La sistemazione delle lapidi ha avuto un iter abbastanza complesso. Inizialmente il progetto prevedeva di ospitarle nella sala n. 4, poi dedicata al Cima, perché le dimensioni dell ambiente sembravano opportune al caso. Successivamente, per le vicende storiche ad esse collegate, si è pensato di collocarle all interno della sala n. 3, ma non essendoci sufficiente superficie espositiva, si rendeva necessaria la creazione di apposite teche con almeno due ripiani, da collocare al centro della sala. L altezza delle teche avrebbe però compromesso la visione d insieme dell ambiente e per questo motivo si è preferito optare per la collocazione nella ex Sala archeologica ; Lapidario 7. Sala del : sono qui esposte opere pittoriche e scultoree realizzate da artisti che hanno lavorato nella Repubblica, datate XVI e XVII secolo. Assume particolare rilievo in questa sala il Cristo crocifisso tra la Madonna, San Giovanni Evangelista e Santa Maria Maddalena, una tavola di piccole dimensioni che presenta le caratteristiche della scuola veneto-cretese, opera che costituisce l unica testimonianza presente nelle collezioni museali dell arte dello Stato da Mar della Serenissima; 8. Sala del 700: a conclusione della visita è posta la sala del 700, che ospita una serie di sei dipinti realizzati nel corso dell ultimo secolo di vita della Serenissima. Da questo ambiente si accede infine al Belvedere, che regala al visitatore un panorama che si estende dalla pianura veneta alla laguna di Venezia, fino alle Prealpi bellunesi. Tale uscita verso l esterno si pone come una sorta di emblema tra quello che è stato il passato, visibile nelle collezioni esposte, e quello che è il presente, simboleggiato dal panorama circostante. 20

21 Sala del Modalità di allestimento e contenitori espositivi Si è deciso di collocare le opere pittoriche sulle pareti, come avviene attualmente, lasciando inalterata la colorazione. Nel precedente allestimento la sala che ospitava la Pinacoteca conteneva un tavolo con varie sedie, utilizzato in occasione di cerimonie. Con la nuova disposizione è stato deciso di ruotarlo nel senso della lunghezza e di diminuire il numero di sedie, le quali potranno essere immagazzinate e recuperate all occorrenza. Solo in due casi, ovvero per la parete posta di fronte all attuale ingresso alla Pinacoteca e per la sala posta all ultimo piano, 10 è stato previsto l inserimento di opere in cartongesso. Nel primo caso si tratta di una parete piana, da addossare davanti alle due piccole finestre, in modo da recuperare superficie espositiva e movimentare lo spazio con uno stacco di colore. Nel secondo caso si tratta invece di una struttura a base quadrata di cm 202 x 260 x 202, sulla quale verranno ospitate tre opere di grandi dimensioni, altrimenti di difficile collocazione, a causa della presenza di tre finestre che limitano lo spazio. Per quanto riguarda il colore di tali pareti è stato scelto il rosso, che richiama il colore della bandiera della Repubblica di Venezia, visibile nell immagine sottostante. Bandiera della Serenissima Repubblica di Venezia 10 Tale sala, caratterizzata dalla presenza di tre grandi finestre su tre lati (il quarto è occupato dalla scala di accesso), attualmente ospita una struttura metallica in cui sono inseriti quattro pannelli esplicativi, che raccontano la storia della città di Conegliano. 21

22 Per esigenze allestitive, è stato inoltre previsto il prolungamento di una parete. Seguono due immagini che ricostruiscono graficamente le scelte appena descritte. Collocazione della tela realizzata da Palma il Giovane Struttura in cartongesso presente nell attuale Sala del 700 Nella sala dedicata al Cima sarà inserito uno schermo che trasmetterà un video sulla storia dell artista. 22

23 Collocazione dello schermo nella Sala Cima Per ciò che concerne l esposizione della collezione numismatica, si è scelto di riutilizzare la teca vuota, attualmente presente nella Sala del 700, mentre per l esposizione dei pesi in bronzo e della misura di capacità si è optato per l inserimento di una mensola. Per l esposizione delle due piccole opere scultoree, collocate nella sala al terzo piano, è stato deciso di utilizzare due delle strutture che attualmente accolgono i busti di Ferruccio Benini, Arturo Toscanini, Marco Casagrande e Lorenzo Da Ponte. Il riutilizzo è possibile con un intervento di adeguamento, che prevede di dipingere la struttura portante di colore rosso e di ridurre, dal punto di vista dimensionale, la parte soprastante in plexiglass. Infine, per l allestimento delle lapidi si è deciso di creare tre apposite vetrine orizzontali da dislocare in maniera perpendicolare rispetto alla scala di accesso al piano superiore: una sarà sospesa e addossata alla parete di fondo, mentre le altre due saranno disposte nella superficie restante. Le vetrine dovranno essere trasparenti, in modo da permettere l osservazione dell oggetto da ogni lato, e attrezzate, ovvero contenenti al loro interno dei sistemi di illuminazione Caratteristiche attualmente già presenti nelle vetrine che accolgono i reperti archeologici. 23

24 Le teche realizzate per il Lapidario Si è cercato di adattare quelle che attualmente ospitano i reperti archeologici, ma non possedendo le caratteristiche dimensionali delle stesse, non è stato possibile stimare se potessero essere sfruttate in questo senso. Nel caso in cui le dimensioni dovessero risultare idonee, l allestimento potrebbe essere eseguito con tali vetrine. 3.7 Strumenti di comunicazione La segnaletica interna ed esterna Per permettere al visitatore di orientarsi al meglio all interno del percorso di visita, si propone di affiggere, all inizio di ogni piano, una pianta con la numerazione e la denominazione delle sale, e che indichi sinteticamente le opere esposte. All ingresso di ogni sala sarà collocata una targhetta che ne indicherà il nome. Per quanto riguarda la segnaletica esterna, si propone di collocare su una o più facce della torre, uno stendardo leggibile anche a distanza, che riporti il nome del Museo e gli orari di apertura. 24

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

L arma per l Arte. Arte romana Urna cineraria

L arma per l Arte. Arte romana Urna cineraria 1 Arte romana Urna cineraria Fine sec. I d.c. Marmo di Carrara Città del Vaticano, Musei Vaticani, coperchio inv. n. 9183, cassa inv. n. 9184 5 Niccolò di Segna (Siena, documentato dal 1331 al 1348) Madonna

Dettagli

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13

Scheda N. 347. museo DEFINIZIONE : Deposito Museale. Comune Oppeano Frazione Localita Via Roma 13 Scheda N. 347 Deposito Museale archeologico Destinazione Attuale : Deposito Museale di Oppeano Comune Oppeano Localita Via Roma 13 Datazione Unico ambiente ubicato all'interno della Biblioteca comunale

Dettagli

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello

Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello Concorso di Progettazione per la realizzazione della nuova biblioteca del Comune di Maranello DEEPER UNDERGROUND RELAZIONE GENERALE Criteri Progettuali L idea progettuale di base, per la realizzazione

Dettagli

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame 2.5 Pontestura PATRIMONI INDIVIDUATI 1: PALAZZO MUNICIPALE, ARCHIVIO STORICO E DEPOSITO MUSEALE ENRICO COLOMBOTTO ROSSO Il Palazzo, edificato a fine 800, è stato donato al Comune dopo la metà degli anni

Dettagli

Covelli Silvia FORMAZIONE. 2001 Qualifica: Collaboratore Dei Beni Culturali come da D.L. n 420 del 24 Ottobre 2001 e successive modifiche

Covelli Silvia FORMAZIONE. 2001 Qualifica: Collaboratore Dei Beni Culturali come da D.L. n 420 del 24 Ottobre 2001 e successive modifiche 2002 Inizio dell attività come Ditta Individuale Covelli Silvia FORMAZIONE 2001 Qualifica: Collaboratore Dei Beni Culturali come da D.L. n 420 del 24 Ottobre 2001 e successive modifiche 1993 2002 Assunta

Dettagli

IL CORPO E L ANIMA : ELENCO DELLE OPERE IN MOSTRA (in rosso si segnalano le novità in aggiunta all esposizione senese)

IL CORPO E L ANIMA : ELENCO DELLE OPERE IN MOSTRA (in rosso si segnalano le novità in aggiunta all esposizione senese) IL CORPO E L ANIMA : ELENCO DELLE OPERE IN MOSTRA (in rosso si segnalano le novità in aggiunta all esposizione senese) - Segnale di esposizione multiplo: mezza medaglia della SS. Concezione e messaggio

Dettagli

CULTURA E NATURA: L EREMITISMO NELLA NATURA SELVAGGIA DEL PARCO DELLA MAJELLA

CULTURA E NATURA: L EREMITISMO NELLA NATURA SELVAGGIA DEL PARCO DELLA MAJELLA CULTURA E NATURA: L EREMITISMO NELLA NATURA SELVAGGIA DEL PARCO DELLA MAJELLA Azione 3 - REALIZZAZIONE DI UNA MOSTRA SUL FENOMENO DELL EREMITISMO NEL PARCO NAZIONALE DELLA MAJELLA PREMESSA I caratteri

Dettagli

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Ministero Istruzione Università e Ricerca Prof. Manuela Farinelli Materia di insegnamento tecniche della lavorazione dei materiali tessili Ricevimento: il dalle alle Aula e- mail: manfarin @gmail.com Programma

Dettagli

1. Dagli esordi alla morte di Lorenzo il Magnifico (1492)

1. Dagli esordi alla morte di Lorenzo il Magnifico (1492) 1. Dagli esordi alla morte di Lorenzo il Magnifico (1492) 1.01 Pittore fiorentino Processione in Piazza Duomo post 1608 senza cornice cm 132 x 309 Firenze, Palazzo Pitti (Depositi) Olio su tela Inv. 1890

Dettagli

Elenco schedatura Beni mobili

Elenco schedatura Beni mobili Il Marketing dei beni culturali del Veneto Orientale Elenco schedatura Beni mobili ANNONE VENETO 1. Affresco Madonna della Pera Antica Chiesa di S. Vitale 2. Altare maggiore/candeliere marmoreo/tabernacolo/copia

Dettagli

VIII-2, Mattia Preti (Taverna 1613-Malta 1699) Apoteosi di San Pietro Celestino Matita nera su carta mm.247x190 ca.1656-58 Museo Civico, Sala Mattia

VIII-2, Mattia Preti (Taverna 1613-Malta 1699) Apoteosi di San Pietro Celestino Matita nera su carta mm.247x190 ca.1656-58 Museo Civico, Sala Mattia VIII-2, Mattia Preti (Taverna 1613-Malta 1699) Apoteosi di San Pietro Celestino Matita nera su carta mm.247x190 ca.1656-58 Museo Civico, Sala Mattia Preti. 1 IX-12, Mattia Preti (Taverna 1613-Malta 1699)

Dettagli

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1 di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) San Paolo Albanese Le sue origini sono antiche. Dominio dello stato di Noia (l odierna Noepoli) per molto tempo, tra il 1526 e il 1534 fu popolato dai

Dettagli

42. Camera degli Sposi Scena di Corte - Andrea Mantenga affreschi - XV sec. Castello di S. Giorgio - Palazzo Ducale - Mantova Interventi conservativi di consolidamento, pulitura e reintegrazione pittorica

Dettagli

Il Quattrocento e il Cinquecento tra immagini, scultura e storia.

Il Quattrocento e il Cinquecento tra immagini, scultura e storia. Il Quattrocento e il Cinquecento tra immagini, scultura e storia. Il XV secolo a Pescia e in Valleriana. Fig. 1. Giovanni di Bartolomeo Cristiani?, Madonna col Bambino tra i santi Giovanni Battista, Giovanni

Dettagli

MUVE. Museo del Vetro di Empoli PROGETTO DI ARREDO E ALLESTIMENTO

MUVE. Museo del Vetro di Empoli PROGETTO DI ARREDO E ALLESTIMENTO COMUNE DI EMPOLI (FI) MUVE Museo del Vetro di Empoli PROGETTO DI ARREDO E ALLESTIMENTO Relazione Tecnico - Illustrativa Località: Comune di EMPOLI (FI), MAGAZZINO DEL SALE, Via Ridolfi n 10 Committente:

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO I LABORATORI Visita guidata al Museo della durata complessiva di circa 45 minuti con un momento di approfondimento di fronte ad alcune opere, selezionate sulla

Dettagli

COMUNE DI FORESTO SPARSO

COMUNE DI FORESTO SPARSO 1 CHIESA PARROCCHIALE S. MARCO EVANGELISTA Via Roma Ente pubblico Privato X X Adeguata X Libera X Edificata su un precedente edificio religioso (risalente circa al 1337). La nuova chiesa, consacrata nel

Dettagli

ARREDI E ARGENTI DI SAN SERVOLO

ARREDI E ARGENTI DI SAN SERVOLO ARREDI E ARGENTI DI SAN SERVOLO Ufficio Studi Regolamenti manualistica per gli operatori e Progetti speciali Bozza del 9 luglio 2008 - Autore: dott.ssa Anna Pietropolli 0001 1 STATUA (SAN GIOVANNI BATTISTA)

Dettagli

Comune di Clusone. Regolamento di organizzazione e funzionamento del MAT Museo Arte e Tempo

Comune di Clusone. Regolamento di organizzazione e funzionamento del MAT Museo Arte e Tempo Comune di Clusone Deliberazione del Consiglio Comunale n. 54 del 27/12/2005 Regolamento di organizzazione e funzionamento del MAT Museo Arte e Tempo Art. 1 (Oggetto del Regolamento) E istituito il MAT

Dettagli

Il gravoso impegnativo compito

Il gravoso impegnativo compito IRSINA: UN CASO EMBLEMATICO DELLE COMPLESSE PROBLEMATICHE DEL RESTAURO di Benedetta Di Mase BASILICATA REGIONE Notizie Il gravoso impegnativo compito della tutela, conservazione e valorizzazione di ogni

Dettagli

LA PIETA A SCUOLA Laboratori didattici e percorsi tematici per l anno scolastico 2010 2011

LA PIETA A SCUOLA Laboratori didattici e percorsi tematici per l anno scolastico 2010 2011 LA PIETA A SCUOLA Laboratori didattici e percorsi tematici per l anno scolastico 2010 2011 1. PREMESSA L istituto Provinciale per l Infanzia Santa Maria della Pietà è un antica istituzione veneziana che

Dettagli

UTILIZZO DI UNA UNITÀ DI MISURA POLVERI PER IL MONITORAGGIO IN TEMPO REALE DELLE CONCENTRAZIONI DEL PARTICOLATO IN SITI MUSEALI

UTILIZZO DI UNA UNITÀ DI MISURA POLVERI PER IL MONITORAGGIO IN TEMPO REALE DELLE CONCENTRAZIONI DEL PARTICOLATO IN SITI MUSEALI UTILIZZO DI UNA UNITÀ DI MISURA POLVERI PER IL MONITORAGGIO IN TEMPO REALE DELLE CONCENTRAZIONI DEL PARTICOLATO IN SITI MUSEALI Salvatore Lorusso, Andrea Natali Dipartimento di Storie e Metodi per la Conservazione

Dettagli

I GRAFFITI DEL PALAZZO ARCIVESCOVILE DI GENOVA Italo Pucci

I GRAFFITI DEL PALAZZO ARCIVESCOVILE DI GENOVA Italo Pucci I GRAFFITI DEL PALAZZO ARCIVESCOVILE DI GENOVA Italo Pucci E controverso se il primitivo Palazzo Arcivescovile si trovasse ove si trova l attuale oppure fosse presso il chiostro di S. Lorenzo in corrispondenza

Dettagli

TORRE CELERI TORRE MAGNONI TORRE FEDERICI

TORRE CELERI TORRE MAGNONI TORRE FEDERICI Il paese di Malonno si trova a cavallo della media e alta Valle Camonica, dista 92 Km da Brescia e sorge a596 m. s.l.m. Le popolazione, che consiste in 3350 abitanti è dislocata, oltre che nel capoluogo,

Dettagli

VISITA DEL ROTARY CLUB PADOVA ALLA BANCA POPOLARE DI VICENZA VICENZA, MERCOLEDI 27 GENNAIO 2010

VISITA DEL ROTARY CLUB PADOVA ALLA BANCA POPOLARE DI VICENZA VICENZA, MERCOLEDI 27 GENNAIO 2010 VISITA DEL ROTARY CLUB PADOVA ALLA BANCA POPOLARE DI VICENZA VICENZA, MERCOLEDI 27 GENNAIO 2010 Mercoledì 27 Gennaio 2010 il Rotary Club Padova, guidato dal suo Presidente Pier Luigi Cereda, ha avuto il

Dettagli

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA

GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA GUIDA ALL ATTIVITÀ DIDATTICA PER SCUOLE 2015-2016 PINACOTECA DI BRERA ASTER Via Cadamosto 7 20122 Milano Tel 02 20404175 Fax 02 20421469 info@spazioaster.it www.spazioaster.it Tutte le attività didattiche

Dettagli

SISTEMA MUSEALE DI SESTRI LEVANTE E DI CASTIGLIONE CHIAVARESE. POLO DI SESTRI LEVANTE PALAZZO FASCIE RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

SISTEMA MUSEALE DI SESTRI LEVANTE E DI CASTIGLIONE CHIAVARESE. POLO DI SESTRI LEVANTE PALAZZO FASCIE RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA SISTEMA MUSEALE DI SESTRI LEVANTE E DI CASTIGLIONE CHIAVARESE. POLO DI SESTRI LEVANTE PALAZZO FASCIE RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Premessa Il progetto definitivo dell allestimento museale illustrato

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE VALORIZZAZIONE E RESTAURO DELLA PINACOTECA TOSIO MARTINENGO 2015-2017

COMUNE DI BRESCIA INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE VALORIZZAZIONE E RESTAURO DELLA PINACOTECA TOSIO MARTINENGO 2015-2017 COMUNE DI BRESCIA AREA SERVIZI TECNICI SETTORE EDIFICI PUBBLICI E MONUMENTALI AREA CULTURA, CREATIVITÀ E INNOVAZIONE SETTORE MUSEI SERVIZIO EDILIZIA MONUMENTALE Assessore Valter Muchetti responsabile area

Dettagli

Adeguamento del Parco e della Serra del Museo delle Ville Storiche di Caltagirone

Adeguamento del Parco e della Serra del Museo delle Ville Storiche di Caltagirone RELAZIONE TECNICA Adeguamento del Parco e della Serra del Museo delle Ville Storiche di Caltagirone PO FESR SICILIA 2007-2013 DELL OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3 LINEA D'INTERVENTO 3.1.3.3 PROGETTO BIENNALE

Dettagli

Guardaroba E previsto uno spazio nell atrio del Museo, accanto all ingresso (attualmente utilizzato per biglietteria e bookshop), di mq. 14,40.

Guardaroba E previsto uno spazio nell atrio del Museo, accanto all ingresso (attualmente utilizzato per biglietteria e bookshop), di mq. 14,40. Provincia: racusa Lotto: SR 1 Museo Archeologico Regionale Paolo Orsi Viale Teocrito 66. racusa Tel. 0931 464022 Relazione Biglietteria. Il locale biglietteria è in atto costituito da un ambiente indipendente,

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI

CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI CORSO DI LAUREA IN STORIA E CONSERVAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI E AMBIENTALI LABMATER=Laboratorio dei "Materiali e risparmio energetico" Corso di: A.A. 2011/2012 Tema d anno: Ambienti Mediterranei e

Dettagli

LA SEDE DEL REGIO UFFICIO GEOLOGICO

LA SEDE DEL REGIO UFFICIO GEOLOGICO LA SEDE DEL REGIO UFFICIO GEOLOGICO Palazzo Canevari, Largo di S. Susanna 13, Roma Il Palazzo già sede del Museo Geologico Nazionale di Largo Santa Susanna, voluto da Quintino Sella alla fine dell 800,

Dettagli

Palazzo Cini, la Galleria.

Palazzo Cini, la Galleria. Palazzo Cini, la Galleria. Elenco Opere Primo Piano Sala 1 (Anticamera o Sala della portantina) Dipinti toscani e dell Italia centrale 1 Giunta Pisano (Italia centrale, prima metà sec. XIII) Croce processionale

Dettagli

MANESIOMO e RINASCIMENTO. Vol II, pp. 322-331

MANESIOMO e RINASCIMENTO. Vol II, pp. 322-331 MANESIOMO e RINASCIMENTO Vol II, pp. 322-331 331 XV-XVI XVI Rinascimento Scoperte geografiche e nuovo impulso a commercio ed economia ridanno fiducia nella scienza,, nella ragione e nell esperienza, quindi

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di adeguamento alle norme di igiene e sicurezza e realizzazione di dotazioni impiantistiche presso il Sant

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012-2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012-2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: BOPS080005@ISTRUZIONE.IT PROGRAMMA SVOLTO a.s.

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

CARMELA SIRELLO RESTAURO ARCHEOLOGICO E CONSERVAZIONE OPERE D ARTE

CARMELA SIRELLO RESTAURO ARCHEOLOGICO E CONSERVAZIONE OPERE D ARTE CARMELA SIRELLO RESTAURO ARCHEOLOGICO E CONSERVAZIONE OPERE D ARTE La ditta Carmela Sirello Restauro Archeologico e Conservazione Opere d Arte opera dal 1991 nel settore della valorizzazione e della conservazione

Dettagli

STRUTTURE E SEDI DELL AMMINISTRAZIONE

STRUTTURE E SEDI DELL AMMINISTRAZIONE 1/6 STRUTTURE E SEDI DELL AMMINISTRAZIONE b. STANDARD MINIMI PER L ACCESSO AL PUBBLICO AVVERTENZA L argomento qui trattato è valido per tutti gli Istituti del Ministero (musei, archivi, biblioteche ),

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze

ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze Progetto Definitivo Esecutivo Sistemazione degli uffici ex IRRE Campania in

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

CIMABUE, San Francesco, tempera su tavola, Santa Maria degli Angeli, Assisi (PG), Museo della Porziuncola

CIMABUE, San Francesco, tempera su tavola, Santa Maria degli Angeli, Assisi (PG), Museo della Porziuncola Elenco opere mostra da GIOTTO a GENTILE PITTURA e SCULTURA a FABRIANO fra DUE e TRECENTO a cura di Vittorio Sgarbi 25 LUGLIO 30 NOVEMBRE 2014 Opere da esporre XIII sec. CIMABUE, San Francesco, tempera

Dettagli

IL MUSEO E LA SCUOLA Visita al Museo e Laboratori

IL MUSEO E LA SCUOLA Visita al Museo e Laboratori Toni Benetton Treviso, Italia 1910-1996, è considerato uno dei maggiori scultori contemporanei, particolarmente autorevole nel campo delle Macrosculture. Nel 1938 frequenta il corso di scultura all Accademia

Dettagli

SERVIZI OFFERTI Il Museo della Città eroga i seguenti servizi:

SERVIZI OFFERTI Il Museo della Città eroga i seguenti servizi: CARTA DEI SERVIZI DEL COMUNE DI SASSARI Settore Sviluppo Locale, Politiche Culturali e Marketing Turistico Macro categoria attività Museo della Città Finalità attività Il Museo della Città, è il luogo

Dettagli

Augurando una positiva conclusione dell anno scolastico, porgiamo distinti saluti. Per l Associazione Euro Diracca

Augurando una positiva conclusione dell anno scolastico, porgiamo distinti saluti. Per l Associazione Euro Diracca Spett. DIRIGENTI SCOLASTICI COLLEGI DOCENTI della SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO di San Daniele del Friuli OGGETTO: proposta di attività di didattica

Dettagli

La pala di Michele Desubleo con la Madonna del Carmine prima e dopo il restauro del 2012-2013 laboratorio Adele Pompili, Bologna

La pala di Michele Desubleo con la Madonna del Carmine prima e dopo il restauro del 2012-2013 laboratorio Adele Pompili, Bologna La pala di Michele Desubleo con la Madonna del Carmine prima e dopo il restauro del 2012-2013 laboratorio Adele Pompili, Bologna Bologna, Ritiro di San Pellegrino Benedetto Gennari, Ritratto di gentildonna

Dettagli

Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi

Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi PREMESSA La Biblioteca del museo del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali si configura

Dettagli

Strutture e sequenze di spazi

Strutture e sequenze di spazi 26.03.2014 consegna esercitazione Strutture e sequenze di spazi a.a. 2013 / 2014 Composizione architettonica prof.ssa F. De Maio Nothing in completely empty architettura / Querini stampalia autore opera

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Comune di Trieste Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Friuli Venezia Giulia Soprintendenza per i Beni Architettonici ed il Paesaggio

Dettagli

Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE

Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE SETTORE OPERE PUBBLICHE E MOBILITA SERVIZIO BENI MONUMENTALI Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE 1) Localizzazione I locali ex Bazzi occupano parte del piano

Dettagli

. Paolo Veronese, Martirio dei santi Primo e

. Paolo Veronese, Martirio dei santi Primo e Paolo Veronese dovette avere rapporti con Padova dalla fine degli anni quaranta e, se si accetta la precoce datazione del Martirio di santa Giustina proveniente dalla Galleria abbaziale di Santa Giustina,

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Il Cammino del Sacro Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Cammino del Sacro: il Museo diocesano, il Duomo e le altre chiese monumentali della città, tutti straordinariamente ricchi

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Ministero per i Beni e le Attività Culturali GRUPPO DI LAVORO PER LA SALVAGUARDIA E LA PREVENZIONE DEI BENI CULTURALI DAI RISCHI

Dettagli

Living contemporaneo dai forti contrasti e linee essenziali

Living contemporaneo dai forti contrasti e linee essenziali Zona giorno Proge t tista km0architetti (Giorgio Marchese) e arch. Salvatore Bettino Fotografie Giammarco Vetrano Living contemporaneo dai forti contrasti e linee essenziali di Maria Francesca Faro L'intervento

Dettagli

Poliedro Design PRIMA SOLUZIONE DI PROGETTO. Appartamento quadrilocale. Committente: Sig.XXXXX. Comune: YYYYYYYYYY

Poliedro Design PRIMA SOLUZIONE DI PROGETTO. Appartamento quadrilocale. Committente: Sig.XXXXX. Comune: YYYYYYYYYY Poliedro Design Di dott. ing. Massimo Manni partita IVA: 07011870966 Via Europa 7 20097 San Donato Milanese (MI) Tel. 02 527 81 57 Cell: 393 60 90 923 Fax: 02 87 15 13 03 E-mail: info@poliedro.eu Poliedro

Dettagli

IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA

IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA IL SISTEMA MUSEALE DELLA PROVINCIA DI PARMA Analisi su base economico gestionale delle realtà museali provinciali, per una progettazione consapevole di sviluppo futuro del Sistema museale provinciale.

Dettagli

Arte a Figline Da Paolo Uccello a Vasari

Arte a Figline Da Paolo Uccello a Vasari Arte a Figline Da Paolo Uccello a Vasari Figline Valdarno Palazzo Pretorio 19 ottobre 2013 19 gennaio 2014 la città degli uffizi Città di Figline Valdarno Assessorato alla Cultura Provincia di Firenze

Dettagli

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO Datazione: fine XV inizio XVI secolo Collocazione: Breno, chiesa di Sant Antonio, parete nord-est Proprietà: Comune di Breno Autore : Ambito di Giovanni Pietro Da Cemmo

Dettagli

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, Il mangiafagioli, 1583-1584, Roma, Galleria Colonna 1582 Accademia dei desiderosi, detta poi degli Incamminati,

Dettagli

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1

05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 46 1 05 Pasqualetti progetto 28-01-2004 14:26 Pagina 47 IL PROGETTO DI RECUPERO Roberto Pasqualetti Il

Dettagli

PANORAMICHE TUTTOVETRO

PANORAMICHE TUTTOVETRO PANORAMICHE TUTTOVETRO Panoramiche Tuttovetro è un sistema esclusivo di chiusure in vetro senza profili. È una soluzione ottima per abitazioni o attività commerciali. Inoltre nelle stagioni più disagiate,

Dettagli

IL RESTAURO DI OPERE POLICROME SU LEGNO E TELA Istanbul, 2 dicembre 2012. DAMBRA Laboratorio di restauro Gabriella Forcucci FIRENZE - MILANO

IL RESTAURO DI OPERE POLICROME SU LEGNO E TELA Istanbul, 2 dicembre 2012. DAMBRA Laboratorio di restauro Gabriella Forcucci FIRENZE - MILANO IL RESTAURO DI OPERE POLICROME SU LEGNO E TELA Istanbul, 2 dicembre 2012 DAMBRA Laboratorio di restauro Gabriella Forcucci FIRENZE - MILANO CRISTO CROCIFISSO, Maestro di Camaiore, scultura lignea policroma

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 N 14 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 PIANO di GOVERNO del TERRITORIO di PALOSCO- Nuclei di Antica Formazione N.14 Disciplina Spazi Edificati

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA La presente relazione ha per oggetto il progetto di allestimento della mostra tematica dal titolo: Cavalieri: dai Templari a Napoleone, mostra che sarà allestita nel mese

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

La Carta dei servizi costituisce lo strumento attraverso cui il Museo comunica con i propri utenti e si confronta con loro.

La Carta dei servizi costituisce lo strumento attraverso cui il Museo comunica con i propri utenti e si confronta con loro. CARTA DEI SERVIZI CHE COS è LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei servizi costituisce lo strumento attraverso cui il Museo comunica con i propri utenti e si confronta con loro. La Carta individua i servizi

Dettagli

Sede Legale: Piazza della Vittoria, 21 32036 Sedico (BL) Tel. (+39)-0437-838586 - Fax (+39)-0437-443916 - e-mail: info@gal2.it - www.gal2.

Sede Legale: Piazza della Vittoria, 21 32036 Sedico (BL) Tel. (+39)-0437-838586 - Fax (+39)-0437-443916 - e-mail: info@gal2.it - www.gal2. SCHEDA PROGETTO Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 - Asse 4 LEADER Programma di Sviluppo Locale PRE.D.I.R.E. Prealpi e Dolomiti per l Innovazione e il Rilancio dell Economia Misura 323/a

Dettagli

14/03/2011. Percorso. Scelta dei criteri espositivi. Allestimento. Individuazione oggetti semiofori. Individuazione destinatari e forma.

14/03/2011. Percorso. Scelta dei criteri espositivi. Allestimento. Individuazione oggetti semiofori. Individuazione destinatari e forma. Percorso Allestimento Scelta dei criteri espositivi Individuazione oggetti semiofori Individuazione destinatari e forma Allestimento Insieme di oggetti Progetto organico Valorizzazione delle potenzialità

Dettagli

www.castrichinirestauri.com

www.castrichinirestauri.com La scoperta di questo grande affresco, circa 32 mq., è avvenuta agli inizi degli anni 70 del secolo scorso e si è rivelata particolarmente rilevante per la storia dell arte italiana perché è la prima rappresentazione

Dettagli

1. PARTICOLARITA DEL TESSUTO POLYSCREEN RISPETTO AD ALTRI ARTICOLI. GENERALITA.

1. PARTICOLARITA DEL TESSUTO POLYSCREEN RISPETTO AD ALTRI ARTICOLI. GENERALITA. Tutto sul POLYSCREEN 1 INTRODUZIONE: PERCHE IL POLYSCREEN AD ALTA TENACITA? VERTISOL ha scommesso sulla scelta del poliestere ad alta tenacità in seguito alle alte prestazioni ottenute con questo tipo

Dettagli

PELLICOLE PER IL CONTROLLO SOLARE

PELLICOLE PER IL CONTROLLO SOLARE Sede COMM. :CORSO S. GIOVANNI A TEDUCCIO, 928 80046 NAPOLI TEL. 081-479411 479726 FAX. 081-481809 PELLICOLE PER IL CONTROLLO SOLARE Pellicole riflettenti da interno per il controllo solare RLW 150 G15

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

1981 - DIPLOMA MAGISTRALE presso l'istituto San Luigi San Donà di Piave.

1981 - DIPLOMA MAGISTRALE presso l'istituto San Luigi San Donà di Piave. Curriculum Vitae di Carnio Lorella per L.Arte Restauro F O R M A Z I O N E 1981 - DIPLOMA MAGISTRALE presso l'istituto San Luigi San Donà di Piave. 1993 - DIPLOMA DI SPECIALIZZAZIONE PER IL RESTAURO dei

Dettagli

CITTA DI PIAZZA ARMERINA (Provincia di Enna) SETTORE LAVORI PUBBLICI

CITTA DI PIAZZA ARMERINA (Provincia di Enna) SETTORE LAVORI PUBBLICI CITTA DI PIAZZA ARMERINA (Provincia di Enna) SETTORE LAVORI PUBBLICI OGGETTO: RISTRUTTURAZIONE E ALLESTIMENTO LOCALI IN VIA MONS. STURZO DA DESTINARE A MUSEO DEL PALIO. Progetto Esecutivo R.U.P. :Ing.

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI TITOLI DI STUDIO SITO INTERNET. www.martaiulita.it

INFORMAZIONI PERSONALI TITOLI DI STUDIO SITO INTERNET. www.martaiulita.it C U R R I C U L U M V I T A E E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI SITO INTERNET Nome Marta Iulita Indirizzo VIA BARLETTA 66, 10136 TORINO Telefono E-mail marta.iulita@libero.it Numero di partita IVA 09109440017

Dettagli

Presidio ospedaliero dei SS. Giovanni e Paolo, Venezia: lavori per la nuova collocazione del Centro Prelievi

Presidio ospedaliero dei SS. Giovanni e Paolo, Venezia: lavori per la nuova collocazione del Centro Prelievi Presidio ospedaliero dei SS. Giovanni e Paolo, Venezia: lavori per la nuova collocazione del Centro Prelievi Relazione tecnica e documentazione fotografica 1 Relazione tecnica Oggetto dell intervento L

Dettagli

LINEA COMPLEMENTI MURALISI

LINEA COMPLEMENTI MURALISI LINEA COMPLEMENTI MURALISI INDICE 61.1 Parquet 1 PORTE E RIFINITURE 1.2 Porte per Interni 1.3 Porte Sezionali 1.4 Porte Tagliafuoco 1.5 Portoni Blindati 3 5 7 9 11 LINEACOMPLEMENTI 2 SCHERMATURE SOLARI

Dettagli

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA restauro degli affreschi delle decorazioni a tempera di soffitti e pareti degli elementi in cotto e materiale lapideo RELAZIONE TECNICA

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore VACCARI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 12 MARZO 2009 Disposizioni per la valorizzazione del Santuario dei SS. Vittore

Dettagli

Strumenti e regole fondamentali per un'attenta progettazione ed esecuzione delle opere

Strumenti e regole fondamentali per un'attenta progettazione ed esecuzione delle opere Strumenti e regole fondamentali per un'attenta progettazione ed esecuzione delle opere Roberto Filippetto - responsabile Ufficio Tecnico 339/8935863 - areatecnica@isolmec.com 1 ISOLMEC nasce nel 1986 occupandosi

Dettagli

pareti di cristallo senza profili verticali

pareti di cristallo senza profili verticali sistema pareti di cristallo senza profili verticali sistema todocristal piccoli dettagli... che ci rendono grandi In questo catalogo troverete questi piccoli dettagli, che solo noi facciamo per risolvere

Dettagli

RELAZIONE STORICO ARTISTICA

RELAZIONE STORICO ARTISTICA Cagliari, chiesa di San Mauro, Restauro cinque sculture lignee raffiguranti gli arcangeli Raffaele, Geudiele, Sealtiele, Uriele e Barachiele (XVIII secolo) RELAZIONE STORICO ARTISTICA Le opere sono conservate

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE

REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Comune di Camaiore 12 REGOLAMENTO DEL CIVICO MUSEO ARCHEOLOGICO DI CAMAIORE Approvato con deliberazione del C.C. n 50 del 26.07.2005 Ripubblicato il Regolamento dal 26/08/2005 al 09/09/2005 REGOLAMENTO

Dettagli

LEONARDO DA VINCI. Vol II, pp. 436-445

LEONARDO DA VINCI. Vol II, pp. 436-445 LEONARDO DA VINCI Vol II, pp. 436-445 445 1452-1519 1519 la vita 1452 nasce a Vinci 1469 va a bottega dal Verrocchio 1476 è accusato di sodomia e assolto 1482 si trasferisce a Milano e lascia incompiuta

Dettagli

Il Manierismo nel Veneto

Il Manierismo nel Veneto Liceo Scientifico Paritario Ven. A. Luzzago Il Manierismo nel Veneto Jacopo Robusti detto il Tintoretto Paolo Caliari detto il Veronese Andrea Palladio Prof. Antonino Fallanca Tintoretto (1519 ca 94) Fu

Dettagli

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura San Pietro di Feletto e i suoi dintorni Arte e Cultura Millenaria Pieve di San Pietro La Pieve di San Pietro, eretta intorno all anno Mille, è uno scrigno d arte e di storia. L ampio porticato ed il campanile

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

MARATE NEL SISTEMA MUSEALE

MARATE NEL SISTEMA MUSEALE Progetto Esecutivo MARATE NEL SISTEMA MUSEALE RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA L Amministrazione Comunale di Isili, intende avviare un processo di valorizzazione del patrimonio artigianale del paese,

Dettagli

MUSEO DIOCESANO DI ARTE SACRA

MUSEO DIOCESANO DI ARTE SACRA MUSEO DIOCESANO DI ARTE SACRA DIOCESI DI ROSSANO-CARIATI ELENCO DETTAGLIATO DEGLI OGGETTI DA ESPORRE Ingresso ANGELI IN CORO XVIII- Marmo bianco 48 x 55 Cei-OA 0013 STEMMA MONS. CILENTO Marmo bianco 82

Dettagli

Andrea De Pasquale (direttore della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma)

Andrea De Pasquale (direttore della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma) Andrea De Pasquale (direttore della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma) I musei in Biblioteca: il progetto Spazi900 della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma Le biblioteche, spesso inserite all interno

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ PUNTO INFORMATIVO E FORESTERIA DI S. ANTONIO MAVIGNOLA

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ PUNTO INFORMATIVO E FORESTERIA DI S. ANTONIO MAVIGNOLA Parco Adamello Brenta INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ PUNTO INFORMATIVO E FORESTERIA DI S. ANTONIO MAVIGNOLA La struttura è costituita da un unico edificio di quattro piani, in cui sono collocate sia le attività

Dettagli

OGGETTO: interrogazioni con risposta scritta prot. n. 125339/10 e prot. n. 7673/11 sul Museo del Risorgimento

OGGETTO: interrogazioni con risposta scritta prot. n. 125339/10 e prot. n. 7673/11 sul Museo del Risorgimento L' Assessore alla Cultura, Turismo e Promozione della città Data 4 aprile 2011 Prot. n. PG 39623 Al Consigliere Comunale Michele Barcaiuolo Gruppo Consigliare PDL c/o Ufficio Supporto Attività Consigliari

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE PROGETTAZIONE PRELIMINARE, DEFINITIVA ED ESECUTIVA CON PRIME INDICAZIONI SULLA SICUREZZA E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI UN PADIGLIONE ESPOSITIVO, DESTINATO

Dettagli

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO Art. 1 Denominazione, definizione, sede Il Museo Civico di Bracciano è un organismo permanente, senza fini di lucro, istituito dal Comune di Bracciano con

Dettagli

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda.

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. I maestri veneti del Cinquecento e Il Convito in casa di Simone il fariseo di Paolo Veronese (Verona 1528 Venezia 1588)

Dettagli

COMUNE DI CANARO. Provincia di Rovigo Ufficio Tecnico Comunale. Prot. 12/04/2014 12.30.00 DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

COMUNE DI CANARO. Provincia di Rovigo Ufficio Tecnico Comunale. Prot. 12/04/2014 12.30.00 DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE 1) PREMESSE La realizzazione del Museo Virtuale dedicato al pittore Benvenuto Tisi da Garofolo, rappresenta per l Amministrazione Comunale una priorità assoluta.

Dettagli