LA GESTIONE MANUTENTIVA DEGLI EDIFICI PROVINCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GESTIONE MANUTENTIVA DEGLI EDIFICI PROVINCIALI"

Transcript

1 AREA EDILIZIA LA GESTIONE MANUTENTIVA DEGLI EDIFICI PROVINCIALI Prima ricognizione sulle attività legate alla gestione e manutenzione degli edifici scolastici e patrimoniali della Provincia di Torino OTTOBRE 2014 Il Dirigente del Servizio Edilizia Scolastica 1 e del Servizio Impianti tecnologici e gestione energia Ing. Roberto Bertora Il Dirigente del Servizio Edilizia Scolastica 2 Arch. Claudio Schiari Il Dirigente del Servizio Amministrazione e Controllo Dott.ssa Valeria Sottili Il Direttore dell Area Edilizia Ing. Sandro Petruzzi 1

2 1. PREMESSE La presente relazione è volta a delineare nel suo complesso la situazione generale dell Edilizia scolastica e patrimoniale della Provincia di Torino alla luce della necessità di garantirne il funzionamento anche in una situazione (come quella attuale) di enorme difficoltà generata dal particolare contesto normativo ed economico finanziario legato al passaggio alla Città Metropolitana. Tale relazione è stata esplicitamente individuata come obiettivo specifico previsto dal Piano Esecutivo di Gestione approvato con D.G.P. n /2014 del 25/6/2014, nel quale veniva assegnato ai Dirigenti, tra l altro, il seguente obiettivo: Costituzione della Città Metropolitana: messa a disposizione degli elementi tecnico-amministrativi utili a favorire il funzionamento del nuovo Ente. In questa prima relazione ci si è soffermati sulle attività e funzioni principali, riservandosi di integrare la relazione su attività e funzioni che allo stato attuale presentano minori criticità, anche in attesa della definizione puntuale delle competenze del nuovo Ente (trasferimento fondi a piccoli comuni per edilizia scolastica, impiantistica sportiva etc.). Per introdurre il tema è utile specificare che il patrimonio edilizio della Provincia di Torino in capo all Area Edilizia si suddivide in due principali categorie: - edifici adibiti ad uso scolastico per istruzione di 2 grado (scuole superiori); - edifici a destinazione non scolastica ed utilizzati da altri soggetti (pubblici o privati); Entrambe queste categorie ricoprono un importanza fondamentale per il territorio della Provincia pertanto, pur consapevoli delle oggettive difficoltà applicative delle norme transitorie previste per gestire la migrazione verso il nuovo Ente, è necessario adottare tutte le misure (gestionali, tecniche e finanziarie) per far si che non si possano configurare nel corso del 2015 interruzioni di pubblici servizi essenziali quali quello scolastico o quelli garantiti da Enti strategici, quali la Questura, la Prefettura, il Comando Regionale Carabinieri e le sedi regionali e teritoriali del MIUR. 2. IL PATRIMONIO EDILIZIO SCOLASTICO DELLA PROVINCIA DI TORINO Nel territorio della Provincia di Torino si trovano 91 Istituzioni scolastiche di istruzione secondaria superiore, di cui 46 in Torino, dislocate in 158 edifici, di cui 71 ubicati in Torino. L anno scolastico coinvolgerà più di studenti suddivisi in più di classi, oltre agli insegnanti e al personale amministrativo e tecnico. La Provincia di Torino esegue la manutenzione e la gestione di 158 edifici scolastici. In particolare il patrimonio edilizio scolastico si presenta estremamente eterogeneo sia in termini di tipologie costruttive che in termini di modalità di utilizzo e gestione, tuttavia alcuni dati possono essere utili per classificare tali edifici sulla base di alcuni indicatori, primo tra tutti l anno di costruzione dell edificio. DATI STATISTICI ISTITUTI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA: Sedi scolastiche (*) % sedi in edifici con + 50 anni 52 33% sedi in edifici costruiti periodo % sedi in edifici costruiti periodo % 2

3 sedi in edifici costruiti periodo oggi 42 26% ANNO DI COSTRUZIONE DEGLI EDIFICI SCOLASTICI sedi in edifici con + 50 anni sedi in edifici costruiti periodo sedi in edifìci costruiti periodo sedi in edifici costruiti periodo oggi Come è evidenziato dal grafico suindicato il 75% degli edifici scolastici ha più di 30 anni di vita mentre il 33% ne ha più di 50. E possibile pertanto comprendere le grandi difficoltà manutentive e gestionali che derivano dalla necessità di questi edifici di subire interventi di adeguamento e manutenzione straordinaria molto importanti in quanto le loro componenti edilizie e impiantistiche sempre con maggiori difficoltà sono in grado di garantire la piena funzionalità ed efficienza. Altro dato fondamentale per comprendere la complessità del problema è costituito dall analisi della provenienza di tali edifici in quanto, circa 1 edificio su 2 è stato trasferito alla Provincia in diritto d uso ai sensi della Legge 23/96 o secondo altre forme, con una conseguente difficoltà a ricostruire in maniera compiuta la storia dell edificio in termini di interventi edilizi ed impiantistici nonché delle certificazioni necessarie all ottenimento della piena agibilità degli edifici. 3. ULTERIORE PATRIMONIO EDILIZIO DELLA PROVINCIA DI TORINO La Provincia di Torino è inoltre proprietaria di 55 edifici non adibiti ad uso scolastico, tra cui alcuni di importanza strategica quali la Sede della Prefettura, della Questura, del Comando Regionale Carabinieri e del MIUR, come già anticipato. Tra questi non sono comprese le sedi provinciali destinate ad uso ufficio (C.so inghilterra, Sede storica di via Maria Vittoria 12, centri per l impiego, circondari etc.) per le quali la competenza alla gestione manutentiva è stata affidata al Servizio Logistica collocato direttamente nell Area Patrimonio. Per garantire tuttavia una gestione unitaria dei costi legati al riscaldamento e alla climatizzazione estiva è stato previsto un contratto unico di gestione termica che comprende tutti gli edifici provinciali (scolastici, non scolastici e sede di ufficio) e gestito dal servizio impianti tecnologici dell Area Edilizia. A differenza degli edifici scolastici che risultano concessi in comodato alla Provincia ai sensi della Legge 23/96 gli edifici patrimoniali, tranne rare eccezioni (legate a trasferimenti di competenze da parte di Regione/Stato) sono di proprietà della Provincia di Torino e 3

4 pertanto costituiscono una parte rilevante di un patrimonio immobiliare che a tutti gli effetti oltre che gestito può e deve essere opportunamente valorizzato. 4. PRINCIPALE OBIETTIVO DELLE ATTIVITÀ MANUTENTIVE ORDINARIE E STRAORDINARIE È LA SICUREZZA La Provincia di Torino da sempre orienta le proprie politiche in materia edilizia prima di tutto in favore della sicurezza. Edilizia scolastica: Nel mese di agosto 2010 sono stati approvati i progetti definitivi - esecutivi per gli interventi di manutenzione ordinaria degli edifici scolastici per il triennio ed articolati in 5 lotti territoriali e funzionali per l importo complessivo di oltre 13 milioni di euro. Queste le principali caratteristiche, in parte nuove rispetto all appalto precedente: 1. alla luce delle nuove esigenze emerse nell ultimo biennio, a seguito anche di quanto previsto dall Anagrafe dell Edilizia scolastica e dall Intesa Istituzionale n. 7/CU del , è stata introdotta la verifica dei substemi edilizi, e cioè una attività di controllo su alcune componenti specifiche (cornicioni, soffitti e controsoffitti, serramenti etc.) in ogni edificio scolastico; 2. viene altresì compresa nell'oggetto dell'appalto l'esecuzione degli interventi di manutenzione edile, di manutenzione integrale dei presidi antincendio, dei dispositivi di sicurezza e di controllo, di verifica dei subsistemi edilizi, tutti compresi nei quattro lotti a suddivisione territoriale, nonché di manutenzione programmata degli impianti elettrici ed impianti elevatori (ascensori, montacarichi e montascale) di tutti gli edifici scolastici provinciali. Nel corso del 2013 tuttavia, stante l impossibilità oggettiva di far fronte alle esigenze manutentive degli edifici attraverso interventi di manutenzione straordinaria risolutivi delle criticità evidenziate si è potuto procedere solo attraverso l utilizzo degli fondi per la manutenzione ordinaria che sono stati pertanto esauriti, a fronte delle continue richieste di manutenzione provenienti dalle istituzioni scolastiche e dagli organi di vigilanza (SPRESAL, VV.FF. etc.). Edilizia Patrimoniale: Nel corso dell anno 2013 a causa dei noti problemi legati all applicazione del patto di stabilità la Giunta Provinciale ha sostanzialmente bloccato qualsiasi intervento di manutenzione straordinaria sugli edifici patrimoniali, fatto salvi quelli per i quali esisteva già un contratto stipulato. Per tale ragione sono state sospese le aggiudicazioni e l iter approvativo di diversi interventi di rilevante importanza su edifici strategici quali questura, prefettura e sede del MIUR di Via Coazze. Nel corso del 2013 ci si è limitati, con le risorse disponibili a gestire la manutenzione ordinaria e svolgere i servizi obbligatori (manutenzione presidi antincendio, ascensori etc.) Per quanto riguarda l anno 2014 è stato confermato il blocco delle spese di investimento situazione aggravata dal mancato rinnovo del contratto di manutenzione ordinaria. I costi del servizio di manutenzione ordinaria La tabella sottostante riporta i dati aggregati di superficie complessiva del patrimonio scolastico e di quello patrimoniale rapportandoli ai costi manutentivi sostenuti: Tipologie edilizie Sup. complessiva in m 2 4

5 scuole, laboratori, auditorium palestre scolastiche altri edifici pubblici (Prefettura, Questura etc.) aree esterne (verdi, attrezzature sportive etc.) TOTALE TIPOLOGIA MANUTENZIONE COSTO MEDIO ANNUO manutenzione edile, presidi antincendio etc edifici patrimoniali TOTALE Dal rapporto tra le superfici complessive e i costi annui sostenuti si desume un costo medio per la manutenzione ordinaria di circa 3 euro/m 2 /anno. Il costo annuo per la manutenzione nel corso dell ultimo triennio si è rivelato largamente insufficiente rispetto alle esigenze minime manutentive che possono quantificarsi mediamente in 5 euro/m 2 /anno per affrontare le esigenze primarie di sicurezza. È da segnalare difatti che la drastica riduzione delle risorse per la manutenzione straordinaria costituisce un falso risparmio in quanto implica un maggiore degrado/danneggiamento delle componenti edilizie ed impiantistiche (si pensi ad esempio al mancato rifacimento di una copertura ammalorata o di serramenti esterni non più a tenuta quanti danni produca per effetto di infiltrazioni su solai e/o pareti) ed un conseguente aggravio dei costi necessari per la manutenzione ordinaria. L importo dell appalto triennale per la manutenzione dei 158 edifici scolastici è di circa euro/anno a cui devono aggiungersi i costi per la manutenzione dei 55 edifici patrimoniali pari a euro/anno. Va precisato che la manutenzione degli impianti termici (di tutti gli edifici provinciali: scolastici, patrimoniali e sede di uffici) è di competenza del soggetto gestore del servizio di riscaldamento, affidato con un appalto quinquennale ( ) mediante asta pubblica. Edilizia scolastica: Si evidenziano: le sempre più pressanti e reiterate richieste dei dirigenti scolastici e RSPP (circa richieste di intervento/anno con procedura SIGMANET) a fronte dello sgravio di responsabilità ai sensi dell art. 18 comma 3 del D.Lgs: 81/2008; la necessità di ottemperare alle prescrizioni degli organi di vigilanza (SPRESAL e Vigili del Fuoco) che nella loro campagna sistematica di sopralluoghi hanno spesso segnalato situazioni di carenza manutentiva all interno degli edifici scolastici. Si ritiene che una gestione accettabile degli edifici scolastici non possa prescindere da uno stanziamento adeguato delle risorse, quantificabile quanto meno pari alle risorse stanziate negli anni precedenti. Tuttavia si resta consapevoli del fatto che in tal caso non potranno essere soddisfatte tutte le richieste (seppur motivate e pertinenti) che non hanno stretta attinenza con la sicurezza, 5

6 cui verrà data assoluta precedenza: saranno da escludersi pertanto interventi di attrezzatura di laboratori, tinteggiature, ottimizzazioni di spazi e allargamento di locali etc. Edilizia patrimoniale: Anche per l Edilizia Patrimoniale si evidenzia che la carenza di risorse destinate alla manutenzione ordinaria e straordinaria presuppone allo stato attuale: l impossibilità di far fronte alle richieste dei soggetti gestori degli edifici (tra cui Prefetto, Questore, Comandante Regionale dei Carabinieri, Direttore Scolastico Regionale e Territoriale etc.) a fronte dello sgravio di responsabilità ai sensi dell art. 18 comma 3 del D.Lgs: 81/2008; la necessità di completare gli adeguamenti normativi in particolare nel campo della sicurezza strutturale, della prevenzione incendi. 5. LA GESTIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PROVINCIALI A differenza delle precedenti voci di costo, la gestione energetica degli edifici provinciali è aggregata. Ne consegue che, oltre agli istituti scolastici di scuola secondaria superiore e agli immobili patrimoniali descritti in premessa, in essa sono compresi anche le sedi di uffici dell Amministrazione, i circondari e i centri per l impiego. L attività di gestione della climatizzazione degli stabili di competenza della Provincia di Torino ha interessato nell ultima stagione termica (2013/2014) complessivamente oltre 150 unità distribuite sul territorio e comprende 168 impianti, la cui volumetria complessiva è pari a m L esercizio e la manutenzione degli impianti in gestione diretta è suddivisa su tre tipologie: Tipologia GR : consiste nella gestione degli impianti termici dedicati sia al riscaldamento ambientale che alla fornitura di acqua calda sanitaria, intesa come conduzione e manutenzione ordinaria, programmata e straordinaria degli impianti di riscaldamento, comprensiva della fornitura di combustibile. Il corrispettivo per essa previsto è scisso in due componenti: la Quota Energia e la Quota Servizio. Gli edifici/impianti inseriti in tale tipologia sono attualmente 131, così suddivisi: n 120 riscaldati a gas metano, rappresentano il 93,24% dell intero parco impiantistico in termini di consumo energetico riferito alla stagione 2013/2014; n 10 riscaldati a gasolio, rappresentano il 3.37% dell intero parco impiantistico in termini di consumo energetico riferito alla stagione 2013/2014; n 1 riscaldato a cippato di legno, rappresenta il 3.39% dell intero parco impiantistico in termini di consumo energetico riferito alla stagione 2013/2014. Nel complesso della tipologia GR la volumetria riscaldata è pari a m Tipologia CR : coincide con la precedente tipologia GR, con l eccezione della fornitura di combustibili, che non è a carico dell appaltatore. Il corrispettivo per la ditta è costituito dalla sola componente Quota Servizio per i quali è prevista una contabilizzazione a corpo, sono attualmente 37, per una volumetria complessiva pari a m 3. Tipologia CC : 6

7 consiste nella conduzione e manutenzione ordinaria, programmata e straordinaria degli impianti di condizionamento dell aria nel periodo estivo non comprensiva della fornitura dell energia elettrica e dei combustibili. Il corrispettivo per l appaltatore è costituito dalla sola componente Quota Servizio che remunera anche i servizi forniti dall appaltatore relativamente alle unità mobili di climatizzazione ambientali presenti presso i medesimi edifici. Gli edifici classificati in questa tipologia sono attualmente 12. Di seguito i dati tabellati dei consumi energetici delle ultime tre stagioni termiche, compreso il dato medio delle tre. METANO 2011/ / /14 Media ultime tre stagioni Consumo [m 3 ] Termie [MWh] GASOLIO 2011/ / /14 Media Consumo [l] Termie [MWh] CIPPATO 2011/ / /14 CIPPATO Media Consumo [T] Termie [MWh] Dal punto di vista economico, fatto salvo il valore dell ultima stagione termica che è presunto stante la mancanza della definizione del Certificato finale (in fase di redazione), di seguito si riportano i dati consolidati delle ultime tre stagioni termiche (valori IVA compresa). Tipologia di attività Costo stagione 2011/12 Costo stagione 2012/13 Costo stagione 2013/14 Quota Energia All. A1 e A2 [Euro] , , ,00 Quota Servizio GR, CR e CC All. A3 [Euro] , , ,00 Acqua calda sanitaria [Euro] , , ,86 Oneri per la sicurezza [Euro] , , ,17 Totale [Euro] , , ,03 Dalla lettura critica dei dati riportati, si evince che l ultima stagione termica ha beneficiato di condizioni climatiche favorevoli facendo conseguire dei risparmi in termini di consumi energetici. Per quanto riguarda gli interventi di Manutenzione Aperta, non compresi nelle attività di manutenzione ordinaria, programmata e straordinaria previste nell ambito delle attività compensate nella Quota Servizio, sono stati realizzati annualmente interventi per un importo medio pari a circa ,00. Tale cifra, però, non è risultata sufficiente a coprire tutte le necessità connesse con l adeguamento generale normativo degli impianti termici, stante le numerose e pressanti richieste di intervento derivanti dalle ispezioni degli organi di controllo. 7

8 Nell ambito degli interventi di riqualificazione ed ottimizzazione energetica, volti sia alla riduzione del consumo energetico e dell inquinamento atmosferico, che all efficientamento degli impianti di generazione e distribuzione del calore, negli corso degli ultimi tre periodi di appalto sono stati realizzati significativi interventi hanno dato un contributo, in maniera fondamentale, alla riduzione dei consumi energetici degli ultimi 15 anni. Di seguito la tabella di comparazione degli ultimi tre appalti: 1999/ / / 2014 Variazione % fra Appalto 1999/04 e Appalto 2009/14 Consumo (Energia termica erogata) medio stagionale per appalto (Mwh) ,26% Consumi normalizzati rispetto ai parametri medi Caratteristici (Mwh/Volumetria * GG*Giorni accensione* 10 9 ) Costo medio stagione normalizzato (Euro/vol*GG*gg*Rev) 59,82 55,35 50,35-15,83% ,02% Consumo medio stagionale (Mwh) % / / /2014 Consumo medio stagionale (Mwh) Tale politica di riduzione dei costi di esercizio richiede tuttavia che una parte dei risparmi conseguiti venga reinvestita in interventi di efficentamento energetico in modo da conseguire ulteriori risparmi negli anni successivi e migliorare più in generale funzionalità e comfort degli ambienti scolastici. Tale previsione era inizialmente prevista in capitolato ma non è stata mai attivata in quanto tutti i risparmi conseguiti sono stati introitati nel bilancio dell ente, vanificando l obiettivo principale dell appalto. Per quanto riguarda la stagione invernale 2014/2015 si segnala che con DGP n del 05.08,2014 la Giunta provinciale ha espresso l indirizzo di procedere con l affidamento del servizio di climatizzazione all attuale gestore del contratto Servizio energetico negli edifici provinciali Guerrato S.p.a.. Con successiva determinazione dirigenziale è stato pertanto formalizzato l affidamento del servizio per il periodo LE SPESE DI FUNZIONAMENTO E ARREDO 8

9 Oltre alle spese necessarie per la manutenzione e il riscaldamento occorre ricordare che alle Province spettano, ai sensi della normativa vigente (T.U. 267/2000, art. 19, comma 1 ed art. 3, comma 1 L. 23/1996): le spese per utenze idriche, telefoniche ed elettriche; le spese per trasloco, manutenzione e acquisto di arredi e laboratori e altre spese minori di gestione dell ufficio; le spese per manutenzione e acquisto delle attrezzature sportive fisse delle palestre. Gli arredi scolastici: Al fine di assolvere alle proprie competenze istituzionali è onere della Provincia provvedere all acquisto dell'arredo necessario a garantire il regolare svolgimento dell'attività didattica (arredo aula ed attrezzature sportive) e tecnico-amministrativa (arredo ufficio) assegnando i beni alle scuole richiedenti. Negli ultimi anni tuttavia, i vincoli del Patto di Stabilità hanno limitato fortemente la capacità di spesa dell Ente passando da una spesa complessiva di circa 600 mila euro/anno all azzeramento totale delle risorse registrato nel 2013 e nel Allo stato attuale quindi non è possibile acquistare nessun tipo di arredo/attrezzatura neanche per quelle scuole che hanno registrato incremento della popolazione per il nuovo anno scolastico. Allo stesso modo non sarà possibile procedere nel programma di sostituzione dell arredo scolastico obsoleto e/o non rispondente alle norme di sicurezza, che ormai da anni questa Provincia perseguiva con buon esito e soddisfazione dell utenza scolastica. Si rammenta che il mancato intervento dell Ente obbligato a fornire l arredo aula necessario potrà compromettere la regolarità di un pubblico servizio essenziale qual è l attività didattica nelle scuole di istruzione superiore. Altri costi di funzionamento che la Provincia di Torino è obbligata a sostenere sono rappresentati di seguito riportando, per ciascuna delle rispettive voci l incidenza annua. SPESE GESTIONE CALORE, ENERGIA ELETTRICA, ACQUA E GAS USO TECNOLOGICO DEGLI EDIFICI SCOLASTICI TIPO SERVIZIO IMPORTO ENERGIA ELETTRICA ACQUA SANITARIA TELERISCALDAMENTO GAS USO TECNOLOGICO RIMBORSO SPESE DI FUNZIONAMENTO RIMBORSO AI COMUNI GESTIONE CALORE TOTALE COMPLESSIVO Per quanto riguarda invece l Edilizia Patrimoniale tali spese sono a carico degli Enti locatari. 9

10 7. LE MISURE ORGANIZZATIVE ADOTTATE Dal 2009 è stata avviata una sistematica campagna di ispezioni negli edifici scolastici con riferimento alla vulnerabilità degli elementi non strutturali (intradosso solai, controsoffitti, facciate, cornicioni, impianti, etc.). In particolare per l edilizia scolastica si è resa necessaria l adozione di misure straordinarie al fine di migliorare l efficienza e l efficacia della propria azione. Dal mese di Ottobre 2012 la Provincia di Torino ha pertanto approvato una riorganizzazione dell Area Edilizia che prevede l assegnazione a tutto il personale tecnico dell area di compiti di controllo e gestione degli edifici scolastici. Questo nell ottica di prevenire le criticità e programmare gli interventi manutentivi attraverso una intensificazione dei controlli e delle verifiche. In tale contesto, per dare attuazione alla riorganizzazione dell area sono stati attivati dei corsi di formazione specifici, destinati ai tecnici dell area edilizia, sulle seguenti tematiche: Il rischio amianto nelle scuole e la gestione dei controlli (4 ore); La prevenzione incendi negli edifici scolastici (16 ore). Nel corso del 2013 sono stati eseguiti dai tecnici dell Edilizia: Oltre controlli e sopralluoghi nelle scuole sulla base delle segnalazioni pervenute; Oltre interventi di manutenzione ordinaria (sostituzione vetri, riparazioni perdite, opere da fabbro, falegname, lattoniere, impianti elettrici/termici etc.) per complessivi 1.8 milioni di euro. Tuttavia, se le attività di controllo e ispezione non sono associate ad adeguate capacità di intervento, il lavoro effettuato rischia di essere vanificato e riduce i tecnici della Provincia a meri esecutori di disposizioni di chiusura e inagibilità parziale di locali scolastici non potendo che prendere atto delle situazioni di pericolo senza possibilità di intervento. Laddove dalle ispezioni visive emerga un quadro di criticità (con particolare riferimento allo stato dei solai e dei controsoffitti) in assenza di risorse per intervenire in maniera risolutiva è assolutamente indispensabile procedere all esecuzione di indagini approfondite (anche strumentali) per verificare l effettivo grado di vulnerabilità dell elemento segnalato. Tale procedura è da configurarsi come misura alternativa e compensativa ai sensi del D.Lgs. 81/2008 rispetto alla soluzione definitiva che prevede l intervento di manutenzione straordinaria. Tali attività sono già state avviate su parte degli edifici scolastici, con la redazione, per ogni singolo edificio, di un libretto sanitario che tiene conto di un accurata diagnosi dello stato di conservazione dei soffitti e dei controsoffitti attraverso prove soniche, termografie, prove di carico etc. E pertanto necessario stanziare risorse adeguate per effettuare controlli e monitoraggi strumentali negli edifici in modo da individuare le priorità e prevenire crolli e danni a persone e cose. 8. GLI INTERVENTI URGENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA 10

11 Nella tabella allegata sono riportati degli interventi di adeguamento normativo e/o messa in sicurezza urgenti e indifferibili finanziati e previsti a bilancio 2014 o con residui. Complessivamente si tratta di opere il cui finanziamento ammonta a euro, di quasi interamente destinati all edilizia scolastica, finanziati da terzi e vincolati come destinazione specifica agli interventi di messa in sicurezza e adeguamento normativo. Per tali interventi è fondamentale definire se sia possibile procedere agli affidamenti in quanto ulteriori ritardi rispetto ai tempi programmati possono produrre rilevanti danni patrimoniali legati a: Perdita di finanziamenti straordinari e dedicati da parte di terzi (Regione, Stato, CIPE etc.); Mancato adeguamento normativo e conseguente esercizio di attività scolatica in assenza di agibilità (Prevenzione Incendi, agibilità statica e sismica, rimozione amianto etc.); Mancato rispetto di prescrizioni/ordinanze da parte degli organi di vigilanza e autorità giudiziaria. ELENCO PROGETTI E INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA E ADEGUAMENTO NORMATIVO TITOLO INTERVENTO IMPORTO NOTE E CRITICITA' INTERVENTI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE E NORMATIVO DA ESEGUIRSI PRESSO L'ITIS PININFARINA, MONCALIERI, FINANZIATI CON FONDI DEI PATTI TERRITORIALI TORINO-SUD. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE E NORMATIVO DA ESEGUIRSI PRESSO L'ITC SUCCURSALE MAJORANA, MONCALIERI, FINANZIATI CON FONDI DEI PATTI TERRITORIALI TORINO-SUD. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE E NORMATIVO DA ESEGUIRSI PRESSO LA SEDE E AL SUCCURSALE DELL'IIS VITTONE CHIERI, FINANZIATI CON FONDI DEI PATTI TERRITORIALI TORINO-SUD. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE E NORMATIVO DA ESEGUIRSI PRESSO LA SEDE E LA SUCCURSALE DELL'IIS ROCCATI- BALDESSANO, CARMAGNOLA, FINANZIATI CON FONDI DEI PATTI TERRITORIALI TORINO-SUD. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE E NORMATIVO DA ESEGUIRSI PRESSO L'IIS MAXWELL E L'ITC ROTTERDAM, NICHELINO, FINANZIATI CON FONDI DEI PATTI TERRITORIALI TORINO-SUD. I.T.C. SOMMEILLER-L.S. FERRARIS, Torino. Interventi di manutenzione straordinaria vari. I.I.S. A. STEINER, TORINO. Lavori di manutenzione straordinaria 1,098, , , ,620 1,003, , ,000 Si tratta di interventi finanziati al 100% con i fondi dei Patti Territoriali Torino Sud, sono finanziamenti del Ministero dello sviluppo economico destinati (su proposta della Provincia di Torino) ad interventi di adeguamento normativo nelle scuole. Se non verranno rispettate le tempistiche imposte dal CIPE il contributo verrà revocato. Si tratta di interventi finanziati dal CIPE di attuazione dell intesa 7/CU per la messa in sicurezza delle scuole rispetto alle criticità emerse a seguito dei sopralluoghi post Darwin. 11

12 SUCC. BALDESSANO-ROCCATI, CARMAGNOLA. Interventi di risanamento conservativo e miglioramento statico. 900,000 I.I.S DARWIN, L.S. ROMERO. RIVOLI. INTERVENTI DI RIPRISTINO DELLA RECINZIONE 280,000 L.S. DARWIN, RIVOLI. INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA VARI, 1 STRALCIO I.I.S. PRIMO LEVI, TORINO. INTERVENTI VARI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA. BANDO REGIONALE PER INTERVENTI EDILIZI SU EDIFICI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI TORINO. I.I.S. SELLA-AALTO, SUCC. VIA BRACCINI 11 TORINO. INTERVENTI DI DI MESSA IN SICUREZZA INTRADOSSI SOLAI. BANDO REGIONALE PER INTERVENTI EDILIZI SU EDIFICI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI TORINO. I.P.A. STEINER, TORINO. LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PALESTRA. BANDO REGIONALE PER INTERVENTI EDILIZI SU EDIFICI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI TORINO. I.T.C. ENRICO FERMI CIRIE INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA SEGALATI NEI VERBALI INTESA 7/CU. BANDO REGIONALE PER INTERVENTI EDILIZI SU EDIFICI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI TORINO. EDIFICI SCOLASTICI VARI. INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PRESIDI ANTINCENDIO. BANDO REGIONALE PER INTERVENTI EDILIZI SU EDIFICI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI TORINO. EDIFICI SCOLASTICI VARI. INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DI SERRAMENTI E SOSTITUZIONE PARTI VETRATE. BANDO REGIONALE PER INTERVENTI EDILIZI SU EDIFICI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI TORINO. I.I.S. BOSSO. TORINO. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO IMPIANTI ELETTRICI. BANDO REGIONALE PER INTERVENTI EDILIZI SU EDIFICI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI TORINO. I.T.IS.AMALDI, ORBASSANO (TO).LAVORI DI TRASFORMAZIONE IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DA ARIA AD ACQUA E SEZIONAMENTO. BANDO REGIONALE PER INTERVENTI EDILIZI SU EDIFICI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI TORINO. L.S. DARWIN, RIVOLI. INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA SUGLI IMPIANTI. BANDO REGIONALE PER INTERVENTI 600, , , , , , , , , ,000 Si segnala che qualora non si realizzi l intervento si perderà il finanziamento INAIL che prevede tempistiche ristrette per l affidamento dei lavori. Tra l altro la Procura della Repubblica, nell ordinanza di dissequestro ha prescritto la messa in sicurezza delle aule. Si tratta dei progetti del cd "decreto del fare" che devono essere affidati entro i termini ristretti (entro il 2014) pena la revoca del finanziamento 12

13 EDILIZI SU EDIFICI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI TORINO. COMPL. SCOL.CO BAROCCHIO (I.I.S. E. VITTORINI), GRUGLIASCO. INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO I.T.C. PASCAL, GIAVENO. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E MIGLIORAMENTO SISMICO I.I.S. LUXEMBURG, L.S. COPERNICO, TORINO. LAVORI DI BONIFICA E MESSA IN SICUREZZA SOLAI 200,000 1,788, ,000 TOTALE INTERVENTI EDILIZIA SCOLASTICA 11,658,269 Lavori di adeguamento sismico finanziati interamente dal CIPE e oggetto di specifica prescrizione da parte dello SPRESAL a seguito di parere del consulente della Procura Lavori di adeguamento sismico della scuola finanziati sul patto per la sicurezza (STATO - REGIONE - PROVINCIA) e oggetto di specifica prescrizione da parte dello SPRESAL a seguito di parere del consulente della Procura. Si tratta di un intervento di prosecuzione dei lavori di messa in sicurezza dei solai dell'istituto oggetto di prescrizione da parte di SPRESAL e VV.FF. la mancata realizzazione di questo intervento si configura come inottemperanza alle prescrizioni degli organi di vigilanza QUESTURA DI TORINO. MANUTENZIONE STRAORDINARIA CENTRALE TERMICA 166,000 Intervento urgente da eseguirsi in quanto le centrali termiche della questura risultano ad oggi NON FUNZIONANTI. L intervento prevede circa 120 gg. di lavoro per cui ulteriori ritardi non consentiranno l attivazione del servizio di riscaldamento della Questura dal 15 ottobre Si ribadisce l urgenza ed indifferibilità degli interventi sopra riportati, la cui mancata realizzazione determinerebbe per il nuovo Ente la perdita di finanziamenti straordinari pubblici superiore a 10 milioni di euro che dovrebbero comunque essere stanziati con fondi propri per effettuare gli interventi previsti. 9. ELENCO DELLE PRINCIPALI CRITICITA Alla luce di quanto premesso il corrente anno scolastico è iniziato non solo in una situazione di generale criticità dovuta alla impossibilità di effettuare investimenti ma con ulteriori gravi incertezze che si possono di seguito sintetizzare: Dal 2009 è stata avviata una sistematica campagna di ispezioni negli edifici scolastici con riferimento alla vulnerabilità degli elementi non strutturali (intradosso solai, controsoffitti, facciate, cornicioni, impianti, etc.). Laddove dalle schede redatte emerge un quadro di criticità (con particolare riferimento allo stato dei solai e dei controsoffitti) in assenza di risorse per intervenire in maniera risolutiva è assolutamente indispensabile procedere all esecuzione di indagini approfondite (anche strumentali) per verificare l effettivo grado di vulnerabilità dell elemento segnalato. E pertanto necessario stanziare risorse adeguate per effettuare controlli e monitoraggi strumentali negli edifici più a rischio. Tale procedura è da configurarsi come misura alternativa e compensativa alla soluzione definitiva che prevede l intervento di manutenzione straordinaria. i contratti di manutenzione edile e degli impianti elettrici sono stati integrati per il 2014 ma le pressanti richieste provenienti dalle istituzioni scolastiche (rispetto alle 13

14 quali vengono affrontate solo le emergenze in materia di sicurezza) fanno si che le risorse stanziate saranno esaurite ben prima della fine del corrente anno; devono essere definite quanto prima le risorse a disposizione in modo da poter avviare quanto prima gli affidamenti dei contratti manutentivi; numerosi istituti scolastici denunciano criticità che ne pregiudicano e mettono a rischio l utilizzo, alle quali non è possibile dare risposta stante l attuale carenza di risorse finanziarie o l impossibilità di utilizzarle per i vincoli imposti dal patto di stabilità (si vedano, ad esempio, i casi del Curie di Grugliasco, del Copernico- Luxemburg e del Santorre di Santarosa di Torino, del Darwin-Romero di Rivoli); la situazione attuale non consente di dare risposte adeguate e complete alle istanze degli organismi di controllo (A.S.L. e VV.F. per primi); ciò determina il perdurare di situazioni di mancato rispetto normativo che determina impossibilità o limitazioni nell utilizzo di alcune strutture e ripercussioni, anche di carattere penale, sulla dirigenza competente; L appalto per il riscaldamento e la gestione degli impianti termici negli edifici provinciali è attivo solo fino alla data del stante l impossibilità di prevedere impegni pluriennali non è possibile attivare le future procedure di affidamento; Sono stati bloccati i fondi necessari a garantire la manutenzione edile e impiantistica di edifici strategici (tra i quali la Prefettura e la Questura), situazione insostenibile anche sotto il profilo della sicurezza; Sempre con riferimento all Edificio sede della Questura è necessario provvedere alla sostituzione delle centrali termiche entro l estate, in assenza di tale intervento non sarà possibile riscaldare l intero edificio nell autunno 2014 indipendentemente dal contratto di fornitura del riscaldamento o meno. Malgrado le richieste in sede di proposta di bilancio non sono stati stanziati fondi per arredi scolastici per il 2014 e, di conseguenza, non è stato possibile soddisfare le numerose richieste di arredo pervenute dalle scuole anche se, dalle indicazioni pervenute dall Ufficio Scolastico Regionale, la popolazione scolastica provinciale crescerà è cresciuta di Dove la Provincia non ha potuto fornire vecchi arredi di recupero le scuole hanno smontato parte dei laboratori e utilizzato i banchi e le sedie provenienti dagli stessi, ma è evidente che tale situazione non può perdurare oltre vista l obsolescenza dei beni. 10. PROPOSTE OPERATIVE Seppur in un periodo di oggettiva difficolta economica e finanziaria e di vuoto istituzionale e normativo è impensabile che i servizi pubblici ospitati dagli edifici provinciali (scuole, caserme, uffici pubblici, prefettura) possano essere interrotti e/o ridimensionati. Per garantire tuttavia la sostenibilità di un patrimonio edilizio così articolato e complesso non si può prescindere dall affrontare alcuni temi fondamentali tra i quali risulta di fondamentale importanza l analisi del patrimonio edilizio di cui si dispone con riferimento a: i costi di gestione in modo da individuare quelli a più elevato consumo (energetico, manutentivo); la situazione complessiva e i costi di adeguamento normativo (sicurezza strutturale, prevenzione incendi e adeguamento impianti termici, elettrici etc.); 14

15 la funzionalità e fruibilità degli edifici rispetto alle mutate esigenze scolastiche e alla domanda formativa. L esame dei dati soprarichiamati potrà consentire una valutazione su: quali sono gli edifici scolastici strategici e su cui eventualmente investire anche per consentire la realizzazione di poli scolastici aggregati; quali sono invece gli edifici che per le loro caratteristiche edilizie, impiantistiche e funzionali devono essere dismessi non essendo sostenibile e perseguibile il loro pieno adeguamento normativo. La programmazione degli interventi manutentivi e degli adeguamenti normativi in funzione delle scelte strategiche che dovranno necessariamente essere assunte. L individuazione delle modalità di valorizzazione immobiliare degli edifici di proprietà da dismettere e definire accordi strategici con i comuni per la valorizzazione di quelli concessi in uso ai sensi della Legge 23/96. 15

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA

APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA APPALTO IN GLOBAL SERVICE di SERVIZI INTEGRATI PER LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI GENOVA CONTESTO PATRIMONIALE GENERALE Consistenza : 265 unità/attività (n. 200 edifici)

Dettagli

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente Allegato A PROGETTO DI FORMAZIONE LAVORO ATTIVITA RELATIVE ALLA GESTIONE EDIFICI ED INFRASTRUTTURE STRADALI COMUNALI Di cui all art. 3, legge n. 863/1984 e successive modificazioni Attività e programmi

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014 Patrocinio Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura - Dipartimento di Scienze per l'architettura Dottorato di Ricerca in "Recupero Edilizio ed Ambientale" Provincia di Genova CONVEGNO FACILITY

Dettagli

BANDO PER LA RACCOLTA DEL FABBISOGNO DI INTERVENTI DI EDILIZA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELL ART. 10 DEL D.L. 12 SETTEMBRE 2013, N.

BANDO PER LA RACCOLTA DEL FABBISOGNO DI INTERVENTI DI EDILIZA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELL ART. 10 DEL D.L. 12 SETTEMBRE 2013, N. Allegato A alla DGR n. --- del --- BANDO PER LA RACCOLTA DEL FABBISOGNO DI INTERVENTI DI EDILIZA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELL ART. 10 DEL D.L. 12 SETTEMBRE 2013, N. 104 Indice 1. Obiettivi 2. Tipologie

Dettagli

Provincia di Modena - Servizio Globale Impianti Servizio Energia comprendente la riqualificazione degli impianti Termici e degli Immobili

Provincia di Modena - Servizio Globale Impianti Servizio Energia comprendente la riqualificazione degli impianti Termici e degli Immobili Provincia di Modena - Servizio Globale Impianti Servizio Energia comprendente la riqualificazione degli impianti Termici e degli Immobili della Provincia di Modena Ing. Annalisa Vita Funzionario presso

Dettagli

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa Oggetto dell iniziativa è l affidamento del Servizio Integrato Energia, ovvero di tutte le attività di gestione, conduzione

Dettagli

RELAZIONE GENERALE. 1. Premessa. 2. Il sistema edificio impianto. Pagina 1 di 9

RELAZIONE GENERALE. 1. Premessa. 2. Il sistema edificio impianto. Pagina 1 di 9 RELAZIONE GENERALE 1. Premessa Alcuni degli edifici scolastici gestiti dalla Provincia di Torino, presentano impianti di riscaldamento obsoleti e caratterizzati da una scarsa flessibilità dal punto di

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Provinciale

Verbale di Deliberazione della Giunta Provinciale Verbale di Deliberazione della Giunta Provinciale n. 92 - Riunione del 12 Maggio 2009 Oggetto: Bando provinciale per l erogazione di contributi per attività di diagnosi e progettazione di interventi di

Dettagli

CHIARIMENTI - n.2 RISPOSTE A DOMANDE PERVENUTE

CHIARIMENTI - n.2 RISPOSTE A DOMANDE PERVENUTE PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ENERGIA E TECNOLOGICO PER GLI IMPIANTI DI PERTINENZA DEL COMUNE DI PISTOIA CHIARIMENTI - n.2 1. Nonostante siano state ricevute alcune richieste di proroga

Dettagli

MODELLO DI DOMANDA PER RICHIESTA DI ACCESSO AL FINANZIAMENTO (da compilare in tutte le parti a pena di inammissibilità)

MODELLO DI DOMANDA PER RICHIESTA DI ACCESSO AL FINANZIAMENTO (da compilare in tutte le parti a pena di inammissibilità) ALLEGATO AL BANDO Alla Regione Marche Servizio Infrastrutture, Trasporti, Energia. P.F. Edilizia ed espropriazione regione.marche.edilizia@emarche.it BANDO PER LA FORMAZIONE DEL PIANO REGIONALE TRIENNALE

Dettagli

AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DEI COMUNI DELL OGLIO PO

AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DEI COMUNI DELL OGLIO PO AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DEI COMUNI DELL OGLIO PO Comune di Rivarolo del Re ed Uniti (CR) RELAZIONE FINALE - Audit leggeri - Audit di dettaglio - Certificazione energetica - Installazione del sistema

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 5 Adunanza 3 febbraio 2009 OGGETTO: I.I.S. CURIE, GRUGLIASCO (TO) SEZIONE STACCATA DI COL- LEGNO. RISTRUTTURAZIONE DELLA VILLA N. 6. APPROVAZIONE

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L Unione delle Province d Italia (di seguito UPI) con sede in Piazza Cardelli n. 4, Roma, nella persona del Presidente Antonio Saitta; E L Associazione Nazionale dei Dirigenti e

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE Termine ultimo di presentazione della domanda: 17 novembre 2014 1. Oggetto Obiettivo del bando è assicurare adeguato sostegno alle famiglie potenziando i servizi per l infanzia

Dettagli

ATTO DI CONVENZIONE PER IL TRASFERIMENTO DI FONDI PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI (art. 3 Legge n. 23 dell 11.01.

ATTO DI CONVENZIONE PER IL TRASFERIMENTO DI FONDI PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI (art. 3 Legge n. 23 dell 11.01. ATTO DI CONVENZIONE PER IL TRASFERIMENTO DI FONDI PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI (art. 3 Legge n. 23 dell 11.01.1996) Tra la PROVINCIA di BERGAMO e l Istituto. L anno 2012, il giorno. del

Dettagli

Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi

Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi Piano d azione: Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Area AMBIENTE Bando con scadenza 29 giugno 2007: Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi Il problema

Dettagli

OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE

OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE SEMINARIO LE IMPRESE E L AMBIENTE Come le imprese partecipano oggi alla tutela dell ambiente? 15 Aprile 2011 OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE Bando

Dettagli

PROVINCIA DI TERNI - COMUNE DI TERNI

PROVINCIA DI TERNI - COMUNE DI TERNI PROVINCIA DI TERNI - COMUNE DI TERNI ASSESSORATI ALL AMBIENTE CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI AMMODERNAMENTO, MIGLIORAMENTO E RICONVERSIONE ENERGETICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL SETTORE

Dettagli

COMUNE DI ARESE Provincia di Milano

COMUNE DI ARESE Provincia di Milano COMUNE DI ARESE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI AI PRIVATI PER IL RIFACIMENTO DELLE COPERTURE IN ETERNIT DEGLI EDIFICI E L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI REGOLAMENTO

Dettagli

Città di Orbassano Provincia di Torino DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE III SETTORE GESTIONE TERRITORIO. N.340 del 22/05/2013

Città di Orbassano Provincia di Torino DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE III SETTORE GESTIONE TERRITORIO. N.340 del 22/05/2013 ORIGINALE Città di Orbassano Provincia di Torino DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE III SETTORE GESTIONE TERRITORIO N.340 del 22/05/2013 OGGETTO: INTERVENTO DI CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE E MIGLIORAMENTO SISMICO

Dettagli

Arch. Francesco Longo Geom. Anselmo Antonaci Ing. Emanuele Surano

Arch. Francesco Longo Geom. Anselmo Antonaci Ing. Emanuele Surano COMUNE DI CASARANO D.L. 21.06.2013 n. 69 Disposizioni urgenti per il rilancio dell economia Istituto Comprensivo Polo 2 Scuola secondaria di I Grado PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA,

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio: qualità degli interventi, equità dei costi, sostenibilità ambientale

La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio: qualità degli interventi, equità dei costi, sostenibilità ambientale Progetti di efficienza energetica nella Pubblica Amministrazione: azioni e strategie per superare gli ostacoli La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio: qualità degli

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

Prot. n. 1035/B15 Taranto, 31.10.2012

Prot. n. 1035/B15 Taranto, 31.10.2012 Prot ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. GALILEI Vico Carducci, 9 74123 TARANTO - tel. 099.4706866 tel. e fax 0994707447 Codice Fiscale 80010490730 Codice meccanografico: taic802004 www. scuolagalilei.it e-mail:

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

1. Dati del dichiarante IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del dichiarante IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data L addetto alla ricezione N.B: Il presente documento è privo di validità in assenza di vidimazione da parte del SUAP. La vidimazione

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO APPALTO SERVIZI GESTIONE INTEGRATA DISCIPLINARE DI GARA ELABORATO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO CON LA CONSULENZA DI: Prof. Ing. Mauro Strada (Steam s.r.l.) e Ing.

Dettagli

Comune di Arese Agenda 21 Locale. Arese, città sostenibile

Comune di Arese Agenda 21 Locale. Arese, città sostenibile Comune di Arese Agenda 21 Locale Arese, città sostenibile Conferenza del 06 maggio 2008 ASSESSORATO ALL AMBIENTE AMBIENTE DEL COMUNE DI ARESE Tematiche della conferenza: Produzione di Energia da Fonti

Dettagli

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Ecoabita è un progetto della Regione Emilia Romagna, in collaborazione con la Provincia

Dettagli

Diagnosi Energetica negli edifici scolastici

Diagnosi Energetica negli edifici scolastici Diagnosi Energetica negli edifici scolastici ing. Piergabriele Andreoli Perché una Diagnosi Energetica L Analisi Energetica risulta il primo passo per: l attuazione di politiche di riduzione dei costi

Dettagli

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DEGLI SPAZI PUBBLICI ATTREZZATI PER LO SPORT

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DEGLI SPAZI PUBBLICI ATTREZZATI PER LO SPORT CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DEGLI SPAZI PUBBLICI ATTREZZATI PER LO SPORT ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 192 DEL 29 LUGLIO 1993 MODIFICATO

Dettagli

IMMOBILE DI VIA MANZONI CREMONA (EX ISTITUTO SUORE M. DI S. DOROTEA) LAVORI DI RIMOZIONE DI MATERALI CONTENENTI AMIANTO

IMMOBILE DI VIA MANZONI CREMONA (EX ISTITUTO SUORE M. DI S. DOROTEA) LAVORI DI RIMOZIONE DI MATERALI CONTENENTI AMIANTO Corso Vittorio Emanuele II, 17 - C.F.80002130195 AREA INFRASTRUTTURE E PATRIMONIO SETTORE PATRIMONIO e PROVVEDITORATO Dirigente: Ing. Rossano Ghizzoni e-mail: patrimonio@provincia.cremona.it IMMOBILE DI

Dettagli

APPALTO DI LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA SU EDIFICI RESIDENZIALI A REDDITO DI PROPRIETA O IN USO A ROMA CAPITALE PER IL PERIODO DI DUE ANNI

APPALTO DI LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA SU EDIFICI RESIDENZIALI A REDDITO DI PROPRIETA O IN USO A ROMA CAPITALE PER IL PERIODO DI DUE ANNI ACCORDO QUADRO AI SENSI DELL ART. 59 COMMA 4 DEL D. LGS. N. 163/2006 APPALTO DI LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA SU EDIFICI RESIDENZIALI A REDDITO DI PROPRIETA O IN USO A ROMA CAPITALE PER IL PERIODO DI

Dettagli

23/11/2011 1. Caserma Casalmaggiore: riqualificazione facciata

23/11/2011 1. Caserma Casalmaggiore: riqualificazione facciata LA GESTIONE PROGETTUALE ED OPERATIVA DELLA SICUREZZA NEGLI INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA DI IMMOBILI PUBBLICI PER L ANNO L 2012. IL MODELLO DELLA PROVINCIA DI CREMONA Realizzato grazie alla collaborazione

Dettagli

RELAZIONE GENERALE. Premessa

RELAZIONE GENERALE. Premessa RELAZIONE GENERALE Premessa La scuola dell infanzia con il Nido Integrato persegue la formazione integrale di bambini dai 12 ai 36 mesi offrendo opportunità per il raggiungimento di capacità e competenze

Dettagli

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito Prevenzione incendi: il Ministero dell Interno ha emanato chiarimenti in merito all applicazione del regolamento di semplificazione antincendio (lettera circolare del 18 aprile 2012 prot. n. 0005555) Canale:

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA DETRAZIONE FISCALE DEL 50% (SU UNA SPESA MASSIMA DI 96.000)

RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA DETRAZIONE FISCALE DEL 50% (SU UNA SPESA MASSIMA DI 96.000) Pag.1 RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA DETRAZIONE FISCALE DEL 50% (SU UNA SPESA MASSIMA DI 96.000) Chi può richiederla? Elenchiamo di seguito i soggetti che hanno la possibilità di richiedere la detrazione fiscale

Dettagli

PROVVEDIMENTO Del Funzionario delegato DAL DIRETTORE

PROVVEDIMENTO Del Funzionario delegato DAL DIRETTORE ISTITUZIONE SERVIZI EDUCATIVI SCOLASTICI CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CORREGGIO Viale della Repubblica, 8 - Correggio (RE) 42015 tel. 0522/73.20.64-fax 0522/63.14.06 P.I. / C.F. n. 00341180354 PROVVEDIMENTO

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Terralba - Mogoro - Ales

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Terralba - Mogoro - Ales Prot. n. 3345/C17 del 4/10/2012 - Alle Istituzioni Scolastiche della Provincia di Oristano - All ordine degli ingegneri della Provincia di Oristano - All'Albo della Scuola - All Albo del sito Web della

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SCUOLE ED UNIVERSITA. Torino, 21 ottobre 2013

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SCUOLE ED UNIVERSITA. Torino, 21 ottobre 2013 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SCUOLE ED UNIVERSITA Torino, 21 ottobre 2013 1 INDICE Disposizioni urgenti Direttiva 2010/31/UE Mutui per edilizia scolastica Conto Termico Certificati Bianchi 2 DECRETO-LEGGE

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

COSA C E e COME SCEGLIERLI

COSA C E e COME SCEGLIERLI DETRAZIONI FISCALI ed INCENTIVAZIONI per RISTRUTTURAZIONI e RIQUALIFICAZIONI: COSA C E e COME SCEGLIERLI DETRAZIONI FISCALI Si dividono in due tipologie: - detrazioni del 65% spettanti per interventi di

Dettagli

PROGRAMMA N.11 EDILIZIA SCOLASTICA INNOVAZIONE TECNOLOGICA

PROGRAMMA N.11 EDILIZIA SCOLASTICA INNOVAZIONE TECNOLOGICA 3.4 - PROGRAMMA N.11 EDILIZIA SCOLASTICA INNOVAZIONE TECNOLOGICA AMMINISTRATORE COMPETENTE: PRESIDENTE ETTORE PIROVANO RESPONSABILE: ANTONIO ZANNI - GIUSEPPINA PETTINI 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

G. F. MAIA MATERDONA - A. MORO

G. F. MAIA MATERDONA - A. MORO Scuola Secondaria di 1 Grado G. F. MAIA MATERDONA - A. MORO Via G.Carducci n.3-72023 MESAGNE (BR) Sede Materdona 0831 771421 Fax n. 0831 730667 Sede Moro / Fax 0831738266 C.F. 91062130744 - C.M. BRMM06500N

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Urbanistica Rigenerazione Urbana DIRETTORE CARLETTI arch. RUGGERO Numero di registro Data dell'atto 723 14/05/2015 Oggetto : Approvazione in linea tecnica

Dettagli

CONTRIBUTI PER LIMITATI INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA su edifici di proprietà comunale L.R. 18/84 CRITERI per l ASSEGNAZIONE

CONTRIBUTI PER LIMITATI INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA su edifici di proprietà comunale L.R. 18/84 CRITERI per l ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI PER LIMITATI INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA su edifici di proprietà comunale L.R. 18/84 CRITERI per l ASSEGNAZIONE A) INDIRIZZI GENERALI DI PROGRAMMAZIONE SCOLASTICA ED EDILIZIA La Provincia

Dettagli

Programma per l adozione di misure per il risparmio energetico nel settore delle Case di Cura

Programma per l adozione di misure per il risparmio energetico nel settore delle Case di Cura Programma per l adozione di misure per il risparmio energetico nel settore delle Case di Cura Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all improvviso.. VI SORPRENDERETE A FARE

Dettagli

Procedura di verifica di sussistenza dei requisiti minimi di accreditamento

Procedura di verifica di sussistenza dei requisiti minimi di accreditamento Allegato 2 Definizione delle procedure operative in materia di accreditamento delle strutture formative della Regione Marche Procedura di verifica di sussistenza dei requisiti minimi di accreditamento

Dettagli

Regolamento per l erogazione delle risorse finanziarie agli Istituti scolastici

Regolamento per l erogazione delle risorse finanziarie agli Istituti scolastici Comune di Taurianova PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Regolamento per l erogazione delle risorse finanziarie agli Istituti scolastici Articolo 1 Principi, definizioni e norme generali 1. Il presente regolamento

Dettagli

CITTA DI CECCANO (Provincia di FROSINONE)

CITTA DI CECCANO (Provincia di FROSINONE) CITTA DI CECCANO (Provincia di FROSINONE) ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 77 30/10/2014 OGGETTO : Diverso utilizzo mutuo Cassa DD.PP. 206.892,00 pos.n. 4541967/00 concesso

Dettagli

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente Regolamento per la concessione e l erogazione dei contributi per la realizzazione di alloggi o residenze per studenti universitari, ai sensi della legge regionale 23 gennaio 2007, n. 1, art. 7, comma 18

Dettagli

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO DETERMINA CON IMPEGNO con FD. N. atto DN-14 / 1177 del 11/11/2013 Codice identificativo 951711

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO DETERMINA CON IMPEGNO con FD. N. atto DN-14 / 1177 del 11/11/2013 Codice identificativo 951711 COMUNE DI PISA TIPO ATTO DETERMINA CON IMPEGNO con FD N. atto DN-14 / 1177 del 11/11/2013 Codice identificativo 951711 PROPONENTE Manutenzioni - Manifestazioni storiche - Sport OGGETTO PPI 2013/62 - RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

Corsi di formazione per iscrizione ad elenco professionisti abilitati al rilascio della certificazione energetica di cui all art. 30 della L.R. 22/07.

Corsi di formazione per iscrizione ad elenco professionisti abilitati al rilascio della certificazione energetica di cui all art. 30 della L.R. 22/07. Anno XXXIX - N. 27 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II 2.07.2008 - pag. 3778 Nazionale per la Protezione dell Ambiente, nonché l art. 11 lett. j), che affida all ARPAL l espletamento delle

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 DI TORINO BANDO DI GARA

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 DI TORINO BANDO DI GARA AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 DI TORINO BANDO DI GARA 1. Ente appaltante: ASL TO1 - Via San Secondo 29-10128 TORINO (Tel. 011/5662433 - fax 011/5662232) Indirizzo elettronico: www.aslto1.it. 2. Procedura

Dettagli

Regolamento. Per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali del Comune di Viano. COMUNE DI VIANO Provincia di Reggio Emilia

Regolamento. Per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali del Comune di Viano. COMUNE DI VIANO Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI VIANO Provincia di Reggio Emilia UFFICIO SEGRETERIA SCUOLA - Via San Polo,1 42030 VIANO (RE) Regolamento Per l uso e la gestione degli impianti sportivi comunali del Comune di Viano Approvato

Dettagli

LE SFIDE ENERGETICHE DELLA SANITA IN FRIULI VENEZIA GIULIA

LE SFIDE ENERGETICHE DELLA SANITA IN FRIULI VENEZIA GIULIA LE SFIDE ENERGETICHE DELLA SANITA IN FRIULI VENEZIA GIULIA La centrale tecnologica trigenerativa del Nuovo Ospedale di Udine Paolo Maltese Siram SpA Direttore Parternariato Pubblico Privato 1 L OPERA E

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L'INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI

BANDO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L'INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI BANDO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L'INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Premessa Per raggiungere le finalità dello sviluppo e della diffusione di fonti energetiche rinnovabili,

Dettagli

SISTEMI URBANI Interventi per il piano d'area emergenza in Abruzzo Programma stralcio per la parziale ricostruzione dell'università de L'Aquila

SISTEMI URBANI Interventi per il piano d'area emergenza in Abruzzo Programma stralcio per la parziale ricostruzione dell'università de L'Aquila SISTEMI URBANI Interventi per il piano d'area emergenza in Abruzzo Programma stralcio per la parziale ricostruzione dell'università de L'Aquila SCHEDA N. 125 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

COMUNE DI ARESE Provincia di Milano

COMUNE DI ARESE Provincia di Milano COMUNE DI ARESE Provincia di Milano 2010 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI AI PRIVATI PER IL RIFACIMENTO DELLE COPERTURE IN ETERNIT DEGLI EDIFICI E L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI

Dettagli

Fiscal News N. 293. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 293. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 293 07. 09. 2012 I bonus per l edilizia: alcuni casi pratici Il maggiore sconto è attualmente previsto fino a giugno 2013 Categoria: Irpef Sottocategoria:

Dettagli

FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE

FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE REGISTRO: NUMERO: DATA: OGGETTO: Determinazione 0001115 18/06/2015 13:42 PROCEDURA NEGOZIATA 23/2015 RISANAMENTO CONSERVATIVO, RIPARAZIONE DEL DANNO E MIGLIORAMENTO SISMICO

Dettagli

Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica

Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 luglio 2009 il DM 26/06/2009 sancisce la piena attuazione della Direttiva 2002/91/CE- art. 7 e del Dlgs. 192/05-

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU2 09/01/2014

REGIONE PIEMONTE BU2 09/01/2014 REGIONE PIEMONTE BU2 09/01/2014 Provincia di Alessandria Accordo di programma tra la Provincia di Alessandria e il Comune di Ovada per la realizzazione del nuovo Polo scolastico di Ovada III lotto - I

Dettagli

Direzione Centrale Cultura e Educazione 2012 01351/007 Settore Acquisto Beni e Servizi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Centrale Cultura e Educazione 2012 01351/007 Settore Acquisto Beni e Servizi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Centrale Cultura e Educazione 2012 01351/007 Settore Acquisto Beni e Servizi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 39 approvata il 14 marzo 2012 DETERMINAZIONE: INDIZIONE

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna

Città di Minerbio Provincia di Bologna Città di Minerbio Provincia di Bologna 2 SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO C O P I A Determinazione n. 36 del 13/04/2013 Oggetto: LAVORI DI RISANAMENTO E MIGLIORAMENTO STRUTTURALE

Dettagli

Bando pubblico per i Cittadini

Bando pubblico per i Cittadini Bando pubblico per i Cittadini 1. - Oggetto Condizioni tecniche, finanziarie e amministrative di attuazione dei prestiti co-finanziati dalla Provincia e dalle Banche di Credito Cooperativo di Carugate

Dettagli

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni UNIAMO LE ENERGIE 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni Aggiornamento dello STRALCIO DI PIANO PER IL RISCALDAMENTO AMBIENTALE E IL CONDIZIONAMENTO e disposizioni attuative della l.r. 13/2007 IN MATERIA

Dettagli

Provincia di Forlì-Cesena

Provincia di Forlì-Cesena Provincia di Forlì-Cesena PROGETTAZIONE E MANUTENZIONE FABBRICATI Fascicolo n. 2013/06.06.02/000002 DETERMINAZIONE N. 1976 del 30/09/2013 OGGETTO: DETERMINA A CONTRATTARE PER SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA

Dettagli

Con l Europa investiamo nel vostro futuro

Con l Europa investiamo nel vostro futuro Determinazione del Dirigente Scolastico (Art. 11 del D. Lgs 163/2006) N. 3409 del 14/11/2014 Determina a contrare per l affidamento dei lavori in economia nell ambito del Progetto di Riqualificazione Spazi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO 10.04 Divisione Patrimonio e Contratti Servizio Appalti e Contratti CB/cz

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO 10.04 Divisione Patrimonio e Contratti Servizio Appalti e Contratti CB/cz UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO 10.04 Divisione Patrimonio e Contratti Servizio Appalti e Contratti CB/cz CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROCEDURA APERTA PER L ASSUNZIONE DI UN MUTUO A TASSO FISSO AD EROGAZIONE

Dettagli

VDG Ingegneria 2013 04908/055 Direzione Verde Pubblico ed Edifici Municipali Servizio Gestione Automezzi - Magazzini ed Autorimesse

VDG Ingegneria 2013 04908/055 Direzione Verde Pubblico ed Edifici Municipali Servizio Gestione Automezzi - Magazzini ed Autorimesse VDG Ingegneria 2013 04908/055 Direzione Verde Pubblico ed Edifici Municipali Servizio Gestione Automezzi - Magazzini ed Autorimesse CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 149 approvata

Dettagli

Agenzia Regionale Per l Ambiente Della Calabria POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.

Agenzia Regionale Per l Ambiente Della Calabria POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 LINEA DI INTERVENTO 2.1.2. ARPACAL Agenzia Regionale Per l Ambiente Della Calabria POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA PER IL DIPARTIMENTO

Dettagli

Guida alla Ristrutturazione

Guida alla Ristrutturazione Guida alla Ristrutturazione Un primo approccio alla ristrutturazione Nel momento in cui decidiamo di ristrutturare la nostra abitazione, le considerazioni e le problematiche da affrontare sono molte. L

Dettagli

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO AP/ap Determinazione n. DD-2015-743 esecutiva dal 11/05/2015 Protocollo Generale n. PG-2015-45260 del 06/05/2015

Dettagli

Caratteristiche di una CasaClima

Caratteristiche di una CasaClima Caratteristiche di una CasaClima Il termine CasaClima non identifica uno stile architettonico o un sistema costruttivo ma uno standard energetico. Una CasaClima è innanzitutto un edificio in grado di assicurare

Dettagli

Edizione 2016. Il termine per presentare le richieste di contributo complete di tutti gli allegati è il 31 maggio 2016.

Edizione 2016. Il termine per presentare le richieste di contributo complete di tutti gli allegati è il 31 maggio 2016. Edizione 2016 Bando per interventi di messa in sicurezza, ristrutturazione e riqualificazione degli edifici scolastici e per la formazione professionale. Il Bando è suddiviso in due misure: Misura 1) Interventi

Dettagli

Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta già Provincia Regionale di Caltanissetta (l.r. 15/2015)

Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta già Provincia Regionale di Caltanissetta (l.r. 15/2015) Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta già Provincia Regionale di Caltanissetta (l.r. 15/2015) DELIBERAZIONE COMMISSARIALE ORIGINALE Seduta del 18/12/2015 n. 15 del Registro deliberazioni OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI SPILAMBERTO

COMUNE DI SPILAMBERTO COMUNE DI SPILAMBERTO PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE STRUTTURA LAVORI PUBBLICI, PATRIMONIO E AMBIENTE C O P I A SERVIZIO STRUTTURA LAVORI PUBBLICI, PATRIMONIO E AMBIENTE MATERIA DI INTERVENTI DA INSERIRE

Dettagli

Il decreto legge n.63 del 4 giugno 2013 ha prorogato al 31 dicembre 2013 la detrazione fiscale per gli interventi di efficienza energetica.

Il decreto legge n.63 del 4 giugno 2013 ha prorogato al 31 dicembre 2013 la detrazione fiscale per gli interventi di efficienza energetica. 1 Il decreto legge n.63 del 4 giugno 2013 ha prorogato al 31 dicembre 2013 la detrazione fiscale per gli interventi di efficienza energetica. Lo stesso decreto ha innalzato dal 55% al 65% la percentuale

Dettagli

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia Bonus energia PREMESSA La Finanziaria per il 2007 ha previsto una serie di interventi piuttosto ampia a favore delle persone fisiche e giuridiche che effettuano investimenti volti a ridurre il consumo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

Servizio per la gestione del calore e l adeguamento tecnologico e alle norme di sicurezza degli impianti di riscaldamento degli edifici comunali

Servizio per la gestione del calore e l adeguamento tecnologico e alle norme di sicurezza degli impianti di riscaldamento degli edifici comunali Servizio per la gestione del calore e l adeguamento tecnologico e alle norme di sicurezza degli impianti di riscaldamento degli edifici comunali Sintesi motivazione scelte progettuali e descrizione soluzioni

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI IN EDILIZIA. Presentazione a cura della DELEGAZIONE DEI GEOMETRI DELLA VALLE DELL AGNO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI IN EDILIZIA. Presentazione a cura della DELEGAZIONE DEI GEOMETRI DELLA VALLE DELL AGNO COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI della Provincia di VICENZA LE AGEVOLAZIONI FISCALI IN EDILIZIA Presentazione a cura della DELEGAZIONE DEI GEOMETRI DELLA VALLE DELL AGNO 1 RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE

Dettagli

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al Fondo aziendale

Dettagli

Convenzione. Condizioni tecniche, finanziarie e amministrative di attuazione dei prestiti co-finanziati

Convenzione. Condizioni tecniche, finanziarie e amministrative di attuazione dei prestiti co-finanziati Convenzione 1. - Oggetto Condizioni tecniche, finanziarie e amministrative di attuazione dei prestiti co-finanziati dalla Provincia e dalle Banche di Credito Cooperativo di Carugate, Cernusco sul Naviglio,

Dettagli

1. Nuovi e già vecchi 2. In classe A si vive meglio 3. L edilizia da riqualificare 4. I vantaggi dei cappotti termici 5. Anche le archistar devono

1. Nuovi e già vecchi 2. In classe A si vive meglio 3. L edilizia da riqualificare 4. I vantaggi dei cappotti termici 5. Anche le archistar devono 1. Nuovi e già vecchi 2. In classe A si vive meglio 3. L edilizia da riqualificare 4. I vantaggi dei cappotti termici 5. Anche le archistar devono studiare 6. Ecoquartieri? «Tutti in classe A» è una campagna

Dettagli

La normativa nazionale in tema di distribuzione di gas naturale

La normativa nazionale in tema di distribuzione di gas naturale La normativa nazionale in tema di distribuzione di gas naturale Vincenzo Cavicchia Gas naturale - Liberalizzazione nel mercato della distribuzione - Situazione e prospettive in provincia di Torino Torino

Dettagli

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 ALLEGATO B SCHEDA DESCRITTIVA DELL INTERVENTO PROGETTUALE RELATIVO ALLA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE AD ACCEDERE AI

Dettagli

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data Perseguito L addetto alla ricezione Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Comune di Castellammare del Golfo Verbale

Dettagli

Soluzione Energetica Domotecnica

Soluzione Energetica Domotecnica Soluzione Energetica Domotecnica QUALE SOLUZIONE PER I CONDOMINI CON IMPIANTO CENTRALIZZATO? Il risparmio energetico e il contenimento dei consumi negli impianti centralizzati sono determinati dal miglioramento

Dettagli

La manovra Monti (DL 6.12.2011 n. 201)

La manovra Monti (DL 6.12.2011 n. 201) La manovra Monti (DL 6.12.2011 n. 201) Novità in materia di detrazioni del 36% e del 55% INDICE 1 - Premessa 2 - Detrazione IRPEF del 36% per interventi di recupero edilizio - Messa a regime dal 2012 2.1

Dettagli

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati Modificata con L.R. 15 dicembre 1995, n. 57 Modifiche alle leggi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INCENTIVAZIONE DI OPERE CHE CONCORRONO ALLA VALORIZZAZIONE ESTETICA DEI CENTRI ABITATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INCENTIVAZIONE DI OPERE CHE CONCORRONO ALLA VALORIZZAZIONE ESTETICA DEI CENTRI ABITATI COMUNE DI CASTELLO - MOLINA DI FIEMME Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INCENTIVAZIONE DI OPERE CHE CONCORRONO ALLA VALORIZZAZIONE ESTETICA DEI CENTRI ABITATI Approvato con deliberazione del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli