LA GESTIONE MANUTENTIVA DEGLI EDIFICI PROVINCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GESTIONE MANUTENTIVA DEGLI EDIFICI PROVINCIALI"

Transcript

1 AREA EDILIZIA LA GESTIONE MANUTENTIVA DEGLI EDIFICI PROVINCIALI Prima ricognizione sulle attività legate alla gestione e manutenzione degli edifici scolastici e patrimoniali della Provincia di Torino OTTOBRE 2014 Il Dirigente del Servizio Edilizia Scolastica 1 e del Servizio Impianti tecnologici e gestione energia Ing. Roberto Bertora Il Dirigente del Servizio Edilizia Scolastica 2 Arch. Claudio Schiari Il Dirigente del Servizio Amministrazione e Controllo Dott.ssa Valeria Sottili Il Direttore dell Area Edilizia Ing. Sandro Petruzzi 1

2 1. PREMESSE La presente relazione è volta a delineare nel suo complesso la situazione generale dell Edilizia scolastica e patrimoniale della Provincia di Torino alla luce della necessità di garantirne il funzionamento anche in una situazione (come quella attuale) di enorme difficoltà generata dal particolare contesto normativo ed economico finanziario legato al passaggio alla Città Metropolitana. Tale relazione è stata esplicitamente individuata come obiettivo specifico previsto dal Piano Esecutivo di Gestione approvato con D.G.P. n /2014 del 25/6/2014, nel quale veniva assegnato ai Dirigenti, tra l altro, il seguente obiettivo: Costituzione della Città Metropolitana: messa a disposizione degli elementi tecnico-amministrativi utili a favorire il funzionamento del nuovo Ente. In questa prima relazione ci si è soffermati sulle attività e funzioni principali, riservandosi di integrare la relazione su attività e funzioni che allo stato attuale presentano minori criticità, anche in attesa della definizione puntuale delle competenze del nuovo Ente (trasferimento fondi a piccoli comuni per edilizia scolastica, impiantistica sportiva etc.). Per introdurre il tema è utile specificare che il patrimonio edilizio della Provincia di Torino in capo all Area Edilizia si suddivide in due principali categorie: - edifici adibiti ad uso scolastico per istruzione di 2 grado (scuole superiori); - edifici a destinazione non scolastica ed utilizzati da altri soggetti (pubblici o privati); Entrambe queste categorie ricoprono un importanza fondamentale per il territorio della Provincia pertanto, pur consapevoli delle oggettive difficoltà applicative delle norme transitorie previste per gestire la migrazione verso il nuovo Ente, è necessario adottare tutte le misure (gestionali, tecniche e finanziarie) per far si che non si possano configurare nel corso del 2015 interruzioni di pubblici servizi essenziali quali quello scolastico o quelli garantiti da Enti strategici, quali la Questura, la Prefettura, il Comando Regionale Carabinieri e le sedi regionali e teritoriali del MIUR. 2. IL PATRIMONIO EDILIZIO SCOLASTICO DELLA PROVINCIA DI TORINO Nel territorio della Provincia di Torino si trovano 91 Istituzioni scolastiche di istruzione secondaria superiore, di cui 46 in Torino, dislocate in 158 edifici, di cui 71 ubicati in Torino. L anno scolastico coinvolgerà più di studenti suddivisi in più di classi, oltre agli insegnanti e al personale amministrativo e tecnico. La Provincia di Torino esegue la manutenzione e la gestione di 158 edifici scolastici. In particolare il patrimonio edilizio scolastico si presenta estremamente eterogeneo sia in termini di tipologie costruttive che in termini di modalità di utilizzo e gestione, tuttavia alcuni dati possono essere utili per classificare tali edifici sulla base di alcuni indicatori, primo tra tutti l anno di costruzione dell edificio. DATI STATISTICI ISTITUTI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA: Sedi scolastiche (*) % sedi in edifici con + 50 anni 52 33% sedi in edifici costruiti periodo % sedi in edifici costruiti periodo % 2

3 sedi in edifici costruiti periodo oggi 42 26% ANNO DI COSTRUZIONE DEGLI EDIFICI SCOLASTICI sedi in edifici con + 50 anni sedi in edifici costruiti periodo sedi in edifìci costruiti periodo sedi in edifici costruiti periodo oggi Come è evidenziato dal grafico suindicato il 75% degli edifici scolastici ha più di 30 anni di vita mentre il 33% ne ha più di 50. E possibile pertanto comprendere le grandi difficoltà manutentive e gestionali che derivano dalla necessità di questi edifici di subire interventi di adeguamento e manutenzione straordinaria molto importanti in quanto le loro componenti edilizie e impiantistiche sempre con maggiori difficoltà sono in grado di garantire la piena funzionalità ed efficienza. Altro dato fondamentale per comprendere la complessità del problema è costituito dall analisi della provenienza di tali edifici in quanto, circa 1 edificio su 2 è stato trasferito alla Provincia in diritto d uso ai sensi della Legge 23/96 o secondo altre forme, con una conseguente difficoltà a ricostruire in maniera compiuta la storia dell edificio in termini di interventi edilizi ed impiantistici nonché delle certificazioni necessarie all ottenimento della piena agibilità degli edifici. 3. ULTERIORE PATRIMONIO EDILIZIO DELLA PROVINCIA DI TORINO La Provincia di Torino è inoltre proprietaria di 55 edifici non adibiti ad uso scolastico, tra cui alcuni di importanza strategica quali la Sede della Prefettura, della Questura, del Comando Regionale Carabinieri e del MIUR, come già anticipato. Tra questi non sono comprese le sedi provinciali destinate ad uso ufficio (C.so inghilterra, Sede storica di via Maria Vittoria 12, centri per l impiego, circondari etc.) per le quali la competenza alla gestione manutentiva è stata affidata al Servizio Logistica collocato direttamente nell Area Patrimonio. Per garantire tuttavia una gestione unitaria dei costi legati al riscaldamento e alla climatizzazione estiva è stato previsto un contratto unico di gestione termica che comprende tutti gli edifici provinciali (scolastici, non scolastici e sede di ufficio) e gestito dal servizio impianti tecnologici dell Area Edilizia. A differenza degli edifici scolastici che risultano concessi in comodato alla Provincia ai sensi della Legge 23/96 gli edifici patrimoniali, tranne rare eccezioni (legate a trasferimenti di competenze da parte di Regione/Stato) sono di proprietà della Provincia di Torino e 3

4 pertanto costituiscono una parte rilevante di un patrimonio immobiliare che a tutti gli effetti oltre che gestito può e deve essere opportunamente valorizzato. 4. PRINCIPALE OBIETTIVO DELLE ATTIVITÀ MANUTENTIVE ORDINARIE E STRAORDINARIE È LA SICUREZZA La Provincia di Torino da sempre orienta le proprie politiche in materia edilizia prima di tutto in favore della sicurezza. Edilizia scolastica: Nel mese di agosto 2010 sono stati approvati i progetti definitivi - esecutivi per gli interventi di manutenzione ordinaria degli edifici scolastici per il triennio ed articolati in 5 lotti territoriali e funzionali per l importo complessivo di oltre 13 milioni di euro. Queste le principali caratteristiche, in parte nuove rispetto all appalto precedente: 1. alla luce delle nuove esigenze emerse nell ultimo biennio, a seguito anche di quanto previsto dall Anagrafe dell Edilizia scolastica e dall Intesa Istituzionale n. 7/CU del , è stata introdotta la verifica dei substemi edilizi, e cioè una attività di controllo su alcune componenti specifiche (cornicioni, soffitti e controsoffitti, serramenti etc.) in ogni edificio scolastico; 2. viene altresì compresa nell'oggetto dell'appalto l'esecuzione degli interventi di manutenzione edile, di manutenzione integrale dei presidi antincendio, dei dispositivi di sicurezza e di controllo, di verifica dei subsistemi edilizi, tutti compresi nei quattro lotti a suddivisione territoriale, nonché di manutenzione programmata degli impianti elettrici ed impianti elevatori (ascensori, montacarichi e montascale) di tutti gli edifici scolastici provinciali. Nel corso del 2013 tuttavia, stante l impossibilità oggettiva di far fronte alle esigenze manutentive degli edifici attraverso interventi di manutenzione straordinaria risolutivi delle criticità evidenziate si è potuto procedere solo attraverso l utilizzo degli fondi per la manutenzione ordinaria che sono stati pertanto esauriti, a fronte delle continue richieste di manutenzione provenienti dalle istituzioni scolastiche e dagli organi di vigilanza (SPRESAL, VV.FF. etc.). Edilizia Patrimoniale: Nel corso dell anno 2013 a causa dei noti problemi legati all applicazione del patto di stabilità la Giunta Provinciale ha sostanzialmente bloccato qualsiasi intervento di manutenzione straordinaria sugli edifici patrimoniali, fatto salvi quelli per i quali esisteva già un contratto stipulato. Per tale ragione sono state sospese le aggiudicazioni e l iter approvativo di diversi interventi di rilevante importanza su edifici strategici quali questura, prefettura e sede del MIUR di Via Coazze. Nel corso del 2013 ci si è limitati, con le risorse disponibili a gestire la manutenzione ordinaria e svolgere i servizi obbligatori (manutenzione presidi antincendio, ascensori etc.) Per quanto riguarda l anno 2014 è stato confermato il blocco delle spese di investimento situazione aggravata dal mancato rinnovo del contratto di manutenzione ordinaria. I costi del servizio di manutenzione ordinaria La tabella sottostante riporta i dati aggregati di superficie complessiva del patrimonio scolastico e di quello patrimoniale rapportandoli ai costi manutentivi sostenuti: Tipologie edilizie Sup. complessiva in m 2 4

5 scuole, laboratori, auditorium palestre scolastiche altri edifici pubblici (Prefettura, Questura etc.) aree esterne (verdi, attrezzature sportive etc.) TOTALE TIPOLOGIA MANUTENZIONE COSTO MEDIO ANNUO manutenzione edile, presidi antincendio etc edifici patrimoniali TOTALE Dal rapporto tra le superfici complessive e i costi annui sostenuti si desume un costo medio per la manutenzione ordinaria di circa 3 euro/m 2 /anno. Il costo annuo per la manutenzione nel corso dell ultimo triennio si è rivelato largamente insufficiente rispetto alle esigenze minime manutentive che possono quantificarsi mediamente in 5 euro/m 2 /anno per affrontare le esigenze primarie di sicurezza. È da segnalare difatti che la drastica riduzione delle risorse per la manutenzione straordinaria costituisce un falso risparmio in quanto implica un maggiore degrado/danneggiamento delle componenti edilizie ed impiantistiche (si pensi ad esempio al mancato rifacimento di una copertura ammalorata o di serramenti esterni non più a tenuta quanti danni produca per effetto di infiltrazioni su solai e/o pareti) ed un conseguente aggravio dei costi necessari per la manutenzione ordinaria. L importo dell appalto triennale per la manutenzione dei 158 edifici scolastici è di circa euro/anno a cui devono aggiungersi i costi per la manutenzione dei 55 edifici patrimoniali pari a euro/anno. Va precisato che la manutenzione degli impianti termici (di tutti gli edifici provinciali: scolastici, patrimoniali e sede di uffici) è di competenza del soggetto gestore del servizio di riscaldamento, affidato con un appalto quinquennale ( ) mediante asta pubblica. Edilizia scolastica: Si evidenziano: le sempre più pressanti e reiterate richieste dei dirigenti scolastici e RSPP (circa richieste di intervento/anno con procedura SIGMANET) a fronte dello sgravio di responsabilità ai sensi dell art. 18 comma 3 del D.Lgs: 81/2008; la necessità di ottemperare alle prescrizioni degli organi di vigilanza (SPRESAL e Vigili del Fuoco) che nella loro campagna sistematica di sopralluoghi hanno spesso segnalato situazioni di carenza manutentiva all interno degli edifici scolastici. Si ritiene che una gestione accettabile degli edifici scolastici non possa prescindere da uno stanziamento adeguato delle risorse, quantificabile quanto meno pari alle risorse stanziate negli anni precedenti. Tuttavia si resta consapevoli del fatto che in tal caso non potranno essere soddisfatte tutte le richieste (seppur motivate e pertinenti) che non hanno stretta attinenza con la sicurezza, 5

6 cui verrà data assoluta precedenza: saranno da escludersi pertanto interventi di attrezzatura di laboratori, tinteggiature, ottimizzazioni di spazi e allargamento di locali etc. Edilizia patrimoniale: Anche per l Edilizia Patrimoniale si evidenzia che la carenza di risorse destinate alla manutenzione ordinaria e straordinaria presuppone allo stato attuale: l impossibilità di far fronte alle richieste dei soggetti gestori degli edifici (tra cui Prefetto, Questore, Comandante Regionale dei Carabinieri, Direttore Scolastico Regionale e Territoriale etc.) a fronte dello sgravio di responsabilità ai sensi dell art. 18 comma 3 del D.Lgs: 81/2008; la necessità di completare gli adeguamenti normativi in particolare nel campo della sicurezza strutturale, della prevenzione incendi. 5. LA GESTIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PROVINCIALI A differenza delle precedenti voci di costo, la gestione energetica degli edifici provinciali è aggregata. Ne consegue che, oltre agli istituti scolastici di scuola secondaria superiore e agli immobili patrimoniali descritti in premessa, in essa sono compresi anche le sedi di uffici dell Amministrazione, i circondari e i centri per l impiego. L attività di gestione della climatizzazione degli stabili di competenza della Provincia di Torino ha interessato nell ultima stagione termica (2013/2014) complessivamente oltre 150 unità distribuite sul territorio e comprende 168 impianti, la cui volumetria complessiva è pari a m L esercizio e la manutenzione degli impianti in gestione diretta è suddivisa su tre tipologie: Tipologia GR : consiste nella gestione degli impianti termici dedicati sia al riscaldamento ambientale che alla fornitura di acqua calda sanitaria, intesa come conduzione e manutenzione ordinaria, programmata e straordinaria degli impianti di riscaldamento, comprensiva della fornitura di combustibile. Il corrispettivo per essa previsto è scisso in due componenti: la Quota Energia e la Quota Servizio. Gli edifici/impianti inseriti in tale tipologia sono attualmente 131, così suddivisi: n 120 riscaldati a gas metano, rappresentano il 93,24% dell intero parco impiantistico in termini di consumo energetico riferito alla stagione 2013/2014; n 10 riscaldati a gasolio, rappresentano il 3.37% dell intero parco impiantistico in termini di consumo energetico riferito alla stagione 2013/2014; n 1 riscaldato a cippato di legno, rappresenta il 3.39% dell intero parco impiantistico in termini di consumo energetico riferito alla stagione 2013/2014. Nel complesso della tipologia GR la volumetria riscaldata è pari a m Tipologia CR : coincide con la precedente tipologia GR, con l eccezione della fornitura di combustibili, che non è a carico dell appaltatore. Il corrispettivo per la ditta è costituito dalla sola componente Quota Servizio per i quali è prevista una contabilizzazione a corpo, sono attualmente 37, per una volumetria complessiva pari a m 3. Tipologia CC : 6

7 consiste nella conduzione e manutenzione ordinaria, programmata e straordinaria degli impianti di condizionamento dell aria nel periodo estivo non comprensiva della fornitura dell energia elettrica e dei combustibili. Il corrispettivo per l appaltatore è costituito dalla sola componente Quota Servizio che remunera anche i servizi forniti dall appaltatore relativamente alle unità mobili di climatizzazione ambientali presenti presso i medesimi edifici. Gli edifici classificati in questa tipologia sono attualmente 12. Di seguito i dati tabellati dei consumi energetici delle ultime tre stagioni termiche, compreso il dato medio delle tre. METANO 2011/ / /14 Media ultime tre stagioni Consumo [m 3 ] Termie [MWh] GASOLIO 2011/ / /14 Media Consumo [l] Termie [MWh] CIPPATO 2011/ / /14 CIPPATO Media Consumo [T] Termie [MWh] Dal punto di vista economico, fatto salvo il valore dell ultima stagione termica che è presunto stante la mancanza della definizione del Certificato finale (in fase di redazione), di seguito si riportano i dati consolidati delle ultime tre stagioni termiche (valori IVA compresa). Tipologia di attività Costo stagione 2011/12 Costo stagione 2012/13 Costo stagione 2013/14 Quota Energia All. A1 e A2 [Euro] , , ,00 Quota Servizio GR, CR e CC All. A3 [Euro] , , ,00 Acqua calda sanitaria [Euro] , , ,86 Oneri per la sicurezza [Euro] , , ,17 Totale [Euro] , , ,03 Dalla lettura critica dei dati riportati, si evince che l ultima stagione termica ha beneficiato di condizioni climatiche favorevoli facendo conseguire dei risparmi in termini di consumi energetici. Per quanto riguarda gli interventi di Manutenzione Aperta, non compresi nelle attività di manutenzione ordinaria, programmata e straordinaria previste nell ambito delle attività compensate nella Quota Servizio, sono stati realizzati annualmente interventi per un importo medio pari a circa ,00. Tale cifra, però, non è risultata sufficiente a coprire tutte le necessità connesse con l adeguamento generale normativo degli impianti termici, stante le numerose e pressanti richieste di intervento derivanti dalle ispezioni degli organi di controllo. 7

8 Nell ambito degli interventi di riqualificazione ed ottimizzazione energetica, volti sia alla riduzione del consumo energetico e dell inquinamento atmosferico, che all efficientamento degli impianti di generazione e distribuzione del calore, negli corso degli ultimi tre periodi di appalto sono stati realizzati significativi interventi hanno dato un contributo, in maniera fondamentale, alla riduzione dei consumi energetici degli ultimi 15 anni. Di seguito la tabella di comparazione degli ultimi tre appalti: 1999/ / / 2014 Variazione % fra Appalto 1999/04 e Appalto 2009/14 Consumo (Energia termica erogata) medio stagionale per appalto (Mwh) ,26% Consumi normalizzati rispetto ai parametri medi Caratteristici (Mwh/Volumetria * GG*Giorni accensione* 10 9 ) Costo medio stagione normalizzato (Euro/vol*GG*gg*Rev) 59,82 55,35 50,35-15,83% ,02% Consumo medio stagionale (Mwh) % / / /2014 Consumo medio stagionale (Mwh) Tale politica di riduzione dei costi di esercizio richiede tuttavia che una parte dei risparmi conseguiti venga reinvestita in interventi di efficentamento energetico in modo da conseguire ulteriori risparmi negli anni successivi e migliorare più in generale funzionalità e comfort degli ambienti scolastici. Tale previsione era inizialmente prevista in capitolato ma non è stata mai attivata in quanto tutti i risparmi conseguiti sono stati introitati nel bilancio dell ente, vanificando l obiettivo principale dell appalto. Per quanto riguarda la stagione invernale 2014/2015 si segnala che con DGP n del 05.08,2014 la Giunta provinciale ha espresso l indirizzo di procedere con l affidamento del servizio di climatizzazione all attuale gestore del contratto Servizio energetico negli edifici provinciali Guerrato S.p.a.. Con successiva determinazione dirigenziale è stato pertanto formalizzato l affidamento del servizio per il periodo LE SPESE DI FUNZIONAMENTO E ARREDO 8

9 Oltre alle spese necessarie per la manutenzione e il riscaldamento occorre ricordare che alle Province spettano, ai sensi della normativa vigente (T.U. 267/2000, art. 19, comma 1 ed art. 3, comma 1 L. 23/1996): le spese per utenze idriche, telefoniche ed elettriche; le spese per trasloco, manutenzione e acquisto di arredi e laboratori e altre spese minori di gestione dell ufficio; le spese per manutenzione e acquisto delle attrezzature sportive fisse delle palestre. Gli arredi scolastici: Al fine di assolvere alle proprie competenze istituzionali è onere della Provincia provvedere all acquisto dell'arredo necessario a garantire il regolare svolgimento dell'attività didattica (arredo aula ed attrezzature sportive) e tecnico-amministrativa (arredo ufficio) assegnando i beni alle scuole richiedenti. Negli ultimi anni tuttavia, i vincoli del Patto di Stabilità hanno limitato fortemente la capacità di spesa dell Ente passando da una spesa complessiva di circa 600 mila euro/anno all azzeramento totale delle risorse registrato nel 2013 e nel Allo stato attuale quindi non è possibile acquistare nessun tipo di arredo/attrezzatura neanche per quelle scuole che hanno registrato incremento della popolazione per il nuovo anno scolastico. Allo stesso modo non sarà possibile procedere nel programma di sostituzione dell arredo scolastico obsoleto e/o non rispondente alle norme di sicurezza, che ormai da anni questa Provincia perseguiva con buon esito e soddisfazione dell utenza scolastica. Si rammenta che il mancato intervento dell Ente obbligato a fornire l arredo aula necessario potrà compromettere la regolarità di un pubblico servizio essenziale qual è l attività didattica nelle scuole di istruzione superiore. Altri costi di funzionamento che la Provincia di Torino è obbligata a sostenere sono rappresentati di seguito riportando, per ciascuna delle rispettive voci l incidenza annua. SPESE GESTIONE CALORE, ENERGIA ELETTRICA, ACQUA E GAS USO TECNOLOGICO DEGLI EDIFICI SCOLASTICI TIPO SERVIZIO IMPORTO ENERGIA ELETTRICA ACQUA SANITARIA TELERISCALDAMENTO GAS USO TECNOLOGICO RIMBORSO SPESE DI FUNZIONAMENTO RIMBORSO AI COMUNI GESTIONE CALORE TOTALE COMPLESSIVO Per quanto riguarda invece l Edilizia Patrimoniale tali spese sono a carico degli Enti locatari. 9

10 7. LE MISURE ORGANIZZATIVE ADOTTATE Dal 2009 è stata avviata una sistematica campagna di ispezioni negli edifici scolastici con riferimento alla vulnerabilità degli elementi non strutturali (intradosso solai, controsoffitti, facciate, cornicioni, impianti, etc.). In particolare per l edilizia scolastica si è resa necessaria l adozione di misure straordinarie al fine di migliorare l efficienza e l efficacia della propria azione. Dal mese di Ottobre 2012 la Provincia di Torino ha pertanto approvato una riorganizzazione dell Area Edilizia che prevede l assegnazione a tutto il personale tecnico dell area di compiti di controllo e gestione degli edifici scolastici. Questo nell ottica di prevenire le criticità e programmare gli interventi manutentivi attraverso una intensificazione dei controlli e delle verifiche. In tale contesto, per dare attuazione alla riorganizzazione dell area sono stati attivati dei corsi di formazione specifici, destinati ai tecnici dell area edilizia, sulle seguenti tematiche: Il rischio amianto nelle scuole e la gestione dei controlli (4 ore); La prevenzione incendi negli edifici scolastici (16 ore). Nel corso del 2013 sono stati eseguiti dai tecnici dell Edilizia: Oltre controlli e sopralluoghi nelle scuole sulla base delle segnalazioni pervenute; Oltre interventi di manutenzione ordinaria (sostituzione vetri, riparazioni perdite, opere da fabbro, falegname, lattoniere, impianti elettrici/termici etc.) per complessivi 1.8 milioni di euro. Tuttavia, se le attività di controllo e ispezione non sono associate ad adeguate capacità di intervento, il lavoro effettuato rischia di essere vanificato e riduce i tecnici della Provincia a meri esecutori di disposizioni di chiusura e inagibilità parziale di locali scolastici non potendo che prendere atto delle situazioni di pericolo senza possibilità di intervento. Laddove dalle ispezioni visive emerga un quadro di criticità (con particolare riferimento allo stato dei solai e dei controsoffitti) in assenza di risorse per intervenire in maniera risolutiva è assolutamente indispensabile procedere all esecuzione di indagini approfondite (anche strumentali) per verificare l effettivo grado di vulnerabilità dell elemento segnalato. Tale procedura è da configurarsi come misura alternativa e compensativa ai sensi del D.Lgs. 81/2008 rispetto alla soluzione definitiva che prevede l intervento di manutenzione straordinaria. Tali attività sono già state avviate su parte degli edifici scolastici, con la redazione, per ogni singolo edificio, di un libretto sanitario che tiene conto di un accurata diagnosi dello stato di conservazione dei soffitti e dei controsoffitti attraverso prove soniche, termografie, prove di carico etc. E pertanto necessario stanziare risorse adeguate per effettuare controlli e monitoraggi strumentali negli edifici in modo da individuare le priorità e prevenire crolli e danni a persone e cose. 8. GLI INTERVENTI URGENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA 10

11 Nella tabella allegata sono riportati degli interventi di adeguamento normativo e/o messa in sicurezza urgenti e indifferibili finanziati e previsti a bilancio 2014 o con residui. Complessivamente si tratta di opere il cui finanziamento ammonta a euro, di quasi interamente destinati all edilizia scolastica, finanziati da terzi e vincolati come destinazione specifica agli interventi di messa in sicurezza e adeguamento normativo. Per tali interventi è fondamentale definire se sia possibile procedere agli affidamenti in quanto ulteriori ritardi rispetto ai tempi programmati possono produrre rilevanti danni patrimoniali legati a: Perdita di finanziamenti straordinari e dedicati da parte di terzi (Regione, Stato, CIPE etc.); Mancato adeguamento normativo e conseguente esercizio di attività scolatica in assenza di agibilità (Prevenzione Incendi, agibilità statica e sismica, rimozione amianto etc.); Mancato rispetto di prescrizioni/ordinanze da parte degli organi di vigilanza e autorità giudiziaria. ELENCO PROGETTI E INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA E ADEGUAMENTO NORMATIVO TITOLO INTERVENTO IMPORTO NOTE E CRITICITA' INTERVENTI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE E NORMATIVO DA ESEGUIRSI PRESSO L'ITIS PININFARINA, MONCALIERI, FINANZIATI CON FONDI DEI PATTI TERRITORIALI TORINO-SUD. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE E NORMATIVO DA ESEGUIRSI PRESSO L'ITC SUCCURSALE MAJORANA, MONCALIERI, FINANZIATI CON FONDI DEI PATTI TERRITORIALI TORINO-SUD. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE E NORMATIVO DA ESEGUIRSI PRESSO LA SEDE E AL SUCCURSALE DELL'IIS VITTONE CHIERI, FINANZIATI CON FONDI DEI PATTI TERRITORIALI TORINO-SUD. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE E NORMATIVO DA ESEGUIRSI PRESSO LA SEDE E LA SUCCURSALE DELL'IIS ROCCATI- BALDESSANO, CARMAGNOLA, FINANZIATI CON FONDI DEI PATTI TERRITORIALI TORINO-SUD. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE E NORMATIVO DA ESEGUIRSI PRESSO L'IIS MAXWELL E L'ITC ROTTERDAM, NICHELINO, FINANZIATI CON FONDI DEI PATTI TERRITORIALI TORINO-SUD. I.T.C. SOMMEILLER-L.S. FERRARIS, Torino. Interventi di manutenzione straordinaria vari. I.I.S. A. STEINER, TORINO. Lavori di manutenzione straordinaria 1,098, , , ,620 1,003, , ,000 Si tratta di interventi finanziati al 100% con i fondi dei Patti Territoriali Torino Sud, sono finanziamenti del Ministero dello sviluppo economico destinati (su proposta della Provincia di Torino) ad interventi di adeguamento normativo nelle scuole. Se non verranno rispettate le tempistiche imposte dal CIPE il contributo verrà revocato. Si tratta di interventi finanziati dal CIPE di attuazione dell intesa 7/CU per la messa in sicurezza delle scuole rispetto alle criticità emerse a seguito dei sopralluoghi post Darwin. 11

12 SUCC. BALDESSANO-ROCCATI, CARMAGNOLA. Interventi di risanamento conservativo e miglioramento statico. 900,000 I.I.S DARWIN, L.S. ROMERO. RIVOLI. INTERVENTI DI RIPRISTINO DELLA RECINZIONE 280,000 L.S. DARWIN, RIVOLI. INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA VARI, 1 STRALCIO I.I.S. PRIMO LEVI, TORINO. INTERVENTI VARI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA. BANDO REGIONALE PER INTERVENTI EDILIZI SU EDIFICI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI TORINO. I.I.S. SELLA-AALTO, SUCC. VIA BRACCINI 11 TORINO. INTERVENTI DI DI MESSA IN SICUREZZA INTRADOSSI SOLAI. BANDO REGIONALE PER INTERVENTI EDILIZI SU EDIFICI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI TORINO. I.P.A. STEINER, TORINO. LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PALESTRA. BANDO REGIONALE PER INTERVENTI EDILIZI SU EDIFICI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI TORINO. I.T.C. ENRICO FERMI CIRIE INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA SEGALATI NEI VERBALI INTESA 7/CU. BANDO REGIONALE PER INTERVENTI EDILIZI SU EDIFICI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI TORINO. EDIFICI SCOLASTICI VARI. INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PRESIDI ANTINCENDIO. BANDO REGIONALE PER INTERVENTI EDILIZI SU EDIFICI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI TORINO. EDIFICI SCOLASTICI VARI. INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DI SERRAMENTI E SOSTITUZIONE PARTI VETRATE. BANDO REGIONALE PER INTERVENTI EDILIZI SU EDIFICI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI TORINO. I.I.S. BOSSO. TORINO. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO IMPIANTI ELETTRICI. BANDO REGIONALE PER INTERVENTI EDILIZI SU EDIFICI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI TORINO. I.T.IS.AMALDI, ORBASSANO (TO).LAVORI DI TRASFORMAZIONE IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DA ARIA AD ACQUA E SEZIONAMENTO. BANDO REGIONALE PER INTERVENTI EDILIZI SU EDIFICI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI TORINO. L.S. DARWIN, RIVOLI. INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA SUGLI IMPIANTI. BANDO REGIONALE PER INTERVENTI 600, , , , , , , , , ,000 Si segnala che qualora non si realizzi l intervento si perderà il finanziamento INAIL che prevede tempistiche ristrette per l affidamento dei lavori. Tra l altro la Procura della Repubblica, nell ordinanza di dissequestro ha prescritto la messa in sicurezza delle aule. Si tratta dei progetti del cd "decreto del fare" che devono essere affidati entro i termini ristretti (entro il 2014) pena la revoca del finanziamento 12

13 EDILIZI SU EDIFICI SCOLASTICI DELLA PROVINCIA DI TORINO. COMPL. SCOL.CO BAROCCHIO (I.I.S. E. VITTORINI), GRUGLIASCO. INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO I.T.C. PASCAL, GIAVENO. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E MIGLIORAMENTO SISMICO I.I.S. LUXEMBURG, L.S. COPERNICO, TORINO. LAVORI DI BONIFICA E MESSA IN SICUREZZA SOLAI 200,000 1,788, ,000 TOTALE INTERVENTI EDILIZIA SCOLASTICA 11,658,269 Lavori di adeguamento sismico finanziati interamente dal CIPE e oggetto di specifica prescrizione da parte dello SPRESAL a seguito di parere del consulente della Procura Lavori di adeguamento sismico della scuola finanziati sul patto per la sicurezza (STATO - REGIONE - PROVINCIA) e oggetto di specifica prescrizione da parte dello SPRESAL a seguito di parere del consulente della Procura. Si tratta di un intervento di prosecuzione dei lavori di messa in sicurezza dei solai dell'istituto oggetto di prescrizione da parte di SPRESAL e VV.FF. la mancata realizzazione di questo intervento si configura come inottemperanza alle prescrizioni degli organi di vigilanza QUESTURA DI TORINO. MANUTENZIONE STRAORDINARIA CENTRALE TERMICA 166,000 Intervento urgente da eseguirsi in quanto le centrali termiche della questura risultano ad oggi NON FUNZIONANTI. L intervento prevede circa 120 gg. di lavoro per cui ulteriori ritardi non consentiranno l attivazione del servizio di riscaldamento della Questura dal 15 ottobre Si ribadisce l urgenza ed indifferibilità degli interventi sopra riportati, la cui mancata realizzazione determinerebbe per il nuovo Ente la perdita di finanziamenti straordinari pubblici superiore a 10 milioni di euro che dovrebbero comunque essere stanziati con fondi propri per effettuare gli interventi previsti. 9. ELENCO DELLE PRINCIPALI CRITICITA Alla luce di quanto premesso il corrente anno scolastico è iniziato non solo in una situazione di generale criticità dovuta alla impossibilità di effettuare investimenti ma con ulteriori gravi incertezze che si possono di seguito sintetizzare: Dal 2009 è stata avviata una sistematica campagna di ispezioni negli edifici scolastici con riferimento alla vulnerabilità degli elementi non strutturali (intradosso solai, controsoffitti, facciate, cornicioni, impianti, etc.). Laddove dalle schede redatte emerge un quadro di criticità (con particolare riferimento allo stato dei solai e dei controsoffitti) in assenza di risorse per intervenire in maniera risolutiva è assolutamente indispensabile procedere all esecuzione di indagini approfondite (anche strumentali) per verificare l effettivo grado di vulnerabilità dell elemento segnalato. E pertanto necessario stanziare risorse adeguate per effettuare controlli e monitoraggi strumentali negli edifici più a rischio. Tale procedura è da configurarsi come misura alternativa e compensativa alla soluzione definitiva che prevede l intervento di manutenzione straordinaria. i contratti di manutenzione edile e degli impianti elettrici sono stati integrati per il 2014 ma le pressanti richieste provenienti dalle istituzioni scolastiche (rispetto alle 13

14 quali vengono affrontate solo le emergenze in materia di sicurezza) fanno si che le risorse stanziate saranno esaurite ben prima della fine del corrente anno; devono essere definite quanto prima le risorse a disposizione in modo da poter avviare quanto prima gli affidamenti dei contratti manutentivi; numerosi istituti scolastici denunciano criticità che ne pregiudicano e mettono a rischio l utilizzo, alle quali non è possibile dare risposta stante l attuale carenza di risorse finanziarie o l impossibilità di utilizzarle per i vincoli imposti dal patto di stabilità (si vedano, ad esempio, i casi del Curie di Grugliasco, del Copernico- Luxemburg e del Santorre di Santarosa di Torino, del Darwin-Romero di Rivoli); la situazione attuale non consente di dare risposte adeguate e complete alle istanze degli organismi di controllo (A.S.L. e VV.F. per primi); ciò determina il perdurare di situazioni di mancato rispetto normativo che determina impossibilità o limitazioni nell utilizzo di alcune strutture e ripercussioni, anche di carattere penale, sulla dirigenza competente; L appalto per il riscaldamento e la gestione degli impianti termici negli edifici provinciali è attivo solo fino alla data del stante l impossibilità di prevedere impegni pluriennali non è possibile attivare le future procedure di affidamento; Sono stati bloccati i fondi necessari a garantire la manutenzione edile e impiantistica di edifici strategici (tra i quali la Prefettura e la Questura), situazione insostenibile anche sotto il profilo della sicurezza; Sempre con riferimento all Edificio sede della Questura è necessario provvedere alla sostituzione delle centrali termiche entro l estate, in assenza di tale intervento non sarà possibile riscaldare l intero edificio nell autunno 2014 indipendentemente dal contratto di fornitura del riscaldamento o meno. Malgrado le richieste in sede di proposta di bilancio non sono stati stanziati fondi per arredi scolastici per il 2014 e, di conseguenza, non è stato possibile soddisfare le numerose richieste di arredo pervenute dalle scuole anche se, dalle indicazioni pervenute dall Ufficio Scolastico Regionale, la popolazione scolastica provinciale crescerà è cresciuta di Dove la Provincia non ha potuto fornire vecchi arredi di recupero le scuole hanno smontato parte dei laboratori e utilizzato i banchi e le sedie provenienti dagli stessi, ma è evidente che tale situazione non può perdurare oltre vista l obsolescenza dei beni. 10. PROPOSTE OPERATIVE Seppur in un periodo di oggettiva difficolta economica e finanziaria e di vuoto istituzionale e normativo è impensabile che i servizi pubblici ospitati dagli edifici provinciali (scuole, caserme, uffici pubblici, prefettura) possano essere interrotti e/o ridimensionati. Per garantire tuttavia la sostenibilità di un patrimonio edilizio così articolato e complesso non si può prescindere dall affrontare alcuni temi fondamentali tra i quali risulta di fondamentale importanza l analisi del patrimonio edilizio di cui si dispone con riferimento a: i costi di gestione in modo da individuare quelli a più elevato consumo (energetico, manutentivo); la situazione complessiva e i costi di adeguamento normativo (sicurezza strutturale, prevenzione incendi e adeguamento impianti termici, elettrici etc.); 14

15 la funzionalità e fruibilità degli edifici rispetto alle mutate esigenze scolastiche e alla domanda formativa. L esame dei dati soprarichiamati potrà consentire una valutazione su: quali sono gli edifici scolastici strategici e su cui eventualmente investire anche per consentire la realizzazione di poli scolastici aggregati; quali sono invece gli edifici che per le loro caratteristiche edilizie, impiantistiche e funzionali devono essere dismessi non essendo sostenibile e perseguibile il loro pieno adeguamento normativo. La programmazione degli interventi manutentivi e degli adeguamenti normativi in funzione delle scelte strategiche che dovranno necessariamente essere assunte. L individuazione delle modalità di valorizzazione immobiliare degli edifici di proprietà da dismettere e definire accordi strategici con i comuni per la valorizzazione di quelli concessi in uso ai sensi della Legge 23/96. 15

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 252 approvata il 15 aprile 2015 DETERMINAZIONE: ACQUISTO DI N. 42

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ED ALTRI SERVIZI, TESI AL MANTENIMENTO DEL DECORO E DELLA FUNZIONALITA DEGLI IMMOBILI, PER GLI ISTITUTI SCOLASTICI DI

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI ALLEGATO A Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI Provincia Area Edilizia di Scolastica Na Ufficio Specialistico Tecnico Edilizia Scolastica 1 DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Dati Schede 2 C - Mod. C enti non commerciali COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO ENTI NON COMMERCIALI E ATTIVITÀ SOCIALI Organizzazioni, fondazioni, associazioni

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli