Conegliano ai tempi della Serenissima

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conegliano ai tempi della Serenissima"

Transcript

1 Conegliano ai tempi della Serenissima Progetto a cura di Alessandra Renna Campo dei Gesuiti, Cannaregio Venezia Cell

2

3 Indice Introduzione Analisi dell attuale percorso di visita Conegliano ai tempi della Serenissima Organizzazione dello spazio e dell allestimento La biglietteria Il percorso di visita L illuminazione Proposte per la riduzione del rumore Le sale: denominazioni, contenuti e motivazione delle scelte Modalità di allestimento e contenitori espositivi Strumenti di comunicazione Stima dei costi di adeguamento Le opere I materiali selezionati dai Depositi Comunali Le opere scelte e la nuova ricollocazione Appendice A Appendice B Bibliografia Sitografia... 39

4

5 Introduzione Il seguente elaborato è stato redatto ai fini della partecipazione al Concorso di idee per la riprogettazione del percorso espositivo del Museo Civico del Castello di Conegliano. L obiettivo è fornire alcune soluzioni alle problematiche riscontrate durante la visita, in termini di percorso espositivo e di organizzazione degli spazi e dell allestimento. L analisi è stata condotta tramite la visita al Museo, lo studio della documentazione fornita (elenchi opere, schede catalografiche, planimetrie), la visione del materiale conservato presso i Depositi Comunali, le ricerche bibliografiche riguardanti la storia del Museo, la città di Conegliano e i territori vicini. Individuato il taglio storico-artistico, le successive ricerche si sono focalizzate sull arco di tempo prescelto, individuato nei secoli compresi tra il XIV ed il XVIII, periodo in cui Conegliano è stata dedita alla Serenissima Repubblica di Venezia. Il primo capitolo è dedicato all analisi dell attuale percorso di visita, che ha permesso di individuare alcune problematiche classificate in relazione alla loro natura. Il capitolo successivo presenta il taglio storico che si è voluto dare alle collezioni. Il terzo capitolo costituisce il cuore della proposta, focalizzandosi su aspetti quali il percorso di visita, l illuminazione, la riduzione del rumore di calpestio, la ricollocazione della biglietteria, le modalità di allestimento e gli strumenti di comunicazione. Il capitolo che segue propone una sintetica stima dei costi di adeguamento. Infine l ultimo capitolo, corredato da due appendici, riporta l elenco delle opere inserite nel percorso di visita, con relativa collocazione in pianta, l elenco di quelle rimosse e i materiali inseriti provenienti dai Depositi Comunali. L elaborato testuale è stato integrato con la componente grafica, attraverso l ausilio del software Google SketchUp, che ha permesso di ricreare gli ambienti espositivi, utilizzando la grafica 3D. 5

6

7 1 Analisi dell attuale percorso di visita Visitando il Museo Civico di Conegliano, allestito all interno della torre del Castello, sono emerse problematiche di diverse tipologie. Al fine di comprendere al meglio la situazione attuale ed individuare delle soluzioni plausibili, sono state classificate e analizzate le criticità riscontrate come segue: problemi strutturali: a partire dal piano primo il pavimento della struttura è costituito da assi in legno che, usurate dal tempo, presentano fessure in prossimità dei punti di giunzione, anche di una certa entità, come ad esempio accade nell attuale Sala del Teatro e della Musica (piano terzo). L attrito tra un asse e l altra provoca un forte rumore di calpestio e le vibrazioni prodotte dai passi, in particolare nella Sala archeologica, portano ad una consistente oscillazione delle vetrine ed al conseguente spostamento dei reperti in esse conservate; problemi di accessibilità: la torre del Castello, non essendo dotata né di ascensori, né di rampe, né di montascale, risulta totalmente inaccessibile ad un potenziale visitatore che abbia ridotte o impedite capacità motorie. Adeguare l intera struttura agli standard previsti dalla legge è certamente un operazione onerosa, ma non vi è dubbio che si tratti di un intervento necessario e doveroso, al fine di permettere a chiunque di visitare il Museo. Oltre alla questione etica, certamente non trascurabile, si dovrebbe pensare al caso in cui un gruppo di persone, che conta al suo interno un disabile, decidesse di visitare la struttura. Cosa accadrebbe? Nella migliore delle ipotesi solo una parte del gruppo visiterebbe il Museo, mentre nella peggiore e forse più verosimile, l intero gruppo potrebbe decidere di rinunciarvi, proprio a causa delle barriere architettoniche; assenza di servizi igienici: dalla pianta dell edificio fornita è possibile notare la presenza di un bagno che ad oggi risulta inaccessibile ai visitatori. Come accade per altre strutture pubbliche tale servizio dovrebbe essere garantito; problemi relativi ai criteri di allestimento: verranno ora analizzate le problematiche più inerenti il percorso di visita e la sua attuale organizzazione. A tal proposito è necessario evidenziare che non risulta chiaro il criterio espositivo utilizzato. Le opere, nell attuale collocazione, non seguono una logica tematica, né cronologica, né orientata verso un particolare artista o scuola. Un ulteriore considerazione è data dal fatto che, ogni sala della torre ha una sua denominazione, la quale rimanda o a caratteristiche specifiche, legate alla sua architettura (pensiamo alla Sala del camino, piano primo), o alle raccolte in esse conservate (come nel caso della Sala archeologica, piano secondo). La visita ha permesso di riscontrare che in diversi casi risulta mancante una netta corrispondenza tra il nome della sala e ciò che vi è esposto al suo interno. Un caso fra tutti. Si pensi alla sala chiamata Lapidario, che per definizione dovrebbe essere una raccolta di 7

8 iscrizioni su pietra e lapidi mentre, nell organizzazione attuale, si configura come una raccolta di lapidi, affreschi e sculture. Data la natura fortemente eterogenea delle collezioni che costituiscono il patrimonio del Museo, è essenziale trovare un filo logico che permetta di fare ordine e consentire al visitatore di non smarrirsi all interno del percorso espositivo, facilitandogli la visita; problemi relativi alla selezione delle opere da esporre: oltre ad essere eterogenei, i materiali esposti sono anche numerosi se raffrontati con la superficie espositiva disponibile. La torre infatti dispone di sale che presentano dimensioni medio-piccole, ad eccezione dell ambiente dove è ospitata l attuale Pinacoteca. Scegliere delle opere da esporre, escludendone altre dal percorso di visita, è sicuramente difficile ma necessario, in quanto il principio guida da seguire dovrebbe essere quello di esporre pochi oggetti, ma in maniera adeguata. Entra in gioco così il criterio espositivo prescelto, che permette di operare la selezione, misto ad un pizzico di logica e a qualche nozione di Museografia. Bisognerebbe evitare una sistemazione delle opere simile a quella visibile oggi sulla parete di ingresso alla Pinacoteca (immagine sottostante), caratterizzata da una sorta di affollamento delle pareti, che non fa che nuocere alla qualità della presentazione; Attuale collocazione delle opere sulla parete di ingresso alla Pinacoteca assenza di apparati illustrativi: nello stato attuale, l unico tentativo di divulgare informazioni ulteriori rispetto a ciò che è riportato nella didascalia, risulta essere quello relativo all affresco del Pordenone. Le stesse didascalie in molti casi risultano lacunose nei dati essenziali. Premesso che il Museo è, o dovrebbe essere, adatto a tutti, il suo allestimento deve tenere in considerazione la diversità dell utenza. Per questo motivo sarebbe necessario estendere per quanto possibile la fruibilità ai diversi livelli di esigenza e preparazione culturale del visitatore, diversificando le offerte di informazione. Il risultato è raggiungibile semplicemente inserendo nel percorso di visita dei pannelli esplicativi brevi e concisi, che 8

9 aiutino il visitatore che ne senta l esigenza ad orientarsi, accedendo facilmente alle informazioni; problematiche relative all illuminazione e al microclima: il sistema di illuminazione artificiale adottato presenta soluzioni molto varie: faretti disposti su binari elettrificati e lucernari per la Pinacoteca ; un lampadario con lampadine a basso consumo energetico per il Lapidario e la Sala del Camino ; illuminazione a parete per le sale del 700, del Teatro e della Musica, delle Madonne; vetrine attrezzate nella Sala archeologica. Nella maggior parte dei casi, tali tipologie di illuminazione si sono dimostrate inadeguate, a causa della creazione di riflessi che hanno impedito la corretta osservazione delle opere. Per quando riguarda la luce naturale è da sottolineare il fatto che, molte finestre non presentano una schermatura di protezione dai raggi solari, molto dannosi soprattutto per certi tipi di materiali. Nei casi in cui la schermatura è presente, la stessa risulta danneggiata in maniera evidente. Veniamo ora alle condizioni microclimatiche. Non è stata rilevata la presenza di alcuno strumento che permettesse la misurazione di temperatura e umidità relativa, fattori che se non controllati favoriscono l accelerazione del degrado delle opere. Considerazioni In breve ciò che è venuto alla luce è una certa mancanza di appeal, mentre uno degli obiettivi primari dovrebbe essere suscitare la curiosità e attrarre il visitatore. È quindi necessario svecchiare l intero Museo, rinnovandolo in un ottica più contemporanea, nel massimo rispetto della storicità dell edificio in cui è ospitato. 9

10

11 2 Conegliano ai tempi della Serenissima Analizzata la situazione attuale, è arrivato il momento di esporre l idea circa la nuova organizzazione degli ambienti e delle opere che faranno parte del percorso espositivo. L idea progettuale, come apparirà evidente dal titolo del presente elaborato, Conegliano ai tempi della Serenissima, è incentrata su un taglio storico ben preciso, che prende in considerazione i secoli in cui la città di Conegliano è stata dedita alla Serenissima Repubblica di Venezia. Si tratta del periodo compreso fra il 23 marzo 1337, giorno in cui Conegliano, per affrancarsi dagli Scaligeri, signori di Verona, decide spontaneamente di consacrarsi alla Repubblica Veneta, e il 12 maggio 1797, giornata passata alla storia come el tremendo zorno del dodexe 1, che segna la caduta della Serenissima e la consegna della città di Venezia nelle mani di Napoleone. La scelta di dare al Museo l impronta storica appena descritta è giustificata da diverse motivazioni. Dall analisi delle collezioni museali è infatti emerso che, buona parte delle opere possedute, sono cronologicamente attinenti al periodo in esame e sono state realizzate da artisti per lo più veneti o che hanno lavorato nei territori appartenuti alla Repubblica. Alcune opere, inoltre, richiamano in maniera diretta la dipendenza della città di Conegliano dalla Serenissima, come accade, ad esempio nel caso delle due lapidi a rilievo che rappresentano il leone di San Marco. In altri casi, invece, il periodo in esame è protagonista attraverso opere che ricordano importanti esponenti di famiglie veneziane, come accade con i ritratti dell ambasciatore Antonio Foscarini e dell ammiraglio Vittore Garzoni, o che riflettono aspetti della vita economica, come avviene per i cinque pesi-tipo della Repubblica di Venezia, così identificati per la presenza del leone marciano su ognuno di essi 2. A sostegno di tale scelta vi è inoltre la presenza, nell attuale Lapidario, di un plastico in scala 1/72, realizzato dal trevigiano Ennio Tiveron, che ricostruisce il sito del castello di Conegliano così com era ai tempi della Serenissima Repubblica 3. Infine bisogna ricordare alcune peculiarità degli ambienti in cui il Museo è ospitato. Il riferimento è alla sala che ospita il camino veneziano, composto da una grande cappa che sovrasta il focolare, la quale ricalca le forme del corno dogale 4. Tutte queste motivazioni hanno indotto ad effettuare una selezione del materiale da esporre, al fine di conciliare la tematica prescelta con l organizzazione degli spazi, e con un ordinamento il più possibile coerente, avendo come obiettivo quello di creare, come indicato nel Bando di Concorso, una connessione fra le collezioni oggetto di riorganizzazione. 1 I. Cacciavillani, Lo Stato da Terra della Serenissima, Padova, Think ADV 2007, p S. Trichies, Pesi, scheda catalografica n 85, Conegliano, ASTARTE Il plastico di Ennio Tiveron, in «La Tribuna di Treviso», 29 maggio 2004, p Il Museo Civico del Castello di Conegliano. Disponibile all indirizzo 11

12

13 3 Organizzazione dello spazio e dell allestimento 3.1 La biglietteria Rispetto all organizzazione attuale degli spazi, il cambiamento più importante che il progetto prevede è la ricollocazione della biglietteria. Lo spostamento risulta necessario per due ragioni: 1) l accesso all attuale struttura che accoglie la biglietteria non è funzionale per chi ci lavora in quanto, prima di entrare al suo interno, l impiegato dovrebbe passare per l attuale Pinacoteca e poi per il Lapidario, nel quale si trova un antiestetico pannello in legno scorrevole, che funge da porta di ingresso. È stato utilizzato il condizionale perché si è notato che l accesso non avviene sempre nel modo descritto, ma a volte si preferisce, in maniera più rapida, entrare attraverso una bassa anta che si trova esattamente al di sotto della vetrata che permettere l interfacciamento con l utenza; 2) spostare la biglietteria vorrebbe anche dire liberare un varco di accesso. Sarebbe infatti possibile sfruttare tale varco in modo da creare un nuovo percorso di visita. Lo spostamento della biglietteria pone però il problema della sua ricollocazione. La soluzione proposta è quella di trasformare il vano sottoscala, attiguo all ingresso della Pinacoteca, nella nuova biglietteria, realizzando una struttura simile a quelle visibile nel modello 3D sottostante, eseguito con l ausilio del software Google SketchUp. Svolgendo dei calcoli è risultato che tale spazio sarebbe sufficiente per ospitare la funzione in oggetto. Vano biglietteria proposto 13

14 Altra soluzione pensata è quella di collocare la biglietteria nel giardino esterno al Castello, all interno di un box in legno, simile a quello nell immagine sottostante. Esempio di box in legno in cui ospitare la biglietteria Questa soluzione potrebbe portare, come conseguenza positiva, ad una sorta di apertura del Museo verso l esterno, rendendolo più vicino alla gente, suscitando la curiosità di coloro che si trovano nel giardino o presso il ristorante che ha sede nella Torre Saracena. Ma, per contro, risulterà sicuramente più costosa. 3.2 Il percorso di visita Oggi il fruitore, dopo aver acquistato il biglietto, inizia la sua visita dirigendosi verso la Pinacoteca (primo ambiente espositivo); accede poi al Lapidario (secondo ambiente espositivo) e a questo punto è costretto a tornare indietro, attraversando nuovamente la Pinacoteca, per recarsi ai piani superiori. La ricollocazione della biglietteria, con la conseguente liberazione del varco, ha permesso una nuova ridefinizione dell ordine di accesso ai diversi ambienti. Ordine proposto: ORDINE ACCESSO AMBIENTI ATTUALE DENOMINAZIONE PIANO 1 Lapidario Terra 2 Pinacoteca Terra 3 Sala del Camino Primo 4 Sala del '700 Primo 5 Sala delle Madonne Ammezzato 6 Sala Archeologica Secondo 7 Sala del Teatro e della Musica Terzo 8 - Quarto 14

15 Questo nuovo ordinamento rende più fluido e lineare il percorso di visita. Considerata la nuova collocazione della biglietteria nel vano sottoscala, sarebbe stato più logico mantenere l attuale percorso (prima Pinacoteca, poi Lapidario ) permettendo l uscita verso i piani superiori dal varco posto esattamente davanti alle scale (ovvero dal Lapidario ), ma ciò non è stato possibile a causa della funzione che la prima sala dovrebbe assolvere. Il progetto prevede infatti che il primo ambiente sia destinato all inquadramento storico e alla presentazione delle collezioni museali al pubblico. Per tale motivo, un ambiente di grandi dimensioni come è la Pinacoteca, non risulta consono allo scopo. Anche la vagliata possibilità di suddividere la sala attraverso una parete divisoria, è risultata sconveniente, in quanto tale intervento avrebbe prodotto solo una riduzione della superficie espositiva. 3.3 L illuminazione L obiettivo principale dell illuminazione in un museo è favorire una fruizione ottimale delle opere d arte, e al tempo stesso proteggerle dai danni che le radiazioni luminose possono provocare sui materiali più sensibili. Attenendosi agli standard fissati dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali 5 in materia di illuminazione, per quanto concerne la luce naturale, proveniente dalle finestre, è necessario utilizzare dei filtri anti UV, che impediscano alle radiazioni di raggiungere le opere. La soluzione elaborata per quanto riguarda la luce artificiale prevede la rimozione di tutti i lampadari e dell illuminazione a parete, sostituendo queste fonti con apparecchi illuminanti su binari elettrificati, simili a quelli presenti oggi nell ambiente che ospita la Pinacoteca, al fine di poter direzionare al meglio la fonte luminosa, evitando così fastidiosi riflessi che impediscono la corretta visione delle opere. 3.4 Proposte per la riduzione del rumore Varie ricerche hanno portato ad individuare tre diverse soluzioni per ottenere l isolamento acustico dei pavimenti dai rumori di calpestio. I tre possibili interventi sono 6 : 1. la moquette, che offre un ottima riduzione del rumore d urto unita ad un elevato assorbimento acustico; 2. il pavimento galleggiante su materiali elastici, che prevede la costruzione di un massetto isolato dalla struttura, che può essere pavimentato con qualsiasi tipo di materiale, sul quale si localizzerà e conterrà il rumore di calpestio. Questa soluzione prevede quindi di interrompere la continuità della struttura con un materiale morbido ed elastico che blocchi la vibrazione; 5 D. M , Atto di indirizzo sui criteri tecnico-scientifici e sugli standard di funzionamento e sviluppo dei musei. Disponibile all indirizzo 6 Isolamento acustico dei pavimenti dai rumori di calpestio, in Guida all isolamento acustico e termico dei fabbricati, p. 11. Disponibile all indirizzo 15

16 3. il controsoffitto, che consiste nel foderare il locale disturbato dal rumore con una superficie piana e leggera. Tale intervento però è limitato al locale in cui l opera edile viene realizzata, perciò le vibrazioni sono libere di propagarsi per tutta la struttura. Data la natura storica dell edificio e il rispetto del contenimento dei costi, la soluzione che si potrebbe adottare, se fosse possibile coprire il pavimento attuale, sarebbe la moquette del tipo agugliata, compatta, a pelo rasato e con superficie liscia 7. Tale tipologia di moquette, essendo molto resistente all usura, è particolarmente indicata per ambienti molto transitati e di frequente passaggio ed è solitamente impiegata per allestimenti fieristici, mostre, congressi ed esposizioni in generale Le sale: denominazioni, contenuti e motivazione delle scelte Il progetto prevede di rinominare gli ambienti espositivi così come viene proposto nella tabella sottostante: ORDINE ACCESSO AMBIENTI ATTUALE DENOMINAZIONE PIANO NUOVA DENOMINAZIONE 1 Lapidario Terra Conegliano tra arte e storia 2 Pinacoteca Terra L'arte locale 3 Sala del Camino Primo L'arte del sottile 4 Sala del '700 Primo Sala Cima 5 Sala delle Madonne Ammezzato L'economia 6 Sala Archeologica Secondo Lapidario 7 Sala del Teatro e della Musica Terzo Sala del '500-' Quarto Sala del '700 Le nuove denominazioni sono state scelte in riferimento a ciò che le sale espongono, come si evince dalla descrizione che segue: 1. Conegliano tra arte e storia: questo primo ambiente funge da sala introduttiva, permettendo al visitatore di orientarsi attraverso delle brevi coordinate storiche, utili per la comprensione di ciò che andrà ad osservare nelle successive sale. Un breve focus sulla storia della città di Conegliano in relazione al legame con la Serenissima, sarà accompagnato da una linea del tempo, che riporterà i fatti storici, artistici (ad es. nascita/morte di un artista, data di realizzazione di un importante opera ecc.) e sociali più rilevanti del periodo. Nella stessa sala sarà inoltre ospitato il plastico realizzato dal trevigiano Ennio Tiveron, che mostra la Rocca di Castelvecchio così com era ai tempi della Repubblica; 7 Moquette: perché e come sceglierla, in «La Stampa», 6 agosto Disponibile all indirizzo 8 Le informazioni sulla moquette agugliata sono disponibili all indirizzo 16

17 2. L arte locale: con questa sala si entra nel vivo dell esposizione. Vengono qui presentati affreschi e dipinti provenienti da chiese, conventi e palazzi situati nei dintorni di Conegliano o da territori facenti parte dei domini della Serenissima (Spilimbergo, Porcia). Si tratta di opere che abbracciano il periodo compreso tra il XV ed il XVII secolo. Inizialmente, il criterio espositivo pensato per l intero edificio si basava su una scansione cronologica: il piano terra avrebbe dovuto ospitare le opere più antiche (datate XV e XVI secolo), mentre i piani superiori quelle più recenti. In tale suddivisione è stato però riscontrato un potenziale problema logistico: al piano terra è infatti ospitata la grande tela realizzata da Palma il Giovane tra il 1614 ed il 1616, la quale misura cm 335 x 229,5, che secondo il criterio iniziale, doveva essere posizionata ai piani superiori. Considerati gli ambienti, le dimensioni dei vani scale e delle finestre (per un eventuale spostamento dall esterno) risulta difficile, se non impossibile, collocare nei piani superiori tale opera. Per questo motivo si è preferito ripensare al criterio espositivo da adottare, optando per quello sopra descritto; Sala n. 2, vista 1 Sala n. 2, vista 1 17

18 3. L arte del sottile: il nome di questa sala rimanda alla raffinata arte della diplomazia, chiamata dai veneziani l arte del sottile. 9 In questo ambiente infatti sono ospitati i ritratti dell ammiraglio Vittore Garzoni e dell ambasciatore Antonio Foscarini, insieme a degli esempi di equipaggiamento per la difesa del corpo durante uno scontro; L arte del sottile. Vista n.1 L arte del sottile. Vista n.2 4. Sala Cima: questo ambiente, che vuole richiamare nel nome la vicina Piazza Cima, si configura come un omaggio al più grande artista coneglianese che la storia abbia finora conosciuto: Giovan Battista Cima. Sono qui ospitate quattro portelle probabilmente di uno stesso organo, che rappresentano il tema dell Annunciazione e i Santi Giuda Taddeo e Giovanni Battista. La sala ospiterà anche uno schermo che trasmetterà un video sulla storia dell artista. Le opere qui esposte, essendo originariamente collocate nella chiesa del convento di San Francesco a Conegliano, erano state inizialmente collocate al piano terra, nella sala che 9 Espressione utilizzata dal professor Marco Zanetto in occasione di una conferenza sulla storia della Repubblica veneziana, tenutasi presso il Circolo Unificato del Presidio Militare di Venezia. In Diplomazia Serenissima, articolo pubblicato il 22 febbraio 2012 sul sito internet dell Esercito italiano. Disponibile all indirizzo 18

19 ospita L arte locale. Trattandosi però di opere del Cima, si è in seguito deciso di conferire maggior rilievo, dedicandogli un intera sala; Sala Cima Vista panoramica delle Sale n. 3 e 4 5. L economia: lo spazio disponibile nel piano ammezzato è stato sfruttato per mostrare, all interno di una teca, la serie di monete della Serenissima, oggi custodite nei Depositi Comunali, insieme ai cinque pesi-tipo della Repubblica di Venezia, idonei al controllo di granaglie e liquidi, o al loro utilizzo su una bilancia, e una misura di capacità per aridi (cereali, legumi ecc.), utilizzata per gli scambi e il pagamento dei tributi; 6. Lapidario: la sala ospita, all interno di tre teche, le lapidi che fanno parte della collezione del Museo. Particolare rilievo espositivo sarà dato a quelle che più risultano legate alla città di Conegliano e alla sua storia. 19

20 La sistemazione delle lapidi ha avuto un iter abbastanza complesso. Inizialmente il progetto prevedeva di ospitarle nella sala n. 4, poi dedicata al Cima, perché le dimensioni dell ambiente sembravano opportune al caso. Successivamente, per le vicende storiche ad esse collegate, si è pensato di collocarle all interno della sala n. 3, ma non essendoci sufficiente superficie espositiva, si rendeva necessaria la creazione di apposite teche con almeno due ripiani, da collocare al centro della sala. L altezza delle teche avrebbe però compromesso la visione d insieme dell ambiente e per questo motivo si è preferito optare per la collocazione nella ex Sala archeologica ; Lapidario 7. Sala del : sono qui esposte opere pittoriche e scultoree realizzate da artisti che hanno lavorato nella Repubblica, datate XVI e XVII secolo. Assume particolare rilievo in questa sala il Cristo crocifisso tra la Madonna, San Giovanni Evangelista e Santa Maria Maddalena, una tavola di piccole dimensioni che presenta le caratteristiche della scuola veneto-cretese, opera che costituisce l unica testimonianza presente nelle collezioni museali dell arte dello Stato da Mar della Serenissima; 8. Sala del 700: a conclusione della visita è posta la sala del 700, che ospita una serie di sei dipinti realizzati nel corso dell ultimo secolo di vita della Serenissima. Da questo ambiente si accede infine al Belvedere, che regala al visitatore un panorama che si estende dalla pianura veneta alla laguna di Venezia, fino alle Prealpi bellunesi. Tale uscita verso l esterno si pone come una sorta di emblema tra quello che è stato il passato, visibile nelle collezioni esposte, e quello che è il presente, simboleggiato dal panorama circostante. 20

21 Sala del Modalità di allestimento e contenitori espositivi Si è deciso di collocare le opere pittoriche sulle pareti, come avviene attualmente, lasciando inalterata la colorazione. Nel precedente allestimento la sala che ospitava la Pinacoteca conteneva un tavolo con varie sedie, utilizzato in occasione di cerimonie. Con la nuova disposizione è stato deciso di ruotarlo nel senso della lunghezza e di diminuire il numero di sedie, le quali potranno essere immagazzinate e recuperate all occorrenza. Solo in due casi, ovvero per la parete posta di fronte all attuale ingresso alla Pinacoteca e per la sala posta all ultimo piano, 10 è stato previsto l inserimento di opere in cartongesso. Nel primo caso si tratta di una parete piana, da addossare davanti alle due piccole finestre, in modo da recuperare superficie espositiva e movimentare lo spazio con uno stacco di colore. Nel secondo caso si tratta invece di una struttura a base quadrata di cm 202 x 260 x 202, sulla quale verranno ospitate tre opere di grandi dimensioni, altrimenti di difficile collocazione, a causa della presenza di tre finestre che limitano lo spazio. Per quanto riguarda il colore di tali pareti è stato scelto il rosso, che richiama il colore della bandiera della Repubblica di Venezia, visibile nell immagine sottostante. Bandiera della Serenissima Repubblica di Venezia 10 Tale sala, caratterizzata dalla presenza di tre grandi finestre su tre lati (il quarto è occupato dalla scala di accesso), attualmente ospita una struttura metallica in cui sono inseriti quattro pannelli esplicativi, che raccontano la storia della città di Conegliano. 21

22 Per esigenze allestitive, è stato inoltre previsto il prolungamento di una parete. Seguono due immagini che ricostruiscono graficamente le scelte appena descritte. Collocazione della tela realizzata da Palma il Giovane Struttura in cartongesso presente nell attuale Sala del 700 Nella sala dedicata al Cima sarà inserito uno schermo che trasmetterà un video sulla storia dell artista. 22

23 Collocazione dello schermo nella Sala Cima Per ciò che concerne l esposizione della collezione numismatica, si è scelto di riutilizzare la teca vuota, attualmente presente nella Sala del 700, mentre per l esposizione dei pesi in bronzo e della misura di capacità si è optato per l inserimento di una mensola. Per l esposizione delle due piccole opere scultoree, collocate nella sala al terzo piano, è stato deciso di utilizzare due delle strutture che attualmente accolgono i busti di Ferruccio Benini, Arturo Toscanini, Marco Casagrande e Lorenzo Da Ponte. Il riutilizzo è possibile con un intervento di adeguamento, che prevede di dipingere la struttura portante di colore rosso e di ridurre, dal punto di vista dimensionale, la parte soprastante in plexiglass. Infine, per l allestimento delle lapidi si è deciso di creare tre apposite vetrine orizzontali da dislocare in maniera perpendicolare rispetto alla scala di accesso al piano superiore: una sarà sospesa e addossata alla parete di fondo, mentre le altre due saranno disposte nella superficie restante. Le vetrine dovranno essere trasparenti, in modo da permettere l osservazione dell oggetto da ogni lato, e attrezzate, ovvero contenenti al loro interno dei sistemi di illuminazione Caratteristiche attualmente già presenti nelle vetrine che accolgono i reperti archeologici. 23

24 Le teche realizzate per il Lapidario Si è cercato di adattare quelle che attualmente ospitano i reperti archeologici, ma non possedendo le caratteristiche dimensionali delle stesse, non è stato possibile stimare se potessero essere sfruttate in questo senso. Nel caso in cui le dimensioni dovessero risultare idonee, l allestimento potrebbe essere eseguito con tali vetrine. 3.7 Strumenti di comunicazione La segnaletica interna ed esterna Per permettere al visitatore di orientarsi al meglio all interno del percorso di visita, si propone di affiggere, all inizio di ogni piano, una pianta con la numerazione e la denominazione delle sale, e che indichi sinteticamente le opere esposte. All ingresso di ogni sala sarà collocata una targhetta che ne indicherà il nome. Per quanto riguarda la segnaletica esterna, si propone di collocare su una o più facce della torre, uno stendardo leggibile anche a distanza, che riporti il nome del Museo e gli orari di apertura. 24

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Diffusione dell aria nei musei

Diffusione dell aria nei musei L AggiornamentoMonografico diffusione aria Diffusione dell aria nei musei I più recenti progetti internazionali in campo museale, firmati dalle gradi star dell architettura, vedono l impiego di due soluzioni

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO Pag. 1 / 6 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA CULTURA E SPORT SERVIZIO MUSEO ARTE MODERNA REVOLTELLA REG. DET. DIR. N. 5164 / 2011

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Efficienza, comfort, e semplicità

Efficienza, comfort, e semplicità UM UM Efficienza, comfort, e semplicità La gamma UM offre diffusori con tecnologia MesoOptics. I vantaggi di questa tecnologia (altissima efficienza e distribuzione grandangolare della luce) uniti ad un

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Bando di concorso per opere d arte

Bando di concorso per opere d arte MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE ALLE OO.PP. PER IL LAZIO ABRUZZO E SARDEGNA Bando di concorso per opere d arte Art. 1 Oggetto del concorso Il Provveditorato

Dettagli

Rapporti e Proporzioni

Rapporti e Proporzioni Rapporti e Proporzioni (a cura Prof.ssa R. Limiroli) Rapporto tra numeri Il rapporto diretto tra due numeri a e b, il secondo dei quali diverso da zero, si indica con Ricorda a e b sono i termini del rapporto

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA SEGNALETICO INFORMATIVO E PUBBLICITARIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA SEGNALETICO INFORMATIVO E PUBBLICITARIO COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA SEGNALETICO INFORMATIVO E PUBBLICITARIO Allegato A alla delibera del C.C. n. 5 del 08.02.2011 1 INDICE CAPO

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

STRADARIO DI ISEO: A Airone Via. Alighieri Dante Via. Bedeschi Via Beloardo Via del. Bonardi X Traversa. Bonomelli IV Traversa.

STRADARIO DI ISEO: A Airone Via. Alighieri Dante Via. Bedeschi Via Beloardo Via del. Bonardi X Traversa. Bonomelli IV Traversa. COPYRIGHT TutiicontenutidelepaginecostituentiilpresentedocumentosonoCopyright 2008.Tutiidiritiriservati. Icontenutiqualiadesempio,cartografie,testi,graficiicone,sonodiesclusivaproprietàdiGeoplans.r.l.esonoprotetidaleleggiitalianeedinternazionalisuldiritod

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Livelli Soglie Pressione 2 VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Indice Indice 1 Descrizione dell'apparecchio...4 1.1 Struttura...

Dettagli

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Se progettate di rinnovare o costruire un nuovo bagno, una cucina o un

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

L8000P76 1 - LOGICA PROGETTUALE. 1.1 - Lettura e socializzazione

L8000P76 1 - LOGICA PROGETTUALE. 1.1 - Lettura e socializzazione 1 - LOGICA PROGETTUALE 1.1 - Lettura e socializzazione La vera forza di una biblioteca non dovrebbe stare nel raccogliere i libri, ma nell ospitare i lettori che li usano. E il suo involucro non dovrebbe

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

ZCZC7939/SXR OFI89189_SXR_QBXX R SPE S57 QBXX Arte: opere Talani a villa Artimino

ZCZC7939/SXR OFI89189_SXR_QBXX R SPE S57 QBXX Arte: opere Talani a villa Artimino ZCZC7939/SXR OFI89189_SXR_QBXX R SPE S57 QBXX Arte: opere Talani a villa Artimino (ANSA) - FIRENZE, 23 APR - Saranno le opere del pittore e scultore toscano Giampaolo Talani a inaugurare, il prossimo 25

Dettagli

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello,

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello, ALLEGATO 1 OGGETT O La procedura di affidamento per il i quale si richiede la manifestazio one di interesse avrà ad oggettoo la gestione, conduzione e manutenzione, di Auditorium, Centro Congressi e Media

Dettagli

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità :

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : 1. Stiletto in gel ed in acrilico ; 2. Scultura/ Tip pink & white in Gel/acrilico Principianti ; 3. Scultura/ Tip pink & white in

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Nella relazione di una Visita Pastorale del novembre del 1571 si fa cenno ai fratelli

Nella relazione di una Visita Pastorale del novembre del 1571 si fa cenno ai fratelli a cura di Rossella Villani L attività di Antonio Stabile negli anni Settanta Nella relazione di una Visita Pastorale del novembre del 1571 si fa cenno ai fratelli Stabile i quali, esercitando la loro attività

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. Arte e Cultura

IL VALORE DELLA FIDUCIA. Arte e Cultura IL VALORE DELLA FIDUCIA Arte e Cultura Sede Centrale Cortesi s.r.l. Via Generale Reverberi 14/16 25050 Passirano (BS) Tel. +39.030.2584111 Fax +39.030.2584116 info@cortesi.net cortesi.srl@pec.it www.cortesi.net

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project: serramenti in alluminio ad alte prestazioni Ricche dotazioni tecnologiche e funzionali Eccezionale isolamento termico Massima espressione

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli