RELAZIONE TECNICA, ALLEGATA AL PROGETTO DEFINITIVA DI ADEGUAMENTO AI REQUISITI STRUTTURALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE TECNICA, ALLEGATA AL PROGETTO DEFINITIVA DI ADEGUAMENTO AI REQUISITI STRUTTURALI"

Transcript

1 OGGETTO: ISTANZA DI ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE EX D.G.R. N DEL 14/09/2009 PER LA STRUTTURA SOCIO SANITARIA PRIVATA DENOMINATA CIELO AZZURRO s.r.l., STRADA DEVALLE N MONCALIERI (TO). RELAZIONE TECNICA, ALLEGATA AL PROGETTO DEFINITIVA DI ADEGUAMENTO AI REQUISITI STRUTTURALI A) - PREMESSA Trattasi di struttura esistente con autorizzazione al funzionamento rilasciata in data 07/03/1995 dall ASL-8 di Chieri. Essa ricade nel punto 23 C) della D.G.R. 14/09/09 n per n 11 posti letto R.A.F. (oltre a n 12 posti letto R.A.) con l applicazione delle deroghe e della condizione di cui al succitato punto 23 C), come risulta dal contenuto della Determinazione del Direttore Generale n 1552 del 22/12/09. In data 09/11/09 è stata depositata presso la ASL-TO5 di Chieri, Via S. Domenico n 24, l Istanza di cui all oggetto, con l impegno ad integrarla con gli allegati richiesti entro il prossimo 29/10/2010. Essendo il n posti letto inferiore a 25, l attività non rientra tra quelle soggette (n 86 del D.M. 16/2/82) all obbligo del controllo di Prevenzione Incendi e di acquisizione del C.P.I. 1

2 B) - CARATTERISTICHE AMBIENTALI ED EDILIZIE. B.1) La struttura è situata in una palazzina a due piani fuori terra, oltre a mansarda, collocata in un fondo in pendio collinare (~ 450 m. s.l.m.) posto ad est dell abitato di Moncalieri in zona residenziale di certo pregio. Il fondo privato pertinente misura ca mq. dei quali mq. 303 sono coperti dalla palazzina, per una volumetria complessiva di mc. La struttura è raggiungibile da una strada in salita, diramazione della strada Devalle, a fondo cieco terminante al suo ingresso. La via è percorribile da mezzi di soccorso anche antincendio ed offre la possibilità di manovra d inversione, anche se con qualche difficoltà per mezzi del tipo autocarro. La posizione è notevolmente panoramica da un ampio giardino con cortile all ingresso. B.2) - La costruzione è stata realizzata negli anni 60, con strutture completamente in calcestruzzo armato e laterizi forati, in opera, copertura a 4 falde ed abbaini pure in cemento armato con rivestimento in coppi tradizionali. (Si allegano rilievi fotografici dei prospetti esterni e dell ambientazione circostante). C) - CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI E PER LA SICUREZZA. C.1) - IMPIANTI ELETTRICI. Sono alimentati da punto di consegna ENEL per una potenza disponibile di 15 Kw (max impegnata 12 Kw), alla tensione nominale di 230 V/50Hz. Le utenze alimentate sono costituite da: rete d illuminazione locali e pertinenza esterna; attrezzature d uso per cucina, servizi igienico-sanitari, elettrodomestici 2

3 vari, impianti TV, ufficio, allarme, apricancello e citofono, generatore calore per riscaldamento e boiler. Impianti montascale è previsto montalettighe. Le luci di sicurezza sono del tipo a ricarica con autonomia di 2 ore. Tutte le utenze sono controllate da un quadro generale installato nell ingresso e collegati a quadri di settore dislocati in cucina, centrale termica e piani. La messa a terra è realizzata con due pozzetti esterni ispezionabili, con dispersori verticali a puntazza in ferro zincato. C.2) - MISURE DI PREVENZIONE INCENDI. Consistono nella dotazione di estintori portatili, ancorati a parete, da 6 Kg a polvere polivalente del tipo ABC ubicati nei passaggi ed in prossimità delle zone a rischio maggiore (cucina, centrale termica). Sono installati n 2 idranti a cassetta, interni dotati di manichette da 25 m. e lancia UNI 45, alimentati dalla rete dell acquedotto pubblico. È prevista l installazione di un idrante a colonna con attacco UNI 45, da posizionare in prossimità dell ingresso alla proprietà, al servizio dei mezzi di soccorso antincendio. All uopo verrà avviata la pratica d istanza alla SMAT ed al Comune di Moncalieri. È installato ed attivo un impianto di rilevazione di gas nella cucina e nel locale centrale termica con sensori puntiformi di tipo tradizionale. È installato un impianto di rivelazione di fumo dotato di sensori puntiformi ubicati nei passaggi e collegati a centralina con segnale acustico-luminoso installata nel locale d ingresso. È adottato il Piano di Emergenza ed Evacuazione costituito da planimetrie e cartellonistica opportunamente esposte nei locali di transito ed a rischio incendio. 3

4 C.3) - GENERATORE DI CALORE A GAS METANO. Consiste in una caldaia con bollitore in grado di fornire acqua calda per riscaldamento e servizi igienici, della potenzialità di 115 Kw. Pertanto questa attività non rientra tra quelle soggette al controllo periodico di Prevenzione Incendi (art. n 91 del D.M. 16/2/82), non superando la potenzialità limite di 116 Kw ( Kcal/h). Tuttavia il locale è adeguato alle misure minime richieste dalle Norme di sicurezza e prevenzione incendi per le attività non soggette (D.M. 10/03/98), sia per datazione preventiva, sia per la ventilazione necessaria. D) - DISPOSIZIONE DEI LOCALI IN RELAZIONE ALLE TIPOLOGIE R.A.F. ED R.A. OGGETTO DELL ISTANZA DI ACCREDITAMENTO, AI REQUISITI STRUTTURALI PREVISTI NELLA d.g.r. n (29/06/92) ed al punto 23 c) della d.g.r. n (14/09/09). Come descritto nell elaborato progettuale composto da due tavole, è prevista come segue la dislocazione dei nuclei e dei rispettivi locali. D.a) - Al piano terreno (quota 0,00 parte del piano ad ovest del vano scala) è ubicata una parte di servizi comuni comprendente cucina, locale soggiorno TV e sala pranzo, saletta d attesa per visitatori esterni, servizi igienici per gli ospiti e per il personale addetto (separati per uomini e donne), spogliatoi per il personale, dispensa. D.b) - Al piano terreno rialzato (+ 1,25 m., parte del piano ad est del vano scala) è ubicato un nucleo R.A.F. per n 4 posti letto sistemati in una camera a 2 letti più due singole, tutte con bagno. Il nucleo è dotato di saletta pranzo/lettura/tv, bagno assistito. 4

5 Sono inoltre ivi ubicati (in comune per tutta la struttura): l ambulatorio comune per tutta la struttura con servizio igienico esclusivo, locale per cura della persona e l ufficio per direzione ed archivio. D.c) - Al piano primo (quota + 3,00 m., parte ad ovest del vano scala) è ubicato un presidio R.A. per n 6 posti letto sistemati in due camere doppie e due singole dotati di due bagni comuni interposti tra due camere ad 1 e 2 posti letto. Il presidio è dotato di locale adibito a lavanderia e stireria in comunione con tutta la struttura (R.A. e R.A.F.). Il presidio utilizza i servizi comuni ubicati al piano terreno, per quanto riguarda cucina, pranzo ed attività ricreative/tv. D.d) - Al piano rialzato (+ 4,25 m., parte del piano ad est del vano scala) è ubicato un secondo nucleo R.A.F. per n 4 posti letto sistemati in tre camere, una a due letti e due singole con un bagno interposto. Il nucleo è dotato di saletta pranzo/lettura/tv, bagno assistito, locale guardaroba in comune con il nucleo ubicato al piano rialzato sottostante e locale per le pause del personale, con bagno in comune col guardaroba. Parte del locale guardaroba è disponibile a disposizione degli ospiti. D.e) - Al piano secondo (+ 6,00 m., parte ad ovest del vano scala) è ubicato un secondo presidio R.A. per n 6 posti letto sistemati in due camere doppie e due singole, dotati di due bagni comuni interposti tra due camere ad 1 e 2 posti letto. Il presidio è dotato di locale per la biancheria pulita e guardaroba in comunione con tutta la struttura (R.A. e R.A.F.). Come quello sottostante, il presidio utilizza i servizi comuni ubicati al piano terreno, per quanto riguarda cucina, pranzo ed attività ricreative/tv. 5

6 D.f) - Mezzo di trasferimento degli ospiti non autosufficienti o parzialmente sufficienti tra i piani. È installato un impianto di servoscala collegante i piani superiori e rialzati al piano terreno, essendo così abbattute le barriere architettoniche presenti all interno dal fabbricato come fu realizzato. E prevista la realizzazione di nuovo impianto montalettighe e persone a 5 fermate collegante ciascun piano ed ammezzato al piano terreno, portata 800 kg. L impianto verrà realizzato completamente all esterno del fabbricato esistente, per una copertura complessiva di mq. 14 ca., in manufatti metallici con pareti trasparenti. Dimensioni cabina nel rispetto degli standards. Motore oleodinamico. D.g) - L accessibilità pedonale all esterno del fabbricato è assicurata dalla complanarità tra l ingresso ed il piano cortile e dall ingresso posteriore mediante percorso con rampa dal medesimo cortile di accesso con pendenza inferiore all 8% e larghezza minima di m. 1,50. L accesso al cortile d ingresso è consentito agli automezzi attraverso un ampio cancello carrabile. D.h) - I locali igienici, sia per i due Nuclei R.A.F., sia per i due Presidi R.A., sia per i locali comuni al piano terreno, sono previsti con una dimensione minima di m. 1,80. Soltanto il bagno adibito all ambulatorio ha la dimensione minima inferiore a m. 1,80 (m. 1,40). D.i) - Gli infissi esterni e le porte sono facilmente manovrabili, anche da persone con ridotte capacità motorie, mediante maniglie poste ad altezza di cm. dal pavimento. 6

7 D.l) - Gli arredi, sia fissi che mobili, rispondono a soluzioni di stabilità e sicurezza ambientale, che diano altresì garanzia di funzionalità e praticità all uso da parte degli ospiti ed elasticità compositiva finalizzata anche al migliore utilizzo degli spazi disponibili. E - ARTICOLAZIONE DELLE RESIDENZE. E.1) - ARTICOLAZIONE DELLE DUE RESIDENZE R.A.F. IN PROGETTO. a) - Aree abitative (ai piani Rialzato e 1 rialzato), comprendente le camere con i relativi servizi igienici interposti tra due camere, o singoli per camera. b) - Servizi di nucleo (sugli stessi piani dei rispettivi nuclei), comprendenti saletta pranzo/tv e piccola cucina (angolo cottura), servizio igienico e bagno assistito, locale per il personale dotato di servizi igienici. c) - Centro servizi di vita collettiva (al P. Terreno ed in parte ai piani superiori), in comune con il Presidio R.A. (articolato sui due piani 1 e 2 ), comprendente: ingresso/attesa/posta/telefono, cucina, ufficio, direzione ed amministrativo, servizi igienici collettivi, soggiorno/ristorante/sala polivalente, locale per la cura della persona (parrucchiere/barbiere/pedicure, ambulatorio, deposito materiali igienici e biancheria pulita/guardaroba, deposito biancheria sporca, lavanderia/stireria. d.e) Servizi sanitari, comprendente l ambulatorio ed il deposito per i materiali igienici. f.) - Servizi generali (per l intera struttura), comprendenti: cucina, dispensa e locali accessori (servizi igienici, ripostiglio, guardaroba e deposito biancheria pulita, deposito biancheria sporca, deposito a disposizione degli ospiti. 7

8 E.2) - ARTICOLAZIONE DEL PRESIDIO R.A. IN PROGETTO, DIVISO SU DUE PIANI CON LA POSSIBILITA DI ESSERE CONVERTITI IN DUE NUCLEI CON MENO DI 10 LETTI CIASCUNO. E.2.1) - Dal Presidio R.A. sono esclusi: a) - il locale per il personale, in quanto ne viene utilizzato uno per l intera struttura; b) - il locale soggiorno; c) - il bagno assistito; tuttavia i servizi igienici sono previsti di dimensioni che consentono l adattabilità alla tipologia per l eventuale tipologia abitativa R.A.F. E.2.2) - È prevista la camera mortuaria in comunione con i nuclei R.A.F. (vedasi punto I) successivo. F. - ADOZIONE DEGLI STANDARDS DIMENSIONALI DI CUI AL D.G.R. N 38/92 PUNTI D.R. 9 A 15, AL D.G.R. N 25/09 PUNTO 23 C) ED AL D.M. 308/01. F.1) - PREMESSA. a) - Poiché la struttura in oggetto è preesistente alla data di entrata in vigore delle normative di cui sopra vengono adottati i valori indicativi della tabella del punto 10) ridotti del 20%. b) - Per quanto riguarda poi la consistenza dei due nuclei R.A.F., in applicazione del punto 23 C) D.G.R. N 25/09, per motivi logistici ed edilizi inerenti alla consistenza del fabbricato esistente, si adottano due nuclei da 4 posti letto ciascuno (anziché da 10), date le notevoli difficoltà tecniche ed economiche che comporterebbe la ristrutturazione radicale del fabbricato per trasformare i due piani all unico rispettivo livello. 8

9 c) - Si fa presente l impossibilità di realizzare un ampliamento del fabbricato ai sensi dell attuale PRGC di Moncalieri e del Regolamento di Attuazione vigente. F.2) STANDARDS DIMENSIONALI PER LE AREE ABITATIVE ADOTTATI NEL PROGETTO, CON RIDUZIONE DEL 20% (STRUTTURA PREESISTENTE). (Punto 10 D.G.R. N 38/92) STANDARDS RIDOTTI del 20%: 1 P.L. 12 x 0,8 = 9,6 mq / 2 P.L. 18 x 0,8 =14,4 mq. CAMERA / BAGNO R.A.F. CAMERA / BAGNO R.A.F. F.2.A) NUCLEO 4 P.L. PIANO R NUCLEO 4 P.L. PIANO 1 R N /mq P.L 10,44/4,40 10,96 / 4,5 9,80/2,2 10,44/2,2 2 P.L 14,41/4,50 14,40/4,50 F.2.B) N.B BAGNO INTERPOSTO PER LE CAMERE 1-2 AL P.R. BAGNO SINGOLO PER LE ALTRE CAMERE CAMERA / BAGNO R.A. NUCLEO 6 P.L. PIANO 1 CAMERA / BAGNO R.A. NUCLEO 6 P.L. PIANO 2 N /mq P.L 9,92/2,88 10/2,55 11,38 / 2,97 10/2,88 2 P.L 14,70 / 2,88 14,53/2,55 15,18/2,97 14,82/2,88 N.B BAGNO INTERPOSTO PER LE CAMERE 1-2/3-4/5-6/7-8 F.3.A) - NUCLEO AL P. RIALZATO (4 P.L.): mq. 16,57 F.3.B) - NUCLEO AL P. 1 RIALZATO (4 P.L.): mq. 14,92 N.B.: è prevista la seguente superficie media per utente: pranzo/cucina: mq. (2, ) / utente = mq. 3,5/ utente, da cui, sia al P.R., sia al P. 1, tale valore risulta rispettato. F.4) - SERVIZI IGIENICI E BAGNO ASSISTITO R.A.F. F.4.A) - Tutti i servizi igienici per gli ospiti hanno la dimensione minima pari a m. 1,80, in ottemperanza alle norme di adattabilità per i disabili. Ciò vale per tutti i Nuclei R.A.F. ed R.A. 9

10 F.4.B) - Bagni assistiti per i due Nuclei R.A.F. - Bagno al P.R.: mq. 9,48(4 P.L.) - Bagno al P. 1 R.: mq. 8,09 (4 P.L.) N.B.: è prevista la superficie media minima di mq. 0,75/utente; pertanto entrambi i bagni rispondono a tale dimensione (0,75x4= 3,00 mq.; 0,75x4 = 3,00 mq. rispettivamente). F.5) - LOCALI DI SERVIZIO PER IL PERSONALE DI ASSISTENZA. È previsto un locale di mq ubicato al P. 1 Rialzato, unico per i due nuclei R.A.F., dotato di bagno proprio. È previsto un locale guardaroba di mq. 11,95 con deposito per gli ospiti al P.1 Rialzato. È previsto un secondo locale biancheria pulita e guardaroba, di mq. 7,20 ubicato al P. 2 (zona R.A.), in comunione con il presidio R.A. G.) - SERVIZI COLLETTIVI a) È previsto un unico salone destinato a soggiorno/ristorante e spazio per lo svago/tv. In esso è ricavato un modesto spazio da adibire ad attesa, telefono e cassette postali: in alternativa queste possono essere ubicate nel locale d ingresso. La superficie del salone in progetto è di mq. 44; lo spazio d attesa di mq. 5. N.B.: La superficie media prevista dallo standard è da considerarsi pari a mq. 2 per utente, quindi 20x2 = 40 mq., superata dalla superficie effettiva in progetto. b) Sono previsti servizi igienici collettivi, oltre che ad ogni piano (vedi punto F.4.A/B) altresì al Piano Terreno presso il salone polivalente di cui sopra di dimensioni idonee all accessibilità ai disabili (dimensione minima 1,80 m.). 10

11 c) L ufficio amministrativo/reception è ubicato al P. Terreno (mq. 5,00) nei pressi dell ingresso al soggiorno/ristorante. d) Per lo svolgimento del culto religioso viene previsto l utilizzo del salone polivalente. H.) - SERVIZIO SANITARIO È previsto un locale ambulatorio (al Piano rialzato presso il nucleo R.A.F. da 4 posti letto) della superficie di calpestìo di mq. 7, oltre al servizio igienico esclusivo di mq. 3,43 con una superficie complessiva di mq. 10,43, per l intera struttura. Considerando lo standard minimo di 0,35 mq/utente: considerando i nuclei R.A.F. ed R.A. per totali 20 utenti si ha (0,35x20) = mq. 7,00 mq. < 10,43 mq. In tale locale vengono anche conservati i materiali igienici per tutta la struttura. I.) - CAMERA MORTUARIA È prevista l installazione di un prefabbricato in materiale incombustibile, a forma di box rettangolare di dimensioni m. 5,00x 4,00 h. m. 2, superficie di calpestìo mq. 20,00 complessivo. Il manufatto sarà ventilato e illuminato all interno da apposite luci apribili dotato di illuminazione e lavabo con acqua corrente ed ogni altro requisito ottemperanti quanto prescritto nel D.P.R. n 285/90, cap. XI, art. 65. In esso sono previsti due locali: uno per accogliere il feretro, con lavabo e acqua corrente; una saletta per i familiari del defunto, provvista di servizio igienico essenziale. Il piano di calpestio del locale per il feretro verrà dotato di opportuna pendenza che consenta l agevole deflusso dell acqua di lavaggio verso lo scarico fognario. 11

12 L.) - SERVIZI GENERALI L.1) - CUCINA CENTRALE. L uso è limitato agli ospiti ed al personale di servizio. Il locale è dotato di deposito derrate e cella frigorifera ubicati nella dispensa. In essa si individuano le aree di preparazione, cottura, lavaggio stoviglie, preparazione cibi per la distribuzione. Lo smaltimento di fumi ed odori avviene tramite cappa aspirante ed aerazione naturale verso la zona posteriore del fabbricato, disabitata, in modo da non arrecare fastidio n all interno, né all esterno dell edificio. La superficie in progetto della cucina è di mq. 12,2 oltre ai servizi igienici per il personale, di mq. 3,72, per complessivi mq. 15,92. Tale valore è di poco inferiore a quello standard di 0,85 mq./utente (20 utenti): 0,85 x 20 = 17,00 mq. Tuttavia rientra nel limite minimo con la deroga che consente la riduzione di superficie del 20%, per una superficie minima di 13,6 mq. L.2) - LAVANDERIA E STIRERIA È previsto un unico locale ubicato al 1 piano di superficie mq. 7,20. Si prevede, in ausilio, l utilizzo di un servizio da appaltare all esterno per la biancheria di routine (lenzuola, tovaglie, ecc.) L.3) - SPOGLIATOIO DEL PERSONALE CON SERVIZI IGIENICI. È previsto un locale al piano terreno, presso la zona cucina/pranzo centrali, di mq. 12,48 dotato di servizio igienico e doccia. Secondo servizio igienico per il personale è ubicato presso il vano scala: i due servizi vengono distinti per sesso. Il locale spogliatoio è arredato con armadietti e sedie. 12

13 L.4) - MAGAZZINO. È ricavato nella parte posteriore del fabbricato nel locale denominato dispensa, di mq. 14,80 ed accoglie le derrate alimentari ed i mezzi refrigeranti e conservanti, È ben areato e privo di umidità. Il carico d incendio è moderato e sono previsti mezzi estinguenti (due estintori polvere 6 Kg) e rilevatori di fumo. L.5) - DEPOSITO BIANCHERIA SPORCA È ricavato nel locale ubicato all esterno della palazzina, sull area posteriore, denominato Rimessa della superficie di calpestìo di mq 10. È destinato a tutta la struttura e soddisfa allo standard di 0,25 mq per utente (0,25 x 20 = 5 < 10). 13

14 N.) - PROSPETTO DELLE OPERE PREVISTE PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI IN PROGETTO IN PROGETTO E LORO VALUTAZIONI PREVENTIVE. Si fa riferimento alla parte 3^, lettera A del Piano Finanziario allegato al progetto. Moncalieri, lì.../../.. IL LEGALE RAPPRESENTANTE: IL PROGETTISTA: 14

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello,

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello, ALLEGATO 1 OGGETT O La procedura di affidamento per il i quale si richiede la manifestazio one di interesse avrà ad oggettoo la gestione, conduzione e manutenzione, di Auditorium, Centro Congressi e Media

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM

RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM RN_COM_RIMINI MONOGRAFIA COM Ubicazione dell edificio sede del COM: Comune di : RIMINI Località : Padulli Indirizzo : Via Marecchiese n.193/195 Dati Generali Stralcio C.T.R.: 256113 Coordinate (lat. long.):

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica e sovvenzionata

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 15-03-1984 REGIONE CAMPANIA

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 15-03-1984 REGIONE CAMPANIA LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 15-03-1984 REGIONE CAMPANIA

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00

REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00 REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE Sede di- BASSANO DEL GRAPPA (VI) Via Cereria, 15 tel. 0424 885500 - fax

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD

REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Piazzale San Lorenzo Giustiniani 11/D 30174 Zelarino Venezia tel. 041 2607135 8486-8465 fax 041 2607145 REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL Circolare n. 74 del 20 settembre 1956 D.P.R. 28 giugno 1955, n. 620 - Decentramento competenze al rilascio di concessioni per depositi di oli minerali

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ALLEGATO A REQUISITI DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ALLEGATO A REQUISITI DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Ambito di applicazione Art. 4 - Igiene del personale ed autocontrollo

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160)

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160) Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli