RELAZIONE TECNICA, ALLEGATA AL PROGETTO DEFINITIVA DI ADEGUAMENTO AI REQUISITI STRUTTURALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE TECNICA, ALLEGATA AL PROGETTO DEFINITIVA DI ADEGUAMENTO AI REQUISITI STRUTTURALI"

Transcript

1 OGGETTO: ISTANZA DI ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE EX D.G.R. N DEL 14/09/2009 PER LA STRUTTURA SOCIO SANITARIA PRIVATA DENOMINATA CIELO AZZURRO s.r.l., STRADA DEVALLE N MONCALIERI (TO). RELAZIONE TECNICA, ALLEGATA AL PROGETTO DEFINITIVA DI ADEGUAMENTO AI REQUISITI STRUTTURALI A) - PREMESSA Trattasi di struttura esistente con autorizzazione al funzionamento rilasciata in data 07/03/1995 dall ASL-8 di Chieri. Essa ricade nel punto 23 C) della D.G.R. 14/09/09 n per n 11 posti letto R.A.F. (oltre a n 12 posti letto R.A.) con l applicazione delle deroghe e della condizione di cui al succitato punto 23 C), come risulta dal contenuto della Determinazione del Direttore Generale n 1552 del 22/12/09. In data 09/11/09 è stata depositata presso la ASL-TO5 di Chieri, Via S. Domenico n 24, l Istanza di cui all oggetto, con l impegno ad integrarla con gli allegati richiesti entro il prossimo 29/10/2010. Essendo il n posti letto inferiore a 25, l attività non rientra tra quelle soggette (n 86 del D.M. 16/2/82) all obbligo del controllo di Prevenzione Incendi e di acquisizione del C.P.I. 1

2 B) - CARATTERISTICHE AMBIENTALI ED EDILIZIE. B.1) La struttura è situata in una palazzina a due piani fuori terra, oltre a mansarda, collocata in un fondo in pendio collinare (~ 450 m. s.l.m.) posto ad est dell abitato di Moncalieri in zona residenziale di certo pregio. Il fondo privato pertinente misura ca mq. dei quali mq. 303 sono coperti dalla palazzina, per una volumetria complessiva di mc. La struttura è raggiungibile da una strada in salita, diramazione della strada Devalle, a fondo cieco terminante al suo ingresso. La via è percorribile da mezzi di soccorso anche antincendio ed offre la possibilità di manovra d inversione, anche se con qualche difficoltà per mezzi del tipo autocarro. La posizione è notevolmente panoramica da un ampio giardino con cortile all ingresso. B.2) - La costruzione è stata realizzata negli anni 60, con strutture completamente in calcestruzzo armato e laterizi forati, in opera, copertura a 4 falde ed abbaini pure in cemento armato con rivestimento in coppi tradizionali. (Si allegano rilievi fotografici dei prospetti esterni e dell ambientazione circostante). C) - CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI E PER LA SICUREZZA. C.1) - IMPIANTI ELETTRICI. Sono alimentati da punto di consegna ENEL per una potenza disponibile di 15 Kw (max impegnata 12 Kw), alla tensione nominale di 230 V/50Hz. Le utenze alimentate sono costituite da: rete d illuminazione locali e pertinenza esterna; attrezzature d uso per cucina, servizi igienico-sanitari, elettrodomestici 2

3 vari, impianti TV, ufficio, allarme, apricancello e citofono, generatore calore per riscaldamento e boiler. Impianti montascale è previsto montalettighe. Le luci di sicurezza sono del tipo a ricarica con autonomia di 2 ore. Tutte le utenze sono controllate da un quadro generale installato nell ingresso e collegati a quadri di settore dislocati in cucina, centrale termica e piani. La messa a terra è realizzata con due pozzetti esterni ispezionabili, con dispersori verticali a puntazza in ferro zincato. C.2) - MISURE DI PREVENZIONE INCENDI. Consistono nella dotazione di estintori portatili, ancorati a parete, da 6 Kg a polvere polivalente del tipo ABC ubicati nei passaggi ed in prossimità delle zone a rischio maggiore (cucina, centrale termica). Sono installati n 2 idranti a cassetta, interni dotati di manichette da 25 m. e lancia UNI 45, alimentati dalla rete dell acquedotto pubblico. È prevista l installazione di un idrante a colonna con attacco UNI 45, da posizionare in prossimità dell ingresso alla proprietà, al servizio dei mezzi di soccorso antincendio. All uopo verrà avviata la pratica d istanza alla SMAT ed al Comune di Moncalieri. È installato ed attivo un impianto di rilevazione di gas nella cucina e nel locale centrale termica con sensori puntiformi di tipo tradizionale. È installato un impianto di rivelazione di fumo dotato di sensori puntiformi ubicati nei passaggi e collegati a centralina con segnale acustico-luminoso installata nel locale d ingresso. È adottato il Piano di Emergenza ed Evacuazione costituito da planimetrie e cartellonistica opportunamente esposte nei locali di transito ed a rischio incendio. 3

4 C.3) - GENERATORE DI CALORE A GAS METANO. Consiste in una caldaia con bollitore in grado di fornire acqua calda per riscaldamento e servizi igienici, della potenzialità di 115 Kw. Pertanto questa attività non rientra tra quelle soggette al controllo periodico di Prevenzione Incendi (art. n 91 del D.M. 16/2/82), non superando la potenzialità limite di 116 Kw ( Kcal/h). Tuttavia il locale è adeguato alle misure minime richieste dalle Norme di sicurezza e prevenzione incendi per le attività non soggette (D.M. 10/03/98), sia per datazione preventiva, sia per la ventilazione necessaria. D) - DISPOSIZIONE DEI LOCALI IN RELAZIONE ALLE TIPOLOGIE R.A.F. ED R.A. OGGETTO DELL ISTANZA DI ACCREDITAMENTO, AI REQUISITI STRUTTURALI PREVISTI NELLA d.g.r. n (29/06/92) ed al punto 23 c) della d.g.r. n (14/09/09). Come descritto nell elaborato progettuale composto da due tavole, è prevista come segue la dislocazione dei nuclei e dei rispettivi locali. D.a) - Al piano terreno (quota 0,00 parte del piano ad ovest del vano scala) è ubicata una parte di servizi comuni comprendente cucina, locale soggiorno TV e sala pranzo, saletta d attesa per visitatori esterni, servizi igienici per gli ospiti e per il personale addetto (separati per uomini e donne), spogliatoi per il personale, dispensa. D.b) - Al piano terreno rialzato (+ 1,25 m., parte del piano ad est del vano scala) è ubicato un nucleo R.A.F. per n 4 posti letto sistemati in una camera a 2 letti più due singole, tutte con bagno. Il nucleo è dotato di saletta pranzo/lettura/tv, bagno assistito. 4

5 Sono inoltre ivi ubicati (in comune per tutta la struttura): l ambulatorio comune per tutta la struttura con servizio igienico esclusivo, locale per cura della persona e l ufficio per direzione ed archivio. D.c) - Al piano primo (quota + 3,00 m., parte ad ovest del vano scala) è ubicato un presidio R.A. per n 6 posti letto sistemati in due camere doppie e due singole dotati di due bagni comuni interposti tra due camere ad 1 e 2 posti letto. Il presidio è dotato di locale adibito a lavanderia e stireria in comunione con tutta la struttura (R.A. e R.A.F.). Il presidio utilizza i servizi comuni ubicati al piano terreno, per quanto riguarda cucina, pranzo ed attività ricreative/tv. D.d) - Al piano rialzato (+ 4,25 m., parte del piano ad est del vano scala) è ubicato un secondo nucleo R.A.F. per n 4 posti letto sistemati in tre camere, una a due letti e due singole con un bagno interposto. Il nucleo è dotato di saletta pranzo/lettura/tv, bagno assistito, locale guardaroba in comune con il nucleo ubicato al piano rialzato sottostante e locale per le pause del personale, con bagno in comune col guardaroba. Parte del locale guardaroba è disponibile a disposizione degli ospiti. D.e) - Al piano secondo (+ 6,00 m., parte ad ovest del vano scala) è ubicato un secondo presidio R.A. per n 6 posti letto sistemati in due camere doppie e due singole, dotati di due bagni comuni interposti tra due camere ad 1 e 2 posti letto. Il presidio è dotato di locale per la biancheria pulita e guardaroba in comunione con tutta la struttura (R.A. e R.A.F.). Come quello sottostante, il presidio utilizza i servizi comuni ubicati al piano terreno, per quanto riguarda cucina, pranzo ed attività ricreative/tv. 5

6 D.f) - Mezzo di trasferimento degli ospiti non autosufficienti o parzialmente sufficienti tra i piani. È installato un impianto di servoscala collegante i piani superiori e rialzati al piano terreno, essendo così abbattute le barriere architettoniche presenti all interno dal fabbricato come fu realizzato. E prevista la realizzazione di nuovo impianto montalettighe e persone a 5 fermate collegante ciascun piano ed ammezzato al piano terreno, portata 800 kg. L impianto verrà realizzato completamente all esterno del fabbricato esistente, per una copertura complessiva di mq. 14 ca., in manufatti metallici con pareti trasparenti. Dimensioni cabina nel rispetto degli standards. Motore oleodinamico. D.g) - L accessibilità pedonale all esterno del fabbricato è assicurata dalla complanarità tra l ingresso ed il piano cortile e dall ingresso posteriore mediante percorso con rampa dal medesimo cortile di accesso con pendenza inferiore all 8% e larghezza minima di m. 1,50. L accesso al cortile d ingresso è consentito agli automezzi attraverso un ampio cancello carrabile. D.h) - I locali igienici, sia per i due Nuclei R.A.F., sia per i due Presidi R.A., sia per i locali comuni al piano terreno, sono previsti con una dimensione minima di m. 1,80. Soltanto il bagno adibito all ambulatorio ha la dimensione minima inferiore a m. 1,80 (m. 1,40). D.i) - Gli infissi esterni e le porte sono facilmente manovrabili, anche da persone con ridotte capacità motorie, mediante maniglie poste ad altezza di cm. dal pavimento. 6

7 D.l) - Gli arredi, sia fissi che mobili, rispondono a soluzioni di stabilità e sicurezza ambientale, che diano altresì garanzia di funzionalità e praticità all uso da parte degli ospiti ed elasticità compositiva finalizzata anche al migliore utilizzo degli spazi disponibili. E - ARTICOLAZIONE DELLE RESIDENZE. E.1) - ARTICOLAZIONE DELLE DUE RESIDENZE R.A.F. IN PROGETTO. a) - Aree abitative (ai piani Rialzato e 1 rialzato), comprendente le camere con i relativi servizi igienici interposti tra due camere, o singoli per camera. b) - Servizi di nucleo (sugli stessi piani dei rispettivi nuclei), comprendenti saletta pranzo/tv e piccola cucina (angolo cottura), servizio igienico e bagno assistito, locale per il personale dotato di servizi igienici. c) - Centro servizi di vita collettiva (al P. Terreno ed in parte ai piani superiori), in comune con il Presidio R.A. (articolato sui due piani 1 e 2 ), comprendente: ingresso/attesa/posta/telefono, cucina, ufficio, direzione ed amministrativo, servizi igienici collettivi, soggiorno/ristorante/sala polivalente, locale per la cura della persona (parrucchiere/barbiere/pedicure, ambulatorio, deposito materiali igienici e biancheria pulita/guardaroba, deposito biancheria sporca, lavanderia/stireria. d.e) Servizi sanitari, comprendente l ambulatorio ed il deposito per i materiali igienici. f.) - Servizi generali (per l intera struttura), comprendenti: cucina, dispensa e locali accessori (servizi igienici, ripostiglio, guardaroba e deposito biancheria pulita, deposito biancheria sporca, deposito a disposizione degli ospiti. 7

8 E.2) - ARTICOLAZIONE DEL PRESIDIO R.A. IN PROGETTO, DIVISO SU DUE PIANI CON LA POSSIBILITA DI ESSERE CONVERTITI IN DUE NUCLEI CON MENO DI 10 LETTI CIASCUNO. E.2.1) - Dal Presidio R.A. sono esclusi: a) - il locale per il personale, in quanto ne viene utilizzato uno per l intera struttura; b) - il locale soggiorno; c) - il bagno assistito; tuttavia i servizi igienici sono previsti di dimensioni che consentono l adattabilità alla tipologia per l eventuale tipologia abitativa R.A.F. E.2.2) - È prevista la camera mortuaria in comunione con i nuclei R.A.F. (vedasi punto I) successivo. F. - ADOZIONE DEGLI STANDARDS DIMENSIONALI DI CUI AL D.G.R. N 38/92 PUNTI D.R. 9 A 15, AL D.G.R. N 25/09 PUNTO 23 C) ED AL D.M. 308/01. F.1) - PREMESSA. a) - Poiché la struttura in oggetto è preesistente alla data di entrata in vigore delle normative di cui sopra vengono adottati i valori indicativi della tabella del punto 10) ridotti del 20%. b) - Per quanto riguarda poi la consistenza dei due nuclei R.A.F., in applicazione del punto 23 C) D.G.R. N 25/09, per motivi logistici ed edilizi inerenti alla consistenza del fabbricato esistente, si adottano due nuclei da 4 posti letto ciascuno (anziché da 10), date le notevoli difficoltà tecniche ed economiche che comporterebbe la ristrutturazione radicale del fabbricato per trasformare i due piani all unico rispettivo livello. 8

9 c) - Si fa presente l impossibilità di realizzare un ampliamento del fabbricato ai sensi dell attuale PRGC di Moncalieri e del Regolamento di Attuazione vigente. F.2) STANDARDS DIMENSIONALI PER LE AREE ABITATIVE ADOTTATI NEL PROGETTO, CON RIDUZIONE DEL 20% (STRUTTURA PREESISTENTE). (Punto 10 D.G.R. N 38/92) STANDARDS RIDOTTI del 20%: 1 P.L. 12 x 0,8 = 9,6 mq / 2 P.L. 18 x 0,8 =14,4 mq. CAMERA / BAGNO R.A.F. CAMERA / BAGNO R.A.F. F.2.A) NUCLEO 4 P.L. PIANO R NUCLEO 4 P.L. PIANO 1 R N /mq P.L 10,44/4,40 10,96 / 4,5 9,80/2,2 10,44/2,2 2 P.L 14,41/4,50 14,40/4,50 F.2.B) N.B BAGNO INTERPOSTO PER LE CAMERE 1-2 AL P.R. BAGNO SINGOLO PER LE ALTRE CAMERE CAMERA / BAGNO R.A. NUCLEO 6 P.L. PIANO 1 CAMERA / BAGNO R.A. NUCLEO 6 P.L. PIANO 2 N /mq P.L 9,92/2,88 10/2,55 11,38 / 2,97 10/2,88 2 P.L 14,70 / 2,88 14,53/2,55 15,18/2,97 14,82/2,88 N.B BAGNO INTERPOSTO PER LE CAMERE 1-2/3-4/5-6/7-8 F.3.A) - NUCLEO AL P. RIALZATO (4 P.L.): mq. 16,57 F.3.B) - NUCLEO AL P. 1 RIALZATO (4 P.L.): mq. 14,92 N.B.: è prevista la seguente superficie media per utente: pranzo/cucina: mq. (2, ) / utente = mq. 3,5/ utente, da cui, sia al P.R., sia al P. 1, tale valore risulta rispettato. F.4) - SERVIZI IGIENICI E BAGNO ASSISTITO R.A.F. F.4.A) - Tutti i servizi igienici per gli ospiti hanno la dimensione minima pari a m. 1,80, in ottemperanza alle norme di adattabilità per i disabili. Ciò vale per tutti i Nuclei R.A.F. ed R.A. 9

10 F.4.B) - Bagni assistiti per i due Nuclei R.A.F. - Bagno al P.R.: mq. 9,48(4 P.L.) - Bagno al P. 1 R.: mq. 8,09 (4 P.L.) N.B.: è prevista la superficie media minima di mq. 0,75/utente; pertanto entrambi i bagni rispondono a tale dimensione (0,75x4= 3,00 mq.; 0,75x4 = 3,00 mq. rispettivamente). F.5) - LOCALI DI SERVIZIO PER IL PERSONALE DI ASSISTENZA. È previsto un locale di mq ubicato al P. 1 Rialzato, unico per i due nuclei R.A.F., dotato di bagno proprio. È previsto un locale guardaroba di mq. 11,95 con deposito per gli ospiti al P.1 Rialzato. È previsto un secondo locale biancheria pulita e guardaroba, di mq. 7,20 ubicato al P. 2 (zona R.A.), in comunione con il presidio R.A. G.) - SERVIZI COLLETTIVI a) È previsto un unico salone destinato a soggiorno/ristorante e spazio per lo svago/tv. In esso è ricavato un modesto spazio da adibire ad attesa, telefono e cassette postali: in alternativa queste possono essere ubicate nel locale d ingresso. La superficie del salone in progetto è di mq. 44; lo spazio d attesa di mq. 5. N.B.: La superficie media prevista dallo standard è da considerarsi pari a mq. 2 per utente, quindi 20x2 = 40 mq., superata dalla superficie effettiva in progetto. b) Sono previsti servizi igienici collettivi, oltre che ad ogni piano (vedi punto F.4.A/B) altresì al Piano Terreno presso il salone polivalente di cui sopra di dimensioni idonee all accessibilità ai disabili (dimensione minima 1,80 m.). 10

11 c) L ufficio amministrativo/reception è ubicato al P. Terreno (mq. 5,00) nei pressi dell ingresso al soggiorno/ristorante. d) Per lo svolgimento del culto religioso viene previsto l utilizzo del salone polivalente. H.) - SERVIZIO SANITARIO È previsto un locale ambulatorio (al Piano rialzato presso il nucleo R.A.F. da 4 posti letto) della superficie di calpestìo di mq. 7, oltre al servizio igienico esclusivo di mq. 3,43 con una superficie complessiva di mq. 10,43, per l intera struttura. Considerando lo standard minimo di 0,35 mq/utente: considerando i nuclei R.A.F. ed R.A. per totali 20 utenti si ha (0,35x20) = mq. 7,00 mq. < 10,43 mq. In tale locale vengono anche conservati i materiali igienici per tutta la struttura. I.) - CAMERA MORTUARIA È prevista l installazione di un prefabbricato in materiale incombustibile, a forma di box rettangolare di dimensioni m. 5,00x 4,00 h. m. 2, superficie di calpestìo mq. 20,00 complessivo. Il manufatto sarà ventilato e illuminato all interno da apposite luci apribili dotato di illuminazione e lavabo con acqua corrente ed ogni altro requisito ottemperanti quanto prescritto nel D.P.R. n 285/90, cap. XI, art. 65. In esso sono previsti due locali: uno per accogliere il feretro, con lavabo e acqua corrente; una saletta per i familiari del defunto, provvista di servizio igienico essenziale. Il piano di calpestio del locale per il feretro verrà dotato di opportuna pendenza che consenta l agevole deflusso dell acqua di lavaggio verso lo scarico fognario. 11

12 L.) - SERVIZI GENERALI L.1) - CUCINA CENTRALE. L uso è limitato agli ospiti ed al personale di servizio. Il locale è dotato di deposito derrate e cella frigorifera ubicati nella dispensa. In essa si individuano le aree di preparazione, cottura, lavaggio stoviglie, preparazione cibi per la distribuzione. Lo smaltimento di fumi ed odori avviene tramite cappa aspirante ed aerazione naturale verso la zona posteriore del fabbricato, disabitata, in modo da non arrecare fastidio n all interno, né all esterno dell edificio. La superficie in progetto della cucina è di mq. 12,2 oltre ai servizi igienici per il personale, di mq. 3,72, per complessivi mq. 15,92. Tale valore è di poco inferiore a quello standard di 0,85 mq./utente (20 utenti): 0,85 x 20 = 17,00 mq. Tuttavia rientra nel limite minimo con la deroga che consente la riduzione di superficie del 20%, per una superficie minima di 13,6 mq. L.2) - LAVANDERIA E STIRERIA È previsto un unico locale ubicato al 1 piano di superficie mq. 7,20. Si prevede, in ausilio, l utilizzo di un servizio da appaltare all esterno per la biancheria di routine (lenzuola, tovaglie, ecc.) L.3) - SPOGLIATOIO DEL PERSONALE CON SERVIZI IGIENICI. È previsto un locale al piano terreno, presso la zona cucina/pranzo centrali, di mq. 12,48 dotato di servizio igienico e doccia. Secondo servizio igienico per il personale è ubicato presso il vano scala: i due servizi vengono distinti per sesso. Il locale spogliatoio è arredato con armadietti e sedie. 12

13 L.4) - MAGAZZINO. È ricavato nella parte posteriore del fabbricato nel locale denominato dispensa, di mq. 14,80 ed accoglie le derrate alimentari ed i mezzi refrigeranti e conservanti, È ben areato e privo di umidità. Il carico d incendio è moderato e sono previsti mezzi estinguenti (due estintori polvere 6 Kg) e rilevatori di fumo. L.5) - DEPOSITO BIANCHERIA SPORCA È ricavato nel locale ubicato all esterno della palazzina, sull area posteriore, denominato Rimessa della superficie di calpestìo di mq 10. È destinato a tutta la struttura e soddisfa allo standard di 0,25 mq per utente (0,25 x 20 = 5 < 10). 13

14 N.) - PROSPETTO DELLE OPERE PREVISTE PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI IN PROGETTO IN PROGETTO E LORO VALUTAZIONI PREVENTIVE. Si fa riferimento alla parte 3^, lettera A del Piano Finanziario allegato al progetto. Moncalieri, lì.../../.. IL LEGALE RAPPRESENTANTE: IL PROGETTISTA: 14

Piano Finanziario e crono programma per adeguamento strutturale da regime transitorio A regime definitivo

Piano Finanziario e crono programma per adeguamento strutturale da regime transitorio A regime definitivo RESIDENZA CIELOAZZURRO Piano Finanziario e crono programma per adeguamento strutturale da regime transitorio A regime definitivo Punto 23 C) D.G.R. 25-12129 del 14/09/09 ALLEGATO AL DISCIPLINARE DI GARA

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE STRUTTURA RESIDENZIALE UMBERTO I SCHEDA TIPOLOGICA

DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE STRUTTURA RESIDENZIALE UMBERTO I SCHEDA TIPOLOGICA DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE STRUTTURA RESIDENZIALE UMBERTO I SCHEDA TIPOLOGICA DATI GENERALI DATI GENERALI DELLA STRUTTURA RESIDENZIALE ANAGRAFICA GENERALE DATI EVENTUALI CORRETTIVI

Dettagli

FRUIBILITÀ E QUALITÀ DELLO SPAZIO ABITATO REQUISITO: ORGANIZZAZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI SPAZI E ATTREZZATURE (E 8.2) SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO

FRUIBILITÀ E QUALITÀ DELLO SPAZIO ABITATO REQUISITO: ORGANIZZAZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI SPAZI E ATTREZZATURE (E 8.2) SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO FRUIBILITÀ E QUALITÀ DELLO SPAZIO ABITATO REQUISITO: ORGANIZZAZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI SPAZI E ATTREZZATURE (E 8.2) SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO de 8.2 LIVELLI PRESTAZIONALI E PRESCRIZIONI SPECIFICHE [1]

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) Residenza Universitaria G.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) Residenza Universitaria G. Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) Residenza Universitaria G.

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico )

LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico ) LOCALI AD USO SANITARIO (D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 testo unico ) Requisiti generali - dotati del Certificato di Conformità Edilizia rilasciato dal Comune sulla base della verifica di conformità alla vigente

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 20 gennaio 2000 Gazzetta Ufficiale 21 marzo 2000, n. 67 Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali,

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DI CONFORMITA IGIENICO SANITARIA (art. 20 comma 1 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.)

AUTOCERTIFICAZIONE DI CONFORMITA IGIENICO SANITARIA (art. 20 comma 1 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.) S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I AUTOCERTIFICAZIONE DI CONFORMITA IGIENICO SANITARIA (art. 20 comma 1 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.) Il/La sottoscritto/a AL COMUNE DI

Dettagli

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto.

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. SEMINARIO TECNICO DI AGGIORNAMENTO NORME DI PREVENZIONE I N C E N D I GENERALI E SEMPLIFICATE La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. Rimini

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Diop Mor Samb Modou FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria

Dettagli

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Le prestazioni erogate in hospice sono un complesso integrato di prestazioni sanitarie assistenziali ed alberghiere, fornite in maniera continuativa per 24 ore al giorno per 7 giorni alla settimana, rivolte

Dettagli

CATALOGO TECNICO ASCENSORI ELETTRICI MRL GEARLESS VIMA ASCENSORI WWW.ASCENSORIVIMA.IT

CATALOGO TECNICO ASCENSORI ELETTRICI MRL GEARLESS VIMA ASCENSORI WWW.ASCENSORIVIMA.IT CATALOGO TECNICO ASCENSORI ELETTRICI MRL GEARLESS VIMA ASCENSORI WWW.ASCENSORIVIMA.IT INDICE Caratteristiche principali pag. 3 Riferimenti normativi abbattimento delle barriere architettoniche pag. 4 Riferimenti

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-5 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI REQUISITI STRUTTURALI, TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fa 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Manzoni, 18 - MANIAGO (PN) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag.

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag. Indice Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio GENERALITA Pag. 3 1. ATTIVITA SVOLTA Pag. 3 2. DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA E DELL ATTIVITÀ SVOLTA Pag. 3 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3 2.2

Dettagli

ALBERGHI RIFERIMENTO NORMATIVO. Art. 81 Regolamento comunale di igiene. Art. 126 Regolamento comunale di igiene

ALBERGHI RIFERIMENTO NORMATIVO. Art. 81 Regolamento comunale di igiene. Art. 126 Regolamento comunale di igiene ALBERGHI Tipologia di locali che devono essere presenti (condizione minima richiesta per alberghi ad una *): A Locale ricevimento portineria informazioni B camere C servizi igienici comuni/servizi igienici

Dettagli

IGIENE EDILIZIA SCHEDA SANITARIA

IGIENE EDILIZIA SCHEDA SANITARIA MOD. SCHEDA SANITARIA AGG.TO NOV. 2013 IGIENE EDILIZIA SCHEDA SANITARIA RICHIEDENTE INDIRIZZO (Via Frazione Comune) n. tel. LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO Via, Frazione, Comune, Sezione foglio mappale

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI Servizio 3 Politiche del Lavoro, I - 61121 Pesaro - Via Mazzolari, 4 della Formazione, Sociali, Tel. 0721.3592531/2507/2503 Culturali e Turismo Fax 0721.33930 PEC: provincia.pesarourbino@legalmail.it P.O.

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO Progetto: PROGETTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE, ANTINCENDIO E DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DELLA SCUOLA ELEMENTARE RODARI IN VIA

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALITA

RELAZIONE TECNICA GENERALITA RELAZIONE TECNICA GENERALITA L'Amministrazione del Comune di Gonnoscodina ha conferito all Ing. Elio Musa l'incarico della progettazione, direzione lavori, contabilità, per i lavori riguardanti MANUTENZIONE

Dettagli

Le unità ambientali : definizione

Le unità ambientali : definizione Le unità ambientali : definizione Le unità ambientali (UA) rappresentano insiemi di attività compatibili funzionalmente e strettamente relazionate tra di loro in rapporto alle modalità di fruizione da

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Varlungo FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Varlungo

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Padiglione 38 San Salvi FIRENZE 1 STRUTTURA Residenza Universitaria

Dettagli

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA Complesso di proprietà di Pentagramma Romagna Spa in via XX Settembre n.38 e Corso Mazzini n.41, sito nel Comune di Cervia (RA). OPERE DI RESTAURO

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA 1 STRUTTURA SEDE MENSA UNIVERSITARIA MARTIRI VIA DEI MARTIRI PISA DESCRIZIONE

Dettagli

Quesiti di prevenzione incendi

Quesiti di prevenzione incendi Quesiti di prevenzione incendi Raccolta 2010/2011 183 domande e risposte a cura di Mario Abate Direttore Vice Dirigente Comando VVF Milano (Le risposte ai quesiti sono riferite alle norme vigenti al momento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO RCHIDUE Associati x l'architettura Arch. Stefano NANNINI arch. Debora INNOCENTI via Castel de Toni, 1/A Casalguidi 51034 (PT) Tel./Fax. 0573.526389; e-mail: archidueassociati@tiscali.it Al Sig. Sindaco

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA -

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ai sensi del comma 4 dell art. 77 del D.P.R. 380/01 come modificato dal D.lgs 301/02, L. 13/1989 e D.M.

Dettagli

TABELLA B (Art. 38) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE

TABELLA B (Art. 38) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE TABELLA B (Art. 38) PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE 1. Buono stato di conservazione e manutenzione dell immobile 2. Arredamento delle unità abitative funzionale e di buona fattura 3. Un locale

Dettagli

Comune di San Giovanni La Punta Prov. di Catania

Comune di San Giovanni La Punta Prov. di Catania Comune di San Giovanni La Punta Prov. di Catania PROGETTO ESECUTIVO DEI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PER L IMPLEMENTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI IN TERMINI DI INCREMENTO DELL UTENZA

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Ristori 52/2, GORIZIA 1 Indice 1. OGGETTO E

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 3 REPARTO INFRASTRUTTURE Ufficio Lavori Sezione Gestione Alloggi RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA COMUNE DI BRESCIA VIA CUCCA, 16 PALAZINA DEMANIALE ALLOGGIO EBS0034 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE

Dettagli

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi 5. ANALISI SPAZIALE Distribuzione degli spazi L attenzione nella progettazione degli spazi si affianca alla scelta delle tecnologie più evolute per la gestione della qualità ambientale. L edificio è stato

Dettagli

RELAZIONE GENERALE. Premessa

RELAZIONE GENERALE. Premessa RELAZIONE GENERALE Premessa La scuola dell infanzia con il Nido Integrato persegue la formazione integrale di bambini dai 12 ai 36 mesi offrendo opportunità per il raggiungimento di capacità e competenze

Dettagli

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale Allegati alle NTA C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 Variante n. 232 approvata

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI SCHEMI E POSSIBILI SOLUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO COMMERCIALE SCHEMA FUNZIONALE INDICATIVO E DIMENSIONAMENTO ARREDI PER LA ZONA RECEPTION DIMENSIONAMENTO DI

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA NETTUNO PISA 1

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI. della Provincia di Lecce. Ripristino ed adeguamento di n. 14 alloggi. di ERP in Poggiardo L. n.

ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI. della Provincia di Lecce. Ripristino ed adeguamento di n. 14 alloggi. di ERP in Poggiardo L. n. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI della Provincia di Lecce Ripristino ed adeguamento di n. 14 alloggi di ERP in Poggiardo L. n. 457/78 V biennio RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Con deliberazione

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO)

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO) INDICE 1 Premessa...2 2 Caratteristiche del sistema edilizio...3 3 Impianti previsti...4 3.1 IMPIANTI FLUIDOMECCANICI ED AFFINI...4 3.1.1 IMPIANTI IDROSANITARI E PER SMALTIMENTO ACQUE...4 3.1.2 IMPIANTI

Dettagli

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA Sanremo, 23 luglio 2012 Riferimento: Trasformazione ex convento ISTITUTO SUORE CAPPUCCINE DI MADRE RUBATTO In zona A1 A1 bis f30 del vigente P.R.G. Sanremo (IM) Proponente: RENATO Gaggino l.r., GEORGIA

Dettagli

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Indice Allegato A - Indice Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Struttura residenziale per persone disabili gravi con attestazione di gravità

Dettagli

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO progetto committente LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO COMUNE DI CELLE LIGURE Via Boagno 11-17015 Celle Ligure (SV) TEL. +39 019 826985 FAX +39 SAVONA

Dettagli

RIABILITARE (L)A CASA

RIABILITARE (L)A CASA CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA Accessibilità e Domotica: quali le norme e gli strumenti? Disability Manager 21-22-23 NOVEMBRE 2013 Centro Servizi Villa delle Magnolie e Park

Dettagli

PROGETTO GESTIONALE DEL SERVIZIO N 1

PROGETTO GESTIONALE DEL SERVIZIO N 1 CASA DELL'ANZIANO G. VADA VIA G. MARCONI 22 VERZUOLO tel. 0175 85444 fax 0175 750958 e-mail CASA.RIPOSO@COMUNE.VERZUOLO.CN.IT PROGETTO GESTIONALE DEL SERVIZIO N 1 Periodo di riferimento Anno 2011 2013

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ACQUISTO SUL LIBERO MERCATO DI UNITÀ IMMOBILIARI

BANDO PUBBLICO PER L ACQUISTO SUL LIBERO MERCATO DI UNITÀ IMMOBILIARI Mod. proposta di vendita Prot. n. del / /2003 COMUNE DI AVELLINO Ufficio Riqualificazione Urbana Piazza del Popolo 83100 AVELLINO DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO PUBBLICO PER L ACQUISTO SUL LIBERO MERCATO

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA DI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI, AMPLIAMENTI DI LOCALI E/O IMPIANTI GIA ESISTENTI ( EX ART. 48 D.P.R.

SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA DI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI, AMPLIAMENTI DI LOCALI E/O IMPIANTI GIA ESISTENTI ( EX ART. 48 D.P.R. UNITA SANITARIA LOCALE PESCARA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Ufficio Tutela della Salute nei Luoghi di Lavoro Via Paolini, 45 Pescara - 085 4253401/5/6/7 Penne - 085 8276319 Alanno-Popoli 085 8542995 SCHEDA

Dettagli

ATTIVITA DI ACCONCIATORE E/O ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Art. 19 L.241/90)

ATTIVITA DI ACCONCIATORE E/O ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Art. 19 L.241/90) Pagina 1 di 6 ATTIVITA DI ACCONCIATORE E/O ESTETISTA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (Art. 19 L.241/90) Al Comune di Fossano Ufficio Commercio 12045 FOSSANO Ai sensi della L. 17.08.2005 n 174

Dettagli

1) Premessa. 2) Obbiettivi prefissati

1) Premessa. 2) Obbiettivi prefissati 1) Premessa L edificio oggetto del presente progetto e la Scuola Elementare di proprieta Comunale denominata Martiri della Liberta, ubicata in via G. del Carretto a Casale M.to. Per l anno scolastico in

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI INTRODUZIONE Le dimensioni delle cabine degli ascensori devono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti, dipendenti dalla particolare

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

1. Dati dell intervento 1.1 Ubicazione intervento

1. Dati dell intervento 1.1 Ubicazione intervento Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-2 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme (L.R. n 3/2008, art. 1, comma 21) CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI IGIENE URBANISTICA

Dettagli

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili. COMMITTENTE: Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.it PROGETTO: ELABORAZIONE DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. 338 OGGETTO TITOLO

Dettagli

TESSERETE RESIDENZA AL SOLE EDIFICIO D. Dati del terreno Descrizione del progetto Materiali da costruzione

TESSERETE RESIDENZA AL SOLE EDIFICIO D. Dati del terreno Descrizione del progetto Materiali da costruzione TESSERETE RESIDENZA AL SOLE EDIFICIO D Dati del terreno Descrizione del progetto Materiali da costruzione RELAZIONE TECNICA DATI DEL PROGETTO Mappale no. 214-216-429-430(vedi nuovo piano parcellare) Superficie

Dettagli

ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEFINIZIONE DELLE AREE INTERESSATE DAL GLOBAL SERVICE pag.01 EDIFICIO E3 Ardiss, Sede operativa di Trieste 246 CAMERE STANDARD DA: mq 9,5 mq 2337 totali 123

Dettagli

attività sociali per gli abitanti della zona.

attività sociali per gli abitanti della zona. L area ove è ubicato l immobile è individuata dal Piano Regolatore Generale del Comune di Firenze quale Zona G sottozona G1: aree destinate ad attrezzature sportive, esistenti. I lavori in oggetto riguardano

Dettagli

Generalità... 2. Stato dei Luoghi... 2. Locali A1 e A2... 2. Locale B... 2. Soluzioni Progettuali... 3. Spogliatoi-servizi igienici...

Generalità... 2. Stato dei Luoghi... 2. Locali A1 e A2... 2. Locale B... 2. Soluzioni Progettuali... 3. Spogliatoi-servizi igienici... RELAZIONE GENERALE Generalità... 2 Stato dei Luoghi... 2 Locali A1 e A2... 2 Locale B... 2 Soluzioni Progettuali... 3 Spogliatoi-servizi igienici... 3 - Locali SP1 e SP2... 3 - Servizi igienici (S)...

Dettagli

Allegato C TITOLO VI PRESCRIZIONI EDILIZIE RELATIVE ALL IGIENE EDILIZIA, ALLA TUTELA DELL AMBIENTE, ALLA FORMA E REQUISITI GENERALI DELLE COSTRUZIONI

Allegato C TITOLO VI PRESCRIZIONI EDILIZIE RELATIVE ALL IGIENE EDILIZIA, ALLA TUTELA DELL AMBIENTE, ALLA FORMA E REQUISITI GENERALI DELLE COSTRUZIONI Allegato C TITOLO VI PRESCRIZIONI EDILIZIE RELATIVE ALL IGIENE EDILIZIA, ALLA TUTELA DELL AMBIENTE, ALLA FORMA E REQUISITI GENERALI DELLE COSTRUZIONI CAPO I IGIENE EDILIZIA - IGIENE E TUTELA DELL AMBIENTE

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari.

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari. UNITÀ IMMOBILIARE: Sita in Roma via Giacomo Venezian, 22, piano primo interno 1 con asservito posto auto via Gaetano Sacchi,19 - DESTINAZIONE D USO: abitazione Prezzo Appartamento più Garage: 870.000 Euro

Dettagli

Requisiti strutturali nella ristorazione

Requisiti strutturali nella ristorazione LEZIONE 59 Requisiti strutturali nella ristorazione REQUISITI MINIMI STRUTTURALI DEI LOCALI La divisione degli ambienti nella ristorazione Requisiti di accessibilità Tutela della salute per i non fumatori

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA DON BOSCO PISA

Dettagli

DISPOSIZIONI APPLICATIVE

DISPOSIZIONI APPLICATIVE giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/5 Legge Regionale 4 marzo 2010 n. 18 Norme in materia funeraria DISPOSIZIONI APPLICATIVE REQUISITI DELLA CASA FUNERARIA (Art. 2, comma 2,

Dettagli

VIA CERQUETTA "LE COLLINE DI VEIO" - VIA CASSIA ROMA. www.rigamontireagency.com

VIA CERQUETTA LE COLLINE DI VEIO - VIA CASSIA ROMA. www.rigamontireagency.com R E S I D E N Z I A L E / D I R E Z I O N A L E VIA CERQUETTA "LE COLLINE DI VEIO" - VIA CASSIA ROMA grupporigamonti.com www.rigamontireagency.com Le Colline di Veio Nello splendido contesto del Parco

Dettagli

COMUNE DI ORDONA. Provincia di Foggia AREA TECNICA. Al Responsabile del Settore Tecnico del Comune di Ordona

COMUNE DI ORDONA. Provincia di Foggia AREA TECNICA. Al Responsabile del Settore Tecnico del Comune di Ordona RICHIESTA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001) Pratica Edilizia N. 20 COMUNE DI ORDONA Provincia di Foggia protocollo AREA TECNICA Marca da bollo da 14,62

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE 1) Data sopralluogo: ora 2) R.S.A. Casa di Riposo Residenza Polifunzionale 3) Denominazione: 4) Ragione Sociale: 5) Comune indirizzo n civico piano su cui è collocata la casa

Dettagli

All Azienda U.L.S.S. N. 20 Servizio Igiene e Sanità Pubblica Via S. D Acquisto, 7 VERONA

All Azienda U.L.S.S. N. 20 Servizio Igiene e Sanità Pubblica Via S. D Acquisto, 7 VERONA Riservato all'ufficio Marca da Bollo 10,33 All Azienda U.L.S.S. N. 20 Servizio Igiene e Sanità Pubblica Via S. D Acquisto, 7 VERONA OGGETTO: Richiesta di parere igienico-sanitario per rilascio di Concessione/Autorizzazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Cipressino FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Cipressino FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Cipressino FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria Il Cipressino

Dettagli

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

GUIDA ALLE VARIANTI PREMESSA INTRODUTTIVA OPERE EDILI PORTATA DELLE PARETI

GUIDA ALLE VARIANTI PREMESSA INTRODUTTIVA OPERE EDILI PORTATA DELLE PARETI GUIDA ALLE VARIANTI PREMESSA INTRODUTTIVA Poiché la nostra figura professionale in questa situazione è solo quella di tecnico-esecutivista e non di consulente progettuale, durante gli incontri che si terranno,

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Generalità Il presente intervento ha interessato un lotto localizzato nel territorio del Comune di Calestano,

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

Impianti elettrici e barriere architettoniche (Scheda)

Impianti elettrici e barriere architettoniche (Scheda) Principali norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua ; Guida CEI 64-50 Guida

Dettagli

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1 1. RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2 ACCESSIBILITÀ PER I DISABILI... 3 2. GENERALITA... 4 2.1. PRESIDI PASSIVI ANTINCENDIO... 4 2.2 SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDIO...

Dettagli

Indice GUIDA ALLA PROGETTAZIONE Scopo della ''Guida Alla Progettazione...2 Organizzazione della Guida...2 Campo di Applicazione della Guida...3 Riferimenti Legislativi...3 Elenco Schede Tecniche...4 Sezione

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Sessione anno 1990 Prima prova scritto-grafica A confine con una strada di un centro

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: pmerizzi@gmail.com PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

DOCUMENTINEWS GRAZIE A:

DOCUMENTINEWS GRAZIE A: DOCUMENTINEWS Approfondimenti schematici e monotematici di tipo tecnico-giuridico su Normative, Regole, Giurisprudenza, Tecnologie, Tecniche, Prodotti e Materiali da costruzione e per lo studio professionale.

Dettagli

Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive. Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008

Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive. Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008 Comune di Prato Sportello Unico per l'edilizia e le Attività Produttive Rapporto Informativo D.Lgs. 81/2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli