IL GIORNALE CHE DAL 1966 DIFENDE GLI INTERESSI DEGLI INVALIDI CIVILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL GIORNALE CHE DAL 1966 DIFENDE GLI INTERESSI DEGLI INVALIDI CIVILI"

Transcript

1 IL GIORNALE CHE DAL 1966 DIFENDE GLI INTERESSI DEGLI INVALIDI CIVILI ANNO XLVI - N. 2 - LUGLIO Tariffa R.O.C.: Poste Italiane Spa Spedizione in A.P. - D.L. 353/2003 (conv. In L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, LO/MI-ANMIC Tel

2 ANMIC MILANO COMITATO DIRETTIVO PROVINCIALE Cosetta Quatela Maria Cristina ALEMANNO Giuseppe Quacquarelli Vice Presidente Presidente Provinciale Vice Presidente Rosanna Perego Consigliere Giacomo Vascella Consigliere Danilo Zaggia Consigliere Francesco Fusi Consigliere Eglo Formenti Consigliere Claudio Zappador Consigliere Domenico Di Stefano Consigliere ORARI SEDE Sede Provinciale ANMIC di Milano - Via Dogana, 2 da Settembre la sede si traferirà in: VIA BOLTRAFFIO, 7 Tel Fax Ricordiamo a tutti i nostri Soci che la sede è aperta al pubblico nei seguenti giorni: lunedì, martedì, giovedì, venerdì: / mercoledì e sabato: / pomeriggio chiuso SOMMARIO Cambiare per dare di più...3 Come raggiungerci nella nuova sede...4 Il lavoro è un diritto anche...5 delle persone disabili Sede ANMIC Milano...7 Novità...8 Il certificato medico introduttivo Vita associativa Un pò di relax Festa patrono Sesto San Giovanni Carta dei servizi Elenco delegazioni Tesseramento Presso la nostra sede potrete usufruire dei servizi messi a disposizione del patronato TelEFONO Orari PATRONATO: lunedì - martedì - giovedì / mercoledì venerdì Orario caf: da lunedì a venerdì I NOSTRI DIRITTI

3 CAMBIARE PER DARE DI PIÙ Carissimi, a partire dal I settembre prossimo, la sede operativa dell ANMIC si trasferirà dalla storica sede di via Dogana in via Boltraffio 7. All interno del nostro giornale, troverete gli orari e le indicazioni per raggiungere via Boltraffio. Con questo breve articolo, vorrei spiegare le motivazioni che ci hanno indotto a questo cambiamento. La prima ragione è di carattere logistico: via Dogana, pur essendo centralissima (o forse proprio perché centralissima), non può essere raggiunta in macchina e questo costituisce certamente un problema per i nostri Assistiti che non sono in grado di servirsi dei mezzi. La seconda ragione riguarda il fatto che, come ben sapete, l ascensore che consente l accesso ai nostri Uffici è stretto ed angusto, e quindi non permette l ingresso di utenti su sedia a rotelle. Ora, considerando che lo scopo della nostra Associazione è proprio quello di fornire assistenza ai disabili, comprenderete come sia veramente assurdo e contraddittorio avere una sede non accessibile ai disabili e difficile da raggiungere in auto. A ciò si aggiunga che la totale mancanza di servizi igienici accessibili, comporta evidenti ed intuitivi disagi. La terza ragione, consiste nella nostra sempre più ferma volontà di ampliare i servizi da offrire ai nostri utenti. L ampliamento comporta necessariamente l esigenza di spazi maggiori e, come avete avuto occasione di verificare personalmente, nella sede di via Dogana si sta davvero stretti. Di qui la necessità di cambiare, di dare una svolta, di impegnarci per utilizzare l esperienza passata per costruire qualcosa di nuovo e di bello. Moltissimi hanno tentato di scoraggiarci dicendoci che il cambiamento della sede avrebbe comportato una perdita di utenti, affezionati alla vecchia struttura e alla posizione di prestigio in cui si trova. Ma, personalmente, credo e spero che Voi tutti siate legati ALLE PERSONE ed AI SERVIZI che offriamo, piuttosto che alla sede dove è ubicato il nostro ufficio. E IL NOSTRO STAFF CHE FA L ANMIC E il nostro personale che quotidianamente si impegna per aiutarvi a risolvere i problemi sollevandovi, con competenza e professionalità, dall onere di tutti quegli iter burocratici nei quali spesso è assai facile perdersi. Sono i nostri Volontari, che con pazienza e dedizione, mettono a disposizione il loro tempo per ascoltarvi e per indirizzar- Vi sulla strada giusta. Sono i nostri Medici che, con coscienza e correttezza, esaminano i Verbali di accertamento e Vi suggeriscono i passi migliori; che inoltrano le domande all INPS e che con competenza Vi indicano i certificati da portare, le visite da fare, ecc. Sono i nostri Avvocati ed il nostro Notaio che mettono a disposizione la loro professionalità ed il loro tempo per fornire consulenza ed aiuto a chi ne ha bisogno. Perché, e questo è il mio pensiero, sono le persone che fanno l Associazione. A tutto ciò si aggiunga il fatto (e lo dico ECCO LA NOSTRA NUOVA SEDE DI VIA BOLTRAFFIO con orgoglio) che la nuova sede è costruita ed è studiata per offrire la massima accessibilità ed il massimo confort ai nostri utenti e che nella scelta di cambiare è insito il desiderio di staccarsi da una passato non proprio luminoso. Ovviamente la mia riconoscenza e quella del Consiglio va al Comune di Milano, che in questi anni ci ha generosamente messo a disposizione gli uffici di via Dogana ad un canone davvero fuori mercato. Speriamo di avere ricambiato offrendo agli utenti il nostro aiuto, realizzando così le aspettative di chi ci ha ospitato. Ora, per rendere i nostri servizi davvero accessibili a tutti, a malincuore ci accingiamo a lasciare la nostra sede storica, con un velo di tristezza ma carichi di quell energia data dalla consapevolezza che, così facendo, verremo sempre più incontro alle vostre esigenze. Vi aspetto quindi in via Boltraffio certa che troverete, oltre alla gentilezza, all efficienza ed alla professionalità cui siete abituati, anche un ambiente più confortevole di quello precedente. Aiutateci a dimostrare che siete affezionati ALL ASSOCIAZIONE e non alla sede dell associazione. Aiutateci a dimostrare che chi ci scoraggia, chi cerca di mettere un freno ai cambiamenti, chi non si rende conto che i tempi e le esigenze sono e stanno cambiando sbaglia. E sbaglia di grosso. Avv. M. Cristina Alemanno I NOSTRI DIRITTI - 3

4 COME RAGGIUNGERCI NELLA NUOVA SEDE DI VIA BOLTRAFFIO IL GIORNALE CHE DAL 1966 DIFENDE GLI INTERESSI DEGLI INVALIDI CIVILI Editore ANMIC Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili. Anno XLVI Trimestrale n. 2 - Luglio 12 Direttore editoriale Giovanni Pagano Direttore responsabile Nazaro Pagano Coordinamento redazionale Cosetta Quatela Grafica e impaginazione Fabbrica Dei Segni Coop. Soc. Novate Milanese (MI) Stampa Fabbrica Dei Segni Coop. Soc. Novate Milanese (MI) Tel Fax Direzione e redazione Via Dogana, Milano - Tel Fax Garanzia di riservatezza L editore garantisce la massima riservatezza dei dati forniti dai Soci e la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica o la cancellazione scrivendo a: I nostri diritti via Dogana, Milano. I dati relativi ai lettori sono utilizzati esclusivamente ai fii della spedizione postale, in base alla legge 31/12/96 Tariffa R.O.C. Poste Italiane Spa - Spedizione in A.P. - D.L. 353/2003 (conv. In L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1, LO/MI - ANMIC Tel Autorizzazione del Tribunale di Milano N. 405 del 14 novembre 1966 Manoscritti e foto, anche se non pubblicati, non si restituiscono. In caso di riproduzione si prega di citare la fonte Tiratura copie MEZZI DI SUPERFICIE: via Carlo Farini: linea viale Stelvio in corrispondenza a via Carlo Farini : STAZIONI FERROVIARIE: Porta Garibaldi: ferrovie dello stato e passante ferroviario METROPOLITANA: LINEA 3 GIALLA FERMATA ZARA ASCENSONE SU VIALE ZARA N.40 LINEA 3 VERDE PORTA GARIBALDI Montascale adiacente alla stazione Trenitalia 4 - I NOSTRI DIRITTI

5 IL LAVORO E UN DIRITTO ANCHE DELLE PERSONE DISABILI! Carissimi, come saprete l Anmic è componente effettivo del Sottocomitato Provinciale per il Collocamento dei Disabili. La presenza a tale Tavolo di Lavoro mi ha permesso di approfondire le varie e complesse tematiche relative alla difficoltà dell inserimento lavorativo delle persone disabili, nonché di comprendere tutte le innumerevoli problematiche inerenti alla disinformazione degli utenti e alle grandi difficoltà delle varie Agenzie di Lavoro impegnate in detto settore, e che hanno lo scopo di soddisfare l incontro tra domanda ed offerta. Allora eccomi qui a trasferirvi tutte le importanti informazioni e conoscenze acquisite in questi mesi di lavoro e studio in materia. Inutile ribadire che in questo periodo di crisi sono proprio le fasce più deboli a pagare il prezzo più alto: le aziende che assumono nuovo personale sono pochissime e quelle che lo fanno chiedono una deroga per non assumere personale con handicap. Viene in questo modo fatto abuso delle deroghe ed i controlli sono assolutamente inadeguati. La Direzione Provinciale del Lavoro è titolare delle funzioni ispettive, ai fini dell applicazione delle sanzioni amministrative previste dalla L. 68/99. Ecco tali sanzioni: Il datore di lavoro privato che non invia il Prospetto Informativo annuale entro il 31 gennaio di ogni anno, è soggetto ad una sanzione amministrativa di 516,00 maggiorata di 25,00 per ogni ulteriore giorno di ritardo. Il datore di lavoro che, per cause imputabili a sua mancata attivazione, non copre la quota d obbligo di assunzione di disabili prevista, è tenuto a versare una sanzione di 51,00 al giorno per ogni persona disabile non assunta e per ogni giorno lavorativo previsto dal contratto applicato. I corrispettivi delle sanzioni vengono utilizzati per alimentare il Fondo Regionale per l occupazione dei disabili, istituito allo scopo di finanziare progetti ed azioni utili all inserimento mirato dei disabili. Le (poche) Aziende che invece decidono di ottemperare agli obblighi di legge assumendo personale disabile, richiedono profili professionali con qualità e capacità elevate (conoscenza di più lingue, massima produttività, autonomia, ecc.) giungendo fino al punto di richiedere determinate caratteristiche fisiche (la bella presenza ). Ciò, ovviamente, rende assai difficile il reperimento del personale. Sotto questa ottica, appaiono forse più corrette le aziende che chiedono l esonero, cioè che preferiscono pagare magari 8.000,00 all anno piuttosto che assumere un disabile! Come potrete comprendere la panoramica che si è prospettata ai miei occhi è alquanto triste e deludente. Noi, però, non vogliamo e non dobbiamo mollare e lotteremo fino in fondo per difendere il diritto dei disabili al lavoro, perchè la dignità di una persona passa anche dal lavoro. Passando agli aspetti più operativi, è bene sapere che al fine di essere inseriti nelle liste speciali del collocamento mirato i requisiti richiesti sono: - invalidità superiore al 45% - essere in possesso della L. 68/99 (ossia le relazioni conclusive) Il riconoscimento della disabilità avviene da parte della Commissione Medica Asl per l accertamento dell invalidità civile. Se l invalidità non è stata ancora accertata bisogna preparare tutta la documentazione medica e inoltrare domanda di invalidità civile richiedendo altresì il Collocamento mirato. Se abbiamo già una percentuale d invalidità superiore al 45% possiamo inoltrare domanda solo per il Collocamento mirato. In tal caso non è necessaria la trasmissione del certificato medico on line. Essendo una procedura piuttosto lunga per avere il relativo verbale con la relazione conclusiva bisognerà attendere circa 6 mesi. Entrati in possesso di tale documentazione bisognerà recarsi al Centro per l Impiego del luogo di domicilio ed iscriversi negli elenchi del servizio per l occupazione dei disabili. In tale sede verrà richiesto dall operatore la disponibilità al lavoro che ogni anno deve essere rinnovata con la presentazione di autocertifica per l automatico inserimento nella graduatoria. A tutti gli iscritti viene rilasciato un documento che attesta l avvenuta iscrizione. Per giungere a realizzare effettivi inserimenti mirati, gli Uffici della Provincia devono conoscere le caratteristiche professionali di tutti i disoccupati disabili iscritti nella graduatoria unica, così da poter redigere una scheda che aiuti ad individuare le tipologie di lavoro più congeniali a ciascuno. Tale scheda (DPCM 13 gennaio 2000) è il frutto della collaborazione di due Enti (Provincia e A.S.L.) che condividono due tipologie di notizie relative al lavora- I NOSTRI DIRITTI - 5

6 tore: le notizie professionali, di competenza della Provincia e quelle socio-sanitarie, di competenza delle Commissioni mediche delle A.S.L.. Per ottenere questo incrocio di notizie, è stato elaborato un programma informatizzato, detto MATCH, che facilita l incontro fra domanda e offerta di lavoro. COS È ESATTAMENTE IL MACHT? E un servizio di mediazione per le persone con disabilità in cerca di un impiego e per i datori di lavoro sottoposti agli obblighi della legge 68/99 Norme per il diritto al lavoro dei disabili. Il Servizio è gestito dall Agenzia per la Formazione, l Orientamento ed il Lavoro della Provincia di Milano, (c.d. AFOL), che opera in stretta collaborazione con i Centri Per l Impiego ed il Servizio per l Occupazione dei Disabili provinciale. Nel Servizio di incontro domanda offerta Match lavorano esperti della mediazione lavorativa, oltre a figure professionali quali psicologi ed educatori. Le due azioni principali fornite dal Servizio sono: proporre una rosa di candidati alle aziende ed agli enti vincolati all assunzione di lavoratori con disabilità. Questi potranno selezionare le candidature proposte con le modalità loro proprie, al fine di individuare il/i profilo/i ritenuto/i più idoneo/i. indirizzare gli utenti e i datori di lavoro verso eventuali percorsi mediati di inserimento, quali: corsi di formazione professionale, tirocini/stage/borse lavoro realizzati dai servizi di inserimento lavorativo territoriali e/o da cooperative sociali. Le persone che desiderano fruire del servizio effettuano alcuni test e un colloquio individuale. I test sono finalizzati a rilevare le capacità cognitive generali, le abilità e le propensioni lavorative. Il colloquio ha, invece, l obiettivo di cogliere la situazione personale, familiare e di salute dell utente, il suo curriculum scolastico e professionale, infine, le sue competenze ed aspirazioni. Per accedere al Servizio di incontro domanda offerta - Match le persone con disabilità devono essere iscritte alle liste del Servizio Occupazione Disabili della Provincia di Milano, mentre le aziende e gli enti devono avere una convenzione attiva con la Provincia ai sensi dell art. 11 della Legge 68/99. L adesione al servizio è gratuita e non preclude ad aziende ed utenti la possibilità di attivare altre forme e strumenti di ricerca. La Convenzione è un contratto che l azienda può stipulare con la Provincia di Milano per assolvere all obbligo di legge relativo al collocamento di lavoratori con disabilità. Con le convenzioni le aziende usufruiscono di notevoli vantaggi quali appunto: inserire in modo mirato persone diversamente abili con percorsi graduali mirati accedere gratuitamente al servizio Match scegliere i collaboratori nominativamente accedere alle agevolazioni fiscali e ai contributi riservati a chi stipula la convenzione. Quando però si presentano casi di disabilità grave che risultano difficilmente collocabili in azienda ecco presentarsi una grande risorsa del servizio: le Cooperative Sociali di tipo B. Le Cooperative Sociali di tipo B sono imprese che operano con finalità di promozione sociale e di sviluppo nella società, ma sono imprese a tutti gli effetti. Esse offrono servizi, personale specializzato ed attuano inserimenti lavorativi di soggetti svantaggiati in strutture con caratteristiche imprenditoriali, sviluppando professionalità spendibili sul mercato. I soggetti svantaggiati devono costituire almeno il 30% dei lavoratori della cooperativa e possibilmente esserne soci. Il Vice Presidente Cosetta Quatela IL SERVIZIO NIL UNA RISORSA SUL TERRITORIO Da un anno circa è nata una proficua collaborazione tra ANMIC e Nil, Nucleo Integrazione Lavorativa dell Azienda Comuni Insieme per lo Sviluppo Sociale, che comprende i Comuni di Baranzate, Bollate, Cesate, Garbagnate Milanese, Novate, Senago e Solaro e Anmic. Il Nil si occupa di sostenere i disabili nella ricerca del lavoro, attraverso percorsi di orientamento, councelling, ricerca attiva del lavoro e con l ausilio di tirocini lavorativi e borse lavoro che sono gratuite per le aziende. Questi strumenti permettono di accorciare le distanze e quindi facilitare l incontro, tra le aziende e le persone appartenenti alle categorie protette, che in questo momento storico particolarmente difficile per il lavoro, hanno maggiori difficoltà a collocarsi. La necessità di collaborare, nasce dall utilità di unire le varie competenze: il lavoro per il Nil e il percorso per ottenere l invalidità, l aggravamento oppure la pensione, per Anmic. Nel corso di questo anno abbiamo avuto modo di verificare come, lavorando in sinergia, sia possibile migliorare la possibilità di accedere a servizi e esercitare diritti che spettano alle persone, che spesso mancano di informazioni per poterne usufruire Il NIL Comuni Insieme 6 - I NOSTRI DIRITTI

7 SEDE A.N.M.I.C. MILANO Facendo un po uno strappo a una regola non scritta, questa edizione dei NO- STRI DIRITTI è dedicata per la prima volta alla nostra storica sede di via Dogana 2. La scelta di parlare della nostra sede è dettata dall affetto e dall orgoglio che sentiamo, nonostante gli uffici non siano certamente moderni e presentino (purtroppo) barriere architettoniche. Il che, come sapete, ci ha indotto a guardarci intorno, per cercare una sede accessibile. Tuttavia, indipendentemente dalla ubicazione dei nostri uffici, è di particolare importanza che tutti conoscano quanto avviene all interno dell Anmic, come si gestiscono le procedure di ogni giorno e quelle in cantiere. E importante anche conoscere l atteggiamento e persino il volto hanno gli operatori dall altra parte del telefono o del FAX. Sono colleghi diversi, sempre aggiornati sulle leggi inerenti la disabilità e alla ricerca di agevolazioni o di cavilli che possano interessare la persona disabile o invalida. Quali risorse custodisce la sede A.N.MI.C. di Milano? La prima risorsa sono le 6 persone con le quali quasi tutti - senza ricordarsi la - fisionomia - abbiamo ogni giorno a che fare.dando appunto voce ai colleghi della sede di Milano, penso che potrà emergere come essi non lavorino affatto nelle retrovie senza la considerazione e la comprensioni di tutti coloro che si rivolgono a loro quotidianamente. Si possono definire il pulsante delle mille situazioni che si affrontano ogni giorno presso le sedi comunali. Si vivono con immediatezza le esigenze dei disabili che si presentano allo sportello e dei disabili esterni (cioè presso le delegazioni comunali). Si cerca con una collaborazione stretta tra la direzione (presidente e vicepresidenti) per dare pronta ed efficace risposta a queste esigenze. Basta col folklore che vuole la Sede un luogo avulso e lontano, bensì un luogo dove il medico, gli avvocati, il commercialista e lo sportello del patronato LABOR lavorano con tutta la dedizione possibile, assistendo tutti gli utenti ed aiutandoli a risolvere i problemi che difficilmente qualcun altro può risolvere. Non si tratta di una torre d avorio, ma di un polo operativo che ha la missione di erogare servizi. Non ci nascondiamo i problemi che ancora esistono, i traguardi che ancora bisogna raggiungere. Ma non saremmo arrivati fino a qui se anche uno solo di noi avesse visto la Sede di Milano come una struttura indipendente, lontana ed avulsa dalle esigenze delle persone bisognose e dalle delegazioni comunali. E non andremo lontano se fra tutti i colleghi che operano nelle delegazioni e il personale della sede non vi fosse rispetto, comprensione e profonda collaborazione nel rispondere alle esigenze delle persone invalide. SEDE DI MILANO Sono la Sede Provinciale di Milano: il cuore o il cervello che dir si voglia di tutte le delegazioni comunali sparse per la provincia e il punto di riferimento di ogni attività che si svolge in periferia PRINCIPALI ATTIVITÀ SVOLTE Inoltro domande d invalidità consulenze generali Consulenze professionali (Medico legale, avvocati, commercialista ecc. ecc...) Assistenza per le dichiarazione dei redditi Servizi messi a disposizione del patronato LABOR RETE GEOGRAFICA Sede generale di ROMA Sede Regionale di Bergamo Sede Provinciale di Milano 20 Delegazioni Comunali Nuclei Aziendali Spazio regionale Di giorno durante l orario di lavoro, il problema principale é garantire il cosiddetto servizio allo sportello. Per venir incontro alle esigenze dei disabili che lavorano si é deciso di aprire lo sportello di sabato mattina e di chiuderlo il mercoledì pomeriggio. Ciò per agevolare anche i delegati comunali che aprono la sede il sabato. UNA STORIA LUNGA 55 ANNI Cinquantacinque anni passati per far crescere l Associazione. Il Presidente Nazionale dott. PAGANO e il Presidente provinciale avv. MARIA CRISTINA ALEMANNO hanno ben presente le priorità alle quali l A.N.M.I.C. deve far fronte per il bene delle persone più bisognose. Sempre presenti a collaborare e confrontarsi presso il Consiglio dei Ministri ed i ministri del lavoro e del Welfare inoltrando richieste di modifica alle leggi per il bene dei disabili Durante i primi mesi del 2012, dopo un lungo girovagare il Presidente e il vicepresidente, finalmente hanno trovato ciò che poteva essere la nuova sede dell A.N.M.I.C. Era vicina la realizzazione del più importante obiettivo di questo comitato direttivo. 1. Una nuova sede priva di barriere architettoniche, più spaziosa per poter ospitare i vari consulenti e professnisti contemporaneamente (avvocati, medico certificatore, patronato LABOR, commercialista, ufficio di presidenza, funzionario INPS) 2. Il secondo obiettivo, di conseguenza, avere presso la nostra sede uno sportello INPS per la risoluzione delle problematiche legate all INPS (ritardi nel pagare le provvidenze economiche, ecc. ecc.) il consigliere provinciale Fusi Francesco I NOSTRI DIRITTI - 7

8 NOVITA PERMESSI E CONGEDI: COSA CAMBIA SECONDO INPS E DIPARTIMeTO FUNZIONE PUBBLICA INPS e Dipartimento della Funzione pubblica forniscono ulteriori chiarimenti sulla fruizione dei permessi e dei congedi, rispettivamente con Circolare INPS, 6 marzo 2012, n. 32 e Dipartimento Funzione Pubblica, 3 febbraio 2012, n. 1 Cosa cambia Prolungamento del congedo parentale (art. 33, Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151): il diritto al prolungamento del congedo parentale (entro il compimento dell ottavo anno del bambino) spetta alla madre lavoratrice o, in alternativa, al padre lavoratore, per ogni minore disabile in situazione di gravità per un periodo massimo totale non superiore a tre anni. Tale prolungamento spetta anche se il bambino è ricoverato a tempo pieno presso istituti specializzati se i sanitari chiedono la presenza del genitore. Permessi giornalieri: sono concessi anche prima dei tre anni di vita del bambino. Beneficiari dei congedi retribuiti (biennali): Cambia l ordine di priorità tra i beneficiari (coniuge, genitori, figli, fratelli e sorelle). Referente unico: il congedo straordinario e i permessi lavorativi (art. 33, Legge 104/92) non possono essere riconosciuti a più di un lavoratore per l assistenza alla stessa persona disabile. Indennità per il congedo straordinario: va calcolata in base all ultima retribuzione e i periodi di congedo straordinario non sono computati ai fini della maturazione di ferie, tredicesima e trattamento di fine rapporto, ma, essendo coperti da contribuzione figurativa, sono validi ai fini del calcolo dell anzianità assicurativa. Assistenza a più familiari disabili: vengono ristrette le possibilità di cumulare i permessi giornalieri in capo allo stesso lavoratore. Assistenza a parenti non conviventi: il lavoratore che usufruisca di permessi per assistere persona residente in un comune situato a distanza superiore a 150 Km rispetto a quello di residenza del lavoratore, deve attestare, con titolo di viaggio o altra documentazione idonea, il raggiungimento del luogo di residenza dell assistito. Prolungamento del congedo parentale La norma sul congedo parentale (art. 32, D. Lgs. 151/2001) prevede che i genitori, entro i primi otto anni di vita del bambino, possano complessivamente astenersi dal lavoro per 10 mesi. Alla madre viene concesso un massimo di sei mesi di congedo, che decorre dalla fine del congedo di maternità. Al padre ne vengono concessi altrettanti, ma se fruisce di un periodo di congedo di almeno tre mesi, i mesi totali di congedo divengono sette, e la somma totale (con la madre) passa a undici mesi. Qualora ci sia un solo genitore viene concesso un periodo continuativo o frazionato fino a dieci mesi. Il congedo in questo caso è compensato con un indennità pari al 30% dellaretribuzione fino a sei mesi (dei dieci o undici totali). Oltre i sei mesi, l indennità viene corrisposta solo se l interessato non supera determinati livellireddituali personali. Sin qui le disposizioni che riguardano la generalità dei lavoratori, a prescindere dalla condizione che il figlio sia o meno disabile grave. In quest ultimo caso però sono ammesse ulteriori agevolazioni che consistono nel prolungamento del congedo parentale. Sul punto, entrambe le circolari (INPS e DPF) concordano nel riconoscere la possibilità, fruibile alternativamente dai genitori del disabile, di beneficiare del prolungamento del congedo parentale per un periodo massimo, comprensivo dei periodi di normale congedo parentale, di tre anni da godere entro il compimento dell ottavo anno di vita dello stesso. Va rammentato che, in questi casi, per tutto il periodo, l indennità economica è pari al 30% della retribuzione. Il prolungamento del congedo parentale decorre a partire dalla conclusione del periodo di normale congedo parentale teoricamente fruibile dal genitorerichiedente. La normatica chiarisce che tre anni è la somma totale dei congedi (ordinario e prolungamento) che possono essere fruiti dai genitori. 8 - I NOSTRI DIRITTI

9 Ulteriori agevolazioni per i minori Fino ai tre anni di età del bambino: i genitori, anche adottivi, hanno la possibilità di fruire, in alternativa, dei tre giorni di permesso, o delle ore diriposo giornaliere, o del prolungamento del congedo parentale. Fino agli otto anni di età del bambino: i genitori, anche adottivi, possono beneficiare, in alternativa, dei tre giorni di permesso, ovvero del prolungamento del congedo parentale; Dopo gli otto anni di età: i genitori, anche adottivi, possono fruire dei tre giorni di permesso mensile (art. 33, Legge 104/1992). Il congedo STRAORDinario retribuito I congedi straordinari possono essere concessi, secondo una precisa priorità: al coniuge convivente della persona disabile in situazione di gravità; al padre o la madre, anche adottivi o affidatari, della persona disabile grave, in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti del coniuge convivente; ad uno dei figli conviventi della persona disabile grave, nel caso in cui il coniuge convivente ed entrambi i genitori del disabile siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti. Il congedo viene concesso ai figli conviventi solo nel caso in cui tutti gli altri potenziali aventi diritto (coniuge convivente ed entrambi i genitori) siano mancanti o deceduti o affetti da, patologie invalidanti); ad uno dei fratelli o sorelle conviventi nel caso in cui il coniuge conviven- te, entrambi i genitori ed i figli conviventi del disabile siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti. INPS e DPF danno le stesse indicazioni in merito, anche se il DPF ha sottolineato che tale ordine è inderogabile, e non è prevista la rinuncia di un familiare per spostare il beneficio ad un altro familiare. Chiarimenti su mancanza e PATOLOgie invalidanti INPS e Dipartimento confermano che l espressione mancanti, va intesa non solo come situazione di assenza naturale e giuridica (celibato o stato di figlio naturale non riconosciuto), ma deve ricomprendere anche ogni altra condizione ad essa giuridicamente assimilabile, continuativa e debitamente certificata dall autorità giudiziaria o da altra pubblica autorità, quale: divorzio, separazione legale o abbandono, risultanti da documentazione dell autorità giudiziaria o di altra pubblica autorità. INPS aggiunge che in tali ipotesi la mancanza va dichiarata in modo circostanziato e sarà poi oggetto di verifiche. Le dichiarazioni false sono perseguibili penalmente. Come già precisato in precedenti circolaririspetto alle patologie invalidanti si conferma che quelle da prendere a riferimento sono quelle indicate dall articolo 2, comma 1, lettera d), numeri 1, 2 e 3 del Decreto Interministeriale n. 278 del 21 luglio 2000 che, lo ricordiamo, sono: le patologie acute o croniche che determinano permanente riduzione o perdita dell autonomia personale, ivi incluse le affezioni croniche di natura congenita, reumatica, neoplastica, infettiva, dismetabolica, posttraumatica, neurologica, neuromuscolare, psichiatrica, derivanti da dipendenze, a carattere evolutivo o soggette a riacutizzazioni periodiche; le patologie acute o croniche che richiedono assistenza continuativa o frequenti monitoraggi clinici, ematochimici e strumentali; le patologie acute o croniche che richiedono la partecipazione attiva del amiliare nel trattamento sanitario. La documentazione sanitari va inviata, in busta chiusa, all Unità Operativa Complessa/Unità Operativa Semplice (UOC/UOS) territorialmente competente dell INPS. La documentazione ammessa può essere rilasciata da un medico specialistael servizio sanitario nazionale o con esso convenzionato o del medico di medicina generale (quello di famiglia) o della struttura sanitaria nel caso di ricovero o intervento chirurgico. L unità operativa dell INPS ne effettua la elativa valutazione medico legale. ULTERIORI APPROFONDIMENTI LI POTRETE TROVARE SUL NOSTRO SITO I NOSTRI DIRITTI - 9

10 Il Certificato medico introduttivo (SS3) ora viene inviato on line dal medico curante Il certificato medico SS3 viene richiesto per l inoltro delle domande di pensione, assegno di invalidità ordinaria e inabilità. Dal 1 luglio 2012, il certificato medico deve essere compilato ed inviato all Inps dal medico certificatore con la modalità telematica, utilizzando il sito e l abilitazione tramite PIN. I medici già riconosciuti dall Istituto, perché accreditati per l invio dei certificati medici introduttivi alle domande di invalidità civile, e convenzionati con il S.S.N., non hanno bisogno di richiedere di nuovo l abilitazione all Istituto. Il medico certificatore dovrà consegnare all interessato la stampa del modello unitamente alla ricevuta di trasmissione recante il numero del certificato. Entro 90 gg dall emissione del certificato medico il cittadino potrà procedere, con le modalità telematiche già in uso, alla presentazione della domanda di invalidità previdenziale; in tale domanda dovrà essere riportato il numero del certificato medico telematico indicato sulla ricevuta di trasmissione consegnata dal medico certificatore ma cos è esattamente l assegno ordinario d invalidità e cosa si intende per inabilità lavorativa? L assegno ORDINaRIO DI INVALIDITÀ chiamato anche I.O. è una prestazione economica, erogata a domanda. L invalidità ordinaria viene riconosciuta dal medico legale dell INPS ai dipendenti e autonomi quando le problematiche di salute (fisica o mentale) determinano una riduzione pari ad un 1/3 della capacità lavorativa. Per poter presentare la domanda è necessario avere almeno 260 contributi settimanali (cinque anni di contribuzione e assicurazione) di cui 156 (tre anni di contribuzione e assicurazione) nel quinquennio precedente la data di presentazione della domanda. Ossia avere tre anni di contribuzione negli ultimi cinque. L invalidità ordinaria non è vincolata dal riconoscimento dell invalidità civile. Cioè può essere riconosciuto l assegno d invalidità ordinaria anche se la persona non è stata riconosciuta invalida civile. L importo dell assegno, qualora venga riconosciuto, è proporzionale ai contributi versati. Detto assegno è compatibile con l attività lavorativa, ha validità triennale e costituisce reddito. Può essere confermato su domanda presentata dall interessato entro la data di scadenza. Generalmente dopo tre riconoscimenti consecutivi (cioè 9 anni), l assegno di invalidità è confermato automaticamente. Giunti all età pensionabile detto assegno viene trasformato d ufficio in pensione di vecchiaia nel rispetto delle finestre di accesso. L inabilità lavorativa è una prestazione economica, erogata a domanda. Viene concessa solo qualora l assistito presenti una assoluta e permanente impossibilità a svolgere qualsiasi tipo di attività lavorativa Per poter presentare la domanda è necessario avere almeno 260 contributi settimanali (cinque anni di contribuzione e assicurazione) di cui 156 (tre anni di contribuzione e assicurazione) nel quinquennio precedente la data di presentazione della domanda. La persona riconosciuta inabile non ha più possibilità di lavorare, per questo bisogna prestare molta attenzione a richiedere tale riconoscimento soprattutto se la persona in questione si trova in piena età lavorativa I NOSTRI DIRITTI

11 vita associativa SOGGIORNI ESTIVI Esperienza riguardante l accessibilità alla spiaggia e il servizio gratuito di aiuto al bagno per gli invalidi. Un bagno senza barriere, gratuito e gestito dai Comuni. Nella nostra società ci sono numerose persone che vengono limitate nelle loro capacità di movimento specialmente durante il periodo estivo e il tempo libero. Un invito a tutti gli organi competenti a dare disposizioni e prendere provvedimenti affinché anche in Italia un invalido possa usufruire di queste agevolazioni e dell aiuto della comunità. Obiettivi specifici: Facilitare l acceso alla spiaggia. Migliorare la propria autostima. Progetto di respiro per i familiari e per chi cura gli invalidi. Contribuire alla normalizzazione di questo collettivo con attività durante il periodo delle vacanze e del tempo libero. Coinvolgere la società civile tramite il volontariato. Realizzare il sogno di molte persone. Coinvolgere Regioni, Provincie, Comuni di tutto il litorale italiano (attraverso anche i presidenti regionali, provinciali A.N.M.I.C.). Coinvolgere la CROCE ROSSA ITALIANA. ESPERIENZA DI UN INVALIDO ALL ESTERO. Questa è la testimonianza di un invalido della provincia di Milano che vi racconta le esperienze fatte in Spagna, dove si reca da anni sia per esigenze familiari che per usufruire dei servizi agli invalidi gestiti da tutti i Comuni della Regione Valenciana. Ha avuto modo quindi di conoscere di persona il lavoro che si svolge sulla piattaforma appositamente predisposta per gli invalidi: quasi tutti i comuni della costa valenciana dal 13 giugno al 13 settembre gestiscono una media di 30 persone al giorno dalle ore 9,00 alle 14,00 e dalle ore 16,00 alle 18,00. Con sedie anfibie e stampelle speciali viene facilitato il lavoro di persone su sedie a rotelle che sono accompagnate a fare il bagno in piena sicurezza per il tempo che decidono di restare in acqua. Si tratta, per l appunto, di una installazione totalmente finalizzata all uso di persone con mobilità ridotta, consistente in un pavimento in legno (passerella) che dalla strada o dal lungo mare porta alla battigia e di docce e bagni completamente adattati.il servizio sulle spiagge della comunità è garantito da due addetti (di norma giovani studenti universitari appositamente addestrati) che, indipendentemente da qualsiasi problema temporaneo o permanente dell invalido che desidera fare un bagno in mare in un posto perfettamente accessibile e con tutti i mezzi e materiali necessari, soddisfano l esigenza dell interessato. Sono ormai 10 anni che trascorre con tutta tranquillità le sue vacanze estive su questa costa, con tutte le comodità necessarie per usufruire di un bagno e di tutta l assistenza gratuita. Tutte le spiagge della costa sono pubbliche ed hanno una zona riservata agli invalidi che con strutture adeguate soddisfano pienamente le loro esigenze e quelle dei loro familiari. Esperienze circa l accessibilità alla spiaggia e i servizi di aiuto al bagno per gli invalidi. Ci sono docce adattate e il minusvalido al termine del bagno viene sottoposto a doccia alla presenza del familiare e si possano usufruire pienamente di tutte le strutture per tutta la permanenza del soggiorno al mare. per inziare Vi diamo ALCUNi luoghi dove È possibille trascorrere un soggiorno estivo adeguato a tutte le esigenze: VILLA MARINA - BELLARIA: Villa Marina vuole essere un laboratorio di confronto e di correlazione fra i tradizionali parametri del turismo, inteso come tempo del riposo e del divertimento, ed il diritto alle vacanze di persone con comportamento, aspetto ed espressività, percettiva o comunicativa, diversa. Visitate il sito A CAVALLO - IMBERSAGO O BOBBIO visitate il sito: I NOSTRI DIRITTI - 11

12 BORGHETTO SANTO SPIRITO (UNITALSI) mettersi in contatto via con : indicando dati personali, tipo di handicap. digitare: soggiorno per disabili borghetto santo spirito e cliccare su servizio del TG3 un ampio giardino pieno di piante, una grande casa con camere e doccie spaziose, saloni per il pranzo, la televisione, il salotto, insomma un luogo di vacanza completamente ristrutturato reso agibile ai disabili, con spiaggia attrezzata. Ecco che cos è oggi Borghetto Santo Spirito. ED ORA un pò di relax... CRUCIVERBA EDIZIONE GIUGNO 2012 SIAMO SPECIALIZZATI NELLA PRODUZIONE DI: Orizzontali 1. Categoria protetta Articolo determinativo Denominazione di origine controllata Evita, moglie di presidente argentino Un sanitario in bagno Forma geometrica Vendite con battitore Rosso in inglese che ti passa Nome di donna Complesso di voci Fine di rotaia Vette L attore Alvaro Strumento a corde Dolce in un film di Fellini Metà dell Adda Sul Crocefisso Iniziali di Manfredi Auto Inglese Rmini Centro alpino Ricordano, gli eccidi per motivi etnici Democrazia cristiana Stato asiatico Opera lirica Ordine inevaso Parte dell indirizzo Non voi Parte della mano Cane inglese Sbandati Mammifero carnivoro che vive in branchi Risposta negativa Il signor dei tali Come 1 orizzontale - Verticali 1. Categoria protetta - 2. Uno dei cinque sensi - 3. Ruminante dalle grandi corna - 4. Industria dolciaria - 5. Un obbligo - 6. Istituto commerciale - 7. Falso - 8. Vi transita in sangue - 9. Umorismo - Satira Lodi Come 1 verticale Un continente Abitante di Roma Nota musicale Segue micro nel computer Croce Rossa Italiana Episodio Città pugliese è famoso quello di colonnata Terra troppo secca Persone piccole di statura Imitatori a gesti Città marchigiana bari Olio in inglese Ciascuno Piccoli terreni coltivati Denuncia inizio attività Le prime della Dlmazia Articolo indeterminativo Provincia lombarda Odio a metà LABORATORIO ORTOPEDICO SU MISURA Milano via Padova, 51 - tel Dal 1985 il nostro laboratorio realizza presidi ortopedici su misura in collaborazione con le principali strutture ospedaliere ortopediche milanesi. L esperienza dei nostri tecnici ci permette di creare prodotti di alta qualità nella accuratezza della tradizione artigianale. calzature su misura ortopediche plantari su calco gessato e protesi per arto tutori per arto inferiore realizzati in leghe leggere busti per scoliosi e busti in stoffa SIAMO CONVENZIONATI CON A.S.L. e I.N.A.I.L solo per i soci A.N.M.I.C. sconto 20% dal listino 12 - I NOSTRI DIRITTI

13 FESTA DEL PATRONO DI SESTO SAN GIOVANNI Anche quest anno in occasione della Festa di San Giovanni, sabato 23 Giugno, l Ospedale di Sesto San Giovanni, ha organizzato la 2 edizione dell OPEN DAY presso l Aula Magna dello stesso con un dibattito sul tema sollievo agli ammalati. Erano presenti il Direttore Generale Dr. Alessandro Visconti e lo Staff Direzionale, la Senatrice Sig.ra Fiorenza Bassoli, la Vice Presidente della Regione Lombardia Sig.ra Sara Valmaggi, il Vice Sindaco Claudio Zucchi ed il nostro Direttore di Presidio Dr. Valentino Lembo. L ANMIC di Sesto S.Giovanni era rappresentata dalla delegata Sig.ra Carmen Panceri mentre l AVO era rappresentata dai volontari del nosocomio cittadino. Il giorno seguente, 24 giugno, Festa di S. Giovanni, è stato favorito da un clima caldissimo ma ricco ed intenso di attività, grazie all organizzazione della Sestoproloco che per l occasione ha scelto come tema Conosci la tua città. Al mattino S. Messa nella chiesa di S. Giovanni Battista, alla presenza del nuovo Sindaco Sig.ra Monica Chittò. Tra le innovazioni c era il concorso fotografico degli angoli più caratteristici della città, caccia ai luoghi, il club dei Sardi di Cinisello Balsamo, danza del ventre, musica liscia oltre agli stand di artigianato, bancarelle, animazione, giostre, danza, ed il famoso Premio Torretta ove è stato premiato anche il nostro Direttore del nosocomio di Sesto S. Giovanni Dr. Valentino Lembo. Nel pomeriggio, anche quest anno alla manifestazione, la sottoscritta era presente per sponsorizzare l ANMIC in L.go Lamarmora, ex Municipio, insieme ad altre Associazioni di Volontariato Cittadine. Il continuo passaggio di persone ha assistito alle manifestazioni ed ai divertimenti, da venerdì 22 a domenica 24 giugno. La delegata ANMIC di Sesto S.G. Sig.ra Carmen Panceri l'impegno dell'a.n.m.i.c. cresce sempre di più A.N.M.I.C. SEMPRE PIÙ VICINA AGLI INVALIDI Come ormai risaputo l Associazione A.N.M.I.C. è presente sul territorio Nazionale da oltre 55 anni per aiutare le persone invalide a districarsi nei meandri della burocrazia e delle leggi al fine di vedersi riconosciuto il diritto all invalidità e alle provvidenze economiche ad essa collegate. È in tale ottica che le Sedi A.N.M.I.C., nelle persone dei vari presidenti presso le loro Sedi, si sono fatte promotrici di un servizio, che esiste da molti anni ed che ora é stato implementato e migliorato offrendo: uno sportello di consulenza giuridica gestito da un legale esperto in materia di invalidità che garantisce agli associati una consulenza legale gratuita, previo appuntamento, presso la sede dell A.N.M.I.C., per problematiche legali inerenti il campo dell invalidità e disabilità. Questo perché molti invalidi, dopo l accertamento della visita per il riconoscimento dell invalidità, non sono soddisfatti o ritengono inadeguata la valutazione espressa dalla commissione. Grazie a questo servizio di consulenza legale, l A.N.M.I.C. intensifica la propria vicinanza e impegno nei confronti di tutti i cittadini invalidi: gli associati potranno infatti ottenere informazioni sull eventuale strada da percorrere per vedere riconosciuti i propri diritti. Come procedere? Come effettuare un ricorso? Come risolvere altre questioni di carattere giuridicolegale? Non mi soffermo a spiegare l importanza di questo servizio, ma deve essere considerato un valore aggiunto per le amministrazioni comunali e per tutti i cittadini di qualsiasi paese. La nostra associazione è a disposizione per tutti i chiarimenti e per fissare gli appuntamenti. il consigliere provinciale Francesco Fusi I NOSTRI DIRITTI - 13

14 CARTA DEI SERVIZI A.N.M.I.C. Associazione Nazionale Mutilati Invalidi Civili - Comitato Provinciale di Milano CHI SIAMO A.N.M.I.C. è l Ente Morale con Personalità Giuridica di Diritto Privato a cui il D.P.R. del 23/12/1978 ha conferito i compiti associativi ed in particolare quelli di rappresentanza e tutela degli interessi morali ed economici dei mutilati ed invalidi civili, presso le pubbliche amministrazioni e presso gli enti che hanno per scopo l educazione, il lavoro e l assistenza ai cittadini disabili. A.N.M.I.C. da anni al centro dei servizi informativi e di tutela per il mondo della disabilità, ha arricchito di nuovi contenuti e proposte la sua dotazione di servizi, avviando un nuovo servizio di consulenza personalizzata idoneo ad accompagnare, sostenere e seguire il cittadino con disabilità, in particolare sui temi dell invalidità civile. A.N.M.I.C. ha aumentato, in modo significativo, le prestazioni d informazione, rispetto ai mutamenti legislativi, organizzativi e gestionali degli attori pubblici, rafforzando ulteriormente la capacità di risposta alle richieste dei cittadini e degli operatori, che possono accedere oggi, grazie ad ANMIC ad una pluralità d iniziative e opportunità. A.N.M.I.C., oltre al tradizionale e sempre centrale servizio di sportello informativo, di accompagnamento e di consulenza, ha dato un forte impulso alla produzione e diffusione di notizie e informazioni e al rafforzamento dei contatti con le realtà territoriali, portando così a compimento una prima importante fase di lavoro dedicata alla realizzazione di un Sistemainformativo per la disabilità. A.N.M.I.C, in particolare negli ultimi anni, ha creato un modello di sostegno all invalidità predisponendo un proprio piano di sviluppo delle prestazioni di consulenza al cittadino disabile che consistono in interventi di ascolto, orientamento e accompagnamento ai servizi e tutela degli interessi morali ed economici del cittadino disabile. A.N.M.I.C. ha predisposto un servizio dalle caratteristiche di flessibilità organizzativa e di maggiore efficacia, riducendo i tempi di attesa ai propr i sportelli e offrendo l opportunità ai cittadini disabili e alle loro famiglie di ottenere risposte esaustive. A.N.M.I.C. è: - membro della Commissione Regionale delle Politiche del Lavoro (art. 7 della L.R. n.1/1999) - membro del Sottocomitato dei disabili nell ambito della Commissione Provinciale per le Politiche del Lavoro, di cui all art.6 del D.L. 469/97; - componente del G.L.I.P. (Gruppo di Lavoro Interistituzionale Provinciale per l Integrazione Scolastica degli alunni handicappati - C.S.A. di Milano); - componente delle Commissioni sanitarie provinciali (art 7 L. 118/1971); - componente della Consulta Regionale degli Standard Formativi, di cui alla D.D.G. del 19 dicembre n.22660; - componente del Comitato per l amministrazione del Fondo Regionale per l occupazione Disabili di cui all art. 8 della L.R. 4 agosto n. 13; - Associazione di Promozione Sociale, di cui alla Legge 7 dicembre n. 383 iscritta al Registro Nazionale delle Associazioni con il numero 85; - Associazione di Solidarietà Familiare di cui alla L.R. 23/99 iscritta nel registro regionale Regione Lombardia; - Iscritta nel Registro Anagrafico delle Associazioni del Comune di Milano - settore di intervento socioassistenziale - e della maggior parte dei Comuni della Provincia, - È presente in numerosi Tavolo Disabili dei Comuni della Provincia. 1. OBIETTIVO DEL SERVIZIO L obiettivo primario del Servizio svolto da A.N.M.I.C. sull handicap, disabilità e invalidità e rivolto ai cittadini disabili, alle loro famiglie e alle associazioni ed enti di riferimento, è quello di migliorare l intervento nelle politiche sociali, offrendo risposte tempestive, affidabili e personalizzate alle richieste delle persone con disabilità e dei loro familiari. 2. ATTIVITÀ DEL SERVIZIO A.N.M.I.C. svolge le funzioni di informazione e tutela richiamate dalla normativa statale e regionale in materia di legislazione sociale, socioassistenziale, assistenziale e previdenziale; inoltre fornisce indicazioni, modulistica e consulenza sui servizi offerti alla persona disabile e/o al nucleo familiare a cui appartiene, organizzati e gestiti sia dal pubblico sia dal privato, anche sociale (terzo settore: cooperative sociali, organizzazioni di volontariato, di promozione sociale, ecc.). L attività di A.N.M.I.C. si configura come servizio di interesse pubblico complementare ai servizi istituzionali, potenziando il sistema degli enti erogatori di servizi a valenza sociosanitario e socio assistenziali. A.N.M.I.C. è la principale interfaccia tra il sistema di servizi promossi e i diversi interlocutori, sia all interno dell Amministrazione Provinciale di Milano che sul territorio della provincia e con i servizi pubblici e privati che operano nel settore dell informazione per le persone con disabilità A.N.M.I.C, attraverso i I NOSTRI DI- RITTI fornisce strumenti di conoscenza e interpretazione della normativa e dei servizi alle persone con disabilità, ai loro famigliari e a tutte le organizzazioni che si occupano di disabilità diffonde informazioni e aggiornamenti normativi e amministrativi, a tutte le realtà interessate, compresi gli operatori della comunicazione, sulle notizie ed eventi realizzati dal mondo della disabilità, fornisce strumenti di orientamento nella mappa di opportunità e servizi presenti sul territorio, diffonde notizie e aggiornamenti su provvedimenti di Enti pubblici per il mondo della disabilità. A.N.M.I.C. organizza periodicamente momenti di informazione-formazionedibattito su argomenti importanti quali la Finanziaria, la Dichiarazione dei Redditi, l inserimento lavorativo (ovvero Permessi Lavorativi), ecc... a) Il Servizio di Front office A.N.M.I.C. offre ai cittadini una serie di servizi che coprono in modo completo ed esaustivo tutti gli aspetti della disabilità: Riconoscimento dell invalidità civile e dell handicap 1) Richiesta accertamento invalidità civile per minori, ai fini della concessione dell indennità mensile di frequenza, ai sensi della L. 289/90. 2) Consulenza per l integrazione scolastica degli alunni portatori di handicap. 3) Richiesta esenzione tasse scolastiche e universitarie per studenti invalidi o figli di invalidi in stato di bisogno, ai sensi della L. 118/71. 4) Richiesta accertamento dell invalidità civile. 5) Richiesta di aggravamento dell invalidità civile ai fini pensionistici e lavorativi. 6) Richiesta di accertamento situazione di gravità ai sensi della L. 104/92. 7) Richiesta di concessione dell indennità di accompagnamento ai sensi della L. 18/1980. Diritto all assistenza economica 8) Diritto all assegno mensile con invalidità di almeno 74% ai sensi della L. 388/00. 9) Diritto alla maggiorazione del Servizio pensionabile di almeno il 75% in forma di contribuzione figurativa, ai sensi dell art. 80 L. 448/2001 con effetto dal 1 gennaio ) Diritto alla pensione di invalidità (100%), istituita con art. 12 L. 118-/71. 11) Diritto all indennità di accompagnamento L. 18/80. 12) Richiesta di ripristino delle provvidenze economiche. 13) Richiesta di sussidio mensile a favore degli infermi di mente e dei minorati psichici. 14) Assistenza legale e medico legale per: conseguimento di tutte le prestazioni di invalidità civile (anche in favore degli eredi in caso di decesso); conseguimento di prestazioni pensionistiche I.N.P.S., I.N.P.D. A.P. ed I.N.A.I.L.; conseguimento indennizzo per invalidità derivanti da vaccinazioni obbligatorie e/o per danni da trasfusione ai sensi della L. 210/92; ricorsi per interdizione, inabilitazione, curatela, tutela e amministratore di sostegno. Diritto alle agevolazioni fiscali 15) Assistenza fiscale. 16) Assistenza per dichiarazione annuale dei redditi. 17) Assistenza per compilazione della modulistica richiesta dall I.N.P.S. agli invalidi civili. 18) Detrazioni ai fini IRPEF delle spese mediche. 19) Richiesta protesi e ausili tecnici. 20) Agevolazioni fiscali per acquisto di sussidi tecnici ed informatici. 21) Informazioni riguardanti agevolazioni fiscali per l acquisto e la modifica del veicolo per invalidi o familiari. 22) Richiesta esenzione ticket. 23) Richiesta agevolazioni nel pagamento del canone mensile di abbonamento al servizio telefonico di categoria B in favore delle persone che presentino particolari condizioni di disagio economico e sociale. Diritto alla libera circolazione 24) Richiesta esenzione tasse automobilistiche per veicoli, modificati e non, per la guida ed il trasporto. 25) Richiesta di contrassegno speciale e area per la circolazione e il parcheggio. 26) Convenzione ACI tra l Automobile Club d Italia e ANMIC. 27) Convenzione per acquisto autovetture per gli invalidi iscritti all associazione. 28) Trasporti: richiesta tessera gratuita sui mezzi pubblici. 29) Trasporti: richiesta agevolazioni tariffarie sui trasporti pubblici. Barriere architettoniche 30) Consulenza e assistenza tecnica L. 13/89. Diritto al collocamento obbligatorio al lavoro 31) Tutela relativa all avviamento al lavoro, ai sensi della L. 68/99. Diritto ai permessi parentali 32) Congedi straordinari per l assistenza al figlio handicappato L. 104/92, art. 33 Sportello Disabili REGIONE LOMBAR- DIA Via F.Filzi,22 Milano 33) Servizio informativo sull handicap, disabilità e invalidità rivolto ai cittadini disabili, alle loro famiglie e alle associazioni ed enti di riferimento - Assegnato ad A.N.M.I.C., capofila di ATS, dalla Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale della Regione Lombardia con D.G.R. n. 298 del 18/01/2007. b) Il Servizio di Consulenza personalizzata A.N.M.I.C. offre un servizio di consulenza personalizzata che ha un ruolo di intermediazione intelligente fra il cittadino disabile e le amministrazioni pubbliche (Regione, Province e Comuni) e gli enti territoriali (ASL, INPS, Ufficio delle Entrate, ecc.) nell ottica di semplificare il rapporto tra i soggetti erogatori e l utente beneficiario con una maggiore garanzia di trasparenza e snellezza nella gestione delle pratiche e nel monitoraggio del procedimento amministrativo, con un accompagnamento ai servizi e con la tutela sia durante le fasi di accertamento dell invalidità, sia durante le fasi di erogazione delle indennità e delle pensioni, nonché di tutte le problematiche riferite alla disabilità. L attività svolta coniuga l esigenza di comunicazione ed interazione degli Enti erogatori di servizi e prestazioni con quelle di accessibilità e conoscenza del cittadino disabile rispetto ad opportunità, diritti, doveri, ecc... All utente è offerta la possibilità di accesso a tutta la documentazione necessaria per accedere ai benefici e anche attraverso il servizio di , ha la possibilità di ricevere la documentazione e le istruzioni per poter beneficiare delle opportunità di interesse specifico (es. facilitazioni finanziarie, sociali, assistenziali od altro). ANMIC cura la presentazione delle pratiche presso gli uffici della Pubblica Amministrazione (INPS, Enti Locali, ASL, CSA-ex Provveditorati agli Studi) e ne segue l iter burocratico per garantire il rispetto delle norme. La consulenza e l assistenza nello svolgimento delle pratiche amministrative e legali viene effettuata tramite la sede provinciale e le delegazioni comunali. ANMIC accompagna il cittadino disabile e i suoi familiari durante l attività di accertamento svolta dalle ASL e per le prestazioni sociali e sociosanitarie offerte dagli Enti Locali, con un proprio servizio di counseling per districarsi tra le complesse procedure che si riferiscono all ampio ventaglio delle prestazioni che possono essere erogate alle persone con lo status di invalido civile; sussidi economici, indennità, pensioni, bonus sociosanitario, permessi lavorativi per l assistenza, collocamento al lavoro, ecc. c) Il servizio di Back office A.N.M.IC. dedica una sempre maggiore specializzazione all attività di back office, realizzata nella sede associativa, e la stessa rappresenta l elemento fondamentale per il buon funzionamento, in quanto condizione per poter offrire alla cittadinanza un servizio di front office universale e di facile accesso. L attività di back office assorbe molte delle risorse degli operatori ANMIC in quanto fornisce agli operatori del front office tutti gli strumenti per evadere quasi sempre in tempo reale le richieste ricevute. Gli operatori del back office sono chiamati a monitorare costantemente il panorama dei servizi e dei provvedimenti normativi inerenti la disabilità, e di fronte a qualsiasi mutamento o novità hanno il compito di documentarsi e approfondire la materia, in modo da fornire gli opportuni aggiornamenti e strumenti interpretativi ai colleghi del front office. Per ANMIC l attività di back-office rappresenta la cabina di regia e riguarda il complesso di attività che riguardano il monitoraggio continuo, il trattamento e il mantenimento dell informazione. In particolare l attività è indirizzata: nella ricerca di informazioni (acquisizione di nuove fonti informative, consultazione delle fonti on line, ecc); nell apertura e istituzionalizzazione di un rapporto costante con tali fonti; nella raccolta, lavorazione, classificazione e archiviazione dell informazione raccolta; nella sistemazione dell informazione dedicata e della modulistica per la fruizione dei servizi; nell aggiornamento dell informazione raccolta; nella gestione del materiale informatico e realizzazione di quello cartaceo. SPAZIO REGIONE LOMBARDIA - Sportello Disabili Via Melchiorre Gioia di fronte al civico 39, Milano, tel Dal lunedì al giovedì orario continuato Venerdì dalle ore alle ore UBICAZIONE DEGLI UFFICI Sede Provinciale, via Dogana 2, Milano, tel , fax I NOSTRI DIRITTI

15 BOLLATE Quatela Cosetta cell ELENCO DELEGAZIONI BUSTO GAROLFO Bellitto, Cardani, Pisoni Via D. Savio 11 c/o Oasi Verde, tel sabato dalle ore alle ore Alla sede possono rivolgersi gli invalidi dei Comuni di Arconate, Buscate, Casorezzo, Inveruno, Dairago, Canegrate, San Giorgio su Legnano, Castano Primo La sede resterà chiusa al pubblico i mesi di luglio e agosto CARUGATE Alati Giancarlo e Preziati Paolo Pietro Via S. Caterina da Siena c/o Atrion, martedì dalle ore alle ore e giovedì dalle ore 9.00 alle ore 11.00, La sede resterà chiusa al pubblico le due settimane centrali di agosto CERNUSCO SUL NAVIGLIO Di Stefano Domenico Via Don Sturzo 11/f, mercoledì dalle ore alle ore 18.00, tel , La sede resterà chiusa al pubblico dal 8 agosto al 12 settembre COLOGNO MONZESE Manzo Alberto Via Neruda 9, si riceve previo appuntamento telefonico al n , PARABIAGO Quacquarelli Giuseppe e Travaini Davide Via Volta Ravello, lunedì dalle ore alle ore Si riceve su appuntamento, telefonare al n oppure , Alla sezione si possono rivolgere gli invalidi di Nerviano, San Vittore Olona, Cerro Maggiore PESCHIERA BORROMEO Di Tullio Francesco Piazza Paolo VI 4, il mercoledì dalle ore alle ore Alla sezione possono rivolgersi gli invalidi di Colturano, Paullo, Rodano, Settala, Pantigliate e Mediglia PIOLTELLO Di Stefano Domenico Via Bozzotti 24, giovedì dalle ore 9.30 alle ore e dalle ore alle ore 18.00, tel , tel. e fax , La sede resterà chiusa al pubblico dal 8 agosto al 12 settembre SESTO S. GIOVANNI Panceri Carmen Via Magenta 115, martedì dalle ore alle ore La delegata al giovedì nel medesimo orario riceve anche in via Don Minzoni 7, tel. e fax CORBETTA Zucchetti Mario Via Verdi 26, si riceve previo appuntamento telefonico al n , GESSATE Perego Egidio Via Badia 44 (Villa Daccò) sabato dalle ore alle ore MAGENTA Zucchetti Mario Si riceve previo appuntamento, telefonare al n , MELZO Pescatore Aldo Via De Amicis 7, venerdì dalle ore alle ore 19.00, PADERNO DUGNANO Pignoli Giuseppe Viale della Repubblica 13 c/o Palazzo della Sanità, lunedì e venerdì dalle ore 9.00 alle ore 11.00, tel , La sede resterà chiusa al pubblico dal 1 luglio al 12 agosto compreso SOLARO Fusi rag. Francesco Via Mazzini 60 c/o Comune, martedì e giovedì dalle ore alle ore 12.00, tel , Alla sezione possono rivolgersi anche gli invalidi di Cogliate e Misinto. La sede resterà chiusa al pubblico dal 7 luglio al 21 luglio e il mese di agosto VILLACORTESE Quacquarelli Giuseppe e Travaini Davide Ricevono previo appuntamento al martedì dalle ore alle ore La sede è presso il comune, Piazza del Carroccio. Telefonare ai numeri oppure , NUCLEI AZIENDALI ATM Palmieri Paolo, cell , in attesa di sede I NOSTRI DIRITTI - 15

16 aiutaci ad aiutarti! SERVIZI LA QUOTA ANNUA DI ISCRIZIONE O RINNOVO DELLA TESSERA E DI Euro 36,15. riffe on conducente euro. euro. euro. euro. * Per l iscrizione o il rinnovo rivolgiti presso la sede provinciale di Milano Via Dogana, 2 o presso la Delegazione del proprio Comune. Altre Servizi forme TAXI di iscrizione: su misura : - SUL vi accompagnamo CONTO CORRENTE di POSTALE persona N. a intestato visite mediche ad: ANMIC specialistiche, Via Dogana, Milano - SUL terapie, CONTO riabilitazioni, CORRENTE POSTALE centri N intestato termali, aeroporti ad: ANMIC e Via stazioni, Maia, ROMA turismo. Causale: Espletiamo Campagna in anticipo di pratiche tesseramento CON ADDEBITO AUTOMATICO SU CONTO CORRENTE, mediche, prenotazioni e accettazioni previa sottoscrizione modello R.I.D. presso la sede provinciale speciali. di Milano Via Dogana, 2 o presso la Vi Delegazione aspettiamo del sul proprio posto Comune. fino al termine della commissione. TESSERAMENTO 2012 Servizi TAXI su misura : vi accompagnamo di persona a visite mediche specialistiche, terapie, riabilitazioni, centri termali, aeroporti e stazioni, turismo. Espletiamo in anticipo pratiche mediche, prenotazioni e accettazioni speciali. Vi aspettiamo sul posto fino al termine della commissione. Consegnamo al vostro posto, documenti e pratiche presso gli Uffici Pubblici, vi accompagnamo nel percorso delle pratiche di Invalidità Civile e di Protesi, sollevandovi da impegni e preoccupazioni. Tariffe fino al -20% rispetto alle solite tariffe TAXI, esempi: - spostamenti in Milano da 15 euro - Milano, aeroporto di Linate da 25 euro - Milano, aeroporto di Malpensa 70 euro - Milano, aeroporto di Orio al Serio 70 euro pratiche presso gli Uffici Pubblici, vi di Invalidità Civile e di Protesi, sollevandovi CONTESERVIZI mazioni senza INFORMAZIONI impegno, contattare: Antonio Ivan autonoleggio con conducente (IVA esclusa) Servizi TAXI su misura : vi accompagnamo di persona a visite mediche specialistiche, terapie, riabilitazioni, centri termali, aeroporti e stazioni, A.N.M.I.C. augura a tutti buone ferie ci ritroveremo insieme a Settembre nella nuova turismo. sede! Espletiamo in anticipo pratiche mediche, prenotazioni e accettazioni speciali. Vi aspettiamo sul posto fino al termine della commissione.

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Digitalizzazione a cura di. Quintadicopertina www.quintadicopertina.com

Digitalizzazione a cura di. Quintadicopertina www.quintadicopertina.com AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla Sede Nazionale Via Operai, 40 16149 Genova Numero Verde 800 80 30 28 www.aism.it - aism@aism.it Edizioni AISM ISBN: 9788871480756 Si ringrazia: Digitalizzazione

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili

Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili 1 a cura di Maria Patrizia Sparti, Inca Cgil - Area tutela del danno alla persona Capitolo

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA

BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA SOGGIORNI A TEMA IN ITALIA SOGGIORNI STUDIO ALL ESTERO STAGIONE 2015 in favore dei figli o orfani ed equiparati - dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI EDIZIONE MARZO 015 ABBONARSI AI MEZZI ATM 1 ATM, per rispondere alle diverse esigenze di mobilità, offre ai giovani e agli studenti una serie di agevolazioni sull acquisto

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Soggiorni e Itinerari Ben-Essere

BANDO DI CONCORSO. Soggiorni e Itinerari Ben-Essere BANDO DI CONCORSO Soggiorni e Itinerari Ben-Essere 2015 Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali per i pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici, i loro coniugi e figli conviventi

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli