Conegliano ai tempi della Serenissima

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conegliano ai tempi della Serenissima"

Transcript

1 Conegliano ai tempi della Serenissima Progetto a cura di Alessandra Renna Campo dei Gesuiti, Cannaregio Venezia Cell

2

3 Indice Introduzione Analisi dell attuale percorso di visita Conegliano ai tempi della Serenissima Organizzazione dello spazio e dell allestimento La biglietteria Il percorso di visita L illuminazione Proposte per la riduzione del rumore Le sale: denominazioni, contenuti e motivazione delle scelte Modalità di allestimento e contenitori espositivi Strumenti di comunicazione Stima dei costi di adeguamento Le opere I materiali selezionati dai Depositi Comunali Le opere scelte e la nuova ricollocazione Appendice A Appendice B Bibliografia Sitografia... 39

4

5 Introduzione Il seguente elaborato è stato redatto ai fini della partecipazione al Concorso di idee per la riprogettazione del percorso espositivo del Museo Civico del Castello di Conegliano. L obiettivo è fornire alcune soluzioni alle problematiche riscontrate durante la visita, in termini di percorso espositivo e di organizzazione degli spazi e dell allestimento. L analisi è stata condotta tramite la visita al Museo, lo studio della documentazione fornita (elenchi opere, schede catalografiche, planimetrie), la visione del materiale conservato presso i Depositi Comunali, le ricerche bibliografiche riguardanti la storia del Museo, la città di Conegliano e i territori vicini. Individuato il taglio storico-artistico, le successive ricerche si sono focalizzate sull arco di tempo prescelto, individuato nei secoli compresi tra il XIV ed il XVIII, periodo in cui Conegliano è stata dedita alla Serenissima Repubblica di Venezia. Il primo capitolo è dedicato all analisi dell attuale percorso di visita, che ha permesso di individuare alcune problematiche classificate in relazione alla loro natura. Il capitolo successivo presenta il taglio storico che si è voluto dare alle collezioni. Il terzo capitolo costituisce il cuore della proposta, focalizzandosi su aspetti quali il percorso di visita, l illuminazione, la riduzione del rumore di calpestio, la ricollocazione della biglietteria, le modalità di allestimento e gli strumenti di comunicazione. Il capitolo che segue propone una sintetica stima dei costi di adeguamento. Infine l ultimo capitolo, corredato da due appendici, riporta l elenco delle opere inserite nel percorso di visita, con relativa collocazione in pianta, l elenco di quelle rimosse e i materiali inseriti provenienti dai Depositi Comunali. L elaborato testuale è stato integrato con la componente grafica, attraverso l ausilio del software Google SketchUp, che ha permesso di ricreare gli ambienti espositivi, utilizzando la grafica 3D. 5

6

7 1 Analisi dell attuale percorso di visita Visitando il Museo Civico di Conegliano, allestito all interno della torre del Castello, sono emerse problematiche di diverse tipologie. Al fine di comprendere al meglio la situazione attuale ed individuare delle soluzioni plausibili, sono state classificate e analizzate le criticità riscontrate come segue: problemi strutturali: a partire dal piano primo il pavimento della struttura è costituito da assi in legno che, usurate dal tempo, presentano fessure in prossimità dei punti di giunzione, anche di una certa entità, come ad esempio accade nell attuale Sala del Teatro e della Musica (piano terzo). L attrito tra un asse e l altra provoca un forte rumore di calpestio e le vibrazioni prodotte dai passi, in particolare nella Sala archeologica, portano ad una consistente oscillazione delle vetrine ed al conseguente spostamento dei reperti in esse conservate; problemi di accessibilità: la torre del Castello, non essendo dotata né di ascensori, né di rampe, né di montascale, risulta totalmente inaccessibile ad un potenziale visitatore che abbia ridotte o impedite capacità motorie. Adeguare l intera struttura agli standard previsti dalla legge è certamente un operazione onerosa, ma non vi è dubbio che si tratti di un intervento necessario e doveroso, al fine di permettere a chiunque di visitare il Museo. Oltre alla questione etica, certamente non trascurabile, si dovrebbe pensare al caso in cui un gruppo di persone, che conta al suo interno un disabile, decidesse di visitare la struttura. Cosa accadrebbe? Nella migliore delle ipotesi solo una parte del gruppo visiterebbe il Museo, mentre nella peggiore e forse più verosimile, l intero gruppo potrebbe decidere di rinunciarvi, proprio a causa delle barriere architettoniche; assenza di servizi igienici: dalla pianta dell edificio fornita è possibile notare la presenza di un bagno che ad oggi risulta inaccessibile ai visitatori. Come accade per altre strutture pubbliche tale servizio dovrebbe essere garantito; problemi relativi ai criteri di allestimento: verranno ora analizzate le problematiche più inerenti il percorso di visita e la sua attuale organizzazione. A tal proposito è necessario evidenziare che non risulta chiaro il criterio espositivo utilizzato. Le opere, nell attuale collocazione, non seguono una logica tematica, né cronologica, né orientata verso un particolare artista o scuola. Un ulteriore considerazione è data dal fatto che, ogni sala della torre ha una sua denominazione, la quale rimanda o a caratteristiche specifiche, legate alla sua architettura (pensiamo alla Sala del camino, piano primo), o alle raccolte in esse conservate (come nel caso della Sala archeologica, piano secondo). La visita ha permesso di riscontrare che in diversi casi risulta mancante una netta corrispondenza tra il nome della sala e ciò che vi è esposto al suo interno. Un caso fra tutti. Si pensi alla sala chiamata Lapidario, che per definizione dovrebbe essere una raccolta di 7

8 iscrizioni su pietra e lapidi mentre, nell organizzazione attuale, si configura come una raccolta di lapidi, affreschi e sculture. Data la natura fortemente eterogenea delle collezioni che costituiscono il patrimonio del Museo, è essenziale trovare un filo logico che permetta di fare ordine e consentire al visitatore di non smarrirsi all interno del percorso espositivo, facilitandogli la visita; problemi relativi alla selezione delle opere da esporre: oltre ad essere eterogenei, i materiali esposti sono anche numerosi se raffrontati con la superficie espositiva disponibile. La torre infatti dispone di sale che presentano dimensioni medio-piccole, ad eccezione dell ambiente dove è ospitata l attuale Pinacoteca. Scegliere delle opere da esporre, escludendone altre dal percorso di visita, è sicuramente difficile ma necessario, in quanto il principio guida da seguire dovrebbe essere quello di esporre pochi oggetti, ma in maniera adeguata. Entra in gioco così il criterio espositivo prescelto, che permette di operare la selezione, misto ad un pizzico di logica e a qualche nozione di Museografia. Bisognerebbe evitare una sistemazione delle opere simile a quella visibile oggi sulla parete di ingresso alla Pinacoteca (immagine sottostante), caratterizzata da una sorta di affollamento delle pareti, che non fa che nuocere alla qualità della presentazione; Attuale collocazione delle opere sulla parete di ingresso alla Pinacoteca assenza di apparati illustrativi: nello stato attuale, l unico tentativo di divulgare informazioni ulteriori rispetto a ciò che è riportato nella didascalia, risulta essere quello relativo all affresco del Pordenone. Le stesse didascalie in molti casi risultano lacunose nei dati essenziali. Premesso che il Museo è, o dovrebbe essere, adatto a tutti, il suo allestimento deve tenere in considerazione la diversità dell utenza. Per questo motivo sarebbe necessario estendere per quanto possibile la fruibilità ai diversi livelli di esigenza e preparazione culturale del visitatore, diversificando le offerte di informazione. Il risultato è raggiungibile semplicemente inserendo nel percorso di visita dei pannelli esplicativi brevi e concisi, che 8

9 aiutino il visitatore che ne senta l esigenza ad orientarsi, accedendo facilmente alle informazioni; problematiche relative all illuminazione e al microclima: il sistema di illuminazione artificiale adottato presenta soluzioni molto varie: faretti disposti su binari elettrificati e lucernari per la Pinacoteca ; un lampadario con lampadine a basso consumo energetico per il Lapidario e la Sala del Camino ; illuminazione a parete per le sale del 700, del Teatro e della Musica, delle Madonne; vetrine attrezzate nella Sala archeologica. Nella maggior parte dei casi, tali tipologie di illuminazione si sono dimostrate inadeguate, a causa della creazione di riflessi che hanno impedito la corretta osservazione delle opere. Per quando riguarda la luce naturale è da sottolineare il fatto che, molte finestre non presentano una schermatura di protezione dai raggi solari, molto dannosi soprattutto per certi tipi di materiali. Nei casi in cui la schermatura è presente, la stessa risulta danneggiata in maniera evidente. Veniamo ora alle condizioni microclimatiche. Non è stata rilevata la presenza di alcuno strumento che permettesse la misurazione di temperatura e umidità relativa, fattori che se non controllati favoriscono l accelerazione del degrado delle opere. Considerazioni In breve ciò che è venuto alla luce è una certa mancanza di appeal, mentre uno degli obiettivi primari dovrebbe essere suscitare la curiosità e attrarre il visitatore. È quindi necessario svecchiare l intero Museo, rinnovandolo in un ottica più contemporanea, nel massimo rispetto della storicità dell edificio in cui è ospitato. 9

10

11 2 Conegliano ai tempi della Serenissima Analizzata la situazione attuale, è arrivato il momento di esporre l idea circa la nuova organizzazione degli ambienti e delle opere che faranno parte del percorso espositivo. L idea progettuale, come apparirà evidente dal titolo del presente elaborato, Conegliano ai tempi della Serenissima, è incentrata su un taglio storico ben preciso, che prende in considerazione i secoli in cui la città di Conegliano è stata dedita alla Serenissima Repubblica di Venezia. Si tratta del periodo compreso fra il 23 marzo 1337, giorno in cui Conegliano, per affrancarsi dagli Scaligeri, signori di Verona, decide spontaneamente di consacrarsi alla Repubblica Veneta, e il 12 maggio 1797, giornata passata alla storia come el tremendo zorno del dodexe 1, che segna la caduta della Serenissima e la consegna della città di Venezia nelle mani di Napoleone. La scelta di dare al Museo l impronta storica appena descritta è giustificata da diverse motivazioni. Dall analisi delle collezioni museali è infatti emerso che, buona parte delle opere possedute, sono cronologicamente attinenti al periodo in esame e sono state realizzate da artisti per lo più veneti o che hanno lavorato nei territori appartenuti alla Repubblica. Alcune opere, inoltre, richiamano in maniera diretta la dipendenza della città di Conegliano dalla Serenissima, come accade, ad esempio nel caso delle due lapidi a rilievo che rappresentano il leone di San Marco. In altri casi, invece, il periodo in esame è protagonista attraverso opere che ricordano importanti esponenti di famiglie veneziane, come accade con i ritratti dell ambasciatore Antonio Foscarini e dell ammiraglio Vittore Garzoni, o che riflettono aspetti della vita economica, come avviene per i cinque pesi-tipo della Repubblica di Venezia, così identificati per la presenza del leone marciano su ognuno di essi 2. A sostegno di tale scelta vi è inoltre la presenza, nell attuale Lapidario, di un plastico in scala 1/72, realizzato dal trevigiano Ennio Tiveron, che ricostruisce il sito del castello di Conegliano così com era ai tempi della Serenissima Repubblica 3. Infine bisogna ricordare alcune peculiarità degli ambienti in cui il Museo è ospitato. Il riferimento è alla sala che ospita il camino veneziano, composto da una grande cappa che sovrasta il focolare, la quale ricalca le forme del corno dogale 4. Tutte queste motivazioni hanno indotto ad effettuare una selezione del materiale da esporre, al fine di conciliare la tematica prescelta con l organizzazione degli spazi, e con un ordinamento il più possibile coerente, avendo come obiettivo quello di creare, come indicato nel Bando di Concorso, una connessione fra le collezioni oggetto di riorganizzazione. 1 I. Cacciavillani, Lo Stato da Terra della Serenissima, Padova, Think ADV 2007, p S. Trichies, Pesi, scheda catalografica n 85, Conegliano, ASTARTE Il plastico di Ennio Tiveron, in «La Tribuna di Treviso», 29 maggio 2004, p Il Museo Civico del Castello di Conegliano. Disponibile all indirizzo 11

12

13 3 Organizzazione dello spazio e dell allestimento 3.1 La biglietteria Rispetto all organizzazione attuale degli spazi, il cambiamento più importante che il progetto prevede è la ricollocazione della biglietteria. Lo spostamento risulta necessario per due ragioni: 1) l accesso all attuale struttura che accoglie la biglietteria non è funzionale per chi ci lavora in quanto, prima di entrare al suo interno, l impiegato dovrebbe passare per l attuale Pinacoteca e poi per il Lapidario, nel quale si trova un antiestetico pannello in legno scorrevole, che funge da porta di ingresso. È stato utilizzato il condizionale perché si è notato che l accesso non avviene sempre nel modo descritto, ma a volte si preferisce, in maniera più rapida, entrare attraverso una bassa anta che si trova esattamente al di sotto della vetrata che permettere l interfacciamento con l utenza; 2) spostare la biglietteria vorrebbe anche dire liberare un varco di accesso. Sarebbe infatti possibile sfruttare tale varco in modo da creare un nuovo percorso di visita. Lo spostamento della biglietteria pone però il problema della sua ricollocazione. La soluzione proposta è quella di trasformare il vano sottoscala, attiguo all ingresso della Pinacoteca, nella nuova biglietteria, realizzando una struttura simile a quelle visibile nel modello 3D sottostante, eseguito con l ausilio del software Google SketchUp. Svolgendo dei calcoli è risultato che tale spazio sarebbe sufficiente per ospitare la funzione in oggetto. Vano biglietteria proposto 13

14 Altra soluzione pensata è quella di collocare la biglietteria nel giardino esterno al Castello, all interno di un box in legno, simile a quello nell immagine sottostante. Esempio di box in legno in cui ospitare la biglietteria Questa soluzione potrebbe portare, come conseguenza positiva, ad una sorta di apertura del Museo verso l esterno, rendendolo più vicino alla gente, suscitando la curiosità di coloro che si trovano nel giardino o presso il ristorante che ha sede nella Torre Saracena. Ma, per contro, risulterà sicuramente più costosa. 3.2 Il percorso di visita Oggi il fruitore, dopo aver acquistato il biglietto, inizia la sua visita dirigendosi verso la Pinacoteca (primo ambiente espositivo); accede poi al Lapidario (secondo ambiente espositivo) e a questo punto è costretto a tornare indietro, attraversando nuovamente la Pinacoteca, per recarsi ai piani superiori. La ricollocazione della biglietteria, con la conseguente liberazione del varco, ha permesso una nuova ridefinizione dell ordine di accesso ai diversi ambienti. Ordine proposto: ORDINE ACCESSO AMBIENTI ATTUALE DENOMINAZIONE PIANO 1 Lapidario Terra 2 Pinacoteca Terra 3 Sala del Camino Primo 4 Sala del '700 Primo 5 Sala delle Madonne Ammezzato 6 Sala Archeologica Secondo 7 Sala del Teatro e della Musica Terzo 8 - Quarto 14

15 Questo nuovo ordinamento rende più fluido e lineare il percorso di visita. Considerata la nuova collocazione della biglietteria nel vano sottoscala, sarebbe stato più logico mantenere l attuale percorso (prima Pinacoteca, poi Lapidario ) permettendo l uscita verso i piani superiori dal varco posto esattamente davanti alle scale (ovvero dal Lapidario ), ma ciò non è stato possibile a causa della funzione che la prima sala dovrebbe assolvere. Il progetto prevede infatti che il primo ambiente sia destinato all inquadramento storico e alla presentazione delle collezioni museali al pubblico. Per tale motivo, un ambiente di grandi dimensioni come è la Pinacoteca, non risulta consono allo scopo. Anche la vagliata possibilità di suddividere la sala attraverso una parete divisoria, è risultata sconveniente, in quanto tale intervento avrebbe prodotto solo una riduzione della superficie espositiva. 3.3 L illuminazione L obiettivo principale dell illuminazione in un museo è favorire una fruizione ottimale delle opere d arte, e al tempo stesso proteggerle dai danni che le radiazioni luminose possono provocare sui materiali più sensibili. Attenendosi agli standard fissati dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali 5 in materia di illuminazione, per quanto concerne la luce naturale, proveniente dalle finestre, è necessario utilizzare dei filtri anti UV, che impediscano alle radiazioni di raggiungere le opere. La soluzione elaborata per quanto riguarda la luce artificiale prevede la rimozione di tutti i lampadari e dell illuminazione a parete, sostituendo queste fonti con apparecchi illuminanti su binari elettrificati, simili a quelli presenti oggi nell ambiente che ospita la Pinacoteca, al fine di poter direzionare al meglio la fonte luminosa, evitando così fastidiosi riflessi che impediscono la corretta visione delle opere. 3.4 Proposte per la riduzione del rumore Varie ricerche hanno portato ad individuare tre diverse soluzioni per ottenere l isolamento acustico dei pavimenti dai rumori di calpestio. I tre possibili interventi sono 6 : 1. la moquette, che offre un ottima riduzione del rumore d urto unita ad un elevato assorbimento acustico; 2. il pavimento galleggiante su materiali elastici, che prevede la costruzione di un massetto isolato dalla struttura, che può essere pavimentato con qualsiasi tipo di materiale, sul quale si localizzerà e conterrà il rumore di calpestio. Questa soluzione prevede quindi di interrompere la continuità della struttura con un materiale morbido ed elastico che blocchi la vibrazione; 5 D. M , Atto di indirizzo sui criteri tecnico-scientifici e sugli standard di funzionamento e sviluppo dei musei. Disponibile all indirizzo 6 Isolamento acustico dei pavimenti dai rumori di calpestio, in Guida all isolamento acustico e termico dei fabbricati, p. 11. Disponibile all indirizzo 15

16 3. il controsoffitto, che consiste nel foderare il locale disturbato dal rumore con una superficie piana e leggera. Tale intervento però è limitato al locale in cui l opera edile viene realizzata, perciò le vibrazioni sono libere di propagarsi per tutta la struttura. Data la natura storica dell edificio e il rispetto del contenimento dei costi, la soluzione che si potrebbe adottare, se fosse possibile coprire il pavimento attuale, sarebbe la moquette del tipo agugliata, compatta, a pelo rasato e con superficie liscia 7. Tale tipologia di moquette, essendo molto resistente all usura, è particolarmente indicata per ambienti molto transitati e di frequente passaggio ed è solitamente impiegata per allestimenti fieristici, mostre, congressi ed esposizioni in generale Le sale: denominazioni, contenuti e motivazione delle scelte Il progetto prevede di rinominare gli ambienti espositivi così come viene proposto nella tabella sottostante: ORDINE ACCESSO AMBIENTI ATTUALE DENOMINAZIONE PIANO NUOVA DENOMINAZIONE 1 Lapidario Terra Conegliano tra arte e storia 2 Pinacoteca Terra L'arte locale 3 Sala del Camino Primo L'arte del sottile 4 Sala del '700 Primo Sala Cima 5 Sala delle Madonne Ammezzato L'economia 6 Sala Archeologica Secondo Lapidario 7 Sala del Teatro e della Musica Terzo Sala del '500-' Quarto Sala del '700 Le nuove denominazioni sono state scelte in riferimento a ciò che le sale espongono, come si evince dalla descrizione che segue: 1. Conegliano tra arte e storia: questo primo ambiente funge da sala introduttiva, permettendo al visitatore di orientarsi attraverso delle brevi coordinate storiche, utili per la comprensione di ciò che andrà ad osservare nelle successive sale. Un breve focus sulla storia della città di Conegliano in relazione al legame con la Serenissima, sarà accompagnato da una linea del tempo, che riporterà i fatti storici, artistici (ad es. nascita/morte di un artista, data di realizzazione di un importante opera ecc.) e sociali più rilevanti del periodo. Nella stessa sala sarà inoltre ospitato il plastico realizzato dal trevigiano Ennio Tiveron, che mostra la Rocca di Castelvecchio così com era ai tempi della Repubblica; 7 Moquette: perché e come sceglierla, in «La Stampa», 6 agosto Disponibile all indirizzo 8 Le informazioni sulla moquette agugliata sono disponibili all indirizzo 16

17 2. L arte locale: con questa sala si entra nel vivo dell esposizione. Vengono qui presentati affreschi e dipinti provenienti da chiese, conventi e palazzi situati nei dintorni di Conegliano o da territori facenti parte dei domini della Serenissima (Spilimbergo, Porcia). Si tratta di opere che abbracciano il periodo compreso tra il XV ed il XVII secolo. Inizialmente, il criterio espositivo pensato per l intero edificio si basava su una scansione cronologica: il piano terra avrebbe dovuto ospitare le opere più antiche (datate XV e XVI secolo), mentre i piani superiori quelle più recenti. In tale suddivisione è stato però riscontrato un potenziale problema logistico: al piano terra è infatti ospitata la grande tela realizzata da Palma il Giovane tra il 1614 ed il 1616, la quale misura cm 335 x 229,5, che secondo il criterio iniziale, doveva essere posizionata ai piani superiori. Considerati gli ambienti, le dimensioni dei vani scale e delle finestre (per un eventuale spostamento dall esterno) risulta difficile, se non impossibile, collocare nei piani superiori tale opera. Per questo motivo si è preferito ripensare al criterio espositivo da adottare, optando per quello sopra descritto; Sala n. 2, vista 1 Sala n. 2, vista 1 17

18 3. L arte del sottile: il nome di questa sala rimanda alla raffinata arte della diplomazia, chiamata dai veneziani l arte del sottile. 9 In questo ambiente infatti sono ospitati i ritratti dell ammiraglio Vittore Garzoni e dell ambasciatore Antonio Foscarini, insieme a degli esempi di equipaggiamento per la difesa del corpo durante uno scontro; L arte del sottile. Vista n.1 L arte del sottile. Vista n.2 4. Sala Cima: questo ambiente, che vuole richiamare nel nome la vicina Piazza Cima, si configura come un omaggio al più grande artista coneglianese che la storia abbia finora conosciuto: Giovan Battista Cima. Sono qui ospitate quattro portelle probabilmente di uno stesso organo, che rappresentano il tema dell Annunciazione e i Santi Giuda Taddeo e Giovanni Battista. La sala ospiterà anche uno schermo che trasmetterà un video sulla storia dell artista. Le opere qui esposte, essendo originariamente collocate nella chiesa del convento di San Francesco a Conegliano, erano state inizialmente collocate al piano terra, nella sala che 9 Espressione utilizzata dal professor Marco Zanetto in occasione di una conferenza sulla storia della Repubblica veneziana, tenutasi presso il Circolo Unificato del Presidio Militare di Venezia. In Diplomazia Serenissima, articolo pubblicato il 22 febbraio 2012 sul sito internet dell Esercito italiano. Disponibile all indirizzo 18

19 ospita L arte locale. Trattandosi però di opere del Cima, si è in seguito deciso di conferire maggior rilievo, dedicandogli un intera sala; Sala Cima Vista panoramica delle Sale n. 3 e 4 5. L economia: lo spazio disponibile nel piano ammezzato è stato sfruttato per mostrare, all interno di una teca, la serie di monete della Serenissima, oggi custodite nei Depositi Comunali, insieme ai cinque pesi-tipo della Repubblica di Venezia, idonei al controllo di granaglie e liquidi, o al loro utilizzo su una bilancia, e una misura di capacità per aridi (cereali, legumi ecc.), utilizzata per gli scambi e il pagamento dei tributi; 6. Lapidario: la sala ospita, all interno di tre teche, le lapidi che fanno parte della collezione del Museo. Particolare rilievo espositivo sarà dato a quelle che più risultano legate alla città di Conegliano e alla sua storia. 19

20 La sistemazione delle lapidi ha avuto un iter abbastanza complesso. Inizialmente il progetto prevedeva di ospitarle nella sala n. 4, poi dedicata al Cima, perché le dimensioni dell ambiente sembravano opportune al caso. Successivamente, per le vicende storiche ad esse collegate, si è pensato di collocarle all interno della sala n. 3, ma non essendoci sufficiente superficie espositiva, si rendeva necessaria la creazione di apposite teche con almeno due ripiani, da collocare al centro della sala. L altezza delle teche avrebbe però compromesso la visione d insieme dell ambiente e per questo motivo si è preferito optare per la collocazione nella ex Sala archeologica ; Lapidario 7. Sala del : sono qui esposte opere pittoriche e scultoree realizzate da artisti che hanno lavorato nella Repubblica, datate XVI e XVII secolo. Assume particolare rilievo in questa sala il Cristo crocifisso tra la Madonna, San Giovanni Evangelista e Santa Maria Maddalena, una tavola di piccole dimensioni che presenta le caratteristiche della scuola veneto-cretese, opera che costituisce l unica testimonianza presente nelle collezioni museali dell arte dello Stato da Mar della Serenissima; 8. Sala del 700: a conclusione della visita è posta la sala del 700, che ospita una serie di sei dipinti realizzati nel corso dell ultimo secolo di vita della Serenissima. Da questo ambiente si accede infine al Belvedere, che regala al visitatore un panorama che si estende dalla pianura veneta alla laguna di Venezia, fino alle Prealpi bellunesi. Tale uscita verso l esterno si pone come una sorta di emblema tra quello che è stato il passato, visibile nelle collezioni esposte, e quello che è il presente, simboleggiato dal panorama circostante. 20

21 Sala del Modalità di allestimento e contenitori espositivi Si è deciso di collocare le opere pittoriche sulle pareti, come avviene attualmente, lasciando inalterata la colorazione. Nel precedente allestimento la sala che ospitava la Pinacoteca conteneva un tavolo con varie sedie, utilizzato in occasione di cerimonie. Con la nuova disposizione è stato deciso di ruotarlo nel senso della lunghezza e di diminuire il numero di sedie, le quali potranno essere immagazzinate e recuperate all occorrenza. Solo in due casi, ovvero per la parete posta di fronte all attuale ingresso alla Pinacoteca e per la sala posta all ultimo piano, 10 è stato previsto l inserimento di opere in cartongesso. Nel primo caso si tratta di una parete piana, da addossare davanti alle due piccole finestre, in modo da recuperare superficie espositiva e movimentare lo spazio con uno stacco di colore. Nel secondo caso si tratta invece di una struttura a base quadrata di cm 202 x 260 x 202, sulla quale verranno ospitate tre opere di grandi dimensioni, altrimenti di difficile collocazione, a causa della presenza di tre finestre che limitano lo spazio. Per quanto riguarda il colore di tali pareti è stato scelto il rosso, che richiama il colore della bandiera della Repubblica di Venezia, visibile nell immagine sottostante. Bandiera della Serenissima Repubblica di Venezia 10 Tale sala, caratterizzata dalla presenza di tre grandi finestre su tre lati (il quarto è occupato dalla scala di accesso), attualmente ospita una struttura metallica in cui sono inseriti quattro pannelli esplicativi, che raccontano la storia della città di Conegliano. 21

22 Per esigenze allestitive, è stato inoltre previsto il prolungamento di una parete. Seguono due immagini che ricostruiscono graficamente le scelte appena descritte. Collocazione della tela realizzata da Palma il Giovane Struttura in cartongesso presente nell attuale Sala del 700 Nella sala dedicata al Cima sarà inserito uno schermo che trasmetterà un video sulla storia dell artista. 22

23 Collocazione dello schermo nella Sala Cima Per ciò che concerne l esposizione della collezione numismatica, si è scelto di riutilizzare la teca vuota, attualmente presente nella Sala del 700, mentre per l esposizione dei pesi in bronzo e della misura di capacità si è optato per l inserimento di una mensola. Per l esposizione delle due piccole opere scultoree, collocate nella sala al terzo piano, è stato deciso di utilizzare due delle strutture che attualmente accolgono i busti di Ferruccio Benini, Arturo Toscanini, Marco Casagrande e Lorenzo Da Ponte. Il riutilizzo è possibile con un intervento di adeguamento, che prevede di dipingere la struttura portante di colore rosso e di ridurre, dal punto di vista dimensionale, la parte soprastante in plexiglass. Infine, per l allestimento delle lapidi si è deciso di creare tre apposite vetrine orizzontali da dislocare in maniera perpendicolare rispetto alla scala di accesso al piano superiore: una sarà sospesa e addossata alla parete di fondo, mentre le altre due saranno disposte nella superficie restante. Le vetrine dovranno essere trasparenti, in modo da permettere l osservazione dell oggetto da ogni lato, e attrezzate, ovvero contenenti al loro interno dei sistemi di illuminazione Caratteristiche attualmente già presenti nelle vetrine che accolgono i reperti archeologici. 23

24 Le teche realizzate per il Lapidario Si è cercato di adattare quelle che attualmente ospitano i reperti archeologici, ma non possedendo le caratteristiche dimensionali delle stesse, non è stato possibile stimare se potessero essere sfruttate in questo senso. Nel caso in cui le dimensioni dovessero risultare idonee, l allestimento potrebbe essere eseguito con tali vetrine. 3.7 Strumenti di comunicazione La segnaletica interna ed esterna Per permettere al visitatore di orientarsi al meglio all interno del percorso di visita, si propone di affiggere, all inizio di ogni piano, una pianta con la numerazione e la denominazione delle sale, e che indichi sinteticamente le opere esposte. All ingresso di ogni sala sarà collocata una targhetta che ne indicherà il nome. Per quanto riguarda la segnaletica esterna, si propone di collocare su una o più facce della torre, uno stendardo leggibile anche a distanza, che riporti il nome del Museo e gli orari di apertura. 24

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame 2.5 Pontestura PATRIMONI INDIVIDUATI 1: PALAZZO MUNICIPALE, ARCHIVIO STORICO E DEPOSITO MUSEALE ENRICO COLOMBOTTO ROSSO Il Palazzo, edificato a fine 800, è stato donato al Comune dopo la metà degli anni

Dettagli

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1 di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) San Paolo Albanese Le sue origini sono antiche. Dominio dello stato di Noia (l odierna Noepoli) per molto tempo, tra il 1526 e il 1534 fu popolato dai

Dettagli

Elenco schedatura Beni mobili

Elenco schedatura Beni mobili Il Marketing dei beni culturali del Veneto Orientale Elenco schedatura Beni mobili ANNONE VENETO 1. Affresco Madonna della Pera Antica Chiesa di S. Vitale 2. Altare maggiore/candeliere marmoreo/tabernacolo/copia

Dettagli

ARREDI E ARGENTI DI SAN SERVOLO

ARREDI E ARGENTI DI SAN SERVOLO ARREDI E ARGENTI DI SAN SERVOLO Ufficio Studi Regolamenti manualistica per gli operatori e Progetti speciali Bozza del 9 luglio 2008 - Autore: dott.ssa Anna Pietropolli 0001 1 STATUA (SAN GIOVANNI BATTISTA)

Dettagli

42. Camera degli Sposi Scena di Corte - Andrea Mantenga affreschi - XV sec. Castello di S. Giorgio - Palazzo Ducale - Mantova Interventi conservativi di consolidamento, pulitura e reintegrazione pittorica

Dettagli

SERVIZI OFFERTI Il Museo della Città eroga i seguenti servizi:

SERVIZI OFFERTI Il Museo della Città eroga i seguenti servizi: CARTA DEI SERVIZI DEL COMUNE DI SASSARI Settore Sviluppo Locale, Politiche Culturali e Marketing Turistico Macro categoria attività Museo della Città Finalità attività Il Museo della Città, è il luogo

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

Guardaroba E previsto uno spazio nell atrio del Museo, accanto all ingresso (attualmente utilizzato per biglietteria e bookshop), di mq. 14,40.

Guardaroba E previsto uno spazio nell atrio del Museo, accanto all ingresso (attualmente utilizzato per biglietteria e bookshop), di mq. 14,40. Provincia: racusa Lotto: SR 1 Museo Archeologico Regionale Paolo Orsi Viale Teocrito 66. racusa Tel. 0931 464022 Relazione Biglietteria. Il locale biglietteria è in atto costituito da un ambiente indipendente,

Dettagli

Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE

Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE SETTORE OPERE PUBBLICHE E MOBILITA SERVIZIO BENI MONUMENTALI Locali ex Bazzi siti in Piazza Municipale, Ferrara LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE 1) Localizzazione I locali ex Bazzi occupano parte del piano

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

Arte a Figline Da Paolo Uccello a Vasari

Arte a Figline Da Paolo Uccello a Vasari Arte a Figline Da Paolo Uccello a Vasari Figline Valdarno Palazzo Pretorio 19 ottobre 2013 19 gennaio 2014 la città degli uffizi Città di Figline Valdarno Assessorato alla Cultura Provincia di Firenze

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

Palazzo Cini, la Galleria.

Palazzo Cini, la Galleria. Palazzo Cini, la Galleria. Elenco Opere Primo Piano Sala 1 (Anticamera o Sala della portantina) Dipinti toscani e dell Italia centrale 1 Giunta Pisano (Italia centrale, prima metà sec. XIII) Croce processionale

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 N 14 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 PIANO di GOVERNO del TERRITORIO di PALOSCO- Nuclei di Antica Formazione N.14 Disciplina Spazi Edificati

Dettagli

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, Il mangiafagioli, 1583-1584, Roma, Galleria Colonna 1582 Accademia dei desiderosi, detta poi degli Incamminati,

Dettagli

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura San Pietro di Feletto e i suoi dintorni Arte e Cultura Millenaria Pieve di San Pietro La Pieve di San Pietro, eretta intorno all anno Mille, è uno scrigno d arte e di storia. L ampio porticato ed il campanile

Dettagli

Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi

Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi PREMESSA La Biblioteca del museo del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali si configura

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

IL RESTAURO DI OPERE POLICROME SU LEGNO E TELA Istanbul, 2 dicembre 2012. DAMBRA Laboratorio di restauro Gabriella Forcucci FIRENZE - MILANO

IL RESTAURO DI OPERE POLICROME SU LEGNO E TELA Istanbul, 2 dicembre 2012. DAMBRA Laboratorio di restauro Gabriella Forcucci FIRENZE - MILANO IL RESTAURO DI OPERE POLICROME SU LEGNO E TELA Istanbul, 2 dicembre 2012 DAMBRA Laboratorio di restauro Gabriella Forcucci FIRENZE - MILANO CRISTO CROCIFISSO, Maestro di Camaiore, scultura lignea policroma

Dettagli

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO Datazione: fine XV inizio XVI secolo Collocazione: Breno, chiesa di Sant Antonio, parete nord-est Proprietà: Comune di Breno Autore : Ambito di Giovanni Pietro Da Cemmo

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

Presidio ospedaliero dei SS. Giovanni e Paolo, Venezia: lavori per la nuova collocazione del Centro Prelievi

Presidio ospedaliero dei SS. Giovanni e Paolo, Venezia: lavori per la nuova collocazione del Centro Prelievi Presidio ospedaliero dei SS. Giovanni e Paolo, Venezia: lavori per la nuova collocazione del Centro Prelievi Relazione tecnica e documentazione fotografica 1 Relazione tecnica Oggetto dell intervento L

Dettagli

14/03/2011. Percorso. Scelta dei criteri espositivi. Allestimento. Individuazione oggetti semiofori. Individuazione destinatari e forma.

14/03/2011. Percorso. Scelta dei criteri espositivi. Allestimento. Individuazione oggetti semiofori. Individuazione destinatari e forma. Percorso Allestimento Scelta dei criteri espositivi Individuazione oggetti semiofori Individuazione destinatari e forma Allestimento Insieme di oggetti Progetto organico Valorizzazione delle potenzialità

Dettagli

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA restauro degli affreschi delle decorazioni a tempera di soffitti e pareti degli elementi in cotto e materiale lapideo RELAZIONE TECNICA

Dettagli

ELENCO DEI PROGETTI FINORA APPROVATI E FINANZIATI NELL AMBITO DI INTERREG IV I-A ADMUSEUM BANDO A SPORTELLO (scaduto il 31.12.

ELENCO DEI PROGETTI FINORA APPROVATI E FINANZIATI NELL AMBITO DI INTERREG IV I-A ADMUSEUM BANDO A SPORTELLO (scaduto il 31.12. ELENCO DEI PROGETTI FINORA APPROVATI E FINANZIATI NELL AMBITO DI INTERREG IV I-A ADMUSEUM BANDO A SPORTELLO (scaduto il 31.12.2013) 1) Una forma peculiare di emigrazione bellunese: i gelatieri del Cadore

Dettagli

Correggio - Palazzo dei Principi

Correggio - Palazzo dei Principi CORREGGIO biblio Correggio - Palazzo dei Principi CORREGGIO La Biblioteca Comunale di Correggio si sviluppa sul piano terra ed il piano ammezzato del cinquecentesco Palazzo dei Principi recentemente restaurato.

Dettagli

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda.

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. I maestri veneti del Cinquecento e Il Convito in casa di Simone il fariseo di Paolo Veronese (Verona 1528 Venezia 1588)

Dettagli

COMUNE DI CANARO. Provincia di Rovigo Ufficio Tecnico Comunale. Prot. 12/04/2014 12.30.00 DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

COMUNE DI CANARO. Provincia di Rovigo Ufficio Tecnico Comunale. Prot. 12/04/2014 12.30.00 DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE 1) PREMESSE La realizzazione del Museo Virtuale dedicato al pittore Benvenuto Tisi da Garofolo, rappresenta per l Amministrazione Comunale una priorità assoluta.

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

Gaetano Arricobene Architetto

Gaetano Arricobene Architetto INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIAPERTURA DELLA CRIPTA SACRO MONTE DI VARESE Varese, 29 settembre 2014 Committente: Parrocchia di Santa Maria del Monte via Assunzione, 21-21100 Varese Finanziatori: IL PROGETTO

Dettagli

Pasqua tra le Ville Venete 3 giorni - 2 notti

Pasqua tra le Ville Venete 3 giorni - 2 notti Pasqua tra le Ville Venete 3 giorni - 2 notti PROGRAMMA Sabato Arrivo, e check-in Hotel /Villa Pomeriggio libero o shopping tour (a richiesta e con supplemento) Cena presso rinomato ristorante (a richiesta

Dettagli

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI 1 MUSEI CAPITOLINI Le collezioni dei Musei Capitolini - itinerario - La Pinacoteca Capitolina - Il Tabularium e la Galleria Lapidaria - Il Palazzo dei Conservatori - Mito e storia nelle collezioni di Palazzo

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA Parco Gallipoli Cognato e Piccole Dolomiti Lucane INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA Le attività del Centro sono distribuite in due edifici diversi, distanti

Dettagli

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO

LABORATORIO DELL ACQUA A CAMUGNANO Parco Laghi di Suviana e Brasimone INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ MUSEO DEL BOSCO DI PORANCETO Il Museo è situato in località Poranceto nel comune di Cumugnano ed è ospitato all interno di un unico edificio

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

Il presente elaborato rappresenta la relazione tecnica di cui al punto 2 sopra elencato. RELAZIONE TECNICA

Il presente elaborato rappresenta la relazione tecnica di cui al punto 2 sopra elencato. RELAZIONE TECNICA ALLEGATI TECNICI alla relazione scientifica di carattere museologico per il progetto definitivo del sistema museale di Sestri Levante e di Castiglione Chiavarese Sulla base delle indicazioni presentate

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze

ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze Progetto Definitivo Esecutivo Sistemazione degli uffici ex IRRE Campania in

Dettagli

CENTRO VISITE SILVANO MASSOLO AD AISONE

CENTRO VISITE SILVANO MASSOLO AD AISONE Parco Alpi Marittime INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE DI VERNANTE Il Centro visite è ubicato al piano terra di un edificio posto al centro dell abitato di Vernante in Valle Vermegnana. La struttura

Dettagli

Restauratrice dei beni culturali

Restauratrice dei beni culturali C U R R I C U L U M V I T A E E U R O P A S S INFORMAZIONI PERSONALI Nome Stefania Sartori Nazionalità Italiana OCCUPAZIONE DESIDERATA/ SETTORE PROFESSIONALE Restauratrice dei beni culturali Dal 1996 a

Dettagli

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica Allegati alle NTA A - Allegati sulla qualità architettonica AGGIORNAMENTI: Variante n. 232 approvata con atto di C.C. n. 10 del 24.03.2015 A3 - Disciplinare tecnico per la conservazione e il recupero

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

RELAZIONE STORICO ARTISTICA

RELAZIONE STORICO ARTISTICA Cagliari, chiesa di San Mauro, Restauro cinque sculture lignee raffiguranti gli arcangeli Raffaele, Geudiele, Sealtiele, Uriele e Barachiele (XVIII secolo) RELAZIONE STORICO ARTISTICA Le opere sono conservate

Dettagli

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Attività didattica per l anno scolastico 2010 2011 Il museo, nato nel dicembre 2008 nei suggestivi

Dettagli

IL VERO. Handmade in Tuscany

IL VERO. Handmade in Tuscany IL VERO Handmade in Tuscany by COLORGIS CARAVAGGIO: IL PERCHÉ DELLA MOSTRA Nell anno delle celebrazioni del quarto centenario della morte di Caravaggio, Artevera e l architetto Gianfranco Martinoni, già

Dettagli

Relazione tecnica descrittiva

Relazione tecnica descrittiva Relazione tecnica descrittiva La presente relazione è stata redatta al fine di descrivere le verifiche affrontate e gli interventi che dovranno essere realizzati per la messa in sicurezza della Scuola

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO

ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO Corso di Studi interfacoltà in ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO E DI DIVULGAZIONE PER LE SCUOLE SUPERIORI Visite e incontri tematici Programma 2011 2012 VIAGGIO AL CENTRO DEL RESTAURO L Università degli Studi

Dettagli

Art. 9 Manutenzione ordinaria

Art. 9 Manutenzione ordinaria Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

SEMINARI DI APPROFONDIMENTO

SEMINARI DI APPROFONDIMENTO SEMINARI DI APPROFONDIMENTO a.a.2010/2011 dipartimento di scienze per l architettura direttore: prof. arch. Stefano Francesco Musso PROGRAMMA DEI SEMINARI DI APPROFONDIMENTO per l A.A 2010/2011 Genova,

Dettagli

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65 La Facciata Ci vollero tre secoli per scolpire nella pietra, modellare nel bronzo e figurare con tessere di mosaico il volto del Duomo, delineandolo attraverso un articolato programma narrativo incentrato

Dettagli

(Proposta didattica per scuole dell obbligo)

(Proposta didattica per scuole dell obbligo) Percorsi e giochi intor no a Venezia (Proposta didattica per scuole dell obbligo) Sei un insegnante e hai in programma una visita a Venezia con i tuoi alunni? Affidati a macacotour! Il primo servizio pensato

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE DOTAZIONI PREVISTE PER CIASCUN AMBIENTE

DESCRIZIONE DELLE DOTAZIONI PREVISTE PER CIASCUN AMBIENTE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Il presente progetto comprende forniture, attrezzature e opere complementari per l allestimento del punto informativo centrale dell Ecomuseo della Montagna

Dettagli

Istituto di Ricerche Storiche e Archeologiche di Pistoia

Istituto di Ricerche Storiche e Archeologiche di Pistoia Istituto di Ricerche Storiche e Archeologiche di Pistoia Con la presente siamo ad inviarvi informazioni riguardanti la nostra rete museale, gestita dall Istituto di Ricerche Storiche e Archeologiche di

Dettagli

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana Pittura del 1200 e del 1300 Prof.ssa Ida La Rana Per molti secoli in Italia latradizione della pittura bizantina mantiene una profonda influenza sulla figurazione. Dalla metà del XIII secolo iniziano però

Dettagli

Fig. 1 L elemento più caratterizzante dell intervento

Fig. 1 L elemento più caratterizzante dell intervento BRESCIA biblio 1. Fig. 1 L elemento più caratterizzante dell intervento è senza dubbio il banco di accoglienza per quattro operatori nell area ricezione e prestito al piano terra. Spesso il mobile ricezione

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI SESTRI LEVANTE PROGETTO DEFINITIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL PALAZZO FASCIE ROSSI POLO CULTURALE E MUSEALE PER LA CITTA E PER IL TIGULLIO ORIENTALE IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

Dettagli

PERCORSI PER LA SCUOLA PRIMARIA

PERCORSI PER LA SCUOLA PRIMARIA I percorsi proposti dalla Sezione Didattica dell Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi all interno della Pinacoteca di Brera sono condotti grazie all ausilio di materiale didattico, appositamente

Dettagli

Le fotografie come fonte per il restauro

Le fotografie come fonte per il restauro Le fotografie come fonte per il restauro Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico per le province di Bologna, Ferrara, Forlì Cesena, Ravenna e Rimini Soprintendenza per il

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

ORARI SANTE MESSE. Festivo Invernale 8,30; 11,00; 18,00 (19,00 nel mese di maggio) Estivo 8,30; 20,00

ORARI SANTE MESSE. Festivo Invernale 8,30; 11,00; 18,00 (19,00 nel mese di maggio) Estivo 8,30; 20,00 ORARI SANTE MESSE Parrocchia S. Michele Arcangelo Albidona Festivo Invernale 8,30; 10,30 Estivo 8,30; 10,30 Parrocchia Sant Alessandro Martire Alessandria del Carretto Feriale Invernale 8,30 Estivo 8,30

Dettagli

Residenza 25 VERDE MODERNO APPARTAMENTO San Salvario (Valentino) TO

Residenza 25 VERDE MODERNO APPARTAMENTO San Salvario (Valentino) TO IL QUARTIERE Il Po di Torino e la vista sulla Mole Parco del Valentino San Salvario (Valentino) appartamento in una delle È uno dei quartieri centrali più verdi di Torino, poiché nella sua parte orientale,

Dettagli

1. PARTICOLARITA DEL TESSUTO POLYSCREEN RISPETTO AD ALTRI ARTICOLI. GENERALITA.

1. PARTICOLARITA DEL TESSUTO POLYSCREEN RISPETTO AD ALTRI ARTICOLI. GENERALITA. Tutto sul POLYSCREEN 1 INTRODUZIONE: PERCHE IL POLYSCREEN AD ALTA TENACITA? VERTISOL ha scommesso sulla scelta del poliestere ad alta tenacità in seguito alle alte prestazioni ottenute con questo tipo

Dettagli

Seicento lombardo a Brera Capolavori e riscoperte. a cura di Simonetta Coppa e Paola Strada. 8 ottobre 2013 12 gennaio 2014

Seicento lombardo a Brera Capolavori e riscoperte. a cura di Simonetta Coppa e Paola Strada. 8 ottobre 2013 12 gennaio 2014 Seicento lombardo a Brera Capolavori e riscoperte a cura di Simonetta Coppa e Paola Strada 8 ottobre 2013 12 gennaio 2014 Pinacoteca di Brera, sale XXX-XXXIV La Pinacoteca di Brera possiede un ingente

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

FOTO VENETO. L'arena di Verona vista dall'alto. Foto inserita da Roberto Boccalatte. L'arena di Verona. Foto inserita da Roberto Boccalatte.

FOTO VENETO. L'arena di Verona vista dall'alto. Foto inserita da Roberto Boccalatte. L'arena di Verona. Foto inserita da Roberto Boccalatte. FOTO VENETO Lo Stemma Lo stemma della Regione è costituito dalla rappresentazione del territorio regionale con il mare, la pianura e i monti. In primo piano è raffigurato il leone di S. Marco; nel cielo

Dettagli

LUSSORIO DANIELE CAREDDA ESPERIENZA LAVORATIVA SOPRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI MUSEI VATIICANI ROMA

LUSSORIO DANIELE CAREDDA ESPERIENZA LAVORATIVA SOPRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI MUSEI VATIICANI ROMA LUSSORIO DANIELE CAREDDA Sito internet E-mail Nazionalità Data di nascita Www.danielelussoriocaredda.it lussoriodaniele@hotmail.it Italiana 14/12/82 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (dal 11/02/2013... ) SOPRINTENDENZA

Dettagli

Tesori Sacri 2005. Esito del bando

Tesori Sacri 2005. Esito del bando Tesori Sacri 2005 Esito del bando Al bando Tesori Sacri 2005 hanno aderito 127 progetti, di cui 105 dal Piemonte e 22 dalla Liguria. A conclusione delle procedure di valutazione effettuate dagli Uffici,

Dettagli

ACUSTICA EDILIZIA. Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante:

ACUSTICA EDILIZIA. Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante: ACUSTICA EDILIZIA Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante: a) definizione dei limiti di benessere; b) individuazione e caratterizzazione delle fonti di

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8 Allegato E COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico (art. 55 LRT n. 1/05) Norme Tecniiche dii Attuaziione Variante parziale Allegato 8 Elenco dei materiali da impiegare

Dettagli

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto RELAZIONE TECNICA L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto dell intervento è individuata come Area Franca ed istituita dalla Regione Calabria con legge

Dettagli

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Ministero Istruzione Università e Ricerca Inserire ritratto fotografico e/o foto di un opera (facoltativo, ma suggerito) Prof. _MANUELA FARINELLI Materia di insegnamento: TECNICHE DELLA LAVORAZIONE DEI

Dettagli

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche.

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione...

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... Sommario 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 4 Pagina 1 di 6 1. Premessa Il recupero funzionale della conca di navigazione

Dettagli

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

cantiere VIA CUSANI 5, MILANO Disponibilità e prezzi

cantiere VIA CUSANI 5, MILANO Disponibilità e prezzi www.filcasaimmobili.it cantiere VIA CUSANI 5, MILANO Tel. 02/89093172 Disponibilità e prezzi 1) APPARTAMENTO 1.5 1 piano Piano 1 e ammezzato Ammezzato Magnifico appartamento con alti soffitti riccamente

Dettagli

Zona notte. PROGE T TA ZIONE E DIREZIONE LAVORI StudioAta www.studioata.com

Zona notte. PROGE T TA ZIONE E DIREZIONE LAVORI StudioAta www.studioata.com Zona notte Una lunga striscia di LED, incassata nel soffitto del soppalco, illumina la zona pranzo sottostante. Questa scelta, funzionale e d effetto, sostituisce egregiamente il classico lampadario. PROGE

Dettagli

Creazione di pannelli informativi e audioguide per non vedenti Installazione in ogni luogo verdiano (casa natale, musei dedicati, ecc.

Creazione di pannelli informativi e audioguide per non vedenti Installazione in ogni luogo verdiano (casa natale, musei dedicati, ecc. In via sperimentale per l itinerario verdiano in Emilia Romagna state fornite indicazioni puntuali, con metodologia C.A.R.E., rispetto all accessibilità per disabili. Esempio di indicazioni fornite: misura

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA

ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA Relazione tecnica ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICHE ALLA VIABILITA DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI E DELLE CARATTERISTICHE DELLE OPERE PREMESSA Il Comune di Sotto

Dettagli

S.T.U.D.I.O RESTAURO. Luogo e data di nascita: Alzano Lombardo (BG), il 26 ottobre 1973. silviacovelli@pec.it

S.T.U.D.I.O RESTAURO. Luogo e data di nascita: Alzano Lombardo (BG), il 26 ottobre 1973. silviacovelli@pec.it DATI PERSONALI Nome e Cognome : Silvia Covelli Luogo e data di nascita: Alzano Lombardo (BG), il 26 ottobre 1973 Indirizzo: Via Acerbis 14, Alzano Lombardo (Bg) Telefono: 347 8158476 Posta elettronica:

Dettagli

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390 ELENCO OPERE VIENNA ALBERTINA 1. Francesco Borromini Schizzo con le misure di S. Pietro, 1631 Mm. 263 x 394 2. Gian Lorenzo Bernini Studi per il coronamento del Baldacchino, 1631 3. Francesco Borromini

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

QUESTIONARIO N. 6 AMMINISTRAZIONE E CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLE BIBLIOTECHE

QUESTIONARIO N. 6 AMMINISTRAZIONE E CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLE BIBLIOTECHE QUESTIONARIO N. 6 AMMINISTRAZIONE E CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLE BIBLIOTECHE A proposito della gestione contabile-amministrativa delle biblioteche pubbliche occorre distinguere tra quelle statali

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL MUSEO GALLERIA D ARTE MODERNA DI MILANO

CARTA DEI SERVIZI DEL MUSEO GALLERIA D ARTE MODERNA DI MILANO CARTA DEI SERVIZI DEL MUSEO GALLERIA D ARTE MODERNA DI MILANO CHE COS É LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei servizi costituisce lo strumento attraverso cui il Museo comunica con i propri utenti e si confronta

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Elaborato E2 COMUNE DI SESTRI LEVANTE Località San Bartolomeo della Ginestra Zona di P.U.C.: AC(B3) E1 (TPA) territorio di presidio ambientale agricolo Istanza Permesso di Costruire in variante al P.U.C.

Dettagli

PELLICOLE PER IL CONTROLLO SOLARE

PELLICOLE PER IL CONTROLLO SOLARE Sede COMM. :CORSO S. GIOVANNI A TEDUCCIO, 928 80046 NAPOLI TEL. 081-479411 479726 FAX. 081-481809 PELLICOLE PER IL CONTROLLO SOLARE Pellicole riflettenti da interno per il controllo solare RLW 150 G15

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco della Maremma CENTRO VISITE ALBERESE Il Centro ubicato in frazione Alberese a Grosseto, si articola su due piani e dispone di due ingressi. Dall ingresso principale è possibile

Dettagli

TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1. TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE. DURATA Temporaneo T

TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1. TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE. DURATA Temporaneo T TIPO D IMPIANTO STRISCIONE 1 TIPOLOGIA D USO Pubblicità Esterna PE DURATA Temporaneo T DESCRIZIONE E CARATTERI DIMENSIONALI Elemento bidimensionale, situato trasversalmente su vie o piazze, sostenuto unicamente

Dettagli

Completamento dell allestimento permanente della scuderia juvarriana

Completamento dell allestimento permanente della scuderia juvarriana Completamento dell allestimento permanente della scuderia juvarriana PROGETTO D ALLESTIMENTO MUSEOGRAFICO E INSTALLAZIONI ESPOSITIVE PERMANENTI PER L ESPOSIZIONE AL PUBBLICO DELLA Peota sabauda e carrozze

Dettagli

GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA

GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA GLI OROLOGI DEL MUSEO DELL OROLOGERIA PESARINA SVEGLIARINI MONASTICI Svegliarino costruito nel 1993 Questi orologi risalgono al XIII secolo furono brevettati per sostituire i svegliatori ad acqua in uso

Dettagli

F. Concessione in uso degli ambienti monumentali

F. Concessione in uso degli ambienti monumentali F. Concessione in uso degli ambienti monumentali Conferenze, convegni, manifestazioni ed esposizioni temporanee La concessione in uso degli ambienti di Palazzo Vecchio per conferenze, convegni, manifestazioni

Dettagli

L ex chiesa di San Pietro da cappella gentilizia a Museo civico di arte sacra

L ex chiesa di San Pietro da cappella gentilizia a Museo civico di arte sacra 123-124 Basilicata Regione Notizie L ex chiesa di San Pietro da cappella gentilizia a Museo civico di arte sacra Edificata a Moliterno per volere di Giovanni Parisi nel 1576 ristrutturando un antica cappella

Dettagli

REQUISITI E PRESTAZIONI DEL SISTEMA AMBIENTALE

REQUISITI E PRESTAZIONI DEL SISTEMA AMBIENTALE REQUISITI E PRESTAZIONI DEL SISTEMA AMBIENTALE SCHEDA DI ANALISI PRESTAZIONALE DEL SISTEMA AMBIENTALE Unità immobiliare Planimetria edificio e contesto: orientamento e caratteri del sito SCHEDA DI ANALISI

Dettagli

CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo.

CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo. CANTIERE CULTURA: dal dire al fare pubblico e privato. ricerca e tecnologia. turismo. Nuove opportunità di lavoro. innovazione per le smart cities Recupero, conservazione e prevenzione. Il caso del complesso

Dettagli

Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it

Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it ITINERARIO 4. Sito UNESCO La città di Vicenza e le Ville del Palladio nel Veneto (Villa Foscari-La Malcontenta, in Comune di Mira Provincia di Venezia); Da Padova a Venezia lungo la Riviera del Brenta.

Dettagli

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14 Piazzetta Cardo Nord Est mag. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI AREE EVENTI CLUSTER

Dettagli

DIOCESI DI TEANO-CALVI

DIOCESI DI TEANO-CALVI DIOCESI DI TEANO-CALVI Complesso Parrocchiale di San Paride l architettura il luogo la riconoscibilità la forma la materia il culto l iconografia la protezione l accoglienza l architettura le scelte formali

Dettagli

INDAGINI DI CUSTOMER SATISFACTION NEI MUSEI DEL SISTEMA MUSEALE PROVINCIALE

INDAGINI DI CUSTOMER SATISFACTION NEI MUSEI DEL SISTEMA MUSEALE PROVINCIALE INDAGINI DI CUSTOMER SATISFACTION NEI MUSEI DEL SISTEMA MUSEALE PROVINCIALE Settembre 2009 a cura di Paola Ballotari SOMMARIO Il Sistema Museale della Provincia di Mantova, grazie ad un contributo della

Dettagli