DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE STRUTTURA RESIDENZIALE UMBERTO I SCHEDA TIPOLOGICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE STRUTTURA RESIDENZIALE UMBERTO I SCHEDA TIPOLOGICA"

Transcript

1 DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE STRUTTURA RESIDENZIALE UMBERTO I SCHEDA TIPOLOGICA

2 DATI GENERALI DATI GENERALI DELLA STRUTTURA RESIDENZIALE ANAGRAFICA GENERALE DATI EVENTUALI CORRETTIVI Denominazione Casa per Anziani Umberto I Indirizzo (via, n civico) Piazza della Motta, 12 Comune e provincia Pordenone (Pn) Natura giuridica Pubblica A.S.P.. (già amministrazione I.P.A.B.) Tipologia Residenza Protetta Legale rappresentante (cognome/nome) Brigida Raffaele AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO DATI EVENTUALI CORRETTIVI Funzionante prima dell entrata in vigore DPGR 083/90 SI Autorizzazione all esercizio definitiva o provvisoria Definitiva Ente che ha dato l autorizzazione al funzionamento Regione Data emissione autorizzazione definita 22/10/1996 Totale posti letto autorizzati (esclusi pl RSA) 106 di cui per autosufficienti 0 di cui per non autosufficienti 106 di posti letto in convenzione con l ASS 106 di posti letto di RSA 0 ACCESSI, SPAZI DI COLLEGAMENTO E DISTRIBUTIVI DATI EVENTUALI CORRETTIVI Accesso alla struttura privo di barriere architettoniche SI Scale interne Dotate di corrimano sul lato parete Dotate di parapetto sul lato giroscale totale di ascensori (A) 3 di cui accessibili a portatori di handicap (AH) 3 totale di montalettighe (M) 1 totale di montascale (MS) 0 Corridoi e disimpegni Privi di barriere (ai sensi del DPR 503/96 e DM 236/89) Idonei al passaggio e movimentazione lettighe; Idonei al passaggio e movimentazione di sedie a rotelle Set minimo demenze (da compilare a cura di tutte le strutture) Dotati di corrimano lungo le pareti Gli spazi verdi, i balconi, le terrazze (ove presenti), i corridoi, le scale, i locali ad uso comune o individuale sono fruibili in piena sicurezza dalle persone affette da demenza Per gli accessi (porte, ascensori etc) agli spazi esterni o a locali pericolosi sono previsti idonei sistemi o misure di sicurezza atti a garantire la libertà delle persone residenti, dei visitatori e degli operatori e nel contempo la tutela delle persone con tendenza al vagabondaggio

3 SERVIZI GENERALI CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO EVENTUALI CORRETTIVI/RISPOSTE Servizio di cura alla persona SI Servizio lavanderia Il servizio è interno solo per la biancheria ospiti Il servizio, sia interno che esterno, garantisce la sanificazione e disinfezione della biancheria con idonei protocolli, prodotti ed attrezzature La ditta appaltatrice è in possesso di certificazione UNI EN ISO 9001:2000 DOTAZIONI TECNOLOGICHE E STRUMENTALI DATI EVENTUALI CORRETTIVI Pannello luminoso di segnalazione e quadro di controllo Se presente, segnare in piantina con il codice PL SÌ NON RISULTA PRESENTE Impianto di riscaldamento SÌ Gruppo elettrogeno SÌ Impianti per le telecomunicazioni Telefono (ad uso degli ospiti almeno per il ricevimento delle telefonate) SÌ Rete ADSL o ISDN SÌ PC con sistema operativo Windows 2000 e succ. SÌ Impianto di illuminazione notturna Presente: nelle camere nei servizi igienici degli spazi individuali negli spazi di collegamento usati dagli ospiti (scale e corridoi) X sì, in tutte sì, in parte no X sì, in tutte sì, in parte no X sì, in tutte sì, in parte no complessivo di vuotatoi 2 4 Se presente, segnare in piantina con il codice VUO complessivo di lavapadelle termochimica 2 4 Se presente, segnare in piantina con il codice LPT complessivo di sterilizzatori con imbustatrice 0 di Carrelli delle emergenze, comprensivi di: defibrillatore semiautomatico, aspiratore e bombola 2 dotati di aspiratore e accessoriati come da protocollo predisposto da ASS6 d ossigeno con erogatore di Kit per Emergenza, comprensivi di pallone Ambu, cannule di Mayo-Guedel, tavola per il massaggio 1 2 cardiaco e farmaci di emergenza armadi farmaceutici di cui dotati di serratura di celle frigorifero ad uso esclusivo della conservazione dei farmaci di cui dotate di serratura Se presente, segnare in piantina con il codice AF 5 Indicare il numero 2 Indicare il numero totale sollevatori attivi verticalizzatori totale sollevatori passivi 7 2 5

4 di sedie Doccia regolabili verticalmente e 2 orizzontalmente con 4 ruote piroettanti di sedie Doccia standard regolabili 10 verticalmente e con 4 ruote piroettanti di Letti con schienale regolabile, dotati di 0 24 spondine di protezione di Letti ad altezza immediatamente regolabile, con dispositivo elettrico/oleopneumatico, a 3 snodi e 5 82 posizioni, dotati di spondine di protezione e 4 ruote piroettanti di Materassi antidecubito (esclusi quelli forniti 11 dalle ASS ai singoli ospiti) di Aspiratori mobili (esclusi quelli forniti dalle 6 ASS ai singoli ospiti e quelli dei carrelli di emergenza) di Carrelli per la somministrazione della terapia 2 di posti letto dotati di ossigeno con impianto 0 centralizzato totale di Bombole d ossigeno (escluse quelle 0 fornite dalle ASS ai singoli ospiti) di cui ad uso esclusivo delle emergenze 3 2 Armadio archivio, dotato di serratura (per una SI/NO SI conservazione sicura della documentazione personale delle persone dimesse) di schedari (per una conservazione sicura delle Indicare il numero 2 cartelle uniche integrate di ogni singola persona residente) Attrezzatura riabilitativa comprensiva di: scala parallele specchi tavoli da statica tappeti per sedute di kinesiterapia lettini di kinesiterapia bicicletta ortopedica REQUISITI GENERALI DATI EVENTUALI CORRETTIVI Struttura edilizia La struttura edilizia garantisce: le condizioni di agibilità dei locali secondo le normative vigenti le condizioni di stabilità in situazioni normali o eccezionali, in conformità a quanto previsto dalle norme vigenti la condizione di sicurezza degli impianti

5 legenda codifica colori della parte analitica: Giallo: servizi igienici Rosso: bagni assistiti Blu: camere da letto Grigio: spazi collettivi (soggiorni e sale da pranzo)

6 DESCRIZIONE ANALITICA Figura 1 - Casa per Anziani "Umberto I", Pordenone, piano seminterrato

7 PIANO SEMINTERRATO (figura 1) SPAZI COLLETTIVI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni Metratura del locale N 20 Culto N 13 Cura alla persona Eventuali correzioni SERVIZI IGIENICI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Risposte N 14 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale Non è un servizio igienico Vedi n. 12 N 25 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

8 N 27 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 30 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 34 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

9 N 35 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 39 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 41 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

10 N 45 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale SERVIZI GENERALI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni/risposte N 1 Cucina Servizio interno Procedure approvvigionamento, conservazione, preparazione e distribuzione pasti ottemperano le disposizione di controllo HACCP Struttura dotata di cella frigorifera o frigorifero e congelatore N 6 Lavanderia N 5 Guardaroba (deposito biancheria pulita) N 19 Spogliatoio per personale Con annessi i servizi igienici ad uso esclusivo del personale? N 24 Spogliatoio per personale Con annessi i servizi igienici ad uso esclusivo del personale? N 29 Spogliatoio per personale Con annessi i servizi igienici ad uso esclusivo del personale? N 37 Spogliatoio per personale Con annessi i servizi igienici ad uso esclusivo del personale? N 38 Spogliatoio per personale Con annessi i servizi igienici ad uso esclusivo del personale? N 40 Spogliatoio per personale Con annessi i servizi igienici ad uso esclusivo del personale?

11 SERVIZI SANITARI N 12 Ambulatorio medico infermieristico Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni/risposte Non è un ambulatorio ma un deposito Dotato da lettino da visita Dotato di lavabo? SERVIZI AUSILIARI (ACCESSORI) Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni N 9 Camera mortuaria N 10 Deposito materiali vari N 17 Deposito materiali vari N 18 Deposito materiali vari ALTRI LOCALI DOVE NON SPECIFICATO, SI PREGA DI INSERIRE FUNZIONE DEL LOCALE Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni N 2 Lavaggio stoviglie N 3 Non specificato Corridoio di accesso N 4 Non specificato Centrale elettrica principale N 7 Stireria N 8 Manutenzione N 11 Deposito detersivi N 15 Non specificato Ripostiglio parrucchieria N 16 Dispensa N 21 Dispensa N 22 Cella frigorifero N 23 Deposito detersivi N 31 Doccia N 32 Doccia N 36 Doccia N 42 Doccia N 43 Doccia N 46 Archivio N 47 Sacrestia - - -

12 Figura 2 - Casa per Anziani "Umberto I", Pordenone, piano terra

13 PIANO TERRA (figura 2) SPAZI COLLETTIVI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni Metratura del locale N 15 Soggiorno Accessibile a portatori di handicap (ai sensi 67,65 del DPR 503/96 e DM 236/89) N 10 Sala da Pranzo Accessibile a portatori di handicap (ai sensi 163,22 del DPR 503/96 e DM 236/89) Totale superficie sul piano destinata a soggiorno e sala da pranzo 230,87 Eventuali correzioni SERVIZI IGIENICI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Risposte N 22 Bagno assistito Locale igienico, adeguatamente attrezzato con vasca (accessibile sui tre lati) o doccia Da attrezzare complanare (accessibile sui tre lati) con sedia doccia regolabile in altezza. Il Bagno assistito è riscaldato in modo autonomo (ad esempio pompa di calore) Il Bagno assistito è dotato di dispositivo di chiamata Il Bagno assistito fa funzione di servizio igienico (dotato di WC e lavabo) Se si: Se non è accessibile, il locale: è di dimensioni tali da permettere N 1 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

14 N 4 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 5 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 11 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

15 N 12 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 18 Servizio igienico Non è un servizio igienico ma un deposito Ad uso esclusivo del personale

16 SERVIZI GENERALI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni/risposte N 9 Ufficio amministrativo N 17 Ufficio amministrativo N 19 Ufficio amministrativo N 32 Ufficio amministrativo SERVIZI AUSILIARI (ACCESSORI) Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni N 23 Deposito materiali vari N 28 Deposito materiali vari ALTRI LOCALI DOVE NON SPECIFICATO, SI PREGA DI INSERIRE FUNZIONE DEL LOCALE Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni N 2 Cooperative N 3 Assistente sociale - sala colloqui N 13 Saletta riposo centro diurno N 14 Saletta attività centro diurno N 20 Guardaroba centro diurno N 21 Vuotatoio N 24 Bar N 25 Saletta attività occupazionali N 26 Ingresso N 27 Accettazione N 29 Sala proiezioni/tv N 30 Sala riunioni N 31 Sala d attesa - - -

17 Commento [MSOffice1]: Viene allegata nuova piantina evidenziante l ampliamento realizzato a livello delle camere mediante eliminazione dei terrazzini Si è inoltre ricavato un posto letto aggiuntivo a livello dei numeri e uno ulteriore a livello dei numeri Figura 3 - Casa per Anziani "Umberto I", Pordenone, piano primo

18 PIANO PRIMO (figura 3) SPAZI COLLETTIVI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni Metratura del locale N 52 Soggiorno Accessibile a portatori di handicap (ai sensi 59,6 N 6 Sala da pranzo Soggiorno del DPR 503/96 e DM 236/89) Accessibile a portatori di handicap (ai sensi del DPR 503/96 e DM 236/89) Totale superficie sul piano destinata a soggiorno e sala da pranzo ,6 Eventuali correzioni CAMERE DA LETTO Posti letto camera Caratteristiche della camera Risposta Metratura camera Eventuali correzioni Mq Eventuali correzioni N 2 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle 23 N 3 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 5 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 9 1 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 12 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle 21,5 33,8 14,5 20,7

19 N 20 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 21 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 22 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 23 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 25 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 27 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 34 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 36 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle X sì (*) X sì (*) X sì (*) X sì (*) 21,5 21,5 21,5 27,5 20,1 19,6 21,9 28,8 26,5 (*) solo in parte diventa da 3 posti letto 26,5 (*) solo in parte diventa da 3 posti letto 26,5 (*) solo in parte diventa da 3 posti letto (*) solo in parte

20 N 46 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 48 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 49 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 50 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle n 53 4 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 54 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 55 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle 17,8 26,5 23,3 22,3 33, ,2 27,5 diventa da 3 posti letto 37,3 diventa da 4 posti letto

21 SERVIZI IGIENICI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Risposte N 11 Bagno assistito Locale igienico, adeguatamente attrezzato con vasca (accessibile sui tre lati) o doccia Da attrezzare complanare (accessibile sui tre lati) con sedia doccia regolabile in altezza. Il Bagno assistito è riscaldato in modo autonomo (ad esempio pompa di calore) Il Bagno assistito è dotato di dispositivo di chiamata Il Bagno assistito fa funzione di servizio igienico (dotato di WC e lavabo) Se si: Se non è accessibile, il locale: è di dimensioni tali da permettere N 47 Bagno assistito Locale igienico, adeguatamente attrezzato con vasca (accessibile sui tre lati) o doccia complanare (accessibile sui tre lati) con sedia doccia regolabile in altezza. Il Bagno assistito è riscaldato in modo autonomo (ad esempio pompa di calore) Il Bagno assistito è dotato di dispositivo di chiamata Il Bagno assistito fa funzione di servizio igienico (dotato di WC e lavabo) Se si: Se non è accessibile, il locale: è di dimensioni tali da permettere

22 N 1 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 4 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 10 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

23 N 16 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 19 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 26 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

24 N 28 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 29 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 30 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

25 N 31 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 32 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 33 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

26 N 37 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 39 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 40 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

27 N 41 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 43 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 44 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

28 N 45 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 57 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale SERVIZI GENERALI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni/risposte N 51 Ufficio amministrativo N 56 Guardaroba (deposito biancheria pulita) N 14 Deposito biancheria sporca Il locale è ben ventilato? X sì no SERVIZI SANITARI N 8 Ambulatorio medico infermieristico Dotato da lettino da visita Dotato di lavabo? Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni/risposte SERVIZI AUSILIARI (ACCESSORI) Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni N 13 Deposito materiali vari - - -

29 N 24 Deposito materiali vari ALTRI LOCALI DOVE NON SPECIFICATO, SI PREGA DI INSERIRE FUNZIONE DEL LOCALE Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni N 15 Deposito materiale sanitario N 17 Vuotatoio N 35 Vuotatoio N 38 Non specificato Locale quadri elettrici

30 Figura 4 - Casa per Anziani "Umberto I", Pordenone, piano secondo

31 PIANO SECONDO (figura 4) SPAZI COLLETTIVI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni Metratura del locale N 52 Soggiorno Accessibile a portatori di handicap (ai sensi 59,6 N 6 Sala da pranzo Soggiorno del DPR 503/96 e DM 236/89) Accessibile a portatori di handicap (ai sensi del DPR 503/96 e DM 236/89) Totale superficie sul piano destinata a soggiorno e sala da pranzo ,6 Eventuali correzioni CAMERE DA LETTO Posti letto camera Caratteristiche della camera Risposta Metratura camera Eventuali correzioni Mq Eventuali correzioni N 2 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle 23 N 3 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 5 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 9 1 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 12 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle 21,5 33,8 14,5 20,7

32 N 20 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 21 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 22 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 23 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 25 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 27 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 34 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 36 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle X sì (*) X sì (*) X sì (*) X sì (*) 21,5 21,5 21,5 27,5 20,1 19,6 21,9 28,8 26,5 (*) solo in parte diventa da 3 posti letto 26,5 (*) solo in parte diventa da 3 posti letto 26,5 (*) solo in parte diventa da 3 posti letto (*) solo in parte

33 N 46 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 48 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 49 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 50 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 53 4 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 54 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 55 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle Xsì no Xsì no 17,8 26,5 23,3 22,3 33, ,2 27,5 diventa da 3 posti letto 37,3 diventa da 4 posti letto

34 SERVIZI IGIENICI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Risposte N 11 Bagno assistito Locale igienico, adeguatamente attrezzato con vasca (accessibile sui tre lati) o doccia Da attrezzare complanare (accessibile sui tre lati) con sedia doccia regolabile in altezza. Il Bagno assistito è riscaldato in modo autonomo (ad esempio pompa di calore) Il Bagno assistito è dotato di dispositivo di chiamata Il Bagno assistito fa funzione di servizio igienico (dotato di WC e lavabo) Se si: Se non è accessibile, il locale: è di dimensioni tali da permettere N 47 Bagno assistito Locale igienico, adeguatamente attrezzato con vasca (accessibile sui tre lati) o doccia complanare (accessibile sui tre lati) con sedia doccia regolabile in altezza. Il Bagno assistito è riscaldato in modo autonomo (ad esempio pompa di calore) Il Bagno assistito è dotato di dispositivo di chiamata Il Bagno assistito fa funzione di servizio igienico (dotato di WC e lavabo) Se si: Se non è accessibile, il locale: è di dimensioni tali da permettere

35 N 1 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 4 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 10 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

36 N 16 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 19 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 26 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

37 N 28 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 29 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 30 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

38 N 31 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 32 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 33 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

39 N 37 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 39 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 40 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

40 N 41 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 43 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 44 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

41 N 45 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 57 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale SERVIZI GENERALI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni/risposte N 51 Ufficio amministrativo N 56 Guardaroba (deposito biancheria pulita) N 14 Deposito biancheria sporca Il locale è ben ventilato? SERVIZI SANITARI N 8 Ambulatorio medico infermieristico Dotato da lettino da visita Dotato di lavabo? Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni/risposte SERVIZI AUSILIARI (ACCESSORI) Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni N 13 Deposito materiali vari - - -

42 N 24 Deposito materiali vari ALTRI LOCALI DOVE NON SPECIFICATO, SI PREGA DI INSERIRE FUNZIONE DEL LOCALE Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni N 15 Deposito materiale sanitario N 17 Vuotatoio N 35 Vuotatoio N 38 Non specificato Locale quadri elettrici

43 Figura 5 - Casa per Anziani "Umberto I", Pordenone, piano terzo

44 PIANO TERZO (figura 5) SERVIZI IGIENICI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Risposte N 6 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 8 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 10 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

45 SERVIZI GENERALI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni/risposte N 5 Spogliatoio per personale Con annessi i servizi igienici ad uso esclusivo del personale? N 7 Spogliatoio per personale Con annessi i servizi igienici ad uso esclusivo del personale? N 9 Spogliatoio per personale Con annessi i servizi igienici ad uso esclusivo del personale? SERVIZI SANITARI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni/risposte N 2 Locale per attività riabilitative, fisioterapiche e motorie ALTRI LOCALI DOVE NON SPECIFICATO, SI PREGA DI INSERIRE FUNZIONE DEL LOCALE Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni N 1 Vano tecnico N 3 Sottotetto N 4 Vano tecnico N 11 Terrazzo per alloggiamento impianti N 12 Vano tecnico - - -

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Le prestazioni erogate in hospice sono un complesso integrato di prestazioni sanitarie assistenziali ed alberghiere, fornite in maniera continuativa per 24 ore al giorno per 7 giorni alla settimana, rivolte

Dettagli

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative

Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per i centri residenziali di cure palliative Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 20 gennaio 2000 Gazzetta Ufficiale 21 marzo 2000, n. 67 Atto di indirizzo e coordinamento recante requisiti strutturali,

Dettagli

PROGETTO GESTIONALE DEL SERVIZIO N 1

PROGETTO GESTIONALE DEL SERVIZIO N 1 CASA DELL'ANZIANO G. VADA VIA G. MARCONI 22 VERZUOLO tel. 0175 85444 fax 0175 750958 e-mail CASA.RIPOSO@COMUNE.VERZUOLO.CN.IT PROGETTO GESTIONALE DEL SERVIZIO N 1 Periodo di riferimento Anno 2011 2013

Dettagli

PROGETTO GESTIONALE TRIENNIO 2011-2013 OPERA PIA CEPPI DI BAIROLS

PROGETTO GESTIONALE TRIENNIO 2011-2013 OPERA PIA CEPPI DI BAIROLS 1 PROGETTO GESTIONALE TRIENNIO 2011-2013 2 S O M M A R I O 1. Introduzione 2. Destinatari 3. Presa in carico 4. Metodo 5. Rilevazione dei bisogni 6. Verifica e valutazione 7. Continuità progettuale 8.

Dettagli

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Indice Allegato A - Indice Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Struttura residenziale per persone disabili gravi con attestazione di gravità

Dettagli

ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DEFINIZIONE DELLE AREE INTERESSATE DAL GLOBAL SERVICE pag.01 EDIFICIO E3 Ardiss, Sede operativa di Trieste 246 CAMERE STANDARD DA: mq 9,5 mq 2337 totali 123

Dettagli

Piano Interrato. Piano terra: Piano primo: Piano secondo: Di seguito si descrivono le operazioni e le frequenze delle stesse: Operazioni giornaliere

Piano Interrato. Piano terra: Piano primo: Piano secondo: Di seguito si descrivono le operazioni e le frequenze delle stesse: Operazioni giornaliere ALLEGATO A al Capitolato Speciale di Gara Servizio di pulizia e disinfezione giornaliera integrato da lavori periodici di pulizia a fondo. I centri servizio oggetto del presente appalto sono: Residenza

Dettagli

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Quarenghi

Residenza Sanitaria Assistenziale. Vivere Insieme Quarenghi Residenza Sanitaria Assistenziale Vivere Insieme Quarenghi Il gruppo di lavoro La struttura è organizzata in settori, a ciascuno dei quali è assegnata una organica dotazione, qualitativa e quantitativa,

Dettagli

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE

IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETÀ SOCIALE Decreto ministeriale 21 maggio 2001, n. 308 Gazzetta Ufficiale 28 luglio 2001, n. 174 Testo aggiornato al 1 giugno 2004 Regolamento concernente «Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione

Dettagli

Le unità ambientali : definizione

Le unità ambientali : definizione Le unità ambientali : definizione Le unità ambientali (UA) rappresentano insiemi di attività compatibili funzionalmente e strettamente relazionate tra di loro in rapporto alle modalità di fruizione da

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE DECRETO 21 maggio 2001, n. 308 REGOLAMENTO "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio

Dettagli

D.M 21 maggio 2001, n.308

D.M 21 maggio 2001, n.308 D.M. 21 maggio 2001, n. 308, regolamento concernente "REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E ORGANIZZATIVI PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESERCIZIO DEI SERVIZI E DELLE STRUTTURE A CICLO RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE,

Dettagli

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione

Art. 2. Strutture e servizi soggetti ai requisiti minimi per l'autorizzazione DECRETO MINISTERIALE 21 maggio 2001, n. 308 Regolamento concernente "Requisiti minimi strutturali e organizzativi per l'autorizzazione all'esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-5 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI REQUISITI STRUTTURALI, TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI

Dettagli

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA' PER L'AUTORIZZAZIONE STUDIO DI FIOTERAPIA 0 STUDIO DI FIOTERAPIA - REQUITI GENERALI STUFIS.AU.0.1 Il titolare dello studio esplicita l'organigramma

Dettagli

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI

REQUISITI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICA DEGLI ALBERGHI Servizio 3 Politiche del Lavoro, I - 61121 Pesaro - Via Mazzolari, 4 della Formazione, Sociali, Tel. 0721.3592531/2507/2503 Culturali e Turismo Fax 0721.33930 PEC: provincia.pesarourbino@legalmail.it P.O.

Dettagli

SEZIONE C PRESIDI DI RIABILITAZIONE ESTENSIVA DEI SOGGETTI PORTATORI DI DISABILITA FISICHE, PSICHICHE E SENSORIALI

SEZIONE C PRESIDI DI RIABILITAZIONE ESTENSIVA DEI SOGGETTI PORTATORI DI DISABILITA FISICHE, PSICHICHE E SENSORIALI SEZIONE C, TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI PER LE STRUTTURE CHE EROGANO PRESTAZIONI IN REGIME RESIDENZIALE E/O SEMIRESIDENZIALE Trattasi di presidi che erogano prestazioni sanitarie specialistiche

Dettagli

MINI ALLOGGI PROTETTI

MINI ALLOGGI PROTETTI MINI ALLOGGI PROTETTI La Casa di Soggiorno per Anziani di Bedizzole dispone di un complesso di recente ristrutturazione, adiacente alla struttura principale ma completamente autonomo nel quale sono collocati

Dettagli

CASA PROTETTA CASA ALBERGO NORGE DI ROCCABIANCA

CASA PROTETTA CASA ALBERGO NORGE DI ROCCABIANCA CASA PROTETTA CASA ALBERGO NORGE DI ROCCABIANCA CASA PROTETTA / CASA ALBERGO NORGE DI ROCCABIANCA (PR) Via MARCONI, n 12/BIS Località ROCCABIANCA (PR) Telefono: 0521/876978 - Fax: 0521/876981 email: cp-norge@coopselios.com

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI tutela della salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro (Artt. 17 e 28, D.Lgs 9 aprile 2008 n.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI tutela della salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro (Artt. 17 e 28, D.Lgs 9 aprile 2008 n. ASP CASA VALLONI VIA DI MEZZO N 1-47900 RIMINI (RIMINI ) 0541-367811 - 0541-367854 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI tutela della salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro (Artt. 17 e 28, D.Lgs 9 aprile

Dettagli

SCHEDA GUIDA: UNITA D OFFERTA SOCIALI E SOCIO-SANITARIE NORMATIVA DI RIFERIMENTO

SCHEDA GUIDA: UNITA D OFFERTA SOCIALI E SOCIO-SANITARIE NORMATIVA DI RIFERIMENTO SCHEDA GUIDA: UNITA D OFFERTA SOCIALI E SOCIO-SANITARIE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Quadro normativo Con l approvazione della Legge Regionale n. 3 del 12/03/2008 Governo della rete degli interventi e dei

Dettagli

NATURA DELLE PRESTAZIONI DI PULIZIA E SERVIZIO DI SALA

NATURA DELLE PRESTAZIONI DI PULIZIA E SERVIZIO DI SALA ALLEGATO "B" 6 pagine NATURA DELLE PRESTAZIONI DI PULIZIA E SERVIZIO DI SALA Le strutture assistenziali e relativi uffici, indicate all art. 1 del presente Capitolato d Appalto sono dislocate in tre edifici

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. Delibera:

LA GIUNTA REGIONALE. Delibera: APPROVAZIONE SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE L'INDICAZIONE DEGLI STANDARD GESTIONALI E STRUTTURALI DI: CASE DI RIPOSO CASE ALBERGO, COMUNITÀ ALLOGGIO PER ANZIANI E COMUNITÀ ALLOGGIO PER HANDICAPPATI Deliberazione

Dettagli

Realizzare l adattabilità

Realizzare l adattabilità PROGETTARE UNA CITTA OSPITALE Ciclo di incontri sulla progettazione accessibile Realizzare l adattabilità Bergamo, 24 settembre 2015 ADATTABILITA 1. Definizioni, riferimenti normativi 2. Come si progetta

Dettagli

GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO

GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO CIG 4230168D0D Capitolato servizi foresteria Pagina 1 di 8 Timbro e firma del partecipante

Dettagli

RELAZIONE TECNICA, ALLEGATA AL PROGETTO DEFINITIVA DI ADEGUAMENTO AI REQUISITI STRUTTURALI

RELAZIONE TECNICA, ALLEGATA AL PROGETTO DEFINITIVA DI ADEGUAMENTO AI REQUISITI STRUTTURALI OGGETTO: ISTANZA DI ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE EX D.G.R. N 25 12129 DEL 14/09/2009 PER LA STRUTTURA SOCIO SANITARIA PRIVATA DENOMINATA CIELO AZZURRO s.r.l., STRADA DEVALLE N 8-10024 MONCALIERI (TO).

Dettagli

FRUIBILITÀ E QUALITÀ DELLO SPAZIO ABITATO REQUISITO: ORGANIZZAZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI SPAZI E ATTREZZATURE (E 8.2) SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO

FRUIBILITÀ E QUALITÀ DELLO SPAZIO ABITATO REQUISITO: ORGANIZZAZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI SPAZI E ATTREZZATURE (E 8.2) SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO FRUIBILITÀ E QUALITÀ DELLO SPAZIO ABITATO REQUISITO: ORGANIZZAZIONE DISTRIBUTIVA DEGLI SPAZI E ATTREZZATURE (E 8.2) SCHEDA TECNICA DI DETTAGLIO de 8.2 LIVELLI PRESTAZIONALI E PRESCRIZIONI SPECIFICHE [1]

Dettagli

TABELLA B (Art. 38) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE

TABELLA B (Art. 38) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE TABELLA B (Art. 38) PER LA CLASSIFICAZIONE DELLE COUNTRY-HOUSE 1. Buono stato di conservazione e manutenzione dell immobile 2. Arredamento delle unità abitative funzionale e di buona fattura 3. Un locale

Dettagli

REGOLAMENTO PER MINI ALLOGGI PROTETTI

REGOLAMENTO PER MINI ALLOGGI PROTETTI FONDAZIONE CONTE C.BUSI ONLUS Via Formis, 4 26041 Casalmaggiore (CR) REGOLAMENTO PER MINI ALLOGGI PROTETTI Art. 1 Definizione e finalità I mini alloggi protetti, definiti come insieme di alloggi aventi

Dettagli

RIABILITARE (L)A CASA

RIABILITARE (L)A CASA CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA Accessibilità e Domotica: quali le norme e gli strumenti? Disability Manager 21-22-23 NOVEMBRE 2013 Centro Servizi Villa delle Magnolie e Park

Dettagli

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi 5. ANALISI SPAZIALE Distribuzione degli spazi L attenzione nella progettazione degli spazi si affianca alla scelta delle tecnologie più evolute per la gestione della qualità ambientale. L edificio è stato

Dettagli

All Azienda U.L.S.S. N. 20 Servizio Igiene e Sanità Pubblica Via S. D Acquisto, 7 VERONA

All Azienda U.L.S.S. N. 20 Servizio Igiene e Sanità Pubblica Via S. D Acquisto, 7 VERONA Riservato all'ufficio Marca da Bollo 10,33 All Azienda U.L.S.S. N. 20 Servizio Igiene e Sanità Pubblica Via S. D Acquisto, 7 VERONA OGGETTO: Richiesta di parere igienico-sanitario per rilascio di Concessione/Autorizzazione

Dettagli

RESIDENZE PER ANZIANI Gruppo EDOS

RESIDENZE PER ANZIANI Gruppo EDOS RESIDENZE PER ANZIANI Gruppo EDOS Residenza Mater Fidelis Via Pescarella, 19 Milano 20157 Residenza Mater Sapientiae Via Varazze, 7 Milano 20149 Residenza RSA Mater Gratiae Via Corrado il Salico, 50 Milano

Dettagli

MODELLO «A3» COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA

MODELLO «A3» COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI. Valida dal al GENERALITÀ DELLA STRUTTURA RICETTIVA DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE Servizio Sviluppo Sistema Turistico Regionale COMUNE di DENUNCIA DELLE ATTREZZATURE E DEI SERVIZI E REQUISITI MINIMI QUALITATIVI DELLE COUNTRY HOUSE RESIDENZE RURALI

Dettagli

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato Studio Tecnico Ing. MASSIMO CECCARINI Cod. Fisc. CCC MSM 56H14 G999V Part. I.V.A. 00036530970 Viale V. Veneto, 13 59100 PRATO Tel. e Fax 0574 29062 / 607600 Prato, li 27/12/10. e-mail: studiomcmp@conmet.it

Dettagli

CASA PER ANZIANI UMBERTO I AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA PORDENONE

CASA PER ANZIANI UMBERTO I AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA PORDENONE 1 CASA PER ANZIANI UMBERTO I AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA PORDENONE DATORE DI LAVORO AZIENDA APPALTANTE: FLORA EMILIA BOMBEN RSPP: LINO ROSSET DATA DOCUMENTO: GIUGNO 2012 2 ANAGRAFICA AZIENDA

Dettagli

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici

Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici Modificato ed approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 4 del 18.03.2014 In vigore dal 15.04.2014 Regolamento Edilizio ART. 40 Requisiti igienico-sanitarie e di fruibilità degli edifici In tutti

Dettagli

Quadro normativo. Art. 9 L.13/89. Finanziamenti e contributi

Quadro normativo. Art. 9 L.13/89. Finanziamenti e contributi Finanziamenti e contributi I contributi per abbattimento barriere architettoniche e acquisto di presidi e ausili Silvia Pellegrini (Comune di Parma) Rappresentano un opportunità per i cittadini che devono

Dettagli

Piano Finanziario e crono programma per adeguamento strutturale da regime transitorio A regime definitivo

Piano Finanziario e crono programma per adeguamento strutturale da regime transitorio A regime definitivo RESIDENZA CIELOAZZURRO Piano Finanziario e crono programma per adeguamento strutturale da regime transitorio A regime definitivo Punto 23 C) D.G.R. 25-12129 del 14/09/09 ALLEGATO AL DISCIPLINARE DI GARA

Dettagli

MINI ALLOGGI PROTETTI

MINI ALLOGGI PROTETTI Carta dei Servizi MAP D.CM/9 Rev.00 10/13 MINI ALLOGGI PROTETTI La Casa di Soggiorno per Anziani di Bedizzole dispone di un complesso di recente ristrutturazione, adiacente alla struttura principale ma

Dettagli

L AMBULATORIO INFERMIERISTICO

L AMBULATORIO INFERMIERISTICO L AMBULATORIO INFERMIERISTICO Come aprire un ambulatorio infermieristico privato? Chi fa da se. Il terzo settore L AMBULATORIO INFERMIERISTICO E un attività di tipo innovativo non tanto nell esperienza

Dettagli

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali REQUISITI BASE Gli obblighi di norma si riducono a poche prescrizioni che sinteticamente sono: C D A Il lavabo deve essere di tipo a mensola,

Dettagli

ALBERGHI RIFERIMENTO NORMATIVO. Art. 81 Regolamento comunale di igiene. Art. 126 Regolamento comunale di igiene

ALBERGHI RIFERIMENTO NORMATIVO. Art. 81 Regolamento comunale di igiene. Art. 126 Regolamento comunale di igiene ALBERGHI Tipologia di locali che devono essere presenti (condizione minima richiesta per alberghi ad una *): A Locale ricevimento portineria informazioni B camere C servizi igienici comuni/servizi igienici

Dettagli

TABELLA A (Art. 27) LIVELLO DI CLASSIFICA. DESCRIZIONE DEI REQUISITI 1 stella. 1. PRESTAZIONI DI SERVIZI 1.01 Direttore di albergo X X X X

TABELLA A (Art. 27) LIVELLO DI CLASSIFICA. DESCRIZIONE DEI REQUISITI 1 stella. 1. PRESTAZIONI DI SERVIZI 1.01 Direttore di albergo X X X X TABELLA A (Art. 27) REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ESERCIZI RICETTIVI ALBERGHIERI (alberghi, motels, alberghi residenziali, alberghi diffusi, villaggi-albergo e beauty-farm)

Dettagli

Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. La Giunta regionale. omissis. Delibera

Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. La Giunta regionale. omissis. Delibera Delib.G.R. 17 settembre 2007, n. 1011 (1). Definizione dei requisiti tecnici relativi alle strutture ricettive extraalberghiere - Art. 28, comma 1, L.R. n. 9/2006. (1) Pubblicata nel B.U. Marche 24 settembre

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Servizio Assistenza Ospedaliera, Residenziale, Riabilitativa ed Autorizzazioni e Accreditamenti delle strutture e socio Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono

Dettagli

OGGETTO DELL INTERVENTO

OGGETTO DELL INTERVENTO PREMESSA L Amministrazione Comunale della Città di Cirè, dava incarico allo scrivente per la progettazione degli interventi di Ristrutturazione del Presidio Socio Assistenziale Il Girasole per un importo

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.Lgs.81/08 Tiitolo II Capo I art. 62 67 Allegato IV Linee Guida Regione Piemonte per la notifica relativa alla costruzione ampliamento o adattamento di locali e ambienti di lavoro.

Dettagli

DESCRIZIONE DELL IMMOBILE E DELLE ATTIVITÀ IN CAPO AL GESTORE

DESCRIZIONE DELL IMMOBILE E DELLE ATTIVITÀ IN CAPO AL GESTORE GARNIGA TERME S.p.a. Nel C.C. GARNIGA sulle P.ed.209/1, 209/2 263 e sulla P.F. 1755/4 DESCRIZIONE DELL IMMOBILE E DELLE ATTIVITÀ IN CAPO AL GESTORE A. DESCRIZIONE TECNICA DELL IMMOBILE UBICAZIONE ED ACCESSI

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI Allegato A Standard qualitativi obbligatori minimi per gli alberghi di prima classificazione rispetto alla data in vigore del Regolamento Regionale 7 dicembre

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DI CONFORMITA IGIENICO SANITARIA (art. 20 comma 1 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.)

AUTOCERTIFICAZIONE DI CONFORMITA IGIENICO SANITARIA (art. 20 comma 1 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.) S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I AUTOCERTIFICAZIONE DI CONFORMITA IGIENICO SANITARIA (art. 20 comma 1 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.) Il/La sottoscritto/a AL COMUNE DI

Dettagli

ALLEGATO C DESCRIZIONE DEI SERVIZI

ALLEGATO C DESCRIZIONE DEI SERVIZI BANDO DI INDIZIONE DI SELEZIONE PUBBLICA, FINALIZZATA ALL'INDIVIDUAZIONE DI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE DISPONIBILI ALLA CO-PROGETTAZIONE PER INTERVENTI INNOVATIVI E SPERIMENTALI NEL SETTORE DEI SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE

REGOLAMENTO DI GESTIONE Idl 3 Edizione n 08 del 01/01/2009 Pagina 1 di 5 REDAZIONE RQ APPROVAZIONE DG Dott.ssa Gavioli Roberta Dott. Luca Secchi. Idl 3 Edizione n 08 del 01/01/2009 Pag.2 di 5 1. FINALITA DELLA STRUTTURA 1.1.

Dettagli

Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili Ausili e soluzioni per ciascun ambiente

Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili Ausili e soluzioni per ciascun ambiente Scheda CORSO TEORICO ausili PRATICO SULLA VALUTAZIONE DEGLI AUSILI PER IL MIGLIORAMENTO DELL APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili

Dettagli

PICCOLO BORGO CON CASALI IN VENDITA IN UMBRIA

PICCOLO BORGO CON CASALI IN VENDITA IN UMBRIA Rif 1036 - BORGO DELLE GINESTRE EUR 0,00 PICCOLO BORGO CON CASALI IN VENDITA IN UMBRIA Umbertide - Perugia - Umbria www.romolini.com/it/1036 Superficie: 2903 mq Terreno: 4 ettari Camere: 33 Bagni: 37 L'IMMOBILE

Dettagli

CENTRO DIURNO INTEGRATO

CENTRO DIURNO INTEGRATO FONDAZIONE O.N.L.U.S. SANTA MARIA DELLA NEVE 25055 Pisogne (Bs) CENTRO DIURNO INTEGRATO CARTA DEI SERVIZI PRESENTAZIONE La struttura residenziale, che sorge su una superficie di circa mq. 10.500, è dotata

Dettagli

Costruzione centro socio-riabilitativo residenziale e diurno Castiglione dei Pepoli Bologna

Costruzione centro socio-riabilitativo residenziale e diurno Castiglione dei Pepoli Bologna Indice INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CONTENUTI E OBBIETTIVI DELLA STRUTTURA... 2 3. DESCRIZIONE DELL OPERA E DEI LAVORI... 3 3.1 Ubicazione... 3 3.2 Tipologia della struttura proposta... 4 3.3 Aree funzionali...

Dettagli

SERVIZI IGIENICI E BAGNI AD USO COMUNE

SERVIZI IGIENICI E BAGNI AD USO COMUNE ALLEGATO PROSPETTO DI DEFINIZIONE DEGLI STANDARD MINIMI NAZIONALI DEI SERVIZI E DELLE DOTAZIONI PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ALBERGHI ALBERGHI AD UNA STELLA SERVIZIO DI RICEVIMENTO assicurato 12 ore su

Dettagli

Art. 1 (Disposizioni in materia di classificazione alberghiera)

Art. 1 (Disposizioni in materia di classificazione alberghiera) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera. (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

ai sensi dell art.19 della Legge 241/90, dell art.34 della L.R. 9/2006 e della D.G.R. n.378 del 19/04/2007

ai sensi dell art.19 della Legge 241/90, dell art.34 della L.R. 9/2006 e della D.G.R. n.378 del 19/04/2007 ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA ECONOMICHE SERVIZIO LICENZE DEL COMUNE DI GABICCE MARE OGGETTO: Segnalazione certificata di inizio attività per Bed & Breakfast. Il/la sottoscritto/a nato/a a il, cittadinanza

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31)

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 22 novembre 2010, n. 31) Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 50 Definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche nell'ambito dell'armonizzazione della classificazione alberghiera (BUR n. 22 dell 1 dicembre

Dettagli

12 16 24 24 nelle unità abitative a cura del personale addetto 2

12 16 24 24 nelle unità abitative a cura del personale addetto 2 Tabella A Sezione A1 Requisiti minimi obbligatori per la classificazione degli esercizi ricettivi alberghieri GIA AUTORIZZATI NOTA: La struttura ricettiva alberghiera deve possedere tutti i requisiti indicati

Dettagli

TABELLA. Legenda. Albergo. Locale Parametro Requisito Note. Cucina altezza media m 3 minima (*) superficie minima. mq 20 fino a 50 p.t.

TABELLA. Legenda. Albergo. Locale Parametro Requisito Note. Cucina altezza media m 3 minima (*) superficie minima. mq 20 fino a 50 p.t. TABELLA Legenda inf. = inferiore l = litri m = metri lineari mc = metri cubi min. = minimo mq = metri quadrati p.l. = posto letto/posti letto p.p.s. = pasti per servizio p.t. = posto tavola/posti tavola

Dettagli

Osservatorio Marche, n. 37 del 26 gennaio 2015 www.grusol.it

Osservatorio Marche, n. 37 del 26 gennaio 2015 www.grusol.it Osservatorio Marche, n 37 del 26 gennaio 2015 wwwgrusolit Gruppo Solidarietà Quali sono le prestazioni che devono essere assicurate secondo la vigente normativa della regione Marche nelle residenze sanitarie

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE 1) Data sopralluogo: ora 2) R.S.A. Casa di Riposo Residenza Polifunzionale 3) Denominazione: 4) Ragione Sociale: 5) Comune indirizzo n civico piano su cui è collocata la casa

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE PER ANZIANI

CENTRO RESIDENZIALE PER ANZIANI (Estratto dalla CARTA DEI SERVIZI RESIDENZIALI approvata dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 69 del 29/09/2010, esecutiva ai sensi di legge) CENTRO RESIDENZIALE PER ANZIANI FINALITA DEL CENTRO

Dettagli

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica)

REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO. Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Definizione tipologica) REGOLAMENTO ALBERGO DIFFUSO Articolo 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento disciplina la forma di ricettività denominata Albergo Diffuso nei centri storici urbani, di cui all articolo 12,

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE MEDICO

STUDIO PROFESSIONALE MEDICO Gli Studi Professionali Medici (SPM) sono strutture nelle quali è esercitata un attività sanitaria in cui il profilo professionale prevale su quello organizzativo. Tale profilo è riscontrabile non solo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALITA

RELAZIONE TECNICA GENERALITA RELAZIONE TECNICA GENERALITA L'Amministrazione del Comune di Gonnoscodina ha conferito all Ing. Elio Musa l'incarico della progettazione, direzione lavori, contabilità, per i lavori riguardanti MANUTENZIONE

Dettagli

Regione Toscana. Decreto del Presidente della Giunta regionale 26 marzo 2008, n. 15/R (1)

Regione Toscana. Decreto del Presidente della Giunta regionale 26 marzo 2008, n. 15/R (1) Regione Toscana. Decreto del Presidente della Giunta regionale 26 marzo 2008, n. 15/R (1) Regolamento di attuazione dell'articolo 62 della legge regionale 24 febbraio 2005, n. 41 (Sistema integrato di

Dettagli

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015

Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione. geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Applicazione di un sistema H.A.C.C.P.: conflitti e criticità per una corretta applicazione geom. Paolo Foti Galleria Meravigli, 21 maggio 2015 Il Sistema H.A.C.C.P. Il Sistema H.A.C.C.P., applicabile ad

Dettagli

Progetto dell appalto - art. 279 D.P.R. 207/2010

Progetto dell appalto - art. 279 D.P.R. 207/2010 Procedura aperta per l'affidamento del servizio di Pulizia del Museo Nazionale dell Automobile Avv. Giovanni Agnelli, Corso Unità d Italia 40, 10126 Torino Entità complessiva dell appalto 390.000,00 oltre

Dettagli

BUNGALOW TIPO B (max 4 persone)

BUNGALOW TIPO B (max 4 persone) Prezzi giornalieri campeggio 2014 05/04-12/07 12/07-23/08 23/08-30/09 Per persona 5.80 6.20 5.80 Bambini fino 2 anni gratis/free gratis/free gratis/free Bambini fino 6 anni 4.90 5.20 4.90 Piazzola per

Dettagli

Allegati da A1 ad A6 alla proposta di regolamento regionale concernente:

Allegati da A1 ad A6 alla proposta di regolamento regionale concernente: Allegati da A1 ad A6 alla proposta di regolamento regionale concernente: Modifiche regolamento regionale 24 ottobre 2008, n. 17 (Disciplina delle Strutture Ricettive Alberghiere) e successive modifiche.

Dettagli

SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA

SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO AUTONOME PROVINZ BOZEN GEMEINDE BOZEN SCUOLA MATERNA DI VIA POSITANO DRUSO 1 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA Bolzano - 25.07.2005 - Bozen COMMITTENTE:

Dettagli

Elegante villa di campagna a Comano (oggetto 4279/37)

Elegante villa di campagna a Comano (oggetto 4279/37) Elegante villa di campagna a Comano (oggetto 4279/37) Comano è una zona residenziale di qualità, molto apprezzata per la prossimità con il centro di Lugano. Malgrado l'importante sviluppo edilizio, conosciuto

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

Locarno, 11 luglio 2008. Al Consiglio Comunale. Locarno. Signori Presidente e Consiglieri Comunali, Premessa

Locarno, 11 luglio 2008. Al Consiglio Comunale. Locarno. Signori Presidente e Consiglieri Comunali, Premessa M.M. no. 7 riguardante la richiesta di un credito di fr. 73'000.-- per l arredamento relativo all ampliamento della scuola elementare sede di Locarno_Monti Locarno, 11 luglio 2008 Al Consiglio Comunale

Dettagli

normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali contaminazione degli alimenti durante le fasi di lavorazione o contaminazioni crociate

normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali contaminazione degli alimenti durante le fasi di lavorazione o contaminazioni crociate CUCINE PROFESSIONALI Normativa di riferimento in materia di igiene caratteristiche e dotazione delle aree in funzione delle lavorazioni normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali M.C.Valerio -

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE CASA PER FERIE SOGGIORNI PER GRUPPI www.santantonio-valgiardini.org REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE 1) PERSONALE DELLA STRUTTURA : risiede e lavora presso la struttura, pertanto la presenza dello stesso

Dettagli

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari.

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari. UNITÀ IMMOBILIARE: Sita in Roma via Giacomo Venezian, 22, piano primo interno 1 con asservito posto auto via Gaetano Sacchi,19 - DESTINAZIONE D USO: abitazione Prezzo Appartamento più Garage: 870.000 Euro

Dettagli

Magnifiche villette nuove zona Al Guast Montagnola

Magnifiche villette nuove zona Al Guast Montagnola Magnifiche villette nuove zona Al Guast Montagnola Magnifiche villette nuove nel complesso residenziale Al Guast di Montagnola. Si tratta di una residenza strutturata su 5 livelli, con quattro belle villette

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11-02-2010 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11-02-2010 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 11-02-2010 REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA Modifiche alla legge regionale 2/2002 in materia di turismo e alla legge regionale 4/2005 recante interventi per il sostegno e lo sviluppo

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Azienda pubblica di servizi alla persona Daniele Moro CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA PARZIALE GESTIONE DEI SERVIZI EROGATI DALL A.S.P. DANIELE MORO DI MORSANO AL TAGLIAMENTO PER IL PERIODO DAL 01.07.2011

Dettagli

REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE

REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE ALLEGATO B REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE INDICE Requisiti organizzativi, strutturali e tecnologici

Dettagli

FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI INTERVENTO NEL SOCIALE DA INCLUDERE NELLA BACHECA DELLE DONAZIONI

FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI INTERVENTO NEL SOCIALE DA INCLUDERE NELLA BACHECA DELLE DONAZIONI FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI INTERVENTO NEL SOCIALE DA INCLUDERE NELLA BACHECA DELLE DONAZIONI PROFILO DELL ORGANIZZAZIONE 1 (Solo le voci contrassegnate da asterisco (*) verranno pubblicate

Dettagli

Giu nta Regionale de lla Cam pania

Giu nta Regionale de lla Cam pania llegato B Requisiti minimi strutturali, tecnologici e organizzativi specifici per le strutture che erogano prestazioni residenziali in Speciali Unità di ccoglienza Permanente (S.U..P.) per persone a bassa

Dettagli

ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C.

ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C. Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 46/22 del 22.9.2015 ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C. Scheda La terapia intensiva coronarica rappresenta

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VIGILANZA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI ADULTI CON NUMERO DI OSPITI FINO AD UN MASSIMO DI SEI, DENOMINATE

LINEE GUIDA PER LA VIGILANZA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI ADULTI CON NUMERO DI OSPITI FINO AD UN MASSIMO DI SEI, DENOMINATE COMUNE DI CENTO LINEE GUIDA PER LA VIGILANZA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI E DISABILI ADULTI CON NUMERO DI OSPITI FINO AD UN MASSIMO DI SEI, DENOMINATE CASE FAMIGLIA PER ANZIANI E DISABILI ADULTI

Dettagli

CHIEDE Il rilascio dell autorizzazione di cui alla L.R. 20/1999 per il funzionamento del presidio sanitario sito a Pietra Ligure in Via :

CHIEDE Il rilascio dell autorizzazione di cui alla L.R. 20/1999 per il funzionamento del presidio sanitario sito a Pietra Ligure in Via : Marca da bollo 14,62 Al Signor Sindaco P.zza Martiri della Libertà 30 17027 PIETRA LIGURE Il sottoscritto... nato a.... Provincia di il.. residente in....... Provincia di in Via....... C.A.P. in qualità

Dettagli

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA -

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ai sensi del comma 4 dell art. 77 del D.P.R. 380/01 come modificato dal D.lgs 301/02, L. 13/1989 e D.M.

Dettagli

MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. Allegato A) al DM n. 43

MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. Allegato A) al DM n. 43 MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Allegato A) al DM n. 43 Standard minimi qualitativi e linee guida relative ai parametri tecnici ed economici 1. Finalità La realizzazione di alloggi e residenze

Dettagli

GUIDA ALLE VARIANTI PREMESSA INTRODUTTIVA OPERE EDILI PORTATA DELLE PARETI

GUIDA ALLE VARIANTI PREMESSA INTRODUTTIVA OPERE EDILI PORTATA DELLE PARETI GUIDA ALLE VARIANTI PREMESSA INTRODUTTIVA Poiché la nostra figura professionale in questa situazione è solo quella di tecnico-esecutivista e non di consulente progettuale, durante gli incontri che si terranno,

Dettagli

Residenza Sanitaria Assistenziale. Via Quarenghi

Residenza Sanitaria Assistenziale. Via Quarenghi Residenza Sanitaria Assistenziale Via Quarenghi RESIDENZA SANITARIA ASSISTENIALE Via Quarenghi Via Quarenghi, 26 20151 Milano Tel. 02-300.830.11 fax 02-300.830.55 e-mail: rsa-quarenghi@coopselios.com Rev.

Dettagli

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Generalità Il presente intervento ha interessato un lotto localizzato nel territorio del Comune di Calestano,

Dettagli

MACUGNAGA Centro Abitato di Pecetto

MACUGNAGA Centro Abitato di Pecetto VENDITA MACUGNAGA Centro Abitato di Pecetto CHALET situato a Pecetto. Due ingressi indipendenti al piano rialzato danno la possibilità di accedere allo chalet. Al piano rialzato si trova un ampio soggiorno,

Dettagli

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO PROGETTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE RIVOLTO AD ANZIANI, PORTATORI DI HANDICAP E FAMIGLIE MULTI PROBLEMATICHE Il servizio di assistenza domiciliare consiste nel

Dettagli

1) Premessa. 2) Obbiettivi prefissati

1) Premessa. 2) Obbiettivi prefissati 1) Premessa L edificio oggetto del presente progetto e la Scuola Elementare di proprieta Comunale denominata Martiri della Liberta, ubicata in via G. del Carretto a Casale M.to. Per l anno scolastico in

Dettagli

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE I tecnici: Ing. Marco Galperti Geom. Fabio Drufovka PREMESSE Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli