DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE STRUTTURA RESIDENZIALE UMBERTO I SCHEDA TIPOLOGICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE STRUTTURA RESIDENZIALE UMBERTO I SCHEDA TIPOLOGICA"

Transcript

1 DIREZIONE CENTRALE SALUTE E PROTEZIONE SOCIALE STRUTTURA RESIDENZIALE UMBERTO I SCHEDA TIPOLOGICA

2 DATI GENERALI DATI GENERALI DELLA STRUTTURA RESIDENZIALE ANAGRAFICA GENERALE DATI EVENTUALI CORRETTIVI Denominazione Casa per Anziani Umberto I Indirizzo (via, n civico) Piazza della Motta, 12 Comune e provincia Pordenone (Pn) Natura giuridica Pubblica A.S.P.. (già amministrazione I.P.A.B.) Tipologia Residenza Protetta Legale rappresentante (cognome/nome) Brigida Raffaele AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO DATI EVENTUALI CORRETTIVI Funzionante prima dell entrata in vigore DPGR 083/90 SI Autorizzazione all esercizio definitiva o provvisoria Definitiva Ente che ha dato l autorizzazione al funzionamento Regione Data emissione autorizzazione definita 22/10/1996 Totale posti letto autorizzati (esclusi pl RSA) 106 di cui per autosufficienti 0 di cui per non autosufficienti 106 di posti letto in convenzione con l ASS 106 di posti letto di RSA 0 ACCESSI, SPAZI DI COLLEGAMENTO E DISTRIBUTIVI DATI EVENTUALI CORRETTIVI Accesso alla struttura privo di barriere architettoniche SI Scale interne Dotate di corrimano sul lato parete Dotate di parapetto sul lato giroscale totale di ascensori (A) 3 di cui accessibili a portatori di handicap (AH) 3 totale di montalettighe (M) 1 totale di montascale (MS) 0 Corridoi e disimpegni Privi di barriere (ai sensi del DPR 503/96 e DM 236/89) Idonei al passaggio e movimentazione lettighe; Idonei al passaggio e movimentazione di sedie a rotelle Set minimo demenze (da compilare a cura di tutte le strutture) Dotati di corrimano lungo le pareti Gli spazi verdi, i balconi, le terrazze (ove presenti), i corridoi, le scale, i locali ad uso comune o individuale sono fruibili in piena sicurezza dalle persone affette da demenza Per gli accessi (porte, ascensori etc) agli spazi esterni o a locali pericolosi sono previsti idonei sistemi o misure di sicurezza atti a garantire la libertà delle persone residenti, dei visitatori e degli operatori e nel contempo la tutela delle persone con tendenza al vagabondaggio

3 SERVIZI GENERALI CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO EVENTUALI CORRETTIVI/RISPOSTE Servizio di cura alla persona SI Servizio lavanderia Il servizio è interno solo per la biancheria ospiti Il servizio, sia interno che esterno, garantisce la sanificazione e disinfezione della biancheria con idonei protocolli, prodotti ed attrezzature La ditta appaltatrice è in possesso di certificazione UNI EN ISO 9001:2000 DOTAZIONI TECNOLOGICHE E STRUMENTALI DATI EVENTUALI CORRETTIVI Pannello luminoso di segnalazione e quadro di controllo Se presente, segnare in piantina con il codice PL SÌ NON RISULTA PRESENTE Impianto di riscaldamento SÌ Gruppo elettrogeno SÌ Impianti per le telecomunicazioni Telefono (ad uso degli ospiti almeno per il ricevimento delle telefonate) SÌ Rete ADSL o ISDN SÌ PC con sistema operativo Windows 2000 e succ. SÌ Impianto di illuminazione notturna Presente: nelle camere nei servizi igienici degli spazi individuali negli spazi di collegamento usati dagli ospiti (scale e corridoi) X sì, in tutte sì, in parte no X sì, in tutte sì, in parte no X sì, in tutte sì, in parte no complessivo di vuotatoi 2 4 Se presente, segnare in piantina con il codice VUO complessivo di lavapadelle termochimica 2 4 Se presente, segnare in piantina con il codice LPT complessivo di sterilizzatori con imbustatrice 0 di Carrelli delle emergenze, comprensivi di: defibrillatore semiautomatico, aspiratore e bombola 2 dotati di aspiratore e accessoriati come da protocollo predisposto da ASS6 d ossigeno con erogatore di Kit per Emergenza, comprensivi di pallone Ambu, cannule di Mayo-Guedel, tavola per il massaggio 1 2 cardiaco e farmaci di emergenza armadi farmaceutici di cui dotati di serratura di celle frigorifero ad uso esclusivo della conservazione dei farmaci di cui dotate di serratura Se presente, segnare in piantina con il codice AF 5 Indicare il numero 2 Indicare il numero totale sollevatori attivi verticalizzatori totale sollevatori passivi 7 2 5

4 di sedie Doccia regolabili verticalmente e 2 orizzontalmente con 4 ruote piroettanti di sedie Doccia standard regolabili 10 verticalmente e con 4 ruote piroettanti di Letti con schienale regolabile, dotati di 0 24 spondine di protezione di Letti ad altezza immediatamente regolabile, con dispositivo elettrico/oleopneumatico, a 3 snodi e 5 82 posizioni, dotati di spondine di protezione e 4 ruote piroettanti di Materassi antidecubito (esclusi quelli forniti 11 dalle ASS ai singoli ospiti) di Aspiratori mobili (esclusi quelli forniti dalle 6 ASS ai singoli ospiti e quelli dei carrelli di emergenza) di Carrelli per la somministrazione della terapia 2 di posti letto dotati di ossigeno con impianto 0 centralizzato totale di Bombole d ossigeno (escluse quelle 0 fornite dalle ASS ai singoli ospiti) di cui ad uso esclusivo delle emergenze 3 2 Armadio archivio, dotato di serratura (per una SI/NO SI conservazione sicura della documentazione personale delle persone dimesse) di schedari (per una conservazione sicura delle Indicare il numero 2 cartelle uniche integrate di ogni singola persona residente) Attrezzatura riabilitativa comprensiva di: scala parallele specchi tavoli da statica tappeti per sedute di kinesiterapia lettini di kinesiterapia bicicletta ortopedica REQUISITI GENERALI DATI EVENTUALI CORRETTIVI Struttura edilizia La struttura edilizia garantisce: le condizioni di agibilità dei locali secondo le normative vigenti le condizioni di stabilità in situazioni normali o eccezionali, in conformità a quanto previsto dalle norme vigenti la condizione di sicurezza degli impianti

5 legenda codifica colori della parte analitica: Giallo: servizi igienici Rosso: bagni assistiti Blu: camere da letto Grigio: spazi collettivi (soggiorni e sale da pranzo)

6 DESCRIZIONE ANALITICA Figura 1 - Casa per Anziani "Umberto I", Pordenone, piano seminterrato

7 PIANO SEMINTERRATO (figura 1) SPAZI COLLETTIVI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni Metratura del locale N 20 Culto N 13 Cura alla persona Eventuali correzioni SERVIZI IGIENICI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Risposte N 14 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale Non è un servizio igienico Vedi n. 12 N 25 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

8 N 27 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 30 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 34 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

9 N 35 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 39 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 41 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

10 N 45 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale SERVIZI GENERALI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni/risposte N 1 Cucina Servizio interno Procedure approvvigionamento, conservazione, preparazione e distribuzione pasti ottemperano le disposizione di controllo HACCP Struttura dotata di cella frigorifera o frigorifero e congelatore N 6 Lavanderia N 5 Guardaroba (deposito biancheria pulita) N 19 Spogliatoio per personale Con annessi i servizi igienici ad uso esclusivo del personale? N 24 Spogliatoio per personale Con annessi i servizi igienici ad uso esclusivo del personale? N 29 Spogliatoio per personale Con annessi i servizi igienici ad uso esclusivo del personale? N 37 Spogliatoio per personale Con annessi i servizi igienici ad uso esclusivo del personale? N 38 Spogliatoio per personale Con annessi i servizi igienici ad uso esclusivo del personale? N 40 Spogliatoio per personale Con annessi i servizi igienici ad uso esclusivo del personale?

11 SERVIZI SANITARI N 12 Ambulatorio medico infermieristico Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni/risposte Non è un ambulatorio ma un deposito Dotato da lettino da visita Dotato di lavabo? SERVIZI AUSILIARI (ACCESSORI) Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni N 9 Camera mortuaria N 10 Deposito materiali vari N 17 Deposito materiali vari N 18 Deposito materiali vari ALTRI LOCALI DOVE NON SPECIFICATO, SI PREGA DI INSERIRE FUNZIONE DEL LOCALE Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni N 2 Lavaggio stoviglie N 3 Non specificato Corridoio di accesso N 4 Non specificato Centrale elettrica principale N 7 Stireria N 8 Manutenzione N 11 Deposito detersivi N 15 Non specificato Ripostiglio parrucchieria N 16 Dispensa N 21 Dispensa N 22 Cella frigorifero N 23 Deposito detersivi N 31 Doccia N 32 Doccia N 36 Doccia N 42 Doccia N 43 Doccia N 46 Archivio N 47 Sacrestia - - -

12 Figura 2 - Casa per Anziani "Umberto I", Pordenone, piano terra

13 PIANO TERRA (figura 2) SPAZI COLLETTIVI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni Metratura del locale N 15 Soggiorno Accessibile a portatori di handicap (ai sensi 67,65 del DPR 503/96 e DM 236/89) N 10 Sala da Pranzo Accessibile a portatori di handicap (ai sensi 163,22 del DPR 503/96 e DM 236/89) Totale superficie sul piano destinata a soggiorno e sala da pranzo 230,87 Eventuali correzioni SERVIZI IGIENICI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Risposte N 22 Bagno assistito Locale igienico, adeguatamente attrezzato con vasca (accessibile sui tre lati) o doccia Da attrezzare complanare (accessibile sui tre lati) con sedia doccia regolabile in altezza. Il Bagno assistito è riscaldato in modo autonomo (ad esempio pompa di calore) Il Bagno assistito è dotato di dispositivo di chiamata Il Bagno assistito fa funzione di servizio igienico (dotato di WC e lavabo) Se si: Se non è accessibile, il locale: è di dimensioni tali da permettere N 1 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

14 N 4 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 5 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 11 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

15 N 12 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 18 Servizio igienico Non è un servizio igienico ma un deposito Ad uso esclusivo del personale

16 SERVIZI GENERALI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni/risposte N 9 Ufficio amministrativo N 17 Ufficio amministrativo N 19 Ufficio amministrativo N 32 Ufficio amministrativo SERVIZI AUSILIARI (ACCESSORI) Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni N 23 Deposito materiali vari N 28 Deposito materiali vari ALTRI LOCALI DOVE NON SPECIFICATO, SI PREGA DI INSERIRE FUNZIONE DEL LOCALE Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni N 2 Cooperative N 3 Assistente sociale - sala colloqui N 13 Saletta riposo centro diurno N 14 Saletta attività centro diurno N 20 Guardaroba centro diurno N 21 Vuotatoio N 24 Bar N 25 Saletta attività occupazionali N 26 Ingresso N 27 Accettazione N 29 Sala proiezioni/tv N 30 Sala riunioni N 31 Sala d attesa - - -

17 Commento [MSOffice1]: Viene allegata nuova piantina evidenziante l ampliamento realizzato a livello delle camere mediante eliminazione dei terrazzini Si è inoltre ricavato un posto letto aggiuntivo a livello dei numeri e uno ulteriore a livello dei numeri Figura 3 - Casa per Anziani "Umberto I", Pordenone, piano primo

18 PIANO PRIMO (figura 3) SPAZI COLLETTIVI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni Metratura del locale N 52 Soggiorno Accessibile a portatori di handicap (ai sensi 59,6 N 6 Sala da pranzo Soggiorno del DPR 503/96 e DM 236/89) Accessibile a portatori di handicap (ai sensi del DPR 503/96 e DM 236/89) Totale superficie sul piano destinata a soggiorno e sala da pranzo ,6 Eventuali correzioni CAMERE DA LETTO Posti letto camera Caratteristiche della camera Risposta Metratura camera Eventuali correzioni Mq Eventuali correzioni N 2 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle 23 N 3 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 5 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 9 1 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 12 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle 21,5 33,8 14,5 20,7

19 N 20 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 21 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 22 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 23 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 25 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 27 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 34 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 36 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle X sì (*) X sì (*) X sì (*) X sì (*) 21,5 21,5 21,5 27,5 20,1 19,6 21,9 28,8 26,5 (*) solo in parte diventa da 3 posti letto 26,5 (*) solo in parte diventa da 3 posti letto 26,5 (*) solo in parte diventa da 3 posti letto (*) solo in parte

20 N 46 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 48 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 49 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 50 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle n 53 4 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 54 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 55 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle 17,8 26,5 23,3 22,3 33, ,2 27,5 diventa da 3 posti letto 37,3 diventa da 4 posti letto

21 SERVIZI IGIENICI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Risposte N 11 Bagno assistito Locale igienico, adeguatamente attrezzato con vasca (accessibile sui tre lati) o doccia Da attrezzare complanare (accessibile sui tre lati) con sedia doccia regolabile in altezza. Il Bagno assistito è riscaldato in modo autonomo (ad esempio pompa di calore) Il Bagno assistito è dotato di dispositivo di chiamata Il Bagno assistito fa funzione di servizio igienico (dotato di WC e lavabo) Se si: Se non è accessibile, il locale: è di dimensioni tali da permettere N 47 Bagno assistito Locale igienico, adeguatamente attrezzato con vasca (accessibile sui tre lati) o doccia complanare (accessibile sui tre lati) con sedia doccia regolabile in altezza. Il Bagno assistito è riscaldato in modo autonomo (ad esempio pompa di calore) Il Bagno assistito è dotato di dispositivo di chiamata Il Bagno assistito fa funzione di servizio igienico (dotato di WC e lavabo) Se si: Se non è accessibile, il locale: è di dimensioni tali da permettere

22 N 1 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 4 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 10 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

23 N 16 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 19 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 26 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

24 N 28 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 29 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 30 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

25 N 31 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 32 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 33 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

26 N 37 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 39 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 40 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

27 N 41 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 43 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 44 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

28 N 45 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 57 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale SERVIZI GENERALI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni/risposte N 51 Ufficio amministrativo N 56 Guardaroba (deposito biancheria pulita) N 14 Deposito biancheria sporca Il locale è ben ventilato? X sì no SERVIZI SANITARI N 8 Ambulatorio medico infermieristico Dotato da lettino da visita Dotato di lavabo? Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni/risposte SERVIZI AUSILIARI (ACCESSORI) Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni N 13 Deposito materiali vari - - -

29 N 24 Deposito materiali vari ALTRI LOCALI DOVE NON SPECIFICATO, SI PREGA DI INSERIRE FUNZIONE DEL LOCALE Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni N 15 Deposito materiale sanitario N 17 Vuotatoio N 35 Vuotatoio N 38 Non specificato Locale quadri elettrici

30 Figura 4 - Casa per Anziani "Umberto I", Pordenone, piano secondo

31 PIANO SECONDO (figura 4) SPAZI COLLETTIVI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni Metratura del locale N 52 Soggiorno Accessibile a portatori di handicap (ai sensi 59,6 N 6 Sala da pranzo Soggiorno del DPR 503/96 e DM 236/89) Accessibile a portatori di handicap (ai sensi del DPR 503/96 e DM 236/89) Totale superficie sul piano destinata a soggiorno e sala da pranzo ,6 Eventuali correzioni CAMERE DA LETTO Posti letto camera Caratteristiche della camera Risposta Metratura camera Eventuali correzioni Mq Eventuali correzioni N 2 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle 23 N 3 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 5 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 9 1 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 12 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle 21,5 33,8 14,5 20,7

32 N 20 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 21 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 22 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 23 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 25 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 27 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 34 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 36 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle X sì (*) X sì (*) X sì (*) X sì (*) 21,5 21,5 21,5 27,5 20,1 19,6 21,9 28,8 26,5 (*) solo in parte diventa da 3 posti letto 26,5 (*) solo in parte diventa da 3 posti letto 26,5 (*) solo in parte diventa da 3 posti letto (*) solo in parte

33 N 46 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 48 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 49 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 50 2 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 53 4 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 54 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle N 55 3 Consente la mobilità, manovra e rotazione di sedie a rotelle Xsì no Xsì no 17,8 26,5 23,3 22,3 33, ,2 27,5 diventa da 3 posti letto 37,3 diventa da 4 posti letto

34 SERVIZI IGIENICI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Risposte N 11 Bagno assistito Locale igienico, adeguatamente attrezzato con vasca (accessibile sui tre lati) o doccia Da attrezzare complanare (accessibile sui tre lati) con sedia doccia regolabile in altezza. Il Bagno assistito è riscaldato in modo autonomo (ad esempio pompa di calore) Il Bagno assistito è dotato di dispositivo di chiamata Il Bagno assistito fa funzione di servizio igienico (dotato di WC e lavabo) Se si: Se non è accessibile, il locale: è di dimensioni tali da permettere N 47 Bagno assistito Locale igienico, adeguatamente attrezzato con vasca (accessibile sui tre lati) o doccia complanare (accessibile sui tre lati) con sedia doccia regolabile in altezza. Il Bagno assistito è riscaldato in modo autonomo (ad esempio pompa di calore) Il Bagno assistito è dotato di dispositivo di chiamata Il Bagno assistito fa funzione di servizio igienico (dotato di WC e lavabo) Se si: Se non è accessibile, il locale: è di dimensioni tali da permettere

35 N 1 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 4 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 10 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

36 N 16 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 19 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 26 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

37 N 28 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 29 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 30 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

38 N 31 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 32 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 33 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

39 N 37 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 39 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 40 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

40 N 41 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 43 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 44 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

41 N 45 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 57 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale SERVIZI GENERALI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni/risposte N 51 Ufficio amministrativo N 56 Guardaroba (deposito biancheria pulita) N 14 Deposito biancheria sporca Il locale è ben ventilato? SERVIZI SANITARI N 8 Ambulatorio medico infermieristico Dotato da lettino da visita Dotato di lavabo? Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni/risposte SERVIZI AUSILIARI (ACCESSORI) Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni N 13 Deposito materiali vari - - -

42 N 24 Deposito materiali vari ALTRI LOCALI DOVE NON SPECIFICATO, SI PREGA DI INSERIRE FUNZIONE DEL LOCALE Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni N 15 Deposito materiale sanitario N 17 Vuotatoio N 35 Vuotatoio N 38 Non specificato Locale quadri elettrici

43 Figura 5 - Casa per Anziani "Umberto I", Pordenone, piano terzo

44 PIANO TERZO (figura 5) SERVIZI IGIENICI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Risposte N 6 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 8 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale N 10 Servizio igienico Ad uso esclusivo del personale

45 SERVIZI GENERALI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni/risposte N 5 Spogliatoio per personale Con annessi i servizi igienici ad uso esclusivo del personale? N 7 Spogliatoio per personale Con annessi i servizi igienici ad uso esclusivo del personale? N 9 Spogliatoio per personale Con annessi i servizi igienici ad uso esclusivo del personale? SERVIZI SANITARI Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni/risposte N 2 Locale per attività riabilitative, fisioterapiche e motorie ALTRI LOCALI DOVE NON SPECIFICATO, SI PREGA DI INSERIRE FUNZIONE DEL LOCALE Funzione/i del locale Caratteristiche del locale Eventuali correzioni N 1 Vano tecnico N 3 Sottotetto N 4 Vano tecnico N 11 Terrazzo per alloggiamento impianti N 12 Vano tecnico - - -

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi)

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi) Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali (Allegato alla Carta dei Servizi) REGOLAMENTO INTERNO RSA ************* TITOLO 1 OGGETTO, FINALITA, CARATTERISTICHE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA

AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA Marca da bollo Da. 14,62 Spazio per timbro protocollo AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA per il successivo inoltro alla A.S.U.R. n. 12 Dipartimento di Prevenzione di SAN BENEDETTO

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 15-03-1984 REGIONE CAMPANIA

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 15-03-1984 REGIONE CAMPANIA LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 15-03-1984 REGIONE CAMPANIA

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 DETERMINAZIONE

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Casa dello Studente Leonardo da Vinci Dateo Gauss Khayyam Archimede Carta dei servizi

Casa dello Studente Leonardo da Vinci Dateo Gauss Khayyam Archimede Carta dei servizi Area Tecnico Edilizia Area Servizi Residenziali Residenze universitarie Casa dello Studente Leonardo da Vinci Dateo Gauss Khayyam Archimede Politecnico di Milano Area Tecnico Edilizia Piazza Leonardo da

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica e sovvenzionata

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole Consulta le pagine che seguono

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici

CI-Obiettivi determinanti del ramo d' articoli elettrici Der Verband für Stark- und Schwachstrominstallationen, Telekommunikation, IT- und Sicherheitsinstallationen, Anlagenbau, Gebäudetechnik L union pour les installations à courant fort et courant faible,

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00

REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00 REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE Sede di- BASSANO DEL GRAPPA (VI) Via Cereria, 15 tel. 0424 885500 - fax

Dettagli

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Residenziali per le persone anziane

Comune di Modena. Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione. Carta dei Servizi. Residenziali per le persone anziane Comune di Modena Assessorato alle Politiche Sociali, per la Casa e per l Integrazione Carta dei Servizi Residenziali per le persone anziane Testo approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 26 del

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI Premessa...Pag.2 1. Introduzione..Pag.2 1.a Definizione di barriera architettonica....pag.2 1.b Antropometria e quadro esigenziale.....pag.3

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Distretto Di Casalecchio Di Reno CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Carta dei Servizi Il testo della Carta dei servizi è stato condiviso dal Gruppo Tecnico costituito ai sensi della L.R. 377/2004, istituito

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

PARTE SECONDA DEUXIÈME PARTIE ACTES DU PRÉSIDENT DE LA RÉGION ATTI DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE. VAL- LET d ARVIER ARVIER MORGEX.

PARTE SECONDA DEUXIÈME PARTIE ACTES DU PRÉSIDENT DE LA RÉGION ATTI DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE. VAL- LET d ARVIER ARVIER MORGEX. PARTE SECONDA DEUXIÈME PARTIE ATTI DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE ARVIER di MORGEX IL PRESIDENTE DELLA REGIONE Omissis - ARVIER, di derivare dalla Dora MORGEX, moduli - - Art 2 - - - - - Il Presidente Augusto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ALLEGATO A REQUISITI DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ALLEGATO A REQUISITI DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Ambito di applicazione Art. 4 - Igiene del personale ed autocontrollo

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA MOD. Art/A 1-07-2002 15:17 Pagina 1 Numero ALBO MARCA DA BOLLO Mod. ART/A ISCRIZIONE DI DITTA INDIVIDUALE REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

MEETING & CONFERENCE ENNA. www.hotelfedericoenna.it

MEETING & CONFERENCE ENNA. www.hotelfedericoenna.it MEETING & CONFERENCE ENNA www.hotelfedericoenna.it Ci presentiamo Il Federico II Palace Hotel Spa & Congress, sorge a Enna circondato da immense vallate che creano una cornice naturale di verde, ma anche

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE

ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE IL SISTEMA ESIGENZIALE UNI 8289 ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE Il sistema esigenze-requisiti-prestazioniosservato all'interno del sistema edilizio può essere visto come particolare condizione di realizzabilità

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Una casa su misura. Domande e risposte per migliorare l accessibilità domestica. A cura di Devis Trioschi

Una casa su misura. Domande e risposte per migliorare l accessibilità domestica. A cura di Devis Trioschi Una casa su misura Domande e risposte per migliorare l accessibilità domestica A cura di Devis Trioschi Fisioterapista Centro Regionale Ausili di Bologna È un iniziativa Regione Emilia Romagna Programma

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Corso d approfondimento. di Relatore. www.minergie.ch. Partner specializzati Minergie: formazione continua per progettisti

Corso d approfondimento. di Relatore. www.minergie.ch. Partner specializzati Minergie: formazione continua per progettisti Di quanto spazio necess sita l aria? Corso d approfondimento di Relatore Milton Generelli, SUPSI, Agenzia MINERGIE Svizzera Italiana, Canobbio Partner specializzati Minergie: formazione continua per progettisti

Dettagli

Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata

Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata IT www.ditecentrematic.com Automazioni progettate per ambienti specialistici. Ditec Valor H, nella sua ampia gamma, offre

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

Contenuto e scopo. 1. Campo d applicazione. Aiuto all applicazione EN-12 Energia elettrica, SIA 380/4, Parte illuminazione Edizione giugno 2011

Contenuto e scopo. 1. Campo d applicazione. Aiuto all applicazione EN-12 Energia elettrica, SIA 380/4, Parte illuminazione Edizione giugno 2011 Aiuto all applicazione EN-12 Energia elettrica, SIA 380/4, Parte illuminazione Edizione giug 2011 Contenuto e scopo La presente scheda tratta le egenze energetiche degli edifici per la parte illuminazione.

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO-ALTO ADIGE

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO-ALTO ADIGE DEFINIZIONE DEGLI AMBULATORI EXTRAOSPEDALIERI E DEGLI STUDI PROFESSIONALI SANITARI E INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE PER LE QUALI GLI STUDI DEVONO ESSERE AUTORIZZATI Per AMBULATORI

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO La gestione ambientale di una struttura turistica prevede di porre sotto controllo, gestire e ridurre gli impatti ambientali legati al ciclo di vita

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

VUOI VENIRE AL MARE DA NOI?

VUOI VENIRE AL MARE DA NOI? VUOI VENIRE AL MARE DA NOI? copia omaggio www.vacanzemizar.it 2 PRENOTA OGGI STESSO LE TUE MERAVIGLIOSE VACANZE A VALVERDE! IL REGNO DEL BUON PESCE ALLA SCOPERTA DELLA QUALITA 4 MIZAR VACANZE TI OFFRE

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

Partner unico, vantaggi infiniti.

Partner unico, vantaggi infiniti. Partner unico, vantaggi infiniti. Affidabilità, la nostra missione. Un unico interlocutore per molteplici servizi: è questa la forza di Tre Sinergie, azienda che opera nel settore del global service e

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli